Una discussione sulla sostituzione dell’economia del crimine

0
15
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
5/5 - (4 votes)
PDF

REVISIONE ARTICOLO

CARVALHO, Rogério Galvão de [1], LEAL, Cicero Pereira [2]

CARVALHO, Rogério Galvão de. LEAL, Cicero Pereira. Una discussione sulla sostituzione dell’economia del crimine. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, Ed. 09, Vol. 06, pp. 141-152. Settembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/scienze-sociali/economia-del-crimine

Data l’esistenza dell’economia criminale (industria), che recluta, seleziona, forma e forma agenti, come osservato in alcune regioni del Brasile, oltre a contribuire ad alti livelli di criminalità in queste regioni, era necessario sviluppare una politica pubblica assertiva al fine di ridurre al minimo gli impatti negativi di questo settore sulla società. Pertanto, questo articolo presenta un contributo alla discussione sulla possibilità di sostituire l’economia (industria) del crimine con l’economia legalmente costituita (industria), una politica pubblica personalizzata che può contribuire allo sviluppo regionale e alla lotta contro la criminalità allo stesso tempo. Con una revisione della letteratura sull’economia del crimine, fornisce la comprensione dell’idea centrale di questa proposta di discussione per la valutazione del processo di sostituzione. La domanda principale della ricerca è “perché i governi subnazionali del Brasile non tengono conto della sostituzione dell’economia criminale con l’economia legalmente costituita come politica pubblica?”  l’articolo mira a promuovere un dibattito che consenta la trasformazione dell’economia regionale con l’incentivo dello sviluppo dell’economia locale sfruttando la vocazione economica, e la destituzione delle risorse della confisca e del trasferimento di attività criminali, per promuovere la sostituzione dell'”economia criminale” con l'”economia legalmente costituita”, comprese le attività non tradizionali quali: l’economia creativa, solidale e circolare. L’articolo mira a proporre un dibattito sulla possibilità di sostituire l’economia “criminale” con l’economia “legalmente costituita”, come alternativa ausiliaria per combattere la criminalità e, contemporaneamente, la promozione dello sviluppo economico nelle regioni violente del Brasile. La metodologia è stata un’analisi teorica con fulcro nella letteratura dell’economia criminale e nella correlazione negativa tra sviluppo economico e criminalità come dimostrato nel corso della ricerca.

Parole chiave: Economia criminale, Sviluppo economico, Economia regionale.

1. INTRODUZIONE

Questo articolo intende, attraverso il confronto tra i livelli di violenza e il grado di sviluppo economico di una regione, stabilire basi concrete per la discussione e la proposizione di un capitolo importante nella politica industriale differenziata per il Brasile. Dall’identificazione e mappatura sia della vocazione economica della regione che della sua macchia criminale.

È noto che esiste una correlazione negativa molto forte tra lo sviluppo economico, in particolare l’industrializzazione (che è indicata come il processo di maggior successo nella generazione di occupazione, reddito e sostenibilità economica delle recenti civiltà umane) con i livelli di criminalità. Tenendo conto della letteratura sull’economia del crimine, che contestualizza l’azione criminale come qualsiasi azione economica, in cui le azioni degli agenti rappresentano incentivi o punizioni.

La proposta consiste in una discussione sulla politica pubblica di sostituire l’economia (o l’industria) della criminalità con l’economia legalmente costituita (industria), come alternativa complementare per contribuire alla lotta contro la criminalità, in particolare nelle regioni più violente, e allo stesso tempo la promozione dello sviluppo economico regionale.

Dalla delimitazione territoriale dell’area criminale, i policymakers potrebbero investire nella sostituzione graduale dell’industria criminale: (1) traffico di droga, stupefacenti e di esseri umani; (2) furti e rapine; (3) appropriazione indebita e contrabbando; (4) falso; e così via. da forti incentivi statali (fiscali, creditizi e anche economici) negli assetti produttivi locali, o nel potenziale economico della regione, per l’assorbimento dei fattori produttivi (inattivi) derivanti dalla lotta all’economia criminale (industria). Questa proposta sarebbe la discussione basata sull’idea che la condotta criminale, con rare eccezioni, è dovuta a incentivi agli agenti, come raccomandato dalla teoria economica, nell’analisi economica del diritto.

Poiché vi era la confisca o il trasferimento, gradualmente e costantemente, delle risorse (finanziarie, logistiche, tecnologiche e di personale) di quell’industria (criminale) allo Stato (mediante azioni di polizia o decisioni giudiziarie) il processo si sarebbe svolto, gradualmente, ricorsivo e in crescita. Il governo, attraverso incentivi (fiscali, creditizi e anche economici), promuoverebbe l’attività economica legalmente costituita in quella regione, con l’obiettivo di svilupparla nei seguenti punti: (i) istruzione (di base, fondamentale, tecnica e superiore); ii) salute (bassa, media e alta complessità); iii) sicurezza pubblica; — iv) l’industrializzazione e gli investimenti in regimi produttivi locali o nella vocazione economica della regione.

In una dichiarazione, la proposta mira a incoraggiare discussioni teoriche ed empiriche al fine di ridurre la criminalità, appropriarsi del parco industriale del crimine, trasferire risorse (attraverso azioni, progetti e programmi governativi) all’economia legalmente costituita, inserendo anche il settore produttivo e la società civile sulla base dei precetti della teoria del crimine, correlazione negativa tra sviluppo economico e livelli di criminalità.

2. REVISIONE TEORICA

a) Teorie sulle cause del crimine

Le indagini scientifiche sul crimine indicavano come motivazione iniziale per l’individuo a commettere il crimine due assi: (1) motivazione personale; e (2) contesto sociale. Storicamente la sociologia ha tenuto dibattiti sull’argomento dando contributi significativi sull’argomento. Tuttavia, dalla seconda metà del 20 ° secolo il tema divenne parte delle discussioni sull’economia.

Secondo Cressey (1968) la teoria che ha cercato di misurare, descrivere o spiegare il comportamento del criminale, dovrebbe analizzare come tali comportamenti sono distribuiti e si muovono spazialmente e temporalmente.

Cano e Soares (2002) hanno indicato cinque gruppi distinti di teorie per valutare il tema: a) teorie che trattano il crimine dal punto di vista della patologia individuale; b) teorie che considerano il crimine come un sottoprodotto di un sistema sociale perverso o carente; c) teorie che comprendono il crimine come conseguenza della perdita di controllo e della disorganizzazione sociale nella società moderna; d) correnti che difendono spiegazioni del crimine a causa di fattori situazionali o opportunità ed e) teorie centrate sull’homo economicus, cioè sul crimine come attività razionale di massimizzazione del profitto l’approccio economico di Gary Becker (1968), che è quello che ci interessa in questo articolo.

Secondo Shaefer e Shikida (2001) la cosiddetta Teoria Economica del Crimine, avviata da Gary Becker, ha come premessa che il processo decisionale degli individui in relazione alla commissione di crimini finalizzati ai profitti finanziari è un’attività o un settore dell’economia, come qualsiasi altro.

Secondo Britto (1999), l’ipotesi di Gary Becker prevede che un aumento della probabilità di una punizione efficace di un cittadino dovrebbe ridurre sostanzialmente il numero potenziale di crimini che commetterà. Questa premessa stabilisce che l’individuo che commette un crimine economico può essere considerato un “imprenditore” di qualsiasi ramo dell’attività economica, il suo obiettivo primario è la massimizzazione del profitto.

Anche secondo questo autore, in questo “mercato” c’è un grande rischio che quell’individuo subisca qualche tipo di sanzione (multa o reclusione) o muoia. Becker (1968) presume che l’individuo criminale, in base al suo grado di avversione al rischio, decida quanto del suo tempo allocare tra un’attività economica legale o illegale. Pertanto, se la sua utilità attesa nel commettere un atto criminale è maggiore dell’utilità che potrebbe ottenere nel mercato legale, sceglie di commettere il reato.

Secondo Scotti (2007), un’altra questione importante, basata sulle ipotesi della Teoria Economica del Crimine (di Gary Becker), l’individuo che commette reati per ottenere un vantaggio finanziario può essere considerato come il tradizionale Homo Economicus, che è guidato esclusivamente dalla ricerca della massimizzazione della sua utilità attesa tenendo conto di tutte le informazioni disponibili.

Secondo Halicioglu (2012), alti tassi di disoccupazione possono influenzare i tassi di criminalità. La disoccupazione può fungere da agente motivante dei crimini a causa del peggioramento della situazione economica degli individui, che hanno un incentivo a impegnarli a mantenere il modello di consumo osservato prima dell’aumento della disoccupazione.

Inoltre, secondo Franco (2016), i contributi internazionali alla teoria del crimine sono aumentati negli ultimi decenni, attraverso indagini sia con dati cross section che analisi di serie temporali (WOLPIN, 1978; CRAIG, 1987; TRUMBULL , 1989; ZHANG, 1997, tra altri) o attraverso stime con dati panel (WOLPIN, 1980; CORNWELL e TRUMBULL, 1994; tra gli altri).

Nel corso di questa revisione teorica, alcuni dei risultati ottenuti, per una domanda elettiva dagli autori, vengono presentati con gli studi più rilevanti sull’approccio per corroborare la discussione sulla sostituzione dell’economia criminale con l’economia legalmente costituita.

b) Approccio economico alla criminalità

Secondo Neto (2006), l’approccio economico si concentra sull’individuo che prende decisioni, cioè l’enfasi è sulle scelte fatte dall’agente economico. L’essenza è che per commettere il crimine, l’agente economico comcanta i costi e i benefici coinvolti nell’atto. In breve, nel processo decisionale, la valutazione sarà se il rendimento netto dell’azione penale è maggiore del rendimento netto di un’azione legittima simile, cioè se il beneficio ottenuto dal reato è maggiore di quello acquisito con mezzi legali (lavoro, prestito, ecc.).

Le previsioni iniziali in questo senso, in cui la scienza economica inizia a valutare efficacemente l’economia del crimine, sono state fatte da Becker (1968), che tratta gli psicopatici come un’eccezione e presuppone che l’azione criminale sia associata a stimoli prevedibili e razionali, la cui equazione è correlata a qualsiasi altra attività economica: (1) costi e rendimenti; (2) certezza/incertezza della pena.

Il modello di questo autore (Rational Criminal Model – RCM) raccomanda di osservare i rischi e gli elevati rendimenti attesi:

E [u] = p U (Y – f) + (1- p) U(Y)

Dove: U (.) è la funzione di utilità dell’individuo; (p) è la probabilità di condanna; (Y) risultato ottenuto con il reato; (f) ammende e sanzioni.

Per Neto (2006), Gary Becker dimostra matematicamente che la relazione tra la probabilità di essere condannati (p) e multe e punizioni (f) è negativa, il che alla fine genera incentivi per l’individuo per la condotta criminale.

Per Posner (1982), poiché l’approccio economico dimostra che è possibile mantenere un comportamento razionale, sebbene deviante dalle norme sociali stabilite. Poi, multe o sanzioni, in considerazione di comportamenti scorretti, dovrebbero partire dalla logica microeconomica, cioè dall’aumento del costo di intraprendere attività illecite, dal dosaggio più elevato dell’ammenda e della sanzione e dalla maggiore certezza dell’applicazione. Pertanto, indurrà sempre più individui a ridurre il coinvolgimento in tali attività. Solo chi ancora percepiva i benefici sarebbe continuato, superando i costi più elevati.

Inoltre, tenendo conto degli incentivi economici (o disincentivi) per la pratica criminale, sono stati condotti diversi lavori empirici sulle politiche pubbliche che combinano investimenti nella sicurezza pubblica e un maggiore sviluppo economico (BITU, 2008; CERQUEIRA E LOBÃO, 2002; COELHO, 1988; e PAIXÃO, 1988) osservando serie storiche, corroborando l’idea che l’attività criminale si riduce quando aumenta l’attività economica legalmente costituita, cioè quando c’è sviluppo economico nella regione analizzata.

È necessario registrare che non tutti sono d’accordo su genere, numero e grado con le idee di Gary Becker. Gibbons (1982), ad esempio, afferma che la decisione di commettere reati non sempre segue il ragionamento proposto. Secondo l’autore, la decisione di commettere reati è molto più legata al contesto sociale, quindi sarebbe una decisione normativa.

c) Politica pubblica di sostituzione

Secondo Carvalho; Leal e Souza (2021) una politica pubblica di sviluppo economico dovrebbe avere come premessa la trasformazione socioeconomica di una regione, creando condizioni sostenibili per la creazione di posti di lavoro, l’aumento e la distribuzione del reddito, dall’identificazione, mappatura e georeferenziazione della vocazione economica. Secondo Pitangui et al. (2019), L’indagine sul comportamento della vocazione economica consente la pianificazione e contribuisce allo sviluppo economico regionale.

Per Carvalho e Leal (2021), è di fondamentale importanza scegliere buoni indicatori nella fase di monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamento) dell’esecuzione delle politiche pubbliche, al fine di ottenere risultati più assertivi, in relazione alla misurazione della svolgimento delle politiche pubbliche dall’agenda centrale del governo, quindi, è possibile inferire che il processo di sostituzione dell’industria criminale con l’industrializzazione locale deve coinvolgere “una task force”, sistematica, ricorsiva e sistemica, tra agenzie governative di pubblica sicurezza, istruzione , qualificazione professionale , sviluppo economico, salute e altri; il settore produttivo (Sistema S, Federazione di Industria, Associazione di categoria, Università, Collegi e Istituti di ricerca e altri) e la Società Civile (CUFA, OAB e consigli professionali, comunità religiose, OSCIPS e altri) al fine di integrare il modello di sviluppo economico con un focus sull’industrializzazione e sugli investimenti produttivi (dell’economia legalmente costituita). Forse a causa di tutto ciò, c’è poco interesse nell’includere un capitolo sulla sostituzione dell’“economia del crimine” nell’elaborazione, formulazione e attuazione di questa politica pubblica.

La discussione teorica ed empirica per questo tema, proposta in questo articolo, ha come premessa che tiene conto delle ipotesi della teoria economica del crimine sul rapporto tra incentivi economici e azione criminale, di cui si osservano anche i dati: (1) sia sugli omicidi, sia nell’atlante della violenza, prodotto dall’Istituto di Ricerca Economica Applicata – IPEA; (2) la classifica della partecipazione industriale prodotta dalla Confederazione nazionale dell’industria (CNI); e (3) come indice di sviluppo umano – ISU (dati 2017).

Quindi, si verifica, di regola, che migliore è l’ISU, meno violenta è l’unità federativa, ad esempio gli Stati: San Paolo (SP), Santa Catarina (SC), Minas Gerais (MG) e Paraná (PR) ha i migliori ISU e sono i meno violenti. D’altra parte, gli stati brasiliani con i peggiori ISU, di regola, sono anche i più violenti: Bahia (BA), Alagoas (AL), Pará (PA) e Sergipe (SE).

Allo stesso modo, maggiore è la partecipazione industriale dello stato brasiliano al PIL, maggiore è il record ISU. Allo stesso tempo, sono stati registrati meno omicidi per questi stati brasiliani. Esempi: le maggiori partecipazioni nel settore secondo i dati di CNI, San Paolo (SP), Santa Catarina (SC), Minas Gerais (MG) e Paraná (PR) coincidono con i più alti ISU.

Pertanto, si osserva che le correlazioni inversamente proporzionali di (1) ISU elevati con (2) bassi record di criminalità e (3) dell’alto grado di partecipazione industriale nel PIL brasiliano, con (1) i migliori ISU. Quindi, la proposta dell’articolo sarebbe una politica pubblica di sostituire l’economia (industria) del crimine, con l’economia legalmente costituita (industria).

La proposta si basa anche sulla letteratura dell’economia criminale, portata nel capitolo del quadro teorico, che chiarisce che il criminale obbedisce agli stessi precetti di incentivi e punizioni della teoria economica tradizionale, cioè valutando rischi e rendimenti sulle azioni.

3. CONCLUSIONE

Questa indagine mirava a promuovere un dibattito basato sulla valutazione teorica dell’idea di combattere, con intelligenza, le grandi strutture criminali delle imprese, con lo scopo di sostituirle con l’economia legalmente costituita basata sia sulle ipotesi della teoria economica del crimine, sia sulla correlazione negativa tra sviluppo economico e criminalità. L’idea centrale della discussione è la proposta del graduale e costante trasferimento delle risorse (finanziarie, logistiche, tecnologiche e di personale) di quell’industria (così come viene trasferita) allo Stato (mediante azioni di polizia o giudiziarie) e, successivamente, agli incentivi (fiscali, creditizi e anche economici) per la promozione del legalmente costituito con l’obiettivo di sviluppare: i) istruzione (di base, fondamentale, tecnica e superiore); ii) salute (bassa, media e alta complessità); iii) sicurezza pubblica; — iv) l’industrializzazione e gli investimenti in regimi produttivi locali o nella vocazione economica della regione.

Il suggerimento per la ricerca sull’argomento dovrebbe avere come punto di partenza la raccolta, l’organizzazione, la sistematizzazione e la condivisione intelligente di dati accurati su: (a) l’identificazione, la mappatura e la georeferenziazione dell’industria criminale (traffico di droga, traffico di donne, furto, furto, ecc.); b) l’ubicazione delle macchie criminali (in particolare produzione, stoccaggio, stoccaggio e distribuzione); e c) il processo di selezione, assunzione, formazione e qualificazione della forza lavoro (criminale) di bambini, giovani e adulti.

Pertanto, le discussioni sul processo di sostituzione dell’industria criminale con l’industrializzazione locale dovrebbero coinvolgere una task force (settore produttivo, governo e società civile), al fine di integrare il modello di sviluppo economico incentrato sull’industrializzazione e gli investimenti produttivi (dell’economia legalmente costituita).

Un altro punto di questo dibattito è la sfida di sostituire (ricorsivamente e gradualmente) l’attività economica criminale, riuscita dal punto di vista dell’efficienza, ma dannosa per la società, con l’attività economica legata alla vocazione economica della regione con la partecipazione degli stakeholder. In questo caso, la partecipazione del governo, della società civile e dei rappresentanti del settore produttivo a questo lavoro è fondamentale per il successo.

RIFERIMENTI

BECKER, G. S. Crime and punishment: an economic approach. Journal of Political Economy. V. 76, nº 01, 1968, p. 69 – 217.

BECKER, Gary. S. 1968. Crime and Punishment: An Economic Approach. Journal of Political Economy. Reprinted in Chicago Studies in Political Economy, edited by G.J.Stigler. Chicago and London: The University of Chicago Press, 1988.

BITU, G. B. T. Análise dos principais determinantes da criminalidade no Brasil: 2001 – 2005. Universidade Federal do Ceará. Curso de Pós-graduação em Economia – CAEN, Fortaleza, 2008.

BRITTO, Tatiana A. Desemprego e crime: uma análise de séries de tempo para o Distrito Federal: 1992 a 1996. Brasília: Dissertação (Mestrado), 46 p. Departamento de Economia – universidade de Brasília, 1999.

CANO, I., SOARES, G. D. As teorias sobre as causas da criminalidade. Rio de Janeiro: IPEA, 2002, mimeo.

CARVALHO, Rogério Galvão de. LEAL, Cícero Pereira. A Importância Da Escolha De Indicadores Para Avaliação Eficiente De Políticas Públicas. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Ano 06, Ed. 04, Vol. 09, pp. 213-221. Abril de 2021.

CARVALHO, R. G. et al. Política pública de atração de investimentos em Brasília: erros e acertos. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Ano 06, Ed. 02, Vol. 01, pp. 21-59. fevereiro de 2021.

CERQUEIRA, D. R. C., LOBÃO, W. A. J. L. Condicionantes sociais, poder de polícia e o setor de produção criminal. IPEA, 2002, mimeo.

COELHO, E. C. A criminalidade urbana violenta. Dados. Revista de Ciências Sociais, Rio de Janeiro: Iuperj, 1988.

CRAIG, S. G. (1987) The Deterrent Impact of Police: An Examination of a Locally Provided Public Service. Journal of Urban Economics. v.21, p.298-311, 1987.

CRESSEY, D. P. Crime: causes of crime in International Encyclopedia of The Social Sciences, v. 3. The Macmillian Company & The Free Press Ed. (David L. Sills ed.), 1968.

CORNWELL, C.; TRUMBULL, W. N. (1994) Estimating the Economic Model of Crime with Panel Data. The Review of Economics and Statistics. v.76, n.2, p. 360-366, maio 1994.

FAJNZYLBER, P. (2002). ”What causes violent crime?” European Economic Review 46(7): 1323-57.

FAJNZYLBER, P.; ARAUJO JUNIOR, A. F. (2001). Violência e criminalidade. In Lisboa, M. B. & Menezes Filho, N. A., editores, Microeconomia e Sociedade no Brasil, p. 333– 394. Contra Capa, Rio de Janeiro.

FAJNZYLBER, P., LEDERMAN, D., LOAYZA, N. (1998) Determinants of Crime Rates in Latin America and the World: An Empirical Assessment. Washington, DC: World Bank, World Bank Latin American and Caribbean Studies, 1998.

FRANCO, Cleiton. Revisão de Literatura e Evidencias Empíricas Sobre Economia do Crime. Revista UNEMAT de Contabilidade, Volume 5, Número 9, julho de 2016.

FURTADO, Giovanna Maia. Aplicação da economia do crime no Brasil. São Paulo, 2007. 79 f. Dissertação (Mestrado) – Faculdade Ibmec São Paulo, 2007.

GIBBONS, T. (1982). The utility of economic analysis of crime. International Review of Law and Economics 2 (2): 173-192.

HALICIOGLU, F. Temporal causality and the dynamics of crime in Turkey. International Journal of Social Economics, v. 39, p. 704 – 720, 2012.

LÖSCH, A. The economics of location. New Haven, Yale University. 1954.

NETO, Giácomo Balbinotto. Teoria Econômica do Crime. UFRGS/PPGE, 2006

PAIXÃO, A. L. Crime, controle social e consolidação da democracia. In: REIS & O´DONNELL (eds.). A democracia no Brasil. Vértice: São Paulo, 1988.

PITANGUI, C.P., TRUZZI, O. M. S., & BARBOSA, A. S. Arranjos produtivos locais: uma análise baseada na participação das organizações locais para o desenvolvimento. Gestão & Produção, 2019.  26(2), e2579.  https://doi.org/10.1590/0104-530X-2579-19

POSNER, Richard A. The Economics of Justice. Cambridge: Harvard University Press, 1982.

SCHAEFER, Gilberto; SHIKIDA, Peri A.F. Economia do crime: elementos teóricos e evidências empíricas. Revista de Análise Econômica/UFRGS, edição 36, ano 19, setembro de 2001.

SCOTTI, Ricardo Jefferson. Finanças comportamentais no Brasil. São Paulo, FAAP, 2007, 70p.

TRUMBULL, W. N. (1989). Estimations of the Economic Model of Crime Using Aggregate and Individual Level Data. Southern Economic Journal. v.56, p.423-439, 1989.

WOLPIN, K. (1978). An Economic Analysis of Crime and Punishment in England and Wales, 1894-1967. Journal of Political Economy. v.86, p.815-840, 1978.

______. (1980) A Time-Series-Cross Section Analysis of International Variation in Crime and Punishment. The Review of Economics and Statistics. vol.62, p.417-423, 1980.

ZHANG, J. (1997) The Effects of Welfare Programs on Criminal Behavior: A Theoretical and Empirical Analysis. Economic Inquiry. v.35, p.120-137, 1997.

[1] Dottorando in Scienze aziendali presso l’Universidad de Ciencias Epresariales y Sociales, Buenos Aires, UCES, Master in Economia dell’Università Cattolica di Brasilia UCB, Specialista in Diritto Pubblico dell’Università Estácio de Sá, Laurea in Economia del Centro Universitário de Brasília CEUB. ORCID: https://orcid.org/0000-0002-7461-4609.

[2] Dottorando in Scienze Sociali presso UNISINOS, Master in Economia presso UnB, laurea in Economia presso UnB. ORCID: https://orcid.org/0000-0003-4082-295X

Inserito: Agosto 2021.

Approvato: Settembre 2021.

5/5 - (4 votes)
Dottorato di Ricerca in Scienze Aziendali e Sociali. Universidad de Ciencias Empresariales y Sociales, UCES, Argentina. Master in Economia. Università Cattolica di Brasília (Conceito CAPES 6), UCB/DF, Brasile. Specializzazione in Specializzazione in Diritto Pubblico. Centro universitario Estacio Brasília, Estácio Brasília, Brasile. Laurea triennale in Economia. Centro universitario di Brasilia, UniCEUB, Brasile.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here