La capricciosa lezione degli spiriti e la strana follia di Lorena Martinez: una poetica umanista [1]

0
24
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

MATOS, Bruno Sérvulo da Silva [2], MARTINS, Benedita Afonso [3]

MATOS, Bruno Sérvulo da Silva. MARTINS, Benedita Afonso. La capricciosa lezione degli spiriti e la strana follia di Lorena Martinez: una poetica umanista. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 08, pp. 93-110. dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/testi/lezione-degli-spiriti

Nazareno Tourinho, nella sua carriera di scrittore, saggista, critico e drammaturgo, sviluppò le sue opere con consapevolezza del suo ruolo sociale. Uomo di teatro e spiritista, il drammaturgo, tra numerose pubblicazioni, scrisse opere teatrali e saggi con enfasi sullo spiritismo, il cui principio è (nelle parole dello stesso Nazareno Tourinho), trasmettere l’essenza della dottrina spiritista. In base a questo principio, spiccano due pezzi: La lezione capricciosa degli spiriti – A caprichosa lição dos espíritos (1997) e La strana follia di Lorena Martinez – A Estranha Loucura de Lorena Martinez (1997), oltre a un libro teorico – Teatro Espírita (1990). In questo testo dialogheremo con i suddetti brani per lo studio specifico della drammaturgia teatrale, basato sul libro teorico di questo stesso autore e di altri che si sono dedicati o sono ancora dedicati al tema. In questo articolo, presenteremo concetti rilevanti sulla drammaturgia e una breve lettura di queste opere pubblicate, i cui temi sono adattati ai precetti di una poetica artistico-spiritista-umanista. La lettura sarà fatta più nella comprensione artistico-umanistica che nella dottrina praticata dall’autore.

Parole chiave: Drammaturgia, Nazareno Tourinho, arte umanitaria.

1. INTRODUZIONE

1.1 NAZARENO TOURINHO, DRAMMATURGO UMANISTA

Prima di iniziare un’analisi dei due pezzi focalizzati, presenteremo un po ‘del lavoro dell’autore, inizialmente come parole del critico Acyr Castro, in una delle critiche scritte sull’opera di Nazareno Tourinho, quella che ha chiamato “implosione critica” che si adatta perfettamente al lavoro di Tourinho. Ha riflettuto sui temi, tutti incentrati sull’essere umano. “Implosione creativa. Non c’è il teatro di Nazareno Tourinho, o il campo di battaglia è il suo mitologico “alter ego”. Se si guarda da vicino, è un caleidoscopio di temi e spunti legati a proporre una trasposizione ideale del fatto ”[4]. (CASTRO, 1982).

In questo contesto, siamo quindi d’accordo con Acyr Castro, che ha fatto riferimento all’alter ego mitologico dell’autore, perché riafferma i modi di espressione di Nazareno, anche se aggiungiamo altri aspetti oltre alla mitologica. Era sempre assolutamente coerente con i valori che apprezzava, praticava nella vita e li registrava nel suo lavoro, entrambi focalizzati sulla dottrina spiritista[5] e sugli scritti per il teatro[6]. Padova Costa ribadisce alcune delle qualità dell’autore, a cui inseriamo nei tratti della sua personalità, umanista convinto delle sue concezioni di vita.

Ritengo opportuno sottolineare un tratto importante e persistente della personalità del Nazareno Tourinho, che fa una presenza inalterabile in tutto ciò che realizza e che si riflette nella sua opera letteraria: l’inflessibile onestà che caratterizza il modo in cui esprime il suo modo di sentire. Non teme dibattiti, anche quando necessario, diventa aggressivo, in difesa della sua verità, sempre concentrato sulla grandezza del bene comune. Per questo percepiamo questa “intera fedeltà ai cambiamenti dell’universo urbano e rurale”, soprattutto nella letteratura che Nazareno Tourinho ci fornisce, come drammaturgo di innegabili meriti[7].

Qui si parla di parte della presentazione dell’opera completa: Plays di Nazarene Tourinho, già citato in una nota, in modo che il lettore sappia un po’ di più sulla sua produzione, cerchi altri pezzi da leggere e, perché no, palcoscenico. Le sue trame testuali contengono elementi di cultura popolare, vocabolario amazzonio, problemi sociali e psicologici, tra gli altri argomenti.

Da eventi storici o totalmente fittizi, Nazareno Tourinho esprime attraverso la scrittura scenica le tracce dei popoli che abitano il Brasile. Queste caratterizzazioni della scrittura sono lavorate sotto il tema affrontato, il linguaggio chiaro e ben articolato, e l’importanza che trasmette alla memoria collettiva, garantendo attraverso queste cure e altre con i testi, la comunicabilità dell’autore con il pubblico. Vale la pena notare che i suoi pezzi sono apprezzati sia dalla lettura che dalla messa in scena.

I suoi testi, più avanti nella scena, si addice alla lettura individuale o drammatizzata, hanno fluidità, leggerezza, senso dell’umorismo, ironia e, soprattutto, come richiede una buona drammaturgia, sono composti da conflitti, peripécia, agilità, verisiness, dialoghi ben strutturati, sorprese e risoluzioni inaspettate alle impasse, non sempre presentando un finale considerato felice come, ad esempio, il gioco Knot of 4 Legs, in cui alla fine le coppie vengono lasciate con bambini scambiati. Pertanto, tali caratteristiche sono i requisiti precisi per una relazione empatica tra l’autore e il lettore / spettatore. Nazareno è un maestro in quest’arte di scrivere per la scena. E, fluentemente, i suoi testi suggeriscono o richiedono una corretta interpretazione dei principi che i pezzi contengono, questa è una delle raccomandazioni dell’autore che desidera portarli alle fasi.

Questi attributi sono comuni in ogni pezzo dell’autore, in cui i temi trattano dall’esplorazione di tapper in gomma, all’età d’oro dell’estrazione del lattice; la rivolta del caboclos contro il potere stabilito; schiavitù; lo sciopero dell’amore tra le coppie lungo il fiume; religiosità; etica; censura; e anche la repressione. È evidente la prova dei riferimenti personali dell’autore, della coerenza che disegna tra le sue idee e il suo modo di interpretare il mondo, dei suoi principi e della sua filosofia, nonché del suo modo di vivere e delle sue credenze. Questi aspetti sono trascritti nel suo lavoro, dove la produzione scritta, da una prospettiva geografica, estrapola spazi, parlando di popoli ai popoli amazzonici, o meno.  Questo è un altro motivo per riflettere sull’accoglienza, il redating e la circolazione delle loro opere teatrali in tutto il mondo, messe in scena da gruppi teatrali dilettanti e professionisti dalla pubblicazione del primo testo nel 1961.

Perché amava la gente, sentiva la gente, viveva la gente e imparava il loro gusto, la lingua, i desideri e le passioni, i dolori e le disperazioni (…) Sono state le persone a segnarlo definitivamente per la vocazione letteraria e sono state le persone a determinare e condizionare la loro predestinazione per il testo scenico. Nessun altro genere potrebbe sedurlo più del teatro, proprio per il suo carattere dialogale ed esperienziale e attraverso di esso tu. può ricreare i personaggi che ha incontrato nella vita reale, e perché il teatro di voi, prima di essere un dialogo con il pubblico, è un dialogo intimo, il vostro con la vostra vita, il vostro con il vostro mondo, il vostro con la vostra coscienza (CAMPOS, 1969, p. 124).

Tornando alla citazione di Ápio Campos, sottolineiamo, ancora una volta, la coerenza dell’autore, oltre alla sua convinzione religiosa, ma secondo la sua personalità, il suo modo di vivere e di essere coinvolto nel contesto socio-politico-culturale del suo tempo e del suo popolo. Affinché, consapevoli del ruolo scivoloso della concettualizzazione dell’arte o di un tipo specifico di arte, qui, in particolare la scrittura teatrale di Tourinho, presentiamo questa lettura nella costruzione dei due pezzi. La difficoltà di concettualizzazioni assertive in questo campo è dovuta a quanto siano vivaci le arti, le loro trasformazioni e i loro percorsi percorsi nella ricerca della comprensione di un’area così ampia, in un mondo che può essere cambiato. Per quanto riguarda il teatro, in particolare, non è diverso, al contrario, fin dalla sua prima manifestazione, è possibile dire che le classificazioni o le concettualizzazioni sono state scritte nella loro “linea più fragile”. Perché, come l’arte di John Dewey “viene ricreata ogni volta che viene vissuta esteticamente”. (BRANDI, 2005, p.14).

Poiché ci sono le benedette “classificazioni” su tutte le arti, anche la drammaturgia le porta e va dal classico al postmoderno, cioè c’è una varietà di alternative al lavoro con la scrittura per il teatro, tante quante sono le proposte di coloro che le lavorano. In questo testo affronteremo le due opere teatrali del drammaturgo Nazareno Tourinho, che ci qualificheremo come tema umanista.

Anche se i pezzi: La lezione capricciosa degli spiriti e la strana follia di Lorena Martinez sono chiamati dall’autore come spiritisti, faremo notare che vanno oltre la dottrina, o seguendo i principi cristiani, sono umanisti, naturalmente, rispettiamo le concezioni dell’autore, perché sono temi cari alla comunità spiritista, a cui apparteneva e ricercato per tutta la vita.

2. TEATRO SPIRITISTA OLTRE L’INDOTTRINAMENTO

Nel libro sulla drammaturgia spiritista, Tourinho avverte che “Questo è un libro spiritista, scritto da uno spiritista per altri spiritisti” (TOURINHO, 1990, p. 11) e dimostra l’impossibilità di raggiungere una concettualizzazione definitiva e inquadrato in un’epistemologia chiusa. Il drammaturgo fa l’avvertimento che, in questo libro stabilisce una definizione attenta alla caratteristica elastica e sfaccettata delle arti e avverte anche che il suo interesse non è solo culturale, ma prevalentemente educativo, aggiungiamo illuminante, non dottrinale. “Questa definizione diventa assolutamente necessaria fin dall’inizio perché ci occuperemo dell’ARTE, qualcosa di infinitamente elastico e sfaccettato, il cui approccio può essere fatto da una vasta gamma di prospettive quando si tratta solo di scopi culturali e non prevalentemente educativi.” (TOURINHO, 1990, p. 11). Nel caso del Nazareno, egli fa l’avvertimento di avere, soprattutto, l’impegno a educarlo.

Nella linea che sottosezioniamo sopra sulla produzione scritta dell’autore, in linea con le sue convinzioni, l’arte legata al contenuto spiritista si distingue per la presentazione di temi molto particolari e per l’enfatizzazione di precetti esplicativi su come sarebbe essere spiritisti, meglio dire, illuminare, o ancora meglio, più attenti al fenomeno delle esperienze, per quanto riguarda le trame fisiche extra , per così dire. Per gli spiritisti, in particolare gli artisti spiritisti, il loro ruolo è quello di trasmettere la conoscenza più riflessiva, umanizzata, oltre all’enfasi solo sull’indottrinamento. L’arte viene ad essere uno dei modi più efficaci, attraverso o mezzi di questa trasmissione, proprio esprimendo un certo “universalismo”, nel senso che, soprattutto nell’opera del Nazareno Tourinho[8], uno dei focus è quello di tema e riflettere sui mali umani, indipendentemente dalla natura religiosa.

In altre parole, non c’è bisogno di uno spiritista auto-confessato per lavorare con questi testi, ma è necessario rispettare il testo. Una delle richieste di Nazareno è sempre stata quella di non travisare i significati essenziali dei suoi scritti. A questo punto era categorico: “Vuoi lavorare con i miei testi? Io presto, ma mantero i messaggi di testo, posso lavorare in modo creativo, purché non li travisano” [9]. Così, cercheremo di scrivere dei temi delle opere teatrali: La lezione capricciosa degli spiriti e la strana follia di Lorena Martinez, li tratteremo come laici, rispettosi e consapevoli della portata della dottrina spiritista, in tutto il mondo, come afferma Gláucio Cardoso.

L’avanzata della dottrina spiritista è innegabile non solo nelle terre brasiliane, ma anche in diversi paesi del mondo.  Ogni anno lo spiritismo è sempre più ricercato da coloro che cercano conforto o conoscenza.  È necessario, quindi, che gli spiritisti si preoccupino della diffusione dottrinale per portare, correttamente ed efficacemente, la Buona Novella a un maggior numero di persone. Nel lavoro di divulgazione spiritista con il pubblico non spiritista, l’arte merita un’attenzione speciale per essere il mezzo con cui l’intelletto di ogni individuo è meglio penetrato, poiché l’arte non conosce barriere di colore, sesso, religione o nazionalità (CARDOSO, 2019, p. 9).

Così, rispettosi e riverenti, studenti in cerca di illuminazione per la buona comprensione delle trame, continuiamo con la nostra lettura e scrittura. Ma cosa o come sarebbe classificata l’arte spiritista? In primo luogo, è importante chiarire che l’arte spiritista non è necessariamente arte con tema spiritista: possesso, mediumship, comunicazione con i morti; scrittura psicografata, tra gli altri. In letteratura, in generale, tali temi sono presenti in molti autori, in diversi modi. Non è raro, ad esempio, imbattersi in un romanzo, in cui un particolare episodio presenta elementi ricorrenti di spiritismo, tuttavia, senza che questo sia l’obiettivo principale della sua narrazione.

Per gli studiosi di dottrina spiritista[10], l’arte può essere considerata spiritista, nel momento in cui i principi di questa filosofia sono inseriti nel suo nucleo narrativo principale, sia per scopi dottrinali che educativi o meno, cioè testi scritti alla luce dei principi spiritisti, estrapolano la mera indottrinamento. Essi tecrivano le questioni umane, che naturalmente comprendono tutti coloro che sono interessati a leggere e assemblare, quindi ciò che conta è che i messaggi non siano travisati. A questo punto Nazareno chiarisce:

Fissiamo bene questa osservazione, estremamente importante: perché un pezzo sia spiritista diventa essenziale il messaggio corretto dello Spiritismo nell’essenzialità del suo contenuto. Insistiamo un po’ di più sulla giustificazione di tale osservazione. Se, in un certo testo scenico, le realtà dello Spiritismo, fenomenali o dottrinali, sorgono casualmente o si muovono fugacemente, senza costituire il centro del tema, a seconda degli esempi che abbiamo appena citato, non possiamo considerarle davvero spiritiste perché in esse il nostro messaggio è diluito, eclissato da altri che vengono superati da altri che ne sono superati (TOURINHO, 1990, p. 23).

Forse, questa è la differenza più grande e la sfida affrontata dall’artista che (pre)smalt dispone di lavorare con pezzi scritti in questo studio da Nazareno Tourinho. Devi essere “moralista” e non moralista. Vale la pena ricordare che uno dei concetti cari allo spiritismo è quello del libero arbitrio. Cioè, gli insegnamenti non sono imponenti, mirano a chiarire e dimostrare che ogni azione si traduce in reazione. La persona è una tua signora per decidere quali passi seguire.

Sempre nel campo degli esempi, molti autori si sono avventurati a presentare temi correlati, o che possono essere chiariti dalla dottrina, ma non impegnati nella dottrina. Una scena lì, un’altra lì; un contesto narrativo basato su eventi fisici extra, senza uno studio approfondito della causa di questa componente posta nella trama; o senza la presentazione illuminata della filosofia contenuta negli insegnamenti spiritisti.

Non diremo che questi autori hanno scritto sotto l’influenza o allo scopo di presentare fenomeni fisici aggiuntivi, che, ovviamente, sono insati dagli esempi citati di seguito. Le trame hanno portato alla mente complessità comportamentale per essere comprese da diverse correnti interpretative, soprattutto psicoanalitiche. Noi, poiché abbiamo a che fare con pezzi di un autore spiritista, a questa corrente cerchiamo di associare la nostra lettura. Altri sono possibili e benvenuti.

Alcuni esempi di scritti considerati in questa linea di strani fenomeni, per così dire: diversi racconti di Clarice Lispector[11], di Lygia Fagundes Telles[12] espongono caratteristiche che possono essere associate al mondo dello spiritismo, storie ambientate in un piano superiore trascendentale o per gli studi della teoria letteraria, una delle alternative della comprensione, sarebbe quella di attribuire questi scritti sotto le caratteristiche del genere o della modalità fantastica. Molte di queste opere sono coperte dall’epiteto di storie soprannaturali, fantastiche o horror. Cioè, se ci sono situazioni o comportamenti complessi, non spiegabili dalla logica deterministica, la pratica più comune è considerarli, almeno strani o spaventosi.

Il cinema si trova in questa nicchia tematica ed esplora, in modo esemplare, un fertile campo di produzioni come: Gli Altri[13]; L’esorcista[14]; Attività paranormale[15]; Invocazione del male[16]; L’Illuminato[17]; Al di là dell’eternità[18]; Fantasma: Dall’altra parte della vita[19]; Città degli Angeli[20]; Uno sguardo di paradiso[21]; L’amore oltre la vita[22]; La mia vita nell’aldilà[23]; La nostra casa[24]; tra gli altri esempi infiniti. Questi film dialogano con la psicologia, la religione, la finzione e, a seconda del repertorio culturale e dell’interesse di coloro che li guardano, danno luogo a diverse letture. Tuttavia, ci sono pochi contributi a questa gamma di opzioni che fanno cenno a un insegnamento o alla conoscenza delle cause apparentemente inspiegabili. Tali studi, sempre più necessari, contribuiranno a una migliore comprensione degli eventi umani.

Un altro esempio – tornando maggiormente alla letteratura di romanzi e opere teatrali – molto favorevole alla discussione è la commedia per bambini Pluft, la fantasminha – Pluft, o fantasminha (1955) di Maria Clara Machado, che, pur presentando elementi cari allo spiritismo, non è il motto principale dell’opera, cioè tali elementi sono come attori tematici di supporto della trama, utilizzati di più per dare un effetto fantastico e fantasioso. Nel Macbeth di William Shakespeare (1603-1607), diversi fantasmi dialogano con il protagonista, ma l’opera stessa non è una drammaturgia spiritista. In questa ricerca di una concettualizzazione o classificazione per il teatro spiritista, una spiegazione per il modo “corretto” di fare teatrale, sotto il keynote dei principi dello spiritismo, è nel messaggio che viene trasmesso allo spettatore.

In primo luogo, il corretto messaggio di spiritismo implica non solo l’informazione scientificamente provata che i cosiddetti morti continuano ad esistere e possono interferire nel mondo fisico, ma anche la rivelazione che una cosa del genere si verifica a causa delle leggi naturali perfettamente logiche e necessarie per la nostra evoluzione. Per trasmettere il giusto messaggio di spiritismo in un gioco, quindi, non basta esporre o suggerire, la manifestazione degli spiriti – è necessario farlo in linea con la filosofia codificata da Alla Kardec, che spiega, e giustifica lo scambio mediastico, che collega i diversi stati dell’anima nell’Oltre ai suoi meriti individuali, che insegna reincarnazione, libero arbitrio, leggi morali ecc. (TOURINHO , 1990, p. 21-22).

Cioè, per scrivere in questi termini un’opera teatrale, un racconto o un romanzo, l’autore deve necessariamente conoscere la dottrina, non banalizzare i suoi principi e questo non è accettabile. L’impegno per gli insegnamenti spiritisti richiede molto studio e ricerca. Il ricercatore Glaucio Cardoso (2019) è stato didattico quando ha sintetizzato la differenza tra Arte Spiritista e Arte con tema spiritista:

Arte spiritista – Impegnata nella corretta diffusione dei postulati dello Spiritismo dimostrati nelle sue manifestazioni. Si tratta per definizione di un’arte ideologica, che rischia di presentare un carattere fortemente pamphleteering, enfatizzando il messaggio a scapito dell’estetica.

Arte dal tema spiritista – Manifestazione artistica che utilizza idee e fenomeni basati sullo Spiritismo, senza però impegnarsi per la Dottrina e la sua diffusione. Ci sono esempi di questo tipo di arte in tutta la nostra cultura, e racconti di Machado de Assis ed Edgar Allan Poe possono essere citati, così come diversi film di Hollywood (CARDOSO, 2019, p. 11).

Glaucio Cardoso ci aiuta a capire i pezzi studiati qui, non sono panflariani, oltre ai messaggi, indicano diverse proposte estetiche di realizzazione. Nella letteratura delle opere teatrali, alcune produzioni si distinguono con questo tema. Storicamente, la prima opera teatrale, con un certo scopo per la Causa[25], sarebbe stata messa in scena a Parigi nel 1867, chiamata Maxwell di Jules Barbier, ma poco si sa al riguardo e le informazioni sono imprecise. Tuttavia, nel 1897, apparve la prima opera teatrale autenticamente spiritista: Spiritisme, di Victorien Sardou.

In Brasile, il primo pezzo con questo tema sarebbe The volunteers of Manuel Araújo’s Homeland Porto Alegre, ma definire e datare con precisione è qualcosa di incerto, tuttavia, l’autore Humberto Brissolo è riconosciuto come il probabile pioniere, con l’opera teatrale del 1912, La ricomparsa di un’anima.[26] È noto che l’arte ha spazio ed è molto apprezzata nelle comunità spiritiste e non spiritiste. È uno spazio artistico in espansione. In Brasile, ad esempio, ci sono festival teatrali spiritisti, con Nazareno Tourinho come uno dei drammaturghi vincitori, così come altri studi e ricerche dedicati al tema. Riviste come caderno de Arte Abrarte/Associação de artistas espíritas sono dedicate esclusivamente alle arti che si avventurano in questo campo, dando al tema un carattere più scientifico e un mezzo per diffondere la conoscenza spiritista, che sono sempre più abili.

3. NAZARENO TOURINHO: SPIRITISTA, DRAMMATURGO

Dopo una lunga introduzione, siamo entrati nell’opera teatrale del Nazareno Tourinho.  Ci sono 14 pezzi con temi eclettici e vari riguardanti la tipologia. I suoi pezzi possono essere: drammatici, comici, aneddotici, sociali e, naturalmente, due di loro con contenuti spiritisti[27]. Il drammaturgo si preoccupava, oltre a queste classificazioni o nomenclature, di ritrarre i mali dei popoli in modo critico e riflessivo. Nazareno, come studioso e praticante della dottrina spiritista, scrisse pezzi dal contenuto spiritista, perché, come sappiamo, apparteneva alla comunità spiritista[28] ed è un riferimento in studi di questa natura, con numerose opere pubblicate.

Come cittadino e scrittore interessato al suo ruolo sociale, scrisse opere teatrali che sono, nella sua comprensione, moralistiche e non moralistiche. La differenza tra queste due parole si riassume, “grosso modo”, con il “tono” espresso dai precetti che crediamo siano di buone e cattive usanze, alla civiltà nella società, o anche alle credenze basate sul cristianesimo prosaico. L’idea che il moralista imponga con forza e rigidità ciò che ritiene corretto, è esattamente l’opposto di quanto ci si aspetta dai ricercatori-partecipanti-artisti spiritisti: la non imposizione dall’accettazione moralizzante che l’arte può imprimere a chi la apprezza. Lo Spiritista è mosso dalla pratica di guidare le azioni con un’etica basata sull’amore fraterno.

Nell’opera teatrale, La strana follia di Lorena Martinez, il personaggio principale, Lorena, in uno stato psichico, professa una serie di linee guida e avvertimenti:

LORENA – Fratelli miei, non sono venuto qui per polemiche, sono venuto ad aiutare Lorena per i suoi meriti personali. Non voglio stabilire conflitti con l’opinione di nessuno; se per ora non posizionare la fede nel nostro mondo, di natura spirituale, sta a noi piangere senza preoccuparci, poiché prima o poi morirete tutti e vedete la grande verità dell’aldilà con i vostri occhi. Solo nel caso in cui non giudichino incarcere, devo, nel rispetto del libero arbitrio di ciascuno, lasciare alcuni avvertimenti. Accettare? (TOURINHO, 1997, p. 95).

È chiaro che l’autore conserva l’idea di non moralizzare, ma di essere illuminante dei principi e dei fenomeni del mondo spirituale. Lo spirito che si prende cura di Lorena, afferma di rispettare il libero arbitrio, che non c’è per provocare conflitti e chiede il permesso di presentare gli avvertimenti ai presenti. Questi avvertimenti sono poi noti per riguardare la vita di tutte le persone riunite in casa. Vengono trasmesse situazioni o contesti che possono aiutare, nel migliore dei modi, la vita dei personaggi, che hanno il diritto di accettare, negare o riflettere, cioè la missione dello spirito è quella di chiarire. Tourinho sostiene che l’ARTE adora solo la dea LA LIBERTÀ votando un solenne disprezzo per tutti i tipi di morale.  A questa impasse[29], lo stesso Tourinho spiega:

La risposta a questa domanda (come risolvere questa impasse?), in cui la soluzione del problema si allietarà, risiederà nella nostra capacità di renderci conto che la radice della domanda non è tanto cosa fare, ma come fare. Se diamo al nostro lavoro la forza irresistibile della bellezza e dell’originalità, gli attributi formali soppiantano tutti i contenuti filosofici (TOURINHO, 1990, p. 16).

 Qui, come intenditori del lavoro di Andrej Tarkovski, spetta a noi tracciare alcuni parallelismi nelle concezioni di due umanisti sulle arti. Sia Tarkovski che Nazareno considerano l’arte alta. Coloro che si dedicano alle arti sarebbero in uno stato di grazia, lode e persino sacrificio e, soprattutto, nell’esercizio dell’empatia e dell’impegno per la comprensione dell’altro. Tarkovski afferma che l’opera d’arte deve essere necessaria per l’essere umano. “In effetti, non riuscivo mai a convincermi che un artista, sapendo che il suo lavoro non era necessario per nessuno, poteva lavorare solo per se stesso.” (TARKOVSKI, 2010 p. 5). Al quale Nazareno sarebbe pienamente d’accordo, scrisse con lo scopo di provocare una riflessione sui mali vissuti dai suoi personaggi. Tourinho era un attento osservatore dei comportamenti dei popoli amazzonici, al fine di comprenderne gli atteggiamenti, senza rimproverarli. Per Tarkovski, coloro che producono un’opera artistica devono eccellere nella comprensione dell’essere umano, praticando l’osservazione per capirli.

È una grande virtù saper ascoltare e capire… Questo, dopo tutto, è uno dei fondamenti fondamentali delle relazioni umane: la capacità di comprendere le persone, di perdonarle per difetti involontari, i loro difetti naturali. Se, almeno una volta, due persone sono state in grado di sperimentare la stessa cosa, possono sempre capirsi. Anche se uno di loro viveva nella mammut età, e l’altro nell’era dell’elettricità. E Dio avrà dato solo alla comprensione e all’sperimentare impulsi umani e comuni – i loro e quelli degli altri (TARKOVSKI, 2010, p.5-6).

Le concezioni dei due autori sono umaniste, soprattutto per entrambi, un’opera artistica ha senso solo se contribuisce all’elevazione dell’essere umano. In generale, i due pezzi dal contenuto spiritista e dal messaggio presentano questo aspetto formatore, al fine di dimostrare valori, atteggiamenti e comportamenti alti e umanistici, i cui dialoghi tra i personaggi, possono essere letti e compresi, da qualsiasi persona senza distinzione di classe, genere e credenze. Questo è forse lo scopo ideale che Tourinho sostiene: raggiungere i cuori – cristiani, non cristiani; spiritisti e non spiritisti – è necessario essere popolari, senza perdere il suo peso esplicativo ed educativo, nel senso di seguire i principi spiritisti, non come dogmi, ma come comprensione di una vita più umanitaria.

I pezzi del Nazareno hanno un certo grado di studio, ma mantengono la chiarezza per la lettura, la comprensione e l’assemblaggio, sia con la presenza di personaggi ben progettati che con dialoghi ben costruiti. Nei due pezzi in questione, ci sono personaggi dotti che contrastano con personaggi di umile background accademico o intellettuale; tuttavia, sono proprio questi personaggi apparentemente ignoranti alla luce della scienza che, in modo semplice e usando crendices considerati popolari e conoscenza che si discosto dalla saggezza vissuta, hanno un momento clou risolutivo dei problemi. Sono queste creature che espongono la loro saggezza e chiariscono gli strani fenomeni che si sono verificati nelle famiglie. Come si può vedere in The Capricious Lesson of Spirits (1997) in un momento in cui il Dr. Urbinati dimostra la sua conoscenza della scienza:

Dottor Urbinati – Pablo, non darmi questo! Lascia Einstein nella sua gloriosa casa in compagnia di Max Plank. Poiché lo spazio è curvo, perché l’universo ha una forma cilindrica e non sferica, ed è finito anche se illimitato, perché le misurazioni delle dimensioni variano con la velocità, perché un corpo in movimento diminuisce di volume e aumenta la massa, siamo costretti a credere che il principio della repulsione elettrostatica tra elettroni nell’interazione a distanza sia assolutamente stabilito per tutta l’eternità? Cosa succede se tale principio non funziona in determinate condizioni o circostanze? Se non è sempre valido, in pochi, se non si applica al caldo coagulato che da lunedì mi fa sentire paziente? (TOURINHO, 1997, p. 34).

Tourinho, in entrambi i pezzi, non solo cerca il contrasto tra lo studioso e l’empirico, al contrario. In realtà eleva la conoscenza (scientifica e popolare) quando le affronta o le mette in dialogo. A questo scopo, come nell’estratto di cui sopra, i suoi personaggi segnano i discorsi con proprietà causa, spiegando effetti e risultati, quando il personaggio Dr. Ubiratan, ad esempio, professa discorsi con prove scientifiche.

D’altra parte, a differenza del discorso più scientifico, in La strana follia di Lorena Martinez (1997), il personaggio Terto, un impiegato di 75 anni, cerca di spiegare la situazione che sta attraversando Lorena:

Terto – “Il tuo” Bertolo, dammi il permesso per il consiglio di un vecchio, in questa tribolazione di Dona Lorena. Mi dispiace, e non riesco più a tenere la bocca inchiodata.

Bertolo – Vattene presto!

Paola – Lascialo parlare, papà, non fa male sentirlo.

Terto – (Punta Jéssica) Sono stanca di implorarla di dire a te e ai ragazzi che alla signora Lorena manca... (Fai una pausa cauta).

Paola – Cosa? Di’, non aver paura.

Terto – Prendi qualche pass.

Jéssica – È tutto quello che mancava!

Terto – (Per lei) Lo smagli perché sei una carola della chiesa.

Jéssica – (Esaltata) Vecchio macumbeiro, rispettami

(TOURINHO, 1997, p. 62-63).

Al fine di mantenere le questioni inspiegabili alla luce della scienza come esercizio della conoscenza, della crescita personale. Esperienze rappresentate dai personaggi, ma che possono provocare una riflessione nel lettore/spettatore. Sfida il lettore con la critica, riferendosi in un miscuglio ai carola della Chiesa, oltre a dimostrare che il pregiudizio è ancora imperativo, specialmente nelle società di classe, sui rituali di altre culture come il candomblé o lo spiritismo, per esempio. Qui, in questo caso, Bertolo rifiuta di accettare l’esistenza di un’entità soprannaturale che prende il controllo di Lorena Martinez, tanto da cercare in medicina una spiegazione delle cause e dei loro effetti che lo spiritismo potrebbe spiegare o risolvere.

Le differenze sono molto marcate tra i personaggi, sia per le loro caratteristiche sociali che per i loro temperamenti o profili psicologici. A partire dai nomi: La casta più alta e il background accademico hanno nomi e cognomi, qualità che caratterizzano un certo prestigio; gli altri sono presentati e formalmente chiamati con cognomi o per nome, una chiara distinzione di classe. Il Dr. Nicholas è un fisico prestigioso e quello che si potrebbe chiamare un uomo colto e saggio; Pablo è il suo studente più dedicato ed esprime grande apprezzamento per il suo maestro, è sempre aperto a nuove interpretazioni e conoscenze; Camilo è un artista con un alto grado di intellettualità e si mostra vanità, usando tutta la sua verborragia nei discorsi pomposi ed ermetici, è anche noto che è lui che comunemente si classifica come artista di “spirito libero”, avendo persino lasciato la magistratura per esercitare appieno la sua arte. Dall’altra parte di questo polo ci sono i personaggi: la fragile Ilma, una giovane cameriera, che sembra essere responsabile delle manifestazioni soprannaturali che affliggono la residenza – è ingenua, senza forza imperativa e sottomessa agli ordini che le sono imposti; Francesca è la governante e ha poca conoscenza dei fatti, aggrappandosi completamente alle sue credenze e accettando eventi come prove divine; E per finire, padre Giordano, che, nella sua fede cristiana e nella sua filosofia manichea, ha continui scontri con Camillo (avverso alle idee del bene x male, diavolo x Dio, insistentemente perpetrato dal sacerdote). Nell’ultimo campo ci sono le due mogli, Magali e Carmencita. Questi sono personaggi neutrali, perché non sono intellettuali (come essi stessi chiarisci), mentre non vengono tritati e hanno una cultura raffinata, per così dire. I discorsi dei personaggi mostrano apprezzamento per la formazione accademica, per i titoli dei dottori, tuttavia, è anche chiaro, la predilezione del Nazareno per i meno favoriti di ogni tipo.

La caratterizzazione è un compito che richiede articolazione e cura. I personaggi di un gioco devono essere interconnessi non solo dal filo conduttore della narrazione, ma incorporati nel contesto come elemento che esiste dalle loro azioni, dai loro gesti, dai loro profili. Quando si tratta di un’opera teatrale, che ha come personaggio, un attore sul palco, è importante che la sua caratterizzazione sia coerente con il genere o la proposta dell’opera. I personaggi sono caratterizzati da ciò che dicono, da ciò che gli altri dicono di lui e dalle loro azioni messe in parole, gesti, costumi. È una costruzione della natura umana, nelle parole di Tourinho: “La caratterizzazione dei personaggi richiede che il drammaturgo sia molto acuità perché la natura umana non è affatto semplice, è superlativamente complessa” (TOURINHO apud CARDOSO, 2019, p. 52). In questo caso, il drammaturgo ha un’attenzione particolare, perché nelle due opere qui specificate, i suoi personaggi sono espressivamente coerenti con la proposta del genere in cui ha scritto.

I titoli, a questo punto, svolgono un ruolo fondamentale nella costruzione del testo drammatúrgico. Tourinho non risparmia su queste indicazioni. Perché vuole che i suoi pezzi siano compresi dalla sua visione, dalla sua comprensione del soggetto, senza imporre le sue convinzioni. Anche se chiarislo che quando assemblati, i tuoi pezzi devono essere rispettati per messaggi, contenuti, indicazioni.

La signora Magali – (Metti da parte l’armamentario all’uncinetto e alzati) Poi passa il panno sulla statuina (Vai all’electrola, metti a suonare una canzone eseguita al violino; poi siediti pensierosamente e si strofina le mani in un gesto che denota nervosismo contenuto, prima di raccogliere il rotolo di filato e l’ago per continuare all’uncinetto; nel frattempo CARMENCITA CALDERON emerge nel corridoio).

CARMENCITA – (spontanei, eleganti senza a affetti) Rimangono nel gabinetto? (TOURINHO, 1997, p. 14).

Notiamo che le rubriche dell’autore non riguarda solo i movimenti e le azioni dei personaggi, ma indicano anche i loro sentimenti. Anche la musica, suonata sull’electrola, denota una lettura, perché un assolo di violino può avere un drammatico effetto di tensione che invade lo spazio e viene assorbito dai personaggi e dai loro spettatori. Nella rubrica, il nome di Carmencita è evidenziato con lettere forma, accompagnate dal cognome, per dare, in questo caso, l’importanza sociale al personaggio, come donna elegante nel modo di vestirsi, nei gesti e negli atteggiamenti. Tutte queste indicazioni sono siglate, senza le quali potrebbero travisare l’espressività idealizzata.

Oltre a questi attori sociali, le dicotomie sono aggravate nella costante lotta tra scienza e credenza. E, poiché è un pezzo spiritista, ovviamente, la bilancia pesa sui valori non necessariamente scientificamente provati. Tuttavia, i pezzi di Tourinho non disdeservano l’uno a favore dell’altro. Al contrario, in molti passaggi, egli apprezza la scienza come fondamentale; dimostra una grande conoscenza dei fenomeni scientifici, principalmente nelle argomentazioni del Dr. Nicholas; e riconosce che il mondo e le persone hanno bisogno delle scienze, così come hanno più bisogno di altre credenze, che non sono sul piano terra. Dimostrando che la sua rappresentazione teatrale non si limita alla valutazione solo da un punto di vista, anche se la proposta principale dell’opera è quella di rappresentare gli effetti paranormali. C’è, in questo caso, un tentativo di esprimere che siamo materia e spirito e che entrambi hanno bisogno, nell’ambito delle loro esigenze evolutive, della scienza e del trattamento spirituale.

Il conflitto e lo shenams delle situazioni proposte sono una parte importante della drammaturgia scritta. Tali caratteristiche sono motes che attirano l’attenzione del lettore / spettatore su una buona storia. Tourinho è un maestro in questa impresa, perché può dialogare con questioni costose. Sono le dicotomie, gli elementi importanti delle sue opere teatrali. Oltre a una lettura delle persone, è la lettura delle differenze. I conflitti tra scienza x religiosità, corpo x spirito, ricchezza x povertà, discorsi x silenzio, sono le massime che fanno raggiungere facilmente il suo lavoro al pubblico, perché “è la trama che apre la strada all’azione attraverso il conflitto ed è lui che promuove la caratterizzazione dei personaggi [..]”. (TOURINHO, 1991: 78-9).

La strana follia di Lorena Martinez poteva essere classificata come un dramma drammatico, e La lezione capricciosa degli spiriti era stata definita commedia. Tuttavia, soprattutto nel secondo, questa classificazione scende. Nella difficile e complessa ricerca della definizione del tipo di drammaturgia o della sua classificazione, l’opera presenta più momenti di tensione che di risate, o sarcasmi, ironie, ecc. parole che, in generale, si adatterebbero all’opera comica. Al contrario, la presenza di elementi soprannaturali, discussioni scientifiche, conflitti classicisti e sonoplastwork stessa, effetti visivi e interpretativi imprimeno un’atmosfera più drammatica. Infatti, l’eclettismo dei pezzi di Tourinho graffia alcuni dei concetti ampiamente diffusi e, difeso anche nel mondo accademico, ad esempio, in alcuni segmenti religiosi. È più importante pensare che si tratta di un pezzo, oltre alle classificazioni dei generi, che è ai limiti di una classificazione o di un altro.

La caratterizzazione dei generi, a volte assumendo caratteristiche normative o semplicemente descrittive, presentandosi come regole inflessibili o semplicemente come un insieme di tratti, che l’opera può presentare nella sua interezza o prevalentemente, è stata diversa in ogni momento. In difesa di un’universalità della letteratura, molti teorici considerano addirittura il genere come una categoria immutabile e apprezzano l’opera per la sua obbedienza a leggi fisse di strutturazione, per la sua “purezza”. Mentre altri, in nome della libertà creativa che l’opera artistica dovrebbe risultare, difendono la miscela di generi, cercando di dimostrare che ogni opera presenta diverse combinazioni di caratteristiche dei diversi generi (SOARES, 2007, p.7).

Tuttavia, va chiarito che tale classificazione non è dovuta solo alla presenza di risate. Sottometteremo studi molto importanti che spiegano che l’estetica della commedia o della commedia, non è fatta solo da questo, da quello o dal lavoro che ti fa ridere. Aristotele, quando scrisse Poetics, riferito ai mezzi di imitazione, affermò che la commedia assomiglia alla tragedia, poiché entrambi usano il ritmo, il canto e la metropolitana, ognuno dei quali il suo turno: “Assomigliano anche sia per quanto riguarda il modo di imitazione, perché entrambi sono caratterizzati come dramma, poiché imitano le persone che agiscono e lavorano in modo diverso” (ARISTÓTELES, 1984, p. 243).

Le differenziazioni a questo punto sarebbero oggetto di imitazione, perché per Aristotele, se la tragedia imita uomini migliori, la commedia si limita a imitare uomini peggiori di noi. Configurandosi come “[…] imitazione di uomini inferiori; non per tutti i tipi di vizi, ma solo per quella parte del torpe che è ridicola” (ARISTÓTELES, 1984, p. 243). Al di fuori di questo attrito, su ciò che è superiore o inferiore, possiamo solo pensare che, fin dalla sua origine, la commedia abbia somiglianze con la tragedia e, forse, questa è la più grande spiegazione sul difficile compito di classificare un genere drammatúrgico. Dopo tutto, è necessario “conoscere le motivazioni della lacrima e della risata, di ciò che riteniamo serio e divertente” (TOURINHO, 1991, p. 77). Forse, le opere spiritiste di Tourinho, provate sì, a parlare di uomini considerati “inferiori”, increduli e increduli, narcisisti, presuntuosi, avaros, meschini … ma, che sono in questa condizione perché sono umani e che possono, con remissione, raggiungere l’illuminazione per una vita più dignitosa, almeno negli “occhi” dello spiritismo.

Sempre nel difficile ruolo della concettualizzazione, il lavoro del Nazareno Tourinho, in particolare queste due opere teatrali, fanno parte della categoria del teatro delle idee che, a sua volta, si diramano in giochi problematici, opere di tesi e pubblicità, da una classificazione presentata da Walter Kerr[30], drammaturgo americano. Il pezzo problematico presenta semplicemente il suo problema, cerca di essere giusto per entrambe le parti e lascia cadere il panno senza alcuna soluzione; Il pezzo della tesi, a sua volta, presenta un problema politico, sociale o morale che cade in un dibattito per risolvere un problema; Il pezzo propagandistico presenta un problema, discute la soluzione dell’autore e cerca di incitare l’opinione pubblica ad un’azione immediata. Mentre il drammaturgo della tesi si accontenta di avere l’acquiescenza intellettuale per le sue idee; il propagandista è soddisfatto solo degli impegni appassionati e della cooperazione pratica.

È giusto, in questo caso, assegnare il dramma di Tourinho come pezzo di tesi, considerando che il drammaturgo trova nel discorso non pamphleteering – tipicamente inquadrato nei pezzi della propaganda – l’esercizio di discorsi contrastanti tra opposti che cadono in una riflessione, senza sollevare esplicitamente una pubblicità, ad esempio, dello spiritismo. Infatti, Tourinho ha sempre chiarito che i suoi pezzi devono essere visti da qualsiasi spettatori, indipendentemente dalle loro convinzioni filosofiche o religiose.

4. CONCLUSIONI

Per quanto riguarda il teatro spiritista di Nazareno Tourinho, poco è stato indagato e molto è da studiare. Questo lavoro non ha preteso di esaurire tutti i dubbi e le analisi che il tema richiede. Al contrario, lancia, con umiltà, un’altra idea e un altro sguardo all’arte scenica di questo drammaturgo di Pará che ha inteso la Dottrina come qualcosa che avrebbe dovuto essere trasmesso, anche, dall’art. Per il drammaturgo, l’arte è la migliore rappresentazione per raggiungere gli uomini e uno dei modi per trasmettere la filosofia spiritista.

Per quanto riguarda i due pezzi studiati, entrambi hanno il suo valore sperimentale, la sua forza oggettiva; i suoi personaggi sono ben costruiti e presentano i conflitti necessari per la narrazione scenica. Oltre a portare discorsi cari alla dottrina.

Durante il suo viaggio, Nazareno Tourinho scrisse numerose opere dedicate allo spiritismo, tra cui un saggio teorico-critico. L’opera è importante perché presenta temi che, senza chiare chiaritioni possono confondere i nuovi drammaturghi e gli artisti spiritisti. Con saggezza e consapevolezza, scrive senza negare la sua condizione di scrittore e spiritista. Allo stesso tempo, non cessa di riconoscere i suoi limiti come entrambi, cioè come essere umano.

La verità è che l’opera del Nazareno Tourinho si distingue per essere popolare, per avere un’accettazione del pubblico, anche quando si tratta di un pezzo di filoopala o natura dottrinale. Ciò dimostra che il drammaturgo non si arrende alle sue credenze, o le usa come stampella, ma trova, in questa proposta, un modo per mostrare al mondo ciò che sa e ciò in cui crede, senza, ovviamente, costringere lo spettatore ad accettare, concordare; senza imposizione di valori. Anche se riconosce di farlo per trasmettere e far diventare persone migliori.

Ci si aspetta che queste considerazioni sui due pezzi incitano nuove letture e analisi che, naturalmente, possono ampliare le conoscenze che circondano l’argomento. Così, aprendo il “lucchetto” concettuale di questo specifico tipo di arte scenica, dimostrando che la sua realizzazione è costante, adatta e adatta a un pubblico che non ha bisogno di essere classificato come spiritista. È, soprattutto, una tipologia, un’arte di apprezzamento estetico e soggetta a molte altre letture.

RIFERIMENTI

ARISTÓTELES. Poética. Tradução de Eudoro de Souza. São Paulo: Abril, 1984, p. 243.

BRANDI, C. Teoria da restauração. Tradução Beatriz Mugayar Kühl. 2. ed. Cotia, São Paulo: Ateliê Editorial, 2005.

Caderno de Arte da Abrarte/Associação brasileira de artistas espíritas. Vol. 1 e 2. Ano 1º. Florianópolis, 2018.

CARDOSO, G. V. Em defesa de um teatro espírita. Disponível em: https://www.academia.edu/7869402/Em_defesa_de_um_Teatro_Esp%C3%ADrita Acessado em 31/10/2019.

GARCIA, W. O espiritismo na sociedade do espetáculo. Disponível em http://www.espiritualidades.com.br/Artigos/G_autores/GARCIA_Wilson_tit_Espiritismo_na_Sociedade_de_Espetaculo-O.pdf . Acessado em: 31/10/2019.

MARTINS, B. Nazareno Tourinho: Encena linguagem teatral e cinematográfica. Anais do XIII Congresso Internacional da ABRALIC. 2013. Disponível em: http://www.abralic.org.br/anais/arquivos/2013_1434328875.pdf . Acessado em: 08/11/2019.

SOARES, A. Gêneros Literários. Série Princípios. 7ª ed. São Paulo/SP. Editora Ática. 2007

TARKOVSKI, A. Esculpir o tempo. São Paulo: Martins Fontes, 2010.

TOURINHO, N. A caprichosa lição dos espíritos. Capivari/SP: Editora EME. 1997.

TOURINHO, N. A dramaturgia espírita. Rio de Janeiro-RJ:  Federação Espírita brasileira. 2ª ed. 1990.

TOURINHO, N. A estranha loucura de Lorena Martinez. Matão/SP: Ed. O Clarim. 1997.

APPENDIX – RIFERIMENTI FOOTNOTE

4. Acyr Castro. Diário do Pará. 11/12/1982. Belém.

5. Autore di numerosi libri: Sorprese e curiosità di una ricerca mediumistica; Breve corso di filosofia spiritista; La mia dolce casa spiritista, debutta con gli altri. Oltre al libro The spiritist dramaturgy, 1991. I due pezzi, in fase di studio in questo testo, sono stati pubblicati nel 1997 e raccolti nel lavoro completo, già citato.

6. Gioca al Nazareno Tourinho. Org. Bene Martins. Belém, 2014.

7. Pádua Costa. Provincia di Pará. 21/04/1985. Belém.

8. Gioca al Nazareno Tourinho. Org. Bene Martins. Betlemme: Ed. Cejip, 2014. (lavoro completo).

9. Raccomandazione ribadita dall’autore, a tutti coloro che sono interessati a lavorare con i suoi pezzi.

10. Ora, dottrina, a volte filosofia, a volte modi di vivere per riferirsi ad alcuni termini usati per lo spiritismo che, soprattutto dagli insegnamenti di Cristo, è umanista per eccellenza.

11. Onde Estivestes de Noite (1974).

12. Lygia Facundes Telles pubblicò nel 1981 il libro “Misteri” con 18 fantastici racconti raccolti sotto il segno del soprannaturale e della magia. Il libro presenta storie tese, a volte soffocanti, crudeli e persino ironiche.

13. The Others è un film del 2001 diretto da Alejandro Amenábar.

14. L’esorcista (nell’originale, The Exorcist) è un film americano del 1973 del genere horror soprannaturale diretto da William Friedkin e scritto da William Peter Blatty, basato sull’omonimo libro della sua paternità. Il film affronta il possesso demoniaco di una ragazza di 12 anni. Il libro di Blatty è stato ispirato dall’esorcismo di un ragazzo di 14 anni, documentato nel 1949.

15. Paranormal Activity (o Paranormal Activity) è un film horror americano prodotto in modo indipendente pubblicato nel 2007. È realizzato sotto forma di uno pseudo-documentario, utilizzando una comune telecamera portatile per trasmettere l’impressione che le scene mostrate siano reali. È stato scritto e diretto da Oren Peli.

16. The Conjuring (in Brasile, Invocação do Mal; in Portogallo The Conjuring – A Evocação) è un film horror americano diretto da James Wan. La funzione si basa anche su eventi reali.

17. The Shining (Brasile: O Iluminado; Portogallo : Shining) è un film, horror, drammatico e suspense britannico-americano degli anni ’80, diretto da Stanley Kubrick, con una sceneggiatura di Diane Johnson e lo stesso Kubrick basata sull’omonimo romanzo Stephen King.

18. Always (in Brazil: Além da eternidade) è un film americano del 1989, di genere romantico, diretto da Steven Spielberg e con una sceneggiatura basata su A Guy Named Joe, di Chandler Sprague.

19. Ghost (Brasile: Ghost: Do Outro Lado da Vida) è un film americano del 1990, dei generi dramma, suspense, humor nero e fantasy romantico, diretto da Jerry Zucker, con una sceneggiatura di Bruce Joel Rubin. Ghost è stato rilasciato nelle sale il 13 luglio 1990 dalla Paramount Pictures.

20. Cidade dos Anjos (in Brasile e Portogallo; City of Angels in inglese) è un film del 1998 diretto da Brad Silberling.

21. The Lovely Bones (Brasile : Um Olhar do Paraíso[3][4]; Portogallo:  Visto do Céu[5][6]) è un film neo-britannico-americano-americano del 2009 dei generi Drama, suspense e fantasy , diretto da Peter Jackson, con la sua sceneggiatura, Fran Walsh e Philippa Boyens basata sul romanzo di Alice Sebold The Lovely Bones, pubblicato nel 2002

22. What Dreams May Come (Portogallo: Para Além do Horizonte[5]; Brasile : Amor Além da Vida[1]) è un film americano del 1998 del genere drammatico romantico-fantastico, diretto da Vincent Ward con una sceneggiatura tratta dal romanzo con lo stesso nome di Richard Matheso.

23. Yesterday’s Children (Brasile : Minha Vida na Outra Vida[1][2]) è un film americano del 2000, del genere drammatico biografico, diretto da Marcus Cole, con una sceneggiatura di Sarah Bird e Richard Leder basata sul libro autobiografico di Jenny Cockell.

24. Nosso Lar è un film brasiliano del 2010, dei generi dramma e spiritismo, scritto e diretto da Wagner de Assis. La sceneggiatura era basata sull’omonimo libro, lanciato nel 1944, psicografato dal medium Chico Xavier, sotto l’influenza dello spirito André Luiz.

25. Uso il termine per spiegare la lotta della comunità spiritista da introdurre all’interno delle arti, del soggetto o della dottrina spiritista.

26. È importante notare che queste informazioni sono soggette a confutazione. Questi dati e/o informazioni sono stati raccolti dal libro História da dramaturgia com temática espírita di Eduardo C. Monteiro, pubblicato nel 1999 da Ed. Utilizzare.

27. Come drammaturgia incentrata sullo spiritismo, Nazareno scrisse il dramma A Estranha Loucura de Lorena Martinez e la commedia Caprichosa Lição dos Espíritos. Entrambi hanno vinto, rispettivamente, il 1° e il 2° posto nel 1° Concorso Nazionale di Drammaturgia per il Teatro Spiritista tenuto dalla Cooperativa Teatrale del NEACEP (Centro Spiritista delle Arti Dello Spettacolo Pirandello). Nel 2006, Lorena Martinez è stata adattata per il palcoscenico dalla Compagnia dell’Istituto d’Arte e Vita di Franca (SP) con il titolo Estranha Loucura, con la regia e l’adattamento di Mauro Júnior e un cast di dieci attori: Eneida Nalini, Mateus Oliveira, Roberto Sabino, Harriet Rezende, Sebastião Cassiano Filho, Jane Marinho, Edna de Paula, Douglas Gomes, Rodrigo Marques Silva e Mariane Araújo.

28. Oltre a scrivere della dottrina, mantenne un centro spiritista a Belém. Ha pubblicato Minha doce casa espírita (1998) in cui racconta la storia della casa che ha fondato e diretto.

29. Tourinho evidenzia questa impasse a causa della necessità che la maggior parte degli artisti ha nel trasformare la propria arte in qualcosa di moralistico, ma l’arte non ha bisogno di obbedire (e non dovrebbe) a tale idea, anche quando cerca l’indottrinamento. L’impasse, dunque, è: come fare arte dottrinale senza essere moralisti?

30. Walter Francis Kerr (8 luglio 1913 – 9 ottobre 1996) è stato uno scrittore americano e critico teatrale di Broadway. È stato anche scrittore, paroliere e / o regista di diversi spettacoli e musical di Broadway, nonché autore di diversi libri, di solito sul tema del teatro e del cinema.

[1] Gioca il drammaturgo Nazareno Tourinho di Pará.

[2] dottorando del Graduate Program in Arts (PPGARTES), università federale di Pará; Master of Arts (PPGARTES-UFPA). Professore all’Istituto federale di Amapá.

[3] Dottorato in lettere (UFMG); Post-dottorato in studi teatrali (Università di Lisbona); Professore di ricerca presso la School of Theatre and Dance e il Graduate Program in Arts (PPGARTES), presso l’Università Federale del Pará Coordinatore del Progetto di Ricerca: Memoria della Drammaturgia Amazzonica: Costruzione della Collezione Drammaturgica.

Inviato: ottobre, 2020.

Approvato: dicembre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here