condotta manageriale di infermiera nel reparto di terapia intensiva

0
397
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

SANTOS, José Ribeiro dos [1]

SANTOS, José Ribeiro dos. condotta manageriale di infermiera nel reparto di terapia intensiva. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 9. Anno 02, Vol. 01. pp 30-46, dicembre 2017. ISSN:2448-0959

sommario

I diversi livelli e la complessità delle cure fornite ai pazienti che necessitano l'infermiera, una competenza dirette per gestire le risorse fisiche, materiali e umane. L'infermiera è riconosciuto da parte del cliente, anche quando in attività di cura indirette, in quanto sovrintende il lavoro della sua squadra configurato come l'azione da fare, caratterizzata da cura diretta, l'assistenza indiretta e atti burocratici. A prescindere dalla carta, il cliente è l'oggetto di assistenza infermieristica in base al principio "ben curato". E 'la sua responsabilità di preparare la pianificazione dell'assistenza infermieristica. Lo scopo di questo studio è quello di discutere il processo generale relativo alla gestione delle risorse esercitato dalla infermiere professionale e la sua rilevanza all'interno di un reparto di terapia intensiva. I risultati mostrano che l'infermiera si è impegnata non solo alla gestione delle risorse umane, nella fornitura di cure, ma è anche la sua responsabilità di fornire e fornendo risorse materiali per meglio soddisfare le esigenze dei pazienti nella loro unità. Metodo utilizzato letteratura Integrativa. Così si conclude che l'infermiere è la parte fondamentale nel processo di gestione per la gestione dell'esecuzione efficiente, ma richiede una vista generico, sia situazioni avverse convincenti e manipolazione.

Parole chiave: Nurse Management, UTI, Abilità & Administration.

1. introduzione

I diversi livelli e la complessità delle cure fornite ai pazienti che necessitano l'infermiera, una competenza dirette per gestire le risorse fisiche, materiali e umane. Quando la cura per i pazienti in unità di terapia intensiva (ICU), il personale infermieristico si trova di fronte costantemente con la vita e la morte e binomiale a causa di caratteristiche tecnologiche e scientifiche, è richiesta la priorità di procedure tecniche di elevata complessità (Martins, et. al. 2009).

L'infermiera è riconosciuto da parte del cliente, anche quando in attività di cura indirette, in quanto sovrintende il lavoro della sua squadra. Si presenta come l'azione da fare, caratterizzata da cura diretta, l'assistenza indiretta e atti burocratici. A prescindere dalla carta, il cliente è l'oggetto di assistenza infermieristica in base al principio "ben curato". E 'la sua responsabilità di preparare la pianificazione dell'assistenza infermieristica.

Il piano si propone di fornire informazioni e dati per consentire di valutare le condizioni generali del paziente, l'orientamento del comportamento medico e infermieristico, l'interazione tra i servizi medici e infermieristici. Sebbene prevalgono lavoro frammentato, è una funzione dell'infermiere di coordinare, attuare e valutare attività di cura nonché implementare e utilizzare il processo di cura di prescrivere i passi da eseguire. Haag (2001). In altre parole, si prevede questa figura professionale per pianificare, organizzare e valutare il lavoro del personale infermieristico.

Il processo di gestione viene inserito nella trasformazione dell'informazione in decisioni generali, come la pratica, di gestire tali decisioni inseriti nel processo di esecuzione attuata dall'istituzione. Dato questo contesto, l'infermiera viene a esercitare la leadership, stabilire e definire i ruoli.  Mobilitare le risorse, ampliare le loro conoscenze e la partecipazione al processo di istruzione e ricerca. Il termine "gestione e competenza" non sono nuovi, Taylor (1970), era già attenzione alla necessità per le aziende di assumere lavoratori efficienti e competenti. Sulla base delle teorie di taylorista, selezione e formazione è necessario sottolineare che non è sufficiente solo per la formazione, è necessario monitorare, valutare e rivalutare questi lavoratori, ma è necessario fornire le condizioni in modo che i risultati attesi sono efficienti.

La competenza è definita come la capacità a causa di una profonda conoscenza qualcuno ha su un argomento. Sparrow e Bognanno (1994), quando si tratta con lo stesso argomento, si riferiscono ad un repertorio di atteggiamenti che consentono al professionista di adattarsi rapidamente ad un ambiente sempre meno stabile e avere un orientamento verso l'innovazione e l'apprendimento permanente. Secondo questi autori, competenze rappresentano atteggiamenti identificati come rilevanti per il raggiungimento di prestazioni elevate in un lavoro specifico nel corso di una carriera professionale o nel contesto di una strategia aziendale. Ci sono anche gli autori che definiscono la competenza non solo come un insieme di competenze che l'individuo detiene. Per loro, è anche necessario per mettere in pratica ciò che è noto, ad esempio, mobilitare e applicare tali competenze in un contesto specifico.

Gli studi di Barreto (2013) rivela che nella vista di infermieri, l'analisi delle relazioni ha indicato che gestiscono unità di terapia intensiva significa fornire assistenza al paziente, la somministrazione di assistenza infermieristica e gestire team di assistenza sanitaria. Che il processo di lavoro di cura, la gestione ha un ruolo unico, coordinando i vari mezzi di lavoro team infermieristico. (Gestire risorse materiali e umane).

Orientato al cliente nel loro processo di lavoro, che guida le sue azioni in base alla gravità del quadro clinico della clientela. unità di terapia intensiva sono risorse importanti per i pazienti gravemente malati o pazienti potenzialmente gravi che hanno bisogno di assistenza continua e specializzata.

In Brasile la prima unità di terapia intensiva sono stati installati negli anni '70, al fine di centralizzare le pazienti critici recuperabili nella zona ospedale con le risorse umane, attrezzature e materiali specifici diretti alla cura di questi pazienti. Miako, et al (2000).

È noto, tuttavia non v'è grande diversità tra ICU in relazione ai fondi strutturali. L'Unità di Terapia Intensiva (ICU) è specifico per il trattamento di gravi clienti che necessitano di un trattamento intensivo e senza interruzioni. Con l'accento sulla dinamica e le routine di unità di terapia intensiva, la cooperazione e l'interazione nella ricerca di comprensione e di essere capito, richiede sforzo e la conoscenza di sé tra i dipendenti del team su tutti i turni, la generazione o innescando cambiamenti nel processo comportamentale e atteggiamenti (Batista et al , 2007).

Infermieristica ha cercato una nuova configurazione, cercando di riorganizzarsi in un nuovo modello di assistenza, tuttavia continua a giocare all'interno della divisione tecnica del lavoro, separando le attività di gestione di quelle dirette alla cura direttamente al paziente. Queste dimensioni sono interdipendenti dal fatto che, per l'esposizione di una capacità, si presume che l'individuo conosce i principi e le tecniche specifiche.

Allo stesso modo, l'adozione di un comportamento sul posto di lavoro richiede la persona, spesso, l'arresto non solo di conoscenza ma anche di abilità e attitudini adeguate. Approcci come questi sembrano avere una più ampia accettazione sia in ospedale e nel mondo accademico, perché, al di là del livello individuale, il concetto di competenza vale anche per il team di lavoro e l'organizzazione nel suo complesso.

Sembra che la competenza e know-how, aggiunge valore e prestazioni superiori in compiti in cui entrambe le situazioni, l'ospedale stesso, una fonte di qualche preoccupazione e quando l'ambiente è l'unità di terapia intensiva, le cause maggiori aspettative dei pazienti e delle loro famiglie, che necessitano di una maggiore comprensione e comunicazione approccio assegnabile dall'infermiera professionale.

La vita del paziente in ospedale dipende dalle procedure diagnostiche e terapeutiche e la cura team di salute, e la qualità e la disponibilità come struttura fisica, risorse materiali, umane e finanziarie, e che sono l'onere di gestione di queste risorse è l'infermiera professionale (Veiga , 2000).

Nel corso del ventesimo secolo, la valutazione delle prestazioni ha le metodologie di controllo del tempo e del movimento per i processi che considerano il dipendente e il suo lavoro come parte di un contesto organizzativo e sociale più ampio. Diverse aziende hanno fatto ricorso all'utilizzo di modelli di gestione e di competenza.

Questi processi sono di stabilire obiettivi, traguardi e scadenze da conseguire nell'ambito della strategica adottata dalla infermiere responsabile della distribuzione dei compiti da svolgere dalla sua squadra. Per viene raggiunto l'obiettivo proposto dalla nutrice, abbiamo bisogno l'impegno di tutto il suo personale a causa di assistenza individuale e sistematica (Coelho, 2004).

Nella gestione dell'assistenza infermieristica, il cui obiettivo è una buona cura del cliente, l'infermiera è visto vicino al cliente, anche se non eseguire la cura diretta. Ci apprezzamento della pianificazione di prendersi cura di clienti critica e garantire condizioni di lavoro adeguate. (Baker, 2013).

La pianificazione della cura del paziente è infermieristica professionale privata, secondo COFEN 272-2002-risoluzione revocata con delibera n 358/2009 COFEN. Questa metodologia è uno strumento privato del processo di lavoro infermieristico, che permette lo sviluppo di azioni che modificano lo stato del processo di vita e la salute e la malattia degli individui. Pertanto, la sistematizzazione delle cure infermieristiche (SAE), consente di ottenere risultati per i quali l'infermiere è responsabile.

L'attuazione del SAE fornisce assistenza individualizzata, così come guida il processo decisionale di infermieri in situazioni di gestione del personale infermieristico ANDRADE, (2005). Sistematizzare la cura comporta l'uso di una metodologia di lavoro a terra scientificamente. Ciò si traduce nel consolidamento professione e visibilità alle azioni eseguite da infermieri e prevede sovvenzioni per lo sviluppo delle conoscenze tecniche e scientifiche.

L'infermiere deve avere una visione strategica e azioni pertinenti per gestire, possono delegare compiti ai dipendenti, cercando di essere onesti nei loro atteggiamenti, dal momento che l'infermiere è responsabile per la gestione della progettazione del processo di cura, dovrebbe creare meccanismi favorevoli per l'attuazione del le attività che sono state pianificate e realizzate.

L'adozione della classificazione consente l'utilizzo di un singolo, sistemi linguistici standardizzati, che favorisce il processo di comunicazione, la raccolta di dati per l'assistenza la pianificazione, lo sviluppo della ricerca, la formazione professionale e processi di apprendimento e, infine, conferisce scientifica cura. (Truppel, 2009).

Si osserva che la struttura fisica della unità di terapia intensiva, deve rispettare le norme tecniche e fornire un ambiente sicuro per i pazienti e multidisciplinare, contribuendo alla riduzione dello stress su tutto il carico di lavoro. (Santos et al, 2009).

Il processo di cura in terapia intensiva richiede dipendenti non solo competenze tecniche nelle procedure, ma richiede anche la conoscenza tecnica e operativa degli operatori sanitari. attrezzature per la movimentazione, essendo responsabile della formazione formazione e del personale, l'infermiera.

L'attuazione del strategica abilitare le regolazioni delle unità consentendo idee e dare autonomia ai dipendenti in modo che possano esprimersi e creare nuovi progetti per il miglioramento dell'assistenza infermieristica. (Oliveira et al., 2009).

Nel lavoro di infermiere dovrebbe intendere che, oltre alla cura degli individui ricoverati in ospedale sono fondamentali che queste esigenze sono soddisfatte, siano essi biologico, fisico, mentale o spirituale.

Prima della cure altamente specializzate e complesse che l'infermiera si sviluppa in un reparto di terapia intensiva, la sistematizzazione e l'organizzazione del loro lavoro e quindi il lavoro di team infermieristico, appare essenziale per la qualità delle cure, in modo efficiente e l'efficacia (Truppel, 2009).

Quando la cura per i pazienti in (ICU), il personale infermieristico si trovano ad affrontare costantemente le situazioni di vita e morte. In (ICU), nonostante i diversi livelli di complessità forniti ai clienti, ogni componente del team infermieristico ha distinto profilo professionale. Alcuni possono essere neolaureati con poca esperienza nel settore sanitario, altri hanno già competenze pratiche, ma non preparati per eseguire azioni di cura complessi, mentre gli altri professionisti sono già addestrati per effettuare gli interventi previsti dalla infermieri (Balsanelli 2009 ).

Studio condotto da Truppel descrive la SAE è implementata con tutte le sue fasi composte da elementi storici, la diagnosi, la prescrizione e l'evoluzione e si fonda sulla teoria della Wanda de Aguiar Horta (sviluppato dalla teoria della motivazione umana Maslow) e l'adozione NANDA tassonomia per identificare le diagnosi infermieristiche. Tuttavia nel suo studio finale, l'autore riporta che il trattamento prescritto da infermieri dovrebbe essere rivisto, attraverso studi per individuare le prescrizioni efficaci e che in realtà interferiscono con lo stato clinico del paziente (Truppel, 2009).

Le organizzazioni moderne hanno bisogno di meccanismi di valutazione delle prestazioni a vari livelli: il livello aziendale, la pianificazione, il monitoraggio. La valutazione limita la missione, la visione e l'obiettivo a cui accedere, e la sostenibilità dell'organizzazione come Risultato atteso (Oliveira et al, 2009).

Si tratta di investimenti necessari e la formazione di tutti i professionisti del reparto di terapia intensiva, impedendo così o addirittura riducendo al minimo le occorrenze iatrogene durante il servizio. Nella gestione, la competenza è stata definita come sapere come agire in modo responsabile e riconosciuto, che implica la mobilitazione, l'integrazione, trasmettere conoscenze e competenze che aggiungono valore economico per l'organizzazione e il valore.

Secondo Rika et. al. (2010), dal sociale, per l'individuo. Poi viene la necessità per la costruzione di competenze professionali si verifica nel contesto organizzativo, la formazione continua e la gestione delle risorse sia umane che materiali.

Tuttavia, secondo Fernandes et. al. (2003), la ricerca clienti per i prodotti e servizi di qualità, le crescenti progressi tecnologici in diverse aree, cambiamenti nei processi di lavoro, problemi finanziari, tra gli altri, sono fattori che sono esigenti aziende pubbliche e private adattamento rapido e costante cambiamenti e instabilità dei tempi. In questo contesto, si osserva che il comportamento del manager deve essere regolato prima che le esigenze contemporanee.

L'organizzazione del lavoro sulla base di team building "è stato certamente il modo più democratico, produttivo e umano per far funzionare la salute". Spagnol, (2002). La formazione, così come lo sviluppo del personale infermieristico, è giustificato dalla promozione della formazione tecnica specifica, l'acquisizione di nuovi concetti, atteggiamenti e visione critica dei problemi contemporanei, responsabilità sociale e la cooperazione all'interno e all'esterno del luogo di lavoro. proventi di cura che incorpora continuamente nuove tecnologie che deve essere invertita nella qualificazione dell'assistenza fornita. Anche se prevale in infermieristica una radice storica di autoritarismo, la centralizzazione delle decisioni e impersonalità nelle relazioni, presenti ancora oggi, è evidente che l'introduzione di nuovi approcci di gestione, a causa dei cambiamenti radicali in atto nella società, è manager di guida a cercare nuovi modi di organizzare il lavoro.

Secondo l'autore Fernandes (2003), questi nuovi approcci portano nella sua flessibilità scia di concetti, riducendo la gerarchia, il lavoro di squadra e decentramento del processo decisionale, che mira a soddisfazione dei clienti e dipendenti, così come la produttività e la responsabilità condivisa che essi dovrebbero essere previsto dai futuri manager.

Per quanto riguarda la pratica infermieristica professionale, è chiaro e mette in evidenza il valore della leadership, perché è attraverso questa figura professionale garantisce una buona gestione e il miglioramento della qualità delle cure infermieristiche (Santos, 2010). E 'chiaro che in molte istituzioni sanitarie governa anche i principi delle teorie classiche, centralizzando il potere decisionale su un gruppo selezionato di persone che il più delle volte sono disperse dai veri problemi che potrebbero verificarsi alla base.

Così, secondo Santos (2010), paradossalmente, i modelli di gestione più contemporanei, guidati da strutture flessibili, decentrate e legati alla responsabilità dei soggetti coinvolti, si dovrebbe pensare di meno intensamente in comunicazione verticale e principalmente in comunicazione orizzontale o laterale incoraggiare questo processo sia Interunit intraunidade.

Nel corso di questa traiettoria storica, con l'attuazione del NCS, con i cambiamenti strutturali che vanno oltre la competenza di assistenza e l'istruzione sono stati richiesti gestione delle competenze e di ricerca richiede lo sviluppo di competenze che aggiungono valore alla istituzione e gli individui che hanno contribuito ai risultati organizzativi (Fleury, 2004).

Per raggiungere il successo organizzativo nelle istituzioni, l'infermiere dovrebbe essere l'anello nella catena di comunicazione, in quanto è costantemente in contatto con il team multidisciplinare. Inoltre, il fallimento del processo di comunicazione è responsabile di innescare fattori che causano insoddisfazione nelle istituzioni sanitarie. Nella gestione persone competenze, alcune premesse essenze, concentrati sullo sviluppo delle persone nel processo, la riconciliazione tra l'azienda e il professionista. Un modello integrato e strategico, invece di composto di parti disgiunte insieme (Dutra, 2002).

Gli autori cita il processo di comunicazione come uno dei punti necessari per ottenere la gestione di successo nelle istituzioni sanitarie, sottolineando i vari contributi che la comunicazione chiara e adeguata è in grado di fornire le squadre. Quando il modello di gestione dell'ente si fonda sulla somministrazione di classico approccio comunicazione verticale, troncato e quindi inefficiente. Già quando adotta lo stile contemporaneo di gestione, una maggiore comunicazione è richiesta a tutti i livelli, cioè verticale e in orizzontale (Santos, 2010).

In questo contesto, cerchiamo di sottolineare la cura / assistenza come asse principale nel lavoro di cura, esplorando il campo di attività delle infermiere responsabile del reparto di terapia intensiva, cercando di identificare l'importanza / rilevanza essi attribuiscono alla fornitura di assistenza.

Anteriore che è stato esposto alla domanda è necessaria: qual è la rilevanza del infermiere professionale all'interno di un reparto di terapia intensiva? Quali sono le competenze necessarie per questa figura professionale nel processo di cura? E fino a che punto l'infermiera sarebbe disposto a esercitare la funzione di gestione competente? Discutiamo qui alcune domande pertinenti attribuiti alla infermiera professionale in unità di terapia intensiva.

L'obiettivo è quello di discutere il processo generale relativo alla gestione delle risorse esercitato dalla infermiere professionale e la sua rilevanza all'interno di un reparto di terapia intensiva.

2. MATERIALI E METODI

letteratura integrativo. Gli articoli sono stati cercati nel database on-line. Ogni rivista letteraria ha attraversato un processo sistematico di analisi e articoli sono stati selezionati inerenti alla materia, dopo la revoca di citazioni e poi BOOK REPORT, la cui descrizione è raggiunto gli obiettivi dello studio proposto.  45 documenti sono stati trovati, che copre il periodo dal 2000 al 2015, siamo stati selezionati questioni rilevanti per la materia.  I dati dell'indagine detenuti nelle fonti come ad esempio: (Lillà) Letteratura Americana Caraibi (SciELO) – Biblioteca Scientifica elettronico online (BIREME) Virtual Library of Medicine; Medical Analisi Letteratura e recupero Sistemi Online (MEDLINE) e dati di quanto segue: (COREN-SP) Nursing Council San Paolo DE regionale. Per la ricerca di questo lavoro sono stati utilizzati descrittori: terapia intensiva, infermieristica, Management & competenza. Usando gli articoli sopra descritti sono stati trovati 45 che erano disponibili in pieno. Inizialmente si è proceduto a verificare i titoli, autori e abstract, al fine di separare le pubblicazioni ripetute di seguito sono stati presi in giro tutte le pubblicazioni trovati e selezionati gli elementi inerenti alla materia. 22 articoli sono stati scartati in quanto adatti allo scopo e utilizzati per altre pubblicazioni per comporre questo studio.

3. Risultati e discussione

Tabella 1 – Caratterizzazione di articoli un anno dalla sua pubblicazione. Sao Paulo, 2016.

anno F %
2015 00 0.00
2014 00 0.00
2013 01 4.34
2012 00 0.00
2011 01 4.34
2010 02 8.69
2009 06 26.08
2008 02 8.69
2007 01 4.34
2006 00 0.00
2005 01 4.34
2004 02 8.69
2003 01 4.34
2002 02 8.69
2001 02 8.69
2000 02 8.69
totale 23 100

Fonte: dati elaborati dall'autore

Tabella 1 si può osservare come mostrato nella tabella di cui sopra che c'era instabilità negli anni 2000 al 2009 pubblicazioni, con un aumento importante pubblicazioni nel 2009, per un totale di 06 articoli pubblicati rappresentano una percentuale (26%).

Si può vedere che negli anni 2006, 2012, 2014 e 2015 non sono stati trovati articoli che rispecchiasse il tema in questione. Dal momento che gli anni 2000, 2001, 2002, 2004, 2008 e 2010, due pubblicazioni sono stati trovati in ogni anno, insieme formano un totale di 12 pubblicazioni, una percentuale di (52.17%).

E 'anche possibile osservare che gli anni di meno la pubblicazione sono stati gli anni 2003, 2005, 2007, 2011 e il 2013. È stato trovato un articolo che adatta lo studio abjetivo insieme aggiungere fino a un totale di 5 articoli, una percentuale (21,73%).

Tabella 2 – Caratterizzazione del campione argomenti di gestione trattati nella letteratura, San Paolo, 2016.

problemi di gestione n %
gestione 06 26.08
competenza 04 17.39
portare 03 13.04
carico di lavoro O3 13.04
SAE 03 13.04
comunicazione 01 4.34
educazione 01 4.34
amministrazione 02 8.69
totale 23 100

Fonte: dati elaborati dall'autore

A causa del gran numero di articolo in rapporto con la gestione, gli articoli di argomenti erano separati: capacità di gestione, la leadership, la gestione dei carichi di lavoro, la comunicazione,, sistematizzazione di Assistenza Infermieristica (SAE) e l'istruzione.

Si segnala che, fatto salvo il maggior numero di pubblicazioni sono state la gestione e la competenza, articoli di gestione del 6 sono stati trovati (n = 26,08%) e 4 articoli Racing (n = 17,39%). Si può vedere che i temi: leadership, il carico di lavoro e SAE, è stato trovato tre articoli per tema (n = 13.04%), aggiungere insieme nove articoli che rappresentano una percentuale (39,13%).

Già 0 tema in relazione con l'amministrazione, sono stati trovati due articoli (n = 8.69).  Secondo la tabella, i problemi educativi e di comunicazione sono stati trovati il ​​minor numero di pubblicazioni, un solo articolo ciascuna (n = 4,34%) insieme aggiungere fino a una percentuale di (8,68%).

Poiché la gestione si trova ad affrontare la somministrazione, sono stati anche recensione teorie di Taylor uno dei pilastri delle teorie classiche che guidano i compiti svolti da professionisti di cura nelle istituzioni sanitarie pubbliche e private in tutto il paese.

In questo contesto, le IVU diventano le unità che si concentrano le risorse umane e tecnologiche altamente specializzate che forniscono assistenza considerato il più complesso, sofisticato e costoso il sistema sanitario. Tra i vari metodi scientifici delle scienze infermieristiche, il processo di cura, il (SAE) si adatta agli obiettivi di assistenza, incontrando le dinamiche di interventi sistematici e interconnesse volte a assistenza per la salute umana.

L'infermiera questo impegno non solo per la gestione delle risorse umane, ma è anche la sua responsabilità di fornire e fornendo risorse materiali per meglio soddisfare le esigenze dei pazienti nella sua unità, il miglior manager costo è che capisce a fondo le operazioni e non che incontra solo i concetti relativi alla contabilità dei costi (Santos, 2009).

Un altro fattore importante in terapia intensiva è la gestione del tempo. Allocare tempo per le priorità di pianificazione e regolazione; Completare l'attività di priorità più alta, quando possibile e finire un compito prima di iniziare un altro; Stabilire nuove priorità basate sui restanti compiti e le nuove informazioni che è stato ricevuto. Tutto questo richiede tempo, richiede competenza e la capacità di pensare, analizzare i dati, visualizzare le alternative e prendere decisioni.

In modo che ci sia una discrepanza tra i compiti svolti dagli infermieri e delegate ad altri dipendenti, è necessario avere una corretta pianificazione delle attività, per i servizi di cura in terapia intensiva sono complesse, che richiedono una risposta immediata, vale a dire, esso comporta lo studio e l'utilizzo di fatti e di principi, il che richiede la conoscenza, l'immaginazione, il ragionamento, abilità e tecnica di ricerca (Gonçalves, 2001).

Nel corso del tempo, ad alta intensità di cura cura incorporato alcuni ruoli, azioni di assistenza intraprese da infermieri accanto alla più significativa di questi pazienti è quindi in aumento la partecipazione nel processo decisionale (Viana, 2011).

C'è stata una necessità per gli infermieri, oltre a trattare con il vostro team, sviluppare meccanismi e le competenze per gestire le attività che le sono attribuite. Oggi è possibile misurare le azioni degli infermieri e dei loro gruppi di lavoro in terapia intensiva del servizio messo a fuoco, con un servizio più da vicino le esigenze dei pazienti.

Tabella 3 – Distribuzione di articoli secondo i rispettivi magazzini. Sao Paulo, 2016

RIVISTE n %
Rev. USP School of Nursing 7 30.43
Rev. Enfergaem latinoamericano 6 26.08
Infermieristica Rev. brasiliano. 4 17.39
Journal of Business Administration. 1 4.34
Editore Artmed 1 4.34
Rev. brasiliano terapia intensiva. 1 4.34
U.F. Fluminense 1 4.34
Rev. Gaúcha infermieristica. 2 8.69
totale 23 100

Fonte: dati elaborati dall'autore

Secondo i dati presentati nella tabella sopra riportata, notiamo un marcato aumento in pubblicazioni sul Journal of Nursing Scuola un totale di 7 posti. Rappresenta una percentuale compresa (30.43%).

Poi, con 6 pubblicazioni, la Casa di Cura 'America Journal latina con (26.08%), seguito dal brasiliano Journal of Nursing di 4 articoli (17.39%).

In Infermieristica Gaucha Magazine trovato 2 messaggi (8.69%). E in riviste: Editore armati; Journal of Business Administration; Brasiliana ufficiale della terapia intensiva; Ufficiale Universidade Federal Fluminense ha trovato una pubblicazione in ogni rivista. (4,34%). Insieme aggiungere fino a un totale di 4 articoli, una percentuale di (17,36%).

Il carico di lavoro è un fattore che preoccupa i responsabili delle unità di terapia intensiva, è noto che l'eccesso carico di lavoro e sempre più complesse procedure richiedono maggiore attenzione da dipendenti. La ricerca mostra che i dipendenti stanchi sul carico compito è più probabilità di commettere errori rispetto a quelli che sono riposati. La sicurezza del paziente durante l'ospedale ha ricevuto una crescente attenzione sulla qualità e il minor rischio possibile al paziente con l'implementazione dei protocolli rischio cadute.

In Brasile, attraverso le Linee Guida Nazionali Curriculum (DCNS) per corsi di infermieristica di laurea in vigore, i tentativi di guidare alle competenze generali da raggiungere entro infermiere futuro, quali l'assistenza sanitaria, il processo decisionale, la comunicazione , la leadership, amministrazione e gestione e formazione continua.

Pensando a questo proposito, sono stati condotti studi sulla competenza professionale degli infermieri e si distingue indagine sulle competenze manageriali di cura legate alle aspettative del istituto di istruzione e mercato del lavoro. Nella letteratura, rileva l'importanza del ruolo dell'infermiere in unità di terapia intensiva, tuttavia, si osserva, il giorno dicotomia tra ciò che viene appreso durante la formazione e ciò che viene fatto in pratica. pratica infermieristica basata su prove scientifiche, la diffusione della ricerca in materia di assistenza infermieristica e la capacità di standardizzare la cura, per supervisionare il lavoro del personale infermieristico.

CONCLUSIONE

I dati di questo studio, si conclude che l'infermiere è la parte fondamentale nel processo di gestione per la gestione dell'esecuzione efficiente, ma richiede una vista generico, sia situazioni avverse convincenti e manipolazione.

Gli infermieri lavorano in un reparto di terapia intensiva (ICU) è caratterizzata da attività di cura e di gestione complessi che richiedono competenze tecniche e scientifiche, il cui processo decisionale e l'adozione di comportamenti sicuri sono direttamente legati alla vita e la morte delle persone. In questo contesto, è di fondamentale importanza per individuare le competenze di questi professionisti per sviluppare l'assistenza infermieristica altamente complessa, come è il caso di UTI.

La luce dell'incertezza del settore se il miglioramento continua, espansione della conoscenza, movimentazione di attrezzature e manodopera specializzata. È necessario sottolineare che, per una gestione efficiente, dovrebbe esserci condizioni favorevoli per la sua applicabilità.

L'infermiere assume il ruolo di supervisione del team infermieristico, indipendentemente dalla posizione, con l'educazione essendo una delle sue attività più rilevanti con il suo staff. Supervisione come processo educativo volto a motivare e guida per la tua squadra. I compiti e le responsabilità del infermiere è un professionista che si accumula ruoli e responsabilità, e il pieno svolgimento delle loro funzioni, può portare a una migliore e più veloce recupero dei pazienti.

La pratica professionale degli infermieri è guidato nel rapporto infermiere-paziente-famiglia-squadra interpersonale. L'uso della tecnologia sembra variabile tangente a questo rapporto, portando alcuni dubbi, insicurezze e le paure dei professionisti di tecnologia appropriata, per così dire incida negativamente sulla qualità delle cure. Ci sono prove che l'integrazione della tecnologia nella cura nulla rompe, dal momento che l'uso di queste risorse può migliorare la qualità delle cure. L'infermiere è in grado di appropriarsene per lo sviluppo di strategie di apprendimento permanente del team infermieristico e di correlare con gli indicatori di gestione e cura del gruppo.

RIFERIMENTI

Balsanelli, Alexandre Pazetto; Cunha, Isabel Cristina Kowal Olm; Whitaker, Iveth Yamaguchi. infermieri stili di leadership nel reparto di terapia intensiva: l'associazione al profilo con il profilo personale e professionale e il carico di lavoro ded. Latin American Journal of Nursing. 17 (1). Jan./fev.2009.

BARRETO MPV T Tonini, Aguiar BGC. la gestione dei clienti delle cure infermieristiche in terapia intensiva: analisi dei contenuti. In linea Nurs Braz [Internet]j. 2013 Otto[cited year mouth day]bre; 12 Suppl: 578-80. Disponibile da: http://www.objnursing.uff.br/index.php/ infermieristico / article / Vista / 4076.

BRAANDÃO Hugo Pena; Guimarães, Tommaso d'Aquino. dee gestione delle prestazioni competenza e gestione: tecnologie o strumenti distinti mesmmo consumo? Ufficiale delle società di gestione DDE REA. Ded Rio Janeiro. Mar./2001

CONIGLIO, Celso Dias. Oltre data óptticas restrittiva di voti: una visione di terapia intensiva. Rio de Janeiro s.n; p. 182, 2004.

Dutra, J.S. modello di gestione del personale: modelli, procecsos, tendenze e prospettive. Ed. Atlas. P.41-60 mar./2002.São Paolo.

FERNANDE, Marcia Simoni; Spagnol, Carla Aparecida; Trevizan, Maria Auxiliadora; Hayashida, Miyeko. La condotta gestione infermiera: uno studio basato sulle teorie amministrazione generale. Latin American Journal of Nursing Vol 11 No 2 Ribeirão Prreto. Mar./Apr. 2003

Figueiredo, M.R.B; Costa, S.C .; Schaurichd, D. Capire team infermieristico ded in unnidade terapia intensiva per adulti.  Port Alegrre, vol. 13 p. 575-80, 2009.

Fleury, A. MTL. Estratégicacs ed insegnamento competenza: Un puzzle caleidoscopico di industria brasiliana. 3rd Ed. Sao Paulo; Atlas / 2004

GONÇALVESS, L .; Padilha, fattori K. G. associati lavoro carico DDE unidaded terapia intensiva. Journal of Nursing USP 2.001.

MADUREIRA, Katie Romanno; Veiga, Kathy; Sant'Ana, Ana Flavia Mota .. gestione ttecnologia in terapia intensiva. Magazine latinoamericano Nursing ded. Vol 8 N. 6 Ribeirao Preto- sono Paulo dicembre / 2000.

MARTINS, Juliana Trevissan; Robazzi, Maria Lucia di Caarmo Cruz; Marziela, Maria Helena Palocci; Haddad, Maria do Carmo Lourenço. gestione infermieristica unità di terapia intensiva. Infermieristica Revvista Gaúchaa. 30 (1): 113-119. Marzo / 2009.

Miako, Kimura; Kaizumi, Maria Sumier; Martins, Luciana Monteiro Menddes. Caratterizzazione delle unità di terapia intensiva nella città di São Paulo. Magazine daa dde Scuola Infermieri USP. Vol.331 # 2, São Paulo / 2000.

Attività infermieristiche SCORE (NAS) come strumento per misurare il carico di lavoro infermieristico in terapia intensiva per adulti. Regina Maria Yatsue Conishi1, Raquel Rapone Gaidzinski. Rev Esc Enferm USP 2007; 41 (3): 346-54. www.ee.usp.br/reeusp/346.

OLIVEIRA, José Carlos; Prado, Claudia; Peres, Helena Helofsa Ciqueto.; Fernandes, Maria de Fátima; Latte, Maria Maadalena Januário. Grado di competenze manageriali in infermieristica laurea in prospettiva di un'università privata. Magazine USP School of Nursing Vol. 43 No. 2. Sao Paulo ddez./2009

OLIVEIRA, Naiara Cristina; Chaaves, Luciele Giorni Pedreschi. ofresources gestione dei materiali: il ruolo degli infermieri in un reparto di terapia intensiva. rivista rene; 10 (4): 19-27. Dicembre / 2009.

Rika, Miyahara Kobayshi. Latte, Maria Madalena Januário. Lo sviluppo di competenze professionali degli infermieri nei servizi. Journal of Nursing v. 63 n ° 2 Brasilia Marzo / 2010.

SANTOS, José Luis Guededs di; GAlert, Regina Stela; Limma, Maria Alice Dias da Silva. Revisione sistematica sobrer dimensione manageriale nel lavoro infermieristico negli ospedali. Revista Gaucha infermieristica. 30 (3); 525-552 set./2009.

SANTOS, Maria Claudia dos; Bernardes, Andrea. Comunicazione da parte del personale infermieristico e il rapporto con la gestione nelle istituzioni sanitarie. Rev. Gaúcha Enferm. (Online) Vol.31 No.2 Porto Alegre giugno 2010.

SILVA, S.C..; Padilha, unidaded K. G. Paradacrdio-respiratorio in terapia intensiva: una rassegna di iatrogênnicaas eventi durante la frequenza. Magazine USP School of Nursing. VOL. 34 n ° 4, St. Paul / 2000.

SOUZA, S.R.O.S; Silva, C.A; Mello, UM; Ferreia, C..N. idicadores qualità Aplicabilidadde: obiettivo in terapia intensiva. Nursing Journal of Brsileira. Del 2008.

SPAGNOL CA, Ferraz CA.Tendências e prospettive di amministrazione di cura: uno studio della Santa Casa de Belo Horizonte-MG. Rev Latino-am Enfermagem 2002 Gennaio / Febbraio.

Truppel, Thiago Christel; Meier, Marineli Joaquim; Calixto; Riciana Carmo; Peruzzo, Simone Aparecida; Crozeta ,; Karla. Sistematizzazione di assistenza infermieristica nel reparto di terapia intensiva. Journal of Nursing Vol. 62 No. 2 Brasíçia Mar./Apr. 2009.

[1] Master in Scienze della Formazione della Università Politecnica y Artistica Del Paraguay. Specialista in Dipartimento di Emergenza con l'accento sulla PHC, la Facoltà di Scienze Mediche di Santa Casa de São Paulo, specialista in Insegnamento Secondario Istruzione, tecnico ed Facoltà Superiore Associato Brasile. Bachelor of Nursing della University Paulista- UNIP. Laurea in Biologia presso l'Università Centro clarettiano. Attualmente è docente, professore dei corsi della Scuola Associato Brasile nei settori dell'istruzione e della sanità, professore tecnico / pedagogico presso la Scuola di Formazione G12 CEENPRO

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here