Le difficoltà della persona con disturbo da deficit di attenzione nella vita adulta

0
93
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

RECENSIONE ARTICOLO

LIMA, Isadora dos Reis [1]

LIMA, Isadora dos Reis. Le difficoltà della persona con disturbo da deficit di attenzione in età adulta. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 07, Vol. 08, pp. 05-12. luglio 2019. ISSN: 2448-0959

Questo articolo discuterà il disturbo da deficit di attenzione-TDA nella vita adulta. Il suo obiettivo è quello di identificare le difficoltà incontrate da un adulto con ADHD, così come per analizzare ciò che queste difficoltà sono e di cercare miglioramenti nella qualità della vita per questo adulto. Questo articolo si riferisce a una ricerca bibliografica basata sui concetti teorici di Silva (2008), Arruda (2006) e Barkley e Benton (2011) sulle rispettive teorie adulte con questo disturbo.

Parole chiave: disturbo da deficit di attenzione, ADHD negli adulti, difficoltà degli adulti con ADHD.

INTRODUZIONE

Disturbo da deficit di attenzione o anche noto come disturbo da deficit di attenzione può o non potrebbe essere collegato all'iperattività e impulsività. Anche se il sottotipo combinato di questo disturbo è molto comune, questa è la presentazione dello stesso quando è prevalentemente del tipo disattento. Disturbo da Deficit di Attenzione è il termine che ha originato il nome del disturbo in portoghese. "disordine" può essere compreso da disordine, disordine o disordine, per questo motivo ci sono queste denominazioni del disturbo, ma sono equivalenti allo stesso deficit.

Questo articolo sarà detto dal problema su quali sono le difficoltà che una persona con disturbo da deficit di attenzione ha in età adulta. Spesso l'adulto con questo disturbo trasfigura la figura di una persona "pigra" o "sloppy", quando in realtà e al contrario non sono solo necessariamente caratteristiche personali, ma piuttosto una patologia clinica descritta dall'associazione Psichiatria Americana.

Lo scopo di questo è quello di identificare le difficoltà incontrate da un TDA in età adulta, così come per analizzare quali sono queste difficoltà e di cercare miglioramenti in modo che una persona con l'ADHD può vivere senza grandi perdite nella vita educativa, familiare, affettiva e sociale. Questa sarà una ricerca bibliografica in cui libri e articoli su internet saranno utilizzati per il loro ragionamento. Questo lavoro si baserà sulle Fondazioni teoriche di Silva (2008), più precisamente nel suo libro "Restless Minds" che discute il tema delle persone con disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Si baserà anche sulle deduzioni di Arruda (2006) e Barkley e Benton (2011) su questo disturbo negli adulti. Il DSM-V assisterà come base per i concetti medici descritti dall'American Psychiatric Association.

In considerazione di questo, le conseguenze funzionali per gli adulti con ADHD o ADHD sono associati con scarsa scuola e prestazioni accademiche, conflitto interpersonale nelle relazioni affettive e disoccupazione. Per questo adulto godere di padronanza della sua famiglia e delle funzioni sociali è necessario che lo stesso capisca dei suoi sintomi, sia diagnosticato e trattato da un medico specialista.

STORIA

Secondo l'Associazione brasiliana di deficit di attenzione, il TDA è caratterizzato come "un disturbo neurobiologico, di cause genetiche, che appare nell'infanzia e spesso accompagna l'individuo per tutta la vita. È caratterizzato da sintomi di disattenzione, irrequietezza e impulsività. A volte è chiamato TDA ". L'ADHD è anche un disturbo cronico che si manifesta e si evolve nel corso della vita e le sue manifestazioni sono più spesso nei bambini persistente fino all'età adulta.

Arruda (2006, p. 9) dice che la "TDA è una malattia multifattoriale, perché, ci sono diversi fattori coinvolti nella sua genesi, dalla genetica, emorragie, avversità fisiche durante la gravidanza, anche eventi aggressivi al cervello nell'infanzia", cioè non si può Affermare che solo un fattore contribuisce allo sviluppo del TDA.

Il contesto storico del disturbo da deficit di attenzione (ADHD) è direttamente correlato al disordine di iperattività di deficit di attenzione (ADHD). Nel 1902 1 pediatra britannico di nome George Fredrick Still, produsse una serie di conferenze in cui menzionava vari comportamenti di alcuni bambini, che erano aggressivi, resistenti alla disciplina, difficili da mantenere l'attenzione e l'autocontrollo. Il medico lo descrisse e lo definisse come un difetto importante e cronico nel "controllo morale". Percepì anche le domande ereditarie riguardanti i parenti che presentavano segni e sintomi di depressione, cambiamenti nella condotta o alcolismo. Più tardi, circa 20 anni dopo, alcuni medici americani studiarono bambini con caratteristiche simili a quelle riportate da George Kill, ma erano bambini sopravvissuti a un'infiammazione chiamata encefalite e da allora in poi sono stati fatti diversi Studi relativi al "disturbo del comportamento post-encefalite". (SILVA, 2008)

Nel 1968, nel DSM-III il termine usato nell'American Psychiatric Association era "reazione ipercinetica infantile". Attualmente, secondo l'American Association of Psychiatry in the DSM-V (2014, P14) con specifica nel codice F90 porta la nomenclatura di "Disordine di iperattività di deficit di attenzione" e nel codice F 90.0 indica il sottotipo "presentazione prevalentemente Disattento. "

Nel 1957 l'espressione "iperattività infantile" fu usata da Laufer e nel 1960 da Stella Chess. Laufer credeva che questa sindrome fosse particolarmente maschile, già Scacchi, considerava i sintomi come iperattività fisiologica, e le cause sarebbero dovute alla genetica e all'ambiente, e da questo nacque il termine "sindrome infantile iperattiva". Nel decennio 1970 il Centro di Studi ha cominciato a cambiare l'iperattività ai punti attenti grazie alla teoria di Virginia Douglas che ha presentato un ragionamento che ha detto il

Deficit di tenere l'attenzione potrebbe manifestarsi in circostanze in cui non c'era iperattività, Douglas ha ampliato il concetto di questa definizione tra cui dando maggiore enfasi al deficit di attenzione. Gabriel Weiss, nel 1976, ha sottolineato attraverso studi che quando si entra nell'adolescenza, l'iperattività può diminuire, ma i problemi di attenzione possono continuare. (SILVA, 2008)

Il concetto di Weiss ha fatto capire che la sindrome era qualcosa che "sarebbe finita" con l'arrivo dell'adolescenza, cioè solo i bambini potrebbero avere questa sindrome. Ma nel 1980 è stato riconosciuto nella forma adulta e l'American Psychiatric Association (AAP) ha portato alcuni cambiamenti, come la ridenominazione della sindrome per il disturbo da deficit di attenzione (DDA).

Nel 1994, l'American Psychiatric Association pubblicò il DSM-IV. In questo aggiornamento, disordine di Deficit di attenzione è stato rinominato per attenzione Deficit/iperattività disordine (ADHD) e diviso in tre sottotipi di base:

        • Tipo prevalentemente disattento: Quando i sintomi della disattenzione sono più sorprendenti;
        • Un tipo prevalentemente iperattivo/impulsivo: Quando i sintomi di iperattività e impulsività sono presenti in proporzioni significative ed equivalenti;
        • Tipo combinato: Quando i sintomi di disattenzione e iperattività / impulsività sono presenti nello stesso grado di intensità. (SILVA, 2008, p. 164)

In questo modo, si può segnalare che ci sono i tipi combinati e i tipi isolati. I sintomi di TDA e ADHD sono fortemente ereditari intorno 76%. Per l'American Psychiatric Association (2014, p. 106), il fattore ereditario è sostanziale, e afferma anche che "una minoranza di casi può essere correlata a reazioni ad aspetti della dieta. Ci può essere una storia di abuso di minori, negligenza, più case adottive, esposizione alla neurotossina (ad esempio, piombo), infezioni (ad esempio, encefalite) o esposizione all'alcol nell'utero ". Pertanto, si osserva che la cura della madre durante la gravidanza è un fattore di influenza diretta nello sviluppo o meno del disturbo.

DIFFICULTIESI DI Un TDA IN ADULTHOOD

Ci sono innumerevoli difficoltà che una persona con disturbo da deficit di attenzione trova in età adulta, a partire dalla famiglia e gli aspetti affettivi fino a raggiungere aspetti sociali come il lavoro, l'istruzione e la vita sociale. Per il Blokehead (2015), Circa 60% dei bambini con ADHD nell'infanzia rimangono con sintomi fino all'età adulta.

Con la crescita del bambino per l'adolescenza e più tardi per l'età adulta, è più evidente la disattenzione, perché quel bambino che in precedenza era solo "iperattivo o distratto" Oggi è un adulto che ha bisogno di svolgere ruoli importanti in Vita familiare o sociale. È interessante notare che la predominanza negli adulti per quanto riguarda le caratteristiche dell'ADHD è la disattenzione, Tuttavia ci sono anche casi con iperattività o il sottotipo combinato.

VITA EDUCATIVA

La maggior parte delle volte la disattenzione è sottile, nell'infanzia non è visibile come in forma adulta. Nel contesto scolastico può essere visto attraverso il basso reddito, l'individuo disperso o dimenticato.

Gli studenti con ADHD spesso non riescono a capire il funzionamento della classe, cioè determinare ciò che è importante e concentrare la loro attenzione su questo compito. Sono facilmente distratti da colleghi o rumori al di fuori della stanza. (ROTTA, OHLWEILER, RIESGO. 2006, p. 372)

La formazione educativa di un soggetto con disturbo da deficit di attenzione è piuttosto complessa in quanto influisce direttamente sulle prestazioni accademiche, sul potenziale e di conseguenza limita la scelta futura di un lavoro. Una minoranza di persone con questo disturbo possiede anche il disturbo dell'apprendimento che è caratterizzato da un ritardo in una specifica area di apprendimento, come la lettura o la scrittura. I dati mostrano che il 71% degli adulti a cui è stata diagnosticata l'infanzia è stata sospesa o espulsa dalla scuola almeno una volta. (BARKLEY; BENTON, 2011)

Fonseca (1995, p. 254) dice: "L'attenzione comprende un'organizzazione interna ed esterna di stimoli, un'organizzazione indispensabile per l'apprendimento, altrimenti i messaggi sensoriali vengono ricevuti, ma non integrati". Così, la capacità di concentrarsi su qualcosa è di grande importanza in modo che l'individuo con deficit di attenzione può progredire negli aspetti educativi. Fonseca (1995, p. 265) dimostra anche che la persona emotivamente disadattata è più incline ad ottenere cattivi risultati scolastici, perché i disturbi emotivi frammentano il comportamento e di conseguenza la capacità di apprendimento.

VITA DI AFFECTIVE E FAMIGLIA

Questa difficoltà è legata agli aspetti affettivi e familiari di un adulto con ADHD, perché sono influenzati da difficoltà di concentrazione o difficoltà di attenzione. La complessità di mantenere focalizzata su questo disturbo nell'età adulta finisce per diventare un ostacolo al soggetto all'interno della sua vita personale, che riguarda l'affetto.

Per Barkley e Benton (2011, p. 198) Si dice che il modo in cui questo disturbo organizza le cose contro la persona può avere un impatto maggiore sulla sua vita personale e sociale che in qualsiasi altro settore della vita, tuttavia, con l'autocontrollo, lo stimolo e il trattamento corretto l'adulto Può vivere senza molte perdite in questo settore.

Due dei sintomi più comuni della persona con disturbo da deficit di attenzione è essere distratti nelle conversazioni di routine e non sembra ascoltare quando qualcuno dirige la parola. Per alcune persone che si riferiscono a persone con ADHD può sembrare arroganza, disinteresse o mancanza di istruzione. Gli adulti con deficit di attenzione non hanno alcuna nozione della loro condizione, ma capiscono i sintomi, che ostacolano l'adempimento delle funzioni quotidiane. (THE BLOKEHEAD, 2015)

Il controllo emotivo è sostanziale e indispensabile per un adulto con ADHD, poiché, quando, quando il sottotipo prevalentemente iperattivo/impulsivo o combinato, l'individuo che possiede questo disturbo è più incline a parlare troppo, a non lasciare che le persone concludano il Frase, per rispondere prima che venga chiesto, interrompere o invadere le conversazioni di altre persone, ecc. Pertanto, è necessario che il soggetto abbia il controllo emotivo, sappia aspettare e avere pazienza in modo che possa esprimersi correttamente facendo in modo che non ci siano grossi problemi.

VITA SOCIALE E LAVORO

Tra gli adulti, i maggiori disturbi riguardano il ciclo sociale e l'esercizio professionale. Le difficoltà di rimanere concentrati, organizzati e hanno una pianificazione a lungo termine sono notevoli. È tracce evidenti di instabilità emotiva negli adulti con questo disturbo e anche bassa stima e poca motivazione per impegnarsi in attività.

Per un TDA adulto, rimanere concentrati su qualcosa, per un tempo più breve, può essere una sfida grande come per un atleta da corsa con ostacoli che hanno bisogno di trasporre barriere sempre più grandi fino a raggiungere la fine della pista. Questa difficoltà nel mantenere focalizzata su un dato soggetto, pensiero, azione o discorso spesso provoca situazioni molto scomode per il TDA adulto. (SILVA, 2008, p. 14)

L'interferenza nel funzionamento sociale può causare gravi danni. L'adulto con ADHD deve sforzarsi più del solito per raggiungere e mantenere l'attenzione necessaria

Per svolgere le loro attività comuni, in questo modo, Silva (2008, p. 15) afferma che "alcuni usano l'espressione ' stanchezza nell'anima' per descrivere il loro stato dopo aver eseguito compiti in cui sono stati costretti a rimanere concentrati per obbligo". In considerazione di questo, si può supporre che mantenere la concentrazione per una persona con questo disturbo è troppo stressante.

Gli adulti con disturbo da deficit di attenzione possono essere profondamente insoddisfatti di attività incompiute, diventando depressi e con bassa autostima. Questi sono coloro che non riescono a rimanere occupati, che hanno difficoltà a dare la priorità ad importanti attività dell'artigianato o del Procrastinam. (THE BLOKEHEAD, 2015)

Per Barkley e Benton (2011, p. 178), "Se il tuo ADHD include l'iperattività, è improbabile che un lavoro che richiede di rimanere seduto su una sedia davanti a un computer tutto il giorno è l'ideale per te." Per questo motivo è necessario che l'adulto con ADHD con o senza predominanza in iperattività cercare posti di lavoro dove può adattarsi più facilmente, un lavoro dove c'è il massimo di facilitatori ed elementi favorevoli per le persone con questo disturbo, evitando Così frustrazioni e situazioni imbarazzanti. Pertanto, Silva (2008, p. 205) dice che è della massima importanza che il TDA sa che si tratta di TDA, perché conoscere il proprio comportamento è fondamentale per avere successo in ciò che viene fatto.

Comorbilità

Il soggetto con TDA affronta diverse difficoltà per tutta la vita, uno di loro è la comorbilità. La comorbilità è l'unione di due o più malattie o disturbi che sono presenti contemporaneamente in un dato individuo. Le persone con ADHD possono o non potrebbero sviluppare comorbidità. Per Fiore (2007, p. 28): "Accumulano ancora una serie di interferenze nello sviluppo educativo, sociale e futuro del professionista, perché questi sintomi sono sontuosi e sono intrinsecamente interconnessi". Cioè, possono anche sviluppare malattie psicosomatiche.

L'American Psychiatric Association (2014, p. 109) espone:

Disturbo esplosivo intermittente si verifica in una minoranza di adulti con ADHD, anche se con tassi al di sopra dei livelli di popolazione. Anche se i disturbi da abuso di sostanze sono relativamente più frequenti tra gli adulti con ADHD nella popolazione generale, sono presenti solo in una minoranza di loro. Negli adulti, disturbo della personalità antisociale e altri disturbi della personalità possono essere comorbidi con ADHD. Altri disturbi che possono essere comorbidi con ADHD includono disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi delle zecche e disturbo dello spettro autistico.

Consonante con Arruda (2006, p. 10): "Adulti con ADHD rispetto agli adulti senza questo disturbo si presentano più frequentemente: uso e dipendenza da droghe, divorzio, tentato suicidio, insoddisfazione professionale e disadattati sociali". E in accordo con le deduzioni dell'Associazione brasiliana di deficit di attenzione, si può affermare che "gli studi riferiscono che circa 75% degli adulti con ADHD hanno più di una comorbilità, tra i più comuni, depressione, ansia, binneating, Disturbi del sonno, tossicodipendenza, alcolismo e dislessia ".

Tali comorbilità influenzano le caratteristiche e la diagnosi. Il fallimento nelle cose di tutti i giorni come le faccende domestiche, la cura dei bambini, il matrimonio e i promemoria quotidiani può causare le comorbilità di cui sopra. Di conseguenza, la persona che acquisisce le comorbilità deve sottoporsi a un trattamento medico differenziato.

CONCLUSIONE

Il primo passo per evitare danni nella vita di un adulto con disturbo da deficit di attenzione è la diagnosi precedente. La diagnosi infantile è sinonimo di trattamento precoce. Dato questo, nel suo ciclo di vita il soggetto sarà sottoposto a trattamenti e in età adulta può sviluppare strategie per capire come affrontare la sua ADHD.

L'attività con una persona con il disordine nella sfera educativa è legata alla creatività. Sia a scuola che nella vita accademica, l'insegnante dovrebbe stimolare ciò che il TDA ha in abbondanza: la creatività. Sulla base di questo, l'insegnante o psicopedagogo dovrebbe esercitare il suo ruolo di mediatore e sviluppare nuove strategie di apprendimento, soprattutto se questo individuo ha la comorbilità del disturbo di apprendimento TDA/H. Pertanto, l'idea che un TDA non può imparare è un'idea errata, perché ci sono menti brillanti con deficit di attenzione, menti che sono state stimolate da insegnanti, parenti e squadre mediche dalla loro diagnosi precedente.

Nella famiglia e nella vita affettiva, l'adulto con deficit di attenzione dovrebbe essere stimolato a sviluppare il proprio autocontrollo e la propria organizzazione, stabilendo così regole e limiti per interagire con i loro parenti, coniugi e figli senza alcuna disgrazia.

In sociale e/o nel lavoro, l'individuo con questo disturbo dovrebbe esercitare la sua autocontrollo in modo che possa eseguire le sue attribuzioni perfettamente nel lavoro. È inoltre necessario che il desktop non fornisca rumori o distrazioni eccessive.

Si ritiene che gli studi sul disturbo da deficit di attenzione e le difficoltà che una persona che ha questo disturbo in età adulta può generare nuove opportunità per tutti di conoscere questo deficit e quindi essere in grado di contribuire a un migliore inserimento Del TDA nella società. Per sapere come trattare con un adulto che ha questo disturbo è necessario che la famiglia o l'amico cerchino di conoscere i loro sintomi, le loro caratteristiche e quali sono i metodi per contribuire a migliorare la coesistenza nell'ambiente sociale. Pertanto, è importante sottolineare che l'adulto deve assumere il TDA, perché più agile è la diagnosi, migliore è il trattamento e di conseguenza migliore è la qualità del percorso.

RIFERIMENTI

ARRUDA, Marco. Levados da Breca: Um guia sobre crianças e adolescentes com o Transtorno do Déficit de Atenção e Hiperatividade (TDAH). 1 Ed. Instituto Glia, 2006.

ASSOCIAÇÃO BRASILEIRA DO DÉFICIT DE ATENÇÃO. Disponível em:http://tdah.org.br/. Acesso em: 5 mar. 2018, 18:46

ASSOCIATION, American Psichiatric. Manual diagnóstico e estatístico de transtornos mentais: DSM-5. 5. Ed. Porto Alegre. Artmed: 2014.

BARKLEY, Russel A.; BENTON, Christine M.. Vencendo o TDAH Adulto: Transtorno de Déficit de Atenção/Hiperatividade.1 Ed. Artmed. 2011.

FIORE, Ana Cristina Leite Ferraz. O transtorno de déficit de atenção e hiperatividade em comorbidade com o fracasso escolar. Dissertação de Mestrado – Centro Universitário Salesiano de São Paulo. São Paulo, p. 28. 2007.

FONSECA, Vitor da. Introdução às Dificuldades de Aprendizagem. 2 ed. rev. Aum. Porto Alegre: Artes Médicas, 1995.

THE BLOKEHEAD. TDAH em adultos: Reconhecer e lidar com adultos que sofrem de TDAH em 30 passos simples. Babelcube Inc. 2015. Disponível em: https://ler.amazon.com.br/?asin=B00ZSZX81A. Acesso em: 15 mar. 2018, 17:02.

ROTTA, Newra Tellechea; OHLWEILER, Lygia; RIESGO, Rudimar dos Santos. Transtorno da Aprendizagem, Abordagem Neurobiológica e Multidisciplinar. Porto Alegre. Artmed. 2006

SILVA, Ana Beatriz Barbosa. Mentes Inquietas: TDAH, Desatenção, Hiperatividade e Impulsividade. Rio de Janeiro: Objetiva. 2008.

[1] Laureato in pedagogia presso l'Universidade Paulista, specialista in educazione speciale e inclusivo dalla Facoltà di Teologia e Scienze Umanistiche.

Inviato: marzo 2018.

Approvato: luglio 2019.

 

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here