Pedagogia carceraria e ospedaliera: nuove prospettive per la prestazione professionale del pedagogo

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (6 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

CRUZ, Célia Maria Pacheco [1]

CRUZ, Célia Maria Pacheco. Pedagogia carceraria e ospedaliera: nuove prospettive per la prestazione professionale del pedagogo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 08, Vol. 07, pp. 71-86. nell’agosto 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/pedagogo

RIEPILOGO

Questo studio intende studiare la pedagogia carceraria e ospedaliera come nuovo punto focale della pratica professionale del pedagogo. Attraverso una rassegna bibliografica su questi due nuovi campi di pratica della Pedagogia, l’articolo fa anche una riflessione sulla formazione iniziale del pedagogo, indagando la rilevanza della sua pratica nel funzionamento di diverse istituzioni. A seguito di una crescente domanda sociale, sottosegnaliamo la necessità di un’analisi della pratica pedagogica carceraria e ospedaliera in modo integrato e multidisciplinare per la costruzione di una società più giusta. Le competenze necessarie saranno legate al pedagogo che intende lavorare in queste organizzazioni per scoprire se la formazione iniziale di base contribuisce all’acquisizione delle competenze necessarie per agire in questo nuovo universo istituzionale.

Parole chiave: Pedagogia carceraria, pedagogia ospedaliera, pedagogo.

INTRODUZIONE

Questa produzione scientifica presenta come proposta tematica una piccola analisi della concezione della pedagogia ospedaliera e del carcere come nuovi focus dell’attività professionale del pedagogo. Come si può vedere che nello scenario attuale le richieste richiedono un nuovo punto di vista educativo.

La pedagogia mira a processi educativi, metodi, modi di insegnare. È un campo della conoscenza che cerca soluzioni alla pratica educativa nella sua integralità e allo stesso tempo autenticità, mostrando un criterio per l’azione educativa.

Il Pedagogo è un professionista che ha il suo background accademico nella scienza dell’educazione con nuovi campi di attività in contemporaneità e con opportunità di lavorare in luoghi non scolastici in diversi ambienti legati all’istruzione, comprendendo così interessi formativi come l’ospedale e il carcere.

Si percepisce che nel tempo le possibilità delle prestazioni del pedagogo sono in crescita e che i campi ospedaliero e carcerario lo hanno accolto, ma che allo stesso tempo che queste istituzioni lo assorbono, percepisce un divario nella sua educazione riguardo alla conoscenza dell’universo specifico.

La Pedagogia Ospedaliera è la parte della pedagogia che propone le prestazioni del docente/educatore nell’ambiente ospedaliero, in cui si prende cura di bambini e adolescenti con specifiche esigenze educative momentanee, cioè bambini che, a causa di malattie, hanno bisogno di un supporto dissimile e comprensivo.

In conformità con la legge, l’educazione carceraria è un modello di educazione degli adulti che intende educare, formare e qualificare le persone temporaneamente incarcerate in modo che, dopo aver incontrato il momento dell’astensione dalla libertà, possano entrare nel mondo sociale e lavorativo con l’infanzia.

Il tema proposto è giustificato perché il Pedagogo ospedaliero e carcerario è una nuova professione, a causa della richiesta della sua presenza in un numero gradualmente maggiore nella società educativa. L’assistenza educativa nella maggior parte degli ospedali e delle carceri non è ancora una realtà, rendendo necessario che il pedagogo lavori in queste nuove prospettive che sono state poco studiate.

Pertanto, la ricerca sviluppata indaga il nuovo focus delle prestazioni professionali del pedagogo, le competenze e le competenze sviluppate in base alle esigenze del mercato e la necessità di una formazione complementare, cioè post-laurea nell’area specifica.

Questo lavoro ha come applicazione della metodologia la ricerca bibliografica utilizzando libri, articoli e riviste scientifiche. Evidenziando come obiettivo generale dello studio, conoscere le nuove azioni del Pedagogo, concettualizzare la Pedagogia Penitenziaria e Ospedaliera, implicazioni e una breve storia sulla Pedagogia.

UNA BREVE STORIA SULLA PEDAGOGIA

L’essenza di un corso di pedagogia non può essere l’insegnamento. L’essenza di un corso di pedagogia è lo studio del fenomeno educativo, nella sua difficoltà, nella sua portata. Poi, è possibile dire: “Tutto il lavoro di insegnamento è lavoro pedagogico, ma non tutto il lavoro pedagogico è lavoro di insegnamento” (LIBÂNEO, 2006).

La parola Pedagogia derivata nell’antica Grecia, è nata dalla congiunzione delle parole paidós (bambini) e agogé (direzione d’orchestra), e con questo, la costituzione della parola pedagogia, che ha ricevuto la persona che ha diretto i bambini e che progressivamente il suo concetto stava prendendo altri aspetti e ora pedagogia come la scienza che si occupa della teoria e della pratica dell’educazione, l’area della conoscenza che cerca di studiare il modo migliore per effettuare l’apprendimento del processo di insegnamento

La storia del corso di Pedagogia è stata attraversata da lotte, conflitti, opinioni, decreti, leggi, cambiamenti, progressi e battute d’arresto, alcune crisi e come conseguenza di questi eventi sono arrivate trasformazioni ponderate nel suo curriculum.

attrazioni:

Il primo regolamento del corso di Pedagogia in Brasile, nel 1939, prevede la formazione del Bachelor in Pedagogy, noto come “tecnico in educazione”. La successiva legislazione in conformità con la Legge nº 4024/61 LDB, mantiene il corso di maturità per la formazione Pedagogo (Parere CFE 251/62) e disciplina lauree (Parere 292/62) Parere 252/69 – l’ultimo regolamento esistente – abolisce la distinzione tra laurea e laurea, ma mantiene la formazione degli specialisti nelle varie qualifiche, nello stesso spirito. di parere CFE 251/62. Sulla base dell’idea di “formare lo specialista nell’insegnante”, la normativa vigente stabilisce che il laureato del corso di Pedagogia riceva il titolo di laureato (LIBÂNEO, 1999, p.38)

Nel 1968, a causa della legge di riforma universitaria n. 5.540 (28 novembre) permise alla laurea in Pedagogia di offrire qualifiche: Supervisione, Orientamento, Amministrazione e Ispezione Educativa tra le altre specialità che contribuirono allo sviluppo nazionale o in base alla domanda del mercato.

L’anno successivo, 1969, il Parere n. 252, che si occupava dell’organizzazione e del funzionamento del Corso di Pedagogia, definì come obiettivo del corso la preparazione dei professionisti dell’educazione e assicurò l’ottenimento del titolo di specialista, ma attraverso uno studio complementare.

Per comprendere le dinamiche che si sono verificate in relazione ai cambiamenti nel Corso di Pedagogia, vale la pena ricordare che tra gli anni 1960 e 1964, il Brasile ha vissuto l’era tecnica, dove l’obiettivo era quello di formare professionisti per soddisfare le esigenze del tempo e l’istruzione è diventata uno strumento di accelerazione dello sviluppo del paese.

Nella seconda metà degli anni ’70, la necessità di ripensare e riformulare il Corso di Pedagogia e le lauree triennali riemerge, essendo guidata da organismi ufficiali ed entità indipendenti di educatori. E a partire dagli anni ’80, alcune università che mirano a soddisfare le nuove richieste del mercato, apportano cambiamenti curricolari, come sottolineato da Libâneo (1999):

A metà degli anni ’80, alcune Facoltà di Istruzione, a causa dell’influenza della ricerca, dibattiti e indicazioni del movimento nazionale per l’istruzione degli educatori, hanno sospeso o soppresso le qualifiche convenzionali (amministrazione scolastica, orientamento scolastico, supervisione scolastica, ecc.), per investire un programma incentrato sulla formazione degli insegnanti per i primi voti della scuola elementare e del corso di insegnamento (LIBÂNEO, 1999, p.38)

Secondo l’autore, questo atteggiamento delle Facoltà si basava sul parere CFE 252/69- Linee guida nazionali del curricolo per il corso di Pedagogia, che prevede la formazione di un nuovo modello di insegnante che, oltre ad essere qualificato per l’insegnamento, può anche dirigere una scuola, coordinare e supervisionare il lavoro pedagogico.

Si comprende che oltre alle attività didattiche, il pedagogo è autorizzato a lavorare in spazi scolastici e non scolastici, che sono necessarie intese pedagogiche e discussioni delle principali correnti di pensiero nel campo dell’insegnamento, dell’istruzione e della cultura.

PEDAGOGIA NEGLI SPAZI NON SCOLASTICI

L’educazione è un processo di interazione sociale tra i più importanti per lo sviluppo sociale e avviene in tutte le corporazioni, con vari mezzi di cooperazione e in spazi diversi, è praticata in modo tale che l’individuo rafforzi le proprie capacità, adattandosi alla società, così l’apprendimento diventa specializzato e considerato una procedura non istituzionalizzata.

Alcuni cambiamenti sono stati noti e hanno cambiato il corso dei corsi di pedagogia universitaria. Le Linee Guida Curriculari dell’Educazione Nazionale n. 9394/96 indicano l’identità del Corso di Pedagogia Universitaria, basandosi sull’insegnamento e, di conseguenza, il titolo determina l’identità del pedagogo nel campo dell’educazione e del lavoro.

L’atto educativo deve essere intenzionale, è necessario che ci sia un intervento per gli obiettivi proposti per lo sviluppo della formazione, cioè metodico, implica preferenze, valori e impegni etici, oltre ad essere una pratica sociale, perché non avviene in isolamento, richiede interazione con l’altro e con l’ambiente, richiede scambi di esperienze, apprendimento e questo atto educativo può e si verifica anche al di fuori della scuola come sottolinea l’antropologo Carlos Brandão (1981).

Per l’autore, l’educazione è più presente nella nostra vita quotidiana di quanto si percepisca e l’istruzione non è presente solo nei limiti delle mura scolastiche e inoltre non avviene esclusivamente all’interno delle aule. Come si comprende, il lavoro del professionista della Pedagogia ha come fine una funzione di mediazione della costruzione della conoscenza con altre materie nel processo di formazione e questo professionista ha occupato nuovi posti, al di fuori del limite scolastico, e ha guadagnato sempre più importanza in spazi come ospedali, ONG, carceri e aziende.

In questa prospettiva si riafferma che il pedagogo, oltre ad essere responsabile dell’istruzione di base, è anche autorizzato a svolgere funzioni nell’istruzione non scolastica e in questo ambiente non scolastico ci sono ospedali, carceri.Un

D’altra parte, Tardif (2003) sottolinea che è importante notare che la conoscenza del pedagogo, è una conoscenza plurale, la sua pratica integra molte conoscenze con cui mantengono relazioni diverse. E supportato dalla definizione di istruzione citata l’istruzione e il suo accadere educativo può essere formale, non formale e informale:

    • L’istruzione formale si svolge negli istituti ed è disciplinata dalla legislazione, ha la partecipazione dell’insegnante, è regolarizzata e ha obiettivi chiari relativi all’insegnamento e all’apprendimento.
    • L’educazione informale si svolge in gruppi sociali, in famiglia, in chiesa, nel club, tra amici, comporta l’interazione e il trasferimento di valori e culture ricevuti storicamente. Da queste comunicazioni nascono conoscenze, pratiche e non sono collegate a un’istituzione, è un processo sistematico.
    • L’istruzione non formale è quella che si svolge al di fuori della scuola, ma che ha un certo grado di sistematizzazione, può essere il risultato dell’iniziativa di organizzazioni non governative che si preoccupano dell’alfabetizzazione, della professionalizzazione o delle aziende che offrono, ai propri dipendenti, corsi di miglioramento delle competenze o apprendimento opportunistico di nuove competenze, chiese che riuniscono fedeli per l’educazione religiosa , può essere un’iniziativa di partiti politici e sindacati, anche scuole che aprono le loro porte nei fine settimana per attività con la comunità.

Quando si dice che l’educatore cerca di innovare la sua pratica attraverso la prassi, questa ricerca è supportata da uno studio sistemico, specifico, rigoroso, in modo che il risultato di questo abbia abbastanza coerenza e fondamentalizzazione per diventare efficace. Questo movimento è proprio l’esercizio della Pedagogia, la comunione della teoria e della pratica dell’educazione, la scienza giustificata dalla pratica dell’educazione, a partire dai fenomeni educativi e affrontandoli di nuovo.

PEDAGOGIA CARCERARIA

L’educazione legalmente carceraria è una categoria di educazione degli adulti che intende istruire, caratterizzare e creare cittadini provvisoriamente imprigionati in una prigione, in modo che possano delocalizzare con rispetto e distinzione nel corpo sociale e nel lavoro, con la dignità di essere visti di nuovo allo stesso modo davanti alla società. Questa ricerca cerca la chiarezza dalla combinazione della società e dell’istruzione, dell’istruzione e del raggruppamento penitenziario nazionale, stabilendo la particolarità dell’istruzione in carcere nel contesto dell’educazione sociale-pedagogia.

Il sistema carcerario ha ottenuto nuove linee guida attraverso la legge sull’esecuzione penale (legge n. 7.210/84), che ha cercato di garantire legalmente i diritti ai detenuti e un’istruzione che può essere svolta dallo Stato nonché da istituti di istruzione articolati, cercando continuamente di rispondere alle tasse locali di ogni carcere. Così come l’installazione di biblioteche nelle carceri deve essere un obbligo di utilizzare tutte le classi di detenuti, dotate di libri ricreativi e didattici.

La pedagogia sociale viene effettuata con pratiche conosciute in Brasile a beneficio dell’istruzione non formale, dei movimenti sociali, delle organizzazioni non governative (ONG) e delle prigioni, considerate oggetti della pedagogia sociale. La socializzazione dell’individuo è praticata da genitori, familiari e insegnanti, legata al lavoro sociale pedagogico, volto a soddisfare le esigenze di gruppi di individui e svolto da gruppi multidisciplinari di cui fa parte l’educatore sociale.

L’importanza delle forme di educazione appare nel discorso di Libâneo (1999), quando viene indicato come un fenomeno sfaccettato si verifica in modalità diverse, distinte l’una dall’altra dal carattere intenzionale / involontario dell’istruzione: istruzione formale, istruzione non formale e istruzione informale. La pedagogia funziona per l’esecuzione di ideali e obiettivi ben definiti, mirando allo scopo di modifica comportamentale delle persone

Pertanto, è chiaro che educazione e pedagogia saranno associate, la pedagogia coesiste con fatti, strutture e contesti e situazioni legate alla pratica educativa nelle sue varie modalità e manifestazioni. E il Pedagogo è il mediatore di questa azione educativa, come evidenziato dalle Linee Guida Curriculari del Corso di Pedagogia relative al lavoro pedagogico:

Il Pedagogo è il professionista che opera in varie aree della pratica educativa direttamente o indirettamente legate ad organizzazioni e processi di trasmissione e assimilazione di conoscenze e modalità di azione, cambiamenti comportamentali, mirando alla formazione umana considerando la sua storia e il suo contesto, come si può vedere nella risoluzione CNE/CP n. 1, del 15 maggio 2006, Articolo 2.

Secondo Coyle (2002), le persone circostanziali nelle carceri conservano tutti i loro diritti detenuti, ad eccezione di quelli come risultato specifico dell’astensione dalla libertà, espandendo il loro sostegno oltre il fatto che sono imprigionati.

Il funzionamento educativo non può essere visto come un privilegio spogliato concesso dall’amministrazione penitenziaria, di configurazione speciale e volontaria. Dovrebbe essere considerato un membro di base in tutta la sua convinzione e pronta a dare ai prigionieri la possibilità di una maggiore applicazione dello spazio di tempo che sopportano in prigione. (COYLE, 2002).

Così, l’educazione scolastica nelle carceri, prevista dalla legge sull’esecuzione penale come diritto (BRASIL, 1984), quando analizzata, è mostrata come uno spazio di possibilità per trasformazioni reintegrative sociali e individuali.

Questa configurazione è mostrata da Nassif (2006), che, nel verificare le usanze di obbedienza dei condannati portati a termine a scuola all’interno del carcere, ha capito che indirizzano azioni e comportamenti dissimili rispetto ad altri spazi carcerari.

Secondo la legge sull’esecuzione penale:

Assistenza educativa:

Art. 17. L’assistenza educativa comprenderà l’istruzione scolastica e la formazione professionale del detenuto e del detenuto.

Art. 18. L’insegnamento del 1° grado sarà obbligatorio, integrandosi nel sistema scolastico dell’Unità Federativa.

Art. 19. L’istruzione professionale sarà insegnata a livello di iniziazione o di miglioramento tecnico.

Comma unico. La donna condannata avrà una formazione professionale adeguata alle sue condizioni.

Art. 20. Le attività didattiche possono essere oggetto di un accordo con enti pubblici o privati, che alleno scuole o offrono corsi specializzati.

Art. 21. Nel rispetto delle condizioni locali, ogni istituzione di una biblioteca sarà fornita, ad uso di tutte le categorie di detenuti, dotata di libri didattici, ricreativi e didattici.

L’istruzione è considerata uno dei mezzi per promuovere l’integrazione sociale e l’acquisizione di conoscenze che consentono agli imprigionati di garantire un futuro migliore nel salvataggio della libertà. Questa situazione può essere condivisa dai puniti che capiscono che l’incarcerazione ha uno scopo che va oltre la punizione, la rimozione e la disaggregazione e che, pertanto, accetta e approva volontariamente l’aspetto riformatore dell’incarcerazione, in particolare le attività di formazione professionale e le informazioni sulle opportunità di lavoro. Indipendentemente dal motivo per cui l’istruzione per le persone arrestate è ancora in fase di sviluppo, ma una questione fondamentale è già compresa quando l’istruzione viene presentata in carcere, che è il totale distacco tra “gli obiettivi dell’istruzione e gli obiettivi della pena e del carcere, e questo è il compito che si vuole assumere dalla Pedagogia Sociale” (Souza Neto; Silva; Moura, 2009, p. 299).

La socio-educazione dovrebbe avere come giustificazione le ragioni della libertà e gli ideali di sostegno e, come fine, la piena educazione dello studente, la sua elaborazione per il funzionamento della cittadinanza e la sua attitudine al lavoro, con il sostegno nella lettera e nello spirito dell’art. Il secondo di LDBEN. “… l’educazione è un diritto di tutti e il dovere della famiglia e dello Stato, si baserà sui principi di libertà e sugli ideali di solidarietà umana…”

In altre parole, il diritto all’istruzione è il diritto all’apprendimento indispensabile per lo sviluppo di tutte le dimensioni della personalità umana, dalla sua dimensione fisica alla sua dimensione estetica, nell’interesse individuale e sociale, quindi l’azione educativa carceraria non dovrebbe essere giudicata come privilegio noto dall’amministrazione penitenziaria in modo extra e volontario. Va sottolineato come membro fondamentale in ogni concetto.

PEDAGOGIA OSPEDALIERA

I termini “Pedagogia” e “Ospedale” sono espressioni che derivano da un’origine dissimile nel dizionario. Secondo l’Houaiss Dictionary (2001, p. 335), la pedagogia, d’altra parte, è definita come “teoria e scienza dell’insegnamento” poiché l’ospedale si occupa di “istituzione per il ricovero e la cura dei malati e dei feriti” (2001, p 235) L’associazione dei termini è dovuta all’imposizione di dare continuità e opportunità ai bambini e agli adolescenti ricoverati, accompagnandoli attivi nella loro marcia di insegnamento e apprendimento e con lo scopo di aggiungere educatori, famiglia e personale medico, permettendo l’integrazione infernale attraverso attività ludiche, ricreative ed educative che danno stabilità alla tua vita scolastica

All’ampio degli ultimi tempi molte indagini scientifiche nei settori della Salute, delle Scienze Umane e Sociali che hanno trasformato il centro di supporto per assistere le esigenze dei bambini ricoverati.Pertanto, la pedagogia ospedaliera è configurata come una possibilità per le prestazioni del pedagogo nel contesto brasiliano a causa dell’inevitabilità di una migliore prestazione e formazione professionale nella complessa promozione dell’umanizzazione.

Nel 1935, la classe ospedaliera sorse, nella comunità di Suresnes situata in Francia, fondò la prima scuola dell’ospedale per bambini e adolescenti che furono ricoverati in ospedale e, come risultato di questa iniziativa, visitò i paesi della Germania e degli Stati Uniti. (GUEDES e PEVIANI, 2017).

A causa della necessità di addestramento dei professionisti a lavorare negli ospedali, nel 1939 ebbe origine anche in Francia, la posizione di insegnante ospedaliero attraverso il Ministero dell’Istruzione, insieme al Centro nazionale per gli studi e la formazione per l’infanzia non adattata (CNEFEI), che aveva l’intenzione di preparare educatori con studi rivolti a insegnanti, assistenti sociali e medici , oltre a svolgere la pratica dei tirocini, qualificandoli nella loro azione pedagogica. (OHARA; BORBA e CARNEIRO, 2008).

Il contributo del pedagogo nel processo di trattamento dei bambini ricoverati è di fondamentale importanza, poiché collabora per l’avanzamento del suo quadro clinico, poiché il bambino apprende i contenuti necessari per la continuità dei suoi studi, oltre a conoscere la sua malattia e come sarà il trattamento, ciò che genera il suo recupero e come procedere a ciò che in precedenza non aveva fatto.

Borges (2012) afferma che attraverso l’esperienza pedagogica, l’umanizzazione è migliorata in questo periodo di ospedalizzazione del bambino, e cruciale è farla sviluppare il suo ragionamento mentale, motorio e cognitivo nell’intenzione che il tempo passi più velocemente e se ne vada per avere di nuovo contatto con il mondo esterno.

Poiché uno degli scopi principali della pedagogia ospedaliera è quello di salvare l’ambiente scolastico, l’ospedale diventa la classe ospedaliera, perché l’idea di interazione deve essere costantemente presente, perché il primo contatto all’interno di una classe scolastica è il dialogo insegnante-studente.

Secondo la crescita delle classi ospedaliere in Brasile a partire dagli anni ’90, iniziano la ricerca per chiarire le avversità affrontate dai professionisti dell’istruzione in un ambiente insolito e scarsamente ricercato. Pertanto, studi e analisi sviluppati da professionisti della salute e dell’istruzione erano di inevitabile importanza per chiarire le direzioni da seguire all’interno di un nuovo obiettivo dell’azione educativa.

PEDAGOGIA CARCERARIA E OSPEDALIERA E SUE IMPLICAZIONI UMANIZZATE

Oggi, il pedagogo deve capire la sua capacità professionale, per capire cosa gli chiede il mercato del lavoro. E per agire in ambienti che vanno oltre le unità scolastiche, è essenziale che soddisfino le loro competenze e abilità con la domanda di questi spazi.

Il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, nella sua risoluzione 1990/20 del 24 maggio 1990, ha raccomandato, tra l’altro, che tutti i detenuti abbiano accesso all’istruzione, compresa l’alfabetizzazione, l’istruzione di base, la formazione professionale, le attività ricreative, religiose e culturali, l’educazione fisica e lo sport, l’educazione sociale, l’istruzione superiore rispetto ai servizi bibliotecali (ONU e UNESCO, 1994, pag. 1)

Così, Offe (1990) sottolinea l’importanza dell’istruzione e le sue ipotesi nel processo di socializzazione dell’individuo, sottolineando che non è così semplice determinare lo scopo dell’istruzione, perché è un numero molto elevato di vettori che dovrebbero essere presi in considerazione quando si avvicinano a loro.

In questo senso, si percepisce che le competenze e le competenze devono essere contestualizzate con l’area di attività del professionista e in conformità con le Linee Guida Curriculari per il Corso di Pedagogia, nonché le implicazioni sociali, emotive ed emotive comunemente vitali incontrate in situazioni di vulnerabilità sociale.

L’istruzione è presente nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite, nella Convenzione americana sui diritti economici, sociali e culturali dell’Organizzazione degli Stati americani, nella Convenzione contro la discriminazione nel settore dell’istruzione, nella Dichiarazione dei diritti del bambino, riconosciuta dalle Nazioni Unite e nella Convenzione sui diritti del bambino.

E Paulo Freire difende l’educazione come atto dialogico, evidenziando la necessità di una ragione dialogica comunicativa in cui l’atto di conoscere e pensare sarebbe direttamente correlato. La conoscenza sarebbe un atto storico, gnosiologico, logico e anche dialogico. Questa è la base della sua proposta di educazione alla libertà.Per lui, non c’è modo di sensibilizzare senza la dialettica insita in ogni processo che implica il dialogo tra le persone

Si percepisce che l’educazione del pedagogo fornisce un professionista per lavorare in vari settori, in modo che possa godere delle varie aree che lo accolgono, deve avere competenze che lo qualificano a svolgere questo nuovo ruolo che la pedagogia sta assumendo.

Queste domande richiedono attenzione per lo spazio esterno all’istruzione in cui si verificano interferenze socio-educative in Brasile. Questi sono stabiliti parallelamente alle discussioni accademiche e all’istituzione di politiche pubbliche al fine di migliorare la qualità dell’offerta educativa, il che riduce le prospettive di superamento della visione dell’assistenza predominante.

CONSIDERAZIONI FINALI

Dopo analisi sull’istruzione in ambienti extrascolastici, è emerso che l’intenzionalità è strumenti, associati ad aspetti sociali politici e giuridici, mostrano una risorsa pedagogica ricca di possibilità, legittimazioni e importanti adattamenti nella formazione degli individui.

Quando si pensa all’istruzione, sembra antagonistico immaginarla nell’ambiente carcerario e negli ospedali. Le difficoltà incontrate per implementare un’istruzione di qualità in questi ambienti, con la capacità di aiutare e trasformare l’individuo. Da questa nuova visione, abbiamo cercato un professionista che incontrava le esigenze educative e sviluppava progetti volti al miglioramento, alle prestazioni, allo sviluppo, al reinserimento, al reinserimento e alla promozione della cittadinanza.

Gli obiettivi di questo lavoro sono stati assimilati in modo soddisfacente attraverso l’analisi dei dati bibliografici, le riflessioni e la percezione della verità educativa del sistema carcerario e ospedaliero, portando in deferenza la Pedagogia Sociale, gli occhi degli educatori in relazione alle procedure educative, nonché l’importanza e il prestigio che l’educazione ha rappresentato.

Secondo quanto sopra, lo studio ha identificato che il pedagogo ha una funzione estremamente importante nel processo di trattamento dei bambini ricoverati e dell’individuo incarcerato, poiché assiste lo sviluppo del suo personale attraverso l’istruzione dei contenuti necessari per la continuità dei loro studi, considerando i limiti e la collaborazione per la loro integrazione nell’ambiente e, oltre che , offrire agli individui un’educazione differenziata attraverso una cura speciale e un’attenzione più cauta a causa del periodo delicato, che attraversano.

Come afferma Moacir Gadotti, l’istruzione è necessaria per il successo della libertà di ciascuno e per il suo esercizio della cittadinanza, per il lavoro e per la sua autonomia.

RIFERIMENTI

BORGES, Gilberto Luiz de A. Ciências nos anos iniciais do Ensino Fundamental: fundamentos,história e realidade em sala de aula.Faculdade Estadual Paulista Júlio de Mesquita Filho, São Paulo, 2012 Disponível em:http://acervo digital.unesp.br/bitstream/12345678/47357/1/i1_d23_v10_t01.pdf.acesso em 22 jan.2020.

BRANDÃO, Carlos Rodrigues. O que é educação. São Paulo, Editora BORGES, L. F. F. Um currículo para a formação de professores. In: VEIGA, I. P. A. Brasiliense, 1981.

BRASIL. Constituição (1988). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF: Senado Federal: Centro Gráfico, 1988.Disponível em https://www2.senado.leg.br/bdsf/bitstream/handle/id/518231/CF88_Livro_EC91_2016.pdf. Acesso em 05/02/2020.

BRASIL. Decreto nº 7.626, de 24 de Novembro de 2011. Institui o Plano Estratégico de Educação no âmbito do Sistema Prisional. Brasília, 24 de novembro de 2011.Disponível em http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2011-2014/2011/decreto/D7626.htm#:~:text=Institui%20o%20Plano%20Estrat%C3%A9gico%20de,vista%20o%20disposto%20nos%. Acesso em 05/02/2020.

BRASIL. Lei nº7. 210, de 11 de julho de 1984. Institui a Lei de Execução Penal. Diário Oficial da União. Brasília, 13 de Julho de 1984.Disponível em: https://www2.camara.leg.br/legin/fed/lei/1980-1987/lei-7210-11-julho-1984-356938-norma-pl.html. Acesso em 15/02/2020.

BRASIL. Lei nº 9.394, de 20 de dezembro de 1996. Estabelece a Lei de Diretrizes e Bases da Educação Nacional. Brasília, 1996. .Disponível em https://www2.camara.leg.br/legin/fed/lei/1996/lei-9394-20-dezembro-1996-362578-publicacaooriginal-1-pl.html

BRASIL. Lei nº 10.172, de 9 de Janeiro de 2001. Aprova o Plano Nacional de Educação e dá outras providências. Brasília, 9 de janeiro de 2001.Disponível em https://www2.camara.leg.br/legin/fed/lei/2001/lei-10172-9-janeiro-2001-359024-publicacaooriginal-1-pl.html. Acesso em 17/02/2020.

BRASIL. Lei nº 12.433, de 29 de Junho de 2011. Altera a Lei no 7.210, de 11 de julho de 1984 (Lei de Execução Penal), para dispor sobre a remição de parte do tempo de execução da pena por estudo ou por trabalho. Brasília, 29 de junho de 2011. Disponível wm https://jus.com.br/artigos/19480/lei-n-12-433-2011-remicao-de-pena-pelo-estudo#:~:text=12.433%2C%20de%2029%20de%20junho,do%20cometimento%20de%20falta%20grave.. Acesso em 20/12/2019.

BRASIL. Lei nº 13.005, de 25 de Junho de 2014. Aprova o Plano Nacional de Educação – PNE e dá outras providências. Brasília, 25 de junho de 2014. Disponível em http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2011-2014/2014/lei/l13005.htm#:~:text=Aprova%20o%20Plano%20Nacional%20de,Art.. Acesso em 20/02/2020.

BRASIL. Lei n. 7210, de 11 de julho de 1984. Lei de Execução Penal Brasileira. Diário Oficial da União, Brasília, DF, 13 jul. 1984. Seção I, p. 10227. Disponível em https://www2.camara.leg.br/legin/fed/lei/1980-1987/lei-7210-11-julho-1984-356938-norma-pl.html. Acesso em 05/05/2020.

BRASIL. Resolução CEB/CNE n. 2, de 25 de outubro de 2010. Diretrizes Nacionais para a oferta de educação para jovens e adultos em situação de privação de liberdade nos estabelecimentos penais. Diário Oficial da União, Brasília, DF, 20 mai. 2010, Seção 1, p. 20..Disponível em http://portal.mec.gov.br/index.php?option=com_content&view=article&id=14906.Acesso em 17/02/2020.

BRASIL.Decreto-Lei nº 2.848, de 7 de dezembro de 1940 – Código Penal. Diário Oficial da União , 31 de dezembro de 1940.Disponível em https://www2.camara.leg.br/legin/fed/declei/1940-1949/decreto-lei-2848-7-dezembro-1940-412868-publicacaooriginal-1-pe.html Acesso em 05/01/2020.

CERONI, Mary Rosane. O perfil do Pedagogo para atuação em espaços não-escolares. UniFMU/SP, 2013.

CHIAVENATTO, Idalberto. Gestão de Pessoas: o novo papel dos recursos humanos nas organizações. 3 ed.  Rio de Janeiro, Elsevier, 2010

CONSELHO NACIONAL DE EDUCAÇÃO CONSELHO PLENO RESOLUÇÃO CNE/CP Nº 1, DE 15 DE MAIO DE 2006. Disponível em http://portal.mec.gov.br/cne/arquivos/pdf/rcp01_06.pdf Acesso em 21/09/2019.

FREIRE, Paulo, Pedagogia da  Autonomia – Saberes necessários à prática educativa. São Paulo: Paz e Terra, 2001

FONSECA. Eneida Simões. Atendimento escolar no ambiente hospitalar. 2. ed.São Paulo: Memnon, 2008, p.46.

GADOTTI, Moacir; ROMÃO, José. (org.). Educação de jovens e adultos: teoria, prática e proposta. São Paulo. Editora Cortez, 2011.

GUEDES Jaqueline Russo e PEVIANI, Sabrina Mess. Pedagogia Hospitalar e importância do pedagogo como auxiliador do aprendizado de crianças e adolescentes hospitalizados – Revista Saberes Docentes – 2017 – issn 2448-4601.

HOUAISS, Antônio.; VILLAR, Mauro de Sales.; FRANCO, Francisco. Manuel de Melo. Dicionário Houaiss da língua portuguesa. Rio de Janeiro:Objetiva, 2001.2922 p.

LIBÂNEO, José . Carlos. Pedagogia e Pedagogos, para Quê? 4. ed. São Paulo: Cortez, , 20061, p.12

LIBÂNEO,José. Carlos. Psicologia Educacional: Uma avaliação crítica. In: LANE, Silvia; CODO, Wanderley. (orgs). Psicologia Social: O homem em movimento.São Paulo: Brasiliense, 1991, 9ª edição, p. 154-180

LIBÂNEO,José Carlos. Pedagogia e pedagogos: inquietações e buscas. Texto de conferência escrito para o 2° Encontro Cearense de Educadores, promovido pelo OfinArtes – Centro de Acessória Pedagógica, Fortaleza, 1999

MATOS, Elizete Lúcia Moreira.; MUGIATTI, Margarida M. T. F.. Pedagogia Hospitalar: a humanização integrando educação e saúde. 7. ed. Rio de Janeiro: Vozes, 2014b, p.141.

NASSIF, Nycia Nadine Negrão. Educação entre as grades: o espaço escolar na prisão e o disciplinamento dos apenados. 2006. 112f. Dissertação (Mestrado em Educação) – Universidade Luterana do Brasil, Canoas, 2006.

NOFFS; Neide.Aquino.; RACHMAN, Vivian.C.B. Psicopedagogia e Saúde: reflexões sobre a atuação psicopedagógica no contexto hospitalar. Revista Psicopedagogia,  São Paulo, v. 24, n. 74, p. 160-8, 2007.

OFFE, Claus. Sistema educacional, sistema ocupacional e política da educação – contribuição à determinação das funções sociais do sistema educacional. Educação & Sociedade,· n. 35, p. 9-59~ 1990.

OHARA, CVS, BORBA, RIH, CARNEIRO, I A. Classe Hospitalar: Direito da Criança ou Dever da Instituição? Rev. Soc. Bras. Enferm. Ped. 2008, 8(2): 91-9.Disponível em: http://www.sobep.org.br/revista/component/zine/article/109-classehospitalar-direito-da-criana-ou-dever-da-instituio.html.   Acesso em 20/12/2019

PIMENTA, Selma.G.arrido. Pedagogia, ciência da educação?. São Paulo: Cortez, 2005.

SILVA,  Edileuza Fernandes. (Org.) A escola mudou. Que mude a formação de professores. 3 ed – Campinas, SP: Papirus. 2012

SOUZA NETO, João Clemente de; SILVA, Roberto da; MOURA, Rogério Adolfo (Orgs.). Pedagogia social. São Paulo: Expressão e Arte, 2009. 324p.

[1] Dottorato in Scienze dell’Educazione – Universidad Americana – Asunción – Paraguay.

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: agosto 2020.

5/5 - (6 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 72610
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?