Gestione delle informazioni contabili come sussidio ai processi decisionali

0
237
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Rate this post
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

MARZZONI, David Nogueira Silva [1], SILVA, Antônio Wairan Ferreira da [2], OLIVEIRA, Epaminondas de Azevedo [3]

MARZZONI, David Nogueira Silva. SILVA, Antônio Wairan Ferreira da. OLIVEIRA, Epaminondas de Azevedo. Gestione delle informazioni contabili come sussidio ai processi decisionali. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 03, Vol.09, pagg. 160-175. Marzo 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/contabilita/informazioni-contabili

ASTRATTO

L’obiettivo di questa ricerca è analizzare l’uso delle informazioni contabili da parte degli imprenditori di Rondon do Pará / PA. Perché attraverso questi report, i manager possono prendere decisioni e ridurre i rischi inerenti al business. In questo senso, è stato condotto uno studio per verificare come le informazioni contabili influenzino il processo decisionale. La metodologia utilizzata per svolgere la ricerca è stata sviluppata attraverso l’applicazione di un questionario composto da domande aperte e chiuse per la raccolta dati. Per lo studio, è stato utilizzato un campione casuale di 20 microimprese di un universo di 181 aziende, secondo i dati della Camera dei negozianti di Rondon do Pará / PA. Si è riscontrato che la maggior parte delle imprese ha più di 5 anni di attività nel mercato, dimostrando di essere società consolidate nel settore. È stato inoltre verificato il grado di rilevanza attribuito alle segnalazioni provenienti dalla contabilità e che molti manager, pur ritenendo tali segnalazioni importanti per questioni economiche, raramente utilizzano tali informazioni nel processo decisionale del management.

Parole chiave: informazioni contabili, microimpresa, contabilità.

1. INTRODUZIONE

In uno scenario sempre più competitivo nell’ambiente aziendale, l’informazione diventa uno strumento indispensabile per le aziende, essendo qualcosa di fondamentale importanza per l’organizzazione dell’impresa e la sua massimizzazione in modo produttivo.

Ogni giorno, le organizzazioni sono soggette a una quantità di dati e informazioni che richiedono un’amministrazione specifica (BEUREN, 2000). I manager devono sempre prendere decisioni essenziali in relazione al business e sapere come lavorare con queste informazioni per affrontare i problemi in modo efficace e allo stesso tempo guadagnare importanza nel mercato.

Come affermano giustamente Carvalho e Nakagawa (2004), si può affermare che la contabilità è la scienza responsabile della misurazione del patrimonio netto dell’entità, quindi è chiaro che il suo obiettivo principale è quello di generare informazioni strutturate e affidabili per i propri utenti sull’azienda, non It è esagerato affermare che la contabilità ha la funzione di fornire ai gestori dei dati al fine di generare informazioni rilevanti che, applicate in modo efficiente, consentono agli utenti di raggiungere i propri obiettivi sulla base di report contabili.

In Brasile, le micro e piccole imprese (MPI) svolgono un ruolo estremamente importante nell’economia del paese. Secondo SEBRAE Mato Grosso (2014), ci sono circa 9 milioni di MPI in Brasile, che corrispondono al 27% del Prodotto Interno Lordo (PIL), una percentuale che si è evoluta negli ultimi anni, quindi, sembra che le piccole imprese siano i principali generatori di ricchezza nel commercio brasiliano.

Per Baty (1994), le piccole imprese contribuiscono in modo significativo allo sviluppo collettivo, contribuendo alla crescita del corpo sociale ed economico, data la quantità di posti di lavoro generati da queste entità.

Secondo Stroeher (2005), le micro e le piccole imprese richiedono un’attenzione differenziata in relazione alla gestione, in quanto hanno un quadro tipico con situazioni intrinseche che le rendono diverse dalle grandi aziende, come aspetti fiscali, lavoro specifico e problematiche legate alla contabilità e alla finanza .

Nonostante esercitino una grande importanza socioeconomica, le MPI hanno un alto tasso di mortalità nei primi cinque anni di vita, spesso a causa della mancanza di una gestione efficace da parte dei manager. Per Marzzoni e Souza (2020) l’assenza di consenso sul giudizio contabile, riduce l’importanza delle dichiarazioni nei meri adempimenti fiscali, invece di fungere da strumento di supporto alla gestione. Pertanto, la mancanza di manager è percepita in relazione a una consulenza efficace da parte dei contabili.

Stroeher e Freitas (2006) affermano che i rapporti contabili difficilmente servono come aiuto negli esercizi, sono considerati nella maggior parte dei casi come obblighi fiscali, classificati come spese obbligatorie.

Questo lavoro mirava a identificare l’uso delle informazioni contabili da parte degli imprenditori nella città di Rondon do Pará / PA. Risulta quindi evidente la necessità di confronto sull’argomento, data la sua attuale natura e soprattutto per la rilevanza delle ricerche relative alle informazioni contabili utilizzate per le decisioni gestionali.

Alla luce di quanto sopra, lo studio cerca di rispondere alla seguente domanda problematica: in che modo gli imprenditori di Rondon do Pará utilizzano le informazioni contabili come base per il processo decisionale?

L’articolo si compone di cinque sezioni. Dopo questa introduzione, viene presentata la revisione della letteratura, che affronta gli aspetti relativi alle informazioni contabili, gli attributi delle informazioni contabili e gli aspetti di gestione dell’ufficio contabile aziendale. La terza sezione contempla la metodologia di ricerca. Il quarto si occupa dell’analisi dei dati. Giovedì viene presentata la conclusione.

2. FONDAMENTI TEORICI

2.1 INFORMAZIONI CONTABILI

La contabilità, basata sul metodo della partita doppia per il controllo e lo studio del patrimonio, mira a misurare e allocare le risorse sulla base delle informazioni contabili evidenziate attraverso bilanci, note esplicative, relazioni, libri o qualsiasi altro mezzo utilizzato dal professionista o previsto dalla normativa .

Secondo Marion (1988), la contabilità è di fondamentale importanza per assistere nel processo decisionale all’interno di un’azienda, poiché attraverso di essa vengono raccolti dati pecuniari sull’entità, materializzati attraverso rapporti, che in un certo modo influenzeranno la gestione.

Simon (1970) commenta che le informazioni contabili sono diventate uno strumento di fondamentale importanza che l’amministratore ha per esaminare il proprio lavoro. Le principali fonti di informazioni contabili sono i fatti finanziari registrati in un’impresa, il professionista contabile ha il ruolo di osservare tali eventi e di compilarli per presentare queste informazioni attraverso relazioni contabili.

Come affermano giustamente Oliveira, Müller e Nakamura (2000), oltre a creare informazioni, la contabilità chiarisce gli eventi azionari, in modo da poter pianificare esercizi successivi, eseguire analisi, controllo, tra gli altri scopi legati alla gestione.

Le informazioni contabili sono suddivise nei report in gruppi di “conti”, classificati come costi, proventi e spese che un’azienda può avere. A volte questo raggruppamento può creare confusione, cosa di cui molti manager non si rendono conto durante l’analisi dei report contabili, causando errori nelle dichiarazioni.

Se le informazioni contabili, da un lato, possono essere considerate rilevanti nel processo decisionale manageriale, molti utenti non sono in grado di assimilare queste informazioni evidenziate nei report perché non sono a conoscenza del concetto di molti termini utilizzati in queste dichiarazioni (MOREIRA et al. 2013).

Per Beuren (2000) la più grande sfida informativa è istruire i manager dell’azienda a raggiungere i propri obiettivi all’interno dell’organizzazione, sapere come trattare queste informazioni è essenziale per il successo aziendale.

Così, Atkinson et al. (2000) affermano che la funzione della contabilità è quella di produrre informazioni che contribuiranno al processo decisionale in modo tempestivo. La maggior parte dei manager non prende decisioni relative alla gestione sulla base delle informazioni contabili proprio a causa della mancanza di comprensione dei vantaggi che queste informazioni potrebbero portare nella gestione dell’azienda, con questo è chiaro che molti manager considerano la contabilità solo come una spesa di di natura fiscale, senza aggiungere valore all’impresa (LIMA et al. 2004).

Pertanto, la contabilità per svolgere la sua funzione di portare informazioni adeguate ai propri utenti, in modo che prendano decisioni fondamentali relative alla gestione, deve presentare alcune caratteristiche di base, come essere chiara, completa, pertinente, integrale, utile, dignitosa e focalizzata sulla gestione dell’impresa.

2.2 ATTRIBUTI DELLE INFORMAZIONI CONTABILI

Le informazioni contabili, in particolare quelle esplicite nel bilancio, specialmente quelle di natura fiscale, devono fornire una visione ragionevole della società e soddisfare in modo soddisfacente gli scopi dei suoi utenti. Affinché queste informazioni siano consolidate, devono possedere alcune caratteristiche, quali affidabilità, tempestività, comprensibilità e comparabilità, oltre ad essere rilevanti e affidabili.

Per Paulo (2002), queste caratteristiche possono essere primarie e secondarie rispetto a informazioni valide, considerando un’eccezione integrale, cioè l’analisi costi-benefici delle informazioni, la comprensibilità essendo caratteristiche dell’utente assumendo che abbia una certa conoscenza della contabilità e up dell’ente, su una scala che lo qualifichi a comprendere le informazioni presenti nelle dichiarazioni, nell’ipotesi che garantisca di analizzarle con l’approfondimento necessario.

La concretezza delle informazioni come linea di autenticazione, che è la materialità, come caratteristica primaria c’è l’affidabilità e la pertinenza e come caratteristiche secondarie abbiamo la comparabilità, la coerenza e l’uniformità.

La materialità simboleggia un concetto permeabile in relazione alle caratteristiche, principalmente di affidabilità e rilevanza. Con questo, le informazioni diventano essenziali per l’amministratore aziendale, quando fa la differenza per la gestione aziendale, essendo in grado di convalidare o correggere le prospettive (STROEHER e FREITAS, 2006).

Secondo CPC 00 (R1) (2011), l’affidabilità o la rappresentazione affidabile delle informazioni si basa sull’accuratezza, la legittimità e la completezza dei documenti. Santos (1998) afferma che la comparabilità esercita l’interazione con l’affidabilità e la pertinenza, collaborando così per l’applicazione delle informazioni in modo efficiente.

La comparabilità implica coerenza e uniformità, consentendo all’utente di comprendere il miglioramento nel tempo, nella stessa impresa o più entità, utilizzando le stesse procedure nei periodi come riferimento (PAULO, 2002).

Secondo Santos (1998), la selezione dell’unione effettiva della qualità dell’informazione è soggetta alle necessità dell’utente, cioè le informazioni rilevanti per un utente potrebbero non essere rilevanti per un altro, dipende da chi le analizza. La contabilità nel suo scopo di istruire non è in grado di rispondere alle prospettive di ogni profilo di manager, è costretta a fornire un insieme banale supponendo che la maggior parte degli utenti delle informazioni siano utili.

2.3 UFFICIO CONTABILE E GLI ASPETTI GESTIONALI

Flippo e Musinger (1970) affermano che una parte dei manager esercita la propria attività limitata dalla quantità di materiali (dati) disponibili a causa della loro agilità nell’accedervi e soprattutto della loro capacità di esaminarli. La buona performance di un manager è legata alla sua competenza nell’utilizzo delle informazioni, nell’essenza e nella qualità delle sue decisioni.

Gli imprenditori sono più attenti alle informazioni relative alle tematiche fiscali, sempre alla ricerca di modi per evitare il carico fiscale e dimenticando aspetti come il controllo, la pianificazione, la logistica e altri punti legati alla gestione.

Oliveira, Müller e Nakamura (2000) affermano che nella maggior parte delle aziende si verificano notevoli distorsioni nei bilanci motivate principalmente da fattori fiscali, trasformando le informazioni contabili in documenti che non aggiungono alcun valore all’amministrazione, cosa che si manifesta particolarmente nelle piccole imprese di affrancatura.

Per Carvalho e Nakagawa (2004) la maggior parte dei bilanci così dichiarati sono in cast, oltre ad essere fortemente influenzati dalla normativa fiscale, fatto che rende difficile presentare le necessarie informazioni gestionali. Sempre per gli autori, un altro fattore che ne ostacola il processo di elaborazione è la diversità degli utenti.

Albuquerque (2004) ha osservato che la maggior parte delle decisioni di gestione sono prese sulla base dell’esperienza e delle supposizioni dei gestori, e non su un’analisi dettagliata delle informazioni finanziarie e di mercato. Pertanto, spetterebbe al contabile stabilire un riavvicinamento, partecipare e apprendere di più sulla routine aziendale dei suoi clienti, dimostrando con convinzione l’importanza della contabilità per una gestione aziendale di qualità.

In questo contesto, ulteriori studi sull’argomento sono giustificati, poiché diventa chiara la necessità di un supporto contabile che possa aiutare i manager a prendere le loro decisioni in base alla realtà della loro attività. In un certo senso, le micro e piccole imprese sono scarsamente studiate, così come il loro processo di generazione e utilizzo delle informazioni per il processo decisionale, l’importanza data alla contabilità e il modo in cui sono gestite.

3. METODOLOGIA

Per quanto riguarda la metodologia, il presente studio è caratterizzato come una ricerca descrittiva per cercare di descrivere e presentare una visione dell’uso della contabilità per supportare le decisioni di gestione nelle microimprese nella città di Rondon do Pará.

Per quanto riguarda l’approccio al problema, è identificato da un carattere quantitativo, in quanto indirizza l’opinione di micro e piccoli imprenditori sull’importanza delle informazioni contabili e sul grado di utilizzo nei loro processi quotidiani, attraverso domande che valutano, in generale, il profilo e la loro percezione dei benefici gestionali ottenibili con l’utilizzo delle informazioni contabili a supporto delle decisioni.

Per quanto riguarda le procedure, il presente studio è caratterizzato da una ricerca sul campo, che mira a descrivere fenomeni, profili o caratteristiche di un gruppo di individui, che in questo caso è il settore delle micro imprese a Rondon do Pará / PA.

La popolazione di studio in questione è il settore delle micro imprese nella città di Rondon do Pará Per quanto riguarda le procedure di analisi dei dati, i questionari saranno tabulati in software Excel, mostrati attraverso statistiche descrittive.

3.1 DELIMITAZIONE DEL CAMPIONE

Lo scopo dello studio sono le microimprese che operano nel commercio nella città di Rondon do Pará, situata nel sud-est dello stato del Pará. Inizialmente, sono state ottenute informazioni sul numero di microimprese esistenti nella città dal Camera dei negozianti di Rondon do Pará (CDL), che ha indicato che ci sono circa 181 microimprese nella città, quindi abbiamo scelto un campione composto da 20 aziende a caso.

3.2 RACCOLTA DEI DATI

Per quanto riguarda la raccolta dei dati, è stata condotta una ricerca sul campo attraverso un questionario composto da 8 domande aperte e chiuse, applicate personalmente in ciascuna azienda. Oltre alle informazioni passate direttamente dai gestori che erano disponibili a discutere di più sul tema della ricerca, aiutando così con maggiore chiarezza nell’analisi.

4. ANALISI DEI RISULTATI

Il campione era composto da aziende classificate come microimprese in base alle informazioni fornite dalla CDL nella città di Rondon do Pará / PA, i dati in Tabella 1 mostrano il tempo di attività delle aziende del campione, mostrando la frequenza in relazione alle 20 aziende intervistate.

Tabella 1 – Tempi di operatività dell’azienda

Tempo Frequenza %
Da 1 a 3 anni 3 15
Da 4 a 6 anni 1 5
Da 7 a 9 anni 3 15
10 anni o più 13 65
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Si osserva che sono 13 le imprese con 10 anni o più di esperienza nel commercio, indicando una frequenza del 65% rispetto al campione, a dimostrazione di una notevole percentuale di imprese che sono riuscite ad affermarsi nel mercato.

Si percepisce anche un discreto numero di nuove iniziative tra 1 e 3 anni, che rappresentano il 15% del campione di ricerca rispetto alla ricerca condotta da Boas e Morais (2014) a Tangará da Serra-MT che ha osservato una percentuale del 22,5% di stabilimenti da 1 a 3 anni.

Relativamente alle segnalazioni fornite dalla Contabilità è stata posta una domanda a scelta multipla, con la possibilità di verificare più di un’alternativa, al fine di analizzare quali segnalazioni vengono offerte dalla Contabilità e dopo aver analizzato i questionari si sono ottenuti i seguenti risultati dati nella tabella 2.

Tabella 2 – Segnalazioni ricevute dalla contabilità – Anno 2019.

Segnalazione Frequenza %
Stato patrimoniale, stato patrimoniale, flusso di cassa, conto economico 8 40
Rapporti fiscali e sul lavoro 15 75
Report merci in entrata / uscita, entrate e pagamenti 10 50
Informazioni passate direttamente dal contabile 5 25
Altri 5 25

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Si segnala che i rapporti fiscali e di lavoro sono i più forniti dalla contabilità con una percentuale del 75%, seguiti dai rapporti di entrata / uscita di merci, vendite e contabilità fornitori con circa il 50% e infine il 40% degli intervistati dichiarati riceve rendiconto finanziario, stato patrimoniale, stato patrimoniale e conto economico.

Le percentuali sono significative se si tiene conto degli studi di Boas e Morais (2014) che hanno rilevato che il 24% dei manager ha ricevuto il bilancio, il 19% il rendiconto finanziario e il 10% il bilancio.

Alla domanda sulla rilevanza delle informazioni contabili nel processo di gestione dell’azienda, il 90% degli intervistati le ha attribuite come importanti per prendere decisioni economico-finanziarie, come mostrato nella Tabella 3.

Tabella 3 – Importanza dei report contabili per la gestione aziendale

Alternative Frequenza %
18 90
No 2 10
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Ciò corrobora con lo studio condotto da Freitas (2017) a Sant’Ana do Livramento, rivelando che la maggior parte dei manager considera le relazioni contabili fondamentali per il processo decisionale del management.

Nel valutare quali risorse vengono utilizzate più frequentemente in relazione a questioni di gestione, sono stati trovati i seguenti risultati secondo la Tabella 4. A tal fine, è stata posta una domanda a scelta multipla con la possibilità di contrassegnare più di un’opzione.

Tabella 4 – Le risorse vengono utilizzate più frequentemente per il processo decisionale

Risorse Frequenza %
Ricerca di mercato 12 60
Fogli di calcolo Excel 6 30
Banca dati 4 20
Internet 5 25
Rapporti contabili 3 15
Esperienza 14 70
Intuizione 4 20

Fonte: preparato dagli autori (2020).

La ricerca evidenzia che il 70% dei manager prende decisioni basate solo sulla propria esperienza per gestire il business, quindi la ricerca di mercato viene indicata con il 60% come la più utilizzata in management, come afferma lo studio di Moreira et al. (2013) in cui hanno intervistato 146 aziende nella città di Teófilo Otoni-MG e hanno osservato gli stessi risultati in cui un’ampia percentuale di intervistati gestisce le proprie attività sulla base della propria esperienza e ricerca di mercato come risorse principali per affrontare le situazioni quotidiane.

Pertanto, sembra che i manager non comprendano il bilancio nel miglior modo possibile, poiché nonostante li considerino importanti per la gestione aziendale, non li utilizzano frequentemente nella gestione dell’impresa (KOS et al., 2014).

Solo il 15% dei manager utilizza periodicamente i report contabili come sussidio per il processo decisionale, una frequenza preoccupante se confrontata con la ricerca condotta da Boas e Morais (2014) che hanno osservato che il 76% degli imprenditori utilizza le dichiarazioni contabili a supporto delle questioni gestionali.

Al contrario, i dati confermano la ricerca di Rebouças et al. (2017) condotto nella città di Mossoró-RN, in cui il 17% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare rapporti contabili per quanto riguarda la gestione aziendale.

Per quanto riguarda la percezione degli intervistati su quale area l’informazione contabile abbia maggiore rappresentatività e risalto, è stata posta una domanda aperta, dando così più autonomia all’intervistato di riflettere sulla domanda, sono stati verificati i seguenti risultati, come mostrato nella Tabella 5.

Tabella 5 – Area in cui le informazioni contabili sono più utili

La zona Frequenza %
Tasse e lavoro 16 80
Controllo di gestione 3 15
Rapporti generali 1 5
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Sembra che l’80% dei manager abbia dichiarato il settore fiscale e del lavoro come l’area in cui le informazioni contabili hanno maggiore rilevanza rispetto a Moreira et al. (2013) ciò si verifica a causa della mancanza di comprensione da parte dei manager del potenziale supporto gestionale che la contabilità può avere.

Sembra che il 15% concordi sul fatto che il bilancio è più utile nel prendere decisioni e questioni legate alla gestione, contrariamente alla ricerca condotta da Boas e Morais (2014) in cui l’87% ha affermato che le informazioni contabili sono importanti per la gestione amministrativa. Infine, il 5% considera le informazioni contabili fondamentali in tutti i settori dell’istituzione.

Sulla prosecuzione del contratto con il tuo commercialista se la riscossione delle tasse e dei contributi sociali è stata semplificata in modo che non fosse necessaria l’assistenza del commercialista per il loro calcolo, come mostrato nella Tabella 6.

Tabella 6 – Disponibilità a mantenere con i servizi di contabilità

Alternative Frequenza %
12 60
No 8 40
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

L’indagine dimostra che il 60% degli intervistati rimarrebbe con il contratto di servizio con il commercialista e il 40% non manterrebbe i servizi se semplificasse la riscossione di tasse e contributi, indicando che alcuni imprenditori vedono la figura del commercialista come il professionista in incaricato di adempiere ai propri obblighi di natura legislativa.

Quindi è stato chiesto se i manager sarebbero stati disposti a pagare più del dovuto per il contabile se avesse offerto report per migliorare le prestazioni dell’azienda, seguendo i dati secondo la Tabella 7.

Tabella 7 – Disponibilità ad assumere un consulente contabile

Alternative Frequenza %
14 70
No 8 30
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Molti manager hanno dichiarato che sarebbero disposti a pagare più del dovuto se il commercialista fornisse rapporti a beneficio del management, per un totale del 70% degli intervistati, una cifra espressiva, a dimostrazione che molti imprenditori sono interessati a un servizio oltre il tradizionale da parte degli uffici contabili, e circa un terzo ha affermato che non avrebbe pagato più del dovuto per questi servizi.

A riprova dello studio di Brandão e Buesa (2013) nella città di Vargem Grande Paulista che ha rilevato che il 70% degli intervistati concorda pienamente sul fatto che la consulenza è uno strumento fondamentale nella gestione aziendale e che la consulenza con i servizi tradizionali facilita le prestazioni dell’azienda.

Infine, quando è stato chiesto quale professionista avrebbe assunto per misurare le prestazioni dell’azienda e gestirla, è stata posta una domanda aperta, dando risposte più imparziali agli intervistati, i risultati sono stati ottenuti come mostrato nella Tabella 8.

Tabella 8 – Professionista che l’azienda assumerebbe per valutare e controllare le proprie prestazioni

Professionale Frequenza %
Amministratore 10 50
Economista 3 15
Counter 3 15
Dipendente 1 5
Non sapevo 3 15
Totale 20 100

Fonte: preparato dagli autori (2020).

Si può osservare che nella concezione degli intervistati, il 50% indica che un amministratore per tale funzione sarebbe il più adatto, e solo il 15% assegnerebbe questa funzione a un contabile, quindi, secondo Moreira et al. (2013), il professionista contabile non è conosciuto come un professionista che produce informazioni utili per la gestione aziendale, ovvero la percezione che si ha del professionista contabile è principalmente legata ai servizi che mirano a soddisfare le esigenze delle autorità fiscali.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Lo studio ha cercato di analizzare come imprenditori e manager di micro imprese nella città di Rondon do Pará / PÁ utilizzano le informazioni contabili per il processo decisionale e l’importanza attribuita a queste dichiarazioni.

Per quanto riguarda l’obiettivo generale, è possibile verificare la comprensione degli intervistati in merito ai report contabili e contabili e che alcuni di questi manager utilizzano alcune dichiarazioni per il controllo aziendale, ha anche scoperto quali report vengono consegnate dal commercialista con maggiore coerenza.

Sembra che gli uffici contabili non offrano un supporto al di fuori del servizio convenzionale, che potrebbe essere un differenziale, data la notevole percentuale di dirigenti in base alle loro conoscenze, essendo una fonte dubbia per garantire la continuità del mercato.

Un altro punto interessante è stato che alcuni intervistati non sono stati in grado di rispondere a quale professionista avrebbero assunto per valutare lo sviluppo dell’azienda, rivelando la mancanza di assistenza a questi imprenditori.

È quindi evidente che gli uffici contabili oltre ai servizi tradizionali devono fornire ai clienti un servizio di consulenza, cercando di soddisfare questa specifica esigenza.

Per quanto riguarda le limitazioni, l’indagine ha riguardato solo le microimprese del commercio al dettaglio di Rondon do Pará / PA, escludendo gli altri segmenti, c’era anche molta difficoltà per quanto riguarda la raccolta dei dati, i questionari sono stati applicati personalmente allo scopo di migliore riempimento e anche così ci sono state occasioni difficili con resistenze da parte degli intervistati, tuttavia è stato possibile terminare la ricerca in modo efficiente. Per studi futuri è consigliabile coprire la gamma di segmenti ai fini del confronto tra settori e dimensioni aziendali.

RIFERIMENTI

ALBUQUERQUE, A. F. Gestão estratégica das informações internas na pequena empresa: estudo  comparativo de casos em  empresas  do  setor  de  serviços  hoteleiro  da região de Brotas. 2004.

ATKINSON, Anthony A. et al. Contabilidade gerencial. São Paulo: Atlas, 2000.

BATY, G. B. Pequenas e médias empresas dos anos 90: Guia do Consultor e do Empreendedor. São Paulo: Makron Books do Brasil, 1994.

BEUREN, I. M. Gerenciamento da informação: um recurso estratégico no processo de gestão empresarial. 2.ed. São Paulo: Atlas, 2000.

BOAS, R. G. V.; MORAIS, M. Í. Informação contábil nas micro e pequenas empresas: uma pesquisa de campo na cidade de Tangará da Serra- MT.2014. Disponível em:<http://periodicos.unemat.br/index.php/ruc/article/view/283>. Acesso em 29 de Novembro de 2019.

BRANDÃO, E. A. C.; BUESA, N. Y. O Papel do Escritório Contábil Consultoria versus Serviços Tradicionais Estudo de caso em Empresas de Vargem Grande Paulista. Revista Eletrônica Gestão e Negócios – Volume 4 – nº 1, 2013.

CARVALHO, A. M. R.; NAKAGAWA, M. Informações contábeis: um olhar fenomenológico. In: Congresso Brasileiro de Contabilidade, 17. 2004, Santos. Resumos… Brasília: Conselho Federal de Contabilidade, 2004.

COMITÊ DE PRONUCIAMENTO CONTÁBIL (CPC 00(R1)). Estrutura Conceitual para Elaboração e Divulgação de Relatório Contábil-Financeiro. PRONUNCIAMENTO CONCEITUAL BÁSICO (R1), 2011.

FLIPPO, E. B.; MUSINGER, G. M. Management. 5. ed. Boston: Allyn & Bacon, 1970. HORNGREN, C. T.; SUNDEM, G. L; STRATTON, W. O. Contabilidade Gerencial. 12. ed. São Paulo, Prentice Hall, 2006.

FREITAS M. B. Informações Contábeis e Financeiras em Microempresas: A Visão de Gestores da Indústria de Confecção em Sant’Ana do Livramento. 2017. Disponível em<http://dspace.unipampa.edu.br/bitstream/riu/2081/1/Matheus%20Brasil%20Freitas.pdf>. Acesso em 29 de Novembro de 2019.

KOS. S. R. et al. Compreensão e utilização da informação contábil pelos micro e pequenos empreendedores em seu processo de gestão. Revista Universidade Estadual Maranhão.  vol. 11, n. 13, 2013, p. 113-149 2014. Disponível em:<http:///periodicos.uem.br/ojs/index.php/Enfoque/article/download/21069/14032>. Acesso em: 08 de Dezembro de 2018.

LIMA, M. R. S. et al. Uma contribuição a importância do fluxo de informações contábeis no processo decisório das micro e pequenas empresas: uma pesquisa realizada na cidade de recife no estado de Pernambuco. In: Conferencia Internacional de Empreendedorismo Latino Americana. 2004

MARION, J. C. Contabilidade empresarial. 3.ed. São Paulo: Atlas, 1988.

MARZZONI, David Nogueira Silva; SOUZA, Eliana Maria de. Analysis of the financial statements: A comparison of Odebrecht before and after the Lava Jato Operation. Research, Society and Development, Itabira, v. 9, n. 7, p. e64973874, apr. 2020. ISSN 2525-3409. Available at: <https://rsd.unifei.edu.br/index.php/rsd/article/view/3874>. Date accessed: 21 may 2020. doi:http://dx.doi.org/10.33448/rsd-v9i7.3874.

MOREIRA, Rafael de Lacerda et al. A importância da informação contábil no processo de tomada de decisão nas micro e pequenas empresas. Revista Contemporânea em Contabilidade, vol. 10, n. 19, 2013, p. 119-140. Disponível em:<http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=76226206007>. Acesso em 16 de jan. de 2020.

OLIVEIRA, A. G.; MÜLLER, A. N.; NAKAMURA, W. T. A utilização das informações geradas pelo sistema de informação contábil como subsídio aos processos administrativos nas pequenas empresas. 2000.

PAULO, E. Comparação da estrutura conceitual da contabilidade financeira. 2002. Dissertação (Mestrado) – Convênio Universidade de Brasília/Universidade Federal da Paraíba/Universidade Federal de Pernambuco/Universidade Federal do Rio Grande do Norte. João Pessoa, Paraíba, Brasil.

PORTAL SEBRAE. Micro e pequenas empresas geram 27% do PIB do Brasil. 2014 Disponível em <http://www.sebrae.com.br/sites/PortalSebrae/ufs/mt/noticias/micro- epequenas-empresas-geram-27-do-pib- dobrasil,ad0fc70646467410VgnVCM2000003c74010aRCRD>. Acesso em 27 de Jan de 2019.

REBOUÇAS, L. S. et al. Utilização da informação contábil no processo de gestão dos micro e pequenos empreendedores da cidade de Mossoró-RN. CONTABILOMETRIA Brazilian Journal of Quantitative Methods Applied to Accounting, 2018.

SANTOS, E. S. Objetividade x relevância: o que o modelo contábil deseja espelhar. Caderno de Estudos Fipecafi, São Paulo, Fipecafi, v.10, n.18, p.1-16, maio/ jun./jul./ago. 1998.

SIMON, H. A. Comportamento administrativo. 2.ed. Rio de Janeiro: FGV, 1970.

STROEHER. A. M. Identificação das características das informações contábeis e a sua utilização para tomada de decisão organizacional de pequenas empresas. Ed. Saraiva 2005.

STROEHER, A. M.; FREITAS, H. Identificação das necessidades de informações contábeis de pequenas empresas para a tomada de decisão organizacional. In: III Congresso Internacional de Gestão da Tecnologia e Sistemas de Informação – CONTECSI, 3. São Paulo, 2006.

[1] Master in corso in Pubblica Amministrazione. Specialista in gestione pubblica e fiscale. Laureato in Scienze Contabili. Laureato in Amministrazione.

[2] Laureato in Giurisprudenza.

[3] Laurea in Contabilità.

Inserito: Maggio 2020.

Approvato: Marzo 2021.

Rate this post

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here