Uno studio sull’uso di Internet nel contesto educativo brasiliano

0
9
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

BATISTELLA, Jefferson [1], VINÍCIUS, Eduardo Pires [2]

BATISTELLA, Jefferson. VINÍCIUS, Eduardo Pires. Uno studio sull’uso di Internet nel contesto educativo brasiliano. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 04, Ed. 07, Vol. 06, pp. 27-36. Luglio 2019. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/uso-di-internet

I progressi e la diffusione dell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), più precisamente Internet, scoprono nuove prospettive per l’istruzione, supportate in ambienti di apprendimento virtuale (VLE). Considerando che la distanza geografica e l’uso di molteplici media sono caratteristiche inerenti all’IAD, ma non sufficienti a definire il concepimento educativo, questa modalità tecnologica viene discussa non solo come soluzione palliativa per incontrare studenti geograficamente distanti dagli istituti di istruzione o semplicemente come la semplice trasposizione di contenuti e metodi di insegnamento in classe ad altri mezzi e supportata da diverse tecnologie. Pertanto, questo lavoro ha un impegno nell’uso di Internet nel contesto educativo brasiliano, dimostrando la storia di Internet, la storia dell’istruzione a distanza (IAD) nell’insegnamento brasiliano, che è una realtà e un formato di insegnamento sempre più diffuso e ricercato dagli studenti, nonché i media educativi connessi nell’attuale contesto brasiliano, che ha aiutato con potenti strumenti nel facilitare il processo di insegnamento-apprendimento che avviene nelle scuole e in ogni momento e in tutti i luoghi in questo mondo virtuale e reale.

Parole chiave: Internet, Istruzione, insegnamento, apprendimento.

INTRODUZIONE

In questo mondo globalizzato, in cui domina l’internet delle cose, è necessario conoscere la storia per costruire il presente e consolidare il futuro. Si osserva che la maggioranza degli studenti brasiliani è demotivata e, purtroppo, non vuole dedicarsi agli studi, quindi Internet è un potente strumento pedagogico che può aiutare a migliorare l’insegnamento-apprendimento.

Pertanto, è necessario dirigere l’uso di Internet nelle scuole e sensibilizzare la comunità scolastica a prendere coscienza dell’uso intelligente e dinamico di Internet per la crescita intellettuale, morale e civica, individuale e collettiva.

L’uso di Internet con discrezione può diventare uno strumento significativo per il processo educativo nel suo complesso. Consente l’uso di testi, suoni, immagini e video che supportano la produzione di conoscenza. Inoltre, Internet offre la creazione di ambienti ricchi, motivanti, interattivi, collaborativi e cooperativi (BEHRENS, 2008, p. 99).

Internet è uno strumento in grado di rendere più attraenti e dinamiche le classi di qualsiasi disciplina, a condizione che anche l’insegnante sappia come condurre l’uso di questa risorsa tecnologica. È noto che ciò richiede tempo e una rottura di paradigmi educativi, ma è necessario credere e agire collettivamente in modo che ogni studente abbia le migliori possibilità di apprendimento ed è un cittadino proattivo in un paese che sta vivendo difficoltà economiche, politiche e sociali.

La scuola e gli insegnanti devono offrire ai loro studenti le risorse disponibili nei loro mezzi. Rifiutare questa possibilità significa omissione e non durata della missione principale dell’educatore; cittadini proattivi per un mondo sempre più competitivo e, purtroppo, con ampie disparità sociali (TAJRA, 2001 pag.10).

Internet è lo strumento più tecnologico nel contesto educativo brasiliano, quindi, questa ricerca è attuale, perché intende condurre uno studio che mira a dimostrare le possibilità di miglioramento del processo di insegnamento-apprendimento nelle scuole brasiliane, aderendo a nuovi concetti e nuove possibilità, per i progressi nella nuova ricerca sul tema affrontato.

A tal fine, il lavoro è strutturato, oltre a questa sezione introduttiva, in quattro sezioni. Nella sezione 2, i soggetti si basano su quali sono le basi per comprendere il lavoro. Nella sessione 3 vengono descritti i materiali e la metodologia utilizzati per il suo sviluppo. Nella sezione 4, i risultati ottenuti sono discussi e correlati. Alla fine, nell’ultima sezione, vengono presentate le conclusioni e le prospettive dei lavori futuri.

FONDAZIONE TEORICA

Questa sezione presenta brevemente alcuni concetti e definizioni che guidano e aiutano la comprensione del lavoro, come: Storia di Internet in Brasile, Relazioni e istruzione su Internet, Istruzione a distanza in Brasile e Media educativi connessi.

I principali scrittori teorici sono: BEHRENS (2000), NASCIMENTO (2007), TAJRA (2011), HARASIM (2005).

STORIA DI INTERNET IN BRASILE

Secondo la ricerca digitale condotta nel 2018 su Wikipedia, Internet è arrivato in Brasile nel 1988, in cui il Laboratorio Nazionale di Informatica Scientifica (LNCC) si è collegato all’Università del Maryland, negli Stati Uniti, attraverso Because it’s Time of Network (BITNET) perché questa rete ha permesso lo scambio di messaggi, principalmente su iniziativa di studenti e professori della Fondazione di ricerca Amparo di São Paulo (FAPESP) , e insieme all’Università Statale di Rio de Janeiro (UERJ), avendo accesso alla rete del Fermi National Accelerator Laboratory (Fermilab) di Chicago e, nel 1989, anche l’Università Federale di Rio de Janeiro (UFRJ) si sono unite alla rete BITNET, insieme a un’altra università americana.

Nel 1990 è stato creato il National Research Network (RNP), responsabile della creazione dell’infrastruttura di rete Internet in Brasile, e due anni dopo, 11 stati sono stati interconnessi in una rete di apparecchiature e linee di comunicazione (RNP, 2016).

A quel tempo, l’accesso al mondo virtuale era molto rudimentale, rispetto a ciò che sta accadendo attualmente, e solo a quel tempo è apparso il Buletim Board System (BBS), che offriva un account e-mail e l’accesso a Internet gratuitamente. Nel 1994, con la diffusione dei benefici di Internet tra gli studenti delle università e delle aziende private, presso l’Università di São Paulo (USP) gli studenti hanno iniziato gli sviluppi delle pagine web.

Il Comitato direttivo di Internet (CGI) – è stato creato nel 1995 ed è stato incaricato di coordinare e integrare le iniziative correlate in Brasile, con l’obiettivo di promuovere una maggiore qualità tecnica e innovazione.

L’uso commerciale di Internet in Brasile è iniziato solo nel 1996, con l’emergere di portali Zaz e UOL, in cui il governo entra anche nell’era dell’innovazione e implementa la consegna di IRPF via online.

Nel 2000 Internet acquisisce slancio per la crescita e i fornitori liberi emergono per offrire l’accesso a tutti. A quel tempo, viene creato ig, che utilizzava ancora connessioni remote per accedere alla rete. Per mantenere il servizio, i fornitori sono stati finanziati dalla pubblicità nei browser, ma questo modello si è rivelato insostenibile, il che ha causato la chiusura di diverse società.

Il miglioramento dell’infrastruttura di comunicazione ha permesso l’implementazione della Assymetrical Digital Subscriber Line (ADSL), internet a banda larga, che ha generato un aumento della velocità.

La popolarità dell’accesso a Internet è stata importante per l’emergere di vari servizi e siti web, tanto che nel 2004 è stato lanciato uno dei social network più famosi, Orkut e, successivamente, Facebook, che ha permesso il consolidamento come mass media.

Secondo il sondaggio Digital in 2018, pubblicato dai servizi online Hootsuite e We Are Social, il Brasile ha attualmente 139,1 milioni di utenti, il che significa che tenendo conto che la popolazione è di 210,1 milioni di persone, Internet ha un tasso di penetrazione del 66%, dimostrando che il paese ha un alto tasso di utilizzo, riflettendosi economicamente e socialmente nella vita quotidiana delle persone e nell’attuazione delle politiche pubbliche da parte dello Stato.

RELAZIONI TRA INTERNET E L’ISTRUZIONE

Nel contesto globale, specialmente negli Stati Uniti, l’uso delle reti per scopi educativi è iniziato negli anni ’60, attraverso il sistema Platone, un sistema educativo assistito da computer per macchine condivise. Nel 1969, le università iniziarono a utilizzare reti informatiche a tempo condiviso per offrire lezioni di matematica, la cui interazione ebbe luogo tramite e-mail. Negli anni ’70, l’e-mail ha iniziato ad essere utilizzata, inizialmente, per scambiare informazioni accademiche e, infine, per integrare i corsi universitari, oltre alle scuole elementari e superiori (HARASIM et al., 2005).

È possibile individuare l’inizio dell’uso di Internet in Brasile come parte di un progetto educativo, considerando che l’inizio delle attività di questa rete è avvenuto nel 1988, su iniziativa di FAPESP, UFRJ e LNCC. Più tardi, nel 1989, è stata effettuata una prima interconnessione tra istituti di istruzione di 11 capitali diverse, attraverso la Rete nazionale di ricerca, creata dal Ministero della Scienza e della Tecnologia, un processo che ha dato origine all’implementazione commerciale di Internet in Brasile.

ISTRUZIONE A DISTANZA IN BRASILE

Attualmente, è impossibile pensare a Internet come a una risorsa educativa senza pensare alla terminologia dell’istruzione a distanza, un concetto che ora è ampiamente utilizzato e rappresenta un formato di insegnamento sempre più ricercato dagli studenti. L’IAD è quindi inteso come:

una modalità didattica che opera attraverso un processo educativo sistematico e organizzato che ha come caratteristica fondamentale la separazione fisico-spaziale tra insegnanti e studenti, che interagiscono da luoghi diversi, attraverso diversi mezzi tecnologici, che consentono un’interazione bidirezionale, cioè un’interazione bidirezionale. (LIMA, 2012, p. 24)

Sebbene oggi questa modalità pedagogica sia maggiormente associata all’uso del computer e di Internet, la sua origine si riferisce a qualsiasi tipo di insegnamento asincrono. Ancora negli anni ’20, in Brasile, il nome dell’emittente radiofonica Roquette Pinto attira l’attenzione per il suo spirito pionieristico nel formato dell’educazione a distanza via radio. Nel 1923, ha offerto, attraverso la Rádio Sociedade di Rio de Janeiro, corsi di scienze umane come il portoghese, il francese e le loro letterature, nonché un corso di telefonia e radiotelegrafia. Nel 1934, ha installato Rádio Escola Municipal a Rio, in cui “gli studenti avevano accesso anticipato a volantini e piani di lezione”, oltre alla “corrispondenza per il contatto con gli studenti” (ALVES, 2018, p. 88).

Negli anni ’40, all’Istituto Universale Brasiliano furono offerti corsi professionali e, anche in questo decennio, fu pubblicata l’Università dell’Aria, sponsorizzata da SENAC e SESC, con corsi commerciali radiofonici. Negli anni ’60, la Chiesa cattolica produsse corsi incentrati sull’alfabetizzazione per coloro che erano esclusi dal sistema educativo in classe, trasmettendo lezioni attraverso la radio, nel cosiddetto Movimento per l’educazione di base, un pioniere nella democratizzazione dell’accesso all’istruzione e all’alfabetizzazione di giovani e adulti.

Come progetto nazionale, fu solo nel 1970 che fu creato il Progetto Minerva, un accordo tra il Ministero dell’Istruzione, la Fondazione Padre Landell de Moura e la Fondazione Padre Anchieta, utilizzando anche la radio per l’educazione degli adulti e l’inclusione sociale, che ha continuato fino all’inizio degli anni 80. Nel 1976 fu creato il Sistema Nazionale di Teleducazione, con corsi tenuti attraverso materiale didattico e, infine, nel 1979, l’Università di Brasilia divenne la pioniera dell’istruzione a distanza nell’istruzione superiore, producendo corsi attraverso giornali e riviste , diventando, nel 1989, il Centro per l’educazione aperta, continua, a distanza.

Il periodo del 1990 è cruciale, a causa dell’evoluzione e dell’affermazione dell’istruzione a distanza come modalità didattica, diventando un campo di insegnamento di completezza e credibilità dal 1995, con la commercializzazione di Internet. Nel 1992 è stata fondata l’Università Aperta di Brasilia, un’importante pietra miliare di questo formato educativo in Brasile, e nel 1996 è stato creato il Dipartimento di Educazione a Distanza del Ministero dell’Istruzione, concentrandosi su una politica di insegnamento che privilegia la democratizzazione e la qualità dell’istruzione brasiliana. Nello stesso anno, l’istruzione a distanza nasce in modo ufficiale, essendo governata e inclusa nella legge delle linee guida e nelle basi dell’istruzione nazionale.

Negli anni 2000, attraverso un contratto tra 70 istituzioni pubbliche in Brasile, è stata costituita UniRede, che ora offre corsi di laurea, laurea e estensione. Dal 2004, il MEC inizia ad attuare diversi corsi di formazione iniziale e continua per insegnanti delle scuole pubbliche, culminati nella formazione del Sistema Universitario Aperto del Brasile, una pietra miliare nell’unificazione, professionalizzazione e ampiezza dell’apprendimento a distanza, che è pubblico in Brasile.

MEDIA EDUCATIVI CONNESSI

L’avvento del marketing su Internet in Brasile, che si è espanso ampiamente nei due decenni del 21 ° secolo, ha dimostrato la portata di questa risorsa oltre l’uso puramente commerciale, raggiungendo milioni di case in tutto il paese. I dati dell’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), del 2018, mostrano che il 64,7% dell’intera popolazione del Brasile è connesso alla rete, che corrisponde a 116 milioni di persone connesse. Per quanto riguarda il conteggio delle famiglie con accesso online, questo numero corrisponde a quasi due terzi delle residenze brasiliane, il che spiega una realtà di accesso illimitato a Internet, che va oltre il semplice utilizzo nelle aziende e nelle università, sebbene questo ambito sia legato alla stratificazione sociale, in cui le residenze delle classi D ed E sono ancora distanti.

Questa ubiquità di Internet in tutti gli spazi sociali, dal più collettivo al più domestico, lo fa riflettere sui suoi usi non solo nell’ambiente educativo tradizionale, come scuole e università, ma come strumento che consente l’apprendimento asincrono, ma ampliato oltre i limiti conservatori. Pertanto, è necessario presentare e discutere risorse che possono essere utilizzate non solo nella piattaforma di istruzione a distanza, ma anche individualmente, come motore dell’apprendimento e della conoscenza, nonché ripensare il ruolo dell’insegnante in questa situazione attuale, in cui non è più l’unico detentore di conoscenze e deve contestare lo spazio, o riallocarsi, in mezzo all’ampiezza dell’informazione.

Per quanto riguarda il ruolo degli insegnanti, forse la questione principale è comprendere il ruolo dell’educatore, oggi, come mediatore della conoscenza, al fine di risolvere la “confusione tra informazione e conoscenza”, perché “la conoscenza non passa, ma viene creata e costruita” (NASCIMENTO, 2007, p. 73). Pertanto, il docente deve agire al fine di aumentare la consapevolezza degli studenti per la costruzione di conoscenze basate sulla selezione delle informazioni pertinenti, che costruisce ponti tra il mondo reale e le conoscenze accademiche. Guidare e rendere Internet uno strumento di ricerca produttivo è alla base delle conoscenze di oggi, andando oltre la semplice copia di testi presi dal web. Così:

l’educatore dovrebbe essere pronto ad aiutare gli studenti a localizzare contenuti di qualità e trasformare i testi ricercati in conoscenze utili, in dibattiti e riflessioni materiali, nella lettura critica, ricordando che Internet non è l’unica fonte di ricerca da utilizzare. (NASCIMENTO, 2007, p. 74).

Nel 1993, in una ricerca condotta negli Stati Uniti sull’utilizzo della rete informatica nel contesto educativo, tra le caratteristiche positive derivanti da questa esperienza, educatori e studenti hanno citato i seguenti cambiamenti: il cambiamento nel ruolo del docente, che diventa facilitatore e mentore; gli studenti diventano partecipanti attivi, rendendo le discussioni più approfondite; vi è stato un aumento significativo dell’accesso alle risorse; gli studenti divennero più indipendenti e divennero il centro dell’insegnamento, in modo che l’apprendimento seguisse un ritmo individualizzato, tra gli altri punti (HARASIM et al., 2005).

MATERIALI E METODI

Questa ricerca consiste in ricerche esplorative basate sull’indagine bibliografica di pubblicazioni teoriche e scientifiche sul tema internet nel contesto educativo brasiliano.

La ricerca esplorativa, secondo Gil (1999) mira a fornire una maggiore familiarità con il problema al fine di renderlo esplicito o di costruire ipotesi. Analogamente Mattar (2001) ritiene che i metodi utilizzati dalla ricerca esplorativa siano ampi e versibili. I metodi impiegati comprendono: indagini su fonti secondarie, indagini sulle esperienze, studi su casi selezionati e osservazione informale.

Pertanto, il seguente argomento presenta alcuni studi in cui Internet viene applicato nell’istruzione.

RISULTATI E DISCUSSIONE

È innegabile che Internet produca nuove relazioni educative che, in un certo senso, facilitano l’attuale compito dell’insegnante, consentendo allo studente “un contatto più diretto con il mondo, che risponde a un’esigenza più attuale: quella dell’esperienza diretta come modalità di apprendimento più favorevole allo sviluppo della capacità di problem solving creativo” (SOBRAL, 1999, p. 15).

Ci sono, tuttavia, aspetti negativi che meritano di essere evidenziati, come il fatto che è più laborioso preparare le classi in questo modello, oltre alla necessità per gli studenti di essere più impegnati nelle date e di partecipare più attivamente (HARASIM et al., 2005). Queste preoccupazioni non sono, tuttavia, ostacoli all’uso di Internet come strumento educativo efficace, ma passaggi che devono essere superati. Come ogni altra modalità di insegnamento, “questioni importanti devono essere considerate, come quali sono le tecnologie di rete appropriate, come integrare la rete nel curriculum, come ” insegnare ” e ” apprendere ” in una rete e come trasformare la rete in un ambiente educativo efficace ” (HARASIM et al., 2005, p. 36).

Allo stesso tempo, ci sono una moltitudine di risorse e applicazioni basate sul web che possono essere utilizzate come strumento principale e / o accessorio nel processo di insegnamento-apprendimento. In primo luogo, i siti danno accesso a varie forme di media, che possono essere utilizzati come fonte di ricerca, oltre alla possibilità di utilizzare la costruzione di pagine web come processo educativo, riunendo la ricerca sui contenuti e la conoscenza informatica in un’unica attività. C’è anche l’invio e la ricezione di file (download e upload) sia via e-mail, sia da piattaforme di contenuti o social network, oltre alla tecnologia peer-to-peer, che raccoglie indirizzi per l’accesso ai contenuti più diversi e multipli. La chat o la chat room, come piattaforma sincrona, è stata oggi virtualmente sostituita da WhatsApp e dai suoi gruppi, che servono per i più diversi scambi di informazioni.

Una volta chiamate mailing list, gli spazi virtuali attualmente chiamati forum riuniscono persone con gli stessi interessi e obiettivi, integrando e condividendo in modo asincrono i contenuti. Anche se lontano dal loro periodo di massimo splendore, i blog resistono ancora come moduli semplificati, attraverso modelli, di siti di contenuti, creando una sorta di mailing list nei loro commenti.

Nonostante tutte queste funzionalità, forse le più operative in questi giorni sono gli smartphone che raccolgono, in un solo cellulare, tutte le informazioni e i contenuti multimediali possibili, con testo, musica, video, foto e applicazioni che consentono la consultazione e la ricerca nelle più svariate tipologie di contenuti. Sebbene molti educatori amino ancora l’uso dei telefoni cellulari nell’ambiente scolastico, può essere utilizzato come strumento importante in classe, attraverso l’installazione di programmi che contengono dizionari, giochi matematici, discipline quiz, calcolatrici, mappe, dati statistici, meteorologici e climatici, notizie aggiornate, fatti storici, biblioteca virtuale di diverse aree.

Pertanto, ci sono infinite opzioni di insegnamento attraverso Internet e le sue risorse adiacenti, che stanno modificando indelebilmente i ruoli educativi, la struttura scolastica tradizionale e la forma di accesso alla conoscenza. È quindi necessario ripensare le attività e la pianificazione pedagogica in modo da integrare queste risorse in una formazione educativa più dialogica e attuale, che porti l’educazione al XXI secolo, non ignorando i vecchi strumenti, ma aggiornandoli e localicandoli in mezzo allo spazio-tempo con continui cambiamenti.

CONCLUSIONI E SUGGERIMENTI

Date le numerose difficoltà che il paese deve affrontare, non è possibile rinunciare all’istruzione e, pertanto, è necessario utilizzare le risorse tecnologiche esistenti, Internet è senza dubbio uno degli strumenti multidimensionali e interdisciplinari e può essere utilizzato per facilitare l’apprendimento didattico di qualsiasi area della conoscenza.

Internet è il migliore come strumento educativo tecnologico, in cui l’insegnante è il maestro che può condurre un modo intelligente, razionale e dinamico di utilizzarlo in ogni classe, lasciando i suoi studenti preparati per il mercato del lavoro, privi di professionisti che sappiano utilizzare Internet per una fonte di conoscenza, lavoro e ricerca.

Analizzando le conoscenze e i concetti appresi in questa ricerca bibliografica, si afferma che il contesto educativo sta avendo cambiamenti e l’uso di Internet è una realtà a tutti i livelli di istruzione, nelle scuole elementari, nelle scuole superiori e nell’istruzione superiore, rendendo le classi di varie discipline più attraenti e dinamiche.

In futuro è noto che l’Internet delle cose prenderà il sopravvento, ma nel presente questo potente strumento, Internet, è una pietra miliare nel contesto educativo brasiliano e mondiale.

RIFERIMENTI

ALVES, Lucineia. Educação a distância: conceitos e história no Brasil e no mundo. Revista Brasileira de Aprendizagem Aberta e a Distância, v. 10, 2011. Acesso em 09 de dezembro de 2018.

BEHRENS, Marilda Aparecida. Projetos de aprendizagem colaborativa num paradigma emergente. MORAN, José Manuel; MASETTO, Marcos Tarciso.In: Novas Tecnologias e Mediação Pedagógica– 6ª Ed. Campinas-São Paulo: Papirus, 2000.

BRASIL Escola. Internet no Brasil e sua administração. Disponível em: <https://brasilescola.uol.com.br/informatica/internet-no-brasil.htm>. Acesso em 09 de dezembro de 2018.

GOMES, Helton Simões. Brasil tem 116 milhões de pessoas conectadas à internet, diz IBGE. Disponível em <https://g1.globo.com/economia/tecnologia/noticia/brasil-tem-116-milhoes-de-pessoas-conectadas-a-internet-diz-ibge.ghtml>. Acesso em 09 de dezembro de 2018.

GIL, A. C. Métodos e técnicas de pesquisa social. 5.ed. São Paulo: Atlas, 1999.

HARASIM, Linda; TELES, Lucio; TUROFF, Murray & HILTZ, Starr Roxanne. Redes de aprendizagem: um guia para ensino e aprendizagem on-line. São Paulo: Editora SENAC São Paulo, 2005.

HISTÓRIA DA INTERNET, aberto In: Wikipédia: a enciclopédia livre. Disponível em: < https://pt.wikipedia.org/wiki/História_da_Internet > Acesso em: 9 dezembro 2018.

KENSKI, Vani Moreira. Educação e Internet no Brasil. Disponível em: <http://www.pucrs.br/ciencias/viali/doutorado/ptic/textos/Kenski.pdf>. Acesso em 09 de dezembro de 2018.

LIMA, Artemilson Alves de. Fundamentos e Práticas em EaD. Cuiabá: Universidade Federal de Mato Grosso / Rede e-Tec Brasil, 2012.

MELLO, Daniel. Mais de um terço dos domicílios brasileiros não tem acesso à internet. Disponível em <http://agenciabrasil.ebc.com.br/geral/noticia/2018-07/mais-de-um-terco-dos-domicilios-brasileiros-nao-tem-acesso-internet>. Acesso em 09 de dezembro de 2018.

MULLER, Mary Stela. Julce Mary CORNELSEN. Normas e Padrões para Teses, Dissertações e Monografias. 5ª edição, Londrina: Eduel, 2003.

NASCIMENTO, João Kerginaldo Firmino do. Informática aplicada à educação. Brasília: Universidade de Brasília, 2007.

OLIVEIRA, Marcos de. Primórdios da rede: A história dos primeiros momentos da internet no Brasil. Revista Pesquisa FAPESP. Ed, v. 180, 2011. Disponível em <http://nosmidia.com.br/ebook/breve-historia-da-internet/>. Acesso em 09/12/2018

RNP – Rede Nacional de Pesquisa. Nossa história. 2016. Disponível em <https://www.rnp.br/institucional/nossa-historia>. Acesso em 09/12/2018.

SOBRAL, Adail. Internet na escola: o que é, como se faz. São Paulo: Edições Loyola, 1999.

TAJRA, Sammya Feitosa. Informática na Educação: Novas Ferramentas Pedagógicas para o professor da atualidade. 3ª ed. Ver., atual e ampliada – São Paulo: Érica, 2001.

[1] Laurea in Educazione Speciale e Inclusiva e Neuropoisicopedagogia di FAVENI. Specialista in Metodologia dell’Insegnamento di Biologia e Chimica presso UNITER. Laureato in Scienze Biologiche presso l’UFMT.

[2] Tecnologo: Tecnologia per la sicurezza delle informazioni di UNICESP e nelle reti di computer di UNEB.

Pubblicato: Gennaio, 2019.

Approvato: luglio 2019.

Laurea in Scienze Biologiche - Università Federale del Mato Grosso. Specializzazione in Metodologia didattica della biologia e della chimica - Faculdade Internacional de Curitiba. Lato Sensu Specializzazione in Reti e Informatica - Istituto Federale di Educazione, Scienza e Tecnologia del Mato Grosso. Specializzazione in Educazione Speciale e Inclusiva e Neuropsicopedagogia - Faculdade Futura. Studente magistrale del Corso di Laurea in Scienze e Didattica della Matematica -Istituto Federale di Scienze e Tecnologie dell'Educazione del Mato Grosso, Campus Cuiabá.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here