Coesione e coerenza nel testo argomentazionico in difesa della lingua portoghese pubblicato da José Pacheco Pereira

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/testi/coesione-e-coerenza
5/5 - (2 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

MALDONADO, Gabriel Orlando Quiñones [1]

MALDONADO, Gabriel Orlando Quiñones. Coesione e coerenza nel testo argomentazionico in difesa della lingua portoghese pubblicato da José Pacheco Pereira. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 08, Vol. 02, pp. 36-43. nell’agosto 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/testi/coesione-e-coerenza, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/testi/coesione-e-coerenza

RIEPILOGO

Questo articolo si basa sull’area della Sociolinguistica Interazionale e presenta un’analisi di estratti dal testo argomentazionitivo pubblicato da José Pacheco Pereira “O vírus que atacou a língua portuguesa”. Frammenti del testo sono stati analizzati per interpretare la coesione e la coerenza e viene presentata la giustificazione dei suoi argomenti nella lettura di questo articolo. In questa iniziativa, i risultati hanno rivelato l’interpretazione pragmatica che il testo ha avuto con la pandemia COVID-19.

Parole chiave: Sociolinguistica interzionale, testo argomentazionezionale, coesione, lingua portoghese, accordo ortografico.

1. INTRODUZIONE

Per questa analisi, abbiamo scelto il testo argomentazionitivo pubblicato da José Pacheco Pereira intitolato “O vírus que atacou a língua portuguesa”, perché è accolto nel tema del seminario sociolinguistico interzionale. Per diversi anni, Pereira ha combattuto costantemente l’accordo ortografico del 1990, in seguito AO90. È sempre stato in disaccordo con l’AO90. Nel suo articolo, egli si riferisce all’accordo come “acordès”, che può generare una situazione di confusione. Questa confusione mi ha portato a cercare la definizione della parola “acordès”, ma non ho trovato nulla di rilevante.

La parola più vicina era accordi, senza circonflessione, riferendosi agli accordi musicali. A mio parere, il linguaggio è melodia, ma in questo caso è dissonanza, nessuna melodia, nessun accordo. Anche la parola attira l’attenzione del lettore. A prima vista, la parola ha raggiunto il suo primo obiettivo, affascinando il lettore. In secondo luogo, la parola presenta un’aria di confusione e quindi ti porta a riflettere sul pensiero dell’autore: il disaccordo di ortografia. Questo testo argomentazionetivo è stato così interessante che ho deciso di esaminarlo e cercarne la giustificazione e la coerenza.

2. Coerenza

La coerenza è l’attributo testuale/discursivo con cui le dichiarazioni che lo compongono fanno riferimento allo stesso fatto. Affinché un testo/discorso sia coerente, le sue asserzioni devono concentrarsi su un argomento e devono rispondere alla nostra conoscenza della vita quotidiana e della nostra realtà. A volte, il destinatario potrebbe non avere esperienza o conoscenza circa gli argomenti o argomenti in discussione, che porterebbe alla perdita di interesse nella finalizzazione della conversazione o la lettura. I testi/discorsi forniscono nuove informazioni in ogni espressione/frase, ma le espressioni/frasi non sono più coerenti se non fanno riferimento a un argomento comune. Secondo Lopes (2009, p. 242): “è generalmente accettato che stabilire la coerenza sia un aspetto centrale della comprensione del discorso; pertanto, l’elaborazione del significato del discorso comporta il recupero delle relazioni di coerenza che integrano le singole proposizioni espresse in tutto il testo”.

3. Coesione

Oltre ad essere coerenti, le asserzioni di un testo devono essere collegate o coesive tra loro. Pertanto, due affermazioni coerenti non possono costituire un testo se la loro relazione grammaticale non è corretta. La coesione è quindi l’attributo da cui le asserzioni di un testo sono correttamente collegate da un punto di vista lessicale e grammaticale. La coesione è conservata in testi basati su varie procedure che possono essere lessicali se prendono in considerazione le parole e i loro significati, gli aspetti grammaticali e le varie risorse che vengono utilizzate. In questo contesto, Fonseca (1994, p. 8) afferma che: “la texture nelle tracce che rendono un prodotto semantico unificato di un prodotto verbale, in quanto tale funzionante a livello globale in una situazione di comunicazione, in cui è adeguatamente inscritto”.

4. Giustificazione

La giustificazione può essere un tipo di allineamento applicato alle righe di un testo per fare in modo che ogni estremità corrisponda al pensiero iniziale dell’istruzione. Essa cerca di giustificare un ragionamento individuale o collettivo, o anche le esperienze espresse nella dichiarazione o nel testo in generale. Per Lopes (2009, p. 242), la giustificazione deve essere compresa da un rapporto di coerenza pragmatica, e quindi, affinché questa relazione sia caratterizzata, l’autore sottolinea le differenze relazionali tra causa e giustificazione. Fa parte di brevi testi e sostiene che: “c’è prova empirica, in termini di comportamento sintattico e prosodico, che un resoconto della relazione di giustificazione richiede una sequenza di due atti di parola, e farò presente che questa relazione si verifica in diversi tipi di testi argomentativi”.

4.1 LA CAUSA E L’EFFETTO

L’azione di un individuo è in qualche modo legata a qualcosa che li porta ad agire. L’effetto è il risultato, fine, conseguenza, conclusione su ciò che è derivato da una causa. Questo perché ogni fenomeno ha qualcosa che lo genera, dal momento che nulla accade dal nulla, ma ciò che esce sotto la percezione della causa è ciò che è noto come effetto. Pertanto, ogni evento ha una causa, perché tutto ciò che accade è collegato a un processo di interazione, il primo evento è la causa e il secondo, a sua volta, rappresentano gli effetti. Secondo Lopes (2009, pp. 250-251),

… Ho raccolto una serie di esempi che dimostrano che lo stesso rapporto di coerenza della Giustificazione può essere segnato da diversi connettivi nel portoghese europeo contemporaneo: perché, quindi, dal…  Estratto 1: “Non metto più libri sul tavolo, romanzi, poesie, saggi, perché più l’autore è conosciuto e creativo, meno usa gli “acord”.”

Nell’analisi dell’estratto 1, è evidente che più conosciuto e creativo è l’autore, meno userà l'”acordès”, dal momento che le opere da creare considereranno il legame costruito con il lettore, che dispensa con gli “acordès”.

4.2 Le ADR

Secondo Lopes (2013, p. 11), “avvers ora, così, presto, sempre, ancora, già, finalmente funzionano sintatticamente come modificatori di predicato, esprimere il tempo o valori aspetti e contribuire al contenuto propositivo delle espressioni che li accolgono”. L’autore propone due estratti per esemplificare questa situazione:

Estratto 2. “Non mi asodò, perché c’è ancora molto da fare contro l’accordo.”

Estratto 3. “Allora aiutiamo con tutti i mezzi coloro che sono esplicitamente contrari all’Accordo, al fine di creare un caust …”.

Nell’analisi dell’estratto 2, il fatto che “c’è molto da fare contro l’accordo” è la causa del fatto che non ha ancora rinunciato. L’avverbio modifica anche il predicato, esprimendo il valore temporale di un’azione inconcludente, in questo caso “c’è molto da fare contro l’accordo”.

Nell’analisi dell’estratto 3, continuando l’evoluzione del testo argomentazionitivo, l’autore utilizza l’avverbio “dopo” per indicare la continuità, accompagnato nella stessa espressione dell’altro avverbio “così”. Rivelando che dopo aver ricevuto il sostegno di coloro che sono contrari all’accordo, avrà un atteggiamento per creare un causs. Nell’indagine sulle informazioni sull’autore del testo, ho scoperto che combatteva l’accordo da molti anni. Quindi questo avverbio dà peso alle tue parole. Il valore temporale di “ancora” porta il peso della lotta costante di anni fa direttamente al momento in cui il testo è stato scritto.

4.3 IL PARTICIPIO PASSATO

Tutti i partecipanti passati di ar-verbs terminano in -ado, mentre i partecipanti passati di verbi -er e -go di solito finiscono in -gone. Esempi: parlare, mangiare mangiato, ascoltare. Alcuni verbi -er e -ir hanno partecipanti passati irregolari. Ecco alcuni dei più comuni: (aperto/ copertina: coperto/ dire: detto/ scrivere: scritto / fare: fatto / mettere: rango / vedere: visto / venire: venire). Alcuni verbi hanno due forme di participio, una regolare e una irregolare. La forma irregolare viene utilizzata con i verbi ausiliari per essere ed essere. La forma regolare viene utilizzata con i verbi ausiliari per avere e avere.

Quando un participio passato viene utilizzato come aggettivo, concorda con il numero e il sesso che modifica. In questo contesto, il verbo viene utilizzato anche per essere participio passato per esprimere uno stato o una condizione risultante da un’azione precedente. Secondo Lopes (1996, p. 366) il participio passato permette la descrizione dello stato che sta dopo il culmine, “ma presuppone questo stesso culmine, questo punto di confine. L’evento descritto dalla preghiera principale è successivo all’evento culminante che la preghiera parziale presuppone: da qui l’interpretazione sequenziale”. Esempio: “La lingua è un essere vivente, e “acordès” è una lingua morta.”

Nell’analisi dell’estratto 4, abbiamo uno stato successivo che è “il linguaggio è un essere vivente” al culmine dell’estratto che è “e “acordès” è un linguaggio morto”. La sensazione che ho portato è che l’accordo uccide la lingua e la lingua è un essere vivente.

4.4 CONNETTORI

Secondo Lopes (2005, p. 17), “i connettori sono un altro strumento centrale di coesione testuale/discorsiva. Includiamo sotto la designazione dei connettori sia le congiunzioni tradizionali (e, o, ma, perché, quando, ecc.)”. Prosegue la sua analisi affermando che la situazione è presente: “[…] o espressioni avversi e preposizionali con funzione connettiva (finalmente, in un certo senso, infatti, in realtà, in questo modo, di conseguenza, quindi, al contrario, al contrario, ecc.)” (idem).

Estratto 5. “Dietro a queste pubblicazioni c’è una serie di accordi diplomatici che vengono applicati illegalmente, o sono stati ratificati e messi nel cassetto, con dichiarazioni esplicite che devono mettere nel cassetto, o, infine, non sono stati approvati dai paesi che avrebbero dovuto incorporarli nella legislazione nazionale” (LOPES, 2005, p. 17).

Nell’analisi dell’estratto 5, si vede che il connettore ‘o’ viene utilizzato tre volte dall’autore. In questo caso, facilita la costruzione del significato di vari eventi dietro le pubblicazioni di accordi diplomatici.

5. SOCIOLINGUISTICA INTERCULTURALE E PRAGMATICI INTERCULTURALI

In questo testo e nelle interviste registrate su Internet, Pereira cerca di attirare l’attenzione della comunità portoghese. Nel suo viaggio, ha combattuto fedelmente contro l’accordo ortografico del 1990 da atti in difesa della società e della lingua portoghese, come sottolineato nell’estratto 6: “E, come essere vivente, la lingua e la sua ortografia si evolvono ogni giorno, traducendo il dinamismo dei popoli e della società in cui è parlato e scritto”. Spiega Tannen (2005, p. 208) che:

L’analisi SI mira, in primo luogo, a spiegare come funziona il linguaggio per creare significato nell’interazione e, in secondo luogo, come uno dei tanti elementi che contribuiscono ai risultati quando i membri di culture diverse si incontrano in contesti in cui il linguaggio è un grande mezzo di negoziazione.

Fonseca (1992, p. 48) spiega che “la comprensione del testo si sviluppa sulla base di questa interazione tra il verbalizzato e l’universo della conoscenza del ricevitore. Dipende dalla capacità del ricevitore di collegare i fatti, gli eventi.” Nel testo che sto analizzando qui, la parola “acordès” ha avuto un impatto significativo. Quando si legge la parola, si creano dubbi, sorgono domande, tutte riferite al valore della parola e a ciò che l’autore ha voluto esprimere. In generale, i testi/discorsi argomentazionivi mirano a conquistare il loro lettore/ricevitore. Con questo, gli argomenti sono presentati a sostegno di un pensiero o di un punto di vista. L’oratore/mittente del testo/discorso dipende dallo sviluppo razionale (con contributi di prova, gli elementi stabiliti di connessione, coerenza, riflessioni, opinioni, esperienze, tra gli altri) e utilizza vari generi discorsivi, come la narrazione, la descrizione e l’esposizione.

Nel contesto dell’argomentazione discorsiva, si ritiene che abbia come posizione iniziale un approccio che non sia condiviso a livello internazionale, pertanto, le ragioni a sostegno e contro l’argomentazione proposta saranno costantemente ottenute. L’argomentazione ha come approccio per diffondere una convinzione dal parere dell’annunciatore / mittente al fine di essere in grado di influenzare l’interlocutore-lettore / ricevitore e che il messaggio essere ammesso o confutato, secondo il modo di pensare di ciascuno. Rodrigues (2007, p. 9), nel suo articolo “Processi cognitivi e strategie di comunicazione”, spiega che:

L’interazione discorsiva è un’attività che gli esseri umani svolgono nella presenza fisica dell’altro, da questa presenza a coloro che vi partecipano lo stato dei partecipanti. È perché la presenza fisica è il primo e fondamentale fattore della pratica discorsiva che tutte le altre modalità della pratica discorsiva hanno nell’attività conversazionale il loro modello e la sua fondazione. In una qualsiasi delle altre modalità discorsive, come la corrispondenza epistolaria, telefonica o telematica, la scrittura e la lettura di opere letterarie o qualsiasi altra modalità del discorso scritto, possiamo solo capire il significato di ciò che scriviamo o leggiamo perché assumiamo la presenza fisica degli interlocutori.

Pertanto: “Ognuna di queste altre modalità di pratica discorsiva dipende da dispositivi tecnici che non possono garantire la totalità delle dimensioni della presenza fisica coinvolta nell’attività conversazionale faccia a faccia” (RODRIGUES, 2007, p. 9).

CONCLUSIONE

Il testo di Pereira, a mio parere, è conforme ai processi strutturali di coesione e coerenza. Le loro argomentazioni sono state presentate e giustificate nel percorso di lettura. D’altra parte, l’autore ha diverse presentazioni video-registrate che possono essere cercate su Internet. Con questo, l’autore ha una traiettoria di interazione con una comunità che sostiene o non supporta l’eliminazione dell’accordo ortografico del 1990. All’inizio del testo, ha presentato in una preghiera un argomento che mostra sostegno per la sua pretesa. Nell’estratto 7, vediamo che l’autore ha scritto la parola “corrente”, usata prima dell’AO90, per ora continua ad impiegare l’ortografia utilizzata prima dell’AO90. Qui non si fa un’analisi delle parole scritte nel testo, ma si utilizza la scrittura applicata prima dell’AO90 per autosufficiersi.

È anche un altro modo per immergersi nella comunità che sostiene la deroga AO90. Per concludere, analizzi l’argomento di josé pacheco pereira. Il testo presenta il tema dell’argomento che c’è “un virus che attacca la lingua portoghese”. L’autore sfrutta la situazione generale del virus per dare maggiore impatto all’argomento che espone nel suo messaggio. L’autore vuole dimostrare che la lingua portoghese è stata ferita da un virus peggiore del Coronavirus, a causa degli effetti sociali e culturali che l’attuazione dell’accordo ortografico del 1990 ha portato. L’autore esprime che l’accordo è impopolare. La sensazione che non sia popolare è che gli altri paesi di lingua portoghese, la stragrande maggioranza degli autori o creativi famosi, non utilizzano l’accordo. La conclusione dell’autore è la seguente preghiera “La lingua portoghese ha bisogno di noi. E non dimenticate questo fatto: l’accordo è impopolare.” In questa conclusione, l’autore si riferisce al senso che l’accordo è impopolare, dal momento che nessuno segue le regole e continua a usare il “linguaggio vivente”, il linguaggio popolare, il linguaggio che era, è e sarà sostenuto dalla società e non dalle accademie, né dai governi.

REFERÊNCIAS

FONSECA, J. Coerência e coesão nas unidades linguísticas. In: FONSECA, J. (Org.) Linguística e texto/Discurso: teoria, descrição, aplicação. Lisboa: Ministério da Educação/ Instituto de Cultura e Língua Portuguesa, 1992.

FONSECA, J. O lugar da Pragmática na Teoria e na Análise Linguísticas. In: FONSECA, J. (Org.). Pragmática linguística. Porto: Porto Editora, 1994.

LOPES, A. C. M. Texto e coerência. Revista Portuguesa de Humanidades, v. 9, n.1/2, p.13-33, 2005.

LOPES, A. C. M. Interfaces. In: SILVA, F. et al. (Eds.). Textos Selecionados. Coimbra: APL, 2013, p. 3-20.

LOPES, A. C. M. Tempo, aspecto e coesão discursiva. Actas do XI Encontro Nacional da Associação Portuguesa de Linguística, v. 3, p. 351-371, 1995.

LOPES, A. C. M. Justification: a coherence relation. Pragmatics, v. 19, n. 2, p. 241-252, 2009.

PEREIRA, J. P. O vírus que atacou a língua portuguesa. 2020. Disponível em: https://www.publico.pt/2020/05/09/opiniao/opiniao/virus-atacou-lingua-portuguesa-1915735 Acesso em: 9 jul. 2020.

RODRIGUES, Adriano Duarte. Processos cognitivos e estratégias de comunicação. Revista do Centro de Estudos Judiciários, v. 7, p. 1-27, 2007.

TANNEN, Deborah. Interactional sociolinguistics as a resource for intercultural pragmatics. Intercultural Pragmatics, v. 2, n. 2, p. 205-208, 2005.

[1] Post-dottore in Educazione con ricerca in Sociolinguistica Musicale Brasiliana dall’Università Virtuale di Studi Superiori – UNIVES in Messico (2020); Dottorato in lingua portoghese presso l’Università Internazionale Bircham di Madrid Spagna (2018); Master in Lingue, Culture e Società in Ambienti Multilingue – Lingua straniera francese dall'”Università delle Antille” in Martinica (M1-2016 / M2-2018); Post-laurea (specializzazione) in studi linguistici portoghesi: ricerca e insegnamento da parte dell’Università Aperta del Portogallo (2014): Laureato in Lingue Moderne, qualifica in portoghese e francese, dall‘Universidad de Puerto Rico – Rào Pedras Enclosure (2009).

Inviato: Luglio 2020.

Approvato: agosto 2020.

5/5 - (2 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 58250
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?