Analisi di sogni e sentimenti: caso di studio in una scuola comunale di Imperatriz – MA

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/analisi-di-sogni
5/5 - (1 vote)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ARAUJO, Marli Da Silva [1], SANTOS, Nícia De Oliveira [2]

ARAUJO, Marli Da Silva. SANTOS, Nícia De Oliveira. Analisi di sogni e sentimenti: caso di studio in una scuola comunale di Imperatriz – MA. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 20, pp. 59-75. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/analisi-di-sogni, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/analisi-di-sogni

RIEPILOGO

Questo articolo mirava a comprendere meglio i modi di pensare e sognare gli studenti di quarta e quinta elementare, di una scuola municipale situata nella zona rurale di Imperatriz – MA, che vivono sotto la condizionalità della povertà. Una breve analisi della povertà è stata fatta in Brasile e a Maranhão, abbiamo notato che sono in corso molti cambiamenti nella politica pubblica brasiliana, al fine di cambiare la realtà di molti bambini e giovani in povertà o povertà estrema. Citiamo l’istruzione brasiliana come un importante punto di riferimento storico. Sottolineiamo la povertà nelle scuole pubbliche e la possibilità che questi studenti imparino e creino conoscenze importanti per la vita futura. L’educazione e le garanzie di cittadinanza dei bambini e degli adolescenti sono viste come una forma di costruzione collettiva. La ricerca è stata sviluppata in un approccio qualitativo, con focus fenomenologico, e interviste semistrutturate sono state utilizzate nella raccolta dei dati. Perché era necessario dare agli studenti la possibilità di esprimersi liberamente sui loro sogni e desideri per un futuro senza povertà. Abbiamo avuto contatti con la realtà degli studenti e delle loro famiglie, conosciamo la scuola dove gli studenti studiano e un po’ i loro sogni, desideri e visione di un futuro senza povertà. Data la rilevanza del quadro teorico, abbiamo esaminato documenti e autori che trattano l’argomento, come: Arroyo (2015), Freire (2005), Leite (2017), Pinzani e Leão Rego (2015), Reis (2011), tra gli altri.

Parole chiave: Sogni, sentimenti, povertà, educazione, cittadinanza.

1. INTRODUZIONE

Possiamo dire che i bambini e i giovani in povertà, attraversano momenti come l’infanzia, la giovinezza e formano un gruppo sociale diversificato, vivono e vivono con diversi gruppi sociali con desideri e comportamenti diversi. Mentre i bambini in situazioni di vulnerabilità sociale vedono nell’istruzione, la possibilità di lasciare il ciclo di povertà in cui vivono. L’educazione come percorso di cambiamento e la scuola come istituzione sociale, propone agli studenti l’esercizio della cittadinanza, attraverso le esperienze sociali della vita quotidiana, al fine di adottare atteggiamenti e comportamenti che consentano di migliorare le condizioni di vita di migliaia di poveri.

La scuola garantisce il diritto dei bambini e dei giovani di conoscere le proprie storie, di sentirsi orgogliosi di far parte di un collettivo che, anche se sfruttato e oppresso, non smette mai di lottare per i propri sogni, nella conquista di un futuro personale e professionale, diritto fondamentale di ogni essere umano. L’esperienza vissuta nell’ambiente scolastico è fondamentale per la costruzione della conoscenza e per una vita migliore, perché l’apprendimento sistematizzato è un percorso che ogni essere umano deve passare, per sentirsi in grado di sviluppare qualsiasi ruolo davanti alla società.

Di fronte alla povertà e alla disuguaglianza sociale che molte persone sperimentano, l’importanza dell’istruzione come processo sociale è un’attività globale con tutti gli individui nella società. Così, l’educazione dei meno favoriti fu essenzialmente contemplata dagli autori Paulo Freire, Miguel G. Arroyo, Valquíria Leão Rego, Alessandro Pinzani e altri autori che si occupano di questo argomento. L’accento ricevuto riafferma il diritto a un’istruzione pubblica gratuita e di qualità per tutte le persone, nel tentativo di correggere le disuguaglianze sociali.

Questo studio mirava a comprendere la realtà riguardante gli aspetti della povertà e della disuguaglianza sociale, che vivono bambini, adolescenti e giovani di molte scuole pubbliche comunali di Maranhão. L’accento è stato posto sulla Scuola municipale di amicizia situata nella zona rurale di Imperatriz – MA. Attraverso gli autori studiati, siamo riusciti a comprendere meglio i problemi che riguardano la povertà di molte famiglie brasiliane, soprattutto nella regione nord-orientale, con particolare attenzione allo Stato di Maranhão, dove i casi di povertà sono più evidenti.

Lo studio di riferimento è organizzato in argomenti quali: introduzione; breve analisi dell’educazione in Brasile e della garanzia della cittadinanza dei bambini, degli adolescenti e dei giovani; analisi della povertà in Brasile, Maranhão e povertà nelle scuole pubbliche; percorso metodologico e analisi dei dati raccolti. Data la rilevanza delle materie studiate durante i moduli di specializzazione in Educazione, Povertà e Disuguaglianza Sociale, è stata necessaria un’indagine più attenta sui sogni e i sentimenti di bambini e adolescenti che vivono situazioni di povertà nella scuola in cui questi studenti studiano.

2. BREVE STORIO DELL’EDUCAZIONE IN BRASILE

L’educazione brasiliana iniziò con l’arrivo dei portoghesi e della famiglia reale in Brasile nel periodo coloniale, per mezzo dei gesuiti nel 1549. Le prime azioni dei gesuiti furono quelle di creare le scuole delle prime lettere, con l’intenzione di catechizzare gli indiani, il metodo pedagogico che applicavano era lo scolástica e l’umanesimo, come valori educativi. Mentre i gesuiti furono responsabili dell’educazione in Brasile per molti anni.  In questo senso, Ghiraldelli Jr. (2001) afferma che:

Già a metà degli anni Venti, gli intellettuali brasiliani interessati all’istruzione erano in grado di leggere, tra gli altri autori, come il filosofo americano John Dewey che, nel 1896, negli Stati Uniti, creò la University Elementary School, accoppiata all’Università di Chicago. John Dewey era un educatore, riformatore sociale e filosofo del pragmatismo americano. Come campo sperimentale di nuova formazione o nuova pedagogia o, addirittura, pedagogia della nuova scuola (GHIRALDELLI JR, 2001, p. 22).

In questa prospettiva, l’istruzione brasiliana ha attraversato i processi di istituzionalizzazione dell’istruzione, da parte del regime militare, fino alla transizione democratica. Cioè, ci sono stati diversi percorsi fino al raggiungimento del XX secolo, che dopo un lungo periodo di turbolenze nella politica brasiliana, ha avuto diverse riforme educative. Ghiraldelli Jr. (2001) commenta anche che ,”[…] la prima repubblica che durò quarant’anni (1889-1930) non è arrivata attraverso un grande movimento popolare, così come la seconda repubblica (1930-1937)”. In questo senso, possiamo citare come esempio il Manifesto dei Pionieri della Nuova Educazione, che ha esaltato la notorietà di alcuni intellettuali già noti e registrati nel campo del prestigio sociale, le proposte pedagogiche degli anni Trenta.

Dalle riforme educative e dal processo di modernizzazione e redemocratizzazione dell’istruzione, e da altre costituzioni brasiliane come il 1934 e il 1946, ad esempio, è stata creata e approvata la Costituzione brasiliana del 1988, il che significava la garanzia di vari diritti sociali a tutte le persone. Tra questi diritti ci sono la gratuità dell’istruzione pubblica negli istituti scolastici ufficiali, l’istruzione elementare obbligatoria e gratuita per i bambini a partire dai quattro anni, l’autonomia universitaria, tra gli altri come precisa l’art. 205 della Costituzione federale (1988):

L’istruzione, il diritto di tutti e il dovere dello Stato e della famiglia, saranno promossi e incoraggiati con la collaborazione della società, mirando al pieno sviluppo della persona, alla sua preparazione all’esercizio della cittadinanza e alla sua qualifica al lavoro. (BRASIL, 1988, p. 121).

Pertanto, questi diritti sono riaffermati nella Legge delle Linee Guida e delle Basi dell’Educazione Nazionale – LDB, Legge n. 9.394 del 20 dicembre 1996, in cui è stato riservato un capitolo esclusivo per trattare l’istruzione, come diritto di tutti i cittadini e dovere dello Stato per il pieno sviluppo della persona. Affinché l’istruzione stessa sia già una condizione necessaria per l’esercizio della cittadinanza, e tutte le persone, indipendentemente dalle loro specificità, hanno i loro diritti garantiti. O L’art. 2nd LDB afferma:

L’educazione è dovere della famiglia e lo Stato, ispirato ai principi di libertà e agli ideali della solidarietà umana, mira al pieno sviluppo dello studente, alla sua preparazione all’esercizio della cittadinanza e alla sua qualifica al lavoro. (BRASIL, 1996, p. 53).

Secondo Freire (2005), nella società di classe c’è un’oppressione tra oppressori e oppressi, dove l’oppressore (sistema sociale di classe) che disumanizzato si impone come di più, nella ricerca del mantenimento del suo interesse e potere sugli oppressi. D’altra parte, gli oppressi (classe dei meno favoriti) come meno, cercano il cambiamento, la trasformazione sociale umanizzata. Cioè, cerca di rompere con processi alieni davanti all’oppressore. “Gli uomini si umanizzano lavorando per rendere il mondo, sempre più, la mediazione di coscienza che convivono nella libertà […]” (FREIRE, 2005, p. 11). Affinché gli uomini siano liberati nella comunione, perché il processo di liberazione non riguarda solo l’attivismo, è necessario riflettere perché la trasformazione avvenga effettivamente. Inoltre, l’istruzione è una trasformazione di una vita senza prospettive, si sta liberando dalle imposizioni sociali che la società impone ai meno favoriti.

In questo stesso senso Arroyo (2010) ci parla delle varie disuguaglianze, dei poveri che vivono per strada, della cameriera e di altre persone vittime di disuguaglianze sociali. In modo che possa essere incorporato nella scuola plurale, perché l’obiettivo è far sentire a questi studenti che la scuola è il loro posto. La scuola è il luogo in cui tutti gli studenti dovrebbero sentirsi accolti, un luogo umano. “La società esige che le scuole e i loro padroni risolvano un problema prodotto in questi contesti sociali, politici ed economici […]” (ARROYO, 2015, p. 10). Cioè, gli insegnanti dovrebbero andare ben oltre le mura scolastiche, e non essere sottolineati come se fossero gli unici responsabili della moralizzazione dello studente.

2.1 ISTRUZIONE E CITTADINANZA

È un consenso sul fatto che l’istruzione e la cittadinanza vanno di pari passo, è una costruzione collettiva e costante che richiede una vera partecipazione della società, è l’accoglienza di tutti senza specificità, è la preoccupazione per la salute, l’istruzione, l’ambiente, i servizi igienico-sanitari di base, con il miglioramento della vita delle persone, i bisognosi, l’inclusione sociale, tra gli altri. I cittadini non dovrebbero stabilirsi e aspettarsi che i governi agiscano da soli nell’interesse di un’intera nazione, o semplicemente parlino dei problemi politici del paese senza agire. Come afferma Tonet (2005), è la convinzione di articolare l’educazione con il processo di costruzione della cittadinanza, perché questo processo contribuisce alla strutturazione di una società di uomini effettivamente liberi e pienamente cittadini. Cioè, è discutere e aiutare nella ricerca di soluzioni ai problemi sociali, perché il vero cittadino è sempre alla ricerca di una società più giusta.

Secondo Marshall (1967), la cittadinanza richiede “[…] un senso diretto di inclusione in una comunità, basato sulla lealtà verso una civiltà che è proprietà comune”. La cittadinanza è quindi il rapporto tra diritti e doveri che gli individui hanno di fronte alla società, non solo i diritti sociali e politici, ma anche il diritto all’informazione e a una vita dignitosa, perché solo così si ha una società democratica, libera e più giusta.

Secondo la Costituzione federale del 1988, il termine democrazia e cittadinanza è diventato inscindibile, ma per molti poveri questi termini esistono solo sulla carta, perché lo Stato di diritto democratico non esiste. Per molti brasiliani, indipendentemente dalla situazione in cui ogni persona vive nella società, la cittadinanza, la democrazia e l’equità non sono date, ma conquistate. Tale comprensione dal punto di vista sociologico, il termine cittadinanza va ben oltre i diritti fondamentali come il voto, è una costante costruzione sociale collettiva.

Nello stesso senso, Pinzani e Rego (2015, p. 9) menzionano che:

Esistono diversi modi in cui le società e le loro istituzioni comprendono la cittadinanza e, di conseguenza, la democrazia stessa interferisce radicalmente con lo status di cittadinanza come principio politico indispensabile per la vita democratica. L’insieme dei diritti che coevengono il complesso prerogativa di un cittadino e, cosa fondamentale, la realizzazione concreta di questi diritti nella vita sociale sono i veri indicatori del grado di profondità di una democrazia.

La cittadinanza è anche la preoccupazione costante di un’istruzione pubblica di qualità per tutte le persone che ne hanno bisogno. La scuola come istituzione sociale, insieme agli educatori, ha la missione di trovare alternative per mediare con i meno favoriti, nella conquista dei loro diritti e sogni di una vita migliore e più giusta, in particolare il diritto a un’istruzione che includa tutti. “L’esistenza della cittadinanza come situazione storica presuppone necessariamente un complesso di condizioni politiche, sociali, economiche e culturali […]” (PINZANI; REGO, 2015, p. 9).

3. BREVE ANALISI DELLA POVERTÀ IN BRASILE E MARANHÃO

Secondo la comprensione dei concetti di povertà, abbiamo cercato di conoscere le idee di vari teorici che si avvicinano all’argomento, ognuno ha una percezione diversa, ma c’è un senso di povertà in un modo che sia definito come privazione o assenza di bisogni di base, sia accesso minimo alle politiche sanitarie, all’istruzione, ai servizi igienico-sanitari di base, all’alloggio, tra gli altri diritti essenziali alla vita delle persone. “In una concezione più immediata e diffusa, povertà significa mancanza di reddito o basso reddito, uno stato di bisogno, di privazione, che può mettere a rischio la condizione umana stessa[…] “. (LAVINAS, 2003, p. 29). In altre parole, si tratta di situazioni vissute da migliaia di famiglie brasiliane.

Secondo IBGE-Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (2019), nel periodo 2012-2019 si è registrato un leggero miglioramento dei livelli di carenza di molte famiglie, ma c’è ancora un gran numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà, “[…] Maranhão era (l’UF-Unità federativa) con la più alta percentuale di persone con un reddito inferiore alla linea, (53,0%)”. (IBGE, 2019, p. 59). In contrappunto con gli altri Stati, che hanno redditi più alti. Ciò che è dimostrato è che, sebbene negli ultimi decenni ci siano stati molti progressi legati alle politiche sociali, c’è ancora un gran numero di brasiliani che vivono in uno stato di pieno bisogno. Perché per molti mancano alloggi decenti, acqua trattata, cibo, lavoro e altri diritti fondamentali.

Per quanto riguarda la struttura economica 2017-2018, l’IBGE ha verificato una leggera ripresa di alcuni indicatori sociali analizzati nel Paese. Tuttavia, “[…] i tassi più bassi di questi indicatori si sono concentrati nelle regioni settentrionali e nord-est, la più bassa delle quali a Maranhão (R$ 607)”. (IBGE, 2019, p. 49). Cioè, Maranhão è lo Stato in cui migliaia di persone vivono in condizioni di estrema povertà, con una media di otto reais al giorno. Questo finisce per impedire a molti adolescenti e giovani di partire per studiare per lavorare e aiutare a sostenere le loro famiglie. In modo che i sogni di una vita migliore si a distanzano sempre di più, perché tendono a continuare in uno stato di pieno bisogno.

Secondo Arroyo (2015, p. 10): “[…] l’immagine dei poveri come assenti dai valori è rafforzata anche dai media, mostrando povertà associata alla violenza e reati come il consumo e la vendita di droga, furti e furti”. Così i governi hanno inserito forme di organizzazione che hanno migliorato la vita di molti bambini e giovani. Iniziative quali la modernizzazione e la lotta contro la corruzione hanno contribuito a prevenire deviazioni di risorse pubbliche volte a migliorare la qualità della vita di migliaia di famiglie povere. Tuttavia, resta ancora molto da fare per migliorare la realtà sociale delle persone che vivono in uno stato di pieno bisogno nel paese, in particolare nello Stato di Maranhão.

Arroyo (2015) afferma anche che la società e il potere pubblico devono riconoscere che la povertà e la disuguaglianza sociale esistono e persistono, è un problema storico e dovrebbe essere riconosciuto e visto da tutti come il limite della sopravvivenza, perché sono persone che non hanno abbastanza da nutrirsi tre volte al giorno.  “Il fatto che la povertà, qualunque sia il suo grado o la sua definizione, sia sempre assimilata al problema della povertà, ideologicamente e moralmente, o a livello politico ed economico […]” (LAVINAS apud DESTREMEAU; SALAMA, 2002, p. 108). Quindi le cause e le conseguenze della povertà sono varie e complesse, che richiedono strategie di sopravvivenza.

3.1 POVERTÀ NELLE SCUOLE PUBBLICHE

La povertà vissuta da molte persone nella società è una sfida per le politiche pubbliche al fine di ridurre al minimo le disuguaglianze sociali esistenti nel paese, ma ogni cittadino brasiliano può dare il suo contributo con incentivi e istruzione ai meno favoriti, con l’obiettivo di alleviare le disuguaglianze sociali nelle scuole pubbliche. Perché, purtroppo, più povera è la persona, meno crede che diventi, perché la povertà è una questione sociale, economica e politica. Affinché Arroyo (2015, p. 10), “[…] sia considerato privo di valori, si vede solo una soluzione per educarli ai valori del lavoro, della dedizione e della perseveranza, fin dall’infanzia”.

In ogni caso, la comunità in generale può richiedere alle autorità pubbliche di fornire un’istruzione di qualità che includa tutti i bambini e gli adolescenti in età scolare, al fine di educarli non solo nel senso di moralizzare, ma anche di mostrare le condizioni e i mezzi necessari di queste materie per lasciare le condizioni di vittimizzazione dall’assenza di potere pubblico. Arroyo (2015) commenta anche che le scuole pubbliche sono piene di bambini, adolescenti e giovani svantaggiati e questa realtà non può essere ignorata. Per migliaia di questi studenti, oltre ad essere poveri, sono quasi sempre per lo più neri, il che causa tassi di discriminazione ancora più elevati. Gli studenti delle famiglie povere delle periferie, molti lavorano ancora per aiutare a sostenere le loro famiglie, altri sono influenzati dai criminali per commettere piccoli furti e altri crimini più gravi.

Tutte le scuole oggi dovrebbero essere uno spazio che consentirebbe a tutti gli studenti e gli studenti di avere accesso a progetti culturali pertinenti e significativi. Perché dare a questi studenti l’opportunità di imparare e creare conoscenza è un modo positivo per lavorare sui sogni e sui sentimenti gli uni degli altri e ampliare le loro prospettive di sognare un futuro senza povertà. Cioè, è molto importante promuovere un’educazione che salvi l’interesse e le esigenze degli studenti nel loro complesso, ridimensionando l’importanza del lavoro educativo, il suo rapporto con il mondo del lavoro e l’esperienza della cittadinanza.

La permanenza di studenti e studenti nella scuola è una delle condizioni per rimanere nel programma Bolsa Família, anche se molte famiglie sono ancora in uno stato di bisogno. “La frequenza scolastica è una condizione necessaria ma non sufficiente per garantire una buona istruzione […]” (PINZANI; LEÃO REGO, 2015, p. 25). Poiché la scuola deve essere di qualità, i bambini hanno bisogno di buone condizioni di studio e soprattutto hanno il sostegno e il follow-up di genitori o tutori. Senza questo aiuto è praticamente impossibile per il bambino ottenere buoni risultati, poter progredire negli studi e avere un livello di istruzione sufficiente ad avere maggiori possibilità nella vita professionale.

Arroyo (2010) sottolinea che i collettivi popolari sono ancora una volta il problema, minacciando l’ordine sociale. Perché lo Stato e le sue istituzioni politiche si offrono come soluzione per mantenere le reazioni dei collettivi, rese così diseguali nei limiti sopportabili per la sicurezza sociale, politica e scolastica. “Al fine di tenere sotto controllo non tanto la produzione di maggiori disuguaglianze, ma le reazioni dei collettivi rese diseguali, compresi bambini, adolescenti e giovani […]”. (ARROYO, 2010, p. 13).

4. PERCORSO METODOLOGICO

Dalla rassegna della letteratura sulla povertà, la disuguaglianza sociale, l’istruzione e la cittadinanza, è stata condotta una ricerca sul campo qualitativa con un focus fenomenologico. “Nella ricerca qualitativa, il ricercatore cerca di ridurre la distanza tra teoria e dati, tra contesto e azione, utilizzando la logica dell’analisi fenomenologica, attraverso la sua comprensione dei fenomeni, la descrizione e l’interpretazione […]”. (TEIXEIRA, 2009, p. 137). Cioè, è in questa fase che dovrebbero essere prese decisioni su aree che necessitano di ulteriori esplorazioni e aspetti da enfatizzare, sulla base di un confronto tra i principi teorici dello studio e ciò che il ricercatore impara durante la ricerca.

Data la natura della ricerca, la scelta è stata fatta per la raccolta dei dati attraverso l’osservazione diretta, workshop, conversazioni informali e interviste semistrutturate con domande chiuse e aperte, grazie alla flessibilità di avere solo uno script di base, senza una rigida sequenza di domande. Pertanto, gli intervistati dovrebbero discutere più liberamente del tema proposto, in cui le domande sono state più significative nel corso delle loro risposte. In questo senso, Triviños (1987, p. 146) commenta che:

L’intervista semi-strutturata, pur valorizzando la presenza del ricercatore, favorisce la descrizione dei fenomeni sociali, oltre ad offrire tutte le possibili prospettive per l’intervistato per raggiungere la libertà e la spontaneità necessarie, arricchendo l’indagine.

Ciò significa analizzare attentamente i registri dell’intervista semi-strutturata condotta con i partecipanti alla ricerca. In modo tale che la ricerca comprendeva attività di ricerca e comprensione delle prospettive del futuro, sogni, educazione e garanzie di cittadinanza di bambini e adolescenti sotto la condizionalità della povertà. La ricerca è stata condotta presso la Scuola Comunale di Amicizia situata nella zona rurale di Imperatriz – MA. I partecipanti alla ricerca erano 40 studenti delle classi di 4° e 5° grado della scuola elementare, l’età media di questi studenti era di età da 9 a 11 anni.

4.1 ANALISI DEI DATI RACCOLTI

Gli studenti sono stati lavorati in aula, attività pratiche con workshop, ricerche con esposizioni orali e scritte con domande chiuse e aperte, il tema che coinvolge sogni, futuro personale e professionale, povertà, educazione e cittadinanza. La scelta di questi studenti non è stata casuale, perché erano già in grado di avere i propri pensieri e desideri su un futuro migliore. Come lo cita uno studente di 10 anni di quarto anno: “Il futuro di una persona è come se tutti i cattivi fossero finiti e fosse arrivato un mondo di gioia e non di tristezza”. Lo studente ha anche commentato che sarà un grande professionista, ma per questo avrebbe dovuto studiare molto e finire i suoi studi.

In questo senso, Freire (1979) afferma che i cambiamenti sono necessari per l’adattamento dell’essere umano, non è un fine in sé, ma solo uno dei momenti per il suo inserimento nel mondo e per la possibilità che questo cambiamento si concretizzi, perché l’essere umano è un essere incompiuto. Quindi è importante che i bambini, gli adolescenti e i giovani credano nel cambiamento, nel potenziale che ognuno ha, perché studiare fa la differenza nella vita di una persona. Dopo tutto, la scuola è uno spazio sociale che mira a rendere il singolo partecipante attivo nella società.

Al momento con gli studenti sono stati esposti oralmente i concetti di povertà, educazione, cittadinanza e sogni di una persona. È stata effettuata un’attività scritta con le domande relative a questi concetti, in modo che potessero comprendere meglio ciò che veniva proposto, come mostrato nei grafici 1 e 2 seguenti, con i risultati delle attività di ricerca con i 40 studenti intervistati.

GRAFICO 1 – Cos’è un sogno per te?

Fonte: Preparato dal ricercatore.

In questo primo momento, gli studenti hanno l’opportunità di esprimere i loro sogni e desideri, che dimostrano i desideri di cambiamenti nella vita di ciascuno. Tutti hanno risposto che tutti hanno il diritto di sognare un futuro migliore.  Sono stati in grado di esprimere i loro sogni e desideri più comuni su ciò che vogliono essere quando crescono, i sogni presentati erano: Avvocato, Insegnante, Ufficiale di Polizia, Dottore, Modello, Ingegnere, Truccatore, Veterinario, Calciatore, Infermiera e Delegato. Per quanto riguarda il futuro personale e professionale, quando hanno 25 o 30 anni, hanno anche potuto esprimere la loro intenzione di praticare buone azioni con le persone nella comunità in cui vivono ed essere impegnate nella società.

Pertanto, la famiglia indipendentemente dalla condizione sociale che si trova dovrebbe essere il principale promotore dei sogni dei bambini. Perché anche se la scuola pubblica ha la sua precarietà, gli educatori fanno del loro meglio per sviluppare un buon lavoro con gli studenti. “L’istruzione in sé non è fatta solo dalla scuola, ma con il potere di iniziativa e lo spirito di cooperazione sociale tra genitori, insegnanti, stampa e tutte le altre istituzioni direttamente interessate al lavoro educativo[…]”. (AZEVEDO, 2006, p. 15). Pertanto, spetta a ciascuno di noi educatori ed educatori, socializzare con i nostri studenti e studenti in classe, sull’importanza degli stessi credere e seguire i loro sogni.

In un altro momento di dialogo con gli studenti, abbiamo chiesto se si consideravano persone ricche con denaro o povere senza soldi, e se a un certo punto sono state discriminate a scuola dai loro compagni di classe a condizione di essere ricchi o poveri. Uno studente commenta: “Non sono ricco di soldi o povero senza soldi, non mi sento discriminato, perché anche i miei colleghi non sono ricchi”, (P. L. 11 anni del 5° anno).

Abbiamo notato che la maggior parte di questi studenti aveva la percezione della povertà molto limitata sul vero significato della povertà nella loro vita, perché molti vivono in case date dal governo federale, attraverso il Programma My House, My Life. Altri vivono in invasioni (terre invase), in modo che non si considerassero così poveri. Ciò che è stato possibile anche nel dialogo con gli studenti è stato il fatto che consideravano le famiglie che hanno un’auto, una moto o entrambe, per esempio, come persone ricche, in modo che nelle loro famiglie non tutte avessero questi beni materiali.

Al fine di ridurre al minimo le disuguaglianze sociali tra gli studenti, con l’educazione come garanzia di cittadinanza di bambini e adolescenti sotto la condizionalità della povertà, il Progetto Pedagogico Politico della Scuola (2017) ha affrontato l’istruzione in senso lato. Perché è la base principale per i cambiamenti nella postura, nell’atteggiamento e nelle abitudini di vita. È la trasformazione intellettuale e sociale degli studenti attraverso un’istruzione di qualità e lo sviluppo delle più diverse competenze e competenze di tutti i bambini della scuola.

Per quanto riguarda i casi di discriminazione, sappiamo che si verificano quotidianamente nelle scuole tra studenti e studenti. Molti di questi studenti non lo sanno, ma solo il fatto di riferirsi a un collega che si riferisce a capelli, colore della pelle, aspetto fisico o altra denominazione, è già considerato un atteggiamento discriminatorio e razzista. Secondo le osservazioni di Amarai (1998):

[…] la presenza di pregiudizi e la conseguente discriminazione subita tra le persone sono viste più intensamente, da quelli significativamente diversi, spesso impedendo loro di sperimentare non solo i diritti dei loro cittadini, ma di vivere appieno la propria infanzia. (AMARAL, 1998).

Ma questo non impedisce lo sviluppo della socializzazione tra gli studenti nello sviluppo di importanti conoscenze al riconoscimento della cittadinanza, come mostrato nel secondo grafico. Proprio come, la possibilità di sognare un futuro migliore.

GRAFICO 2 – Cosa significa essere cittadini per te e come viene praticata la cittadinanza?

Fonte: Preparato dal ricercatore.

Secondo il grafico 2, per quanto riguarda la concezione del cittadino e la cittadinanza di questi studenti, essi riconoscono come diritti e doveri di una persona e la vera funzione del cittadino nella società. Hanno anche capito che deve essere consapevole dei loro diritti e doveri, garantendo che siano messi in pratica, come un’istruzione che includa tutti i bambini e altre persone. Come spiegato nel National Curriculum Parameters of Basic Education, Brasile (1997):

La scuola, dal punto di vista della costruzione della cittadinanza, deve assumere la valorizzazione della cultura della propria comunità e, allo stesso tempo, cercare di superarne i limiti, fornendo ai bambini appartenenti ai diversi gruppi sociali l’accesso alla conoscenza, sia per quanto riguarda la conoscenza socialmente rilevante della cultura brasiliana a livello nazionale e regionale sia in ciò che fa parte del patrimonio universale dell’umanità. (BRASIL, 1997, p. 34).

Pertanto, si comprende che la scuola pubblica ha la missione di migliorare le condizioni educative della società, con l’obiettivo di garantire un’istruzione di qualità agli studenti, in un ambiente di responsabilità sociale e individuale, come menzionato nel Progetto Pedagogico Politico della Scuola (2017). Con l’obiettivo di essere un’istituzione riconosciuta nella società per pratiche educative, lavoro partecipativo, impegnato e innovativo di un team impegnato nella comunità scolastica, basato su valori quali: rispetto, innovazione, partecipazione e garanzia degli standard di apprendimento per tutti gli studenti, in conformità con i Parametri Del Curriculum Nazionale dell’Educazione Di Base.

Chiese anche agli studenti se ritenevano che l’istruzione scolastica fosse importante, il che rispose di sì. Perché le persone che studiano sono più facili da trovare un lavoro e hanno una professione. Secondo uno studente: “l’educazione insegna molte cose, toglie le persone dalle strade, dalle dipendenze, insegna a parlare bene con le persone e può sognare una vita migliore per la famiglia”, (T. N. 11 anni, 5° anno). Ciò che è stato osservato è che questo studente aveva già un’opinione sull’importanza dello studio, perché la scuola, essendo un’istituzione sociale, è responsabile della formazione di veri cittadini e cittadini, attivi nella società e consapevoli dei loro diritti e doveri.

In questo senso Leite (2015, p. 11) cita che nella nostra società, “[…] i bambini e i giovani presumono di avere caratteristiche, valori, desideri, bisogni e condizioni di vita uguali, quindi li rende omogenei”. Pertanto, pieno di aspettative di una vita migliore in futuro, e non si tratta solo della possibilità o dell’impossibilità di vivere l’infanzia o la giovinezza, ma dei diversi modi in cui tali fasi possono essere vissute. Poiché in aula il docente e il docente come mediatori, possono presentare varie situazioni e facilitare il contatto degli studenti con nuovi elementi. La costruzione di un giocattolo, ad esempio, favorisce il processo di integrazione dei bambini in classe, in modo che si conoscano meglio ed esprimano i loro sogni e desideri.

Gli studenti sono stati unanimi nel dire che sognavano cose buone, hanno sottolineato che per realizzare questi sogni avevano bisogno di studiare molto. I loro genitori e nonni desideravano poter studiare, crescere e avere la professione che volevano in futuro. Nessuno degli studenti e degli studenti ha espresso il desiderio di seguire la professione dei genitori, poiché molti lavorano negli orti, altri dai muratori, dai lavoratori domestici, dalle case automobilistiche o da altre professioni che non richiedono molto studio.

Uno studente ha citato: “se non studi e non vai a scuola, non avrai una professione e non sarai qualcuno nella vita” (H. N. 11 anni, 5° anno). Quindi parliamo con gli studenti dell’importanza che credano e sesseranno i loro sogni, rispettando sempre i loro colleghi e familiari. Cioè, l’esperienza vissuta nell’ambiente scolastico è fondamentale per la costruzione di conoscenze diverse e per la vita futura nella società.

In questa prospettiva, l’apprendimento sistematizzato è un percorso su cui ogni essere umano deve passare, per sentirsi in grado di sviluppare qualsiasi ruolo davanti alla società. “Oggi non ci si aspetta che lo studente sviluppi altre competenze, il contenuto è visto come un mezzo per ottenere qualcosa di più grande, favorire la formazione del cittadino […]” (REIS, 2011, p. 102). Pertanto, possiamo dire che i bambini e i giovani in povertà attraversano momenti come l’infanzia e la gioventù e formano un gruppo sociale diversificato, vivono e vivono con diversi gruppi sociali con desideri e comportamenti diversi.

Secondo le informazioni ottenute dalla segreteria scolastica, c’erano in media 320 studenti iscritti, di cui la maggior parte circa il 70%, ha ricevuto il beneficio del Programma Bolsa Família, perché erano bambini che dipendevano da questo poco per garantire la sopravvivenza. In questo senso, Brandão, Pereira e Dalt (2013) menzionano che in tutte le regioni brasiliane, specialmente nella regione nord-orientale, ci sono valutazioni negative sul programma Bolsa Família. Si sta muovendo verso l’indicare che non vi è alcun impatto sui risultati scolastici, nell’ampliare l’interesse per lo studio da parte degli studenti e delle loro famiglie nel monitoraggio dello sviluppo dei bambini a scuola. Poiché molti genitori mandavano i figli a scuola, era solo con l’intenzione di ricevere l’indennità. Non erano preoccupati se i loro figli stessero imparando qualcosa o la loro frequenza positiva, la preoccupazione più grande era solo la finanziaria.

Secondo le informazioni ottenute attraverso gli educatori delle classi intervistate, molti bambini andavano a scuola a causa dello spuntino che veniva servito, perché non ne avevano abbastanza a casa per la prima alimentazione della giornata. “Quello che abbiamo a casa è per pranzo, non c’è modo di comprare snack”, (Riporta uno studente di 4 anni, 9 anni). A questo punto, i bambini sono molto sinceri, riferiscono ciò che accade davvero in famiglia.  Resta inteso che gli studi stessi, o le attività che questi studenti e studenti sviluppano con i gruppi non hanno molta rilevanza per loro. Nella realtà brasiliana, molti in uno stato di pieno bisogno prima di completare la scuola elementare s rinunciare a studiare e sognare un futuro migliore.

Anche con tanti progressi, il Brasile deve ancora compiere progressi in materia di riduzione della povertà e di lotta contro la fame. Perché in molti stati brasiliani, così come nella regione nord-orientale, Maranhão è uno degli stati che hanno più persone che vivono in estrema povertà. In questo scenario, i bambini, gli adolescenti e i giovani in età scolare sono quelli che soffrono di più, poiché  “[…] la partecipazione a relazioni sociali, politiche e culturali diversificate e sempre più ampie è fondamentale per l’esercizio della cittadinanza nella costruzione di una società democratica e non esclusione”. (BRASIL, 1997, p. 33). Pertanto, è inteso come l’esenzione sociale, il rispetto dei valori etici, morali e di cittadinanza, necessaria la vita dei diversi gruppi sociali.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

In questo lavoro siamo stati in grado di indagare i modi di pensare, sentire e agire dei bambini sotto la condizionalità della povertà in una scuola pubblica. Questo ci ha permesso di essere coinvolti nella realtà dei bambini e degli adolescenti che vivono in condizioni di sussistenza precarie. Avendo come riferimento principale alla povertà, all’istruzione, alla cittadinanza e alla realtà di molte scuole pubbliche comunali brasiliane, i dirigenti e i coordinatori svolgono un ruolo molto importante nel trasformare la realtà di migliaia di bambini e giovani poveri.

Questo lavoro coinvolge tutto il corpo docente di una scuola, in particolare gli insegnanti, che, oltre a sviluppare il ruolo degli educatori, hanno la funzione di insegnare i valori del rispetto e della cittadinanza, valori che molti bambini non imparano dalle loro famiglie, a causa della mancanza di dialogo di base e di convivenza armoniosa in qualsiasi famiglia. Inoltre, l’obiettivo era quello di comprendere la realtà riguardante gli aspetti della povertà e della disuguaglianza sociale, in cui vivono bambini e adolescenti di molte scuole pubbliche comunali di Maranhão.

L’accento è stato posto sulla Scuola comunale di amicizia situata nella zona rurale di Imperatriz – MA, dove è stato possibile analizzare e indagare le prospettive del futuro personale e professionale, dei sogni, dei pensieri e dei sentimenti dei bambini. Evidenziamo lo svolgimento delle attività di azione e riflessione e dei workshop, che è stato molto importante per comprendere la realtà degli studenti e delle loro famiglie. Il dialogo sull’educazione scolastica come garanzia di cittadinanza era indispensabile per la comprensione degli studenti sui loro sogni, desideri e visione di un futuro migliore per se stessi e le loro famiglie.

Il focus della ricerca è stato qualitativo con il carattere esplicativo, e con la metodologia utilizzata è stato possibile esplorare oltre i sogni, i pensieri e i sentimenti dei bambini, ma il loro punto di vista sull’educazione e la cittadinanza. La ricerca con gli studenti ci ha fornito una conoscenza più completa delle questioni sociali degli studenti nell’ambiente scolastico, delle loro opinioni e prospettive di una vita senza povertà. Avere l’educazione come principale alleato nella comprensione delle nuove conoscenze, per la vita futura.

Oltre all’uguaglianza di altri diritti necessari per il riconoscimento della cittadinanza, come base continua per la trasformazione della realtà di migliaia di bambini, adolescenti e giovani in condizioni di povertà. Presto ci rendiamo conto che le norme della scuola si basano sulla costruzione di un’educazione che rispetti lo sviluppo integrale degli studenti, i loro diritti e doveri, perché questa scuola come istituzione sociale è impegnata insieme alle famiglie, alla società e alla comunità, a promuovere lo sviluppo e la socializzazione degli studenti.

L’appropriazione di nuove conoscenze ci ha permesso di effettuare un’analisi dello spazio scolastico in cui queste materie vivono quotidianamente, perché la scuola è il miglior esempio di dove le persone sono impegnate nella società. In modo da poter condurre ulteriori studi e indagini sull’argomento. È citato, Miguel G. Arroyo, Lúcia Helena A. Leite, Alessandro Pinzani e Valkyrie Leão Rego e altri teorici specializzati nel tema: povertà, disuguaglianza sociale, educazione e cittadinanza, come fonte di ricerca e nuove conoscenze.

RIFERIMENTI

AMARAL, Lígia Assumpção. Diferenças e Preconceitos na Escola: Alternativas teóricas e Práticas. Julio Groppa Aquino (org.) São Paulo Summus Editorial, 1998. Disponível em <https://acessibilidade.ufg.br/up/211/o/Sobre_crocodilos_e_avestruzes__Ligia_Amaral_1_.pdf?1473202737>. Acesso em: 10  jan. 2017.

ARROYO, Miguel Gonzalez. Pobreza, Desigualdades e Educação. [2015]. Disponível em:<http://catalogo.egpbf.mec.gov.br/modulos/intro/elemento.html/2015. Acesso diário em 2015/2016>. Acesso em: 21 jan. 2017.

AZEVEDO, Fernando de et al. O manifesto dos pioneiros da Educação Nova. HISTEDBR, Campinas, ago. 2006, p. 188-204. Disponível em: <http://www.histedbr.fe.unicamp.br/revista/edicoes/22e/doc1_22e.pdf/catalogo.egpbf.mec.gov.br/modulos/mod-3/referencias.html>. Acesso em: 26 de jul. 2016.

BRANDÃO, André; PEREIRA, Rita de Cássia; DALT, Salete. Programa Bolsa Família: percepções no cotidiano da escola. Política e Trabalho. Revista de Ciências Sociais, Fortaleza, n. 38, p. 215-232, abr. 2013. Disponível em: <http://periodicos.ufpb.br/ojs/index.php/politicaetrabalho/article/viewFile/14312/9388>. Módulo I. Pobreza e Cidadania: http://catalogo.egpbf.mec.gov.br/modulos/mod-1/abertura.html/2014. Acesso em: 25 nov. 2015.

BRASIL, Lei de Diretrizes e Bases. Lei nº 9.394/96, de 20 de dezembro de 1996.

BRASIL. Constituição (1988). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF: Senado Federal: Centro Gráfico, 1988. 292 p.

BRASIL. Secretaria de Educação Fundamental. Parâmetros Curriculares Nacionais: introdução aos parâmetros curriculares nacionais / Secretaria de Educação Fundamental. Brasília: MEC/SEF, 1997. 126 p. Disponível em:< http://portal.mec.gov.br/seb/arquivos/pdf/livro01.pdf>. Acesso em: 03 jan. 2017.

DESTREMEAU, B.; SALAMA, P. Medição e excessos de pobreza. Paris: PUF, p. 18, 2002.

FREIRE, Paulo. Pedagogia do Oprimido. Rio de Janeiro: Paz e Terra, 17 ed., 2005.

GHIRALDELLI JR., P. Introdução à Educação Escolar Brasileira: História, Política e Filosofia da Educação [versão prévia] – 2001. Disponível em:< https://pedagogiaaopedaletra.s3.amazonaws.com/wp-content/uploads/2013/04/EDUCA%C3%87%C3%83O-BRASILEIRA.pdf>. Acesso em 30 de nov. 2016.

INSTITUTO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA E ESTATÍSTICA – IBGE. Síntese de indicadores sociais: uma análise das condições de vida da população brasileira: Coordenação de População e Indicadores Sociais. – Rio de Janeiro: IBGE, 2019. Disponível em: <https://biblioteca.ibge.gov.br/visualizacao/livros/liv101678.pdf>. Acesso em: 28 de ago. 2020.

LEITE, Lúcia Helena Alvarez. Escola: Espaços e Tempos de Reprodução e Resistências da Pobreza. Disponível em:<http://catalogo.egpbf.mec.gov.br/modulos/mod-3/>. Acesso em: 21 jan. 2017.

MARSHALL, T. H. Cidadania e classe social. In:_. Cidadania, classe social e status. Rio de Janeiro: Zahar Editores, 1967. p. 57-114.

PINZANI, Alessandro; LEÃO REGO Valquíria. Pobreza e cidadania: Módulo I, 2015. Disponível em: <http://catalogo.egpbf.mec.gov.br/modulos/mod-1/abertura.html/2015>. Acesso em: 2015/2016.

PREFEITURA MUNICIPAL DE IMPERATRIZ. Projeto Político Pedagógico. Secretaria de Educação, Esporte e Lazer– SEMED. Imperatriz – MA, 2017.

REIS, Teuler. Educação e Cidadania: a batalha de uma Educação comprometida. Rio de Janeiro: Wak Editora, 2011. 136p.

TEIXEIRA, Elizabeth. As três metodologias: acadêmica, da ciência e da pesquisa. 6. ed. , Petrópolis, RJ: Vozes, 2009.

TONET, Ivo. Educação, Cidadania e Emancipação Humana. Ijuí: Ed. Unijuí, 2005, 256 p. Disponível em: <http://ivotonet.xpg.uol.com.br/arquivos/EDUCACAO_CIDADANIA_E_EMANCIPACAO_HUMANA.pdf>. Acesso em 28 nov. 2016.

TRIVIÑOS, A. N. S. Introdução à Pesquisa em Ciências Sociais: a pesquisa qualitativa em educação. São Paulo: Atlas, 1987.

[1] Pedagogo e specialista in Educazione, Povertà e Disuguaglianza Sociale.

[2] Consulente di orientamento. Laurea magistrale in Comunicazione, Cultura e Cittadinanza presso l’Università Federale di Goiás.

Inviato: ottobre, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 70239
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?