REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Trasparenza e benchmarking come strumenti per promuovere la partecipazione sociale in Soprintendenza della zona di libero scambio di Manaus

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post

CONTEÚDO

BATISTA Junior, Luis Moreira Md [1]

CHANDRA, Wagner Bernardo [2]

BENTES, Ruan Carlos Ribeiro [3]

LIMA JÚNIOR, de José Wilson Pereira [4]

SANTANA, Andrei Pacheco [5]

BATISTA Junior, Luis Moreira Md; et. Al. –Trasparenza e Benchmarking come strumento per promuovere la partecipazione sociale in Soprintendenza della zona di libero scambio di Manaus. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1, vol. 8. pp. 53-71, settembre 2016. ISSN. 2448-0959

Sommario:

La Soprintendenza di zona franca di Manaus (Suframa) è un'autorità federale responsabile agisce per conto di sviluppo regionale di tutti i Western Amazon. Per essere un'istituzione che si occupa direttamente e principalmente con il settore privato dell'economia brasiliana, Suframa deve ottenere pratiche che contribuiscono alla sua crescita e lo sviluppo istituzionale. Attraverso gli aspetti costituzionali e strumenti consacrate in generale amministrazione, questo articolo mira a conciliare il principio di pubblicità e di Benchmarking, di presentare una valida opzione per l'ente locale in termini di trasparenza e partecipazione del pubblico.

Parole chiavi: Suframa. Trasparenza. Analisi comparativa. Partecipazione sociale.

1. INTRODUZIONE

I poteri di pianificazione tripartiti, sanciti dall'articolo secondo della Costituzione federale brasiliana, mira ad un equilibrio politico senza disprezzo l'importanza di prevenire l'abuso di potere. La separazione dei poteri persegue questo obiettivo in due modi, secondo Dimitri Dimoulis (2008): "in primo luogo, che richiedono collaborazione e il consenso delle diverse autorità statali nel processo decisionale. In secondo luogo, stabilire meccanismi di vigilanza e responsabilità reciproca dei poteri dello stato, come il disegno del istituzionale controlla ed equilibra."

Ciascuno è, oltre alla sua funzione di finalística, altre funzioni in modo anomalo. Ogni funzione è svolta da organismi speciali definiti come i poteri legislativi, esecutivi e giudiziari. Ciascuno di questi poteri non è subordinato a altro, avendo i suoi limiti e le prerogative conferite costituzionalmente. Secondo l'articolo 2 della Costituzione federale brasiliana, sono i poteri dell'Unione, indipendente e armonica tra se stessi, il legislatore, esecutivo e giudiziario.

A causa dell'eterogeneità delle attività, compiti e obblighi portati dal testo della Costituzione federale del 1988, diventa essenziale per una struttura amministrativa sistematica, disciplinato e organizzato in grado di cercare l'attuazione degli obiettivi delle varie costituzionali. In questo senso, fu stabilita la ripartizione delle funzioni tra i poteri. Tuttavia, è possibile notare che queste funzioni sono nella struttura del soggetto politico denominato la Repubblica federativa del Brasile. Essere adottata la Federazione come una forma di stato, figura centrale dello stato è lasciata da parte per essere la distribuzione dei poteri tra altri quelle politiche interne – decentramento politico.

È importante notare che questo decentramento è compiuta in virtù della Costituzione, come la creazione delle entità federate, conformemente agli articoli 1 e 18 della Costituzione federale brasiliano è: l'Unione, gli Stati membri, il distretto federale e i comuni.

Art. 1. La Repubblica federativa del Brasile, formata dall'indissolubile Unione di Stati e comuni e distretto federale, è lo stato democratico di diritto e fondazioni:

Art. 18. L'organizzazione politica e amministrativa della Repubblica federativa del Brasile comprende l'Unione, gli Stati, distretto federale e comuni, tutti, sotto questa Costituzione.

Dopo le politiche di decentramento e devoluzione e, in particolare, a prendere in considerazione le grandi attività amministrative da eseguire da parte dello stato, emerge la necessità per la distribuzione interna di queste attività, cioè di creare in modo che ciascuno di essi ha funzioni specifiche, per il quale la macchina di stato senza intoppi, articolato e coordinato a beneficio di interessi collettivi. Si pone, quindi, la pubblica amministrazione.

2. LA COSTITUZIONE FEDERALE BRASILIANA E GOVERNO

La Costituzione federale del 1988 contiene diversi precetti sull'amministrazione pubblica brasiliana in punti diversi. Tuttavia, è ha un capitolo (capitolo VII) quali caratteristiche su aspetti generali, funzionari pubblici, membri della polizia e vigili del fuoco militari degli Stati, il distretto federale e i territori e, infine, delle regioni, che sono geoeconômicos e sociali complessi finalizzati allo sviluppo e ridurre le disparità regionali.

Ma, dopo tutto, che cosa è e-Government? Anche se appaiono una domanda semplice risposta, tali domande non è semplice a cui rispondere, perché il concetto di questa espressione non è un. Prima di concettualizzare, è necessario identificare l'approccio utilizzato.  Secondo Di Pietro (2004), ci sono quattro direzioni, vale a dire: soggettivo, biologici o formale; obiettivo materiale, o funzionale; ampio; e rigorosa.

Per quanto riguarda la direzione ha adottata per l'espressione "Pubblica amministrazione", l'opzione di ordinamento giuridico brasiliano è il senso soggettivo – impostare di agenti, agenzie e aziende che lavorano nella funzione amministrativa dello stato.

Il fatto che le attività amministrative sono ampi, quelli politici, al fine di agire in modo soddisfacente e organizzato la distribuzione di queste attività attraverso le proprie strutture organizzative interne come, reparti, settori o corpi. Pertanto, la pubblica amministrazione diretta capisce quelli politici, vale a dire Unione, Stati, distretto federale e comuni.

Tuttavia, questa divisione interna non riesce a raggiungere tutti gli interessi che lo stato deve realizzare. In tal modo, la necessità per la migliore esecuzione amministrativa non funziona, disegni nuovo decentramento – ora non è più nell'ambito della politica, ma dal punto di vista amministrativo. In questo caso, gli obblighi amministrativi vengono eseguiti da persone giuridiche che compongono la pubblica amministrazione indiretta e vengono create da entità politiche.

Pubblica amministrazione indiretta è pertanto l'insieme delle entità giuridiche distinte dello stato, ma sono stati creati da questo, al fine di svolgere attività assegnata come propria. L'articolo 4 del decreto-legge n. 200/1967, che è stato approvato dalla legge superiore al Brasile, è la base di comprensione circa la pubblica amministrazione indiretta e quindi fornisce:

Art. 4° l'amministrazione federale comprende:

I – gestione diretta, ovvero servizi integrati nella struttura amministrativa della presidenza della Repubblica e ministeri;

II – gestione indiretta, che comprende le seguenti categorie di soggetti, dotati di personalità giuridica propria:

  1. i) le autorità locali;
  2. b) pubbliche imprese;
  3. c) le società miste;
  4. d) pubblici fondazioni.

Comma unico. Incluso nell'amministrazione indiretta entità sono collegate per il ministero nella cui zona di competenza è incorniciato la sua principale attività.

Sebbene il dispositivo legale citato viene utilizzato come riferimento in termini di Fondazione organizzativa della pubblica amministrazione indiretta in Brasile, è necessario sottolineare che egli è limitato al potere esecutivo. Tuttavia, l'adozione di questa struttura focalizzata su organizzazione giuridica ed amministrativa dello stato (diretti e indiretti pubblica amministrazione) è una realtà nella Costituzione federale del 1988.

2.1. Il governo e i principi costituzionali:

Anche se non esclusivamente relative al diritto amministrativo, né essere in grado di ignorare l'uso di principi espliciti ed impliciti, all'articolo 37, caput, la Costituzione federale brasiliana sono cinque ipotesi esplicite per essere utilizzati dalla pubblica amministrazione diretta e indiretta: legalità, impersonalità, moralità, efficienza e pubblicità. Così ha l'articolo citato:

Art. 37. La pubblica amministrazione diretta e indiretta di uno qualsiasi dei poteri dell'Unione, gli Stati, il distretto federale e i comuni dovrà obbedire per forza i principi di legalità, impersonalità, moralità, publicness ed efficienza e anche al seguente:

Più precisamente in relazione al principio di pubblicità, è necessario considerarlo come uno strumento, il cui obiettivo principale è, di regola, garantire la conoscenza e controllo della società nel suo complesso e interessante.

Per Meirelles (2004:94), "pubblicità, il principio della pubblica amministrazione (arte CF. 37, caput), copre tutte le azioni di stato, non solo con il pretesto di divulgazione ufficiale delle loro azioni, come pure di propiziazione della conoscenza del comportamento dei suoi agenti interno ".

Nelle parole di Lenza (2014:1417), "il principio della pubblicità è ínsito lo stato democratico di diritto ed è strettamente legato alla prospettiva della trasparenza, il dovere della pubblica amministrazione e della società di diritto.

Dopo costituzionale l'emendamento n. 19/1998, articolo 37, paragrafo 3, della costituzione brasiliana, è entrato in vigore con un testo più ampio e più dettagliate. Dei tre elementi inseriti nel paragrafo, evidenziare la voce Valle II:

  • 3 la legge regolerà le forme di partecipazione dell'utente a pubblica amministrazione diretta e indiretta, soprattutto:

(…)

II – utente l'accesso a documenti amministrativi e le informazioni su atti del governo, fatte salve le disposizioni dell'art. 5 X e XXXIII.

Già nel titolo VIII (ordine sociale), capitolo III (educazione, cultura e sport), sezione II (della cultura), c'è l'articolo 216, paragrafo 2, in cui è disposto a "la pubblica amministrazione, in forma di legge, la gestione della documentazione di governo e misure per dare la query come molti del suo bisogno.

Così, il presupposto della pubblicità – più precisamente su focus di trasparenza – combinato con articoli 5 (pos. XXXIII), 37 (§ 3, articolo II) e 216 (§ 2), accade di essere lavorato dal legislatore brasiliano in cerca di un'amministrazione pubblica ha un più grande e migliore diafaneidade amministrativa, che aiuta a facilitare la partecipazione popolare e controllo sociale.

2.2. Il principio di pubblicità e trasparenza.

Secondo la dottrina di maggioranza, il principio della trasparenza pubblicità, subprincípio. Per le vendite (2013:232 e 233), "la pubblicità è un'attività, un'azione che utilizza vari strumenti e tecniche per rendere qualcosa di pubblico. La trasparenza è già solo una qualità di ciò che è visibile. Rendere pubblico è più che essere visibile.

Dello stesso autore, in notevole chiarezza, spiega che la pubblicità è un ingrediente importante, che è dotato il potere di introdurre e diffondere informazioni (trasparenza) e diffonderli così comprensibile ed educativo. Segue comprensione delle vendite:

Quando lo stato offre, tuttavia, tutti i loro dati, le prestazioni possono essere considerata trasparente. Già pubblicità, che significa un'azione a fare qualcosa di pubblico, visti, con vari mezzi, fare attività amministrativa è noto (sia aprendo informazioni o divulgazione), ma anche sequestrato dal pubblico cittadino. Storicamente, l'amministrazione è stata usata come un bene da privati detentori del potere. La pubblicità è uno degli strumenti, derivanti dallo stato democratico di diritto, per garantire che possiamo efficacemente publicizá it, rendono, in fatto e in diritto, un ente pubblico.

Questa visione è in linea, modo migliore, con la duplice dimensione dell'accesso alle informazioni: positivo e negativo. È caratterizzata da vari mezzi per rendere pubblico l'amministrazione efficace, non solo visibile o trasparente, ciò significa che, oltre a fornire le informazioni, divulgarle al fine di renderlo comprensibile e stimolante la partecipazione. Lei ha un democratico, scopo educativo e liberatorio. L'amministrazione dovrebbe utilizzare vari mezzi per "portare il vicino" il cittadino, utilizzando un approccio coerenza con il target di riferimento, molto più ampio di solo cercando di essere trasparente. (Vendite, 2013:233)

Tutti gli atti effettuati dalla pubblica amministrazione dovrebbero diventare conoscenza pubblica, fatta eccezione per gli atti che richiedono la segretezza. Di Pietro (2011:365 e 366) afferma che trasparenza "riguarda non solo la procedura di divulgazione per la conoscenza di tutte le parti interessate, ma anche per gli atti di amministrazione svolte nelle varie fasi della procedura, che può essere aperto agli interessati, per garantire a tutti la possibilità di monitorare la loro legittimità". Sundfeld, a sua volta, esprime anche:

L'amministrazione mai brandisce interessi, poteri o i diritti personali, il dovere di assoluta trasparenza. "Tutto il potere emana dal popolo e nel suo nome si sono esercitato" (arte CF. 1, § 1). È ovvio, quindi, che il popolo, titolare del potere, hanno il diritto di sapere tutto per quanto riguarda l'amministrazione, per l'esercizio del potere di controllo passo dopo passo. (Sundfeld, 1995:854)

In questo senso, il legislatore brasiliano, sostenuto dal presupposto della pubblicità e dall'articolo 5, XXXIII; 37, § 3, II; e 216, § 2, della Costituzione, ha deciso di modificare e pubblicare la legge n º 12.527/2011 – noto anche come diritto di accesso a informazioni (LAI), come pure il decreto n. 7.724/2012, che regolano la legge citata.

2.3.  Il diritto di accesso alle informazioni (atto n. 12.527/2011).

Di volta in volta in relazione all'accesso a informazioni Act (LAI), è importante sottolineare che si tratta di una sorta di norme progettato per affermare, come è stato detto, l'articolo 5, XXXIII; 37, § 3, II; e 216, § 2, della Costituzione federale, così da garantire il diritto fondamentale di accesso all'informazione.

Ai sensi dell'articolo 10, ogni parte interessata può presentare una richiesta di accesso alle informazioni ad agenzie ed enti, con qualsiasi mezzo, e la richiesta contenga l'identificazione del richiedente e specificando le informazioni richieste. In questo caso, spetta alle agenzie e gli enti delle autorità pubbliche per garantire la gestione trasparente delle informazioni, fornendo ampio accesso e divulgazione, senza lasciare da parte, quando indispensabile, l'adeguata protezione delle informazioni classificate e le informazioni personali, osservate la loro disponibilità, autenticità, integrità e limitare l'accesso a chi può interessare.

D'altra parte, è stabiliti all'articolo 8, che è il dovere delle autorità pubbliche e organi promuovere, indipendentemente dai requisiti di divulgazione, nell'ambito delle loro competenze, di informazioni di interesse collettivo o generale per loro prodotto o tenuti in una posizione facilmente accessibile. A tal fine, è obbligatorio utilizzare tutti i mezzi legittimi e gli strumenti a loro disposizione, essendo tenuti a divulgare i siti ufficiali del World Wide Web (internet).

Senza entrare in tutto il contesto coperto da access to Information Act, mettendo da parte gli aspetti sensibili considerato la norma, ma guardando solo i punti correlati alle ciocche per evidente portato dalla legge è possibile, immediatamente, mostrando due forme di trasparenza amministrativa pubblica: trasparenza la trasparenza attiva e passiva.

Trasparenza passiva si verifica quando le informazioni vengono inviate in risposta alla richiesta di eventuali interessati. Trasparenza già attivo è caratterizzato dalla disposizione della pubblica amministrazione di informazioni, indipendentemente dalla richiesta, anche mediante la disponibilità nei loro siti ufficiali elettronici su internet.

Trasparenza, a sua volta, trovare amparo in articolo 8 LAI, in cui è spiegato che è il dovere delle autorità pubbliche e organi promuovere, indipendentemente dai requisiti di divulgazione al posto di facile accesso, nell'ambito delle loro competenze, di informazioni di interesse collettivo o generale per loro prodotto o detenuti.

Trasparenza trasparenza attiva e passiva
Figura 1. Trasparenza la trasparenza e passivaFonte:
manuale di diritto di accesso alle informazioni per gli Stati e comuni (2013)

3. ANALISI COMPARATIVA

Benchmarking, a Spendolini (1994:10), è un "processo continuo e sistematico per valutare prodotti, servizi e processi di lavoro delle organizzazioni che sono riconosciute come rappresentanti delle migliori pratiche, con lo scopo di miglioramento organizzativo.

Per campeggiare (1998), il benchmarking è un processo continuo di misurazione di prodotti, servizi e pratiche in relazione ai più forti concorrenti o aziende riconosciute come leader nei loro settori.

La pratica di benchmarking è presentata da McNair e Leibfried (1992) come uno strumento utilizzato nell'ottenere le informazioni necessarie per sostenere il miglioramento continuo e, attraverso questo, ottenere competitivo vantaggio vis-à-vis la concorrenza.

Presto, così semplificata, è possibile inquadrare il benchmarking come un processo che mira a garantire il miglioramento continuo di una particolare istituzione, sulla base dell'osservazione di altre istituzioni che sono considerati punti di riferimento nelle sue filiali.

Senza ignorare tali modifiche necessarie per il quadro più adatto alla realtà di che organizzazione, analisi comparativa può essere considerato anche come un meccanismo che mira ad ottenere differenziale, di superiorità e di vantaggio quindi competitivo nei confronti dei concorrenti.

Nonostante sembra essere uno strumento di implementazione facile e tranquillo, è opportuno sottolineare che questo è un processo di gestione continuata di relativa complessità. A volte è ricca di considerazioni mitificadas sbagliato. Spendolini (1994:34) presenta un confronto tra considerazioni corrette ed errate nella tabella 1:

Il benchmarking è Il benchmarking non è
Un processo continuo; Un evento che si verifica una sola volta;
Un processo e ricerca che fornisce informazioni preziose; Un processo di ricerca che fornisce risposte semplici;
Un processo di apprendimento con gli altri; una ricerca pragmatica di idee; Copia; imitare;
Un processo che richiede tempo e duro lavoro; richiede disciplina; Veloce e facile;
Un valido strumento che fornisce informazioni utili per migliorare praticamente qualsiasi attività aziendale. Una novità; una moda.

Tabella 1. Benchmarking-confronto tra verità e miti
Fonte: Spendolini (1994:34)

4. L'ESEMPIO DELL'AGENZIA NAZIONALE DI AVIAZIONE CIVILE (ANAC) PER QUANTO RIGUARDA LA TRASPARENZA E LA PARTECIPAZIONE SOCIALE

Il National Civil Aviation Agency (ANAC), membro della pubblica amministrazione federale indiretta, legata al Ministero dei trasporti, porti e dell'aviazione civile, è un esempio di un'organizzazione che i valori per la trasparenza passiva, attiva e propositiva. Uno dei principali strumenti utilizzati per questo sono l'agenzia di regolamentazione Agenda Regulatory come pure le audizioni e consultazioni pubbliche.

Secondo l'Agenda normativo – relazione finale 2014, ANAC, "nel 2012, l'Agenzia ha fissato l'obiettivo di stabilire l'Agenda di regolamentazione come uno dei suoi progetti prioritari, al fine di rafforzare la trasparenza, migliorare l'ambiente e fornire una maggiore prevedibilità degli atti normativi questa agenzia dal settore dell'aviazione civile e della società".

Da ordinanza n. 2.852, del 30 ottobre 2013, riveduta da Portaria. N. 2.384, 9 ottobre 2014, il comune ha istituito la prima Agenda normativo nel 2014, per la sua attuazione nel periodo 2015-2016. Secondo la FAA, "l'ordine del giorno è un piano che rafforza il modello di trasparenza e partecipazione sociale in costante sviluppo in agenzia. È un documento che, durante il relativo periodo (Biennale di ora), formalmente i temi che si esigono un'azione prioritaria nel processo di standardizzazione di ANAC, considerando l'impatto deve essere generato alla società ".

L'Agenda di regolamentazione ha come obiettivi principali:

  1. Fornire una maggiore trasparenza, con la precedente definizione della priorità temi di azione che saranno all'ordine del giorno della FAA e il monitoraggio dello sviluppo delle attività durante il relativo periodo, che dà all'azienda una maggiore prevedibilità delle attività di regolamentazione dell'Agenzia;
  2. Fornire una maggiore e migliore sociale partecipazione, con l'inserimento della società nel processo della sua elaborazione attraverso la raccolta di contributi e temi e per dare una maggiore prevedibilità, consentire che la società contribuisce in modo più efficace;
  3. Fornire una maggiore efficienza dell'attività di regolamentazione, per essere uno strumento di regolamentazione performance pianificazione ANAC; e
  4. Promuovere il miglioramento costante delle norme prodotte, a seguito degli obiettivi di cui sopra.

Oltre a fornire un ordine del giorno, l'istituzione interessata con la revisione di questo strumento di partecipazione sociale, tra cui nuovi temi e aggiornare i termini di completamento di alcuni altri dove appropriato. Quindi, nell'esempio citato dal 2014, la verifica della conformità con la pianificazione prevista in relazione all'anno di calendario, in cui il risultato era 66%. Il calcolo dei risultati avviene dividendo il numero di passaggi completati dalla quantità di passaggi del piano di conformità fino al dicembre 2014.

Un esempio parziale dei temi elencati nella regolamentazione Agenda 2014 ANAC
Nella figura 2. Tabella parziale di argomenti di esempio elencati nell'Agenda 2014 della regolamentazion
e ANACFonte: elettronica sito ANAC

 

Un esempio parziale di argomenti esaminati e la didascalia sulla regolamentazione Agenda 2014 ANAC
Nella figura 3. Un esempio parziale di argomenti esaminati e la didascalia sulla regolamentazione Agenda 2014 ANAC
(didascalia: 1T14, 2T14, 3T14 e 4T14:1st, 2 °, 3 ° e 4 ° trimestre del 2014 rispettivame
nte) Fonte: sito elettronico ANAC

 

Tabella parziale di esempio accompagnata da esecuzioni, sulla regolamentazione Agenda 2014 ANAC
Nella figura 4. Tabella parziale di esempio accompagnata da esecuzioni, su Agenda 2014 Regulató
riaDe di ANAC
Fonte: elettronica sito ANAC

 

Elenco di esempio parziale di passaggi eseguiti, sulla regolamentazione Agenda 2014 ANAC
Nella figura 5. Elenco di esempio parziale di passaggi eseguita, su regolamentazione Agenda 2014 di ANAC
Fonte: elettronica sito ANAC

5. LA ZONA LIBERA DI MANAUS (ZFM) E DELLA SOPRINTENDENZA DELLA ZONA LIBERA DI MANAUS (SUFRAMA)

5.1. Breve storia:

La zona franca di Manaus (ZFM) è stata creata dalla legge n. 3.173, 6 giugno 1957 come un porto franco. Dieci anni più tardi, il decreto-legge n. 288 del 28 febbraio 1967, ampliato questa legislazione e rivisto il modello, che stabilisce gli incentivi fiscali per 30 anni, con l'obiettivo di garantire l'attuazione dei tre poli di diversi settori in Amazzonia – industriale, commercio e agricola. Questa opzione ha contribuito all'istituzione dell'attuale modello di sviluppo, che è ancorato su incentivi fiscali ed extrafiscais, tutti, per ridurre gli handicap regionali locali.

Nel 1967, attraverso il decreto-legge n. 291, il governo federale definito l'Amazzonia occidentale come è conosciuta oggi, che copre gli Stati di Amazonas, acro, Rondônia e Roraima-anni più tardi, la città di Macapá e Santana, Amapá, erano inclusi. Il provvedimento volto a promuovere l'occupazione di questa regione e all'innalzamento del livello di sicurezza per il mantenimento della sua integrità. L'anno successivo, mediante decreto-legge n. 356/68, il governo federale estesa parte dei vantaggi del modello per l'intero Western Amazon ZFM.

Solo dal 1989, la Soprintendenza di zona franca di Manaus, passò alla camera nella vostra zona di circoscrizione sette libero scambio zone (FTA), creato con l'obiettivo di promuovere lo sviluppo dei comuni che sono considerati come confini internazionali in Amazzonia e integrarli con il resto del paese.

Richiesto lo sviluppo di LAC attraverso l'estensione di alcuni benefici fiscali il modello ZFM, migliorare il controllo delle merci in entrata e in uscita e il rafforzamento del settore commerciale, agroalimentare e industria estrattiva. L'ALC sono: Tabatinga, Amazonas; Macapá-Santana, Amapá; Guajará-Mirim, Rondônia; Crux e Brasiléia-Epitaciolândia, San Giovanni d'Acri; e Bonfim e Boa Vista, Roraima.

La storia del modello ZFM può essere configurata in quattro fasi distinte che ha preceduto la fase corrente. Secondo Suframa, la prima fase è stato dal 1967 al 1975; il secondo, dal 1975 al 1990; la terza fase, dal 1991 al 1996; e la quarta fase compreso il periodo dal 1996 al 2002.

Nella prima fase, c'era una predominanza dell'attività commerciale; un flusso di grande turistica nazionale, stimolato dalla vendita dei prodotti la cui importazione è vietata nel resto del paese; e l'inizio dell'attività industriale con la libertà di importazione degli ingressi.

La seconda fase è stata segnata dalla politica industriale e dallo stabilimento di minimo prezzo di nazionalizzazione prodotti industrializzati in ZFM e commercializzata in altre parti del paese, così come globale massimali annui di importazione e anche dall'estensione a tutti gli incentivi di Western Amazon di ZFM modello.

Nella terza fase, la nuova politica industriale e commercio estero contrassegnato l'economia brasiliana perché ha ridotto la tassa di importazione per il resto del paese con il programma per la competitività industriale, che ha istituito i profondi cambiamenti nel modello ZFM, che ha dovuto reinventarsi. Al momento, il commercio ha entrato nel declino, i massimali di importazione annuale global modo eliminati, viene adottata la riduzione dell'88% dell'imposta sull'importazione per ZFM e il processo produttivo base (PPB) sostituendo l'indice minimo di nazionalizzazione;

Nella quarta fase a causa delle conseguenze della globalizzazione e del piano reale, il modello ZFM fu costretto ad essere ristrutturato. C'era l'inclusione dell'esportazione funzione come politica intenzionale, con l'obiettivo di incentivare le vendite estere del polo industriale di Manaus, l'esaurimento di ALC come strumenti di interiorizzazione del modello ZFM, la fissazione di criteri per il trasferimento delle risorse finanziarie di SUFRAMA per promuovere lo sviluppo regionale, la ricerca della competitività tecnologica delle industrie di Manaus in espansione. In questa fase il SUFRAMA ha iniziato ad operare come istanza di politica industriale nazionale regionale e come articolatore e mediatore degli interessi regionali.

Attualmente, la politica di sviluppo produttivo (PDP), ad approfondire la politica industriale e tecnologica del commercio estero (PITCE), fornisce una maggiore efficienza di produzione e capacità di innovazione delle aziende e l'espansione delle esportazioni. Inoltre, c'è l'implementazione strategica del processo produttivo base (PPB), che stabilisce la partecipazione locale a valore aggiunto e minima quantità di uso di fattori produttivi regionali.

5.2. Suframa:

La Soprintendenza di zona franca di Manaus (Suframa) è un'agenzia governativa sotto il Ministero dell'industria, commercio e servizi che gestisce la zona franca di Manaus (ZFM), al fine di garantire la costruzione e la solidificazione di un modello di sviluppo regionale, basato sull'uso sostenibile delle risorse naturali, garantendo la redditività economica e miglioramento della qualità della vita delle popolazioni locali.

Suframa è un'istituzione che mira a promuovere lo sviluppo economico regionale attraverso la generazione, consolidamento e attrazione degli investimenti, basato su educazione, scienza, tecnologia e innovazione, l'integrazione nazionale e inserimento internazionale competitivo. Inoltre, ha una visione di un futuro in cui si desidera essere riconosciuto come uno standard di eccellenza in agenzia lo sviluppo sostenibile, riconosciuto in patria e all'estero.

I principali obiettivi strategici che guidare l'organizzazione verso il compimento della sua missione sono: migliorare il polo industriale Manaus (PIM); aumentare le attività agricole, forestali e agro-industriali; rafforzare le attività di servizio e per gli scambi di merci; espandere le esportazioni e sostituire le importazioni concorrenziali; per attrarre investitori nazionali ed esteri, nonché a sostegno dell'imprenditoria locale; migliorare i mezzi per l'irradiazione di effetti positivi della ZFM e zone di libero scambio (FTA) per la qualità della vita e lo sviluppo endogeno; identificare e incoraggiare gli investimenti nelle infrastrutture di pubblico e di quello privato.

I poteri del Suframa possono essere sintetizzati come: redigere il master plan della zona duty free di Manaus e coordinata o promuovere la sua attuazione, direttamente o attraverso accordi con enti pubblici o enti, ivi comprese società per azioni o tramite contratto con persone o enti privati; rivedere, una volta all'anno, il master plan e valutare i risultati della sua esecuzione; promuovere lo sviluppo e l'attuazione dei programmi e progetti di interesse per lo sviluppo della zona franca; fornire assistenza tecnica ai soggetti pubblici o privati, nella preparazione o nella realizzazione di programmi di interesse per lo sviluppo della zona franca; e promuovere e diffondere ricerche, studi e analisi finalizzate al sistematico riconoscimento del potenziale economico della ZFM.

Suframa funziona su approfondimento e miglioramento della funzione di supervisione di progetti di finalísticos, l'istituzionalizzazione dell'agenzia di sviluppo, ad esempio, nell'esecuzione di studi, promozione, progetti di infrastrutture, nonché ricerca e sviluppo (P & D).

Inoltre, le prestazioni dell'autorità locale cerca di assicurare l'espansione e l'integrazione delle attività di prospezione tecnologica, business intelligence e pianificazione strategica e nell'espansione dell'attività di ricerca sulle politiche pubbliche e sviluppo socio-economico in Amazzonia occidentale.

Per quanto riguarda il ruolo istituzionale dell'ente, è importante evidenziare le azioni di sviluppo per rafforzare il sistema regionale di scienza, tecnologia e innovazione, attraverso l'applicazione delle risorse di insegnamento e strutture P & D, gli specializzandi di formazione delle risorse umane e accordi di cooperazione tecnico-scientifica con istituzioni nazionali e internazionali.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

È ovvio che la Soprintendenza della zona di libero scambio di Manaus dispone di una gamma di funzioni e i compiti intorno la responsabilità di creare, implementare, eseguire, monitorare e rifare (se applicabile) politiche pubbliche per lo sviluppo regionale in Amazzonia occidentale in armonia con altre istituzioni pubbliche delle diverse sfere di governo.

Non è facile svolgere attività che permeano e talvolta fondersi con tanti altri, sia all'interno di autorità locale, sia in relazione ad altri organi ed entità. Partnership, accordi e governance in rete sono uscite fornite dall'organo di server affinché i benefici raggiungono e rimangano in Amazzonia occidentale.

Tuttavia, sentire e agire solo sulla base di voci e il intraorganizacionais non è sufficiente. Un'istituzione non può avvalersi solo di questo know-how. Dobbiamo ascoltare il motivo delle organizzazioni pubbliche: il cittadino. Si tratta di una figura che dovrebbe essere sentita e tener conto nella stesura e nell'implementazione di politiche pubbliche, soprattutto quelli che riguardano le attività legate a un ente pubblico o entità.

Un'organizzazione pubblica che esiste e agisce senza prendere in considerazione le reali esigenze dei cittadini è una mera figura all'interno di un organigramma di governo, che consuma risorse e che non contribuisce positivamente al progresso sociale. Ci sono istituzioni che devono essere considerate come esempi positivi da seguire.

Tuttavia, non è semplice e puramente per copiare ciò che è fatto da altri organismi – non meno importante perché sarebbe come il tifo per te le stesse competenze e attività dell'organizzazione copiato, che sarebbe immediatamente illegale. Così, che cosa sarebbe l'ideale? A questo proposito, sarebbe opportuno fare quelle grandi aziende private in relazione agli altri che prosperano in nuovi prodotti, processi e atteggiamenti. In altre parole, l'ideale sarebbe utilizzare, tra gli altri, lo strumento di benchmarking.

Di conseguenza, quando si prende in considerazione la pratica del National Civil Aviation Agency (ANAC) come paradigmatico – più precisamente per quanto riguarda l'Agenda di regolamentazione –, è legittimo che Suframa nota e adatta queste pratiche alla realtà dello sviluppo regionale.

Ovvio che non è possibile per il complesso lavoro svolto da un'istituzione come Suframa (nel contesto della preparazione di un'agenda per trasparenza e partecipazione sociale) si inserisce in alcune linee suggestive.

Tuttavia, vale la pena dire che sarebbe interessante che la Soprintendenza di zona franca di Manaus, dopo aver ascoltato i cittadini sui loro reali interessi e bisogni, considera (all'interno di ciascuno dei suoi uffici allegata) i temi più richiesti e/o preso come una priorità.

Oltre ad essere suonato da Vice Sovrintendente, forse segmentazione coinvolge segregazione degli interessati di nicchia e/o dalla posizione del target audience-imprenditori, Manaus / AM; produttori rurali di Brasiléia/AC; o commercianti, di Porto Velho/RO per esempio.

La pianificazione esecutiva servirebbe come una sorta di patto firmato da Suframa, società (rappresentata da sindacati, associazioni, fondazioni, dal legittimamente scelto e collegato direttamente all'argomento trattato nella pianificazione) e il ministero a cui è associato il Suframa.

È della massima importanza per partecipazione popolare nelle decisioni prese dalla Soprintendenza di ZFM, perché la protezione per il lavoro svolto da funzionari pubblici nell'interesse del tuo pubblico di destinazione avrà doppia convalida: legale e sociale.

Guimarães e Amorim (2015:182) afferma che "non è sufficiente per l'esistenza di uno spazio pubblico (…). È necessario, in primo luogo, che questa esistenza è condiviso e tutte le persone coinvolte in condizioni di visibilità ". Non ci può essere nessuna disuguaglianza, dominazione o false rappresentazioni popolari durante le opportunità di espressione dell'opinione dei cittadini, che a volte comprende anche i titolari di propri mandati politici (persone e/o rappresentanti dello stato).

7. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Brasile. L'Agenzia nazionale per l'aviazione civile. Agenda di regolamentazione. Disponibile a: <http: www.anac.gov.br/participacao-social/agenda-regulatoria="">.</http:> Acceduto a sopra 21 giugno 2016.

________. Ordinanza n. 2384, 9 ottobre 2014. Disponibile a: <http: www.anac.gov.br/assuntos/legislacao/legislacao-1/portarias/portarias-2014/portaria-no-2384-spo-de-10-09-2014/@@display-file/arquivo_norma/pa2014-2384.pdf="">.</http:> Accesso il 6 agosto 2016.

________. Ordinanza n. 2852, del 30 ottobre 2013. Disponibile a: <http: www.anac.gov.br/assuntos/legislacao/legislacao-1/portarias/portarias-2013/portaria-no-2852-dir-de-30-10-2013/@@display-file/arquivo_norma/pa2013-2852.pdf="">.</http:> Accesso il 6 agosto 2016.

BLOG DI ROCCIA. Il commercio nella zona di libero scambio Manaus negli anni 70. Disponibile in: < http://jmartinsrocha.blogspot.com.br/2013/08/o-comercio-da-zona-franca-de-manaus-na.html=""> </>. Accesso a: 7 agosto 2016.

CAMP, Robert c. Benchmarking: il percorso della qualità totale. 3. Ed. São Paulo: Pioniere, 1998.

DI PIETRO, Mary Sylvia Zanella. Diritto amministrativo. 17. Ed. São Paulo: Atlas. 2004.

________. Diritto amministrativo. 24. Ed. São Paulo: Atlas. 2011.

DIMOULIS, Dimitri. Significato e la tempestività della separazione dei poteri. In: Johncy de Moura Agra. (Org.). Costituzionalismo. Le sfide del terzo millennio. 1ED. Belo Horizonte: Forum, 2008, v. 1, p. 143-161.

ISTITUTO DI DURANGO DELEON. La rivista di crociera, settembre 1971 15D. Disponibile in: < http://idd.org.br/acervo/revista-o-cruzeiro-15-de-setembro-de-1971-2/=""> </>. Accesso a: 7 agosto 2016.

MCNAIR, J. C.; LEIBFRIED, k. h. j. Benchmarking: uno strumento per il miglioramento continuo. Rio de Janeiro: Campus, 1992.

MEIRELLES, Hely Lopes. Diritto amministrativo brasiliano. 24. Rev a cura. e aggiornato. São Paulo: Malheiros Editores. 2004.

Brasile. Ministero di trasparenza, supervisione e controllo. Manuale del diritto di accesso alle informazioni per gli Stati e comuni. 1. Ed. 2013. Disponibile a: <http: www.cgu.gov.br/publicacoes/transparencia-publica/brasil-transparente/arquivos/manual_lai_estadosmunicipios.pdf="">.</http:> Acceduto a sopra 22 giugno 2016.

LENZA, Pedro. Diritto costituzionale delineato. 18. Rev. ed., attuale. e ampl. São Paulo: Saraiva, 2014.

VENDITE, Ramiro Gonçalves. Il diritto di accesso all'informazione pubblica. Disponibile a: <http: uolp.unifor.br/oul/conteudosite/f1066346461/dissertacao.pdf="">.</http:> accesso 4 giugno 2016.

SPENDOLINI, J. M. analisi comparativa. São Paulo: Makron Books, 1994.

SUNDFELD Carlos Ari. Principio della pubblicità amministrativa. Diritto di un certificato di nascita, la vista e la citazione in giudizio. Rivista di diritto pubblico. 1995.

Brasile. Soprintendenza di zona franca di Manaus. Istituzionale. Disponibile a: <http: site.suframa.gov.br/acesso-a-informacao/institucional="">.</http:> Accesso a: 7 agosto 2016.

________. Perché investire. Disponibile a: <http: www.suframa.gov.br/invest/porque-investir.cfm="">letta: 7 agosto 2016.</http:>

________. Progetti industriali. Disponibile a: <http: www.suframa.gov.br/invest/como_projetos-industriais.cfm="">letta: 7 agosto 2016.</http:>

________. Zona Franca de Manaus – completezza. Disponibile a: <http: www.suframa.gov.br/invest/zona-franca-de-manaus-abrangencia.cfm="">.</http:> Accesso a: 7 agosto 2016.

[1] Laurea in diritto amministrativo e appalti l'Università Cândido Mendes (UCAM/Prominas) e si è laureato in tecnologia di governo presso la University of southern Santa Catarina (Unisul). Atti come dipendente pubblico della zona franca di Manaus Soprintendenza (Suframa), come analista amministrativo;

[2] Post-laurea nella pubblica amministrazione da Universidade Cândido Mendes (UCAM/Prominas). Si è laureato in business administration presso l'Università di stato di Amazonas (UEA). Atti come dipendente pubblico della zona franca di Manaus Soprintendenza (Suframa), come analista amministrativo;

[3] Post-laurea nella pubblica amministrazione da Universidade Cândido Mendes (UCAM/Prominas) e si laurea in contabilità formazione University Center Superior Amazonas (CIESA). Atti come dipendente pubblico della zona franca di Manaus Soprintendenza (Suframa), incaricato di contatore;

[4] Post-laurea in pubblica amministrazione e gestione delle città dall'International University Center (Uninter) e si è laureato la Pontifícia Universidade Católica de Goiás (PUC/GO). Atti come dipendente pubblico della zona franca di Manaus Soprintendenza (Suframa), incaricato di ingegnere civile; e

[5] Post-laurea in diritto tributario da Universidade Anhanguera-Uniderp (Anhanguera/LFG) e si è laureato in contabilità presso l'Università federale di Amazonas (UFAM). Agisce come dipendente pubblico della zona franca di Manaus (Suframa), Soprintendenza responsabile contatore.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 4152
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?