REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Il contesto storico della violenza sulle donne e il ruolo dello psicologo

RC: 93288
204
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

REVISIONE ARTICOLO

COSTA, Alex Junio Duarte [1]

COSTA, Alex Junio Duarte. Il contesto storico della violenza sulle donne e il ruolo dello psicologo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 07, Vol. 04, pp. 21-37. Luglio 2021. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/contesto-storico

RIEPILOGO

Facendo un ritaglio dei tempi passati ai giorni nostri, l’obiettivo era quello di verificare come è iniziata la lotta per l’uguaglianza di genere e come i movimenti sociali transgenerazionali hanno influenzato l’acquisizione di diritti per le donne in modo internazionale e hanno raggiunto la legislazione brasiliana dove, sulla base di politiche affermative e garanzie specifiche per le donne, il paese ha creato un quadro giuridico che cerca di garantire il rispetto e la dignità delle donne , rassegnando le dimissioni di ciò che significa “essere una donna” nel paese. Così, per far progredire la comprensione della ricerca dell’uguaglianza sociale dei generi, è stato necessario fare un breve viaggio nel passato, portando la discussione su come la violenza simbolica, ancora presente oggi, svolga un ruolo importante di inferiorità delle donne. Per questo, la ricerca – di natura qualitativa – ha anche i seguenti tipi: teorico, documentario e bibliografico. Così, l’opera aveva come obiettivi specifici: (1) Comprendere la prospettiva storica del rapporto di dominazione di genere basato sulla violenza simbolica; (2) Verificare lo stato di avanzamento della legislazione brasiliana; (3) Determinare come è organizzata l’assistenza psicologica e qual è il suo ruolo nelle istituzioni responsabili dell’accoglienza delle donne vittime di violenza di genere/domestica. Nel lavoro attuale, si può osservare che, in Brasile, le politiche affermative hanno grandi strumenti giuridici, ma senza la dovuta efficienza. Pertanto, nonostante il sostegno legale, lo Stato brasiliano è tra i più negligenti e violenti del mondo quando si tratta di violenza contro le donne, e la ragione principale è il strimizza l’attenzione delle istituzioni responsabili della cura di tali eventi.

Parole chiave: violenza di genere, femminismo, polifessionale, politiche pubbliche, violenza simbolica.

1. INTRODUZIONE

“Il lavoro dei dominatori è quello di dividere il dominatore” (BOURDIEU, 2020).

La violenza contro le donne è un argomento che ha acquisito grande attualità dagli anni ’70 in Brasile e nel resto del mondo, con ancor più risalto dall’inizio del 21° secolo fino ai giorni nostri. Può essere definito, secondo la Convenção Interamericana per prevenire, punire e sradicare la violenza contro le donne (1994), come “qualsiasi azione o condotta basata sul genere, che causi morte, danno o sofferenza fisica, sessuale o psicologica alle donne, sia nella sfera pubblica che in quella privata” (BLAY, 2003; BOURDIEU, 2020; BRASIL, 1994, 2006, 2011; SILVA, 2018).

Questo tipo di dispotismo sociale basato sul genere si rivela avere un forte contenuto repressivo e tiene conto delle costruzioni socio-storiche e delle differenze negli attributi fisici per stabilire i parametri comportamentali di ogni sesso nella società e nelle relazioni (BLAY, 2003; POLI, 2007; SILVA, 2018). Così, la violenza di genere si basa su un disegno di ciò che è adatto per ogni sesso all’interno delle relazioni affettive e sociali, lasciando per la sovranità della figura maschile e per la subordinazione femminile dove, poiché sono permeati da simboli soggettivi, aggressività e oppressione, viene svelata la costruzione di una gerarchia sociale e di relazioni affettive abusive che si basa sul sigillo delle usanze sociali (BLAY, 2003; FONSECA; RIBEIRO; LEAL, 2012; MONTEIRO; SOUZA, 2007; SILVA, 2018).

Alla luce di ciò, la donna è verabilmente l’occupante della posizione della vittima nelle relazioni di genere. Si può considerare che alcune congetture matrimoniali e forme culturali preconcette del rapporto tra uomo e donna possono aggravare e predisporre ancora di più il dominio quasi assoluto del primo nei confronti del partner, stabilendo una sorta di autonomia per determinare le modalità con cui gestirà il rapporto, portando punizioni fisiche e psicologiche come modi per delimitare il loro ruolo e riaffermare la loro autorità (BLAY, 2003; BOURDIEU, 2020; FONSECA; RIBEIRO; LEAL, 2012).

Le conseguenze di questo tipo di relazione iniqua nelle donne possono essere percepite socialmente in aspetti come la bassa autostima e la difficoltà della socializzazione, e il patto nuziale creato in queste circostanze arbitrarie può creare una donna emotivamente fragile con difficoltà a stabilire legami sociali diversi dal marito, avendo problemi anche nel posizionarsi e abusi sconcertanti , a causa di sentimenti di colpa e impotenza (BLAY, 2003; BOURDIEU, 2020; FONSECA; RIBEIRO; LEAL, 2012; MELO; SOUTO, 2018; SILVA, 2018).

Così, per quanto riguarda la rilevanza della ricerca, si percepisce che comprende la possibilità di un contributo sociale data l’ampiezza e la perpetuazione storica del rapporto di dominazione e violenza di genere in Brasile, osservando come il contesto sociale e i deboli adattamenti alla legislazione rendono il paese una pericolosa piattaforma di aggressioni contro le donne che hanno come pubblico la società brasiliana e il resto del mondo.

Pertanto, nella ricerca della comprensione delle lotte attuali e delle politiche pubbliche esistenti adottate dall’empowerment femminile, è stato fatto un breve percorso storico del rapporto ostile tra i sessi, facendo una panoramica fino ai giorni nostri, con l’obiettivo di capire come l’acquisizione di diritti come essere una signora del proprio corpo, la lotta per i privilegi prima dell’esclusiva per gli uomini e la conseguente comparsa del movimento sociale femminista siano diventati importanti strumenti di requisizione del diritto s politici, civili e garanzie contro possibili abusi derivanti dalle relazioni di genere nello scenario internazionale e, successivamente, in Brasile.

Così, per quanto riguarda i dati più recenti sulla violenza di genere in Brasile, anche con i progressi della legislazione e la creazione di servizi specializzati, il Paese è inefficiente nel contenere questo tipo di abusi dimostrando un primato nei rapporti e nelle stime nazionali e internazionali che verificano il tema, amaramente dati e posizioni spaventose. Ad esempio possiamo ricordare che una donna viene uccisa ogni sette ore per il semplice fatto di essere una donna, facendo sì che il paese occupi il 5 ° posto al mondo nella classifica dei femminicidi; quasi la metà delle donne brasiliane ha subito molestie sessuali sul lavoro; a Minas Gerais, si stima che la violenza domestica abbia raggiunto più di 82.000 donne nel 2020 (BRASIL DE FATO, 2020; UNIVERSA, 2020).

Una delle possibili ragioni, che possono essere fortemente legate, alla dimensione del dispotismo dell’uomo, è stata esposta nel rapporto diffuso dalle Nazioni Unite (ONU) nel 2020[2]. Il Brasile è al penultimo posto nella classifica della parità politica di genere in America Latina, uno studio che misura la proporzione di occupazione di posizioni elettive da parte di donne e uomini, una delle principali cause della scarsa eleggibilità delle donne è la violenza politica di genere che è attacchi rivolti a candidate o elette che si concentrano direttamente sul genere (UNIVERSA, 2020). Pertanto, la mancanza di rappresentanza politica, aggravata dalla precarietà delle politiche pubbliche esistenti, può contribuire ai dati brasiliani già esposti sulla violenza contro le donne.

Dati gli impatti personali e sociali che sono causati alle donne, come vittime di abusi, si aggiungono al famigerato progresso delle norme brasiliane sull’argomento, il presente lavoro verificato, basato sui contributi dei teorici sociali e della legislazione brasiliana, sul contesto socio-storico della violenza e sulla costituzione e sulla necessità di articolare la rete di assistenza alle donne vittime di abusi. Così, lo sviluppo del lavoro ha avuto come metodologia di ricerca teorica, documentaria e bibliografica.

Nella progettazione della ricerca qualitativa, la preparazione dei documenti non si baserà sulla raccolta dei dati. Tuttavia, il lavoro ha tenuto conto di un quadro teorico-concettuale durante tutto il processo di ricerca e di documenti scientifici che ritraggono la realtà nazionale e mondiale (GONZÁLEZ REY, 2005).

Per quanto riguarda la ricerca teorica, il presente lavoro è rilevante quando si cercano rappresentazioni teoriche generaliste considerate dal quadro teorico stabilito, aggiungendole alle idee dei ricercatori, per far luce su uno specifico momento di contemporaneità, creando un’articolazione tra la teoria presentata e il momento attuale della sua ricerca (GIL, 2002; GONRALEZ REY, 2010; LAVILLE; DIONNE, 1999; SAMPIERI; COLLADO; LUCIO, 2010). Per quanto riguarda la ricerca documentaria, abbiamo cercato materiali scientifici in modo da poter avere un accesso peculiare alla realtà studiata, indirettamente, attraverso lo studio di dati statistici e altri documenti prodotti dall’uomo (SILVA et. al, 2009).

Per quanto riguarda la ricerca bibliografica, il materiale è stato raccolto per offrirci un riflesso critico dell’oggetto studiato, alla ricerca di opere scientifiche e norme giuridiche che potessero raccontarci la realtà studiata nei tempi antichi e oggi, al fine di fare un’interlocuzione tra passato e presente per confrontare e riflettere sui progressi e le battute d’arresto della società contemporanea e delle norme attuali (MARCONI; LAKATOS, 2017).

Da questo punto di vista, la ricerca aveva come obiettivo generale: verificare i fattori socio-storici della violenza di genere e, da lì, come si è verificata l’evoluzione delle politiche pubbliche per far fronte in Brasile. E come obiettivi specifici questo lavoro è disponibile per: 1) Comprendere la prospettiva storica del rapporto di dominazione di genere; 2) Verificare lo stato di avanzamento della legislazione brasiliana; e 3) Indagare come viene organizzata l’assistenza psicologica osservando il suo ruolo nelle istituzioni responsabili dell’accoglienza delle donne vittime di violenza di genere/domestica.

2. SIGNORI E STREGHE: UN BREVE VIAGGIO ATTRAVERSO FATTORI SOCIO-STORICI CHE HANNO CONTRIBUITO ALLA COSTITUZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE DI OGGI

Chiamano donne streghe libere di amare e odiare; / Le streghe sono chiamate donne che conoscono il loro diritto di andare e venire; / Le streghe sono chiamate donne che danno voce alle loro idee senza paura di rimproverare; / Le streghe sono chiamate donne che seguono i loro desideri; / Le streghe sono chiamate donne libere e proprietarie di se stesse. / Piacere sono una strega! (OSÓRIO, 2018).

La relazione ostile e il dominio di genere ci rimandano alle teorie aristoteliane (ROUDINESCO, 2003 apud SOUZA, 2013). In essi, gli esseri umani sarebbero divisi in tre categorie, l’uomo era il signore e il padre; la donna era la moglie e la madre e, dopo aver lo schiavo che era “la cosa del signore”, essendo senz’anima e vicino all’animale. La donna in questo momento sarebbe situata sotto l’uomo e sopra lo schiavo, cioè tra intellettualità/cultura e animalità, essendo un uomo invertito che si sottomette ai comandi del signore e che non dovrebbe partecipare alle questioni sociali perché c’è una certa irrazionalità tra le sue caratteristiche (SOUZA, 2013).

Sempre secondo Roudinesco (2003) e Souza (2013), il rapporto di dominazione e distinzione tra i sessi e, successivamente, sui generi ha attraversato diverse teorie e approcci che, legittimati da grandi scienziati e religione nel corso dei secoli, hanno lottato nella ricerca di differenze biologiche e cognitive rispetto al sesso. Inoltre, le differenze culturali o identitarie sono state affrontate anche per parlare di genere, dimostrando chiaramente, a causa della doppiezza delle spiegazioni sull’argomento, la difficoltà storica di giustificare tale distinzione.

La maggior parte delle affermazioni trovate nel XIX secolo per giustificare la supremazia di un genere sull’altro erano basate su questioni fisiche e sociologiche e presero come esempi tecnici l’analogia tra elementi o oggetti della natura per circoscrivere chiaramente le loro posizioni (BIROLI; MIGUEL, 2015; BEAUVOIR, 1949 apud TESCHE; WEINMANN, 2018; BOURDIEU, 2020; GARCIA, 2018; OSÓRIO, 2018; ROUDINESCO; 2003; ROUDINESCO, 2003 apud SOUZA, 2013; Souza, SOUZA, 2013; TESCHE; WEINMANN, 2018). Pertanto, a scopo di confronto e, sebbene siano troppo forti, è stata comunemente trovata corrispondenza tra maschio e animale; femmina – vegetale; uomo – cultura; donna – natura.

Fu solo con la maternilizzazione della famiglia nel XIX secolo, collegando direttamente la femminilità della donna alla maternità che può effettivamente occupare un posto attivo nella società e, data l’importanza della sua corporeità e dei suoi attributi “generava paura per la perdita di controllo del suo corpo” (SOUZA, 2013, p. 4). Questo momento storico ha fatto in modo che le donne decisionessero di ribellarsi limitando l’accesso dell’uomo ai loro corpi, perché era un bene inestimabile per loro, è stato un significante che le ha delimitate come soggetto in famiglia e nella società diventando un agente attivo con un ruolo importante nel processo di costruzione sociale (BIROLI; MIGUEL, 2015; GARCIA, 2018; ROUDINESCO, 2003; ROUDINESCO, 2003 apud SOUZA, 2013).

Questa manifestazione di ribellione fu accolta con favore dalla Chiesa e diede un significativo progresso sociale nel riconoscimento di ciò che deve essere una donna, attribuendole il suo primo spazio attivo nella società e contribuendo al loro riconoscimento come donne del proprio corpo e non più proprietà del marito, guadagnando più privacy e autonomia nella sfera familiare (BIROLI; MIGUEL, 2015; GARCIA, 2018; ROUDINESCO, 2003).

Ma nonostante questo primo passo, fu solo dall’avanzamento degli studi della filosofia delle luci che i teorici dell’epoca iniziarono a relativizzare e sfidare ancora più vigorosamente le giustificazioni della distinzione tra uomini e donne nella società. Da allora si è percepito che è stata l’autorità coniugale a soggiogarli ed escluderli dalle azioni civili che il processo di rivendicazione di pari diritti civili e politici per entrambi i sessi si è intensificato (BIROLI; MIGUEL, 2015; BOURDIEU, 2020; GARCIA, 2018; OSÓRIO, 2018; ROUDINESCO; 2003; ROUDINESCO, 2003 apud SOUZA, 2013; SOUZA; 2013; TESCHE; WEINMANN, 2018).

Pertanto, dice Souza (2013, p. 4):

Ma è con il femminismo alla fine del XVIII secolo che la lotta per l’uguaglianza tra uomini e donne si riferisce a un progetto di rivoluzione della società che inizierà un lungo movimento di emancipazione femminile. Alla fine del XX secolo arrivarono a dominare tutti i processi di procreazione, che causarono, secondo Roudinesco, un nuovo disturbo familiare. Si temeva l’abolizione delle differenze e delle generazioni.

Poi, dal 20 ° secolo in poi, la lotta femminista ha guadagnato forza nella ricerca dell’emancipazione. Le donne hanno acquisito il controllo dei processi di procreazione, causando un nuovo disturbo familiare, causando il timore di perdita di controllo da parte dei maschi e l’abolizione delle differenze (ROUDINESCO, 2003 apud SOUZA, 2013).

3. LA REVISIONE DEL SEGRAGATORIO: LA VIOLENZA SIMBOLICA COME CONDIZIONE PER LA VIOLENZA FISICA E PSICOLOGICA

“Nessuno nasce donna, diventa donna” (BEAUVOIR, 1949 apud TESCHE; WEINMANN, 2018).

Dalle sue scoperte la scrittrice e attivista femminista Simone de Beauvoir (1949, apud TESCHE; WEINMANN, 2018) porta questo aforisma di cui sopra e pertinente che dimostra lo status politico di ciò che significa “essere una donna” quando, quando cerca di distinguere il genere dal genere, riporta un importante fattore sociale.

Così, l’autore sostiene che il sesso sarebbe una condizione biologica e il genere è stato socialmente costruito, riferendosi esclusivamente ed esclusivamente ai ruoli e alle posizioni politico-sociali, che vengono elaborati attraverso la cultura, attraverso i quali sono stati creati modelli di comportamento per ciascuno di essi, lasciando per la donna, obbligatoriamente con, tra gli altri doveri, passività e sottomissione all’uomo (BUTLER, 2003; ROCHA, 2002 apud TESCHE; WEINMANN, 2018).

Quindi, nonostante i progressi del femminismo e l’acquisizione di diritti da parte delle donne, un discorso segregato è ancora presente nella società. Questo discorso cerca di legittimare l’inferiorità del genere femminile e di concedere agli uomini prerogative esclusive. Questa forma di violenza appare velata nella società, riprodotta da entrambi i sessi come qualcosa di naturale e con l’esistenza a volte inosservata (BOURDIEU, 2020; BUTLER, 2003).

Nel libro “A Dominação Masculina”, il sociologo Pierre Bourdieu (2020) sostiene che il dominio maschile avviene attraverso abitudini e modelli sociali che vengono appresi e riprodotti nella vita quotidiana inconsciamente da entrambi i sessi. E questo, nonostante sembri innocuo, rafforza la creazione di stimmi e porta con te la differenziazione delle persone per sesso e altre caratteristiche biologiche, facendo una sorta di gerarchia sociale che si sovrappone da un genere all’altro.

Tale evento riportato da Bourdieu (2020) è stato chiamato violenza simbolica, questo nome è stato dato dalle caratteristiche del fenomeno sociale che, poiché si tratta di una serie di credenze derivate dal processo di socializzazione, stabilisce un “ordine naturale delle cose” in cui a causa delle caratteristiche fisiche e psichiche della donna (femmina) è adatto alla subalternità in relazione all’uomo (maschio) , creando modelli di comportamento per entrambi i sessi, e la fuga di questi modelli è vista con repulsione e repressione collettiva. Pertanto, nonostante sia più velata, la violenza simbolica produce effetti simili a quelli contenuti nei secoli passati reprimendo attivamente le donne.

Così, oggi, l’uomo è conferito attraverso la violenza simbolica, il privilegio di essere il signore e il manutentore della società, che può fare tutto, e spetta solo a coloro che sono suoi pari: gli altri uomini. In casa, è sovrano, il vero proprietario della famiglia, essendo in grado di fare tutto ciò che gli viene in mente e costringere in modo che la sua autorità non sia messa in discussione attraverso una repressione attiva e un discorso socialmente costruito, vedendosi nel diritto e con prerogative irrevocabili per fare ciò che vuole in questo contesto, essendo in grado di aggredire fisicamente e psicologicamente i membri che sfidano la sua autorità (BOURDIEU, 2020; BEUAVOIR, 1949 apud TESCHE; WEINMANN, 2018; BUTLER, 2003). La donna, è posta nella società contemporanea come seconda nella gerarchia familiare e, essendo l’unico adulto oltre all’uomo, deve essere pienamente utilizzata, essendo responsabile di mantenere la casa organizzata per il suo arrivo.

A causa di un attivo desiderio di dominazione, che si esercita nei legami da lui costruiti, l’uomo cerca di reprimere e controllare la volontà e la conoscenza dei suoi familiari, e la sua autorità, che lo ferma è insophistable, deve essere rispettata (ROUDINESCO, 2003). Quando senti la tua autorità messa a rischio, da un presunto desiderio, o dal tentativo di sovrapposizione e dalla conseguente assunzione di carica da parte della donna, il polo maschile della relazione tende a indirizzare un po ‘di ostilità e aggressività al tuo sfidante, che, di fatto, può rappresentare la paura lifid di diventare passiva nella relazione e di aver indirizzato ad essa tutto il discorso che oggi è posto sulla donna (BOURDIEU , 2020).

Questo si dice, ogni volta che la donna si posiziona come soggetto attivamente presente nel rapporto coniugale e nella società la paura dell’uomo verrà alla sgomento e l’aggressività potrebbe essere la sua difesa. Una donna che ha, ad esempio, un lavoro più alto, può essere vista come una minaccia per la posizione dell’uomo di manutentore della casa e della società, e ci può essere un’ostilità attiva nei suoi confronti: uno sgomento con la donna socialmente più privilegiata, evitandola solo per condizioni sociali o un violento attacco discorsivo per influenzarla psicologicamente , alla ricerca di una continua demoralizzazione e deautorizzazione, possono essere modi trovati dall’uomo per affermare la sua autorità a chi è presente (BOURDIEU, 2020; BUTLER, 2003; SOUZA, 2013).

4. IL PANAGIO: TIPI DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE E POLITICHE PUBBLICHE DI CONFRONTO

“È attraverso il lavoro che le donne hanno diminuito la distanza che l’ha tenuta lontana dall’uomo, solo il lavoro può garantire la sua indipendenza concreta” (BEAUVOIR, 1987, p. 14).

In Brasile, dal punto di vista giuridico, anche con le lotte di classe che si sono intensificate sulla scena nazionale e internazionale nel 1970, è stato solo dal 1988, con la promulgazione della Costituzione federale, che le donne hanno iniziato a riconoscere la loro uguaglianza, annuì in relazione agli uomini, ai diritti e agli obblighi nella società e alle relazioni coniugali (BRASIL, 1988; ROUDINESCO, 2003; SILVA, 2015; SOUZA, 2013).

Questa omissione giuridica riscontrata fino al 1988 riflette solo l’indifferenza e l’indifferenza dello Stato, che è ancora presente oggi, poiché le leggi sono modificate in base alle esigenze e alla domanda sociale. E poiché viviamo in una società segnata dal dominio maschile, è tipicamente sessista e autoritaria. Inoltre, la scarsa rappresentanza che le donne hanno sempre avuto nella politica brasiliana e questo scenario è giustificato: un dominatore non creerà leggi per difendere il dominatore della sua autorità e degli abusi (BRASIL DE FATO, 2020; UNIVERSA, 2020).

Tuttavia, oggi mancano ancora possibilità e indifferenza, presenti i deboli adeguamenti alla legislazione da parte degli enti federali, la precarietà delle cure e mettendo le vittime di abusi in situazioni vessatorie e umiliazioni, mettendole in discussione con un certo sospetto di quanto riportato. Un’altra forma di imbarazzo è lo scontro della vittima con l’abusatore, rendendo la donna ancora una volta vittima, questa volta dell’ordinamento giuridico brasiliano (PEIXOTO, 2012; UNIVERSA, 2020; VASCONCELOS, 2016).

Con le difficoltà del servizio pubblico nell’articolazione e le esigenze sociali e internazionali nella ricerca di garantire il rispetto e l’integrità fisica, morale e psicologica alle donne, sono state create la legge 11.340, popolarmente nota come “Legge Maria da Penha” e una serie di altre normative in materia, e mirano a dare un maggiore supporto giuridico e la realizzazione di lavori articolati tra vari settori pubblici che forniscono una serie di servizi specializzati nel tema, fornendo accoglienza e ottimizzando l’assistenza alle donne in situazioni di violenza in Brasile (BRASIL, 2006; FARINA; SOUZA, 2016).

Alla luce di ciò, Costa; Njaine e Schenker (2017) fanno una considerazione importante quando dicono che le conseguenze traumatiche per le vittime vanno oltre l’ordine fisico, raggiungendo l’ordine psicologico e / o sociale e possono rimanere per tutta la vita. Possono apparire problemi psicologici come ansia e depressione, così come malattie psicosomatiche, panico e disturbo posttraumatico da stress, che possono colpire anche i parenti degli offesi e l’aggressore, perché le dinamiche dei rapporti familiari possono essere compromesse, causando danni alla salute mentale degli arti (COSTA; NJAINE; SCHENKER, 2017).

Così, il confronto con la violenza di genere ha ottenuto una serie di regolamenti per l’espansione e il miglioramento della qualità dell’assistenza, tra cui spicca la Política Nacional de Enfrentamento à Violência contra as Mulheres. Mira a stabilire concetti, principi, linee guida e azioni per prevenire e combattere la violenza contro le donne, garantendo i diritti di coloro che si trovano in condizioni di violenza, utilizzando come parametro le leggi nazionali e internazionali sui diritti umani (BRASIL, 2011).

Con l’attuazione di questa politica, accogliere le donne in situazioni di violenza in Brasile sale a un altro livello, migliorando significativamente i servizi forniti. C’è stata anche l’espansione dei concetti di violenza di genere dove, secondo la Política Nacional de Enfrentamento à Violência contra as Mulheres (2011, p.8):

[…] la violenza contro le donne non può essere compresa senza considerare la dimensione di genere, cioè la costruzione sociale, politica e culturale della mascolinità e della femminilità, nonché i rapporti tra uomini e donne. La violenza contro le donne avviene a livello relazionale e sociale, richiedendo cambiamenti culturali, educativi e sociali per farvi fronte e un riconoscimento delle dimensioni della razza/etnia, della generazione e della classe nell’esacerbazione del fenomeno […]

Questo nuovo concetto giuridico comprendeva anche la violenza simbolica definita dal suddetto sociologo Pierre Bourdieu (2020) che, sebbene non direttamente espressa dall’ordine, è stata presa in considerazione riconoscendo l’influenza e la rilevanza del campo sociale con i suoi costumi, credenze e conoscenze che possono aiutare nella propagazione della violenza di genere, e importanti cambiamenti in questi scenari sono necessari per la riduzione e persino l’estinzione di questo tipo di oppressione (BRASIL 2006; BOURDIEU, 2020).

Da allora, considerando che l’elaborazione delle donne dopo diverse aggressioni psicologiche e fisiche, aggiunta con una dubiedade di sentimento in relazione all’aggressore e aggravata, soprattutto quando comporta situazioni coniugali, a causa della dipendenza finanziaria ed emotiva dal coniuge, è stata creata la Rete di assistenza alle donne in situazioni di violenza, che è un insieme di azioni e servizi di vari settori pubblici (come il sistema giudiziario , pubblica sicurezza, servizi sanitari e assistenza sociale) che hanno team specializzati che cercano la piena accoglienza, l’adeguato rinvio e umanizzazione delle cure (BRASIL, 2011).

5. ALCHIMISTI: LA FORMAZIONE DI TEAM MULTIDISCIPLINARI E IL RUOLO DEGLI PSICOLOGI

“Sono sempre stata una femminista. Ciò significa che mi oppongo alla discriminazione contro le donne, a tutte le forme di disuguaglianza di genere, ma significa anche che chiedo una politica che tenga conto delle restrizioni imposte dal genere allo sviluppo umano” (BUTLER, 2020).

Con l’avanzata della legislazione brasiliana per fornire un’accoglienza integrale alle donne vittime di abusi, sono stati creati i Centri specializzati per la cura delle donne, che fanno parte di un’articolata rete di servizi con un team altamente specializzato e sono diventati uno strumento importante per far fronte alla violenza domestica e di genere in Brasile. Questi centri hanno uno staff tecnico operativo composto da psicologi e assistenti sociali altamente specializzati nell’accoglienza della vittima e gli opportuni rinvii (BRASIL, 2010, 2011).

In questo modo, lo psicologo professionista entrerà nella rete articolata al fine di promuovere l’ascolto accogliente e qualificato, uno strumento che mira a dimostrare l’importanza dell’accoglienza e la sua esperienza che mira a portare tranquillità e sicurezza durante il processo in modo che possa aiutare gli aggrediti e capire il momento che sta attraversando , rendendolo così uno strumento di fondamentale importanza per ridurre i sentimenti negativi che lo circondano come fragilità, disperazione, solitudine, odio, colpa, tristezza, ansia e angoscia (BRASIL, 2010, 2011; COSTA; NJAINE; SCHENKER, 2017).

Quindi, i professionisti della psicologia saranno, insieme agli assistenti sociali, i responsabili dell’accoglienza e dell’esercizio dei loro doveri per ridurre al minimo i danni. Così, Lisbona (2014, p. 18) citando Velázquez (2006) fa un’osservazione importante riguardo alla pratica dello psicologo:

[…] l’esperienza clinica consente di identificare tre tipi di sentimenti nelle donne che subiscono violenza: sensazione di indifesi; sensazione di essere in pericolo permanente; sentirsi diverso dalle altre persone intorno a voi. Per l’autore, questi sentimenti di solito derivano dal dolore e dall’impotenza di non essere in grado di trasformare ciò che è passato, lasciando segni sul corpo, sugli effetti e sulla vita di tutti i giorni.

Lisboa (2014) conclude che il professionista della psicologia è in grado di rafforzare l’autostima della donna, in modo che possa prendere decisioni più giuste e passare alla sua emancipazione ed emancipazione. Decostruendo gli stimmi stereotipati e i ruoli sociali, la professionista dovrebbe lavorare cercando di farla concepire un nuovo look, allontanandosi da quel luogo in cui viveva sottomissione, umiliazione e aggressività, rendendo possibile imparare a vivere senza tanti legami sociali ed essere in grado di posizionarsi come soggetto attivo e con decisioni specifiche di ciò che vuole o meno per la sua vita (CFP, 2005; LISBOA, 2014).

Inoltre, lo psicologo agirà come un vero confidente del paziente all’interno dell’équipe multidisciplinare, evocato quando necessario, la segretezza che gli è pertinente e cercando di evitare pensieri precostituiti e derivanti dal generalismo che i team multidisciplinari possono presentare (CFP, 2005 ). A lui è richiesto un feeling per sapere cosa interessa da trasmettere all’équipe multidisciplinare e cosa rimarrà confidenziale, essendo mantenuto solo nell’ambiente d’ufficio (CFP, 2005).

Infine, lo psicologo può fungere da mediatore di conflitti interni e, esimendosi dal lusso di voler essere il titolare della conoscenza, lavorare in modo che queste divergenze comuni all’interno di team multidisciplinari non danneggino l’evoluzione dei casi frequentati (COSTA, 2021).

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Il quadro giuridico brasiliano per la lotta alla violenza di genere è ampio e attuale, tuttavia, inefficace. Possiamo attribuire questa inefficienza a vari motivi, come ad esempio: le dimensioni continentali del paese che sono una situazione di stallo per la portata delle politiche pubbliche e per il controllo del governo; lo squealing delle reti assistenziali effettuato dai governi locali delocalizzendo le risorse e riducendo l’interesse dello Stato a far avanzare tali politiche; e, la piccola rappresentanza femminile nel potere legislativo comunale, statale e federale (BRASIL DE FATO, 2020; UNIVERSA, 2020).

Così, nonostante gli evidenti progressi nazionali in materia di politica di lotta alla violenza di genere e di rappresentanza delle donne, la lotta contro la dittatura maschile è tutt’altro che finita, il fatto che una donna subisca violenza domestica ogni due minuti in Brasile nel 2018, per un totale di 263.067 lesioni corporali inquadrate nella legge Maria da Penha e gli stupri record nello stesso anno , raggiungendo il segno di 66.041 record, dimostrano il sentimento maschile di impunità e superiorità nei confronti delle donne, poiché le immaginano come proprietà e oggetto di piacere con cui tutto può fare (UNIVERSA, 2020).

Pertanto, ciò dimostra ed è opportuno sottolineare che, solo un progresso nella sola legislazione, senza l’arricchimento dei servizi per combattere la violenza con le attrezzature, una maggiore copertura dei servizi e una reale formazione dei professionisti che fanno parte della prima linea, non è sufficiente.

Si può dire che il Brasile ha già un enorme dispositivo legale e abbastanza buono da migliorare i suoi dati, ma ciò che manca è proprio l’essenziale, il nucleo: esseri umani addestrati, apprezzati e attrezzati; consapevolezza di classe e educazione al rispetto delle differenze e delle divergenze.

Tutto inizia dalla fondazione, cioè nell’educazione, dove coloro che vivono nella nazione impareranno di cosa si tratta e come evitare la violenza simbolica. Inoltre, deve essere permeato dalla creazione di una legislazione, dal miglioramento del sostegno psicologico e da efficaci restrizioni della libertà contro coloro che sfuggono al loro quadro. Ma i governanti brasiliani vogliono invertire il processo e ignorare passo dopo passo, a partire da luoghi inimmaginabili solo per fare marketing politico, lasciando da parte i pilastri dell’esecuzione necessari per costruire un edificio e, in questo modo, non ci sono grandi progressi pratici nell’affrontare questo tipo di violenza.

RIFERIMENTI

AMORIM, L. T. de. Gênero: uma construção do movimento feminista? Anais II Simpósio Gênero e Políticas Públicas ISSN2177-8248, 2011. Disponível em: <http://www.uel.br/eventos/gpp/pages/arquivos/Linamar.pdf> acesso em 31 jul. 2020.

BEAUVOIR, Simone. O Segundo Sexo. São Paulo, 1987.

BLAY, E. A. Violência contra a mulher e políticas públicas. Estudos Avançados. São Paulo, v. 17, n. 49, p. 87-98, 2003. Disponível em <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0103-40142003000300006&lng=en&nrm=iso> acesso em 14 fev. 2020.

BIROLI, F; MIGUEL, L. F. Feminismo e Política: uma introdução. Boitempo Editorial, São Paulo, 1º Ed., 2015.

BOURDIEU, P. A dominação masculina. Bertrand Brasil, Rio de Janeiro, 18º Ed., 2020.

BRASIL. Constituição da República Federativa do Brasil: promulgada em 5 de outubro de 1988. Disponível em: <http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/constituicao/constituicao.htm> Acesso 10 jan. 2021.

______. Convenção Interamericana para Prevenir, Punir e Erradicar a Violência contra a Mulher, Decreto 1.973, de 1 de agosto de 1994. Disponível em: <http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/decreto/1996/d1973.htm> Acesso em 12 jan. 2021.

______. Lei Maria da Penha. Lei 11.340, de 7 de agosto de 2006. Brasília, DF, 2006. Disponível em: <http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2004-2006/2006/lei/l11340.htm> Acesso em 07 jan. 2021.

______. Norma Técnica de Padronização das Delegacias Especializadas de Atendimento às Mulheres – DEAMs. 2010. Disponível em: <http://www.biblioteca.presidencia.gov.br/presidencia/dilma-vana-rousseff/publicacoes/orgao-essenciais/secretaria-de-politica-para-mulheres/norma-tecnica-de-padronizacao-das-delegacias-especializadas-de-atendimento-a-mulheres-25-anos-de-conquista> Acesso: 07 jan. 2021.

______. Política Nacional de Enfrentamento à Violência contra as Mulheres. Secretaria de Políticas para as Mulheres – Presidência da República. 2011. Disponível em: <https://www12.senado.leg.br/institucional/omv/entenda-aviolencia/pdfs/politica-nacional-de-enfrentamento-a-violencia-contra-as-mulheres> Acesso: 07 jan. 2021.

BRASIL DE FATO. Uma mulher é morta a cada nove horas durante a pandemia no Brasil. Brasil de Fato, 10 out. 2020. Disponível em: <https://www.brasildefato.com.br/2020/10/10/uma-mulher-e-morta-a-cada-nove-horas-durante-a-pandemia-no-brasil> Acesso: 13 jan. 2021.

BUTLER, J. Problemas de gênero: feminismo e subversão da identidade. Editora Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2003. Traduzido por Renato Aguiar. ISBN 978-8520006115.

BUTLER, J. Sempre fui feminista… PENSADOR, São Paulo, 2020. Disponível em < https://www.pensador.com/frases_judith_butler/> Acesso: 10 jan. 2021.

CFP, CONSELHO FEDERAL DE PSICOLOGIA. Código de Ética Profissional do Psicólogo. Brasília, 2005. Disponível em: < http://site.cfp.org.br/wp-content/uploads/2012/07/codigo-de-etica-psicologia.pdf> acesso: 14 jan. 2021.

COSTA, A. J. D. A contribuição da Psicanálise para o tratamento de psicóticos na Rede de Atenção Psicossocial (RAPS): revisão bibliográfica. Revista Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Disponível em: <https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia/tratamento-de-psicoticos> Acesso: 13 mar. 2021.

COSTA, D. H; NJAINE, K; SCHENKER, M. Repercussões do homicídio em famílias das vítimas: uma revisão da literatura. 2017. Disponível em: <https://www.scielo.br/pdf/csc/v22n9/1413-8123-csc-22-09-3087.pdf> Acesso: 10 jan. 2021.

FARINHA, M. G; SOUZA, T. M. C. Plantão psicológico na delegacia da mulher: experiência de atendimento sócio-clínico. Revista da SPAGESP, ISSN-e 1677-2970, Vol. 17, Nº. 1, 2016, págs. 65-79.

FONSECA, D. H. da; RIBEIRO, C. G; LEAL, N. S. M. Violência doméstica contra a mulher: realidades e representações sociais. Psicol. Soc., Belo Horizonte, v. 24, n. 2, p. 307-314, 2012.   Disponível em <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0102-71822012000200008&lng=en&nrm=iso> acesso em 14 fev. 2020.

GARCIA, C. C. Breve história do feminismo. Claridade, São Paulo, 2018.

GIL, A. C. Como elaborar projetos de pesquisa. 4ª Ed. São Paulo: Atlas, 2002.

GONZÁLEZ REY, F. L. Pesquisa qualitativa em psicologia: caminhos e desafios. Trad. Marcel Aristides Ferrara Silva. São Paulo: Pioneira Thomson Learning, 2005.

GONZÁLEZ REY, Fernando. Pesquisa qualitativa e subjetividade: Os processos de construção da informação. São Paulo: Cengage, 2010.

LAVILLE C.; DIONNE, J. A construção do saber. Manual de metodologia da pesquisa em ciências humanas. Porto Alegre: Editora Artes Médicas Sul Ltda; Belo Horizonte: Editora UFMG, 1999.

LISBOA, T. C. Violência de Gênero, Políticas Públicas para o seu enfrentamento e o papel do serviço social. v. 14 n. 27 (2014): Serviço Social, Relações de Exploração/Opressão de Gênero, Raça/Etnia, Geração, Sexualidades.

MARCONI, M. de A.; LAKATOS, E. M. Técnicas de pesquisa. 8. ed. São Paulo: Atlas, 2017.

MELO, V. G. de; SOUTO, J. B. Relacionamento Abusivo: que gozo é esse? Um olhar para o feminino. Centro de Ciências Biológicas e da Saúde, Universidade Estadual da Paraíba, João Pessoa, Paraíba, 2018. Disponível: <http://dspace.bc.uepb.edu.br/jspui/handle/123456789/19812> acesso em 13 fev. 2020.

MONTEIRO, C. F. S; SOUZA, I, E, O. Vivência da violência conjugal: Fatos cotidianos. Texto Contexto Enfermagem, Florianópolis, 2007.

OSÓRIO, K. Chama de bruxas as mulheres que são… PENSADOR, São Paulo, 2018. Disponível em: <https://www.pensador.com/frase/MjMzNzQ2Mw/> acesso em 04 jan. 2021.

PEIXOTO, A. da C. R. Propensão, Experiências e Consequências da Vitimização: Representações Sociais. 2012. Disponível em: <https://run.unl.pt/bitstream/10362/7880/1/TESEAlberto%20Peixoto.pdf> Acesso: 10 jan. 2021.

POLI, M. C. Feminino/Masculino. Rio de Janeiro: Editora Zahar, Coleção Passo-a-passo 76, 2007.

ROUDINESCO, Elisabeth. A família em desordem. Rio de Janeiro: Zahar, 2003.

SAMPIERI, R. H.; COLLADO, C. F.; LUCIO, M. P. B. (2010). Metodologia de Pesquisa. Trad. Sob a direção de Daisy Vaz de Moraes. Porto Alegre, RS: Penso Editora, 5º Edição.

SILVA, C. R. da. Violência de gênero no Brasil e na América Latina: um enfoque psicanalítico, a produção de conhecimento e perspectivas de enfrentamento. DOXA: Revista Brasileira de Psicologia e Educação, [S.l.], p. 80-96, jan. 2018. ISSN 2594-8385. Disponível em: <https://periodicos.fclar.unesp.br/doxa/article/view/11284>. Acesso em 17 fev. 2020.

SILVA, A. E. F. da; CORREDATO, K. P.; VERSA, C. R. O movimento feminista na pós-modernidade: dificuldades e controvérsias. Anais da XIII Jornada Científica da UNIVEL, p. 233, Cascavel-PR, out. 2015. Disponível em: <https://www.univel.br/File/jornadacientifica/REVISTA%20JORNADA%20CIENTIFICA%202015.pdf#page=233> Acesso em 02 mar. 2020.

SILVA, L. R. C. Pesquisa documental: alternativa investigativa na atuação docente. in IX Congresso Nacional de Educação – EDUCERE, III Encontro brasileiro de psicopedagogia. Paraná: PUCPR, 2009.

SOUZA, D. S. de. História, Psicanálise e Sociologia: notas acerca da dominação masculina. Revista Ágora, [S. l.], n. 16, 2013. Disponível em: <https://www.periodicos.ufes.br/agora/article/view/5019>. Acesso em: 31 dez. 2020.

TESCHE, V. R; WEINMANN; A. O. Reflexões sobre o enredamento feminino em relacionamentos abusivos. Revista Caderno Espaço Feminino, v. 31, n. 1, 2018. Disponível: <http://www.seer.ufu.br/index.php/neguem/article/view/38902> Acesso em 18 fev. 2020.

UNIVERSA. Dia contra a Violência à mulher: 10 dados que mostram por que falar sobre isso. UOL, 10 out. 2020. Disponível em: <https://www.uol.com.br/universa/noticias/redacao/2020/10/10/dia-contra-a-violencia-a-mulher-10-dados-explicam-por-que-falar-sobre-isso.htm> Acesso: 13 jan. 2021.

VASCONCELOS, S. C. D. Violência de gênero: uma análise da rede de atendimento à mulher. Repositório Institucional UFS, 25 jul. 2016. Disponível em: < https://ri.ufs.br/jspui/handle/riufs/6214> Acesso em: 07 jan. 2021.

APPENDICE – RIFERIMENTO ALLA NOTA A PIÈ DI PAGINA

2. Disponibile in: https://www.onumulheres.org.br/wpcontent/uploads/2020/09/ATENEA_Brasil_FINAL.pdf. Accesso: 26 gen. 2021.

[1] Specialista in Salute Mentale e Psicosociale, Specialista in Politica e Società e laureato in Psicologia.

Inviato: Aprile 2021.

Approvato: Luglio 2021.

Rate this post
Alex Junio Duarte Costa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita