Cardiomiopatia non compressa: relazione del caso e proposta di sistematizzazione dell’assistenza infermieristica

0
9
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SCALIA, Luiza da Cruz [1], BRASILEIRO, Marislei Espíndula [2]

SCALIA, Luiza da Cruz. BRASILEIRO, Marislei Espíndula. Cardiomiopatia non compressa: relazione del caso e proposta di sistematizzazione dell’assistenza infermieristica. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 10, Vol. 13, pp. 53-62. nell’ottobre 2019. ISSN: 2448-0959

La cardiomiopatia non compressa (MCN) è un tipo di malformazione correlata a fattori genetici che possono provocare gravi cambiamenti emodinamici. Riportiamo il caso di un paziente a cui è stata inizialmente diagnosticata un’aritmia ed è stata trattata con amiodarone. Circa 2 anni dopo la diagnosi iniziale, la presenza di NCM attraverso una risonanza magnetica è stata confermata e la diagnosi di aritmia è stata esclusa. Il trattamento farmacologico è stato poi modificato in beta-bloccante, inibitore degli enzimi di conversione angiotensina (ACEI) e cumarinic. L’enfasi sui componenti cardiovascolari e respiratori è stata sottolineata nelle diagnosi infermieristiche. Sono stati proposti risultati e implementazioni che potrebbero migliorare il comfort fisico e familiare.

Parole chiave: cardiomiopatia non compressa, sistematizzazione dell’assistenza infermieristica.

1. INTRODUZIONE

La cardiomiopatia non compressa (NCM) è una malattia rara, che probabilmente è ancora sviluppata nella formazione di embrioni a causa di fattori genetici, in cui le trabeculation miocardiche si formano con recessi tra di loro e densità muscolare in due parti diverse. La malattia, quando sintomatica, può causare dispinnea, insufficienza cardiaca, dolore toracico e fibrillazione atriale cronica (ROSA et al, 2011). Secondo Martins et al (2018) l’incidenza della malattia nella popolazione è da 0,014 a 1,3%, colpendo gli individui di qualsiasi sesso e fascia di età.

MNC, spesso peggiora con casi di sistole e insufficienza diastole, e può provocare insufficienza cardiaca congestizia (FRIEDMANN, 2017). Considerando che un’unità di terapia intensiva (ICU) è un settore in cui vengono inseriti pazienti critici che richiedono un monitoraggio continuo e cure specializzate, è necessario considerare la possibilità di trattamento di NCM in una terapia intensiva, a seconda stadio della malattia.

Per prendersi cura di questi pazienti, gli infermieri utilizzano la sistematizzazione dell’assistenza infermieristica (SAE), che organizza il lavoro professionale per quanto riguarda il metodo, il personale e gli strumenti, rendendo possibile l’operatività del processo infermieristico. (COFEN, 2009)

Sempre secondo la risoluzione 358/2009 COFEN, il processo infermieristico (PE) è uno strumento metodico di lavoro del professionista infermieristico in cui l’assistenza è suddivisa in 5 fasi deliberate e sistematiche e che si riferiscono tra loro. Essi sono: raccolta di dati infermieristici (storia), diagnosi infermieristica, pianificazione infermieristica, attuazione e valutazione infermieristica. L’elesia dell’elesia di tutte le istituzioni pubbliche o private in cui si verifica l’assistenza infermieristica.

L’interesse a presentare il lavoro attuale è quello di fornire una maggiore conoscenza della malattia e facilitare la pratica dell’assistenza infermieristica, contribuendo a una migliore performance dei professionisti infermieri. Si ritiene che questa proposta di NcS sarà singolarmente diretta il servizio clienti, e sarà guidato da MNC.

2. GOL

L’obiettivo di questo lavoro è quello di proporre un’applicazione completa di SAE per il paziente menzionato nella relazione di caso di cardiomiopatia non compressa.

3. METODO

Il metodo selezionato consisteva in un rapporto di caso accessibile tramite ricerca avanzata sulla piattaforma Virtual Health Library (VHL), utilizzando i seguenti descrittori: rapporto del caso e malattia cardiaca. I filtri utilizzati sono stati: full text (disponibile), tipo di studio (caso report), lingua (portoghese) e anno di pubblicazione (dal 2013 in poi). Questa relazione di caso è stata selezionata perché è uno studio attuale e perché si avvicina a una malattia rara, consentendo così un aumento speciale della conoscenza.

Le relazioni sono la descrizione dettagliata dei casi clinici, contenente caratteristiche importanti sui segni del paziente, sui sintomi e altre caratteristiche e riportando le procedure terapeutiche utilizzate, nonché il caso denolacciato. Essi hanno una chiara indicazione in situazioni di malattie rare, per le quali sia la diagnosi che la terapia non sono chiaramente stabilite nella letteratura scientifica. (OLIVEIRA, VELARDE, SÁ, 2015, p. 236)

Pertanto, è stato effettuato l’accesso al rapporto riportato di seguito a un indirizzo di posta elettronica. [3]

4. RAPPORTO DI CASO

Si tratta di una paziente di 34 anni che, circa 10 anni fa, ha presentato ripetuti episodi di tachicardia associati alla precordialgia, ricevendo una diagnosi di aritmia e trattandosi con amiodarone.

Nove anni fa, è rimasta incinta e con 16 settimane di gestazione ha presentato tachicardia associata alla presincronizzazione, con esame fisico entro i limiti normali. In questo periodo non stavo usando antiaritmica. Ammessa al servizio di assistenza di emergenza di Ginecologia e Ostetricia, è stata ricoverata in ospedale e valutata da Cardiologia, ricevendo la dimissione dall’ospedale dopo pochi giorni con prescrizione di metoprolol da 25 mg.

Nella consultazione di routine, dopo il parto, il paziente si lamentava della precordialgia che persisteva per 18 mesi, presyncope, dispnea e sudorazione; anomalie non sono state osservate. In quel momento, mnc mnc è stato sospettato, essendo richiesto echodopplercardiogram, la cui conclusione era la seguente: funzione contrattile del ventricolo sinistro conservato e insufficienze mitrali e aortiche di grado discreto. Nei mesi successivi, in consultazione per la rivalutazione, il paziente si è lamentato nuovamente del dolore toracico associato alla dispnea. Poi, bisoprolol è stato prescritto 5 mg, mantenendo amiodarone 200 mg; inoltre, è stata riferita per la risonanza magnetica cardiaca al fine di confermare NCM e rimuovere la possibile displasia dal ventricolo destro.

Sei mesi dopo, l’ipotesi della displasia venttricale destra è stata esclusa e l’esistenza di NCM è stata confermata. Alla luce della diagnosi di NCM, il paziente ha avviato il follow-up attraverso test di imaging (ecocardiogramma e sistema Holter 24 ore su 24 ogni anno, associati a risonanza magnetica ricorrente (CMR) e alla seguente terapia farmacologica: beta-blocker (incisoilo 6,25 mg, sostituendo il bisoprolo con la persistenza della sintomatologia), l’inibitore dell’enzima di conversione angiotensina (ACEI) (enalapril 10 mg) e il cumarico (warfarin 5 mg), usato quotidianamente. Antiaritmica (amiodarone 200 mg) è stato sospeso a causa di anomalie nella funzione della tiroide.

Secondo l’ecocardiogramma, c’era progressione della malattia con peggioramento della frazione di espulsione, lieve disfunzione contrattile del ventricolo sinistro associata all’ipertensione arteriosa polmonare low-key e all’insufficienza valvolare tricuspida, oltre alle insufficienze preesistente mitrale e aortica. Tuttavia, l’ipertensione polmonare non è stata osservata nell’ultimo esame e c’è stato un leggero miglioramento della frazione di espulsione (EF-48%).

La più recente risonanza magnetica cardiaca presentava una dilatazione discreta del ventricolo sinistro, la funzione sistolica biventricolare conservata, una maggiore trabeculazione miocardiale del ventricolo sinistro, prevalentemente laterale basale e centrale diffusa Apicale.

5. PROPOSTA DI SISTEMATIZZAZIONE DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA

Diagnosi infermieristica – NANDAPianificazione – Risultati attesi – NOCInterventi infermieristici – NIC
Scambio di gas alterato caratterizzato da dispnea associato a squilibrio nel rapporto di ventilazione perfusione.Il paziente presenterà un miglioramento dello stato respiratorio.
  • Monitorare la frequenza, il ritmo, la profondità, lo sforzo nella respirazione e la saturazione di O2.
  • Istituto di ossigenoterapia a 2l/min in caso di disponea e/o SpO2< 96%.></ 96%.>
Diminuzione della produzione cardiaca legata alla tachicardia, dispnea e diminuzione della frazione di espulsione, associata ad alterazione della contrattilità.Il paziente presenterà una maggiore efficacia della pompa cardiaca e migliora lo stato cardiopolmonare
  • Valutare il dolore toracico per quanto riguarda la posizione, l’intensità e i fattori precipitanti.
  • Monitorare la tolleranza del paziente all’attività.
  • Guidare il paziente sull’importanza di informare immediatamente qualsiasi disagio nel torace.
  • Evitare situazioni che causano emozioni intense.
Modello respiratorio inefficace caratterizzato da dipnea legata al dolore.Il paziente presenterà un miglioramento nella ventilazione.
  • Monitorare il verificarsi di dispnea e gli eventi che migliorano o peggiorano.
Rischio di pressione sanguigna instabile associata a ipotiroidismo/ipertiroidismo.Il paziente manterrà la pressione sanguigna entro i parametri fisiologici.
  • Insegnare al paziente e alla famiglia a monitorare la frequenza respiratoria e la pressione sanguigna.
Rischio di compromissione della maternità associata a malattia fisica.Il paziente riceverà il sostegno della famiglia durante il trattamento.
  • Insegnare l’assistenza sanitaria e i piani di cura alla famiglia.
  • Determinare le esigenze di sostegno emotivo, fisico, psicosociale e spirituale del paziente e avviare misure per soddisfarle, se necessario.
Dolore cronico definito da auto-segnalazione delle caratteristiche del dolore associate al disturbo genetico.Il paziente sperimenterà una diminuzione del livello di dolore associato alla qualità del sonno.
  • Implementare misure di comfort come il massaggio e il posizionamento.
  • Aiuta a eliminare le situazioni stressanti prima di andare a dormire.
  • Adattare l’ambiente per promuovere il sonno.
Conforto alterato definito da sensazione di disagio associata a i sintomi legati alla malattia.Il paziente presenterà una diminuzione del livello di disagio.
  • Prestare attenzione immediata alle chiamate, tenendo sempre il campanello a portata di mano.
  • Creare un ambiente calmo e solidale.
  • Fornire risorse educative pertinenti e utili sul trattamento della malattia.
Rischio di motilità gastrointestinale disfunzionale associato all’agente farmaceutico.Il paziente presenterà una ridotta disfunzione di motilità gastrointestinale.
  • Guidare il paziente a registrare il colore, il volume, la frequenza, la consistenza delle feci.
Rischio di diminuzione della perfusione del tessuto cardiaco associato all’ipertensione.Il paziente manterrà segni vitali entro i parametri appropriati.
  • Monitorare e registrare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, la temperatura, il modello respiratorio e la saturazione di O2 di 4 ore e 4,4 ore.
  • Identificare le possibili cause di cambiamenti nei segni vitali.
  • Monitorare i volantini del cuore e registrare le modifiche.
Rischio di volume di liquidi carenti associati all’agente farmaceutico.Il paziente manterrà un volume di liquidi adeguato.
  • Guida l’uso di spazzolino da denti morbido per la cura orale.
  • Guidare il paziente e i familiari sui segni di sanguinamento e azioni appropriate.
  • Guidare il paziente per evitare aspirina o altri anticoagulanti.

Fonte: gli autori

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Alla fine dello studio è stato possibile rendersi conto che quando ci troviamo di fronte a un paziente cardiaco, è necessario un esame fisico dettagliato e un’anamnesi da parte dell’equipe infermieristica, considerando che sarà da queste informazioni che sarà stabilito il l’intervento necessario. L’attenzione e la comprensione dei dati raccolti sono estremamente importanti, perché in una malattia cardiaca, è probabile che si verifichino segni e sintomi non specifici e la capacità di associazione tra di loro è indispensabile.

L’obiettivo del presente studio è stato raggiunto, che era quello di elaborare una proposta di SAE per il caso clinico riportato, mirando a cure infermieristiche scientificamente basate che coinvolga il paziente e i suoi familiari in modo olistico. Si prevede di mettere in pratica il suggerimento di SAE in futuro.

7. RIFERIMENTI

ARAGÃO, J. et al. O perfil epidemiológico dos pacientes cardiopatias congênitas submetidos a cirurgia no Hospital do Coração. João Pessoa: Revista Brasileira de Ciências de Saúde, 2013. Disponível em: <http://periodicos.ufpb.br/ojs2/index.php/rbcs/article/view/13221>

BRASIL, Resolução COFEN-358/2009. Sistematização da Assistência de Enfermagem e a implementação do Processo de Enfermagem em ambientes, públicos ou privados, em que ocorre o cuidado profissional de Enfermagem. Disponível em: <http://www.cofen.gov.br/resoluo-cofen-3582009_4384.html>

BULECHEK, G. M; BUTCHER, H. K; DOCHTERMAN, J. M. NIC: Classificação das intervenções de enfermagem. Tradução de Soraya Imon de Oliveira et al. 5 ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2010.

FRIEDMANN, Antonio. Cardiomiopatia não compactada. São Paulo. 2018. Disponível em: <http://docs.bvsalud.org/biblioref/2018/04/882160/rdt_v23n1_15-18.pdf >

MARTINS, T; ARAKAKI, R; BONINI, R. Miocardiopatia não compactada: um relato de caso na região de Presidente Prudente. São Paulo: Revista da Sociedade de Cardiologia do Estado de São Paulo, 2017. Disponível em: <http://socesp.org.br/revista/edicao-atual/miocardiopatia-nao-compactada-um-relato-de-caso-na-regiao-de-presidente-prudente/67/63/>

MAGALHÃES, M. et al. Ventrículo esquerdo não compactado: causa rara de transplante cardíaco. Portugal: Revista Portuguesa de Cardiologia, 2016. Disponível em: <http://www.revportcardiol.org/pt-pdf-S0870255115002334>

MOORHEAD, S. et al. NOC: Classificação dos resultados de enfermagem. Tradução de Regina Machado Garcez et al. 4 ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2010.

NANDA INTERNATIONAL. Diagnósticos de enfermagem da NANDA-I: definições e classificação 2018-2020. Tradução de Regina Machado Garcez. Porto Alegre: Artmed, 2018.

OLIVEIRA, M; VELARDE, G; SÁ, R. Entendendo a pesquisa clínica V: relatos e séries de casos. Rio de Janeiro: Revista Femina – Febrasgo, 2015. Disponível em: <http://files.bvs.br/upload/S/0100-7254/2015/v43n5/a5320.pdf >

ROSA, L. et al. Miocardiopatia não compactada – uma visão atual. São Paulo: ABC Cardiol Journal, 2011. Disponível em: <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0066-782X2011000900021>

3. http://socesp.org.br/revista/edicao-atual/miocardiopatia-nao-compactada-um-relato-de-caso-na-regiao-de-presidente-prudente/67/63/.

[1] Specializzazione in terapia intensiva per adulti presso la Pontificia Università Cattolica di Goiàs; Laureato in Infermieristica presso la Pontificia Università Cattolica di Goiàs.

[2] Dottorato in Scienze della Salute presso l’Università Federale di Goiàs; Dottorato di ricerca in Scienze religionirie presso la Pontificia Università Cattolica di Goiàs; Laurea magistrale in infermieristica presso l’Università Federale di Minas Gerais; Specializzato in Pianificazione Educativa presso l’Università di Salgado de Oliveira; Laureato in Infermieristica presso l’Università Federale di Goiàs.

Inviato: Ottobre, 2019.

Approvato: ottobre 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here