Il concetto di morte come la liberazione del pensiero: Breve introduzione allo studio del Fedone

0
662
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Il concetto di morte come la liberazione del pensiero: Breve introduzione allo studio del Fedone
5 (100%) 1 vote[s]
ARTIGO EM PDF

LIMA, Sebastiana Inácio [1]

LIMA, Sebastiana Inácio. Il concetto di morte come la liberazione del pensiero: Breve introduzione allo studio del Fedone. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 9. Anno 02, Vol. 01. pp 57-63, dicembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

Questo lavoro, Concetto Morte intitolato come il pensiero STAMPA: Studio rapida su About Fedone e il pensiero del Seneca, mira a comprendere il tema della morte, nel Fedone di Platone e alcune sfumature del pensiero di Seneca. Per questo faremo un breve studio introduttivo il pensiero di Platone con una breve analisi del Fedone, in sequenza contesto piuttosto storico di Seneca, che apparteneva alla stoicismo. Questo lavoro è diviso in tre parti: il concetto di morte come la liberazione del pensiero; senequiano contesto storico e il concetto di morte in vista di Seneca. Al fine di comprendere il punto di vista filosofico la questione artigianale, si tratta di una questione importante che non si è esaurito abbastanza e sarà ancora oggetto di approfondite ricerche, data l'importanza e l'attualità del suo pensiero. Adottato per questa ricerca riferimenti bibliografici. E 'interesse di individuare, discutere e confrontare temi come tema, come il lavoro mira a capire il concetto di morte come la liberazione del pensiero, uno studio del Fedone e il pensiero di Seneca.

Parole chiave: morte, Pensiero Liberazione.

INTRODUZIONE

La morte è una questione importante da studiare, invece, la filosofia ha ancora bisogno di trascorrere del tempo nella loro comprensione. Da temere, anche nell'universo di alcuni studiosi, il tema della morte è trascurato. Ciò che non dovrebbe accadere, in quanto è una realtà che tutti gli esseri viventi e l'umanità sono soggetti. La prima frase del Fedone della morte è che se davvero "Eveno (il poeta) e saggio a seguire le orme di Socrate, il più velocemente possibile". Ciò che rende Cebete in dubbio su ciò che il filosofo non deve commettere atti di violenza contro se stesso, allo stesso tempo che il filosofo deve mirare il più rapidamente possibile colui che muore.

Secondo la lettura del Fedone, abbiamo osservato che il filosofo non deve temere la morte, e non dovrebbe suicidarsi, ma se non si impara a morire non può filosofare. Da lì cerchiamo di trovare borse di studio per comprendere il significato della morte come liberazione del pensiero alla luce delle letture Fedone e altri testi, sia di Platone, come altri autori che trattano il tema della morte.

Troviamo nel Fedone, a cercare la morte non è un esercizio di suicidio in 61.c, d ai programmi Socrates e Simmia dialogo su Eveno di preoccupazione per la violenza contro se stesso. Faremo una breve ricerca su questo passaggio, nel tentativo di capire la morte come libertà.

Per una migliore comprensione saranno studiati la differenza nel senso della morte in alcune opere di Seneca e del pensiero platonico nel Fedone, anche se entrambi (Platone e Seneca) vivevano in tempi completamente diversi l'argomento della morte viene manipolato da loro.

Aggrappati troppo alla vita e la paura di morire è ciò che può rendere l'uomo schiavo sceglie la morte prima di una vita di torture, di fronte alla morte imminente per mano del carnefice, la vecchiaia senza onore è meglio facilitare e ridurre il dolore attraverso la funzione più veloce e degno che è la morte.

1. MORTE CONCEPT COME IL RILASCIO DI PENSIERO

Desiderare la morte per il filosofo non è quello di commettere atti di violenza contro se stesso, secondo il Fedone 61.d. Da questa premessa, ci proponiamo di capire il concetto di morte come imparare a filosofia, non solo nel Fedone, ma alla luce di alcuni testi Seneca e alcuni filosofi appartenenti a stoicismo.

C'è una possibilità nel Fedone, 65 b per comprendere il corpo come un ostacolo alla conoscenza attraverso gli uomini sensibili di ricerca sono portato a sbagliare perché, sensazioni corporee sono imprecise e inaffidabili, secondo il testo:

E ora, ditemi, quando si tratta di acquisire la vera saggezza, non è il corpo o di un ostacolo sulla ricerca chiediamo un aiuto? Voglio dire con questo, più o meno, il seguente: a caso qualche verità viene trasmesso agli uomini attraverso la vista o l'udito, o chissà se, almeno per queste cose non passano come i poeti non si stancano del lo fa ripetere incessantemente, e noi non vedere o sentire in modo chiaro? E se tra queste sensazioni corporee mancano di precisione e sono incerti, ne consegue che non possiamo aspettarci niente di meglio rispetto agli altri, credo, sono inferiori a quelli[…][2].

Eventuali richieste di informazioni circa la conoscenza, ha cercato attraverso i sensi saranno imprecisi e non sono coerenti con la verità, in modo che il corpo e le sue sensazioni agiscono come una sorta di detenzione di pensiero. Da 64 vedremo l'argomentazione di Socrate, riferendosi alla morte, facendo lezione che non dovrebbe essere di preoccupazione o irritazione.

La filosofia come una preparazione alla morte, il filosofo può capire come una liberazione del pensiero, perché non è più imprigionato in un corpo pieno di passioni e istinti sopraffare la sua capacità di ragionare.

L'uomo, secondo Platone nella Apologia 35, non deve avere paura se processato e condannato a morte, come Socrate nella sua difesa, ha detto che alcuni uomini di prestigio perdono tutta la loro dignità quando si confronta con la realtà di una condanna a morte. Per illustrare questo, diamo un'occhiata al testo:

[…] grande prestigio degli uomini, per essere giudicati, assumere atteggiamenti inconcepibili: sembra che cade su di loro un male terribile, se hanno a morire. E 'come se fossero convinti che sarebbero immortale, se non condenásseis morte. A mio parere, questi uomini confusi della città e anche consentire uno straniero a pensare che gli Ateniesi distinte per meriti, quelli che i loro concittadini scegliere tra tutti per aumentare la magistratura e gli altri riconoscimenti, non sono più coraggioso rispetto alle donne. (Apologia, 35 a).

Così, vediamo che abbiamo esacerbato la morte non è uomo virtuoso non vedere la morte come un evento terribile, o vivere come un essere dotato di immortalità. chiunque per tutta la vita, compresi coloro che possiedono la proiezione e gli onori per la società sono soggette ad affrontare disgrazie, e può portare a una condanna a morte (come era il caso al tempo di Socrate), perché gli ideali di virtù difesi da lui e ha insegnato ai giovani. La pena di morte non rende un povero condannato o sperpera la luminosità di morale e valori etici difeso. La morte è solo un evento temporale che non diminuisce la forza delle loro argomentazioni, né diventare amara e terribile da essere in contrasto con i suoi principi.

Nel testo di scuse di Platone, in caso di condanna, stesso Socrate stesso suggerisce off. La morte per lui non suona come una vergogna, si rende conto che ha servito durante la sua vita, le sue idee, i suoi metodi di approccio influenzato in modo positivo e non findariam con la sua morte, tuttavia, se il medesimo fatto un uomo timoroso e attaccato alla vita, potrebbe essere in contrasto con le idee propugnate. In Soc[3]rate detta d 40:

Se ogni sentimento cessa e v'è come un sonno in cui nulla può essere visto, anche nei sogni, allora la morte sarà una meravigliosa beneficio. […] Se la morte è quindi una cosa del genere, io dico che è un vero e proprio profitto perché poi, per tutto il tempo non sembra essere più di una notte.

Mentre Socrate riflette se la morte è come un sonno, pensa anche come un gioco in cui coloro che muoiono si riuniscono lì e una delle forme che è la morte, lo ritenga utile. Per Socrate, "nessun danno può accadere a un uomo buono, sia nella vita o dopo la morte." La mo[4]rte, secondo Socrate, non è un risentimento della ragione a coloro che lo hanno condannato, ma una liberazione preoccupazioni della vita.[5]

Come è stato fatto questa breve analisi sulla comprensione del concetto di morte come la libertà di pensiero, vedremo poi una breve introduzione storica sulla Seneca e un'analisi del concetto di morte a Seneca, allora ci sono alcune considerazioni su Epitteto e si concluderà con una con una breve analisi del concetto stoico di morte.

2. CONTESTO STORICO SENEQUIANO

Lucio Anneo Seneca appartiene alla scuola ellenistica chiamato stoicismo, fondata da Zeno di Cizio nato intorno all'anno 334 aC[6] E 'possibile caratterizzare lo stoicismo come movimento spirituale e Seneca morale può essere inserito con quello che è conosciuto come un nuovo portico, che aveva notability a Roma e poi abbiamo anche trovare Marco Aurelio.

Cise o Cizio, che si trova a Cipro, era una regione conosciuta da leggende fenicie e miti teologici del popolo, più v'è la pratica di "culti cananei"[7]. La gente cananei discendono dai Fenici, poi il pensiero di questi due popoli è contenuta nel pensiero Zenoniano. Un marchio interessante del popolo cananei probabilmente conosciute da Zeno è il fatto che essi non stabiliscono, un sacco di distanza tra l'uomo e la divinità. motivo opposizione forte problema dei profeti d'Israele nel culto di Baal, un dio con la miscela di uomo e divinità. In stoica pensiero rimane questa miscela, quando si tratta di "match Dio saggio"[8].

Seneca è nato a Cordoba, in Spagna, circa l'anno della sua nascita ci sono disaccordi, qualche segno che è stato il dC anno e altri quattro anni 2 o 1 aC i suoi genitori erano spagnoli. Seneca era innamorato di filosofia, soprattutto per quanto riguarda l'aspetto morale, considerato benefico per la vita interiore, la vita morale per il filosofo consisteva in primo luogo il nucleo di interessi. Vediamo cosa dice Ullman:

La filosofia attraverso l'arte del buon vivere e del morire. Egli considerava l'educatore dell'umanità. La sua filosofia è quella di liberare l'uomo concreto, determinare la sua condotta pratica, regolano l'attività all'interno e all'esterno dell'essere umano, in conformità con la verità. Non perdersi in cavilli e logomaquias. Egli non ha scritto un trattato sistematico di filosofia.[9]

A nostra conoscenza, la filosofia ha avuto un posto di rilievo nella vita di Seneca, lui ha tre titoli che adornano: filosofo, politici e letterari. Secondo Ullm[10]an, Seneca "era di intelligenza media e non era mai un genio filosofico. Quello che ci delizia è la vostra generosità. "

A proposito di senequianos scritto, si presentano in forma di dialogo, in cui Seneca si incarna gli interlocutori, è molto chiaro nelle lettere, universalmente famoso. I suoi scritti sono affascinanti e predicano un modo di vita e la ricerca per la crescita etica e spirituale che può essere paragonato grosso modo a un apostolo che cerca la conversione dei loro spettatori.

Le opere di Seneca sono abbondanti e sorprendente. Ora diamo un'occhiata alle sue opere più importanti:

tre sono citati Consolationes: matren annuncio Helviam, Polybium di annunci, annuncio Marciam. Abbiamo, inoltre, il trattato su De Providentia, De brevitate vitae, De vita beata di OTIO sapientis di Animae tranquillitate di OTIO, rabbia, Dialogi, etc. Lo lasciarono, ancora sette libri intitolata De beneficiis; due libri su De clementia. Il famoso Epistulae la Lucilium sono conservati 124. Erano probabilmente di più. Essi rappresentano la sua ultima produzione, tra il 63 e il 64. [11]

Lo stile Seneca affascina la forma delicata della sua analisi, la scelta appropriata per ogni situazione, la sua precisione adattata ad ogni situazione o circostanza alle persone. I loro confronti.

Per quanto riguarda il suo pensiero è necessario ricordare l'influenza che i suoi insegnanti hanno avuto su di lui, vale a dire: Sotio, Attalo e Papirio Fabiano Ma Seneca rimasero fedeli alle idee essenziali dell'antica Portico coltivando l'indipendenza del suo pensiero. Che cosa è un punto interessante perché, scrive in una delle sue lettere: "chiunque mi dia come schiavo; Non prendo il nome di un amore. Apprezzo il giudizio di uomini illuminati, ma chiedo anche che il mio giudizio è preso in considerazione per qualcosa ". (Lettera 45).

Dopo aver incontrato alcuni del contesto storico di Seneca e stoicismo, dovrà lavorare dal punto successivo, il concetto di morte nel pensiero del filosofo.

3. MORTE CONCETTO DI SENECA VISIONE

 Secondo la proposta, si parlerà del concetto di morte a Seneca, non partirà inizialmente discutere o indicare un concetto di morte in sé, ma è necessario analizzare il valore che Seneca attribuito la vita per comprendere il significato della morte.

Come la vita il pensiero senequiano senza virtù, senza salute solo per essere la respirazione, non è una vita desiderabile. Live Il male è meglio morire e la morte non dovrebbe essere temuta ma ricercata. Di fronte alla citazione di cui sopra, l'uomo corrente con tante tecniche per prolungare la vita è costernata. Anche se non abbiamo l'intenzione di apportare eventuali ponti con il contemporaneo in quel momento.

Seneca difende la morte come una via d'uscita prima di una minaccia imminente per la vita. Se la persona può scegliere tra morire in tormento e torturato per mano di un boia, a morire in modo semplice e facilmente, è meglio scegliere quello che provoca meno sofferenza. Per Seneca "proprio come io scelgo la nave che vela e la casa in cui dimorano, e può anche scegliere i mezzi con cui andranno dalla vita." Difendere la m[12]orte del miglior modo piacevole la persona è un sollievo e un atto di la libertà, soprattutto nel periodo ha vissuto in Seneca, un periodo segnato dalla tirannia con la tortura e la tortura come comune a molte piume condannati.

Pensare alla morte come opzione e qualcosa da cercare è un grande passo verso la libertà, secondo Seneca, la vita può essere approvato da altri, la morte è il soggetto stesso che sceglie quello che più vi aggrada. Consiglia suicidio e difendere il diritto alla morte, come uno che si adatta scegliere, non è molto accettabile, il Seneca è a conoscenza di lui stesso: "Non devi lasciare ad altri questa decisione non appartiene alla pubblica opinione. Pensare una cosa: andare via il più presto possibile dei colpi fortunati. In ogni caso, ci sarà sempre chi pensa male della vostra[13] decisione. "La morte è la strada per tornare a casa, dove l'uomo è venuto, è il ritorno a casa, per lui l'uomo ha una sola voce per la vita, ma ha molte prese di lasciarla. A fronte di tali dichiarazioni può riflettere che Seneca insegnato un distacco al piano materiale, specialmente vita in ogni circostanza, non serve vivo comunque, ma vivere con dignità e senza soffrire.

L'idea della vita e della morte di Seneca è una cosa che non riguarda solo i grandi uomini o solo il saggio. Esso dimostra che non solo i grandi uomini possono scegliere per la tua volontà, come-fuga la vita; come gli uomini miserabili può e così molti hanno fatto in passato. Utilizzando gli strumenti che per natura non erano dannose per prendere la vita in momenti di disperazione, non importa quali siano le condizioni c'è solo una cosa che impedisce la morte: la mancanza di volontà. Per il filosofo "è preferibile la morte più sporchi servitù più pulito.[14]"

Prima della Senequiano pensato alla morte, si può vedere che ci sono alcune somiglianze, per quanto riguarda il distacco dalle preoccupazioni della vita, virtù, ma anche una serie di differenze, tra cui la fuga dalla sofferenza di fronte alla disperazione e sul punto di perire nelle mani il boia. A differenza di Socrate non consiglia che l'uomo a fare violenza contro se stesso, ma allo stesso tempo afferma che la morte deve essere il modo di essere cercato dal filosofo, dal momento che morire è un modo per liberare il pensiero.

FINALE

 La morte è il modo in cui il filosofo deve andare e senza paura, da cui si guadagna nelle letture Fedone, "filosofare altro che arrendersi a morire" e la morte è [15]un modo per sbarazzarsi di cura la vita, in modo tale che sia entrato nella riflessione, come il corpo con la sua quantità di passione non sempre permette l'uomo un approfondimento più consistente nella riflessione.

L'uomo virtuoso non dovrebbe badare troppo per la sua vita, dal momento che il corpo è una prigione dell'anima e quando morì si libera dal carcere che imprigiona, questa è la versione di Seneca di morte. Comprendiamo in questo modo, che il tema della morte è qualcosa che c'è molto da studiare, questo breve studio è solo una scintilla di che può essere ulteriormente indagato.

RIFERIMENTI

Platone. dialoghi; Selezione di testi José Américo Mota Pessanha. Traduzione José de Souza Cavalcante, Jorge Paleikat e John Cruz Coast. Sao Paulo: New Culturale, 1987. 4.ed.

Platone. Apologia. Introduzione, versione greca e note di Manuel de Oliveira Pulquério. Brasilia, Università di Brasilia. 1997. 76 p.

SENECA, Lucius Aneu. Imparare a vivere. Traduzione Lucia Sa Rabello. Porto Alegre, RS: L & PM Pocket, 2009. 144.p.

SENECA, Lucius Aneu. Sulla provvidenza divina e la fermezza del saggio. Traduzione, introduzione e note di Ricardo da Cunha Lima. Sao Paulo: Nuova Alessandria 2000. p.

Sedley, David. Gli stoici. Traduzione Raul Ficker e Paulo Fernando Tadeu Ferreira. Sao Paulo: Odysseus. 2006. 486 p.

Ullman, Reinholdo Aloysio. Lo stoicismo romano: Seneca, Epitteto, Marco Aurelio. Porto Alegre, RS: EDIPUCRS 1996. 135 p.

SANTOS, José Trinità. Per leggere Platone: il problema della conoscenza nei dialoghi sulla teoria del Volume II. Sao Paulo: Loyola, 2008.

SANTOS, José Gabriel Trinità. Platone: la costruzione della conoscenza. Sao Paulo: Paulus 2012.

[1] Laurea in Filosofia UEPB, studiando master in filosofia presso l'UFPB

[2] Platone. dialoghi; (Fedone, 65 b).

[3] Plato (Apologia, 40 d).

[4] Plato (Apologia, 41 d).

[5] Plato (Apologia, 41 d).

[6] Sedley, David. (2006, p. 9). In: Gli Stoici. Traduzione Raul Ficker e Paulo Fernando Tadeu Ferreira.

[7] Ullman, Reinholdo. (1996, p. 17).

[8] Ullman, Reinholdo. (1996, p. 17).

[9] Ullman, Reinholdo. (1996, p. 10).

[10] Ullman, Reinholdo. (1996, p. 13).

[11] Ullman, Reinholdo. (1996, p. 14).

[12] SENECA. Imparare a vivere. Traduzione Lucia Sa Rabelo (2008, p.65).

[13] SENECA. Imparare a vivere. Traduzione Lucia Sa Rabelo (2008, p.66).

[14] SENECA. Imparare a vivere. Traduzione Lucia Sa Rabelo (2008, p.68). Corsivo è mio.

[15] Platone. dialoghi; Selezione di testi José Américo Mota Pessanha. Traduzione José de Souza Cavalcante, Jorge Paleikat e John Cruz Coast. Sao Paulo: New Culturale, 1987. 4.ed.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here