Difficoltà affrontate dai professionisti di educazione fisica affrontando l’inclusione degli studenti con la idrocefalia in lezioni di educazione fisica

0
533
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

MATIAS, Noelle Campos de Aguiar [1]

SILVA, Tatiana Alves [2]

MATIAS, Noelle Campos de Aguiar; SILVA, Tatiana Alves. Difficoltà affrontate dai professionisti dell'educazione fisica anteriore l'inclusione degli studenti con la idrocefalia in lezioni di educazione fisica. Conoscenza base scientifica multidisciplinare rivista, 1 anno. Vol. 10, pp. 39-62.  Novembre 2016 ISSN.2448-0959

RIEPILOGO

Questo articolo è stato preparato da riferimenti bibliografici per il soggetto di questo studio. Principalmente lo stato attivo su questo articolo ha cercato di comprendere le difficoltà affrontate dai professionisti dell'educazione fisica quando il processo di inclusione abbastanza nelle loro classi, capire il professionista di educazione fisica di difficoltà nel gestire i progressi della classe dove gli alunni con bisogni educativi speciali, notando le sue limitazioni e abilità psicomotorie, in modo da inserirlo in scherzi e Giochi giocosi sperimentati in lezioni di educazione fisica insieme con gli altri studenti.   Attualmente il numero di studenti con la idrocefalia è aumentato, far rispettare la legge e comprende l'istruzione professionale di educazione fisica. L'inclusione è un processo che coinvolge tutti i partecipanti nel contesto scolastico e in tale contesto l'identità di insegnante e forma produce uno scambio di apprendimento, fornendo contenuti variata attraverso il loro gruppo di età. Nuovi studi che coinvolgono gli studenti con la idrocefalia sono necessari per rompere i paradigmi che coinvolgono professional e l'importanza della disciplina all'interno del processo di inclusione di scuola.

Parole chiave: l'inclusione scuola. Educazione fisica adattata. Idrocefalia.

INTRODUZIONE

Osservazione informale del lavoro professionale di educazione fisica durante i loro corsi all'interno della scuola punti diverse difficoltà incontrate nello sviluppo di attività organizzate per gli studenti con bisogni educativi speciali. La convivialità in lezioni pratiche con speciale studenti suggerisce una formazione continua che intensificare la teoria e la pratica di incoraggiare.

Il contatto iniziale con gli studenti accade durante la sua formazione, attraverso la fase, all'interno di questo passaggio ha la possibilità di formare la propria identità e conoscere i loro studenti. Di fronte alle caratteristiche e le specifiche di ogni studente capisce la necessità di disciplina professionale adattata educazione fisica durante la sua formazione e successivamente durante le lezioni quando la stessa forma. (GIANNOTTO; DINIZ, 2010)

Il processo di inclusione comporta un professionista di educazione fisica addestrato, tutti gli studenti, famiglie, società e istituzione scolastica. All'interno della scuola, disciplina educazione fisica ha un ruolo pedagogico che promuove lo sviluppo dello studente nel suo complesso, rendendo molto importante strumento durante il processo di inclusione dello studente particolare. Nello sviluppo della disciplina, l'insegnante può utilizzare una varietà di contenuti e funzionalità, attraverso una classe flessibile pianificazione, al fine di facilitare l'inclusione di questi speciali studenti in classe, rompendo così il paradigma formato in cima l'insegnante e della disciplina.

Sono uno studente all'interno della scuola contesto richiede un look che provoca Integrator su ogni singola modifica del concetto, creazione di una parte del ponte di buon senso e va al senso critico, mostrando l'integrazione scolastica non solo gli studenti con disabilità, ma anche gli studenti senza disabilità, utilizzando uno strumento essenziale chiamato educazione. Formazione ci permette di organizzare le nostre capacità fisiche e mentali ricordandoci come adattabile le condizioni atipiche e in grado di sviluppare le nostre capacità.

È diritto concesso gli studenti ricevono istruzione gratuita e basato sulle linee guida e le basi per l'educazione nazionale (legge n. 9.394 del 20 dicembre 1996), che afferma che l'offerta di educazione speciale è il dovere dello stato, a partire dal gruppo d'età pari a zero a sei anni durante la prima infanzia (Art. 58, § 3), è possibile evidenziare l'importanza dell'inclusione degli studenti con bisogni speciali all'inizio dell'apprendimento a scuola. (BRASILE, 1996)

Educazione fisica è diventato una disciplina estremamente inclusiva, ed educazione fisica professional è collegato direttamente con l'inclusione degli studenti con bisogni educativi diversi. Gli studenti con la idro[3]cefalia * comunemente è approdato nell'istruzione regolare e questo aumento degli alunni con bisogni educativi speciali che divennero una sorta di un'aggravante che ostacola la partecipazione dello stesso in lezioni di educazione fisica, non l'esistenza della malattia, ma dalle difficoltà che guidano il vostro l'inclusione scolastica.

Il bambino con la idrocefalia ha le sue differenze e la scuola deve comprendere e pianificare una formazione dinamica utilizzando un'amministrazione democratica, sensibile all'allievo ed educare con amore e responsabilità.

Osservando il lavoro del professionista di educazione fisica che promuove lo sviluppo delle abilità motorie e cognitive degli studenti, è necessario comprendere le difficoltà dell'educazione fisica professionale nel controllare lo stato di avanzamento della classe dove attualmente allievi con la idrocefalia, notando le sue limitazioni e abilità psicomotorie, in modo da inserirlo in scherzi e Giochi giocosi sperimentati in lezioni di educazione fisica insieme con gli altri studenti.

"La pratica pedagogica di inclusione nella classe di ginnastica arrivando in difficoltà storiche che riguardano la comprensione della sua azione." (FALKENBACK; et al., 2007). Realizzando la confusione di contenuti che in realtà incontra la pedagogia dell'insegnamento delle discipline, dove promuove lo sviluppo di un cittadino attivo e consapevole della sua autonomia e non solo un atleta che sarà necessaria a migliorare sempre.

"Sappiamo che l'educazione fisica è una disciplina che richiede allo studente di riflettere, attraverso il movimento, le loro azioni e le esigenze della società odierna, in cui questo bisogno di posizionarsi di fronte." (COSTA, MAUNG, SAMUEL JUNIOR; 2009)

Lo studente con la idrocefalia sarà solo in grado di essere incluso nelle classi di educazione fisica l'insegnante comprendere la specificità ed essere in grado di pianificare la vostra classe per soddisfare l'intera classe. "Poiché l'inclusione non è limitato a mettere il bambino nella scuola, lei può interagire secondo il loro potenziale con altri bambini." (SHARMA et al., 2010)

Il professionista di educazione fisica ha questa partecipazione inclusiva di scuola primaria, rompendo i paradigmi e devono sviluppare un workshop per promuovere la formazione integrale dell'allievo con e senza disabilità, lasciando da parte le difficoltà dell'inclusione scolastica che limitano gli studi futuri sull'argomento.

1. INCLUSIONE SCOLASTICA

1.1 Formazione di educazione fisica professional

La formazione professionale di educazione fisica deve essere concettualizzato, continuato e rispettato. Deve contenere secondo Ferreira; Santi; Costa (2015), un insieme di azioni che coinvolgono il potere, fede e cultura, un modo di guidare la formazione. (FERREIRA; Santi; COSTA, 2015) (1)

Quindi deve coinvolgere una pratica più intensa sulla teoria che è stata insegnata durante educazione fisica formazione professionale che permette di coinvolgimento con la realtà. Secondo Ferreira; Santi; Costa (2015):

I metodi di formazione sono governati da concetti, obiettivi e scopi, contingenciadas per fattori accademici, sociale, politici, finanziari e personale, riflettendo le visioni del mondo, in generale, del processo educativo e, di conseguenza, le aspettative di essere un insegnante e la funzione di insegnamento. (FERREIRA; Santi; COSTA, 2015) (1)

Sviluppo professionale per Fernandez; Santi; Costa, (2015) (1) si può ottenere dallo stesso interesse nella formazione continua, dove l'insegnante si rende conto che questi processi sono finalizzati a preparare a formare individui nel mercato del lavoro.

Di darido (1995) (2) e Betti & Betti (1996) (3), sostengono che il professionista di educazione fisica ha due curricula: il tradizionale, che mette in risalto il know-how per insegnare, che separa le teorie che a loro volta sono presentate in aula e le pratiche, che vengono presentate in tribunale, piscina o altro. Il curriculum scientifico, dice la cosa importante è, insegnare, essendo necessaria la conoscenza teorica per la scuola di apprendimento di comprensione.

La formazione iniziale degli insegnanti include corso di formazione nell'insegnamento, fornendo l'esperienza della vita quotidiana. (CUNHA; et al., 2016) (4) Pertanto, Giannotto; Diniz, (2010), ritiene che la fase essenziale in termini di presentazione della teoria alla pratica, dove lo studente vuole diventare un insegnante e l'insegnante ha la possibilità di costruire la tua identità professionale (GIANNOTTO; DINIZ, 2010) (5)

Questo contatto con il nuovo vi invita per un spazio per l'educazione fisica Inclusive perché secondo Fiorini e Manzini (2014), l'insegnante di educazione fisica è uno dei partecipanti coinvolti nell'inclusione educativa. Il professionista deve sapere i loro studenti e delle loro specificità, nel rispetto della sua comprensione per la sua disabilità, limitazioni ed anche le loro competenze, deve avere iniziativa di incontrare la scuola, società, fornendo l'individuo con la conoscenza dal contenuto significativo e piacevole. (FIORINI; MANZINI, 2014) (6)

1.2 l'educazione fisica adattata a scuola

Resta inteso che disciplina educazione fisica conduce gli studenti a riflettere e posizionare nella società attraverso azioni e movimenti, dell'educazione fisica adattata già capisce e sviluppa competenze, promuove azioni che esalta l'indipendenza e autonomia nella capacità dello studente di gestire il potenziale sociale ed educativo. (COSTA; MOREIRA; Junior, 2015) (7)

Souza (et al., 2011) sostiene che l'inclusione è in grado di aiutare lo studente a sviluppare la lingua, pensato, socializzazione, l'autostima e iniziativa, preparando un cittadino con un senso critico in grado di partecipare alla costruzione di un mondo migliore, indipendentemente dalla loro disabilità. (SOUZA; et al., 2011) (8)

Coinvolgere gli studenti con o senza disabilità in una classe di educazione fisica fornendo che loro autonomia richiederà professionisti di educazione fisica una gamma di attività. "L'educazione fisica comprende una serie di contenuti". (Di DARIDO; Junior, 2007) (9) gli autori Ab e Duarte (2005) sostengono che organizzare questi contenuti studente disabile capisce i suoi limiti, migliora le prestazioni durante le attività, sapendo che cosa è autonomia e lo sviluppo di consapevolezza del corpo. (AB; DUARTE, 2005) (10)

"Quindi diventa essenziale per le lezioni di educazione fisica prima di loro vari contenuti in grado di migliorare la qualità della vita di questi"studenti". (BARRETO, et al., 2013) (11) promuovere insieme con il professionista di educazione fisica, un necessario adeguamento allo studente.

Secondo RODRIGUES (2006) (12) disciplina può prendere due situazioni come per l'inclusione, lei può aiutare o ostacolare, a seconda della situazione e la condizione che lo studente riceve disciplina, insegnanti e genitori. Ma ciò che realmente rende educazione fisica con valori è la capacità di consapevolezza del proprio corpo che lo studente sviluppa durante le lezioni.

"Pensando di educazione fisica è anche riflettere sulle potenzialità e le possibilità di ogni movimento dell'allievo, senza dare la priorità alla disabilità e/o i suoi limiti". (Palm; Manta, 2010) (13)

Dato questo, si può vedere che le dimensioni che tessono la trama di integrazione scolastica sono molteplici e si esprimono in sfide organizzative, educative, culturale, politiche e soggettive degli attori e delle istituzioni che compongono i sistemi scolastici. (Santi; MARTINEZ, 2016) (14)

Questa scuola inclusiva necessario fidarsi e capire che educazione fisica vince uno spazio scuola completamente e non riabilitazione o reddito, devono anche rendersi conto che la società ha bisogno di una scuola completamente aggiornata per soddisfare le richieste di registrazione che è stata proposta.

La realizzazione di una società in costante evoluzione tecnologica ha fatto la scuola lo spazio principale per lo sviluppo e la democratizzazione di nuove conoscenze e nuove competenze e formazione di professionisti e cittadini nel contesto sociale, cultura e politico. (FUNDAÇÃO CARLOS CHAGAS, 2011) (15).

La scuola deve quindi rispettare suo coinvolti, accettare la loro partecipazione quando necessario e rivedere il loro impegno e responsabilità, soprattutto educativa inclinano invitanti insegnanti a partecipare così espressiva di queste pratiche.

L'educazione fisica professionale svolge un ruolo in educazione fisica adattata. Malik (2012) afferma che la costruzione di una scuola in una prospettiva inclusiva è una delle più grandi sfide dei sistemi educativi. (MARTINS, 2012) (16)

Un'altra raccomandazione è che l'insegnante è consapevole che sono nelle lezioni di educazione fisica non è sufficiente adattare la disciplina, ma è l'adozione di un punto di vista didattico che valorizza la diversità e si impegna a costruire una società inclusiva. (CHACON, 2005) (17)

Adattare e integrare la disciplina scolastica e della società, modificando lo spazio fisico e pedagogico, incoraggiando l'iscrizione dei bambini con bisogni educativi speciali nella scuola tradizionale, assistere le vostre difficoltà di giorno in giorno e fornendo le condizioni per come questi vengono raggiunti.

La costruzione di una prospettiva educativa inclusiva, cui obiettivo centrale è la trasformazione delle istituzioni educative negli spazi per incontrare gli studenti con diverse vivono condizioni e bisogni educativi, si lamenta l'effettivo impegno del governo ad impegnarsi nella formulazione delle politiche che sono in grado di rompere la struttura esclusiva della scuola. (Santi; MARTINEZ, 2016) (14)

1.3 l'inclusione di scuola attraverso il processo educativo

In qualche modo il pensiero dell'inclusione in ogni individuo un aspetto soggettivo, collegato ad una fede acritica, senza un pensiero di integrazione che raffigura persone con o senza disabilità, che separa il diritto all'inclusione solo considerato disattivato.

Maggior parte delle persone, quando sentono parlare di educazione inclusiva o quando essi sono interrogati in proposito, stabilisce, quasi automaticamente, una relazione con persone con disabilità. Così, il rapporto tra educazione inclusiva e disabilità, in qualche modo, è diventato senso comune. (BREITENBACH; HONNEF; INDIETRO, 2016) (18)

È considerato comune senso come importante base quella convivenza tra esseri umani, resta inteso che è necessario uscire l'automatico scegliere qualcosa di più scientifico e più intenso che raffigura un concetto e dal soggettivo all'integrazione scolastica. Formazione trasforma e integra secondo Barrios (1995) in una nuova ricerca conclude che:

L'istruzione è l'organizzazione delle risorse biologiche dell'individuo, di tutte le capacità di comportamento che sono adattabili all'ambiente fisico e mentale. Se gli individui sono esseri adattivi, le forme di integrazione di qualsiasi mezzo e la situazione, certamente può essere adattato. (BARROW, 1995) (19)

Nel contesto scolastico istruzione diventa lo strumento principale della scuola durante il processo di inclusione di scuola, lei può trasformare buon senso in qualcosa di più sostanzioso, promuovendo il collettivo e trasformando il pensiero individuale. Prima devi capire un processo diviso tra l'individuo e il collettivo, che cosa è in realtà l'inclusione e come la scuola dovrebbe mettere avanti il loro ruolo.

L'inclusione limitata dei professionisti del design e la predominanza di valori inclusivi basati sull'accettazione della differenza, senza considerare le possibilità di apprendimento degli studenti con sviluppo atipico, provocare contraddizioni che creano barriere allo sviluppo del lavoro pedagogico in una prospettiva inclusiva. (Santos e Martinez 2016) (14)

Santos e Martinez (2016) sostengono "le dimensioni che tessono la trama di integrazione scolastica sono molteplici e si esprimono in sfide organizzative, educative, culturale, politiche e soggettive degli attori e delle istituzioni che compongono i sistemi scolastici". (Santi; MARTINEZ, 2016) (14)

Quando si tratta di natura organizzativa, questo è un sistema educativo, dove la scuola, studente, insegnante e società organizzare al fine di produrre con qualità obiettivo proposto l'inclusione, utilizzando una politica articolata e democratica, garantendo una facile comprensione di tutti coloro che sono coinvolti.

La costruzione di una prospettiva educativa inclusiva, cui obiettivo centrale è la trasformazione delle istituzioni educative negli spazi per incontrare gli studenti con diverse vivono condizioni e bisogni educativi, si lamenta l'effettivo impegno del governo ad impegnarsi nella formulazione delle politiche che sono in grado di rompere la struttura esclusiva della scuola. (Santi; MARTINEZ, 2016) (14)

Questo sistema che esclude non succede più con parametri legali che ciò accada, in Brasile, all'interno l'iscrizione della scuola normale e permanenza di ogni studente è assicurata da dispositivi giuridici, come la legge di linee guida e le basi della formazione (BRASILE, 1996) (20), articolo 208 della Costituzione federale del 1988 (BRASILE, 1988) (21) e le linee guida nazionali per l'educazione speciale nell'educazione di base: (BRASILE 2001) (22)

La prospettiva dell'educazione di bambini e giovani con bisogni educativi speciali (NEEs) in comune con le classi di istruzione regolare è oggi un imperativo morale e politico, essendo possibile riconoscere che la recente conquista della facilità di accesso di queste persone a scuola viene visualizzata come un momento strano nella storia brasiliana. Abbiamo messo avanti l'inclusione di scuola come un principio filosofico e come un processo caratterizzato da molte contraddizioni, dove progredire in materia di pari opportunità, il diritto alla diversità e alla formazione di persone con NEEs. (MANDAL; Mendes, 2015) (23)

C'è una confusione di ideologia circa l'inclusione, in questo contesto che dice una scuola di accessibilità, ma che le infrastrutture lascia molto a desiderare, il ruolo di un professionista dell'educazione fisica, che progetta l'incomprensibile nell'utopia ed è accessibile come una realtà. Da questo, molte persone iniziarono a riferirsi a integrazione scolastica e la formazione speciale come sinonimi concetti, comprendere che l'educazione inclusiva nacque a giustificare l'inclusione degli studenti di educazione speciale nelle classi di istruzione regolare. (BREITENBACH; HONNEF; COSTA, 2016) (18)

La dichiarazione di Salamanca (1994) prevede una classifica delle azioni che favoriscono i rinvii di istruzione con enfasi sull'integrazione scolastica. (BREITENBACH; HONNEF; INDIETRO, 2016) (18)

Dopo aver modificato la dichiarazione di Salamanca utilizza il termine educazione speciale e secondo, BREITENBACH; HONNEF; Indietro (2016) (18) indicano che questo cambiamento alla fine indurre la comprensione e interpretazione degli studenti con bisogni educativi speciali sono quelli tradizionalmente identificato come studenti di educazione speciale, quando, infatti, che la dichiarazione è molto più ampia se si considera come gli studenti con educativi speciali esigenze. "Molti bambini incontrano difficoltà di apprendimento e hanno, pertanto, educativi speciali ha bisogno ad un certo punto nella loro scuola." (BREITENBACH; HONNEF; INDIETRO, 2016) (18)

[…] bambini con disabilità e bambini bem-dotadas; i bambini che vivono per le strade e lavoro; bambini di popoli lontani o nomadi; bambini di minoranze culturale, etniche o linguistiche e bambini di altri gruppi o settori svantaggiati ed emarginati. […] Nel contesto di questa linea di azione, il termine 'educazione speciale' si riferisce a tutti i bambini e i giovani cui esigenze derivanti dalla loro capacità o le loro difficoltà di apprendimento. (BRASILE, 2007) (24)

Educazione fisica è diventato una disciplina estremamente inclusiva, anche la disciplina stessa ha subito un processo di integrazione, dove fu messo in dubbio la capacità di questa disciplina dal momento che è una pratica che può essere somministrata sia per uomini che per donne, "{…} Attualmente le lezioni di educazione fisica non è più legalmente sono separati per sesso, che, lungi dall'essere pacifica, ha avuto luogo nei primi anni del 1990. (UCHOGA; ALTMANN, 2016) (25)

L'interesse primario dell'educazione inclusiva di fisica è quello di formare cittadini nel suo complesso senza distinzione di sesso, razza, cultura, politica e la capacità, come pensiero critico cittadino possa esercitare la cittadinanza costantemente attento e così capire che eleggere la cittadinanza come asse guida significa comprendere che l'educazione fisica a scuola è responsabile per la formazione degli studenti per poter : un) partecipano ad attività corporee adottare atteggiamenti di reciproco rispetto, dignità e solidarietà; b) conoscere, amare, rispettare e godere della diversità delle manifestazioni della cultura del corpo; c) riconoscere come elemento integrante dell'ambiente, l'adozione di sane abitudini rispetto agli effetti sulla salute e sul miglioramento della salute pubblica; d) per incontrare la diversità dei modelli di salute, bellezza e prestazioni in diversi gruppi sociali, tra cui il loro inserimento all'interno della cultura in cui sono prodotti, analizzando criticamente gli standard diffusi dai media; e) richiedere, organizzare e interferire nello spazio in modo autonomo, nonché sostengono posizioni appropriate per promuovere attività corporee di svago (BRASILE, 1988) (21)

La capacità di promuovere lo sviluppo dello studente con o senza disabilità, tutti via, è compromessa dal fatto che l'accettazione dello studente, che a volte è positivo e a volte negativo, a seconda di un sacco di corpo immagine che il bambino porta con sé.

L'insegnante di educazione fisica, basata sulle discussioni che circondano immagine positiva del corpo e di resilienza, può contribuire ai vostri studenti-bambini o adolescenti, sono in grado non solo di sopportare le difficoltà, ma anche di fornire risorse per loro di lasciare il potere ad ogni situazione che potrebbe compromettere il suo sviluppo. (Neves; Hirata; Tavares, 2015) (26)

Cyrulnik (2004) rileva che tra questi esperimenti include quelli che possono emergere durante la pratica di attività fisica. L'attività fisica, diretto o non, può essere un mezzo per riprendere lo sviluppo dell'immagine del corpo, perché consente al soggetto di trovare posti di affetto, di nuove esperienze corporee che offrono la possibilità di ricostruire l'identità, nonostante le lacune. (CYRULNIK, 2004) (27)

L'identità aiuterà nella formazione dell'immagine del corpo dello studente permettendogli una riunione con la sua capacità di muoversi, come essi sostengono Neves; Hirata; Tavares (2015) l'insegnante di educazione fisica può essere un elemento differenziale tra un'attività di promotore dello sviluppo di identità corporea e uno che accoglie e perpetua il congelamento traumatico. Questo professionista deve capire che il movimento del corpo è coinvolto in express, più di molte parole, gli aspetti dell'esistenza. Mai un atto è vano, fatto a caso, ha sempre a che fare con la storia del soggetto e contenuto conscio e inconscio esprima la loro identità. Questa comprensione cognitiva non è, ma. (NEVES; HIRATA; Tavares, 2015) (26)

Questa mossa può essere semplice o complesso, lo studente insieme all'insegnante sentirete ciò che deve essere sviluppato, sarà come spostare il vostro corpo, l'acquisizione di una conoscenza che non ho avuto e che riproducono in altre situazioni l'apprendimento che è stato promosso.

L'insegnante di educazione fisica può essere un elemento differenziale tra un'attività di promotore dello sviluppo di identità corporea e uno che accoglie e perpetua il congelamento traumatico. Questo professionista deve capire che il movimento del corpo è coinvolto in express, più di molte parole, gli aspetti dell'esistenza. Mai un atto è vano, fatto a caso, ha sempre a che fare con la storia del soggetto e contenuto conscio e inconscio esprima la loro identità. Questa comprensione cognitiva non è, ma. (Neves; Hirata; Tavares 2015) (26)

Ma per garantire la partecipazione degli studenti con bisogni speciali in lezioni di educazione fisica dipenderà come il commerciante disegna le sue attività e come egli conduce. Per Nekka; et al., (2016) "la disabilità non è impedimento per il vostro teen praticare qualsiasi attività o sport in classe, essendo necessario che entrambi gli insegnanti come colleghi offrono opportunità per l'inclusione." (NEKKA; et al 2016) (28)

2. INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON LA IDROCEFALIA

Attualmente l'educazione fisica professionale lavora attivamente e direttamente con gli alunni con bisogni educativi speciali, comunemente osservato la crescita degli studenti con la idrocefalia.

L'idrocefalo si verifica quando il fluido spinale non può circolare normalmente provocando l'aumento della scatola cranica. Questo liquido si accumula nel cervello e, se non controllato, può portare alla comparsa di gravi conseguenze che causano problemi visivi, uditivi in sviluppo motorio, funzione conoscitiva e gli arti inferiori e superiori (Assisi; Martinez, 2011) (29)

Idrocefalia configura una grave patologia nell'ambito medico, sia in ambito sociale, come si richiede l'intervento del team multiprofessionale pronti e amparo configurato anche la famiglia in una patologia che può avere complicazioni importanti. (SHAH; et al., 2012) (30)

Con l'avanzamento del trattamento e sintomo controllo professionale di educazione fisica deve conoscere la specificità di ogni studente particolare e contribuire a promuovere lo sviluppo dello studente all'interno delle classi di educazione fisica e nel caso lo studente con la idrocefalia non è diversa, secondo Borges e Palma (2007) osserva che "perché è una piccola popolazione studiata nell'area dell'educazione fisica segnalava la necessità di avere gli stessi strumenti di valutazione, per poter avere maggiore fiducia nei risultati nel lavoro con questi studenti." (BORGES e PALMA, 2007) (31)

Queste conoscenze della idrocefalia può servire come supporto alla formazione professionale fisico durante la pianificazione e l'implementazione di oggettivamente e classi quando necessario valutare questo studente e secondo Soler (2002) l'insegnante identifica le esigenze e le capacità di ogni studente e migliora l'autonomia di ogni studente. (SOLER, 2002) (32)

Dopo individuando il potenziale dello studente con il professore di idrocefalia dovrebbe che altri studenti possono partecipare a scuola sim, lavorando in modo indiretto con delicatezza, senza spese e così piacevole. Di darido (2004) sottolinea che l'insegnante ha come obiettivo la ricerca di autonomia, cioè, lo studente deve ottenere la pratica di attività fisica anche dopo la scuola, come una forma di piacere. (Da DARIDO, 2004) (33)

educazione fisica 2,1 professionale difficoltà durante il processo di inclusione dello studente con la idrocefalia

Gli insegnanti non concordano con i tuoi studenti, solo poca varietà di contenuti, a causa delle difficoltà che devono affrontare a scoprire quali attività Ministro.

In alcuni casi, questo alla fine si trasformano in classi di assistemáticas in cui lo studente sceglie ciò che vuole fare. Questo modello è talvolta chiamato il "ingegnere", anche se il nome non è appropriato. (GASPARI, et al., 2006, p. 111 apud di DARIDO, 1997) (34)

In questo caso cosa devo pensare, il professionista dell'educazione fisica è quello di aumentare il vostro spazio con voglia di lavorare e raggiungere i loro obiettivi per lo studente, aumentando i propri orizzonti riscoprire e riutilizzare il loro potenziale.

[…] l'inclusione limitata di professionisti del design e la predominanza di valori inclusivi basati sull'accettazione della differenza, senza considerare le possibilità di apprendimento degli studenti con sviluppo atipico, risultato in contraddizioni che creano barriere allo sviluppo del lavoro pedagogico in una prospettiva inclusiva (Santi; MARTINÉZ, 2016) (14)

Tale educazione inclusiva dal punto di vista Frug (2001), crede nella formazione di un insegnante per conoscere studenti di lavorare con o senza disabilità, modificando e adattando contenuti, utilizzando strategie che meglio soddisfa le esigenze specifiche di ogni studente. (FRUG, 2001) (35)

L'educatore fisico necessario promuovere lo studente con una classe ricreativa idrocefalia che cerca forma giocoso il loro sviluppo, mostrando una gamma di competenze, attraverso un processo di procedure, metodi e pratiche. "Tuttavia, la realizzazione di tutti questi aspetti anche dipende dal contesto in cui è questo professore" (G, 2002) (36)

Il partenariato con lo studente sostegno insegnante con bisogni speciali durante le lezioni di educazione fisica.

Uno degli aspetti fondamentali di tutto questo viene generato in quanto educazione inclusiva ha reso possibile, infatti, per l'educazione speciale professional ed educatore fisico a lavorare in un nuovo campo di lavoro: istruzione regolare. E che l'insegnante di educazione speciale può essere il partner più costante dell'insegnante della scuola regolare, insieme ad un professionista di educazione fisica. Tutti gli stessi obiettivi di targeting: la creazione di un'istruzione di qualità per tutti i soggetti nella scuola. (Da Darido, 2003) (37)

Le difficoltà dell'aggiunta dello studente con la idrocefalia non sono limitate solo per il mancato adempimento dei doveri dell'insegnante, ma anche a diversi fattori, che coinvolge la società, la famiglia e lo studente stesso. Società all'interno del contesto dell'istruzione inclusiva ha un ruolo importante nella pianificazione di professionisti di educazione fisica di scuola.

Idrocefalia determina per la famiglia e il bambino una situazione cronica che deve affacciava in quanto vi è la necessità di adattare e ottenere documenti soddisfano le esigenze risultanti. (ANDRADE; GISELLE; WERNET, 2009) (38)

CONSIDERAZIONI FINALI

Il processo di inclusione di scuola, uno studente con la idrocefalia propone al professionista di educazione fisica di un'opportunità di apprendimento, dove lo stesso si rende conto che per fornire un'istruzione di qualità è necessaria responsabilizzare e illuminare le loro difficoltà. Una volta fortificata questa formazione l'insegnante dovrebbe eliminare qualsiasi nozione preconcetta sullo studente con la idrocefalia e considera l'obiettivo della classe di educazione fisica. Sono uno studente all'interno delle classi di educazione fisica necessarie per rompere il paradigma che coinvolge disciplina, insegnante, famiglia e scuola.

Le leggi che coinvolgono l'inclusione di scuola sono sottoposti a continui adattamenti, che richiedono educazione fisica formazione professionale sono aggiornati per tenere il passo con lo studente durante la promozione dello sviluppo delle competenze motorie e cognitive. Attraverso il movimento, l'insegnante deve capire loro deficit educativo e integrare lo studente con la idrocefalia in una classe eterogenea.

L'obiettivo principale di questo studio basato su riferimenti teorici, era quello di osservare le difficoltà professionisti di educazione fisica e anche capire che la responsabilità non è solo l'inclusione di studente, scuola, insegnante, genitore o lo stato, ma di un insieme di azioni che coinvolgono tutti.

Studi con gli studenti con bisogni speciali, in particolare quelli legati alla idrocefalia, aiuta a rendere i lavori pubblici che facilitano le difficoltà questi insegnanti e convalida la sua iscrizione scuola proposta, corsi di formazione per un cittadino attivo e adattato alla regolare formazione.

RIFERIMENTI

FLETCHER, J. S.; SANTOS, J. H.; COSTA, profilo o. b. insegnanti di educazione fisica di formazione continua: modelli, metodi e contributi alla pratica pedagogica. Rivista di scienze sportive brasiliana, Porto Alegre, v. 37, n. 03 / set… 2015. Disponibile a: <http: www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S0101-32892015000300289&lang=pt">.</http:> Accesso a: 22 giu. 2016.

Di DARIDO, s. c. teoria, pratica e riflessione sulla formazione professionale in educazione fisica. Motivi, v. 1, n. 2, p. 124-128, 10. 1995. Disponibile in: < http://www.rc.unesp.br/ib/efisica/motriz/01n2/1_2_suraya.pdf=""> </>. Accesso a: 23 giu. 2016.

BETTI, I. C.; BETTI, m. nuove prospettive sulla formazione in educazione fisica. Motivi, Rio Claro, v. 2, n. 1, p. 10-15, giu. 1996. Disponibile presso: < http://www.ceap.br/material/MAT25102010165826.pdf >. Accesso a: 26 giu. 2016.

CUNHA, r. s. et al. Formazione iniziale degli insegnanti e le loro relazioni all'interno della scuola. Scienza & educazione (Bauru), Bauru, v. 22, n. set / 3… 2016. Disponibile in: < http://www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S1516-73132016000300585&lng=en&nrm=iso&tlng=pt"> </>. Accesso a: 27 giu. 2016.

GIANNOTTO, D. P. E.; DINIZ, r. e s. formazione iniziale degli insegnanti di biologia: la metodologia e mediata da computer di apprendimento collaborativo per la professione di insegnante. Scienza & educazione (Bauru), Bauru, Bauru, v. 16, n. 3, ott. 2009/ago. 2010. Disponibile in: < http://www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S1516-73132010000300009"> </>. Accesso a: 05 ago. 2016.

FIORINI, M. L. S.; MANZINI, E. J.. L'inclusione degli studenti con disabilità in classe di educazione fisica: individuando le difficoltà, azioni e contenuti per fornire la formazione degli insegnanti. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 20, n. set / 3… 2014. Disponibile a: <http: www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S1413-65382014000300006&lng=pt&tlng=en">.</http:> Accesso a: 05 set. 2016.

COSTA, c. r., MOREIRA, j. c. c., SAMUEL JR, strategie di insegnamento o. m. e risorse didattiche per l'insegnamento di studenti con ADHD in lezioni di educazione fisica. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 21, n. 01 gen/mar. 2015. Disponibile a: < >. Accesso a: 06 ott. 2016.

SHARMA, a. j. et al. L'inclusione dei bambini con disabilità e le sfide dei docenti nel trattare con esso. Fundação Visconde de Cairu. Salvador. 2011. Disponibile in:<http://www.cairu.br/revista/arquivos/artigos/></http://www.cairu.br/revista/arquivos/artigos/>
INCLUSAO_CRIANCAS_PORT_NEC_ESPECIAIS.pdf >. Accesso a: 06 ott. 2016.

DI DARIDO, S. C.; JUNIOR, o. S. per insegnare educazione fisica: possibilità di intervento nella scuola. Campinas: Papirus, 2007. 352p.

AGUIAR, S. J.; DUARTE, e. integrazione scolastica: uno studio nel campo dell'educazione fisica. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 11, n. 2, p. 223-240, 2005.

FLETCHER, J. S.; SANTOS, J. H.; COSTA, profilo o. b. insegnanti di educazione fisica di formazione continua: modelli, metodi e contributi alla pratica pedagogica. Giornale brasiliano di sport scienza, Porto Alegre, v. 37, n. 3,-lug / set. 2015. Disponibile presso: < http://www.scielo.br/scielo.php? = sci_arttext & pid di script = S0101-32892015000300289 & lng = it & nrm = iso & tlng = it # B15 >. Accesso a: 06 ott. 2016.

BARRETO, m. a. et al. La preparazione professionale di educazione fisica per l'inclusione degli studenti con disabilità. Podio Sport tempo libero e turismo Review, v. 2, n. 1, p. 152-167, 2013. Disponibile presso: < http://www.podiumreview.org.br/ojs/index.php/rgesporte/article/view/41/pdf_1 >. Accesso a: 06 ott. 2016.

RAO, D. (org.). Attività adattato a motore: la gioia del corpo. São Paulo: arti mediche, 2006.

PALMA, L. E.; Manta, s. w. studenti con disabilità fisiche: comprensione degli insegnanti di educazione fisica sull'accessibilità negli spazi di pratica per le classi. Istruzione, v. 35, n. 2, maggio / agosto. 2010

SANTOS, G. C. N.; MARTÍNEZ, R. M. Le sfide di soggettività e sociale dell'inclusione degli studenti con sviluppo atipico. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 22, n. 2, aprile/giugno. 2016. Disponibile a: <http: www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S1413-65382016000200253&lang=pt">.</http:> Accesso a: 21 lug. 2016.

Carlos Chagas Foundation, Fundação Victor Civita. Formazione continua dei docenti: un'analisi di metodi e pratiche in Stati e comuni. Relazione finale: giugno 2011. São Paulo: Fundação Victor Civita; 2011. Disponibile in: < http://fvc.org.br/pdf/apresentacao-formacao.pdf=""> . Accesso a: 21 lug. 2016.

MALIK, L.A.R. riflessioni sulla formazione degli insegnanti al fine di educazione inclusiva. In: MIRANDA, T.G.; FIGLIO DI GALVÃO, T.A. (Org.). Il professore e l'integrazione scolastica: formazione, pratiche e luoghi. Salvador: EDUFBA, 2012.

CHACON, j. f. l'inclusione in educazione fisica: costruzione di percorsi. 2005. 420F. Tesi di laurea (dottorato in educazione)-facoltà di educazione dell'Università di São Paulo, São Paulo, 2005. Disponibile in:<>. Accesso a: 06 ott. 2016.

BREITENBACH, F. V.; HONNEF, C.; INDIETRO, f. t. integrazione scolastica: le implicazioni delle traduzioni e interpretazioni della dichiarazione di Salamanca in Brasile. Analisi: valutazione e politiche pubbliche in formazione, Rio de Janeiro, v. 24, n. 91, gennaio/giugno. 2016. Disponibile a: <http: www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S0104-40362016000200359&lang=pt">.</http:> Accesso a: 28 ago. 2016.

BRANDÃO, Carlos Rodrigues. Che cosa è l'educazione. (33a Ed) SÃO PAULO: Brasiliense 1995.

Brasile. Linee guida e le basi per l'educazione nazionale. Regole sul capitolo 5 di educazione speciale. 1996.

Brasile. Presidente della Repubblica federativa del Brasile. Costituzione della Repubblica federativa del Brasile. Gazzetta ufficiale n. 191-A, 5 ottobre 1988.

Brasile. Ministero della pubblica istruzione. Linee guida nazionali per l'educazione speciale nell'istruzione di base. Dipartimento di educazione speciale, 2001. 79p.

MUSCATELLO, N. N.; Mendes, e. g. insegnante richiede derivanti dall'iscrizione scuola. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 21, n. 01, gen/mar. 2015. Disponibile in:< http://www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S1413-65382015000100009">. Accesso a: 05 set. 2016.

Brasile. Decreto ministeriale n. 555, 5 giugno 2007. Politica nazionale di educazione speciale nella prospettiva dell'integrazione scolastica. Esteso da ordinanza n. 948 del 9 ottobre 2007. Gazzetta ufficiale della Repubblica federativa del Brasile, Brasilia, DF, 2007.

UCHOGA, L. A. R.; ALTMANN, h. educazione fisica e le relazioni di genere: ci sono vari modi di partecipare e di rischio nei contenuti. Giornale brasiliano di sport scienza, Porto Alegre, v. 38, n. 2, aprile/giugno. 2016. Disponibile presso: < http://www.scielo.br/scielo.php? = sci_arttext & pid di script = S0101-32892016000200163 & lang = en >. Accesso a: 25 ago. 2016.

NEVES, A. N.; HIRATA, K. M.; TABI, m. c. g. c. f. immagine del corpo, il trauma e la resilienza: riflessioni sul ruolo di insegnante di educazione fisica. Scuola e psicologia dell'educazione, Maringá, v. 19, no. 1, gen/ABR. 2015. Disponibile presso: < http://www.scielo.br/pdf/pee/v19n1/2175-3539-pee-19-01-00097.pdf >. Accesso a: 06 ott. 2016.

Cyrulnik, b. (2004) i brutti anatroccoli. São Paulo: Martins Fontes.

NEKKA, m. f. p. et al. Educazione fisica: le percezioni degli studenti disabili. Giornale brasiliano di educazione speciale, Marília, v. 22, n. 1, gen/mar. 2016. Disponibile in:< http://www.scielo.br/scielo.php?pid="S1413-65382016000100111&script=sci_abstract&tlng=pt">. Letta: 07 set. 2016.

ASSIS, C. P.; MARTINEZ, C. M. S. L'inclusione di scuola degli studenti con le conseguenze di myelomeningocele. Contratto di terapia occupazionale UFSCar, São Carlos, v. 19, no. 3, jan/nov. 2011. Disponibile in:< file:///c:/users/fpm/appdata/local/temp/501-792-1-pb.pdf="">. Accesso a: set da 10. 2016.

SHAH, n. g. idrocefalia: rassegna di letteratura. Giornale di testi accademici, Brasile, v. 4, n. 6, 2012. Disponibile presso: < http://revista.universo.edu.br/index.php?journal=1reta2&page=article&op=viewArticle&path%5B%5D=567 >. Accesso a: 15 set. 2016.

BORGES, F. P.; PALMA, motore di l. e. valutazione degli studenti con la idrocefalia in attività fisica nel mezzo liquido e terra: una proposta. Efdeportes rivista digitale, Buenos Aires, v. 11, n. 105, Feb. 2011. Disponibile in:< http://www.efdeportes.com/efd105/avaliacao-motora-de-alunos-com-hidrocefalia.htm="">. Accesso a: 16 Sept. 2016.

SOLER, r., giocare e imparare in educazione fisica speciale. 2. São Paulo: Sprint, 2006. 180 p.

DI DARIDO, C. S. Educazione fisica nella scuola e il processo di formazione dei non praticanti di attività fisica. Rivista brasiliana di educazione fisica speciale, São Paulo, v. 18, n. 1, gen/mar. 2004. Disponibile in:< www.revistas.usp.br/rbefe/article/download/16551/18264="">. Accesso a: 20 insieme. 2016.

Da DARIDO, s. insegnanti di educazione fisica c.: avanza, opportunità e difficoltà. Gazzetta del Collegio brasiliano di scienza dello sport, v. 18, n. 2, p. 192-206, 1997.

FRUG, motore s. c. formazione in portatori di handicap: formazione di consapevolezza del proprio corpo. Londra: Plesso, 2001. 107 p.

GALVÃO, Z. educazione fisica. Rivista di Mackenzie di educazione fisica e sport, Sao Paulo, v. 1, n. 1, giu/set. 2002. Disponibile presso: < http://editorarevistas.mackenzie.br/index.php/remef/article/view/1350 >. Acceduto a sopra: 10 ott. 2016.

Da DARIDO, s. c. educazione fisica a scuola: problemi e idee. Rio de Janeiro: Casa editrice di Guanabara Koogan s.a., 2003. 120 p.

ANDRADE, B. M.; DUPAS, G.; WERNET, m. vivere con il bambino con l'idrocefalo. Rivista di scienza, cura e salute, São Paulo, v. 8, n. 3, lug/set. 2009. Disponibile presso: < http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:qNRlSdE7cB8J:periodicos.uem.br/ojs/index.php/CiencCuidSaude/
articolo/download/9044/5012 + & cd = 1 & hl en ct clnk & = & gl = br & client = firefox-b >. Accesso a: 15 ott. 2016.

[1] Studente del corso di educazione fisica da Faculdade Patos de Minas-FPM.

[2] Insegnante specialista in College Patos de Minas-FPM.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here