Una visione interdisciplinare dell'AIDS negli anni '80: in scena, Giornalismo e Salute

0
16
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ESSAY TEORICA

LOPES, Pablo de Oliveira [1], NEVES, Paulo Sérgio da Costa [2], PEREIRA, Lucas de Almeida [3]

LOPES, Pablo de Oliveira. NEVES, Paulo Sérgio da Costa. PEREIRA, Lucas de Almeida. Una visione interdisciplinare dell'AIDS negli anni '80: In scena, Giornalismo e Salute. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 08, Vol. 09, pp. 46-69. nell'agosto 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/saude/visao-interdisciplinar, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/saude/visao-interdisciplinar

Questo articolo presenta la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS, in portoghese, o AIDS), quando è apparsa negli anni '80 da una prospettiva interdisciplinare: da un lato, segni, sintomi, metodi diagnostici e trattamento sono affrontati e fanno parte del modello biomedico che partecipa all'interpretazione di questa malattia; dall'altro, le rappresentazioni della malattia in articoli giornalistici pubblicati sul quotidiano O Globo, uno dei più importanti in Brasile. Salute e giornalismo aiutano a costruire idee e comprendere concetti, pregiudizi e stigma che ricadeno e cadono ancora sulla malattia che divenne nota come la peste gay, una delle numerose denominazioni attribuite all'AIDS quando è sorto. Si discute se sia possibile comprendere il processo di malattia sanitaria da una prospettiva plurale, che va oltre i limiti della medicina. Per questo, analizziamo i testi del giornale O Globo, che si occupano del binomio HIV/AIDS, prestando particolare attenzione al linguaggio e alla lessicografia utilizzati nell'elaborazione di loro, e tenendo conto della visione medica della malattia negli anni '80. Il lavoro ci permette di concludere che è possibile e necessario affrontare il processo di malattia sanitaria utilizzando non solo fenomeni biologici, ma utilizzando aspetti sociali, economici, politici e ambientali, di fronte a vari campi disciplinari.

Parole chiave: HIV/AIDS, divulgazione scientifica, giornalismo scientifico, interdisciplinarità.

INTRODUZIONE

L'AIDS è l'acronimo utilizzato per la Sindrome da Immunodeficienza Acquisita, una malattia caratterizzata da una grave disfunzione del sistema immunitario di individui infettati da virus dell'immunodeficienza umana (HIV). Secondo il Protocollo Clinico e le Linee Guida Terapeutiche per la Gestione dell'Infezione da HIV negli adulti (2018), la sua evoluzione può essere suddivisa in tre fasi: infezione acuta (sindrome retrovirale acuta – SARS), che può sorgere poche settimane dopo l'infezione iniziale, con manifestazioni come febbre, brividi, sudorazione, mialgia, mal di testa, mal di gola, sintomi gastrointestinali, linfoadenopatie generalizzate ed eruzioni cutanee. La maggior parte degli individui hanno sintomi auto-limitati, che scompaiono dopo poche settimane. Tuttavia, la maggior parte non sono diagnosticati a causa della somiglianza con altre malattie virali; Infezione asintomatica, di durata variabile, che può raggiungere alcuni anni, e malattia sintomatica, di cui l'AIDS è la sua manifestazione più grave, che si verifica nella misura in cui il paziente ha alterazioni più marcate nell'immunità, e appaiono infezioni opportunistiche e neoplasmi.

Secondo il Protocollo Clinico e le Linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti (2018), si verificano infezioni opportunistiche come la tubercolosi polmonare atipica o diffusa, la polmonite Pneumocistis jiroveci, la toxoplasmosi cerebrale, la candidiasi oro-esofagea, la meningite criptococcale e la retinite citomegalovirus. Possono verificarsi anche tumori rari in individui immunocompetenti, come il sarcoma di Kaposi e alcuni tipi di linfoma. L'agente eziologico è un virus dell'RNA, il retrovirus, attualmente chiamato Virus dell'Immunodeficienza Umana (HIV), con 2 tipi noti: HIV-1 e HIV-2. Prima del 1986, si chiamava HTLV-III/LAV.

La malattia può essere trasmessa sessualmente, sangue (parenterale) e da madre a figlio, nel corso della gravidanza, durante o dopo il parto e durante il periodo post-partum. I fattori di rischio associati ai meccanismi di trasmissione dell'HIV sono: frequenti variazioni dei partner sessuali senza uso del preservativo, presenza di altre malattie sessualmente trasmissibili, uso di sangue o dei suoi derivati senza controllo di qualità, condivisione o uso di siringhe e aghi non istanziati (come nel caso dei consumatori di stupefacenti per via parentele), gravidanza in una donna infettata dall'HIV e trapianto di organi o ricezione di sperma da donatori infetti. È importante notare che l'HIV non si trasmette dalla vita sociale o familiare, abbraccio o bacio, cibo, acqua, punture di zanzara o altri insetti. Tali informazioni sono importanti, ancora oggi, perché si ad esempio per ridurre l'ignoranza e il pregiudizio sulle persone a conseduca nell'HIV/AIDS.

Dopo aver spiegato la parte biomedica che coinvolge il tema di questo testo, vale la pena ricordare che per la discussione delle informazioni pubblicate sull'AIDS negli anni '80, è stato scelto il giornale O Globo, a causa dell'influenza che esercita sul discorso della stampa brasiliana. Globo è tra i veicoli con la più grande circolazione del paese e quindi occupa una posizione importante nella diffusione delle notizie e nella possibile riproduzione di stereotipi e diffusione di pregiudizi. Nonostante sia stato pubblicato a Rio de Janeiro, la penetrazione in altri stati brasiliani trasporta la retorica dei suoi giornalisti in varie regioni del territorio nazionale.

Utilizzando gli strumenti di ricerca del sito web del quotidiano O Globo e utilizzando le parole chiave 'AIDS', 'gay', 'omosessuali', 'pregiudizio' e 'discriminazione' abbiamo selezionato casualmente testi giornalistici degli anni '80 e primi anni '90, rivolti agli omosessuali e all'HIV-AIDS, e li abbiamo analizzati in base alla semantica delle parole. Abbiamo verificato la presenza di stereotipi o fatti che caratterizzano la formazione di pregiudizi in relazione alle persone che vivono con l'HIV e l'AIDS.

È possibile sviluppare uno studio basato sull'inventario cronologico delle parole, cercando i loro significati secondo i valori imposti dal discorso discriminatorio di coloro che le usano. Lo studio del lessico può indicare la mentalità di una data epoca. Così, la riflessione sui testi pubblicati sul giornale stampato cadrà sulla semantica delle parole. Le parole assumono connotazioni distinte a seconda del contesto in cui sono impiegate e dell'ideologia di coloro che le usano. Idee, concetti, comportamenti, atteggiamenti e politiche pubbliche sono influenzati dai discorsi, le cui strutture dipendono dalle parole usate e dal loro significato. Ciò vale per la diffusione di pregiudizi e stereotipi su alcuni gruppi di popolazione, come gli omosessuali. Sulla base di questa premessa, abbiamo analizzato i testi giornalistici degli anni '80, considerando l'approccio dato all'AIDS e agli omosessuali, in quel periodo storico, dalla decostruzione dei discorsi, come sistematizzato da Tucci Carneiro (1994).

MEDICINA E GIORNALISMO: RAPPRESENTAZIONI DELL'AIDS NEGLI OSPEDALI E NELLE EDICOLE

Il primo rapporto di O Globo che sottolineiamo ha sottolineato nel titolo la mancanza di conoscenza dei medici stessi sulla malattia: "Heusi non punirà i coroner che si rifiutano di necropsia gli aiuti." (O GLOBO, 1987, p. 9). La questione informa che i coroner dell'Istituto Medico Legale (IML) che si sono rifiutati di eseguire la necropsia del corpo del prigioniero Luciano Alves Azeredo, morto di AIDS, non sarebbero stati puniti. La dichiarazione è stata fatta da Marcos Heusi, Segretario della Polizia Civile al momento, e svela come il discorso delle autorità ha trattato la malattia e le sue vittime. L'avanzata della scienza verso la comprensione della malattia ha permesso di chiarire i dubbi e, nella sissy, situazioni come questa non si ripetevano. La mancanza di conoscenza e padronanza della malattia ha reso i potenziali operatori sanitari divulgatori di stereotipi e stigmatizzazioni. Medici e infermieri potrebbero svolgere un ruolo ambiguo e persino contraddittorio dal punto di vista sociale ed etico: prendersi cura, sostenere, ma anche essere in grado di discriminare.

Contribuendo ancora di più a una riflessione, il testo della stessa materia, del 24 giugno 1987, aggiunge alcuni commenti e domande, affermando che è comprensibile la paura del contagio dei medici dell'IML, ma dimostrando la non conformità con il fatto che i medici, in quel momento, ancora non conoscono l'dimensioni del pericolo di contagio durante una necropsia. La relazione mette inoltre in dubbio l'autenticità dei certificati di morte dati e la fiducia che potrebbe essere posta nelle statistiche sulla sindrome. Infine, c'è un'inchiesta che mette in discussione le politiche pubbliche brasiliane dell'epoca: "c'è infatti in Brasile un piano ufficiale anti-AIDS che copre davvero tutti gli aspetti del problema?". (O GLOBO, 1987, p. 9).

La questione era la pertinenza per il periodo, dal momento che era una fase in cui si sapeva poco sulla malattia. Tutto era nuovo, circondato dal dubbio. Le politiche pubbliche incipienti non trasmetteva la sicurezza alla popolazione. Secondo Marques (2002), il periodo tra il 1987 e il 1989 è stato il periodo in cui il Programma Nazionale AIDS si è effettivamente sviluppato. Il coordinamento nazionale ha centralizzato le azioni e si è allontanato dai programmi statali e dalle ONG. Questi, da parte loro, hanno guadagnato spazio e importanza nel corso degli anni e hanno svolto un ruolo significativo nella discussione del Programma Nazionale.

La risposta ufficiale a livello nazionale, di fronte all'epidemia di AIDS, ha finalmente cominciato a essere costruita, quasi due anni dopo che il ministro della Sanità lo ha riconosciuto come un problema emergente di salute pubblica nel paese (maggio 1985). (MARQUES, 2002, p. 53).

Tornando alla descrizione della malattia, mettiamo in evidenza il periodo di incubazione, quello tra l'infezione da HIV e la fase acuta o la comparsa di anticorpi circolanti. Secondo il Ministero della Salute, attraverso la Serie Cadernos de Primary Care (2002), per la stragrande maggioranza dei pazienti, questo periodo varia tra 1 e 3 mesi, dopo il contatto infettivo, e può occasionalmente raggiungere 6-12 mesi in alcuni casi riportati nella letteratura medico-scientifica. Secondo il Protocollo Clinico e le Linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti (2018), il periodo di latenza è quello tra l'infezione da HIV e i sintomi e i segni che caratterizzano la malattia da hiv (AIDS). Si stima che il tempo medio sia di dieci anni. Il periodo di trasmissibilità è variabile, ma l'individuo infettato dall'HIV può trasmettere il virus durante tutte le fasi dell'infezione, e questo rischio è proporzionale alla grandezza della viremia e alla presenza di altri co-fattori.

Alla diagnosi, il rilevamento di laboratorio dell'HIV viene eseguito attraverso tecniche che ricercano o quantificano anticorpi, antigeni, materiale genetico mediante tecniche di biologia molecolare (carico virale) o isolamento diretto del virus (cultura). In pratica, i test che ricercano gli anticorpi (sierologici) sono i più utilizzati. La comparsa di anticorpi rilevabili da test sierologici si verifica entro un periodo medio di 6-12 settimane di infezione iniziale. La "finestra immunologica" è chiamata questo intervallo tra l'infezione e il rilevamento di anticorpi da parte delle tecniche di laboratorio convenzionali. Durante questo periodo, i test sierologici possono essere falsi negativi. A causa dell'importanza della diagnosi di laboratorio, in particolare a causa delle conseguenze dell'etichettatura di un individuo come sieropositivo e di avere una maggiore sicurezza nel controllo della qualità del sangue e dei derivati, secondo la serie Cadernos de Atenào Bàsica (2002), si raccomanda che i test di rilevamento di laboratorio alla fine siano reagenti in un primo campione siano ripetuti e confermati secondo la standardizzazione stabilita dal Ministero della Salut[4]e.

Non esiste una cura per l'AIDS; ma negli ultimi anni sono stati compiuti grandi progressi nella conoscenza della patogenesi dell'infezione da HIV; sono stati sviluppati diversi farmaci antiretrovirali che hanno dimostrato di essere efficaci nel controllo parziale della replicazione virale, diminuendo la progressione della malattia e portando a una riduzione dell'incidenza di complicanze opportunistiche. C'è stato un aumento della sopravvivenza, così come un miglioramento significativo nella qualità della vita degli individui. Secondo i dati della Serie cadernos de Saàde di cure primarie (2002), nel 1994, è stato dimostrato che l'uso di zodovudine da parte della donna incinta infettata durante la gravidanza, così come dal neonato, durante le prime settimane di vita, può portare a una riduzione fino a 2/3 nel rischio di trasmissione dell'HIV da madre a figlio.

Dal 1995, l'uso della monoterapia è stato abbandonato, ed è raccomandato dal Ministero della Salute di utilizzare la terapia combinata con due o più farmaci antiretrovirali per controllare l'infezione cronica da HIV. Attualmente, la terapia antiretrovirale st[5]andard raccomandata è di tre o più farmaci, e l'uso della doppia terapia è una situazione eccezionale (certa chemioprofilassi per l'esposizione professionale). Ci sono numerose possibilità di regimi terapeutici indicati dal Coordinamento Nazionale delle SSTRE e dell'AIDS. "Non meno importante è sottolineare che il Brasile è uno dei pochi paesi che finanzia completamente la cura dei pazienti di assistenza nella rete sanitaria pubblica." (BRASIL, 2002, p.13).

Secondo il Protocollo Clinico e le Linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti (2018), l'insorgenza di ART dovrebbe essere incoraggiata per tutte le persone che contano con l'HIV, indipendentemente dal conteggio LT-CD4. Nel Protocollo Clinico e Linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti 2013, uno studio prospettico è stato trovato in una coorte africana di 3.381 coppie eterosessuali sierodiscordanti, in cui 349 individui hanno iniziato il trattamento durante il periodo di follow-up. Solo un caso di trasmissione si è verificato nei partenariati dei partecipanti che erano in trattamento e 102 nei partenariati in cui la persona infettata dall'HIV non era in trattamento. Ciò rappresenta una riduzione del 92% del rischio di trasmissione.

Sempre secondo il Protocollo Clinico (2013), più recentemente, i risultati dello studio HPTN052, il primo studio clinico randomizzato, che ha valutato la trasmissione sessuale dell'HIV tra coppie sierodiscordanti, sono diventati pubblici. Un totale di 1.763 coppie con conteggio LT-CD4 tra 350 e 550 cellule/mm3 sono state randomizzate per l'avvio immediato del trattamento o per avviarlo, quando il conteggio LT-CD4 è stato inferiore a 250 cellule/mm3. Durante lo studio, ci sono stati 39 episodi di trasmissione, di cui 28 erano virologicamente collegati al partner infetto; solo un episodio si è verificato nel gruppo di terapia precoce, con una diminuzione del 96% del tasso di trasmissione quando la persona che vive con l'HIV ha iniziato il trattamento con LT-CD4 e conta tra 350 e 550 cellule/mm3.

Secondo il Protocollo Clinico e le Linee Guida Terapeutiche per la Gestione dell'Infezione da HIV negli adulti (2018), ART può essere avviato a condizione che la persona che vive con l'HIV sia adeguatamente informata dei benefici e dei rischi ad esso correlati, oltre ad essere fortemente motivata e preparata per il trattamento, rispettando l'autonomia dell'individuo. Si dovrebbe porre l'accento sul fatto che la terapia non dovrebbe essere interrotta.

In linea con il protocollo 2018, la terapia iniziale dovrebbe sempre includere combinazioni di tre antiretrovirali, essendo due inibitori della trascrizione inversa analogica nucleoside (NRTI)/inibitori della trascrizione inversa analogica nucleotide (ITRNt), associati a un inibitore della trascrizione inversa nucleoside (NRTI) o inibitore della proteasi con rinforzo di ritonavir (IP/r) o inibitore dell'integrasi (INI). Di norma, lo schema di prima linea dovrebbe essere il seguente: Tenofovir (TDF), Lamivudine (3TC) e Dolutegravir (DTG), un INI.

Un altro aspetto importante del trattamento è un processo dinamico e multifattoriale che comprende aspetti fisici, psicologici, sociali, culturali e comportamentali e coinvolge decisioni condivise tra la persona che vive con l'HIV, l'unità sanitaria e il social network. Farmaci aderenti a un farmaco comporta l'assunzione alla dose e frequenza prescritti. D'altra parte, oltre al corretto uso di farmaci, il trattamento aderente al trattamento, pienamente compreso, comporta anche l'esecuzione di test e consultazioni come richiesto. La scarsa aderenza è una delle principali cause di insufficienza terapeutica. Non è stata stabilita una relazione diretta tra i livelli di aderenza e l'efficacia dei diversi antiretrovirali, tuttavia "la maggior parte degli studi indica che è necessario prendere almeno l'80% delle dosi per ottenere un'adeguata risposta terapeutica". (Protocollo clinico e linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti, 2013, p.53).

È molto importante che il paziente conosca le caratteristiche della malattia e comprenda chiaramente l'obiettivo della terapia antiretrovirale per partecipare alla decisione di avviarla, comprendendo la rilevanza dell'uso continuo e corretto del farmaco, al fine di ottenere un'adeguata soppressione della replicazione virologica. Pertanto, è essenziale che il paziente abbia conoscenze di base sulla malattia, le forme di trasmissione, il significato e l'utilità dei test di laboratorio (come il conteggio dei linfociti T-CD4 e il carico virale) e i possibili effetti avversi a breve e lungo termine legati alla terapia. Avendo accesso alle informazioni, il paziente è rafforzato per affrontare le avversità portate dalla malattia e il suo trattamento. La valutazione medica e psicosociale del paziente consente di identificare i modi di affrontare, le difficoltà di accettazione e di conviviare con la diagnosi positiva per l'HIV. L'organizzazione sanitaria dovrebbe prendere in considerazione questi aspetti quando si prepara il piano terapeutico. "L'autocura è anche legata alla vita a lungo e bene, e la loro mancanza si traduce anche in malattia e morte." (GOMES; SILVA, STATI UNITI; OLIVEIRA, 2011, p.6).

La prevenzione della trasmissione sessuale si basa sull'informazione e sull'istruzione, e la profilassi combinata è la più grande risorsa nella lotta contro la malattia.

A sua volta, la prevenzione della trasmissione del sangue ha come linee guida: a) trasfusione di sangue: tutto il sangue da trasfusione deve essere testato per la rilevazione di anticorpi anti-HIV. L'esclusione dei donatori a rischio aumenta la sicurezza delle trasfusioni, soprattutto a causa della "finestra immunitaria"; b) prodotti ematici: i prodotti ematici, che possono trasmettere l'HIV, devono essere sottoposti a un processo di trattamento che inavossa il virus; c) iniezioni e strumenti a taglio affilato: quando non sono usa e getta, devono essere accuratamente puliti e poi disinfettati e sterilizzati. I materiali usa e getta, dopo l'uso, devono essere imballati in scatole appropriate, con pareti dure, in modo da evitare incidenti. L'HIV è molto sensibile ai metodi standardizzati di sterilizzazione e disinfezione (di alta efficacia). Il virus viene inattivato attraverso sostanze chimiche e calore specifici, ma non è inattivato dall'irradiazione o dai raggi gamma; d) donazione di sperma e organi: rigoroso screening dei donatori; f) trasmissione perinatale: l'uso di zodovudine nel corso della gravidanza di donne a infezione da HIV, secondo uno schema standardizzato dal Ministero della Salute, associato al parto cesareo, offre un minor rischio di trasmissione perinatale del virus. Tuttavia, la prevenzione dell'infezione nelle donne è ancora l'approccio migliore per evitare la trasmissione da madre a figlio.

La questione della trasmissione del sangue dell'HIV è evidenziata in una storia a O Globo, il 15 febbraio 1987, che ha sottolineato: "Il rischio di AIDS in trasfusione terrorizza i pazienti." (BERTOLA, 1987, p. 21). Il testo della rivista affronta la paura dei pazienti, in particolare degli emofiliaci, che hanno visto nelle trasfusioni una delle forme schiaccianti di espansione della malattia nel paese, che non aveva un adeguato controllo del sangue trasfuso. Ponderazione plausibile e necessaria, che dovrebbe accompagnare altri aspetti, come ad esempio informazioni che altre malattie possono essere trasmesse anche tramite trasfusione di sangue. A quel tempo, la paura di contrarre l'HIV era così grande che era possibile dimenticare che l'epatite B e C, per esempio, possono essere contratte durante tale procedura medica. Questo è ciò che la stessa storia indica: "L'AIDS è solo una delle tante malattie causate da una trasfusione povera." (BERTOLA, 1987, p.21).

Alla considerazione di tutte le difficoltà inerenti alla diagnosi di infezione da HIV, si impone un'altra: secondo il Ministero della Salute, sulla base del Protocollo Clinico e delle Linee guida terapeutiche per la gestione dell'infezione da HIV negli adulti (2013), il rischio di suicidio nei pazienti infetti è tre volte superiore a quello della popolazione generale. Uno studio di revisione ha mostrato che 26.9% delle persone che vivono con l'HIV segnalato ideazione suicida, e 6.5% attribuire questa idea agli effetti collaterali degli antiretrovirali; Il 22,2% aveva un piano di suicidio; Il 23,1% ha affermato di aver intenzione di uccidersi; Il 14,4% ha riferito il desiderio di morire e il 19,7% si è suicidato (11,7% di loro con AIDS e 15,3% in altre fasi della malattia).

Vale la pena notare che, sebbene alcuni pazienti riferise l'ideazione suicidaria come effetto collaterale degli antiretrovirali, uno studio condotto in Svizzera ha dimostrato che i pazienti sottoposti a trattamento antiretrovirale sono meno a rischio di suicidarsi rispetto a quelli che non utilizzano farmaci. L'uso di antiretrovirali prolunga la vita delle persone che convivono con l'HIV, dando loro più qualità.

Il panorama presentato mostra la realtà delle persone che convono con l'HIV e degli operatori sanitari che si prendono cura di tali pazienti. Una malattia con molteplici manifestazioni cliniche, farmaci con vari effetti collaterali e vari aspetti da considerare nella scelta del trattamento, l'AIDS richiede una visione olistica del paziente, che dovrebbe essere visto come un singolo individuo, con caratteristiche fisiche, comportamentali ed emotive che differiscono dagli altri. La complessità della malattia lo rende un campo vasto e fertile per la costruzione di rappresentazioni sociali. Per Gomes; Silva e Oliveira (2011), la riflessione sulla diffusione dell'AIDS richiede di considerare le trasformazioni di questa epidemia nel suo contesto storico, soprattutto in relazione alle forme di trasmissione, alle tendenze di vulnerabilità alla malattia e ai significati costruiti per affrontare questa realtà.

Manifestazioni cliniche come la perdita di peso e la diarrea indeboliscono il paziente e lo rendono più fragile, vulnerabile e soggetto a complicazioni fisiche e psicologiche. Tali manifestazioni cliniche possono limitare l'interazione sociale in modo significativo, con importanti ripercussioni fisiche e psicologiche, fungendo da innesco per lo stigma e la costruzione di rappresentazioni nell'immaginario collettivo. L'omosessualità e la perdita di peso sono, ad esempio, due variabili che possono portare a uno stereotipo. Molti gay sono stati etichettati come portatori di aiuti semplicemente perché sono magri. La magrezza non proviene necessariamente dalla malattia, ma l'immagine stereotipata dell'omosessuale promiscuo, che non conserva la propria salute, ha già dato una tale frase a molti. La medicina ha ufficialmente contribuito, anche involontariamente, alla diffusione di pregiudizi e discriminazioni. Su questa associazione tra malattie e AIDS, Lucinha Arajo ha dichiarato, in un'intervista al quotidiano O Globo, che:

attualmente, nessun artista può ammalarsi, perché si ipotizza presto che abbia l'AIDS. Come vede questo stigma? È il prezzo della fama. I cittadini sono molto esposti. Si lotta per essere conosciuto e il giorno in cui si è conosciuti perde la privacy. Oggi, ogni artista che dimagrta ha l'AIDS. (LUCAS, 1990, p.7).

Più che il prezzo della fama, è il prezzo dello stereotipo. Non solo gli artisti hanno attraversato questo. Sconosciute, anonime, persone che non occupavano un posto di primo piano nei media sono state anche oggetto di tali speculazioni. Magro e malato. Segregati ed etichettati dal loro aspetto fisico.

Per Gomes; Silva e Oliveira (2011) ci sono diversi fattori che richiedono un uso adeguato degli antiretrovirali, che spesso portano all'abbandono del trattamento. Uno dei motivi che provocano un tale atteggiamento è legato agli effetti collaterali di questi farmaci, in particolare l'alterazione dell'immagine del corpo che può caratterizzare le persone sieroposibili come 'aiuti' a causa della lipodistrofia.

Secondo Seidl e Machado (2008), l'uso del termine lipodistrofia relativa alla sindrome da immunodeficienza acquisita è iniziato alla fine degli anni '90 e si riferiva alla perdita di grasso sottocutaneo nel viso e negli arti superiori e inferiori delle persone con HIV sottoposte a trattamento antiretrovirale con inibitori della proteasi. Sempre secondo Seidl e Machado (2008), gli studiosi hanno scoperto che la lipodistrofia può causare difficoltà psicologiche ed emotive rilevanti per le persone colpite. "La lipodistrofia associata all'HIV colpisce dal 40 al 50% dei pazienti infettati dal virus." (DIEHL, 2008, p.658).

Il termine "aiuti", così carico di simboligia, è ancora presente nel vocabolario, nei pensieri e nelle costruzioni discorsive di alcuni individui. Parola negativa usata nei giornali degli anni '80, come quella pubblicata da O Globo il 29 maggio 1988, da Fanny. La parola non è stata inclusa nel titolo: "Le famiglie rifiutano i pazienti con AIDS", ma è già stata menzionata nel primo paragrafo: "Mentre i casi di aiuti si moltiplicano in tutto il paese, anche il rifiuto da parte degli aiuti viene ampliato". (1988, p.10). Il testo di O Globo aggiunge anche che il problema è diventato più grave, quando si è scoperto che, cinque anni dopo l'emergere dei primi casi della malattia, il Brasile non aveva alcuna politica di accoglienza per i pazienti rifiutati dalle loro famiglie.

Il rifiuto ai malati è apparso nel verbo usato – 'rifiuto'-, che significa respingere, rifiutare, e anche nel termine 'aigotico'. A quel tempo, l'espressione non era considerata politicamente scorretta e occupava ancora un ampio spazio nella preferenza dei giornalisti delle più diverse redazioni.

IL RUOLO DEL MEDICO NELLA PERPETUAZIONE DEL PREGIUDIZIO

Il 12 giugno 1987, un rapporto di Eliane Lobato, blasonato sul Secondo Taccuino di O Globo, porta il titolo "Non tutto è dramma" e parte del testo porta il significato della malattia al momento: "Ma l'AIDS, al contrario, significa morte, quindi, fine dei giorni, notti buie." Oltre a queste rappresentazioni, l'articolo aggiunge: "Quattro anni fa, l'AIDS era sinonimo di peste gay." (1987, p.5). Il termine "piaga gay" attraversa discorsi e rappresentazioni sociali, anche se la questione passa il messaggio di scomparsa dell'associazione tra gay e AIDS.

A quel tempo, quando l'AIDS era sinonimo di peste gay, il gioco aveva un senso didattico giustificabile. Oggi esce "Perché me?", lo stesso pezzo di Hoffman, tradotto da Luis Fernando Veràssimo e Luiz Fernando Tofanelli e che Roberto Vignati dirige al Teatro da Praia. Il momento è un altro: l'AIDS non è più limitato agli omosessuali ed è diventato una paura nella vita di tutte le persone. (LOBATO, 1987, p.5).

Come accennato in precedenza, nel giugno 1981, il Centro statunitense per il controllo delle malattie ha registrato i primi casi della malattia considerati sconosciuti al momento. Nel 1982 le è stato dato il nome provvisorio '5 H Disease', a causa di casi identificati in omosessuali, emofiliaci, haitiani, eroinomani – consumatori di eroina iniettabili – e prostitute – prostitute – in inglese. Denominazione provvisoria, anche irta di stigmatizzazione e pregiudizio. Illustrando questo contesto, appare un altro articolo di O Globo, intitolato "AIDS: tra stigma e panico, la cui incidenza è: "Discriminazione e panico. Queste sono le due tendenze predominanti nella popolazione quando si parla di AIDS." Ha aggiunto: "A causa della mancanza di informazioni, la maggior parte delle persone crede che una semplice stretta di mano trasmetta la malattia. Altri pensano che solo la pratica omosessuale diffonda il virus." (1985, p. 20).

L'articolo, che dedica parte del testo per evidenziare la preoccupazione delle autorità di porre fine allo stigma dell'AIDS, evidenzia: "Il cancro gay ha aumentato la discriminazione vecchia quanto la storia dell'uomo. La discriminazione contro gli omosessuali è esistita, ma è aumentata notevolmente da quando è emerso l'AIDS, stigmatizzato come cancro gay." (O GLOBO, 1985, p.20).

Nel traino il problema affrontato nel Globe, vale la pena sottolineare che lo stigma e il pregiudizio sociale sono atteggiamenti generati, in larga misura, dalla paura del contagio e della mancanza di informazioni, che causano disagio e sofferenza nelle persone che convivono con l'HIV, bersagli di negligenza sociale. Temi che riflettono questa rappresentazione sociale sono il allontanamento delle persone, degli amici, il rifiuto del contatto fisico (stretta di mano, bacio sul viso).

Come modo per evitare che la medicina contribuisca alla perpetuazione dei segni peggiorativi e attribuisca alle persone o ai gruppi di popolazione caratteristiche che possono offenderli, causando problemi psicologici ed emotivi, è importante evidenziare un aspetto legato all'assistenza medica: l'umanizzazione. "Con tutti i vantaggi della globalizzazione, vediamo, allo stesso tempo, rattristato, la distanza tra le persone. È sempre più comune vedere medici e pazienti cedere il posto a numeri, esami." (LOPES, 2017, p. 1).

Secondo Gallian (2001), il processo di disumanizzazione è una conseguenza della separazione tra medicina e umanisità, avvenuta a partire dalla fine del XIX secolo. Comprendere lo sviluppo storico, sostituire le scienze umanistiche nel contesto della formazione è essenziale per la (ri)umanizzazione della Medicina. Sempre secondo l'autore, la medicina occidentale era una scienza essenzialmente umanistica. Basato sulla filosofia della natura e con un sistema teorico focalizzato su una visione olistica, ha inteso l'uomo come un essere dotato di corpo e spirito. Le malattie non sono state considerate solo un problema speciale, ma come parte di una realtà più ampia, perché, come egli afferma, "le cause delle malattie, quindi, dovrebbero essere ricercate non solo nell'organo o anche nell'organismo malato, ma anche e soprattutto in ciò che è essenzialmente umano nell'uomo: l'anima". (GALLIAN, 2001, p. 1).

Il medico classico era quindi un filosofo; qualcuno che ha capito le leggi della natura e l'anima umana. Il medico dovrebbe essere, fondamentalmente, un umanista. Un professionista che ha preso in considerazione gli aspetti biologici, ambientali, culturali, sociologici, familiari, psicologici e spirituali per diagnosticare e avviare il trattamento di una malattia. Il medico di oggi, uno scienziato, un tecnico, non guarda il paziente con una tale visione: profonda, ampia e umanistica. Naturalmente, ci sono eccezioni, ma sono sempre più rari, dal momento che la formazione medica, il corso di laurea, non evidenzia l'insegnamento multidisciplinare.

Nonostante il rapido sviluppo del cosiddetto metodo sperimentale (metodo scientifico) durante il XIX secolo, la visione umanistica della medicina ha continuato a preponderatat e contribuire all'educazione medica. Il medico era un profondo conoscitore del contenuto, ma anche un amante della letteratura, della filosofia e della storia. "Un uomo sepolto, il medico romantico alleava le sue conoscenze scientifiche con l'umanistico e usava sia nella formulazione delle sue diagnosi che nelle sue prognosi." (GALLIAN, 2001, p. 2). Il medico ha mantenuto la vicinanza ai suoi pazienti e alle loro famiglie. L'autentico medico di famiglia sapeva che la guarigione non era solo tecnica, ma coinvolgeva questioni psicologiche, sociali, culturali e religiose.

Tuttavia, anche nel XIX secolo, che ha consacrato la medicina come attività segnata dall'umanizzazione, sono state trovate importanti scoperte in campi come la microbiologia per avviare una rivoluzione nel campo della patologia, generando profonde trasformazioni nella scienza medica. Lo sviluppo di analisi di laboratorio e altri metodi clinici hanno trasformato i metodi diagnostici e la penicillina è apparsa come una stella principale nel trattamento delle infezioni. "C'è stato un vero miracolo, e all'inizio del XX secolo, tutto stava cominciando a implicare che la medicina stava per raggiungere la sua età d'oro, la sua fase di 'scienza esatta'." (GALLIAN, 2001, p. 2-3).

I progressi raggiunti in campo tecnologico hanno trasformato la formazione e le prestazioni del medico, che ha iniziato a valori avere principi diversi da quelli esistenti nel XIX secolo. "La storia, la letteratura e la filosofia non erano solo scienze importanti, ma per il medico potevano aggiungere poco ora che le nuove scoperte e i metodi effettivamente scientifici aprivano nuove dimensioni." (GALLIAN, 2001, p. 3). La valorizzazione e lo studio approfondito e sistematico del comportamento fisico-chimico di organi, tessuti e cellule hanno guadagnato spazio. La medicina cessò di fare affidamento sulle scienze umane per sostenersi, in primo luogo, nelle scienze esatte e biologiche.

Per Gallian (2001), il processo di sopravvalutazione dei mezzi tecnologici, che ha accompagnato lo sviluppo della medicina negli ultimi decenni, ha portato alla "deumanizzazione del medico". Il professionista divenne sempre più un tecnico, uno specialista, profondo conoscitore di esami complessi; ma a volte ignoranti sugli aspetti umani del paziente. E questo accade o è accaduto non solo a causa della necessità di una formazione sempre più specializzata, ma anche a causa di cambiamenti nelle condizioni di lavoro, che tendevano a proletizzare il medico, limitando il suo tempo di stare con il paziente, dandogli attenzione.

Aiutare molti pazienti, affrontare infinite code di persone, non soccombere alla mancanza di medicine o altre forniture necessarie per una buona pratica medica: questo fa parte della vita quotidiana di molti professionisti. Da questo punto di vista, potrebbe essere possibile capire uno dei motivi per cui il medico ha abbandonato l'umanizzazione. Il miglioramento del Sistema Sanitario Unificato comporta non solo la maggiore disponibilità di risorse finanziarie e l'investimento nella formazione tecnica, ma anche l'umanizzazione delle cure.

LA PERFORMANCE DELLA STAMPA NELLA COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI

Si può dire che l'ignoranza sulla malattia contribuisce alla riproduzione degli stereotipi. La stampa a volte gioca un ruolo centrale in questa storia, ma può anche svolgere un altro ruolo: chiarire.

Secondo Darde (2006), la stampa brasiliana ha svolto un ruolo fondamentale nella costruzione di significati sull'AIDS nei primi anni '80. Negli Stati Uniti, i primi casi della malattia sono stati diagnosticati negli omosessuali maschi, il che ha portato i medici, supportati dai media, a pensare all'emergere di un cancro gay. Nome temporaneo scelto al momento, dal momento che l'agente causale della malattia non era noto. Anche quasi 20 anni dopo la scoperta della malattia, il pregiudizio si stava ancora diffondendo. La stampa dubbia, che ha agito diffondendo stereotipi, ha svolto anche un'altra funzione: denunciare il pregiudizio. È la costruzione dei sensi. Segui il testo di O Globo:

Vittime del virus del pregiudizio. I volontari nei test sui vaccini contro l'AIDS subiscono discriminazioni anche da parenti e amici. Negli ultimi tre anni, la vita di Paulo César Leonardo, un tecnico di radiologia medica di 46 anni, si è capovolta. Il primo colpo – la morte della donna, il 6 luglio 1994, vittima di AIDS – seguì tre morsi sul braccio che portarono a Paolo Cesare il virus della sfiducia e del pregiudizio. Volontario per il primo programma di test del vaccino hiv in Brasile, ha incontrato il disprezzo dei suoi colleghi ed è stato privato del contatto con il primo matrimonio della moglie – i nonni materni del bambino di 9 anni, che hanno la custodia del ragazzo, hanno anche vietato le conversazioni telefoniche. Confuso da molti come paziente della sindrome da immunodeficienza acquisita, Paulo César ha sentito nella propria pelle lo stigma e la discriminazione che circondano i portatori di HIV. (GIANOTTI, 1997, p.16).

La maggior parte dei primi rapporti sui media brasiliani aveva come principale riferimento le agenzie di stampa nordamericane, che hanno influenzato notevolmente il modo in cui la malattia ha raggiunto l'immaginazione brasiliana. La stragrande maggioranza dei primi pazienti affetti da AIDS in Brasile, negli Stati Uniti e in Europa erano omosessuali maschi e lo stigma della promiscuità cadde su di loro. "Pregiudizio e intolleranza erano presenti nei discorsi conservatori, in cui è costruito il termine aiuti, una singola categoria, indivisibile e, soprattutto, separata dalla società." (DARDE, 2006, p.19). A quel tempo, il termine "aiuti" non solo era usato, ma significava anche un nemico condannato alla morte fisica, inutile per lo sviluppo sociale. "Proprio la stigmatizzazione delle persone e dei gruppi infetti, stimolata dalla costruzione di significati della malattia nei media, ha svolto un ruolo fondamentale per la diffusione dell'HIV/AIDS nella società." (DARDE, 2006, p.19).

Il Globe ha mostrato nel titolo di un rapporto del 9 aprile 1989, nel taccuino rio, lo stigma e le barriere affrontate dai pazienti HIV in quel momento: "Aids e la lunga attesa per un letto." (COHEN, 1989, p. 20). Attende letti riservati specificamente ai pazienti affetti dalla malattia. Forse questa è stata la soluzione trovata da alcuni operatori sanitari e autorità, che hanno isolato i portatori di HIV. Isolamento fisico e sociale allo stesso tempo.

Il termine "aiutante", carico di peso negativo, pregiudicato, emarginato e discriminatorio, è stato aggiunto alla segregazione imposta dalla prenotazione di letti specifici negli ospedali. Secondo l'articolo in O Globo del 9 aprile 1989, un centro di assistenza aided, creato dal Dipartimento di Salute dello Stato di Rio de Janeiro, che regolava i letti ospedalieri per i pazienti affetti da HIV. I pazienti con altre malattie non si mescolano con gli aiuti. "Attraverso il telefono 590-5252, opera l'Aided Care Center, creato dal Dipartimento di Sanità dello Stato." (COHEN, 1989, p. 20).

I pazienti hanno aspettato a lungo per un letto e la possibilità di ottenere un posto in un ospedale è stata condizionata alla morte di un paziente già ricoverato in ospedale.

Non c'era la possibilità di migliorare e di dimettere casa? L'aids e la morte erano confusi. Erano sinonimi. Come si vede nel dialogo tra il giornalista di O Globo e l'assistente del Dipartimento della Salute:

Ciao. Per favore, devo ricoverare urgentemente un malato di AIDS. In quale ospedale ci sono posti vacanti in questo momento? Niente affatto. Lascia il nome e i dati del paziente e lo programmamo e ti chiameremo quando girovaghi un letto. Ma quali sono le prospettive? Varia molto. Oggi ci sono quattro pazienti davanti. Dobbiamo aspettare che qualcuno muoia per trovare un lavoro. (COHEN, 1989, p. 20).

Nel turbolento contesto, è stato riferito che, nella medicina privata, i piani sanitari hanno smesso di pagare le spese dei pazienti affetti da HIV: "Quando viene fatta la diagnosi degli aiuti, le aziende di medicina di gruppo fermano l'assicurazione sulle spese dei pazienti, nonostante sia richiesta dalla risoluzione del Consiglio regionale di medicina per occuparsi di tutte le malattie". (COHEN, 1989, p.20).

Secondo Darde (2006), il primo caso brasiliano di AIDS è stato ufficialmente segnalato nel 1982, ma la malattia è diventata 'nazionale' dopo la morte della sarta Marcos Vinìcius Resende Gonàalves, il Markito, 31 anni. Il fatto che i primi casi brasiliani siano stati anche con omosessuali maschi ha rafforzato l'immagine del malato di AIDS portato dalla stampa americana. Il 5 giugno 1983, Globo pubblicò una storia sulla morte di Markito: "La sestite Markito muore di 'cancro gay' a New York." Il Globe ha riferito che il creatore di couture sensuale e spogliato, che vestiva diversi cantanti e attrici brasiliane, era morto a New York, vittima della 'Sindrome da Immunodeficienza acquisita', una malattia allora conosciuta come 'cancro gay' per aver attaccato principalmente omosessuali. L'associazione tra l'omosessualità e la malattia in questione è chiara.

Figura (O Globo Collection) – La sarta Markito muore di 'cancro-gay' a New York.

D'altra parte, la diffusione di notizie di aiuti da parte dei media brasiliani ha permesso alla società di chiedere un'azione più energica ed efficiente delle autorità nazionali. Le organizzazioni non governative emersero e il movimento omosessuale ottenne la proiezione in articoli pubblicati dalla stampa. Secondo Darde (2006), all'inizio dell'epidemia in Brasile, la copertura giornalistica era basata su materiale prodotto da fonti e agenzie internazionali, a volte replicando contenuti contrassegnati da disinformazione e pregiudizi. Sempre secondo l'autore, la ricerca di ausili identità ha mostrato, soprattutto, la sofferenza di celebrità, come il cantautore Cazuza.

Le persone con HIV sono state trattate come oggetti, sollevate dalla discussione sui vari aspetti dell'epidemia. Per Darde, dalla nascita delle prime organizzazioni non governative nel 1985, le persone che vivevano con l'HIV cominciarono ad avere la propria voce, al contrario della voce ufficiale dello Stato. Una questione fondamentale negli studi del giornalismo: la voce degli oppressi, in questo caso i malati di AIDS, era sempre sullo sfondo, mentre il discorso ufficiale – dello Stato e della Scienza – predominava nel discorso giornalistico.

L'articolo del Globe, pubblicato il 28 ottobre 1990, può essere utilizzato per una riflessione su ciò che Darde propone e che è stato riportato nei paragrafi precedenti. In questa relazione, Lucinha Arajo, madre della cantante Cazuza, rilascia un'intervista e parla di pregiudizio e disinformazione. Il titolo della relazione è: "Consapevolezza e rispetto". Il Globe tratta l'AIDS come qualcosa di serio e dà voce a una donna dell'élite di Rio de Janeiro, madre di un artista di successo. Lucinha Arajo accusa le autorità di atteggiamenti o azioni contro la malattia. Questo è chiaro quando l'intervistato risponde alla seguente domanda della giornalista Vera Lucas: "Come fai tu, che sei stato in grandi centri internazionali di trattamento dell'AIDS, ad analizzare la situazione dei nostri ospedali?". La madre di Cazuza risponde:

è caotico. Gli ospedali non hanno i soldi per comprare farmaci, espandere il numero di posti letto, pagare professionisti specializzati, niente. Non so se questo stia accadendo fuori dal caso delle autorità, ma sono sicuro che il problema sia responsabilità del governo federale. Ma non possiamo aspettare che il governo si sistema. Era ora che le aziende private aiutasa. (LUCAS, 1990, p. 7).

Lucinha Arajo agisce come interlocutore dei meno favoriti, dimostra la conoscenza sull'argomento, la tratta seriamente, ma non sente il discorso dei vulnerabili, degli invalidati. Nel seguente estratto, si scopre come Lucinha è annunciato: la madre di aiuti anonimi. "Dopo aver trascorso tre anni a prendersi cura di Cazuza, Lucinha, adempiendo la promessa di suo figlio, divenne la madre di anonimi poveri soccorritori ricoverati in ospedali brasiliani precari e non equicchiati." (LUCAS, 1990, p.7).

Il veicolo della stampa riconosce l'esistenza di tali individui, che non sono ascoltati, ma non dà spazio a loro. Scegli un portavoce, qualcuno che conosci, prominente nella società in quel momento, per parlare a loro nome.

Si può ritenere che finché una persona con un particolare stigma raggiunge un'elevata posizione finanziaria, politica o occupazionale – a seconda della sua importanza del gruppo stigmatizzato in questione – è possibile che una nuova carriera sarà loro affidata: rappresentare la loro categoria. (GOFFMAN, 1963, p. 36).

La madre di Cazuza non ha l'AIDS e quindi non porta lo stigma. Tuttavia, dopo la morte di suo figlio, che ha contratto la malattia, ha cominciato a distinguersi come rappresentante di persone che vivono con l'HIV, vale a dire, l'elite dei consumatori del giornale è rappresentata e spaventata, perché stava assistendo all'avanzata della malattia che consideravano limitata al mondo LGBT.

La parte della questione che è stata evidenziata sopra porta lo stigma della povertà e della fragilità, che accompagna i pazienti di fronte alla malattia. Questo è il lato evidenziato: malati e soggiogati, i pazienti sono in una brutta situazione, perché sono in istituti ospedalieri di scarsa qualità. La realtà dei malati, che affrontavano ostacoli che a volte sembravano insormontabili. Ma c'erano solo portatori di HIV tra i poveri? I ricchi non si sono ammalati? Occupando letti in ospedali privati e con più risorse, i pazienti ricchi avevano un altro scenario di fronte a loro? Poiché avevano dei beni, si trovavano di fronte a meno pregiudizi? Perché non dare voce agli oppressi?

Secondo SPINK (2001), il 30 ottobre 1985, il quotidiano francese Le Figaro ha pubblicato: "L'AIDS è la prima malattia dei media" frase che ha evidenziato uno degli aspetti più eclatanti dell'epidemia – la sua diffusione diffusa nel mondo da veicoli di comunicazione di massa – e la costruzione di un nuovo fenomeno sociale: AIDS-news. L'AIDS è diventato un fenomeno sociale segnato dalle moderne tecnologie nel campo della ricerca medica, dell'attivismo sociale e dell'impressionante dimensione mediatica che ha assunto. Dimensione espressa in numeri, come sostiene Spink: "Dal settembre 1987 al dicembre 1996, Folha de San Paolo ha pubblicato 7.074 articoli che, in qualche modo, si riferivano all'AIDS; vale a dire, in nove anni, una media di due soggetti al giorno è stato pubblicato. (2001, p. 852).

Sempre secondo Spink (2001), i media svolgono due funzioni: da un lato, la stampa ha annunciato la comparsa di un nuovo fenomeno nel campo della patologia; e, d'altra parte, ha definito i suoi contorni e ha permesso il passaggio di informazioni sulla malattia dal dominio medico-scientifico alla registrazione sociale.

CONSIDERAZIONI FINALI

I media influenzano i costumi, dettano le agende dei dialoghi tra i cittadini e sono presenti nella retorica degli attori sociali: in tempi contemporanei, i media hanno assunto un ruolo fondamentale nei processi di produzione del significato, introducendo significative trasformazioni nelle pratiche discorsive quotidiane.

I media sono una vetrina, che espone le informazioni, ma non in modo senza pretese e casuale. Influenzato da diverse ideologie e interessi, è un dispositivo potente che crea spazi di interazione. Tali spazi, senza confini spaziali e temporale, ci permettono di riflettere sulle dimensioni etiche dei processi di informazione e comunicazione.

Un veicolo di comunicazione può diffondere notizie sui temi più svariato, muovendosi attraverso la scienza, la salute, la diffusione (pre)concetti, idee, immagini e stimolando il dibattito. Ma chi è responsabile della selezione di ciò che dovrebbe o non dovrebbe essere pubblicato? Ci sono ricercatori che credono che quando si tratta di definire il concetto di notizie dall'interesse del lettore, i giornalisti si trovano persi.

Tutta la mobilitazione su cosa pubblicare, come dovrebbe essere pubblicata e come una notizia dovrebbe essere scritta genera dibattiti. La scelta del vocabolario dei soggetti affronta la lotta per la prevenzione e il trattamento delle persone con HIV e il pensiero della società o di parte di esso. Le parole hanno molti significati e possono rappresentare o simboleggiare molto. Ci sono chiari esempi di cambiamento nel linguaggio dei testi che si occupano di AIDS: prostitute – ora chiamate prostitute; paziente/vittima dell'AIDS al posto degli aiuti – oggi, persona con AIDS; tossicodipendenti o tossicodipendenti sostituiti da tossicodipendenti. Come risultato dei cambiamenti nel contesto storico, il carattere aggressivo e sensazionalista della stampa stava dando più spazio al pregiudizio politicamente corretto.

RIFERIMENTI

AIDS: entre estigma e pânico cresce a incidência. O Globo, Rio de Janeiro, 30 jun. 1985. Caderno Grande Rio, p. 20.
Disponível em: http://acervo.oglobo.globo.com/busca/?tipoConteudo=pagina&or- denacaoData=relevancia&allwords=aids+e+estigma&anyword=&noword=&exact- word=&decadaSelecionada=1980&anoSelecionado=1985. Acesso em: 05 maio 2018.

BRASIL. Ministério da Saúde. Dermatologia na Atenção Básica de Saúde. Série Cadernos de Atenção Básica. Brasília, 2002, 142 p. Disponível em:<http://bvsms.saude.gov.br/bvs/publicacoes/guiafinal9.pdf.> Acesso em: 17 abr. 2020.

BRASIL. Ministério da Saúde. Protocolo Clínico e Diretrizes para manejo da in- fecção pelo HIV. Brasília, 2013, 416 p. Disponível em: http://www.aids.gov.br/pt- br/pub/2013/protocolo-clinico-e-diretrizes-terapeuticas-para-manejo-da-infeccao-pelo-hiv- em-adultos. Acesso em: 16 abr. 2020.

BRASIL. Ministério da Saúde. Protocolo Clínico e Diretrizes para manejo da in- fecção pelo HIV. Brasília, 2018, 416 p. Disponível em: http://www.aids.gov.br/pt-br/tags/publicacoes/protocolo-clinico-e- diretrizes-terapeutica. Acesso em: 16 abr. 2020.

BERTOLA, Alexandra. Risco de Aids em transfusão apavora pacientes. O Globo, Rio de Janeiro, 15 fev. 1987. Caderno. Grande Rio, p. 21. Disponível em: 2http://acervo.oglobo.globo.com/busca/?tipoConteudo=pagina&or- denacaoData=relevancia&allwords=aids+e+transfusao&anyword=&noword=&exa- ctword=&decadaSelecionada=1980&anoSelecionado=1987&mesSelecionado=2. Acesso em: 06 maio 2018.

CARNEIRO, Maria Luiza Tucci. O discurso da intolerância: Fontes para o estudo do racismo. In: CONGRESSO BRASILEIRO DE ARQUIVOLOGIA, 10., 1994, São Paulo. Anais… São Paulo: Congresso Brasileiro de Arquivologia, 1994.

COHEN, Sandra. Aidéticos e a longa espera por um leito. O Globo, Rio de Janeiro, 09 abr. 1989. Caderno. Rio, p. 20.
Disponível em: C%A4http://acervo.oglobo.globo.com/busca/?tipoConteudo=pa- gina&ordenacaoData=relevancia&allwords=aid%C3%A9ticos+e+leito&any- word=&noword=&exactword=&decadaSelecionada=1980&anoSelecio- nado=1989&mesSelecionado=4. Acesso em: 06 maio 2018.

Costureiro Markito morre de ‘câncer-gay’ em Nova York. O Globo, Rio de Janeiro, 5 jun. 1983.

DARDE, V. W. S. As representações de cidadania de gays, lésbicas, bissexu- ais, travestis e transexuais no discurso jornalístico da Folha e do Estadão. 2012. 230 f. Tese (Doutorado em comunicação) – Faculdade de Biblioteconomia e Comunicação, Universidade Federal do Rio Grande do Sul, Porto Alegre, 2012. Disponível em: https://www.lume.ufrgs.br/bitstream/han- dle/10183/54524/000850909.pdf?sequence=1&isAllowed=y. Acesso em: 17 abr. 2020.

DIEHL, Leandro. et al. Prevalência da lipodistrofia associada ao HIV em pacientes ambulatoriais brasileiros: relação com síndrome metabólica e fatores de risco car- diovascular. Arquivo Brasileiro de Endocrinologia Metabólica, São Paulo, 52(, n. 4, p. 658-667, jun. 2008. Disponível em: http://saudepublica.bvs.br/pesquisa/re- source/pt/lil-485832. Acesso em: 15 abr. 2020.

GALLIAN, Dante Marcello Claramonte. A (re) humanização da medicina. [2001]. Centro de História e Filosofia das Ciências da Saúde da Unifesp-EPM. Disponível em:<http://www2.unifesp.br/dpsiq/polbr/ppm/especial02a.htm>. Acesso em: 20 mar. 2020.

GOMES, Antonio Marcos Tosoli; SILVA, Érika Machado Pinto; OLIVEIRA, Denize Cristina de. Representações sociais da AIDS para pessoas que vivem com HIV e suas interfaces cotidianas. Revista Latino-Americana de Enfermagem, Ribeirão Preto, v. 19, n. 3, p. 485-492, jun. 2011. Disponível em: <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0104- 11692011000300006&lng=en&nrm=iso>. Acesso em: 17 abr. 2020

GOFFMAN, Erving. Estigma: notas sobre a manipulação da identidade deterio- rada. 4. ed. Rio de Janeiro: Zahar, 1982. 158 p.

GIANOTTI, Rolland. Vítimas do vírus do preconceito. O Globo, Rio de Janeiro, 09 abr. 1997. Caderno Rio, p. 16. Disponível em: http://acervo.oglobo.globo.com/bu- sca/?tipoConteudo=pagina&ordenacaoData=relevancia&allwords=virus+do+pre- conceito&anyword=&noword=&exactword=&decadaSelecionada=1990&anoSele- cionado=1997. Acesso em: 05 maio 2018.

HEUSI não punirá legistas que se negam a necropsiar os aidéticos. O Globo, Rio de Janeiro, 24 jun. 1987. Caderno Grande Rio, p. 9. Disponível em:<http://acervo.oglobo.globo.com/busca/?tipoConteudo=pagina&ordenacao- Data=relevancia&allwords=heusi+e+legistas&anyword=&noword=&exact- word=&decadaSelecionada=1980>. Acesso em: 06 maio 2018.

JORGE, Thaís de mendonça. Valor-notícia provoca polêmica. In: ______. Manual do Foca: guia de sobrevivência para jornalistas. São Paulo: Contexto, 2015. p. 27- 38.

LOPES, Antônio Carlos. Relação médico – paciente: humanização é fundamental. Sociedade Brasileira Clínica Médica [Site]. Disponível em: http://www.sbcm.org.br/v2/index.php/artigo/2038-relacao-medico-paciente-hu-manizacao-e-fundamental. Acesso em: 15 abr. 2020.

LOBATO, Eliane. Nem tudo é drama. O Globo, Rio de Janeiro, 12 jun. 1987. Se- gundo Caderno, p. 5. Disponível em: C%A6http://acervo.oglobo.globo.com/bu- sca/?tipoConteudo=pagina&ordenacaoData=relevan- cia&allwords=nem+tudo+%C3%A9+drama&anyword=&noword=&exactword=&de- cadaSelecionada=1980&anoSelecionado=1987&mesSelecionado=6&diaSelecio- nado=12. Acesso em: 05 maio 2018.

LUCAS, Vera. Conscientização e respeito. O Globo, Rio de Janeiro, 28 out. 1990. Cad. Segundo Caderno, p. 7. Disponível em: http://acervo.oglobo.globo.com/bu- sca/?tipoConteudo=pagina&ordenacaoData=relevancia&allwords=lu- cinha+araujo&anyword=&noword=&exactword=&decadaSelecionada=1990&ano- Selecionado=1990&mesSelecionado=10. Acesso em: 06 maio 2018.

MARQUES, Maria Cristina da Costa. Saúde e poder: a emergência política da Aids/HIV no Brasil. História, Ciências, Saúde, Rio de Janeiro, v. 9, p. 42-65, 2002. Suplemento. Disponível em:<http://www.scielo.br/pdf/hcsm/v9s0/02.pdf.>. Acesso em: 21 set. 2017.

SEIDL, Eliane Maria Fleury; machado, Ana Cláudia Almeida. Bem-estar psicológico, enfrentamento e lipodistrofia em pessoas vivendo com HIV/AIDS. Psicologia em Estudo, Maringá, v. 13, n. 2, p. 239-247, abr./jun.2008. Disponível em:<http://www.scielo.br/pdf/pe/v13n2/a06v13n2>. Acesso em: 21 set. 2017.

SPINK, Mary Jane. et al. A construção da AIDS-notícia. Cad. Saúde Pública, Rio de Janeiro, v. 17, n, 4, p. 851-862, jul./-ago. 2001. Disponível em: https://www.re- searchgate.net/profile/Mary_Spink/publication/26359601_A_construcao_da_AIDS- noticia/links/540f63d90cf2f2b29a3ddd9e.pdf. Acesso em: 16 abr. 2020.

ZYGLAND, Fanny. Famílias rejeitam doentes com Aids. O Globo, Rio de Janeiro, 29 maio 1988. Caderno O País, p. 10. Disponível em: http://acervo.oglobo.globo.com/busca/?busca=fanny+zygland. Acesso em: 06 maio 2018.

APPENDIX – RIFERIMENTI FOOTNOTE

4. Qui viene visualizzata l'etichetta. È con questo peso che viene attribuita la positività di un test HIV. Maggiore peso può cadere sull'individuo che riceve la diagnosi. Lo stigma e la discriminazione possono accompagnare questa situazione, portando all'elaborazione una frase: portare una malattia cronica, circondata dalla paura e ancora senza cura.

5. L'istituzione della terapia antiretrovirale (ART) mira a ridurre la morbilità e la mortalità delle persone che convivono con l'HIV/AIDS (PLWHA), migliorando la qualità e l'aspettativa di vita.

[1] Dottorando del Graduate Program in Scienze Umane e Sociali dell'Università Federale di ABC; Laurea magistrale in Scienze Umane presso l'Università Santo Amaro.

[2] Advisor. Dottorato in Sociologia e Scienze Sociali. Laurea magistrale in Sociologia e Scienze Umane. Laurea in Scienze Sociali.

[3] Co-consigliere. Dottorato in Storia. Laurea in Storia.

Inviato: Aprile, 2020.

Approvato: agosto 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here