REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

I processi di gruppo nel cinema: La parola ai giurati

RC: 118458
431
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO DI RECENSIONE

ABREU, Liliane Alcântara de [1], MELO, Natalia Sayuri [2], SOARES, Pamela Cristina [3], CYPRIANO, Nathalia Gonçalves Domingues [4], NUNES, Letícia Monteiro [5], SILVA, Gabriella Braga Dias da [6], HAERTHEL, Susan Mara [7], MENDES, Matheus Passos [8]

ABREU, Liliane Alcântara de. Et al. I processi di gruppo nel cinema: La parola ai giurati. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, ed. 01, vol. 05, pag. 94-130. Gennaio 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/processi-di-gruppo

RIEPILOGO

Questo articolo intendeva avvicinarsi e analizzare il film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957), basato su contributi teorici e tecniche differenziate per dinamiche di gruppo. In questo contesto, è stata sollevata la domanda guida: gli individui con specifiche differenze socioculturali e storicità divergenti collaborano agli sviluppi psicologici nei processi di gruppo? Pertanto, l’obiettivo generale era basato sulla comprensione delle diverse tecniche di dinamiche di gruppo e sulla loro applicabilità. L’ipotesi si basava sul presupposto che individui con storie antagoniste possono contribuire con le loro diverse esperienze all’applicabilità delle tecniche di dinamiche di gruppo e alla maturazione dei soggetti. Come metodologia, la ricerca è stata supportata dal principale punto di osservazione e analisi del film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957) e dal rapporto con la revisione teorica degli studiosi per riflettere e analizzare le loro influenze, sulla base del principio dei fondamenti storici, epistemologici e tecnici delle teorie sui gruppi. In questa prospettiva, è stato necessario riconoscere i processi psicologici e comportamentali nel contesto del gruppo e comprendere la natura dei gruppi attraverso i processi psicologici appartenenti al film. Di conseguenza e conclusioni, si è compreso che dall’intersezione delle teorizzazioni con le dinamiche presentate nel film, che, per quanto diverse possano essere queste prospettive, l’analisi dei gruppi parte dal presupposto che i processi di gruppo si trasformano dalle azioni degli individui , nonché le loro posizioni economiche e culturali.

Parole chiave: Cinema, Dinamica, Gruppi, Psicologia, Società.

1. INTRODUZIONE

Lo scopo di questo lavoro era di analizzare l’Arte ei processi delle dinamiche di gruppo. Pertanto, lo studio svolto nel primo semestre (da marzo a maggio) del 2021, ha tenuto conto degli studi di Kurt Lewin tramite Mailhiot (2013), Moreno tramite Russo (2010), Schutz (1979; 1989) e Pichon-Rivière (2009) dalla prospettiva del film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957).

In questo contesto, è stata sollevata la seguente domanda guida: individui con specifiche differenze socioculturali e storicità divergenti collaborano agli sviluppi psicologici nei processi di gruppo?

Pertanto, l’obiettivo generale era basato sulla comprensione delle diverse tecniche di dinamiche di gruppo e sulla loro applicabilità. Di conseguenza, gli obiettivi specifici sono stati estesi per comprendere le teorie e come ciascuno degli autori – Lewin, Schutz, Moreno, Pichon-Rivière – ha lavorato con i processi di gruppo; capire come le relazioni intergruppi discriminatorie e la storicità possono agire in una dinamica di gruppo, e trovare nel film un possibile intervento di ciascuno dei teorici.

Da ciò è stato possibile, quindi, osservare i segni comportamentali che costituiscono l’ipotesi per l’analisi dei soggetti coinvolti nella trama, e che si basava sul presupposto che individui con storie antagoniste possano contribuire con le loro diverse esperienze alla applicabilità delle tecniche di dinamica dei gruppi e maturazione dei soggetti. Da questo punto di vista, i dubbi iniziali sul film sono stati dissipati dalla stessa costruzione narrativa molto chiara.

Come metodologia, la ricerca si è basata sul principale punto di osservazione e analisi del film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957) e sull’indagine della revisione teorica di questi studiosi per riflettere e analizzare le loro influenze, sulla base di i principi dei fondamenti storici, epistemologici e tecnici delle teorie dei gruppi. Da questo punto di vista sono stati riconosciuti i processi psicologici e comportamentali nel contesto di gruppo e la comprensione della natura dei gruppi attraverso i processi psicologici propri del film.

Il gruppo di otto studenti è stato suddiviso in quattro sotto-team (con due membri per gruppo), ciascuno dei quali aveva il compito di osservare e analizzare attentamente un unico teorico, in modo che ogni percezione fosse esente dall’interferenza di altri autori, suddivisa in sessioni. Pertanto, la domanda iniziale su come il gruppo avrebbe identificato la metodologia dei teorici in questione in questo studio è stata semplificata. Ciò renderebbe più facile confrontarsi e discutere le loro pratiche.

Pertanto, quando ha iniziato l’analisi del film, il team di questo articolo si è concentrato non solo sull’effettiva teorizzazione inizialmente partita da Barreto (2014), e che permea le sessioni, ma ha anche cercato una base in vari autori e distribuito come segue:

Nella sezione 2 di questo articolo, che spiega i processi di gruppo in modo più ampio, la teoria includeva Aroldo Rodrigues, Eveline Assmar e Bernardo Jablonsky (2009), Silvia Lane (1989), Sueli Martins (2007), Maritza Montero (2010), Paulo Freire (2011). ), Emanuel Vieira e Verônica Ximenes (2008) e il breve sostegno di Ludimilla Teixeira e Liliane Abreu (2021). Inoltre, viene fatto un breve riassunto esplicativo sul contesto del film di Lumet (1957). Nella sezione 3, su Kurt Lewin, il supporto è stato trovato in Gérald Mailhiot (2013), citato anche nella sezione 2. Nella sessione 4, riferendosi a Moreno, il team si è affidato a Luis Russo (2010), Liliana Lima (2014) e Maria da Penha Nery e Maria Inês Conceição (2005). Nella sessione 5, William Schutz (1979; 1989) è stato sostenuto da lui stesso e da Linda Smircich e Gareth Morgan (1983). Nella sessione 6, Enrique Pichon-Rivière (2009) si è confermato. Infine, considerazioni finali chiudono questo articolo.

2. IL CINEMA E LE BASI DEI PROCESSI DI GRUPPO

In primo luogo, verrà presentato l’oggetto da analizzare. Il film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957) racconta la storia del processo in territorio statunitense di un portoricano di 18 anni accusato di aver brutalmente ucciso suo padre. Inoltre, è noto attraverso dodici giurati incaricati di emettere la sentenza definitiva all’imputato, che il ragazzo ha perso la madre all’età di 8 anni ed è stato allevato violentemente dal padre. Ogni giorno veniva picchiato e in una di quelle occasioni comprava un coltello, trascorreva molte ore fuori casa e quando tornava all’alba suo padre era stato ucciso con un’arma identica a quella che aveva acquistato. L’imputato non ha negato l’acquisizione e l’intenzionalità, ma confuta di aver ucciso il padre.

I giurati, isolati in una stanza piccola e calda, e che hanno fretta di andarsene da lì (non solo per il disagio, ma anche perché ansiosi di divertirsi, e anche di banalizzare l’intero processo decisionale), undici decise rapidamente che il giovane doveva essere condannato (il che porterebbe alla morte per il tipo di reato). Solo un giurato ha confutato la decisione, chiedendo al resto degli uomini di dare un’occhiata più da vicino ai fatti al di là di ciò che è stato loro presentato. Ciascuno dei personaggi è stato identificato come segue:

  • Giurato 1. Assistente allenatore (presidente);
  • Giurato 2. Bancario;
  • Giurato 3. Uomo d’affari dell’album che ha problemi con suo figlio;
  • Giurato 4. Broker di Wall Street;
  • Giurato 5. Uomo di umili origini, ma cresciuto socialmente;
  • Giurato 6. Operaio/pittore;
  • Giurato 7. Giocatore d’azzardo;
  • Giurato 8. Architetto (l’uomo in disaccordo con il verdetto di colpevolezza);
  • Giurato 9. Anziani;
  • Giurato 10. Uomo d’affari dei trasporti che ha avuto il raffreddore;
  • Giurato 11. Gioielliere di origine europea;
  • Giurato 12. Giovane pubblicista presuntuoso.

Alla luce di questo elenco, vale la pena notare che i dodici uomini erano di diversa origine e condizione sociale, ma tutti hanno cercato di presentarsi socialmente alla pari, ma, evidentemente, alcuni si sono distinti di più. Pertanto, l’agenda del pregiudizio e della discriminazione e il gioco di potere tra maggioranza psicologica e minoranza sono espliciti e presenti nell’analisi del film. Altro punto rilevante è stato il comportamento del giurato 8 affinché si verificassero le dinamiche di gruppo, e il cambio di pensiero di ciascun giurato fino a quando i dodici si fossero convinti che forse avrebbero condannato a morte un innocente. Sulla base di questi tre aspetti (pregiudizio e discriminazione, maggioranza e minoranze psicologiche e dinamiche di gruppo) questo lavoro è strutturato, poiché questa triangolazione è ciò che alimenta l’intera narrazione del film.

2.1 PREGIUDIZIO E DISCRIMINAZIONE

In un capitolo specifico su pregiudizi, stereotipi e discriminazioni, gli autori Rodrigues; Assmar e Jablonsky (2009) spiegano quali sono questi fattori di impatto sulle relazioni sociali e come funzionano.

Atteggiamenti e comportamenti sono concetti diversi per la psicologia sociale. Allo stesso modo, anche atteggiamenti e pensieri sono diversi. Gli atteggiamenti di una persona sono mutevoli, poiché possono studiare ed evolversi, producendo nuove comprensioni che cambiano il loro atteggiamento di fronte a varie posizioni. Pertanto, maggiore è l’interesse investito dalla persona per il contenuto attitudinale, maggiore è la corrispondenza tra atteggiamento e comportamento. (RODRIGUES; ASSMAR; JABLONSKY, 2009)

Gli atteggiamenti aiutano ad affrontare l’ambiente sociale e hanno diverse funzioni come consentire il raggiungimento di una ricompensa ed evitare la punizione; proteggi l’autostima e risparmiati da ansie e conflitti; aiuta a organizzare e assimilare informazioni complesse; permette di riflettere le proprie convinzioni e valori; stabilisce l’identità sociale. (RODRIGUES; ASSMAR; JABLONSKY, 2009)

Questi fattori innescano valori di natura teorica (con un’enfasi sugli aspetti razionali, critici, empirici e la ricerca della verità), valori estetici (riguardanti la bellezza, l’armonia e le forme), praticità (con un’enfasi sull’utilità e pragmatismo, predominio di natura economica), attività sociali (con un’enfasi sull’altruismo e la filantropia), potere (con un’enfasi sull’influenza, il dominio e l’esercizio del potere in varie sfere) e religione (con un’enfasi sul trascendente, mistico aspetti e la ricerca del senso della vita). (RODRIGUES; ASSMAR; JABLONSKY, 2009)

Dopo aver compreso che l’atteggiamento viene prima del comportamento e che gli atteggiamenti non sono la stessa cosa del pensiero, è possibile capire la differenza tra pregiudizio e discriminazione. Le cause del pregiudizio sono molteplici, ma si possono evidenziare le seguenti: (1) concorrenza e conflitti economici; (2) il ruolo dell’individuo su cui ricade tutta la colpa (popolarmente noto come il capro espiatorio) di fronte alla riduzione del potere d’acquisto, generando un senso di frustrazione. Le fluttuazioni economiche fanno sì che il gruppo di maggioranza incolpa la minoranza; (3) fattori di personalità; (4) cause sociali del pregiudizio: conformità con un gruppo di appartenenza, determinanti sociali, processi di apprendimento di gruppo di ripetizione del pregiudizio. (RODRIGUES; ASSMAR; JABLONSKY, 2009)

Qualsiasi atteggiamento ostile o negativo nei confronti di un particolare gruppo o target non porta necessariamente alla dimostrazione di pregiudizio. Secondo Rodrigues; Assmar e Jablonsky (2009), per Social Psychology, il pregiudizio è considerato un atteggiamento, mentre la base cognitiva è lo stereotipo. La persona ha un atteggiamento prevenuto e, se l’ambiente lo consente, avrà un comportamento discriminatorio. In altre parole, il comportamento è discriminazione e il pregiudizio è atteggiamento (e questo è a livello di pensiero).

2.2 MAGGIORANZA E MINORANZA PSICOLOGICA

Kurt Lewin (MAILHIOT, 2013) presenta una traiettoria teorica studiando le minoranze ebraiche nella seconda guerra mondiale, per poi espandere i suoi studi ad altri gruppi. Per questo motivo, ha sviluppato importanti ricerche nel campo della psicologia dei gruppi minoritari rispetto a quelli maggioritari, le dinamiche di questi gruppi. Pertanto, c’è una differenza di minoranza psicologica e maggioranza sia per la demografia che per la psicologia. I dati demografici parlano del numero di persone; quindi, quando dici che un gruppo è la maggioranza, avrai più soggetti nel gruppo. Tuttavia, le differenze nel campo psicologico sono indipendenti dal numero di persone, in quanto legate al potere.

Per Lewin (MAILHIOT, 2013), la maggioranza psicologica ha autonomia (non ha bisogno di un altro gruppo per esistere). La sua esistenza e il suo futuro non dipendono dagli altri, e proprio perché questa maggioranza psicologica ha status, potere e autonomia. La sua forza si basa sulla scienza della definizione del futuro collettivo (o di un soggetto). Inoltre, all’interno del gruppo di maggioranza psicologica c’è una minoranza privilegiata. Questo gruppo si riserva privilegi esclusivi che determinano cosa è appropriato e cosa non lo è.

La minoranza psicologica, invece, è sotto tutela, indipendentemente dal numero delle persone. Questi soggetti si percepiscono come beneficiari di minori diritti e devono lottare per ottenerli. È un gruppo che non ha autonomia ed è tollerato dalla maggioranza psicologica. Pertanto, ogni minoranza psicologica tende ad essere discriminata. Se non è stato discriminato, è probabile che lo sia (MAILHIOT, 2013). L’antisemitismo, il razzismo e il sessismo sono problemi sociali derivanti dai gruppi psicologici maggioritari e, affinché ciò avvenga, disumanizzano i gruppi psicologici minoritari attraverso il processo di diminuzione e giogo. Proprio per questo, quando la minoranza psicologica inizia a distinguersi, viene perseguitata.

Lewin (MAILHIOT, 2013) vede che il problema della minoranza psicologica è qualcosa di sociale, non individuale. Quanto prima un bambino di una minoranza psicologica conosce e comprende la loro origine, migliori saranno le condizioni che avrà per identificare le situazioni di discriminazione (e anche di pericolo) senza autoaccusa; senza assumere l’atto di depenalizzazione (TEIXEIRA; ABREU, 2021). È importante che sia consapevole di poter essere discriminata semplicemente perché fa parte di un gruppo minoritario e non per qualcosa che fa (o non fa). Questo perché il gruppo maggioritario tende a scegliere un capro espiatorio, cioè qualcuno da incolpare e quindi incanalare i propri sentimenti di frustrazione e irritabilità, e questo obiettivo si trova nei gruppi minoritari, non nei gruppi maggioritari.

Comprendere questo processo è importante, poiché porta al terzo studio di Lewin (MAILHIOT, 2013) sull’odio per se stessi, cioè l’odio del gruppo stesso (e di se stessi). In questo caso, l’odio verso se stessi crea una svalutazione del gruppo stesso. Queste persone non vogliono essere discriminate, ma vivono in relazioni discriminatorie tra i gruppi. È il movimento degli oppressi che cercano di essere accettati dall’oppressore, di diventare lo stesso oppressore e/o di credere che saranno al sicuro se acconsentiranno alle azioni di coloro che hanno una maggioranza psicologica. (TEIXEIRA; ABREU, 2021)

Quindi, l’odio verso se stessi e il gruppo stesso non è dovuto al fatto che hanno problemi psicologici, ma perché non vogliono far parte del gruppo discriminato. Stabiliscono il desiderio di partecipare e di integrare il gruppo privilegiato. Pertanto, lo sviluppo dell’odio per il gruppo di appartenenza, avviene per la certezza del loro futuro instabile e senza status. Pertanto, secondo Lewin (MAILHIOT, 2013), i gruppi sono suddivisi per strati. Le persone più vicine al centro sono più positive e chiamate centripete, valorizzando le tradizioni e la cultura del loro gruppo. Chi si trova alla fine di questi strati subisce una forza centrifuga, e quindi negativa.

Infine, in questa comprensione della maggioranza psicologica e delle minoranze, Lewin (MAILHIOT, 2013) si è reso conto che queste collettività sarebbero culminate in una delle tre possibilità:

  • Assimilazione: quando i gruppi di minoranze psicologiche vogliono dissolversi nel gruppo di maggioranza psicologica. Non vogliono che la differenziazione venga assorbita dal gruppo maggioritario;
  • Integrazione: cercano associazioni per avvicinarsi attraverso le somiglianze tra maggioranze e minoranze, ma il problema è che i tratti minoritari vengono cancellati;
  • Indipendenza: sarebbe l’unico vantaggioso, in quanto l’individuo non fa distinzione tra i gruppi.

In questo modo, per Lewin (MAILHIOT, 2013), il gruppo psicologico minoritario sopravvive solo nell’indipendenza, perché, nell’assimilazione, de-caratterizza la sua cultura a scapito della cultura della maggioranza. D’altra parte, nell’integrazione c’è una tendenza all’appropriazione culturale, cioè la maggioranza psicologica si appropria della cultura della minoranza. Pertanto, solo l’indipendenza e l’auto-riconoscimento (del sé e del gruppo) garantirebbe la sopravvivenza delle minoranze.

2.3 BREVE COMPRENSIONE DEI PROCESSI DI GRUPPO

Quando si pensa alla questione dei processi di gruppo, una serie di autori configura le proprie definizioni, quindi per ciascuno di essi la funzione di gruppo può variare. Dei quattro studiosi che sostengono questo articolo, si può citare rapidamente Lewin (MAILHIOT, 2013), che ha percepito un sistema di forze nella costituzione dei gruppi, e che, infine, avrebbe la funzione di definire i ruoli. Pichon-Rivière (BARRETO, 2014) intende la formazione di un gruppo come un insieme di individui connessi nel tempo e nello spazio, con una sorta di legame, che interagiscono attraverso ruoli. Oltre a questi autori, si possono citare anche Calderón e De Govia (a cui si farà riferimento in seguito attraverso LANE, 1989), e anche Martin-Baró (apud VIEIRA e XIMENES, 2008).

Quando si parla di processi di gruppo, e di fronte agli studi di Psicologia, è impossibile non citare il nome di Sílvia Lane (1989; MARTINS, 2007). L’autore si concentra su due premesse per discutere i processi di gruppo. Nella prima premessa si comprende che gruppi diversi possono avere punti in comune, anche con differenze nei loro processi storici, nelle determinazioni economiche e nelle determinazioni personali. Tutto ciò ricade sull’esistenza e sull’azione di ciascun gruppo.

La seconda premessa su cui riflette l’autore è che il gruppo stesso può essere inteso solo come un processo storico, perché cambia. Se l’identità del soggetto cambia, cambia anche l’identità del gruppo. Quindi, invece di riferirsi a un gruppo, si può fare riferimento a un processo di gruppo, poiché questo gruppo durante il suo processo storico viene trasformato dalle azioni degli individui, dalle pressioni (e determinazioni) economiche e culturali, e così via. L’individuo ha la sua identità modificata e altera anche quella degli altri, precipitando un terzo movimento, che è l’identità degli altri che riflettono sull’argomento. (LANE, 1989; MARTINS, 2007; TEIXEIRA; ABREU, 2021)

Le crisi nell’identificazione di gruppo determinano la ridefinizione del gruppo stesso. Calderon e De Govia (apud LANE, 1989, p. 80) definiscono un gruppo come “una relazione significativa tra due o più persone”, le cui azioni sono innescate per raggiungere gli obiettivi. Gli autori discutono il processo di gruppo per fasi e che questo processo di gruppo può essere modificato in base alle crisi, indipendentemente dal fatto che abbiano dimensioni diverse. Esiste quindi una relazione significativa tra due o più persone, nell’innescare azioni per la progettazione degli obiettivi. Tuttavia, ciò che accade nella costituzione dei gruppi (pensare di funzionare come dinamiche di gruppo) è che gli obiettivi individuali sono distinti dagli obiettivi di gruppo e la negoziazione di obiettivi individuali crea un conflitto. Il fatto è che gli individui generalmente non sono disposti a negoziare tra loro, tanto meno per il miglioramento dell’obiettivo del gruppo.

Lane (1989) afferma che gli individui hanno alcune fasi nel gruppo e classifica i gruppi in quattro tipi: gruppo agglutinato (c’è la presenza di un leader che propone azioni tacite distribuendo le funzioni dei membri del gruppo in attesa di soluzioni); il gruppo possessivo (il leader distribuisce e coordina le funzioni, chiedendo la partecipazione di tutti); il gruppo coercitivo (ha una funzione di coordinamento del leader, ei membri svolgono i compiti con indipendenza, sostegno e fiducia reciproca, tuttavia, di solito si chiudono agli altri dall’esterno); il gruppo indipendente (la leadership è ampiamente distribuita tra i membri e tutti gli individui hanno già autonomia e sono responsabili del gruppo e accoglie nuovi membri).

Lane (1989) afferma che ogni gruppo ha una funzione storica, e questa funzione può essere quella di mantenere o trasformare le relazioni sociali sviluppate come risultato dei rapporti di produzione. Allo stesso modo, l’autore ribadisce che la psicologia sociale considera che il soggetto non nasce sociale, ma diventa un membro della società, e la socializzazione primaria è questo processo di rendere l’individuo un membro della società.

Attraverso il processo di socializzazione primaria, il soggetto interiorizza una realtà che viene presa dal bambino come verità (non è una possibilità, è un mondo reale). Pertanto, l’autore suggerisce che lo psicologo socio-storico, quando effettua un’analisi dei gruppi, dovrebbe considerare l’analisi non solo a livello soggettivo, ma anche a livello oggettivo. A livello soggettivo (cioè dell’esperienza individuale), ognuno è libero; tutti credono di fare le scelte per se stessi; tutti pensano di capire la vita a modo loro. A livello oggettivo, le azioni e le scelte di questo soggetto implicano il modo in cui si relaziona con gli altri, che non è sempre coerente con l’aspetto soggettivo. Nelle relazioni di gruppo, le persone presentano discorsi a un livello soggettivo che non corrisponde necessariamente all’azione oggettiva che hanno. (LANE, 1989)

Gli autori su cui si basa lo studioso considerano il gruppo come una relazione significativa tra due o più persone che viene elaborata da azioni innescate per raggiungere obiettivi comuni. Un’altra cosa che sottolinea sono le mediazioni ideologiche che cadono sull’azione dei membri del gruppo.

Lane (1989) afferma che per comprendere una persona all’interno di un gruppo, è necessario analizzare sia la sua autorappresentazione (come racconta se stesso all’interno del gruppo), sia riconoscere la realtà oggettiva che comprime e spinge l’azione delle persone da i ruoli sociali ei presupposti di ciò che ci si aspetta che l’altro agisca. Questo processo di gruppo porta alcuni individui a non essere nemmeno in grado di dialogare tra loro, e per questo lo psicologo analizza i soggetti coinvolti considerando questi due livelli, quello soggettivo e quello della realtà oggettiva. È importante anche a livello oggettivo che si riproduca la relazione dominatore versus dominato, poiché è a livello oggettivo che possono emergere i processi di opposizione, negazione e/o contraddizione.

Un altro punto importante è la storia della vita di ogni membro del gruppo. Questo è di fondamentale importanza nell’analisi del processo di gruppo. Lane (1989, p. 85) è enfatico nell’affermare che “La storia di vita di ciascuno è resa presente dai modi concreti attraverso i quali la persona agisce, si colloca, si posiziona, si aliena, si perde o si riprende nel tempo. il processo”. L’autore afferma che gli psicologi devono valutare il livello di azione e interazione di gruppo, poiché è a livello di comportamento che le persone pongono relazioni di dominio, che esprimono l’umiliazione sociale degli altri, e, quindi, bisogna prestare attenzione all’azione delle persone .

Infine, Lane (1989) afferma che i ruoli sociali devono essere analizzati, come il ruolo di leader, poiché questo comportamento deve fluire tra i membri del gruppo e non può rimanere statico in un singolo individuo. L’autore si rende quindi conto che l’analisi del processo di gruppo non deve limitarsi all’apparenza e alla superficialità di come i membri si presentano, per non perdere la dinamica di questo processo di gruppo.

Lane (1989) e Martin-Baró (apud VIEIRA e XIMENES, 2008) riflettono sulla concezione del gruppo in termini storici e dialettici, considerando gli aspetti personali. Baró definisce anche un gruppo come una struttura di legami e relazioni umane che portano a bisogni individuali o collettivi. Pertanto, il termine coscientizzazione usato da Martin-Baró e la sua visione molto specifica del ruolo dello psicologo nella liberazione dell’individuo dagli aspetti dell’oppressione in America Latina, provengono da Paulo Freire (2011), e che accelera la comprensione che egli è un essere sociale (TEIXEIRA; ABREU, 2021). Dice: “[…] il processo di trasformazione personale e sociale che i latinoamericani oppressi sperimentano quando diventano alfabetizzati in dialettica con il loro mondo” (MARTIN-BARÓ, 1997, p. 15-16; apud VIEIRA e XIMENES, 2008, pag. 27).

Pertanto, per la proposta storico-sociale di Martin-Baró, lo psicologo sarebbe lo strumento e la guida fondamentale per aiutare questo soggetto a raggiungere la conoscenza di sé, a prendere la guida delle proprie scelte e, così, a cambiare non solo se stesso, ma anche il suo gruppo sociale: “non consiste in un semplice cambio di opinione sulla realtà, in un cambiamento della soggettività individuale che lascia intatta la situazione oggettiva: la consapevolezza implica un cambiamento nelle persone che stanno cambiando il loro rapporto con l’ambiente e, soprattutto , con il troppo”. (MARTIN-BARÓ, 1998, p. 147; apud VIEIRA e XIMENES, 2008; p. 27)

Vieira e Ximenes (2008) sottolineano che l’intero processo indicato da Baró è dialettico e dialogico, poiché implica cambiamenti negli abitanti del luogo servito (dialettica) e nello psicologo (dialogico), poiché quest’ultimo lascia la sua area tradizionale di conforto per affrontare altre realtà della vita. Inoltre, tutto questo meccanismo di sviluppo della consapevolezza si realizza solo attraverso il dialogo e di fronte al fatto che esistono altre realtà oltre a quelle che un individuo può presupporre: “il riflesso psichico risulta da una relazione, una reale interazione tra un soggetto materiale vivo, altamente organizzato, e la realtà che lo circonda” (LEONTIEV, 1978, p. 93; apud VIEIRA e XIMENES, 2008; p. 31). Questa posizione indicata da Baró, in un certo senso, ricorda la proposta di Lewin (MAILHIOT, 2013) nel contesto della ricerca-azione.

Martin-Baró (apud MONTERO, 2010; apud VIEIRA e XIMENES, 2008) espone la costruzione della consapevolezza psicopolitica proponendo l’applicazione nelle comunità e lo sviluppo di gruppi consapevoli e fortificati, essendo di fatto due aspetti che vanno di pari passo negli individui e nei gruppi che raggiungono sé stessi -conoscenza e di ciò che lo circonda. Ciò farebbe precipitare società evolute e proattive, con soggetti che abbandonano azioni e pensieri egoistici, e la comprensione di gruppo raggiunge la nozione di appartenenza e innesca il confronto dei problemi. (TEIXEIRA; ABREU, 2021)

Infine, in questo scambio attraverso le varie possibilità delle dinamiche di gruppo (e che quattro di esse verranno analizzate d’ora in poi), tutti ne beneficiano, poiché c’è un apprendimento differenziato, bilaterale, in cui ognuno si sviluppa.

3. KURT LEWIN

Nel capitolo “Da pesquisa-ação à dinâmica de grupos” nel lavoro di Mailhiot (2013), spiega che Lewin non credeva nella ricreazione di fenomeni psicologici nei laboratori, come ricreare un ambiente carcerario in un esperimento scolastico. Pertanto, la comprensione deve essere comparata con il fenomeno da una prospettiva più globale e preferibilmente sul campo, e non limitata al laboratorio.

La sua comprensione della ricerca-azione (ricerca e intervento) si basava sul fatto che il ricercatore non può essere un elemento neutro nell’osservazione, necessitando, quindi, di interagire, sperimentare, partecipare alla realtà di cui indagherà. Ciò sarebbe possibile grazie alla partecipazione attiva del ricercatore attraverso la ricerca partecipativa. Pertanto, Lewin (MAILHIOT, 2013) fissa due obiettivi congruenti per la ricerca dello psicologo: (1) deve fare una diagnosi; (2) deve scoprire le dinamiche del gruppo.

Lo psicologo agirà come un piccolo gruppo di testimoni. Assisterà alle dinamiche del gruppo, consentendo di fare una diagnosi dall’interno, non dall’esterno. Pertanto, secondo le dinamiche di gruppo concepite da Lewin (MAILHIOT, 2013), il professionista agirà come un atomo sociale radioattivo. L’atomo sociale radioattivo agisce solo quando il gruppo lo vuole, perché lo psicologo parteciperà a quella realtà diagnosticando la situazione e scoprendo le dinamiche del gruppo.

Lewin (MAILHIOT, 2013) presumeva che la portata di un singolo professionista non si limitasse al lavoro con tutte le persone. Pensò di formare persone formate in Psicologia, che replicassero e accogliessero nel loro micronucleo chi era loro vicino. Così, oltre a conoscere le persone ei gruppi con cui interagisce meglio, l’azione sarebbe ampia (dal micro al macro).

Lo psicologo può percepire che il gruppo è in un momento conformista, non vuole cambiare. In tal caso, non agirà come un atomo sociale radioattivo, poiché il gruppo si trova in una posizione conformista. Quindi, a seconda delle dinamiche del gruppo, l’atomo sociale radioattivo ha una portata. D’altra parte, nello stesso gruppo possono esserci membri sia conformisti che anticonformisti. I conformisti terranno di nascosto qualsiasi cambiamento. Cercheranno di reprimere sottilmente (portando dubbi e ostacoli), poiché non vogliono perdere eventuali privilegi, o il posto che occupano. Questi conformisti cercheranno di modificare il desiderio di cambiamento di chi lo vuole. Così, l’atomo sociale radioattivo inizia, ma tende a fallire, o ad essere più debole, a causa di questi soggetti che lavorano in opposizione. Quindi, secondo Lewin (MAILHIOT, 2013), nell’atomo sociale radioattivo ci sono complessivamente tre dinamiche: il gruppo dei conformisti; il gruppo dei conformisti e dei non conformisti; il gruppo di anticonformisti che vogliono il cambiamento.

In questo terzo gruppo possono esserci anche membri conformisti, ma poiché la maggior parte sono persone che vogliono il cambiamento, l’atomo sociale radioattivo riesce a irradiare nuovi atteggiamenti e nuovi comportamenti. Detto questo, Lewin (MAILHIOT, 2013) porta quattro ipotesi per le dinamiche di gruppo:

  1. Il gruppo è il campo socio-personale sicuro: se il gruppo non attribuisce alla persona lo status, questa si sente in un ambiente insicuro (e diventa ansioso e insicuro).
  2. Il gruppo è lo strumento per soddisfare i bisogni personali (appartenenza, amicizia, networking per il lavoro, acquisizione materiale).
  3. L’individuo appartiene al gruppo anche se si sente rifiutato.
  4. La quarta ipotesi è che il gruppo faccia parte dello spazio vitale della persona.

È da queste quattro ipotesi che Lewin (MAILHIOT, 2013) costruisce la sua nozione di adattamento sociale, che non è negativo. Pertanto, secondo questo autore, l’adattamento sociale è positivo, in quanto il soggetto è in grado di soddisfare i suoi desideri e obiettivi senza rompere con la funzionalità del gruppo. Pertanto, questo individuo riesce ad avere un equilibrio tra il desiderio individuale e la relazione sociale.

3.1 LA PROSPETTIVA DI GRUPPO DI LEWIN NEL CINEMA

Non è opportuno qui rifare la sinossi nella sua interezza, poiché è stato fatto in precedenza. Tuttavia, vale la pena sottolineare alcune questioni che erano rilevanti rispetto al lavoro di Lewin (MAILHIOT, 2013). Ma prima è necessario separare i giurati nei loro gruppi psicologici più forti, come mostrato nella tabella 1. Vale la pena ricordare che i dodici uomini della trama erano nello stesso status quo a causa del ruolo dei giurati in quel momento. Ognuno aveva il potere decisionale nelle proprie mani sul destino di un determinato soggetto.

Tabella 1: gruppi psicologici di giurati

Gruppo di maggioranza psicologica Gruppo di minoranze psicologiche
Giurato 4. Broker di Wall Street Giurato 1. Assistente allenatore (presidente)
Giurato 10. Uomo d’affari dei trasporti che ha avuto il raffreddore Giurato 2. Bancario
Giurato 12. Giovane pubblicista presuntuoso Giurato 3. Uomo d’affari dell’album che ha problemi con suo figlio
Giurato 5. Uomo di umili origini, ma cresciuto socialmente
Giurato 6. Operaio/pittore
Giurato 7. Giocatore d’azzardo
Giurato 9. Anziani
Giurato 11. Gioielliere di origine europea

Fonte: Gli autori (2021)

Il Giurato 8 (rappresentato dall’architetto dissenziente dal verdetto di colpevolezza) non sarà inserito in questa lista, in quanto era il peso decisivo per il cambio di opinione degli altri giurati. Il Giurato 3 viene inserito nella lista delle minoranze psicologiche per essere solo un piccolo imprenditore. È un lavoratore che è salito al potere, ma non è veramente potente dal punto di vista monetario, nonostante usi la sua forza e il suo potere per decidere la vita degli altri in un modo anche negligente. Ma questo personaggio sarà discusso ulteriormente in seguito.

Il dibattito per modificare i voti per scagionare l’imputato è teso e spesso tumultuoso, ma il Giurato 8 cerca sempre di suscitare dubbi, e questo era il punto: come condannare senza esserne sicuri?

I dodici uomini che prima non si conoscevano, iniziano a percepirsi l’un l’altro e dove si troverebbero socialmente collocati, anche in quell’ambiente di apparente uguaglianza. È in questo scenario che iniziano a emergere i fattori che dividono maggioranza psicologica e minoranze, insieme a posizioni cariche di pregiudizio e discriminazione. Così, dopo diverse controdeduzioni del giurato 8, chiede lo scrutinio segreto e dice che se uno degli undici uomini avesse votato l’imputato non colpevole, continuerebbero a discutere del cambio di voto. Se gli undici avessero votato colpevoli, cambierebbe il suo voto ugualmente in colpevole (poiché i dodici avrebbero dovuto votare all’unanimità). Fatto ciò, e con l’emergere di un secondo voto innocente, a 33:15 minuti dall’inizio del film, il giurato 5 è accusato di aver difeso quel tipo di persone da cui proveniva. In effetti, il voto di Minerva è stato del giurato 9.

Questo giurato 5 aveva un ruolo molto importante, poiché era l’unico di origine povera latina, ma secondo lui, dopo la sua ascesa, cercò di dimenticare il suo passato. Questo è analogo al terzo studio di Lewin (MAILHIOT, 2013) sull’odio per se stessi e la svalutazione di sé. La consapevolezza di poter essere discriminato, e il desiderio di partecipare e integrare il gruppo privilegiato, lo misero nella negazione di se stesso. Ad un certo momento, e di fronte al vedere che uno dei suoi, veramente uguale a lui, poteva essere indebitamente oppresso, e parallelamente, lui stesso veniva aggredito in quell’ambiente (nonostante la sua ascesa), la sua postura cambiò. Non solo è cambiato, ma ha aiutato a basare la conoscenza su una verità, ribaltando un’errata percezione.

Al minuto 56:12, il giurato 8 ricrea l’azione dal punto di vista di uno dei testimoni (un anziano zoppicante), con l’aiuto degli altri giurati. Con 1 ora e 14 minuti di film, ricrea anche il momento dell’accoltellamento (che secondo il rapporto, è stato fatto da cima a fondo, con la vittima circa 25 centimetri più alta dell’imputato). La simulazione inizia con il giurato 3 che mostra con rabbia che l’imputato era colpevole, anche se era minorenne. Il giurato 5 interviene e rivive la propria esperienza personale, uscendo dall’ombra della propria storicità, dimostrando che un coltello del genere (la molla) non verrebbe mai manipolato dall’alto verso il basso, ma dal basso verso l’alto subito dopo lo sparo, e addirittura a maggior ragione da qualcuno esperto di coltelli come la gioventù locale (e questo è stato il caso specifico dell’imputato).

L’intero processo di ricreazione si adatta alla teoria della ricerca-azione di Lewin (MAILHIOT, 2013). Il giurato 8, nonostante la rabbia di molti giurati (e notoriamente quelli irriducibili dalla maggioranza psicologica più il giurato 3), ha approfittato di questo malcontento portandoli a partecipare alle azioni. Ha raggiunto lo scopo di essere l’atomo sociale radioattivo di quello spazio, anche con la riluttanza di alcuni, ma, a poco a poco, portando altri alla riflessione.

Con 1h e 18 minuti di film si è manifestato il pregiudizio e la discriminazione del giurato 10, generando il comportamento unitario di disapprovazione di tutti gli altri soggetti. Quando si rese conto che nessun membro del gruppo gli dava voce, si ritirò incredulo, e questo lasciò il posto a uno dei discorsi più importanti del complotto del giurato 8:

É sempre difícil manter um preconceito pessoal fora de uma questão como esta. Sempre que se defronta com eles, ele esconderá a verdade. Sinceramente eu não sei qual é a verdade, e, também, acho que realmente nenhum de nós saberá. Nove de nós parecem achar que esse garoto é inocente, mas só estamos lidando com probabilidades. Podemos estar errados; podemos estar deixando um homem culpado ficar livre, eu não sei, e acho que ninguém sabe. Mas nós temos uma dúvida racional, e isto é uma coisa muito valiosa no nosso sistema. Nenhum júri pode declarar um homem culpado se não tiver certeza absoluta. Nós, os nove, não podemos entender como vocês três têm tanta certeza. (LUMET, 1957, 1:20:35)

Il comportamento discriminatorio del giurato 10 di fronte ai fattori di impatto sulle relazioni sociali corrobora gli studi di Rodrigues, Assmar e Jablonsky (2009). È stato interessante osservare che altri nel gruppo che avevano precedentemente acconsentito alla loro posizione all’inizio del film, in quel momento, e con il gruppo che già cambiava il loro modo di pensare prevenuto di fronte alla comprensione che le loro verità erano distorte, iniziarono a comportarsi in opposizione al giurato 10, anche i due che hanno comunque difeso la condanna dell’imputato.

Allo stesso modo, il giurato 4 è stato convinto dal giurato 9 a cambiare il suo voto in non colpevole, dopo essere stato confrontato con la propria esperienza di portatore di occhiali e ipovedenti. L’anziano (che fin dall’inizio ha sostenuto il giurato 8) ha seguito l’esempio dell’azione come atomo sociale radioattivo, portando l’intermediario reticente a riflettere da solo.

Le dinamiche di gruppo e la conduzione della riflessione stavano influenzando profondamente ogni uomo presente, anche perché il giurato 8 ha insistito nel provocare i pochi resistenti, finché ne è rimasto solo uno, il giurato 3:

Jurado 8: Queremos ouvir seus argumentos. Jurado 3: Eu já listei meus argumentos! Jurado 8: Não estamos convencidos. Queremos ouvir de novo. (LUMET, 1957, 1:29:53)

L’infuriato giurato 3, che stava cercando di condannare a tutti i costi l’imputato di 18 anni, ha confermato al momento di 1 ora e 32 minuti del film, che tutta la sua furia era solo una proiezione della sua relazione con suo figlio. Il contrasto tra il silenzio sepolcrale e gli sguardi del gruppo con la rabbia dell’uomo che strappa la foto del figlio, ha finito per mostrargli che la condanna dell’imputato era come se stesse condannando il proprio figlio. Era una vendetta sulla propria frustrazione di padre.

Nessuno degli autoconfronti sarebbe possibile senza lo scontro tra i soggetti del gruppo, senza lo scontro e la provocazione condotti dal giurato 8 per il confronto con se stessi, senza la ricreazione delle azioni del contesto processuale, ma, soprattutto tutto, se non ci fosse la partecipazione attiva di persone con esperienze reali che erano presenti e potevano fare la differenza con il proprio background.

4. JACOB MORENO

L’embrione dello Psicodramma Terapeutico di Jacob Levy Moreno (BARRETO, 2014) si è formato al Teatro da Espontaneidade nel 1922. Attraverso la messa in scena, il paziente, il gruppo o il protagonista possono far rivivere la propria creatività e spontaneità con attenzione alla risoluzione dei problemi. Ciò che ha fatto capire a Moreno il potere della messa in scena nel lavoro di gruppo è stato il caso Bárbara-George, quando un’attrice è riuscita a sfogare i suoi impulsi aggressivi usando la creatività (BARRETO, 2014). Secondo Liliana Lima (2014, p. 55-83), l’uomo per Moreno è relazionale ed è attraverso queste relazioni che ha strutturato la sua teoria.

4.1 LA PROSPETTIVA DI GRUPPO DI MORENO NEL CINEMA

Durante le scene del film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957), si possono osservare due delle grandi teorie di Moreno (BARRETO, 2014): lo psicodramma e il sociodramma. Sebbene entrambi siano molto vicini, sono linee diverse. Lo psicodramma sarebbe la drammatizzazione della psiche; è una terapia di gruppo in cui si lavora sul paziente e sui partecipanti mentre discutono di questioni inerenti alla propria vita. È comune utilizzare una particolare domanda dell’individuo e sperimentarla nel gruppo:

Psicodrama é a ciência que explora a verdade por meio de métodos dramáticos, e que lida com relações interpessoais e com mundos privados. Vale-se de cinco instrumentos: o palco, sujeito ou ator, diretor, equipe de ajudantes terapêuticos ou egos auxiliares e o público (sendo que cada instrumento tem uma função específica). (RUSSO, 2010, p. 180)

Secondo Russo (2010), il sociodramma è una teoria di gruppo che non si limita a un numero speciale di individui, ma può consistere in tutte le persone che vivono in un determinato luogo e in un determinato momento. Pertanto, considerando una questione sociale in modo più ampio rispetto allo psicodramma, e tenendo conto del momento in cui la questione venne dibattuta, questi due elementi della teoria di Moreno (BARRETO, 2014) possono essere osservati durante la durata del suo lavoro Lumet (1958). Lo si vede in un primo momento, quando si dibatte sul tema centrale del giudizio di colpa o meno. In una seconda parte, perché questa è legata alla sopravvivenza dell’imputato, cioè la vita dell’altro appartiene al giudizio del gruppo (una volta pronunciata la sentenza di colpevolezza, la condanna sarà la pena di morte). In un terzo momento, l’ambiente in cui si stabilisce la seduta e quali sono i fattori del contesto che richiedono questo giudizio. Russo (2010, p. 181) afferma: “L’uomo è un attore di ruolo, ogni individuo è caratterizzato da un insieme di ruoli che presiedono al suo comportamento, e ogni cultura è caratterizzata da un certo insieme di ruoli da essa imposti ai suoi membri. ”

Per quanto riguarda gli aspetti dello psicodramma, in cui la problematizzazione individuale e soggettiva sarà il punto principale, si osserva che ognuno porta un po’ delle proprie problematiche personali come problemi familiari e sentimenti come la nostalgia. In questo modo, la seduta di giudizio fa incrociare affettività, anche se involontariamente e spiegata da Russo (2010, p. 178): “(…) in generale, lo stesso principio vale per ogni situazione in cui una persona ha un tipo di personalità che richiede determinati tipi di persone, attraverso le quali le sue emozioni potrebbero trovare una forma adeguata di espressione”.

Per Nery e Conceição (2005), l’importanza della teoria di Moreno (BARRETO, 2014) nei processi di gruppo è la possibilità di comprendere attraverso l’azione e la comunicazione degli individui che partecipano al gruppo. Attraverso questa comprensione sorgono risoluzioni di conflitti che si sono cristallizzati grazie alla creatività e alla spontaneità che genera una catarsi. Parallelamente, Lima (2014) spiega che, cercando di fondare la sua teoria, Moreno ha creato il concetto di sociometria, successivamente incluso in un concetto chiamato socionomia, che mirava a misurare e indagare le relazioni interpersonali. Da quel momento in poi, la sua teoria è stata riformulata e altri professionisti l’hanno incorporata nelle pratiche terapeutiche e le hanno migliorate.

Nel film, il gruppo ha iniziato a prepararsi per l’azione quando tutti erano presenti nella stanza. La stanza può essere letta come l’ambientazione, che nella teoria di Moreno (BARRETO, 2014), è il luogo in cui si svolge l’azione drammatica ed è uno dei cinque strumenti della tecnica. In quel momento, sono tenuti a interagire per risolvere una controversia legale anche se alcuni inizialmente non desiderano partecipare al processo.

Per Lima (2014), il riscaldamento è una delle fasi dello Psicodramma in cui il gruppo si prepara all’azione e si delinea il protagonista. Per questo compare sulla scena il relatore del caso, giurato numero 1, che può essere spiegato come il regista di scena che, secondo questo autore, ha il compito di garantire l’ordine, essendo il terapeuta del gruppo e il protagonista . Nel film, questo personaggio inizia indicando la posizione di ciascuno nella stanza, chiedendo a tutti di collaborare e indicando che la sentenza del gruppo è essenziale per l’esecuzione o meno della sentenza dell’imputato. Mentre alcuni non erano d’accordo con la discussione approfondita del caso, tutti hanno deciso di mantenere i loro posti nella stanza.

È in questo momento che compare il protagonista del gruppo. Secondo Lima (2014, p. 69), l’importanza di questo personaggio è rappresentare le emozioni del gruppo, mettere in discussione l’azione e sintetizzare così in comune il progetto drammatico. Il Giurato 8, visto come il protagonista emergente, è l’unico che rifiuta di assecondare la mentalità della maggioranza, anche con le lamentele di alcuni. A questo punto, l’autore spiega che il riscaldamento specifico del protagonista avviene dove inizia a prepararsi per l’azione drammatica stessa. Fino a questo punto tutti cercavano di conoscersi, solo quando il protagonista si preparava a recitare sono emerse le drammatizzazioni del conflitto.

Il Giurato 8 inizia la sua azione elencando le ragioni per cui ritiene che l’imputato non sia colpevole, ma anche non innocente, concedendo così il beneficio del dubbio al giovane imputato. Dopo il suo intervento, in cui tutti sono preoccupati, il giurato 1 indica che la cosa migliore da fare è che tutti si mettano in gioco, indicando i motivi per cui hanno preso quella decisione. Per la teoria moreniana nel dramma, e sulla base del discorso di ciascuno, il gruppo potrebbe quindi cercare una soluzione al problema della divergenza convincendo il Giurato 8 che la decisione a maggioranza è la migliore. Lima (2014) sottolinea che la condivisione avverrebbe nel momento in cui il gruppo partecipa all’azione nella scena, quando ognuno espone i propri sentimenti e le proprie idee attraverso il dialogo. È importante che gli altri membri del gruppo partecipino e quindi abbiano una visione migliore dell’interrogatorio nel suo insieme.

Uno per uno inizia la sua teoria, fornendo ipotesi su cosa sarebbe potuto accadere al momento del crimine e per mostrare al Giurato 8 che la sua idea era sbagliata. Tuttavia, il Giurato 8 non rinuncia alla sua decisione. Si può notare che il protagonista è dotato di spontaneità, secondo la teoria di Moreno (BARRETO, 2014). Nery e Conceição (2005) spiegano che la spontaneità equivale a dare nuove risposte a un problema, funzionando come elemento costituzionale dell’uomo, ed è attraverso di essa che nasce tutta la produzione creativa. Ben presto, Giurato 8 contrasta le critiche mosse dai suoi colleghi con grande creatività, utilizzando anche elementi di scena per le sue spiegazioni. Inoltre, anche quando affrontato fisicamente, attraverso lotte più accese, cerca di uscire dalla situazione di conflitto mostrando un altro lato della situazione problematica. Pertanto, sebbene all’inizio abbia ancora dei dubbi sul processo, cerca le risposte in se stesso, attraverso mezzi creativi.

Lima (2014) spiega che la spontaneità favorisce un buon sviluppo umano, ma fattori ambientali e sociali fanno sì che questa caratteristica venga compromessa man mano che il soggetto si sviluppa nella società. Con ciò, la creatività viene cristallizzata (come congelata) dalla conservazione sociale. Moreno (BARRETO, 2014) chiama questo fenomeno Conservazione Culturale, in cui l’uomo non ha più la creatività e la spontaneità che si manifestano naturalmente nei momenti problematici. Il giurato 3 sarebbe un esempio di un personaggio preso dalla conserva culturale. Con severi valori sociali, ha cercato di allevare suo figlio allo stesso modo ed è stato da lui abbandonato a causa delle sue continue punizioni. Il suo atto creativo è stato cristallizzato e ripete solo ciò che ha sentito nella sua creazione conservatrice. Uno degli esempi potrebbe essere quando indica: “I bambini non sono più cresciuti come una volta” (LUMET, 1958). Con questo discorso intende dire che è meglio continuare la stessa forma di educazione rigida in cui è cresciuto, perché così si perpetuerebbe la cristallizzazione dell’istruzione sociale. Visto come l’antagonista, colui che cerca uno scontro costante con il protagonista, il Giurato 3 non rinuncia alla sua posizione cristallizzata, anche con l’emergere di nuove idee, dimostrando di essere preso dalla conservazione culturale.

Infine, Lima (2014) afferma che sarebbe attraverso la pratica psicodrammatica che la spontaneità potrebbe riemergere, mirando a recuperare l’uomo sensibile, geniale e creativo. Ed è ciò che il protagonista cerca di fare a poco a poco con i giurati che ritenevano colpevole l’imputato. Attraverso pratiche come la drammatizzazione, gli strumenti scenici e il dialogo, cerca di salvare la creatività e la sensibilità di ciascuno. L’importante non è che il giurato 8 influenzi gli altri a cambiare idea, ma che ciascuno ripensi la propria scelta e rifletta con la propria creatività.

5. WILLIAM C. SCHUTZ

Si può identificare nel lavoro di Schutz (1979), “O Prazer – expansão da consciência humana”, che nelle relazioni interpersonali ci sono tre bisogni interpersonali fondamentali che esistono in tutti i gruppi e che devono essere soddisfatti per l’evoluzione della relazione intergruppo verificare. Le aree dei bisogni interpersonali sono state chiamate inclusione, controllo e affetto/apertura, si verificano in questo ordine nello sviluppo dei gruppi, che verrà brevemente presentato di seguito.

Il comportamento di inclusione si riferisce all’associazione tra individui, all’essere parte, all’essere circondati da persone. Secondo l’autore, questa necessità di essere inclusa è evidenziata “come il desiderio di meritare considerazione e di attirare l’attenzione e l’interesse” (SCHUTZ, 1979, p. 101). L’inclusione è caratterizzata dalla ricerca dell’interazione con gli altri individui, dal desiderio di attenzione, riconoscimento, prestigio e interazione con la propria individualità. Durante il processo di formazione del gruppo, lo studioso afferma che la principale preoccupazione dell’individuo è se trasgredire o meno i limiti del gruppo, e se appartenervi o meno.

Il controllo del comportamento è correlato al processo decisionale tra persone, aree di potere, influenza e potere. Questo bisogno di potere può variare dal desiderio di potere e controllo sugli altri, al bisogno di essere controllati e di essere esentati da responsabilità. Questo comportamento si manifesta anche nelle persone che cercano di controllare – la manifestazione di indipendenza e rivolta è un esempio di mancanza di propensione al controllo, sottomissione e rispetto degli ordini che indicano i vari gradi di accettazione del controllo. (SCHUTZ, 1979; 1989)

Il comportamento affettivo riguarda i sentimenti emotivi intimi tra due individui e, secondo Schutz (1979), è una relazione duale, che avviene solo tra pari, a differenza delle relazioni inclusive che si verificano tra pari, o tra una persona e l’altra. Nei gruppi, secondo Schutz (1979, p. 103), “il comportamento affettivo è caratterizzato da dimostrazioni di amicizia e differenziazione tra i membri” e include la lotta per la leadership e la competizione. Questo comportamento è correlato a quanto l’individuo è disposto ad essere aperto con l’altro e può variare nel tempo, tra le persone e nelle relazioni. Pertanto, è costruito sulla base di legami più profondi, quindi di solito è l’ultima fase che emerge in una relazione tra persone o in un gruppo. (SCHUTZ, 1979; 1989).

5.1 LA PROSPETTIVA DI GRUPPO DI SCHUTZ NEL CINEMA

Il film “La parola ai giurati” (LUMET, 1957) presenta i fattori coinvolti nel processo di gruppo in un momento che sarà decisivo, mostrando come gli individui si avvicinano al gruppo e al processo decisionale, le loro esperienze di vita e i loro modelli storici condizionata. Evidenziando le differenze individuali dei soggetti, portando all’analisi dello stesso fatto da prospettive diverse.

Come già riportato in altre parti di questo articolo, dopo la pausa del processo, i dodici uomini che fanno parte della giuria vengono condotti in un’aula privata dell’aula per discutere del caso e decidere sulla sentenza del giovane imputato. In quel momento inizia la fase dell’inclusione chiamata da Schutz (1989). È possibile individuare l’inizio del processo nella formazione del gruppo responsabile della sentenza. I giudici si presentano, prendono posto e iniziano a parlare per organizzarsi a tavola.

Nella dimensione dell’inclusione, Schutz (1989) mostra che il comportamento è definito dal modo in cui l’individuo si sente riguardo a ciò che intende come persona. Così diventa una persona sub-sociale, ultra-sociale o sociale. È importante sottolineare che questa fase di inclusione non implica necessariamente che ci siano forti connessioni emotive o predominio in relazione agli altri, ma piuttosto un processo di formazione del gruppo.

  • Sub-sociale – Un individuo con questo tratto è introverso e chiuso. Sceglie di mantenere le distanze dagli altri per non mescolarsi, perché se lo facesse perderebbe la sua privacy. Vogliono inconsciamente che le persone prestino loro attenzione, ma la loro più grande paura è essere ignorati dalle persone e che non si avvicinano a loro, quindi li evitano;
  • Ultra sociale – Un individuo con questa caratteristica è estroverso, cerca compagnia e attenzione, ma vuole essere ricercato da loro. Ha paura di rimanere solo e di essere ignorato dalle persone e che non gli si avvicinino, ma il suo comportamento manifesto è diverso dal Sub social, va dietro alle persone per stabilire relazioni;
  • Sociale: gli individui con questa caratteristica non hanno problemi con l’interazione sociale. Sentirsi bene con o senza la presenza degli altri. Puoi partecipare molto o poco al gruppo, senza sentirti ansioso. Puoi essere molto impegnato e coinvolto nel gruppo, oppure puoi semplicemente evitarlo (se ritieni che sia meglio così). Sentono di avere il loro valore. (SCHUTZ, 1989)

Per una migliore comprensione di quanto sopra dal punto di vista dell’autore, i personaggi sono stati divisi (Tabella 2) in base a questi comportamenti osservati.

Tabella 2: Caratteristiche sociali degli individui nel gruppo di giuria.

Sub-sociale Ultra sociale Sociale
Giurato 2. Bancario.
Giurato 5. Uomo di umili origini.
Giurato 6. Operaio/Pittore.
Giurato 9. Anziani
Giurato 11. Gioielliere di origine europea.
Giurato 12. Giovane pubblicista presuntuoso.
Giurato 3. Imprenditore di album di ritagli.
Giurato 7. Giocatore d’azzardo.
Giurato 10. Imprenditore dei trasporti che ha avuto il raffreddore.
Giurato 1. Assistente allenatore (presidente).
Giurato 4. Broker di Wall Street Broker.
Giurato 8. Architetto (uomo in disaccordo con il verdetto di colpevolezza).

Fonte: Gli autori (2021)

Perché ci sia la formazione di un gruppo, è necessario che ci sia una somiglianza comune a tutti (SCHUTZ, 1989); in questo caso, il dovere di pronunciarsi sulla sentenza dell’imputato fa formare un gruppo di dodici giurati. Così, con 3 minuti di film è possibile individuare l’inizio del processo nella formazione del gruppo responsabile della sentenza. I giurati aiutano l’ufficiale a preparare la tavola e sistemare le sedie in modo che tutti possano sedersi. Sei secondi dopo, Giurato 7 offre gomme a Giurato 10, e poi Giurato 7 inizia a parlare con Giurato 2 del caldo della giornata, cercando l’interazione con gli altri membri per adattarsi al gruppo. A 5 minuti e 57 secondi, i giudici prendono posto per strutturarsi nel gruppo. Dopo essersi sistemati attorno al tavolo, il gruppo differenzia i ruoli e distribuisce il potere. Si stabilisce che il Giurato 1 sarà il presidente del consiglio.

Nella dimensione del controllo, per Schutz (1989), alla base del comportamento del controllo c’è la percezione della competenza. L’individuo si sente competente, ha la capacità di affrontare il mondo, soddisfare i propri desideri, mantenere il proprio lavoro e acquisire beni materiali. Diventare abdicare, autocrate o democratico. È importante sottolineare che il problema del controllo deve essere in alto o in basso. L’interazione primaria del controllo è il confronto, mentre il controllo dell’ansia/paura è l’essere incompetenti. (SCHUTZ, 1989)

  • Abdicare – Quando l’individuo abdica al potere, accettando una posizione subordinata, in cui non è necessario assumersi la responsabilità di prendere decisioni. Non esercita leadership, non controlla gli altri (anche se è a suo vantaggio). Non prende mai una decisione, preferisce trasmetterla all’altro perché la prenda perché si sente incapace;
  • Autocrate – Si riferisce all’individuo estremamente dominante, assetato di potere e competitivo. Questi hanno paura che gli altri non vengano influenzati da lui e, peggio ancora, che finiscano per influenzarlo. Non si sente in grado di prendere una decisione e per questo cerca di dimostrare di essere capace e con ciò finisce per assumersi un carico di responsabilità troppo grande;
  • Democratico – Questo individuo è a suo agio nel dare ordini, a seconda di ciò che è più appropriato per la situazione. Si sente competente e sicuro di sé e crede che le persone si fidino anche della sua capacità di prendere decisioni (SCHUTZ, 1989).

Per una migliore comprensione di quanto sopra, i caratteri sono stati divisi in base ai comportamenti osservati (Tabella 3).

Tabella 3: Caratteristiche di controllo degli individui nella giuria.

Abdicare Autocrate Democratico
Giurato 2. Bancario.
Giurato 5. Uomo di umili origini.
Giurato 6. Operaio/Pittore.
Giurato 9. Anziani
Giurato 11. Gioielliere di origine europea.
Giurato 12. Giovane pubblicista presuntuoso.
Giurato 3. Imprenditore di album di ritagli.
Giurato 7. Giocatore d’azzardo.
Giurato 10. Imprenditore dei trasporti che ha avuto il raffreddore.
Giurato 1. Assistente allenatore (presidente).
Giurato 8. Architetto (uomo in disaccordo con il verdetto di colpevolezza).

Fonte: Gli autori (2021)

A 8 minuti e 55 secondi dall’inizio del film, è possibile osservare il tentativo di controllo che il giurato 3 cerca di esercitare sul Giurato 8 (dopo che il Giurato 8 è l’unico che non è d’accordo con la sentenza dell’imputato votata da tutti i giurati), affermando che ha visto che l’imputato è colpevole e pericoloso, e su questo non ci sarebbero dubbi. Il comportamento di controllo si riferisce al processo decisionale tra le persone nell’area del potere, dell’influenza e dell’autorità. Può essere osservato anche in relazione a persone che cercano di controllare (SCHUTZ, 1989). Cioè, in questa scena c’è una disputa per il controllo/autorità dei giurati.

Per tutto il film è possibile osservare il tentativo di controllo esercitato dai giurati 3, 7 e 10, che cercano attivamente di convincere il giurato 8 a cambiare posizione di voto e conseguentemente condannare l’imputato. Dopo circa 14 minuti e 10 secondi dall’inizio del film, il giurato 8 inizia a esercitare il potere di controllo, mentre inizia a influenzare gli altri giurati con la sua percezione, che gradualmente diventano in dubbio e, infine, cambia il loro voto a favore del l’innocenza dell’imputato. Durante la fase di controllo, il comportamento di gruppo include la lotta per la leadership e la competizione. (SCHUTZ, 1989)

Il giurato 8 esercita il potere di leadership sugli altri membri del gruppo, in modo che le persone inizino a osservare il suo punto di vista e la sua postura e da quel momento in poi ne siano influenzate. Il leader ha la capacità di influenzare i significati e di conseguenza i valori degli altri. Questo tipo di comportamento aiuta a superare i conflitti, condizione essenziale per il buon funzionamento di una squadra, poiché l’interpretazione delle situazioni può portare anche i membri alla comprensione di una realtà comune. (SMIRCICH e MORGAN, 1982).

Secondo Schutz (1989), l’affetto è quando una persona è disposta ad essere aperta con l’altro, variando nel tempo tra gli individui e le relazioni. Pertanto, ci sono tre tipi di individui: il subpersonale, il superpersonale e il personale. È importante sottolineare che c’è bisogno di un legame affettivo nelle relazioni e di solito è l’ultima fase a manifestarsi nello sviluppo di una relazione umana o di un gruppo.

  • Subpersonale – L’individuo subpersonale, evita stretti legami con le altre persone, mantiene relazioni distanti e superficiali e si sente soddisfatto quando gli altri agiscono allo stesso modo con lui, mantenendo una distanza emotiva e non lasciandosi coinvolgere emotivamente. Temi di non essere amato e apprezzato dagli altri, trovi difficile apprezzare le altre persone e sei sospettoso dei sentimenti degli altri nei tuoi confronti. La tecnica della persona subpersonale è quella di essere superficialmente amichevoli con tutti, evitando di avvicinarsi a nessuno;
  • Superpersonale: l’individuo superpersonale diventa estremamente vicino agli altri e si aspetta che anche gli altri si avvicinano a loro. Allora diventi una persona cara per alleviare l’ansia di essere rifiutato e non voluto. Con questo, cerca di ottenere l’approvazione dell’altro, di essere estremamente personale, piacevole, intimo e degno di fiducia;
  • Personale – L’individuo personale, per essere ben risolto nelle sue relazioni affettive infantili, l’interazione con le altre persone non costituisce problemi. Ci si sente bene in una relazione intima e in una relazione che richiede distacco emotivo. Sa dare e ricevere affetto genuino. (SCHUTZ, 1989)

Per una migliore comprensione di quanto sopra, i caratteri sono stati divisi in base ai comportamenti osservati (Tabella 4).

Tabella 4: Caratteristiche affettive degli individui nel gruppo dei giurati.

Subpersonale Superpersonale Superpersonale
Giurato 3. Imprenditore di album di ritagli.
Giurato 4. Broker di Wall Street Broker.
Giurato 5. Uomo di umili origini.
Giurato 10. Imprenditore dei trasporti che ha avuto il raffreddore.
Giurato 11. Gioielliere di origine europea.
Giurato 7. Giocatore d’azzardo.
Giurato 12. Giovane pubblicista presuntuoso.
Giurato 1. Assistente allenatore (presidente).
Giurato 6. Operaio/Pittore.
Giurato 8. Architetto (uomo in disaccordo con il verdetto di colpevolezza).
Giurato 9. Anziani

Fonte: Gli autori (2021)

Alcuni membri del gruppo si sentono a proprio agio in qualsiasi situazione, calda o distante. Durante l’intero processo, il giurato 8 ha dovuto affrontare diverse critiche da parte degli altri giurati, per non essere stato a favore dell’accusa; tuttavia, sembrava stare bene in situazioni che accettavano le sue argomentazioni, anche quando erano state respinte. Come ricorda Schutz (1989), per l’individuo come persona è importante essere amati; ma se no, accetta quella relazione, non nel senso che è qualcuno incapace di essere amato.

Il giurato 11 è un uomo serio e tranquillo, che offre la sua opinione solo quando è pertinente o interroga gli altri giurati. Nella terza votazione, a 57 minuti e 38 secondi dall’inizio del film, quando gli viene chiesto dal giurato 3 del cambio di voto, afferma di non dover spiegazioni e di avere solo un ragionevole dubbio. Durante il film si osserva che il giurato 11 si è mostrato un individuo subpersonale, mantenendo le distanze dagli altri giurati e mantenendo relazioni superficiali, il che è analogo alle spiegazioni di Schutz (1989).

A 4 minuti e 40 secondi, il giurato 8 si differenzia dagli altri per essere isolato e guardare fuori dalla finestra, mostrandosi riflessivo. Quindi, il giurato 12 si avvicina e gli chiede cosa ne pensasse del processo, commentando che lo trovava interessante. A 6 minuti e 33 secondi, il giurato 11 chiede al giurato 12 “qual è stata la tua impressione del pubblico ministero” e il giurato 12 risponde che “è stato molto preciso, il modo in cui ha spiegato tutti i punti, in sequenza logica – i ragazzi sono molto intelligenti ” (LUMET, 1957). Quindi, tutti i giurati vengono chiamati dal relatore e si siedono al tavolo, è allora che il giurato 12 commenta l’impeccabile prestazione del giudice. Dopo la prima votazione, in cui il giurato 8 ritiene che il giovane sia innocente, il giurato 12 afferma che “forse è dovere del gruppo convincerti che abbiamo ragione e lui ha torto – se ognuno di noi prende un minuto o due per spiegare la nostra opinione, forse…”, ma allo stesso tempo ritira la sua posizione, dopo alcuni sguardi di disapprovazione e commenta “era solo un’idea” (LUMET, 1957, 00:12:40). Nella giuria si osservano 12 caratteristiche di un individuo superpersonale, in cui cercano di stare vicino a tutti per tutto il film. Usare il fatto di piacere come una tecnica diretta, e quindi cercare di conquistare l’approvazione degli altri ed essere piacevoli. (SCHUTZ, 1989)

6. PICHON-RIVIÈRE

Nato nel 1907 a Ginevra, Enrique J. Pichon-Rivière (2009) è stato uno psichiatra svizzero che ha dato un grande contributo alla comprensione dei gruppi. I pilastri dei suoi studi furono la psicologia sociale e la psicoanalisi, ma abbandonò gradualmente la psicoanalisi ortodossa per dedicarsi a un nuovo approccio epistemologico che lo portò alla Psicologia Sociale. Da ciò inaugurò una forma di intervento sui gruppi, venendo così considerato da molti autori l’ideatore della teoria e della tecnica dei gruppi operativi.

6.1 LA PROSPETTIVA DI GRUPPO DI PICHON-RIVIÈRE NEL CINEMA

Per Pichon-Rivière (2009), la psicologia sociale è una scienza delle interazioni sociali con l’obiettivo del cambiamento sociale in modo pianificato:

Se não for assim, não tem sentido, e todos os seus esforços levariam a um sentimento de impotência, como resultante das contradições quanto a seu aspecto operacional. É um artesanato, no sentido mais amplo da palavra, que tanto forma os elementos da mudança como prepara o campo no qual se vai atuar. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 169-170)

In questo senso, l’approccio può seguire due direzioni: (1) psicologia sociale accademica, che si occupa principalmente delle tecniche e dei loro problemi o delle possibilità di cambiamento. (2) Praxis, dove, secondo l’autore, emerge l’obiettivo centrale, finalizzato allo strumentale e operativo in maniera più reale, non essendo, quindi, chiuso in un cerchio, ma in un continuo riscontro di teoria, attraverso il confronto con la pratica e viceversa. In questo senso si stabilisce una marcia a spirale, che permette gradualmente alla mente di costruire una strategia che struttura il cambiamento atteso. (PICHON-RIVIÈRE, 2009)

Secondo l’autore, da questa visione della prassi, è possibile creare un unico strumento, qui chiamato ECRO – Schema Concettuale, Referenziale e Operativo, che è orientato all’apprendimento da un compito.

Esse conjunto estrutural e genético permite-nos a compreensão horizontal (a totalidade comunitária) e vertical (o indivíduo nela inserido) de uma sociedade em permanente situação de mudança e dos problemas de adaptação do indivíduo a seu meio. Como instrumento, é o que permite planejar um manejo das relações com a natureza e seus conteúdos, nas quais o sujeito se modifica a si mesmo e modifica o mundo, num constante interjogo dialético. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 171)

Pertanto, ECRO è strumentale e operativo, in quanto applicabile a qualsiasi settore e compito di ricerca, essendo molto importante nel gruppo operativo. Un gruppo operativo non è altro che un gruppo esplicitamente focalizzato su un compito. In questo senso, è l’intero insieme di persone, che sono legate da costanti di spazio e di tempo, sono esplicitamente e implicitamente nell’esecuzione di un compito (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Relativamente al film La parola ai giurati (LUMET, 1957), è possibile percepire in questo senso la presenza di un gruppo operativo dal punto di vista dell’autore.

Analizzando la composizione di questo gruppo dal punto di vista della pratica dello studioso, la struttura e la funzione di un gruppo sono date dall’interazione di attribuzione e assunzione di ruoli. Cita (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 173): “Rappresentano modelli di comportamento corrispondenti alla posizione degli individui in questa rete di interazioni e sono legati alle proprie aspettative ea quelle degli altri membri del gruppo”.

All’inizio del film, la decisione del protagonista, Juror 8, ha causato grande disagio nel gruppo. Alcuni risero, mentre altri lo fissarono. Altri cominciarono a fare domande ea lamentarsi ad alta voce. L’intero gruppo in quel momento si voltò per cercare di cambiare il parere del giurato 8, che era contrario agli altri. A questo punto è possibile tracciare un parallelo con quanto evidenziato da Pichon-Rivière (2009) sul compito, quando cita i modelli stereotipati che rendono difficile l’apprendimento e la comunicazione del gruppo, rendendoli un ostacolo alla situazione di modificare.

Assim, a tarefa consiste na elaboração de duas ansiedades básicas: medo da perda (ansiedade depressiva) das estruturas existentes e medo do ataque (ansiedade paranóide) na nova situação, provindo essa última de novas estruturas nas quais o sujeito se sente inseguro por carência de instrumentação. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 173)

Queste due ansie, secondo l’autore, convivono e cooperano, configurando la situazione di resistenza al cambiamento. E questa resistenza è ciò che il gruppo operativo deve superare, in un processo di chiarificazione che va dall’esplicito all’implicito. È possibile illustrare questa dinamica con un cono rovesciato (Figura 1):

Figura 1 – Rappresentazione grafica dell’operazione correttiva in Cono Invertito.

Rappresentazione grafica dell'operazione correttiva in Cono Invertito
Fonte: (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 278)

Nel film è possibile percepire queste due ansie. I giurati che hanno votato l’imputato colpevole consideravano il giurato 8 un pazzo. Le domande rivolte al protagonista erano un misto di rabbia, paura e insicurezza. Pichon-Rivière (2009) afferma che nel gruppo operativo ci sono ruoli che i membri assumono importanti per lo svolgimento del compito, e che verranno descritti di seguito:

Il portavoce: il portavoce del gruppo è il membro che dice qualcosa che diventa il segno di un processo di gruppo che, fino a un certo momento, è rimasto latente, come se fosse nascosto nella totalità del gruppo. In questo senso va decodificato e tolto l’aspetto implicito (PICHON-RIVIÈRE, 2009). In questo ruolo, si può affermare che il giurato 8, nel sollevare la questione dell’innocenza del giovane accusato, costringe il gruppo ad affrontare il compito esplicito in modo critico, tralasciando gli stereotipi di ciascuno.

Il coordinatore: il coordinatore svolge il ruolo di intervenire e aiutare i membri del gruppo a riflettere, attraversando l’ostacolo epistemologico, configurato dalle ansie di base. Opera nel campo del compito e delle difficoltà delle reti di comunicazione, orientando sempre il gruppo verso il compito comune (PICHON-RIVIÈRE, 2009). In questo modo, il giurato 1 (il presidente) illustra bene questo ruolo durante tutto il film, poiché diventa responsabile dell’organizzazione delle votazioni, dirigendo sempre i giurati ad essere attenti al compito, ascoltando tutti e intervenendo in momenti specifici.

L’osservatore: l’osservatore di solito non è un partecipante e il suo ruolo è quello di raccogliere tutto il materiale, espresso verbalmente e pre-verbalmente nel gruppo. Ha lo scopo di fornire un feedback al coordinatore nel riadattamento delle tecniche di guida (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Si può considerare il rappresentante che si trova fuori dalla stanza, come un ruolo simile all’osservatore, poiché non partecipa al gruppo, ma aiuta portando le prove che il coordinatore (giuria 1) richiede durante il compito.

Il capro espiatorio: il capro espiatorio è un membro del gruppo che finisce per ottenere tutti gli aspetti negativi del gruppo o del compito. Appaiono così i meccanismi di segregazione (PICHON-RIVIÈRE, 2009). In certi momenti, il giurato 3 è diventato il capro espiatorio del gruppo, essendo l’ultimo a cambiare il suo voto, e anche perché era estremamente concentrato sul suo ECRO individuale. Ma, per tutto il film, altri giurati hanno assunto questo ruolo per un periodo, come ad esempio il giurato 10, che parlando di queste persone, riferendosi ai residenti della periferia, è stato lasciato solo e ignorato dagli altri che se ne sono andati come forma di protesta.

Il leader: il leader, a differenza del capro espiatorio, è il membro che riceve tutti gli aspetti positivi del gruppo e del compito (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Si può dire che il protagonista (giurato 8), anche per tutto il film, abbia assunto il ruolo di capofila, al punto da poter far cambiare voto a tutti gli undici giurati guadagnandosi l’attenzione e la credibilità di ciascuno, portandoli a mettere in discussione le certezze del caso.

È importante sottolineare che il ruolo del capro espiatorio e del leader sono legati proprio perché il primo appare come un modo per preservare la leadership e attraverso un processo di dissociazione necessario al gruppo nel compito di discriminazione. Pertanto, dall’osservazione di alcuni fenomeni di gruppo, Pichon-Rivière (2009), costruisce una scala di valutazione di base, dovuta alla classificazione dei modelli di comportamento di gruppo (Figura 2).

Figura 2 – Rappresentazione grafica dello Schema del Cono Invertito.

Rappresentazione grafica dello Schema del Cono Invertito.
Fonte: (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 268)

Affiliazione o identificazione (Afiliação): il soggetto mantiene una certa distanza, senza essere completamente incluso nel gruppo questo primo momento si trasforma poi in appartenenza (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Questo si osserva quando tutti i giurati all’inizio del film finiscono per rappresentare il vettore di affiliazione, non volendo discutere del caso e cercando di finire rapidamente il compito. Un esempio è il giurato 5, che, quando è stato il suo turno di spiegare perché riteneva colpevole l’imputato, ha chiesto di saltare il suo turno, non volendo essere incluso nella discussione.

Appartenenza (Pertença): è il sentimento di appartenenza al gruppo, alla squadra, in cui si vede che c’è una maggiore identificazione con i processi del gruppo e il suo compito è svolto con maggiore intensità. C’è un senso di sicurezza che favorisce il compito. (PICHON-RIVIÈRE, 2009)

Cooperazione (Cooperação): è l’elemento che esprime il modo in cui i membri del gruppo acquisiscono, attraverso la cooperazione, la stessa direzione per svolgere il compito. Qui i membri del gruppo sono cooperatori e cooperano nella stessa direzione. (PICHON-RIVIÈRE, 2009)

Rilevanza (Pertinência): è la centralizzazione del gruppo nel compito e nel suo chiarimento (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Questo appare nel terzo atto del film, in cui tutti i giurati partecipavano in qualche modo, analizzando attentamente il caso, facendo simulazioni e raccogliendo dettagli per giustificare o meno il voto dato. Si può quindi ritenere che si trovassero in un momento di appartenenza e, subito dopo, di collaborazione per svolgere il compito.

Comunicazione (Comunicação): può essere verbale o non verbale, è la comunicazione che avviene tra i partecipanti al gruppo.

Neste vetor, levamos em conta não só o conteúdo da mensagem, mas também o como e o quem dessa mensagem; chamamos a isso metacomunicação. Quando os dois elementos entram em contradição, configura-se um mal-entendido dentro do grupo. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p.175)

Apprendimento (Aprendizagem): si ottiene dalla somma delle informazioni dei membri, trasformando, in un dato momento, la quantità in qualità, e quindi produce un cambiamento qualitativo nel gruppo (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Durante tutto il film, la comunicazione e l’apprendimento sono diventati cruciali per l’adempimento del compito e la dinamica del gruppo, potendo così costruire un ECRO di gruppo.

Telê: vettore definito dal Professor Moreno (apud PICHON-RIVIÈRE, 2009), come una disposizione positiva o negativa a lavorare con un membro del gruppo.

O fator telê, assim enunciado por J. L. Moreno, psico-sociólogo norte-americano e romeno, residente nos EUA. Segundo Moreno, a telê consiste na capacidade ou disposição que cada um de nós tem para trabalhar com outras pessoas, telê positiva e telê negativa, que darão os fatores afetivos e o clima afetivo. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 270)

Nel film, ci sono alcuni esempi, come il giurato 5 con il giurato 10 che aveva una disposizione negativa a lavorare insieme, avendo alcuni argomenti che hanno finito per intralciare il compito. Il giurato 8 e il giurato 9 sembravano positivamente disposti a lavorare insieme, con il giurato 9 che è stato il primo a cambiare il suo voto in non colpevole, per poter, insieme al giurato 8, indagare meglio sul caso prima di condannare a morte l’imputato.

Oltre a tutti i fattori presentati dall’autore, è importante evidenziare e distinguere tre casi all’interno del lavoro di gruppo: il pre-task, il compito e il progetto.

Nel pre-compito ci sono le tecniche difensive del gruppo, che strutturano la resistenza al cambiamento. Solo dopo aver superato questo disagio e aver rotto questi stereotipi, si può dire che il gruppo è al lavoro (PICHON-RIVIÈRE, 2009). All’inizio del film, tutti i membri del gruppo erano a disagio con Juror 8 che era contrario al verdetto di colpevolezza e sono stati presi dall’idea di cercare di convincerlo che aveva torto. Presi dagli stereotipi, si sono rifiutati di affrontare il compito in modo critico, considerando ogni singolo ECRO che impediva loro di pensare collettivamente.

Il momento del compito è quando l’oggetto della conoscenza diventa penetrabile. Inoltre, è la traiettoria che il gruppo deve percorrere per raggiungere gli obiettivi proposti. È nell’esplicitezza dell’implicito che fa muovere il gruppo verso il compito come nel movimento di una spirale dialettica (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Questo momento è possibile percepire quando i giurati entrano nel compito e iniziano a sollevare tutte le ipotesi, non in modo mistico e con certezza della colpevolezza dell’imputato, ma come possibilità, facendo simulazioni e considerando altri fattori che non giustificano l’innocenza, inoltre non stampare la colpa dell’imputato.

Infine, il progetto si realizza quando il gruppo riesce ad appartenere ai membri e viene attuato un piano (PICHON-RIVIÈRE, 2009). Questo punto si trova alla conclusione del film, dove tutti i giurati sono in grado di portare a termine congiuntamente l’incarico e pronunciare l’assoluta non colpevolezza dell’imputato, e può essere ulteriormente contestualizzato nelle parole dell’autore nella prossima citazione:

O grupo se propõe objetivos que ultrapassam o aqui e agora, construindo uma estratégia destinada a alcançar esse objetivo. Mas, dentro desse aqui e agora, podemos interpretar que este projeto, como todo mecanismo de criação, está destinado a superar a situação de morte ou de perda que os membros vivenciam quando, através da realização da tarefa, percebem a possibilidade da separação ou finalização do grupo. (PICHON-RIVIÈRE, 2009, p. 181)

Infine, è possibile notare che la tecnica del gruppo operativo creata da Pichon-Rivière (2009) può essere utilizzata in diverse aree e settori, favorendo l’apprendimento e un cambiamento significativo nei membri del gruppo.

7. CONSIDERAZIONI FINALI

Nell’articolo presentato, le teorie di Lewin (MAILHIOT, 2013), Moreno (RUSSO, 2010), Schutz (1979; 1989) e Pixon-Rivière (2009) sono state contestualizzate sui processi delle dinamiche di gruppo e articolate nell’analisi del film “Dodici uomini e una frase” (LUMET, 1957).

Tornando alla domanda guida: individui con specifiche differenze socioculturali e storicità divergenti collaborano agli sviluppi psicologici nei processi di gruppo? Dall’analisi dei quattro teorici e dal loro rapporto con le dinamiche presentate nel film, è possibile comprendere che questi sviluppi non sono solo plausibili, ma positivi.

Lo scambio di esperienze, anche con soggetti carichi di pregiudizi, discriminazioni e stereotipi precostituiti, può effettivamente sfociare in un grande conflitto tra i membri in un primo momento, dopotutto queste costruzioni mostrano anche conflitti interni che ogni individuo porta nella propria educazione socioculturale. . Ma sono proprio queste relazioni intergruppo, cariche della storicità di ciascun membro del gruppo, che quando sfociano nel dialogo, nel dibattito e nell’ingerenza delle esperienze, fioriscono nella maturazione attraverso la rassegnazione e il confronto con se stessi, soprattutto carichi di pregiudizi e discriminazioni.

Pertanto, è stata confermata dell’ipotesi elaborata dal team di questo articolo. Gli individui con storie antagoniste possono contribuire efficacemente con le loro diverse esperienze all’applicabilità delle tecniche di dinamiche di gruppo e alla maturazione del soggetto.

Le decisioni basate sul dialogo possono trasformare il soggetto e il suo prossimo. Vale la pena ricordare che le esperienze vissute da ciascun individuo nel gruppo, se condivise, possono essere meglio comprese e risignificate. Con ciò si intuisce che la condivisione ha il potere di portare nuove domande e risoluzioni. Quando un individuo sperimenta una particolare esperienza dell’altro, un’azione può essere intrapresa al di fuori del contesto morale e particolareggiato. Guardando, ascoltando e provando un’esperienza al di là del quotidiano, è possibile creare più affetto ed empatia con gli altri. I problemi che in precedenza erano visti come privati, iniziarono a essere condivisi con un gruppo. Tuttavia, si può vedere oggi che un problema, se discusso in collettivo, ha la capacità di generare soluzioni basate sull’empatia, la spontaneità e la creatività.

Dallo studio delle teorizzazioni qui presentate, con le dinamiche presentate nel film di Lumet (1957), è stato possibile osservare che, per quanto diverse possano essere queste percezioni, l’analisi dei gruppi parte dal presupposto che i processi di gruppo si stanno trasformando dalle azioni di individui, nonché dalle loro posizioni economiche e culturali. Pertanto, lo studio e la comprensione dei processi di gruppo è estremamente importante per studenti e professionisti di Psicologia, in modo che abbiano una comprensione ampia e critica della loro pratica professionale. Parallelamente, tutte le teorie degli autori proposti potrebbero essere osservate con intensità nel film proposto per l’analisi, rendendo il contesto più comprensibile.

Dalla riflessione delle esperienze umane attraverso l’Arte, si può arrivare a comprendere come le teorie delle dinamiche di gruppo possano essere applicate in modo reale, così come le sue varie possibilità.

RIFERIMENTI

BARRETO, Maria Fernanda Mazziotti. Dinâmica de grupo: história, práticas e vivências. 5. ed. Campinas: Alínea, 2014.

DOZE homens e uma sentença (1957) Online. (Twelve Angry Men). Direção de Sidney Lumet. Estados Unidos da América: Metro Goldwyn Mayer, 1957. 95 minutos, inglês, dublado em português, preto e branco. Disponível em: <https://flixfilmes.org/filme/12-homens-e-uma-sentenca-1957-online/>. Acesso em: 05 abr. 2021.

FREIRE, Paulo. Justificativa da pedagogia do oprimido. In: Pedagogia do oprimido. 50. ed. Rio de Janeiro: Paz e Terra, 2011.

LANE, Silvia Tatiana Maurer. O Processo Grupal. In: LANE, S.T.M.; CODO, W. (Orgs.) Psicologia social: o homem em movimento. 8. ed. São Paulo: Brasiliense, 1989, p.78-98.

LIMA, Liliana Aparecida de. Psicodrama e Dinâmica de grupo: re-criando possibilidades para o ensino de Psicologia na Universidade. In: BARRETO, Maria Fernanda Mazziotti. Dinâmica de grupo: história, práticas e vivências. 5. ed. Campinas: Alínea, 2014. p. 55-83.

MAILHIOT, Gérald Bernard. Dinâmica e Gênese dos Grupos: atualidade das descobertas de Kurt Lewin. Petrópolis: Vozes, 2013.

MARTINS, Sueli Terezinha Ferreira. Psicologia Social e Processo Grupal: a coerência entre fazer, pensar e sentir em Sílvia Lane. Psicologia & Sociedade; 19, Edição Especial 2: 76-80, 2007.

MONTERO, Maritza. A tensão entre o fortalecimento e as influências alienadoras no trabalho psicossocial comunitário e político. In: LACERDA, JR; GUZZO, R.S.L. Psicologia & Sociedade: interfaces no debate sobre a questão social. Campinas: Alínea, 2010. p. 65 – 82.

NERY, Maria da Penha; CONCEIÇÃO, Maria Inês Gandolfo. Sociodrama e política de cotas para negros: um método de intervenção psicológica em temas sociais. Brasília: Psico. cienc. prof., v.25, n.1, março 2005. Disponível em: <https://www.scielo.br/scielo.php?pid=S1414-98932005000100011&script=sci_arttext>. Acesso em: 15 abr. 2021.

PICHON-RIVIÈRE, Enrique. O processo grupal. 8. ed. São Paulo: WMF Martins Fontes, 2009.

RODRIGUES, Aroldo; Assmar, Eveline Maria Leal; Jablonsky, Bernardo. Psicologia Social. ed. 27. Petrópolis, RJ: Vozes, 2009. p. 147-176.

RUSSO, Luis. Quem sobreviverá?: Fundamentos da sociometria, da psicoterapia de grupo e o sociodrama. Rev. bras. psicodrama, São Paulo, v. 18, n. 2, p. 173-188, 2010. Disponível em: <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0104-53932010000200011&lng=pt&nrm=iso>. Acesso em: 21 abr.  2021.

SCHUTZ, William C. O prazer: expansão da consciência humana. ed. 1. Rio de Janeiro: Imago, 1979. p. 101-105.

____. Profunda Simplicidade: uma nova consciência do eu interior. São Paulo: Ágora, 1989. p. 103-113.

SMIRCICH, Linda; MORGAN, Gareth. Leadership: The management of meaning. The Journal of Applied Behavioral Science, v.18, n.3, 1983. p. 257-273. DOI: 10.1177/002188638201800303

TEIXEIRA, Ludimilla Santana; ABREU, Liliane Alcântara de. Os desafios da educação em direitos humanos no século XXI: a contribuição do MUCB no autoconhecimento e desenvolvimento sociopolítico de mulheres através das redes sociais. In: Anais de Artigos Completos do V CIDHCoimbra 2020 – Volume 3 / César Augusto R. Nunes et. al. (orgs.) [et al.] – Campinas / Jundiaí: Editora Brasílica / Edições Brasil / Editora Fibra, 2021. p. 287. ISSN 978-65-89537-03-8. Disponível em: <https://a3ec55aa-1c0f-448d-a555-bf0db2483a45.filesusr.com/ugd/8f3de9_a7f1803236524ca9ab555127967481aa.pdf>. Acesso em: 10 mai. 2021.

VIEIRA, Emanuel Meireles; XIMENES, Verônica Morais. Conscientização: em que interessa este conceito à psicologia. Psicologia e Argumento, Curitiba, v. 26, n. 52, p. 23-33, 2008. Disponível em: <https://www.researchgate.net/publication/324630701_CONSCIENTIZACAO_Em_que_interessa_este_conceito_a_psicologia>. Acesso em: 15 fev. 2020.

[1] Specialista in Neuroscienze Pedagogiche da AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in Arteterapia in Educazione e Salute presso AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in ricerca sul comportamento e sui consumi della Faculdade SENAI CETIQT RJ; specialista in arti visive dell’UNESA/RJ; Laurea in Design presso Faculdade SENAI CETIQT RJ. Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[2] Laurea in Comunicazione Sociale presso Faculdade Casper Libero/SP. Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[3] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[4] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[5] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[6] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[7] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[8] Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

Inviato: Luglio 2021.

Approvato: Gennaio 2022.

Rate this post
Liliane Alcântara de Abreu

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita