REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Danno psicosociale causato dalla vitiligine: l’importanza di guardare il corpo

RC: 117655
561
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ROCHA, Marizete Oliveira [1], MARTINS, Luciana Melo [2]

ROCHA, Marizete Oliveira. MARTIN, Luciana Melo. Danno psicosociale causato dalla vitiligine: l’importanza di guardare il corpo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, ed. 12, vol. 02, pag. 163-178. Dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/vitiligine

RIEPILOGO

La vitiligine è una dermatosi che provoca macchie bianche sulla pelle, ha forme e dimensioni diverse, compare in qualsiasi parte del corpo e può portare a deturpazioni estetiche, oltre a causare danni psicosociali nella vita del paziente colpito. Senza una forma di prevenzione e un’eziologia indefinita, la vitiligine non distingue tra sesso, età ed etnia, può colpire tutti i tipi di pelle. Non è contagioso e non compromette la funzionalità dell’individuo, si presenta come una delle dermatosi più inquietanti nella descrizione della letteratura e provoca sentimenti di autoironia. È importante che il trattamento sia integrato, coinvolgendo operatori sanitari impegnati nel benessere psicosociale del paziente dermatologico. L’obiettivo era la conoscenza dei danni psicosociali causati dalla vitiligine nelle persone colpite. Metodologia: Revisione bibliografica, inclusione Opere pubblicate dal 2002 al 2016. Sono state escluse quelle che non contemplavano l’obiettivo dello studio, a seguito dell’analisi dei contenuti selezionati e dell’analisi dei risultati. Nella selezione sono stati scelti studi i cui obiettivi hanno mostrato notevoli e numerosi danni psicosociali a questi pazienti in vari contesti, marcando i loro comportamenti quali: vergogna, depressione, ansie, impotenza, tristezza, isolamento sociale, difficoltà nelle relazioni e nel lavoro, idealizzazione suicida , tra gli altri. Da qui la necessità di un nuovo sguardo alla comprensione e all’empatia degli operatori sanitari coinvolti nel trattamento dei pazienti con malattie della pelle.

Parole chiave: vitiligine e cura, effetti psicosociali, corpo in psicoanalisi.

1. INTRODUZIONE

Secondo la letteratura, la vitiligine è una condizione della pelle che si presenta con macule bianche in alcune sedi cutanee (ROSA; NATALI, 2009; SILVA et al., 2007). La forma e la posizione delle macchie danno luogo alla loro classificazione (VIZANI et al., 2014). Per quanto riguarda il trattamento, vengono proposte diverse forme, anche se lente e non sempre efficaci, tra cui la medicazione orale, la terapia con agenti fisici come, ad esempio, il laser ad eccimeri, il ripristino del pigmento cutaneo e anche gli interventi chirurgici con trapianto di melanociti. È comune per le persone che hanno questa condizione lamentarsi del pregiudizio e dello stigma che spesso sperimentano, che sono una delle maggiori difficoltà incontrate da questi pazienti (SILVA et al., 2007).

Sebbene non sia contagiosa e non comprometta la funzionalità dell’individuo, la vitiligine è una delle malattie della pelle che si presenta come una delle più inquietanti nella descrizione della letteratura, in quanto la lesione solitamente provoca sentimenti come vergogna, ansia, tristezza nelle persone colpite, insicurezza, impotenza, oltre a condizioni come l’isolamento sociale e la depressione, che possono portare all’idealizzazione suicida (NETO et al., 2015). Tuttavia secondo Nogueira; Zancanaro; Azambuja (2009) le macule sono considerate da alcuni professionisti in campo medico, solo come una questione estetica perché non compromettono la salute fisica dell’individuo e finiscono per trascurare un fattore di grande rilevanza come i danni psicosociali di questo paziente, che sperimenta la sfida di accettare se stesso e di essere socialmente accettato.

Nella visione psicoanalitica, le dermatosi croniche possono essere suggerite come malattie somatiche, in cui il corpo è un mezzo o veicolo di appagamento istintuale. Questo stesso corpo diventa anche un veicolo o un mezzo per esprimere dolore e sofferenza, quindi il corpo biologico non è l’oggetto di studio della psicoanalisi, ma ciò che è nell’inconscio di questo corpo (FERNANDES, 2003). Secondo Piera (1991) il corpo si manifesta attraverso vari segni, rendendosi visibile. Il corpo manifesto che pronuncia un corpo latente rimasto nascosto assume poi l’emozione e la sofferenza somatica come speciali messaggeri della psiche nelle sue manifestazioni sul piano somatico. Secondo Weinman; Petrie; Morris (1996) ogni paziente ha una rappresentazione della propria condizione che è unica, questi autori affermano che l’individuo con dermatosi ha le proprie convinzioni individuali sull’identità, la causa, la durata e la cura della propria condizione, da qui l’importanza di un trattamento completo, perché il trattamento clinico e psicoterapeutico contribuirà in modo più efficace al benessere psicosociale di questo paziente. Pertanto, è importante che il professionista sappia come la vita di questo individuo può essere influenzata dalla dermatosi, il contesto reale in cui è inserito e le strategie che possono aiutarlo ad affrontare le situazioni quotidiane (PEREIRA; OLIVEIRA, 2012).

La giustificazione accademica di questa ricerca è stata la generazione di conoscenze sulla vitiligine, oltre a fornire una riflessione sull’importanza del contorno psicoterapeutico nei pazienti con questa condizione della pelle. La giustificazione per la società era la possibilità di portare informazioni su aspetti di questa dermatosi poco conosciuti socialmente, che per questo motivo possono causare disprezzo inappropriato per l’individuo colpito. Si tratta di una ricerca bibliografica con approccio qualitativo, in cui l’obiettivo generale consisteva nella ricerca della conoscenza dei danni psicosociali causati dalla vitiligine nella vita delle persone colpite.

2. METODOLOGIA

È stata scelta una rassegna bibliografica con un approccio qualitativo perché considerata uno strumento di ricerca scientifica che si basa sulle evidenze di studi già preparati e pubblicati. Secondo Gil (2008), la ricerca bibliografica è uno studio che si sviluppa sulla base di materiali scientifici già preparati, principalmente in libri e articoli. Secondo questo autore, la ricerca può optare per un approccio che seguirà, nel caso dell’approccio qualitativo, il suo obiettivo non è l’analisi dei dati metrici, ma la conoscenza e la comprensione di un gruppo sociale, un’organizzazione, tra gli altri.

Sono stati seguiti i seguenti passaggi metodologici: inizialmente, sono stati selezionati articoli per la rassegna che affrontavano questioni quali: Cosa rivelano le pubblicazioni nazionali e internazionali sul danno psicosociale causato dalla vitiligine nella vita delle persone colpite? Sono stati trovati 202 articoli, dopo aver stabilito i criteri per la selezione del campione. Criteri di inclusione per il materiale sono stati gli articoli pubblicati nel periodo dal 2002 al 2016, ad eccezione dei classici, che hanno utilizzato il tema della vitiligine e del danno psicosociale causato dalla vitiligine con abstract e testi integralmente disponibili via Internet. Criteri di esclusione erano gli articoli pubblicati al di fuori del periodo qui stabilito, anche quelli che non contemplavano l’obiettivo di questo studio e l’accesso online non disponibile o la lettura non libera. Dopo aver analizzato il contenuto di 37 opere selezionate, sono stati analizzati i risultati. La raccolta dei dati è stata effettuata attraverso una ricerca online sul sito web della Biblioteca virtuale della salute – BVS, selezionando i seguenti database: Scientific Electronic Library Online – SciELO, Latin American and Caribbean Literature on Health Sciences – LILACS), National Library of Medicine degli Stati Uniti – PubMed e Google Scholar. Gli articoli completi sono stati ottenuti dalle banche dati sopra menzionate e sono stati utilizzati i seguenti descrittori: Danni psicosociali della vitiligine, disturbi della pelle con effetti psicosociali, trattamento della vitiligine, il corpo in psicoanalisi.

La metodologia seguita è stata la “bola de neve” (DEWES, 2010), in cui, attraverso i riferimenti bibliografici degli articoli analizzati, si accedeva ad altri con temi simili.

3. REVISIONE BIBLIOGRAFICA

3.1 VITIGINE

La vitiligine è una condizione della pelle caratterizzata dalla perdita del tono naturale della pelle e provoca macule acromiche (SILVA et al., 2007), con dimensioni e forme disuguali. Può apparire in qualsiasi parte del corpo, in particolare su viso, mani, gomiti, piedi e ginocchia. Con la possibilità di leucotricia che è lo scolorimento dei capelli, indipendentemente da sesso, età ed etnia. Esistono due gruppi di classificazione della vitiligine: localizzata e generalizzata (VIZANI et al., 2014). Nel localizzato, le macchie compaiono in almeno tre parti del corpo. Questo gruppo di vitiligine si divide in tre tipi: segmentale, dove le macchie appaiono sotto forma di fasce su un lato del corpo; focale, dove le macule compaiono in almeno tre punti del corpo, questo è il tipo più comune; e il tipo mucoso, che si verifica solo sui genitali e sulle labbra (STEINER et al., 2004).

Quando la focale assume una proporzione in quasi tutti i corpi, caratterizza il secondo gruppo, essendo questo quello generalizzato che si suddivide in quattro tipi: il volgare, che ha forme simmetriche e in varie parti del corpo; il misto che si caratterizza per il misto di volgare e segmentato; universale, che è raro e interessa più del 70% della pelle e, infine, il tipo acrofacciale, che presenta macchie solo su mani, piedi e viso. Alcuni autori (ROSA; NATALI, 2009) sottolineano che la prevalenza mondiale stimata di questa dermatosi è di circa l’1%, ma la letteratura mostra una variazione dallo 0,5% al ​​4% nei più svariati paesi del mondo. La sua eziologia non è ancora definitivamente confermata, sebbene diverse teorie cerchino di spiegare la vera origine della vitiligine, nessuna di esse è riuscita a chiarire completamente la vera causa.

Molti pazienti attribuiscono l’inizio della vitiligine a un intenso stress emotivo precedentemente sperimentato, come la perdita di persone vicine, la separazione o la morte. Anche così, la maggior parte della letteratura su questa condizione dà priorità esclusivamente alle questioni mediche, richiedendo quindi ulteriori studi su questa teoria (MÜLLER; RAMOS, 2005).

Secondo Geremias; Viana (2009) oltre alle macule bianche, nella stessa persona è presente contemporaneamente anche una pelle normale, inizialmente con macchie ipocromiche[3] che poi diventano acromiche[4] dove i bordi sono ben definiti e iperpigmentati, rendendo clinicamente impossibile la prevedere l’estensione e la forma delle lesioni.

Un esame molto utile che permette di verificare l’entità della lesione e di rendere chiaramente evidente la condizione è l’esame eseguito dalla luce di Wood (SAMPAIO; RIVITTI, 2007). Questo esame riflette una luce bianco-bluastra sulla cute interessata, che è molto efficace nella diagnosi della condizione meno evidente ad occhio nudo e favorisce la diagnosi precoce e, di conseguenza, il follow-up terapeutico del paziente. Diventano necessari anche test di laboratorio, come glicemia e anticorpi, per una diagnosi più accurata (AZULAY et al., 2007). Per quanto riguarda le osservazioni microscopiche, il paziente può sottoporsi a biopsia cutanea se necessario, al fine di eliminare la probabilità di malattie che possono portare anche all’ipopigmentazione, come nel caso della lebbra (BORTOLOSO; SANTOS, 2009). Questo ulteriore criterio diagnostico è lasciato al dermatologo. Dopo la diagnosi, l’ideale è iniziare il trattamento e per questo è necessario tenere conto delle tecniche più appropriate, dei vantaggi e degli svantaggi per il paziente, perché il trattamento è individuale (PEREIRA; OLIVEIRA 2012). Oltre ai trattamenti farmacologici esistono altre alternative quali: terapia con agenti fisici come il laser ad eccimeri, ripristino del pigmento cutaneo e anche interventi chirurgici con trapianto di melanociti (VISANI et al., 2014).

Sampaio; Rivitti; Evandro (2007) afferma che quando il paziente ha più del 70% della pelle colpita, è indicata la depigmentazione, che diventa definitiva, poiché distrugge i melanociti. Questa seconda linea di trattamento è indicata solo per gli adulti, per la sua migliore capacità di assimilazione, in quanto la procedura cambierà la fisionomia del paziente in modo preciso e definitivo, curandosi con l’esposizione al sole per tutta la vita, utilizzando sempre una protezione (ZANINI; MACHADO FILHO, 2004). La realtà della persona affetta da vitiligine è solitamente piena di sfide, oltre ad affrontare la dermatosi, deve ancora affrontare rilevanti pregiudizi e stigma sociale.

È comune per le persone che hanno questa condizione riferire di essere vittime di pregiudizi e stigma che spesso sperimentano (SILVA et al., 2007). Nel corso della storia, il suo termine originario, il cui vocabolo latino Vitium, che significa “segno”, “difetto”, “macchia”, ha permesso di vedere la persona affetta da vitiligine macchiata, segnata, difettosa o priva di purezza, in questo contesto essa è stato confuso, talvolta, la vitiligine con altre malattie deturpanti (SANT’ANNA et al., 2003). L’Antico Testamento menziona varie malattie della pelle con macchie bianche, insieme nella parola ebraica Zoraat, che in greco significa “lebbra”. Questo disturbo tra le due malattie della pelle ha contribuito in modo significativo al pregiudizio in relazione alle macchie, che ha reso possibile ancora più discriminazioni con chi è affetto da vitiligine, iniziando a identificare queste persone con il senso figurato delle loro dermatosi (ISSA, 2003).

Secondo Sant’Anna et al. (2003) in condizioni cutanee come la vitiligine, lo stigma si registra nel paziente come se i suoi segni dovessero rivelare o riconoscere qualcosa della loro natura, dimostrando così una notevole mancanza di informazioni sociali che di solito è causata dalla carenza di comunicazione trasmessa. Sebbene la nostra società sia ben sviluppata in relazione alle nuove tecnologie e anche nell’informazione, questa situazione si verifica a causa della mancanza di interesse sociale nella ricerca della corretta informazione e anche delle politiche pubbliche che non offrono le condizioni per soddisfare questa esigenza, di conseguenza, una visione contraddittoria di cosa sia realmente la dermatosi (NETO et al., 2015). Disturbi come la vitiligine sono spesso associati all’idea popolare di sporco e ciò che è sporco diventa presto contagioso e quindi non bello e quindi va tenuto lontano. Il pregiudizio è uno dei principali problemi affrontati dalle persone affette dalla condizione in questione, può peggiorare la loro condizione e ridurre l’efficacia del trattamento (SILVA et al., 2007).

Secondo (NETO et al., 2015), sebbene la dermatosi non sia contagiosa, molti colpiti da questa condizione soffrono di discriminazione da parte di una società laica, che insiste nel giudicarli dal loro aspetto. La convivenza tra i malati di vitiligine e la società può influenzare negativamente o positivamente la vita psicologica dell’afflitto, a seconda degli atteggiamenti delle persone che lo circondano.

Per Goffman citato da Szabo; Brandão (2016) un individuo potrebbe essere inserito naturalmente nella relazione sociale, ma poiché ha un tratto che spicca e attira l’attenzione, finisce per allontanarsi dall’altro che non considera i suoi vari attributi. Riferisce inoltre che le imperfezioni fisiche sono tra gli stigmi in cui si inseriscono le persone affette da vitiligine, che oltre ad essere discriminate e considerate inferiori, il paziente può finire per concordare di essere inferiore dopo aver realizzato che gli standard sociali non gli si adattano e che gli altri non vedono come uguali. (TELLES; BLOC; EVANGELISTA, 2008) C’è anche autostigma, che si verifica quando i pazienti stigmatizzati identificano queste concezioni contro se stessi, iniziando a sentirsi in colpa per questa situazione. Il sentimento di vergogna fa sì che l’individuo incorpori a sé questo giudizio sociale, giustificandolo. La sofferenza vissuta dal pregiudizio può indurre la persona affetta da dermatosi a temere di seguire il trattamento e finire per cercare di nascondere la condizione che ha. Pertanto, la percezione del buon senso riguardo alle dermatosi è strettamente correlata ai valori morali socialmente riprodotti. Anche secondo questo autore, lo stigma e il pregiudizio vissuti da alcune persone con disturbi della pelle riguardano i rapporti sociali, lavorativi e familiari.

In questo senso chi è affetto da vitiligine, vive esperienze che possono causare numerosi danni psicosociali, vive la malattia come: “un castigo”, “brutto”, “sofferente”, “cattivo”, si sente discriminato, vittima di pregiudizi e curiosità . Le malattie della pelle che causano lesioni di solito causano innumerevoli imbarazzi alle persone colpite, come sentimenti di inferiorità, ansia, tristezza, tra gli altri, quindi sorge la sfida dell’accettazione e dell’essere accettati. Attualmente la pelle è considerata socialmente come un requisito di bellezza rilevante e ha un notevole valore sociale, gli inestetismi come rughe, macchie, acne, cicatrici e cellulite sono considerati segni indesiderati.

Nella società liberale del 21° secolo, la cura del corpo alla ricerca della salute e della bellezza perfetta sono routine e diventano comportamenti sempre più compulsivi, questo dimostra come gli individui più spesso pensano e agiscono per cercare la perfezione in un dato momento (ROSA et al., 2009). È nel corpo che si raggiungono le strategie di potere, facendone oggetto di investimento sociale che diventa passaggio alla produzione di differenze che oggi si diffondono attraverso il grande apprezzamento dei simboli della salute, della bellezza, della qualità della vita e anche della felicità . , nella ricerca dell’abbinamento con i modelli fisici e quindi è sempre più comune avere corpi siliconici, proiettati, guariti, ben definiti, magri e snelli che, a rigor di termini, si sottomettono a uno standard di bellezza socialmente imposto e determinano l’aspetto fisico come un simbolo della cura del corpo (BASTOS et al., 2013).

Chi soffre di vitiligine non soddisfa i requisiti di una pelle perfetta e questo è uno dei requisiti imposti per essere belli e avere successo. Il tuo corpo porta le lesioni di un affetto che culturalmente non ha alcun impegno per gli standard estetici e che, anche apparentemente innocuo, quando è in conflitto con questi standard genera complicazioni psicosociali (GOLDENBERG, 2005). È evidente nella situazione attuale in cui viviamo, dove la ricerca della “perfezione” della bellezza esteriore è molto apprezzata, tanto che le malattie della pelle hanno un potenziale stigma nel loro carattere. Gli standard di estetica e bellezza imposti dalla società odierna sono ben definiti e la maggior parte delle persone si sforza di raggiungerli. Nei pazienti con malattie della pelle, la sensazione di inadeguatezza e lo stigma sperimentato sono chiaramente evidenti di fronte a queste richieste di “normalità”. La sensazione di sentirsi discriminati per il proprio aspetto fisico accompagna costantemente il paziente, provocando grande insoddisfazione verso se stessi per il modo in cui l’altro lo vede, pertanto l’adattamento alla condizione diventa fonte di stress (SILVA; MÜLLER, 2007).

La persona affetta dalla condizione in questione non voleva essere diversa, ma standardizzarsi secondo l’estetica che predomina e mescolarsi equamente con gli altri, per non essere esposta agli occhi degli altri, potendo esercitare il suo “invisibilità” con la folla, come sottolinea Szabo; Brando (2016). La discriminazione subita spesso porta conseguenze come danni psicosociali, un’ulteriore difficoltà per questi pazienti.

3.2 PERDITE PSICOSOCIALI

I danni psicosociali in questi pazienti sono spiegati dal fatto che la pelle è l’organo più esteso del corpo umano, più esposto agli occhi delle persone e di conseguenza ai giudizi (LUDWIG et al., 2009). È comune che il paziente esprima sentimenti come insicurezza, impotenza e ansia, oltre a situazioni come isolamento sociale e depressione perché non capisce come la malattia si sia sviluppata nel proprio corpo (CORREIA; BORLOTI, 2013).

Per Vizani, et al. (2014), le persone affette da vitiligine possono svilupparsi come risultato di questa condizione: cambiamenti di personalità, bassa autostima, stress e anche interferenze nei rapporti sessuali a causa dell’imbarazzo delle loro ferite. A causa del fatto che viene solitamente confusa con altre malattie dell’ipopigmentazione, alcune persone associano il contagio alla mancanza di igiene, che può indurre il paziente a ritirarsi dalla vita sociale, poiché il modo di vedere la vitiligine ha gravi conseguenze, che provoca auto- sentimenti di disperazione che possono portare la vittima della vitiligine a provare paura e vergogna sociale (DIAS, 2005). Anche secondo questo autore, le malattie della pelle influiscono in modo significativo sulle relazioni e sulla comunicazione di questo individuo, oltre a fattori di stress psicosociali, come perdite, ansia, disoccupazione e bassa autostima.

Le lesioni influiscono sulla qualità della vita e sull’emotività del paziente in modo tale che in alcuni casi può raggiungere l’ideazione suicidaria (LAYEGH et al., 2010). Per Ludovico et al. (2008), non importa dove si trovino le lesioni, sia visibili che su mani, braccia e viso, o sul resto del corpo, se il paziente si sente esposto allo sguardo dell’altro, il danno sarà lo stesso. Secondo Nogueira; Zancanaro; La vitiligine Azambuja (2009) è considerata da alcuni professionisti del settore medico solo come un problema estetico, perché non è trasmissibile e non compromette la capacità funzionale dell’individuo, dove non ci sono lesioni muscolari o ossee e solo il compromesso estetico della pelle. Finiscono così per trascurare un fattore di grande rilevanza come il danno psicosociale di questo paziente, la dermatosi ha un effetto notevolmente devastante sull’autostima della persona colpita, poiché il suo corpo ha avuto cambiamenti estetici che non sono graditi a lui o al sociale standard.

3.3 IL CORPO NELLA PSICOANALISI

La pelle è lo specchio del funzionamento dell’organismo: la sua consistenza, colore, temperatura, umidità, secchezza e tutti gli altri aspetti riflettono lo stato psicologico e fisiologico di ogni individuo, come assicura Montagu (1988). La pelle non solo riceve segnali dall’ambiente come freddo, caldo, tra gli altri, ma cattura anche segnali dal mondo interno, come nel caso delle emozioni. La pelle, oltre a mostrare lo stato esterno ed interno degli organi, mostra anche processi psichici e reazioni in genere, è l’involucro del corpo, oltre che l’involucro psichico (ANZIEU, 1989). È come una barriera dentro-fuori, io e l’altro, io e il mondo, quindi funge da rifugio per l’individualità e “allo stesso tempo protegge, è anche il limite che si espone” (STRAUSS, 1989 ).

Si osserva che al giorno d’oggi ci sono numerosi modi in cui le persone cercano una pelle per il loro sé senza fissa dimora, come ad esempio: l’uso epidemico di steroidi anabolizzanti, botox, protesi al silicone, l’intensa organizzazione dell’aspetto del sé attraverso trattamenti estetici. , nell’attesa di trovare negli occhi dell’altro l’alloggio e l’indirizzo dell’io. Anche come simbolo di una perfezione ideale, che oggi si cerca instancabilmente di raggiungere, il corpo è iperinvestito, ma spesso è fonte di frustrazione e anche di sofferenza, “costituendosi come mezzo di espressione del malessere contemporaneo” (FERNANDES, 2003 ). Anche secondo l’autore il corpo è mezzo o veicolo di appagamento istintuale, questo stesso corpo diventa anche veicolo o mezzo per esprimere dolore e sofferenza, quindi il corpo biologico non è oggetto di studio della psicoanalisi, ma piuttosto ciò che è nell’inconscio di questo corpo, questo percorso è facilmente osservabile quando si pensa alle impasse della clinica psicoanalitica, soprattutto nei cosiddetti pazienti somatici, in quanto necessitano di un approfondimento del riferimento psicoanalitico (FERNANDES, 2003).

La pulsione non è energia fisica, ma un’energia istintiva, un’emozione che non è stata vissuta correttamente ed è per questo che è stata repressa nell’inconscio, dove è allo stato grezzo e scorre attraverso la rappresentazione sotto forma di un sintomo, senza che sia necessario farlo, compaiono direttamente. Perché è noto che qualcosa rappresentato in un luogo, il suo originale deve essere in un altro (FERNANDES, 2003). Secondo Piera (1991) il corpo si manifesta attraverso diversi segni, che diventano visibili. Il corpo manifesto che pronuncia un corpo latente rimasto nascosto assume poi l’emozione e la sofferenza somatica come speciali messaggeri della psiche nelle sue manifestazioni sul piano somatico. L’emozione è un’esperienza di cui l’io è consapevole, cioè sa cosa l’ha provocata, è qualcosa di udito, visibile che modifica lo stato somatico di chi la vive e condivide un’identificazione con chi la condivide. Ad esempio: una malattia che era nascosta e si manifesta provocando sofferenza, questa situazione può provocare una reazione nel testimone, quindi diciamo che il dolore e l’emozione sono “relazionali”, fanno una connessione tra il corpo sensoriale e un corpo relazionale. Sono messaggeri quindi perché parlano delle proprie manifestazioni somatiche e consentono anche forme di reazione diverse dagli altri.

Un fatto legato al dolore o all’emozione può spezzare una storia singolare e la costruzione che la persona farà di questo evento dipenderà non solo dalla sua particolare connessione tra il suo corpo e la sua psiche, ma anche dalla risposta che il suo dolore o la sua emozione provocheranno nell’altro. Le rappresentazioni successive si formano nel corpo dall’emozione e dal dolore e si articolano con motivazioni inconsce, così, insieme, decideranno come il soggetto attribuirà il significato storico degli eventi della sua vita. La storia dell’individuo è il copione dei segni legati al dolore e anche dell’emozione nel proprio corpo, questa è la sua identità e la storia che ha scritto in cui attribuisce significati ai suoi segni diventa un contesto che non è mai completo. Questa identità corporea, che sembra sempre definita, deve rimanere sempre aperta, sempre incompiuta, affinché l’individuo accetti i cambiamenti imposti dal tempo senza perdere il senso della permanenza. Anche per Piera (1991), questa possibilità che l’altro sia sempre mutevole, presente o assente, procurando piacere o dolore, sottopone l’io alla situazione di essere anche automodificabile, ma per sostenere la differenza è necessario che l’“io” si rappresenti come un polo stabile di questo rapporto di investimento e per continuare questa connessione dipenderà dalla possibilità di negoziazione dell’“io” tra le esigenze dell’Es e dell’altro, quindi il corpo è un mediatore tra la psiche e il mondo.

Pines (1980) riferisce che, alla nascita, la pelle è già l’organo di percezione più completo, sente i cambiamenti dal corpo caldo e accogliente della madre a un mondo esterno freddo. In questo modo la pelle diventa il mezzo di contatto fisico e anche di risposta alle emozioni che il bambino prova, sia di benessere che di angoscia. Per l’autore sopra menzionato, la pelle diventa una fonte di comunicazione pre-verbale, poiché i sentimenti inespressi possono non solo essere vissuti, ma anche osservati. Eventuali difficoltà in questa comunicazione, indipendentemente dal motivo, potrebbero portare alla frustrazione dei bisogni dei bambini e potrebbero sfociare, ad esempio, in dermatiti infantili, o addirittura creare una fissazione su questo sviluppo emotivo in corso. I sintomi sarebbero quindi messaggi portati dalla psiche. Galiás (2002) afferma che questi segni o sintomi devono essere compresi prima di ogni altra cosa e solo dopo essere eliminati. La dermatosi può rappresentare emozioni irrisolte che si presentano come manifestazioni organiche. Quindi il sintomo viene come linguaggio, manifestazione simbolica, di ciò che è rimasto nascosto (AZULAY; AZULAY, 1997).

3.4 TRATTAMENTO INTEGRATO

Nonostante diversi studi mettano in evidenza la manifestazione di conflitti inconsci nella pelle, è stato solo nel 1980 che i dermatologi si sono interessati al delicato rapporto tra corpo e psiche. Per Folks e Knney (1992) ciò è dovuto principalmente alla chiara relazione tra menomazioni psicosociali, bassa autostima e stigma sociale nei pazienti con disturbi dermatologici. È qui che la bidirezionalità corpo/psiche dà origine a un segmento della dermatologia, la psicodermatologia, che si propone di comprendere e curare il paziente in modo integrale. Nella comprensione di quest’area, oltre al contorno medico, è necessario allearsi con il contorno psicoterapeutico, nei modi più diversi: psicoterapia di supporto, di gruppo, individuale, comportamentale, tecniche di rilassamento, gruppi di auto-aiuto, uso di psicofarmaci come antidepressivi e ansiolitici e il lavoro congiunto del medico con lo psicoterapeuta.

Gli interventi con i pazienti dermatologici richiedono un trattamento individuale e unico per ogni paziente. Nogueira; Zancanaro; Azambuja (2009) sottolinea che per una migliore cura del paziente, il dermatologo deve considerare un aspetto importante della condizione: i danni psicosociali e offrire un approccio nel modo più umanizzato possibile. Perché una parola sbagliata, un’intonazione sfortunata, una frase inappropriata, possono avere esiti disastrosi per un determinato individuo, che finisce per compromettere seriamente la cura della dermatosi.

In uno studio sviluppato da Müller; Ramos (2005), con 13 pazienti di sesso femminile, tutte affette da vitiligine, mirava a verificare l’efficacia del trattamento integrato nella ripigmentazione della cute lesa, in questo studio 10 pazienti sono state seguite con un medico e uno psicologo per sei mesi, di questi, cinque hanno ricevuto cure psicologiche di gruppo, gli altri cinque hanno ricevuto cure psicologiche individuali, i restanti tre hanno ricevuto solo cure mediche per lo stesso periodo di tempo. Infine, i pazienti che hanno ricevuto un follow-up integrato hanno avuto una percentuale fino all’80% di ripigmentazione cutanea, mentre i pazienti che hanno ricevuto solo un follow-up medico hanno avuto fino al 20% della percentuale di ripigmentazione. Pertanto, questo risultato evidenzia l’importanza di un trattamento integrato nei pazienti affetti da vitiligine. È importante che il professionista sappia come la vita di questo individuo può essere influenzata dalla dermatosi, il contesto reale in cui è inserito e le strategie che possono aiutarlo ad affrontare le situazioni quotidiane, affinché possa agire nel migliore dei modi con il paziente. , contribuendo così ad un trattamento più efficace.

Weinman; Petrie; Morris (1996) sottolineano che ogni paziente ha una rappresentazione della propria condizione che è unica, questi autori affermano che l’individuo con dermatosi ha le proprie convinzioni individuali sull’identità, la causa, la durata e la cura della propria condizione. Tali rappresentazioni riflettono la risposta cognitiva di ciascun paziente ai sintomi e alla dermatosi, le risposte emotive vengono elaborate parallelamente alla rappresentazione della condizione. Sebbene la vitiligine sia ancora una malattia con pochi studi nel campo della psicologia, è evidente l’importanza di un follow-up psicoterapeutico che promuova il benessere di questo paziente per migliori risultati nel trattamento, rendendo necessaria, poi, un’integrazione cura (PEREIRA; OLIVEIRA, 2012).

4. CONSIDERAZIONI FINALI

Fin dalla gestazione di un bambino, la pelle è il suo primo mezzo di contatto, è attraverso questa che prova le sensazioni di calore e intimità nel grembo materno. Alla nascita le prime connessioni esterne di questo bambino avvengono anche attraverso questo organo, è attraverso di esso che il bambino sentirà il tocco, le carezze e la temperatura corporea della madre, quindi la pelle fin dalla sua origine è fonte di protezione. , relazione , comunicazione, percezione e contatto. Funziona come una barriera che, oltre a riparo e sostegno, lo presenta anche ai suoi coetanei e al mondo, è attraverso gli occhi dell’altro che si riconosce, ricercando così il proprio io ideale attraverso l’immagine riflessa attraverso il altro, come uno specchio.

La psicoanalisi utilizza gli elementi interni di questo individuo per aiutarlo ad affrontare ciò che gli causa sofferenza, come nel caso del pregiudizio. Ascoltare e accogliere l’individuo in un modo unico, conoscere tutta la sua storia di vita, cosa c’è dietro questa sofferenza, come è per questo paziente affrontare il suo affetto e le sue conseguenze, che gli provocano dolore in questo contesto reale. È importante conoscere tutta l’unicità del paziente, perché ognuno ha un modo di sentire e affrontare le sue difficoltà in modo unico ed esclusivo.

Pertanto, la realtà dell’individuo affetto da vitiligine è piena di sfide, oltre ad affrontare la condizione, le difficoltà nell’esporre le proprie emozioni, affrontano ancora frequentemente rilevanti stress psicosociali. Sebbene la dermatosi non sia trasmissibile, né provochi danni al funzionamento fisico dell’individuo, è comunque da considerarsi un fattore importante e di grande rilevanza: la vitiligine è altamente dannosa per la vita psicosociale di questo paziente e può essere devastante per la sua autostima , oltre ad essere clinicamente imprevedibile la loro evoluzione, possono causare deturpazioni estetiche. Come evidenziato, lo psicoterapeuta contribuisce notevolmente insieme al dermatologo nel trattamento della vitiligine, è necessario tenere conto della migliore qualità di vita dell’individuo in relazione alla sua auto-accettazione e al confronto con i pregiudizi, tra le altre barriere che possono sorgere come conseguenza del danno psicosociale causato dalla condizione in questione.

Da qui la necessità di un nuovo contesto nella comprensione e nell’empatia degli operatori sanitari a favore di un trattamento più umanizzato e integrato possibile per i pazienti dermatologici. Sono necessari ulteriori studi sulla vitiligine nel campo della psicologia a causa della precarietà in relazione alla quantità di opere pubblicate in questo contesto a livello nazionale. È anche importante tenere conto del numero di segnalazioni di pazienti che indicano che le loro lesioni sono insorte dopo intense situazioni di stress emotivo, oltre al fatto che questo fattore può peggiorare la situazione o addirittura compromettere il trattamento. Si suggerisce inoltre che siano necessarie ulteriori ricerche per indagare sulla vitiligine come possibile sintomo manifestato attraverso la psiche. Oltre ad essere una dermatosi descritta fin dall’antichità e dopo diverse teorie elaborate nel tentativo di spiegarne la reale origine, la vitiligine è ancora una condizione senza eziologia definita.

RIFERIMENTI

ANZIEU, Didier. O Eu-pele. Casa do Psicólogo, São Paulo, 1989.

AZULAY, Rubem David. Dermatologia. Guanabara: Koogan, 1997.

AZULAY. D. R; AZULAY. L; BONALUIA; LEAL. F; HANAUER. L., Afecções Dermatológicas de A a Z. In: – Atlas de Dermatologia da Semiologia ao Diagnóstico. Ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2007, p.719- 720.

BASTOS, Wanja; et al. Epidemia de fitness Saúde soc. São Paulo, v.22, n.2, p. 485-496, 2013.

BORTOLOSO; ADRIANE; SANTOS, PEREIRA, V. L. Estudo de caso: influência dos raios ultravioleta no tratamento do vitiligo. UniBrasil grupo educacional. Paraná jan. 2009. p.1-13

CORREIA. Karyne Mariano Lira; BORLOTI, Elizeu. Convivendo com o vitiligo: Uma análise descritiva da realidade vivida pelos portadores. Acta Comportamentalia. Universidade Federal do Espírito Santo. Espírito Santo, v. 21 no 2, p. 227-240.Jul 2013.

DEWES, João Osvaldo. Amostragem em bola de neve e Respondent-Driven Sampling: uma descrição dos métodos. Universidade federal do rio grande do sul. Porto Alegre, 2013. Disponívelem:<https://www.lume.ufrgs.br/bitstream/handle/10183/93246/000915046.pdf?sequence=1>. Acesso em: 07 de agosto. 2017.

DIAS. M. B, Vitiligo como sintoma. A dificuldade no contato com as emoções. Revista de psicanálise. n. especial. São Paulo, p 33-40, maio. 2005. Disponível em: <htt://WWW.editora escuta.com.br/pulsional/esp05-06.pdf> Acesso em 20 fev.2017.

FERNANDES, M. H. Corpo- clínica psicanalítica, casa do psicólogo, Ed. 3°, São Paulo, 2003.

FOLKS, D.; KINNEY, C. The role of psychological factors in dermatologic conditions psychosomatic. v. 33, n. 1, p. 42-54, 1992.

GALIÁS, I. Psiquiatria e Dermatologia: o estabelecimento de uma comunicação bidirecional. Junguiana: Sociedade Brasileira de Psicologia Analítica. V. 20, p. 57-72, 2002.

GEREMIAS, R.;VIANA. E. A.; A caracterização do vitiligo e o uso de plantas para seu tratamento. 3° Ed. São Paulo Revista de iniciação científica, 2009. Disponível em<htt://periódicos.unisc.net/índex.php/iniciaçãocientífica/article/view/47/42>Acesso em 22 fev. 2017.

GIL, A. C. Como elaborar Projetos de Pesquisa. 4.ed. São Paulo: Atlas, 2008, p. 44-45.

GOFFMAN, E.;  organizador. Estigma: notas sobre a manipulação da identidade deteriorada. Rio de Janeiro: LTC; 2008. Disponível em: https://edisciplinas.usp.br/pluginfile.php/92113/mod_resource/content/1/Goffman%3B%20Estigma.pdf. Acesso em 25 de fev. 2017

GOLDENBERG, M.; Gênero e corpo na cultura brasileira. Psicologia Clínica, PSIC. CLIN. Rio de Janeiro, VOL.17, N.2, P.65 – 80, 2005.

ISSA, C. M .B. M. Transplantes de melanócitos no tratamento do vitiligo: um processo terapêutico? Tese (Doutorado em Clínica Médica) – Universidade Estadual de Campinas, São Paulo 2003. Disponível em: http://www.bibliotecadigital.unicamp.br/document/?code=vtls000296357&fd=y acesso em 20 de julho 2017.

LAYEGH, P.; ARSHADI H. R.; SHAHRIARI, S.; NAHJIDI, Y. A comparative study on the prevalence of depression and suicidal ideation in dermatology patients suffering Iranian Journal of Dermatology. Society of Dermatology 2010. Iranian.

LUDWIG, M. W. B.; OLIVEIRA, M. S.; MÜLLER, M. C.; MORAES, J. F. D. Qualidade de vida e localização da lesão em pacientes dermatológicos. Anais Brasileiros de Dermatologia, v. 84 n° 2, mar/abril 2009. P.143-150.

MONTAGU, A.; Tocar o Significado Humano da Pele. Summus São Paulo. 1988.

MULLER, M. C; RAMOS, D. G.; Psicodermatologia: uma interface entre psicologia e dermatologia. Tese (Doutorado em Psicologia Clínica), Universidade católica do Rio Grande do Sul, Brasília, 2005. Disponível em: http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1414-98932004000300010&lng=pt&nrm=iso. Acesso em 27 fev.2017.

NETO, A.T. M.; PINTO. F. O.; RODRIGUES. M. D.; SILVA.V.S.; Vitiligo: Uma doença que não é só de pele. Revista Interdisciplinar do Pensamento Científico– Faculdade Metropolitana São Carlos.Ed 2°, v. 1. n° 1, p.250-288. Jul/dez 2015. D. O.  I.

NOGUEIRA, L. S.C.; ZANCANARO, P. C. Q.; AZAMBUJA, R. D. Vitiligo e emoções. Anais Brasileiro de Dermatologia. Rio de Janeiro, 2009 v.84, n° 1. p. 41-45.

PEREIRA. V. Q.; OLIVEIRA. G. G.; Vitiligo: fisiopatologia, discromias e tratamento. UniFil. Vi Congresso Multiprofissional em Saúde. 2012.

PIERA, AULAGNIER- Nascimento de um corpo, Origem de uma história. Buenos Aires, Paidós. Psicologia profunda, 1991.

PINES, D. Skin communication: early skin disorders and their effect on transference and countertransference. Int J Psychoanal. v. 61, p. 315 -323, 1980.

ROSA, E. C.; NATALI, M. R. M. (2009). Vitiligo: um problema que não pode passar em branco. Revista Saúde e Pesquisa, Paraná. Jan./abr. 2009 v. 2, no. 1, p.119-126.

SAMPAIO; RIVITTI, S. A. Dermatoses por imunodeficiência primárias. In: Dermatologia. 3. ed. ; São Paulo: Artes médicas, 2007. p. 356-360.

SANT’ANNA, Paulo Afrânio. et al. A expressão de conflitos psíquicos em afecções dermatológicas: um estudo de caso de uma paciente com vitiligo atendida com o jogo de areia. Psicologia: Teoria e Prática. São Paulo V. 5 n.1 Jun. 2003.

SILVA, C. M. R.; PEREIRA, L. B.; GONTIJO, B.; RIBEIRO, G. B. Vitiligo na infância: características clínicas e epidemiológicas. Anais Brasileiros de Dermatologia, Minas Gerais, 2007, v.82, n° 1. P. 47-51.

SILVA, J. D. T.; MÜLLER, M. C. Uma integração teórica entre psicossomática, stress e doenças crônicas de pele. Estudos de Psicologia, São Paulo, 2007, v. 24 n°. 2, p. 247-256.

STEINER, D.; VILLAS, RT.; BEDIN, V; STEINER, T.; MORAES, MB. Vitiligo. Vitiligo epidemiological profile and the association with thyroid disease An Bras Dermatol. 2004; 79:335-51.

STRAUSS, G. Skin disorders. Baltimore: Williams Wilkins, 1989.

SZABO; BRANDÃO E.; “Mata de tristeza!”:Representações sociais de pessoas com vitiligo Interface- comunicação, saúde, educação. Rio de Janeiro. 2016, v. 20 n° 2, p. 953-965.

TELLES, T. C. B.; BLOC, L. G.; EVANGELISTA, K. T. E.; Diferentes estigmas em diferentes doenças? In: III Congresso Internacional de Psicopatologia Fundamental e IX Congresso Brasileiro de Psicopatologia Fundamental, Niterói, 2008. Disponível em: <http://www.psicopatologiafundamental.org/uploads/files/iii_congresso/posteres/diferentes_estigmas_em_diferentes_doencas.pdf>. Acesso em: 25 de fev. 2017.

VIZANI. R. O; MAIA. F. S. M; VASCONCELOS. T. P.; PIMENTEL. S. L. G; NAKAOKA. V. Y. E. S.; KASHIWABARA. T. G. B. O vitiligo: uma doença orgânica e psíquica. Master Editora. Minas Gerais, mar/ mai 2014, v. 6, n. 3, p.47-52 .

WEINMAN, J.; PETRIE, K.; MORRIS, R. The illness perception questionnaire: A new method for assessing the cognitive representation of illness. Psychology and health, v. 11, p. 431- 465, 1996.

ZANINI, M.; MACHADO, F. C. C. D. A. S. Terapia despigmentante para o vitiligo generalizado com solução tópica de fenol 88%. Anais Brasileiros de Dermatologia. São Paulo. V. 80, n° 4, p. 415-416. Abr. 2014.

APPENDICE – RIFERIMENTI ALLE NOTE

3. Il termine ipocromico è usato per designare macchie sulla pelle più chiare della pelle stessa.

4. Acromico: macchia incolore, incolore.

[1] Studente di psicologia presso Facoltà Morgana Potrich (FAMP), Mineiros-GO, Brasile.

[2] Master in Psicologia dell’Università Cattolica di Brasilia, professore alla Facoltà Morgana Potrich (FAMP), Mineiros-GO, Brasile.

Inserito: Gennaio 2020.

Approvato: Dicembre 2020.

Rate this post
Marizete Oliveira Rocha

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita