Parità di genere: concezioni tradizionali, resistenza e progressi nelle relazioni di genere

0
47
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

EPIFÂNIO, João Lazaro [1]

EPIFÂNIO, João Lazaro. Parità di genere: concezioni tradizionali, resistenza e progressi nelle relazioni di genere. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 11, Vol. 16, pp. 76-92. novembre 2020. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/parita-di-genere

Questo studio ha come preoccupazione fondamentale riflettere sulla parità di genere, alla luce delle sfide delle relazioni di uguaglianza di genere, delle sfide derivanti dalle concezioni tradizionali e delle lotte di resistenza per l’occupazione di spazi di contingenti femminili. Questo articolo mira ad analizzare il problema dell’uguaglianza di genere nel contesto delle concezioni tradizionali, delle lotte femministe e del rapporto tra i sessi, affrontando le forme di oppressione a cui è sottoposto il genere femminile. Lo studio è stato condotto attraverso una ricerca bibliografica considerando i contributi di Fischer e Marques (2001); Gebara (2001): Antunes (1999); Oliveira (2001) e altri, cercando di enfatizzare i fattori che storicamente hanno contribuito alla formazione di una mentalità che ha dato origine a una società iniqua, dove le donne sono oppresse, dal punto di vista dell’evoluzione tecnologica e della globalizzazione. Ha concluso che le relazioni di uguaglianza di genere sono ancora guidate da concezioni tradizionali, sebbene i movimenti reazionari e la costruzione di nuove relazioni abbiano avanzato la mentalità macho persiste ancora nell’oppressione del genere femminile.

Parole chiave: Uguaglianza di genere, tradizione, educazione, relazione.

INTRODUZIONE

Questo articolo cerca di riflettere sull’uguaglianza di genere, con la preoccupazione della tradizione, della lotta e della costruzione delle relazioni di genere, al fine di chiarire le concezioni formative che sono alla base delle pratiche di esclusione femminile, fattori fondamentalmente storici, mentalità patriarcale e le sue implicazioni nello scenario educativo, sociale, politico, culturale ed economico nel contesto dell’evoluzione tecnologica del mondo globalizzato.

In questa prospettiva, per comprendere le forme di oppressione, un approccio ai fattori culturali storici è fondamentale in vista della mentalità della società patriarcale e delle sue implicazioni nel contingente femminile delle classi meno favorite, dei fattori etnici e della situazione economica. In questo senso, sono state costruite domande guida per guidare lo studio: come vengono costruite le relazioni di genere nel contesto socioculturale? Il modo in cui sono strutturati riflette le lotte femministe per la conquista degli spazi?

Quando si affrontato la questione del genere, si presuppone un sistema gerarchico verticale, propizio al processo di sottomissione e oppressione nel rapporto tra i sessi. Pertanto, si presume che la questione dell’uguaglianza di genere sia piuttosto complessa e copra diversi fattori che, interconnessi, contribuiscono a una situazione oppressiva e conflittuale.

Antunes (1999, p.109):

I rapporti tra genere e classe ci permettono di osservare che, nell’universo del mondo produttivo e riproduttivo, sperimentiamo anche la realizzazione di una costruzione sociale sessuale, dove gli uomini che lavorano sono, fin dall’infanzia e dalla scuola, diversamente qualificati e qualificati per entrare nel mondo del lavoro (…).

In questo senso, lo scopo di questo articolo è, quindi, quello di analizzare il problema dell’uguaglianza di genere nel contesto delle concezioni tradizionali, delle lotte femministe e del rapporto tra i sessi, affrontando le forme di oppressione a cui viene sottoposto il genere femminile. Al fine di raggiungere gli obiettivi, la ricerca bibliografica di natura qualitativa è stata utilizzata come risorsa metodologica, effettuata dall’analisi dettagliata dei materiali già pubblicati nella letteratura e negli articoli scientifici pubblicati sui media elettronici.

Il testo finale era basato sulle riflessioni di autori come Fischer e Marques (2001); Pañuelos (2007); MMTR/RS (1995); Gebara (2001): Antunes (1999); Oliveira (2001), tra gli altri, che affrontano il rapporto tra i generi all’interno del contesto storico e socioculturale e le forme di oppressione che colpiscono i contingenti femminili.

Per chiarire il lettore, il testo è stato diviso in sei parti, in cui cerchiamo di fare un approccio critico e riflessivo sull’uguaglianza di genere, dove si osserva che la classe femminile, protetta dalla classe maschile, è sottoposta a un processo oppressivo, in una società pensata dai valori maschili.

FATTORI TRADIZIONALMENTE CONSERVATI E ACCETTATI DALLA SOCIETÀ IN BRASILE

La storia dei popoli e la loro dimensione sociale, politica, economica, culturale, la formazione giuridica, tra gli altri, riunisce una serie di fattori che esprimono idee, i valori, la cultura concepita, formata o assorbita, principi etici, filosofici, sociologici, religiosi, ideologici, culturali e, soprattutto biologici, che sono serviti da orientamento per guidare le società nella formazione di concetti sulle differenze fisiche, diritti conquistati, garantiti e/o attribuiti in base alla natura dei ruoli o delle funzioni svolte da ciascuno dei membri della società in cui fanno parte, vale a dire, il genere maschile e femminile.

Fin dai primi tempi, uomini e donne svolgono attività in base alle loro capacità e abilità, hanno osservato i ruoli loro assegnati all’interno dei primi gruppi umani, culturalmente accettati o imposti e trasmessi di generazione in generazione come modello nella definizione delle funzioni svolte tra i generi e le loro relazioni sociali. Il dominio maschile si sovrapponeva, tenendo conto degli aspetti fisici, specialmente nel nomadismo dove la lotta per la sopravvivenza era il punto fondamentale della perpetuazione dei gruppi umani. In questo contesto, il genere maschile ha funzionato meglio, sia nella ricerca di cibo, in guerra o nei compiti che richiedevano forza fisica, capacità di comando e leadership. Così, sono state stabilite le relazioni di potere e dominio tra i sessi.

Secondo Fischer e Marques (2001, p. 02), “Le relazioni tra uomini e donne, nel corso dei secoli, mantengono un carattere di esclusione. Sono assimilati in modo bipolare, essendo designati alla donna la condizione di inferiore (…)”. L’uomo nella condizione di essere razionale si impone ai più deboli, la sua capacità di pensare associata alle caratteristiche biologiche era determinante per imporre l’idea di inferiorità al sesso opposto.

Le concezioni tradizionali ebbero una forte influenza sull’affermazione della superiorità maschile, sia in termini biologici che nella condizione di comando, status e importanza sociale. Nell’antica Grecia è possibile percepire una forte influenza delle idee di chiamata e aristoteliane della supremazia maschile, intellettuale, estetica, politica, militare, ecc., ponendo l’essere più fragile, in questo caso il genere femminile, in una situazione di inferiorità. Le concezioni aristoteliane, accettate nel Medioevo e associate al pensiero religioso, rafforzano l’idea della disuguaglianza di genere. Questa affermazione è talmente vera che l’idea di inferiorità del genere femminile è diventata un imperativo per la costruzione di una mentalità macho, culturalmente accettata sulla disuguaglianza di genere.  Sempre secondo Fischer e Marques (2001, p. 03) “La relazione di genere formata da uomini e donne si basa su differenze biologiche, di solito trasformate in disuguaglianze che rendono l’essere una donna vulnerabile all’esclusione sociale (…)”. Queste concezioni giustificano la supremazia maschile, ponendo il genere femminile in una posizione più bassa.

La costruzione di concetti, che attribuisce al genere femminile il grado di inferiorità, si basa su caratteristiche fisiche e organiche, biologiche e produttive, che sono viste come un criterio di classificazione per la capacità di produrre, da imporre per forza e padronanza, sul rapporto di potere e nella divisione dei compiti. In questo senso, il sesso femminile era visto come incapace di svolgere le stesse attività del sesso opposto, specialmente in relazione alla periodicità, o anche come sesso maschile, come un capo così definito.

Secondo Pañuelos (2007), le tradizioni patriarcali presenti nella lingua che preapertura a semplificare il sesso femminile, le modalità utilizzate e i loro contenuti visti come un atto aggressivo osservato nella vita quotidiana, sia individualmente che collettivamente, ridicolizzano il genere femminile con espressioni, consapevolmente o inconsciamente, cariche di elementi sessisti, discriminazione e violenza contro le donne.

Associate a questa mentalità, le dottrine religiose create nel contesto del Medioevo principalmente e, confermate da narrazioni create da élite, prevalentemente maschili, risuonano le dottrine religiose create nel contesto del Medioevo, confermate principalmente e, confermate da narrazioni create dalle élite, prevalentemente maschili, al fine di garantire i loro privilegi, creando, comprese leggi che determinare i diritti e i doveri dei generi per esercitare così il loro ruolo nella società. In questo senso, la disuguaglianza, intesa come normale, è andata avanti a lungo senza alcun segno di cambiamento, ha seguito il corso della mentalità elitario, come elemento culturale accettato dalla società nei suoi vari segmenti.

Osservando il processo storico, è la nascita della rivoluzione industriale che la lotta per la parità dei diritti ha guadagnato maggiore coerenza, a causa della disparità di trattamento sul lavoro nelle fabbriche. Ha anche guadagnato slancio nella sfera legale, politica, sociale, ecc., a causa del processo di sfruttamento a cui sono stati sottoposti nella sfera produttiva, specialmente nei paesi occidentali, dove rivoluzioni (illuminismo, rivoluzione inglese e francese) che si sono verificate in date successive avevano già indicato modi per una società più giusta e paritaria.

La formazione di nuovi concetti, in relazione alle donne, la costruzione di dispositivi legali, in termini di riduzione delle disuguaglianze, di ascendenza politica tra gli altri aspetti, è dovuta principalmente allo sviluppo tecnico-scientifico, culturale ed economico che ha permesso la formazione di una nuova società (modernità) di fronte alle esigenze e alle esigenze del mondo moderno, richieste dalla società capitalista davanti al mondo globalizzato.

Tuttavia, il modello sociale persistette nell’adozione di concetti di esclusione che hanno sempre posto il sesso femminile a un livello di inferiorità, contribuendo alla sua emarginazione, essendo visto anche come una condizione umana, osservato la situazione economica, sociale, di colore e di nascita. Secondo MMTR/RS (1995), è stato dal modello della società patriarcale che le varie forme di oppressione e sfruttamento si sono intensificate sul sesso femminile, creando radici e perpetuando tra i popoli.

Si percepisce così che vi sono numerosi fattori che, tradizionalmente, giustificano le narrazioni di affermazione della disuguaglianza e si sovrappongono, a livello di esclusione, del genere maschile al femminile, privandoli dei diritti di uguaglianza. Oltre a questi, ce ne sono altri che rafforzano i concetti di disuguaglianza di genere, evidenziando il sentimento di padronanza possessiva che, inoltre, concepisce il genere femminile più fragile, sensibile e fisicamente sottomesso. Gebara (2001), sottolinea che le donne in questa visione dell’inferiorità sono viste come esseri appartenenti ad altri esseri, cioè uomini, quindi l’idea che le donne esistano per servire gli uomini. Al genere femminile viene attribuito desiderio, passione, piacere, quindi il sentimento di possesso dove prevale un trattamento concettualizzato sotto forma di oggetto, il dominante attribuisce imposizioni e concepisce il dominato come oggetto di manipolazione.

Da quanto sopra, è possibile avere una nozione sulle origini della disuguaglianza di genere, che può essere considerata il punto di partenza per comprendere il processo di esclusione delle donne e vari aspetti legati ai diritti e al lungo viaggio di lotta per l’uguaglianza. Queste concezioni sono supportate dal tradizionalismo culturale che governa ancora le società e che concepisce il sesso femminile come oggetto di controllo e manipolazione. Tuttavia, fornisce informazioni importanti per la comprensione della società che è stata formata dal 21 ° secolo, sebbene governata dai valori del capitalismo e da alcuni precetti di religione e concetti infragiliati nella mentalità della cultura tradizionale e conservatrice.

IL CONTESTO A FAVORE DEL CAMBIAMENTO

Di fronte alle nuove esigenze del mondo moderno, le lotte per la libertà nei suoi vari aspetti e nei più svariati campi di attività si intensificarono, soprattutto alle soglie del XXI secolo: cultura, politica, economia, istruzione, produzione, sport, lavoro, dinamiche delle relazioni sociali, svolgimento di alte funzioni in vari campi di attività, ecc. Di fronte a queste nuove sfide, nascono nuove idee e, di conseguenza, cambiamenti di mentalità, un ambiente favorevole che ha permesso alle donne di conquistare nuovi spazi nella società, ma ancora visto come una minoranza. Le nuove idee hanno rafforzato i movimenti di classe, che hanno acquisito sempre più espressività di fronte alle dinamiche tecnologiche e allo sviluppo della scienza, nonché alle nuove esigenze e esigenze del mondo moderno.

Secondo Mota apud Duque, (2000, p.41), “la situazione delle donne negli ultimi tempi si è ridefinita, prendendo nuova forza sia nelle relazioni sociali che nella produzione, e questa riorganizzazione ha provocato un equilibrio all’interno del nuovo contesto che è attualmente in fase di definizione”.

Questo equilibrio è dovuto all’ascesa del sesso femminile al mercato del lavoro, alle posizioni dirigenziali, alle prestazioni in diversi segmenti produttivi, che hanno fornito maggiore indipendenza, così come alla formazione di una nuova mentalità sul ruolo delle donne nella società. Tuttavia, i paradigmi tradizionali persistono nel definirlo inferiore in diversi aspetti, quando il problema viene analizzato da alcuni punti di vista, specialmente quelli che coinvolgono contenuti conservatori. Per quanto riguarda gli altri aspetti sopra menzionati, i cambiamenti nel concepimento si sono verificati e si verificano, in base ai contesti e alle richieste che ne derivano, perché sono quelli che definiscono i criteri di uguaglianza tra i sessi. “L’uguaglianza presuppone un ordine da raggiungere attraverso politiche azionarie, perché sono loro che considerano differenze e presunte identità” (FISCHER E MARQUES, 2001, p. 07).  Altri punti che dovrebbero essere considerati sono legati alla classe a cui appartiene e il lignaggio, cioè la classe a cui appartiene e l’origine etnica, sono anche fattori sostanzialmente importanti da considerare quando si analizza la questione della disuguaglianza di genere.

In tutto questo cipoal di ideologie, concetti, concezioni, fattori, aspetti, lotte, promozioni o costruzioni sono intenzionalità che indicanoi e giustificano le concezioni in cui sono ancorate le forme argomentative di inferiorità. Le lotte per le politiche azionarie derivano da scopi o da una condizione, sia economica, sociale, di nascita o di colore, e generalmente denotano situazioni di esclusione.

Il diritto all’uguaglianza di genere è stato, nel tempo, oggetto di dibattito e di discursione nella società, soprattutto nel mondo di oggi, difeso come un diritto fondamentale, che in realtà è. Essere un diritto fondamentale è anche un diritto naturale, supponendo che tutti nascono uguali. Se l’uguaglianza di genere viene analizzata da questo punto di vista – del diritto fondamentale – possiamo arrivare alla conclusione che non ci dovrebbe essere distinzione tra il genero, perché tutti nascono con gli stessi diritti, quindi la legge dovrebbe essere la stessa per tutti, non solo in teoria, ma anche nella pratica. Pertanto, non sarebbero necessarie le lotte organizzate del genere femminile per garantire qualcosa che è già tuo di diritto. Secondo Fischer e Marques (2001, p. 08), “(…) dagli anni ’80, le lotte delle donne hanno preso una nuova direzione, che ha permesso la formazione di un nuovo concetto per la causa delle donne, il genere. Questo nuovo concetto, creato per rafforzare le lotte delle donne, è stato possibile solo grazie all’ingresso, più intensamente, di donne in corsi universitari che hanno permesso la produzione di studi sull’argomento, che hanno portato la questione al dibattito nel mondo accademico, dando maggiore visibilità alle lotte delle donne.

In questo senso, è necessario comprendere che le leggi sono elaborate secondo il processo di evoluzione della società e l’ideologia che guida un dato contesto, assegnando funzioni, ruoli, stabilendo norme e regole. Tuttavia, le leggi che governano la società si basano anche sulle tradizioni, e rompere la tradizione non è un compito facile da realizzare, perché cambiamenti radicali hanno un impatto sulle strutture culturali, politiche, concettuali e sociali, specialmente se si sono basate su valori religiosi. D’altra parte, le forme tradizionali sono rafforzate dall’ideale popolare, costruito da crendices e misticismo, ancora molto influente nella formazione della coscienza popolare nei tempi attuali.

Gli approcci presentati riuniscono argomenti che aiutano a comprendere le origini della disuguaglianza di genere. È noto che le teorie sono costruite per cambiare concetti all’interno delle esigenze di un nuovo contesto, creato o nato da invenzioni tecnologiche, scoperte scientifiche, guerre o catastrofi naturali. Questi contesti richiedono processi di ristrutturazione adatti alla nuova realtà.

LA RESISTENZA DELLE DONNE ALLE DISUGUAGLIANZE

La lotta delle donne per l’uguaglianza ha ricevuto un grande contributo dalla scienza. La ricerca ha dimostrato che le donne hanno le stesse capacità degli uomini in vari modi. La diffusione di tali studi ha addensato i movimenti femministi, le organizzazioni di classe, tra gli altri, riunendo altri segmenti sociali, anche discriminati, come gli omosessuali e le minoranze afro-discese e indigene. Secondo MMTR/RS (1999), si è scoperto che dalla seconda metà del XIX secolo, le donne erano già parte dei movimenti sociali, come l’abolizione della schiavitù. Nel XX secolo, divennero parte dei partiti politici, in seguito entrarono nella produzione industriale e nella lotta contro la dittatura nel periodo militare.

Insieme all’emergere di movimenti sociali e popolari, molte donne che vivevano in campagna hanno preso l’iniziativa di organizzarsi come un modo per rivendicare i loro diritti, come il “Movimento delle donne contadine a Santa Catarina e l’Organizzazione delle donne dello Swidden a Rio Grande do Sul”, (MMTR/RS, 1999).

L’organizzazione dei movimenti ha dato luogo a conferenze, in cui sono stati preparati documenti che definiscono politiche e programmi volti a ridurre le disuguaglianze tra uomini e donne, attraverso misure di lotta contro le disuguaglianze. I programmi d’azione risultanti da riunioni e conferenze e dal rafforzamento di organismi internazionali come le Nazioni Unite hanno recentemente ottenuto buoni risultati, poiché i governi sono arrivati a riconoscere la necessità di definire politiche specificamente volte a riconoscere i diritti dei gruppi discriminati e delle minoranze.

Il Brasile, che ha sempre trattato male parte della sua popolazione, come gli indigeni e i loro discendenti, gli omosessuali, gli anziani, i poveri, i neri e le donne, in particolare quelli della classe media e inferiore, ha recentemente compiuto grandi progressi nella lotta alle disuguaglianze, soprattutto nei confronti delle donne che hanno infranto barriere, infranto tradizioni e conquistato spazi precedentemente limitati agli uomini. Tuttavia, non si può dire che tutto sia già stato risolto, c’è ancora molto da fare in questo lungo viaggio di lotte per l’uguaglianza di genere.  Gebara (2001), sottolinea che il femminismo mira a mettere il genere femminile in parità con il sesso maschile.

In quanto paese emergente o in via di sviluppo e aspirante al gruppo dei paesi sviluppati, il Brasile spesso cerca di modernizzare la sua legislazione con testi estesi e pieni di lacune, spazi vuoti e difficili da soddisfare, poiché sono sempre sovvenzioni di cui la maggioranza della popolazione non è a conoscenza. , non capisco, difficile da interpretare e, quindi, senza molti effetti pratici. Secondo Frei Beto (2001), sotto pressione, le Nazioni Unite (ONU) hanno dichiarato l’Anno internazionale delle donne, nel 1975, e nello stesso decennio e negli anni ’80 hanno inaugurato quello che sarebbe stato il Decennio delle donne, dichiarato in tutto il mondo.

I progressi legislativi, a favore della parità di diritti e nella garanzia della loro difesa, in relazione a questioni di disuguaglianza tra i vari segmenti sociali, e soprattutto tra i sessi sono risultati estremamente importanti e in una certa misura incommensurabili agli occhi degli esclusi. Tuttavia, ci sono fattori, oltre ai diversi già menzionati, che influenzano direttamente e influenzano l’applicazione e l’osservazione delle leggi e il loro riconoscimento che sono i fattori educativi, etnici, sociali, religiosi, economici.

L’ISTRUZIONE COME ELEMENTO DI RESISTENZA ALL’UGUAGLIANZA DI GENERE

L’istruzione, offerta liberamente e obbligatoriamente alla società brasiliana, non comprende ancora un modello educativo autenticamente nazionale, c’è sempre qualche elemento derivante da copie esterne al di là, ovviamente, del divario che si è formato tra l’istruzione e i cambiamenti elaborati nel contesto dell’evoluzione tecnologica e delle scoperte scientifiche, che si sono verificati negli ultimi decenni. Così, si traduce in un’istruzione carente che forma cittadini con disabilità intellettive, incapaci di promuovere cambiamenti che portano alle trasformazioni così necessarie dalla società.

Secondo Oliveira (2001), sebbene i movimenti scolastici e sociali insegnino pacificamente entrambi hanno il senso politico del processo educativo, sia la scuola che i movimenti sociali, secondo l’autore, dovrebbero essere luoghi favorevoli per lo sviluppo di un’educazione critica ed emancipatoria. Si comprende, quindi, che il vero ruolo della scuola e dei movimenti che mobilitano la società, per una certa causa, deve contribuire, fondamentalmente alla costruzione della conoscenza fondamentale, alle trasformazioni sociali dell’equità, di una società più giusta e fraterna.

Secondo Fischer e Marques (2001, p. 07-08) “L’istruzione, sia domestica informale che scolastica, è una delle basi dell’esclusione e della violenza contro le donne, diffuse in vari contesti della società (…)”. Pertanto, è necessario avanzare, preferibilmente nella formazione intellettuale (ricerca ed estensione) in modo che una mobilitazione popolare associata all’impegno della lotta per la demistificazione degli stereotipi e la rottura dei pregiudizi, svuotamento dei concetti e delle concezioni tradizionali che agiscono sfavorevolmente nel processo educativo. Paulo Freire (1989), nelle sue analisi sul tema educativo, riferendosi alla formazione della materia, ci insegna che il vero significato dell’educazione è quello di contribuire affinché gli oppressi possano lottare per la trasformazione della realtà, cioè liberarsi dalla condizione degli oppressi.

Gli istituti di istruzione offrono ancora nei loro curricula elementi, pieni di contenuti pregiudizie, che rafforzano gli ideali dell’egemonia maschile, frutto del patriarcato, tradizionalmente costruito nel contesto medievale e accettato come modello di società. Questo, grosso modo, contribuisce direttamente o indirettamente alla perpetuazione dell’ideazione che concepisce la disuguaglianza di genere come una normalità naturale.

D’altra parte, c’è, con grande frequenza e ripercussione, la diffusione dei contenuti nei principali strumenti di comunicazione e informazione che rafforzano anche le idee di inferiorità del sesso femminile, preservate culturalmente, espresse tra gli altri nei mass media, nell’industria cinematografica, nelle soap opera. L’intenzione di questi mezzi di comunicazione e informazione, forse non di rafforzare questi concetti o idee che portano a processi discriminatori, ciò che viene messo in discussione è la difficoltà o l’incapacità della maggior parte degli spettatori, degli utenti, degli ascoltatori o degli utenti di Internet di assorbire, digerire, comprendere e interpretare il vero significato che questi contenuti trasmettono da televisione, giornali, Internet e social network.

La carenza del sistema educativo non corrisponde alle esigenze che emergono dalla società, per quanto riguarda le esigenze che il contesto in cui l’informazione viene elaborata, cioè una società disinformata nell’era dell’informazione. Le politiche educative offerte dallo Stato ostacolano i processi di cambiamento e trasformazione, qualunque essi siano, specialmente nell’ambito dei cambiamenti nelle concezioni e nella formazione di nuovi concetti di intolleranza, discriminazione e pregiudizi, riguardanti l’uguaglianza di genere. Conte (2008, p. 04) afferma quanto segue: “È attraverso l’oppressione e lo sfruttamento subiti nella vita quotidiana, e trovando forme di reazione, attraverso la sovversione, soprattutto collettiva, che le donne sono ammesse, la liberazione e l’autostima”. Quanto sopra rafforza l’idea che le forme di oppressione possano servire da stimolo ai movimenti di resistenza, dallo sviluppo della formazione critica attraverso l’educazione emancipatoria.

La lotta delle donne per la garanzia e il riconoscimento dei loro diritti ha trovato, e continua a incontrare, una forte resistenza, che non potrebbe essere diversa, di fronte a una società sessista ed esclusiva. Alcuni dei risultati raggiunti dal sesso femminile, a scapito di molti sforzi, a volte anche con perdita di vite umane, non sono sempre rispettati. Aggressione, maltrattamenti, discriminazione, femminicidio e pregiudizio continuano, non c’erano ancora minacce, che il più delle volte impediscono l’applicazione della legge e, di conseguenza, annullano tutti i diritti guadagnati o addirittura acquisiti. La carenza di educazione scolastica ostacola l’evoluzione di processi che offrono sussidi intellettuali per la costruzione di conoscenze che consentono di riconoscere l’uguaglianza dei diritti tra i sessi, senza distinzione di genere, origine etnica, sesso, colore, credo religioso e condizione finanziaria.

LAVORO, UNA QUESTIONE DI ESTREMA MANCATO RISPETTO

La resistenza femminista e la ricerca dei movimenti per la parità dei diritti hanno già avuto esiti positivi nell’ambito della legislazione, come la definizione di politiche che mirano a promuovere, attivamente l’eliminazione delle forme di discriminazione ed esclusione sui diritti delle donne e sviluppare azioni a sostegno della partecipazione. processo decisionale nel paese. Secondo Fischer e Marques (2001, p. 05), “l’esclusione delle donne [sul lavoro] non può essere spiegata dalle circostanze economiche”. Per gli autori, la gerarchia del patriarcato mantiene le donne in una condizione inferiore, dando loro funzioni lavorative libere, che, secondo loro, è “di grande rilevanza per la società progettata per gli uomini” (FISCHER e MARQUES, 2001, p. 05).

In questo contesto, vale la pena ricordare ciò che riguarda la violenza e le molestie sessuali, che, forse, sono le più difficili da combattere o da eliminare, per il fatto che avvengono a casa e al lavoro. “Nel caso del Brasile, la violenza contro le donne è stata una preoccupazione per i ricercatori, insieme alla lotta per il diritto alla cittadinanza nella sfera legale, educativa, sessuale ed economica …” (FISCHER E MARQUES, 2001, p. 06). La violenza, manifestata in varie forme, è un problema affrontato quotidianamente dalle donne, dove le più frequenti sono le aggressioni domestiche e le molestie sessuali.

Le aggressioni accompagnate da minacce, ricatti e indifferenza mettono l’aggressore in una posizione privilegiata nei confronti della vittima, che spesso finisce per stare zitta di fronte alla situazione. Ciò è dovuto a diverse ragioni, tra cui spicca la paura di perdere il lavoro, la dipendenza finanziaria, a causa dei bassi salari, la paura di scandalizzare la famiglia, in particolare i bambini, quando c’è e la reputazione di donna e rappresaglie.

Fischer e Marques (2001, p. 05), vengono sottolineati che: “La logica della globalizzazione e delle catene di produzione, molto attuale per il capitalismo contemporaneo, incorporava le sacche mondiali di manodopera a basso costo, senza necessariamente aumentare il suo reddito (…)”. In questo senso, la questione salariale è uno dei fattori più ooted attribuiti al genere femminile, e lo stipendio pagato per il lavoro svolto dalle donne segue la logica del trattamento dato al genere: inferiore.

In questo contesto, vi sono anche questioni relative, in particolare al lavoro, per quanto riguarda la questione salariale, in cui, secondo gli studi, la maggior parte delle donne retribuite riceve valori inferiori rispetto agli uomini, svolgendo le stesse attività. La partecipazione delle donne al mercato del lavoro è inferiore a quella degli uomini. Ciò riflette l’alto livello di povertà, osservato negli strati meno favoriti della popolazione.

FEMMINISMO ALLA RICERCA DELL’UGUAGLIANZA E DI ALCUNI ASPETTI DELLA LEGISLAZIONE

Gli approcci alla parità di genere, l’adozione di misure e politiche nella lotta contro le disuguaglianze e la particolare attenzione delle agenzie governative alla causa delle donne diventano un imperativo, poiché le azioni definite, strategicamente sulla questione femminista, non hanno ancora effettivamente garantito cambiamenti significativi nei processi discriminatori nei confronti delle donne, in particolare delle classi meno favorite, afrodescendanti e indigene. Pertanto, la lotta per l’espansione dei diritti è ancora molto lontano dal realizzarsi e dall’abbinare quelli del sesso maschile.

In questa prospettiva, vale la pena ricordare che i diritti all’uguaglianza sono già garantiti dalla legge, il problema è l’osservazione di queste leggi che, nel caso del Brasile, devono essere rafforzate da altre leggi. La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, adottata dalle Nazioni Unite, stabilisce nel suo articolo 2. che cosa:

Tutti gli esseri umani possono invocare i diritti e le libertà proclamati e presenti in tale Dichiarazione, senza distinzione, tra cui razza, colore della pelle, sesso, lingua, religione, opinione politica o altra origine nazionale o sociale, fortuna, nascita o qualsiasi altra situazione. Inoltre, non sarà fatta alcuna distinzione basata sullo status politico, giuridico o internazionale del paese o territorio della naturalezza della persona, che si tratti di tale paese o territorio indipendente, sotto tutela, autonomo o soggetto a qualche limitazione della sovranità (DECLARAÇÃO UNIVERSAL DOS DIREITOS HUMANOS, 2009, p. 5).

Il testo dell’articolo è stato ampliato e rafforzato in modo diverso dalle conferenze tenutesi negli anni ’70 e ’80 e soprattutto negli anni ’90, quando i suoi effetti sono stati approvati dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Alla luce del processo di esclusione delle minoranze, in particolare delle donne, le iniziative sono diventate in grado di contenere azioni discriminatorie ed eliminare i vari ostacoli che agiscono sfavorevolmente contro la parità di genere. Il testo, della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, non menziona segmenti, classi o gruppi sociali specifici, non fa distinzione, cioè se la legge fosse rispettata e presa come modello tra i popoli faciliterebbe le società a rompere con gli stereotipi e a frenare forme discriminatorie che inferiorizzano il genere femminile.

Le deliberazioni, nella definizione dei ruoli e nell’assegnazione di funzioni ai generi, sono caratteristiche delle società gerarchiche che preservano i valori socialmente accettati e preservati. Sono costruiti e trasmessi comportamenti di generazione in generazione e, quindi, difficili da eliminare, perché sono tradizioni ideologicamente imbriate nella formazione della mentalità popolare.

Tuttavia, la questione dell’uguaglianza di genere deve considerare quale modello lo Stato, il territorio, il paese o i gruppi sociali sono organizzati o strutturati nel contesto mondiale. Nel caso del Brasile, contenuto nel sistema capitalista, l’uguaglianza di genere non sarà superata così facilmente, perché le caratteristiche di questo sistema impediscono che si verifichi una situazione del genere. Nel sistema capitalista la disuguaglianza è una delle sue caratteristiche principali. Pertanto, la costruzione dell’uguaglianza in questo sistema non può mai essere raggiunta, può anche essere mitigata o alleviata, ma mai completamente superata. In questo senso, Meszaros (2002) sostiene che l’uguaglianza tra uomini e donne, classi o gruppi sociali è impossibile nel sistema capitalista.

Da questo punto di vista, la possibilità di uguaglianza diventa difficile da raggiungere, rimane solo l’utopia che alimenta le lotte e il sogno dell’uguaglianza. Questo ci permette di capire che le leggi, i programmi e le azioni, proclamati da organismi internazionali, come l’ONU, o anche dalle leggi nazionali non vengono rispettati, perché, essendo organi o organismi al servizio del capitalismo, i paesi sanno che le loro proposte sono irrealizzabili.

È noto che negli ultimi decenni ci sono stati diversi risultati e un impegno significativo da parte di governi, entità e istituzioni e, possiamo citare il Brasile, per soddisfare le richieste dei movimenti femministi, e il governo era disposto a discutere sulla questione della parità di genere, ma in un’agenda in cui l’agenda non ha molta priorità. I legislatori sostengono che i dibattiti devono maturare e che le discussioni devono essere sottoposte a un apprezzamento più approfondito per non correre il rischio di precipitazioni e commettere errori.

La Costituzione brasiliana del 1988, all’articolo 5, stabilisce il principio di uguaglianza, quando afferma che: “Tutti sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di natura e che il diritto alla vita, alla libertà, all’uguaglianza, alla sicurezza e alla proprietà è garantito” (BRASIL, 2004, p. 7).

Si percepisce che quanto sopra stabilisce l’uguaglianza di tutti senza alcuna distinzione, ma di fronte alla realtà ci si chiede: se tutti sono veramente uguali perché ci sono esclusi? Perché allora abbiamo i movimenti di classe, i movimenti femministi che lottano in cerca di uguaglianza? Si tratta di questioni che svengono, perché teoricamente la legge stabilisce tutte le garanzie, le ideologie che guidano la pratica sono antagoniste alla legislazione.

Secondo la Costituzione, l’articolo 3 stabilisce come obiettivo fondamentale: “Promuovere il bene di tutti, senza origine, pregiudizio di origine, razza, sesso, colore, età e qualsiasi altra forma di discriminazione” (BRASIL, 2004, p. 31).

La legislazione esprime chiaramente l’uguaglianza garantendo il giusto fulzio, estendendolo a tutti senza distinzioni. Ciò si riferisce a una riflessione su ciò che questa uguaglianza dovrebbe essere senza distinzione e sulle disuguaglianze, nonché sul processo di superamento, attraverso lotte di classe e, spazialmente, movimenti femministi. Il fatto che l’uguaglianza esista nella legge, in modo giuridico, non significa che sia effettivamente garantita a tutti come previsto, quindi non ci sarebbero movimenti che cercano di conquistare la libertà nella sua pienezza.

I movimenti femministi hanno già raggiunto importanti risultati in Brasile, come la legge Maria da Penha, uno strumento importante per combattere le disuguaglianze e, sostanzialmente importante in questo processo di lotta per superare disuguaglianze, aggressioni e mancato rispetto a cui le donne sono sottoposte nella nostra società. La legge Maria da Penha ha rafforzato ciò che determina l’articolo 5 della Costituzione federale. Sancita nel 2006, la legge Maria da Penha ha stabilito cambiamenti nel contesto della realtà femminile e ha proposto di aumentare il rigore per quanto riguarda le pene applicate all’aggressione, ai maltrattamenti e alla mancato rispetto delle donne.

Le donne erano presenti in quasi tutti i grandi momenti che hanno segnato la storia del Brasile, ma è stato negli ultimi decenni che hanno effettivamente iniziato a essere riconosciute nel paese come personalità importanti nella costruzione della società. Questo perché negli ultimi decenni sono stati evidenziati nelle competizioni sportive nazionali e internazionali, nella musica, nell’arte, nella politica, nelle attività produttive, nelle scienze e, soprattutto, nell’istruzione, che hanno dato loro maggiore visibilità nella lotta per l’uguaglianza.

L’ultimo decennio del XX secolo e l’inizio del XXI secolo culminarono nella cosiddetta era della conoscenza, di fronte all’evoluzione tecnico-scientifica, ai progressi tecnologici, alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, accessibili da dispositivi mobili connessi a Internet, i social network e il consolidamento del processo di globalizzazione hanno scosso le strutture patriarcali e permesso l’emergere di movimenti sempre più organizzati contro il patriarcato e contro gli atti di discriminazione e pregiudizio nei confronti delle donne.

CONSIDERAZIONI FINALI

Da quanto sopra, si conclude che le relazioni di uguaglianza tra i sessi sono ancora guidate da concezioni tradizionali, sebbene i movimenti di resistenza e la costruzione di nuove relazioni siano pro avanzati negli ultimi decenni, la mentalità macho persiste ancora nel classificare il genere femminile con inferiore. Tuttavia, i movimenti femministi hanno acquisito espressività nella conquista degli spazi, nel riconoscimento e nell’attribuzione del ripudio alle pratiche tradizionali che ostacolano il processo di uguaglianza. La lotta delle donne dimostra l’incoraggiamento nella lotta contro la discriminazione nella ricerca della costruzione di una nuova società, in cui il confronto di questioni di classe e di interessi di genere sia guidato in modo da contemplare tutti in modo meno disuguale.

Si è scoperto che non è un compito facile cambiare una realtà, un contesto già consolidato e consolidato con idee, abitudini, costumi, atteggiamenti e comportamenti storicamente costruiti e socialmente accettati, valorizzati e riprodotti dalle società nel tempo, tuttavia i progressi tecnologici nell’informazione e nella comunicazione, la globalizzazione, il processo produttivo rendono l’ambiente favorevole ai cambiamenti nelle relazioni sociali e nella formazione di nuove concezioni sulla parità di genere.

È noto che la piena uguaglianza di genere non sarà possibile finché l’attuale modello di società, economia e politica determinerà le regole e le norme che guidano la vita nella società. Il persistere della disuguaglianza dimostra che è necessario sviluppare più iniziative, le lotte femministe si sono rivelate efficienti, ma inefficaci dal punto di vista istituzionale. Il processo di esclusione e discriminazione da parte del genere maschile è ancora noto, sia per eredità ideologica che per questioni fisiche, etniche, economiche e sociali.

Nel frattempo, affinché vi sia effettivamente parità tra i sessi, è necessario costruire nuove basi per la formazione di una nuova società, spogliata di processi discriminatori, ideologie, costumi, concezioni oppressive e costruire nuove conoscenze che concepiscono gli esseri umani come uguali in tutti i settori della vita. Ci si aspetta che questo studio possa contribuire con nuove riflessioni e che nuove prospettive si rivolano al problema della disuguaglianza di genere, al fine di indicare modi e possibilità per contenere le disuguaglianze associate all’intensificazione dei movimenti per conquistare nuovi spazi e accessi, alla partecipazione al processo decisionale e al riconoscimento dei diritti di coloro che si trova in uno stato di oppressione.

RIFERIMENTI

ANTUNES, R. Os sentidos do trabalho: ensaio sobre a afirmação e a negação do trabalho. São Paulo: Boitempo, 1999.

BRASIL. Senado Federal. Comissão Temporária Interna “Ano da Mulher-2004”. A mulher e as leis: perguntas e respostas para o Brasil do século XXI. Brasília: Secretaria Especial de Editoração e Publicações, 2004.

______. Lei Maria da Penha: cartilha informativa sobre a lei nº 11.340 de 2006. Brasília: Centro de documentação e informação. Coordenação de Publicações, 2007.

CONTE, Isaura Isabel. Mulheres feministas e camponesas? Revista eletrônica
Espaço da Sophia.
Vol. 15, ano II, Junho/2008.

Declaração Universal dos Direitos Humanos, 2009. Disponível em: http://www.un.org/>. Acessado em 15/06/2020.

DUQUE, L.V. Abrigos e albergues para moradores de rua: uma realidade em questão. Porto Alegre: [s. n.], 2000.

FISCHER, I.R.; MARQUES, F. Gênero e exclusão social. Trabalho para discussão 112, agosto/2001.

FREI BETTO. A Marca do Batom. São Paulo, agosto de 2001.

FREIRE, Paulo. Pedagogia do oprimido. – ed. 23ª. – Rio de Janeiro: Paz e Terra, 1989.

GEBARA, Ivone. Cultura e relações de gêneros. São Paulo: Cepis, 2001.

MESZAROS, István. Para além do capital. São Paulo: Bomtempo, 2002.

MMTR/RS. A evolução da mulher na humanidade. Textos internos. Passo Fundo, RS: [s.n.], 1995.

_______. As mulheres na luta. Textos internos. Passo Fundo, RS: [s.n.], 1999.

OLIVEIRA, Elizabeth Serra. Movimentos sociais e educação popular no Brasil urbano industrial – UFF/ GT: Movimentos Sociais e Educação / n.03.

PAÑUELOS. Hacia una pedagogia feminista: gêneros e educación popular. – Bueno Aires: América Libre, 2007.

[1] Laureato in Psicopedagogia, Laureato in Storia.

Inviato: Luglio 2020.

Approvato: novembre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here