Prospettive sulla qualità della vita degli anziani che lavorano

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/qualita-della-vita
5/5 - (1 vote)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ROCHA, Felipe Queiroz Dias[1], PICCIONE, Marcelo Arruda[2]

ROCHA, Felipe Queiroz Dias. PICCIONE, Marcelo Arruda. Prospettive sulla qualità della vita degli anziani che lavorano. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, ed. 11, vol. 10, pagg. 82-100. Novembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/qualita-della-vita, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/qualita-della-vita

ASTRATTO

L’invecchiamento ha numerose conseguenze biopsicosociali negli anziani e nel loro rapporto con le altre persone. All’interno della Psicologia Sociale, l’indice di soddisfazione è il principale indicatore dell’esperienza di un soggetto rispetto alla sua qualità di vita. L’interesse per l’area della vecchiaia è cresciuto, in considerazione di ciò, il presente articolo, si interroga sulla qualità della vita degli anziani che lavorano, conducendo un’indagine con un gruppo di anziani che lavorano. L’obiettivo era osservare la qualità della vita degli anziani che lavorano secondo la loro prospettiva. I dati sono stati raccolti da 36 anziani di età compresa tra 65 e 87 anni, ± 5,4, media 71,5 e mediana 71 che attualmente lavorano; a tale scopo sono stati utilizzati 36 questionari WHOQOL identici. Il test del chi quadrato non parametrico è stato applicato per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa. Tra i risultati, si evidenzia che l’80,55% Totalmente D’accordo con la premessa che suggerisce di essere pienamente realizzati quando sono in intima comunione con Dio; Il 72,22% dei volontari Totalmente d’accordo con l’ipotesi di essere soddisfatto e realizzato della propria vita, xo2=15,54 e x2c=7,81, con una differenza statisticamente significativa; Il 50% afferma che la vita ha molto significato, xo2=8,30 e x2c=9,48, senza differenze statisticamente significative; il 47,22% ha dichiarato di avere un accesso Medio alle informazioni giornaliere, xo2=11,40 e x2c=9,48, con una differenza statisticamente significativa; il 41,66% classifica come media le opportunità di svago che ha, xo2= 4,41 e x2c=9,48, senza differenze statisticamente significative; 38,88% Totalmente in disaccordo con la premessa che non trovano soddisfazione quando pregano da soli, xo2=7,59 e x2c=11,07, senza differenze statisticamente significative e 36,11% Totalmente d’accordo con l’ipotesi che sentono che ci siano molti conflitti e infelicità nella vita , xo2=6,09 e x2c=11,07, senza differenze statisticamente significative. Si è notato che i lavoratori anziani tendono ad avere prospettive diverse, ma più inclini a risposte positive, riguardo ai vari aspetti indagati della loro vita, che, a loro volta, denotano il loro livello di qualità.

Parole chiave: invecchiamento, biopsicosociale, soddisfazione, vecchiaia.

INTRODUZIONE

La qualità della vita è un attributo sfaccettato nei vari ambiti professionali che la studiano. All’interno della Psicologia Sociale, l’indice di soddisfazione è l’indicatore principale e il riferimento principale del valore dell’esperienza di un soggetto. Nel frattempo è cresciuto l’interesse per l’area della vecchiaia (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006), in considerazione di ciò, il presente articolo si interroga sulla qualità della vita degli anziani che lavorano, conducendo un’indagine con un gruppo di lavoratori di età pari o superiore a 65 anni.

Ci sono tre modi distinti in cui un individuo può raggiungere la vecchiaia. La prima è detta vecchiaia con patologia ed è caratterizzata dalla presenza di una o più malattie che limitano troppo i compiti del soggetto, al punto che le funzioni che un tempo svolgeva sono scomparse (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

La seconda è la vecchiaia abituale o normale ed è il processo di invecchiamento accompagnato da disfunzioni fisiche o psichiche in misura lieve, che provocano cambiamenti frazionari nella vita comune degli anziani (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

La terza è la vecchiaia riuscita o ottimale e riguarda il processo di mantenimento della piena salute come al momento del picco di vigore, riproducendo anche una condizione soddisfacente tangente al benessere (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

Si comprende quindi che l’invecchiamento comporta trasformazioni biopsicosociali in ciascun individuo e, quindi, non è corretto intendere questo fenomeno come una patologia, poiché si tratta di un ciclo in cui l’essere umano è più predisposto alla malattia. È un momento in cui le persone si ammalano di più (ZIMERMAN, 2000).

L’invecchiamento trasforma anche lo stato degli anziani e il loro rapporto con le altre persone a causa di: cambiamento delle attribuzioni familiari e sociali, cessazione della vita lavorativa, riduzione dell’interattività interpersonale, problemi economici e rischio di subire qualche atto di violenza (ZIMERMAN, 2000) .

Dopo un lungo periodo di lavoro, il matrimonio è un fattore prezioso nella costruzione dello status sociale del soggetto. Quando si verifica la perdita del coniuge, l’anziano sente solitudine e tristezza e non ha previsioni sul futuro, che genera sofferenza a causa dell’assenza di una comunicazione significativa e di cure speciali, oltre all’eliminazione della funzione sociale e all’emergere di sentimenti di inutilità e mancanza di scopo nella vita (SIMKUNAS e ANJOS, 2001).

Per sbarazzarsi della solitudine, l’alternativa a cui ricorrono è la ricerca di pratiche collettive, come le attività fisiche, come modo per rimanere in azione, allontanandosi dallo stato di solitudine (SIMKUNAS e ANJOS, 2001).

Con un maggiore accesso all’informazione e alla partecipazione, gli anziani hanno avuto opportunità nei più diversi ambiti, anche nell’ambito del tempo libero, di esprimere la propria esistenza, il proprio apprendimento, la propria importanza come cittadini con diritti e garanzie legali, il proprio invecchiamento e i livelli di del loro effettivo contributo all’interno della società (DE GÁSPARI e SCHWARTZ, 2005).

Così gli stereotipi di inerzia, sedentarietà, accomodamento, tristezza, indisposizione, stanchezza, dolore costante, isolamento, depressione e mancanza di prospettive in questa fase della vita svaniscono gradualmente verso la progressiva partecipazione e adesione alle innumerevoli opportunità che si offrono ai soggetto anziano in diverse aree della società. Questo fatto ha attirato l’attenzione perché in ogni luogo di presenza o convivenza sociale si può osservare la presenza di anziani sempre più consapevoli della propria capacità di cambiare l’attuale situazione di esclusione sociale che li stigmatizza alla condizione di cittadini di serie B e modificare i livelli della loro qualità di vita (DE GÁSPARI e SCHWARTZ, 2005).

Esperienze emotive significative nell’ambito del tempo libero comprendono una serie di bisogni umani radicali che possono corroborare il processo di sviluppo durante l’intero periodo vitale, nonché per l’innalzamento dei livelli qualitativi di vita della popolazione, soprattutto quelli concentrati nei centri urbani della regione, società contemporanea (DE GÁSPARI e SCHWARTZ, 2005).

Tuttavia, la ricerca di Colalto (2002) indica che solo il 25% degli anziani ha molte opportunità di svago, il 50% ha un’opportunità media, il 20% molto poco e solo il 5% ha questa opportunità completamente. Lo stesso autore afferma inoltre che solo il 40% degli anziani è soddisfatto del servizio sanitario di cui dispone.

Un altro aspetto di grande rilievo in questo periodo è la religiosità. Quello che succede è che professare una fede rende più facile per gli anziani superare quest’ultima fase della vita (ARAÚJO, 1999).

La religiosità può quindi essere considerata come una sfaccettatura che favorisce il benessere nella vecchiaia, poiché in questo periodo sono state essenziali la cooperazione alle attività costruttive e la presenza di luoghi di buon stimolo, associati alle credenze. La spiritualità può essere correlata a una maggiore resilienza nell’anzianità (MARGAÇA e RODRIGUES, 2019).

In altre parole, la compartecipazione alle opere religiose, così come l’adesione a dottrine e dogmi, può essere collegata alla felicità inducendo significativamente la composizione che il senior crea sul mondo, tra il bene e il male. Pertanto, la religione può svelare lo scopo della vita e consentire il benessere (PANZINI et al., 2007).

La religione è un attributo che plasma l’individuo attraverso una fede particolare, che simboleggia l’incontro personale con l’entità divina (DINIZ, 2003).

Gli atti (riti) ei detti (miti) sono fondamentali in tutte le sette e religioni, e sono, quindi, gli elementi che corroborano la produzione di simboli di ciò che è sacro in noi. Pertanto, la religione può essere definita come l’attributo che verifica le realtà vitali che la coscienza non è in grado di assimilare, che provoca il sentimento di unità e di piena interezza umana quando raggiunge lo stato di piena fruizione psicologica (BAPTISTA, 2003).

C’è indistinzione tra i diversi stili di vita guidati dagli anziani per quanto riguarda la deprecazione spirituale. La maggior parte di loro dice preghiere per ottenere amore, salute o pace, per dilemmi all’interno della famiglia, per ringraziare la divinità, tra le altre cause (ORLANDO et al., 2008).

Pertanto, il 15,53% degli anziani si dice insoddisfatto della vita. Questo fenomeno è associato a coloro che sono donne, analfabeti, hanno fino a quattro anni di scolarizzazione e hanno un reddito inferiore a due salari minimi. Tuttavia, questa prevalenza è considerata bassa, nonostante evidenzi la necessità di azioni a favore dell’uguaglianza di genere e dell’accesso degli anziani all’istruzione (REINERS et al., 2020).

Nel caso degli anziani che vivono in famiglie multigenerazionali, coloro che vivono in sistemazioni mono o bigenerazionali hanno dimostrato una maggiore soddisfazione per la vita rispetto a coloro che vivono in famiglie trigenerazionali, che, a loro volta, sono associate al sesso femminile, alla vedovanza e più bambini ( OLIVEIRA et al., 2020).

Infatti, la sensazione di significato positivo, di avere un vero scopo nella vita (che è soggettivo) e di tranquillità riguardo al futuro aumenta e trascende quella dei giovani man mano che i soggetti vivono e maturano (FREITAS, 2020) .

Lo scopo e l’apprezzamento della vita sono domande che favoriscono il benessere e aumentano di un terzo l’emissione di azioni e sentimenti legati a: accettazione di sé, sane relazioni sociali, progressione personale, controllo dell’ambiente e obiettivo, sebbene aumentino molto poco alla soddisfazione per la vita e all’emergere di emozioni assertive, oltre a ridurre molto poco l’emancipazione delle emozioni controproducenti, a differenza della tranquillità sul futuro, che favorisce il benessere e aumenta significativamente gli agenti emotivi assertivi e la soddisfazione per la vita, mentre controproducente le emozioni sono ridotte al minimo in presenza di questa serenità (FREITAS, 2020).

Coloro che pongono una ragione per la propria vita hanno abilità sociali più sviluppate e sono più inclini a discernere e rivolgersi al supporto necessario quando necessario: il benessere o la felicità derivano dallo scopo esistenziale dato alla vita. Questo motivo è responsabile di influenzare leggermente e positivamente il miglioramento psicologico e il modo in cui i soggetti affrontano le loro sfide. È valido che le persone si aspettino un futuro di buon auspicio nell’ansia di essere motivate di fronte alle disavventure tipiche della vita e di diminuire i tassi di ansia e altri sintomi legati a ciò che potrebbe accadere (FREITAS, 2020).

Nel frattempo, si vede il valore di avere nelle aziende soggetti maturi, come i senior, che sappiano collaborare con il progresso, con l’equilibrio emotivo e nel trovare la risposta più adeguata ai bisogni organizzativi (FREITAS, 2020).

Pertanto, vengono sollevate diverse domande su come l’invecchiamento sarà considerato dalle società in futuro (VELOZ; NASCIMENTO-SCHULZE e CAMARGO, 1999).

Tuttavia, si è stabilito come obiettivo generale quello di indagare la prospettiva che gli anziani che lavorano sulla qualità della vita in alcune aree.

Nello specifico, si è cercato di:

  • Scopri come stanno i lavoratori anziani quando continuano ad esercitare pratiche lavorative;
  • Offrire agli anziani che lavorano la possibilità di esprimere le loro prospettive sullo stato di alcuni aspetti della loro vita;
  • Analisar com criticidade a situação geral da vida dos idosos que trabalham conforme as suas próprias perspectivas.

METODOLOGIA

PARTECIPANTI

I dati sono stati raccolti da 36 individui di entrambi i sessi (88,90% uomini e 11,10% donne) di età pari o superiore a 65 anni (che è l’età ufficiale per la cessazione dell’attività lavorativa, secondo l’OMS) e che attualmente stanno lavorando. L’età media ottenuta è di 71,5 anni, la fascia di età è di 22 anni, la mediana è di 71 anni e la deviazione standard è di 5,4.

MATERIALI

Ha utilizzato 36 questionari WHOQOL esattamente uguali per valutare la qualità della vita degli anziani, poiché questo materiale è riconosciuto a livello internazionale come uno strumento favorevole al raggiungimento degli obiettivi di cui sopra.

Il suddetto questionario si è articolato in tre fasi: la prima è stata una breve caratterizzazione del partecipante; nella seconda fase vi sono state domande chiuse su vari aspetti che coinvolgono la vita degli anziani, alle quali si dovrebbe rispondere in base al livello di apprezzamento di tale domanda; l’ultima parte conteneva proposizioni affermative e negative che livellano la prospettiva del volontario rispetto a quella stessa proposizione.

PROCEDURE

I dati sono stati raccolti da un campione accidentale nei mesi di gennaio e febbraio, ovvero gli anziani che si trovavano nelle suddette condizioni sono stati intervistati personalmente e avvicinati in ogni circostanza fattibile quando incontrati occasionalmente. Tutti i volontari sono stati trovati nella città di San Paolo, così che 15 erano a Mooca, sei a Brás, altri sei a Sé, cinque a Zona Cerealista, tre a Vila Mariana e uno a Cambuci.

All’inizio ci presentiamo e spieghiamo lo scopo della ricerca. Quindi, se la persona avvicinata soddisfa il profilo definito per gli obiettivi definiti e accetta di partecipare, gli invieremo il Free and Informed Consent Term (ICF) e il questionario da compilare, oltre a chiarire eventuali dubbi.

Questo progetto è stato presentato e approvato dal Comitato Etico della Ricerca (CEP) n. 017/2005 e CAAE[3] 005.0.237.000.05.

RISULTATI E DISCUSSIONE

I risultati ottenuti attraverso la raccolta dei dati con il materiale utilizzato (WHOQOL) sono stati tabulati e verranno presentati e discussi di seguito sulla base della letteratura consultata e in relazione tra loro.

Tabella 1 – Fino a che punto la vita ha un significato

Misurare F %
Qualsiasi cosa 1 2,77
Molto poco 3 8,33
Più o meno 9 25
Abbastanza 18 50
Estremamente  5 13,88
Totale 36 100

Fonte: autore.

La tabella 1 mostra che le variabili più votate dai partecipanti sono state le alternative Quite e More or less, rispettivamente con 50% e 25%. Sempre per quanto riguarda la misura del senso della vita, il 13,88% dei partecipanti ha scelto l’opzione Estremamente, l’8,33% ha scelto Molto poco e il 2,77% Niente.

Con l’intento di verificare se esiste una differenza statisticamente significativa è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico. Sono stati ottenuti xo2=8,30 e x2c=9,48, senza differenze statisticamente significative. Vale la pena notare che ngl=4 e α=0,05.

Nella Tabella 1, è evidente che la maggior parte delle risposte si riferiscono alla valutazione positiva. A questo proposito, si comprende che il significato della vita è direttamente correlato a una serie di caratteristiche relative a diverse tavole presentate in questo lavoro, che riguardano il tempo libero, i sentimenti quotidiani, la realizzazione personale, la religiosità, tra gli altri. .

Per quanto riguarda la famiglia, gli studi di Simkunas e Anjos (2001) indicano che molto tempo di lavoro, il matrimonio è un fattore prezioso per la costruzione dello status sociale e nella perdita di uno di questi fattori il soggetto si sente solo, senza futuro aspettative. , in modo che soffrano dell’assenza di comunicazione apprezzabile e di cure speciali, perdendo anche la loro funzione sociale, e quindi siano esposti a sentimenti di inutilità e mancanza di scopo nella vita. Tuttavia, tra i partecipanti non sono state raccolte informazioni più dettagliate su questo aspetto.

D’altra parte, secondo Panzini et al. (2007), la religione è una questione che può svelare lo scopo della vita e consentire il benessere. Possiamo vedere nelle Tabelle 4 e 7 che i partecipanti erano abbastanza ricettivi a questo aspetto, poiché nella prima tabella menzionata il 63,87% non è d’accordo fino a un certo grado di essere insoddisfatto quando prega da solo e, nella seconda, l’80,33% Totalmente d’accordo sul fatto che ha pieno soddisfazione nell’intima comunione con Dio, che configura un consenso tra queste premesse.

In questo modo, il significato attribuito alla vita degli anziani deve passare attraverso il setaccio della loro religione. Nelle parole di Margaça e Rodrigues (2019), la religiosità è considerata un elemento favorevole al benessere in età avanzata, quindi le credenze aderite sono state essenziali in questo periodo. La spiritualità può anche essere correlata a una maggiore resilienza nell’anzianità. Araújo (1999) conferma quando afferma che professare una fede rende più facile per gli anziani superare quest’ultima fase della vita.

Inoltre, Freitas (2020) afferma che la sensazione di significato positivo, di avere un vero scopo (soggettivo) nella vita e di avere tranquillità per il futuro aumenta nel corso della vita e della maturazione e trascende quella dei giovani.

Freitas (2020) afferma inoltre che il senso e l’apprezzamento della vita sono substrati influenti nel benessere e aumentano di un terzo l’emissione di azioni e sentimenti legati a: accettazione di sé, sane relazioni sociali, progressione personale, controllo dell’ambiente e obiettivo. , pur avendo un piccolo aumento della soddisfazione per la vita, a differenza della tranquillità per il futuro, che influenza il benessere e aumenta ancora in modo significativo i fattori emotivi assertivi e la soddisfazione per la vita, oltre a ridurre le emozioni controproducenti.

Freitas (2020) conclude affermando che coloro che trovano una ragione per la propria vita hanno competenze sociali più sviluppate e sono in grado di discernere meglio e ricorrere al supporto necessario quando ne hanno bisogno, poiché il benessere o la felicità derivano dallo scopo esistenziale dato alla vita. Questo motivo è responsabile di influenzare leggermente e positivamente il miglioramento psicologico e il modo in cui i soggetti affrontano le loro sfide.

Tabella 2 – Disponibilità delle informazioni giornaliere

Disponibilità F %
Qualsiasi cosa 2 5,55
Molto poco 6 16,66
Medio 17 47,22
Molto 5 13,88
Completamente 6 16,66
Totale 36 100

Fonte: autore.

Si può notare nella tabella 2 che per quanto riguarda la disponibilità dell’informazione quotidiana, il 47,22% degli anziani classifica il proprio accesso ad essa come Medio, il 16,66% afferma che è molto piccolo e un altro 16,66% lo dichiara completamente, oltre al 13,88% che valutalo come Molto. Solo il 5,55% per l’alternativa Niente.

Per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato. Sono stati ottenuti xo2=11,40 e x2c=9,48, con una differenza statisticamente significativa. È anche notevole che n.g.l.=4 e α=0,05.

Per quanto riguarda la tabella, le opinioni sono divise e ben equilibrate per quanto riguarda la disponibilità delle informazioni quotidiane, nonostante una leggera prevalenza di accesso alle stesse.

Zimerman (2000) afferma che il processo di invecchiamento trasforma lo stato degli anziani e il loro rapporto con le altre persone a causa di: cambiamenti nelle attribuzioni familiari e sociali, cessazione della vita lavorativa, riduzione dell’interattività interpersonale, problemi finanziari e rischio di subire qualche atto di violenza nelle strade. Il verificarsi di queste trasformazioni richiede l’ottenimento di informazioni da effettuare. Quello che ci si può chiedere è: da dove provengono queste informazioni (o dovrebbero provenire): dalla tua ricerca autonoma, dal sostegno dei familiari o da un altro lato? Non è chiaro se i partecipanti volontari ricevano o si aspettino di ricevere supporto in questo senso perché potrebbero avere difficoltà a utilizzare mezzi di comunicazione più moderni, come i computer, per ottenere informazioni generali sulle loro più svariate esigenze, o se possono farlo da soli.

Tuttavia, è anche necessario discutere la possibilità che questo tema sia generalista e non includa aspetti più specifici relativi alle opinioni e all’analisi individuale degli intervistati. Pertanto, sarebbe interessante dettagliare queste informazioni in quanto relative ad azioni sia nella vita, in generale, sia nello svolgimento di funzioni, anche professionali, e in merito a questioni relative alla salute e alle opportunità per il tempo libero o l’istruzione.

Tuttavia, De Gáspari e Schwartz (2005) ipotizzano che vi sia un maggiore accesso alle informazioni per gli anziani, al fine di consentire loro di partecipare a opportunità di attività nei settori più diversi, che decostruiscono gli stereotipi di inerzia, stile di vita sedentario, alloggio, tristezza, indisposizione. , stanchezza, dolore costante, isolamento, depressione e mancanza di prospettive a scapito della progressiva partecipazione e adesione alle innumerevoli opportunità offerte agli anziani negli spazi più diversi della società.

Tabella 3 – Opportunità di svago

Opportunità F %
Qualsiasi cosa 7 19,44
Molto poco 7 19,44
Medio 15 41,66
Molto 4 11,11
Completamente 3 8,33
Totale 36 100

Fonte: autore.

Si può notare nella Tabella 3 che la maggioranza (41,66%) degli anziani intervistati valuta l’accesso al tempo libero come Medio. Pertanto, il 19,44% ha scelto l’opzione Molto poco, oltre a Niente (un altro 19,44%). L’11,11% e l’8,33% hanno invece scelto rispettivamente le opzioni Molto e Completamente.

Il test del chi quadrato non parametrico è stato utilizzato per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa; Sono stati ottenuti xo2=4,41 e x2c=9,48, senza differenze statisticamente significative. È anche interessante notare che ngl=4 e α=0,05.

In relazione a questo contesto è evidente un certo equilibrio tra le opinioni degli intervistati, ma è evidente anche una certa insoddisfazione per le poche opportunità di svago. È possibile che questa mancanza di tempo libero sia correlata alle attività lavorative, che richiedono tempo, ma queste informazioni dettagliate non possono essere indagate dal questionario.

Comunque sia, De Gáspari e Schwartz (2005) affermano che con un maggiore accesso all’informazione e alla partecipazione sociale degli anziani, hanno avuto opportunità nel contesto del tempo libero di esprimere la propria esistenza, il proprio apprendimento, la propria importanza come cittadini con diritti e garanzie legali, il loro invecchiamento ei livelli del loro effettivo contributo all’interno della società.

Questo, secondo De Gáspari e Schwartz (2005), decostruisce gradualmente gli stereotipi di inerzia, stile di vita sedentario, accomodamento, tristezza, indisposizione, stanchezza, dolore costante, isolamento, depressione e mancanza di prospettive in questa fase della vita per la partecipazione progressiva e adesione alle innumerevoli opportunità a disposizione degli anziani nei più svariati spazi sociali.

Nella loro ricerca, Simkunas e Anjos (2001) riferiscono che tutti i soggetti intervistati menzionano che la partecipazione a pratiche collettive, come le attività fisiche, sono modi per mantenersi lepidi e tenerli lontani dallo stato di solitudine.

Esperienze emotive significative nel microcosmo del tempo libero contemplano una serie di bisogni umani che possono sostenere il processo di sviluppo durante tutto il periodo vitale, nonché per l’elevazione dei livelli qualitativi di vita della popolazione, soprattutto quelli concentrati nei centri urbani della società. attuale, secondo De Gáspari e Schwartz (2005).

A sua volta, Colalto (2002) afferma che solo il 25% degli anziani ha molte opportunità di svago, il 50% ha un’opportunità media, il 20% molto poco e solo il 5% le ha completamente. Questi dati sono simili a quelli della tabella 3, ad eccezione della variabile Molto, che rappresenta l’11,11% delle risposte in quella tabella e il 25% nell’opera citata.

In questo quadro, l’interrogatorio di Veloz; Nascimento-Schulze e Camargo (1999) su come sarà vista la vecchiaia in futuro ha rilevanza, poiché il lavoro può assumere la condizione di occupare il tempo morto del soggetto anziano in questa fase nonostante il presunto accesso a questo tipo di attività menzionato da De Gáspari e Schwartz (2005).

Tabella 4 – Insoddisfazione nel pregare/pregare da soli

Grado di soddisfazione F %
Sono totalmente d’accordo 5 13,88
Parzialmente d’accordo 5 13,88
Sono più d’accordo che in disaccordo 3 8,33
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 3 8,33
Parzialmente in disaccordo 6 16,66
Fortemente in disaccordo 14 38,88
Totale 36 100

Fonte: autore.

Nella tabella 4 si nota che la maggior parte degli anziani che hanno partecipato al sondaggio ha dichiarato di essere totalmente in disaccordo (38,88%) sul fatto di non trovare molta soddisfazione quando si prega o pregare da soli, 16,66% parzialmente in disaccordo, 13,88% parzialmente d’accordo, un altro 13,88 % Totalmente d’accordo, 8,33% d’accordo più che in disaccordo e un altro 8,33% in disaccordo più che d’accordo.

È anche noto che xo2=7,59 e x2c=11,07; poiché, per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico; si è scoperto che una tale differenza non esiste. Si noti inoltre che n.g.l.=5 e α=0,05.

Baptista (2003) afferma che gli atti (riti) ei detti (miti) sono fondamentali in tutte le religioni e sono gli elementi che corroborano la creazione di simboli di ciò che è sacro in ogni essere umano. Pertanto, considerando la pratica della preghiera come un rito, Orlando et al. (2008) affermano che gli anziani solitamente chiedono nelle loro preghiere scopi come la benedizione familiare, l’ottenimento della pace e dell’amore e per la loro salute, oltre a ringraziare per i favori ottenuti.

Diniz (2003) afferma che la religione è un attributo che plasma l’individuo attraverso una fede particolare, il che significa un incontro personale con l’entità divina adorata; cioè, è un’esperienza individuale.

Araújo (1999) afferma che la causa del benessere degli anziani nella pratica di una religione è perché si sentono aiutati a superare più facilmente quest’ultima fase della vita.

Pertanto, secondo Margaça e Rodrigues (2019) e Panzini et al. (2007), la religione può essere considerata un aspetto favorevole al benessere e alla resilienza nella vecchiaia poiché influenza il modo in cui il soggetto interpreta il mondo.

Tabella 5 – Realizzazione e soddisfazione di vita

Felicità F %
Sono totalmente d’accordo 26 72,22
Parzialmente d’accordo 7 19,44
Sono più d’accordo che in disaccordo 2 5,55
Fortemente in disaccordo 1 2,77
Totale 36 100

Fonte: autore.

È possibile osservare nella Tabella 5 che il 72,22% degli intervistati ha scelto la variabile Totally Agree per quanto riguarda la realizzazione e la soddisfazione per la vita. Anche un altro 19,44% è parzialmente d’accordo; e 5,55% D’accordo più che in disaccordo. Solo il 2,77% ha dichiarato di essere fortemente in disaccordo. Le altre variabili, Parzialmente in disaccordo e in disaccordo più di quanto concordo, sono state eliminate perché non menzionate da nessuno dei soggetti.

È anche degno di nota che xo2=15,54 e x2c=7,81; una volta, per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato; si è scoperto che c’è una tale differenza. Si considera inoltre che n.g.l.=3 e α=0,05.

Questi risultati sono coerenti con quelli della tabella 7, che mostra che l’80,55% è totalmente d’accordo con la premessa che dice di essere in piena realizzazione quando è in intima comunione con Dio. Questa congruenza denota che la religiosità è una sfaccettatura in grado di portare appagamento e soddisfazione agli anziani, in linea anche con quanto affermato da Araújo (1999), Margaça e Rodrigues (2019) e Panzini et al. (2007).

Reiner et al. (2020) affermano che il 15,53% degli anziani è insoddisfatto della vita. Le caratteristiche demografiche prevalenti dei soggetti che segnalano tale insoddisfazione sono essere donne, analfabetismo, avere fino a quattro anni di scolarizzazione e avere un reddito mensile inferiore a due salari minimi. Vale la pena ricordare che questa prevalenza è considerata bassa.

Questi dati sono totalmente antagonisti a quelli della tabella 5, ma è facile intuire il motivo di questa incompatibilità: la demografia dei campioni è diversa, poiché i lavoratori anziani sono per lo più uomini (88,90%). Informazioni più dettagliate non sono state ottenute sul reddito e sul livello di istruzione dei partecipanti, ma è ragionevole presumere che siano sufficienti per la loro soddisfazione professionale ed economica data la prevalenza del 97,23% delle risposte che concordano con questa premessa. In considerazione di ciò, i dati ottenuti da Reiners et al. (2020) corroborano quelli della tabella 5 e viceversa, poiché i campioni sono in contrasto tra loro.

Freitas (2020) afferma che l’apprezzamento della vita è una domanda che influenza il benessere e aumenta di un terzo l’emissione di azioni e sentimenti legati a: accettazione di sé, relazioni sociali sane, progresso personale, controllo dell’ambiente e obiettivo, nonostante la poca soddisfazione per la vita cresce; diversa dalla tranquillità sul futuro, che influenza il benessere e comunque aumenta notevolmente i fattori emotivi assertivi e la soddisfazione per la vita, mentre le emozioni controproducenti diminuiscono quando c’è questa serenità e sentimenti. Vale la pena notare che Trentini, Xavier e Fleck (2006) affermano che il grado di soddisfazione è il concetto mediatore di qualità della vita in Psicologia Sociale.

Oliveira et al. (2020) concludono affermando che gli anziani che vivono in famiglie mono o bigenerazionali mostrano una maggiore soddisfazione per la vita rispetto a quelli che vivono in famiglie trigenerazionali, che, a loro volta, sono associate al sesso femminile, alla vedovanza e più figli. Il campionamento di individui insoddisfatti è compatibile con lo studio di Reiners et al. (2020).

Tabella 6 – Sentire che ci sono molti conflitti e infelicità nella vita

Pessimismo F %
Sono totalmente d’accordo 13 36,11
Parzialmente d’accordo 11 30,55
Sono più d’accordo che in disaccordo 3 8,33
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 1 2,77
Parzialmente in disaccordo 3 8,33
Fortemente in disaccordo 5 13,88
Totale 36 100

Fonte: autore.

Si può vedere nella Tabella 6 che per quanto riguarda la sensazione che ci siano molti conflitti nella vita, il 36,11% degli anziani Totalmente d’accordo, il 30,55% Parzialmente d’accordo e il 13,88% Totalmente non d’accordo. Ci sono due gruppi dell’8,33% che sono più d’accordo che in disaccordo e parzialmente in disaccordo. Solo il 2,77% non è d’accordo più di quanto sia d’accordo.

Il test del chi quadrato è stato applicato per verificare se esiste una differenza di significatività, risultando in xo2=6,09 e x2c=11,07. Si noti inoltre che ngl=5 e α=0,05.

Si noti che il 75% dei partecipanti volontari concorda sul fatto che ci sono molti conflitti nella vita, questa informazione è in contrasto con le informazioni sulle questioni religiose ottenute nelle Tabelle 4 e 7, poiché gli anziani sono per lo più soddisfatti e felici.

Questi risultati sono anche incoerenti con quelli della tabella 5. Questi indicano che il 72,22% dei volontari anziani è totalmente d’accordo con la premessa che sono realizzati e soddisfatti della propria vita.

Vale la pena citare le parole di Panzini et al. (2007), che affermano che la religione può svelare lo scopo della vita, consentire il benessere e che la partecipazione ad attività di questa natura può essere correlata alla felicità.

Forse questo contrasto è dovuto al fatto che gli anziani riconoscono che ci sono intrinsecamente momenti di turbamento e difficoltà nella lunga vita, nonostante si considerino realizzati e soddisfatti. Tuttavia, questa ipotesi non potrebbe essere ulteriormente indagata, così come altre possibili ragioni di questa opposizione.

Tavola 7 – Realizzazione piena nell’intima comunione con Dio

Risultato F %
Sono totalmente d’accordo 29 80,55
Parzialmente d’accordo 4 11,11
Sono più d’accordo che in disaccordo 2 5,55
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 1 2,77
Totale 36 100

Fonte: autore.

Si può vedere nella Tabella 7 che l’80,55% dei soggetti Totalmente D’accordo con l’affermazione che hanno una piena realizzazione quando sono in intima comunione con Dio. Solo l’11,11% è parzialmente d’accordo e il 5,55% è d’accordo più che in disaccordo. L’opzione meno menzionata era che non sono d’accordo più di quanto non sia d’accordo, dal 2,77% degli intervistati. Le variabili Parzialmente in disaccordo e Totalmente in disaccordo sono state eliminate perché non menzionate.

È interessante notare che xo2=0 e x2c=7,81; poiché il test del chi quadrato è stato applicato per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa; si è riscontrato che non vi è alcuna differenza statisticamente significativa. Vale anche la pena notare che ngl=3 e α=0,05.

Questi risultati sono simili a quelli della Tabella 5, che mostra che il 72,22% dei volontari Totally Concorda con la premessa di essere soddisfatto e soddisfatto della vita.

Pur con una curiosa differenza percentuale tra le variabili, si nota che i risultati della Tabella 7 sono compatibili con quelli della Tabella 4, in cui il 63,87% dei partecipanti dichiara di essere in qualche misura in disaccordo con la premessa di provare insoddisfazione quando prega da solo . Solo il 38,88% dichiara Fortemente in disaccordo (che è l’opzione che contrasta direttamente con l’alternativa Fortemente d’accordo, più nella Tabella 7) di tale premessa.

Le ragioni di ciò potrebbero essere la mancata comprensione della domanda (elaborata sotto forma di frase negativa dal questionario WHOQOL, che, a sua volta, è raro nel linguaggio popolare quotidiano) al momento della raccolta dei dati o dal la comunione con Dio può essere associata a pratiche diverse dalla preghiera.

Orlando et al. (2008) affermano che, indipendentemente dallo stile di vita, gli anziani pregano per vari scopi, come ottenere la pace, ottenere amore, gratitudine per un favore ottenuto e per la famiglia. Tutte queste richieste sono legate allo stato d’animo dell’essere umano, sia pure indirettamente (come il benessere di un familiare), per cui è discutibile ignorare la pratica della preghiera come mezzo di comunione con Dio. Quindi, o alcuni partecipanti davvero non hanno capito la domanda (forse per i motivi sopra citati) oppure c’è un’altra circostanza inosservata che ha portato gli anziani a optare per una maggiore diversità di alternative (forse per la mancanza di profondità fornita dalla raccolta dei dati strumento utilizzato), ritenendo che la domanda in Tabella 7 fosse meno ambigua perché si trattava di una frase affermativa.

CONCLUSIONE

Rispondendo alla domanda guida sulla qualità della vita degli anziani che lavorano, si è notato che i lavoratori anziani hanno diversi gradi di soddisfazione per gli aspetti indagati che coinvolgono la loro vita, secondo la propria prospettiva espressa nel materiale utilizzato. Tuttavia, presentano una maggiore tendenza ad essere soddisfatti che insoddisfatti nella maggior parte degli aspetti indagati, poiché hanno mostrato un maggiore apprezzamento per alcuni di essi (come la religiosità).

Questa fusione di soddisfazione e insoddisfazione solleva particolari interrogativi in ​​ciascuna sfaccettatura osservata, che non è stato possibile indagare poiché non abbiamo lavorato con un metodo di raccolta dati aperto o semi-diretto che potesse approfondire l’analisi di ciascuna area. Tuttavia, sono state aperte le porte affinché queste problematiche problematiche possano far leva su nuove ricerche che proseguono o addirittura completano questo lavoro (ad esempio: la mancanza di informazioni quotidiane e di accesso al tempo libero da parte degli anziani è dovuta a un processo di segregazione praticato dal familiare o derivante dalle ore dedicate al lavoro?).

Pertanto, si raccomanda di svolgere ulteriori ricerche per approfondire la qualità di alcuni aspetti della vita dell’anziano (soprattutto quelli che erano ambigui, indefiniti o estranei a ipotesi), anche rivelando il grado di soddisfazione di alcuni aspetti nuovi. Il materiale utilizzato era accurato per il lavoro sui dati quantitativi, ma inflessibile per l’analisi qualitativa, al fine di lasciare in sospeso la prospezione di informazioni tabulate correlate con la letteratura consultata e tra loro. Si suggerisce inoltre di condurre una ricerca simile con gli anziani che non lavorano per confrontare i risultati tra coloro che svolgono tali attività e coloro che sono già pensionati, poiché in alcuni casi è possibile riscontrare differenze significative nelle risposte le zone.

Inoltre, si stima che questo contributo scientifico possa corroborare affinché ci siano interrogativi sulla realtà vissuta da tanti anziani che lavorano e investimenti per migliorare la loro qualità di vita, soprattutto negli aspetti affrontati in cui non vi è stata prevalenza di soddisfazione.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ARAÚJO, C. D. S. F. Aspectos religiosos do idoso. In: PETROIANO, A.; PIMENTA L. G. Clínica e cirurgia geriátrica. Rio de Janeiro, Guanabara, p.8-9, 1999.

COLALTO, R. M. C. Qualidade de vida na terceira idade. In: Universidade Camilo Castelo Branco. Monografia como pré-requisito de Trabalho de Conclusão de Curso de graduação em Psicologia – p. 49. São Paulo, 2002.

DE GÁSPARI, Jossett Campagna; SCHWARTZ, Gisele Maria. O idoso e a ressignificação emocional do lazer. Psicologia: Teoria e Pesquisa. Araras, nº 1, v.21, p.69-76, 2005. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 31 de maio. 2021. ISSN 1806-3446. https://doi.org/10.1590/S0102-37722005000100010.

DINIZ, L. Espiritualidade e Arte Terapia. In: Arte Terapia Coleção Imagens da Transformação. Revista POMAR. Rio de Janeiro, nº 10, v.10, p.109-124, 2003.

FREITAS, Lucia Helena Walendy de. A influência do sentido da vida sobre o bem estar. Archives of Health. Curitiba, nº 1, v.6, p.432-447, 2020. Disponível em https://latinamericanpublicacoes.com.br. Acessado em 9 de junho. 2021. ISSN 2675-4711. https://doi.org/10.46919/archv1n6-006.

MARGACA, Clara; RODRIGUES, Donizete. Espiritualidade e resiliência na adultez e velhice: uma revisão. Fractal: Revista de Psicologia. Niterói, nº 02, v. 31, p.150-157, 2019. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1984-0292.  https://doi.org/10.22409/1984-0292/v31i2/5690.

OLIVEIRA, Maria Clara Gonçalves Monteiro de; SALMAZO-SILVA, Henrique; GOMES, Lucy; MORAES, Clayton Franco; ALVES, Vicente Pauo. Elderly individuals in multigenerational households: Family composition, satisfaction with life and social involvement. Estudos de Psicologia. Campinas. v. 37, p.1-11, 2020. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 1 de junho. 2021. ISSN 1982-0275. https://doi.org/10.1590/1982-0275202037e180081.

ORLANDO, Cássia; DIAS, João Carlos; BRASIL, Ricardo Taveiros; ARAÚJO, Tiago Coelho; BURITI, Marcelo de Almeida. Religiosidade na dimensão biopsicossocial do sujeito idoso. In: Universidade São Judas Tadeu – USJT. Artigo apresentado no XIV Simpósio Multidisciplinar da USJT realizado em 2008. São Paulo.

PANZINI, Raquel Gehrke; ROCHA, Neusa Sica da; BANDEIRA, Denise Ruschel; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de Vida e Espiritualidade. Revista de Psiquiatria clínica. São Paulo. v. 34, n. 1, p.105-115, 2007. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 28 de janeiro. 2021. https://doi.org/10.1590/S0101-60832007000700014.

REINERS, Annelita Almeida Oliveira; AZEVEDO, Rosimeiry Capriata de Souza; CARDOSO, Joana Darc Chaves; ESPINOSA, Mariano Martinez; SANTANA, Aenne Zandonadi Rodrigues. Dissatisfaction with life and associated factors in older community-dwelling adults. Revista Brasileira de Geriatria e Gerontologia. Rio de Janeiro. v. 23, n. 6, p.1-9, 2020. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 1 de junho. 2021. ISSN 1981-2256. https://doi.org/10.1590/1981-22562020023.190236.

SIMKUNAS, J. B.; ANJOS, K. C. Namoro na velhice: UM estudo sobre os relacionamentos amorosos. In: Universidade São Judas Tadeu. Trabalho de conclusão de curso – Curso de Psicologia, Núcleo de Psicologia Organizacional – p. 66. São Paulo, 2001.

TRENTINI, Clarissa Marceli; XAVIER, Flavio M. F.; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de vida em idosos. In: PARENTE, M. A. M. P. Cognição e envelhecimento. Porto Alegre, Artmed (1ed), p. 19-20, 2006.

VELOZ, Maria Cristina Triguero; NASCIMENTO-SCHULZE, Clélia Maria; CAMARGO, Brigido Vizeu. Reflexões sociais do envelhecimento. Psicologia: Reflexão e Crítica. Porto Alegre, v. 12, nº 12, p. 470-501, 1999. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 21 de setembro. 2020. https://doi.org/10.1590/S0102-79721999000200015.

APPENDICE – NOTA A PIÈ

3. Certificado de Apresentação de Apreciação Ética – Attestato di presentazione di apprezzamento etico.

[1] Master in Scienze dell’Educazione della Facoltà di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’Università di Porto (FPCEUP); Master in Educazione e Formazione degli Adulti di FPCEUP; Psicologo e laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

[2] Specialista in Psicologia dello Sport e dell’Attività Fisica dell’Instituto Sedes Sapientiae. Psicologo e laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

Inviato: Ottobre 2021.

Approvato: Novembre 2021.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 113238
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?