Risposta del paziente con lupus eritematoso al trattamento con Yamamoto New Scalp Agopuncture (YNSA)

0
105
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO DI REVISIONE

FONSECA, Karine Lucas Tavares da [1], SOBRINHO, Raul Breves [2]

FONSECA, Karine Lucas Tavares da. SOBRINHO, Raul Breves. Risposta del paziente con lupus eritematoso al trattamento con Yamamoto New Scalp Agopuncture (YNSA). Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 04, Vol. 09, pp. 142-182. aprile 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/con-lupus-eritematoso

Contents

Si stima che 5 milioni di persone nel mondo abbiano una sorta di Lupus. È una malattia autoimmune, idiopatica e finora incurabile che colpisce, specialmente le donne nel periodo riproduttivo. In Occidente, il suo trattamento è educativo, essenzialmente correlato ai farmaci, con la somministrazione di farmaci antinfiammatori, antimalarici e immunosoppressori. Per la medicina tradizionale cinese (MTC), il Lupus è prima di tutto uno squilibrio sindromico, che varia a seconda della sua manifestazione. L’insieme di questi disturbi è classificato come deterioramento della Milza (Pi) e del Cuore (Xin), indebolimento del Fuoco e della Porta della Vita. Il trattamento da parte del TCM avviene con la somministrazione di farmaci a base di erbe, dietoterapie, agopuntura, massaggio, mitra, Qi Gong, magnetoterapia, terapia ventosa, floreale e altri. La YNSA (Yamamoto Neue Schädelakupunktur) è una bisturi somatotopica che, tra gli altri vantaggi, ha punti di accesso ai 12 meridiani principali a livello bilaterale. Di solito usato in caso di dolore, disturbi neurologici e condizioni chirurgiche, ha i suoi metodi diagnostici che servono anche a monitorare il trattamento. Ryodoraku è lo strumento diagnostico di corrente più sensibile e riproducibile per identificare l’energia media circolante nei meridiani. Questa ricerca mirava a identificare l’utilità della YNSA nel trattamento dei pazienti con lupus. In questo processo, l’evoluzione energetica di un paziente lupus considerato grave è stata monitorata su 23 applicazioni di YNSA. È stato confrontato con i risultati dell’agopuntura con i risultati dell’allopatia. Con YNSA, oltre al rilassamento e al controllo del dolore, c’era una maggiore adeguatezza energetica. I guadagni rilevanti rispetto alle 23 applicazioni di YNSA, raggiungendo il tripie per lo standard energetico iniziale, sono quasi completamente scesi al trattamento esclusivo dell’allopatia. In effetti, il difosfato di clorochina ha causato molte più perdite che guadagni.

Parole chiave: YNSA, lupus, clorochina difosfato.

1. INTRODUZIONE

Il Lupus Eritetoso è una malattia autoimmune che colpisce principalmente le donne tra i 20 e i 30 anni. Discoide o sistemico, se non trattato, può portare alla morte. Nella letteratura affidabile, non c’è caso di cura o segnale che porti a questo percorso. La sua eziologia va dalla genetica alla psicologia, passando per la complessità della ginecologia, endocrinologia, psiconeuroimmunologia e farmacologia. Agli occhi della medicina cinese, è un disturbo della sindrome e può designare diverse sindromi in base alla compromissione.

La YNSA (Yamamoto New Scalp Acupuncture o Yamamoto Neue Schädelakupunktur) è una terapia giapponese del cuoio capelluto, utilizzata principalmente nei casi di dolore e sequele neurologiche. È anche indicato per il trattamento degli organi interni e differisce dalla craniopunctura cinese (sviluppata un decennio prima), specialmente dall’approccio somatotopico e non corticale (YAMAMOTO, 2007; BOUCINHAS, 2007) o riflessologico (KWANG, s.d.).

Secondo Dethelefsen e Dahlke (1983, p. 16, 17) la malattia è uno stato dell’essere umano che indica che nella loro coscienza c’è disarmonia. La padronanza delle attività fisiche e psichiche, così come delle strutture organiche, è promossa e comandata dai cinque organi essenziali, rappresentanti dei Cinque Movimenti (YAMAMURA, 2004).

Convergente MTC ai concetti occidentali e YNSA a SLE, questa monografia è soggetta agli standard dell’ABNT (Associazione brasiliana delle norme tecniche), giustificando:

  • Socialmente, per lanciare un nuovo sguardo alla terapia in relazione al lupus;
  • Istituzionalmente, favorisce la ricerca e la divulgazione;
  • Scientificamente, offre una novità tematica supportata dalla diagnosi di ryodoraku e istiga discussioni sulla YNSA in altre malattie autoimmuni.

In questo lavoro sorge la domanda: YNSA può essere utile nel controllo del lupus? Il lupus è una malattia complessa e multifattoriale, che può essere trattata in diversi modi, a seconda della manifestazione dei sintomi. La YNSA stimola immediatamente ed estensivamente il cervello, suggerendo un ampio rilascio di neurotrasmettitori (colline, ammine biogeniche, amminoacidi e neuropeptidi), che sono ormonosensibili (così come il lupus) e immunosensibili …

Obiettivi specifici:

  • Dimostrare l’evoluzione dei 24 meridiani tramite Ryodoraku durante il trattamento del paziente lupus con YNSA
  • Confrontare l’amperaggio dei 24 meridiani del paziente lupus durante: 1) trattamento esclusivo con YNSA; 2) la combinazione di YNSA con allopatia; 3) l’intervento esclusivo sulla droga;
  • Valutare le condizioni energetiche del rapporto 5 Elementi e Yin/Yang
  • Correlare le prospettive diagnostiche e terapeutiche orientali e occidentali;
  • Registrare le impressioni e le reazioni del paziente riguardo al trattamento YNSA.

2. REVISIONE

2.1 ERITESO LUPUS ETYMO

“Lupus”, dal latino lupus, sinonimo “lupo” (HOUAISS et al, 2009), significa lupo. Questo è un termine usato per designare lesioni cutanee erosive, sotto forma di morso di lupo (ANTAS, 1980; STEDMAN, 1990; COSTEIRA, 2001).

Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES o SLE – Systemic Lupus Erythematosus) è caratterizzato da un’infiammazione cronica della pelle, con ulcerazioni o macchie, a seconda del tipo specifico (HOUAISS et al, 2009). Amadio (2002) la definisce come la tubercolosi della pelle e Oliveira (2004) dice che fa parte di un gruppo di cutaneopatie in cui le lesioni subiscono l’erosione.

2.2 EZIOLOGIA E FISIOPATOLOGIA DELLA LES

Il Lupus eriteso sistemico (LES) è il prototipo classico della malattia multisistemica di origine autoimmune, caratterizzata da una vasta gamma di autoanticorpi, in particolare antinucleari (ANA) (COTRAN et al, 2000). Il suo carattere autoimmune è caratterizzato dalla produzione di anticorpi contro i componenti del nucleo cellulare, in associazione con una variegata serie di manifestazioni cliniche (MAGALHÃES et al, 2003).

La sua eziologia è sconosciuta e probabilmente multifattoriale (CECATTO et al, 2004), in modo che gli elementi genetici, ormonali e ambientali partecipino al suo sviluppo (COMISSÃO DE LÚPUS DA SOCIEDADE BRASILEIRA DE REUMATOLOGIA, 2011). Gli studi suggeriscono una relazione tra LES e il cromosoma X e non con gli ormoni sessuali di genere o sessuali (SCOFIELD et al, 2014).

Secondo Cotran et al (2000), il numero apparentemente illimitato di anticorpi nei pazienti con lupus contro gli autocostituenti è indicativo che il loro difetto fondamentale è un fallimento dei meccanismi normativi che mantengono l’auto-tolleranza. Utiyama et al (2004), conferma. Per lui, è l’attivazione del complemento, da complessi immunitari che si depositano in più organi collegati alla fisiopatologia. Il complemento è un componente termico labile del siero in grado di levigare il batterio che contribuisce alla difesa dell’ospite anche fissando opsonine o frammenti di complemento sulla superficie batterica, facilitando la fagocitosi (MAYER, 2009; ABBAS et al, 2008).

L’attivazione del complemento, che comprende più di 20 proteine siere (C1qrs, C2, C3, C4, ecc.), può reclutare e attivare diverse cellule, tra cui cellule polimorfonucleari e macrofagi. Inoltre, può partecipare alla regolazione delle risposte anticorpali, nonché assistere nell’eliminazione di complessi immunologici e cellule apoptotiche, o addirittura contribuire all’infiammazione e al danno epatico, generando anafilassi (MAYER, 2009).

Carenza omozigota ereditaria di suscettibilità C1q, C1r, C1s, C4 e C2 alle LES. La compromissione nell’attivazione della via classica dovuta a questa carenza si riflette nella solubilizzazione e rimozione dei complessi. La carenza di CR1 compromette anche la rimozione dei complessi, favorendone la deposizione in diversi tessuti e, di conseguenza, l’infiammazione (UTIYAMA et al, 2004).

Un altro aspetto coinvolto nell’innesco di questa malattia infiammatoria (SOCIEDADE BRASILEIRA DE REUMATOLOGIA apud REIS et al, 2014), è nella carenza di vitamina D (ARNSON et al, 2007), i cui livelli sono inversamente correlati all’attività della malattia (TEIXEIRA e COSTA, 2012).

La vitamina D agisce sulla regolazione e differenziazione di cellule come linfociti, macrofagi e cellule natural killer (NK); interferisce con la produzione di citochine in vivo e in vitro; riduce la produzione di interleuchina-2 (IL-2), interferone-gamma (INFγ) e fattore di necrosi tumorale (TNF); inibisce l’espressione il-6 e la secrezione e la produzione di autoanticorpi da parte dei linfociti B (MARQUES et al, 2010).

Lo stress non causa lupus (SBR apud REIS et al, 2014), ma la dimensione psicosomatica considera lo stress e la sofferenza psicosociale per innescare, evoluzione, peggioramento e possibile controllo (MOREIRA e MELLO FILHO, 1992).

Il rischio di sviluppare il cancro da questa malattia infiammatoria è di circa l’1,15% superiore rispetto alla popolazione generale (SBR apud REIS et al, 2014) e del 2,5% in più per le malattie ematologiche maligne, come linfoma e leucemia (MEDEIROS, 2010).

Ipertensione, ipercolesterolemia e insufficienza renale, tutte condizioni più frequenti nel lupus, contribuiscono alle malattie cardiache (SBR apud REIS et al, 2014), in particolare, pancardite (GROSS, 1932-1940 apud FALCÃO et al, 2000):

Secondo Auteroche e Navailh (1992, p. 37, 66, 76, 84, 128-129), Eiras (2006) e Wang (2001, p. 638), dal punto di vista della medicina tradizionale cinese (MTC) nel lupus si verifica:

  1. Alterazione della Shen (attività mentale);
  2. Disarmonia in Gan (Responsabile di garantire il progresso e la facilità senza intoppi nei movimenti e nella trasformazione del Qi, con regolazione delle funzioni organiche e viscerali);
  3. Mucosità nel corpo (Prodotto di parziale interruzione del metabolismo dei liquidi organici, causando una condensa degli stati d’animo);
  4. Povera fin che non riesce a regolare la circolazione del Qi difensivo sulla pelle;
  5. Carenza di Shen Yin o Yang;
  6. Sindrome bi migratrice (sindrome che si diffonde in tutto il corpo, inizia e finisce improvvisamente; una parte può influenzare l’altra; il suo dolore brucia e può improvvisamente scomparire);
  7. Fuori controllo di Wei Qi (energia difensiva).

2.3 LES STATISTICHE

Il LES ha una predilezione per le femmine in età riproduttiva, con insorgenza di sintomi nel 2 ° e 3 ° decennio di vita e un rapporto tra nove e dieci donne a un uomo (AYACHE e COSTA, 2005; TISKIEVICZ, 2008; SATO et al, 2006).

Si concentra su tutte le etnie e le regioni geografiche, in particolare gli individui di origine africana, asiatica e ispanica. L’etnia nera è 4 volte più colpita del bianco, colpendo 1 bianco su 1.000 e 1 nero su 250 (LUPUS FOUNDATION OF AMERICA, 2005; BONFÁ e NETO, 2000, p. 25-33 apud AYACHE e COSTA, 2005, p. 313).

Colpisce 1 donna su 700 in età fertile (DUTRAL e OLIVEIRA, 2009) e 1 donna brasiliana su 1.700 (COMISSÃO DE LÚPUS DA SBR, 2011), con un’influenza genetica dal 10% al 20% (AYACHE e COSTA, 2005, p. 313).

Secondo la Lupus Foundation of America (2005), sulla base dei dati epidemiologici disponibili sull’argomento, i ricercatori ritengono che almeno 5 milioni di persone in tutto il mondo abbiano lupus (0,08%) e più di 100.000 nuovi casi ogni anno si sviluppino (0,002%); stime probabilmente basse.

Beltrão (2010) afferma che non ci sono studi epidemiologici in Brasile che mostrano l’incidenza del LES nella popolazione. D’altra parte, Villar e Sato (2001), nove anni prima, facevano notare che l’unico studio sull’incidenza di LES effettuato in Brasile, è avvenuto a Natal (RN), indicando una stima di 8,7 nuovi casi ogni 100.000 abitanti all’anno (0, 01%).

Per Villar e Sato (2001), l’incidenza “elevata” sarebbe attribuita a fattori genetici e ambientali, come la presenza permanente di luce solare con alti tassi di raggi ultravioletti. È importante sottolineare che i dati della SBR, con indagine statistica su tutto il territorio nazionale, sono 6 volte superiori alle rilevazioni di Villar e Sato (2001).

Sebbene la Commissione Lupus SBR (2011) riconosca di non avere numeri esatti in Brasile, si stima attualmente che ci siano circa 65.000 persone con lupus; circa 4.000 a Rio de Janeiro e 6.000 a São Paulo.

Nel territorio nordamericano c’è circa 1 caso di LES nel 194, o 0,51% o 1,4 milioni di persone (WD, 2011). Altri studi indicano una prevalenza che va da 14 a 50/100.000 abitanti e da 1/2000 a 1/10.000 abitanti (SATO et al, 2006; SANTO ANTONIO et al. Dutral e Oliveira (2009) affermano che la prevalenza del LES può raggiungere fino a 1 ogni 2.500 abitanti in alcune popolazioni.

Studi condotti nel Regno Unito e negli Stati Uniti indicano un’incidenza di LES rispettivamente da 3,7 a 5,5/100.000 abitanti all’anno (MEINÃO e SATO, 2008). Due anni prima, Santantonio et al (2006) aveva riportato un’incidenza approssimativa di 5,7-7,6 casi all’anno ogni 100.000 abitanti negli Stati Uniti.

La Lupus Foundation of America (2005) stima che 1,5 milioni di americani abbiano una forma di lupus. Scheinberg (2013) indica circa 5 milioni. Solo negli ultimi quattro decenni, l’incidenza del lupus è quasi triplicata. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno pubblicato un rapporto che suggerisce che i decessi per lupus sono aumentati di quasi il 60% in 20 anni.

Per quanto riguarda la morbilità, uno studio condotto a Rio Grande do Sul con 72 pazienti con lupus (93% donne) e 2.384 individui della comunità (55% donne con un’età media di 42 anni) ha identificato alterazioni psichiatriche nell’89% dei pazienti con LES e nel 13% negli individui della comunità. Il livello di morbilità era correlato al basso livello scolastico, ma non al reddito familiare (BELTRÃO, 2010).

2.4 DIAGNOSI DI LUPUS

2.4.1 DIAGNOSI OCCIDENTALE DELLE LES

L’accuratezza diagnostica del Lupus dipende dalla valutazione delle reazioni cliniche, istopatologiche, IFD e sierologiche (BERBERT e MANTESE, 2005):

  • Clinica: Secondo i criteri stabiliti dall’American College of Rheumatology;
  • Istopatologica: Iperquesatosi, ispessimento della membrana basale con tamponamento follicolare, assottigliamento e appiattimento dello strato malpighiano (BERBERT e MANTESE, 2005, p. 1, 4);
  • IFD: Di tutti i test sierologici disponibili, il valore più alto nello screening per il LES è l’immunofluorescenza diretta;
  • Reazioni Sierologiche: Rilevazione di ANA, maculato, periferico, omogeneo o nucleolare (JÚNIOR, 2007; BELTRÃO, 2010).

I criteri per la classificazione diagnostica del LES da parte dell’American College of Rheumatology sono stati definiti nel 1982, indicando la presenza di almeno 4 degli 11 criteri nell’intervallo di osservazione (BORBA et al, 2008, p. 196-197; JÚNIOR, 2007; BELTRÃO, 2010). Sono: Eritema malar; lesioni da discoide; fotosensibilità; ulcere orali/del naso; artrite; sierosito; compromissione renale; alterazioni neurologiche; cambiamenti ematologici; cambiamenti immunologici; anticorpi antinucleari.

2.4.2 DIAGNOSI ORIENTALE DELLE SLES

Per MTC, la salute corrisponde a uno stato di equilibrio tra i 5 elementi e tra i 2 aspetti opposti, che si traduce nell’equilibrio tra corpo, mente e spirito. Le malattie sono viste come una rottura di questa armonia (NASCIMENTO, 2006).

Pelle, carnagione, ossa, meridiani, odori, suoni, stato mentale, preferenze, emozioni, lingua, polso, abitudini e fluidi corporei riflettono lo stato dei sistemi interni e possono essere utilizzati nella diagnosi cinese, che, a sua volta, si basa sul principio fondamentale che segni e sintomi riflettono la condizione dei sistemi interni (MACIOCIA, 1996; YAMAMURA, 1996).

I modelli indicano una disarmonia che guida tutte le manifestazioni cliniche; che è l’essenza della patologia cinese e della diagnosi medica, che viene data dall’osservazione; udito e olfatto; anamnesi e palpazione (MACIOCIA, 1996). Per Mann (1996), non esiste una norma assoluta, e qualcosa che può essere normale per un individuo, per un altro può essere patologico. Un esempio di questo è la relazione tra variazioni di temperamento e qualità dell’arteria radiale.

2.4.3 DIAGNOSI DI LES DA RYODORAKU

Yoshio Nakatani sviluppò il medicinale Ryodoraku nel 1950 all’Università di Kyoto (GOTO, s.d.), da un dispositivo (Neuro Meter / Energy Meter), contenente 12 volt di corrente diretta, caricato con una corrente di 200 microampere (AMORIM, s.d.). Con questo, ha dimostrato che era possibile diagnosticare e agire negli organi interni attraverso le “vie permeabili” di Ryodoraku relative al sistema nervoso autonomo (SOBRINHO, 2007).

Ryodoraku è una terapia di stimolo che si riferisce alla diagnosi e alla terapia basata sulla propria teoria, che riconosce l’elettropermeabilità in punti con variazione elettrica (Punti di Ryodo o Punti Ryodo reattivi), nominando le linee che collegano questi punti di Ryodoraku (GOTO, s.d.).

Il lavoro di Nakatani iniziò ad essere usato come parametro diagnostico nell’agopuntura tradizionale. Questa diagnosi media l’elettroconduttività dei diversi punti rappresentativi, 12 sul lato destro e dodici sul lato sinistro, di cui 6 nelle mani (rappresentate dalla lettera H) e 6 sono nei piedi (rappresentati dalla lettera F) (AMORIM, s.d.).

2.4.4 DIAGNOSI DI YNSA

I punti di agopuntura, situati in canali energetici e proiettati sulla pelle, rappresentano il più esterno del rapporto interno-esterno di organi e visceri (YAMAMURA, 1995, p. 39).

In YNSA, sia la diagnosi addominale che cervicale sono essenziali per determinare quali punti devono essere trattati. Yamamoto divide la testa secondo una linea verticale che passa attraverso l’apice dell’orecchio. Di solito, per i problemi di Yang (dolore), si cerca punti della regione di Yin; e per i problemi di Yin (paralisi), si cercano punti della regione di Yang (YAMAMOTO, 2007; KWANG, s.d.).

2.5 APPROCCIO TERAPEUTICO CONVENZIONALE

Nessuna medicina funziona per il lupus allo stesso modo (WALLACE, s.d.). Il trattamento include una serie di misure, che includono farmaci come cortisone e / o talidomide, farmaci antinfiammatori, antimalarici e immunosoppressori, nonché standard per vivere bene (WALLACE, s.d.; MAGALHÃES et al, 2003). È un trattamento individualizzato, che dipende dagli organi o dai sistemi colpiti e dalla gravità delle lesioni (JÚNIOR, 2007).

Il professionista dovrebbe guidare le persone con LES a conoscere la malattia; evitare il sole e le lampade in funzione delle radiazioni ultraviolette; psicoterapia e attività fisica; adottare una dieta equilibrata, riducendo sale, carboidrati e lipidi; evitare di fumare; se le donne, sospendere i contraccettivi; evitare infezioni; e imparare a differenziare i sintomi che possono essere causati da altre malattie (KRAUTHAMER et al, 1999; SATO et al, 2002).

Per Greco et al (2013), integratori come vitamina D, acidi grassi omega 3, N-acetilcisteina e curcuma hanno dimostrato di essere utili per controllare la malattia. I metodi mente-corpo come la terapia cognitivo comportamentale e altri interventi di consulenza possono migliorare l’umore e la qualità della vita nel LES.

2.6 LES SECONDO MTC

In MTC, tutte le malattie vengono analizzate attraverso disturbi energetici. A seconda della fase e degli organi colpiti, il lupus può essere Liver Fire; Carenza di Yin renale; disarmonia tra acqua e fuoco; deterioramento della Milza e del Cuore; accumulo di calore nel cuore e nella milza, con insufficienza dello Yin del rene che causa l’iperattività del fuoco; indebolimento del Fuoco e della porta della vita; calore-umidità nelle articolazioni; ecc. (KWANG, 2009; MEDEIROS, 2009). Altri termini sono “Mai Xing Pan Zhuang Hong Ban Xing Lang Chuang” e “Xi Tong Hong Xing Ban Lang Chuang” (JIAN-HUI, s.d.).

Per MTC, il lupus è una sindrome bi-migratrice, con disturbo di Shen, Hun, Po, Yi e Zhi (EIRAS, 2006; SOUSA e VASONCELOS, s.d.). In questa polisidromo (WANG, 2001, p; 638; KWANG, 2009), c’è dolore bruciante; generalizzato in base alla circolazione sanguigna; improvvisa onand end e da un lato può influenzare l’altro. Dovrebbe essere perforato ripetutamente, anche se il dolore si ferma, per evitare la remissione (WANG, 2001, p. 638).

2.7 SINDROMI ENERGETICHE

Le sindromi possono essere esterne o vere: da Vento (Feng), Calore (Re) e Fuoco (Huo), Canicula (Huo) o Calore estivo (Syu), Umidità (Shi), Secchezza (Zao) o Freddo (Han). Possono anche essere interni o falsi: da Vento Interno, Calore Interno, Umidità Interna, Secchezza Interna o Freddo Interno (KWANG, s.d.).

2.8 METODI COMPLEMENTARI E ALTERNATIVI PER LE LES

A M.T.C., il trattamento dei disturbi energetici mira a ripristinare l’equilibrio dei 5 Elementi e consiste nella somministrazione di farmaci a base di erbe come Radix Glycyrrhizae (Gan Cao), Dai Qing Gao e /o Liu Wei Di Huang Wan. Anche dietoterapie, pratica Qi Gong, agopuntura, massaggio, mhoxhum, magnetoterapia, terapia a ventosa, fiori e altri. Tali misure sono anche utilizzate come profilassi. Con questo, si stima che oltre il 50% dei pazienti con LES utilizzi medicine complementari e alternative (KWANG, 2008; JIAN-HUI, s.d.; GRECO et al, 2013).

2.8.1 AGOPUNTURA

Dal latino acum (ago) punctum (puntura), agopuntura significa puntura d’ago. In giapponese (Shin-Kyu) e cinese (Zhen-Jiu), significa ago e moxa (HUSZ, 2007).

L’agopuntura è l’insieme delle conoscenze teorico-empiriche della medicina tradizionale cinese che mira alla terapia e alla cura delle malattie attraverso l’applicazione di aghi e moxas, oltre ad altre tecniche (WEN, 2006). Altera la circolazione sanguigna; promuove il rilascio di ormoni come le endorfine; aumenta la resistenza dell’ospite; regola le funzioni organiche e stimola il metabolismo (WEN, 2006).

Ha un effetto sedativo; antiemetico; miorelaxant; antacid; immunizzatore; guarigione; estetica; neuroriabilitazione; ansiolitico, antidepressivo, ipnotico; antispasmodico; disintossicante; analgesico; broncodilatatore (HUSZ, 2007).

In agopuntura viene rilasciato 5-idrossi-triptofano (SCOTTO, 2006; MARTINS et al, 2010), aumenta i livelli di acetilcolina nel talamo, limitando l’attività della colinesterasi, che riduce i livelli di 17-idrossicorticosterone, e aumentando la sensazione di analgesia. Attraverso stimoli periferici, l’agopuntura accede al SNC e all’SNA, modulando e aumentando la risposta immunitaria (SCOTTO, 2006).

Per quanto riguarda la fisiologia dell’agopuntura, ci sono quattro teorie accettate: 1. Trasmissione di correnti bioelettriche, con cambiamento nel potenziale della membrana neuronale; 2. Repressione biologica, con repressione di un segnale nervoso o elevazione della soglia del dolore; 3. Comportas Theory, con apertura e chiusura di porte che permettono al segnale doloroso di passare attraverso fibre aferenti; 4. Teoria immunologica, con aumento dell’immunità cellulare (linfociti T) e dell’immunità plasmatica (linfociti B) (SCOTTO, 2006).

2.8.2 ELETTROSTIMOLAZIONE ED ELETTROAGOPUNTURA:

Si stima che l’elettricità nei trattamenti di agopuntura sia stata utilizzata dalla prima metà del XIX secolo. Nonostante ciò, l’elettroagopuntura iniziò ad essere utilizzata più frequentemente dagli anni ’30 agli anni ’30 e divenne più diffusa dagli anni ’60 (AMESTOY, 2005).

In YNSA, la regolazione raccomandata della stimolazione elettrica dovrebbe essere di circa 5-15 Hz, da 1.000 a 15.000 μA o essere regolata in base alla tolleranza del paziente (YAMAMOTO et al, 2007).

2.9 SOMATOTOPIA CRANICA GIAPPONESE – YNSA

YNSA è stato sviluppato nel 1970 e pubblicato nel 1973 in occasione del 25 ° incontro della Società giapponese Ryodoraku (Japischen Ryodoraku Gesellschaft); con descrizione dei punti A, B, C, D ed E. Per sottolineare il fatto che la craniopuntura di Yamamoto è diversa dalla craniopuntura cinese fino ad allora conosciuta, è stato appositamente aggiunto il termine “nuovo” (YAMAMOTO et al, 2007, p. 3 ; BOUCINHAS, 2007, p. 47).

YNSA è un’agopuntura somatotopica (Figure 1, 2 e 3), quindi tutto il corpo si specchia su una piccola area. Dal punto di vista di Yamamoto, la testa si divide in base a una linea verticale che passa attraverso l’apice dell’orecchio. La parte anteriore è Yin e la parte posteriore è Yang. La parte Yang tratta i disturbi di Yin e la parte Yin tratta i disturbi di Yang (YAMAMOTO et al, 2007, p. 3; KWANG, s.d.).

Figura 1: Parte Yin e Parte Yang, secondo la somatotopia di Yamamoto.

Fonte: Yamamoto et al (2007:6).

figura. 2. Punti base YNSA.

Fonte: Yamamoto et al, 2007.

Figura 3. Punti base YNSA, parte Yin e Parte Yang, rispettivamente.

Fonte: Yamamoto et al, 2007.

Sono due emi-somatotopia, una Yin nella parte strutturale-anatomica e un’altra Yang, corrispondenti, quasi vere, immagini speculari giustapposti, peer-to-peer, allo Yin (BOUCINHAS, 2007).

L’emisomatotopia Yin Energetica o Funzionale differisce fondamentalmente dall’emis-somatotopia strutturale o di base, in quanto comprende i punti Y (punti Yamamoto), che corrispondono al MTC Zang-Fu (Figura 4). Servono per i disturbi energetici dei Meridiani, legati a disturbi degli organi interni degli organi ed è anche campo di indicazioni psicosomatiche, vegetative e meridiane (BOUCINHAS, 2007).

Figura 4: Punti Yamamoto Y.

Fonte: Yamamoto et al (2007, p.61).

L’YNSA è diviso in quattro gruppi di punti (figura 5): 1. Punti di base: apparato locomotore; 2. Punti cerebrali: cervello, cervelletto e gangli basali; 3. Punti sensoriali: organi di senso; 4. Punti Y: Organi interni (YAMAMOTO et al, 2007).

Figura 5: Punti YNSA: Cerebrale a sinistra e Sensoriale a destra.

Fonte: Yamamoto et al (2007:51;37).

2.9.1 PROCEDURE YNSA

Dopo l’anamnesi, con il riconoscimento del problema di base del paziente, l’area corrispondente è palpa nella Somatotopia Yin strutturale (Punti base), per verificare se è dolorosa o “alta e indurita”. Si ripete. (BOUCINHAS, 2007). In generale, viene scelto il lato omolaterale dei reclami. Per sequele come il tratto, viene utilizzato il lato contralto (KWANG, s.d.).

Se il reclamo del paziente è al di sopra del diaframma, si consiglia di palpare, prima di tutto, il punto IG4 (Hegu), al fine di determinare il lato più sensibile, che sarà il primo ad essere trattato. Nei problemi nella parte inferiore del corpo, si dovrebbe stringere il punto D simmetricamente e usare anche il lato più sensibile (YAMAMOTO et al, 2007, p. 71; KWANG, s.d.) (Figura 6).

In caso di alterazioni degli organi o dei meridiani, è importante diagnosticare i punti dolenti cervicali o addominali (KWANG, s.d) (Figura 7). L’intera lunghezza di un meridiano è contenuta all’interno di un rispettivo punto Y e qualsiasi punto dell’agopuntura classica appartenente a un meridiano può essere trattato dal punto Y (YAMAMOTO et al., 2017).

Figura 6: Punti IG4 e D, rispettivamente, utilizzati per definire il lato da trattare.

Fonte: Kono (2011); Yamamoto et al (2007).

Figura 7: Punti utilizzati nella diagnosi addominale e cervicale nella YNSA.

Fonte: Yamamoto et al (2007:81;104).

2.10.2 INDICAZIONI PER YNSA

Gli 11 punti di base della YNSA sono utilizzati per disfunzioni motorie nervose, dolore e altre disfunzioni del sistema locomotore causate da lesioni, procedure chirurgiche o alterazioni del tipo tumori o ernie del disco. Il trattamento degli organi interni da parte dei punti di base è raro. I 4 punti sensoriali sono utilizzati per disfunzioni, insidie del dolore e processi allergici legati agli organi dei sensi (YAMAMOTO et al, 2007).

2.10.3 CONTROINDICAZIONI A YNSA

Senza controindicazioni a qualsiasi trattamento con YNSA, si raccomanda di prestare attenzione ai pazienti febbrili o dall’aspetto troppo indebolito (YAMAMOTO et al, 2007).

2.10.4 RAPPORTO LUPUS-YNSA

Nonostante l’indicazione per il trattamento del lupus con YNSA (YAMAMOTO et al, 2007), in 7 lingue (inglese, portoghese, spagnolo, italiano, francese, tedesco e cinese), nessuna ricerca è stata trovata in questa linea.

3. MATERIALI E METODI

3.1 SITO DI CHIAMATA

L’ufficio Agopuntura & Terapie Complementari situato a Corphus Academia, nella città di Mogi das Cruzes, SP, è stato il luogo scelto per la pratica di questa ricerca, nel 2009. Motivo: Infrastruttura.

3.2 OGGETTO

Poiché si tratta di un caso di studio e richiede più rigore, la selezione del paziente per questa ricerca è stata secondo i seguenti criteri:

  • Essere portatore del Lupus Eriteamsum sistemico;
  • Essere femmina (genere predominante);
  • Gravità da moderata a alta (recente ricovero ospedaliero, amputazione degli arti inferiori e anemia persistente);
  • Segni e sintomi ricorrenti.

3.3 MATERIALI E PROCEDURE

Per la preparazione dei moduli e del questionario sono stati utilizzati fogli in solfito A4, carattere Times New Roman, dimensione dei caratteri 12 e 9. Il dispositivo ryodoraku AccusPoint è stato utilizzato nelle 24 sessioni, così come il cotone idrofilo del marchio Apolo e l’acqua potabile per gli esami.

Nel trattamento sono stati utilizzati aghi del marchio Dong Bang, 25x40mm (sterilizzati e riutilizzati[3]) ed Elettrostimolatore del marchio Lautz, con 6 cavi, in modalità continua[4].

Al volontario è stato spiegato il trattamento da effettuare; precedente balneazione con sola acqua in tutte le sedute; è stato applicato il “Modulo di consenso informato”; il “Modulo di valutazione iniziale”; nella ventitreesima e ultima domanda di YNSA, il “Modulo di valutazione finale”; e dopo 30 giorni (11/8/9) è stata effettuata una nuova analisi ed è stato applicato il Questionario. La 24a sessione della ricerca non ha avuto la terapia dello scalpo e si è conclusa con le risposte al pugno del paziente nel Questionario.

3.4 ANALISI DEI DATI

L’analisi dei dati è stata effettuata con metodo interpretativo e strutturale. interpretativo, valutando i dettagli dei dati raccolti; organizzazione e classificazione per categorie. strutturale, mediante l’analisi dei dati e sforzi concentrati per trovare modelli nella situazione in esame.

4. RISULTATI E DISCUSSIONI

I valori vengono registrati nel foglio di lavoro di Excel per la formazione del grafico ryodoraku e automaticamente viene determinato un punto medio tra di essi, tracciando di seguito una linea parallela. Dalla media vengono disegnate due linee parallele di 7 mm ciascuna. L’intervallo di 14 mm trovato corrisponde alla normalità energetica del grafico (AMORIM, s.d.).

4.1 EVOLUZIONE DELLE MEDIE ENERGETICHE DELLA PERSONA CON LUPUS DURANTE IL TRATTAMENTO CON YNSA

Nella valutazione iniziale del paziente, i grafici Ryodoraku indicavano una condizione energetica complessiva notevolmente bassa; raggiungere il 27% dell’energia minima considerata normale (45-70 μA) nelle CS7 e C7 sinistra. L’emicorpo sinistro (HE) ha presentato il 54% dell’energia minima desiderata e l’emicorpo destro (HD) il 72%. La prima sessione di YNSA, HD è stata eseguita con un anticipo dello 0,6% e HE del 17% (Tabella 1).

Tabella 1: Risultati ottenuti da Ryodoraku prima e dopo la prima sessione YNSA

Prima della prima sessione di YNSA Dopo la prima sessione di YNSA
Sinistra (a) Destra(b) Sinistra Destra
P9 22 33 29 30
CS7 12 28 18 24
C7 12 28 16 34
ID5 19 22 21 30
Ta4 29 39 28 42
IG5 28 35 28 41
BP3 28 22 25 10
F3 47 71 45 47
R4 25 30 33 38
B65 B65 B 15 18 19 14
VB 21 22 34 34
E42 35 39 47 46
Nella media 24,4 32,3 28,6 32,5

(a) Sinistra: Energia emicorpo sinistra in microambi (μA).

(b) Destra: Energia emicorpo destra in microambi (μA).

Fino alla 12a seduta, gli avanzamenti oscillanti hanno determinato, in HE, un aumento di energia del 41%, mitigando il deficit iniziale dal 46% al 24%. La HD è progredita del 26%, riducendo il suo deficit dal 28% al 10%. Il valore più basso trovato è stato in C7 a sinistra e B65 a destra, entrambi con il 51% dell’energia minima desiderata (Tabella 2). Dall’inizio alla fine delle sessioni di craniopuntura (Tabella 3), il volontario ha avuto un progresso energetico del 32% in HE (riduzione del deficit dal 46% al 13%) e un anticipo del 24% in HD (riduzione del deficit di 28 % per 3%). Dopo la 23a e ultima agopuntura, rispetto all’inizio della ricerca, l’HE è progredito del 61% e la HD del 35%.

La tabella 2. Risultati ottenuti da Ryodoraku nella 12a e 23a sessione di YNSA

12a sessione di YNSA 23a sessione di YNSA
Sinistra(a) Destra(b) Sinistra Destra
P9 30 33 36 40
Cs7 31 29 40 45
C7 23 33 39 45
ID5 31 30 41 45
Ta4 30 32 45 45
IG5 29 38 42 45
BP3 27 46 31 45
F3 49 60 41 52
R4 50 45 44 44
B65 B65 B 31 23 30 21
Vb 35 55 37 45
E42 47 63 46 50
Nella media 34,4 40,6 39,3 43,5

(a) Sinistra: Energia emicorpo sinistra in microambi (μA).

(b) Destra: Energia emicorpo destra in microambi (μA).

La tabella 3. Risultati ottenuti da Ryodoraku prima della 1a e 23a sessione di YNSA, e dopo la 23a sessione di YNSA.

Prima della prima sessione Prima della 23a sessione Dopo la 23a sessione
Sinistra(a) Destra(b) Sinistra Destra Sinistra Destra
P9 22 33 19 28 36 40
CS7 12 28 16 22 40 45
C7 12 28 20 21 39 45
ID5 19 22 26 38 41 45
Ta4 29 39 29 38 45 45
IG5 28 35 31 37 42 45
BP3 28 22 36 41 31 45
F3 47 71 36 45 41 52
R4 25 30 44 35 44 44
B65 B65 B 15 18 35 34 30 21
Vb 21 22 36 43 37 45
E42 35 39 51 45 46 50
Nella media 24,4 32,3 31,6 35,6 39,3 43,5

(a) Sinistra: Energia emicorpo sinistra in microambi (μA).

(b) Destra: Energia emicorpo destra in microambi (μA).

4.2 INFLUENZA DELL’ALLOPATIA SUI RISULTATI DELLA RICERCA

Con l’implementazione del difosfato di clorochina (DC), che ebbe luogo intorno alla 14a applicazione della YNSA, HE rallentato il suo progresso; già HD avanzato. L’energia della F destra, che fin dall’inizio mostrava una tendenza all’eccesso, era ancora più esacerbata con il farmaco e il paziente ha iniziato a lamentarsi di crepe nelle punte delle dita delle mani e dei piedi. Durante questo periodo, sono stati forniti 3 restauri dentali.

Dopo un mese senza YNSA, ma con il trattamento farmacologico, metà dei meridiani, che coinvolgono gli elementi metallici, antincendio e legno, erano al di sotto delle condizioni iniziali della ricerca. Il resto: acqua, terra, in parte legno e fuoco, ha raggiunto valori almeno superiori a quelli iniziali.

4.3 RISULTATI FINALI DELLA RICERCA

Dalla 23a e ultima applicazione della YNSA al 24° e ultimo incontro, che si è svolto dopo un mese di allopatia esclusiva, la battuta d’arresto è stata intensa (Tabella 4).

La tabella 4. Risultati ottenuti da Ryodoraku prima della prima sessione YNSA, dopo la 23a sessione YNSA e dopo un mese di sospensione della YNSA.

Prima della prima sessione Dopo la 23a sessione Dopo 1 mese senza YNSA
Sinistra(a) Destra(b) Sinistra Destra Sinistra Destra
P9 22 33 36 40 19 19
CS7 12 28 40 45 14 23
C7 12 28 39 45 13 24
ID5 19 22 41 45 14 21
Ta4 29 39 45 45 23 26
IG5 28 35 42 45 26 25
BP3 28 22 31 45 45 49
F3 47 71 41 52 52 50
R4 25 30 44 44 42 48
B65 B65 B 15 18 30 21 56 26
Vb 21 22 37 45 20 30
E42 35 39 46 50 40 47
Nella media 24,4 32,3 39,3 43,5 30,3 32,3

(a) Sinistra: Energia emicorpo sinistra in microambi (μA).

(b) Destra: Energia emicorpo destra in microambi (μA).

A differenza dell’inizio della ricerca che erano al di fuori della linea massima e minima, solo F, E, CS e C, dopo 1 mese senza YNSA, c’era il distanziamento di quasi tutti i meridiani, per più o meno, indicando un cambiamento nei cicli di generazione (Xiag Sheng) e Dominance (Xiang Ke).

Tra il bilancio energetico del paziente e la predominanza relativa di 5 Zang e 6 Fu in nessuno degli emicorpi, non è stata osservata alcuna correlazione.

Ad eccezione di f, già rafforzato rispetto agli altri meridiani, tutti gli altri Zang Fu mostrarono un aumento dell’amperaggio alla fine delle applicazioni di ynsa.

Dalla prima valutazione al primo mese di interruzione del trattamento YNSA, l’evoluzione dell’emicorpo sinistro è stata di 5,91uA (24%) e l’emicorpo destro era 0,08uA (percentuale irrilevante), dimostrando un ritiro nei risultati.

4.4 VARIAZIONI NEL TRATTAMENTO DEL LUPUS ESCLUSIVAMENTE CON YNSA, YNSA CON DIFOSFATO DI CLOROCINA E SOLO DIFOSFATO DI CLOROCINA

Il rapporto tra guadagni e perdite durante la ricerca ha fluttuato molto. La maggior parte di Zang Fu rispose meglio al trattamento esclusivo con YNSA e, sebbene anche P, C e CS bilaterale si siano evoluti con YNSA alleato della DC, in questa seconda situazione, l’evoluzione si è verificata molto più timidamente.

Con la bisturi esclusiva, solo la F bilaterale regrediva, il che si stava armonizzando, poiché F in un primo momento era espressamente più sviluppato degli altri 22 meridiani, che a loro volta avanzavano.

Nella combinazione di YNSA e DC, 18 meridiani regredivano: Zang Fu de Água, Madeira e Terra, oltre a P e ID sinistro, IG e TA bilaterale. L’ID già giusto ha mantenuto il risultato prima della combinazione terapeutica e il resto è progredito.

Nel consumo esclusivo del farmaco, rispetto alla combinazione di YNSA e farmaci antimalarici, si sono ritirati 17 meridiani: P / IG, C / ID, CS / TA, R sinistro, VB bilaterale ed E. Nonostante ciò, l’esclusività del farmaco è risultata significativamente positiva per la PA sinistra e la B bilaterale, e, sebbene in misura minore, anche per la F sinistra, la BP destra (che isolatamente con YNSA ha risposto meglio) e, infine, la R destra, che a sua volta, con YNSA combinato si è evoluto meglio.

4.4.1 TRATTAMENTO DEL PAZIENTE LUPUS ESCLUSIVAMENTE CON YNSA

Nelle prime 13 applicazioni di YNSA, l’emicorpo sinistro ha guadagnato in media 63,46μA/sessione (totale 825μA) e a destra in media 74,75μA/sessione (totale 897μA). In questo processo, ogni meridiano emicorpo sinistro si è evoluto in media 5,29μA/sessione e l’emicorpo destro 5,75μA/sessione.

Con le battute d’arresto che hanno caratterizzato gli intervalli tra le sessioni, la velocità accumulata fino a immediatamente prima della 13a sessione è stata di soli 5,9μA nell’emicorpo sinistro (media/sessione 0,49μA) e 3,2μA nell’emicorpo destro (media/sessione 0,27μA). Durante la tredicesima applicazione, l’accumulato durante il trattamento è balzato a 18,1μA (media/applicazione 1,39μA) nell’emicorpo sinistro e a 13,3μA (media/applicazione 1,02μA) nell’emicorpo destro. I risultati si sono dimostrati migliori in media subito dopo le sessioni che negli intervalli.

4.4.2 EVOLUZIONE ENERGETICA NELLA COMBINAZIONE TERAPEUTICA DI YNSA CON CLOROCHINA DIFOSFATO

Nel trattamento combinato di YNSA con DC (10 sessioni, distribuite in 1 mese), ha guadagnato in media 47,3μA/sessione (totale 473μA), mentre l’HD è avanzato in media 28,2μA/sessione (totale 282μA). Ciò corrispondeva ad un aumento di 3,94μA/sessione in ogni meridiano HE e ad un aumento di 2,35μA/sessione in ogni meridiano HD.

Lo sviluppo energetico della 14a pre-applicazione alla 23a pre-applicazione di YNSA è stato di -8,5μA in HE (media/sessione -0,94μA) e -6,4μA in HD (media/sessione -0,71μA). Dopo l’ultima applicazione di YNSA combinata con trattamento allopatico (23a sessione della ricerca), la regressione accumulata in relazione al precedente trattamento combinato (14a sessione della ricerca) è stata ridotta al minimo, da -8,5μA a -0,8μA in HE (media/applicazione -0,08μA) e il declino dell’HD è stato convertito in avanzamento, andando da -6,4μA a +1,5μA (media/applicazione +0,15μA).

Il DC combinato con YNSA ha compromesso la risposta al trattamento.

4.4.3 SVILUPPO ENERGETICO SOLO CON DIFOSFATO DI CLOROCHINA

L’uso continuo ed esclusivo del DC per 1 mese è risultato dall’ultima applicazione della bisturi al 24° incontro, in un riavvolgimento di -9μA (media per meridiano -0,75μA) in HE e -11,2μA (media per meridiano -0,93 μA) in HD. Dalla precedente applicazione della YNSA all’ultima valutazione (dopo 1 mese di trattamento con antimalariale), il contraccolpo energetico in HE è stato molto meno impaginante (anche se importante), con una variazione di -1,3μA in HE e -3,3 μA in HD.

Alla fine della ricerca, già senza YNSA, l’indentazione era così espressiva che i valori sono stati livellati a quelli ottenuti all’inizio: piccola variazione di +5,9μA in HE e null in HD. Secondo i dati disponibili, sebbene sia impossibile accertare se il livellamento finale dell’energia in relazione ai parametri iniziali sia avvenuto con la sospensione della YNSA e/o con la tossicità del farmaco, l’evoluzione terapeutica indica la seconda ipotesi.

4.5. ASPETTI YIN E YANG DEL PAZIENTE DURANTE LA RICERCA

Con YNSA, la condizione iniziale più Yin che Yang (grafico 1) era il bilanciamento (grafico 2), raggiungendo l’equa partecipazione di polarità antagonistiche e complementari (grafico 3). Sospesa la YNSA, in 1 mese, tornò ad essere prevalentemente Yin, anche se con un maggiore equilibrio del rapporto Yin-Yang nei 5 Elementi (Grafico 4). Nell’ultima bisturi, Madeira Yin era più controllata (confronta i grafici 1, 2 e 3), altri elementi progredivano (grafici 2, 3 e 4) con maggiore proporzionalità (grafici 1 e 5).

Grafico 1. Rapporto Yin e Yang dei 5 Elementi nella prima valutazione.

Grafico 2. Rapporto Yin e Yang dei 5 Elementi nella 12a applicazione di YNSA.

Grafico 3. Rapporto Yin e Yang dei 5 Elementi nella 23a applicazione YNSA.

Grafico 4. Rapporto Yin e Yang dei 5 Elementi nell’ultima valutazione della ricerca, dopo 1 mese di trattamento allopatico e sospensione della YNSA.

4.6 ANALISI ZANG FU DURANTE TUTTA LA RICERCA

4.6.1 EVOLUZIONE DEL POLMONE O DEL SIF DURANTE LA RICERCA

Lung (P) ha mostrato una maggiore stabilità con YNSA, specialmente nell’HE (tabella 6). Progrediva con la YNSA e tornò indietro con l’intervento della DC, un processo che peggiorò con la sospensione della bisturi.

Tabella 6. Evoluzione dei meridiani polmonari durante l’indagine “Risposta dei pazienti LE al trattamento con YNSA – Caso di studio”

P ha presentato, rispettivamente, prima e dopo le sessioni, un massimo di 52µA e 47µA in HE e un massimo di 51µA e 54µA in HD. Il minimo acquisito, anche prima e dopo le sedute, è stato di 13µA e 20µA in HE, e 21µA e 23µA in HD. Pertanto, la media ottenuta prima e dopo le sessioni YNSA, rispettivamente, era 28,9 µA e 32,04 µA in HE, e 33,61µA e 36,17µA in HD. Le oscillazioni energetiche erano più accentuate negli intervalli tra le sessioni che durante le sessioni: il coefficiente di variazione era, rispettivamente, prima e dopo YNSA, di 0,34 e 0,23 in HE e 0,29 e 0,25 in HD.

4.6.2 EVOLUZIONE DELL’INTESTINO CRASSO O DI CHANG DURANTE LA RICERCA

Come P, Intestino Grosso (IG) si è evoluto meglio con l’intervento di YNSA (Tabella 7). Allo stesso modo, è progredito con YNSA e si è ritirato con DC, un processo aggravato dalla sospensione della scalpoterapia.

Pertanto, rispettivamente prima e dopo le sessioni, P ha presentato un massimo di 56μA e 57μA in HE e 55μA e 61μA in HD. Il minimo acquisito è stato, rispettivamente prima e dopo le sessioni, 17μA e 26μA in HE, e 18μA e 32μA in HD. La media trovata era, rispettivamente prima e dopo le sessioni, 38,22μA e 40,26μA in HE, e 43,96μA e 45,30μA in HD. Le oscillazioni di energia erano le stesse prima e dopo le sessioni YNSA in HE (Coefficiente di variazione: 0,23) e più pronunciate negli intervalli tra sessioni che durante le sessioni HD (Coefficiente di variazione prima e dopo la bisturi, rispettivamente, di 0,20 e 0,14).

Tabella 7. Progressi dei meridiani dell’intestino crasso nella ricerca “Risposta del paziente LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

intestino crasso Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra +67,85% +5,21% -8,69% -0,86% -38,09%
Destro +40,00% +3,07% -10,00% -1,00% -44,44%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra +50,00% +21,17% -7,14% -0,29%
Destro +28,57% +1,24% -28,57% -0,19%

4.6.3 EVOLUZIONE DEL CERCHIO O DELLO SHEN DURANTE LA RICERCA

Rene (R), all’intervento YNSA, si è evoluto più in HE che in HD (Tabella 8). Nell’associazione del DC con l’agopuntura, entrambi gli emicorpi si ritirarono, specialmente a destra. Nell’amministrazione esclusiva della DC, l’HD si è evoluto di nuovo e HE continuato a declinare.

R, rispettivamente prima e dopo le sessioni, presentate in HE, massimo 48μA e 70μA; nel frattempo, in HD era un massimo di 59μA e 70μA. Il minimo acquisito è stato rispettivamente prima e dopo le sessioni, 18μA e 33μA in HE, e 30μA e 33μA in HD.

La media, rispettivamente prima e dopo le sedute di cuoio capelluto, era 35 µA e 48,26 µA in HE, e 45 µA e 51,87 µA in HD. Tra le sessioni YNSA, le oscillazioni energetiche erano leggermente più accentuate in HE e, durante le sessioni, le oscillazioni erano più accentuate in HD. Il coefficiente di variazione, rispettivamente prima e dopo YNSA, era 0,27 e 0,20 in HE e 0,18 e 0,19 in HD.

La tabella 8.Avanzamento dei meridiani di cerchio durante la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

rene Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra +80,00% +6,15% -4,34% -0,43% -4,54%
Destro +53,33% +4,10% -16,98% -1,69% 9,09%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) méd/session  
Sinistra 76,00% 3,30% 68,00% 2,83%
Destro 46,66% 2,02% 60,00% 2,50%

4.6.4 EVOLUZIONE DELLA VESCICA O DEL PANG GUANG DURANTE LA RICERCA

La vescica (B) variava di più dopo le applicazioni YNSA (Tabella 9). È progredito con YNSA, regredito nella combinazione di YNSA con DC e progredito di nuovo dopo che la terapia dello scalpo è stata sospesa con la continuità del farmaco. Infatti solo con DC B è progredito di più, soprattutto in HE.

La tabella 9. Avanzamento dei meridiani della vescica durante la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

vescica Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 66,66% 5,12% -18,91% -1,89% 86,66%
Destro 27,77% 2,13% -25,00% -2,50% 23,80%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 100,00% 4,34% 273,33% 11,38%
Destro 16,66% 0,72% 44,44% 1,85%

 

Rispettivamente prima e dopo la bisturi, B ha presentato un massimo di 45μA e 57μA in HE e 47μA e 61μA in HD. Il minimo ottenuto è stato, rispettivamente prima e dopo la bisturi, 15μA e 16μA in HE e 17μA e 12μA in MH.

Sono state trovate medie, rispettivamente prima e dopo le sessioni, di 30,61μA e 31,78μA in HE, e di 28,87μA e 27,87μA in HD. Le oscillazioni energetiche sono state più accentuate immediatamente dopo la bisturiterapia, con coefficiente di variazione, rispettivamente prima e dopo la YNSA, di 0,32 e 0,34 in HE e 0,30 e 0,40 in HD.

4.6.5 EVOLUZIONE DEL FEGATO O DEL GAN DURANTE LA RICERCA

Il fegato (F) all’inizio della ricerca ha presentato un quadro nel marchio comunitario noto come Tirannia. In queste condizioni, l’eccesso zang fu inizia a deprimere il “nipote”.

F oscillava più negli intervalli di omissione del cuoio capelluto che durante le sessioni (tabella 10) e regredì con YNSA, specialmente in combinazione con CD. Dopo l’agopuntura, progredì nell’HE e continuò a declinare in HD, ma rallentò (tabella 10).

Ha esposto, rispettivamente prima e dopo YNSA, un massimo di 75μA e 70μA in HE, e 77μA e 91μA in HD. Il minimo acquisito è stato, rispettivamente prima e dopo le applicazioni di YNSA, di 32μA e 21μA in HE, e di 38μA e 37μA in HD.

La tabella 10. Avanzamento dei meridiani epatici durante la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

fegato Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra -4,25% -0,32% -19,60% -1,96% 26,82%
Destro -5,63% -0,43% -14,75% -1,47% -3,84%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra -12,76% -0,55% 10,63% 0,44%
Destro -26,76% -1,16% -2,93% -0,12%

 

La media trovata nell’HE era 46,96 µA prima e 49,74 µA dopo la scalpoterapia, e la media trovata nell’emibody destro era 55,78 µA prima e 59,96 µA dopo la scalpoterapia. Le oscillazioni energetiche erano leggermente più accentuate nelle sessioni YNSA e non negli intervalli: il coefficiente di variazione era, rispettivamente prima e dopo l’agopuntura, di 0,21 e 0,22 in HE e di 0,19 e 0,20 in HD.

4.6.6 EVOLUZIONE DELLE VESICOLE BILIARI O DAN DURANTE LA RICERCA

La cistifellea (VB) ha dimostrato di essere più variabile tra le sessioni YNSA rispetto a durante. È progredito con YNSA, regredito nella combinazione di YNSA con DC e regredito ulteriormente nella somministrazione esclusiva del farmaco antimalarico (Tabella 11).

Prima e dopo le sessioni, rispettivamente, VB ha mostrato un massimo di 70µA e 63µA in HE e 69µA e 76µA in HD. Il minimo ottenuto è stato, rispettivamente, prima e dopo la scalpoterapia, 21µA e 27µA in HE, e 22µA e 31µA in HD.

Le medie trovate, rispettivamente prima e dopo le sessioni, erano 36,74µA e 43,04µA in HE, e 46,87µA e 51,26µA in HD. La maggiore variazione di energia si è verificata nell’intervallo tra le sessioni YNSA, specialmente in HE. Il coefficiente di variazione, rispettivamente prima e dopo, era 0,32 e 0,23 in HE; 0,22 e 0,21 in HD.

La tabella 11. Progressi dei meridiani della cistifellea nella ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

cistifellea Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 114,28% 18,79% -22,91% -2,29% -45,94%
Destro 131,81% 10,13% -21,05% -2,10% -33,33%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 76,19% 3,31% -4,76% -0,19%
Destro 104,54% 4,54% 36,36% 1,51%

4.6.7 EVOLUZIONE CARDIACA O XIN DURANTE LA RICERCA

Il cuore (C) in HE è progredito di più durante la bisturi e, in HD, più tra una sessione e l’altra (tabella 12). Si è evoluto molto con YNSA, specialmente in HE, e si è schiantato con l’intervento DC. Craniopuncture sospesa, ma con permanenza del farmaco, declinata in entrambi gli emicorpi raggiungendo, in HD, valori inferiori a quelli della prima valutazione.

C ha mostrato, rispettivamente prima e dopo le sessioni, un massimo di 37μA e 47μA in HE e 46μA e 50μA in HD. Ha ottenuto un minimo, rispettivamente prima e dopo YNSA, di 12μA e 16μA in HE, e di 14μA e 23μA in HD.

I loro mezzi erano, rispettivamente prima e dopo le sessioni YNSA, 27,09μA e 32,43μA in HE, e 27,70μA e 36,30μA in HD. Il coefficiente di variazione, rispettivamente prima e dopo, era di 0,25 e 0,26 in HE e 0,27 e 0,21 in HD.

La tabella 12. Progressi dei meridiani cardiaci durante la ricerca “Risposta del paziente con Lupus Eriteamo al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

cuore Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 175,00% 13,46% 11,42% 1,14% -66,66%
Destro 39,28% 3,02% 18,42% 1,84% -46,66%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 225,00% 9,78% 8,33% 0,34%
Destro 60,71% 2,63% -14,28% -0,59%

4.6.8 EVOLUZIONE DELL’INTESTINO PICCOLO O CAMBIAMENTO XIAO DURANTE LA RICERCA

L’intestino tenue (ID) si è evoluto in un trattamento esclusivo con YNSA (Tabella 13) e, in combinazione con DC, è diminuito in HE, rimanendo in HD. Sospesa YNSA e allopatia è stata mantenuta, è diminuita sostanzialmente, raggiungendo livelli inferiori a quelli trovati all’inizio dello studio in entrambi gli emicorpi.

La tabella 13. Progressi dei meridiani dell’intestino tenue durante la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

intestino tenue Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 110,52% 8,50% -10,86% -1,08% -65,85%
Destro 90,90% 6,99% 0,00% 0,00% -53,33%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 115,78% 5,03% -26,31% -1,09%
Destro 104,54% 4,54% -4,54% -1,18%

 

Durante la bisturi è variato leggermente più in basso rispetto a tra una sessione e l’altra. Il suo coefficiente di variazione in HE era, rispettivamente prima e dopo YNSA, 0,27 e 0,25; HD era 0.26 e 0.25.

Ha raggiunto, rispettivamente, prima e dopo YNSA, un massimo di 41µA e 53µA in HE, e 47µA e 50µA in HD. Ha raggiunto un minimo di 16µA e 21µA in HE e 20µA e 22µA in HD.

I loro mezzi erano, rispettivamente prima e dopo le sessioni YNSA, 26,91μA e 34,30μA in HE, e 33,65μA e 38,26μA in HD.

4.6.9 EVOLUZIONE DEL SESSO CIRCOLANTE O DELLA XIN BAO LUO DURANTE LA RICERCA

Il sesso circolatorio (CS) si è evoluto con l’agopuntura; ha continuato ad evolversi, anche se lentamente nella combinazione di DC, e ha rifiutato la sospensione YNSA (Tabella 14). Alla fine della ricerca, il declino della HD con il farmaco è stato così grande che ha raggiunto uno standard energetico inferiore a quello inizialmente riscontrato nella ricerca.

Variava più tra le sessioni di YNSA che durante la bisturi. Il suo coefficiente di variazione era, in HE, 0,33 e 0,25, rispettivamente prima e dopo la YNSA; e, in HD, rispettivamente 0,36 e 0,27 prima e dopo YNSA.

La tabella 14.Avanzamento dei meridiani circolatori-sessuali durante tutta la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

Circolazione-Sesso Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 241,66% 18,58% 25,00% 2,50% -65,00%
Destro 60,71% 4,67% 40,62% 4,06% -48,88%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 233,33% 10,14% 16,66% 0,69%
Destro 60,71% 2,63% -17,85% -0,74%

 

Prima e dopo le sessioni, rispettivamente, CS ha mostrato un massimo di 39µA e 50µA in HE e 47µA e 50µA in HD. Rispettivamente prima e dopo la scalpoterapia, il minimo ottenuto è stato di 12µA e 18µA in entrambi gli emiborpi; le medie erano 24,13 µA e 30,57 µA in HE e 26,13 µA e 34,83 ​​µA in HD.

4.6.10 EVOLUZIONE DEL TRIPLO RISCALDATORE O DI SAN JIAO DURANTE LA RICERCA

Il triplo riscaldatore (TA) variava più la sua energia tra le sessioni YNSA che durante il trattamento. Il coefficiente di variazione di 0,23 e 0,19 in HE, rispettivamente prima e dopo la bisturi, ha ottenuto un coefficiente di variazione di 0,23 e 0,19 in HE e di 0,19 e 0,17 in MH.

Progrediva con la YNSA, più a destra, e regredì alla combinazione dc, specialmente quando l’agopuntura fu sospesa. Nell’allopatia esclusiva, essa si è ritirata in modo tale da raggiungere valori inferiori a quelli all’inizio della ricerca nell’istruzione superiore (tabella 15).

TA ha raggiunto, rispettivamente prima e dopo le sessioni, un massimo di 56μA e 55μA in HE e 55μA e 58μA in HD. Ha ottenuto un minimo, rispettivamente prima e dopo YNSA, di 19μA e 28μA in HE, e di 20μA e 26μA in HD.

La tabella 15. Progressi dei meridiani a triplo riscaldatore nella ricerca “Risposta del paziente con Lupus Eritemaso al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

Triplo riscaldatore Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 17,94% 1,38% -13,46% -1,34% -42,22%
Destro 97,14% 7,47% -11,53% -1,15% -13,04%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 15,38% 0,66% -33,33% -1,38%
Destro 31,42% 1,36% 14,28% 0,59%

 

I loro mezzi, rispettivamente prima e dopo le sessioni YNSA, erano 39,30μA e 41,09μA in HE e 44,04μA e 45,13μA in HD.

4.6.11 EVOLUZIONE DELLA MILZA-PANCREAS O PI DURANTE LA RICERCA

La milza destra (BP) è cambiata più nelle sessioni YNSA che negli intervalli; il contrario si è verificato nella BP sinistra. Il coefficiente di variazione di 0,35 e 0,37 in HD, e 0,31 e 0,26 in HE, rispettivamente, presentato prima e dopo l’YNSA.

Progrediva, soprattutto a destra nel trattamento esclusivo con YNSA, e, poco dopo la combinazione di DC. Nell’esclusiva allopatia, la sua energia è torsa di nuovo, specialmente a sinistra (tabella 16).

La tabella 16. Progressi dei meridiani milza-pancreas durante la ricerca “Risposta del paziente con LE al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

Milza-Pancreas Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 25,00% 1,92% -13,88% -1,38% 45,16%
Destro 127,27% 9,79% -23,72% -2,37% 8,88%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 10,71% 0,46% 60,71% 2,52%
Destro 104,54% 4,54% 122,72% 5,11%

 

Prima e dopo la YNSA, BP ha ottenuto lo stesso massimo di 47μA in HE; sulla HD, ottenuta 67μA prima e 76μA dopo la bisturi. Il suo minimo era, rispettivamente prima e dopo YNSA, 12μA e 18μA in HE, e 14μA e 10μA in HD. Nel frattempo, i mezzi trovati, rispettivamente prima e dopo le sessioni YNSA, erano 29,87μA e 31,41μA in HE e 40,48μA e 44,17μA in HD.

4.6.12 EVOLUZIONE DELLO STOMACO O DEL WEI DURANTE LA RICERCA

Lo stomaco (E) oscillava più durante la YNSA che nell’intervallo tra una sessione e l’altra. Il suo coefficiente di variazione era, rispettivamente prima e dopo la bisturi, 0,17 e 0,23 in HE e 0,18 e 0,22 in HD. Progrediva con la YNSA, regredì alla combinazione di DC e precipitò nell’allopatia esclusiva (tabella 17).

La tabella 17. Progressi dei meridiani dello stomaco durante la ricerca “Risposta del paziente con Lupus Eriteamo al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

stomaco Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 97,14% 7,47% -11,53% -1,15% -13,04%
Destro 25,64% 1,97% -12,28% -1,22% -6,00%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 31,42% 1,36% 14,28% 0,59%
Destro 28,20% 1,22% 20,51% 0,85%

 

C’era un massimo, rispettivamente prima e dopo lo scalpotherapy, di 65µA e 86µA in HE; e 63µA e 85µA in HD. Il minimo era, rispettivamente, prima e dopo YNSA, 30µA e 40µA in HE e 26µA e 30µA in HD. Le medie trovate erano, rispettivamente, prima e dopo YNSA, 46,43µA e 54,61µA in HE e 50,044A e 55,17µA in HD.

4.6.13 EVOLUZIONE DELLE MEDIE ENERGETICHE DURANTE LA RICERCA

In media, l’HE variava leggermente di più tra le sessioni di YNSA che durante la terapia; il contrario si è verificato in HD. Il coefficiente di variazione in HE era, rispettivamente prima e dopo YNSA, 0,17μA e 0,16μA in HE, e 0,15μA e 0,17μA in HD.

Nel calcolo finale, il volontario ha progredito nell’esclusiva terapia del cuoio capelluto, regredito nella combinazione di DC, specialmente nell’allopatia esclusiva (Tabella 18).

La media dell’intero studio era, rispettivamente prima e dopo YNSA, 34,22μA e 39,35μA in HE e 51,3μA e 58,1μA in MH. Il massimo era di 44,3μA e 53,1μA in HE, e 51,3μA e 58,1μA in HD. Il minimo era di 22,9μA e 29μA in HE, e 26,8μA e 31,2μA in HD.

La tabella 18. Progressi dell’emicorpo significa durante tutta la ricerca “Risposta del paziente con Lupus Eriteamo al trattamento con YNSA – Argomento di studio”

Emirodie medie Emicorpo YNSA (1-13) YNSA (1-13) media / sessione YNSA+DC

(14-23)

YNSA+DC

(14-23) media / sessione

DC (23-24)
Sinistra 11,84% 0,91% -9,65% -0,96% -22,90%
Destro 16,03% 1,23% -8,61% -0,86% -25,74%
  Dopo 23 apl. YNSA (1-23) Dopo 23 apl. YNSA (1-23) media / sessione Dopo il ricerca (1-24) Dopo ricerca (1-24) media / sessione  
Sinistra 3,42% 0,14% -20,26% -0,84%
Destro 10,68% 0,46% -17,81% -0,74%

4.7 PREDOMINANZA ENERGETICA DEI 5 ELEMENTI DURANTE LA RICERCA

I 5 elementi erano predominanti in HD. Sebbene il 12 Zang Fu variò notevolmente nella ricerca, con una predominanza energetica ora in HE, o in HD, la debole correlazione tra la bisturi e la predominanza di Zang Fu da un lato a scapito dell’altro indicava Pearson: -0,04192 in HE e Pearson: 0,168675 in HD.

5. CONCLUSIONI

Questo studio ha evidenziato le questioni più rilevanti del carattere energetico nel trattamento del Lupus con elettroacupunctura nella tecnica YNSA. Abbiamo usato un paziente considerato grave, dopo lo screening che ha coinvolto più di 300 pazienti con lupus, selezionati e indicati da un reumatologo, professore di medicina a Mogi das Cruzes. Il criterio era la presenza di lupus, paziente da moderato a grave. Questo volontario aveva sofferto 3 mesi prima dello studio, l’amputazione degli arti inferiori a causa della malattia, presentava condizioni anemiche, iperkalesi funzionale ed espressione apatica. Dopo 23 applicazioni, la sua postura era più eretta, di fiducia in se stessi, sicurezza e serenità, mantenendo questo standard fino al 24 ° e ultimo incontro.

In Ryodoraku è stato osservato nella prima sessione intensa e generalizzata (ad eccezione del fegato) deficit energetico, indicando un grave processo degenerativo. La normalità della media energetica di qualche emicorpo, trascurando la particolarità di ogni meridiano, è stata possibile solo dopo due applicazioni di YNSA nell’emicorpo destro, e dopo otto applicazioni di YNSA nell’emicorpo sinistro.

Al momento dell’ottava sessione, per la prima volta, anche prima della terapia del cuoio capelluto, l’emicorpo destro ha iniziato la sessione con una media energetica adeguata, nonostante i deficit in numerosi meridiani dello stesso emicorpo. Anche con i progressi, l’energia media dell’emicorpo sinistro non era presente in nessun momento della ricerca normalizzata prima della ynsa, poiché in nessuna delle 47 valutazioni, i 24 meridiani normalizzati sono stati trovati simultaneamente.

Durante tutta la ricerca, il paziente ha dimostrato energia instabile e incapacità di mantenere una linea di aumento o declino energetico: erano alti e bassi. Mentre, in generale, YNSA ha migliorato il suo standard energetico complessivo. Sebbene la bisturi si sia dimostrata efficace se continuata nel LES, ci sono stati rari momenti in cui la tecnica stessa ha depresso il modello energetico già carente e l’avanzamento si è verificato tra una sessione e l’altra.

2/3 delle sessioni con media energetica normale sono state composte da post-sessioni e 1/3 di pre-sessioni. Ciò suggerisce che risultati migliori sono più immediati che a medio termine e che nel corso dei giorni di solito si sta flessione l’energia. Questi dati sono in linea con il grande calo energetico osservato nella 24esima riunione, dopo un mese di terapia di sospensione.

Delle 5 sessioni (10°, 16°, 17°, 18° e 22°) il cui paziente ha partecipato con media energetica normale, solo nella 22esima sessione, invece di rinforzare questa condizione, la ynsa ha fornito livelli di energia inferiori al normale. Apparentemente, ciò che ha differenziato la 22a sessione dalle altre (10°, 16°, 17° e 18°) per ottenere un risultato finale differenziato, sono stati i segni mestruali assenti fino ad allora, per più di 9 mesi, e che si sono manifestati nei prossimi giorni… E/o, forse, l’influenza incipiente.

In relazione alla terapia esclusiva con YNSA, l’associazione del difosfato di clorochina ha portato risultati più negativi che positivi e la YNSA ha impedito l’aggravamento energetico causato dall’allopatia nel mezzo del trattamento. A causa dell’oscillazione energetica durante tutto il trattamento con il successivo calo in un solo mese senza YNSA, si conclude la necessità di continuità del trattamento con YNSA per preservare uno stato energetico più adeguato.

Nonostante le variazioni negative e la mancanza di cura per Lupus, durante tutta la ricerca ci sono state situazioni di triplamento del modello energetico molto carente del corpo. In effetti, la stessa volontaria era espressamente soddisfatta del risultato.

RIFERIMENTI

ABBAS, A.K. et. al. Imunologia Celular e Molecular. 6. ed. 564p. Rio de Janeiro: Elsevier, 2008 ISBN 978-85-352-2244-9

AMADIO, I. Dicionário de Termos Médicos e de Enfermagem. P. 295. 1 Ed. São Paulo: Rideel, 2002.

AMESTOY, R. D. F.. Eletroterapia e Eletroacupuntura. Cap. 1. Breve Referência Histórica da Eletricidade e Seu Emprego em Eletroterapia e Eletroacupuntura. p. 8. Florianópolis: Absoluta, 2005.

AMORIM, E.K.; AMORIM, P.F.C.. Ryodoraku: Método de Avaliação. VII Simpósio Brasileiro de Aperfeiçoamento em Acupuntura e Terapias Orientais – EBRAMEC. Acupuntura Japonesa e Técnicas Associadas. Disponível em: <http://www.ebramec. com.br/palestras/palestras1/Paulo%20e%20%C9rika.pdf>. Acesso em: 5/914.

ANTAS, L.M., 1980. Dicionário de Termos Técnicos Inglês-Português. 6ª Ed: Traço.

AP 585 Accurate Pulse Microprocessado. Manual de Instruções – MS 80005120011. Fabricante: VMV Costa. CNPJ: 71.594.899/0001-66. Distribuidor: Lautz. P. 6.

ARNSON, Y; AMITAL, H.; SHOENFELD, Y. Vitamin D and autoimmunity: new etiological and therapeutic considerations. Ann Rheum Dis 2007; 66:1137-42.

AUTEROCHE, B. e NAVAILH, P.. O Diagnóstico na Medicina Chinesa. Andrei, 1992. P: 37, 66, 76, 84, 128-129.

AYACHE, D.C.G.; COSTA, I.P. Alterações da Personalidade no Lúpus Eritematoso Sistêmico. Personality Disorders in Systemic Lupus Erythematosus. Revista Brasileira de Reumatologia, v. 45, p.313, set./out., 2005.

BELTRÃO, S.M.R.. Prevalência de sintomas psiquiátricos em pacientes com Lúpus Eritematoso Sistêmico em um centro de referência. Dissertação de Mestrado para obtenção do grau de Mestre pelo Programa de Pós-Graduação em Medicina da Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul (PUCRS). Porto Alegre: 2010.

BERBERT, A.L.C.V e MANTESE, S.A.O.. Lúpus eritematoso cutâneo – Aspectos clínicos e laboratoriais. Anais Brasileiros de Dermatologia, vol.80 nº 2, Rio de Janeiro, 2005. Disponível em: <http://www.scielo.br/scielo.php?pid=S0365-0596200500020000 2&script =sci_arttext&tlng=pt >.

BONFÁ, E.S.D.O.; NETO, E.F.B.B.. Lúpus Eritematoso Sistêmico. In: BONFÁ, E.S.D.O.; IOSHINARI, N.H.: Reumatologia para o clínico. São Paulo: Roca, 2000. P: 25-33.

BORBA, E.F.; LATORRE, L.C.; BRENOL, J.C.T.; KAYSER, C.; SILVA, N.A.; ZIMERMANN, A.F.; PÁDUA, P.M.; COSTALLAT, L.T.L.; BONFÁ, E.; SATO, E.I.. Consenso de Lúpus Eritematoso Sistêmico. Consensus of Sistemic Lupus Erythematosus. Rev. Bras. Reumatol., v.48, n.4, p.196-197, jul/ago 2008. Disponível em: < http://www.scielo.br/pdf/rbr/v48n4/v48n4a02.pdf>. Acesso em: 15/7/14.

BOUCINHAS, J.. Acupuntura Craniana de Yamamoto. Cap. 5. Idéias básicas sobre YNSA.  WP Gráfica e Editora, 2007. p.: 47, 50, 105.

CALLADO, J.C.. Nova Craniopuntura Japonesa. Caderno – Anotações da 11ª aula do curso de pós-graduação em acupuntura lato sensu, turma XXII, do CBF/CEATA. Ano: 2008.

CECATTO, S.B., GARCIA, R.I.D., COSTA, K.S., ANTI, S.M.A., LONGONE, E., RAPOPORT, P.B.. Perda auditiva sensorioneural no lúpus eritematoso sistêmico: relato de três casos. Rev Bras Otorrinolaringol. V. 70, n.3, 398-403, mai/jun 2004. Disponível em: <http://www.scielo.br/pdf/%0D/rboto/v70n3/a17v70n3.pdf>. Acesso em: 28/dez/11.

COMISSÃO DE LÚPUS DA SOCIEDADE BRASILEIRA DE REUMATOLOGIA – SBR. Lúpus Eritematoso Sistêmico (LES) – Cartilha da SBR. Ano: 2011. Disponível em: < http://www.reumatologia.com.br/index.asp?Pagina=reumatologia/principaisDoencasEorientacoesPacienteResultados.asp&IDPrincipalDoencaIDOrientacaoPaciente=OP;28>. Acesso em: 28/dez/11.

COSTEIRA, O., Termos e Expressões da Prática Médica. Rio de Janeiro: Farmoquímica, 2001. 262p. P. 114.

COTRAN, R. S., KUMAR, V., COLLINS, T.. Lúpus Eritematoso Sistêmico; Etiologia e Patogenia. Robbins: Patologia Estrutural e Funcional, p. 193, 194. Ano: 2000.

DETHLEFSEN, T. & DAHLKE, R.. A Doença como caminho. Cap.1. A doença e os sintomas. São Paulo: Cultrix, 1983. 265p. P. 16,17.

DUTRAL, R. M.; OLIVEIRA, T. B.. Lúpus eritematoso sistêmico (LES): perfil clínico-laboratorial dos pacientes atendidos em um serviço privado de reumatologia na cidade de Santo Ângelo-RS. Revista: RBAC, vol. 41(1): 77-80, 2009. Disponível em: <http://www.sbac.org.br/pt/pdfs/ rbac/rbac_41_01/rbac_41_0 1_14.pdf>. Acesso em: 7/5/11.

EIRAS, M. E. C.. Lúpus – Trabalho de Conclusão de Curso – Turma 80. Curso de Acupuntura e Medicina Tradicional Chinesa – CEATA, SP. Ano: 2006.

_________________. Equipe Doia. Lúpus Vulgar, Lúpus Carcinoma. Lúpus Vulgar. Dermis – Dermatology Information System. Disponível em: <http://www.dermis.net /dermisroot/pt/10368/image.htm>;<http://www.dermis.net/dermisroot/pt/10340/image.htm>;<http://www.dermis.net/dermisroot/pt/10275/image.htm>; <http://www.dermis.net/ dermisroot/pt/10376/image.htm>. Alemanha, 1996-2011. Acesso em: 7/5/11.

FALCÃO, C.A.; LUCENA, N.; ALVES, I.C.; PESSOA, A.L.;GODOI, E.T.. Cardite Lúpica. Arq Bras Cardiol vol.74 nº1. P: 56 Recife: 2000. Disponível em: < http://publicacoes.cardiol.br/abc/2000/7401/74010007.pdf>. Acesso em: 21/7/14.

GOTO, K. O que é Ryodoraku? JSRM – Japanese Society Ryodoraku Medicine. Disponível em: <http://www.ryodorakudobrasil.com.br/o-que-e-ryodoraku/>. Acesso em: 5/9/14. S.d.

GRECO, C.M.; NAKAJIMA, C.; MANZI, S. Update review of complementary and alternative medicine treatments for systemic lupus erythematosus. Curr Rheumatol Rep; 15 (11): 378, 2013 Nov. Portal de Pesquisas da BVS. Disponível em: <http://bvsalud.org/portal/resource/pt/mdl-24078104>. Acesso em: 15/7/14.

HOUAISS, A., VILLAR, M.S. e F.M.M., FRANCO, 2009. Houaiss da Língua Portuguesa. 1. ed. – Rio de Janeiro: Objetiva, 2009, 1986p. P.1202, 1899.

HUSZ, I.. O que é acupuntura. Apostila do Curso de Especialização em Acupuntura CBF/CEATA. Ano: 2007.

JIAN-HUI, L.. 1. Systemic Lupus Erithematosus; 2. Chronic Disciform Lupus Erythematosus. A Handbook of Tradicional Chinese Dermatologia. S.d. Acesso em: 2008.

JÚNIOR, A. M.. Lúpus Eritematoso Sistêmico. Disponível em: <http: // http://www.medicinageriatrica.com.br/tag/psicose/>. Acesso em: 2/mar/2004.

KONO, A. Craniopuntura de Yamamoto. Disponível em: < http://pontoacupuntura.blogspot. com.br/2011/05/cranioacupuntura-de-yamamoto.html >. Acesso em: 26/9/14.

KRAUTHAMER, A., COELHO, L.E. & SATO, E.I., 1999; SATO et al, 2002. Tratamento do LES. In E. I. Sato (Org.), Lúpus Eritematoso Sistêmico – O que é? Quais são suas causas? Como se trata? (p. 26-31). São Paulo: Sociedade Brasileira de Reumatologia.

KWANG, W. T., S/D. Classificação das Doenças; Etiopatogenia; YNSA. Apostilas do Curso de Especialização em Acupuntura CBF/CEATA, turma XXII. São Paulo, 2007.

KWANG, W.T.. Craniopuntura de Yamamoto – YNSA. Disponível em: < http://pt. slideshare.net/simonepascelli/yamamoto-ynsa)>. Acesso em: 8/9/14. S.d.

KWANG, W. T.. Entrevista. Jornal: O Legado. Ano: 2008.

KWANG, W. T., S/D. Mecanismo Neurofisiológico. Ponto de Acupuntura; Vias Aferente e Eferente da Acupuntura; Acupuntura e Neuroendocrinoimunologia. Apostila do Curso de Especialização em Acupuntura CBF/CEATA, turma XXII, Ano: 2007, p. 1,2,4.

KWANG, W. T.. Lúpus Eritematoso Sistêmico/Discóide. Disponível em E-mail: <[email protected]>. Ano: 2009.

KWANG, W.T., S/D. Craniopuntura 1 (YNSA 1) e Craniopuntura 2 (YNSA 2). DVD da Escola CEATA.

LUPUS Foundation of America, Inc., 2005. World Lupus Day Observed. Who Gets Lupus? Disponível em: <http://www.lupus.org/webmodules/webarticlesnet/?z=59&a= 1487>. Acesso em: 28/dez/11.

MACIOCIA, G.. Cap 16 – Diagnóstico; Cap 17 – Identificação dos Padrões. Os Fundamentos da Medicina Chinesa. São Paulo: Roca, 1996.

MACIOCIA, G. A Psique na Medicina Chinesa. Cap.9. A Prática da Medicina Chinesa: Tratamento das Doenças com Acupuntura e Ervas Chinesas. São Paulo: Roca, 2010.

MARTINS, A.C.C.L.; SILVA, T.M.; GLORIA, M.B.A. Determinação simultânea de precursores de serotonina – triptofano e 5-hidroxitriptofano – em café. Artigo. Quím. Nova vol.33. nº2. Disponível em: <http://www.scielo.br/scielo.php?pid=S0100-40422010000200016&script=sci_arttext>. Acesso em: 24/9/14. São Paulo, 2010.

MEDEIROS, E.F. Lúpus Eritematoso Sistêmico/Discóide. E-mail do [email protected] Acesso em: 14/3/9. Ano: 2009.

MAGALHÃES M.B., DONADI E.A. & LOUZADA J. P. Manifeatções clínicas do lúpus eritematoso sistêmico: Abordagem diagnóstica e terapêutica na sala de urgência. Medicina, Ribeirão Preto, 36: 409-417, abr/dez. Disponível em: < http://www.fmrp.usp. br/revista/2003/36n2e4/31manifestacoes_clinicas_lupus_eritematoso.pdf >. Acesso em: 28/dez/11. Ribeirão Preto, 2003.

MANFRED, P. The theoretical foundations of Chinese medicine. Massachusetts: The MIT Press, 1974.

MANN, F.. Acupuntura – A Arte Chinesa de Curar. Hemus, 1994. P.: 98-101.

MARQUES, C.D.L.; DANTAS, A.T.; FRAGOSO, T.S.; DUARTE, A.L.B.P.. A importância dos níveis de vitamina D nas doenças auto-imunes. Ver Bras Reumatol vol.50 nº1 São Paulo Jan/Feb. 2010. Disponível em: < http://www.scielo.br/scielo.php? script=sci_arttext&pid=S0482-50042010000100007 > Acesso em: 21/7/14.

MAYER, G. Trad: HOPKINS, M. Cap.2 – Imunologia. 2009. Disponível em: <http://pathmicro.med.sc.edu/portuguese/immuno-port-chapter2.htm>. Acesso em: 14/7/14.

MEDEIROS, C. Lúpus aumenta as chances de desenvolvimento de câncer. Correio do Estado, 2010. Disponível em: < http://www.correiodoestado.com.br/ noticias/lupus-aumenta-as-chances-de-desenvolvimento-de-cancer_86327/>. Acesso em: 21/7/14.

MERCADO LIVRE. Anúncio: Acupuntura – Analyser Diagnóstico (Ryodoraku) – Cosmotrom. Acesso em: 5/9/14.

MOREIRA M.D. & MELLO FILHO, J. Psicoimunologia hoje. In J. Mello Filho (Org.), Psicossomática hoje (pp. 119-151). Porto Alegre: Artes Médicas, 1992.

NASCIMENTO, M.C. As duas faces da montanha: estudos sobre medicina chinesa e acupuntura. São Paulo, Hucitec: 2006.

NOGIER, R. e BOUCINHAS, J.C., 2006. Prática Fácil de Auriculoterapia e Auriculomedicina. Cap. 4: Detecção e Tratamento dos Pontos. 3ª Edição. Ed.: Ícone. P.: 31,32.

NÖTHLICH, B., 2006. Pulsologia Chinesa: o estudo moderno e a prática clássica. Disponível em: <http://acupuntura.pro.br/artigos/pulsologia-chinesa/>. Acesso em: 24/4/11.

OLIVEIRA, Paulo Marcos Agria – Tradução do original: Dorland’s Pocket Medical Dictionary. Dorland (Pocket) Dicionário Médico. 26 ed. – São Paulo: Roca, 2004. 1056p.

PINTO A.R., SILVA, B., OLIVEIRA, I.C., PEREIRA, J.O.S., NUNES, L.. Manual de normalização de trabalhos acadêmicos. Universidade Federal de Viçosa, 2011. Biblioteca Central. Disponível em: < http://pt.scribd.com/doc/ 72692510/31/ Figura-18-%E2%80%93-Modelo-de-anexo-ABNT-NBR-14724-2011>. Acesso em: 31/12/11.

REIS, E.C.F.B.; PRADO, F.A.; RABELO, F.; CARNEIRO, J.N.; KIRCHENHEIM, R.A.F.V.; FILHO, R.R.S.; EVARISTO, T.. Verdades e Mentiras sobre o Lúpus Eritematoso Sistêmico. Centro de Reumatologia do DF. Disponível em: <http://reumatologiadf.com.br/neosite/index.php/reumatologia-menu/dicas-reumato-me nu/48-verdades-e-mentiras-sobre-o-lupus-eritematoso-sistemico>. Acesso em: 21/7/14.

REQUENA, Y. Acupuntura e Psicologia. São Paulo: Andrei, 1990. P. 61-63.

SANTANTONIO, J., YAZIGI, L., SATO, E.. Adolescentes com Lúpus Eritematoso Sistêmico: Um estudo por meio do método de Rorschach. Pisicologia: Teoria e Pesquisa. Mai-Ago 2004, Vol. 20 n. 2, PP 145-151. Disponível em: < http://www.scielo.br/pdf/ptp/v20n2/a07v20n2.pdf>. Acesso em: 15/mai/11.

SATO et al pela Sociedade Brasileira de Reumatologia. Lúpus eritematoso sistêmico: acometimento cutâneo articular. Rev. Assoc. Med. Bras. vol.52 nº6 São Paulo Nov./Dec. 2006.  Disponível em: <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext& pid=S0104-42302006000600012>. Acesso em: 28/dez/ 11.

SATO, E. I., BONFÁ, E. D., COSTALLAT, L. T. L., SILVA, N. A., BRENOL, J. C. T., SANTIAGO, M. B., SZAJUBOK, J. C. M., FILHO, A. R., BARROS, R. T., & VASCONCELOS, M.. Consenso brasileiro para o tratamento do lúpus eritematoso sistêmico (LES). Revista Brasileira de Reumatologia, 2002. P. 42(6), 362-370.

SCHEINBERG, M. Morton Scheinberg: A conquista do lúpus. Folha de S. Paulo. Opinião. 10/5/13. Disponível em: < http://www1.folha.uol.com.br/opiniao/ 2013/05 /1276223-morton- scheinberg-a-conquista -do-lupus.shtml>. Acesso em: 15/7/14.

SCOFIELD, R.H.; WINDLE, M.L.; RUSH, E.T.; BUEHLER, B.. Genetics of Systemic Lupus Erythematosus. Disponível em: < http://emedicine.medscape.com/article/1884 084-overview>. Acesso em: 7/7/14.

SCOTTO, C.M.. Relação com as Biomoléculas. Masterclin Treinamentos. Apostila: Acupuntura Auricular, 2006. p.3.

SILVEIRA, L.M.R. Acupuntura como tratamento auxiliar nas alterações comportamentais em cães.52 f. Monografia de Especialização em Acupuntura Veterinária. Instituto Qualittas. São Paulo, 2009.

SOBRINHO, R.B.. Dr. Nakatani. Ryodoraku = “sinal” do S.N.A. – 1950. Ryodoraku – Caminhos Permeáveis, p. 9. Apostila do Curso de Especialização em Acupuntura CBF/CEATA, 2007.

SOBRINHO, R. B. Manual EAV/Ryodoraku. Medchina, 2008.

SONTHEIMER, R.D.. Clinical manifestations of cutaneous lupus erythematosus. In: Wallace DJ, Hahn BH. Dubois’lupus erythematosus. Pennsylvania: Lea & Febiger, 1993. P.285-301.

SOUSA, J.L. e VASCONCELOS, E.B.. Acupuntura Constitucional (Tipologia). Disponível em: <http://webcache.googleusercontent.com/ search?q=cache:JFpgrFlD Mu0J:www.portalunisaude.com.br/arquivos/CONSTITUCIONAL.pdf+hum+po+yi+zhi&cd=2&hl=pt-BR&ct=clnk&gl=br&source=ww w.google.com.br>). Acesso em: 21/4/ 11. S.d.

SOUZA, M.P.. Tratado de Auriculoterapia. Cap. 3. Diagnóstico. Brasília: LooK, 2001. P.: 31.

STEDMAN, T. L., 1990 (1853-1938). Trad.: ARAÚJO, C.L.C. et al., 1996. Stedman – Dicionário Médico 25ª Edição. Ed.: Guanabara Koogan. 1657p. P.: 746-748, 1376. Rio de Janeiro, 1990 Baltimore, USA.

TEIXEIRA, T.M.; COSTA, C.L. Papel da vitamina D no Lúpus eritematoso sistêmico. The role of vitamin D in systemic lupus erythematosus. Rev. Nutr. Vol. 25 nº4 Campinas Jul/Ago 2012.

TISKIEVICZ, F.. Perfil hormonal, marcadores imunológicos e atividade da doença em mulheres com lúpus eritematoso sistêmico, 2008. Tese de Mestrado da Faculdade de Medicina da Universidade Federal do Rio Grande do Sul. Programa de Pós-Graduação em Ciências Médicas: Endocrinologia.

UTIYAMA, S.R.R.; REASON, I.T.M.; KOTZE, L.M.S.. O sistema complemento nas doenças: genética e patogenia. The complement system in diseases: genetic and pathogeny. Revista Brasileira de Reumatologia, vol.44, nº 4, São Paulo, Jul/Ago, 2004. Disponível em: < http://www.scielo.br/scielo.php?script= sci_arttext&pid=S0482-50042004000400006 >. Acesso em: 7/7/14.

VILLAR, M. J. P., & SATO, E. I.. Estimando a incidência de lúpus eritematoso sistêmico em Natal/RN-Brasil. Comunicação apresentada na XVI Jornada Brasileira de Reumatologia e XIII Jornada do Cone-Sul de Reumatologia. Florianópolis, 2001.

WALLACE, D. et al. Tratamentos. Disponível em: <http://http://www.lupusonline.com. br/trata.asp>.  Acesso em: 14/3/9. S.d.

WEN, T. S.. Conceito sobre os mecanismos da Acupuntura. Acupuntura Clássica Chinesa, p. 14 – 16. Cultrix, 2006.

WANG, B.. Cap 27 – Zhou Bi. Princípios de Medicina Interna do Imperador Amarelo. P.: 638. São Paulo: Ícone, 2001.

WD, 29/4/11. Prevalence Statistics for Types of Connective tissue disorders. Disponível em: <http://www.wrongdiagnosis.com/c/connective_tissue_disorders /prevalence-types.htm>. Acesso em: 7/5/11.

YAMAMOTO, T., YAMAMOTO, H. e YAMAMOTO, M. M., 2007. Cap 6 . Diagnósticos Abdominal e Cervical da Nova Craniopuntura de Yamamoto. Diagnóstico Abdominal da Nova Craniopuntura de Yamamoto. P. 3, 6, 70, 71, 72, 80. Ed.: Roca.

YAMAMURA, Y. Pontos de Acupuntura. Cap.3. Acupuntura Tradicional: A Arte de Inserir, p. 39. São Paulo: Roca, 1995.

YAMAMURA, Y., Introdução. Cinco Movimentos, a Natureza e o Ser Humano; Cap 16. Diagnóstico. Acupuntura Tradicional: A Arte de Inserir, p. L, 181, 182. São Paulo: Roca, 1996.

APPENDICE – RIFERIMENTO ALLA NOTA A PIÈ DI PAGINA

3. N.Le.: Sebbene Yamamoto (2007:72) raccomandi l’uso di aghi monouso 25×40 mm, l’obiezione diretta al suo riutilizzo non viene fatta. Durante la ricerca, diverse volte gli aghi sono stati cambiati, se necessario e riutilizzati sono stati sterilizzati.

4. N.Le.: Nonostante l’indicazione di diverse forature sugli stessi punti (WANG, 2001) e Yamamoto raccomandano l’uso dell’onda pulsata, il ricercatore ha optato per l’onda continua. Questo perché il disagio causato da questo tipo di elettrostimolazione è stato grande e, inoltre, non ci sono prove che dimostrino l’inefficacia dell’onda costante per il caso.

[1] Acupuncture Specialist, accademico in Ingegneria della Produzione, laureato in Fisioterapia e anche in Amministrazione.

[2] Professore post-laurea e autore di diversi libri sulla medicina tradizionale cinese e Avelar dos Santos, medico osteopata ortomolecolare e supervisore laureato Lato Senso in agopuntura.

Inviato: Agosto 2020.

Approvato: Aprile 2021.

Specialista in Agopuntura, accademico in Ingegneria della Produzione, laureato in Fisioterapia e anche in Amministrazione.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here