L’uso del metodo attivo, l’apprendimento basato sui problemi, nell’istruzione superiore: una proposta di ricerca-azione

0
26
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

FERREIRA, Thiago Maciel [1], JIMÉNEZ, Luiz Ortiz [2]

FERREIRA, Thiago Maciel. JIMÉNEZ, Luiz Ortiz. L’uso del metodo attivo, l’apprendimento basato sui problemi, nell’istruzione superiore: una proposta di ricerca-azione. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 06, Vol. 16, pp. 23-45. giugno 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/ricerca-azione

Questo articolo scientifico ha portato la proposta di abbandonare le lezioni puramente teoriche e lavorare nell’istruzione superiore, apprendimento più realistico, secondo il metodo attivo, apprendimento basato sui problemi. A tal fine viene presentato l’obiettivo generale: analizzare quale influenza ha la ABP sulla formazione professionale di questi studenti studiati. Nello specifico, abbiamo cercato di: identificare il contributo dato dall’uso del ABP, nella produzione di conoscenze di prassi professionale; e descrivere l’impegno degli studenti nelle esperienze attive. Si può dire che questa ricerca d’azione è stata delineata come segue, poiché l’approccio è qualitativo, come la portata: descrittiva, come la progettazione: non sperimentale. Dopo il trattamento dei dati raccolti in questa indagine, è stato possibile comprendere l’importanza dell’applicazione dell’apprendimento basato su problemi, ABP, nella formazione professionale di questi studenti ricercati. Questa azione ha fornito vantaggi agli studenti dell’istruzione superiore, come la simulazione della routine professionale attraverso problemi, la produzione di conoscenze pratiche, la possibilità di un’istruzione collaborativa, riflessiva e autonoma. Infine, il problema della ricerca, come avvicinare lo studente all’istruzione superiore all’interno della classe, la pratica professionale? Quindi, come si fa ad avere un apprendimento efficiente, collaborativo, riflessivo e realistico? È stata data una risposta adeguata. In altri termini, alla domanda problematica è stata data risposta, perché era possibile trascendere dall’insegnamento tradizionale all’insegnamento pratico, con l’uso dell’apprendimento basato sui problemi.

Parole chiave: ABP, PBL, MASP, ricerca-azione, istruzione superiore.

1. INTRODUZIONE

L’apprendimento basato sui problemi, il ABP, è una metodologia strategica attiva, specialmente nel processo di insegnamento e apprendimento degli studenti dell’istruzione superiore. Parlarne è importante, grazie alla sua capacità di simulare la realtà professionale dello studente all’interno dell’accademia, preparandoli così per il futuro esercizio delle loro attività nel mercato del lavoro.

Si può dire che il ABP nasce dal corso di medicina, nato con lo scopo di favorire negli studenti la capacità di risolvere i problemi nella loro quotidianità professionale. In questo contesto, per Romanowski et al. (2020), è chiaro che questo metodo attivo ha la capacità di rendere lo studente autonomo, creativo, riflessivo e risoluto. La cosa più preoccupante, però, è vedere che questa proposta metodologica ha la difficile missione di sostituire i metodi tradizionali basati sulla sola esposizione di contenuti teorici agli studenti.

In questo senso, l’apprendimento basato sui problemi cerca di svilupparsi negli accademici, competenze essenziali che li rendono più capaci di agire come una forza lavoro specializzata nelle rispettive aree di attività. Pertanto, questo studio è stato condotto presso il Centro di Istruzione Superiore Arcoverde, CESA, nel corso della Gestione Commerciale nella disciplina di amministrazione nei periodi 2020.1 e 2020.2.

Vale la pena sottolineare che la necessità di applicare un metodo che avvicini gli studenti all’istruzione superiore, la realtà della loro futura pratica professionale, è essenziale, dato che l’insegnamento tradizionale da solo non è in grado di condurre lo studente alla simulazione della vita reale. Pertanto, la questione della ricerca di questa ricerca è: in che modo l’istruzione superiore avrà un’istruzione pratica? Oltre a fornire agli studenti l’apprendimento: efficiente, collaborativo, riflessivo e realistico? La risposta a queste domande è, abbandonare il metodo tradizionale, e adottare una metodologia didattica attiva, più specificamente: utilizzare l’apprendimento basato sui problemi, ABP, per costruire la conoscenza della pratica professionale degli studenti dell’istruzione superiore.

Come verificato, il ABP è una metodologia che ha la proposta di contrastare le conoscenze teoriche e, messo a disposizione degli studenti, una nuova proposta di esperienza pratica delle loro funzioni future. È innegabilmente un metodo attivo in grado di rendere gli studenti riflessivi e autonomi. Così, assicura Nagamini (2016), il fatto che il mercato del lavoro cambi rapidamente, richiedendo così lo stesso dinamismo dell’istruzione, è di particolare importanza. Va notato che l’autore chiarisce che il ABP incoraggia anche lo studente ad avere l’iniziativa di cercare e costruire le proprie conoscenze.

L’obiettivo generale di questa ricerca è quello di analizzare quale influenza ha l’apprendimento basato sui problemi (ABP) sulla formazione professionale di questi studenti studiati. Per raggiungere questo obiettivo vengono proposti due obiettivi specifici: individuare il contributo dato dall’utilizzo del ABP, nella produzione di conoscenze pratiche e descrivere l’impegno degli studenti nelle esperienze attive.

È di fondamentale importanza sottolineare che il mercato del lavoro richiede futuri laureati in istruzione superiore, competenze specifiche per agire in questo ambiente dinamico e sempre più tecnologico. Questo metodo studiato è pretenzioso per portare in classe la realtà pratica delle loro professioni attraverso la presentazione di problemi reali. Pertanto, per dare progressi a questa ricerca scientifica, sono state definite le procedure bibliografiche e la ricerca-azione. Questa indagine d’azione è stata svolta attraverso la ricerca sul campo, per comprendere la correlazione dell’applicazione del metodo ABP all’interno della classe, nel processo di insegnamento e apprendimento dei partecipanti alla ricerca. Alla luce di quanto precede, quindi, l’obiettivo della ricerca è esplorativo e descrittivo, dovuto rispettivamente ad avere una base letteraria dei principali autori, nonché a cercare di correlare le osservazioni formulate nella presente indagine. Lo scopo è applicato, poiché è stata formulata una soluzione pratica al problema. L’approccio è qualitativo, perché richiede la necessità di comprendere gli studenti partecipanti, che hanno in mente riguardo alla proposta ricercata. Il primo argomento si riferisce alla base teorica, dove sarà discusso sull’apprendimento basato sui problemi, sul ABP e sul metodo di analisi e problem solving, MASP. Nel secondo, ci avvicineremo alla metodologia di ricerca. Nel terzo argomento, si tratta della progettazione dell’indagine. Quindi, il quarto argomento si riferisce ai risultati e alle discussioni trovati in questa ricerca. Infine, il Quinto è la conclusione dell’indagine. Questa ricerca è stata condotta nella città di Arcoverde-PE, presso IES: Comune di Istruzione Superiore di Arcoverde, AESA-CESA. Nel Corso di Gestione Commerciale, nella Disciplina di Amministrazione nei due periodi del 2020.

2. FONDAZIONE TEORICA

2.1 APPRENDIMENTO BASATO SUI PROBLEMI, ABP

L’acronimo ABP, significa apprendimento basato sui problemi, in inglese l’acronimo è PBL, Problem Based Learning, può essere concettualizzato come un metodo attivo, incentrato sullo studente che consente loro di simulare le reali complicazioni presenti nei loro viaggi professionali. Il ABP avvicina lo studente all’istruzione superiore, alle situazioni della realtà, cioè: questo metodo permette di andare ben oltre le classi teoriche, trascendendo ad una classe pratica con l’applicazione di problemi reali secondo le rispettive aree di formazione.

L’apprendimento basato sui problemi (ABP), essendo una metodologia di apprendimento attiva, è un approccio in cui gli studenti affrontano i problemi in piccoli gruppi sotto la supervisione di un tutor. L’apprendimento è focalizzato sullo studente, sull’apprendimento dell’apprendimento, sull’integrazione dei contenuti delle scienze di base e cliniche, nonché sulle conoscenze interdisciplinari. (TENÓRIO e SILVA, 2010, p. 221).

Questo metodo di apprendimento attivo, cambia lo “status quo” della classe tradizionale, prima mette il docente nel ruolo di mediatore della costruzione della conoscenza, quindi porta lo studente al centro del processo educativo. Questo cambiamento, che produce diversi vantaggi per l’apprendimento in classe. Come, ad esempio: gli studenti imparano a interagire in gruppo, a raggiungere un unico obiettivo, che è il problem solving delle loro pratiche professionali; diventano autonomi nei loro processi di apprendimento, perché il metodo dà loro la capacità di imparare da soli. Questa proposta attiva, ABP, fornisce allo studente un apprendimento efficiente, poiché viene presentato all’esperienza del mestiere studiato, in quanto trasforma i concetti teorici in una realtà pratica. Secondo Camargo (2008):

ABP è un metodo che utilizza l’applicazione di problemi reali della vita professionale quotidiana, al fine di garantire la criticità dello studente, nonché al fine di consentire loro di risolvere problemi legati alle rispettive aree di conoscenza.

Inoltre, l’apprendimento basato sui problemi dovrebbe essere inteso come un metodo attivo di insegnamento e apprendimento, che simula l’esperienza del futuro professionista, attraverso l’uso di problemi, all’interno della classe. Pertanto, contribuendo all’acquisizione di conoscenze, oltre a stimolare lo sviluppo degli studenti al livello superiore. Alla luce di quanto sopra, la seguente cifra, secondo Camargo (2018), sottolinea alcuni guadagni che l’uso del ABP produce nel processo di insegnamento e apprendimento.

Figura 1: Le possibilità di ABP.

Fonte: Camargo (2008).

L’autore chiarisce, come spiegato sopra, i punti positivi di questo metodo, come ad esempio: la stimolazione del ragionamento logico nelle dinamiche del problem solving all’interno dell’aula. La possibilità di simulare la realtà pratica di questi studenti ha anche autonomia nell’apprendimento e motiva l’azione di gruppo, promuovendo così negli studenti la necessità di negoziare, non essere d’accordo e persuadere in questa dinamica di risoluzione dei problemi.

Si pensava che l’apprendimento basato sui problemi fosse un sostituto dell’insegnamento tradizionale nell’istruzione superiore, ma ciò non è avvenuto. Questo perché, chiarisce l’autore, è nato in risposta all’irrequietezza degli studenti di medicina che desideravano lezioni meno teoriche e più pratiche. “Lo scopo originario del PBL era quello di sostituire l’insegnamento tradizionale con l’apprendimento autonomo e guidato, dal 1° anno di corso, attraverso problemi clinici. Tuttavia, il suo pieno utilizzo non ha avuto grande espressione […]”. (SILVA, 2010, p. 40). L’apprendimento basato sui problemi è una metodologia attiva, creata a priori per rispondere al desiderio di lezioni più realistiche e meno teoriche per gli studenti di medicina. L’ABP serve a portare in classe pratiche con cui gli studenti dell’istruzione superiore avrebbero contatto solo nell’esercizio delle loro future professioni. Nei tre lavori sopra citati, sta convergendo come di grande valore sia la metodologia problem-based, la sua applicazione in aula agli studenti, attraverso problemi reali nei loro ambiti formativi. Questi autori sostengono inoltre che il ABP prevede la costruzione di competenze negli studenti, quali: autonomia per risolvere i problemi delle loro realtà professionali. L’autore chiarisce nel lavoro di Tenório e Silva che è evidente che questa metodologia proposta richiede la supervisione di un tutor. In questo contesto, è chiaro nel lavoro di Camargo che uno degli scopi del metodo è quello di garantire che gli studenti siano critici rispetto al loro ruolo professionale. La cosa più preoccupante, però, è notare che nel lavoro di Silva si afferma che il metodo attivo, ABP, non ha soddisfatto la proposta di sostituire l’istruzione tradizionale e, quindi, non ha una grande adesione nell’istruzione superiore. Come menzionato dall’autore, Camargo (2008, p. 10) “PBL è una metodologia di insegnamento-apprendimento collaborativa, costruttivista e contestualizzata, in cui le situazioni problematiche vengono utilizzate per avviare, dirigere e motivare l’apprendimento di concetti, teorie e lo sviluppo delle competenze […]”.

Si può dire che il metodo ABP è uno strumento indispensabile per il processo educativo, soprattutto per l’istruzione superiore, come spiegato sopra, sviluppa e migliora le capacità interpersonali e comunicative. Ha lo scopo di preparare lo studente a condurre problemi di lavoro quotidiano. Li incoraggia anche a comprendere a fondo il problema e le sue possibili cause. Il metodo aiuta nella sintesi della conoscenza e nella creazione di ipotesi. Poiché, la ABP, è una fantastica metodologia attiva, che è in grado di offrire diverse possibilità didattiche, ad esempio, hanno un ricco processo di apprendimento, porta la pratica professionale nell’accademia. Tuttavia, va sottolineato che, nonostante tutte queste risorse offerte da questa metodologia, è la resistenza, nella sua associazione al livello superiore, cioè l’istruzione tradizionale è ancora predominante in questi istituti di istruzione superiore.

È importante sottolineare che la soluzione dei problemi è un compito difficile e in alcuni casi sono complessi. In questo senso, è indispensabile utilizzare una risorsa didattica suddivisa in fasi ben strutturate, per supportare la risoluzione dei problemi sia all’interno delle istituzioni, sia nell’ambiente imprenditoriale.Per risolvere le anomalie contemporaneamente è improbabile, è necessario uno strumento per affrontare queste irregolarità nelle sequenze di fase, in modo che il problema sia risolto con il minor uso possibile delle risorse. (LIMA, 2015). Questa ricerca è rilevante per l’ambiente scientifico! Poiché in tutto ciò, si dimostrano progressi nel processo di insegnamento e apprendimento nell’istruzione superiore. Secondo Freitas (2008, p. 160):

L’apprendimento basato sui problemi (PBL) non è una procedura didattica, ma una proposta curriculare, cioè dirige l’intera organizzazione curricolare, essendo un’opzione dell’intera facoltà, amministrativa e accademica. PBL è l’asse principale per l’apprendimento del curriculum di alcuni corsi. Si basa su problemi, attraverso i quali i contenuti sono studiati dagli studenti. I problemi sono attentamente elaborati da un comitato di esperti assegnato a tal fine, e dovrebbero esserci tanti problemi quanti sono i temi fondamentali che gli studenti devono esaminare e sviluppare per essere considerati in grado di praticare la professione.

L’autore chiarisce, nel riferimento precedente, che l’apprendimento basato sui problemi è molto più completo della semplice procedura didattica. È consensuale tra l’autore e il ricercatore che questo metodo sia l’asse principale per la costruzione di conoscenze pratiche professionali nell’ambiente accademico. In sostanza, l’autore Lima, così come Freitas, sono in linea con il punto: che è importante offrire agli studenti una metodologia basata sui problemi. Tuttavia, va sottolineato che Lima e Freitas presentano opinioni diverse riguardo alla portata e all’attenzione. Il primo si concentra sull’evidenziazione dell’ardua missione di risolvere problemi manageriali, ed espone modi di svolgere in fasi, il compito di risolvere problemi reali dalle aree della formazione. Il secondo autore, d’altra parte, si occupa di uno scopo più completo per il metodo, nella concezione dello stesso, il ABP non dovrebbe essere utilizzato solo nelle azioni all’interno della classe, ma piuttosto dovrebbe coprire molti altri settori e autori, in questo modo ampio e aggregando, è possibile sottoporre lo studente al metodo e renderlo adatto al mondo del lavoro.

Alla luce di quanto precede, va sottolineato che, sebbene gli istituti di istruzione superiore non adottino la maggior parte del metodo ABP, è di rilevante importanza per l’ambiente accademico, perché, attraverso questo, è possibile preparare meglio lo studente al mercato del lavoro. Questo perché, lo stesso prevede nell’istruzione superiore, guadagni come: il potere di incaare problemi reali della vita quotidiana della professione studiata, motivare lo studente a lavorare in gruppo e a fare del principale costruttore della sua ricerca di conoscenze pratiche.

2.2 METODO DI ANALISI E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI, MASP

MASP, acronimo di: metodo di analisi e risoluzione dei problemi, è una metodologia strutturata e pratica, che, insieme a strumenti di qualità, fornisce a chi lo utilizza un modo semplice e organizzato per risolvere i problemi! Quindi, aiutano le aziende e i loro professionisti a raggiungere i loro obiettivi, come: aumentare i ricavi, ridurre i costi, innovare, migliorare la qualità dei processi e così via. Nelle parole di Possarle (2014, p. 158), “Il metodo di analisi e risoluzione dei problemi, noto anche come MASP, è il nome che il QC-Story, metodo di problem solving di origine giapponese […]”. È importante sottolineare che la metodologia di analisi e risoluzione dei problemi è un modello pratico da applicare e gestire nell’istruzione superiore. Questo perché ha la capacità di replicare l’analisi di problemi reali all’interno della classe, oltre a essere in grado di risolverli. L’uso di questo metodo in questa indagine scientifica si pone come complemento all’ABP, poiché il Masp è una forma strutturata in processi ben definiti, ampiamente utilizzata nell’ambiente aziendale. Dove può essere adottato nelle pratiche educative, al fine di simulare realisticamente uno scenario di problemi gestionali. “L’insegnamento è un’attività umana troppo complessa per supportare un’unica metodologia e il PBL, per quanto lo riguarda, non è un modello fisso e finito, comprende molte varianti e adattamenti”. (CAMARGO, 2008, p. 139). La figura due sottostante parla delle otto fasi del MASP, in questo senso è possibile osservare che ad ogni livello di questa metodologia, essa è ricca di dettagli guida, per chi la utilizza.

Figura 2: Fasi del Masp.

Fonte: Campos (1992).

Sulla base della figura precedente, l’autore mostra i passaggi strutturali del MASP, quindi la sua strutturazione e organizzazione è indiscutibile. È importante sottolineare che questo metodo di problem solving è anche uno strumento aggregando altri strumenti di qualità, come il PDCA e altri.

Secondo Possarle (2014, p. 158) nel suo lavoro, afferma che:

MASP è un percorso ordinato, composto da passaggi predefiniti e sotto-passaggi per la scelta di un problema, l’analisi delle sue cause, la determinazione e la pianificazione di una delle azioni che costituiscono una soluzione, controllando il risultato della soluzione e il feedback del processo per il miglioramento dell’apprendimento e la forma stessa di applicazione nei cicli successivi.

Non è esagerato affermare che il MASP è un ricco strumento per l’analisi e la risoluzione dei problemi. Pertanto, è necessario presumere che quando si applica sia possibile prevedere i guasti, analizzare i rischi imminenti, è anche possibile progredire con le procedure e, oltre a simulare casi reali all’interno dell’accademia. Per tutti questi motivi, l’impiego del MASP nell’istruzione superiore porta un miglioramento dell’apprendimento agli studenti.

3. METODOLOGIA

Questa ricerca d’azione è stata condotta nel comune di istruzione superiore di Arcoverde, AESA, nel corso di gestione commerciale, nella disciplina dell’amministrazione.

Secondo Prodanov e Freitas (2013), affermano che la ricerca è quella di pianificare ed eseguire uno studio, affrontando un problema di ricerca. Interroganti, preoccupazioni e problemi, che presentano risposte sparse e insoddisfacenti alla scienza, e quindi, è necessario condurre una ricerca per generare nuove conoscenze relative alle domande studiate.

La soggettività dell’approccio qualitativo non può essere rappresentata dai numeri, ma dall’interpretazione delle sfumature soggettive degli esseri umani, che sono i soggetti della ricerca, in mezzo al mondo in cui vivono oggetto di indagine. (PRODANOV e FREITAS, 2009).

In questa indagine è stata esplorata la procedura bibliografica e di ricerca-azione, in questa linea, è stato utilizzato l’approccio qualitativo, in cui la raccolta dei dati è stata attraverso la ricerca bibliografica, documentaria e sul campo, attraverso l’osservazione diretta e l’intervista. Raccogliendo così, secondo l’approccio di cui sopra, fenomeni soggettivi sugli esseri umani.

Secondo Andrade (2017), se l’obiettivo è quello di contribuire per scopi pratici, viene applicata la ricerca. Dove si trova nella ricerca di risolvere i problemi presenti nel mondo moderno.

Secondo Gerhardt e Silveira (2009, p. 67), “Ricerca descrittiva: sono svolte con l’obiettivo di descrivere le caratteristiche del fenomeno”. Inoltre, è stata utilizzata una ricerca descrittiva, che mira a segnalare la relazione dei fenomeni osservati.

Per raccogliere i dati della ricerca sono stati utilizzati i seguenti strumenti: registrazione delle informazioni, osservazione diretta e colloquio dei partecipanti. Nel registro informativo, i dati documentari saranno presentati sotto forma di illustrazioni; d’altra parte, l’osservazione diretta, stamperà i dati in base alla percezione del ricercatore di questa ricerca; infine, il colloquio, che riferirà le opinioni degli studenti sul tema studiato. Dopo la raccolta dei dati attraverso di essi, i dati saranno tabulati e presentati nei risultati e nelle discussioni di questo lavoro scientifico.

È stato opportuno utilizzare la metodologia attiva: ABP, così come lo strumento MASP, dove consente agli studenti attraverso questi metodi di acquisire competenze essenziali per il loro background accademico e professionale.

In questo senso, lo scopo o la natura viene applicato, perché questo studio presenta un problema fattuale come portare la pratica professionale in classe e avere per gli studenti un apprendimento efficiente, collaborativo, riflessivo e realistico? Oltre a questo scopo applicato, richiede al ricercatore di sviluppare una soluzione efficace e applicabile nel mondo reale. L’approccio è qualitativo, perché mira ad estendersi al mondo sociale, riportandolo e spiegandolo. Cioè, lo scopo di questa ricerca è quello di andare ben oltre le mura accademiche e di laboratorio, ma piuttosto, cercare di capire, le minuzie umane soggettive, del mondo reale. (FLICK, 2008). Alla luce di quanto precede, per concedere sovvenzioni e garantire il successo della ricerca, sono state scelte le procedure bibliografiche e la ricerca-azione. Mediando la ricerca d’azione, la metodologia di analisi e problem solving è stata applicata agli studenti, l’efficacia dell’applicazione è stata misurata mediante osservazioni e interviste e, alla fine, il risultato è stato presentato. Attraverso la bibliografia, abbiamo cercato le basi degli autori che discutono su argomenti quali: qualità totale, analisi e problem solving, strumenti di qualità e apprendimento basato sui problemi. L’obiettivo della ricerca è: esplorativo e descrittivo. Descrittivo, la scelta è dovuta alla ricerca per correlare i fatti osservati in questa ricerca.

Per quanto riguarda la raccolta dei dati: bibliografica, documentaria e sul campo attraverso l’osservazione e l’intervista non sistematica. Per la raccolta di informazioni dai dati primari, abbiamo utilizzato l’osservazione non sistematica, con l’intenzione di comprendere le azioni umane in modo profondo, cioè attraverso di essa, abbiamo cercato di descrivere se l’obiettivo specifico, 2°, abilitato o meno, l’impegno degli studenti sulle esperienze attive. Il colloquio con 43 studenti al fine di verificare il raggiungimento dell’obiettivo specifico 1°, che è quello di individuare il contributo dato dall’utilizzo del ABP, nella produzione di conoscenze pratiche. Oltre allo studio dei documenti, al fine di analizzare l’obiettivo generale, che è quello di esaminare se il metodo ABP influenzi la formazione professionale di questi studenti studiati. Per la raccolta di informazioni dai dati secondari, attraverso la letteratura: libri e studi scientifici: articoli e monografie. L’universo e il campione sono una ricerca censuaria, perché è stata indagata l’intera popolazione: i 43 studenti, del corso di management, nel corso di gestione commerciale, del Comune di Istruzione Superiore di Arcoverde, AESA, nei periodi 2020.1 e 2020.2. Infine, l’analisi dei dati sarà anche per fotogramma e cifre.

4. PROGETTAZIONE DELLA RICERCA

Si può dire che è di fondamentale importanza adottare il metodo ABP, per le classi più pratiche dell’istruzione superiore. Questo perché lo scopo di questo articolo è quello di analizzare quale influenza ha ABP sulla formazione professionale negli studenti che partecipano a questa ricerca. Purtroppo, preoccupa il fatto che questo prezioso metodo attivo non preponderi la sua applicazione negli istituti di istruzione superiore.

I ricercatori del settore sottolineato che l’apprendimento basato sui problemi, il ABP, è il metodo ideale per preparare gli studenti in modo pratico, ai loro futuri lavori. Essi vengono inoltre sottolineati che vi è una grande resistenza all’adesione al metodo, vale a dire che vi è ancora la preferenza per il modello di insegnamento tradizionale e teorico.Non si tratta solo di applicare il metodo agli studenti, ma piuttosto di assegnare specialisti per la preparazione di un curriculum, in modo che l’uso del metodo abbia successo. (FREITAS, 2008).

L’indagine è stata condotta su giovani studenti, dove la maggior parte di loro già lavora nel mercato del lavoro, nel comune di Arcoverde, dove è stata condotta la ricerca d’azione, così come nelle città limitrofe. Gli incontri si sono svolte tra i periodi scolastici 2020.1 e 2020.2, presso il centro de ensino superiorde arcoverde, CESA, nel corso di gestione commerciale, nella disciplina dell’Amministrazione. Gli studenti che sono stati membri di questo studio erano giovani di età superiore ai 18 anni, in due classi di amministrazione in periodi diversi, dove tutti hanno partecipato all’indagine d’azione, per un totale di 43 studenti, più il ricercatore.

Perché, la proposta è quella di uscire dal metodo tradizionale, e adottare una metodologia didattica attiva, l’ABP, in modo che sia possibile rendere questi studenti capaci di esercitare le loro professioni. Negli approcci iniziali è stata utilizzata la presentazione video del case study, in cui gli studenti segnalavano liberamente gli errori percepiti nel caso riprodotto. A poco a poco, il ricercatore ha sottolineato punti importanti sugli errori principali. Durante gli altri incontri, è stato chiesto loro come avrebbero potuto risolvere i problemi elencati in ogni caso di studio. Parallelamente, è stata esposta la parte teorica necessaria a questi studenti per comprendere gli strumenti per la risoluzione dei problemi, come il PDCA, e infine, è stata insegnata una metodologia più ricca: la metodologia di analisi e risoluzione dei problemi, MASP. Culmine prima della fine del semestre scolastico, con l’opportunità di esporre un problema reale, e tutti, studenti e professore ricercatore, di risolverlo passo dopo passo.

Il primo giorno di lezione, del corso manageriale, nella disciplina amministrativa, è stato esposto il piano delle lezioni e spiegato, nel dettaglio, tutti i passaggi e le risorse che sarebbero state utilizzate nell’esperimento. Ad esempio, che l’obiettivo ABP (apprendimento basato sui problemi) serve a: chiarire i fatti, generare ipotesi, discutere ed essere in grado di collegare la teoria con la pratica. È stato anche osservato che gli studenti, nei loro primi contatti con i casi studio, hanno lasciato passare molti dettagli, affermando in generale che i problemi provenivano sempre da cause finanziarie. Man mano che il processo si svolgeva, con riserve specifiche sulle cause principali e sulle conseguenze dei problemi, gli studenti hanno iniziato ad avere opinioni più cliniche e hanno iniziato a riportare i punti chiave dei problemi studiati. Non è esagerato affermare che il ricercatore ha cercato di integrare tutti nel processo, creando un ambiente favorevole alla partecipazione di tutti senza censure, in cui gli studenti rispondessero oralmente alle domande del ricercatore, oltre ad essere sottoposti a valutazioni.

1° Ciclo di ricerca-azione

pianificazione:

  • L’obiettivo è sostituire l’insegnamento tradizionale con l’apprendimento basato sui problemi, ABP.
  • Il tema è l’adozione di una metodologia attiva nell’istruzione superiore, in questo caso il ABP, per migrare dalle classi teoriche alle classi più pratiche.
  • L’obiettivo è quello di avere tecniche di analisi e problem solving in modo pratico.
  • L’obiettivo è quello di impiegare il ABP nell’istruzione superiore, allo scopo di costruire un’esperienza pratica del professionista quotidiano insegnato.

Condividi:

  • Presentazione di problemi reali dell’ambiente imprenditoriale in aula, dove gli studenti hanno analizzato il caso, elencato le probabili cause del problema, e discusso le possibili soluzioni;
  • Gli studenti hanno avuto contatti con il caso di studio, che è stato presentato in forma video, attraverso un proiettore e una scatola audio;
  • L’azione è stata eseguita nella disciplina dell’amministrazione agli studenti dell’istruzione superiore.

osservazione:

Questa dinamica di prospezione degli aspetti pratici per gli studenti, dalle loro professioni future, all’apprendimento basato sui problemi, nell’attuale primo ciclo di ricerca-azione, è stata osservata che l’azione non ha fornito l’effetto atteso dal ricercatore.

riflessione:

Dopo l’applicazione del primo ciclo della ricerca, il risultato non è stato soddisfacente, perché la proposta era scarsamente strutturata e obiettiva, il che ha portato alla ricerca di un altro strumento che si rivelasse più strutturato per una migliore soluzione dei problemi.

Ai fini dell’utilizzo del ABP sono state applicate risorse tecnologiche, quali: tablet, proiettore, smartphone, Wi-Fi/3G e la piattaforma Moodle. Inoltre, esempi di problematizzazione della realtà sono stati resi disponibili principalmente sotto forma di video. Come, MASP e una serie di strumenti che lo compongono sono stati utilizzati. Per quanto riguarda il tempo, è stato un incontro settimanale, il martedì, dalle 19 alle 22 ore. Pertanto, l’approccio scelto era qualitativo, quindi la raccolta dei dati è arrivata attraverso interviste e osservazioni. La procedura è stata bibliografica, sotto forma di letterature disponibili nella biblioteca virtuale riferita allo studio e, nonché, l’indagine d’azione, modello Kemmis, che è stato effettuato a spirale e al suo interno, cicli, in cui l’azione viene eseguita, in pratica, che termina nella valutazione se la presunta proposta di miglioramento, è stata soddisfacente, e se non , inviare nuovamente al ciclo tutte le volte che è necessario fino al raggiunto un risultato appropriato. “La ricerca d’azione consente al ricercatore di intervenire all’interno di un problema sociale, analizzandolo e annunciando il suo obiettivo al fine di mobilitare i partecipanti, costruendo nuove conoscenze.” (FIGUEIRA, 2019, p. 252).

2° Ciclo

Revisione del piano:

In funzione della necessità di un nuovo formato, si propone:

  • Applicare un’altra soluzione più tempestiva;
  • Cerca un’altra forma di istruzione, con l’uso di problemi in classe
  • Che questo nuovo modello sia più strutturato e risoluto.

Condividi:

  • Assumere la proprietà del MASP, in modo che gli studenti analizzino e risolvano effettivamente i problemi;
  • Presentare un problema presente in un vero e proprio caso di studio e, insieme, risolvere in dettaglio e passo dopo passo, il problema studiato.
  • Tale azione è stata svolta anche nell’ambito della disciplina dell’amministrazione presso l’IES di cui sopra.

Osservazione:

Si è constatato che la revisione del piano d’azione del 2° ciclo di ricerca-azione, secondo il modello di Kemmis, ha avuto successo. Questa proposta di miglioramento ha avuto successo, poiché, attraverso il MASP, gli studenti hanno ottenuto un apprendimento: realistico, collaborativo e riflessivo.

Questa esposizione dei problemi reali della routine lavorativa di questi tirocinanti, ha permesso situazioni di prospezione “insolite e in altri casi, sconsinte”, secondo i rapporti degli studenti stessi. Questa ricerca d’azione non riguarda solo la garanzia di un’esperienza pratica per gli studenti, ma è importante sottolineare che questa indagine ha anche cercato di dare autonomia agli studenti nella risoluzione dei problemi manageriali.

Riflessione

Pertanto, la revisione del piano d’azione del 2° ciclo ha avuto successo! In questa ricerca scientifica sono stati ottenuti diversi risultati relativi all’apprendimento attraverso l’applicazione di problemi, come: esercizio della pratica professionale e simulazione della realtà. È stato anche notato che i metodi attivi di riferimento, ABP e MASP, hanno influenzato positivamente tutti i partecipanti, oltre a coinvolgerli in azioni collaborative. Per tutti questi motivi, si può dedurre che la ricerca ha avuto successo.

5. RISULTATI E DISCUSSIONI

Questa ricerca mirava ad applicare il metodo, imparando sulla base di problemi nella disciplina di somministrazione, e alla fine del processo, per analizzare se il ABP influenzava positivamente la formazione di questi studenti studiati.Per questo, questo articolo ha cercato di sostituire le classi puramente teoriche, con classi secondo questo metodo attivo proposto, in conformità con lo scopo di rendere questi studenti di istruzione superiore adatti al mercato del lavoro.

Questo articolo aveva lo scopo di comprendere l’impatto sull’educazione degli studenti, dopo l’applicazione della metodologia attiva, il ABP, nonché specificamente proposto per identificare il contributo del metodo e descrivere l’impegno degli studenti. Secondo Camargo (2008), l’autore chiarisce che la ricerca nel settore dell’apprendimento basato sui problemi si concentra principalmente sulla fornitura di effetti nel processo educativo, come garantire prestazioni più elevate per gli studenti.

Pertanto, è particolarmente importante notare che il piano dell’obiettivo specifico 1, di: identificare il contributo dato dall’uso dell’ABP, nella produzione di conoscenze pratiche, ha avuto successo. Questa affermazione deriva dai dati dell’osservazione del ricercatore, così come le interviste a cui hanno risposto gli studenti, come mostrato nella tabella 1, (Superamento dell’Obiettivo Generale a seguito dell’azione su ABP e MASP), di seguito, dove in breve , sì, c’era produzione di conoscenza pratica all’interno della classe.

È importante sottolineare che, ad esempio, gli studenti sono stati in grado di praticare, simulare le loro pratiche professionali e, costruire le proprie conoscenze in classe.

Per Tenório e Silva (2010), come spiegato sopra, il metodo fornisce agli studenti il contatto con problemi reali, portandoli al centro dello studio e dando loro autonomia nella costruzione delle proprie conoscenze.

Pertanto, è di particolare importanza notare che il piano dell’obiettivo specifico, 2°, di: descrivere l’impegno degli studenti sulle esperienze attive, ha raggiunto il successo. Il fatto è che la relazione di questo impegno è stata evidenziata nel diario sul campo, dove il ricercatore ha sottolineato l’aumento dell’interesse per il metodo, mentre era efficace e replicabile nelle loro realtà professionali. Come riportato anche da questi studenti, nelle interviste risposto in questo studio.

Così, gli studenti, nella maggior parte dei casi, hanno capito e abbracciato la proposta di ricerca-azione, ad esempio, hanno iniziato non solo a partecipare, ma anche a portare i propri dilemmi delle loro routine lavorative e scambiare esperienze delle azioni svolte nella realtà del mercato del lavoro.

La PBL nasce con la proposta di contrastare l’insegnamento teorico, attraverso l’apprendimento pratico, favorendo così, come spiegato sopra, l’impegno e un maggiore interesse per loro, oltre a garantire un apprendimento orientato e autonomo. (SILVA, 2010).

Pertanto, è indiscutibile che sia stato possibile riuscire nell’obiettivo generale di analizzare l’influenza che la ABP ha sulla formazione professionale degli studenti. Perché, in questo senso, si è osservato che gli studenti si sono resi conto della necessità di un metodo strutturato, da utilizzare come strumento, per comprendere e risolvere, definitivamente, i problemi manageriali studiati, che sorgono nell’ambiente professionale. Poiché, ad esempio, secondo il rapporto di questi studenti intervistati, hanno visto solo le conseguenze di un problema, hanno pensato di risolverlo e presto lo hanno restituito. Cioè, non capivano le differenze tra problema, causa e conseguenza, quindi non hanno realmente risolto i problemi presenti nelle loro routine lavorative. Inoltre, la metodologia scelta è stata anche una base per raggiungere questo obiettivo, in particolare la ricerca-azione, che attraverso cicli incessanti, fino a raggiungere il miglioramento dei processi educativi, oltre a cambiare lo “status quo” di come, i problemi di gestione sono stati visti e risolti. Cioè, attraverso l’IA, e le sue procedure di: pianificazione, azione, osservazione e riflessione; il ricercatore è in grado di evolversi con il processo educativo, nonché di approfondire i veri problemi che provengono dal mercato del lavoro. Con questo, producendo auto-riflessione e mobilitazione per i partecipanti, e infine, generando nuove conoscenze sul campo studiato.

Alla luce di quanto sopra, è importante sottolineare che questa ricerca ha fornito vantaggi sia agli studenti che al professore di ricerca. Ciò è stato possibile con l’effetto della triangolazione del metodo, della procedura e con l’applicazione dell’apprendimento basato sui problemi, il ABP. La ricerca qualitativa, attraverso l’osservazione dei partecipanti e interviste qualitative strutturate, è stato possibile verificare che ABP abbia influenzato positivamente: l’acquisizione delle competenze necessarie al mercato del lavoro e l’impegno degli studenti a comprendere e affrontare i problemi proposti. D’altra parte, la ricerca bibliografica si basa sullo studio dell’arte, i principali e più attuali autori dell’argomento affrontato. La ricerca documentaria ha fornito la registrazione delle foto e del diario sul campo del ricercatore, necessario per comprendere il grado di influenza e coinvolgimento dei ricercatori. Ricerca d’azione, che si è evoluta con il processo di insegnamento e apprendimento di questi studenti dell’istruzione superiore. Infine, l’applicazione del ABP, insieme allo strumento MASP, promuove l’esperienza pratica professionale all’interno dell’accademia, in modo che renda questi studenti più preparati per il futuro esercizio delle loro professioni.

Pertanto, dopo la promozione della ricerca-azione, sono stati ottenuti risultati importanti, sulla base di essi, è stato del tutto possibile rispondere al seguente problema della ricerca: come rivolgersi allo studente di istruzione superiore all’interno della classe, pratica professionale? Quindi, come si fa ad avere un apprendimento efficiente, collaborativo, riflessivo e realistico? Secondo le seguenti informazioni.

5.1 ABP

Pertanto, la figura 3, appena sotto, si riferisce all’applicazione del metodo ABP attivo.

Sulla base dell’obiettivo specifico 1°: individuare il contributo dato dall’uso del ABP, nella produzione di conoscenze pratiche; e poi la domanda corrispondente: come qualificare il contributo del ABP, nel consolidamento delle conoscenze pratiche?

In risposta a questa domanda, poco dopo l’esecuzione della ricerca d’azione, svolta in aula, è stato presentato un video sul caso di studio dell’azienda CCE, dopo di che il mediatore, ha chiesto alla classe di enumerare i fatti, indicare carenze e generare ipotesi, secondo il caso presentato. Infine, con la collaborazione e la partecipazione di tutti, gli studenti hanno discusso e discusso su quali dati rappresenterebbero al meglio lo scopo di comprendere e risolvere il problema proposto e, essi stessi hanno raggiunto il consenso, elencato le informazioni richieste dal mediatore dell’attività e sono stati raggiunti i seguenti risultati:

Figura 3: Applicazione nella classe dell’ABP.

Fonte: Dati di ricerca, Record informazioni.

La figura 3 di cui sopra è un ritaglio dell’azione iniziale di presentazione dei problemi e, attraverso il ABP, cercare di risolverli. In questo momento ritrae l’atto degli indagati di ascoltare i dibattiti degli studenti, riguardanti le domande precedentemente ricevute da loro, e proiettare le risposte, per tutti, dando così prova del risultato dell’intero processo svolto, come viene praticato nella realtà delle aziende.

5.2 MASP

Quindi, la Figura 4 nella foto sotto è una risposta all’azione che implica l’applicazione pratica di MASP. In accordo con l’obiettivo specifico, 2°: descrivere l’impegno degli studenti sulle esperienze attive; c’è la seguente domanda: come segnalare il coinvolgimento degli studenti con l’azione proposta? Così, la seconda parte della ricerca è stata svolta nella stessa classe, però, nella modalità di educazione a distanza, educazione a distanza, per la necessità di distanziamento sociale in questi tempi di crisi della sanità mondiale. È da notare che non c’è stata perdita per quanto riguarda il numero dei partecipanti e il contributo di questi studenti, sulla proposta di analizzare e risolvere i problemi. Il metodo di analisi e problem solving si è presentato come strumento complementare al metodo ABP, tuttavia, con molte più risorse e ricchezza di dettagli, simulando passo passo l’analisi e la risoluzione di un problema reale, presente nella routine professionale di questi studenti intervistati.

Figura 4: Sviluppo del MASP.

Fonte: Dati di ricerca, Record informazioni.

Il grafico 1 rappresenta i risultati ottenuti dopo la ricerca sull’azione pratica del modello Kemmis, secondo il tema ricercato.

Tabella 1: Inganno generale degli obiettivi nelle conseguenze dell’azione sul ABP e sul MASP

Fonte: dati di ricerca.

La tabella 1 illustra i vantaggi adottando un metodo attivo per istruirsi a vicenda attraverso l’applicazione pratica dei problemi. L’importanza del metodo ABP è visibile, ma è anche evidente che richiede un complemento metodologico. In altre parole, il MASP ha continuato lo scopo dell’apprendimento basato sui problemi, in modo strutturato e ricco di dettagli, ed è andato oltre, quindi, prevede di andare in profondità, non solo nella risoluzione, ma, per comprenderne le cause e bloccarlo definitivamente.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Successivamente, il presente studio ci ha permesso di analizzare l’influenza esercitata sulla professionalizzazione degli studenti partecipanti, inoltre, attraverso diverse altre risorse, è stato possibile osservare che tutti hanno contribuito al raggiungimento dell’obiettivo proposto.

Non è esagerato affermare che la ricerca ha contribuito alla produzione di conoscenze pratiche, nonché all’impegno di questi stessi studenti, ad eccezione di un piccolo numero di studenti che, indifferenti alla proposta, si concentrano solo sull’ottenimento del voto della materia. I ricercatori hanno anche riferito che l’intero processo che culmina nella risoluzione di un problema, è laborioso e spesso richiede molto tempo, tuttavia, hanno confessato che si tratta di una procedura approfondita e necessaria, in modo che in realtà i problemi di gestione siano eliminati. Dati i dati che gli studenti stessi hanno conseguito attraverso l’analisi della raccolta dei dati di ricerca, tutti gli obiettivi di ogni proposta didattica presentata sono stati raggiunti con successo.

La prima azione è stata la presentazione di un video, sul caso di studio della “società CCE”, il ricercatore, ha misurato l’azione come tutor, responsabile solo dell’organizzazione del dibattito degli studenti, per quanto riguarda i punti più critici, del caso di studio del fallimento aziendale. Oltre a incoraggiare la partecipazione degli studenti, ha preso atto delle risposte di tutti i punti sollevati. Questa attività ha portato gli studenti ad osservare in dettaglio sfumature, mai osservate prima da loro, a causa di fattori, come: giudicare che sanno già come trattare i problemi, mancanza di tempo e metodo. La seconda azione, d’altra parte, è dovuta alla necessità di uno strumento più strutturato per affrontare problemi di maggiore complessità, che è stato l’uso della “metodologia di analisi e problem solving, MASP”, nella modalità a distanza, a causa della necessità di distanziamento sociale.Questo strumento si è dimostrato efficace nella risoluzione dei problemi di gestione, a causa della stessa richiesta a chi lo utilizza, di seguire passo dopo passo dettagliato ogni fase del processo, di comprendere e risolvere autonomamente i problemi. Vale la pena sottolineare che questo tema, l’apprendimento basato sui problemi è di fondamentale importanza e quindi, per gli studi futuri, si suggerisce di cercare un caso di studio dell’applicazione pratica dello stesso nell’ambiente di lavoro, delle persone che sono state presentate al metodo ABP e che usano i loro precetti per risolvere i loro problemi quotidiani.

Infine, questa ricerca è riuscita a raggiungere l’obiettivo generale, poiché è stato possibile contribuire alla costruzione di conoscenze pratiche nell’istruzione superiore. In altre parole, il metodo ABP attivo, così come il MASP, insieme, hanno prodotto diversi guadagni educativi, come: riflessione, autonomia, collaborazione e conoscenza della causa, influenzando così positivamente la formazione professionale di questi studenti che partecipano a questa ricerca d’azione.

RIFERIMENTI

ANDRADE, M. M. de. Introdução à Metodologia do Trabalho Científico. 10. ed. São Paulo: Atlas, 2017.

ARNAL, J. J. Investigación educativa: Fundamentos y metodologías. Barcelona: Labor, 1994.

CAMARGO, C. L. R. de. Aprendizagem Baseada Em problemas (PBL) uma experiência no ensino superior. São Carlos: Edufscar, 2008.

CAMPOS, V. F. Qualidade total: padronização de empresas. Rio de Janeiro: Record. 1992.

FIGUEIRA, E. Introdução geral à educação inclusiva. Clube de Autores, 2019.

FLICK, U. Managing Quality in Qualitative Research. London: Sage, 2008. ISBN 1446238733, 9781446238738.

GERHARDT, T. E.; SILVEIRA, D. T. Métodos de pesquisa. Porto Alegre: UFRGS, 120 p. 2009.

LIMA, V. M. do R. A gestão da aula universitária na PUCRS. Porto Alegre: EDIPUCRS, 170p. 2008.

KEMMIS, S.; McTAGGART, R. Cómo Planificar la investigación-acción. Barcelona: Laertes, 1988.

LIMA, S. P. C. Importância da Masp – metodologia de Análise e solução de problemas – na Melhoria dos índices de serviços Empresariais. MBA em Gestão da Logística Integrada, Aparecida de Goiânia, 34 p. 2015.

MINASI, L. F.; et al. Leituras De Paulo Freire. Rio Grande: Clube de Autores, 2011. ISBN 978-85-912855-0-1.

NAGAMINI, E. Questões teóricas e formação profissional em comunicação e educação. Ilhéus-BA: Editus, 287 p. v. 1. 2016. ISBN 978-85-7455-411-2.

POSSARLE, R. Ferramentas da qualidade. São Paulo: SENAI-SP Editora, 2014.

PRODANOV, C. C.; FREITAS, E. C. de. Metodologia do trabalho científico [recurso eletrônico]: métodos e técnicas da pesquisa e do trabalho acadêmico. 2. ed. Novo Hamburgo: Feevale, 2013. ISBN 978-85-7717-158-3.

PRODANOV, C. C.; et al. Educação e Tecnologias: Desafios dos Cenários de Aprendizagem. Curitiba – PR: Bagai, 2020. ISBN 978-65-87204-67:3.

MARTINS, J. A.; SALDANHA, C. Bioquímica em Medicina. Lisboa: Edições Colibri, 2010. ISBN 978-972-772-997-7.

TENÓRIO, R. M.; SILVA, R. de S. Capacitação docente e responsabilidade social: aportes pluridisciplinares. Salvador: Edufba, 2010.

[1] Dottorato in corso in Science de la Educación, Master in scienze dell’educazione e multidisciplinarità, Specializzazione in Insegnamento dell’Istruzione Superiore, Specializzazione in MBA in Gestione strategica aziendale, Laurea in Sistemi per Internet e Laurea in logistica.

[2] Consigliere.

Inviato: Marzo 2021.

Approvato: Giugno 2021.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here