Inclusione di studenti con disabilità nelle scuole

0
9
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

PERES, Sidneis Queiroz [1], MARTINS, Edson [2]

PERES, Sidneis Queiroz. MARTINS, Edson. Inclusione di studenti con disabilità nelle scuole. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 01, Vol.07, pagg. 90-101. Gennaio 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/inclusione-di-studenti

ASTRATTO

L’educazione inclusiva in Brasile per molto tempo è stata fatta in centri specializzati per studenti con disabilità, ma alcuni anni fa questi studenti hanno iniziato ad avere il diritto di iscriversi a scuole regolari, ma c’erano molte difficoltà da loro incontrate quando sono stati inseriti nel preoccupante è stato anche l’ambiente scolastico totalmente privo di strutture per accoglierli e la mancanza di professionisti qualificati per lavorare con questo studente. L’obiettivo generale dell’articolo è comprendere il processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole ordinarie, e per questo, la ricerca è stata svolta in diversi lavori pubblicati sull’argomento da vari autori, che hanno aiutato molto nello sviluppo dell’articolo. Va notato che molto resta da fare per migliorare questo processo di insegnamento e apprendimento per gli studenti con disabilità nelle unità scolastiche. Nelle considerazioni finali, sono stati fatti alcuni suggerimenti per migliorare questo processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole regolari, come, ad esempio, la regolamentazione della posizione di questo professionista che lavorerà con questo studente, perché in molti stati e Comuni questa funzione non è regolamentata dalla rispettiva legge organica, e la creazione di un bando pubblico per la specifica posizione, la parte strutturale delle scuole, è in fase di riadattamento per servire questi studenti.

Parole chiave: inclusione scolastica, disabilità mentale, processo di insegnamento-apprendimento.

1. INTRODUZIONE

La scelta del tema è stata fatta attraverso la necessità di un miglior servizio agli studenti con disabilità nell’ambiente scolastico e che quasi sempre ha professionisti impreparati a lavorare con questi bambini, in quanto non hanno ricevuto alcun tipo di formazione, cosa che ha reso molto il loro lavoro. desiderio difficile all’inizio.

La ricerca sull’argomento è stata effettuata se necessario, in quanto il numero degli studenti inseriti è cresciuto molto negli anni e molte scuole non sono ancora preparate a riceverli adeguatamente, sia strutturalmente che professionalmente e psicologicamente dai professionisti delle unità scolari che per la maggior parte non ha mai lavorato con studenti con disabilità.

Questo articolo è il risultato di una ricerca bibliografica sui lavori di alcuni autori sul processo di inclusione degli studenti con disabilità nella scuola regolare, un processo che si è molto modificato negli anni, cercando sempre di migliorare il servizio degli studenti con disabilità nelle scuole verranno utilizzati articoli scientifici, riviste e libri pubblicati su Internet, leggi e decreti pubblicati dal governo su Internet.

Questo articolo mira a comprendere il processo di inclusione e insegnamento dell’apprendimento degli studenti con disabilità nelle scuole e di sottolineare a tutte le autorità e alla comunità in generale la loro importanza e cercare di offrire una struttura scolastica di qualità in grado di soddisfare le aspettative di un’istruzione di qualità per tutti studenti senza eccezioni e il loro pieno sviluppo.

L’articolo è stato suddiviso in sei parti, la prima parte delle quali introduce un’anteprima dell’articolo, e la seconda parte tratta l’argomento approfondito, mentre la terza parte tratta gli obiettivi dell’articolo, la quarta parte tratta base teorica dell’articolo, e la quinta parte sono le considerazioni finali che portano osservazioni e suggerimenti per migliorare questo processo di inclusione e nella sesta e ultima parte sono i riferimenti bibliografici dell’articolo.

2. ASPETTI STORICI DELL’INCLUSIONE SCOLASTICA

Si può dire che le politiche inclusive degli studenti con disabilità hanno avuto origine nel 1968, dopo l’UNESCO, si sono unite a grandi specialisti e da lì è emerso un programma che ha cercato l’assistenza degli studenti con disabilità – garantendo così le basi che concettualizzeranno ciò che oggi è già chiamato Educazione speciale. Sottolineo uno degli estratti del documento di riferimento, si osserva che:

Gli obiettivi dell’educazione speciale per bambini con disabilità mentali, sensoriali, motorie o affettive sono molto simili a quelli dell’istruzione generale, ovvero: consentire lo sviluppo individuale delle capacità intellettuali, scolastiche e sociali al massimo. (UNESCO, 1968, p. 12)

Negli anni ’70, i paesi con pratiche più consolidate in materia decisero di mettere in pratica alcune iniziative, Santos nel 1997, afferma che le azioni di mobilitazione furono innescate in diversi paesi del continente europeo dopo che ci fu l’emergere della cosiddetta “filosofia dell’inclusione ”, Sempre nello stesso anno 1960 del secolo scorso. Ma ci vorranno ancora molti, molti anni perché la letteratura (MADER, 1997; JÖNSSON, 1994 e altri) diventi evidente a livello internazionale.

Comprende che affinché ci sia un cambiamento in qualcosa, è necessario uno stimolo per provocare quel cambiamento, perché, se non fosse per l’interesse del cambiamento in questo contesto di inclusione, questo processo di inclusione sarebbe ancora stagnante lungo il stesse linee del passato, rendendo così difficile per questi studenti con disabilità l’accesso alle unità scolastiche, e con la necessità di uno sguardo diverso su questi studenti, la comunità in generale ha iniziato a mettere in discussione quella visione tradizionale che non corrisponde più alla realtà, come vedremo di seguito;

Secondo Reis e Boss, (2008, p. 3-4)

Ciò che ha portato allo stimolo originale in questo contesto è stata la messa in discussione della visione tradizionale e profondamente radicata nella società, che già vedeva la necessità di integrazione con la responsabilità che doveva essere assunta, letteralmente, dalla persona con bisogni speciali, dispensando la società a partecipare in questo processo. È questa concezione che perderà forza. Le idee relative alla normalizzazione e all’integrazione, precedentemente prevalenti, sono state sostituite dal principio di combattere sistematicamente ogni tipo di esclusione sociale delle persone con disabilità.

Come si vede nell’estratto sopra citato, l’idea che in passato le persone con disabilità fossero un “problema familiare”, ma, nel tempo, questa visione si è attenuata all’interno della società in generale dove ognuno ha un po ‘di responsabilità nei confronti degli studenti con bisogni speciali, poiché, essendo un essere umano, merita tutto l’affetto e il rispetto di tutti, garantendo così tutti i suoi diritti.

Baroni (2007) parla degli importanti progressi raggiunti dal Brasile su questo argomento, ma ci mette in guardia; che il paese ha bisogno di evolversi e molto nella sua legislazione e anche sulla posizione di ogni cittadino in materia.

Nel 1999 è stata redatta la Convenzione Interamericana per eliminare tutte le forme di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità, che è stata sanzionata in Brasile con il decreto n. 3.956 del settembre 2001, dove il paese ha assunto molti impegni e ha fissato obiettivi per raggiungere gli obiettivi. proposto. Pertanto, si può affermare che attraverso una semplice valutazione degli obiettivi raggiunti fino ad oggi, si può vedere che il Brasile ha fatto molti progressi nell’attuazione e nella costruzione di politiche pubbliche inclusive, tuttavia, c’è ancora molto da fare, e per questo è necessario intensificare l’impegno di tutti gli enti governativi e non, affinché si possano ottenere risultati ancora migliori, di fronte a un tema di tale importanza per la comunità scolastica in generale. (BARONI, 2007)

3. PARADIGMI DELL’INCLUSIONE

Nell’antichità prima di Cristo, le persone con disabilità erano viste con cattivi occhi, perché le persone vedevano la disabilità come una forma di punizione da parte di Dio per i peccati della persona con disabilità o dei loro genitori e prima che le persone con disabilità subissero molti pregiudizi dalla società e questo è accaduto per molti, molti anni, per questo motivo le famiglie con bambini con disabilità hanno preferito tenere i loro figli a casa isolati dalla società per evitare che i loro figli subissero l’umiliazione davanti alla società, ma, nel corso dei secoli, questo paradigma che la disabilità è stata la punizione di Dio si stava rompendo. Bibbia (Giovanni 9: 2-3)

E con questo cambio di paradigma, il rapporto delle persone con disabilità è migliorato ed è molto chiaro che anche le persone che, anche indirettamente, agiscono in modo prevenuto con le persone con disabilità, di più, questo è migliorato molto, oggigiorno le persone hanno vissuto accettare le persone con disabilità come parte della società e ha cercato di includere in modo generale nella società, dove hanno gli stessi diritti di tutti, ma, concentrandosi sull’istruzione, ci sono grandi progressi che hanno notevolmente migliorato l’accesso all’ambiente scolastico . (MACIEL, 2000, p. 1).

Da qui la necessità di ragionare sui temi dell’accesso e della qualità nell’istruzione, ricercando così l’attenzione dei sistemi educativi per la necessità di una riorganizzazione degli spazi educativi da una visione più completa del curricolo, con l’obiettivo di eliminare barriere e ostacoli che ostacolare o impedire la partecipazione e l’apprendimento delle persone incluse nella scuola. In questo senso, qualsiasi politica pubblica finalizzata all’educazione inclusiva presuppone la creazione e lo sviluppo di azioni strutturate per soddisfare le esigenze di ogni studente in questo processo, tra le azioni c’è l’espansione dell’offerta di risorse e servizi in modo che le condizioni di istruzione possano essere garantita l’accessibilità delle persone con bisogni speciali negli istituti scolastici.

Poiché l’unità deve essere adattata per ricevere questi studenti e garantire il benessere e la sicurezza di tutti, per questo è necessario costruire rampe, posizionamento del pavimento tattile, corrimano e adattamento del bagno per gli studenti con esigenze speciali dell’unità scolastica, come bene come la rimozione di tutti gli ostacoli che possono ostacolare il passaggio degli studenti e il materiale didattico deve essere adattato per lo studente in base alla sua disabilità.

Alves (2006, p. 3) afferma che:

Il principio di accessibilità è presente nel concetto che guida la costruzione della scuola inclusiva, indicandone la dimensione trasversale che si oppone all’esistenza di sistemi paralleli di educazione speciale e regolare e inizia a progettare scuole con ambienti accessibili e non discriminatori, garantendo diritti cittadinanza e attenzione alla diversità umana.

Questo principio è molto importante per il processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole, poiché si tratta di orientare l’adeguatezza delle unità scolastiche esistenti e pianificare la costruzione di nuove scuole all’interno degli standard di inclusione per ricevere studenti con disabilità, dove l’unità deve soddisfare diversi requisiti per diventare una scuola di inclusione.

L’insegnante deve lavorare in modo diverso con ogni studente incluso, come un’attività da colorare o qualcosa che attiri l’attenzione dello studente, non portando lo studente con disabilità quel giocattolo che lo rende calmo, poiché ciò potrebbe renderlo ancora più suscettibile a una crisi momentanea questo è chiaro a seconda della disabilità o del grado di disabilità di ogni studente.

La cosa corretta, quindi, è incoraggiare i colleghi a interagire e non lasciare lo studente con disabilità isolato, in quanto ha bisogno di interagire anche con altri bambini per sviluppare al meglio le sue capacità psichiche e motorie nell’ambiente scolastico, anche quando l’allievo non lo gioca è importante che sia insieme agli altri studenti nelle attività sia all’interno della classe che nelle classi fuori dalla classe, perché questo momento è molto importante, anche se la disabilità dello studente gli rende impossibile interagire con gli altri studenti è importante che sta con gli studenti nei giochi anche se solo in cerca, perché, per molti studenti compresi, è già molto gratificante e nell’ambiente scolastico il tuo caregiver deve esserne consapevole.

Nel contesto dell’istruzione pubblica, dove il governo fornisce un caregiver individuale per ogni studente con disabilità, durante il processo di assunzione, le persone addestrate a lavorare con il bambino, conoscono la loro routine, i gusti e le strategie su come mantenere la calma del bambino dovrebbero essere selezionato, e soprattutto saper agire al momento della crisi del bambino, perché sa che ci sono tanti tipi di disabilità e alcuni di essi possono lasciare la persona con quella disabilità soggetta a crisi momentanee che possono renderlo violento anche nei confronti di altre persone e lui stesso e questo professionista devono essere preparati a saper affrontare questo tipo di situazione, perché anche tra i bambini senza disabilità questo problema di violenza può capitare, ma, il professionista deve essere sempre attento al suo allievo, perché, a seconda della sua disabilità non avrà alcun senso di pericolo e potrai facilmente farti male.

Il processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole è qualcosa che garantisce il diritto di ogni brasiliano, che è quello di frequentare un’aula comune, insieme agli altri studenti dove può stare e interagire con la classe e con la scuola in generale. , quindi, parte dal principio costituzionale dove si dice che tutti dovrebbero essere trattati allo stesso modo.

La ricerca sull’argomento è stata fatta se necessario, poiché il numero di studenti inclusi è cresciuto molto e molte scuole non sono ancora preparate a riceverli correttamente.

“Ci dispiace non siamo preparati a ricevere tuo figlio” questa è la risposta che molti genitori sentono quando cercano di iscrivere i propri figli con disabilità in una scuola normale. Tuttavia, le scuole non possono più accettare questo tipo di risposta e tacere. È necessario approfondire l’argomento e rendere consapevoli i professionisti coinvolti nel processo di insegnamento-apprendimento che ciò che è garantito dalla Legge sull’inclusione è soddisfatto. Questo è il contributo che questa ricerca può portare all’ambiente accademico e alla comunità in generale.

Nella città di Cuiabá, capitale dello stato del Mato Grosso, si può vedere che tutte le unità scolastiche erano adatte per essere una scuola di inclusione, portando più tranquillità e comfort agli studenti inclusi, ma, sai che questa non è una realtà in tutto lo stato e il paese in generale, in Brasile molti stati non sono ancora riusciti ad adattare tutte le loro unità allo standard richiesto affinché l’unità diventi una scuola di inclusione, ma a poco a poco il Brasile si sta muovendo verso la standardizzazione di tutte le scuole.

Beyer (2006, p. 11), afferma che:

Il grande ostacolo, quando si pensa al bambino con bisogni speciali, è il frequente isolamento che sperimenta in famiglia, nella vita scolastica o nella vita nella società. L’isolamento, dal punto di vista vygotskiano, non è solo un problema sociale o etico, ma rappresenta un aspetto psicosociale molto delicato.

Inoltre rende necessario conoscere e comprendere i termini corretti per riferirci a determinate carenze, perché, molte volte, l’uso di un termine sbagliato può mettere in imbarazzo il bambino o anche i genitori, l’uso del termine errato può spesso essere inteso come pregiudizio. O anche come un modo per deridere la persona disabile in qualsiasi ambiente.

Senza la struttura adeguata per riceverli, è molto difficile per gli insegnanti lavorare con gli studenti inclusi, e questo fa sì che lo studente venga escluso dalla società. Ma se le scuole sono adatte a ricevere gli studenti inclusi e i professionisti sono formati, questo aiuterebbe molto in questo processo di inclusione degli studenti con disabilità e farebbe sentire gli studenti e le loro famiglie inseriti nella società.

Un’altra cosa su cui si dovrebbe lavorare nelle scuole è il pregiudizio degli altri studenti con gli studenti inclusi, proprio come ha detto Leandra in uno studente di 10 anni di una scuola nella città di Salvador “Un giorno ho abbracciato un collega autistico e io mi è stato detto che mi ero appoggiato a una persona malata ”, cosa molto triste da sentire, quindi bisogna lavorare molto sui pregiudizi affinché ciò non avvenga e che gli studenti con disabilità ei loro genitori possano sentirsi accolti da tutti a scuola.

Con la promulgazione della Costituzione Federale del Brasile (1988), e con la creazione e regolamentazione della Legge delle Direttive e delle Basi dell’Educazione Nazionale / LDB, Legge nº. 9.394, del 20 dicembre 1996. Laddove le persone con disabilità hanno ora tutti i diritti di accesso e permanenza nello spazio scolastico, deve essere garantita un’istruzione di qualità a tutti gli studenti.

In questo modo, il processo di inclusione nelle scuole ha dato importanti contributi alla Costituzione federale (1988), che garantisce, nel suo articolo 205, l’inclusione di tutte le persone con disabilità nella sfera sociale e scolastica:

L’educazione, diritto di tutti e dovere dello Stato e della famiglia, sarà promossa e incoraggiata con la collaborazione della società. Puntare al pieno sviluppo della persona, alla sua preparazione all’esercizio della cittadinanza e alla sua abilitazione al lavoro (BRASIL, 2013, p. 34).

In considerazione di questo scenario di inclusione, la scuola deve garantire l’accesso e la permanenza a tutti gli studenti con disabilità nelle aule dell’unità, valorizzando soprattutto le differenze di ogni studente, e nel proprio curriculum didattico assicurare una metodologia che includa tutti gli studenti in egual misura e senza distinzione.

4. INCLUSIONE NELLA CORRENTE

Si nota che il tema dell’inclusione è stato discusso molto negli ultimi anni. Si sta trattando il tema con un po ‘più di serietà, si nota anche che ciò che è più discusso sono i modi per avvicinare il potere pubblico alla società e la discriminazione subita da persone con disabilità. nella loro vita quotidiana, discriminazione che spesso viene promossa anche innocentemente per mancanza di conoscenza di come riferirsi a una persona con disabilità, per questo guida chi, quando si riferisce o si rivolge a una persona con disabilità , utilizzare sempre il nome della persona per evitare imbarazzo della persona con l’uso improprio di termini errati.

Al giorno d’oggi, questo processo di inclusione è stato molto migliorato e gli insegnanti, oltre a ricevere una formazione complementare attraverso i dipartimenti dell’istruzione, ora ricevono una materia specifica nel curriculum dei corsi di istruzione superiore, principalmente il corso di pedagogia, che è l’argomento di Libras (Linguaggio dei sordi e dei muti), che aiuterà molto l’insegnante in classe se viene a lavorare con studenti con problemi di udito.

Poiché la persona con disabilità è anche un essere umano come chiunque, quindi non può essere trattata con pregiudizi o esclusa dall’ambiente sociale in cui tutti hanno questo diritto costituzionale, ci sono state molte persone e gruppi impegnati nella lotta contro qualsiasi forma di discriminazione e esclusione come quella che si verifica con le persone con disabilità.

Persone come Mantoan (2005, p. 24) che citano la scuola come l’ideatore di una società più giusta e offrono opportunità per tutti. Secondo lei, “Nella scuola inclusiva, insegnanti e studenti imparano una lezione che la vita difficilmente insegna: rispettare le differenze”.

Oggigiorno è più facile per un bambino convivere con le differenze rispetto a un adulto che ha avuto la mentalità formata e quasi sempre tenendo conto che ciò che è diverso è male, i bambini sono ancora in formazione corporea così come la loro mentalità di ciò che è giusto e sbagliato e poiché la scuola è un luogo dove lo studente vive con ogni tipo di differenza tra loro, quindi sono più suscettibili ad accettare le altre persone anche con le loro differenze, perché a scuola tutti sono uguali e ricevono la stessa attenzione, garantendo così il diritto di tutti. (MANTOAN, 2005).

La Costituzione dell’88 (art.205) garantisce l’accesso di tutti a un’istruzione di qualità e le persone con bisogni speciali dovrebbero ricevere un servizio migliore che garantisca allo studente speciale una scuola regolare con un’istruzione di qualità e con molto rispetto per le differenze. E questo Il rispetto per le differenze va lavorato fin dai primi anni nelle scuole, in modo che i bambini crescano sapendo rispettare le differenze tra loro.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

L’articolo si propone di comprendere meglio il processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole regolari e dopo studi e ricerche nelle opere citate nella fondazione teorica, si può osservare che questo processo è iniziato molti anni fa e sta cambiando ogni anno cercando di migliorare ancora di più questi servizi agli studenti con disabilità, tuttavia, molto resta ancora da fare, nello stato del Mato Grosso è chiaro che le scuole sono strutturalmente preparate ad accogliere questi studenti, tuttavia i professionisti assunti per servire questi studenti in particolare lo sono temporaneo, che rende molto difficile servire gli studenti con disabilità nelle scuole, perché gli stessi professionisti non saranno sempre assunti nell’anno successivo, perché la scelta avviene attraverso un processo di selezione nello stato e nei comuni e la spesa con questo è molto alto, e per risolvere questo problema ciò che si dovrebbe fare per migliorarlo è il regolamento del posto denominato nello stato del Mato Grosso come CAD (Caregiver di studenti con disabilità) e potendo così svolgere gare pubbliche per questa posizione, il che ridurrebbe notevolmente le spese di formazione per questi professionisti, poiché sono stati tenuti per molti anni in rete e non avevano bisogno di passare attraverso il stessa formazione in tutto il mondo. anno, questo migliorerebbe notevolmente l’assistenza agli studenti con disabilità, poiché sia ​​la scuola che la famiglia saranno sicuri che il bambino sarà sotto la responsabilità di un professionista con esperienza e formazione per svolgere un buon lavoro con lo studente incluso portarlo al suo pieno sviluppo all’interno dell’unità scolastica.

Con questo processo di selezione, i dipartimenti educativi sia dello stato che dei comuni hanno un turnover molto elevato rispetto a questi professionisti, poiché questo processo di selezione è valido solo per l’anno scolastico in corso e per l’anno scolastico successivo il professionista deve passare attraverso il processo di nuovo intero anno accademico, che scoraggia molti di loro dal continuare a lavorare in questa funzione, ma per alleviare questa situazione mentre il regolamento del lavoro non esce per il concorso, i dipartimenti educativi possono aumentare il periodo di validità della selezione processo di 1 (uno) per 2 (due) anni accademici consecutivi, facendo così valere tutto lo sforzo del professionista per essere approvato in questo processo di selezione, ma questo processo si è rivelato di scarso vantaggio, in quanto è diventato molto burocratico in materia di assunzioni, ci sono scuole che anche a distanza di mesi dall’inizio delle lezioni, non ci sono ancora insegnanti e nemmeno CAD, per via della burocrazia, cosa che non è accaduta con m il processo prima del processo di selezione, dove era chiamato conteggio dei punti dove veniva fatto dal team di gestione di ciascuna scuola, ei professionisti contavano il punto nella scuola in cui volevano lavorare, ma, come è stato detto prima, per migliorare questo processo, principalmente in ciò che lo studente con disabilità sta regolando la posizione di CAD e tenendo gare.

E per concludere, si può dire che l’articolo è riuscito a raggiungere il suo obiettivo, che era quello di comprendere il processo di inclusione degli studenti con disabilità nelle scuole ordinarie e trovare modi per migliorarlo ancora di più, rendendo così la regolamentazione del lavoro e il pubblico gara come modi per migliorare questo processo.

RIFERIMENTI

ALVES, D. O.  INCLUSÃO, Revista da Educação Especial, 2007, P. 4, Disponível em:<http://portal.mec.gov.br/seesp/arquivos/pdf/rev4web.pdf>. Acesso em: 13/05/2019

BEGUOCI, L. Inclusão – Revista Nova Escola. Ed. Nº 319. São Paulo: 2019

BEYER, H. O. A EDUCAÇÃO INCLUSIVA, Revista da Educação Especial, 2006, P.11, Disponível em: <http://portal.mec.gov.br/seesp/arquivos/pdf/revistainclusao2.pdf>. Acesso em: 13/05/2019

BRASIL. Constituição (1988. art. 206). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF: Senado. 1988. Disponível em: <http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/constituicao/constituicao.htm> Acesso em 15/05/2020

ECA- Estatuto da Criança e do Adolescente Criado pela Lei Federal de Nº 8.069 de 13 de Junho de 1990. Disponível em: <https://www.chegadetrabalhoinfantil.org.br/wp-content/uploads/2017/06/LivroECA_2017_v05_INTERNET.pdf> Acesso em 15/05/2020

MACIEL, M. R. C. Portadores de Deficiência a questão da inclusão social, São Paulo 2000, Disponível em; <https://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0102-88392000000200008> Acesso em 13/05/2020.

MANTOAN, M. T. E. Inclusão Escolar. O que é? Por Quê?, Como Fazer?. Editora Moderna. Campinas SP. Disponível em <https://acessibilidade.ufg.br/up/211/o/INCLUS%C3%83O-ESCOLARMaria-Teresa-Egl%C3%A9r-Mantoan-Inclus%C3%A3o-Escolar.pdf?1473202907>. Acesso em: 13/05/2019.

REIS, R. L. dos.; ROSS, P. R. A inclusão do aluno com deficiência intelectual no Ensino Regular, Disponível em:<http://www.diaadiaeducacao.pr.gov.br/portals/pde/arquivos/2216-8.pdf>. Acesso em: 13/05/2019

RIBEIRO, L. O. M. Revista Educação Arte é Inclusão, Vol 13 nº 01, Janeiro/Abril, 2017, Disponível em; <www.revistas.udesc.br/index.php/arteinclusao/article/download/9287/pdf>. Acesso em 04/04/2019

Secretaria de Educação Especial/MEC, INCLUSÃO, Revista da Educação Especial, Desenvolver a Educação Inclusiva, Vol 06 Nº 2. Julho/Outubro 2008, Disponível em: <http://www.crianca.mppr.mp.br/arquivos/File/publi/revista_inclusao/revista_inclusao_06_mec_jul2008.pdf>. Acesso em 04/04/2019.

URBANO, P. R. Diversidade – Revista Nova Escola. Ed. Nº 317. São Paulo: Novembro. 2018.

[1] Laurea in Pedagogia e Tecnologo in Management Pubblico.

[2] Consulente. Pedagogo, specialista in EAD, master in pedagogia, dottore in scienze della religione. Professore alla Facoltà FAE.

Inserito: Luglio 2020.

Approvato: Gennaio 2021.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here