Sfide dell’insegnamento bilingue nell’istruzione regolare privata in Brasile

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
4.9/5 - (9 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SOUSA, Cynara Tavares de [1], CAMARGO, Patrícia Gimenez [2]

SOUSA, Cynara Tavares de. CAMARGO, Patrícia Gimenez. Sfide dell’insegnamento bilingue nell’istruzione regolare privata in Brasile. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 09, Vol. 04, pp. 163-181. settembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/dellinsegnamento-bilingue

RIEPILOGO

La pratica dell’insegnamento bilingue in Brasile è diventata sempre più comune. Di fronte a uno scenario che cresce così vertiginosamente, ci chiediamo: quali sarebbero gli ostacoli che i professionisti di questo settore affrontano in questo contesto scolastico contemporaneo? Lo scopo di questo studio era quello di studiare le sfide che gli insegnanti devono affrontare nella pratica dell’istruzione bilingue privata in Brasile attraverso l’uso della metodologia Integrated Language and Content Learning o CLIL (Content and Language Integrated Learning), un approccio educativo studiato e discusso da diversi autori (COYLE, 2010; HOOD, 2010; MARSH, 2010). In totale, 87 insegnanti di scuole private bilingui o con programmi bilingui hanno risposto al questionario creato per questa analisi che presentava due fasi: la ricerca sulla conoscenza della lingua stessa e l’esperienza nella professione nel contesto attuale. Sono state individuate cinque sfide fondamentali. Erano l’indisciplina degli studenti; adattare il contenuto o la classe agli studenti con diversi livelli di conoscenza linguistica; studenti con difficoltà di apprendimento; problemi con la gestione della scuola e il numero di studenti in classe. Con questo risultato possiamo concludere che nel contesto dell’insegnamento bilingue nello scenario brasiliano privato dell’istruzione regolare, le sfide differiscono da quelle già studiate in tutto il mondo.

Parole chiave: insegnamento bilingue, CLIL, insegnamento bilingue.

1. INTRODUZIONE

L’insegnamento della lingua inglese in Brasile non è iniziato di recente, infatti è iniziato nel 1809 quando D. João VI è fuggito dal Portogallo ed è venuto in Brasile (LIMA, 2017). Con l’avanzare della globalizzazione, la padronanza di una seconda lingua è diventata sempre più necessaria per scopi sociali, culturali, tecnologici e commerciali, lingua, lingua franca per questi scopi. La lingua inglese. Man mano che questa domanda di apprendimento della lingua inglese cresce, cresce anche la necessità di padroneggiare questa lingua prima e prima.

Questa evoluzione globale porta anche la necessità di insegnanti sempre più preparati ad agire nel contesto dell’educazione bilingue e, con questo, sorgono anche le sfide della pratica che oggi affronta uno scenario mai visto prima: quello dell’istruzione bilingue regolare, uno scenario che si svolge, principalmente, attraverso l’approccio CLIL (COYLE, 2010; HOOD, 2010; MARSH, 2010), che è un approccio educativo incentrato sia sul contenuto che sul linguaggio con cui questo contenuto viene insegnato.

Considerando che qualsiasi approccio educativo presenta, dopo un certo periodo di attuazione, sfide e punti di riflessione, nel caso dell’insegnamento di tipo CLIL non sarebbe diverso, inizia ora, dopo più di vent’anni, a portare punti di considerazione sia legati alla pratica che all’insegnamento e partendo da questo movimento si riflette su quali sono le principali sfide dell’insegnamento bilingue nell’istruzione regolare privata nel contesto brasiliano.

Lo scopo di questo articolo è conoscere e comprendere meglio le sfide che gli insegnanti devono affrontare in questo processo bilingue in Brasile, sfide che sono ancora di ignoranza nel settore dell’istruzione. Attraverso le scoperte fatte sarà quindi possibile per registi e coordinatori dirigere meglio il processo di formazione di questi professionisti che spesso non seguono una formazione sul territorio e finiscono senza il supporto necessario per svolgere un lavoro scolastico di qualità.

L’interesse per la scoperta di queste sfide si è verificato proprio attraverso le esigenze dell’autore che lavora con la formazione di insegnanti bilingui, dall’intenzione di sviluppare meglio i professionisti che frequenta, quindi è emersa la necessità di capire quali situazioni reali accadono all’interno della classe che possono influenzare il lavoro del docente bilingue.

È stata condotta una ricerca sul campo con insegnanti che lavorano nell’insegnamento bilingue con l’obiettivo di generare l’aumento di queste sfide. Volontariamente, i professionisti hanno risposto a un questionario sviluppato dall’autore e innescato in gruppi legati all’insegnamento bilingue nei social network, questo questionario è stato sviluppato con cautela al fine di offrire il massimo delle cause che possono influenzare il lavoro del docente; ci sono anche domande specifiche per mappare la regione, la competenza e la scolarizzazione di questi volontari. Inoltre, è stato aggiunto un sistema di filtraggio, che rende impossibile la partecipazione di coloro che non rientrano nell’ambito di interesse dello studio. Dopo la fase di raccolta, i risultati sono stati studiati e le cinque sfide principali elencate per percentuale. C’è quindi una riflessione finale che discute i risultati di questo studio.

2. UNA BREVE DISCUSSIONE SUL MERCATO BILINGUE

2.1 BILINGUISMO

Il concetto di bilinguismo coinvolge molte sfere, ma iniziamo con la terminologia formale. Il dizionario di Cambridge, ad esempio, definisce il bilinguismo come la capacità di usare due lingue altrettanto bene. Il dizionario di Oxford determina che è la fluidità o l’uso di due lingue, una definizione che assomiglia a quella del dizionario Michaelis della lingua portoghese.

In questo studio ci atterremo al bilinguismo nella sua comprensione dell’aspetto educativo. Nel suo libro Foundations of Bilingual Education and Bilingualism, Colin Baker spiega il bilinguismo analizzandolo in diverse dimensioni e menziona persino che è impossibile definire chi, in realtà, è bilingue o meno, poiché prende in considerazione diversi fattori, come: abilità, età, cultura, uso, equilibrio delle due lingue, sviluppo, contesto e bilinguismo elettivo.

Cambridge International Examinations (Cambridge), usa il termine “bilingue” o “bilinguismo” per riferirsi a individui o gruppi che usano regolarmente due o più lingue per la comunicazione in contesti diversi. Tuttavia, ci sono molte definizioni e comprensivi del termine “bilingue”, ad esempio un certo grado di competenza in due lingue.

2.2 ISTRUZIONE BILINGUE

Cambridge usa l'”educazione bilingue” per riferirsi all’uso di due o più lingue come mezzo di istruzione per materie “contente” come la scienza o la storia. Per Cambridge nell’istruzione bilingue gli studenti imparano materie non legate alla lingua, ad esempio geografia e storia attraverso la loro prima lingua (L1) e altre materie non linguistiche come la scienza e la matematica attraverso una seconda / lingua aggiuntiva (L2). In alternativa, gli studenti possono studiare la stessa materia attraverso due lingue.

In ogni caso, il bilinguismo differisce dall’istruzione bilingue. L’educazione bilingue riguarda il fatto che “in cui due lingue sono utilizzate come mezzo di istruzione” (HORNBERGER, 1991, p. 217) o, secondo Genesee (1987, p. 1), “l’istruzione bilingue è l’istruzione che si svolge a scuola in almeno due lingue”.

Uno dei sensi più comuni è credere che l’educazione bilingue sia un fenomeno recente, nato con la globalizzazione, ma possiamo anche pensare, approssimativamente, che il Brasile abbia attraversato questo movimento, anche se informalmente, molto prima, da quando la scuola per indiani in Brasile inizia a essere strutturata dal 1549, quando si tratta del territorio nazionale la prima missione gesuita inviata dal Portogallo da D. João III composta da missionari della Compagnia di Gesù con padre Manuele Nóbrega come capo. Per farsi capire dai gesuiti, dagli altri indiani del villaggio e dai coloni, gli indiani cristiani furono costretti ad imparare la lingua portoghese.

Tuttavia, l’insegnamento della lingua inglese in Brasile fu ufficialito il 22 giugno 1809 insieme al francese, lasciando il latino e il greco per essere le lingue insegnate. Questo inserimento avvenne dopo il decreto di D. João IV che sostenne la sua decisione nell’argomento che erano quelli che avevano il posto più distinto tra le lingue viventi e che avrebbero avuto più importanza per lo stato e sarebbero saliti al grado di prosperità dell’istruzione pubblica.

2.3 CLIL

Secondo Coyle; Hood and Marsh (2010) Content and Language Integrated Learning (CLIL) è un approccio educativo incentrato sia sui contenuti che sulla lingua con cui questo contenuto viene insegnato, cioè durante il processo di insegnamento e apprendimento c’è attenzione non solo su uno, ma su entrambi.

Secondo Puffer (2011) anche se L in CLIL significa lingua, l’approccio è implementato principalmente in inglese. Puffer (idem) suggerisce anche che l’insegnamento di tipo CLIL può essere interpretato come “una misura di arricchimento delle lingue straniere confezionata nell’insegnamento dei contenuti”.

Il crescente interesse per l’approccio CLIL può essere compreso attraverso l’analisi di pratiche didattiche più appropriate per i giorni nostri. La globalizzazione insieme alle questioni economiche e sociali ha avuto un impatto significativo sulla riflessione di coloro che imparano una lingua, a quale punto del suo sviluppo viene sviluppata e in che modo questo apprendimento.

2.3.1 LO STUDIO

Ogni approccio educativo presenta, dopo un certo periodo di attuazione, sfide e punti di riflessione, nel caso dell’insegnamento di tipo CLIL non sarebbe diverso, ufficialmente nominato con questo acronimo nel 1994 (POKRIVČÁKOVÁ, 2015), l’approccio inizia ora, poco più di vent’anni dopo, a portare punti di considerazione sia legati alla pratica che all’insegnamento.

Secondo Banegas, nel suo studio CLIL teacher development: Challenges and experiences (2012) le sfide del CLIL iniziano con gli amministratori scolastici quando scelgono l’approccio, ma non capiscono le proprie esigenze di fronte ai programmi bilingui e finiscono per trasmettere queste incertezze e mancanza di conoscenza agli insegnanti responsabili delle classi. Domande più relative all’insegnante, come professionista, sono state sollevate anche attraverso questionari strutturati in uno studio condotto da Pena Díaz e Porto Requejo (2008), questo studio è stato condotto dopo aver monitoraggio l’implementazione di programmi bilingui in 150 scuole di istruzione di base a Madrid e ha dimostrato che la mancanza di conoscenza della lingua inglese ha influenzato direttamente il successo dell’implementazione dell’approccio CLIL.

Oltre alla mancanza di conoscenza della lingua, gli insegnanti hanno anche riferito che, sebbene non abbiano avuto una formazione formale sulle metodologie educative bilingui, non considerano la necessità di formazione teorica, ma piuttosto conoscenze pratiche.

Nel webinar “CLIL won’t kill” tenuto da Gary Anderson e trasmesso da Cambridge English Teacher nel 2014, che elenca le cinque principali sfide del CLIL in tutto il mondo, presenta come le difficoltà: il livello di inglese dell’insegnante, che a volte è inferiore a quello degli studenti, l’assenza di tecniche di insegnamento, la forma di valutazione e il dubbio su come valutare lo studente , se tramite contenuto o lingua e frequenza. Un’altra questione sollevata è quella del materiale didattico, ci sono molti materiali sviluppati per l’insegnamento delle materie in inglese, ma non sempre corrispondono alla base curricolare nazionale del paese in questione, e questa mancanza di corrispondenza è l’ultima sfida sollevata.

Sempre al centro del professionista, una serie di interviste che hanno indagato quali fattori hanno aiutato il docente ad avere successo nei programmi CLIL, ha rivelato che i principali fattori includevano: opportunità di formazione, supporto di centri di immersione e materiale didattico, in questo ordine (MEHISTO’S, 2008). Lo stesso studio integra il fatto che affrontare questi fattori è fondamentale per garantire la qualità dell’approccio (COYLE, 2007), ma quando viene intervistato, i coordinatori e i dirigenti scolastici hanno ammesso che questi fattori non sono mai stati, in realtà, diretti.

2.3.2 RICERCA

La raccolta dei dati è stata effettuata attraverso un questionario appositamente strutturato a cui hanno risposto online 106 volontari dell’istruzione bilingue che attualmente insegnano nel mercato regolare dell’istruzione nel paese.

Il questionario è stato concepito sulla base dell’analisi di articoli sul bilinguismo e le sfide della pratica didattica e dell’esperienza professionale dell’autore di questa ricerca ed è stato strutturato in due parti: la prima parte “About the teacher” mira a filtrare i volontari al fine di filtrare davvero chi lavora con l’istruzione privata e bilingue attualmente e la seconda parte “Sulla pratica didattica” mira a concentrarsi su aspetti della regione , la formazione e la routine di questo insegnante, nonché le sfide che deve affrontare nella sua pratica.

Al fine di filtrare meglio le informazioni, la scelta si è limitata a cinque sfide che i volontari hanno sottolineato utilizzando la propria esperienza. L’analisi dei dati è stata effettuata attraverso l’apprezzamento e con l’aiuto dello strumento Google Forms che filtra i dati e li presenta singolarmente o generalmente tramite quantità e percentuale.

3. RISULTATI

Presenteremo e discuteremo i risultati dell’indagine condotta con 106 volontari. La presentazione seguirà l’ordine delle domande e il grafico verrà visualizzato a colori, in quantità e percentuale le risposte raccolte.

Figura 1: Insegni inglese o inglese oggi?

Fonte: Paternità personale (2018)

Considerando che lo studio mira ad analizzare le sfide del bilinguismo nel contesto attuale, la prima domanda mira a filtrare i volontari che insegnano via inglese in questa data (2018) nel paese. In caso contrario, viene automaticamente indirizzato alla pagina di ringraziamento per la collaborazione e non ha accesso al resto del questionario. In questo caso, possiamo osservare che 106 professionisti erano disposti a rispondere alle domande e collaborare con la ricerca, con 103 che è il numero effettivo di persone che insegnano via inglese.

Grafico 2: Dove insegnate attualmente?

Fonte: Paternità personale (2018)

La seconda domanda mira a osservare in quale segmento dell’insegnamento si trovano attualmente questi professionisti e a filtrare coloro che non insegnano nell’area di studio che è l’istruzione regolare di base. In caso contrario, viene automaticamente indirizzato alla pagina di ringraziamento per la collaborazione e non ha accesso al resto del questionario.

Osservando il grafico, possiamo notare che l’85,8% dei volontari si trova nell’area desiderata per questo studio.

Grafico 3: Informazioni sull’insegnante – In quale regione del paese insegni?

Fonte: Paternità personale (2018)

Completando il filtraggio dei volontari che insegnano nell’istruzione primaria, abbiamo iniziato la sezione focalizzata sul professionista. Possiamo osservare nel grafico sopra quello dei 103 volontari iniziali, 91 insegnano all’interno dell’istruzione brasiliana regolare al momento sono, per lo più, professionisti che lavorano nella regione sud-orientale del paese.

Grafico 4: Lavori nella rete scolastica elementare pubblica o privata?

Fonte: Paternità personale (2018)

Dopo aver distinto tra coloro che insegnano nell’istruzione di base brasiliana, passiamo al momento dello screening, che mira a concentrarsi sui professionisti dell’istruzione primaria bilingue. In questo momento possiamo osservare che dei primi 106 volontari, 91 hanno raggiunto questa fase e la maggior parte di essi sono inseriti nella normale istruzione bilingue privata.

Figura 5: Qual è la tua istruzione superiore?

Fonte: Paternità personale (2018)

Per quanto riguarda l’istruzione superiore, possiamo osservare che la maggior parte degli intervistati sono laureati nelle aree della Pedagogia e delle Lettere, seguiti da professionisti laureati in altre aree.

Grafico 6: Quali tracce didattiche insegni?

Fonte: Paternità personale (2018)

È anche possibile osservare che la maggior parte dei professionisti insegna nella prima infanzia e nell’educazione elementare 1.

Grafico 7: Come hai imparato la lingua inglese?

Fonte: Paternità personale (2018)

Quando ci viene chiesto dell’apprendimento della lingua inglese stessa, possiamo vedere che più della metà degli intervistati ha formalmente imparato la lingua nei centri di insegnamento delle lingue.

Figura 8: Da quanto tempo insegnate inglese o inglese?

Fonte: Paternità personale (2018)

Per quanto riguarda il tempo di esperienza degli intervistati, possiamo osservare che il 54,9% insegna lingua o via inglese da più di dieci anni.

Figura 9: Qual è il tuo livello di conoscenza dell’inglese?

Fonte: Paternità personale (2018)

Alla domanda sulla conoscenza dell’inglese, si può osservare che l’80,3% ha un alto livello di competenza.

Figura 10: Hai qualche certificato di insegnamento della lingua inglese?

Fonte: Paternità personale (2018)

A proposito di certificazioni nel settore dell’insegnamento nella lingua, un quarto degli intervistati afferma di non avere.

Figura 11: Quante lezioni insegni per oggi?

Fonte: Paternità personale (2018)

È tempo di intervistare i volontari sulla propria pratica didattica, in questo momento abbiamo raggiunto il numero reale e organico di professionisti inseriti nell’area desiderata per questo studio, che è l’istruzione regolare di base privata brasiliana. Dei 106 volontari iniziali, 87 sono nel campo dell’osservazione di questo studio e più della metà di questi professionisti insegna da una a tre classi nella loro pratica quotidiana.

Grafico 12: Qual è la quantità media di studenti per classe che insegni nella scuola primaria regolare?

Fonte: Paternità personale (2018)

È possibile osservare che la media degli studenti per classe di questi professionisti è compresa tra 11 e 20, è anche possibile notare che nessuno degli intervistati ha classi con più di 40 studenti.

Figura 13: La scuola in cui si lavora offre una formazione continua agli insegnanti?

Fonte: Paternità personale (2018)

Per quanto riguarda la formazione degli insegnanti, è possibile affermare che 24 degli 87 professionisti intervistati lavorano in luoghi che non offrono alcuna formazione continua agli insegnanti.

Figura 14: Con quale frequenza ricevi feedback sulla tua pratica di insegnamento?

Fonte: Paternità personale (2018)

Alla domanda sulla frequenza con cui ricevono un feedback sulla propria pratica didattica, il 44,8% degli intervistati occasionalmente ammette di riceverli.

Grafico 15: Contrassegna le 5 opzioni che meglio riflettono le tue difficoltà in classe:

Fonte: Paternità personale (2018)

L’ultimo argomento del questionario riguarda il tema centrale di questa ricerca e interroga i volontari sulle cinque principali sfide che devono affrontare dalla pratica dell’insegnamento nell’insegnamento bilingue regolare e privato in Brasile. Sono state presentate ventuno opzioni di sfida e i volontari si sono avvicinati a loro in base alla propria esperienza, l’ordine delle opzioni variava dal volontariato al volontariato. Le opzioni e i rispettivi risultati sono stati:

In primo luogo, votata da 53 degli 87 insegnanti, c’è la “Student Indiscipline” seguita dall’opzione “Adatta contenuto/classe per studenti con diversi livelli di conoscenza della lingua” con 46 voti. Al terzo posto c’è l’opzione “Studenti con difficoltà di apprendimento” con 45 voti e in quarto luogo è “Problemi con la gestione della scuola in cui lavoro”. L’ultimo posto in classifica è stato legato tra due sfide: “Il numero di studenti in classe” e “Mi manca il sostegno e/o l’accompagnamento pedagogico” per un totale di 31 voti ciascuno.

Alla fine del questionario c’era spazio anche per commenti supplementari e alcune delle altre sfide menzionate comprendevano domande relative all’uso del portoghese da parte dell’assistente di classe, all’atteggiamento e alle aspettative dei genitori riguardo alla funzione della scuola, all’esigenza di trattamento con eccezioni alle regole scolastiche e alla scuola che cede alle esigenze dei genitori.

È stata anche criticata la variazione dello stipendio bilingue degli insegnanti e del curriculum in inglese di materie di cui gli studenti hanno poco repertorio, poiché sono lisiani predominanti e sono immersi nella lingua portoghese, e hanno l’insegnante la responsabilità di far accadere questo curriculum nella sua interezza.

4. DISCUSSIONE

Secondo i dati presentati, abbiamo valutato che, nel contesto brasiliano, la sfida numero uno elencata dai professionisti della zona nel questionario elaborato appositamente per questo studio è legata all’indisciplina degli studenti in classe.

Sia nello studio di Pena Díaz e Porto Requejo (2008) che nel webinar “CLIL won’t killinsegnato da Gary Anderson (2014), il livello di competenza della lingua inglese si è rivelato una sfida, ma nel questionario di questo studio questa domanda non è stata elencata come alcune delle sfide principali essendo sei degli 87 partecipanti organici di questa ricerca che hanno menzionato questo punto.

Non c’erano argomenti che non erano elencati da nessuno dei partecipanti, tutti sono stati scelti almeno una volta, come la sfida di avere uno studente nativo o fluente.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Il presente studio mirava a comprendere ed elencare le principali sfide dell’insegnamento bilingue nello scenario privato brasiliano. Questa ricerca si è svolta in tre fasi principali: una breve analisi sul bilinguismo, la raccolta di risposte da parte di insegnanti volontari che lavorano nella zona attraverso un questionario e l’analisi di questi dati.

Secondo i risultati trovati, possiamo concludere che, nel contesto dell’insegnamento bilingue nello scenario privato brasiliano dell’istruzione regolare, le sfide differiscono da quelle già studiate in tutto il mondo. In Brasile, l’insegnante bilingue vede l’indisciplina come una sfida maggiore, seguita dalla difficoltà di adattare il contenuto o la classe per studenti con diversi livelli di conoscenza della lingua, studenti con difficoltà di apprendimento, problemi con la gestione della scuola e il numero di studenti in classe, oltre al sentimento di mancanza di sostegno o accompagnamento pedagogico.

Dovremmo considerare, tuttavia, che la ricerca ha raccolto l’esperienza di 87 insegnanti che hanno per lo più sede nella regione sud-orientale del paese, è quindi necessaria una ricerca che coinvolga più professionisti provenienti da diverse regioni in modo che questi dati siano analizzati e abbiano una misurazione più reale che ci sia o non sia un modello prevalente nei risultati.

RIFERIMENTI

ALIC, M. Bilingualism/Bilingual education. Disponível em: < http://www.healthofchildren.com/B/Bilingualism-Bilingual-Education.html>. Acesso em: 29/04/2018.

ANDERSON, G. The 5 Challenges of CLIL – (05m14s) – Cambridge English Teacher. Disponível em: < https://www.youtube.com/watch?v=mm8216t4Uaw>. Acesso em: 12/05/2018.

BANEGAS, D. L. (2012). CLIL teacher development: Challenges and experiences. Latin American Journal of Content & Language Integrated Learning, 2012. Disponível em: < https://www.unifg.it/sites/default/files/allegatiparagrafo/20-01-2014/banegas_clil_teacher_development.pdf). Acesso em: 18/04/2018.

CAMBRIDGE INTERNATIONAL EXAMINATIONS. Bilingual learners and bilingual education. Cambridge, 2015. Disponível em: <http://www.cambridgeinternational.org/images/271190-bilingual-learners-and-bilingual-education.pdf>. Acesso em: 08/05/2018.

COYLE D., HOOD P., MARSH D. (2010). Content and Language Integrated Learning. Cambridge: Cambridge University Press.

DALTON-PUFFER, C. (2011). Content-and-language integrated learning: From practice to principle? Annual Review of Applied Linguistics, 31(1), 182-204.

EU, ESTUDANTE. Estudo aponta quais são as principais reclamações dos professores. Disponível em: <http://www.correiobraziliense.com.br/app/noticia/eu-estudante/professor/2015/03/30/professor_interna,477560/estudo-aponta-quais-sao-as-principais-reclamacoes-entre-professores.shtml>. Acesso em: 29/04/2018.

LAVROV, A. What made English the lingua franca? Disponível em: <https://www.quora.com/What-made-English-the-lingua-franca>. Acesso em: 29/04/2018.

LIMA, D. Como começou o ensino de inglês no Brasil? Disponível em: < https://www.inglesnapontadalingua.com.br/2017/03/como-comecou-o-ensino-de-ingles-no-brasil.html>. Acesso em: 29/04/2018.

MARSH, David on CLIL. 2010. (09m08s). Disponível em: <https://www.youtube.com/watch?v=-Czdg8-6mJA>. Acesso em: 12/05/2018

MELLO, H. A. B., Educação bilíngue: uma breve discussão, 2010.

MINISTÉRIO DA EDUCAÇÃO. Educação Escolar Indígena: diversidade sociocultural indígena ressignifi cando a escola. Brasília, abril de 2007. Disponível em: http://portal.mec.gov.br/secad/arquivos/pdf/educacaoindigena.pdf. Acesso em: 20/04/2018.

PENA DÍAZ, C. & PORTO REQUEJO, M. (2008). Teacher beliefs in a CLIL education project. Porta Linguarum, 10, 151-161.

REVISTA EDUCAÇÃO. Dois idiomas, uma criança. Disponível em: <http://www.revistaeducacao.com.br/dois-idiomas-uma-crianca/>. Acesso em: 04/05/2018.

SANTOS, E.  E. O Ensino Da Língua Inglesa No Brasil. BABEL: Revista Eletrônica de Línguas e Literaturas Estrangeiras n.01, dezembro de 2011.

SIMAS, A. Professores e os desafios dentro da sala de aula. Disponível em: <http://www.gazetadopovo.com.br/educacao/professores-e-os-desafios-dentro-da-sala-de-aula-bsmeehc611tmnmdyxmr5jrjny>. Acesso em: 30/04/2018.

SOUSA, C. T. Os principais desafios da docência bilíngue no ensino regular privado no Brasil, 2018. Disponível em: < https://docs.google.com/forms/d/1MxV8K3JzRspghjPqbrngZQYwOnZp0KXV3Q5PdjXS3FY/edit#responses>. Acesso em: 31/03/2019.

[1] Laurea in Psicopedagogia (2015), Laurea in Lettere – Inglese (2018), Laurea in Pedagogia (2018) e Laurea triennale in Traduzione e Interpretazione (2009).

[2] Consulente di orientamento. Dottorato di ricerca in Studi di Traduzione. Laurea magistrale in Linguistica. Specializzazione in Psicopedagogia Clinica e Istituzionale. Specializzazione in Gestione Della Scuola. Specializzazione in Grammatica Inglese. Laurea in Lettere / Interprete traduttore.

Inviato: Dicembre 2019.

Approvato: settembre 2020.

4.9/5 - (9 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 74582
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?