Come anziani che lavorano valutano la loro qualità di vita

DOI: 10.32749/10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/anziani-che-lavorano
5/5 - (2 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ROCHA, Felipe Queiroz Dias [1], PICCIONE, Marcelo Arruda [2]

ROCHA, Felipe Queiroz Dias. PICCIONE, Marcelo Arruda. Come anziani che lavorano valutano la loro qualità di vita. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, Ed. 11, Vol. 09, pag. 112-131. Novembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/anziani-che-lavorano, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/anziani-che-lavorano

RIEPILOGO

La vecchiaia determina cambiamenti nell’anziano per: crisi esistenziale, disadattamento a nuove funzioni, riforma e riduzione dei contatti sociali. La maggior parte delle persone anziane che continuano a lavorare appartengono a classi sociali svantaggiate, ma ci sono persone anziane che mostrano insoddisfazione per la pensione e cercano di tornare al lavoro per sentirsi energizzate. In vista di questo scenario, il presente articolo è guidato dal grande apprezzamento della qualità della vita degli anziani. L’obiettivo era quello di esaminare come gli anziani che lavorano valutano la loro qualità di vita. Alla ricerca hanno partecipato trentasei anziani che stavano ancora lavorando, con un’età media di 71,5 e ± 5,4. I dati sono stati raccolti accidentalmente nella città di San Paolo. Per questo sono stati utilizzati 36 identici questionari WHOQOL e Termo de Consentimento Livre e Esclarecido (TCLE)[3]. Per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico. Di conseguenza: l’80,55% afferma di essere Totalmente d’accordo con la premessa che Dio si preoccupa dei loro problemi; 63,88% Totalmente d’accordo sul fatto di avere una relazione significativa con Dio; Il 50% è Soddisfatto del proprio sonno e il Il 38,88% valuta il proprio bisogno di cure mediche quotidiane come Niente. Si nota che i lavoratori anziani sono per lo più soddisfatti della qualità degli aspetti osservati della loro vita.

Parole chiave: vecchiaia, pensionamento, pensionati, terza Età, anziani.

INTRODUZIONE

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la qualità della vita è una misura che si basa su tre assi distinti e contemporaneamente essenziali: il fatto di essere multidimensionale, soggettivo e che comprende dettagli negativi e positivi. Questo oggetto tematico può essere definito come la prospettiva di un individuo sulla sua posizione nella cultura dell’ambiente sociale in cui vive, in vista dei suoi scopi, obiettivi, preoccupazioni e standard (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

In effetti, la qualità della vita ha diversi concetti in diverse aree della conoscenza. Ad esempio, nel campo dell’Economia, è legato a indici, come il reddito pro capite, che mostrano l’accesso delle popolazioni ai servizi di base (istruzione, salute e alloggio). Nel campo della politica e della sociologia, l’attenzione è rivolta proprio a una categoria. In Psicologia Sociale, il parametro principale di questo concetto è il grado di soddisfazione dell’esperienza particolare di un individuo. Ecco perché negli ultimi anni c’è stato un grande apprezzamento della qualità della vita negli anziani (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006), che guiderà il nostro focus in questa ricerca con un gruppo di residui al lavoro.

Il processo di invecchiamento può essere classificato in tre modi, a seconda del suo sviluppo: il primo è chiamato vecchiaia con patologia ed è denotato dalla presenza di una malattia cronica o di una disabilità che limita fortemente le attività comuni dell’individuo, in modo che le sue funzioni una volta svolte siano marcatamente indebolito (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

Nella seconda età, abituale o normale, è abbastanza frequente l’insorgere di patologie fisiche o psichiche lievi o moderate, che determinano solo sottili cambiamenti nella vita quotidiana dei soggetti (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

Infine, la terza classe di invecchiamento è detta vecchiaia riuscita o ottimale ed è caratterizzata dal mantenimento della salute come nel periodo giovanile, al fine di riflettere sul benessere del soggetto (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

L’invecchiamento implica di conseguenza l’emergere di cambiamenti biopsicosociali intrinseci e graduali che variano nella loro estemporaneità e proporzione, a seconda della biogenetica e, principalmente, dello stile di vita di ciascun soggetto. Alcune pratiche che possono mitigare gli impatti del corso del tempo sono: mantenere una dieta equilibrata, fare attività fisica, esporsi con attenzione alle radiazioni solari e incitare mentalmente. Pertanto, si comprende che la vecchiaia è una fase in cui l’organismo è più incline a sviluppare patologie, il che è diverso dall’essere una malattia (ZIMERMAN, 2000).

In altre parole, l’invecchiamento non è una patologia, ma un processo unico di sviluppo umano in ogni soggetto. È inoltre importante considerare che le malattie risultanti da questa fase possono essere oggetto di intervento ai tre livelli (prevenzione, diagnosi e cura). Inoltre, gli anziani possono avere una qualità di vita anche se i loro corpi sono impoveriti ed esausti (MARTINS et al., 2007).

Secondo la ricerca, gli anziani hanno costantemente bisogno di supporto nell’affrontare la propria salute e sono comunemente aiutati dai familiari (ABREU e MATA, 2001).

Vale la pena ricordare che le pratiche di guarigione sono più privilegiate dal sistema rispetto a quelle educative. Pertanto, la realizzazione di azioni finalizzate all’educazione relativa all’assistenza sanitaria degli anziani risulta essere un lavoro impegnativo (MARTINS et al., 2007).

È importante sottolineare che: in relazione alla soddisfazione per la salute, il 45% degli anziani si dichiara soddisfatto, mentre il 40% si dichiara soddisfatto della propria capacità lavorativa (COLALTO, 2002).

Infatti, uno degli aspetti che possono portare al pensionamento anticipato è lo stato di salute. Presumibilmente le persone anziane che ritardano l’interruzione fanno bene a questo riguardo (BEE, 1997).

Inoltre, alcuni uomini e donne che hanno figli molto tardi, o hanno formato una nuova famiglia attraverso un altro matrimonio, o coloro che si prendono cura dei nipoti, dovrebbero continuare a lavorare fino a quando coloro che sono legati a loro non lasciano la loro casa (BEE, 1997).

La maggior parte delle persone anziane che continuano a lavorare appartengono a classi sociali svantaggiate e lo fanno per aiutare a mantenere i loro posteri, che spesso ritornano alla famiglia di origine a causa di relazioni infruttuose (COUTRIM, 2005).

Un’altra questione che può corroborare gli anziani per evitare il pensionamento è il mancato raggiungimento di una solida condizione economica durante il periodo di attività lavorativa e la mancanza di sostegno economico da parte dei propri figli (BREVIGLIERI, 2002).

Vale la pena notare che solo il 5% degli anziani dichiara di essere completamente soddisfatto di avere abbastanza soldi per soddisfare i propri bisogni (COLALTO, 2002).

In una società in cui le persone sono qualificate in base alle loro prestazioni, chiedere diventa un atto che connota l’incapacità. La domanda, infatti, non ha mai fatto parte dell’identità dell’anziano, soprattutto perché i soggetti fin da piccoli sono incoraggiati a non essere dipendenti e la relatività e la pluralità racchiuse nel concetto di indipendenza non sono mai menzionate (ZIMERMAN, 2000) .

L’anziano però si astiene dal richiedere qualsiasi tipo di aiuto perché sente di non poterlo fare, non vuole essere inopportuno, pensa che l’occupazione dei propri discendenti sia più significativa dei suoi bisogni e aspirazioni, teme di essere etichettato come impertinenti e destrutturati come soggetti produttivi e indipendenti (ZIMERMAN, 2000).

D’altra parte, ci sono anziani che mostrano insoddisfazione per essere pensionati. Ci sono anziani che cercano di tornare alla professione per sentirsi agili e incoraggiare il proprio spirito e l’immagine di sé (BREVIGLIERI, 2002).

Gli anziani, infatti, devono pianificare azioni che consentano loro di avere soddisfazione in questa fase, e questo richiede di acquisire nuove abitudini, essere coinvolti in attività redditizie, realizzare i propri progetti e desideri personali, studiare in un’università senior, fare volontariato o altre pratiche . In altre parole, la vecchiaia di successo dipende da come gli anziani affrontano le disgrazie che colpiscono loro, invocano i propri diritti e compiono azioni plausibili data la loro realtà (MARTINS et al., 2007).

La felicità, infatti, è un indicatore della qualità della vita, che può essere associata alla partecipazione alle cerimonie religiose e alle preferenze dottrinali. La religione influenza notevolmente la prospettiva dell’individuo sul mondo, giustifica il senso della vita e, quindi, fornisce soddisfazione (PANZINI et al., 2007).

La religione è un’esperienza che ha bisogno di convertire il soggetto, un’avversità che ha bisogno di trasformare e toccare l’individuo, e non limitarsi ad essere un sistema composto da dogmi, credenze e norme, ma da una fede personale, che caratterizza la particolare conoscenza della divinità. . L’incontro di questo spazio sacro è qualcosa di soggettivo (DINIZ, 2003).

Così, alcuni elementi, come riti (atti) e miti (discorsi), stanno alla base di ogni credo e sono, quindi, i ratificatori dei simboli creati per la manifestazione del deifico. In questo modo, la religione può essere definita come l’assunzione di realtà trascendenti che la coscienza non può comprendere e, quando portata al pieno godimento psicologico, produce l’unicità della pienezza interiore e umana (BAPTISTA, 2003).

In effetti, non c’è distinzione tra i diversi stili di vita mantenuti dagli anziani nella preghiera. La maggior parte dice preghiere per: salute, ricevere pace, amore, problemi familiari e ringraziare (ORLANDO et al., 2008).

Si noti che la vita spirituale ha un valore molto alto nella vecchiaia, tanto che un intero gruppo intervistato ha affermato di essere conforme a qualche credo. La ragione di ciò è la possibilità che una credenza offre loro di stabilire una connessione tra le loro impossibilità e l’uso delle loro capacità; oppure, quando ciò non accade, lo aiuta ad affrontare più facilmente la finitezza di quest’ultima fase della vita (ARAÚJO, 1999).

La vecchiaia è quindi una fase che determina cambiamenti nello stato del soggetto, oltre che nel suo rapporto con l’altro per: crisi esistenziale; cambio di posizione nei nuclei familiari, sociali e lavorativi; rimodellamento; perdite varie; diminuzione dei contatti sociali a causa delle sue restrizioni (ZIMERMAN, 2000).

Queste modifiche compromettono anche il sonno. Nel corso del consueto processo di invecchiamento, si verificano cambiamenti nella quantità e qualità del riposo che interessano più della metà degli individui di età superiore ai 65 anni che vivono in casa e il 70% di quelli istituzionalizzati, al fine di incidere negativamente sulla loro qualità di vita (GEIB et al., 2003).

I cambiamenti provocano alterazioni del sistema omeostatico e influiscono su: aspetti psicologici, sistema immunitario, comportamento di risposta, rendimento quotidiano generale, adattabilità e umore. Le cause che di solito causano questo tipo di disturbo in età avanzata sono: dolore, fattori ambientali, disagio emotivo e cambiamenti nei modelli di sonno, come aumento della latenza, difficoltà a riprendere il sonno e riduzione della durata (GEIB et al., 2003).

Oltre a questi disturbi, sono comuni la sonnolenza e l’affaticamento diurni, così come l’aumento dei sonnellini, il deterioramento delle prestazioni cognitive e quotidiane e una miriade di altri problemi che, sebbene non specifici dell’invecchiamento, hanno un impatto importante sugli anziani . Sono possibili conseguenze il mancato adattamento a disturbi emotivi, abitudini inadeguate, alcuni disturbi organici e affettivi, l’uso di sostanze (psicotrope o altro), irrequietezza notturna e cadute. Questi sintomi ci permettono di affermare che il sonno e il riposo sono funzioni riparatrici essenziali per il mantenimento della vita (GEIB et al., 2003).

Tra i fattori psicosociali responsabili dei disturbi del sonno negli anziani vi sono il dolore, la pensione e i cambiamenti nell’ambiente sociale, come l’isolamento, l’istituzionalizzazione e le difficoltà finanziarie. La morte di un coniuge ha un forte impatto sulla vecchiaia e può essere associata o meno alla depressione. Il pensionamento e i cambiamenti dell’ambiente sociale, quando rompono con le normali abitudini degli anziani, contribuiscono a ridurre l’ampiezza del ritmo sonno-veglia, producendo frammentazione del sonno notturno e sonnellini durante il giorno, utilizzati come fuga dalla monotonia (GEIB et al., 2003).

Un altro fattore significativo nella difficoltà del sonno degli anziani è l’intensità del dolore cronico (ALVES et al., 2019).

Tuttavia, oltre ai cambiamenti nel corpo, l’invecchiamento porta nell’essere umano una serie di trasformazioni psicologiche che possono sfociare in disadattamento a nuove funzioni, demotivazione, difficoltà nell’organizzare il futuro, mancanza di supporto per affrontare le perdite organiche, emotive e sociali , difficoltà di adattamento a cambiamenti rapidi, cambiamenti psichici che richiedono supporto professionale e mancanza di autostima e immagine di sé (NERI, 2001).

Secondo studi internazionali, il 15% degli anziani ha bisogno di supporto psicologico e il 2% soffre di depressione. Spesso queste richieste non vengono identificate dalla famiglia e dai caregiver, ma vengono tassate come peculiarità della fase di vecchiaia (ZIMERMAN, 2000).

Infatti solo il 40% degli anziani dichiara di essere soddisfatto del servizio sanitario di cui dispone (COLALTO, 2002), pur concordando nel dire di non essere soddisfatto di tale assistenza medica per l’impossibilità di parlare delle proprie lamentele e di non aver loro chiesto. A volte, i professionisti non li guardano nemmeno direttamente (BERES, 1994).

Il colloquio dell’anziano con l’operatore sanitario genera scambi interpersonali che, insieme alle conoscenze già popolarmente diffuse, aiutano a superare le lacune presenti nell’esercizio di educazione sanitaria tradizionale. Esiste quindi la possibilità per gli anziani di richiedere autonomamente i propri interessi in quanto soggetti sociali capaci di farlo (MARTINS et al., 2007).

L’obiettivo generale era quello di esaminare come i lavoratori anziani valutano la propria qualità di vita.

Gli obiettivi specifici sono:

  • Analizzare l’andamento di alcuni aspetti della vita degli anziani che continuano a lavorare;
  • Ascolta gli anziani che stanno ancora lavorando come stanno andando alcuni aspetti della loro vita;
  • Controllare criticamente lo stato di alcuni aspetti della propria vita.

METODOLOGIA

PARTECIPANTI

Questa ricerca ha coinvolto 36 anziani (88,90% uomini e 11,10% donne) di età pari o superiore a 65 anni (che è la fascia di età definita dall’OMS per la riforma) e che lavoravano con o senza rapporto di lavoro, costantemente o in modo incostante. È stato riscontrato che la fascia di età è 22 anni (l’età più bassa è 65 e la più alta è 87), l’età media è 71,5 anni, la deviazione standard è 5,4 e la mediana è 71 anni.

MATERIALE

Il materiale utilizzato è stato il questionario WHOQOL; c’erano 36 unità uguali tra loro per raccogliere i dati. Questo strumento è stato scelto per il suo riconoscimento internazionale per esaminare la qualità della vita nei suoi vari aspetti.

Lo strumento era un questionario suddiviso in tre fasi: la prima per caratterizzare il partecipante; la seconda parte consisteva in una serie di domande chiuse su vari aspetti che costituiscono la comprensione generale di cosa sia la qualità della vita nell’ambito della Psicologia Sociale; l’ultima parte conteneva frasi affermative e negative che consentivano al partecipante di esporre la propria percezione di esse in relazione al loro contesto, ovvero c’era una serie di frasi in cui il partecipante riferiva in che misura era d’accordo o in disaccordo con loro riguardo alla sua vita .

PROCEDURE

La raccolta dei dati è avvenuta per caso: i soggetti sono stati ricercati e ritrovati casualmente nei mesi di gennaio e febbraio e se si trovavano nelle condizioni stabilite dall’obiettivo (lavoratori e di età pari o superiore a 65 anni) sono stati ammessi dai ricercatori.

Al primo momento ci presentiamo e spieghiamo lo scopo della nostra ricerca. Successivamente, se la persona rispetta i nostri obiettivi di ricerca e accetta volontariamente di partecipare, introduciamo il TCLE e il questionario WHOQOL, oltre a fornire qualsiasi tipo di chiarimento su questi documenti e sui loro elementi, che contenevano il nostro contatti. È importante sottolineare che il presente lavoro fa parte di un progetto più ampio, che è stato approvato dal Comitato Etico della Ricerca nº 017/2005 e CAAE 005.0.237.000.05.

Tutti i partecipanti sono stati avvicinati nella città di San Paolo, la stragrande maggioranza si trova in quartieri vicini: 15 a Mooca, 6 a Brás, altri 6 a Sé, 5 a Zona Cerealista, 3 a Vila Mariana e 1 a Cambuci.

RISULTATI E DISCUSSIONE

Alcuni risultati ottenuti nei questionari WHOQOL utilizzati saranno presentati e discussi statisticamente e criticamente nelle tabelle seguenti.

Tabella 1 – Occupazione

Le zone F %
Area delle scienze e delle arti 10 27,77
Area vendita e commercio 15 41,66
Area beni industriali 8 22,22
Altri 3 8,33
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

Nella Tabella 1, si rileva che, tra i partecipanti, il 41,66% sono lavoratori dell’Area vendita e commercio, il 27,77% lavorano nell’Area delle scienze e delle arti, il 22,22% sono nell’Area Beni Industriali e solo l’8,33% dichiara di appartenere ad un’altri area.

Secondo il test del chi quadrato non parametrico – che è stato applicato per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa – non vi è alcuna differenza statisticamente significativa, dato: xo2=2,35 e x2c=7,81, oltre a n.g.l.=3 e α= 0,05.

Le variabili della tabella 1 sono state sistematizzate secondo le categorie della Classificação Brasileira de Ocupações (CBO)[4], citate sul sito web del Ministero del Lavoro e dell’Occupazione: http://www.mtecbo.gov.br. Le occupazioni CBO che non erano tra quelle praticate dagli anziani sono state scartate dal tavolo.

Il materiale utilizzato eleva la professione di ciascun partecipante, ma non indaga il percorso che ha portato il soggetto a scegliere quest’area di attività, il suo percorso o le circostanze che lo hanno portato ad esercitare la sua attuale professione, per cui risulta del tutto impreciso proporre qualsiasi ipotesi che si prega di dettagliare il proprio settore in base a qualsiasi altro dato ricavato dalla raccolta dati e dalla letteratura consultata. Quello che si può fare è discutere le ipotesi di possibili ragioni per cui i volontari continuano a praticare queste attività.

Coutrim (2005), ad esempio, afferma che la maggior parte degli anziani che continuano a svolgere attività lavorative provengono da ceti sociali svantaggiati, che richiedono la loro collaborazione al bilancio familiare per il sostentamento dei loro posteri, poiché i loro figli tornano comunemente al lavoro. le loro case per aver fallito nelle loro relazioni.

D’accordo, Breviglieri (2002) afferma che la mancanza di stabilità economica negli anni di lavoro e di sostegno economico da parte dei figli conferma anche che gli anziani non vanno in pensione, a dimostrazione della necessità di tornare alle attività retribuite. Bee (1997) arricchisce queste parole dicendo che la paternità o maternità tardiva, così come la costituzione di un’altra famiglia, possono richiedere al soggetto di rimanere al lavoro fino a quando le persone a carico non abbiano condizioni sufficienti per mantenersi, il che dovrebbe procrastinare il suo pensionamento come risultato.

Vale la pena ricordare che Colalto (2002) afferma che solo il 5% degli anziani si dichiara completamente soddisfatto di avere abbastanza soldi per soddisfare i propri bisogni e il 40% degli anziani è soddisfatto della propria capacità di lavorare.

Infatti, Bee (1997) afferma anche che uno dei fattori che possono anticipare il pensionamento è lo stato di salute. Presumibilmente le persone anziane che si fermano tardi se la passano bene in questo senso.

In tal modo si osserva che il bisogno economico è uno dei principali motivi che porta alla permanenza dei senior nel mercato del lavoro, che tende invece a dipendere dallo stato di salute del soggetto, poiché tale aspetto può portare a al pensionamento anticipato. Gli anziani possono quindi trovarsi in un paradosso: mentre hanno bisogno di lavorare, non possono o non possono farlo a causa delle loro condizioni fisiche.

Zimerman (2000) afferma inoltre che chiedere è un atto che non fa parte dell’identità dell’anziano né di un costrutto sociale ben considerato, poiché la società valuta i cittadini per ciò che sono in grado di produrre. L’anziano evita di chiedere qualsiasi tipo di sostegno perché: sente di non avere questo diritto, non vuole creare disagio, crede che l’occupazione dei figli e dei nipoti sia più importante dei suoi bisogni e desideri, teme di essere preso in considerazione scomodo e alla fine è o si sente spogliato del suo status di soggetto produttivo e indipendente. A proposito di quest’ultima causa, Breviglieri (2002) afferma che c’è una certa difficoltà per gli anziani a rimanere in pensione; gli anziani hanno espresso il desiderio di tornare al lavoro perché volevano sentirsi pieni di energia e rafforzare il loro spirito e l’immagine di sé.

Il lavoro è una sfaccettatura che costituisce l’immagine di sé degli anziani, la rottura con il lavoro tende a ferire la loro prospettiva di se stessi e di conseguenza cambia il modo in cui il soggetto tratta i familiari e le altre persone, poiché il senior spesso lavorava e ha partecipato alla creazione di questi individui che oggi devono sostenerlo e aiutarlo, cosa non facilmente accettata. Secondo Zimerman (2000), questo effetto della vecchiaia modifica lo status dell’anziano per: crisi esistenziale, cambiamento di ruoli nel lavoro e nella società, pensionamento, perdite varie, situazione finanziaria e altri motivi.

Tabella 2 – Necessità di cure mediche per la vita quotidiana

Necessità F %
Niente 14 38,88
Molto poco 6 16,66
Più o meno 8 22,22
Abbastanza 7 19,44
Estremamente 1 2,77
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

Nella tabella 2, per quanto riguarda la necessità di un intervento medico, Niente è stata l’opzione più risolta dai partecipanti con il 38,88%. Inoltre, il 22,22% degli anziani ha scelto la variabile Più o meno, mentre il 19,44% e il 16,66% dei soggetti di ricerca ha scelto rispettivamente le variabili Abbastanza e Molto poco. Solo il 2,77% aveva un bisogno Estremamente di cure mediche.

Il test del chi quadrato è stato applicato per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa. Il risultato è stato: xo2=4,42 e x2c=9,48, senza tale differenza, considerando anche n.g.l.=4 e α=0.05.

In questo modo, il trattamento medico, nonostante la maggior parte delle opinioni relative a Niente e Molto Poco Bisogno, è presente nel contesto degli anziani.

Trentini; Xavier e Fleck (2006) discutono della vecchiaia con patologie, sia usuali che di successo, che corrispondono allo sviluppo dell’invecchiamento umano: la prima accompagnata da disfunzioni fisiche o mentali che limitano criticamente le azioni degli anziani, la seconda con l’emergere di queste condizioni.disfunzioni in un contenuto lieve che provoca solo cambiamenti parziali e il terzo con la piena conservazione della salute da giovani adulti. Sulla base di questa classificazione, si può affermare che i partecipanti che hanno riferito come Per Niente (38,88%) il loro bisogno di cure mediche su base giornaliera hanno goduto di uno stato di vecchiaia positivo, mentre quelli che hanno detto Molto Poco o Più o Meno (38,88 %) ha un normale processo di vecchiaia, mentre il 22,22% che classifica il proprio bisogno come Abbastanza o Estremamente ha una vecchiaia con patologia.

È possibile riclassificare questi dati se consideriamo che i partecipanti che riferiscono la loro necessità di cure mediche quotidiane come Molto Poco hanno una vecchiaia di successo perché sappiamo che molti giovani adulti alla fine sviluppano problemi di salute che richiedono anche un trattamento quotidiano, quindi poco più della metà (55,54%) godrebbe di una vecchiaia di successo e il 22,22% d’una vecchiaia abituale, che alla fine continuerebbe a denotare la parte minore dei volontari come titolari del processo di invecchiamento con patologia e una leggera maggioranza come al solito o di successo gli anziani.

Zimerman (2000) corrobora le parole del trio dicendo che l’invecchiamento prevede di subire cambiamenti biopsicosociali in modo naturale e graduale e in misura maggiore o minore, a seconda del soggetto. Gli effetti di questi cambiamenti possono, secondo Bee (1997), determinare la continuità del lavoro, poiché lo stato di salute è un fattore rilevante per la sua continuazione, che posticipa il pensionamento.

Martini et al. (2007) completano dicendo che l’invecchiamento è un fenomeno che si sviluppa in modo unico in ogni individuo, e non una patologia, anche perché le malattie che derivano da questa fase sono suscettibili di diagnosi, cura e prevenzione. Tuttavia, secondo Colalto (2002), il 45% degli anziani è soddisfatto della propria salute e il 40% è soddisfatto del servizio sanitario di cui dispone. Beres (1994) va oltre e afferma che gli anziani sono unanimi nel denunciare la loro insoddisfazione per le cure mediche ricevute a causa del fatto che i professionisti non danno loro il tempo di parlare dei loro reclami, non fanno domande e talvolta nemmeno li guardano direttamente.

Secondo Martins et al. (2007), la valorizzazione degli scambi interpersonali permeati dal dialogo tra paziente e medico può aiutare a superare le lacune presenti nell’esercizio educativo della salute tradizionale se si considera l’importanza del sapere popolare. Esiste quindi una possibilità per l’autonomia degli anziani come soggetti sociali capaci di esigere i propri interessi. Inoltre, è possibile che gli anziani vivano bene e con qualità anche se il loro corpo è esausto o esausto. Secondo Zimerman (2000), una dieta equilibrata, l’attività fisica, un’esposizione attenta ai raggi solari e l’incitamento mentale sono alcune azioni che possono alleviare questi impatti dell’invecchiamento.

A loro volta, Abreu e Mata (2001) riferiscono che la ricerca condotta con gli anziani sul bisogno di aiuto nell’assistenza sanitaria mostra che tutti i soggetti ricevono aiuto dalle loro famiglie in questo contesto. Tuttavia, come affermato da Martins et al. (2007), il sistema privilegia le azioni curative più di quelle educative, così da procrastinare di conseguenza. Quindi, promuovere una buona educazione per quanto riguarda l’assistenza sanitaria degli anziani diventa un lavoro impegnativo.

Tabella 3 – Soddisfazione del sonno

Piacere F %
Molto insoddisfatto 1 2,77
Insoddisfatto 5 13,88
Né soddisfatto né insoddisfatto 8 22,22
Soddisfatto 18 50
Molto soddisfatto 3 8,33
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

Come si vede nella Tabella 3, la metà (50%) degli intervistati afferma di essere Soddisfatto del proprio sonno. Così, un altro 22,22% ha scelto l’alternativa Né soddisfatto né insoddisfatto. Il 13,88% si considera invece Insoddisfatti, mentre l’8,33% e il 2,77% valuta le proprie scelte come Molto Soddisfatto e Molto Insoddisfatto.

Vale la pena notare che xo2=8,96 e x2c=9,48 ed è stato applicato il test del chi quadrato per determinare se esiste una differenza statisticamente significativa; si è scoperto che una tale differenza non esiste. È ancora noto che n.g.l.=4 e α=0,05.

I partecipanti che sono in una certa misura soddisfatti del proprio sonno sono il 58,33% (coloro che si sono classificati come Soddisfatti e Molto Soddisfatti), un numero significativamente simile a quelli che segnalano la necessità di cure mediche quotidiane come Niente e Molto poco, nella Tabella 2 .: 55,54%. Resta quindi inteso che una buona salute, che elimina il costante bisogno di risorse mediche, può essere associata alla qualità del sonno (o viceversa). Questa equazione può anche essere correlata alle parole di Trentini, Xavier e Fleck (2006) riguardo ai tre tipi di vecchiaia: chi si dice Soddisfatto e Molto soddisfatto (58,33%) ha un processo di successo, chi dichiara Né soddisfatto né insoddisfatto (22,22%) hanno un normale processo di invecchiamento e coloro che considerano Insoddisfatti e Molto insoddisfatti (16,65%) attraversano la fase con la patologia. Considerando questo prisma, si può notare che più della metà dei partecipanti ha uno sviluppo eccellente, poco meno di ¼ attraversa questa fase in modo normale o normale e il 16,65% ce l’ha con patologie.

I risultati della tabella 3 sono invece incompatibili con quelli citati da Geib et al. (2003) sugli anziani che non lavorano e sono istituzionalizzati; gli autori affermano che il normale processo di invecchiamento provoca cambiamenti nella quantità e qualità del sonno e, quindi, colpisce più della metà delle persone di età superiore ai 65 anni che vivono in casa e il 70% di quelle istituzionalizzate, il che ha un impatto negativo sul sonno. qualità della vita.

A questo proposito, gli stessi autori (GEIB et al., 2003) affermano che queste modificazioni provocano anche alterazioni del sistema omeostatico e si estendono a: aspetti psicologici, sistema immunitario, comportamento di risposta, performance quotidiana generale, adattabilità e stato d’animo. Le cause che di solito causano questo tipo di disturbo in età avanzata sono: dolore, fattori ambientali, disagi emotivi e alterazioni del ritmo del sonno (come aumento della latenza, difficoltà a riprendere il sonno e riduzione della durata), sonnolenza, affaticamento diurno, aumento dei sonnellini, disturbi cognitivi menomazione e altri sintomi che non sono tipici dell’invecchiamento ma hanno un grande impatto sugli anziani.

Geib et al. (2003) affermano anche che l’incapacità di adattarsi a disturbi emotivi, abitudini inadeguate, alcuni disturbi organici e affettivi, uso di sostanze (psicotropiche o altro), irrequietezza notturna e cadute sono esempi di possibili conseguenze. Tutta questa sintomatologia permette di affermare che il sonno e il riposo sono funzioni riparatrici necessarie al mantenimento della vita.

Tra i fattori psicosociali responsabili dei disturbi del sonno negli anziani vi sono il dolore, la pensione e i cambiamenti nell’ambiente sociale, come l’isolamento, l’istituzionalizzazione e le difficoltà finanziarie. La morte del coniuge ha un forte impatto sulla vecchiaia e può essere associata a depressione, mentre il pensionamento e i cambiamenti dell’ambiente sociale, quando rompono con le abitudini comuni degli anziani, contribuiscono a ridurre l’ampiezza del ritmo sonno-veglia , che produce la frammentazione del sonno notturno e dei sonnellini durante il giorno, utilizzato come fuga dalla monotonia (GEIB et al., 2003).

Dal punto di vista biologico, Alves et al. (2019) affermano che il dolore cronico è un fattore che interferisce in modo significativo con il sonno degli anziani.

Tabella 4 – Incertezze sul significato dell’esistenza umana

Incertezza F %
Totalmente d’accordo 5 13,88
Parzialmente d’accordo 5 13,88
Sono più d’accordo che in disaccordo 4 11,11
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 6 16,66
Parzialmente in disaccordo 8 22,22
Totalmente in disaccordo 8 22,22
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

I risultati della tabella 4 mostrano che esiste un equilibrio tra le opinioni sul significato dell’esistenza umana. La maggior parte degli intervistati, il 22,22%, appare sia come la percentuale finale di coloro che hanno optato per l’alternativa Parzialmente in disaccordo sia per l’alternativa Totalmente in disaccordo. Inoltre, il 16,66% ha scelto Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo, il 13,88% ha dichiarato: Parzialmente d’accordo, altri il 13,88% Totalmente d’accordo e l’11,11% Sono più d’accordo che in disaccordo.

Per determinare se esiste una differenza statisticamente significativa è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico, che ha portato a: xo2=3,44 e x2c=11,07, senza alcuna differenza statisticamente significativa. È anche considerato ngl=5 e α=0,05.

Panzini et al. (2007) affermano che la religione influenza la prospettiva che l’individuo ha del mondo, può spiegare il senso della vita e portare soddisfazione. In questo senso, nella Tabella 5 si vede che il 94,43% dei lavoratori anziani concorda in una certa misura con la premessa di avere un rapporto personale significativo con Dio, mentre nella Tabella 6 si vede che il 97,21% concorda in una certa misura che Dio si preoccupa dei tuoi problemi.

Baptista (2003) definisce la religione come la comprensione delle realtà trascendenti non comprese dalla coscienza, che portano all’unità interiore al suo apice.

Si osserva che l’impatto di un credo religioso per gli anziani è molto elevato, tuttavia, questo aspetto non sembra determinare pienamente la prospettiva che i soggetti hanno sul significato dell’esistenza umana, dato il livellamento delle risposte presentato nella Tabella 4. Cioè, esiste la possibilità che questa variabile influenzi la tua visione del mondo, non una garanzia.

Tabella 5 – Significato del rapporto personale con Dio

Significato F %
Totalmente d’accordo 23 63,88
Parzialmente d’accordo 7 19,44
Sono più d’accordo che in disaccordo 4 11,11
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 1 2,77
Totalmente in disaccordo 1 2,77
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

Nella Tabella 5 si osserva che tra i partecipanti anziani alla ricerca, il 63,88% Totalmente d’accordo di avere una relazione significativa con Dio, tra gli altri intervistati, il 19,44% Parzialmente d’accordo, l’11,11% afferma di essere Sono più d’accordo che in disaccordo, il 2,77% di gli anziani In Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo e un altro 2,77% Totalmente in disaccordo. L’alternativa Parzialmente in disaccordo non è stata scelta da nessun partecipante ed è stata quindi rimossa dal tavolo.

Per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico. Sono stati ottenuti xo2=8,53 e x2c=9,48, senza differenze statisticamente significative. È anche considerato ngl=4 e α=0,05.

Orlando et al. (2008) affermano che la maggior parte degli anziani prega per obiettivi come la salute, la pace, l’amore, la risoluzione dei problemi familiari e l’essere grati per i favori ottenuti, il che configura un tipo di relazione con Dio attraverso queste richieste.

Diniz (2003) afferma che l’incontro personale con Dio attraverso la fede, oltre ai dogmi e alle norme prestabilite dal sistema di credenze, tocca e trasforma l’individuo, ed è questo punto che caratterizza la religione. Baptista (2003), a sua volta, intende la religione come l’assunzione di realtà trascendenti che la coscienza non comprende e quando portata al pieno godimento psicologico produce la totalità dell’essere umano al suo interno, sebbene ritenga che riti e miti siano alla base della costruzione di tutte le religioni e sono, quindi, i validatori dei simboli creati per l’espressione del sacro in noi.

Araújo (1999) continua a dire che questo aspetto ha una grande influenza sulla vecchiaia, tanto che il 100% della popolazione che ha svolto ricerche ha affermato di essere conforme a qualche credo. Questa adesione è dovuta al fatto che la pratica di una religione da parte degli anziani consente loro di stabilire un collegamento tra le proprie impossibilità e l’uso delle proprie capacità o, quando ciò non avviene, li aiuta ad affrontare più facilmente questa fase finale della vita.

Panzini et al. (2007) completa dicendo che le dottrine e la partecipazione alle cerimonie religiose promuovono la felicità, istigano alla visione del mondo e spiegano il significato della vita.

Inoltre, la tabella 5 mostra che il 94,43% dei partecipanti afferma di essere in qualche modo d’accordo con la premessa di avere una relazione personale significativa con Dio, simile alla tabella 6, in cui il 97,21% concorda in qualche modo sul fatto che Dio si preoccupa dei tuoi problemi. Oltre all’alto indice di spiritualità verificato in questi due risultati, è possibile correlare tra loro e comprendere che il rapporto personale con Dio può verificarsi per la preoccupazione dell’Essere Divino con i problemi dei devoti, al fine di configurare un contesto favorevole alla relazione.relazione interpersonale in un quadro spirituale e alla costruzione di simboli e dogmi derivanti da questa stessa relazione.

Tabella 6 – La preoccupazione di Dio per i problemi

Variabili F %
Totalmente d’accordo 29 80,55
Parzialmente d’accordo 4 11,11
Sono più d’accordo che in disaccordo 2 5,55
Parzialmente in disaccordo 1 2,77
Totale 36 100

Fonte: questionari WHOQOL.

Osservando la Tabella 6, si nota che l’80,55% dei partecipanti è Totalmente d’accordo con l’affermazione che Dio si preoccupa dei loro problemi. Solo l’11,11% è Parzialmente in disaccordo e il 5,55% è Sono più d’accordo che in disaccordo. Solo il 2,77% Parzialmente in disaccordo. Le alternative Totalmente in disaccordo e Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo sono state eliminate perché non menzionate da nessun soggetto.

Vale la pena ricordare che xo2=0 e x2c=7,81; una volta applicato il test del chi quadrato con l’intento di scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa; si è scoperto che non c’è tale differenza. Si noti inoltre che n.g.l.=3 e α=0,05.

Secondo Orlando et al. (2008), la maggior parte delle persone anziane prega per scopi quali la salute, la pace, l’amore, la risoluzione dei problemi familiari e la gratitudine per i favori ottenuti. La pratica di queste preghiere denota la loro fede nella preoccupazione divina per i loro problemi, perché attraverso la preghiera le loro lamentele vengono presentate per essere risolte in questo spazio sacro, nelle parole di Diniz (2003).

Lo stesso Diniz (2003) definisce la religione come un’esperienza trasformatrice sull’individuo, non un sistema concreto composto da morali, dottrine e credo, ma una fede che produce un incontro personale con Dio. L’esperienza di questo spazio sacro è strettamente soggettiva. Panzini et al. (2007) conferma dichiarando che la felicità è associata alla partecipazione ai servizi religiosi e alle preferenze dottrinali, che influenzano in modo significativo la visione del mondo dell’individuo.

Baptista (2003), a sua volta, concettualizza la religione come l’assunzione di realtà trascendentali che la coscienza non può comprendere e che, portata al pieno godimento psicologico, conduce all’unicità e alla totalità interiore dell’essere umano.

Secondo Araújo (1999), l’aspetto spirituale influenza molto questa fase della vita, tanto che il 100% dei suoi partecipanti ha affermato di essere conforme a qualche attività religiosa. Quanto alle ragioni del verificarsi di questo fatto, sembra che la pratica di una religione da parte degli anziani consenta loro di stabilire un nesso tra le proprie impossibilità e l’uso delle proprie capacità o, quando ciò non si verifica, li aiuti ad affrontare con questo problema ultima fase della vita.

Inoltre, la Tabella 6 mostra che il 97,21% dei partecipanti concorda in una certa misura sul fatto che Dio si preoccupa dei loro problemi, una percentuale simile alla Tabella 5, che dice che il 94,43% concorda in una certa misura con la premessa di avere una relazione personale significativa con Dio. L’altissimo tasso di spiritualità è evidente in queste due tavole, che corrispondono quando si comprende che la sollecitudine divina per i problemi degli anziani favorisce il loro rapporto personale con Dio.

L’aspetto spirituale, quindi, si mostra come il più preponderante nella vita dei lavoratori anziani.

CONSIDERAZIONI FINALI

In risposta alla domanda guida, si è notato che gli anziani che lavorano sono per lo più soddisfatti della qualità degli aspetti osservati della loro vita. In particolare, è stato possibile notare una grande aderenza alla religiosità, tanto che questa è una sfaccettatura quasi assoluta dal punto di vista dei partecipanti, che è in linea con le parole di Araújo (1999) sul sostegno che questo territorio offre nell’affrontare questo problema fase finale della vita. Studi più specifici e approfonditi sulla vita religiosa in questa categoria possono essere fatti per raccogliere informazioni più dettagliate.

Anche gli altri aspetti osservati hanno avuto una maggioranza di risposte riconosciute come soddisfazione, sebbene con una maggiore distribuzione tra tutti i livelli, secondo le variabili nelle tabelle. È comprensibile che questa preminenza derivi dal processo di una vecchiaia fortunata, per dirla con Trentini; Xavier e Fleck (2006), che consente anche la permanenza degli anziani nelle attività lavorative (BEE, 1997).

Inoltre, nel campione non sono state osservate le peculiari variazioni del processo di invecchiamento citate da Neri (2001): difficoltà di adattamento a nuove funzioni; demotivazione; bisogno di lavorare perdite; difficoltà di adattamento ai rapidi cambiamenti; cambiamenti psichici che richiedono un supporto professionale; perdita di autostima e di autostima. Probabilmente per gli stessi motivi di cui sopra.

Come accennato in precedenza, questo studio si proponeva di indagare la qualità di alcuni ambiti della vita degli anziani che lavorano attraverso un questionario standardizzato. Questo materiale ha quantificato le risposte dei partecipanti e ha consentito di formulare ipotesi sulla base della letteratura consultata, tuttavia è possibile percepire l’esistenza di divari tra queste stesse risposte e le loro cause, il che rende impossibile un’analisi critica più rigorosa. Come già suggerito, altri studi più approfonditi possono essere effettuati per indagare qualitativamente queste e altre aree di questi soggetti, allo stesso modo di una replica di questo lavoro con i senior che non lavorano per intrecciare i risultati di entrambe le categorie: pensionati e lavoratori.

Si stima inoltre che questo contributo scientifico possa corroborare domande sulla realtà degli anziani che lavorano per fornire loro migliori condizioni di vita negli aspetti discussi (nonostante il campione abbia mostrato una soddisfazione prevalente nelle risposte), in quanto così come negli altri.

RIFERIMENTI

ALVES, Élen dos Santos; OLIVEIRA, Nathalia Alves de; TERASSI, Mariélli; LUCHESI, Bruna Moretti; PAVARINI, Sofia Cristina Iost; INOUYE, Keika. Dor e dificuldade para dormir em idosos. BrJP, São Paulo, v.2, n.3, p.217-224, 2019. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 15 de janeiro. 2021. ISSN 2595-3192.  https://doi.org/10.5935/2595-0118.20190039.

ABREU, A. C.; MATA, J. G. A relação do idoso com a família. In: Universidade São Judas Tadeu. Trabalho de Conclusão de Curso. Núcleo de Psicologia. p.29. São Paulo, 2001.

ARAÚJO, C. D. S. F. Aspectos religiosos do idoso. In: PETROIANU, A.; PIMENTA L. G. Clínica e cirurgia geriátrica. Rio de Janeiro, Guanabara, p.8-9, 1999.

BAPTISTA, A. L. Espiritualidade na prática clínica. In: Arte Terapia Coleção Imagens da Transformação. Revista POMAR. Rio de Janeiro, n.08, v.10, p. 18-23, 2003.

BEE, Helen. O ciclo vital. Porto Alegre: Artes Médicas, 1997.

BERES, V. L. G. A gente que tem o amarelão tem que se conformar: Atenção à saúde na perspectiva do idoso. In: Pontifícia Universidade Católica de São Paulo. Dissertação de mestrado, Curso de Psicologia, Núcleo de Psicologia Social – p.76. São Paulo, 1994.

BREVIGLIERI, N. M. A qualidade de vida do idoso a partir da aposentadoria. In: Universidade São Judas Tadeu. Trabalho de Conclusão de Curso – Curso de Psicologia, Núcleo de Psicologia Psicodinâmica – p.83. São Paulo, 2002.

COLALTO, R. M. C. Qualidade de vida na terceira idade. In: Universidade Camilo Castelo Branco. Monografia como pré-requisito de Trabalho de Conclusão de Curso de graduação em Psicologia – p.49. São Paulo, 2002.

COUTRIM, Rosa Maria da Exaltação. Idosos Trabalhadores: perdas e ganhos nas relações intergeracionais. In: Artigo baseado na tese de doutorado – Faculdade de Filosofia e Ciências Humanas da Universidade Federal de Minas Gerais, 2005. Artigo apresentado no XII Congresso Brasileiro de Sociologia realizado em 2005. Sociedade e estado, Brasília, v.21, 2, p.367-390, maio/ago, 2005.

DINIZ, L. Espiritualidade e Arte Terapia. In: Arte Terapia Coleção Imagens da Transformação. Revista POMAR. Rio de Janeiro, n.10, v.10, p.109-124, 2003.

GEIB, Lorena Teresinha Consalter; CATALDO NETO, Alfredo; WAINBERG, Ricardo; NUNES, Magda Lahorgue. Sono e envelhecimento. Revista de Psiquiatria do Rio Grande do Sul, Porto Alegre, v.25, n.3, p.453-465, 2003. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 15 de janeiro. 2021. ISSN 0101-8108. http://dx.doi.org/10.1590/S0101-81082003000300007.

MARTINS, Josiane de Jesus; ALBUQUERQUE, Gelson Luiz de; NASCIMENTO, Eliane Regina Pereira do; BARRA, Daniela Couto Carvalho; SOUZA, Wanusa Graciela Amante de; PACHECO, Wladja Nara Sousa. Necessidades de educação em saúde dos cuidadores de pessoas idosas no domicílio. Texto & contexto – Enfermagem, Florianópolis, v.16, n.2, p.254-262, Junho/2007. Disponível em https://www.scielo.br/j/tce/a/PsbZSVQRtF7WkHD3vgn3Lvv/?lang=pt>. Acessado em 3 de dezembro. 2020. https://doi.org/10.1590/S0104-07072007000200007.

NERI, Anita Liberalesso. Desenvolvimento e envelhecimento. Campinas, Papirus (1ed.), 2001.

ORLANDO, Cássia; DIAS, João Carlos; BRASIL, Ricardo Taveiros; ARAÚJO, Tiago Coelho; BURITI, Marcelo de Almeida. Religiosidade na dimensão biopsicossocial do sujeito idoso. In: Universidade São Judas Tadeu – USJT. Artigo apresentado no XIV Simpósio Multidisciplinar da USJT realizado em 2008. São Paulo.

PANZINI, Raquel Gehrke; ROCHA, Neusa Sica da; BANDEIRA, Denise Ruschel; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de Vida e Espiritualidade. Revista de Psiquiatria clínica. São Paulo. v.34, n.1, p.105-115, 2007. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 28 de janeiro. 2021. https://doi.org/10.1590/S0101-60832007000700014.

TRENTINI, Clarissa Marceli; XAVIER, Flavio M. F.; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de vida em idosos. In: PARENTE, M. A. M. P. Cognição e envelhecimento. Porto Alegre, Artmed (1ed), p.19-20, 2006.

ZIMERMAN, Guite I. Velhice: Aspectos Biopsicossociais. Porto Alegre, Artmed, 2000.

APPENDICE – NOTA A PIÈ DI PAGINA

3.  Modulo di consenso libero e informato.

4.  Classificazione brasiliana delle occupazioni.

[1] Master in Scienze dell’Educazione della Facoltà di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’Università di Porto (FPCEUP); Master in Educazione e Formazione degli Adulti di FPCEUP; Psicologo è laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

[2] Specialista in Psicologia dello Sport e dell’Attività Fisica dell’Instituto Sedes Sapientiae. Psicologo e laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

Inviato: Agosto 2021.

Approvato: Novembre 2021.

5/5 - (2 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 113083
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?