Concezioni e percezioni degli studenti riguardo all’affidabilità delle notizie e delle notizie false

0
27
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SANTOS, Ygor Bernardes [1], SILVA, Ian Baruc Costa e [2], GONÇALVES, Eduardo Pontello Hass [3]

SANTOS, Ygor Bernardes. SILVA, Ian Baruc Costa e. GONÇALVES, Eduardo Pontello Hass. Concezioni e percezioni degli studenti riguardo all’affidabilità delle notizie e delle notizie false. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 09, Vol. 07, pp. 120-140. settembre 2020. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/affidabilita-delle-notizie

Questo lavoro è stato svolto per analizzare le concezioni di Scienza, Tecnologia e Società che gli studenti di una scuola statale di Belo Horizonte evocano quando analizzano l’attendibilità delle notizie. Per questo, abbiamo utilizzato una sequenza di insegnamento sviluppata dagli studenti di Pibid Physics presso UFMG sulla base di un curriculum STS, che è culminata in una giuria simulata. La sequenza si è basata sulla seguente domanda socio-scientifica: “una compagnia telefonica intende installare un’antenna vicino alla scuola”. Da lì, gli studenti, guidati sia dall’insegnante di fisica che dagli studenti Pibid, hanno studiato i concetti di radiazione e i suoi effetti sull’ambiente. Abbiamo analizzato le risposte fornite a una delle attività svolte durante quell’indagine.

Parole chiave: STS, fake News, insegnamento della fisica, questioni socio-scientifiche, radiazioni.

INTRODUZIONE

Le voci sono un fenomeno molto vecchio. Tuttavia, recentemente, con l’emergere di Internet, hanno nuovamente attirato l’attenzione di ricercatori come Müller e Souza (2018). Quando il processo di comunicazione era solo attraverso la lingua parlata, l’oralità consentiva modifiche che si propagavano in modi diversi in tempi e contesti diversi. Abbiamo osservato che la comunicazione umana ha un problema che sembra inerente ad essa, che è la difficoltà di garantire l’affidabilità delle informazioni trasmesse. Oggi, con l’avvento di Internet, l’accesso alle informazioni è diventato più dinamico, così come le questioni che implicano la veridicità delle informazioni trasmesse. Secondo Antunes, Sanches e Lopes (2019) alcuni problemi con le bugie su Internet evidenziano e rendono la navigazione di rete un grande compito, perché è possibile trovare un’enorme quantità di false verità, disinformazione e informazioni fuorvianti, nel loro articolo, gli autori discutono di interventi educativi che cercano di cambiare questa realtà, cercando in un modo di formare gli utenti consapevoli delle informazioni.

La rilevanza delle fallacie oggi può essere vista dalle discussioni sulle “Fake News” che hanno guadagnato terreno dopo la Brexit[4] e le elezioni Usa del 2016.Molti studi scientifici hanno proposto di comprendere e analizzare il fenomeno (GELFERT, 2018), il contesto in cui si svolgono le fake news (MARSHALL, 2017), i suoi impatti (ALLCOTT e GENTZKOW, 2017), oltre alla sua rilevanza (JANKOWSKI, 2018).

In Brasile, il termine Fake News è diventato più popolare durante le elezioni presidenziali del 2018. La pertinenza del tema e la discussione in questa sede sono osservate attraverso alcuni sforzi dello Stato brasiliano per affrontare la situazione. Esempi di questi sforzi sono l’istituzione di una commissione parlamentare mista d’inchiesta (CPMI); incoraggiare e diffondere documenti accademici come “Post-truth, fake news e processo elettorale”. (MERGULHÃO; MERGULHÃO JUNIOR; ALBUQUERQUE, 2018) dalla rivista del Tribunale elettorale regionale di Pernambuco e dal sito web della Corte Elettorale Superiore (TSE).

Altre evidenze teoriche indicano questioni che danno rilevanza alle fake news per noi insegnanti e ricercatori dell’istruzione. Müller e Souza (2018) portano i loro autori di riferimento che discutono di fake news, come Chen; Conroy e Rubin (2015) notano che la capacità di giudicare criticamente e valutare la qualità delle informazioni è un’abilità fondamentale, ma che manca in un ampio segmento della popolazione. O anche El Rayess et al. (2018), concludono quando fanno un sondaggio con gli studenti della Notre Dame-Louaize University (NDU) in Libano che gli studenti di solito non valutano e verificano la veridicità delle informazioni e osservano che non prestando attenzione alla veridicità delle informazioni possono diventare facili bersagli delle fake news, associando il fatto alla eccessiva fiducia nelle loro capacità di valutazione.

Più obiettivamente Müller e Souza (2018), parlano dell’importanza dell’insegnamento, secondo loro, secondo loro, i giovani dovrebbero aver bisogno di maggiore sostegno per estendere le capacità di esprimere un giudizio critico sulle fonti di informazione. Pertanto, secondo gli autori, l’alfabetizzazione informatica dovrebbe aiutare i giovani ad aumentare le loro capacità di giudicare l’informazione e le sue fonti.

Questi riferimenti sopra menzionati sono il ruolo di essere responsabili del confronto diretto e indiretto delle “Fake News”. Alla luce di ciò, una domanda sollevata era: l’insegnamento delle scienze può aiutare a far fronte a tribolazioni come le “Fake News”?

Poiché la Post-Verità è un fenomeno che non tocca solo le sfere politiche elettorali ma in tutti i contesti sociali in cui siamo immersi, è naturale vedere che, anche nella scienza, sarà presente “False Information”. Così, in qualità di responsabili della diffusione delle conoscenze scientifiche, attraverso proposte pedagogiche, cerchiamo di trovare il modo di valutare le Fake News legate alla scienza e i possibili strumenti per combatterle. Presentiamo questo documento come una proposta per rispondere alle seguenti domande di ricerca: Quali concezioni di scienza, tecnologia e società evocano gli studenti nei loro costrutti di argomenti quando analizzano le notizie? Come vengono evocati questi argomenti dagli studenti in grado di combattere o minimizzare l’impatto delle fake news sulla società?

Intendiamo rispondere a queste domande analizzando una sequenza didattica elaborata dagli studenti del Programma istituzionale di borse di studio per l’iniziazione all’insegnamento (PIBID) dell’Università Federale di Minas Gerais (UFMG), che è stata applicata agli studenti di due classi del terzo anno di scuola superiore di una scuola statale a Belo Horizonte, nella regione di Pampulha, nel turno di notte. Basiamo la sequenza su un approccio scienza, tecnologia e società (STS) che, secondo Santos e Mortimer (2002) citando López e Cerezo (1996), corrisponde a un’integrazione tra educazione scientifica, tecnologica e sociale, in cui il contenuto scientifico e tecnologico permea una discussione tra aspetti storici, etici, socioeconomici e politici.

La sequenza è stata fatta con insegnanti di fisica e biologia, insieme a cinque studenti Pibid, durante un periodo di due mesi del 2019. Il suo culmine fu una giuria simulata realizzata con le due classi, ognuna con quaranta studenti, dove furono discusse le conseguenze dell’installazione di un’antenna telefonica nelle vicinanze della scuola.

Questa sequenza consisteva in dieci classi presentate brevemente nella tabella 1, che possono essere viste di seguito. La prima colonna della tabella mostra il numero della lezione. La seconda colonna descrive brevemente le attività svolte nelle rispettive classi e la terza colonna è composta dall’indagine sulle dimensioni di Scienza, Tecnologia e Società su cui si basavano le classi, sulla base dei riferimenti teorici adottati. Per praticità, abbiamo raggruppato la sesta e la settima classe perché erano costituite dalla stessa attività, il che richiedeva più tempo.

Tabella 1: Riepilogo delle classi.

Classe Riepilogo delle attività Aspetto STS predominante
1 Presentazione di video trovati su Internet, che coinvolgono radiazioni, discussione con gli studenti sui loro precedenti concetti di radiazioni. Sollevando dubbi sulle radiazioni. Sistematizzazione dei concetti sulle onde elettromagnetiche. Scientifico e tecnologico.
2 Divisione della classe in due gruppi. Un gruppo si è recato nella sala computer per ricercare i dubbi presentati nella classe precedente, l’altro gruppo discusso in classe, usando il buon senso e i concetti discussi in precedenza. Scientifico e sociale.
3 Distribuzione di un’attività sviluppata dal Center for Science and Mathematics Teaching di Minas Gerais (Cecimig), che ha discusso gli impatti delle radiazioni sulla salute, presentando diversi estratti di persone che hanno parlato di come le radiazioni hanno influenzato le loro vite, così come i risultati della ricerca scientifica.Discussione sull’affidabilità delle notizie nei vari media. Scientifico, tecnologico e sociale.
4 Discussione sull’attività della terza classe, con socializzazione delle risposte date dagli studenti. Scientifico, tecnologico e sociale.
5 Divisione di gruppi, uno a favore dell’installazione di un’antenna cellulare nelle vicinanze della scuola e l’altro contro l’installazione, per la giuria simulata. Spiegazione del tema e del funzionamento di una giuria. Scientifico e sociale.
6 e 7 Preparazione dei gruppi per la giuria, con ogni gruppo in una stanza separata, alla ricerca di un numero minore di interferenze nei discorsi tra i gruppi. Scientifico, tecnologico e sociale.
8 Presentazione della giuria fittizia. Scientifico, tecnologico e sociale.
9 e 10 Discussione sui risultati e sui processi argomentativi che hanno avuto luogo durante la giuria. Scientifico, tecnologico e sociale.

Fonte: autore.

SVILUPPO

Per fare le analisi, useremo tre concezioni della scienza, tre della tecnologia e tre della società e classificheremo le risposte all’attività in base alle concezioni utilizzate nella costruzione di argomenti da parte degli studenti. Pertanto, intendiamo valutare che tipo di concezioni della scienza, della tecnologia e della società vengono insegnate nelle lezioni di fisica e, se possibile, fare parallelismi con le fake news e le sue implicazioni con la società.

SCIENZA

Inizialmente, introdurremo la concezione più di routine della scienza di Palacios et al. (2005), secondo il quale “secondo la concezione tradizionale o “concezione ereditata” della scienza, questa è vista come un’impresa autonoma, obiettiva, neutrale e basata sull’applicazione di un codice di razionalità lontano da qualsiasi tipo di interferenza esterna”. (PALACIOS et al., 2005, p. 14)

Un’altra concezione della scienza che useremo è definita anche da Palacios et al. (2005), in cui

un argomento che contraddice questa nozione di scienza, che si basa su un metodo induttivo, è supportata dalla storia stessa della scienza. In linea di principio, la storia mostra che numerose idee scientifiche nascono da molteplici cause, alcune delle quali legate all’ispirazione, alla fortuna nei contesti interni delle teorie, ai condizionamenti socioeconomici di una società, senza essere seguite, in tutti i casi, da una procedura standard o regolamentata. (PALACIOS et al., 2005, p. 15)

La nostra terza concezione della scienza è portata da Fonseca (2007), che dice che

il ruolo della scienza oggi non è più inteso come la ricerca del dominio mondiale, ma piuttosto per salvaguardarlo, in un contesto in cui la conoscenza scientifica rappresenta ancora una forma di potere che è intesa come una pratica sociale, economica e politica e un fenomeno culturale più di un sistema teorico-cognitivo. La scienza è nella vita di tutti i giorni e ha sempre più meritato uno sguardo attento alle scienze sociali al fine di ottenere una comprensione della sua portata e del suo posto nella società e nella storia. (FONSECA, 2007, p.36)

Al fine di semplificare il lavoro postumo di lettura e analisi delle risposte, sintetizza le concezioni di cui sopra come: 1 – Scienza basata su un modello tradizionale, universale, neutro e imparziale; 2 – Per lo più scienza tradizionale, con l’inclusione di una prospettiva storica; 3 – Scienza vista come pratica sociale, economia e politica, inclusa in vari aspetti delle relazioni umane.

TECNOLOGIA

Per quanto riguarda le concezioni della tecnologia, abbiamo iniziato con Santos e Mortimer (2002), che definiscono che la tecnologia può essere decifrata come conoscenza che permette all’individuo di controllare e trasformare il mondo.

Utilizzeremo anche la definizione di Palacios et al. (2005), in cui:

la tecnologia potrebbe essere considerata come l’insieme di procedure che consentono l’applicazione delle conoscenze proprie delle scienze naturali nella produzione industriale, e la tecnica è limitata ai tempi precedenti l’uso delle conoscenze scientifiche come base dello sviluppo tecnologico industriale. (PALACIOS et al., 2005, p. 39)

La nostra ultima definizione sarà anche da Palacios et al. (2005)

Concentrandosi ora sulla relazione scienza-tecnologia, molti autori hanno dimostrato che questo è il criterio che differenzia la tecnica della tecnologia [..]. Il termine “tecnica” si riferirebbe a procedure, abilità, artefatti, sviluppi senza l’aiuto di conoscenze scientifiche. Il termine “tecnologia” sarebbe quindi usato per riferirsi a quei sistemi sviluppati tenendo conto di queste conoscenze scientifiche. (PALACIOS et al., 2005, p. 37)

Come è stato fatto con le concezioni dell’asse Science, le concezioni scelte della Tecnologia possono essere riassunte come: 1 – La tecnologia come un modo per modificare il mondo e controllare il mondo; 2 – La tecnologia come ricerca del progresso industriale e sociale; 3 – Tecnologia come scienza applicata.

SOCIETÀ

Per definire la società, inizialmente ci siamo basati sull’ipotesi teorica portata da Palacios et al. (2005), sulla base delle ipotesi di Luhmann, che “considera la società come uno dei tipi di sistemi più diversi. I sistemi possono essere macchine, organismi, sistemi psichici e sistemi sociali” (p.81)

Una seconda definizione di società è proposta anche da Palacios et al. (2005), che afferma che vi è una tendenza nell’uomo alla socialità e che le strutture sociali sono formate dalle più alle meno stabili e complesse, componendosi da una struttura naturale, che consente la caratterizzazione di una specie. Tuttavia, secondo gli autori, questa caratterizzazione non è esclusiva per gli esseri umani.

Un’altra concezione della società è portata da Simon, citato da Santos e Mortimer (2002) nell’articolo Un’analisi delle ipotesi teoriche dell’approccio S-T-S (Scienza – Tecnologia – Società) nel contesto dell’istruzione brasiliana. Secondo loro, la società può essere vista come un corpo organico che ha in tutta la sua struttura livelli di vita sociale, basati sul raggruppamento di individui che vivono sotto determinati sistemi economici di produzione e anche sistemi di distribuzione e consumo, ancorati a un regime politico, che obbedisce alle norme, alle leggi e necessario per il mantenimento della società nel suo complesso.

Infine, riassumiamo le concezioni della Società come: 1 – La società come sistema strutturato, chiuso e immutabile; 2 – La società come struttura naturale e parzialmente modificabile; 3 – La società come organismo vivente e modificabile.

Le concezioni che costiteranno il quadro teorico di questo lavoro, così come sono state sintetizzata, sono presentate in tre assi nella tabella 2 sottostante, al fine di facilitare la lettura e il nostro processo di analisi delle risposte. Successivamente, sarà presentata la giustificazione che ha fornito tale scelta e una correlazione tra scienza, tecnologia e società al fine di formare l’approccio STS.

Tabella 2- Sintesi delle concezioni della scienza, della tecnologia e della società

Scienza Tecnologia Società
Concezione 1 Scienza basata su un modello tradizionale, universale, neutrale e imparziale La tecnologia come un modo per cambiare il mondo e controllare il mondo La società come sistema strutturato, chiuso e immutabile
Concezione 2 Scienza per lo più tradizionale, con l’inclusione di una prospettiva storica Tecnologia alla ricerca del progresso industriale e sociale La società come struttura naturale e parzialmente modificabile
Concezione 3 Scienza vista come pratica sociale, economia e politica, inclusa in vari aspetti delle relazioni umane La tecnologia come scienza applicata La società come organismo vivente e modificabile

Fonte: autore.

SCIENZA, TECNOLOGIA E SOCIETÀ

La scelta dell’ordine in cui sono state collocate le definizioni di Scienza, Tecnologia e Società era dovuta alle loro similitudini. Abbiamo trovato connessioni logiche tra concezioni, dal momento che alcune presentavano viste del mondo simili e, quindi, ci siamo classificati con la stessa numerazione. Pertanto, ci si aspetta che una risposta classificata come concezione una della Scienza sarà classificata come concezione in qualche modo nella tecnologia e nella società (lo stesso vale per le concezioni due e tre). Di seguito presenteremo le connessioni che comprendiamo tra ciascuna delle concezioni.

Le concezioni elencate come una si riferiscono a una visione degli aspetti secondo l’insegnamento tradizionale, dove possiamo osservare la scienza come qualcosa di ideale, neutro e inconfutabile. La tecnologia qui è trattata come uno strumento perfetto della scienza stessa, responsabile della modifica e del controllo del mondo, essendo allo stesso modo imparziale e indiscutibile. La Società riproduce l’idealizzazione della Scienza e risponde al controllo della Tecnologia, comportandosi come un sistema ben strutturato e chiuso per questioni non scientifiche.

Nella seconda concezione, la scienza è trattata in modo simile al concepimento uno, ma acquisisce qui una contestualizzazione storica che rimuove parzialmente il suo carattere ideale e infallibile. Il concetto di Tecnologia si basa su una proposta di sviluppo, in cui questi artefatti e procedure sono il risultato della costruzione storica della Scienza e quindi il responsabile e i contatori di uno sviluppo industriale e sociale. La Società, a sua volta, da queste idee di Scienza e Tecnologia, è ancora una struttura ben organizzata, ma emerge naturalmente ed è in grado di subire cambiamenti. Poiché la scienza detta la realtà ed evolve nel tempo e la tecnologia si basa sullo sviluppo, ci si aspetta che il sistema sociale si sviluppi in base agli assi precedenti.

La terza concezione della Scienza porta un’idea di questo come una pratica costruita e modificabile, dipendente dall’ambiente in cui è inserita. Nella concezione in questione, la tecnologia è data come un’estensione diretta della Scienza, essendo vista come un sistema di pratiche e conoscenze che si evolve con e da concetti scientifici. La concezione della Società, d’altra parte, si occupa di un organismo vivo e modificabile che trasforma i suoi problemi interni e viene trasformato da loro. Pertanto, esiste un collegamento di feedback tra i tre assi, poiché esistono simultaneamente l’uno all’interno dell’altro e sono responsabili delle modifiche l’uno dell’altro.

METODOLOGIA

Per svolgere questo lavoro abbiamo inizialmente svolto una ricerca bibliografica sulle concezioni di Scienza, Tecnologia e Società che sono presenti negli articoli allegati a Google Scholar, fino al periodo di ottobre 2019. Abbiamo anche esaminato le produzioni che avrebbero aiutato a comprendere diversi punti di vista e in seguito avrebbero permesso un’analisi.

Utilizziamo le concezioni mostrate nella contestualizzazione teorica per valutare come gli studenti, in un contesto di insegnamento STS, quando rispondono a domande specifiche, riprendono le proprie concezioni di Scienza, Tecnologia e Società. Le domande principali a cui abbiamo cercato di rispondere erano: Come fanno gli studenti a costruire queste risposte? Come riprendono i concetti di scienza, tecnologia e società? Quali sono questi concetti?

Per rispondere a queste domande, abbiamo utilizzato le domande poste agli studenti presenti nelle classi tre e quattro della sequenza didattica e le loro risposte a queste domande; entrambi si trovano nella tabella 3, che può essere trovata di seguito. La sequenza didattica in questione si basava su aspetti STS ed era composta da una questione socio-scientifica, che prevedeva una discussione sui rischi dell’installazione di un’antenna telefonica vicino alla scuola, riprendendo la problematizzazione iniziale delle classi, che faceva riferimento all’implicazione delle radiazioni e dell’essere umano. La SE completa può essere trovata in un altro studio degli autori. Le classi tre e quattro consistevano nella distribuzione di un’attività sviluppata dal CECIMIG, discutendo gli impatti delle radiazioni sulla salute e l’affidabilità delle notizie.

Tabella 3 – Domande e risposte

Domande Esempi di risposte Aspetto STS predominante
Che grado di fiducia ripone nelle prime notizie del giornale trascritto? ● Nessuno perché se non ci fossero dati reali, provererebbe da una fonte affidabile, convinta e pertinente, super utile per la convivialità e l’informazione della società.

● Fiducia totale, perché se il microonde passa le radiazioni al cibo perché il telefono non ci trasmetterebbe radiazioni, perché eravamo collegati buon pomeriggio della giornata ai dispositivi.

Scienza, tecnologia e società
L’esperienza riportata nelle seconde notizie, a suo parere, è una buona prova che antenne o telefoni cellulari comportano rischi per la salute? ● Sì. L’antenna trasmessa troppe radiazioni ha causato il cancro al cervello del marito della donna.

● Non è una buona prova, potrebbe essere una coincidenza. Ci sono persone con tumori che vivono lontano dalle antenne in modo che la presenza di antenne non possa essere una causa esclusiva.

Scienza, Tecnologia
Che tipo di radiazioni vengono emesse dal forno a microonde, dal cellulare, dalla radiografia dei denti? ● Radiazioni non ionizzanti, non hanno la capacità di ionizzare la materia, ma sono in grado di trasmettere energia a cellule che possono o meno essere dannose per la salute ed è stato finora studiato senza consenso

● Microonde: microonde
Mobile : Onde radio
Radiografia: radio x

Scienza
L’uso dei telefoni cellulari comporta rischi per la salute dei suoi utenti? ● Sì, credo non nella misura di causare un cancro perché questa è ancora una domanda aperta, ma in altri casi sì.

● Sì, perché il cellulare diminuisce la coesistenza della persona nell’ambiente sociale causando problemi psicologici e sociali. A destra… Raccomandazioni mediche come le donne non usano il telefono cellulare in vita perché le radiazioni anche se la radio influisce sulla gravidanza o causano infertilità.

Scienza, tecnologia e società

Fonte: autore.

Nella colonna delle risposte trovata nella tabella 3, presentata in precedenza, alcune parole sono digitate esattamente come gli studenti hanno scritto nelle loro attività. La non alterazione della forma colta della lingua si è verificata perché abbiamo capito che possibili cambiamenti potrebbero portare a differenze nei significati e nei significati inizialmente attribuiti dagli studenti.

Per analizzare le risposte fornite dagli studenti in queste classi e attività, abbiamo tabulato tutte le domande in un foglio di calcolo con le rispettive risposte e lette ciascuna, attribuendo ad ogni risposta una concezione della Scienza, una della Tecnologia e una della Società secondo il quadro teorico, che presenteremo brevemente nella seguente sezione dei risultati.

RISULTATI

Per comprendere meglio i risultati e le analisi che verranno presentati di seguito, presenteremo i rapporti che gli studenti hanno letto. Notizie 1: Un comitato di esperti ha raccolto una grande quantità di prove da parte degli scienziati e, nelle audizioni pubbliche in tutto il paese, ha concluso che antenne e telefoni cellulari stanno rovinando vite umane e danneggiando la salute della popolazione. Notizie 2: Una donna, il cui marito aveva un tumore al cervello diagnosticato dopo che un’antenna è stata posizionata a 20 metri da casa sua, ha ricevuto bene la notizia la sera prima. Ha dichiarato: Credo che queste antenne siano una minaccia e un rischio per la salute. Notizie 3: … Con il passare del tempo, la famiglia e i loro due figli si sono resi conto che non dormivano come una volta, qualcosa che ora sanno essere collegato alle radiazioni a microonde, secondo una ricerca di laboratorio. La donna ha poi notato che se si fosse fatta male, la sua pelle avrebbe preso sempre più tempo per guarire e il suo recente ricordo stava peggiorando.

Dopo la lettura, gli studenti hanno risposto alle domande scritte nella tabella 3. Un totale di 13 attività sono state raccolte dagli studenti e analizzate in seguito. Alcuni esempi di risposte sono esposti nella tabella 3 insieme alla classificazione delle dimensioni da valutare.

Dall’analisi delle risposte fornite dagli studenti, elaboriamo i seguenti grafici:

Figura 1 – Che grado di fiducia ripone nelle prime notizie del giornale trascritto?

Fonte: autore.

Questa domanda ha come obiettivo principale quello di identificare quali concetti, concezioni e congetture gli studenti presenti giustifichino la fiducia attribuita a una notizia di giornale. Ad esempio, un gruppo di studenti ha risposto di non fidarsi affatto delle notizie e lo ha giustificato con il fatto che non si tratta di una fonte affidabile. Pertanto, si osserva che gli studenti non presentano alcun argomento scientifico o tecnologico per giustificare le loro scelte. Tuttavia, un altro gruppo ha sottolineato la totale fiducia nelle notizie trascritte dai giornali, evocando concetti scientifici come le microonde come una forma di radiazione che può essere assorbita dal cibo, o il telefono cellulare, che emette onde e queste possono essere considerate radiazioni, affermando che la cellula può, sì, causare alcune “modifiche” nell’uomo. In ogni caso, si può verificare che vi sia una grande discrepanza nelle risposte dei gruppi, una attribuendo un alto grado di fiducia alla relazione e l’altra attribuendo alcuna fiducia. Consideriamo la presenza o meno di un linguaggio scientifico di estrema rilevanza, perché il nostro obiettivo era quello di identificare quali concezioni sono presenti nelle risposte degli studenti. Pertanto, l’assenza di evidenti concezioni scientifiche si è presentata come un possibile problema, il che può significare che alcuni studenti non evocano argomenti scientifici per confermare o confutare una notizia.

È stato possibile osservare la predominanza della concezione della scienza, poiché gli studenti, quando rispondono all’attività, a volte usavano i loro concetti scientifici senza sollevare ipotesi sui contesti dei rapporti, considerando la scienza universale e indiscutibile e non sollevando domande sulle radiazioni della cellula possono o meno causare il cancro e su quali potrebbero essere le variabili attribuite a tale evento.

Abbiamo notato che gli studenti, rispondendo alle domande, hanno sostenuto uno e tre concetti di tecnologia. Attribuiamo questi risultati al fatto che la concezione della scienza è direttamente collegata alla concezione della tecnologia, trattando gli artefatti come cause determinanti nella modifica della situazione, come possiamo percepire in questo discorso: “perché la cellula cellulare causa radiazioni e radiazioni alla nostra salute è orribile, a causa del cancro”, in cui il manufatto tecnologico qui è fatalmente responsabile del cambiamento della salute delle persone. Le tre concezioni della tecnologia possono essere viste in risposte come: “un grado medio di fiducia, perché la cellula trasmette radiazioni non ionizzanti, e il nostro corpo ha ioni”.

La concezione della società che più appariva nelle risposte alla prima domanda era quella del concepimento, che considera la società come un sistema chiuso, rigido e immutabile. Un gruppo ha dato la seguente risposta: “nessun grado di fiducia, perché viviamo in una società molto consumista che utilizza le notizie sulla salute popolare per aumentare le sue vendite, come meno radiazioni o nessuna”. In questa risposta si può osservare l’idea della società come sistema rigido e che, a sua volta, non tiene conto delle differenze tra i gruppi sociali e le loro particolarità. Gli studenti portano a questa risposta solo le concezioni delle società a cui appartengono, senza in nessun momento tenendo conto dell’esistenza di altre società che usano meno telefoni cellulari.

Grafico 2 – L’esperienza riportata nelle seconde notizie costituisce, a suo avviso, una buona prova del fatto che antenne o telefoni cellulari comportano rischi per la salute?

Fonte: autore.

In questa domanda, analizziamo solo ciò che riguarda le concezioni della scienza e della tecnologia, perché gli studenti hanno presentato piccoli aspetti sociali nelle loro risposte.

Ancora una volta vediamo la predominanza della concezione della scienza, spiegata in questa risposta di un gruppo, che dice: “Dall’antenna che ha trasmesso molte radiazioni ha causato al marito della donna un cancro al cervello”. Per noi, l’indicazione principale di questa risposta appartenente alla concezione della scienza è il fatto che gli studenti collegano direttamente l’evento a un concetto scientifico, senza sollevare ipotesi sui contesti dell’evento, trasmettendo nuovamente l’idea che la scienza avvenga in modo lineare e infallibile.Possiamo anche identificarlo quando dicono che è noto agli scienziati che l’individuo, una volta esposto a troppe radiazioni, avrà il cancro.

Qualcosa è stato osservato anche come un equilibrio tra l’una e le tre concezioni della tecnologia; la maggior parte degli studenti si riferisce alla tecnologia come a una semplice forma di applicazione della scienza, non tenendo conto del suo carattere olistico o delle caratteristiche sociali del fare scientifico. Come la risposta “L’antenna posta vicino alla residenza non può implicare la comparsa di una paura, cellulari e antenne emettono una radiazione il cui nome è rf (radiofrequenza) la frequenza è bassa e la quantità di radiazioni emesse è piccola, non sufficiente a causare un tumore, molto meno in pochi giorni.” in cui possiamo osservare un’intera costruzione di argomenti basati esclusivamente sul carattere scientifico della tecnologia in questione. Tuttavia, questo carattere scientifico è legato all’unica concezione della scienza, rendendo la tecnologia deterministica e idealizzata.

Attribuiamo l’aspetto del concetto di tecnologia nelle risposte a questa domanda al fatto che molti studenti credono che la tecnologia abbia la funzione di essere qualcosa che fornisce all’individuo la capacità di modificare e controllare il mondo, come possiamo vedere nella seguente risposta data da uno dei gruppi: “non è affidabile, perché la donna ha tratto questa conclusione perché pensava che le antenne fossero la ragione della malattia del marito”. Analizzando questa risposta, possiamo osservare che gli studenti attribuiscono all’antenna, qui considerata come un artefatto tecnologico, la possibilità di causare o meno il cancro nel marito.

Grafico 3 – Che tipo di radiazione viene emessa dal forno a microonde, dal telefono cellulare, sulla radiografia dei denti?

Fonte: autore.

In questa interrogazione, osserviamo la quasi unanimità dell’unica concezione delle scienze, alla quale attribuiamo il modo in cui è stata costruita la questione; per noi, si presenta come nella maggior parte dei libri di testo, dove gli studenti hanno bisogno di dare una risposta corretta, qui intesa come unica e indiscutibile, rendendo impossibile avere divergenze tra i gruppi. Una domanda elaborata in modi tradizionali tende a guidare gli studenti verso risposte più tradizionali. Molti studenti in questo momento hanno aperto il libro di testo o anche Internet per ricercare quali tipi di radiazioni vengono emesse da diverse fonti al fine di trovare risposte come radiazioni a microonde, onde radio e raggi X. Sottolineiamo che tali risposte non significano che gli studenti abbiano compreso la differenza tra una radiazione chiamata onde radio e una radiazione chiamata raggi X, mantenendo così la necessità di andare in altri modi per presentare questo contenuto agli studenti.

Figura 4 – L’uso dei telefoni cellulari comporta rischi per la salute dei suoi utenti?

Fonte: autore.

Durante l’analisi dei grafici, è stato possibile osservare la predominanza della concezione di una delle scienze in tutte, con il concepimento due che appare in alcuni come il secondo più sollevato dagli studenti. Un esempio di risposta attribuita al concepimento è presentato nella seguente risposta: “le radiazioni emesse non hanno danneggiato la salute, perché le emesse non sono in grado di distruggere le cellule del DNA”. Si può osservare che gli studenti non sollevano ipotesi, rispondono solo prontamente che le radiazioni non sono in grado di distruggere le cellule del DNA, presentando la scienza come una certezza universale.

Un esempio del concepimento due che è stato osservato in questa risposta può essere letto di seguito: “Alcuni test di radiazioni fatti con ratti hanno mostrato lo sviluppo di tumori in essi, si discute ancora se la cellula cellulare comporta rischi per la salute umana”. Questa risposta ci porta all’idea che le certezze che la scienza ci porta sono prodotte nel tempo, riferendosi all’idea che esiste, sì, una prospettiva storica nella progressione della conoscenza scientifica.

Analizzando i risultati, abbiamo osservato un gran numero di risposte che tendevano alla concezione della scienza e alle tre concezioni della tecnologia, il che ci ha fatto sollevare domande, perché ci si aspettava che, come accennato in precedenza, le concezioni fossero strettamente collegate tra loro, così come le concezioni due e tre. Un esempio di risposta in questo formato è stato: “No, i livelli di esposizione alle radiazioni e il tempo di durata mettono questo rischio a un livello molto basso”. Comprendiamo che, in questo caso, la scienza è trattata come inconfutabile e la tecnologia come qualcosa che riproduce in pratica le innegabili verità di questa stessa Scienza.

Sia nell’esempio precedente che in altri, come nella risposta “Sì, perché ha radiazioni ad onde radio.”, non siamo stati in grado di determinare quale concezione della Società è stata evocata per rispondere alla domanda proposta. È possibile che tali collocamenti non siano compatibili con nessuna delle definizioni di società presentate in questo articolo, poiché in nessun momento il fattore sociale è stato presentato come un punto rilevante del problema presentato. Pertanto, queste risposte non furono classificate nell’asse della Società.

Per quanto riguarda l’analisi delle concezioni della Società nel suo complesso, possiamo osservare la maggior parte delle risposte che tendono a concepirne una. Nella risposta “Sì, perché il cellulare diminuisce la convivenza della persona nell’ambiente sociale causando problemi psicologici e sociali. A destra…[5] raccomandazioni mediche come le donne non usano il cellulare in vita perché le radiazioni anche se la radio influisce sulla gravidanza o causano infertilità.”, osserviamo la convinzione che la società funzioni come un sistema rigido e strutturato. Il modo in cui il cellulare è stato trattato come un problema sociale non dimostra la possibilità di modifica, essendo un fatto sociale immutabile e innegabile. Quando vengono presentate domande più scientifiche, come le raccomandazioni mediche, il fatalismo del problema sociale non cambia, vengono aggiunte solo misure palliative a questioni che la scienza considerata tradizionale e innegabile può prevedere e controllare.

CONSIDERAZIONI FINALI

Comprendendo il contesto degli individui, il contesto di applicazione della ricerca, le attività svolte e i risultati ottenuti in questo articolo, possiamo concludere che l’insegnamento tradizionale può avere conseguenze nella formazione degli studenti per quanto riguarda le concezioni relative agli assi del STS. La tendenza predominante a concezioni (oltre il 60% delle risposte) può essere facilmente compresa come riflesso di questo modello didattico che tra i concetti di Scienza, Tecnologia e Società, ignorando la correlazione tra loro. La proposta dell’educazione scientifica tradizionale pone la scienza al centro dell’attenzione, essendo una divinità infallibile, neutra, apolitica e, come previsto nella contestualizzazione teorica, questa proposta induce la formazione di un’unica concezione della tecnologia e della società. Analizzando l’elevata incidenza del concepimento di uno della società (62% delle risposte), possiamo osservare, oltre alla precisione della previsione teorica, una costruzione argomentativa opposta a quella di una visione critica, dovuta alla comprensione del fatalismo della società come sistema rigido e immutabile.

Un’altra correlazione osservata riguardo alle concezioni della Scienza e della Società sono stati i casi in cui non è stato possibile classificare l’asse della società nella risposta. Per la maggior parte, il concetto di Scienza evocato è stato quello, sollevando in noi la questione di quale sarebbe stata la connessione tra questi dati. Pensando che questa visione della scienza provenga dall’insegnamento tradizionale, non possiamo ignorare la proposta di dissociare i concetti di Scienza, Tecnologia e Società (specialmente i primi due di questi ultimi). Analizzando questa metodologia, è ragionevole pensare che generi anche una delegittimazione del discorso sociale. Ciò significa che l’insegnamento tradizionale rafforza anche il pensiero che, quando la materia è scientifica, la sfera sociale non è importante.

Contrariamente alle previsioni iniziali, abbiamo ottenuto una maggiore incidenza delle tre concezioni della tecnologia (il 53% delle risposte è stato classificato come concezione 3, mentre il 34% come concezione 1), dove questo è visto come la materializzazione della scienza nei sistemi e negli artefatti. Tuttavia, analizzando specificamente le risposte che evocavano le concezioni di Scienze e tre di Tecnologia contemporaneamente, abbiamo notato che c’è una malleabilità in questa concezione della Tecnologia. Semplificando la definizione del quadro teorico, chiamiamo questa concezione “scienza applicata” e non spieghiamo a quale comprensione della scienza si riferisce questa concezione, lasciandola suscettibile di modifiche. Tuttavia, questo da solo non spiega la loro ampia diffusione da parte degli studenti. A questo fenomeno attribuiamo il potenziale corrutante dell’insegnamento tradizionale e la sua visione della Scienza. Potremmo pensare che se la scienza è intesa come una sorta di divinità e la scuola è vista come il suo tempio, è plausibile vedere qualsiasi tema come un sottoprodotto di questo. Così, la presenza maggioritaria del concepimento tre della Tecnologia diventa plausibile.

All’interno dell’attuale struttura scolastica, gli studenti sviluppano meccanismi e procedure per soddisfare le richieste loro imposte. All’interno di questi meccanismi e procedure, i modi di interpretare le domande e di elaborare le risposte, che si oppongono direttamente alla nostra idealizzazione che tutte le risposte dovrebbero essere inquadrate contemporaneamente nelle tre concezioni della scienza, della tecnologia e della società. Ciò avviene, quindi, il modo sviluppato di interpretare e rispondere alle domande non richiede l’analisi dei contenuti correlati tra loro o all’interno della realtà vissuta, richiedendo solo la risposta “corretta”. Comprendiamo quindi che le risposte che coprono le tre concezioni della scienza e della società richiedono una maggiore riflessione da parte degli studenti, oltre a una visione più ampia delle dimensioni che permeano l’attività. Raggiungere questa riflessione e capire che la scienza non è indiscutibile va contro ciò che si sviluppa all’interno di un modello didattico tradizionale.

È possibile concludere, quindi, che l’insegnamento tradizionale non ha aiutato ad affrontare problemi come le “fake news”, poiché la maggior parte degli studenti non presenta uno sguardo critico, interrelando concetti di Scienza, Tecnologia e Società, al fine di creare una visione più olistica della realtà. Grazie a questo modello didattico, anche l’analisi dell’affidabilità delle informazioni fornite nelle notizie ordinarie è un compito complesso che non dà chiarezza nelle sue risposte. Di fronte a queste sfide, l’uso di un approccio STS è una delle alternative concrete per espandere le consezioni sociali e tecnologiche e le loro connessioni con la scienza. Questo si basa sui principi di questo approccio pedagogico, che si occupa di uno studio di un ritaglio di realtà analizzando tutto ciò che riguarda il tema. Inoltre, la comprensione di questi tre assi e delle loro interconnessioni è un fattore estremamente importante nella formazione di un cittadino critico in grado di analizzare l’informazione e affrontare le “fake news” e il suo scopo manipolatore.

RIFERIMENTI

ALLCOTT, H.; GENTZKOW, M. Social Media and Fake News in the 2016 Election. Journal of Economic Perspectives, 31(2), p. 211–236, 2017.

ANTUNES, M. L.; LOPES, C.; SANCHES, T. Literacia da informação no combate às fake news: desafios e estratégias formativas no ensino superior, julho 2019. Disponível em: https://doi.org/10.31229/osf.io/3sbwa

FONSECA, A. B. Ciência, Tecnologia e desigualdade social no Brasil: contribuições da Sociologia do conhecimento para a educação em Ciências. Revista Electrónica de Enseñanza de las Ciências, 6 (2), p. 364-377, 2007.

GELFERT, A. Fake News: A Definition. Informal Logic, 38 (1), p. 84-117, 2018.

JANKOWSKI, N. W. Researching Fake News: A Selective Examination of Empirical Studies. Javnost-The Public, 25(1-2), p. 248-255, 2018.

MARSHALL, J. P. Disinformation Society, communication and cosmopolitan democracy. Cosmopolitan Civil Societies: An Interdisciplinary Journal, 9 (2), p. 1-24, 2017.

MERGULHÃO, D. R. DA S.; MERGULHÃO JÚNIOR, J. C. O.; ALBUQUERQUE, P. F. Post-truth, fake news e processo eleitoral. Revista de Estudos Eleitorais, 2 (4), p. 76-87, 2017.

MÜLLER, F. de M.; SOUZA, M. V. de. Fake News: Um problema midiático multifacetado. International Congress of Knowledge and Innovation -Ciki, 1(1), set. 2018. Disponível em: http://proceeding.ciki.ufsc.br/index.php/ciki/article/view/511

PALACIOS, E. M. G.; GALBARTE, J. C. G.; BAZZO, W. Introdução aos estudos CTS (Ciencia, Tecnología e Sociedade). Organización de Estados Iberoamericanos (OEI), 2005.

SANTOS, W. L. P.; MORTIMER, E. F. Uma análise de pressupostos teóricos da abordagem C-T-S (Ciência – Tecnologia – Sociedade) no contexto da educação brasileira. Ensaio: pesquisa em Educação em Ciências, 2 (2), p. 1-23, 2002.

ALLEGATO – RIFERIMENTI ALLE NOTE A PIÈ DI PAGINA

4. Il termine è usato per caratterizzare il processo di recesso del Regno Unito dall’Unione europea avviato con un referendum.

5. I puntini di sospensione rappresentano una parola non identificabile dagli autori.

[1] Specialista dei media nell’istruzione, fisico autorizzato.

[2] Licenza in fisica.

[3] Licenza in fisica.

Inviato: agosto 2020.

Approvato: settembre 2020.

5/5 - (1 vote)

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here