REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Complessi psicologici kleiniani: analisi dell’opera “Dobbiamo parlare di Kevin”

RC: 139865
200
5/5 - (10 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

RECENSIONE

ABREU, Liliane Alcântara de [1], MELO, Natalia Sayuri [2], SOARES, Pamela Cristina [3], NUNES, Letícia Monteiro [4], SILVA, Gabriella Braga Dias da [5], MENDES, Matheus Passos [6]

ABREU, Liliane Alcântara de. et al. Complessi psicologici kleiniani: analisi dell’opera “Dobbiamo parlare di Kevin”. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, Ed. 08, vol. 03, pagg. 181-209. Agosto 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/complessi-psicologici

RIEPILOGO

Questo articolo si proponeva di ricercare, analizzare e produrre un’indagine teorica dal punto di vista della psicoanalisi attraverso il lavoro di Melanie Klein (1966; 1991-1997) per comprendere i meccanismi di voracità, introiezione, proiezione, invidia e gratitudine espressi nell’opera “Dobbiamo parlare di Kevin”, analizzato qui dal film e dal libro. L’articolo si propone di comprendere gli aspetti kleiniani analizzando psicoanaliticamente il lungometraggio in modo più incisivo. Pertanto, la domanda guida è stata: come e perché le relazioni madre-bambino possono generare madri e bambini emotivamente distanti con comportamenti simili al disturbo della condotta? Pertanto, l’obiettivo generale era basato sulla rilevazione di come lo sviluppo della personalità nell’individuo si costruisce attraverso la relazione materna. L’ipotesi si basava sul presupposto che il soggetto con disturbo della condotta possa avere il proprio comportamento potenziato di fronte al riconoscimento della paura o del rifiuto del suo più vicino caregiver, in questo caso la madre. Come metodologia, la ricerca si è basata principalmente sull’osservazione e l’analisi dell’opera “Dobbiamo parlare di Kevin” e sull’indagine bibliografica per la discussione teorica, basata sulla luce di Klein, e anche sul supporto di altri teorici. Di conseguenza e conclusioni, le analisi hanno indicato che le relazioni affettive tra madri e figli, così delicatamente scandite da Klein, possono innescare una moltitudine di psicopatologie come psicosi o perversioni, sviluppi come disturbi narcisistici e altri fattori aggravanti, e generare adulti malati, in un ciclo infinito di dolore per le paure di amare e non essere amati.

Parole chiave: Klein, Maternità, Psicoanalisi, Psicologia, Psicopatologia.

1. INTRODUZIONE

Questo articolo si proponeva di fare un’analisi incrociata tra Arte e Psicoanalisi della scuola kleiniana. Per questo, gli studi di Melanie Klein (1966; 1991-1997) sono stati presi in considerazione dal punto di vista del film tratto dal libro omonimo, “Dobbiamo parlare di Kevin” (RAMSAY, 2011; SHRIVER, 2007 ). Il lavoro affronta il rapporto tra madre e figlio, i complessi psicologici innescati dalla loro interazione – e anche la sua mancanza – e le conseguenze di occasionali malattie psicopatologiche per entrambi.

La domanda guida è stata: come e perché le relazioni madre-bambino possono generare madri e bambini emotivamente distanti con comportamenti simili al disturbo della condotta? Pertanto, l’obiettivo generale era basato sulla rilevazione di come lo sviluppo della personalità nell’individuo si costruisce attraverso la relazione materna. Di conseguenza, sono stati sviluppati obiettivi specifici per comprendere come il comportamento materno contribuisca alla formazione della psiche dei minori a loro affidati; capire come possono apparire gli individui con disturbo della condotta e rilevare quali sono gli standard e i concetti costruiti su cosa significhi essere una buona madre socialmente.

Con questo in mente, è stato possibile generare i segni comportamentali che costituiscono l’ipotesi per analizzare i soggetti coinvolti nella trama. Da questo punto di vista, si basava sul presupposto che il soggetto con disturbo della condotta potesse potenziare il proprio comportamento di fronte al riconoscimento della paura o del rifiuto del suo più vicino caregiver, in questo caso la madre. Questa ipotesi è nata dalla costruzione molto confusa della narrazione della storia, che ha portato il gruppo di autori a chiedersi continuamente chi fosse Eva, il personaggio centrale, e perché si comportasse sempre in modo così apatico? Parallelamente, dove ha preso così tanto odio per sua madre Kevin, il figlio? E come sono stati costruiti questi comportamenti?

Pertanto, come metodologia, la ricerca si è basata sull’osservazione e l’analisi del film, nonché sull’incrocio con i rilievi bibliografici per la discussione teorica. Pertanto, al fine di cercare una comprensione dei comportamenti sociali presentati nel film, alcuni studiosi sono stati importanti. Pertanto, come studio più approfondito, il team di questo articolo si è concentrato non solo sulla teorizzazione efficace di Klein (1966; 1991; 1991-1997), ma ha cercato in vari teorici la comprensione della domanda come Juan-David Nasio (1995), Vladimir Safatle (2007), e anche Carl Jung (1994; 1991), fornendo le prime basi storiche e su come si costruisce il pensiero di questo psicoanalista, oggetto di studio. Anche Sigmund Freud (1972; 2011) e Hanna Segal (1975) sono stati utilizzati come base in questa fase, ma anche in quella successiva. Entrando nell’analisi fattuale del film, e con il supporto nel libro stesso con la storia di Eva e Kevin, il team di studio è stato supportato anche da Elisa Cintra e Luiz Figueiredo (2010), David Zimerman (2004) e Liliane Abreu (2022 ), ha brevemente rafforzato i concetti di questi autori precedenti, aiutando a comprendere le riflessioni presentate nel film. ICD-10 (1993) è stato utilizzato come supporto uguale. Infine, le considerazioni finali chiudono l’analisi di questo articolo.

2. COMPRENDERE I PERCORSI DI MELANIE KLEIN

In Inghilterra dal 1940 al 1944 vi furono divergenze teoriche che crearono una spaccatura tra gli psicoanalisti. Si formò così un gruppo con Melanie Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), un altro gruppo con Donald Woods Winnicott (1983; NASIO, 1995) e un terzo gruppo guidato da Anna Freud (1971). Successivamente ne sono emerse diverse scuole: la scuola inglese (con Klein e Winnicott); la scuola francese con Lacan (NASIO, 1995), e la scuola americana con Hartmann (1968). Da notare che la scuola americana era conosciuta anche come Psicologia dell’Io – in quanto iniziò a studiare altre cose, come la percezione –, lasciando un po’ da parte l’inconscio e valorizzando il biologico attraverso il cervello, dando origine alle teorie della cognizione.

Pertanto, ogni teorico ha scelto un pilastro per la sua teoria. Melanie Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) ha preso in considerazione l’ansia e il legame. Winnicott (1983; NASIO, 1995) si basava sull’Holding, che è il supporto e l’ambiente in cui la madre è inserita con il bambino. Per Lacan (NASIO, 1995), l’inconscio è strutturato come linguaggio, ed è stato fortemente sostenuto dalla linguistica di Saussure (2012), dall’antropologia di Lévi-Strauss (1953/1975; LEPINE, 1979) e dalla dialettica di Hegel (2008 ).

2.1 KLEIN, IL SENO BUONO E IL SENO CATTO

Il punto centrale della teoria kleiniana (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) è legato alla questione del legame paziente-analista, affermando in certi momenti anche che questo è superiore alla questione dell’inconscio. Lo psicoanalista è stato un pioniere nel campo del lavoro con l’infanzia. Per questo sviluppò l’idea che la psiche abbia origine dal legame della madre con il bambino. Quindi, quando parli del singolo paziente nella tua scuola, ti riferisci direttamente ai bambini.

La sua analisi con i piccoli si è basata sulla tecnica dei giochi, in cui vanno osservati come gli adulti. Credeva che il transfert tra terapeuti e bambini sarebbe stato lo stesso che con gli adulti. Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) usava i giochi perché i bambini (a volte anche i neonati) avevano difficoltà ad esprimersi oa parlare.

Ha difeso l’idea che le misure rieducative non dovrebbero essere utilizzate durante le analisi, un’azione condotta dalla psicoanalista Anna Freud (1971), che aveva una formazione iniziale in Pedagogia. Per questo difese l’introduzione della rieducazione in analisi, creando divergenze tra lei e la Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975). A sua volta, Klein afferma che non è compito del terapeuta insegnare al bambino cosa fare. Inoltre, dovrebbero solo percepire ciò che il paziente porta, senza interferire. Pertanto, oltre all’intera teoria del legame, questo autore ha posto la questione dell’angoscia come un altro punto importante. Ha anche individuato che tutti i punti del secondo tema freudiano (Es, Io e Super-Io) sarebbero presenti nell’individuo fin dalla tenera età, e sarebbero responsabili del primo sviluppo psichico.

Nelle osservazioni e nelle teorie, l’idea del mondo degli oggetti interni (cioè le fantasie inconsce) era adatta a un bambino. Ciò significa che Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) ha capito che nell’infanzia ci sarebbe stata una relazione fantastica tra il bambino e il suo primo oggetto d’amore: la madre. Avrebbe un conflitto mentale di amore-odio con questa figura materna.

Per quanto riguarda la tecnica del gioco, ha analizzato i suoi pazienti sulla base di giochi, drammatizzazioni, espressioni verbali, disegni e giochi. Se il bambino accettasse uno qualsiasi di questi aspetti, o anche più di uno, tutto potrebbe essere utilizzato favorevolmente per raggiungere l’inconscio di quell’individuo – un processo molto vicino, nelle dovute proporzioni, alle teorie di Jung (1994) e che culminò nell’Arteterapia di linea di Psicologia Analitica.

Un altro punto sostenuto è che le fantasie aggressive del bambino non dovrebbero essere represse. Per la Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), il bambino dovrebbe poter esprimere le sue fantasie così come si presentano, soprattutto perché sarebbero legate al fattore amore e odio della madre. Pertanto, il terapeuta dovrebbe offrire solo giocattoli e materiali che consentano l’espressione dell’individuo, anche per quanto riguarda i sentimenti che possono essere osservati. Solo così, il professionista potrebbe comprendere in modo più completo ciò che accade al bambino. Da questo, l’analista dovrebbe essere sincero con il bambino, anche dicendogli che certe cose sarebbero accadute a causa di certe situazioni. Evidentemente nel linguaggio e nella comprensione di questo piccolo cliente.

Nella comprensione di Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), il soggetto apprezza e si fida, anche in giovane età, di chi gli dice la verità ed è sincero. Questo chiuderebbe il transfert (il legame) e il terapeuta raggiungerebbe il paziente per il trattamento. Basterebbe questo fattore, insieme ai giochi, per raggiungere l’inconscio dell’individuo e fargli esporre le sue angosce, i suoi pensieri e le sue emozioni. Anna Freud (1971) ha confutato la teoria della Klein, affermando che i bambini non si sarebbero trasferiti con il terapeuta. Inoltre, Anna Freud ha affermato che il professionista dovrebbe esaminare i genitori, in quanto il legame del bambino era parentale, e non con il terapeuta. Credeva quindi che per raggiungere l’inconscio del bambino dovesse necessariamente passare attraverso i genitori.

A differenza di Sigmund Freud (1972) che ha collocato la fase fallica tra i tre ei cinque anni per il Complesso di Edipo, Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) ha stabilito questo processo nel primo anno di vita. In questo modo, l’autore ha capito che il Complesso di Edipo sarebbe comparso dopo una fase femminile del bambino, e sia i ragazzi che le ragazze avrebbero attraversato questa fase. Di conseguenza, ci sarebbe la fantasia che il corpo della madre sia un grande giocattolo con altre parti più piccole, come i seni. Ciò farebbe precipitare la fantasia di entrare nel corpo della madre e distruggere questi giocattoli e oggetti (compreso il pene del padre). Successivamente, il bambino genererà il pensiero del rimpianto per aver voluto distruggere il suo primo grande oggetto d’amore, che era sua madre. Per la Klein in quel momento comparirebbe il Complesso di Edipo, ma contrariamente alla teoria freudiana, poiché la fantasia è che la madre abbia il pene del padre e il desiderio di possederlo. (ABREU, 2022)

Un altro concetto sarebbe legato al Superego precoce. Secondo Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), il Super-io si formerebbe fin dall’inizio della vita e, quindi, prima del Complesso di Edipo. Inoltre, il Superego non sarebbe solo un censore, ma potenzialmente sadico e crudele. Klein affermava che la posizione schizo-paranoide regolarizza i primi tre mesi di vita e sarebbe il demarcatore durante questo periodo. Così, in un primo momento, il bambino ha un’angoscia persecutoria nei confronti della madre, cioè ha paura di essere aggredito dal suo primo oggetto d’amore come una forma di ritorsione per il presunto tentativo di distruggere il corpo di questa madre. Come secondo punto, e parallelamente, il bambino deve fare i conti con il rapporto tra seno buono e seno cattivo. Ciò sarebbe collegato ai sistemi di ricompensa, poiché quando mangiano bene e hanno la giusta attenzione e affetto, vedono questo come l’aspetto di un buon seno. D’altra parte, il seno cattivo apparirebbe in ciò che provoca angoscia e sentimento di persecuzione, e apparirebbe, ad esempio, quando la madre allatta velocemente o esprime irritazione o rifiuto. (ABREU, 2022)

Pertanto, questo tema dell’allattamento al seno è estremamente importante bilateralmente, ma per il bambino sarà fondamentale nella creazione di un legame affettivo, oltre che nel modo in cui questo legame verrà interpretato.

Il terzo punto – ricordando che il primo punto è quando il bambino ha un’angoscia persecutoria nei confronti della madre, e il secondo punto è quando deve fare i conti con il rapporto tra seno buono e seno cattivo – sarebbe legato all’io (Ego) proteggiti dall’angoscia con il meccanismo di difesa. Dopo tutto questo processo della posizione schizo-paranoide, apparirebbe la posizione depressiva. Si verificherebbe tra i 3 ei 6 mesi di età.

In un primo istante, sarebbe l’angoscia depressiva in cui l’io si sentirebbe in colpa per la pulsione aggressiva, cioè quel frammento in cui il bambino prova rabbia contro l’oggetto amato (la madre) cercando di distruggerlo, che porterebbe al momento successivo di diventare pentiti e sentire l’angoscia. Come secondo fattore, ci sarebbe un aumento dell’integrazione con la madre negli aspetti buoni e cattivi, rafforzando la questione del seno buono e cattivo. Questo porta al terzo pensiero che attraverso il meccanismo di difesa, ci sarebbe una riparazione del dolore delle fantasie aggressive con oggetti amati. Ci sarebbe qui un’integrazione affettiva, in cui il bambino accetterebbe la madre e lei diventerebbe veramente reale.

Pertanto, il soggetto diviso all’interno dello spettro schizoparanoide, nel momento in cui capisce di ferire l’oggetto amato in difesa di ciò che intende come male, e giunge alla conclusione che se ferisce ciò che è bene, allora lui stesso è cattivo. Presto entra nella depressione e lascia questa posizione persecutoria, emergendo da lì il nevrotico che vede che l’oggetto cattivo è anche buono, e quindi solo uno. Se non va oltre questo percorso, diventa psicotico, oppure, se prova piacere nel ferire l’oggetto amato, da lì nasce il perverso che può avere l’aggravante nel disturbo antisociale di personalità.

3. MECCANISMI KLEINIANI: DOBBIAMO PARLARE DI KEVIN

Il team formato per questo articolo ha scelto il lavoro “Dobbiamo parlare di Kevin” (RAMSAY, 2011; SHRIVER, 2007) per un’analisi con un focus sulla prospettiva kleiniana. La storia racconta il rapporto teso tra una madre e suo figlio, che generano aspetti di malattia psichica che sfociano in psicopatologie.

Eva era una donna avventurosa che era attiva nel mondo dei viaggi culturali quando era single. Il film inizia con lei al Tomatina Festival in Spagna, che consiste in un’enorme battaglia di pomodori. La presenza del colore rosso è evidente in questa prima scena, come se fosse un enorme mare di sangue, che mescola amore e rabbia.

Al centro c’è Eva, con un viso leggero e un sorriso aperto come se si stesse divertendo liberamente. Quindi, la scena si interrompe su Eva, attualmente, in una casa disordinata con cibo avanzato sparso sul tavolo e un’apatia presente sul suo viso, espressioni vuote e sguardo costante lontano dai suoi pensieri, come se nulla avesse importanza. Nel presente è sola, vive in una casa piccola e confusa, proprio come lei come essere umano.

L’inizio del film mostra diversi momenti di questo personaggio principale, presentando una confusione di fatti e, apparentemente, la stessa confusione mentale di Eva di fronte a un susseguirsi di eventi per anni e terminando con un grande trauma. Pertanto, la narrazione oscilla nel tempo attraverso la prospettiva di questa madre. La storia si sviluppa attraverso flash di eventi accaduti prima, durante e dopo un evento traumatico che non viene rivelato all’inizio, ma è evidente che cambia e incide seriamente sulla storia del personaggio.

In quel momento svogliato, la sua casa e la sua macchina furono attaccate con vernice rossa. Le persone la insultano verbalmente e fisicamente, o semplicemente la fissano senza pronunciare una parola ma con giudizio. Eva ha una percezione costante della persecuzione, ma è solo alla fine del film che si capisce che, in effetti, lo era.

Le scene portano un confronto che sottolinea la differenza di Eva prima e dopo l’evento traumatico. Secondo Klein (1991), la svalutazione dell’oggetto e del mondo esterno nei casi di depressione e malinconia si alterna alla svalutazione della persona stessa. Eva batte il piede sul bordo del tavolo e non mostra alcuna reazione dolorosa; quando apre la porta, si rende conto che la sua casa è stata vandalizzata con vernice rossa e non mostra alcun sentimento apparente, come se tutto fosse irrilevante, o meglio, come se fosse anestetizzata per tutto il tempo.

Vê-se pela descrição das defesas, que todas elas ficam contaminadas pela dinâmica da pulsão de morte, e, na tentativa de combater o próprio “aguilhão” da inveja, conduzem as formas de existência cada vez mais desvitalizadas e ausentes de desejo, entusiasmo, interesse e paixão. (CINTRA; FIGUEIREDO, 2010, p. 141)

La percezione che si ha è di essere intrappolata dentro un lungo processo di negazione del lutto che attraversa i mesi. Non piange, non dorme bene, è costantemente all’erta e sembra di essere in un mondo parallelo.

Quando era giovane, Eva ha cercato di lasciare gli Stati Uniti (dove viveva) per la Francia, ma il suo ragazzo l’ha fermata. Ha finito per diventare suo marito dopo aver scoperto che era incinta. La coppia ha avuto due figli in momenti diversi.

Nel presente, mentre cerca un nuovo lavoro, viene assunta da un’agenzia di viaggi. Le loro espressioni vuote sono brevemente sostituite da felicità e sollievo. Anche i colleghi la osservano con stranezza e distanza. Tuttavia, mentre lascia questa intervista iniziale sorridendo, incontra una donna che la affronta sul motivo di tanta felicità e se avesse dimenticato cosa è successo in passato, quindi schiaffeggia Eva in faccia. Non mostra rabbia o altre emozioni, ma ritorna al suo stato apatico. Secondo Klein (1991; CINTRA; FIGUEIREDO, 2010), l’angoscia, sebbene sembri assente, è in uno stato di latenza negli schizoidi.

In questo modo, sebbene ad Eva sembri non interessare ciò che è successo e accade ancora nella sua vita, in realtà c’è una sofferenza e un’ansia molto intense che non sono evidenti agli altri. Cintra e Figueiredo (2010) affermano che questa ansia, tenuta latente dalla dispersione, è vissuta in una certa misura per tutto il tempo.

Proprio all’inizio del film, la relazione amorosa di Eva è presentata in tre momenti. Nel primo, appare felice e si diverte con il suo partner, Franklin, ed entrambi sembrano essere innamorati (prima del matrimonio). Quindi passa alla scena in cui chiede a Eva di lasciargli completare l’atto sessuale nel tentativo di concepirla. È evidente che non vuole rimanere incinta, ma lo permette perché è la volontà del suo ragazzo.

Klein (1960) spiega che la fedeltà a ciò che si ama o si dà per scontato implica che gli impulsi ostili legati alle angosce si dirigano verso quegli oggetti che mettono in pericolo ciò che si sente bene. In questo modo Eva si permette di avere un figlio per paura di perdere l’amore del marito se non soddisfa il suo desiderio, e questo bambino diventa l’oggetto che mette in pericolo questo amore e la sua stessa libertà. Ecco un estratto dal personaggio su questo cambiamento nella sua vita:

Enquanto isso, comecei a ver meu corpo sob uma nova luz. Pela primeira vez, tive a consciência das pequenas elevações em meu peito como tetas destinadas à alimentação de um filhote, e notar sua semelhança física com o úbere de vacas ou com os volumes bambos de cadelas lactantes de repente foi inevitável. (…) Não quero com isso dar a entender que fui a primeira mulher a descobrir os pássaros e as abelhas. Mas isso tudo era novo para mim. E, honestamente, eu não tinha muita certeza a respeito. Sentia-me dispensável, jogada fora, engolida por um grande projeto biológico que não iniciei nem escolhi. Que me produziu, mas que também iria me mastigar e depois cuspir fora. Eu me senti usada, (SHRIVER, 2007, p. 66-67)

Continua in un’altra sezione rafforzando la sua visione di questa nuova donna e della maternità, e il suo dolore per aver cessato di essere tutt’uno con suo marito a causa dell’apparizione di Kevin:

Eu esperava que, com o tempo, a ambivalência sumisse, mas a sensação conflitante foi se acentuando e, desse modo, ficando mais secreta. Finalmente vou abrir o jogo. Acho que a ambivalência não desapareceu porque não era o que parecia ser. Não é verdade que eu me sentisse “ambivalente” a respeito da maternidade. Você queria um filho. Eu não. Tudo somado, até parecia uma ambivalência, mas mesmo formando um casal que era realmente o máximo, não éramos uma mesma pessoa. Nunca consegui que você gostasse de berinjela. (SHRIVER, 2007, p. 71)

Poi vengono mostrate alcune scene durante la gravidanza di Eva ed è allora che inizia ad apparire con le espressioni più vuote, che in futuro diventano costanti. Anche con altre madri, non interagisce e non sembra entusiasta della gravidanza. Già in travaglio, resiste al concepimento come se non volesse che il bambino esca da lei.

(…) a ansiedade surge da operação da pulsão de morte dentro do organismo, é sentida como medo de aniquilamento (morte) e toma a forma de medo de perseguição. O medo do impulso destrutivo parece ligar-se imediatamente a um objeto, ou melhor, é vivenciado como medo de um incontrolável objeto dominador (KLEIN, 1991, p. 24-25)

Resistendo durante il parto, Eva sembra non voler materializzare e rendere reale questo oggetto che per lei è distruttivo, mostrando paura che possa dominarla e cambiare tutta la sua realtà. In un certo senso, questo si materializza, perché con l’arrivo di un bambino, la vita dei genitori cambia per soddisfare i loro bisogni, e con Kevin non è stato diverso.

Portare alcune prospettive con estratti direttamente dal libro è stato interessante per questo articolo di Psicoanalisi. Poi, nel corso di questa discussione teorica, verranno sistemati alcuni punti della storia. Uno di questi riguarda il parto e il periodo postpartum, dal punto di vista di Eva. Così, nel libro da cui è tratto il film, la protagonista racconta a lettere come erano le ore prima del parto di Kevin:

Ah, Franklin, não há por que fingir agora. Foi horrível. Eu até posso ser capaz de aguentar determinados tipos de dor, mas se for esse o caso, minha intrepidez mora nas canelas e nos braços, não entre minhas pernas. Essa nunca foi uma parte do corpo que eu teria associado com estoicismo, como algo tão odioso quanto exercício. […] E, de repente, estava tudo acabado. Mais tarde, acharíamos graça de eu ter aguentado tudo para só no fim implorar por alívio – quando ele já não podia mais ser oferecido -. mas na hora não foi nada engraçado. No momento mesmo em que ele nascia, associei nosso filho com minhas próprias limitações – não só com o sofrimento, mas também com a derrota. (SHRIVER, 2007, p. 94-95).

Per Klein (1966; 1991; 1991-1997) il neonato è in grado di sentire il processo della propria nascita ed è possibile mettere in relazione questa ipotesi con tutto ciò che procede successivamente nel rapporto di Kevin con Eva, come se percepisse chi era non amato dalla nascita, o anche prima:

Apresentei a hipótese de que o bebê recém-nascido vivência, tanto no processo de nascimento quanto no ajustamento à situação pós-natal, ansiedade de natureza persecutória. Isso pode ser explicado pelo fato de que o bebezinho, sem ser capaz de apreendê-lo intelectualmente, sente inconscientemente todo desconforto como tendo sido infligido a ele por forças hostis. Se lhe é oferecido conforto prontamente – em especial calor, o modo amoroso de segurá-lo e a gratificação de ser alimentado –, isso dá origem a emoções mais felizes. Tal conforto é sentido como vindo de forças boas e, acredito, toma possível a primeira relação de amor do bebê com uma pessoa ou, como um psicanalista diria, com um objeto. Minha hipótese é que o bebê tem um conhecimento inconsciente inato da existência da mãe. (…) Podemos também observar que com apenas poucas semanas o bebê já olha para o rosto de sua mãe, reconhece seus passos, o toque de suas mãos, o cheiro e a sensação de seu seio ou da mamadeira que ela lhe dá – tudo isso sugere que alguma relação com a mãe, ainda que primitiva, foi estabelecida. (KLEIN, 1991, p. 282)

Alla nascita, il bambino è esposto a vari traumi, frustrazioni, sofferenze e confusione. Pertanto, generalmente ha accesso alle cure e all’affetto di sua madre, cosa che Kevin non ha avuto.

I ricordi di Eva continuano ad andare e venire, come qualcuno alla ricerca di risposte. Ricorda la prima gravidanza di suo figlio Kevin e la difficoltà nel prendersi cura di quel bambino. Il ragazzo piangeva tutto il tempo che era con sua madre, non importa quanto ci provasse. Eva non sopportava le grida del bambino e un martello pneumatico sembrava più sopportabile delle grida. Presto diventa impaziente, insoddisfatta e indifferente con il bambino, e il personaggio viene presentato in certi momenti come se soffrisse di depressione postpartum. Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) nella sua teoria, sottolinea l’importanza che le esperienze positive siano sempre predominanti rispetto a quelle negative affinché avvenga lo sviluppo favorevole del bambino. Al contrario, anche il padre si è sforzato di essere un genitore amorevole. Il bambino non piangeva con lui, quindi il marito di Eva pensava che stesse reagendo in modo eccessivo per la stanchezza.

Durante la crescita del bambino e intorno ai 3 anni, Eva si accorge che il bambino non gioca, non le parla e non risponde agli stimoli, mostrandosi completamente apatico. Fa uno sforzo per interagire con il ragazzo, ma non c’è reazione e, quando lo fa, è aggressiva. Di fronte a ciò, Eva porta il piccolo dal medico per esami che potrebbero indicare un problema, come l’autismo o addirittura la sordità, ma i test hanno mostrato la normalità. Pertanto, il rapporto tra madre e figlio diventa più teso. Klein (1991) rafforza l’importanza di identificare e comprendere questi segni:

Os diversos sinais de dificuldades do bebê – estados de raiva, falta de interesse em seu ambiente, incapacidade de suportar frustração e expressões fugazes de tristeza – não encontravam anteriormente qualquer explicação, a não ser em termos de fatores físicos. Pois, até Freud fazer suas grandes descobertas, havia uma tendência geral a considerar a infância como um período de felicidade perfeita e a não levar a sério as diversas perturbações apresentadas pelas crianças. As descobertas de Freud têm nos ajudado, no decorrer do tempo, a entender a complexidade das emoções da criança e têm revelado que as crianças passam por sérios conflitos. (KLEIN, 1991, p. 281)

Fin dalla tenera età, il ragazzo presenta tratti di disturbo della condotta proprio con la madre, che, crescendo, sono diventati un vero e proprio disturbo antisociale di personalità, la psicopatia. Era piuttosto violento e mancava di empatia o carisma con sua madre. Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) è stato il primo professionista a rendersi conto che il processo psicotico o perverso deriva dalla stessa formazione simbolica interessata, e questo è in linea con la storia della famiglia di Eva.

Durante un altro pomeriggio di stimoli, Kevin tocca il suo giocattolo sonoro mentre sua madre gli chiede di ripetere alcuni nomi. Quando gli viene chiesto di dire mamma, risponde di no più volte. Allo stesso modo, rifiuta di mangiare tutto ciò che gli viene offerto, dice che non gli piace o non lo vuole e lancia la pentola con il cibo contro la porta del frigorifero.

Ao interpretar não apenas as palavras da criança, mas também suas atividades com seus brinquedos, apliquei este princípio básico à mente da criança, cujo brincar e atividades variadas – na verdade, todo o seu comportamento – são meios de expressar o que o adulto expressa predominantemente através de palavras. Também orientei-me sempre por dois outros princípios da psicanálise, estabelecidos por Freud, que desde o princípio considerei fundamentais: que a exploração do inconsciente é a principal tarefa do procedimento psicanalítico, e que a análise da transferência é o meio de atingir este objetivo. (KLEIN, 1991, p. 151)

Eva è in piedi accanto alla culla di Kevin e gli dice che era felice prima che lui nascesse, e ora si sveglia ogni giorno con il desiderio di essere in un altro paese. Il padre, vedendo quella scena, scuote la testa in segno di disapprovazione. Infatti, questo è il primo momento in cui Eva mostra una reazione nell’esprimere ciò che pensava di sé e del suo rapporto con il figlio, perché, come al solito, ha mantenuto il silenzio e un comportamento remissivo. Il rapporto madre-figlio diventa una lotta continua, ma con Eva sempre soggiogata da Kevin. Sembrava aver paura di suo figlio, anche se era piccolo.

Nelle scene che mettono in parallelo presente e passato, Eva viene mostrata durante una visita a Kevin in prigione (ha più di 16 anni). Rimane silenziosa e apparentemente abbattuta. Il ragazzo, a sua volta, sta rimuovendo distrattamente pezzi di pelle morta attaccati alla sua bocca, allineandoli uno accanto all’altro – ma solo mentre la storia va avanti diventa chiaro che si trattava di un’allusione ai cadaveri allineati –, mentre fissava sua madre. Il ragazzo si mostra una persona del tutto fredda, priva di empatia e che non mostra alcun rimorso.

A circa 7 anni, Kevin indossava ancora i pannolini. I discorsi e le azioni con il padre rimangono normali, ma con la madre sono sempre tesi e aggressivi da parte del bambino, il che a volte porta Eva a diventare reattiva. In quel momento, e dopo una conversazione, i genitori decidono di trasferirsi in campagna, in modo che Kevin possa avere una vita migliore e godersi di più la sua infanzia all’aperto, invece di rimanere intrappolato in casa. Kevin continua a interrompere la conversazione e a parlare ripetutamente nhem nhem. Eva si arrabbia e colpisce la mano del ragazzo.

La famiglia si trasferisce in una casa molto più grande con un certo status. Kevin e suo padre giocavano ai videogiochi con i giochi di tiro, mentre il bambino urlava che i personaggi morissero.

A variedade de situações emocionais que podem ser expressas através de atividades lúdicas é ilimitada: por exemplo, sentimentos de frustração e de ser rejeitado; ciúmes do pai e da mãe, ou de irmãos e irmãs; a agressividade que acompanha tais ciúmes; o prazer em ter um companheiro e aliado contra os pais; sentimentos de amor e ódio em relação a um bebê recém-nascido ou a um bebê que está sendo esperado, assim como as resultantes ansiedade, culpa e necessidade premente de fazer reparação. No brincar da criança, também encontramos a repetição de experiências e detalhes reais da vida cotidiana, frequentemente entrelaçados com suas fantasias. É revelador que, algumas vezes, eventos reais muito importantes em sua vida deixem de entrar no seu brincar e em suas associações, e que, às vezes, toda a ênfase repouse sobre acontecimentos aparentemente secundários. Mas esses acontecimentos secundários são de grande importância para ela pois despertaram suas emoções e fantasias. (KLEIN, 1991, p. 157)

D’altra parte, la madre era sola a passeggiare per casa, ricordando cose passate che le mancavano. Eva cerca di creare ambienti diversi per il benessere della famiglia, compreso il suo. Crea uno spazio con la sua personalità, analogo a quello che faceva prima di avere il bambino, e incolla le mappe come carta da parati in quella specifica stanza, come l’ambiente di un’agenzia turistica, in modo che lì possa studiare, creare, leggere e anche lavorare se possibile . Era lo spazio personale dei sogni. Tuttavia, Kevin prende in giro l’azione di sua madre e quando lei è assente dall’ambiente, distrugge l’intero posto gettando vernice sui muri, sui mobili e sul pavimento. Alla domanda del padre, il ragazzo dice che “stava cercando di aiutare”.

Analizzando quanto fin qui descritto, è possibile riflettere su alcuni aspetti. È interessante notare che Kevin e sua madre non hanno mai sviluppato un contatto amorevole profondo e reciproco. Pur avendo scelto di essere madre (pur con limiti e difficoltà) e cercando di affrontare al meglio un figlio estremamente vorace, il suo sforzo non è stato ripagato. Tuttavia, il suo frequente desiderio di non aver concepito Kevin come figlio era visibile, anche se non era implicito nelle parole (ad eccezione dell’avvento della culla di cui sopra). L’odio irragionevole di Kevin per tutto ciò che poteva rendere sua madre anche minimamente felice era colossale, e così ha distrutto tutto ciò che amava. Il comportamento distruttivo di questo figlio ha tolto ogni tipo di soddisfazione alla madre.

Secondo Klein (1996), quando il bambino si trova nella fase di assemblaggio del Super-io, inizialmente vuole distruggere l’oggetto libidico mordendolo e facendolo a pezzi. Con ciò, si sente in colpa per aver mostrato in sé tanta distruttività, che crea un Super-io che si vendica corrispondendo allo stesso tipo di offesa che proietta sull’oggetto libidico. Questo può essere visto quando Kevin distrugge le mappe e la stanza dei sogni di sua madre, perché con ciò voleva distruggere sua madre e anche il Super-io che rappresenta. D’altra parte si può anche pensare che forse è un oggetto interiorizzato e che distrugge l’oggetto buono. In ogni caso, anche se la colpa non compare, il bambino in questo stato teme il Super-io per essere sadico e vendicativo.

Sempre nell’episodio delle mappe distrutte, per non aver sostenuto questa posizione aggressiva del figlio, anche la madre ha iniziato a proiettare un odio per le sue frustrazioni nella vita e nella maternità in generale.

Un’altra scena che dimostra la voracità e l’odio di Kevin per sua madre, appare quando è nel processo di alfabetizzazione e con tutto che peggiora progressivamente. Quando Eva cerca di insegnargli a contare – stava insegnando a casa al bambino – per esempio, chiedendo cosa c’è dopo il numero tre, lui risponde nove. Quello che viene dopo sette, dice settantuno. Poi va avanti e avanti nella sequenza corretta da uno a cinquanta. Dopodiché, Kevin ha volutamente (e sorridendo) un movimento intestinale nei suoi pannolini e davanti a sua madre, costringendola a pulirlo. Questo è un luogo comune e irrita la madre. Non appena lei lo cambia, fa di nuovo la cacca. Eva questa volta perde il controllo e scaraventa il figlio contro il muro, rompendogli il braccio. È importante qui capire che le pulsioni aggressive del bambino, infatti, costruiscono l’oggetto e gli impediscono di costruire un oggetto interno abbastanza buono da poter compensare le pulsioni distruttive.

A questo punto si può rievocare Klein (1991). Per questo autore, Kevin sarebbe stato risolto in una fase molto precedente per essere ancora evacuato senza controllo, e anche di proposito. Se avesse due anni, si troverebbe nella fase in cui il bambino prova piacere nell’area genitale/anale, e questo sarebbe legato al sadismo primario e alle pulsioni epistemofile. Così, il sadismo che era orale (presentato nei morsi), passa alla fase anale.

In questa fase iniziale di costruzione del Super-io, il bambino non solo impara a controllare lo sfintere, ma vorrebbe appropriarsi del corpo della madre. Ci sarebbero anche due processi di frustrazione: uno segnato dalla rimozione del seno che allatta e l’altro dalla rimozione delle feci che non possono rimanere con il bambino. A peggiorare le cose, il bambino crede che le sue feci sarebbero equivalenti a quelle di un bambino.

A fase anal ocorre do primeiro até o terceiro ano de vida, sendo o momento em que a criança aprende a controlar sozinha suas necessidades imediatas. Freud (1972) relacionou que defecar de imediato e descontroladamente, está conectado diretamente à um adulto que não controla a raiva. Da mesma forma, desejar ser constantemente limpo pela mãe aponta para um adulto com grande poder de organização, talvez metódico, podendo ainda inclusive, ter compulsão por limpeza, e essa característica aparece muito marcante em Kevin. Mães (e cuidadores) que reclamam do cheiro ou das fezes da criança, criariam indivíduos que retém as fezes, podendo se desenvolver ali os avarentos. Na contramão desses comportamentos, se a criança aprende a entregar as fezes à mãe, recebendo na sequência muitos elogios, pode se surgir ali um adulto muito generoso. (ABREU, 2022)

Assim, Klein (1991) ainda informa que a criança ao ser destituída forçosamente daquele seu bebê – que são suas fezes, sua criação interna que vem ao externo – daquele seu objeto de amor, passa a desejar as fezes da própria mãe como substituto. Cruzando essas informações com Freud (1972), e com discursos de diversas mães que comumente pode-se ouvir, como, por exemplo, o relato desse momento em que as fraldas são retiradas, e que as crianças – independentemente se a passagem foi positiva ou negativa –, ficam prostradas na frente da progenitora olhando para seu rosto, enquanto a matriarca evacua sentada no vaso sanitário.

Klein (1966; 1991; 1991-1997) sugere que o superego surge por volta de 1 ano de idade – para Freud (1972), o superego seria formado por volta dos 3 ou 4 anos –, e da identificação direta com a mãe; desse ser que pode ser castrador e frustrador, ou generoso. Assim, se o sujeito não elaborar devidamente esse processo, ele gera raiva a respeito da mãe que é vista como alguém má e que dá medo, precipitando o sujeito psicótico, e que no caso dos meninos, pode ser potencializado.

Lo psicoanalista spiega che quando il soggetto è in questa fase schizo-paranoide, entra nella percezione di vedere solo attacchi, persecuzioni e pulsioni distruttive, senza percepire alcun tipo di affetto o positività. Interiorizza il seno cattivo per se stesso e come se fosse se stesso, interiorizzando il proprio Super-io. Così, l’individuo è attaccato all’oggetto che giudica solo cattivo: la madre che sarebbe odiosa e spaventosa, e risponde con atteggiamenti aggressivi e sadici, come Kevin.

Tornando al film, mentre torna a casa dall’ospedale, Kevin mente a suo padre su come è stato ferito, mantenendo sua madre in silenzio. Il ragazzo inizia ad usare il bagno e abbandona i pannolini, ma rafforza le prese in giro e inizia a dare ordini, controllando Eva nelle più piccole azioni, portandola da quel momento in poi a diventare completamente passiva nei confronti del figlio.

Anche da bambino che è intelligente e conosce a memoria la maggior parte dei numeri possibili per la sua età, continuava a sbagliare di proposito. È caratteristico del lungometraggio far capire chiaramente allo spettatore che il rapporto tra madre e figlio è complesso e discordante. Klein (1996) indica che nella fase evolutiva in cui si trovava Kevin, in questa scena dell’emergere delle tendenze edipiche, il ragazzo può dimostrare un sadismo e un odio irragionevole per la madre e il suo corpo. Poiché è la fase dei processi di sviluppo, compreso lo sviluppo sessuale, c’è un senso di colpa da parte del bambino. Pertanto, cerca di risolvere sentimenti complessi come il senso di colpa e la paura per la castrazione del padre, trattando la madre con maggiore aggressività. Kevin va ben oltre l’odio, passando al disprezzo e alla mancanza di contatto materno, ignorando chiamate, lezioni e apprendimenti. Contemporaneamente il ragazzo comincia ad osservare la madre in azioni voyeuristiche, anche quando i genitori fanno sesso completamente chiusi in camera da letto (li osserva dal buco della serratura).

À medida que a criança se dá conta das identidades separados de seus pais e os vê cada vez mais como um casal empenhado numa relação sexual – e não como a mãe incorporando o pai –, os desejos da criança e seus ataques – quando com raiva e com ciúme – se estendem ao casal de pais. (SEGAL, 1975, p. 17)

Inoltre, per indicare che non vuole il contatto con questo oggetto materno, Kevin proietta deliberatamente le sue feci nei pantaloni durante la lezione di alfabetizzazione. Ancora nella fase di emersione delle problematiche edipiche, il ragazzo, vedendo nel corpo della madre un possibile oggetto d’amore, comincia a proiettare un odio e ad introiettare un desiderio di possesso della femminilità e della disposizione femminile ad avere figli. Il fatto che una donna possa avere figli, dare alla luce qualcosa e creare un essere, porta una naturale invidia al bambino. Il bambino maschio può quindi iniziare a espellere le feci come se fossero una sua creazione e il bambino che desidera avere. (KLEIN, 1966)

Il ragazzo ha iniziato a sbagliare apposta solo per rifiutare e non introiettare le lezioni della madre, portandola ad attaccare reattivamente e fisicamente il bambino, rafforzando il sadismo del bambino. Fu nella forma incontrollata di aggressione nei confronti del ragazzo che Eva manifestò la sua frustrazione nei confronti del figlio e delle sue feci (che sarebbero la dimostrazione della sua voracità e desiderio di appropriarsi del corpo della madre).

Anche nella sua infanzia, è necessario rendersi conto che Kevin rifiutava o non poteva permettere che i suoi impulsi distruttivi, voraci e invidiosi distruggessero l’oggetto buono che era espresso dalle cure materne fornite da sua madre. Anche quando lei gli ha detto che lo amava, si è rifiutato di rispondere o addirittura di guardare sua madre. Si può capire, attraverso meccanismi kleiniani, che lo sviluppo del bambino avviene per proiezione e introiezione di oggetti buoni e cattivi. Quando si verifica l’aggressività proiettata, il bambino considera l’oggetto materno come cattivo. Ciò può avvenire a causa della voracità infantile, dei sentimenti di mancanza e della paura di attività voraci che ricambiano l’aggressività commessa nel bambino (KLEIN, 1966). In questo modo si capisce che Kevin ha proiettato l’oggetto malvagio in modi diversi durante il film, il che potrebbe spiegare i continui attacchi a Eva.

I capricci e le provocazioni di Kevin nei confronti della madre si allargano, e ora il ragazzo ogni tanto provoca anche il padre con suoni fastidiosi (ma meno spesso della madre). Eva rimane incinta e cerca di nascondere il fatto, e quando il bambino nasce, Kevin cerca di ferire sua sorella lanciando sottilmente spruzzi d’acqua. Tuttavia, dopo la nascita di questo bambino, il ragazzo oscilla tra l’apprezzamento e la richiesta dell’attenzione della madre, attacchi e tentativi di indipendenza indossando i propri vestiti. Eva cerca di essere una madre premurosa e amorevole, e così il rapporto della madre con suo figlio prende una svolta importante quando nasce questa sorella. Secondo Klein (1966) uno dei maggiori motivi per cui il ragazzo può manifestare odio e invidia per il corpo della madre avviene nella fase della femminilità. Con ciò, il ragazzo può essere governato dal desiderio di avere figli, così come la madre, o essere ancora geloso dei possibili futuri fratelli. Anche se ha un pene – oggetto dell’invidia femminile, secondo Freud (1971) –, il figlio maschio, invece, può invidiare gli organi femminili della fecondazione. Secondo l’autore:

Assim, a fase de feminilidade se caracteriza pela ansiedade relacionada ao útero e ao pênis do pai, e essa ansiedade submete o menino à tirania de um superego que devora, mutila e castra, formado a partir das imagens da mãe e do pai ao mesmo tempo. (KLEIN, 1966, p. 220)

L’invidia per la nascita di sua sorella ha fatto sì che Kevin maltrattasse il bambino e si sentisse più fuori posto con sua madre e la famiglia in generale. Anche se prima non c’era stato un solo episodio di amore reciproco per Eva, il ragazzo ha sviluppato dei meccanismi per attirare l’attenzione e riconquistare la presenza dell’oggetto buono, anche se successivamente rifiutato. Un esempio di questo fatto è quando Kevin si è ammalato, diventando più vulnerabile. Con ciò, è stato in grado di abbassare le difese dell’ego e di introiettare parzialmente l’oggetto buono per un po’, anche se questo non ha risolto completamente la sua complicata relazione familiare.

Qualche anno dopo e con la ragazza più grande, Eva riprende la sua carriera di professionista dei viaggi. Ha anche bisogno di stare lontana da casa per due mesi, lasciando i bambini alle cure del marito. È in questo momento che finisce per capire il comportamento di Kevin, in quanto il ragazzo inizia a comportarsi in un certo modo come faceva con sua madre (comprese le prese in giro e i rumori ritenuti irritanti). Questo fa sì che la coppia litighi di più e il marito richiede che Eva resti a casa.

Sempre all’età di 7 o 8 anni, Kevin scopre un nuovo gioco: il tiro con l’arco. Il regalo è stato fatto dalla madre a Natale, ma il padre è stato un grande incoraggiatore e, nel corso degli anni, gli ha regalato altri fiocchi più perfezionati. È importante sottolineare che l’affetto di Kevin per il padre è stato mostrato come qualcosa di simulato, anche per mantenere la sua maschera da bravo figlio, e allo stesso tempo, attaccando sua madre, che era chiaramente consapevole di tutto ciò.

Il frutto dell’unico momento di apparente affetto e intimità di Kevin con la madre fu la sua dedizione al tiro con l’arco, sport tratto dal libro Robin Hood, che Eva gli lesse in quel periodo in cui il ragazzo si ammalò e nacque sua sorella. Non è possibile dire affermativamente se quando ha vinto l’arco e la freccia, Kevin stesse già pianificando o meno i tragici eventi, ma questo è sottilmente implicito con il ragazzo che fissava fisso il centro del bersaglio che avrebbe ricevuto la freccia scoccata. Inoltre, l’utilizzo di un regalo fattogli dalla madre faceva sicuramente parte dell’intenzione di raggiungerla.

Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) sostiene che l’atto di giocare avrebbe lo stesso risultato del processo di libera associazione utilizzato da Freud (1974; 2011) e Jung (1991, 1994). Inoltre, proietterebbe l’inconscio insieme alle fantasie (e persino alle esperienze reali) e presenterebbe potenzialmente le difese e le angosce che si traducono in due tipi di paranoia. Ciò includerebbe lo schizoide paranoico, che è ansia persecutoria, e che farebbe abbattere il soggetto e distruggere ciò che teme.

Kevin, a partire dalla terza media, iniziò un rituale di indossare abiti molto più piccoli della sua taglia, opponendosi alla moda dominante dell’epoca per gli abiti taglia XL: “L’impressione che dà è di non essere a suo agio e, in quel senso, l’abito è perfetto. Kevin si sente a disagio. I vestiti succinti riecheggiano la stessa moderazione che sente nella sua stessa pelle. (SHRUVER, 2007, p. 204)

Nell’opera ci sono momenti in cui Eva ha bisogno di passare qualche ora da sola con Kevin, ma quello che poteva essere un momento di privacy per entrambi diventa qualcosa di claustrofobico:

Havia até algo de curiosamente insuportável a respeito daquelas duas horas que ele e eu às vezes ficávamos sozinhos na casa, antes que seu 4X4 apontasse na garagem. Seria de imaginar que não haveria nada mais fácil do que nos escondermos um do outro naquela vasta estrutura de teca, mas, onde quer que nos instalemos, nunca perdi consciência de onde ele estava, nem ele, imagino, de onde eu me encontrava. (SHRIVER, 2007, p. 347)

Come accennato in precedenza, da quando è nato, Kevin era un bambino apatico e mostrava segni evidenti di non comportarsi in modo comune, rispetto agli altri bambini, e questo è solo peggiorato. All’età di 15 anni, il ragazzo maltratta e maltratta la sorellina di 7 anni, oltre a una serie di azioni come: masturbarsi davanti alla madre e fissarla; distruggi il computer di Eva con dei virus posizionati strategicamente su un CD nella sua stanza millimetricamente organizzata e pulita. Il giovane, inoltre, non ha mai spiegato il motivo delle sue azioni e, se interrogato, si limitava a rispondere: “Non ha senso. Questo è il punto”. (RAMSAY, 2011)

A proposito della masturbazione di Kevin con la porta aperta perché sua madre lo vedesse, lo scrittore del libro (che è diventato un film) dice quanto segue dal punto di vista della narrazione di Eva:

Sei que a masturbação é um alívio normal, vital, um passatempo único e divertido que jamais deveria ser tachado de vício. Mas também achava que para um adolescente – sejamos francos, para qualquer pessoa – essa é uma atividade que fica melhor se feita às escondidas. (SHRIVER, 2007, p. 347)

Il brano precedente mostra che il comportamento riguardava molto più la masturbazione compulsiva di natura sadico-anale, che genitale (e che, nel secondo caso, sarebbe stata effettuata per sollievo). Eva, dopo aver attraversato questa situazione alcune volte, decide di condividere il caso con suo marito, in modo che parli con Kevin di questo comportamento, e credendo che forse suo padre potrebbe fargli smettere di metterla in quella situazione. Tuttavia, Kevin si accorge di aver picchiato la madre e continua con il comportamento.

E assim, logo na tarde seguinte à ‘conversa’, eu estava indo para o escritório com a minha xícara de café quando ouvi uns gemidos reveladores no corredor. Rezei para que ele tivesse entendido o recado e para que houvesse ao menos uma barreira de madeira, fina mas abençoada, entre mim e a virilidade despontante de meu filho. (…) Mas, quando dei mais um ou dois passos, o nível de ruído desmentiu essa tentativa mínima de compostura. (SHRIVER, 2007, p. 349)

Tuttavia, Eva ha deciso di affrontare il problema marciando verso il bagno e ha insistito per affrontare suo figlio ei suoi genitali che bussavano alla porta. Questo ha portato Kevin a fermarsi in azione.

Durante una passeggiata con Celia (la figlia più giovane della famiglia), Eva vede Kevin in piedi davanti a un poster su chi era in gioventù e su come fosse una rispettata professionista nel suo campo. Ha interpretato questo atto con ammirazione, e le è venuta voglia in seguito di invitarlo a cena da sola in un ristorante per provare, ancora una volta, ad avvicinarsi al figlio.

Dizer que eu quisesse, que eu desejasse de fato, passar a tarde toda e o começo da noite com o meu espinhoso adolescente seria ir longe demais, mas a verdade é que eu desejava com todas as minhas forças desejar por esse momento – se é que isso faz algum sentido. (SHRIVER, 2007, p. 316)

La cena era scomoda, come se entrambi fossero estranei che non si piacevano ma avevano bisogno di andare d’accordo, ed Eva, ancora una volta, era frustrata nel suo tentativo di interpretare il ruolo sociale di madre per Kevin.

A Natale, Celia (circa 7 anni e Kevin 15 anni) ha ricevuto una cavia, di cui la ragazza si è innamorata ed è diventata la sua grande gioia di dedizione quotidiana. Dopo poche settimane, l’animale è scomparso e il padre di Celia aveva già dedotto che sua figlia era stata sbadata a lasciare la gabbia aperta. Tuttavia, Eva sapeva che la ragazza non sarebbe stata così sbadata e presto si insospettì nei confronti di Kevin. La sfiducia divenne rapidamente certezza.

Il ragazzo ha anche messo apposta l’animale domestico della sorella all’interno del dissipatore del lavandino, in modo che quando la madre accendeva il meccanismo, uccidesse lei stessa l’animale che aveva dato alla figlia. Eva ha capito cosa è successo, e con la ragazza (ma senza saperlo), mentre Kevin ha guardato freddamente il momento e ha giocato con suo padre, come se nulla stesse accadendo.

Chiaramente, Eva non è mai stata in grado di entrare in contatto con Kevin nonostante i suoi migliori sforzi, e suo figlio l’ha vista con disgusto e disprezzo. Circa la comprensione della madre con il suo bambino, Klein (1991) sottolinea:

O sentimento resultante que o bebê tem de ser compreendido subjaz à primeira e fundamental relação em sua vida – a relação com a mãe. Ao mesmo tempo, a frustração, o desconforto e a dor, que conforme sugeri são vivenciados como perseguição, também entram nos seus sentimentos para com sua mãe, porque nos primeiros meses de vida ela representa para a criança todo o mundo externo. Assim, tanto o que é bom quanto o que é mau vêm à sua mente como provindos dela, o que leva a uma dupla atitude em relação à mãe mesmo sob as melhores condições possíveis. Tanto a capacidade de amar quanto o sentimento de perseguição têm raízes profundas nos processos mentais mais arcaicos do bebê. Eles são focalizados primeiramente na mãe. (KLEIN, 1991, p. 283)

Di fronte ad azioni successive, Kevin provoca un ipotetico incidente che non solo acceca la sorella, ma richiede l’estrazione dell’intero bulbo oculare. Reagisce ancora con freddezza, affermando che non si è pentito di nulla, perché non era colpevole di nulla. La situazione si fa più tesa ed Eva è costretta a stare sempre più vicino a sua figlia per proteggerla, poiché il ragazzo inizia a insistere affinché la ragazza lo aiuti a raccogliere le frecce nel suo addestramento. È noto, quindi, che il giovane ha manifestato tratti di disturbo antisociale di personalità (psicopatia) fin dalla tenera età, ma che nei bambini viene diagnosticato come disturbo della condotta. In questo modo, non c’è colpa o rimorso nel Super-io mentre non c’è oggetto unificato quando la madre come oggetto buono o oggetto cattivo viene scissa, caratterizzandola come un disturbo della personalità.

I disturbi della personalità sono disturbi che incidono gravemente sul comportamento, ma suddivisi in tre blocchi di differenziazione dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso la descrizione dei Disturbi della Personalità e del Comportamento (ICD-10, 1993). Si presentano, ad esempio, nel Disturbo Narcisistico e nella Psicopatia.

Estes tipos de condição (Transtornos de Personalidade) abrangem padrões de comportamento profundamente arraigados e permanentes, manifestando-se como respostas inflexíveis a uma ampla série de situações pessoais e sociais. Eles representam desvios extremos ou significativos do modo como o indivíduo médio, em uma dada cultura, percebe, pensa, sente e, particularmente, se relaciona com os outros. Tais padrões de comportamento e funcionamento psicológico. Eles estão freqüentemente, mas não sempre, associados a graus variados de angústia subjetiva e a problemas no funcionamento e desempenho sociais. (CID-10, 1993, p. 196. Títulos de F60 a F69)

Inoltre, gli psicopatici verrebbero inclusi nella classificazione dei pervertiti. Zimerman (2004) sottolinea che è comune che perversione e psicopatia lavorino insieme nello stesso soggetto, sebbene siano cose diverse e l’una non sia necessariamente collegata all’altra.

(…) Assim, muitos autores consideram que a psicopatia pode ser vista como um “defeito moral”, porquanto ela designa um transtorno psíquico que se manifesta no plano de uma “conduta anti-social”. Os exemplos mais comuns são os daqueles indivíduos que roubam e assaltam; mentem, enganam e são impostores; seduzem e corrompem; usam drogas e cometem delitos; transgridem as leis sociais e, de má-fé, envolvem outros; etc.

A estruturação psicopática manifesta-se por três características básicas: a impulsividade, a repetitividade compulsiva e o uso prevalente de actings de natureza maligna, acompanhados por uma irresponsabilidade e aparente ausência de culpa pelo que fazem. Algum traço de fantasia de psicopatia, assim como de perversão, é inerente à natureza humana; no entanto, o que define a doença psicótica é o fato de que as três características que foram enfatizadas vão além de um uso eventual, mas, sim, que elas se tornam “um fim em si mesmo” e, além disso, são egossintônicas, muitas vezes sendo idealizadas pelo sujeito psicopata, vindo acompanhar uma total falta de consideração pelas pessoas, que se tornam alvo e cúmplices de seu jogo psicopático. (ZIMERMAN, 2006, p. 269-279)

Dal punto di vista di Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), il bambino percepirebbe in modo innato che la madre lo respingerebbe, generando una separazione nel processo emotivo, e aggravata nei primi tre mesi di vita dove lui si troverebbe il processo di angoscia persecutoria. L’interpretazione del soggetto è che il mondo è ostile, poiché non è stato accolto.

Ciò avrebbe la sua origine nell’introiezione del tentativo di assorbire integralmente la madre (l’oggetto buono), ma che poi il soggetto crede di aver tentato di annullare. Questa paura di distruggere l’oggetto integrale abbraccia la posizione depressiva, non quella schizo-paranoide. Successivamente, da lì nasce la paura di subire ritorsioni, di essere ugualmente annientati dalla vendetta: il delirio persecutorio. È da questo processo conflittuale del Super-io che nasce la psicosi, ed è il risultato della certezza e dell’introiezione di questa madre persecutoria, che esalta l’aggressività.

Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975) sosteneva che il Super-io sarebbe nato da questo conflitto identitario tra gentilezza e severità nel passaggio dalla fase sadico-orale (che i bambini mordono) alla fase sadico-anale. Sapendo infatti che uno psicotico sarà sempre psicotico, e un pervertito sarà sempre perverso, ma la costituzione di ogni essere umano permea gli stessi percorsi iniziali nell’infanzia, e ciascuno, di fronte alla propria soggettività e alle proprie esperienze, plasmerà la propria personalità struttura a da lì, Kevin l’ha sviluppata in psicopatia.

Continua a mostrare una possibile normalità, inclusa la ricezione di un grosso ordine di lucchetti per biciclette che ha affermato di voler vendere ai compagni di scuola la settimana in cui ha compiuto 16 anni. A sua volta, Eva era al lavoro nella sua posizione di leadership in una grande compagnia di viaggi, quando ha ricevuto il messaggio che la scuola di suo figlio era stata attaccata. Era il compleanno di Kevin.

Eva cerca di entrare in contatto con suo marito, ma fallisce e va a scuola. Al suo arrivo, trova una scena di guerra con polizia, vigili del fuoco, paramedici e genitori disperati. Solo allora si rende conto di cosa potrebbe accadere, vedendo i lucchetti delle biciclette che chiudono tutti gli ingressi e i passaggi e che vengono rotti dai vigili del fuoco. Quando la porta principale si apre, Kevin sta già aspettando la polizia e si costituisce pacificamente. All’interno della scuola, una strage con morti e feriti colpiti dalle loro frecce. Sotto shock, Eva torna a casa e trova strano il silenzio. Quando si dirige verso il cortile sul retro, trova suo marito e sua figlia morti con le frecce. È lì che diventa possibile comprendere l’intero percorso di questa madre fino alla sua condizione depressiva, solitaria, timorosa e apatica.

È stata attaccata dall’intera comunità e città come colpevole dell’atto di suo figlio. Si capisce così che il suo comportamento persecutorio e di percezione apatica aveva un fondamento reale.

Il film finisce due anni dopo il massacro e il giorno del compleanno di Kevin. Eva stava riordinando la stanza nella piccola casa in cui viveva. L’ambiente è stato dipinto di blu scuro da Eva, era impeccabilmente ordinato, e solo dopo abbiamo capito che doveva ricevere Kevin, che sarebbe uscito di prigione due anni dopo quel momento (cioè quattro anni dopo la strage). Esce di casa guardando dentro e fuori casa, tutto lindo e molto diverso dalla proprietà fatiscente di due anni prima, che era la rappresentazione simbolica di se stessa (internamente ed esternamente). Appare più sicura di sé, mangiando e dormendo, cosa che all’inizio della storia diventa evidente come azioni compiute con difficoltà e in parte. Da lì, va a trovare suo figlio in prigione.

Si arriva così alla spiegazione del paranoico nella visione di Klein (1966; 1991; 1991-1997), con una visione frammentata del mondo che è distruttiva. Incrociando con la storia stessa, che si presenta in modo frammentario e confuso, cercando di ricostruirsi senza senso e mostrando lo stato psichico proprio di Eva, si può ipotizzare che lei stessa sia finita per entrare in un enorme processo paranoico, dal momento che ha presentato una serie di paure: di mangiare, di dormire, di parlare con la gente e un’ansia gigantesca. Un’altra cosa importante da menzionare su Eva è che il suo stato di apatia e il suo comportamento di paura e coercizione erano così grandi che non riusciva a piangere per tutta la trama, come se fosse anestetizzata. Secondo Klein (1966; 1991; 1991-1997; SEGAL, 1975), anche questo farebbe parte di un doloroso processo di lutto in cui il personaggio si è tuffato, lasciandola negare per molto tempo. Così, stava cercando di superare l’esperienza straziante imputata dal proprio figlio, che aveva l’obiettivo di distruggere tutto ciò che amava nella sua vita: marito, figlia, famiglia, carriera, reputazione, dignità e autostima. Il suo tempo di negazione e lutto era proporzionale allo scontro di amore e odio che provava per Kevin.

Comunque, in carcere, Eva dice al figlio che avrà altri due anni lì, tempo sufficiente (a parte i due anni precedenti) per pensare a tutto quello che è successo. Lei chiede perché tutto quello che ha fatto.

“eu só queria lhe perguntar…” (…) “está fazendo dois anos”. Continuei. “Sinto saudade do seu pai, Kevin. (…) Também sinto saudade da sua irmã – muita saudade. E muitas outras famílias ainda estão arrasadas. Sei que os jornalistas, os terapeutas e talvez outros prisioneiros lhe perguntam isso o tempo todo. Mas você nunca me disse. Então, por favor, olhe nos meus olhos. Você matou onze pessoas. Meu marido. Minha filha. Olhe nos meus olhos e me diga porquê”. (SHRIVER, 2007, p. 459)

Quando Kevin le risponde, non c’è il tono ostile e sicuro che ha sempre caratterizzato il giovane, ma un adolescente più confuso. Kevin risponde che in quel momento non sapeva più il perché di tutto.

Ao contrário do dia em que se virava para mim pela janela do carro da polícia, com as pupilas cintilando, hoje Kevin enfrentou meu olhar com extrema dificuldade. Seus olhos ficavam piscando, mantendo contato em movimentos rápidos, depois tornando a se desviar para a parede de concreto, […] “Eu achava que sabia”, respondeu, taciturno. “Agora, não tenho tanta certeza.” (SHRIVER, 2007, p. 459)

La visita è interrotta. Eva si alza e lo abbraccia senza dire niente. Forse l’abbraccio dato in quella scena è stato uno dei pochi momenti di legame sincero e di intimità reciproca tra madre e figlio:

Quando lhe dei um abraço de despedida, ele se agarrou a mim feito uma criança, como nunca havia feito na infância propriamente dita. Não tenho muita certeza, porque ele resmungou isso para a gola levantada do meu casaco, mas gosto de achar que soluçou um “sinto muito”. (SHRIVER, 2007, p. 461)

Il seguente testo si trova nell’ultimo paragrafo del libro:

É só isso que eu sei. Que, no dia 11 de abril de 1983, nasceu-me um filho, e não senti nada. Mais uma vez, a verdade é sempre maior do que compreendemos. Quando aquele bebê se contorceu em meu seio, do qual se afastou com tamanho desagrado, eu retribuí a rejeição – talvez ele fosse quinze vezes menor do que eu, mas, naquele momento, isso me pareceu justo. Desde então, lutamos um com o outro, com uma ferocidade tão implacável que chego quase a admirá-la. Mas deve ser possível granjear devoção quando se testa um antagonismo até o último limite, fazer as pessoas se aproximarem mais pelo próprio ato de empurrá-las para longe. Porque, depois de quase dezoito anos, faltando apenas três dias, posso finalmente anunciar que estou exausta demais e confusa demais e sozinha demais para continuar brigando, e, nem que seja por desespero, ou até preguiça, eu amo meu filho. Ele tem mais cinco anos sombrios para cumprir numa penitenciária de adultos, e não posso botar minha mão no fogo pelo que sairá de lá no final. Mas, enquanto isso, tenho um segundo quarto em meu apartamento funcional. A colcha é lisa. Há um exemplar de Robin Hood na estante. E os lençóis estão limpos. (SHRIVER, 2007, p. 463)

Eva esce dalla prigione visualizzando un grande flash all’esterno, come se fosse un’analogia con l’inizio. La sua espressione era diversa dall’intero film, con passi sicuri, portava una sicurezza di sé mai vista prima, e ciò che era esteriore non lo spaventava più.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

È possibile analizzare la storia di Eva e Kevin in modo molto completo dalla teoria di Melanie Klein, e l’importanza e i problemi che possono verificarsi quando non c’è legame tra madre e figlio fin dai primi momenti di vita sono discussi in tutto l’articolo. L’apatia mostrata nei lineamenti di Eva, che prima poteva essere vista come un disprezzo per la sua vita, è in realtà un’intensa ansia persecutoria vissuta fin dalla prima gravidanza, per la paura dell’oggetto cattivo (il bambino) che la insegue e pone fine a tutto che sa essere brava, come la sua libertà, relazione, carriera e progetti futuri.

La domanda guida di questo articolo: come e perché le relazioni madre-bambino possono generare madri e bambini emotivamente distanti con comportamenti simili al disturbo della condotta? – si potrebbe rispondere comprendendo la voracità di Kevin. Il rapporto di amore-odio sviluppato dai due nel corso del film è esplicito. Eva non si sentiva a suo agio con suo figlio fin da quando era piccola, quando piangeva e chiedeva incessantemente la sua rappresentatività nella figura del seno buono spiegata dalla Klein. Pertanto, l’obiettivo generale, che si basava sulla rilevazione di come avviene lo sviluppo della personalità nell’individuo attraverso la relazione materna, ha mostrato che quando il bambino non introietta l’oggetto buono, può diventare una persona fredda con la propria madre, come è accaduto con Kevin e sua madre. Eva, tuttavia, non ha mantenuto la posizione materna e inoltre non ha introdotto il bambino in se stessa.

Quando cerchiamo obiettivi specifici per capire come il comportamento materno contribuisce alla formazione della psiche dei minori affidati, per capire come possono insorgere individui con disturbo della condotta, e quali sono gli standard e i concetti costruiti su cosa significhi essere un buon madre socialmente, identifichiamo che tutti questi punti sono ugualmente complessi e concomitanti. È importante capire che la società ha un’influenza sull’immagine della madre a cui Eva si è ispirata e ha costantemente cercato di raggiungere. La sua comunità esigeva un comportamento materno che lei ancora non aveva e non voleva, perché la maternità è un processo che si costruisce, ed è doloroso anche per quelle donne che prima lo desideravano con passione. Quindi, ciò che si vede effettivamente è che il gruppo sociale di Eva le richiedeva di sviluppare un desiderio inesistente di essere madre.

È come se una donna avesse una cartella del bingo da compilare affinché gli altri possano essere soddisfatti: prima un marito, poi una casa, una carriera di successo e infine dei figli. Eve ha avuto i primi tre e ne è stata pienamente soddisfatta. Nella sua vita non si è mai proiettata con dei figli, ma suo marito e gli amici più cari hanno iniziato a lamentarsi della mancanza di questo desiderio di avere un figlio. Funziona quasi come un processo alienante, come se generare una vita fosse un trofeo da innalzare per affermare socialmente cos’è una famiglia, e una donna nel suo insieme. Ciò può avere un forte impatto su questa interazione madre-figlio e interferire efficacemente con lo sviluppo della personalità del bambino e possibili disturbi successivi.

L’ipotesi fondata sul presupposto che il soggetto con disturbo della condotta possa veder potenziato il proprio comportamento di fronte al riconoscimento della paura o del rifiuto del suo più stretto caregiver, in questo caso la madre, potrebbe essere confermata nell’incrocio della teorizzazione kleiniana con la fittizia opera di Kevin ed Eve. Dopo essere rimasta incinta di suo figlio, Eva si aspettava che lui amasse ciò che c’era nel suo grembo, come se fosse qualcosa di naturale, come respirare e battere le palpebre, ma l’amore non arrivò e la paura e l’insicurezza continuarono a sorgere. Dopodiché, ha dovuto fare del suo meglio per cercare di raggiungere l’ideale che le era stato imposto: quello di essere una buona madre e che aveva bisogno di amare suo figlio. Quel senso del dovere e dell’obbligo non l’ha abbandonata, nemmeno dopo il processo di Kevin.

Infine, spetta alla riflessione come individui sociali e professionisti della psicologia, cercare di capire e sviluppare la sensibilità che storie come quella di Eva e Kevin si verificano ogni giorno, su scale più o meno grandi, e che hanno bisogno di accettazione e comprensione. Le relazioni affettive tra madri e figli, così delicatamente scandite da Klein, possono innescare un’infinità di psicopatologie come psicosi o perversioni, sviluppi come disturbi narcisistici e altri fattori aggravanti, e generare adulti malati, in un ciclo infinito di dolore per ha paura di amare e di non essere amato.

RIFERIMENTI

ABREU, Liliane Alcântara de. Silenciadas: o universo da violência sexual intrafamiliar. Lisboa: Sagarana, 2022. ISBN: 978-989-53173-6-3.

CID-10. Classificação de transtornos mentais e de comportamento da CID-10. Porto Alegre: Artes Médicas, 1993.

CINTRA, Elisa Maria de Ulhoa; FIGUEIREDO, Luís Claudio. Melanie Klein: estilo e pensamento. São Paulo: Escuta, 2010.

FREUD, Anna. O Tratamento Psicanalítico de Crianças. Rio de Janeiro: Imago, 1971.

FREUD, Sigmund. A dissolução do complexo de Édipo (1924). In: FREUD, Sigmund. Obras completas, volume 16: O eu e o id, “autobiografia” e outros textos (1923-1925). São Paulo: Companhia Das Letras, 2011. p. 204. ISBN 978-85-359-1872-4.

____. Cinco Lições de Psicanálise: Quarta Lição. In: FREUD, S. Edição Standart Brasileira das Obras Psicológicas Completas de Sigmund Freud. Rio de Janeiro: Imago, 1972.

____. Obras completas, volume 16: o eu e o id, “autobiografia” e outros textos (1923-1925). Tradução de Paulo César de Souza. São Paulo: Companhia das Letras, 2011.

HARTMANN, Heinz. Psicologia do Ego e o Problema de Adaptação. [S.I.]: Biblioteca Universal Popular, 1968.

HEGEL, Georg Wilhelm Friedrich. Fenomenologia do espírito. Tradução Paulo Meneses. 5. ed. Petrópolis: Vozes. 2008.

JUNG, Carl Gustav. Memórias, sonhos e reflexões. Rio de Janeiro: Nova Fronteira, 1994.

____. Tipos psicológicos. Tradução de Lúcia Mathilde Endlich Orth. Petrópolis: Editora Vozes, 1991.

KLEIN, Melanie. Amor, Culpa e Reparação e Outros Trabalhos (1921-1945). Rio de Janeiro: Imago, 1966.

____. Inveja e gratidão: e outros trabalhos (1946-1963). ed. 4. v. 3. Obras Completas de Melanie Klein. Rio de Janeiro: Imago, 1991.

____. Obras Completas. Rio de Janeiro: Imago Editora, 1991-1997.

LEPINE, Claude. O inconsciente na antropologia de Lévi-Strauss. São Paulo: Ática, 1979.

LÉVI-STRAUSS, C. A noção de estrutura em etnologia. In.: Antropologia estrutural. Rio de Janeiro: Tempo Brasileiro, 1975. (Trabalho original publicado em 1953)

NASIO, Juan-David. Introdução às obras de Freud, Ferenczi, Groddeck, Klein, Winnicott, Dolto e Lacan. Rio de Janeiro: Jorge Zahar Editor, 1995. (Coleção Transmissão da Psicanálise)

PRECISAMOS falar sobre o Kevin. Direção de Lynne Ramsay. Estados Unidos da América, Reino Unido da Grã-Bretanha e Irlanda do Norte: Paris Filmes, 2011. 1 DVD (122 min.).

SAFATLE, Vladimir Pinheiro. Lacan. São Paulo: Publifolha, 2007.

SAUSSURE, Ferdinand de. Curso de Linguística Geral. São Paulo: Cultrix, 2012.

SEGAL, Hanna. Introdução à obra de Melanie Klein. Rio de Janeiro, Imago, 1975.

SHRIVER, Lionel. Precisamos falar sobre o Kevin. Rio de Janeiro: Intrínseca, 2007. ISBN 978-85-8057-150-9.

WINNICOTT, Donald Woods. O ambiente e os processos de maturação. Porto Alegre: Artes Médicas, 1983.

ZIMERMAN, David E. Manual de técnica psicanalítica: uma re-visão. Porto Alegre: Artmed, 2004.

[1] Specialista in Neuroscienze Pedagogiche presso AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in Arteterapia in Educazione e Salute da AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in ricerca di comportamento e consumo da Faculdade SENAI CETIQT RJ; specialista in Arti Visive da UNESA/RJ; Laurea in Design presso Faculdade SENAI CETIQT RJ. Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP. Studente di psicologia.

[2] Laurea in Comunicazione Sociale presso la Faculdade Casper Libero/SP. Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

[3] Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

[4] Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

[5] Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

[6] Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

Inviato: Marzo 2022.

Approvato: Agosto 2022.

5/5 - (10 votes)
Liliane Alcântara de Abreu

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita