REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Problemi psicologici che provengono dalla ricerca del bel corpo nel contesto della maggioranza sociale

RC: 64733
136
3.5/5 - (15 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

REVISIONE BIBLIOMETRICA

TAKAHASHI, Andressa Yumi [1]

TAKAHASHI, Andressa Yumi. Problemi psicologici che provengono dalla ricerca del bel corpo nel contesto della maggioranza sociale. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 09, Vol. 09, pp. 23-34. settembre 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/bel-corpo

RIEPILOGO

L’obiettivo di questa scrittura era quello di portare il problema del culto al bel corpo in tempi contemporanei, presentando la costruzione storica del corpo femminile fino al XXI secolo, così come il controverso modello di bellezza imposto dai media e dalla società capitalista che causa condizioni patologiche e perdite biopsicosociali.  A questo scopo, la ricerca bibliografica è stata utilizzata nella sfera sociale e psicoanalitica freudiana, che ha avuto come risultato principale il rapporto tra il corpo femminile per l’altro e i disturbi alimentari.

Parole chiave: corpo femminile, modello di bellezza, media, capitalismo, disturbi alimentari.

1. INTRODUZIONE

Viviamo in una società in cui presenta una varietà di possibilità di alterazioni corporee per corrispondere al culto del bel corpo in tempi contemporanei. Questo tema porta problemi da discutere in quanto danneggia la salute mentale delle persone colpite da alienazione per quanto riguarda il loro corpo sostenuto dal settore della perdita di peso.

Partendo da questi principi e comprendendo il corpo come costruzione socioculturale, il presente studio mira a discutere, dal punto di vista sociale e psicoanalitico, l’influenza degli interessi del sistema capitalista insieme all’esposizione di rappresentazioni sociali sulla distorsione delle immagini e dei disturbi alimentari.

Michel Foucault (1987) afferma che:

[…] in qualsiasi società, il corpo è intrappolato all’interno di poteri molto stretti, che impongono limitazioni, divieti o obblighi su di esso. […] Si forma quindi una politica di coertions che è un lavoro sul corpo, una manipolazione calcolata dei suoi elementi, dei suoi gesti, dei suoi comportamenti. Il corpo umano entra in un macchinario di potere che la scansione, disarticola e lo ricompone. (FOUCAULT, 1987, p.119).

Attraverso questa citazione, percepiamo la forma di controllo sociale legato al corpo, chiamiamo questo fenomeno come pressione estetica, che si espone come un fattore scatenante di disturbi alimentari così come altri disturbi psichiatrici. Questa pressione estetica da vettori come la bellezza e il capitalismo industrie sono sempre più presenti nelle campagne pubblicitarie e prodotti multimediali che producono credenze travisate, che si ritiene che il corpo è totalmente malleabile ignorando fattori genetici e biologici e la convinzione che con l’acquisizione del corpo idealizzato avrà successo in altri settori della vita: il risultato di una società in cui c’è una stigmatizzazione quando si tratta dell’intelletto delle donne e anche il prodotto di una costruzione socioculturale in che i risultati delle donne sono oscurati solo dal peso e dal corpo.

Gli sforzi dedicati intorno al corpo ideale, che è attualmente un’idea irraggiungibile, sono giustificati dalla sua identificazione come un nuovo modello di felicità umana. Come spiega Silva (2001, p.55), la transizione a questa nuova universale “[…] avviene attraverso una tecnologia che investe profondamente nelle questioni dell’organismo, si identifica con il progresso e il servizio del mercato, che cerca di espandersi illimitatamente”.

La ricerca bibliografica ha incluso articoli pubblicati su riviste pubbliche e di salute mentale, basati sulle parole chiave: corpo femminile, disturbi alimentari, media e soggettività, capitalismo, industria della bellezza, femminilità e psicoanalisi.

2. FEMMINILITÀ E PSICOANALISI

In Psicoanalisi, le discussioni sul corpo della donna iniziano con gli studi sull’isteria. Fu a causa delle osservazioni cliniche delle donne isteriche che Freud sviluppò la sua teoria, inoltre, fu la prima formulazione non medica sul corpo. Secondo autori come Birman (1998) e Garcia-Roza (1990) la psicoanalisi è una scienza della psiche, vale a dire che il corpo che tratta non è il corpo anatomico, ma il corpo costruito dalla cultura. Questo argomento ha lo scopo di analizzare lo sviluppo della femminilità come posizioni costruite psichicamente, perché “Freud scopre che nessuno nasce una donna, questa condizione è costruita”. (TOMAZ, 2001, p. 81).

Nell’infanzia c’è un solo sesso: il maschio a sua volta poi la femminilità non esiste dall’inizio per una ragazza, sarà in grado di assumere la posizione femminile solo quando assume una condizione materna che indebolisce anche l’invidia del pene. Vale a che, in quel contesto socio-storico, Freud collega la femminilità con la maternità e la passività e il bambino si caratterizza poi come il fallo della donna.

In precedenza, Lacan esamina le opere di Freud e, a differenza di Freud, Lacan afferma che non esiste un singolo significante che definirà ciò che significa essere una donna, questo significa che la comprensione delle donne non è universale e la femminilità non deve necessariamente essere collegata alla maternità. La donna è un’anatomia unica costruita attraverso lo scenario fantasmatico di ciascuno, quindi è necessario comprendere la singolarità e la soggettività di ogni donna.

[…] la nozione di femminilità può aiutare sia a comprendere le forme contemporanee di soggettività sia a creare spazi per la diversità, l’arciteità e la singolarità, un compito dal quale noi analisti non dovremmo essere accecati (NUNES, 2002, p.57).

3. COSTRUZIONE STORICA DEL CORPO FEMMINILE

Il corpo è il segno di una storia, che è intesa non solo con fattori biologici e fisiologici, ma come prodotto di una costruzione culturale, storica e sociale. Per Silvana Goellner (2003):

Il corpo è anche quello che si dice di esso e qui sto sostenendo che il corpo è anche costruito dal linguaggio. In questo caso, il linguaggio non riflette solo ciò che esiste. Essa stessa crea l’esistente e, rispetto al corpo, il linguaggio ha il potere di chiamarlo, classificarlo, rinviare ad esso normalità e anomalie, per istituire, per esempio, quello che è considerato un corpo bello, giovane e sano. Queste rappresentazioni non sono universali o addirittura fisse. Sono sempre temporanei, effimeri, volubili e variano a seconda del luogo/tempo in cui questo corpo circola, vive, si esprime, produce e viene prodotto. (Idem. Ibid: 29).

Vale a dire, è attraverso il linguaggio che viene istituito il concetto di “bello” ed è stato attraverso i cambiamenti storici del concetto di corpo prima dell’influenza dei media e del capitalismo, che sono emerse nuove pratiche rivolte al corpo stesso.

Gli ideali di bellezza di oggi non sono gli stessi da sempre. Il corpo immaginario sociale femminile subisce diverse trasformazioni. Fin dall’antichità abbiamo sentito parlare delle pratiche sociali della bellezza, ma come detto in precedenza, il concetto di corpo varia a seconda del momento socio-culturale che stiamo vivendo.

Nel XV e XIII secolo, abiti come il corsetto sono stati utilizzati per accentuare la silhouette evidenziando gli attributi considerati femminili e per mostrare il potere che suo marito aveva: gli uomini vedevano le donne come loro appendiabiti e per poter ostentare, mettere su di loro i pezzi che potevano permettersi. Tuttavia, nel XIX secolo, il corsetto fu messo in disuso a causa del discorso degli igienisti, che sostenevano che il corsetto causava deformazioni nei corpi femminili.

Poi, per tutto il ventesimo secolo, il corpo umano era sinonimo di salute e benessere. Fu nel 1930 che il culto del corpo bello e sottile fu inserito nei media insieme ad un annuncio su interventi di chirurgia plastica e interventi estetici. Negli anni ’40 e ’50, il riferimento alla femminilità era Marylin Monroe con l’anca larga e il seno ricco.

Dagli anni ’60 alla bellezza fisica, la bellezza fisica non è più tabù, che alla fine ha promosso l’uso della cosmesi, eseguendo interventi chirurgici estetici, riproducendo il corpo come prodotto e oggetto sociale.

Attualmente, il corpo femminile subisce pressione estetica attraverso l’industria della bellezza e i media che determinano una forma standardizzata di concezione della bellezza femminile: nessun cedimento, corpi ben definiti, vita sottile, seni e glutei fermi e arrotondati. Si vive nell’era delle immagini, in cui la perfezione estetica del corpo è prevalente e rafforzata da modelli irraggiungibili, le donne vivono in un’incessante ricerca del “corpo ideale” rafforzato attraverso i media, con il tentativo di essere accettate dalla società e molte finiscono per ammalarsi dei meccanismi utilizzati per mantenere la redditività intorno al culto del corpo. ­­

4. INDUSTRIA DELLA BELLEZZA E DEL CAPITALISMO

La cultura del consumo, strettamente legata allo sviluppo dell’industrializzazione, ha generato un bisogno di espansione della moda e della bellezza basato sul concetto di “corpo ricostituito”, che è soggetto a cambiamenti attraverso esperienze, pratiche e prodotti estetici.  In questo senso, il corpo e l’immagine diventano un campo d’azione fondamentale del movimento capitalista espandendo così l’industria della bellezza, il mercato dei beni e dei servizi destinati al mantenimento del corpo.

Il capitalismo si sviluppò tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo e rese così il corpo femminile la forza principale della produzione e della forza lavoro, a causa dell’insoddisfazione che le donne mostrano davanti al proprio corpo a causa degli standard di bellezza imposti dalla società. Così le industrie di bellezza creano prodotti e le caratteristiche umane sono ora conferite come materie prime. Joo Bernardo (2004, p.68) afferma che: “[…] è l’individuo stesso che intende plasmare, e gli standard non sono scelti dai consumatori, ma imposti massicciamente dalle stesse aziende che vendono prodotti e servizi di bellezza”.

Pertanto, dal capitalismo bellezza è venuto ad essere acquistato, il mercato della bellezza comincia ad offrire numerose opzioni di procedure estetiche così come prodotti di bellezza per “rendere una donna più bella”.  Il corpo finisce per generare l’abbandono del ESSERE e partire per l’uso di AVERE nello stesso modo in cui la soggettività finisce per essere ridotta al corpo. Oggi, il me è il corpo.

Come Costa descrive (2004)

[…] soddisfazione per due ideali di piacere diffusi nella cultura di oggi. Il primo corrisponde approssimativamente a quello che il buon senso critico o ordinario chiama “edonismo” o “narcisismo”. Questo è il senso di espressione meno evidente e più pedonale. È ammesso, senza fondamento empirico, che la maggior parte dei soggetti oggi condizionava la soddisfazione personale o l’auto-realizzazione al godimento dell’estasi sensoriale. È la tesi del soggetto ‘collettore di sensazioni’, nella sua versione moralistica o pregiudiziedica (COSTA, 2004a, p. 92).

Cioè, attraverso gli standard imposti dalla società alla bellezza e al corpo ideale, siamo sempre più guidati dal desiderio di AVERE il corpo e non ESSERE. Viviamo quindi in un narcisismo basato su ciò che la cultura ha definito, costituito da processi di identificazioni e costituzioni dell’apparato psichico.

La necessità del mercato dei chirurghi diventa immaginaria poiché non c’è nulla di sbagliato nell’aspetto fisico delle donne, poiché un cambiamento sociale potrebbe risolversi. Ecco perché, per ottenere il loro reddito, i chirurghi dipendono dalla deformazione della percezione e dall’intensificazione dell’odio in sé da parte delle donne. (WOLF, 1990).

Il capitalismo insieme alle industrie della bellezza utilizzano tecniche, procedure, regimi, cosmetici come forza di oppressione delle donne che si desolle di riflessi distorti sulla propria immagine di sé del corpo. Vale a che, per le industrie della bellezza è vantaggioso che le donne siano insoddisfatte del proprio corpo.

5. IL CORPO DELLA DONNA CONTEMPORANEA IN RIVISTE E MEDIA

Il consumo non è dovuto solo alle industrie della bellezza, ma anche attraverso i social network in cui mostrano una realtà forgiata e frammentata. I media sono il soggetto in relazione all’altro, che lo rende impossibile e ostacola il processo di produzione delle soggettività delle donne una volta che i media e le industrie della bellezza infondono, insieme alla possibilità di scelte offerte dal mercato, un modello standardizzato di bel corpo.

Le strategie pubblicitarie forniscono un’immagine falsa, producendo individui con immagine di sé distorta. Soprattutto le donne, sono bombardate dalla pubblicità di numerosi prodotti, spesso fuorvianti e sopravvalutati, che promettono un risultato irreale. Questo può essere osservato nel comportamento di numerosi influencer digitali, che spesso nascondono i loro interventi chirurgici di plastica, pubblicizzando creme e bretelle come responsabili del loro “corpo perfetto”.

Inoltre, un altro ordine del giorno da affrontare in relazione alle donne contemporanee nelle riviste e nei media sono i temi delle rappresentazioni sociali. Il modello di propagazione del modello di bellezza, presentato nei media e nelle riviste, diventa un fattore problematico, in quanto pone come un canale influente generando cambiamenti nel comportamento, nelle emozioni e nei sentimenti dovuti all’insoddisfazione cronica con il tuo corpo. In altre parole, attualmente i media svolgono un ruolo molto influente nelle pratiche di individui che finiscono per essere un produttore di violenza simbolica, perché rende le donne sempre più omogenee e facili da ingannare dalla pubblicità, escludendo e poi invisibili altri corpi oltre a quel cosiddetto “corpo ideale”.

Per Pierre Bourdieu, la violenza simbolica è commessa con complicità tra coloro che soffrono e che praticano, senza essere spesso consapevoli di ciò che stanno soffrendo o esercitando, contribuendo così a uno spazio di esclusioni e invasioni.

6. NORME DI BELLEZZA E DISTURBI ALIMENTARI

Concomitantemente con le donne influencer che contribuiscono, anche inconsciamente e in modo non elegante, al culto del bel corpo e alla pressione estetica ci sono influencer che hanno riferito in pubblico di essere anche vittime di questa pressione estetica e di disturbi alimentari. (DA).  Un esempio attuale, l’influencer Rica de Marre, che dopo essere stata bersaglio di diversi commenti misheacious sul suo corpo e il suo peso, si sfoga attraverso Instagram che ha preso soppressore l’appetito e si è ammalata poco dopo.

La pressione sociale e culturale non è un fattore causale, ma può essere un fattore scatenante per la disfunzione erettile. Secondo la letteratura e autori come Hercovici e Bay (1997) l’ideale della magistria è uno dei fattori culturali centrali per l’aumento di questi disturbi, in particolare la bulimia e l’anoressia nervosa.

Il livello di bellezza costruito dalla società è inconsciamente incorporato da esso. Attualmente, come risultato della ricerca di questo modello, c’è stata l’emergere di un’ossessione per il controllo e la modellazione del corpo, così come la preoccupazione e la paura dell’obesità. (ANDRADE e BOSI, 2003). L’anoressia e la bulimia sono disturbi prevalenti nelle donne e sono intrinsecamente correlati all’ideale della femminilità.

Disturbi alimentari, secondo DSM V, sono caratterizzati da individui che presentano un’idea prevalente che coinvolge eccessiva preoccupazione con il peso e la forma del corpo (paura di aumentare di peso), che porta a impegnarsi in diete estremamente restrittive o utilizzando metodi inappropriati per raggiungere il corpo idealizzato. Nella bulimia, gli episodi di alimentazione eccessiva (accompagnati da un sacco di sensi di colpa) sono frequenti e seguiti da alcuni metodi purgativi come lassativi e vomito indotti, l’anoressia è caratterizzata da peso costituito da peso costituito da meno del minimo di normalità.

Kelnner (2001) ritiene che l’incessante ricerca del corpo perfetto porti a conflitti con i nostri limiti umani e spesso finisca per innescare sintomi psicopatologici come depressione, ansia o malinconia e disturbi alimentari. Per essere accettato, il soggetto finisce per subire situazioni senza considerare il suo corpo con fattori fisiologici, biologici, genetici, una situazione chiamata da alcuni autori del punto di partenza.

Nella visione psicoanalitica il disturbo alimentare è un disturbo prodotto dall’interazione del corpo con l’ambiente e l’aumento dei casi di disturbo alimentare può essere inteso anche come un effetto dell’organizzazione della società in cui il cibo non favorisce l’unione. Per Freud, in Totem e Taboo, il cibo ha la funzione di promuovere un legame sociale e quando non è in grado di svolgere questa funzione, il cibo acquista un attributo di angoscia. Gli DA come l’anoressia e la bulimia sono, quindi, manifestazioni di disagio psicologico legato ad un fallimento psicologico legato ad una precoce rottura del rapporto con la figura materna del soggetto.

Gli DA sono il risultato di un investimento libidico materno inadeguato (insufficiente o esagerato), con difetti nella costituzione del corpo come oggetto psichico. In questo senso, il rapporto madre-figlia finisce per essere problematico, poiché l’investimento libidico avviene in una fusione nell’identificazione tra le due, non avvenendo alla particolarizzazione tra madre e figlia. In questo modo, i sintomi dei disturbi alimentari vengono espressi e creati come forma di difesa dell’Io.

6.1 ANORESSIA NERVOSA

Il termine anoressia deriva dal minerale greco, che significa desiderio in generale (e non solo desiderio di mangiare), preceduto dal prefisso a di negazione, con conseguente negazione del desiderio. Vale a che, l’individuo anoressico spesso si sente affamato, ma nega il desiderio.

I criteri diagnostici per l’anoressia nervosa, secondo DSM V, sono: restrizione dell’apporto calorico in relazione alle esigenze, con conseguente peso corporeo estremamente basso se considerato il contesto di età, sesso, traiettoria dello sviluppo e salute fisica; peso significativamente basso (definito come un peso al di sotto del peso minimo normale) o inferiore al minimo previsto, per i bambini e gli adolescenti, di solito proviene da un’intensa paura di aumentare di peso, o da comportamenti di routine che interferisce con l’aumento di peso, anche se è significativamente basso. Si sperimenta disturbo con il proprio peso o forma corporea, oltre all’indebita influenza del peso o della forma del corpo sull’autovalutazione o alla persistente assenza di riconoscimento della gravità dell’attuale basso peso corporeo.

Nella psicoanalisi l’anoressia è considerata come un disturbo dell’oralità, in cui non c’è ancora alcuna differenziazione tra l’individuo e l’oggetto. Così, l’atto di non mangiare nei casi di anoressia è legato ad una strategia di separazione dall’altro, o meglio, strategia di separazione dal dominio dello sguardo materno fornendo un modo di resistenza e possibile affermazione del proprio desiderio di un sé autonomo.

Questo è, questo “non mangiare, rifiutando il legame fondamentale del primo rapporto con la madre, sembra essere un grande inizio per mettere in scena questa vendetta, o protesta” (GOGARTI, 2002, p. 119). Attraverso il rifiuto del cibo, il soggetto mira a barare l’altra madre, cercando di invertire questo rapporto di dipendenza verso di lei.

6.2 BULIMIA NERVOSA

Il termine bulimia, che risale all’antica Grecia, deriva dal termine greco “bous“, bue e “limos“, fame, ovvero “fame di bue” ed è caratterizzato dall’ingestione di grandi quantità di cibo in un breve periodo di tempo, seguito da metodi purgativi come l’uso di lassativi e vomito auto-indotto.

I criteri diagnostici della bulimia nervosa, secondo il DSM, sono caratterizzati da episodi ricorrenti di abbuffate; comportamento compensativo inadeguato ricorrente al fine di prevenire l’aumento di peso; abbuffate e comportamenti compensativi inappropriati si verificano, in media, almeno una volta alla settimana per tre mesi; l’autovalutazione è indebitamente influenzata dalla forma e dal peso del corpo e il disturbo non si verifica esclusivamente durante gli episodi di anoressia nervosa.

Nella visione psicoanalitica, l’atto bulimico comprende l’esperienza dell’essere completo e avere il fallo, si presenta come una pratica di guida come una forma di godimento che contrasta con il soggetto dell’inconscio.

7. CONCLUSIONE

Come abbiamo visto, il corpo femminile è costruito storicamente e culturalmente. Dal XII secolo il corpo della donna è considerato come corpo all’altro, vale a dire un corpo per soddisfare la domanda dell’uomo. Attraverso diversi cambiamenti, attualmente di fronte all’influenza dei media e del capitalismo, il culto del bel corpo è emerso in nuove pratiche patologiche rivolte al corpo stesso come si verifica nei casi di disturbi alimentari. I disturbi alimentari sono causati da variabili multifattoriali, ma nell’articolo è stato considerato il fattore culturale e l’ordine psicoanalitico. Si ritiene quindi necessaria una forma di trattamento multidisciplinare e sta allo psicologo stabilire e ristrutturare i legami stabiliti tra l’individuo anoressico o bulimico con le sue figure parentali al fine di passare a un’identità più autentica, è anche necessario che leghe il bel corpo come un corpo sano, privo di pressioni estetiche.

RIFERIMENTI

American Psychiatric Association. (2014). Manual diagnóstico e estatístico de transtornos mentais: DSM-5 (5a ed.; M. I. C. Nascimento, Trad.). Porto Alegre, RS: Artmed.

ANDRADE, A; BOSI, M. L. Mídia e subjetividade: impacto no comportamento alimentar feminino. Revista de Nutrição, [S.L.], v. 16, n. 1, p. 117-125, jan. 2003.

BERNARDES, T. Adolescência, Mídia E Transtornos Alimentares: Uma Revisão Bibliográfica. 2010. 34 f. TCC (Graduação) – Curso de Enfermagem, Universidade Federal do Pampa, Uruguaiana, 2010.

BIRMAN, J. (1998). A epopéia do corpo. Nostalgias. Em Bastos, L. A. M. Eu-corpando. O ego e o corpo em Freud (pp. 09-24). São Paulo: Editora Escuta.

BERNARDO, João. Democracia totalitária: teoria e prática da empresa soberana. São Paulo: Cortez, 2004.

BITTAR, C; SOARES, A. Mídia e comportamento alimentar na adolescência. Cadernos Brasileiros de Terapia Ocupacional, [S.L.], v. 28, n. 1, p. 291-308, 2020. Editora Cubo.

FLOR, G. Corpo, mídia e status social: reflexões sobre os padrões de beleza. Rev. Estud. Comun, Curitiba, v. 23, n. 10, p. 267-274, dez. 2009.

FORTES, I. Anorexia: o traço da obstinação na clínica psicanalítica. Revista Latinoamericana de Psicopatologia Fundamental, [S.L.], v. 14, n. 1, p. 83-95, mar. 2011.

FOUCAULT, M. Vigiar e punir: nascimento da prisão. Rio de Janeiro: Vozes, 2009b.

FOUCAULT, M. Os corpos dóceis. Vigiar e punir: nascimento da prisão. 29ª ed. Tradução de Raquel Ramalhete. Petrópolis, RJ: Vozes, 2004a, p. 125-52.

GOELLNER, Silvana Vilodre. “A produção cultural do corpo.” In: LOURO, Guacira Lopes; NECKEL, Jane Felipe; GOELLNER, Silvana Vilodre. (Orgs.) Corpo gênero e sexualidade: um debate contemporâneo. Petrópolis, Vozes, 2003.

GARCIA-ROZA, L. A. O mal radical em Freud.  Rio de Janeiro; J. Zahar, 1990.

KELLNER, Douglas. A cultura da mídia. Bauru, SP: EDUSC, 2001.

NASCIMENTO, C; PRÓCHNO C. C; SILVA, L. C. O corpo da mulher contemporânea em revista. Fractal: Revista de Psicologia, [S.L.], v. 24, n. 2, p. 385-404, ago. 2012.

NUNES, S. A. O feminino e seus destinos: maternidade, enigma e feminilidade. In BIRMAN, Joel. Feminilidades. Rio de Janeiro: Contra Capa, 2002, p.35-57.

Revisão de Bourdieu, Pierre (2012), Sur l’État. Cours au Collège de France (1989-1992). Paris: Raisons d’Agir/Seuil, 672 pp.

SILVA, H; REY, S. A beleza e a feminilidade: um olhar psicanalítico. Psicologia: Ciência e Profissão, [S.L.], v. 31, n. 3, p. 554-567, 2011.

SILVA, M. Espelho, espelho meu. Brasília, 2018.

SOUTO, S; FERRO-BUCHER, J. Práticas indiscriminadas de dietas de emagrecimento e o desenvolvimento de transtornos alimentares. Revista de Nutrição, [S.L.], v. 19, n. 6, p. 693-704, dez. 2006.

VALDIVIA, O. Psicanálise e feminilidade: algumas considerações. Psicologia: Ciência e Profissão, [S.L.], v. 17, n. 3, p. 20-27, 1997.

VIANNA, C. Da imagem da mulher imposta pela mídia como uma violação dos direitos humanos. Minas Gerais.

WOLF, N. O mito da beleza, 1990.

[1] Laurea in corso in Psicologia.

Inviato: settembre, 2020.

Approvato: settembre 2020.

3.5/5 - (15 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita