Acquisizione di una lingua straniera: uno studio sul processo di apprendimento dell’inglese in una scuola di lingue

0
38
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

BEZERRA, Marta Joelma [1], ROCHA, Leonardo Manuel das Neves [2]

BEZERRA, Marta Joelma. ROCHA, Leonardo Manuel das Neves. Acquisizione di una lingua straniera: uno studio sul processo di apprendimento dell’inglese in una scuola di lingue. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 04, Ed. 09, Vol. 05, pp. 05-21. settembre 2019. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/testi/lingua-straniera 

Il presente studio si è concentrato sull’apprendimento della lingua inglese in una scuola di lingue nella città di Natal, in Brasile. Per questo, abbiamo lavorato con dieci insegnanti e quaranta studenti di lingua inglese nelle unità della scuola di lingue indagate. L’inglese è in tutti i settori della scienza, delle arti e del mercato del lavoro. Questa ricerca è stata condotta attraverso l’osservazione in classe, conversazioni informali e questionari con i rispettivi insegnanti e studenti, in modo da poter rilevare come vengono insegnati questi studenti. I risultati indicano che gli insegnanti hanno una metodologia adeguata e offrono un’istruzione di qualità per gli studenti. Più della metà degli studenti intervistati ha un livello sufficiente di conoscenza della lingua inglese per comunicare nella lingua.

Parole chiave: Metodologie, apprendimento, lingua inglese.

INTRODUZIONE

Lo studio sull’acquisizione di una lingua straniera è un tema complesso e può essere considerato da molteplici aspetti, il nostro scopo è quello di invogliare il lettore a riflettere su alcuni approcci teorici e allo stesso tempo pensare alla realtà vissuta da una scuola di lingue, le cui unità didattiche si trovano nelle zone est e sud della città di Natal , capitale dello Stato di Rio Grande do Norte.

Per questo, identificheremo, attraverso strumenti di ricerca, i fattori che possono stimolare alte prestazioni nell’acquisizione della lingua inglese e discuteremo la pratica didattica, analizzando le teorie alla base del tema.

Quindi, usiamo il pensiero di autori come Chomsky (1986a), che affermano di avere una teoria dell’acquisizione del linguaggio chiamata Grammatica Universale. La sua caratteristica principale è che ogni persona presumibilmente possiede questa cosiddetta grammatica nella sua mente fin dalla nascita. Questa grammatica universale è un dispositivo nella mente delle persone, necessario per acquisire il linguaggio, chiamato “Language Acquisiton Device” (LAD). Secondo questo autore, questa grammatica è identica nella mente di ogni persona.

A sua volta, Larsen-Freeman & Celce-Murcia (1999), conferma che nella produzione di studenti di seconda lingua ci sono processi di trasferimento da una lingua all’altra, sovrageneralizzazione, riduzione, ridondanza e diverse strategie di comunicazione. Ci sono sempre strategie nell’apprendimento di qualsiasi conoscenza, non potrebbe essere diverso nell’apprendimento di una seconda lingua. Sebbene ci siano state numerose ricerche in questo campo, Mitchell & Myles (2002) afferma che queste sono provinte molto solo negli ultimi due decenni, e sono arrivate a comprendere il processo di acquisizione della seconda lingua.

Sappiamo che la suddetta scuola è un franchising di una scuola di lingue, quindi in questo non c’è evasione, bassa frequenza alle lezioni o ripetizione perché si tratta di un investimento elevato dal punto di vista finanziario, e gli studenti tendono a cercare prestazioni elevate, per essere in grado di sviluppare in modo soddisfacente le competenze e le competenze che lo studio di un’altra lingua richiede.

Pertanto, abbiamo deciso di indagare sulla situazione al fine di ottenere possibili resi per le seguenti domande:

1 – Qual è l’importanza dell’acquisizione di una lingua straniera?

2 – Come avviene il processo cognitivo nell’acquisizione di una lingua straniera secondo le teorie esistenti?

3 – Qual è il livello di competenza linguistica degli studenti delle scuole di lingue?

4 – Che tipo di inglese insum a quali materie hanno accesso nelle classi?

5 – Come vengono incoraggiate le materie dagli insegnanti ad imparare l’inglese?

6 – A cosa usare gli studenti di inglese?

7 – Come reagiscono le materie alle lezioni di inglese?

8 – Quali sono i pro e i contro dell’insegnamento dell’inglese nelle scuole di lingue?

Apprendiamo che le domande di cui sopra caratterizzano i punti generali della nostra ricerca sull’acquisizione di lingue straniere, poiché è un dato di fatto che la lingua inglese si è estesa e diventata una lingua internazionale, abbiamo deciso di sottolineare che l’apprendimento di almeno una lingua straniera non può portare altro che benefici a coloro che la acquisiscono o la studiano.

SVILUPPO

A partire dagli anni ’70, gli studi sulla lingua straniera sono stati inseriti nell’area della linguistica applicata. Da allora, gli studi sull’insegnamento e l’apprendimento delle lingue in Brasile hanno iniziato a cambiare idea, incoraggiando inizialmente lo studio dei testi per poter iniziare a produrre narrazioni e descrizioni in base alle esigenze degli studenti.

Secondo Castro (1998), alcune teorie sono state elaborate in relazione all’acquisizione della lingua straniera. L’autore dà un’occhiata alla ricerca pubblicata finora e sottolinea che alcune teorie che studiano l’acquisizione del linguaggio considerano la prima lingua come un oggetto materializzato, a partire dalla prima lingua come studio per la seconda, come sostenuto

Non sarebbe esagerato affermare che spesso si considera la lingua madre – in alcune teorie sull’acquisizione del linguaggio e, soprattutto negli studi sull’acquisizione di una seconda lingua – come un oggetto la cui realtà sembra certa e precisa. Quasi sempre definito esclusivamente sull’asse di una cronologia, è riconosciuto lì come la prima lingua. Castro (1998, p. 135)

Questa ricerca è di natura teorico-empirica, basata su bibliografie e dati raccolti sul campo. Presenta alcuni dati statistici, ma si tratta di una ricerca quantitativa/qualitativa, poiché descrive, nel modo più dettagliato possibile, il processo di apprendimento della lingua inglese degli studenti di lingue nella città di Natal-RN.

La ricerca ha come obiettivo generale:

Descrivere le competenze che l’acquisizione di lingue straniere sviluppa negli studenti.

Gli obiettivi specifici sono:

  • Caratterizzare l’importanza dell’acquisizione della lingua inglese nel mondo contemporaneo;
  • Descrivere teorie e strategie sull’apprendimento delle lingue.
  • Delineare il lavoro di insegnamento e i risultati di apprendimento degli studenti di lingua inglese nelle scuole di lingue.

La ricerca attuale si limita solo alle scuole di lingue, perché sottolineiamo ancora una volta che l’obiettivo di questo lavoro è quello di indagare le competenze sviluppate negli studenti nel processo di insegnamento dell’apprendimento dell’inglese. Scegliamo le scuole di lingue per il successo loro attribuito. Non siamo riusciti a ottenere parlanti di lingua straniera a scuola normale. Pertanto, i corpora sollevati in questo studio non rappresentano necessariamente l’apprendimento dell’inglese nelle scuole di istruzione normale. Si nota che l’apprendimento di questa lingua nei corsi ottiene risultati significativi in termini di reddito e prestazioni degli studenti.

Secondo i dati ottenuti, abbiamo scoperto che nella scuola di lingue studiata, la maggior parte degli insegnanti sono maschi, con la riserva di tre insegnanti, che hanno più di 30 anni, gli altri hanno tra i 20 e i 29 anni, il che dimostra una facoltà molto giovane a scuola, e in conversazioni informali con alcuni di loro, con molti ideali da mettere in pratica. Per quanto riguarda il tempo di insegnamento, ad eccezione di un solo insegnante, tutti gli altri insegnano da 6 mesi a 1 anno e mezzo, cioè non ci sono insegnanti stanchi della professione, perché sono stati in questo per un tempo molto breve.

Si nota che il 100% degli insegnanti intervistati ha viaggiato o vissuto qualche tempo in un altro paese, il che è estremamente vantaggioso personalmente e professionalmente. Viaggiare o vivere in un altro paese è un’esperienza che aggiunge molto apprendimento alla vita di chiunque, specialmente quando sono insegnanti di lingue.

Si comprende che non c’è niente di più arricchente e piacevole per quanto riguarda la versatilità nel mondo del lavoro che vivere la vita quotidiana in un paese straniero. Se vivere all’estero era già una conoscenza che aggiungeva molto apprendimento culturale a qualsiasi professionista, attualmente, con la mancanza di confini grazie alle TIC, abituarsi a un altro paese è un fattore differenziale per un curriculum o per un candidato nel processo di selezione.

Secondo gli insegnanti, la maggior parte degli studenti è interessata. Ciò è dovuto al dinamismo delle lezioni e sempre con molta conversazione, giocando con le situazioni quotidiane. Le lezioni sono sempre in inglese, cioè c’è un’immersione nella cultura della lingua di destinazione mentre si è in classe. Con la metodologia molto interattiva più l’uso della tecnologia e gli insegnanti troppo formati, gli studenti vengono coinvolti nelle lezioni. Secondo la testimonianza di P4:

“Inizi a capire e parlare inglese il primo giorno di scuola.”

Il contenuto grammaticale è espresso in modo contestualizzato e significativo. Lo studente è incoraggiato a discutere e proclamare le proprie idee, una categoria di base per raggiungere la padronanza della lingua, evitando così una memorizzazione pura e semplice.

Infatti, se gli insegnanti partono dal presupposto che ogni discente vuole imparare, anche quando questa volontà è nascosta nell’inconscio, allora può completare che deve presentare tante attività accattivanti come per il discepolo per acquisire l’apprendimento. L’assenza di attività piacevoli che svegliano il desiderio di conoscenza nei corsi inizia ad avere effetti quando lo studente inizia a perdere la volontà intrinseca di voler imparare, che nel tempo diventa una noia.

La condotta degli studenti può quindi avere gravi conseguenze non solo per lo studente stesso ma anche per la società, tra cui la violenza, la criminalità e persino il coinvolgimento della droga. “L’indisciplina è una delle maggiori difficoltà che gli insegnanti devono affrontare per sviluppare il lavoro pedagogico”. Parrat-Dayan (2008, p. 21). Le competenze di gestione, regia e supervisione degli studenti durante il processo di apprendimento sono le componenti indispensabili per un insegnamento e un apprendimento efficaci.

Si nota che nella scuola studiata, tutto il lavoro è sviluppato collettivamente, non ci sono casi di anarchia. C’è molto dialogo, studio e cooperazione, strumenti utilizzati che servono come mezzo nella ricerca della disciplina che considera il rispetto come una condizione principale nei rapporti esistenti nella scuola.

Come Parrat-Dayan (2008) “[…] è più efficace avvicinarsi con calma a uno studente e chiedere di riprendere il loro lavoro piuttosto che attirare la loro attenzione ad alta voce di fronte a tutti”. […]. (p. 64).

La scuola ricercata presenta un apprendimento significativo, utilizzando, soprattutto, un’aspettativa interazionista, per la preparazione dei dati, in cui la persona è fermamente provocata dalla realtà. Il Sistema Educativo dovrebbe sempre avere come ambito lo sviluppo delle persone, in modo completo e, allo stesso tempo, che le porti alla loro realizzazione personale.

L’intenzione è che lo studente sia in grado di comunicare efficacemente con i madrelingua della lingua fluentemente. Inoltre, nella sua fase di concezione generale, il corso: Insegna allo studente a pensare in inglese; permette allo studente di comunicare in inglese in situazioni pratiche comuni alla vita quotidiana della gente comune.

Non si tratta qui del privilegio della grammatica o delle funzioni comunicative, ma della necessità della scienza e dell’importanza l’una dell’altra e dell’altra, tradotte in diverse forme di illuminazione del mondo, concrete nelle attività della produzione orale e scritta.

Abbiamo detto agli insegnanti il tempo proposto per ogni contenuto. In base a loro, abbiamo ottenuto le seguenti dichiarazioni:

P4 “L’apprendimento è continuo”.

P7 “It depends on the student. There are students who pick up the same day.”

Attraverso questi estratti si percepisce che gli insegnanti hanno diversi apprezzamenti al riguardo, ma di conseguenza, tutti hanno un rispetto per lo studente. P7 sottolinea che bisogna rispettare il ritmo di apprendimento di ciascuno. Per difendere l’ipotesi che non vi sia un ritmo di apprendimento, affermiamo che ciò che esiste sono file più o meno ricevuti nei diagrammi intellettuali degli apprendisti e che è la qualità di questo materiale archiviato che è determinante nell’azione dell’apprendimento e non il tempo vissuto o la qualità in cui è stato raccolto.

Per quanto riguarda il ritmo di apprendimento Madalena Freire (2003) ha dichiarato che le lettere ci concettualizzano.

L’apprendimento del disco è lo strumento più potente nella costruzione della consapevolezza pedagogica e politica dell’educatore, perché quando registriamo, cerchiamo di mantenere, tenere frammenti del tempo vissuto che è significativo per noi, per tenerlo in vita. Non solo come ricordi, ma come record di parte della nostra storia, della nostra memoria. (p. 6).

Secondo Grossi (1998) la situazione in cui viviamo è molto confortevole, poiché abbiamo il diritto di vivere dopo Piaget, Vygotsky, Wallon, Paulo Freire, tra gli altri, creatori che hanno dato dati espressivi per capire come avviene l’apprendimento e lasciarci con molti vantaggi per cercare di capire questo complesso fenomeno. Prima di loro, abbiamo spiegato solo due intese per spiegare la conoscenza: l’inatatismo e l’empirismo, e l’idea del ritmo di apprendimento, prima di questi teorici, è tipicamente inattista, perché

… in questa concezione, l’apprendimento ha una velocità associata all’età, alla maturazione, allo sviluppo “naturale”, all’evoluzione quasi biologica, che giustifica l’organizzazione delle classi per fascia d’età e l’aspettativa che, anche con i meccanismi di accelerazione, gli studenti accedono a ciò che sarebbe proprio alla loro fascia di età – che è sostenuta dall’idea dei cicli. (Grossi 1998, p. 9)

Nell’apprendimento, gli aspetti affettivi e relazionali interferiscono, oltre agli aspetti cognitivi, e non si depositano nel vuoto o ai margini di altre attitudini. Devono avere un significato per lo studente, perché se non si perde presto nei pensieri o nelle conversazioni parallele alla classe. Quando si apprende, lo studente è coinvolto a livello globale in questo compito e il processo, così come il suo risultato, risuona a livello globale.

L’affabilità può anche rallentare la conoscenza, ma può anche rafforzarla, perché c’è una stretta relazione tra intelligenza e affettività: la difficoltà del ragionamento può essere smorzata, o addirittura distrutta, dal deficit di emozione o dal suo eccesso, che può generare meccanismi di difesa e portare all’intervento nell’acquisizione della conoscenza.

Riteniamo essenziale valutare realmente la metodologia didattica utilizzata. Per fare ciò, chiediamo agli insegnanti i loro metodi di insegnamento e evidenzieremo alcune risposte di seguito.

P2 “La metodologia della scuola”.

P3 “Uso la metodologia della ripetizione dei contenuti, subito dopo la contestualizzazione con la realtà”.

Riflettere sul metodo di insegnamento è una fase con molte variabili. Ma qui, apprendiamo che i professori coperti affermano di usare la tecnologia della scuola. Si basa sull’approccio comunicativo. Questo approccio si basa sul principio che la seconda lingua viene appresa attraverso la comunicazione. Impari meglio la lingua straniera quando lo studente cerca di comunicare qualcosa che vuole o ha bisogno di dire.

Nell’approccio comunicativo, tutte e quattro le abilità linguistiche di lettura, scrittura, comprensione dell’ascolto e discorso sono praticate e sviluppate. Le tecniche vengono utilizzate in modo che le capacità di comprensione della lettura, della scrittura e dell’ascolto siano utilizzate come supporto per l’abilità più importante: il discorso.

Per comprendere l’uso della lingua, lo studente deve analizzare la lingua all’interno di un contesto. Le lezioni consentono allo studente di essere esposto alla lingua in situazioni in modo da instaurare un rapporto personale con la materia. Gli insegnanti incoraggiano lo studente ad essere più attivo nelle lezioni, attraverso discussioni e commenti sull’argomento, prima che venga presentata la spiegazione formale.

Gli studenti comunemente misurano la loro intraprendenza linguistica in “quanto possono parlare“. Nella scuola esaminata, lo studente inizia a parlare dalla classe iniziale, con attività audio e di lettura unificate per animare il dialogo, in modo da poter progettare significati con risposte appropriate, in contesti di situazioni reali. Cioè, le classi presentano situazioni simili alle situazioni della vita reale. L’obiettivo è prepararli a situazioni reali, sia per lavoro che nella vita personale.

È notevole che in questa scuola prevalga l’enfasi sulla variante dell’inglese americano. È importante rendersi conto che la lingua inglese, per molto tempo, ha cessato di essere di proprietà di questa o quella nazione, di questo o quel paese, ma c’è ancora un’egemonia della variante americana. Come dice giustamente Widdowson (2003), una lingua come l’inglese può essere caratterizzata solo come internazionale perché ha cessato di essere il monopolio di una nazione. “It remains an internationally intelligible means of communication quite simply because the community that uses it is international”. (p. 45)

Questa è, nella sua lingua internazionale, quella che chiamiamo espressione “World English” usata da Rajagopalan, (2004, 2005a, 2005b) non ha parlanti “nativi”, cioè, secondo l’attuale opuscolo. È straordinario sottolineare che “World English” non esclude nessuno, tanto meno coloro che si trovano i loro unici proprietari. Quindi, l’inglese, secondo Cruz (2006 apud Pereira, 2010, p. 47) “si riferisce all’inglese usato nelle interazioni tra non madrelingua che hanno lingue materne diverse”.

Hybrid è il marchio di questa nuova “lingua” (o, evento linguistico). Un altro attributo dell’inglese oggi è quello che Blommaert, Collins e Slembrouck (2005) delineano come multicentricità, cioè l’esperienza di più centri e, di conseguenza, più standard. Nel multilinguismo, caldeggiato da questi autori, vediamo che questo è il frutto della globalizzazione, attraverso la quale rivendicano “Issues of globalization, and more particularly with the question of the production of locality under conditions of globalizations.” (p.230).

Lo stesso autore spiega che il primo cerchio sono i parlanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda. I presidenti del secondo cerchio sarebbero i popoli dell’India, dell’Africa occidentale e dell’Africa orientale. E il terzo gruppo appartiene ai parlanti dell’inglese come lingua straniera, tra questo gruppo ci sarebbero i popoli di Cina, Giappone, Grecia e Polonia.

Di fronte a questa nuova realtà, ci chiediamo se le metodologie utilizzate siano efficienti per insegnare le quattro competenze nella lingua straniera. Citeremo le risposte di alcuni degli insegnanti intervistati.

P2 “Finché lo studente presta attenzione alle lezioni i metodi sono efficienti”.

P9 “Sì, la metodologia è efficiente, ma è estremamente importante che gli studenti dedichino tempo e volontà all’apprendimento”.

Secondo i docenti, la metodologia del corso è efficiente nell’insegnamento delle quattro competenze della lingua di destinazione, ma è necessario restituire lo studente. Senza gli sforzi l’uno dell’altro per il proprio apprendimento non c’è progresso. Gli insegnanti rafforzano l’autodisciplina che il discente deve avere con il loro apprendimento.

Al fine di aumentare il proprio potenziale e ridurre al minimo il tempo trascorso con questi compiti, ogni apprendista deve, soprattutto, avere un piano di studi ben illustrato per il proprio uso. E soprattutto, disposizione e disciplina sono due fattori basati sugli studi.

Il questionario è stato lanciato per gli studenti del corso di inglese, in modo da avere un campione accurato sull’apprendimento e gli interessi degli studenti.

La maggior parte degli studenti che hanno risposto erano maschi, cioè il 52%, contro il 48% delle femmine.

Queste percentuali confermano che nella scuola di lingue studiata, il maggior numero di studenti, contrariamente a una tendenza delle scuole regolari brasiliane che hanno una frequenza espressiva di studentesse.

Gli uomini superano solo le donne nella fascia di età più avanzata, di 60 anni o più, quando hanno dichiarato di studiare 4,6 anni, mentre le donne hanno solo 4,3 anni, questo fatto è dovuto al tempo in cui hanno vissuto e all’accesso che avevano a scuola.

Per quanto riguarda la fascia d’età degli intervistati, sottolineiamo che la maggioranza è formata da giovani, di età compresa tra gli 11 e i 20 anni, mentre la somma degli studenti di età compresa tra i 21 anni e i reparti raggiunge il 25%, confermando il fatto che lo studente che si dedica all’apprendimento di un’altra lingua in corsi che di solito richiedono un elevato potere d’acquisto sono giovani che non sono ancora entrati nel mercato del lavoro.

Come la ricerca della cognizione della lingua inglese è evidente l’importanza di conoscere il livello di apprendimento della lingua di destinazione degli studenti. Il risultato è stato che il 45% capisce quasi tutto e riesce persino a scambiare idee. Il 25% capisce, ma non sa abbastanza per parlare.

Solo il 23% degli studenti ha risposto per capire tutto nella lingua di destinazione e parlare fluentemente. Ciò dimostra che non è sufficiente che la scuola abbia una buona metodologia alleata dei buoni insegnanti, l’esercizio è soggetto principalmente alla volontà e alla disciplina del discente. Per avere una vera gamma della lingua è necessario che lo studente tenga presente che l’inizio di tutto è imparare ad imparare, devono cercare in se stesso e da solo la motivazione imperativa per l’apprendimento.

Secondo gli intervistati, la stragrande maggioranza enfatizza la carriera e i viaggi come i motivi principali per cui vale la pena imparare un’altra lingua. Poi è stata sottolineata anche la cultura. È chiaro che gli apprendisti conoscono l’importanza nel mondo del lavoro in relazione all’apprendimento della lingua inglese. Infatti, la praticità di risolvere le circostanze di routine conferma la funzione cruciale che la lingua inglese ha in tempi contemporanei.

Con l’unificazione dell’esercizio dell’inglese nelle corporazioni di tutto il mondo, culture, termini tecnici e lingue si fondono sempre più e tutte le aziende parlano praticamente la stessa lingua, indipendentemente dalla località del pianeta, c’è una predominanza dell’inglese. Pertanto, c’è un disegno latente ininterrotto di coloro che imparano un’altra lingua per visitare almeno uno dei paesi che parla la lingua studiata.

Degli studenti intervistati, l’82% guarda film o cartoni animati con sottotitoli audio o in inglese come metodologia personale per l’apprendimento delle lingue. È del tutto possibile e consigliato imparare l’inglese attraverso i film. L’insegnante può utilizzare questo meccanismo e lo studente stesso deve scegliere un modo piacevole di imparare.

È innegabile che le nuove tecniche aiutino gli studenti che hanno accesso a loro per migliorare il loro processo cognitivo. Infatti, queste risorse tecnologiche, le famose TIC, sviluppano nell’apprendista la motivazione imperativa per prendere possesso della costruzione e del miglioramento delle loro conoscenze nella lingua in esame.

La musica ha dimostrato di essere uno degli ambienti più piacevoli per l’apprendimento in qualsiasi area della conoscenza. Studiare con la musica è molto pratico, perché incita l’essere umano all’anima, all’emozione, facendo sì che gli studenti si disconnettano da tutto ciò che attualmente sta danneggiando mentalmente. Gli studenti intervistati, per lo più, sono in adolescenza.

Solo il 37% degli intervistati legge libri in inglese, anche se la biblioteca scolastica ha un’abbondante collezione. Per imparare un’altra lingua, ci vuole molta inclinazione da parte dello studente. Non c’è apprendimento se lo studente non è interessato. È possibile che questa sia una delle opportunità di termini tra gli intervistati solo il 23% degli studenti con padronanza della lingua.

L’atto di interpretare una lettura in un’altra lingua offre la possibilità di una libera partecipazione sociale dell’uomo nella società, trascendendo riflessivamente, crescendo progressivamente ed espandendo la sua comprensione delle cose che lo circondano e agendo su di esse. A questo proposito, la lettura rappresenta un dispositivo di grande potere nelle mani di coloro che la afferrano.

Continuando il nostro questionario, chiediamo agli studenti se parlano in inglese con i brasiliani e dialogano in inglese con madrelingua come parte complementare del loro apprendimento. Di conseguenza, il 52% parla in inglese con i brasiliani, ma solo il 30% parla con madrelingua inglese.

Poiché non tutti hanno una perfetta padronanza della lingua, alcuni studenti si sentono bloccati a parlare inglese ed esercitare la loro pratica. Sappiamo che per parlare un’altra lingua, non basta un lessico, e scienza della grammatica e dell’accento. La peculiare conoscenza della lingua, il colloquialismo e le espressioni idiomatiche, le elocuzioni, phrasal verbs e le dittature di uso comune, che se tradotti nella lettera piede perde il suo significato, diventano imperativi. Nessun linguaggio sarebbe ricco senza le sue espressioni idiomatiche. Sono imperativi per parlare e scrivere bene.

In una società alfabetizzata, secondo Penny your, “è come se il discorso include ogni tipo di conoscenza”. (1996, p. 120). Parlare una lingua straniera è quindi l’attitudine desiderata dalla maggior parte degli studenti di lingue. Questa abilità richiede tenacia, molta forza di volontà, calma e dedizione, per essere sviluppata, oltre a diversi fattori che interferiscono così o intervengono nell’apprendimento.

Nel mondo di oggi ci sono due tipi di motivazione all’apprendimento: la prima e il mercato del lavoro. La prima parte dell’educazione, del suo desiderio, della sua volontà di imparare. Mentre il secondo deriva dall’obbligo esterno di imparare, che può essere: superare gli esami, nei concorsi, nelle selezioni, ottenere un buon lavoro, avere l’opportunità di viaggiare in una regione in cui si parla la lingua di destinazione. Infine, tra le domande che abbiamo affrontato solo la domanda sull’acquisizione del vocabolario, ha ottenuto un rendimento positivo al 100%.

Tutti gli intervistati hanno risposto cercando sempre di acquisire nuove parole. Imparare un nuovo vocabolario in inglese è un ottimo modo per studiare la lingua perché le parole formano blocchi di lingua e attraverso di essa esprimiamo i nostri pensieri. Secondo la nostra intervista, la maggior parte degli studenti utilizza tutte le tecniche a portata di mano. Dalle letture in inglese alla visione di film e serie per migliorare la comprensione orale e visiva. Dall’ascolto delle canzoni al perfezionare la parte orale all’utilizzo di giochi che aiutano ad attivare la memoria. Con queste tecniche gli apprendisti che si sforzano acquisiranno le quattro competenze richieste.

CONCLUSIONI

Abbiamo fatto una consultazione bibliografica relativa al tema studiato. Ed è stata anche di fondamentale importanza l’informazione dei docenti e degli studenti della scuola, oggetto della nostra ricerca, che hanno presentato, attraverso i questionari, le loro risposte e opinioni, che si sono trasformate in dati che hanno collaborato espressivamente per rispondere alle domande di questa ricerca e confermare o meno le presunzioni sollevate.

Si è scoperto che la scuola offre un insegnamento in cui lo studente ha contatti con la cultura dei paesi della lingua studiata, perché la stragrande maggioranza degli studenti ha una formazione generale sulle conoscenze, in particolare un tuffo nella cultura della lingua inglese. Pertanto, al termine del corso, lo studente si sente più sicuro di una migliore qualifica per affrontare il mercato del lavoro, oltre a servire come supporto per affrontare nuovi orizzonti e radicarsi maggiormente negli studi successivi.

La scuola lavora anche con uno staff di eccellenti insegnanti con un’alta padronanza della lingua che insegnano. Attraverso questi insegnanti gli studenti hanno accesso ai contenuti importanti per la loro formazione.

Le giustificazioni comuni indicate da insegnanti e studenti per prestazioni elevate si basano, tra l’altro, sul rendimento pedagogico, soprattutto quando può soddisfare le prospettive dello studente anche a fattori economici, poiché questi studenti non hanno un’attività professionale che può limitare il tempo per gli studi.

Oltre alle alte prestazioni, notiamo che la buona frequenza, spiegata inizialmente, a causa del costo del riavvio delle lezioni, contribuisce anche a far sì che lo studente abbia più impegno nella ricerca dell’apprendimento, perché in questo modo non smette di avere accesso quotidianamente ai contenuti sistematizzati, ma non perde nemmeno l’occasione di progettare le sue conoscenze in collaborazione con i suoi coetanei.

Pertanto, se lo studente del corso ha forza di volontà, impara la lingua che vuole, perché le lezioni sono molto giocose, che svolgono un vero apprendimento nei contenuti esposti, gli studenti comunicano già in inglese durante tutta la classe, in breve, esercita il loro diritto di comunicare nella lingua di destinazione.

Pertanto, questa ricerca ci ha fatto avere una nuova visione del tema affrontato qui, perché ci siamo resi conto che anche frequentare corsi di inglese per tutta la vita scolastica non è sufficiente per imparare questa lingua se non abbiamo l’opportunità di frequentare un corso in una scuola di lingue, con un piccolo numero di studenti per classe, in modo che l’insegnante possa offrire un’assistenza più individualizzata , con insegnanti e metodologie appropriati, o l’esperienza di uno scambio. In competizione per questo è anche l’età in cui propongono di acquisire la lingua di destinazione.

È dimostrato che sia gli autori che difendono la teoria inatista non erano sbagliati, sia quelli che sostengono l’apprendimento nell’esposizione all’ambiente non lo fanno. Tutte le lingue sono accessibili e l’apprendimento dipende solo dalla situazione dello studente e da un ambiente favorevole.

RIFERIMENTI

BLOMMAERT, J., COLLINS, J. AND SLEMBROUCK, S. (2005). Spaces of multilingualism. Language and communication. 25: 197-217.

CASTRO, M. F. P. (2005). Sobre o (im) possível esquecimento da língua materna. Os evangelhos: nas ondas da palavra. Campinas: Editora Academia Estadual de Linguística.

CELCE-MURCIA, M. & LARSEN-FREEMAN, D. (1999). The grammar book: An ESL/EFL teachers course. 2nd edition. Boston: Thomson Heinle.

CHOMSKY, N. (1986a). Knowledge of Language: Its Nature, Origin and Use. New York: Praeger.

FREIRE, Madalena. (Org.) Sobre rotina: construção do tempo na relação pedagógica. Cadernos de Reflexão – Sobre rotina: construção do tempo na relação pedagógica. São Paulo: Espaço Pedagógico, 1998. p. 43 – 46.

GROSSI, E. (1998). Ensinando que todos aprendem. In: Revista do GEEMPA, nº 6: Ensinando que todos aprendem, Porto Alegre: Edelbra Indústria Gráfica, (p. 3-9).

LIMA, D. C. (2009). Ensino e aprendizagem de língua inglesa: conversas com especialistas. São Paulo: Parábola Editorial, pp. 43-153.

MITCHELL, R., & MYLES, F. (2002). Second language learning: concepts and issues. In C. Candlin & N. Mercer (Eds.), English language teaching in its social context: a reader (pp. 417). London: Routledge.

PARRAT-DAYAN, S. (2008). Le travail enseignant au quotidien. Tradução: ADOUE, Sílvia Beatriz, JUNCAL, Augusto. Como enfrentar a indisciplina na escola. Contexto. São Paulo – SP.

PENNY UR (1996). A course in language teaching: practice and theory. Cambridge: Cambridge University Press.

WIDDOWSON, H. G. (2003). Defining issues in English language teaching. Oxford: Oxford University Press.

[1] Laurea in Lettere/Lingua Inglese, Specializzazione in Insegnamento della Lingua Inglese, Master in Scienze dell’Educazione.

[2] Dottorato di ricerca in Scienze dell’Educazione.

Inviato: Agosto 2019.

Approvato: Settembre 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here