I contributi di valutazione psicologica nel contesto del traffico

0
215
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

SILVA, Hustane Oliveira Martins da [1]

SILVA, Hustane Oliveira Martins da. I contributi di valutazione psicologica nel contesto del traffico. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 06, vol. 06, pp. 123-134, giugno 2018. ISSN:2448-0959

Questo articolo si propone di presentare i contributi di valutazione psicologica nel contesto di transito, nonché a discutere possibili alternative dello psicologo di traffico. Una ricerca bibliografica attraverso articoli scientifici disponibili presso: psicologia-VHL, Scielo e Google Scholar (Google Scholar), dal 2006 ad oggi. Prima della promulgazione della professione di psicologo in Brasile, aveva i professionisti di transito che lavorano con “test psicometrici”, tuttavia, era negli anni ‘ 60 che la professione è stato reso popolare, soprattutto con la creazione del® Detrans™ (dipartimento di Transito), PCP (Consiglio federale di psicologia) e CRPs (Consiglio regionale della psicologia). Nel corso di decenni di lavoro, le critiche e pochi progressi nell’area, una delle critiche trovate in parecchi studi è che lo psicologo di traffico a volte finisce per essere un po’ limitata in termini di prestazioni, eseguendo solo applicazione e correzione dei test psicologici Poiché ci sono numerose possibilità di azione: partnership con scuole e Università per traffico educazione, prevenzione degli infortuni, gli interventi con gli alcolisti, tra gli altri. Ha trovato una mancanza di studi sull’argomento e come un suggerimento per professionisti, nuove ricerche, discussioni e riflessioni, la partecipazione in politiche pubbliche, gli interventi con gli alcolisti, ecc.

Parole chiave: valutazione psicologica di traffico, traffico, comportamento umano.

1. Introduzione

La popolazione mondiale cresce ogni giorno ad un ritmo accelerato, con il numero di veicoli che circolano sulle strade è più grande rispetto a pochi decenni fa. L’andare e venire, la facilità di locomozione, il disordine e il caos del traffico in alcune città contribuisce negativamente all’emergere di alcuni problemi legati ad esso, come: incidenti, morte, violenza, squilibrio emotivo, lo stress, l’inquinamento Sonora e aria, tra gli altri. Il traffico è il risultato di diverse azioni, educazione, prevenzione, gli interventi sono alcune alternative per rendere il traffico più armonioso. In particolare, quando si parla di incidente stradale, si parla anche della condotta umana, così la psicologia di traffico è di fondamentale importanza per un lavoro in team con altri professionisti e anche con le agenzie di transito, in quanto sarà studiare il comportamento umano nel traffico. Secondo Acharya e Gomes (2016):

Dipartimenti di traffico sono organi competenti per l’apertura dello spazio per il lavoro degli psicologi, istituzionalizzando le cliniche psicotecnica dal riconoscimento dell’importanza delle prestazioni di questa figura professionale nella prevenzione di incidenti e le azioni di collera della strada, mediante i risultati del test (Cristo-SILVA; GÜNTHER, apud 2009 ALVES e GOMES 2016).

È necessario comprendere il traffico come fenomeno umano, costituito da leggi, obblighi, comportamenti, problemi, così che possiamo discutere i problemi che questo ci porta, così come le soluzioni per il miglioramento dei servizi resi alla società.

Psicologia come scienza, assiste nella comprensione del comportamento e della psiche umana, attraverso osservazioni, strumenti (test), indagini, studi, tra gli altri. È in questo scenario che la psicologia del traffico, al fine di indagare il comportamento umano nel traffico, che lo rende il più sicuro, collaborando con il benessere del conducente e la pedonale quindi c’è un buon rapporto tra tutti. Nel corso di questo lavoro, sarà presentato come valutazione psicologica fatta nel contesto del traffico, i loro contributi, così come le critiche emerse durante anni di pratica. Secondo Ravi e Garcia (2010):

Il processo di valutazione psicologica è ampio, coinvolge le informazioni raccolte attraverso le strategie per essere usato, come: colloquio psicologico, test psicologici e le osservazioni tecniche che lo psicologo ritiene importante considerare. Notiamo che l’uso di test psicologici è una delle strategie da utilizzare in questo processo. (RAVI e GARCIA, p. 14, 2010).

Questo lavoro è un’indagine bibliografica e si propone di presentare i contributi di valutazione psicologica nel contesto del traffico, gli strumenti più usati dagli psicologi per valutare i driver e i candidati per l’ottenimento della CNH (portafoglio Abilitazione nazionale), così come suggerire altri modi per lo psicologo, ad esempio, sviluppare il lavoro educativo e di prevenzione; riconoscimento del traffico; ricerca sul comportamento umano. Ricerca è stato utilizzato su siti come Scielo, VHL-psicologia e Google Scholar (Google Scholar), dall’anno 2006 ad oggi.

C’era una certa mancanza di lavori in corso sulla materia, c’è un bisogno di discutere di più sull’argomento, pubblicando lavori, condurre una ricerca. Per quanto riguarda le prestazioni dello psicologo di traffico, lo stesso deve essere iscritto in CRP (Consiglio regionale della psicologia) della vostra regione, essere accreditato dal Dmv (dipartimento di veicoli a motore) e secondo la risoluzione n. 425/2012 della CONTRAN, possiedono un corso di specializzazione in Psicologia del traffico.

Che cosa se proposto con questo lavoro, stava alzando i contributi, nonché le critiche relative al ruolo dello psicologo nel contesto del transito, discutere i modi e le soluzioni migliori affinché i servizi in grado di soddisfare la domanda di qualità richiesto.

Che cosa ci si aspetta è che questo articolo istigare i lavoratori allo studio e la spinta alla nascita di una nuova ricerca, collaborazioni con altri professionisti che lavorano nel campo di transito per promuovere attività educative, come pure gli interventi, pubblicazione del lavoro, dato che ci sono alcune opere pubblicate relazionati al tema.

2. Valutazione psicologica nel contesto del traffico

La valutazione psicologica, processo mediante il quale è al netto di psicologi, utilizza degli strumenti scientifici (test) per la raccolta di dati circa gli aspetti psicologici, al fine di soddisfare una domanda. Come Anache (2011) “test deve essere utilizzato come un modo di aggiungere agli elementi e informazioni di processo sul funzionamento psichico dell’individuo.” (ANACHE 2011 apud AMBIEL; MOGNON e ISHIZAWA 2015). Secondo la PCP:

La valutazione psicologica è intesa come un processo di ricerca completa, in cui il valutato e vostra richiesta, al fine di impostare la decisione più appropriata facendo dello psicologo. Più in particolare, la valutazione psicologica si riferisce alla raccolta e all’interpretazione dei dati, ottenuti attraverso una serie di procedure affidabili, intesa come quelli riconosciuti dalla scienza psicologica. (Primer valutazione psicologica, 2013, pag. 11).

Alla fine negli anni 80, ci sono state numerose critiche per quanto riguarda l’uso di test psicologici, diminuendo l’utilizzo di psicologi in Brasile, causando anche in diminuzione di produzione brasiliana, processi etici, ecc, Santi (2011) segnala che:

Inizialmente i test psicologici sono stati usati in Brasile basato su solo la traduzione degli strumenti prodotti in altri paesi, senza studi di validità e adattamenti alla realtà brasiliana, che li rende bersagli di critiche e di incredulità. (SANTOS, apud AMBIEL, 2011 MOGNON e ISHIZAWA, 2015).

Il regolamento della professione di psicologo era durante l’anno 1962, in seguito, furono creati i consigli di psicologia: stato (CRP) e federale (PCP) e la psicologia del traffico è stata già riconosciuta nel paese. Psicologia del traffico ha cominciato nel 1920.  Secondo Silva e Günter (2009), “negli anni 1940 e 1950 lo psicologo stava lavorando con i test, i test psicometrici esecuzione” (SILVA e GÜNTER apud Lago PASQUALI 2009 e 2013). Silva (2012) sottolinea che:

Il 60 è stata caratterizzata, pertanto, di espansione della psicologia in diversi spazi di esperienza, tra cui il® Detrans™, consolidando le radici e l’organizzazione politica ed amministrativa della categoria degli psicologi e anche per l’istituzionalizzazione identificato dal periodo pré-regulamentação. (SCOTT 2012).

Prima della risoluzione n. 425/2012 di CONTRAN, che prevede l’obbligo di un corso di specializzazione di transito per gli psicologi, l’obbligo di esercitare la propria professione nella zona erano solo un corso di formazione o il titolo di esperto esaminatore dei traffico, sia con il tempo di caricamento di 180 ore. Questo importante cambiamento ha portato ad una maggiore richiesta di corsi post-laurea in psicologia del traffico e un miglioramento nella qualificazione dei professionisti del settore.  Silva e Gunther (2009) sottolineare che:

L’aumento dell’offerta di corsi di specializzazione può avere altre ramificazioni. Uno di loro è che, piuttosto che continuare a preparare gli psicologi di essere esclusivamente esperti in transito, avremo l’opportunità di formare professionisti ad agire nei vari problemi di traffico, altrimenti continueremo seguendo il modello Formazione di esperti psicologi all’inizio, ma sotto una nuova etichetta, all’esperto. La prospettiva di preparazione consulenti può aprire le porte ad altri mercati, come vari organi di transito e di conoscenza di domanda di trasporto e di interventi creativi per minimizzare i loro problemi. (SILVA e GUNTHER, 2009, p. 169 apud SAMPAIO e NAKANO, 2012).

Dopo l’approvazione di codice brasiliano di transito (CTB), la visione di transito è diventata più umana, come punti di Alves e Gomes (2016) “valutazione psicologica ha cominciato a concentrarsi non solo sulle prove che valutano l’elaborazione di informazioni collegata alla capacità di prendere decisioni, ma anche nel comportamento e soggettività “(DMV, MG 2013 apud ALVES e GOMES 2016).

La valutazione psicologica del transito è sorto dalla necessità di studiare le caratteristiche psichiche dei candidati per ottenere, rinnovare o cambiare di categoria di CNH, come anche prevedere comportamenti a rischio, come gli incidenti stradali. Secondo la motorizzazione, ci sono tre principali cause di incidenti stradali: eccesso di velocità, mancanza di attenzione, abuso di alcool, relative al comportamento del conducente. Per Veronica e Rueda (2007) “il ruolo della valutazione psicologica è di agire preventivamente per ridurre l’eventualità di driver se messo in situazioni pericolose” (LAMOUNIER e RUEDA 2007 apud RIBEIRO, ALENCAR e SOUZA 2015).

Secondo Silva e Alchieri (2007):

Valutazione psicologica dei candidati per wpgu è, ancora oggi, l’attività principale della maggior parte degli psicologi di traffico nel paese. Da oltre 50 anni, questa pratica psicologica anche nel contesto della strada, con lo scopo di assistere nella sicurezza stradale, identificando i driver più probabili di essere coinvolti in incidenti. (Apud SILVA e ALCHIERI PASQUALI e Lago 2013).

Un’altra giustificazione per l’uso dei test nel contesto del traffico sarebbe quella di prevedere il comportamento inadeguato di driver, secondo la PCP “criterio validità studi dimostrando che le misure di prova forniscano importanti comportamenti che situazione (ad esempio di comportamenti a rischio, negligente coinvolgimento in incidenti) “(primer valutazione psicologica, pag. 18). Secondo Ravi e Garcia (2010):

Le condizioni etiche di questo processo sono l’uso appropriato di tecniche psicologiche, combinato con il rigore teorico, ma, soprattutto, a riconoscere correttamente etiche concezioni di concettualizzare il soggetto e la cittadinanza, in armonia con la costituzione e la la comprensione dei fenomeni psicologici.  (RAVI e GARCIA, p. 15, 2010).

Nel contesto della valutazione psicologica di traffico, professionisti che si occupano di diversi tipi di persone, personaggi, carenze fisiche e/o psicologiche, tra gli altri, Ravi e stato Garcia (2010), sulla valutazione psicologica:

La valutazione psicologica condotta da psicologi nel traffico, oltre al complesso e specifico obiettivo, valuta il soggetto che si trovano in diverse fasi della vita. Così abbiamo il processo di valutazione psicologica volontà sono soggetti a diversi stadi di sviluppo, dall’adolescenza alla vecchiaia, con le loro caratteristiche diverse, culture e con introjetados di autovalori. Lo psicologo ha il compito di contestualizzare questa realtà, considerando che l’atto stesso di guida, il tipo di veicolo (corsa, trasporto merci e trasporto collettivo), come bene come tutte le situazioni esterne da considerare per questo candidato. (RAVI e GARCIA, p. 16, 2010).

Secondo il CONTRAN (Conselho Nacional de transito), la valutazione psicologica è carattere obbligatorio e knockout per i conducenti e i richiedenti di ottenere o cambiare di categoria di CNH, il livello intellettuale di attenzione, psicomotorio, psico-fisico e personalità. Silva (2008) osserva che:

Il candidato CNH può essere considerato idonei quando eseguono coerente nella valutazione psicologica per veicolo di guida della categoria desiderata; montare con restrizione quando presente disturbo o danno psicologico che è stato temporaneamente sotto controllo, rendendo il record, in questo caso, il periodo di validità di riconvalida della registrazione; Impossibile temporaneamente quando sono presenti alcune disabilità psicologica su aspetti psicologici valutati, che sarebbe in grado di recupero o correzione; o inadatto quando valutato l’attuale insufficienza nelle aree che sono di fuori di normali standard e non recuperabili. (Apud 2008 SILVA SAMPAIO e NAKANO 2011). ”

È noto che quando si parla di valutazione psicologica, stiamo anche parlando di rapport, osservazione di comportamento, interventi, interviste, tra gli altri. Come la risoluzione del CONTRAN n ° 425/2012, saranno valutati alcuni elementi:

Art. 5° sulla valutazione psicologica dovrebbe essere misurato con metodi psicologici e tecniche, i seguenti processi psichici:

Presa;

II-informatica;

III-processo decisionale;

IV-comportamento

V-auto-valutazione del comportamento;

Tratti di VI-personalità. (CONTRAN, 2008).

Per quanto riguarda la scelta dei test, il PSC consiglia “nel caso la scelta di un test, è necessario che lo psicologo rendono l’attenta lettura del manuale e della ricerca coinvolti nell’edificio il decidere se egli può o non può essere utilizzato in quella situazione” (primer valutazione Psicologica, p. 18, 2013). Psicologi utilizzano psicologici strumenti affidabili, vale a dire, attendibili e consigliato dalla PCP e secondo il parere conforme del SATEPSI (sistema di valutazione dei test psicologici), che valutano soprattutto attenzione, personalità , l’intelligenza, memoria, tra gli altri, possiamo citare alcuni: AC, AD (attenzione), BFM-1 e BFM-2 (batteria delle funzioni mentali per driver – test di attenzione), Palográfico, Zulliger, IFP, HTP, Rorchach (test di personalità), RAVEN (test Intelligence), MVT (test di memoria visiva), è a discrezione dello psicologo di decidere che verranno utilizzati e in che contesto la valutazione (sia per ottenere, rinnovare o cambiare di categoria di CNH).

In relazione a questo processo, Adams e Garcia (2016) stabiliscono che:

Alcune caratteristiche di personalità misurati durante il processo di valutazione possono essere collegati a comportamenti impulsivi, permettendo per guida pericolosa, irresponsabilità, egocentrismo, impulsività, aggressività e intolleranza alla frustrazione, per esempio. Queste caratteristiche servono come fattori correlati all’operazione di azioni personali come ostilità, tolleranza di tensione di controllo, sociocentrismo e ansia, che può influenzare più il verificarsi di incidenti di traffico rispetto a caratteristiche fisiologiche e psicofisiológicas. (ALVES e GOMES 2016).

I test psicometrici, cioè i test che hanno una misura oggettiva, valutare principalmente competenze, sono i più utilizzati, dal momento che, secondo Groeger (2003) “sono usati per predire la capacità di guidare veicoli, soprattutto per predire la probabilità di un individuo coinvolto in incidenti “. (Apud GROEGER 2003 SAMPAIO e NAKANO 2011). Ultimo ma non meno importante, secondo Alencar, Sharma e rossi (2015) “il feedback intervista presentato chiaramente e oggettivamente, è un diritto di ogni candidato e lo psicologo deve eseguirla entro 48 ore, dopo la fine della valutazione psicologica “. Durante anni di pratica dello psicologo di traffico, c’erano alcune critiche, Rueda (2009) afferma che:

La critica alla valutazione psicologica eseguita nel contesto del traffico relative alla mancanza di standardizzazione per quanto riguarda la batteria di strumenti per essere utilizzato dal PCP solo consiglia quali costrutti dovrebbe essere considerata nella valutazione, perché Questi variano notevolmente da un posto a altro- e la mancanza di continuità della valutazione, poiché viene eseguita solo una volta (quando la persona cercherà di raggiungere il vostro primo wpgu-CNH), a differenza l’esame medico forense, ripetuto ogni cinque anni. Questo rende le modifiche personali che si sono verificati nel corso del tempo non sono considerati. (RUEDA, apud 2009 SAMPAIO e NAKANO 2011).

Rueda & Gurgel (2008) sottolineare, però: “ciò che si osserva in molti manuali di strumenti è una standardizzazione secondo il livello di istruzione e il tipo di licenza senza, infatti, provare lo strumento che tali differenze esistono” (RUEDA & GURGEL, 2008 apud SAMPAIO e NAKANO, 2012).

Silva e Alchieri (2007) giustifica che non c’è c’è bisogno di valutazione psicologica del traffico per il permesso di allontanare, perché secondo loro “la ricerca sulle prove di validità degli strumenti e l’utilità dei test psicologici valutare la personalità sono scarse in Brasile “(SILVA e 2007 ALCHIERI apud AMBIEL, MOGNON e ISHIZAWA, 2015). Più tardi, ancora in fase di dubbi e domande circa la necessità o non di valutazione psicologica, c’erano alcune ricerche e studi. Primi e Nunes (2010) sottolineano l’importanza degli studi sulla validità predittiva e conseguenti “tali ricerche potrebbero essere eseguite correlando i risultati dei test psicologici con il verificarsi di incidenti causati da driver o il ripetersi di violazioni “. (PRIMI e NANI 2010 apud SAMPAIO e NAKANO 2011). Silva e Alchieri (2007) mostrano che:

Si può dire di queste discussioni, che il campo di valutazione psicologica dei driver è contrassegnato da difficoltà e limitazioni nel tuo ragionamento ed esercizio fisico, non ci è consenso circa la validità in relazione alla maggiore sicurezza in strada offset pubblico. (SILVA e ALCHIERI 2007).

Prima di questa discussione, ma il Brasile è l’unico paese che prevede che i richiedenti per la registrazione di sottoporsi alla valutazione psicologica, che ci porta ad un’altra domanda: è davvero efficace per la valutazione psicologica della cnh? Gli studi sono scarsi, quindi non ci sono prove sufficienti per questa asserzione. Un altro importante punto è la squalifica dello psicologo del traffico, perché il vostro lavoro non è valorizzato, divulgate, questo accade in pratica quando solo in caso di ottenimento della CNH viene effettuata la valutazione psicologica, che è di fondamentale importanza per valutare il soggetto da tempo a tempo, poiché la personalità e il comportamento sono volubili, pertanto, sia nell’ottenimento e rinnovo di CNH, la valutazione psicologica dovrebbe essere obbligatoria, così come il fisico. Pessoto (2012) ci porta un’altra domanda: “per quanto riguarda il profilo del driver, egli è già stato delineato per quanto riguarda le variabili che richiedono l’indagine, basata su prove empiriche per sostenere questo bisogno?” (PESSOTO, 2012).  Le risposte a questa e altre questioni debbano essere risolte basata su studi, ricerche, convegni, discussioni, tra gli altri.

Il feedback delle prove è anche un problema, poiché a causa del grande numero di candidati che fanno la valutazione, non lascia molto tempo di compierlo, spesso il candidato non era adatto in fase di test a quel tempo, tuttavia, non vi è alcun chiarimento sulla valutazione, una come la persona non può presentare l’attenzione e/o stabilità emotiva sufficiente per l’approvazione e per affrontare il traffico. Gli studi futuri dovrebbero prestare attenzione a questo e ad altre questioni legate alla valutazione psicologica nel traffico. Per quanto riguarda l’obbligo della valutazione psicologica di traffico, secondo Silva, Alves e Rosa (2015), è un metodo oggettivo per valutare i candidati, tuttavia:

Per completare questi dati oggettivi includono osservazioni e colloqui individuali, che compone le procedure adottate. È inoltre richiesto un apprezzamento del contesto in cui vengono inseriti gli automobilisti. (SILVA, ALVES e ROSA, 2015).

Un’altra critica valutazione psicologica del traffico è che non sono presenti strumenti specifici per lo stesso, è che cosa è valutato sono costrutti come personalità, attenzione, memoria, ragionamento, ecc, tuttavia, risultati positivi dei test di personalità, ad esempio, Mostra buona condotta nel traffico, anche quello che manca sono gli studi di comportamento di relazione nei risultati di traffico/test secondo Saab e Nakano (2011) “ci sono un piccolo numero di studi adatto in particolare per ricercare come guidare il driver e il rapporto tra le prestazioni di strumenti e la vostra capacità di previsione del comportamento di auto.” (SA e NAKANO 2011).

Silva e Alchieri (2007) dello stato:

La ricerca sulla personalità di driver sono scarse e abbastanza limitate alle generalizzazioni, affinché un miglioramento nella zona può essere raggiunto solo attraverso i seguenti fattori: sviluppo di strumenti di valutazione e di miglior profilo di driver, campione più rappresentativo della popolazione studiata e integrato azione o partenariati tra istituti scolastici responsabile per i trasporti collettivi e individuali e aziende di trasporto. (SILVA e 2007 ALCHIERI apud SAMPAIO e NAKANO 2011).

A parte il problema dello sviluppo di strumenti migliori per la valutazione sopra citati, ci sono altre domande e la possibilità di apertura dello psicologo del traffico, come punti di Rozestratren (2007):

Lavorando con persone che hanno una fobia di guida, gli interventi con alcolisti, sviluppare attività e studi con i tossicodipendenti, lavoriamo con aziende di trasporto collettivo, promuovere l’istruzione nel traffico vicino alle scuole, assistere in promozione dell’educazione ambientale e atto dopo eventi traumatici e gli incidenti stradali, promuovere studi mirati al miglioramento delle condizioni ambientali nel contesto di transito, tra gli altri. (2007 ROZESTRATEN apud AMBIEL, MOGNON e ISHIZAWA 2015).

Di fronte a così tante possibilità, la realtà che vediamo è un altro, e lo psicologo spesso limita l’applicazione di test e preparazione delle relazioni al candidati ottenere/rinnovo/cambiamento di categoria di CNH, critica molto presente maggior parte delle opere trovate sul tema. Come Ambiel, Mognon e Ishizawa (2015), un’altra critica che possiamo citare in relazione alla valutazione psicologica del traffico è “la mancanza di studi che hanno contribuito in previsione di certe caratteristiche individuali e il coinvolgimento di driver in multe e incidenti” . Il ruolo dello psicologo, Silva, Alves e Rosa (2015) sottolineare che:

Indagini di letteratura riaffermano la necessità di pubblicazioni che trattano la valutazione di prestazioni psicologiche e professionale nella zona di traffico con interfaccia con altre scienze, perché agendo in traffico è quello di conoscere questo fenomeno come parte di un complesso sistema di trasporto e quindi capire che gli studi predittivi in relazione alle cause di incidenti stradali vanno oltre la valutazione psicologica. (SILVA, ALVES e ROSA, 2015).

Silva, Alves e Rosa (2015) affrontato un altro grave problema riguardante la valutazione psicologica: ci sono stati errori materiali come la “mancanza di identificazione dello psicologo, il parere definitivo in tempo di completamento, la mancanza di esami di registro di sistema locale, l’uso eccessivo di Abbreviazioni per iscritto, il nome degli strumenti, imprecisioni, assenza di risultati, ecc.” (SILVA, ALVES e ROSA 2015). È importante per i professionisti se questa domanda offende, perché secondo la PCP, il più grande numero di etico nei confronti di psicologi si riferisce alla preparazione dei documenti.

È evidente che sono necessarie, di sviluppare un lavoro di migliore qualità, come sottolinea Pasquali e Lago (2013) modifiche sia alla formazione di psicologo e di agire “è importante che la psicologia di traffico è discussa a congressi, corsi e anche essere una materia obbligatoria in corsi di laurea in psicologia, sviluppare nel discente un aspetto professionale (…)”. (PAI e Lago 2013).

Silva e Dagostin (2006) sottolineare che:

Sono necessarie ricerche per indagare: abilità sociali e tecniche dei professionisti che lavorano nella zona di transito; considerazioni circa la pratica professionale; percezioni di uno psicologo sull’attività per valutare i driver e tecniche di caratterizzazione e strumenti psicologici, che consentono la continuità dei progressi nella comprensione dei maggiori problemi e fenomeni sono necessari per l’attività Area professionale e conoscenza. (SILVA e DAGOSTIN, 2006, apud SAMPAIO e NAKANO, 2012).

Nonostante critiche e percepiti pochi progressi nella pratica dello psicologo del traffico, alcuni cambiamenti avvenuti negli anni 2000 fino ai giorni nostri, Nanda e Reppold (2010) sottolineano che “l’avanzamento della zona ha avuto luogo a causa dello sviluppo di nuovi studi di costruzione e validazione di strumenti, misure quali l’emersione del SATEPSI e di eventi scientifici sulla valutazione psicologica è stata dibattuta “(NORONHA e 2010 REPPOLD apud AMBIEL, MOGNON e ISHIZAWA 2015).

Alcune misure per garantire che il traffico funziona in modo più armonico e meno caotica. Nella città di São Paulo, è stato ad esempio la distribuzione il caster, allo scopo di ridurre il flusso dei veicoli circolanti sulle strade almeno una volta a settimana, di conseguenza, incidenti, multe, tra gli altri, troppo. Le leggi più severe, sanzioni, multe, fanno parte di altre misure, uno dei quali è la proibizione, che fornisce per un imprigionamento di bene e in alcuni casi la perdita del diritto all’unità per un anno, il driver che è colta guida mentre in stato di ebbrezza. Tali misure (alcune polemiche) potrebbero essere discussa con le agenzie di transito e altri professionisti, per l’analisi dell’efficacia e discussione dei risultati che mira al miglioramento di questi servizi. PASQUALI e Lago (2013) assicura che “più uno psicologo valutando il soggetto, è necessario essere un professionista completo, coinvolto con le politiche di trasporto e mobilità umana e coerente con il vostro impegno come cittadino”. (PAI e Lago 2013).

Alcune iniziative sono state adottate per garantire che la psicologia con la PCP contribuisce in qualche modo a un migliore funzionamento del traffico, uno di loro era il movimento nazionale di democratizzazione nel traffico, al fine di discutere con altri professionisti diverse aree pubblico politiche dirette al transito, come Silva (2012) “gruppo formato da 27 istituzioni che lavorano direttamente o indirettamente con il problema, ha cercato di sviluppare azioni che mirano alla mobilità, la cittadinanza, la salute e la pace nel traffico “(SILVA, 2012).

Un’altra importante iniziativa è stata la creazione della rete latino-americana di psicologia del traffico, che ha come obiettivo di condividere conoscenze, esperienze, studi bibliografici e secondo Silva (2012) “la rete ha la prospettiva di contribuire per diffondere la psicologia di traffico in paesi dell’America Latina, promuovere lo sviluppo scientifico e professionale, il tuo account con 90 partecipanti in diversi Stati brasiliani, psicologi e non-psicologi “(SILVA 2012). Ci sono studi che dimostrano la percezione positiva dei candidati in relazione alla valutazione psicologica per l’ottenimento e rinnovo della registrazione, tuttavia, 2012 Rehbein, riflettere su quel Zechariah &:

Ulteriori studi sono necessari per raggiungere questi atteggiamenti, indagare quanto i risultati possono servire a migliorare le procedure in pratica, oltre a contribuire alla riflessione circa l’importanza attribuita all’area della psicologia di transito e il ruolo esercitato dallo psicologo. (REHBEIN & 2012 apud AMBIEL, Zaccaria MOGNON e ISHIZAWA 2015).

Le prospettive per il futuro della valutazione psicologica nel traffico è che professionisti cercano altre forme di assistenza, come Silva (2012) “gli psicologi del traffico devono cercare di implementare anche un modello interventista non solo con i piloti, ma anche gli utenti più vulnerabili di traffico (pedoni e ciclisti) “(SCOTT, 2012).

Alcuni autori sostengono l’idea che l’educazione preventiva del traffico deve essere avviato quanto prima e soprattutto nelle scuole, come Adams e Garcia (2016):

Analizzare il rapporto tra individuo e mezzo per una direzione sicura e avendo il comportamento come oggetto principale driver, ipoteticamente sarebbe più efficace una preventiva formazione psicologica diretto non solo per i candidati di CNH, ma la maggior parte degli individui giovani, che stanno completando la high school di, ad esempio, che rimarranno i modo gli utenti non solo driver forniti ma anche a pedoni e ciclisti, tra gli altri. (ALVES e GOMES, 2016).

Silva, Alves e Rosa (2015) sottolineano che “poco è stato esplorato il ruolo del professionista nel campo della valutazione psicologica o nella vostra interfaccia con altre scienze. Questi dati rafforzano la necessità per la ricerca per migliore consolidamento di questa prassi “. (SILVA, ALVES e ROSA, 2015).  Con questa dichiarazione di cui sopra, possiamo pensare che professionisti ancora sono bloccati nella vostra pratica, spesso dovuto alla mancanza di incentivo organismo di regolamentazione della professione. Pessoto (2012) afferma inoltre che:

Lo psicologo del traffico non dovrebbe essere limitato per il processo di ottenimento/rinnovare la registrazione o il cambiamento di categoria, ma deve essere ampio, tra cui in una fase precedente del significato su se avete una macchina, ciò giustificherebbe una gamma di studi che coinvolgono, oltre ai tre fattori (sega uomo e veicolo), componenti esterni a loro. (PESSOTO, 2012).

Considerazioni finali

Il crescente numero di auto, moto, girando le strade ogni giorno solleva alcune preoccupazioni, quali istruzione, incidenti stradali, morte, il trauma emotivo/fisico e anche l’inquinamento acustico e aria, che può portare seri rischi per la salute dei nella popolazione generale. Questi problemi di traffico coinvolgono istituzioni/organizzazioni diverse, anche legate alla salute, poiché questo è influenzato indirettamente. Possiamo capire il traffico come un insieme di fattori: leggi, regole, comportamenti, tra gli altri. Psicologia come scienza del comportamento, ha un sacco di cooperare in questo settore, poiché uno degli obiettivi della psicologia del traffico è quello di prevedere comportamenti a rischio.

Questo articolo si propone di presentare i contributi di valutazione psicologica nel traffico, come la valutazione elabora in questo contesto, così come le difficoltà e le limitazioni che esistono in questa tecnica. La valutazione psicologica del traffico, dalla vostra casa, che ha preso circa 40 anni, si è svolto, avanti e indietro piccolo cambiamento si è verificato nella pratica dello psicologo del traffico. Emerse varia critica del ruolo dello psicologo, uno di loro citate nel testo, è la mancanza di strumenti specifici per la valutazione psicologica del traffico, dal momento che i test usati per la valutazione sono utilizzati in altre aree della psicologia come la clinica, organizzativa, tra gli altri.

Al fine di ottenere la valutazione/rinnovo/cambiamento psicologico, della categoria di CNH, i costrutti più valutati, sono: attenzione, memoria, personalità, pensando, tra gli altri, in cui lo psicologo elegge quali batterie di test verranno applicate, in conformità con la Suggerimento della PCP. Gli strumenti più comunemente usati sono stati presentati dagli psicologi per valutare i driver, essendo che la scelta dello stesso secondo il contesto, sia esso ottenere/rinnovo o cambiamento di categoria di CNH. La batteria di test dovrebbe essere scelti dagli psicologi, secondo i suggerimenti della PCP.

È stato osservato che c’è una mancanza di studi e ricerca dello psicologo sulla psicologia del traffico e, la speranza è che, con la risoluzione di CONTRAN che rende obbligatorio un corso di specializzazione per lo psicologo atto nella zona di transito, nuovo opere e pubblicazioni, poiché, alla fine del corso, il professionista dovrebbe scrivere un articolo, o la carta finale tale cambiamento permetterà la formazione di professionisti qualificati che lavorano nel mercato del lavoro.

Il ruolo dello psicologo nella zona di transito è ancora limitato spesso solo l’applicazione e test correzione, preparazione dei rapporti, tuttavia, che suggerisce è che lo psicologo esplorare altre aree, tra cui la promozione dell’educazione traffico lungo con professionisti provenienti da altri settori per sviluppare il lavoro con i mezzi pubblici, scuole, Università, prevenzione degli incidenti stradali e anche meglio chiarire per i richiedenti di ottenere il lavoro di registrazione psicologo e la tua importanza. Un’altra importante iniziativa proposta da Castillo et al. (2015) “è quello di offrire singoli gruppi di cura, di orientamento e di host psicologici alle vittime di un incidente stradale.” (CASTILLO et al. 2015).

È importante che attività educative sul traffico principalmente nelle scuole, perché il pubblico è giovane che stanno imparando a rispettare le leggi e seguire loro e molti di loro hanno intenzione di ottenere la CNH.

Il parlare di traffico, ci riferiamo anche al comportamento umano, in questo senso, Pai e Lago (2013) sottolinea che “è necessario mostrare il traffico come un fenomeno umano, per capire i problemi che questo comporta per la nostra salute, così come gli impatti per il nostro benessere “(PAI e Lago 2013).    Infine, lo psicologo deve agire nella valutazione psicologica del traffico al fine di prevenzione e intervento per futuri autisti ridurre o estinguere comportamenti e situazioni gravi.

Riferimenti bibliografici

ADAMS, Catherine Aparecida. GARCIA, Juliana. Contributi di traffico psicologia: considerazioni educative per transito e formazione professionale. Muriaé, 2016. Disponibile a www.faminas.edu.br/download/baixar/467 acceduto a sopra: 06 ott. 2016.

AMBIEL, Rodolfo Augusto Matteo; MOGNON, Bill Fisher; ISHIZAWA, Fabiana Mitiko. Atteggiamenti vis-à-vis la valutazione psicologica dei candidati per l’ottenimento e il rinnovo di CNH. EST. Inter. Psicol., Londra, v. 6, n. 2, p. 18-38, 10.  2015.   Disponibili in <http: pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=”sci_arttext&pid=S223664072015000200003&lng=pt&nrm=iso”>.</http:> 02 impostare l’accesso.  2016.

VALUTAZIONE PSICOLOGICA DEI PRIMER. Brasilia: Consiglio federale di psicologia, psicologia, consigli regionali 1° edizione, novembre 2013.

RAVI, Clair Ana. GARCIA, Lucio Fernando. Transito e mobilità umana: psicologia, educazione e cittadinanza/org. -Porto Alegre: Consiglio regionale Ideograf della psicologia del Rio Grande do Sul, 2010.

Pasquali, Doris Serena Holmer Biehi; Lago, Vivian de Medeiros. (2013) “la valutazione psicologica in transito: le sfide per lo psicologo nell’esercizio della attività.” Disponibile a: https://psicologia.faccat.br/blog/wp-content/uploads/2013/11/Doris-Paquali.pdf. 04 impostare l’accesso. 2016.

PESSOTO, Fernando. Psicologia del traffico – alcune riflessioni. 2012. Disponibile a http://www.ibapnet.org.br/?cd=64 letta il 07 ott. 2016.

SHARMA, Priscilla Irano; ALENCAR, Ivana Mathew; y RIBEIRO, Paulo Eduardo.  (2015): “studio sulla valutazione psicologica nel traffico“, Revista de Ciencias Sociales Caribeña (noviembre 2015). En línea: http://www.eumed.net/rev/caribe/2015/11/psicologia.html. Letta il 15 settembre. 2016.

Sampaio, Maria Helena de Lemos; NAKANO, Tatiana de Cássia. Valutazione psicologica nel contesto del traffico: esame della ricerca. Psicol. contenuto. Prat., São Paulo, v. 13, n. 1, p. 15-33, 2011.   Disponibili in <http: pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=”sci_arttext&pid=S151636872011000100002&lng=pt&nrm=iso”>.</http:> Letta il 20 settembre.  2016.

SILVA, Marlene Alves da; Alves, Irai Cristina Boccato; ROSA, Helena Rinaldi. Valutazione psicologica nel contesto del traffico: Revisione della letteratura del periodo dal 2006 al 2015. BOL. Psicol, São Paulo, v. 65, n. 143, p. 157-174, jul.  2015.   Disponibili in <http: pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=”sci_arttext&pid=S000659432015000200005&lng=pt&nrm=iso”>.</http:> Acceduto a sopra 22 sett.  2016.

SILVA, Fabio Henrique Vieira de Cristo e. La psicologia del traffico e i 50 anni di professione in Brasile. Psicol. cienc. Prof. ssa, Brasilia, v. 32, n. SPE, p. 176-193, 2012.   Disponibili in <http: www.scielo.br/scielo.php?script=”sci_arttext&pid=S141498932012000500013&lng=pt&nrm=iso”>.</http:> 25 impostare l’accesso.  2016.

SILVA, Fabio Henrique Vieira de Christ; ALCHIERI, João Carlos. Valutazione psicologica della personalità: una revisione di letteratura. Psico-USF (Impose), Itatiba, v. 12, n. 2, p. 189-196, 10.  2007.   Disponibili in <http: www.scielo.br/scielo.php?script=”sci_arttext&pid=S1413-82712007000200007&lng=pt&nrm=iso”>.</http:> colpisce il 04 ott.  2016.  http://DX.Doi.org/10.1590/S1413-82712007000200007.

[1] Valutazione psicologica-Istituto di studi Laurea – LD-Cuiabá, MT

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here