Romeo e Giulietta in Cordel: Contributi all'alfabetizzazione

0
299
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

ROCHA, Artur Batista de Oliveira [1]

ROCHA, Artur Batista de Oliveira. Romeo e Giulietta in Cordel: Contributi all'alfabetizzazione. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 8. Anno 02, Vol. 05. pp 144-157, novembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

Lo studio della lingua portoghese cerca di affrontare discussioni teoriche e metodologiche contemporanee circa l'insegnamento e l'apprendimento della lingua madre che testo e testo generi come l'insegnamento e gli oggetti di apprendimento. Il giocoso è un bisogno umano, che fornisce l'interazione del bambino con l'ambiente in cui vivi, essere considerato come un mezzo di espressione e di apprendimento. Gli obiettivi erano di migliorare le espressioni orali e scritte degli studenti. Gli studenti riescono a superare le difficoltà nelle espressioni scritte e orali quando le attività scelte deve aver significato per loro, così la dichiarazione diventa più chiaro per essere capito quando si tratta di famiglia o così delle vostre situazioni quotidiane.

Parole chiave: giocosità, genere di testo, Cordel letteratura.

1. INTRODUZIONE

Una classe tradizionale, in cui l'insegnante è la fonte di conoscenza e studenti solo le navi da riempire senza fattori quali: la "sorpresa" per sorprendere gli studenti al fine di aumentare la loro attenzione e incoraggiare la loro partecipazione la scoperta di problem solving o di teoremi matematici. Un altro fattore che non è presente è affidabile, dovrebbe incoraggiare l'autostima dello studente a padroneggiare i concetti, le competenze, le risorse, le strategie per raggiungere il successo nel processo di apprendimento (BORIN, 2007).

Secondo Oliveira (1996) sulla base della teoria di sociointeracionismo Semenovitch Lev Vygotskij è un processo di insegnamento e di apprendimento che si attacca al processo educativo di una dimensione storica e sociale. E 'nel contesto sociale di appartenenza e gli scambi con simbolico anche con gli altri che l'individuo impara e costruisce rappresentazioni di se stessi e il mondo con cui interagisce. In questa concezione, le pratiche pedagogiche sono misurati dal rapporto tra le diverse parti interessate (insegnante-studente, studente-studente e altri), poiché l'apprendimento è focalizzato sui diversi modi in cui il soggetto impara, come interagisce con il suo ambiente culturale e sociale e come appropria dei beni culturali prodotti in esso. Per questo approccio si concretizzi nel contesto scolastico, scenario responsabile della trasposizione didattica, non c'è bisogno di definire i ruoli del docente (mediatore), lo studente (costruttore di conoscenza), attività (rally), errore (di riferimento per l'insegnante ridimensionare la pratica pedagogica) e valutazione (che fornisce informazioni per migliorare il processo educativo) del processo di insegnamento e di apprendimento.

Con la pubblicazione delle Linee Guida Nazionali Curriculum (1998) per l'istruzione primaria e il contributo di conoscenze utili per la produzione di conoscenza a scuola, provenienti da università e centri di

la ricerca, l'educazione lingua madre si è basata sullo studio dei generi. L'adozione del testo come unità di base e generi come l'insegnamento e l'apprendimento di oggetti fuori un'attività di ricerca rilevante e significativo, progettato per descrivere una notevole diversità di generi da testi eterogenei come esempi e fonte di riferimento del particolare genere (Kleiman , 2005).

Lo studio della lingua portoghese cerca di affrontare discussioni teoriche e metodologiche contemporanee circa l'insegnamento e l'apprendimento della lingua madre che testo e testo generi come l'insegnamento e gli oggetti di apprendimento. Lavorare con generi testuali presuppone l'analisi del testo e della parola di cui è il prodotto, così come una descrizione del linguaggio. Essa mira inoltre a "rispondere alle preoccupazioni socio-culturali nell'uso della lingua", "la lingua della transazione nella loro vita quotidiana in molti modi diversi" (Marcuschi, 2008).

Queste ipotesi richiedono il rispetto di insegnamento per la diversità e la ricerca della conoscenza che può generare, attraverso il testo dello studio, le nuove forme cognitive e comunicative, adeguata alle esigenze di interazione. Lo sviluppo di conoscenza della lingua dello studente non si fonda sull'unicità del settore tecnico dell'uso del linguaggio della legittimato dalla norma, ma soprattutto nella competenza performativa, vale a dire, per imparare ad usare la lingua in situazioni soggettive o oggettive che richiedono gradi di distanza e la riflessione sul contesto e lo stato di interlocutori (BRAIT e ROJO 2002, p.185).

La lingua è quindi un'attività umana, sociale e storico. interazioni umane, che si manifestano nelle diverse lingue (verbali e non verbali), mantenendo uno stretto rapporto con la lingua. A sua volta, "l'uso della lingua costituisce sotto forma di dichiarazioni (orali e scritte), calcestruzzo e unici, che emana da membri di una o un'altra sfera dell'attività umana" (Bachtin 1997, p.158). Le dichiarazioni sono prodotti di interazione verbale, assumendo sempre la presenza di un enunciatore (quella conversazione, scrittura) e un ricevitore (che ascolta, lettura). Sono sempre storicamente situati, cioè, si svolgono in un luogo specifico e in un momento particolare, ed è quindi unico e singolare. "Queste dichiarazioni, anche se individuale, sono in costante dialogo con dichiarazioni esistenti, con conseguente questo processo dialogico la miriade di generi discorsivi (brockart 1999, P69)." Gli obiettivi erano di migliorare le espressioni orali e scritte degli studenti.

2. ISTRUZIONE LUDIC

Il giocoso è un bisogno umano, che fornisce l'interazione del bambino con l'ambiente in cui vivi, essere considerato come un mezzo di espressione e di apprendimento. Le attività ricreative consentono l'inserimento di valori, lo sviluppo culturale, l'assimilazione di nuove conoscenze, lo sviluppo di abilità sociali e la creatività. Così, il bambino trova l'equilibrio tra il reale e l'immaginario e avere l'opportunità di sviluppare in modo piacevole (Pinto e TAVARES, 2010).

Come Kishimoto (1994), la giocosità è uno strumento per lo sviluppo del linguaggio e le immagini come mezzo di espressione delle qualità spontanei o naturali del bambino, un momento per osservare il bambino che esprime attraverso la loro natura psicologica e le sue inclinazioni. Ora, questo, per imparare i valori importanti, la socializzazione e l'interiorizzazione significativamente concetti. Giocoso in classe sembra essere una rielaborazione di spazio conoscenza empirica e realizzato con il gruppo o individualmente. Così, il bambino diventa protagonista della sua storia sociale, il tema della costruzione della loro identità, alla ricerca di un'autoaffermazione sociale, e continuando nelle loro azioni e atteggiamenti, che permette di svegliarsi da imparare.

attività di gioco garantiscono l'apprendimento significativo per i bambini con difficoltà di apprendimento, così come il piacere, la socializzazione, il rispetto, l'individualità. Per il bambino sarà di apprendimento al proprio ritmo, la creazione di ipotesi, la conclusione e la stesura delle sue regole. Colpire e dispersi dai propri errori e di tornare a colpire di nuovo. Così, il loro apprendimento sarà significativo e porterà un'esperienza di apprendimento che non potrà mai dimenticare (PINTO, TAVARES, 2010).

3. GENERE TESTUALE

Lavorare con i generi di testo sono forme relativamente stabili di dichiarazioni che consentono la comunicazione e l'azione nel mondo (Bachtin, 1997; Bronckart, 1999), rende possibile la spiegazione agli studenti che, nella vita di tutti i giorni, si verificano le interazioni verbali attraverso dichiarazioni che sono realizzate tenendo conto di alcuni vincoli di emissione, struttura compositiva e lo stile che è, in ogni genere. La trasposizione di questo concetto in aula è un passo molto importante, perché va oltre il concetto di insegnamento e di apprendimento che concepisce il linguaggio solo come un mezzo di comunicazione: parte dal presupposto che il linguaggio è un'attività discorsiva, situato storicamente , processo di interazione tra individui in un dato contesto (Bachtin, 1997).

Secondo Abreu-Tardelli (2003), insegnare un genere non è solo insegnare a comunicare, ma anche e soprattutto tutti gli agenti modulo di soggetti nel mondo e del mondo che lo trasformerà e che sarà anche trasformati da essa.

I generi sono vari come le sfere della vita sociale o

istituzionali (legale, religioso, politico, giornalistico, pubblicitario, letterario …) in cui si danno le pratiche che organizzano i discorsi (Marcuschi, 2008).

Lo sfruttamento di generi come oggetto di studio, è di importanza critica a considerare l'opera con la lettura, intesa come processo interattivo e complesso di costruzione di significato che coinvolge autore-text-reader. Questo è realizzato non solo sulla base di elementi linguistici di superficie del testo, la sua forma di organizzazione, ma anche con la mobilitazione di un insieme di conoscenze, l'esperienza e la conoscenza che il lettore porta la sua conoscenza del mondo (Koch e ELIAS 2007 ).

Nel insegnamento della lingua madre, la lettura non è un mezzo di conoscenza, ma piuttosto un contenuto da insegnato che richiede un lavoro sistematico e programmato come altri contenuti, considerando gli elementi che facilitano lo sviluppo della loro comprensione della lettura e favorendo la formazione soggetti che progressivamente lette indipendentemente. Pertanto, è importante per garantire l'accesso alla diversità dei generi (Marcuschi, 2008). A questo proposito, l'insegnante svolge un ruolo chiave nell'espansione del giocatore repertorio degli studenti, fornendo testi a cui non avrebbero accesso con altri mezzi. Per ottimizzare il tempo di insegnamento e per la lettura non essere relegato a una dimensione procedurale, che stabilisce le routine di lettura è fondamentale per la definizione di un tempo per la lettura nello sviluppo di classe con i generi precedentemente scelti dal docente (Kleiman, 2005).

In questa pratica, le strategie di lettura hanno lo scopo di aiutare la comprensione del lavoro e l'interpretazione dei testi, in modo che sia ancora più significativo. Così, come mostrato da autori come Solé (1998) e Koch e Elias (2007), la lettura deve essere valutato come uno strumento di apprendimento, l'accesso alle informazioni e il piacere.

4. Cap-book

Secondo Luyten (2007) di linea di letteratura è poesia arte considerato, narrazione stampati e venduti in libretti. È arrivato in Brasile nel XVIII secolo dai portoghesi, avendo forte la circolazione soprattutto nel Nord-Est del Brasile è la stringa di allevamento fienile.

Come Abreu (1999) nella letteratura stringa di vita Northeastern è l'ispirazione per la produzione di opuscoli. A differenza di altri prodotti letterari, la linea è venduta in strada, libero scambio, tra altri beni, o appeso al filo di corda, proprio da dove proviene il nome della linea, vale a dire la letteratura che si blocca nella stringa di essere offerto ai consumatori. Secondo Cavignac, (2006) i principali autori della letteratura opuscolo sono:

  • Apollonio Alves dos Santos: Opuscolo Autore "Maria Cara de Pau e il principe Gregoriano", uscito nel 1949, era un muratore e ha partecipato alla costruzione di Brasilia prima di vivere la sua poesia. Nato a Guarabira (PB), ha scritto circa 120 opuscoli, tra cui il famoso "Carioca parlare con il Pau-de-Arara".
  • Cieco Aderaldo: Il poeta popolare, nata a Crato, Ceará, era inspiradíssimo per la vita nei entroterra nord-est. Perdendo la vista in un incidente, scopre di avere un talento per la rima, è diventato noto cantante nella regione e ha vinto da un monumento in suo onore, che si trova in Quixadá, città Ceará.
  • Firmino Teixeira do Amaral: Celebre poeta piauense, Amaral è stato uno dei principali autori del Guajarina Publisher e uno dei creatori di uno stile peculiare della letteratura stringa, la scioglilingua. Autore "Peleja di Blind Aderaldo Ze Pretinho il Tucum" lettera che è stato successivamente registrato da Nara Leão e John Valley.
  • João Martins de Athayde: E 'stato l'editor principale della letteratura brasiliana di corda. Nato nel 1880 a Cipolla cascata, Paraíba, Athayde è stato commesso viaggiatore e padre di 25 bambini. A Recife, ha fatto un corso di infermieristica e poi acquistato il progetto che doveva essere il suo editore. In seguito, ha iniziato a scrivere le sue proprie opere, come "Serrador e Ram."

5. WILLIAM SHAKESPEARE

Secondo Ant (2016) di William Shakespeare è nato a Stratfor Upon Avon (Inghilterra), il 23 aprile 1554, è morto alla stessa data nel 1616, all'età di 52 anni. Nel 2016, la sua morte ha completato 400 anni.

Shakespeare è stato autore di 38 opere teatrali (tra storia, commedie e tragedie), come Amleto, Romeo e Giulietta, Otello, Macbeth, Sogno di una notte di mezza estate, Riccardo III, Re Lear, La bisbetica domata, La Tempesta, tra gli altri. Fuori dal palco, ha scritto 154 sonetti e una serie di altri poemi. Anche se queste storie sono state scritte secoli fa, sono ancora in corso e portare le questioni che fanno parte della realtà fino ad oggi (ANT, 2016).

Una delle opere più eseguite di Romeo di Shakespeare e Giulietta, la tragedia, realizzato tra il 1591 e il 1595, è significativo non solo per mettere a fuoco l'amore proibito tra due giovani in rinascimentale Verona, ma anche esporre l'ipocrisia e le convenzioni sociali, interessi economica e sete di potere, gli elementi che generano inevitabilmente l'intolleranza e condannano il nobile sentimento che scaturisce dal cuore di Romeo e Giulietta (Wataghin, 1996). Gli amanti sapere in una festa organizzata dal leader dei Capuleti, padre del giovane. Romeo, naturalmente, non è stato invitato, ma, credendo innamorato di Rosalina, una delle ragazze presenti all'evento, è nascosto sotto un abile travestimento e andare alla celebrazione. Una volta, però, si imbatte Giulietta, l'immagine di un'altra ragazza sparisce dal suo cuore, e ora c'è solo spazio per il giovane sconosciuto. Poco dopo i due scoprono di appartenere a famiglie che si odiano.

dramma di Shakespeare aveva numerose assemblee e versioni nel corso del tempo. La storia è stata anche recepita al cinema schermo. I due più noti sono le versioni di Franco Zeffirelli del 1968, interpretato da Leonard Whiting e Olivia Hussey; e Baz Luhrmann, del 1996, interpretato da Leonardo DiCaprio e Claire Danes, che sta accadendo nel mondo di oggi (ANT, 2016).

6. SVILUPPO

Lo studio è stato condotto da ottobre a dicembre 2016 per il corso di lingua portoghese ad un 4 ° livello di grado I in una scuola formazione di base nel comune di Cosmopolis.

La metodologia utilizzata per la sequenza di insegnamento è basata su

Dol e Schnewly (2004) con i passaggi descritti di seguito:

1) Cordell Letteratura: Da una mostra dialogica sono stati presentati letteratura stringa e le caratteristiche di questa classe come la stringa strumento viene visualizzata un'animazione cantato Il bandito (https://www.youtube.com/watch?v = & PXa3eYOh96I t = 103s). Poi una ruota conversazione è stata effettuata per verificare le conoscenze acquisite dagli studenti e anche per risolvere qualsiasi dubbio.

Nella seconda classe gli studenti hanno eseguito un testo in cui la produzione era di scrivere una poesia in una linea, raccontando una storia di loro scelta. Tuttavia nel terzo periodo la consegna delle attività corretto è stato effettuato e gli studenti ha fatto la riscrittura della poesia e guardare discuntindo errori osservati nella correzione.

2) Romeo e Giulietta (William Shakespeare lavoro): Dal espositivo dialogo sulla scrittore William Shakespeare e le sue opere maggiori. Poi gli studenti hanno condotto un sondaggio in doppio nel laboratorio di informatica sul lavoro Romeo e Giulietta e ha osservato i dati che ha attirato maggiormente l'attenzione.

Nella seconda classe a classe ogni squadra ha presentato i dati della ricerca che ha osservato e ha spiegato i fatti che hanno attirato l'attenzione nel lavoro.

3) Realizzazione della linea di libri: Dopo gli studenti ad acquisire conoscenze su: letteratura string (fase 1) e l'opera Romeo e Giulietta (fase 2). Gli studenti hanno lavorato in coppia per preparare la linea di libri in tre classi, in cui hanno scelto una storia da Romeo e Giulietta con le illustrazioni, come la linea del libro di Student M. G. e M (figure 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 e 8). Nel quarto periodo i libri sono stati corretti e consegnati agli studenti di eseguire le modifiche necessarie.

Figura 1 - Copertura
Figura 1 – Copertura
Figura 2 - Pagina 1
Figura 2 – Pagina 1
Figura 3 - Pagina 2
Figura 3 – Pagina 2
Figura 4 - Pagina 3
Figura 4 – Pagina 3
Figura 5 - Pagina 4
Figura 5 – Pagina 4
Figura 6 - Pagina 5
Figura 6 – Pagina 5
Figura 7 - Pagina 6
Figura 7 – Pagina 6
Figura 8 - Pagina 7
Figura 8 – Pagina 7

7. RISULTATI E DISCUSSIONE

Questa proposta pratica l'attività è osservato che gli studenti erano in grado di farlo più facilmente e quindi ha superato il blocco mentale che si verifica durante lo svolgimento di esercizi tradizionali di produzione del testo come evidenziato da Marcelino (2002). Tuttavia, per Mello et al. (2014) l'uso di attività ricreative è un grande strumento educativo sia per i giovani adulti e bambini, perché si rivela utile e fantasia, utilizzato dalla scienza dei fenomeni psicologici e comportamentali in alcuni test.

Nel output di testo valutazione diagnostica applicata è stata osservata la classe che gli studenti hanno superato la maggior parte delle difficoltà che coinvolgono mentale blocco, in paragrafi, ortografia, la coesione e la coerenza. Secondo Nunes (2004) l'apprendimento attraverso attività di applicazioni di gioco che in realtà sono utili per lo studente, è interessante, non perché ha bisogno di fare bene nella disciplina, ma perché l'interesse è stato suscitato. Tuttavia si deve capire che il tema dei fattori e dei fattori ambientali non agiscono separatamente, in quanto vi sono nell'ambiente in cui vive il bambino diversi motivi per appianare le difficoltà che, a prima vista, sembrano possedere il soggetto e c'è anche il soggetto diverse caratteristiche che propiziarsi l'influenza di questa o quella circostanza di mezzo a loro. Così, se le condizioni fisiche, neurologiche, cognitive o affettivi possono ostacolare l'apprendimento, non possiamo dimenticare che possono anche essere causati o accentuate dalla nell'ambiente del bambino. E il mezzo comprende non solo la famiglia, ma anche la scuola, la comunità, i costumi, le caratteristiche culturali che forniscono, o meno, pensare ed agire per se stessi, di sperimentare, rischiare di commettere errori, corretta, tornare a sbagliare senza paure e senza sensi di colpa (TEZANI, 2004).

E 'stato anche osservato un miglioramento significativo nella capacità di espressione orale degli studenti. Per Bachtin (1997) il significato della parola si riferisce alla realtà efficace nelle condizioni reali di comunicazione verbale. E 'per questo motivo che non solo comprendere il significato di una parola della lingua, ma anche di adottare nei suoi confronti un atteggiamento reattivo attiva (simpatia, accordo, disaccordo, stimolo per azione). L'intonazione espressiva non appartiene alla parola, ma la dichiarazione.

Pensieri finali

La maggior parte degli studenti non sapevano letteratura corda e queste attività hanno avuto un significativo guadagno culturale. Per Marine e Pinheiro (2012, p.3) "è importante che la linea della letteratura è percepita come una produzione culturale di alto valore e deve essere conosciuto, conservato e le esperienze di vita sempre più integrati."

Questa attività è stata osservata una maggiore interazione tra gli studenti e con l'insegnante. Secondo rock et al. (2016) la scuola e gli insegnanti sono anche mediatori importanti perché interpongono tra il bambino e il mondo sociale più ampio e sono responsabili di insegnare loro contenuti, rendendoli imparare, a sviluppare la loro intelligenza e affetto. La scuola opera con i nuovi materiali e gli oggetti di pensare, approfittando di (chi più, chi meno) le esperienze portate dal bambino. Come la famiglia, la scuola seleziona ciò che ritiene importante da imparare, filtri, rende un taglio e "prendere le redini" del processo di apprendimento dei loro studenti. Qualunque sia la metodologia utilizzata, una cosa è certa: la scuola è l'intervento, il cui obiettivo principale è il contenuto di apprendimento selezionato come importante per la vita futura del bambino nel mondo sociale che appartiene a.

Con l'applicazione di questa attività è stato rilevato un significativo miglioramento nella capacità di concentrazione, giudizio e ragionamento logico. Secondo Vygotskij (1989) le influenze giocosi lo sviluppo dello studente, insegnandogli come agire correttamente in una data situazione e stimolare il vostro giudizio. Tuttavia per Gesù (2007, p.10), "l'insegnante dovrebbe incoraggiare lo studente, creando conflitti e le contraddizioni attraverso domande o problemi o storie che li incoraggiano a pensare." Le attività scelte deve aver significato per loro, così la dichiarazione diventa più chiara da intendersi quando si parla di famiglia o così delle vostre situazioni quotidiane.

RIFERIMENTI

ABREU, M. Storie di spago e opuscoli. Campinas: Lettere mercato ALB 1999.

ABREU-Tardelli, L. S. Preparazione di sequenze didattiche: insegnamento e l'apprendimento di generi in inglese. Materiale didattico della lingua inglese: lo sviluppo e la valutazione nel secondo Congresso Internazionale tutte le lettere: Lingue, l'Università Presbiteriana Mackenzie, che si tiene dal 6 al 9 ottobre 2003.

Bachtin, M. I generi di discorso. In: Estetica della creazione verbale. Sao Paulo: Martins Fontes, 1997.

BORIN, J. Giochi e la soluzione dei problemi: una strategia per lezioni di matematica. 6.ed. Sao Paulo: IME-USP, 2007.

BRAIT, B.; ROJO, R. Generi: Wiles del testo e della parola. Linguaggi e codici Collection. Sao Paulo: Scuole Associate, 2002.

BRASILE. linee direttive del programma nazionale: il portoghese. Brasília: MEC, 1998.

Bronckart, J. Attività lingua, testi e discorsi: uno sociodiscursivo interazionismo. Sao Paulo: Educ 1999.

CAVIGNAC, J. La letteratura stringa nel nord-est del Brasile: storia scritta al rapporto orale. Natale: Editore di UFRN, 2006.

DOLZ, J:. Schneuwly B. Generi e la progressione scritta e orale espressione. Elementi di riflessione su un'esperienza svizzera (francese). In: "Generi orale e scritto a scuola." Campinas: Lettere di mercato; Del 2004.

ANT, M. Shakespeare, prosa e poesia. Nord-Est Magazine, numero di settembre, p.58, 2016.

Kleiman, A. Presentazione. In Dionisio, A. P.; Machado, A. R; Bezerra, M.A. (eds.). Genere e istruzione. 3. ed. Rio de Janeiro: Lucerna, 2005.

Kishimoto, I. M. Il gioco e l'educazione della prima infanzia. Sao Paulo: pionieristico 1994.

Koch, I. V.; ELIAS, M. E. leggere e comprendere: le istruzioni di testo. Sao Paulo: Contesto, 2007.

GESÙ, M.M. Il linguaggio matematico nell'educazione degli adulti (EJA). Brasilia: UCB, 2007. Lavori di completamento del corso (Laurea in Matematica) – Facoltà di Scienze della Formazione. Università Cattolica di Brasilia, Brasilia.

LUYTEN, che è Cordell J. letteratura. Sao Paulo: Brasiliense, 2007.

Macedo, L.; PASSI, N.C; Petty, A. giochi e apprendimento giocoso a scuola. Porto Alegre: Editora Cortez, 2005.

Marcellino animazione N.C. Istruzione. Campinas: Papirus 2002

Marcuschi, L. produzione A. testuale, l'analisi di genere e la comprensione. Sao Paulo: parabola editoriale, 2008.

SEA, A. C.; Pinheiro, H. Cordel nella vita scolastica quotidiana. Sao Paulo: Cortez 2012

Mello, R.O.; Hachmann, M. S.; SITNIEWSKI, V.C.; ALMACABÚRIO, D.F.S; Duarte, M.L..; Seganfredo, V.; SOUZA, I.M.V. La giocosità nell'insegnamento delle lingue portoghese nella serie finale. Unoesc & Scienza, v.5, n.2, p.181-190, 2014.

NUNES, A. R. C. S. A. Lúdico nella acquisizione della seconda lingua. (2004) Disponibile online all'indirizzo: <http://www.linguaestrangeira.pro.br/artigos_papers/ludico_linguas.htm>. Consultato il 15 feb 2017.

PINTO, C.L.; TAVARES, M. H. L'apprendimento ludico: l'apprendimento e l'apprendimento. rivista cattolica, v.2, n.3, p.226-235, 2010.

ROCK, M.F.J.; BITTAR, M.; LOPES, il professor R.E. scuola e la comunità mediatore: una pratica nella costruzione. Elettronica Journal of Education, V.10, n.3, p.341-353, 2016.

Schneuwly, J.; DOLZ, B. Generi orale e scritta a scuola. Campinas: Le lettere di mercato, 2004.

SOLÉ, strategie I. lettura. Porto Alegre: ArtMed 1998. Wataghin, L. (eds). Romeo e Giulietta e altri racconti rinascimentali. Traduzione Nilson Moulin. Rio de Janeiro: Imago, 1996.

TEZANI, C. T. Roberts. Il gioco ei processi di apprendimento e di sviluppo: aspetti cognitivi e affettivi. Del 2004. Disponibile all'indirizzo: <http://www.psicopedagogia.com.br/artigos/artigo.asp?entrID=621> Accesso: 10 febbraio 2017.

[1] Laurea in pedagogia ed esperto: l'alfabetizzazione e l'alfabetizzazione e la psicologia dell'educazione istituzionale.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here