Caso di studio sull’approccio della componente del curriculum Storia: una visione interdisciplinare

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

REVISIONE INTEGRATIVA

VIANA, Maria Betânia Rossi [1]

VIANA, Maria Betânia Rossi. Caso di studio sull’approccio della componente del curriculum Storia: una visione interdisciplinare. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 04, pp. 98-108. ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/una-visione-interdisciplinare ‎

RIEPILOGO

Questo articolo nasce dall’irrequietezza per quanto riguarda la frammentazione della storia insegnata presso la Professoressa Maria Curtareli Lira, al liceo, che descrive l’arduo percorso intrapreso dalla componente curricolare della Storia, dalla colonizzazione del Brasile ai giorni nostri e quanto sia importante l’interdisciplinarietà, essendo poco affrontata o semplicemente inesistente nelle classi della componente curricolare della storia. I cui obiettivi sono descrivere una breve storia della componente curricolare della storia, concettualizzare l’interdisciplinarietà e specificare come viene inserita nel panorama educativo brasiliano. La metodologia utilizzata è stata un’indagine bibliografica degli autori pertinenti al tema, che si è concluso con gli scontri sull’interdisciplinarietà e la forma integrativa che viene rappresentata nella Common National Curriculum Base.

Parole chiave: Storia, interdisciplinarietà, Common National Curriculum Base.

1. INTRODUZIONE

Questo articolo scientifico discute un tema molto discusso, l’interdisciplinarietà, iniziata nelle università dopo la seconda guerra mondiale, con l’emergere di una realtà che porta nel suo dungeon cambiamenti drastici, causati dalla bomba atomica e da tutte le atrocità vissute nei campi di concentramento.

Entrambe le situazioni sono il risultato dell’uso distorto delle scienze moderne, che mette in primo luogo la necessità di ricostruire il modo in cui la società utilizza tutte queste nuove tecnologie, l’impegno per le conseguenze che l’uso improprio di esse porta all’umanità.

Con le varie questioni, è stato osservato che le conoscenze scientifiche, in quanto produttrici di conoscenze, non avrebbero supportato il continuare ad essere affrontato isolatamente, ha messo in luce la necessità di rottura con l’organizzazione frammentata delle conoscenze scolastiche.

Nonostante tutti gli studi e i dibattiti su questa nuova visione, è ancora poco applicata nella routine scolastica, quando si desidera insegnare e allo stesso tempo imparare in modo integrato e non ombreggiato nelle aree della conoscenza. Questa rassegna della letteratura si concentra sull’interdisciplinarietà applicata nella componente curricolare della storia.

L’approccio del tema che ha dato origine a questo lavoro è stato la storia in un focus interdisciplinare, nella Scuola Statale Professor Maria Curtarelli Lira, in cui vengono frequentati studenti dal 6° al 9° grado della scuola elementare e dal 1° al 3° anno di liceo, nei periodi mattutini, serali e notturni. Si trova nel comune di Apuí, a sud dello stato di Amazonas, nel mezzo della foresta amazzonica.

La clientela servita, sfugge allo standard della tradizionale popolazione amazzonica, perché la maggior parte è formata da immigrati provenienti da varie regioni del paese, dove prevalgono gli immigrati del sud, che sono venuti in Amazzonia alla ricerca di migliori condizioni di vita.

La cultura tipica predominante è barbecue, chimarrão, feste Juninas e Rodeio. La maggior parte degli studenti assistiti dall’istituto vive nell’area urbana e il trenta per cento vive nella zona rurale, quindi a seconda del trasporto scolastico per andare a scuola.

La comunità in cui opera è molto partecipativa, collabora ove possibile con l’istituto scolastico nello sviluppo di progetti educativi, nella cura dell’infrastruttura scolastica e nello sviluppo di lezioni frontali e orientamenti per gli studenti.

Osservando il lavoro sviluppato dagli insegnanti, nella routine quotidiana dell’istituto scolastico, ha rilevato che le componenti curricolari sono state avvicinate in modo totalmente frammentato, senza un legame tra loro, rimanendo le materie sciolte e prive di significato.

Da questa irrequietezza cerchiamo maggiori informazioni teoriche sull’interdisciplinarietà e sulla fattibilità nella sua applicazione quando si desidera raggiungere il successo nell’insegnamento-apprendimento, poiché fa parte delle norme educative.

Discute il percorso intrapreso dalla Componente Curriculare della Storia dall’inizio dell’insegnamento dell’apprendimento in Brasile attraverso i Gesuiti alla sua attuale configurazione nel BNCC, cercando una base nei teorici di come lavorarlo interdisciplinare con le altre scienze, nonché la fase in cui sono emerse la visione e i suoi contributi ad un efficace apprendimento degli studenti.

2. L’INTERDISCIPLINARIETÀ E LA COMPONENTE CURRICOLARE DELLA STORIA NELL’ISTRUZIONE BRASILIANA

La storia in Brasile ritrae l’uso della componente curricolare della storia come fonte di lettura da parte dei gesuiti per insegnare lettura e scrittura alle elementari. La costituzione dell’Impero e la Storia del Brasile furono usate come materiale per questo insegnamento dell’apprendimento.

Le proposte in vigore nell’educazione formale, all’epoca, non differenziavano le idee morali, le storie politiche statali o le culture popolari.

Gli insegnanti delle scuole elementari dovrebbero, secondo i piani di studio proposti nel 1827, utilizzare per leggere l’insegnamento, tra gli altri testi, “la Costituzione dell’Impero e la Storia del Brasile”. L’insegnamento della storia è stato associato alla lettura delle lezioni, in modo che si potesse imparare a leggere usando temi che incitavano all’immaginazione dei bambini e al senso morale fortificato attraverso doveri verso Pátria e i suoi governanti (BITTENCOURT, 2018, p. 48).

Nel periodo imperiale, per legittimare l’alleanza tra la Chiesa e lo Stato, l’insegnamento religioso prevalse nei curricula delle Scuole delle Prime Lettere, anche a livello secondario. Nonostante tutto il contesto e le intenzioni legislative, la componente curricolare della storia era una disciplina non obbligatoria nei programmi delle scuole elementari dell’epoca, fu inserita nella scuola secondaria dopo l’anno 1885. Più tardi, furono creati programmi di storia per le scuole elementari.

Il legame religioso che il paese ha sperimentato nell’educazione brasiliana durante i primi secoli è stato difficile da spezzare, nonostante l’inserimento della storia nazionale come materia costitutiva del curriculum delle scuole elementari, al suo fianco vedeva anche la storia sacra come il contenuto dell’educazione morale e religiosa.

I contenuti, a loro volta, non erano chiaramente definiti, anche se c’erano proposte per l’insegnamento della storia generale profana, della storia sacra e della storia dell’Impero del Brasile. Il consolidamento dei piani di studio avvenne solo dal momento in cui il Collegio Pedro II, creato nel 1837, istituì i suoi programmi curriculari, introducendo, dal 1838, l’insegnamento della Storia nei suoi otto gradi. (FONSECA, 2006, p. 43)

Nell’anno 1870, c’è stata la trasformazione dei programmi curriculari delle scuole elementari che sono influenzati da percezioni scientifiche che combattevano gli scontri con i settori conservatori che erano di conseguenza legati a un’educazione moralizzante coordinata dalla Chiesa cattolica.

I programmi delle scuole elementari furono ampliati e vi furono incorporate materie scolastiche innovative come: scienze fisiche, materie scolastiche di storia naturale. Include argomenti sulla storia brasiliana, la storia regionale e la geografia universale. Considerando che questa Componente Curriculare ha viaggiato un lungo cumino fino a diventare una disciplina di area specifica secondo i PCN:

Nel corso degli anni ’70, le lotte dei professionisti dalla classe all’università hanno guadagnato espressione con la crescita delle associazioni di storici […] e il loro impegno nella battaglia per il ritorno della storia e della geografia nei programmi scolastici e l’estinzione dei corsi di laurea in Studi Sociali (PCN, 1991, p.27).

I pensatori brasiliani sempre più indignati dalla posizione che la storia occupava nel curriculum scolastico, cercarono incessantemente un suo rinnovamento e l’inizio di questo cambiamento fu garantito, secondo Penteado:

Secondo la legge e il parere 853/71, “Gli studi sociali sono un’area di studio che mira all’integrazione spazio-tempo dello studente, utilizzando sia per le conoscenze e i concetti di Storia e Geografia che per altre scienze umane – Antropologia, Sociologia, Politica, Economia – come strumento necessario per la comprensione della storia e per l’adattamento all’ambiente sociale a cui l’educatore intende (PENTEADO, 2005, p.20).

Nuove riorganizzazioni furono pensate e messe in pratica nel curriculum delle Scuole Primarie con l’obiettivo di concepire una proposta di Storia Profana con maggiore portata ed eliminare la storia sacra.

Infatti, nel periodo imperiale il curriculum già proponeva questa separazione, ma in pratica, al momento dell’insegnamento dell’apprendimento, non poteva essere affermato sulla storia che era stata insegnata.

Nonostante la riformulazione, lo stesso modello adottato dalla Storia Sacra fu sperimentato nei programmi di Storia del Brasile, in cui sostituirono solo le narrazioni morali che descrivevano la vita dei santi e le azioni eroiche di alcuni personaggi di quel periodo, che credevano di essere costruttori della nazione, come le autorità governative e i chierici.

La disposizione degli episodi fu organizzata secondo la successione dei re, battaglie contro popoli stranieri che cercavano di invadere i territori, tutti eventi che erano in qualche modo legati all’indipendenza, anche la formazione dello Stato Nazionale, tutti fatti che avrebbero portato il paese a diventare una grande nazione.

La metodologia utilizzata all’epoca, in aula, al momento dello sviluppo delle conoscenze da acquisire con la Componente Curriculare della Storia era quella tradizionale, basata interamente sulla memorizzazione degli eventi storici nel modo in cui venivano presentati e sulla ripetizione dei testi.

Nuove sfide politiche ed educative sono vissute dal Brasile alla fine del XIX secolo, le più rilevanti da citare sono: la liberazione degli schiavi attraverso la legge sull’Aurea firmata dalla principessa Isabella; Proclamazione della Repubblica; cambiamenti nel campo del lavoro e della migrazione; tra gli altri fattori.

La storia è incorporata da contenuti umanistici e pacifisti, focalizzati sull’analisi dei processi di sviluppo economico delle società del periodo, dei progressi delle tecnologie, delle scienze e della cultura.

Dal 1930 iniziarono ad emergere proposte per sostituire le componenti curricolari di Storia e Geografia con la componente curricolare degli Studi Sociali, ispirata alle scuole nordamericane. Perfezionare solo nel 1950, attraverso studi pedagogici.

Nel periodo militare, l’intenzione era che la storia andasse avanti solo ciò che interessava i militari, e per lungo tempo rimase un modo per insegnare loro civiltà e obbedienza. Non trasgredire mai alle norme e subire coerzioni in vari modi, essendo per un periodo in una certa misura senza molto valore nel curriculum scolastico. In questo periodo del contesto educativo brasiliano, la componente curriculum della storia non era vista come una disciplina.

Durante la maggior parte del periodo della dittatura militare (1964-1985), le discipline della storia e della geografia sono state eliminate dalla scuola elementare e sostituite dai contenuti dell’educazione morale e civica e dell’organizzazione sociale e politica del Brasile (OSPB) (ZUCCHI, 2012, p. 20).

Tuttavia, abbiamo visto l’aumento e l’espansione delle opportunità di accesso agli istituti di istruzione dell’epoca, per la maggior parte della popolazione che fino a quel momento era il margine di istruzione. D’altra parte, c’è stato un degrado della qualità dell’istruzione pubblica, a causa di diversi fattori politici, educativi ed economici.

Nel 1980 si è instaurata la democratizzazione delle conoscenze educative, che ha cominciato ad essere esaminata e riorganizzata attraverso riforme curricolari. Ci fu un drastico cambiamento nella clientela scolastica, che fu formata da diversi gruppi sociali, che sperimentarono un intenso processo di esodo rurale. Con questa marcata differenza nella classe sociale hanno forzato un cambiamento nel contesto educativo.

Con la fine del regime militare, a metà degli anni ’80, entità formate da insegnanti, ricercatori e altri professionisti legati alle aree della Storia e della Geografia […]hanno avviato un processo di dibattito, con l’obiettivo di rendere queste discipline nuovamente presenti e indipendenti nei curricula delle scuole brasiliane (ZUCCHI, 2012, p. 21).

Tuttavia, la storia dei giorni nostri nei primi voti/anni della scuola elementare è ancora trasmessa agli studenti in modo un po ‘romanticizzato e al di fuori della contestualizzazione della vita quotidiana da lui sperimentata, tuttavia che gli insegnanti hanno la loro formazione in pedagogia e hanno bisogno di insegnare tutte le componenti curricolari che la griglia richiede.

È molto difficile abbandonare l’istruzione tradizionale in cui la maggioranza si è laureata. In questo contesto di insegnamento della storia non porta significato, gli studenti non hanno voglia di impararla, vedendola come una semplice materia decorativa che diventa irrilevante per la loro vita quotidiana e la loro vita professionale.

Credo che la storia, in tutte le sue dimensioni, sia essenzialmente formativa. Così, il suo insegnamento, le materie, l’apprendimento, la conoscenza, le pratiche, le esperienze didattiche hanno un’enorme importanza per la vita sociale, per la costruzione della democrazia e della cittadinanza (GUIMARÃES, 2013, p. 21).

L’interdisciplinarietà iniziò ad essere affrontata in Brasile dalla legge n. 5.692/71. Da questo momento in poi, la sua presenza nel campo dell’istruzione brasiliana ha fatto una presenza notevole, principalmente con la nuova Legge delle Linee Guida e delle Basi n. 9.394/96, con i Parametri del Curriculum Nazionale e attualmente anche, è parte integrante della Base Nazionale Dei Programmi Di Studio Comuni, che è stata approvata il 20 dicembre 2017[2].

Più o meno dal 1994, ancor prima della comparsa dei Parametri nazionali del curricolo per la scuola elementare, erano già emerse proposte per la storia dell’insegnamento che cercavano di incorporare queste tendenze, indipendentemente dalla loro esistenza nei programmi ufficiali (FONSECA, 2006, p. 62)

L’interdisciplinarietà ha fortemente influenzato la legislazione educativa e le proposte curricolari, diventando un pezzo primordiale, presente nel lavoro vocale ed educativo degli insegnanti, che cercano di insegnare le componenti curricolari in modo integrato e indiviso.

L’utilizzo dell’interdisciplinarietà come metodologia didattica per il progresso dell’integrazione degli oggetti di conoscenza di una componente curricolare con altre componenti curricolari. Proposta inserita nella Base Curricolare Comune Nazionale che contribuisce ad una maggiore portata dell’insegnamento-apprendimento dello studente. Attraverso l’analisi degli studi, si può osservare che l’interdisciplinarietà è ancora sconosciuta nella sua interezza, così come la sua importanza e fattibilità nell’educazione accademica dei nostri studenti.

In Brasile, concettualizziamo l’Interdisciplinarietà con un nuovo atteggiamento verso la questione della conoscenza, dall’apertura alla comprensione degli aspetti nascosti dell’atto di apprendimento e degli apparentemente espressi, mettendoli in discussione (FAZENDA, 2011, p. 21).

C’è la possibilità di interazione tra le distinte Componenti Curricolari, si può considerare questa interazione come una forma di complemento o integrazione, che porta alla prospettiva di un’elaborazione di una conoscenza critico-riflessiva, che dovrebbe essere prestigiosa gradualmente nell’insegnamento-apprendimento a lezione.

La formazione in educazione da e per l’interdisciplinarietà è imposta e deve essere concepita su basi specifiche, supportate da opere sviluppate sul territorio, menzionate in diverse scienze che intendono contribuire dalle particolari finalità della formazione professionale al rendimento del docente (FAZENDA, 2011, p. 23).

Emergendo da questo punto di vista, un modo per superare l’ombreggiatura tra le componenti curricolari. Consentendo così una conversazione tra di loro, relazionandoli tra loro per una maggiore comprensione della realtà in cui è inserita. L’interdisciplinarietà cerca di correlare le componenti curricolari quando si affrontano i temi delle materie in esame.

L’interdisciplinarietà richiede azioni disciplinari che consevidano interessi comuni. Ma sarà efficace solo se gli obiettivi educativi delineati saranno raggiunti. Se questi obiettivi vengono stabiliti in anticipo e tutti i professionisti dell’istituto di istruzione li condividono e collaborano per raggiungerli.

L’interdisciplinarietà offre un nuovo atteggiamento verso la conoscenza, un cambiamento di atteggiamento alla ricerca del contesto della conoscenza, alla ricerca dell’essere come persona integrale. L’interdisciplinarietà mira a garantire la costruzione di una conoscenza globalizzante, rompendo con i limiti delle discipline. L’obiettivo della costruzione di una didattica e ricerca interdisciplinare è la spiegazione del contorno ambiguo dei movimenti e delle azioni pedagogiche – solo l’esercizio dell’ambiguità può suggerire il multifase del movimento e, di conseguenza, del fenomeno ricercato (FAZENDA, 2011, p. 27).

L’uso dell’interdisciplinarietà dovrebbe essere utilizzato nell’insegnamento, stimolando negli insegnanti un comportamento innovativo, trascende quanto ritratto nella Common National Curriculum Base, perché diventa necessario per lui assumere una postura intrinseca, utilizzando metodologie e didattiche adeguate a questa prospettiva.

Pertanto, attraverso un’istruzione interdisciplinare, con posizionamento focalizzato sull’aspetto storico-critico, in cui gli insegnanti forniranno ai propri studenti un apprendimento efficiente per la vita di ciascuno, nella sua complessità, in modo che il mondo attuale non voglia frammentazioni, il tutto è necessario, qualcosa di completo.

La storia è una disciplina scolastica che ha (o dovrebbe avere) un rapporto profondo con la propria pratica sociopolitica e culturale, ma che spesso diventa una conoscenza esoterica ed enigmatica per gli studenti, fenomeni che riteniamo siano in qualche modo legati all’azione degli insegnanti (MONTEIRO, 2010, p. 27).

Nella componente curricolare della storia, l’interdisciplinarietà è radicata nello sviluppo del suo insegnamento-apprendimento, perché tutte le componenti curricolari hanno il loro legame con esso. Possiamo elencare varie metodologie e discipline correlate, da una semplice fotografia, una lettera, un resoconto di tutto, possiamo avvicinare in modo interdisciplinare.

In considerazione, che entrambi gli oggetti, le componenti curricolari, così come le persone, portino nel loro quadro una storia. In cui fanno parte della storia e sono produttori delle loro storie.

3. CONCLUSIONE

Nel campo della ricerca, si notano gli studi storiografici e l’interdisciplinarietà in discussione in Brasile, un ampio progresso dalla sua comparsa, concentrandosi non solo sulla teorizzazione.

L’efficace ricerca di possibilità nel campo della ricerca. Al momento dell’insegnamento dell’apprendimento in classe, si nota la necessità di avere un’efficace integrazione tra i diversi livelli di apprendimento delle Componenti Curricolari.

Nei gruppi di storici che hanno ricercato il tema, c’è chi difende la teoria della filosofia del soggetto, in cui il soggetto e l’oggetto diventano autonomi. D’altra parte, c’è una prospettiva storica, in cui il soggetto e l’oggetto sono inseparabili, tenendo conto dei loro contesti storici – sociali.

La legislazione educativa brasiliana, porta nel suo dungeon un bisogno di adeguatezza dell’istruzione brasiliana in tutte le sue sfere e livelli di integrazione dei vari aspetti, costruiti dalla conoscenza scientifica di ogni area della conoscenza.

Le università formano il Professore nella parte teorica, ma solo nell’esercizio della professione, nella pratica quotidiana e nell’esperienza della vita scolastica quotidiana il docente acquisisce esperienza, apprende e riappare anche dai suoi studenti. Nessuno nasce insegnante, ma diventa insegnante. Pertanto, la sua formazione professionale è segnata dallo sviluppo sociale e storico nei terreni scolastici con i suoi studenti.

Una preoccupazione più profonda è nota nella National Common Curriculum Base rispetto ad altri documenti educativi con interdisciplinarietà e contestualizzazione. Spetta a ciascun insegnante preparare, organizzare le proprie lezioni e sviluppare progetti, con l’obiettivo di trasporre questa frammentazione che ha tra le componenti curricolari nelle scuole brasiliane.

Essendo di fondamentale importanza, per sottolineare che nel lavoro interdisciplinare non intende annientare le componenti curricolari, mira al contrario, perché stima l’esistenza della disciplinarizzazione.

L’interdisciplinarietà che questo articolo ritrae, le componenti curricolari non hanno le loro specificità non correlate o l’importanza. Ma, una connessione tra loro, dove tutte le componenti curricolari si interconnettono, creando legami, dove gli studenti impareranno i contenuti in modo integrato e non ombreggiato.

I continui cambiamenti vissuti dalle istituzioni educative e le fasi dei dibattiti costanti segnalano un ripensamento della storia in generale, perché non ci sono verità assolute. Il processo di costruzione deve sempre essere messo in discussione, in modo da essere sempre nella ricostruzione e nella ristrutturazione.

Principalmente, in ambito educativo, alla ricerca di un apprendimento eccellente, in cui possiamo sempre avere una linea di collegamento tra la Componente Curriculare della Storia con le altre componenti curricolari.

4. RIFERIMENTI

ASSOCIAÇÃO BRASLIEIRA DE NORMAS TECNICAS. 6023: Informação e Técnicas, Rio de Janeiro, 2002.

BITTENCOURT, C. M. F. Ensino de História: Fundamentos e Métodos. 5. ed. São Paulo: Cortez, 2018.

BORGES, V. P. O que é História. Tatuapé, SP: Brasiliense, 2017.

BRANCO, E. P. et al. A implantação da base nacional comum curricular no contexto ds politicas neoliberais. Curitiba: Appris, 2018.

BRASIL, B. N. C. C. Educação é a Base. Brasilia, MEC/CONSED/UNDIME, 2017. Disponivel em: <http:// basenacionalcomum.mec.gov.br/imagens_publicacao.pdf>. Acesso em: 21 Abril 2019.

BRODBECK, M. D. S. L. Vivenciando a História – Metodologia de Ensino da História. Curitiba: Base Editorial, 2012.

FAZENDA, I. C. A. Integração e Interdisciplinaridade no Ensino Brasileiro: Efetividade ou ideologia. 6. ed. São Paulo: Loyola, 2011.

FONSECA, T. N. D. L. E. História & Ensino de História. São Paulo: Autentica, 2006.

GUIMARÃES, S. Didática e Pratica de Ensino de História. 13. ed. Campinas: PAPIRUS, 2013.

______. Interdisciplinaridade: História,Teoria e Pesquisa. 14. ed. São Paulo: Papirus, 2007.

______. Ministério da Educação e Cultura. LDB- Lei nº939/96, de 20 de dezembro de 1996. Estabelece diretirzes e bases da Educação Nacional Brasilia:MEC, 1996.

MONTEIRO, A. M. Professores de Historia: Entre Saberes e Práticas. 2. ed. Rio de Janeiro: Mauad X, 2010.

PACHECO, R. A. Ensino de História e Patrimonio Cultura: Um Percurso Docente. Jundaí, SP: Paco, 2017.

PENTEADO, H. D. Metodologia do Ensino de História e Geografia. São Paulo: cortez, 2005.

______. Secretaria de Educação Fundamental. Parametros Curriculare Nacionais: História/Geografia, Brasília: MEC/SEF, 1998.

ZUCCHI, B. B. O Ensino de História nos Anos Iniciais do Ensino Fundamental: teoria, conceitos e uso de fontes. São Paulo: SM Ltda, 2012.

APPENDICE – RIFERIMENTO ALLA NOTA A PIÈ DI PAGINA

2. Prendendo come riferimento la data del 20 dicembre 2017, giorno in cui il BNCC della Scuola Elementare è stato approvato dal Ministero dell’Istruzione, il BNCC dovrebbe essere implementato a partire da dicembre 2019. Tenendo conto del fatto che l’anno scolastico inizia a febbraio, al più tardi all’inizio dell’anno scolastico 2020.

[1] Master in Scienze dell’Educazione.

Inviato: febbraio 2020.

Approvato: ottobre 2020.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 79499
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?