Disturbi del sonno e disturbi di apprendimento

0
307
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARAUJO, José Pereira de [1], MELO, Hugo Cristiano Soares [2]

ARAUJO, José Pereira de; MELO, Hugo Cristiano Soares. Disturbi del sonno e disturbi dell'apprendimento. Multidisciplinare Core conoscenza scientifica rivista, 01 anno, Vol. 10, PP. 102-113.  Novembre 2016. ISSN: 2448-0959

RIEPILOGO

L'argomento è rilevante per analizzare le cause e le conseguenze dello sleepiness di giorno in ambiente scolastico, particolarmente disordini si sono verificati durante il processo di insegnamento/apprendimento.  L'obiettivo con questo analizza il vostro rapporto con disturbi di apprendimento e turbe del sonno. Così abbiamo analizzato le cause e le conseguenze dello sleepiness di giorno in ambiente scolastico, il rapporto tra la narcolessia, ipersonnia e disturbi, come ad esempio il ruolo dell'educatore su queste situazioni in aula di apprendimento. Lo studio presente è stato condotto attraverso la rassegna letteraria di modo esplorativo e qualitativa. Sono state effettuate perquisizioni in libri, articoli scientifici, monografie, tesi di laurea, tesi, riviste e quotidiani. Egli ha sottolineato l'esistenza di vari disturbi del sonno, sottolineando fra loro narcolessia, come pure le sue cause, segni e sintomi e conseguenze apparenti. Così, per la formazione professionale è importante riconoscere questi segni, come questi possono essere presenti in aula e può indicare quali percorsi al trattamento.

Parole chiave: disturbi del sonno. Narcolessia. Disturbo di apprendimento.

INTRODUZIONE

Disturbi del sonno si verificano con maggiore frequenza e portano con sé conseguenze che richiedono una maggiore attenzione. Qualità del sonno, in generale, influenza direttamente le funzioni del cervello e di corpo. Secondo turco et.al (2011), la conoscenza di sonno e la scoperta dei suoi disturbi principali sono stati sviluppati principalmente dal 1950 da Aserinsky e Kleitman che differenziata movimenti oculari in lento e veloce.

"Attraverso il polisonnogramma, si può valutare l'alternanza di questi stati di sonno. La fase di movimenti oculari rapidi — il sonno di REM (RapidEyeMovement) — che è il sonno di sincronizzazione — si verifica circa 90 minuti dopo l'inizio di sonno, con fluttuazioni nella pressione sanguigna e frequenza cardiaca e riduzione del tono muscolare. Per mettere in scena N-REM del sonno, sonno sync, non mostra nessun movimento di occhio, accompagnato da rilassamento del muscolo e la predominanza del sistema nervoso autonomo parasimpatico. "(Turco et.al, 2011, p. 173)

Da allora in poi, sono stati descritti vari disturbi del sonno.  Secondo Reimão e Lemmi (1986) sonno apnea ostruttiva tipo (ASO) e la narcolessia sono considerati i disturbi del sonno principale.

Secondo Nunes e Bruni (2016) di apnea ostruttiva del sonno è causata dalla somma di diversi fattori, fra loro e, oltre ad anatomia neuromuscolare, naturalmente, di predisposizione genetica. Un altro fattore importante da menzionare è la relazione di apnea del sonno con l'obesità. "I dati recenti indicano che apnea ostruttiva del sonno negli adulti può essere influenzata da fattori genetici, legati alla distribuzione del grasso corpo e obesità, controllo muscolare del tratto respiratorio superiore, morfologia craniofacial (riduzione del mandibolare e le dimensioni delle vie aeree), controllo respiratorio e sonno. "(NUNES e BRUNI, 2016, pag. 4)

La narcolessia è un disturbo del sonno, in quanto anche se la persona ha dormito tutta la notte avrà un'intensa sonnolenza diurna. Come ha scritto Varela (2011), portatori di sonno narcolessia lento passo salto ed entrare direttamente in sonno REM (Rapid eye Movement o RapidEyeMovement), in cui gli occhi si muovono e il cervello è in costante attività, così queste persone non possono riposo come gli altri.

Secondo Nunes e Bruni (2016) nel 1877, Westphal segnalati per la narcolessia prima tempo, quasi un secolo dopo che è stato segnalato l'associazione tra antigene umano del leucocita (HLA) DR2 e narcolessia. Nel 1999, è stato collegato un secondo gene a narcolessia: orexina (ipocretina), localizzato sul cromosoma 12. In pazienti narcolettici c'è una carenza nell'associazione hipocretinas. "Poiché l'ipocretina solitamente partecipa al mantenimento della Veglia, la perdita di neuroni che questo peptide potrebbe consentire il rilascio sonno REM si verificano in qualsiasi momento e determinare gli attacchi di catalépticos" (NUNES e BRUNI.2016, pag. 3)

Secondo l'autore suddetto, l'ipotesi più probabile è che i fattori ambientali portano a un processo autoimmune che raggiungono i neuroni ipocretina. "La mutazione sul cromosoma 6 HLA possa aumentare la suscettibilità dei neuroni che contengono attacchi immuni ipocretina. "(NUNES e BRUNI.2016, pag. 3)

Secondo Mathew (2011) spiccano come sintomi principali della cataplessia disordine (improvvisa riduzione o perdita del tono muscolare, senza perdita di coscienza), paralisi del sonno (difficoltà a muoversi presto ad addormentarsi o svegliarsi) e allucinazioni Hypnagogic o hipnopômpicas (immagini oniriche che invadono il tuo stato di Veglia). Essa afferma inoltre che Guilleminault, aggiunto come nuovo sintomo all'obesità narcolettici.

Secondo l'autore sopra, ICSD (classificazione internazionale classificazione del sonno disturbi-internazionale dei disturbi del sonno), ordinati per la narcolessia in quattro sottotipi: narcolessia con cataplessia; Narcolessia senza cataplessia; A causa di narcolessia narcolessia non precisata condizione medica. Narcolessia senza cataplessia è caratterizzata da eccessiva sonnolenza è alleviata generalmente da sonnellini durante il giorno, mentre il sonno notturno è normale o moderatamente disturbato. La narcolessia grazie alla condizione medica è la coesistenza di un disturbo medico o neurologico, quali tumori o ipotalamo sarcoidosi, più placche sclerotiche dall'ipotalamo e altre condizioni. Nella narcolessia diagnosi non specificata viene utilizzata temporaneamente quando il paziente soddisfa i criteri clinici e test di sonno più latenze (TLMS) per la narcolessia.

Secondo l'autore sopra citata narcolessia con cataplessia ha come sintomo fondamentale per diagnosticare la perdita di tono muscolare su entrambi i lati, che possono variare in frequenza, predefinito e gravità. La maggior parte del tempo questo sintomo è direttamente collegato a forti emozioni, come per esempio, sorprese e crisi di risate. Catapléticos attacchi possono verificarsi solo ad alcuni dei gruppi muscolari o influenzare tutti allo stesso tempo, che può durare pochi minuti o anche 1 ora a seconda della gravità del caso. Mentre alcuni pazienti riferiscono offuscamento della vista, ma la coscienza è mantenuto. Vuoti di memoria sono tra le più frequenti denunce pós-transtorno, questi possono essere correlati a rapidamente la transizione sonno REM. È anche noto tale occorrenza di forti emozioni possono causare epidemie catapléticos ripetuto più e più volte. "Molto intense emozioni possono portare a successivi episodi di cataplessia, denominato"cataplecticus", lo stato di avvenimento molto raro. "(MATHEW.2011, pagina 5)

Secondo Reimão e Lemmi (1986) i due disordini di cui sopra possono essere facilmente confusi quando prendendo in considerazione i sintomi clinici, che richiedono, pertanto, di due test per la diagnosi: test di latenza multipla sonno (TLMS) e polisonnografia durante tutta la notte.

Altri disturbi del sonno che spesso colpisce i bambini e gli adolescenti di età scolare, secondo Nunes e Bruni (2016), è la sindrome di ritardo di fase (SAFS), sviluppata da due geni coinvolti nei disturbi circadiani. La SAFS è caratterizzata principalmente dall'inizio della funzione Sleep e ritardo e difficoltà di svegliarsi la mattina, che rispetto al convenzionale considerato queste azioni volte.  "I pazienti tipici solitamente non si addormentano prima le 02:00 del mattino e non svegliarsi prima delle 10 12:00, nonostante l'architettura di sonno possono essere considerate normali. "(NUNES e BRUNI, 2016, pag. 3). Report di pazienti che, in genere, sono più assonnato al mattino e più sveglio di notte. "Quando il paziente è costretto ad alzarsi presto a causa di impegni scolastici, il risultato può essere l'insufficienza cronica di sonno e di eccessiva sonnolenza diurna. "(NUNES e BRUNI.2016, pag. 4)

DISTURBI DEL SONNO E NARCOLESSIA DIAGNOSI CORRELATE

È possibile definire come disordine di sonno tutte le modifiche che si verificano mentre il soggetto dorme. Tra questi cambiamenti possiamo evidenziare l'insonnia, ipersonnia, sonnambulismo, incubi notturni e incubi, disturbi e, naturalmente, della narcolessia.

Secondo Nunes (2002) l'insonnia è la difficoltà ad iniziare il sonno, soprattutto di notte e può influenzare dal neonati fino ad adolescenti. Le cause più comuni di insonnia nelle scuole includono cambiamenti emotivi, come depressione e schizofrenia, l'ansia e la pressione della famiglia nelle fasi preparatorie degli adolescenti, la paura e gli incubi nei bambini e malattie croniche acute per quanto entrambe le fasi.  Tra le malattie che causano l'insonnia può evidenziare infiammazione nell'orecchio e gola, febbre, malattia da reflusso acido e cambiamenti respiratori.  Per la diagnosi di insonnia utilizza una storia giorno reporting, fornito di routine prima di coricarsi, notte d'alimentazione, paure e disturbi emotivi. Poi conduce un esame fisico per aiutare nella diagnosi.

L'ipersonnia, eccessiva sonnolenza diurna aka (SED) è definito da Giorelli et. Al (2012) come la mancanza di capacità di stare all'erta durante il giorno, sedo incapace per stare svegli e avere momenti di attacchi di sonno improvviso. I livelli di gravità di ipersonnia sono variabili e vanno da momentanee distrazioni durante tutta la giornata fino a vuoti di sonno incontrollabile. Tra le cause principali di SED possono evidenziare cambiamenti neurologici e psichiatrici, salute generale, gli effetti della droga, la solita ora di svegliarsi e naturalmente la qualità del sonno e la quantità. La diagnosi deve essere eseguita per anamnesi e un esame fisico dettagliato, prendendo in considerazione la pressione sanguigna e cambiamenti come l'obesità. Poco dopo tre esami specifici è di aiuto nella diagnosi e nella manutenzione di test West Veglia (TMV), polisonnografia (PSG) e il test delle latenze multiple di sonno (TLMS).

Il sonnambulismo secondo Varella (2014) è costituito da un tipo di parasomnia, caratterizzato dal movimento di camminare e di svolgere attività come parte del cervello questo addormentato. Di solito i portatori di sonnambulismo non ricordo quello che è successo quando è sveglio e non sembrano essere stanchi o assonnati. Mentre vagano in genere eseguire attività di routine come piegare i vestiti del letto, andare in cucina a mangiare o bere un bicchiere d'acqua e anche andare in bagno. In alcuni casi, aprire porte e finestre mentre si cammina attraverso la casa, ma raramente andare per la strada.  Sonnambulismo non ha cause specifiche, è noto solo che ha una predilezione per i maschi e si verifica anche da fattore genetico (parecchie dimostrazioni della famiglia). Alcuni fattori possono predisporre allo sviluppo del disturbo, quali affaticamento e stress elevato, cambiamenti respiratori, febbre alta, disturbi psichiatrici e farmaci che causano cambiamenti nel sonno. La diagnosi deve essere eseguita una storia dettagliata con il paziente e chi vive con giorno dopo giorno e quindi specifici esami quali la polisonnografia (PSG) e l'EEG.

Il terrore di notte secondo Abreu e innocenti (2005) è più comune nei bambini e di solito accade nella fase di sonno più profonda. Hanno come principali caratteristiche il bambino si sveglia nel mezzo della notte estremamente spaventato e pallido, sudorazione eccessiva e tornare a dormire allora. Proprio come il disturbo di sonnambulismo vettore in genere non ricordo niente che è accaduto a svegliarsi.

I disordini degli incubi possono essere definiti secondo Adhikari (2010) come i sogni che portano terrore e paura estrema, che conduce ad un senso di profonda angoscia fino al vostro risveglio di vettore. Si verifica durante il sonno REM. Tra le cause principali includono febbre alta, reazioni a farmaci, alcol o droga ritiro, ansia o stress, uso eccessivo di farmaci e soporifera alti livelli di stress post-traumatico causato da incidenti, inconvenienti o anche dal passaggio di un amico o un parente di recente.

Secondo Rodrigues (2012) ogni 100.000 persone a 50 25 soffre di narcolessia.  Secondo Alóe et. Al (2010) da 15 a 50 persone che ogni 100.000 sono diagnosticati con la stessa condizione.

Secondo l'autore di cui sopra sarà narcolessia predisposizione può direttamente correlata a fattori ambientali e genetici.

"Il rischio di un primo grado relativo di un paziente diagnosi di narcolessia è 10 a 40 volte maggiore rispetto alla popolazione generale. La frequenza di narcolessia-cataplessia in parenti di primo grado è 2,90 al 3,20%. La concordanza in gemelli monozygotic per la narcolessia con cataplessia varia tra 25-31%. "(ALÓE et.al. 2010. p. 295).

Prima di eseguire i test specifici per la diagnosi deve essere osservato sintomi caratteristici per ogni disturbo del sonno. La pentade dei sintomi è essenziale per la diagnosi di narcolepsy e ai tuoi altre differenziazione di disordini di sonno. Alóe et.al (2010) Stati che questo pentade è composto da due sintomi principali tre sintomi accessori, questi essendo rispettivamente eccessiva sonnolenza (SE) e cataplessia, paralisi del sonno, allucinazioni ipnagogiche e notte frammentato.  L'autore afferma anche che oltre il 90% degli elementi portanti ha come sintomo iniziale che può essere percepita in modi diversi, che vanno da attacchi di sonno durante il giorno fino a sonolências.

"Sonnolenza, costante o variabile intensità e durata da uno a diverse ore, attacchi di sonno irresistibile, nonostante il tentativo di rimanere sveglio, sonnellini per alleviare la sonnolenza per fino a un paio d'ore in adulti, più sonnellini a durante il periodo di Veglia, sonnolenza sollievo fornito da Pan riflette il grado di intensità della sonnolenza e hanno valore per la diagnosi differenziale, la sonnolenza può esprimersi come fluttuazione del livello di attenzione e concentrazione." (ALÓE et.al. 2010. p. 295)

Per completare i sintomi principali abbiamo ancora un'altra modifica chiamata cataplessia. Coelho et. Al. (2007) gli Stati che acataplexia sono presenti in circa il 70% dei casi di narcolessia. Questo è caratterizzato da improvvisa perdita del tono muscolare, ma con mantenimento della coscienza e di solito si verifica dopo forti emozioni, se positivo o non, senza cambiamenti nella respirazione e con finitura improvvisa.

Che compongono la triade dei sintomi che abbiamo accessori sonno frammentato, che secondo l'autore sopra consiste di svegliarsi più volte durante la notte e a causa di questo sonno perde qualità. Oltre a precedentemente descritte caratteristiche Alóe et. Al. (2010) aggiunge che, durante il sonno, c'è un movimento eccessivo, che aiuta a diminuire la qualità. Paralisi del sonno si caratterizza per il paziente di svegliarsi fino non hanno possibilità di muoversi, mentre la coscienza è mantenuta. Così come gli episodi di cataplessia, paralisi del sonno dispone anche di fine improvvisa. "Può essere accompagnata da una sensazione di incapacità di respirare e allucinazioni varie fino al 50% dei casi, dura da 1 a 10 minuti (con una media di 2 minuti), termina bruscamente dopo sforzo mentale o da qualche stimolo sensoriale esterno. "(ALÓE et. Al. p. 296, 2010)

L'ultimo dei sintomi della triade, le allucinazioni ipnagogiche-hiponopômpicas (OH), secondo l'autore di cui sopra sono "oniriche esperienze che si verificano nelle transizioni sonno o sonno-veglia, rispettivamente", cioè una sorta di sogno confonde con la realtà.

"Che si verificano nel 20-65% del narcolettico. Sono solitamente visive, somatossensoriais (sensazione di essere "fuori dal corpo"), ma sono anche descritte forme di udito, o vestibolare multi-sensoriale. Le allucinazioni possono accompagnare o seguire gli attacchi di cataplessia e sonno paralisi. Hipnagógicasaterrorizantes allucinazioni si presentano in circa 4-8% di narcolettici "(ALÓE et. Al. p. 296, 2010)

Dopo aver osservato tutti questi sintomi uno dei metodi per valutare la sonnolenza diurna, secondo Cheema et. Al. (2007) è attraverso la sonnolenza di Epworth scala di (ESE).

"È una routine situazioni in cui il paziente otto laureati da 0 a 3 possibilità di sonno (0: nessuna possibilità di dormire; 3: totale possibilità di sonno). Sonnolenza è considerata eccessiva quando il punteggio è maggiore di 9 punti nel pomeriggio. "(Coelho et. Al. p. 135, 2007)

Secondo l'autore citato un altro metodo utilizzato nella diagnosi di disturbi del sonno sono gli studi elettrofisiologici, composti da polysomnography (PSG) e il test multipli per latenze di sonno (TML). "Sono indicati per tutti i pazienti con quello senza prova di altri sintomi durante il sonno, come il russare e soffocamento, movimenti delle gambe, automatismi, tra gli altri. "(Coelho et. Al. p. 135, 2007).

Per Alóe et. Di conseguenza, deve recare al (2010) di essere diagnosticata narcolessia PSG

"Efficienza del normale dormire nei pazienti più giovani e possono essere ridotti nella gente con tempo più clinica; Latenza del sonno NREM sotto 10 minuti; riduzione della latenza di sonno di REM sotto 70 minuti; aumento del numero di micro risvegli; aumentare delle transizioni tra le fasi del sonno e la veglia; aumento del tempo sveglio dopo l'inizio del sonno. "(ALÓE et. Al. p. 299-300, 2010)

TLMS già deve presentare come risultato "A dormire latenza 8 minuti o meno, con la presenza di due o più episodi di REM sonno" (ALÓE et. Al. p. 300, 2010)

Inoltre è importante sottolineare che si dovrebbe prestare attenzione ai criteri di esame precedente per evitare falsi positivi. "Rimuovere soppressori di sonno REM, agenti come antidepressivi (triciclici, inibitori del monomio-ossidasi, inibitori della scherma di Monomanie ecc.) e stimolanti del SNC. Questi farmaci devono essere sospesa per un periodo di 14 giorni prima degli esami (nel caso di fluoxetine, sei settimane); ritirare i sedativi, ipnotici e antistaminici almeno una settimana prima delle prove; stimolanti, come caffeina e nicotina dovrebbero essere ridotto o eliminati nella settimana dell'esame; mantenere orari regolari e almeno 6 ore di sonno a notte per dormire e svegliarsi nelle due settimane prima dell'esame. "(ALÓE et. Al p. 299, 2010).

TRATTAMENTO PER DISTURBI DEL SONNO E DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Il trattamento per disturbi del sonno nella maggior parte di solito eseguita con monitoraggio psicologico e l'uso di farmaci. Secondo Alóe et al (2010) trattamento per la narcolessia controlla l'eccessiva sonnolenza e assiste il portatore della dispersione di riadattare alle loro attività.  Attualmente in segue Brasile brasiliani orientamenti per il trattamento della narcolessia, si tratta di misure di igiene del sonno, Pan, misure sociali, sostegno psicologico e, naturalmente, del trattamento farmacologico. Secondo le linee guida che del trattamento farmacologico di eccessiva sonnolenza avviene utilizzando gli stimolanti del sistema nervoso centrale, che conducono ad una riduzione della sonnolenza.

Secondo Rovere et al (2006) una delle principali difficoltà per portatori della narcolessia è il fatto di attività di routine, quali lo studio o addirittura guidare e usare macchinari, soggiorno impegnata. Possiamo provare questo dagli incidenti di traffico che coinvolge Indice narcolettici essere circa sei volte maggiore.

Per turco et al (2011) tra i principali problemi causati a causa di disturbi del sonno in età scolare è la difficoltà di concentrazione e attenzione, con conseguente difficoltà di apprendimento. Un altro grosso problema è che la maggior parte delle volte la diagnosi è tardiva o erronea, poiché a causa della scarsa qualità del sonno, il portatore della scuola disturbi si arrabbia e soffre costantemente, sbalzi d'umore questi sintomi essere associati con la diagnosi come la depressione o iperattività può causare difficoltà di apprendimento.

RIFERIMENTI

ABREU, Geraldo, Magno Alves; INNOCENTI, Nancy Juliet. SONNO O TERRORI NOTTURNI: UN'INTESA PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DELLA VITA. Rivista Univap, São José dos Campos, v. 23, n. 12, p. 488-491, Oct. 2005.

AGMONT, Giuliano. L'importanza del sonno nell'apprendimento. 2015. Disponibile a: <http: educarparacrescer.abril.com.br/comportamento/onde-estou-mesmo-598945.shtml="">.</http:> Accesso a: 21 mar. 2016.

ALÓE, Flávio et al. Brasiliane linee guida per la diagnosi di narcolessia. Brazilian Journal of Psychiatry, São Paulo, v. 32, n. 3, p. 293-304, impostate. 2010. http://www.scielo.br/pdf/rbp/v32n3/16.pdf

ALÓE, Flávio et al. Brasiliane linee guida per il trattamento della narcolessia. Brazilian Journal of Psychiatry, São Paulo, v. 32, n. 3, p. 305-314, impostate. 2010. http://www.scielo.br/pdf/rbp/v32n3/aop1410.pdf

ANDRADE, Marcelo Jorge de Souza Leão. Incubi. 2010. Disponibile a: <http: disturbiosdosono.net/pesadelos.shtml="">.</http:> Accesso a: 21 ago. 2016.

Coelho, Fernando Maximus Santos et al. Narcolessia. Giornale di clinica psichiatria, São Paulo, v. 3, n. 34, p. 133-138, jan. 2007. https://Drive.Google.com/file/d/0B26E8VoyyQkbMzFvN1ZrNEVWSUk/View

GIORELLI, André s. et al. Eccessiva sonnolenza diurna: aspetti clinici, diagnostici e terapeutici. Giornale brasiliano di neurologia, Rio de Janeiro, v. 48, n. 3, p. 17-24, Sept. 2012. Trimestrali.

MATHUR, Lucena de Mirleny. Attenzione attenzione e memoria neuropsicologiche in pazienti con narcolessia. 2011. Disponibile in:<https://www.researchgate.net/publication/></https://www.researchgate.net/publication/>
273445508_Neuropsychological_assessment_of_attention_and
_ memory_in_narcoleptic_patients >.
Accesso a: 20 mar. 2016.

Nunes, Magda Lahorgue; BRUNI, Oliviero. La genetica dei disturbi del sonno nell'infanzia e nell'adolescenza. 2016. Disponibile a: <http: www.jped.com.br/conteudo/08­84­s27/port.asp="">.</http:> Accesso a: 18 Apr. 2016.

Nunes, Magda Lahorgue. Disturbi del sonno. Giornale di pediatria. Rio de Janeiro, p. 63-72. Aug. 2002.  http://www.scielo.br/pdf/JPEd/v78s1/v78n7a10.pdf

REIMÃO, Rubens; LEMMI, elio. NARCOLEFSIA E CONCOMITANTE DEL APNEA DI SONNO. Neuropsichiatria Vol. U, 1, marzo 1986, São Paulo, v. 44, n. 1, p. 73-77, mare. 1986.

RAO, Tiago Rafael Lima Gomes Pinto. Narcolessia: dalla diagnosi al trattamento. 2012. Disponibile a: <https: repositorio-aberto.up.pt/bitstream/10216/72426/2/80941.pdf="">.</https:> Accesso a: 20 ago. 2016.

ROVERE, Héloïse d. et al. Progressi nella qualità della vita in pazienti con narcolessia. Modifiche-salute psicologia, São Paulo, v. 14, n. 01, p. 74-78, jan. 2006. Ogni sei mesi.

TURCO, Matte Giovina et al. Disturbi del sonno e qualità della vita nei bambini e negli adolescenti obesi. 2011. Disponibile a: <https: www.researchgate.net/publication/236617042="">.</https:> Accesso a: 14 Apr. 2016.

TURCO, Matte Giovina et al. Disturbi del sonno e qualità della vita nei bambini e negli adolescenti obesi – rassegna di letteratura. Neurobiologia, Pernambuco, v. 74, n. 02, p. 171-180, Apr. 2011. Trimestrali.

Drauzio Varella. NARCOLESSIA. 2011. Disponibile a: <http: drauziovarella.com.br/letras/n/narcolepsia/="">.</http:> Accesso a: 21 mar. 2016.

 Drauzio Varella. SONNAMBULISMO. 2011. Disponibile a: <http: drauziovarella.com.br/letras/s/sonambulismo/="">.</http:> Accesso a: 20 ago. 2016.

[1]  Laurea in scienze biologiche presso l'Università Patos de Minas

[2] Professore di biochimica e genetica facoltà Patos de Minas. Dottorato in genetica e biochimica presso l'Universidade Federal de Uberlândia. [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here