Influencer digitali e immagine di sé come prodotto del comportamento di consumo

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

REVISIONE

ABREU, Liliane Alcântara de [1], MELO, Natalia Sayuri [2], SOARES, Pamela Cristina [3], NUNES, Letícia Monteiro [4], SILVA, Gabriella Braga Dias da [5], MENDES, Matheus Passos [6]

ABREU, Liliane Alcântara de. Et al. Influencer digitali e immagine di sé come prodotto del comportamento di consumo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, Ed. 01, Vol. 05, pp. 05-33. Gennaio 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/comportamento-dei-consumatori ‎

RIEPILOGO

Questo articolo è il risultato di uno studio di psicologia incentrato sul comportamento degli individui nominati influencer digitali e dei loro seguaci. Il problema della guida è stato risolto sulla domanda: cosa fa sì che i soggetti siano suscettibili ai cambiamenti nel loro comportamento così come il comando di qualcuno sconosciuto? Pertanto, l’obiettivo generale si è concentrato su come gli influencer agiscono negli spazi virtuali e sul loro impatto sul comportamento degli individui che li accompagnano. Le ipotesi sono state assunte che gli influencer hanno bisogno di creare e mantenere concetti di felicità; per questo sollevano modi di esporsi, con questo, molti individui, nella società contemporanea, stanno sviluppando malattie psichiche, a causa di questo bisogno di esposizione. Come metodo, la ricerca si è basata sull’osservazione e l’analisi di sei influencer brasiliane, nelle fasce di età da 20 a 25 anni e da 35 a 40 anni, osservando i loro stili di vita, i soggetti affrontati e i commenti prodotti da sostenitori e hater (espressione straniera che definisce gli utenti su Internet che propagano l’incitamento all’odio). È stata inoltre effettuata una revisione della letteratura per la discussione teorica alla luce di alcuni studiosi per comprendere e spiegare questo fenomeno. Come risultati e conclusioni, è stato notato che molti influencer, seguaci e persino hater sarebbero in simbiosi con il narcisismo, la paura dell’esclusione, l’invisibilità e la ricerca della piena felicità. D’altra parte, è stato possibile rilevare che altri influencer producono informazioni di aumento sociale in modo utile e positivo.

Parole chiave: Comportamento, Influencer, Digitale, Psicologia, Società.

1. INTRODUZIONE

Il fenomeno scelto dagli autori di questo articolo per le osservazioni sono stati gli influencer digitali. Conosciuti anche come digital influencers, influencers o creatori di contenuti, che sono persone che possiedono la capacità di suggerire attraverso i loro discorsi la vita di altre persone, nel prendere decisioni su come agire, pensare, vivere e principalmente consumare. Questi influencer utilizzano i social network (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, TikTok) come mezzo per comunicare con i loro follower e utilizzano queste piattaforme per discutere di argomenti quotidiani e persino di agende sociali come politica, femminismo, razzismo e fatfobia. Inoltre, è attraverso le loro reti che influenzano e incoraggiano il consumo, che si tratti di contenuti, prodotti o ideali.

Questo fenomeno è stato scelto dal gruppo, perché c’era un interesse a capire com’è questo nuovo mercato di influencer digitali e come questi soggetti possono raggiungere altre persone, in questo caso donne, che consumano le loro pubblicazioni. Pertanto, c’era la necessità di rispondere al problema della guida: cosa fa sì che i soggetti siano suscettibili ai cambiamenti nei loro comportamenti attraverso il comando di qualcuno sconosciuto?

Pertanto, l’obiettivo generale si è concentrato sulle prestazioni degli influencer digitali negli spazi virtuali e sul loro impatto sul comportamento degli individui che li accompagnano. Di conseguenza, gli obiettivi specifici si sono ampliati nella comprensione di come l’influencer agisce di fronte al suo pubblico di destinazione; nell’assimilare come l’azione dell’influencer possa indurre processi di consumo, e capire quali sono gli impatti sul comportamento degli individui che accettano o rifiutano i contenuti degli influencer.

Pertanto, il team ha elaborato ipotesi per tre ipotesi che potrebbero essere confermate o confutate alla fine della ricerca: gli influencer digitali devono creare e mantenere concetti di felicità; danno origine a modi nuovi e intensi di esporsi come prodotto di consumo, e molti individui nella società stanno sviluppando in modo massiccio malattie psichiche, come il narcisismo esacerbato a causa dell’elevato bisogno di esposizione.

Il punto centrale di osservazione è rimasto essenzialmente nel fenomeno della figura dell’influencer digitale. Da questo punto di vista, il team ha esaminato i contenuti prodotti su Youtube e Instagram di sei influencer brasiliani, di età compresa tra 20 e 25 anni e da 35 a 40 anni. Sono state osservate le presentazioni fatte, i modi di vivere, gli argomenti affrontati e i commenti prodotti dai follower e dagli hater, per lo più donne.

Il fondamento teorico è stato ottenuto dall’analisi dei pensatori: Michel Foucault (2001; 2019), con il supporto di Cecilia Coimbra e Maria Livia Nascimento (2001) sui principi di esclusione e giudizio dell’altro socialmente. Pierre Bourdieu (2007) e Mary Douglas e Baron Isherwood (2009) portano attraverso un breve supporto di Liliane Abreu (2013), la prospettiva antropologica dei modelli sociali per spiegare il sistema di consumo. Questo contenuto è anche amplificato dalle proposizioni rinforzanti di Zygmunt Bauman (2008a; 2008b; 2009) e William Baum (2019), che discutono le paure per mettere a tacere (e affrontare) molti individui, o dare voce a coloro che manipolano la massa per comportamenti odiosi e alienanti. Han Byung-Chul (2018) fornisce la comprensione del fenomeno della cancellazione (termine usato su Internet per escludere individui, che presentano commenti o atteggiamenti considerati socialmente offensivi). Burrhus Skinner (2000), Robert Hall (1975), Márcio Moreira e Carlos Medeiros (2007), mostrano come si verificano i processi di like e dislikes. Marilena Chaui (2011; 2012; 2017) sottolinea l’inversione dei discorsi, della realtà e di come l’appropriazione ideologica dei discorsi si inserisca anche nei comportamenti narcisisti dalla visione psicoanalitica clinica di Sigmund Freud (1972; 2011), Jacques Lacan attraverso Vladimir Safatle (2007) e David Zimerman (2004). Poiché questo si riferisce e sta alla base dell’intenso bisogno di rinforzi negli individui per concretizzare le loro utopie nell’universo virtuale contemporaneo, questo è ciò che verrà presentato in questo articolo.

2. PROCEDURE

Le osservazioni, gli studi concettuali e le analisi per comprendere questo tema sociale contemporaneo del fenomeno noto come digital influencer, sono avvenute nel secondo semestre (da agosto a novembre) del 2020 nell’ambito di un lavoro accademico del corso di Psicologia, per l’Università Paulista-UNIP/SP.

Due membri del team sono stati incaricati di osservare dieci (dieci per ogni membro) post di un influencer (donne cisgender) tra i 20 ei 25 anni e l’interazione con i loro follower. Due membri del team sono stati incaricati di osservare dieci (dieci per ogni membro) post di un influencer (donne cisgender) tra i 35 ei 40 anni e l’interazione con i loro follower. Due membri del team sono stati incaricati di osservare cinque post di un influencer (donna cisgender) tra i 35 ei 40 anni e cinque post di un’influencer (donna transgender) tra i 20 e i 25 anni; osservando anche l’interazione con i seguaci di entrambi. Così divisi, sono stati osservati sei noti influencer dei media digitali: Gabriele Pugliese, ha mantenuto l’identificazione come G.P.; Gabriela Loran identificata come G.L.; Lorrane Silva identificato come L.S. (ma altre volte, può apparire come P.Q., con il suo soprannome di Pequena Lo); Ellora Haonne sarà identificata come E.H.; Tarine Gulusian che sarà identificato come T.G.; Maíra Medeiros rappresentata dalla lettera M. Al momento delle osservazioni e delle analisi, gli influencer hanno presentato i seguenti dati:

Gabriela Pugliesi è una donna bianca, bionda, ricca, familiare di 35 anni che in origine era ricca. È l’influencer femminile con molti follower virtuali in Brasile, con un canale su Youtube (703.000 iscritti) e agisce ancora su piattaforme come Instagram (4.200.000 Follower) e Facebook (111.958 Follower). In quest’ultimo, si presenta come una “digital influencer e imprenditrice; ha debuttato sui social network nel 2013 (…). Sul suo canale YouTube, riceve e intervista personalità del suo show ‘Vendi Meu Sofá'”.

Gabriela Loran è un’attrice transessuale di 24 anni (la prima attrice trans nello show televisivo Malhação). Ha un canale su Youtube (9.530 iscritti) e opera anche su piattaforme come Instagram (55.600 Follower) e Facebook (1.586 Follower).

Lorrane Silva ha 24 anni. È nato con una sindrome ancora sconosciuta ai medici che compromette gli arti inferiori. L’influencer usa le stampelle per la locomozione. Possedere su Instagram (4.300.000 Follower) e sul social network TikTok (oltre 5 milioni di Follower). Usa le sue reti per trattare con umorismo la sua vita e le sue difficoltà quotidiane.

Ellora Haonne ha 25 anni e ha un canale YouTube (1.410.000 iscritti) e un account Instagram (527.000 Follower). È autrice del libro “Por todas nós: conselhos que não recebi sobre luta, amor e ser mulher”. Nelle sue reti produce contenuti su femminismo, sessualità, relazioni, conoscenza di sé, autostima, tra gli altri.

Tarine Gulusian è un’influencer digitale di 35 anni. Madre di tre figli, i primi due di loro da genitori diversi e il frutto più giovane della fecondazione in vitro. Ha un canale su Youtube (434.000 iscritti ) e Instagram (277.000 Follower), dove oltre a dividere la sua vita attraverso storie, svolge anche attività pubblicitarie e divulgative. Ha anche alcuni canali secondari più piccoli e gestisce la pagina Instagram del suo negozio di pigiami , chiamato La Bella Plume (9.193 Follower).

Maíra Medeiros ha un canale YouTube intitolato “Nunca Te Pedi Nada” (1 milione di iscritti). Il creatore di contenuti ha una laurea in pubblicità, ha insegnato inglese per più di dieci anni ed è stato un editor di contenuti web per altri creatori. Ha iniziato il canale credendo che argomenti come l’emancipazione femminile e l’accettazione non fossero detti e meritassero di essere affrontati. Inoltre, opera sulla piattaforma Instagram (741.000 follower).

I punti che sono stati osservati da ciascun membro del team:

  • Dall’influencer: come si è presentata; ciò che ha venduto come stile di vita; come si comportava e comunicava; ciò che ha detto come riferimento di come i suoi seguaci dovrebbero comportarsi, consumare o cosa fare.
  • Dai follower: come hanno interagito; come comunicavano; come si sono comportati; come si presentavano; ciò che consideravano importante nella loro vita da questa interazione con l’influencer.

Mentre i membri del gruppo facevano osservazioni con influencer differenziati, la coppia ha notato tre potenziali punti salienti principali: 1- stile di vita (vita personale, umore, stile di vita / routine); 2- questioni sociali attuali (modello estetico / bellezza, machismo, decostruzione, incitamento all’odio); e 3 – consumo (dell’utente, dell’altro, di prodotti e pubblicità). È importante sottolineare che questi punti più frequentemente sono tra loro e allo stesso tempo distanti l’uno dall’altro, in una dicotomia costante. Pertanto, dovevano essere visti contemporaneamente come aspetti indipendenti e globali all’interno dello stesso fenomeno. Proprio per questo motivo, il team ha finito per dover suddividere in categorie questa analisi iniziale, anche per ordinare e capire cosa stavano incontrando. Inoltre, gli influencer scelti non hanno coperto un punto comune di contenuto, come tutti coloro che parlano della condotta (alienante) dell’estetica della bellezza, o della politica, o di qualsiasi altro argomento comune tra tutti. Ognuno degli influencer digitali ha affrontato agende diverse, il che ci ha portato alla domanda iniziale: perché così tante persone seguono e fanno ciò che questi influencer dicono, anche se sono diversi? “cosa possono avere in comune queste differenze?” e “cosa potrebbe unire così fortemente questi influencer a questi follower?”

3. DISCUSSIONE

Per l’elaborazione di questo articolo, il gruppo si è imbattuto in diversi argomenti dicotomici, ma con punti più percettibili e costanti nel set totale sulla soggettività e sui comportamenti sociali che erano analoghi. Alcuni di questi punti si presentavano nel bisogno del soggetto di essere visto, amato (anche idolatrato in alcuni casi), e riconosciuto dall’immagine di sé. Inoltre, la materializzazione dell’incitamento all’odio, l’istantaneità e l’obsolescenza delle relazioni erano aspetti in comune, sia negli influencer che nei follower, che funzionavano come una simbiosi, cioè come una dipendenza emotiva dell’altro. Pertanto, le osservazioni di questi diversi influencer hanno innescato la percezione dei tre principali cluster comportamentali che hanno costituito questa discussione teorica: stile di vita (vita personale, umore, stile di vita / routine); questioni sociali attuali (modello estetico / bellezza, machismo, decostruzione, incitamento all’odio); consumo (dell’utente, dell’altro, di prodotti e pubblicità). Tutti, però, sono aspetti indipendenti e globali all’interno dello stesso fenomeno di accettare di essere influenzati da qualcuno e non elaborare le proprie convinzioni.

La soggettività umana può essere intesa come un prodotto risultante da tutte le esperienze che si hanno con il mondo e che influenzano quell’individuo. Michel Foucault (2001; 2019; apud COIMBRA; NASCIMENTO, 2001) in Storia della follia nell’età classica, intende la soggettività come uno stile di vita. Come corpo e mente, questo soggetto si riferisce a tutto e a tutti, sollevando da questo, la ritenzione, la reazione e persino la creazione di interazioni del suo trattamento provenienti dalla società. Pertanto, le trasformazioni positive o negative che si verificano in qualcuno, sorgono come singoli marchi e legati all’ambiente sociale, riflettendosi ancora nei loro comportamenti. Foucault sottolinea anche che questo meccanismo socioculturale dà origine a discorsi distorti e a un pubblico che classifica, condanna e perpetua certe pratiche istituzionalizzate di degrado di coloro che si trovano in situazioni di invisibilità.

In questo scenario, l’avvento dell’anno 2.000 (d.C.) l’attuale contemporaneità ha accelerato le potenzialità tecnologiche già emerse nei decenni precedenti. Con questo, Internet è diventato popolare e portando con sé i social network. L’unione di questi social network e la possibilità tecnologica di produrre video personali attraverso dispositivi mobili ha innescato l’elevata esposizione di individui che cercano l’approvazione dei cosiddetti like. Un processo come quello che Skinner (2000) ha mostrato nelle sue cavie interazione con l’ambiente attraverso stimoli e rinforzi, e che non possiamo essere immaturi nel trascurare questi studi, anche se provengono da altre linee antagoniste nell’area della psicologia stessa.

I soggetti vengono gradualmente modellati, per causare una nuova risposta comportamentale e ricevere rinforzi di piace o likes. L’eccesso di video, per lo più, ma con materiale proveniente da vari post, anche attraverso la scrittura – raggiunge il rinforzo dalla risposta immediata, fornita dai like, creando così una grande motivazione per la continuità della produzione dei post. In ogni caso, la continuità di questa stimolazione intesa come positiva favorisce in termini emotivi un’euforia nei soggetti, rendendo l’universo virtuale estremamente seducente. Pertanto, in generale, gli individui possono avere reazioni emotive diverse a causa della soggettività e della storia di ciascuno, passando dall’euforia (quando ricevono i Mi piace), alla frustrazione e alla rabbia (quando ignorati o contraddetti) e / o all’immediatezza costante (non sostenendo il ritardo delle risposte di terze parti nelle interlocuzioni). E questo si estende ai soggetti che interagiscono sotto forma di follower, soprattutto quando, ad esempio, una celebrità parla in video il nome di qualcuno sconosciuto che lo segue o risponde per iscritto, perché le persone tendono a reagire con grande emozione, dimostrando comportamenti euforici. Altri che seguono questo evento, creano l’aspettativa che lo stesso accadrà con loro, costituendo un ingranaggio consecutivo di rinforzi positivi.

Secondo Hall (1975), la raffinatezza è tutto ciò (evento o conseguenza dello stimolo) che aumenta la forza o la probabilità che un certo comportamento si ripeta, cioè il comportamento produce conseguenze ed è controllato da esse. Complimenti, bonus e altre azioni applicate immediatamente dopo (immediatamente) un’azione desiderata, agiscono come un rinforzo del comportamento e con il massimo effetto. Più veloce e immediato è il rinforzo in un comportamento desiderato, più efficace diventa, come l’avvento dei Like. Moreira e Medeiros (2007) citano rinforzi naturali come la lode e l’ammirazione anche se estremamente potenti. Pertanto, il perfezionamento continuo ad alta frequenza tende alla soddisfazione deliberata nell’individuo e all’aspettativa di volere di più.

Le piattaforme digitali come Facebook, Instagram e Youtube, ad esempio, sono sempre più cambiate per fornire maggiori risorse nel tentativo di diversificare il modo in cui i contenuti possono essere creati, portando a una permanenza più lunga del tempo per i suoi membri. È importante capire che queste risorse non vengono create senza motivo, ma piuttosto, sono strategie per diversificare le possibilità di un’azienda di diffondere la propria pubblicità, dando spazio e strumenti in modo che possano rendere sempre più naturale la diffusione di qualche prodotto o servizio. Inoltre, questo raggiunge un personaggio che è emerso con forza negli ultimi dieci anni: l’influencer digitale o influencer.

Nei libri L’arte della vita e Consumo, dunque sono, Bauman (2009; 2008b) ritiene che per comprendere le dinamiche dell’universo virtuale e dei suoi fenomeni, è innanzitutto necessario capire che ci sono strutture generazionali che sono influenzate dai modi di vita dei loro tempi, molto prima delle manipolazioni della condotta del mercato. Quindi, osserva che la visione del mondo per le persone attuali è diversa dagli individui di un tempo, perché, ciò che era importante per i secondi, non hanno lo stesso valore per i primi.

Bauman (2009) fa un confronto tra generazioni e menziona che se il precedente dovesse dipingere un quadro, sarebbe più meticoloso, sarebbe più attento nella scelta dei solventi e lo farebbe in un modo che manterrebbe la freschezza dei colori per l’eternità. L’attuale generazione, l’altro anno, cercherebbe modi per imitare gli artisti più celebri; artisti che nessuno sa quali strade hanno seguito e che vivono in balia del destino, e non c’è nulla che possa essere affermato, perché tutto può accadere. Le strutture sono fragili perché si sa che non sopravviveranno fino alla fine della mostra, e in questo modo, altre emergeranno presto per fare una nuova presentazione. Pertanto, l’autore menziona che i giovani non sono come opere d’arte, sono come carte da parati; pertanto, devono essere costantemente aggiornati.

Il filosofo spiega anche il fatto che uno stile di vita attualmente raccomandato dal mercato, comanda l’impulso a consumare e comportarsi, e questo stesso stile proviene non solo da un portavoce, pagato o volontario, ma anche da persone pubbliche. Questo stile di vita può anche essere percepito anche come una forma di libertà personale, ma quando la persona sceglie di cercare un’altra forma di identità, viene rifiutata o rifiutata, e da lì si renderà conto di quanto sia breve quella libertà. Le persone che comandano tali stili finiscono per ottenere uno status di potere, e l’autore lo ha paragonato agli amministratori di una pista da corsa, dove guardano gli ingressi e lavorano in parallelo incoraggiando i partecipanti a correre sempre di più. Inoltre, sottolinea che solo coloro che decidono di essere insubordinati sanno quanto sia severa la punizione. La sua percezione è che la società fosse organizzata come una comunità di consumatori. Per questo, è stato creato un modo per generare una condizione inseparabile del cittadino contemporaneo. Per vivere nella società e non essere esclusi dalla gerarchia sociale, è necessario consumare.

Sempre secondo il filosofo, tutto è fatto dalla manipolazione e dalla condotta di aziende e professionisti specializzati nell’universo del comportamento e del consumo, che includono negli individui la comprensione della sicurezza personale e dell’appartenenza sociale quando partecipano a un determinato gruppo di consumo. Like, fanno uso di alcuni prodotti che si riferiscono a uno stile di vita, funzionando come un totem sociale. Bauman (2008b) evoca Douglas (DOUGLAS e ISHERWOOD, 2009) per spiegare che il soggetto in basso avrebbe paura del rifiuto e dell’esclusione sociale, e quindi promuoverebbe tutti i comportamenti di consumo materiali o immateriali.

Ciò accadrebbe, secondo Douglas e Isherwood (2009; apud ABREU, 2013), perché le società sarebbero costruite dall’economia della donazione, un ciclo continuo di dare, ricevere e restituire. È un riferimento alle basi del consumo che serve sia la società industriale che le società tribali. Definisce che i doni mantengono un particolare modello di relazioni sociali, ed è questo modello di relazioni che crea la domanda e i materiali per soddisfare un ciclo, in cui viene consumato per dividere e condividere – e nel caso di Internet, letteralmente condividere, alimentando il sistema di scambio e ricompensa, e chi rompe con esso, automaticamente è fuori. Pertanto, il fattore paura è rafforzato da altri autori, tra cui lo stesso Bauman (2008a) in altre opere che sollevano lo stesso punto sul tema. La sua comprensione è che la paura umana è un sottoprodotto modificato della paura animale primitiva, che serve come capacità di auto-propulsione e porta al silenzio, e che questo sarà affrontato di nuovo in seguito.

L’intera questione riguardante la manipolazione è stata ampiamente analizzata nelle osservazioni dell’influencer G.P. e i suoi seguaci, perché ha venduto assolutamente tutto nel suo contesto di vita, dal modo di meditare e di esercitarsi, alla piastrella del suo bagno. Il tutto convalidato dai follower che lodano ogni video e hanno chiesto dove o come acquisire tali oggetti o stati d’animo. Parallelamente, gli sponsor stabiliscono il finanziamento di questo mercato in modo che i loro prodotti siano pubblicizzati senza pretese come parte della routine dell’influencer.

Questo marketing è stato segnalato anche da Bauman (2008b) ed è stato possibile osservarlo negli influencer analizzati. Il messaggio di costante rinnovamento e di efficace demarcazione del tempo di scambio viene realizzato stagionalmente attraverso il lancio dei prodotti da parte dei brand, e anche l’obsolescenza programmata inserita negli oggetti elettronici. Abreu (2013) discute anche di questo aspetto, perché tutto è molto veloce, con cambiamenti creati per intervalli di pochi mesi tra un lancio e l’altro, ed è qui per spiegare che questi pochi mesi si riferiscono a un tempo cronologico tra tre mesi e un anno, a seconda di ciò che si dice cambi. Spiega che, ad esempio, nel mondo della moda tessile, ogni quattro mesi tutto si rinnova per generare nuove tendenze, mentre nell’ambito tecnologico dei telefoni cellulari, questa media è stata la stessa anche con modelli che presentano piccoli cambiamenti di colore o icone per un dispositivo della stessa azienda. Pertanto, Bauman (2008b) menziona che la lentezza nelle relazioni umane è intesa nella contemporaneità come un processo di morte sociale, che rafforzerebbe la comprensione agli individui che non accompagnando tutto questo, è quello di essere obsoleti e antiquati, facendoli percepire esclusi.

Tutti gli oggetti e le cose che possono essere inseriti come stile di vita sono volutamente collocati in modo tale al soggetto sociale che egli crede, in generale, di fare le scelte per se stesso, ma senza essere; perché questa guida è fatta fin dalla tenera età. Pertanto, nei social network, l’attuale logica del consumatore sono gli influencer. Bauman (2008b) comprende che per diventare un membro autentico della società e quindi ascendere da una posizione sociale, è necessario elevare lo status di consumatore diventando una merce. Proprio per questo motivo, questi argomenti sono contestati dai marchi per utilizzare i loro prodotti, e quindi fungono da vetrina, rendendo questi opinion maker dell’ambiente digitale nei propri articoli di business.

Con i social network e gli influencer, nuove abitudini di consumo vengono assegnate a Internet. Come sottolinea Bauman (2008b), prima della crescita di piattaforme come Facebook e Instagram, i centri commerciali erano il punto d’incontro tra consumatori e prodotti. Attualmente, i social media hanno permesso di visualizzare le merci attraverso gli influencer. Quindi, profili come l’influencer L.S., G.P. e altri, mescolano stile di vita e consumo. Ciò aumenta il valore di mercato dei prodotti per ora con uno stato di stile di vita.

Ancora usando come esempio L.S., è un’influencer che mantiene una logica di consumo strettamente legata all’autostima e alla posizione sociale. Man mano che guadagnava nuovi follower, guadagnava visibilità anche dai marchi di consumo alimentare e vendita di elettrodomestici. Il suo status instagram è passato da un semplice profilo di consumatore a un profilo che influenza altri consumatori. Ciò l’ha portata a iniziare a fare spot pubblicitari a pagamento.

L’autostima dei loro seguaci entra in gioco nel momento in cui sono persuasi a comprare ciò che L.S. rivela e, a sua volta, riescono ad avvicinarsi al loro stile di vita. Non solo influencer, ma internet è diventato terreno fertile per gli utenti per convertirsi in oggetti di consumo, in merci, ed è proprio quello che dice Bauman (2018b). Inoltre, l’autore rafforza che l’attività di consumo è solitaria e non ha legami duraturi. Questa fragilità è comune nei social network dove una figura può essere facilmente dimenticata. Pertanto, gli influencer che fanno parte di questa caratteristica fungono da vetrina per questa capacità di persuadere il consumo di prodotti e sponsor.

Come spiegato in precedenza, nel groviglio di informazioni che il team di questo articolo ha raccolto, sono emersi alcuni gruppi che abbiamo attentamente analizzato e categorizzato per comprendere le parti e dopo il tutto, e quello che abbiamo identificato come stile di vita si adatta perfettamente a questa spiegazione di Bauman (2008b; 2009), poiché copre temi usati come contenuti relativi all’immagine di sé e all’intimità degli influencer, come la tua vita personale, la tua routine, il tuo stile di vita e il tuo umore.

Quando l’influencer espone la sua vita al pubblico che lo guarda, fa emergere il confronto, risvegliando negli altri i desideri per ciò che non ha e stimolando la creazione di nuovi traguardi. Ad esempio, l’influencer E.H., quando ha pubblicato un video su “com’è avere una relazione sana”, oltre a dettare lo standard che dovrebbe essere considerato sano, ha creato nei suoi follower l’angoscia e il desiderio di avere una relazione come la sua e visto come ideale.

La figura del creatore di contenuti virtuali si posiziona in questo modo, acquisendo cose che molti dei suoi follower non hanno la possibilità di avere, sembrando vivere l’ideale della felicità. Nel frattempo, d’altra parte, il pubblico che consuma il suo contenuto è privato di vivere questa vita idealizzata. Secondo Bauman (2009), privazione significa infelicità, influenza l’autostima e il riconoscimento sociale dei soggetti. Pertanto, nel sentirsi privato dell’individuo, è necessario avere un modello ideale. Pertanto, al giorno d’oggi gli influencer sono responsabili di dettare questo modello.

L’autore si interroga su cosa c’era di sbagliato nella felicità e argomenta analizzando gli americani e non solo loro, dove nelle loro ricerche per la felicità, stanno diventando sempre più ricchi, ma non più felici. Tuttavia, gli sforzi degli americani, e non solo loro – per cercare di consumare sempre di più per cercare di soddisfare se stessi, causano frustrazione quando si acquista il prodotto o il servizio, quel vuoto non scompare, facendogli consumare ancora di più, in una domanda ciclica senza fine. Tracciando un parallelo con il fenomeno di questo articolo, gli influencer sono i venditori di questi prodotti e/o servizi miracolosi che promettono (esplicitamente o meno) ai loro follower, di avvicinarsi all’ideale, a ciò che è giusto e alla felicità.

Quando ci chiediamo all’inizio delle osservazioni, perché milioni di persone sono seguaci di queste donne o di tante altre e di altri influencer digitali? siamo entrati in riflessioni che non sarebbero mai giunte a una conclusione totalmente vera senza l’indagine della motivazione di ogni seguace individualmente, delle loro influenze socioculturali-storiche, dei loro sogni. Tuttavia, qualcosa in comune e più ampio può unire questi individui. Si potrebbe pensare ad un’ipotesi generalista, che siano mossi da questa ricerca, così propria ed eterna dell’umanità per la felicità. Ecco perché così tante persone seguono, mettono mi piace, commentano e condividono video di queste altre persone.

Oggi, in questa società liquido-moderna a cui Bauman (2008b; 2009) fa riferimento, il consumo non è solo nei prodotti, ma anche nelle idee, nei profili e negli stili di vita. Al punto che la vita di una persona specifica, come l’influencer digitale, può suscitare curiosità, idealizzazione e ispirazione in milioni di persone. Gli influencer possono essere visti come qualcosa di più vicino alla felicità e per il quale i loro follower, consumatori liquidi-moderni, cercano. Ecco perché i loro vestiti, il posizionamento, il cibo e persino la vita di tutti i giorni diventano percorsi da osservare, ammirare e spesso copiare.

Bauman (2009) dice che l’energia del desiderio di felicità può essere divisa in due tipi di forze: centripeta (dall’esterno al centro) o centrifuga (dal centro all’esterno). Così, per l’autore, la ricerca della felicità può essere riassunta nella preoccupazione per il benessere dell’individuo, o, in considerazione della sua preoccupazione per il benessere dell’altro. Le due alternative, tuttavia, non sono necessariamente contraddittorie: possono lavorare insieme con nessuno dei due o quasi nessun conflitto. Tuttavia, se c’è una relazione correlata, è quella della forza centrifuga verso la forza centripeta, dove essere bravi con l’altro rafforza la sensazione di stare bene con te.

Pertanto, è stato osservato dal team di questo articolo che costantemente la figura dell’influencer digitale detta non solo un prodotto o un servizio da acquisire, ma anche comportamenti che dovrebbero o non dovrebbero essere mantenuti affinché i loro follower siano felici. Questo problema è presente nelle doghe femminili e negli standard estetici, come tagliare o non tagliare i capelli, mantenere una depilazione costante o ridurla, tra gli altri soggetti. In questo modo è possibile che qualcosa che non infastidisce mai una persona, dopo aver visto un video su Youtube o visto un post su Instagram, la infastidisca.

Nei social network, l’io e lo stile di vita diventano il centro, il prodotto e il produttore di intrattenimento, idealizzazione e proiezione per i consumatori. Descrivere, catturare e filmare le loro routine;  a che ora si svegliano, pranzano, cosa mangiano, bevono, cosa indossano, quali sono i marchi, quali sono i prezzi, dove vanno, cosa credono, religioni, con chi si frequentano, con chi vivono, litigi, conflitti, conquiste, gioie … Tutto ciò che accade nella vita di un influencer, viene diffuso, visualizzato, condiviso, commentato, come se i follower guardassero un film o un romanzo e potessero seguire il personaggio tutto il tempo. Un processo narcísico aperto, e talvolta senza restrizioni da parte degli influencer. E di conseguenza, i follower vogliono ripetere questo comportamento di esposizione continua ed esacerbata.

Christopher Lasch è citato da Bauman (2009) come esperto nel comportamento di questi nuovi narcisisti. Sarebbero persone che, di fronte alle loro ansie interne, lo trasformano in un comportamento di seduzione per ottenere attenzione e applausi, e che nel caso specifico degli influencer, il meccanismo è condizionato ai like e ai commenti dei follower. Questo processo sarebbe indispensabile per il narcisista per sostenere il suo sé estremamente insicuro, secondo l’autore. È interessante vedere come questo concetto si adatti a questa nuova professione di influencer e che continua in costante crescita. Qualcuno che decide semplicemente di condividere frammenti modificati della propria vita quotidiana e ricevere interazioni quotidiane con individui provenienti da diversi luoghi del mondo che possono seguire, identificarsi e desiderare quel particolare stile di vita che viene venduto come ideale.

Freud (1972; 2011), Lacan (SAFATLE, 2007) e Zimerman (2004) affermano che entro un certo grado, l’umanità è narcisistica, ma alcuni individui superano i livelli di normalità, entrando così nel narcisismo clinico (cioè patologico). In questi casi, Zimerman spiega che questo individuo porta un’autostima molto bassa, per vergogne, fallimenti e umiliazioni, e cerca di nasconderlo socialmente attraverso la presentazione primordiale dello status economico e / o sociale, così come, inizia ad avere la sua vita in negazione della realtà e in costante atteggiamento difensivo.

C’è un soggetto possessivo, arrogante, egoista, autoritario con un’intolleranza alla frustrazione e alla critica, e comunemente respinge l’invecchiamento, la malattia o la morte. Inoltre, oltre a portare un’invidia distruttiva (anche velata) e l’opposizione alla gerarchia (perché deve essere al centro dell’attenzione e del comando), il narcisista provoca situazioni per conquistare soggetti e lodare le proprie qualità (spesso inesistenti e create utopicamente come meccanismo di difesa). Ma in cambio, denigra, attacca e disprezza (fisicamente, intellettualmente e/o professionalmente) tutti coloro che non sono considerati simili (o generano la sensazione di minaccia). Va notato che il narcisista in realtà squalifica tutti coloro che sono in qualche modo effettivamente considerati più di lui, e quindi c’è bisogno di presentarsi sempre in cima alla piramide.

Il team ha osservato una costanza di resoconti delle vite personali di questi influencer, così come i loro stili di vita e le loro routine. I reportage sulla loro vita personale appaiono insieme a narrazioni di esperienze legate a temi che causano maggiori ripercussioni e coinvolgimento nei social network, come il taglio dei capelli molto corti, e il rapporto intrinseco dei capelli con l’aspetto, la bellezza e la femminilità della donna.

In queste vite quotidiane, i giorni sono sempre stati presentati come di corsa, ma gli stili di vita sono dicotomicamente suggeriti come positivi e ottimisti, non tenendo conto dei privilegi che alcune persone hanno e che facilitano certe routine e abitudini percepite socialmente come più sane, più leggere e più felici:

Nel mezzo del video, dal nulla, appare filmata (forse da suo marito) mentre fa esercizi di yoga. Coloro che filmano si impegnano a mostrare “G.P.” tutto il tempo, ma muovendosi in modo tale da rivelare l’intero ambiente estremamente spazioso della camera doppia della residenza degli sposi. (Note di squadra, 2020)

L’uso dell’umorismo era anche una strategia utilizzata da uno dei fattori influenzati osservati per raccontare la sua routine in modo più dinamico e attraente ai suoi follower:

Il 24/09/2020, “P.Q.” è apparso per la prima volta in un video con la didascalia: “io, senza vergogna, che entro nella farmacia del centro commerciale solo per pesarmi”. Indossando una maglietta arancione e usando le stampelle, appare all’interno di una farmacia, sorridendo e salutando la telecamera, mentre cammina su una bilancia. I commenti dei suoi follower provengono da persone che raccontano cosa fanno quando si trovano in questa situazione e da dipendenti della farmacia che riferiscono di clienti che hanno atteggiamenti simili. (Note di squadra, 2020)

La vendita di un’immagine di sé piena di felicità, tempo e talvolta denaro crea una frase molto particolare. Ogni influencer si articola in modo diverso, ma attira l’attenzione su di sé in un aspetto determinato e potente. Alain Ehrenberg (apud BAUMAN, 2008b, p. 121-122) spiega che “le sofferenze umane più comuni al giorno d’oggi tendono a svilupparsi da un eccesso di possibilità, e non da una profusione di divieti, come accadeva in passato”. Secondo questo autore, espressioni come avere tempo, perdere tempo e guadagnare tempo sono assorbite dalla società causando usura e ansia, specialmente se il soggetto non è in grado di raggiungere lo scopo. Bauman (2008b) aggiunge che questo si affermerebbe come un complesso di inadeguatezza che riflette tutta questa afflizione della vita liquido-moderna. Quindi, il fallimento sarebbe anche intrinsecamente legato al non avere tempo, e non solo al non avere soldi.

Questa affermazione porta direttamente a G.P., che vendette ai suoi seguaci l’unione di questi due potenti fili. Presentava uno stile di vita di alto livello – tra cui mostrare, ad esempio, feste costose e viaggi paradisiaci internazionali – e un vasto menu di tempo per fare assolutamente tutto ciò che voleva, ma che un adulto comune e stipendiato, professionale, che lavora e / o studia, e per quanto organizzato, non sarebbe in grado in termini reali di fare così tante cose e sorridere ogni giorno dell’anno. Ha effettivamente venduto la percezione di essere estremamente felice perché ha fatto tutto questo. In effetti, ha anche affermato di essere stata molto benedetta, facendo un punto di ripeterlo tutto il tempo quando presentava i suoi risultati o oggetti (costosi) che sono stati acquistati o presentati, ma che avrebbero dovuto essere doni di Dio come premio per pronunciare la parola gratitudine in ogni momento e, naturalmente, banalizzare il termine. Parallelamente, si metteva in competizione con altre persone, perché ogni volta aveva più beni e risultati e quindi era molto più felice. Se qualcuno volesse essere lo stesso, avrebbe bisogno di imitarlo, ma ancora, non sarebbe in grado di raggiungerlo. Pertanto, l’influencer ha mantenuto la sensazione di inadeguatezza dei suoi follower, se non potevano fare nessuna delle cose che ha proposto. Allo stesso tempo, poteva rinnovare il suo costante piacere e la sensazione di vivere intensamente. È questo mantenimento del processo di soddisfazione che crea bisogni costanti in un ciclo infinito di consumo, e con il percorso che i soggetti non saranno nulla senza di esso.

Bauman (2018b) indica una gravità senza precedenti in questa marcia quasi perpetua, perché le insoddisfazioni di fronte a ciò che è precedente diventerebbero così alte, che ciò giustificherebbe, ad esempio, i numerosi casi di interventi di chirurgia plastica in individui che distruggono la loro immagine di sé di fronte alla frustrazione di non essere mai sufficientemente soddisfatti del precedente intervento. Diventa una ricerca incessante di un vuoto che non viene mai riempito, e questo avviene in tutti gli ambiti, non solo con gli interventi chirurgici. Questo comportamento fuori luogo è stato ampiamente incoraggiato dagli influencer digitali, che presentano consigli di bellezza e salute (senza fondamento), come G.P. ha realizzato ogni video.

È interessante analizzare da questo punto di vista, perché è stato possibile confrontare gli Influencer G.L. e G.P. Questo secondo è stato caratterizzato come l’influencer digitale del sesso femminile con più follower in Brasile, anche parlando e guidando i suoi intenditori alle pratiche assurde che ha indicato, con un rischio diretto di danni alla salute mentale e fisica. Inoltre, con presentazioni estremamente futili e immature, G.P. Trascorreva tutto il suo tempo mostrando l’immagine di una persona felice e benedetta (come già accennato), avendo tutto ciò che voleva nella vita e per una sola ragione: ringrazia molto Dio ogni giorno.

Si noti che mentre G.L. (un’influencer transessuale) ha ricevuto offese e minacce dirette o indirette, solo perché era una donna transgender – e con contenuti basati sull’equilibrio e sulla consulenza costante di follow-up medico e psicologico ai follower –, G.P. è stata elogiata come una persona meravigliosa, proponendo anche alle persone ricette per curare la depressione come questa:

Ti sei svegliato a metà? Toglilo dalla testa! Se ti allunghi, grazie, esci di casa, vai a fare le cose che ti piacciono con i tuoi amici, amici, ok?! Ogni giorno che ti svegli, devi dire: “A regra do dia: ‘ser feliz e ser uma pessoa melhor’”. Ragazzi, avete idea di quanto sia veloce la vita? (01:03 / 01:17. Estratto della trascrizione del video). (Note di squadra, 2020)

Da questo comportamento, i suoi seguaci abbracciarono i seguenti discorsi per il presunto raggiungimento dell’equilibrio spirituale e fisico, anche se presentò la dicotomia dell’ostentazione della ricchezza parallela. Allo stesso tempo, l’influencer G.P. ha mostrato ai suoi seguaci che aveva hater, che – secondo lei – l’hanno perseguitata e attaccata senza motivo, dopo tutto, era una persona molto benedetta. Scrivendo questo paragrafo esatto in questo articolo, il lettore può capire che è solo un’esagerazione della scrittura, ma non; sono state le parole della stessa influencer in diversi video. Questo era evidente tutto il tempo, e molto più di qualsiasi altro di quelli influenzati osservati, il che denota un’inversione del discorso estremamente manipolativa.

Questa inversione del discorso è spiegata da Chaui (2011; 2012; 2017) come ideologica. L’ideologia funziona come un occultamento delle relazioni sociali, lasciando qualcosa in un piano velato, oltre a ciò, è un’inversione della realtà. L’idea viene presa e la realtà viene invertita dall’idea stessa di incolpare l’altro e nascondere le relazioni, questa inversione del discorso viene dalle classi dominanti che creano stereotipi per nascondere i legami di dominio e sfruttamento. Così, l’individuo prende il valore dell’altro e porta a sé la legittimazione dell’idea degli altri come propria e, inoltre, con tutti i tipi di distorsione. G.P. lo ha fatto tutto il tempo, e ancora aggregando una condotta narcísica.

Comprendere l’intero processo narcísico e confrontarlo con ciò che il team potrebbe vedere in G.P. e anche nell’influencer T.G., che vende l’immagine di donna e madre forti, ma mantiene il controllo dei follower usando bambini piccoli, come madre sofferente e alimentando discorsi di odio agli uomini, e smascherando un nipote malato. Nel caso di T.G., l’autopromozione con terze parti è molto palpabile e, ancora una volta, sia lei che G.P. condurre all’universo del discorso ideologico.

Faticosamente, tutto viene intrattenuto e compone ciò che il team di questo articolo comprende come la categoria delle attuali questioni sociali, che rafforza tutto questo tema precedente del modello estetico e della bellezza attuale, del machismo nella società e, il processo di decostruzione sociale e culturale. Descrivendo più precisamente, si possono persino includere i discorsi di odio sempre più percettibili e lampanti che escono dall’universo virtuale e raggiungono il fisico.

Vale la pena iniziare qui l’analisi sul tema degli hater già menzionato sopra. Sono persone che seguono i post dell’influencer non perché ti ammirano, ma piuttosto in attesa di qualsiasi incapacità di sottolineare e incoraggiare l’incitamento all’odio.

Predicando una vita perfetta, l’essere umano è completamente escluso, che come tale commette errori e successi, e l’influencer può diventare più suscettibile a queste azioni. Pertanto, su Internet non c’è spazio per il soggetto di sbagliare, perché se ciò si verifica, la cancellazione è pronta per essere effettuata. A questo punto, si può tornare al tema delle paure che comprendono il tema della cancellazione, e brevemente menzionato in precedenza. Certe paure reali e percettibili verrebbero messe a tacere attraverso inversioni ideologiche, come la concezione del “perdente o vincitore”, per esempio. Questa standardizzazione di molte paure fittizie e il discredito di altre reali, sarebbe un dispositivo creato socialmente per trasformare la paura in qualcosa di tollerabile e persino repressibile di fronte a un pericolo imminente.

A sua volta, Baum (2019) conferma che la paura viene trasmessa e fa parte di un’evoluzione culturale passata da individuo a individuo. Questo genera persone con potere e sorge il posto di dominatore che controlla altri individui, e quindi diventa così facile comandare la cancellazione proveniente direttamente dall’influencer. Egli detta ciò che può essere sbagliato, creando un senso di rabbia nei suoi seguaci e, allo stesso tempo, di paura per la propria integrità. Si noti che è molto diverso dagli individui sociali che arrivano alla conclusione da soli, dalla fine della relazione d’affari o dell’ammirazione per qualcuno, di fronte alla scoperta che quella persona fa parte di una sorta di scandalo che può generare danni agli altri, e questo è stato effettuato abbastanza recentemente come movimento di gruppo sociale. Questo è rafforzato da Byung-Chul (2018), che presenta due stralci succinti che spiegano bene il fenomeno della cancellazione. Nel primo estratto, l’autore parla di come funziona il potere del discorso sotto forma di comunicazione:

O poder como meio de comunicação consiste em, tendo em vista a possibilidade do Não, aumentar a probabilidade do Sim. O Não é sempre alto. A comunicação de poder reduz consideravelmente o ruído e o barulho, ou seja, a entropia comunicativa. Assim, a palavra de poder elimina repentinamente o barulho que se infla. Ele produz um silêncio, a saber, o espaço para ações. (BYUNG-CHUL, 2018, p. 11)

In un altro passaggio, parla della società dell’indignazione, che è praticamente la cultura della cancellazione, e di quanto effimera finisca per essere effimera.

As ondas de indignação são eficientes em mobilizar e compactar a atenção. Por causa de sua fluidez e volatilidade elas não são, porém, apropriadas para organizar o discurso público, a esfera pública. Elas são incontroláveis, incalculáveis, inconstantes, efêmeras e amorfas demais para tanto. Elas se inflam repentinamente e se desfazem de maneira igualmente rápida. (BYUNG-CHUL, 2018, p. 15)

Questo è analogo alla paura di fronte al male a cui una persona può essere presa di mira. Bauman (2008a) classifica come malvagio, l’incapacità di decifrare o spiegare regole socialmente infrante. Spiega che questo pensiero è di origine ancestrale nelle religioni e basato sulla punizione di coloro che hanno fallito tale condotta, essendo puniti per le loro azioni peccaminose. Cioè, le persone che erano al di fuori del perfetto standard sociale e anche comunemente che stavano offendendo Dio in qualche modo, potevano soffrire di odiatori estremamente offensivi. Questi hater, guidati dalla figura di potere dell’influencer, capiscono di essere stati autorizzati ad attaccare coloro che minacciano l’immagine o l’integrità di questa persona idealizzata.

Nuova come la professione di influencer digitale, ha già generato conseguenze negative per molti di questi soggetti, tranne che economicamente, e per le persone che consumano i loro contenuti. La costante ricerca di legittimità, di maggiore successo, da parte di un maggior numero di follower, dell’onere di riprodurre e affermare lo standard di bellezza o di criticarlo, sono costantemente solo alcuni dei problemi affrontati da un creatore di contenuti. Le piattaforme fanno pagare la costanza dai loro influencer; devi pubblicare ogni giorno e diversificare gli strumenti se vuoi che il tuo profilo abbia portata. Ma molti creatori hanno espresso il loro dispiacere per le richieste degli algoritmi.

Davvero quando si parla di internet e dei social network tutto sembra fugace ed estremo, perché al soggetto piace una pubblicazione e dà un like, o non piace e dà un dislike; o come un influencer o è un odiatore; poi a quanto pare non c’è una via di mezzo. Questo comportamento comportamentale presenta anche persone che attaccano anche altri influencer con agende attiviste , come nel caso della transfemminista (così si definisce), G.L. Per rimanere virtualmente rilevante, un influencer deve essere all’interno di ciò che ci si aspetta dal suo pubblico di destinazione. Oggi, ciò che alcune persone vogliono sentire, discutere e condividere sono informazioni su cause e problemi sociali, ma ovviamente questa non è una regola. È importante notare che per tutti questi coinvolti, ciò che conta è parlare dei problemi, e non necessariamente avere un posizionamento corretto o vero, e questo è il grande problema che molti di questi influencer propagano .

Gli influencer in alcuni dei video analizzati dal gruppo di questo articolo, parlano di come perdere peso, così come le loro routine di cura della pelle, dei capelli e del corpo. I suggerimenti e le informazioni sono forniti sotto forma di consigli o esperienze personali di ciascuno, anche senza alcuna influenza avendo divulgato nei loro social network, formazioni accademiche nei settori della salute (mentale, fisica e / o estetica). Un altro influencer parla proprio di quanto sia difficile raggiungere questi standard di bellezza ed estetica e di come questo possa influenzare altre donne a non accettarsi così come sono.

Il machismo è un altro tema costante nelle produzioni di influencer, esemplificando le situazioni vissute da queste donne nelle loro relazioni, o parlando di come riconoscere questi atteggiamenti macho nella società.

Un altro tema esplorato dagli influencer è la decostruzione personale. Questo è legato al riconoscimento del machismo, del razzismo, della LGBTfobia, della fatfobia, tra gli altri pregiudizi e stereotipi radicati nella società e nei processi di decostruzione dei comportamenti e delle posizioni individuali e sociali nel giorno per giorno. Nei video e nei post, si sottolinea che la decostruzione è un processo, e quindi tutto il tempo deve essere rivisitato e guardarlo da vicino. Inoltre, possono essere necessari anni per realizzare e staccarsi da uno stereotipo o da un pregiudizio.

Al giorno d’oggi, parlare nei social network di grandi agende e di alcuni comportamenti, finisce per assumere una dimensione che entra nelle questioni sociali, e che hanno guadagnato negli ultimi decenni l’attenzione dei consumatori di contenuti, prodotti e servizi. Qui, si può portare Bourdieu (2007), poiché questo autore ritiene che, in generale, l’avvento del consumismo abbia generato l’affinamento della standardizzazione sociale ed escludendo tutti coloro che non seguono questi modelli che una volta erano coercitivi, ma ora sono presentati come scelte. Bauman (2008b) aggiunge che la novità prima dell’effimero ha superato il valore della permanenza, che si riflette direttamente nelle relazioni umane del nuovo millennio. La necessità di avere tutto nelle mani e precipita freneticamente lo smaltimento dell’oggetto inanimato ancora più velocemente e viene trasferito al fattore umano, generando la rimozione dell’altro come spazzatura usa e getta uguale, cioè l’esclusione dell’altro diventa molto facile.

Questa immediatezza si manifesta nell’impazienza delle persone di fronte al minimo fallimento dell’altro individuo, per quanto piccolo, dimenticando tutti gli altri valori positivi che questa persona può avere. A questo punto, l’autore riferisce questo alla ricerca della felicità, poiché se il soggetto ha tutto ciò che vuole, non può essere felice, allora questo sarebbe visto socialmente come il senso di colpa interamente suo. Pertanto, essere emancipati per avere, parlare e fare tutto ciò che vuoi, sarebbe sulla soglia dell’ostentazione per mostrare che sei felice, e senza di esso, il soggetto sarebbe un totale sconfitto. Secondo Bauman (2008b), allora verrebbe la necessità per l’individuo di mostrare in ogni momento di avere oggetti (o status) e di essere felice, anche senza essere o avere. La perdita di uno qualsiasi di questi fattori porta al crollo dell’autostima di fronte alla percezione dell’umiliazione sociale.

Nicole Aubert (apud BAUMAN, 2008b, p. 120-121) suggerisce che le società di oggi sono in uno stato di emergenza. Ciò si rivela nel costante mantenimento di un’intensa sensazione di urgenza attraverso il bisogno sociale di avere qualcosa, e quindi crea un flusso continuo di vigilanza e ansia, e cambia come illusorio avendo questi sentimenti dissipati e intesi come sollievo quando il soggetto può consumare. Questo processo produce un altro effetto: gli individui diventano intolleranti e frustrati quando non possono essere soddisfatti immediatamente o nel tempo previsto.

Bauman (2008b) menziona anche la perdita dell’identità originale di ogni persona e che se non fosse abbastanza di fronte alla standardizzazione visiva e comportamentale, le società sono anche portate a ignorare le relazioni di contatto faccia a faccia. Questo è stato intensificato attraverso i processi tecnologici di tutto ciò che ci circonda, poiché molte delle azioni individuali, come lo shopping o la risoluzione di problemi in banca, possono essere fatte autonomamente e senza l’aiuto di un’altra persona. Quindi, i soggetti seguono e danno più importanza a ciò che viene presentato come un modello del futuro, perché ancora una volta, il passato non ha importanza. L’autrice evoca Elzbieta Tarkowska (apud BAUMAN, 2018b), che ha sviluppato il concetto di esseri umani sincroni, che vivono solo dal presente, irrilevanti e senza bisogno di legami con gli altri. Pertanto, le relazioni umane di questi individui diventano tutte fragili, superficiali e solitarie nella sfera faccia a faccia.

Nel corso dell’analisi, la categoria che il team di questo articolo ha classificato come consumo contiene i temi di pubblicità e pubblicità durante i video e i post degli influencer. Tuttavia, come hanno dimostrato i paragrafi precedenti, la questione della società dei consumi va ben oltre l’acquisizione dell’oggetto materiale. Oggi i social network vengono utilizzati non solo per le interazioni, ma anche per questo consumo diffuso.

In effetti, gli annunci e gli annunci pubblicitari sono percepiti in grandi quantità su Facebook, Instagram, Youtube e altre piattaforme. Questo incentivo al consumismo può verificarsi direttamente come un annuncio di cinque secondi che appare prima del video degli influencer e non può essere saltato. Tuttavia, la tecnica più utilizzata tra le aziende è quella di affidarsi al potere di immagine e comunicazione degli influencer digitali. Pertanto, il comportamento più osservato è stato quello di incoraggiare il consumo attraverso la pubblicità di marchi e servizi, che è direttamente o indirettamente nel contenuto degli influencer. Quindi, c’è la percezione che coloro che consumano ciò che i social network propagano, crescono a livelli gerarchici nella società. Pertanto, Bauman (2008b) ritiene che il fattore principale della stratificazione attuale sia il consumo, e questo è responsabile della guida della distribuzione della considerazione e dell’esclusione sociale. Così, il pubblico è chiamato a dare voce a chi ha un alto potere di consumo, spesso perché vuole identificare e consumare se stesso così come quella figura di autorità.

L’Influencer L.S. (noto come P.Q.) sono spesso discreti sulle loro abitudini di consumo, ma sono argomenti frequenti nei loro post sul social network Instagram. Un video pubblicato il 26 settembre 2020 mostra l’influencer indicando quale tipo di consumo preferisci. Invece di comprare una camicetta, indica che preferisce spendere per le abitudini alimentari. Sebbene sia essenziale per la sopravvivenza umana, il cibo è diventato anche un modo per consumare e propagare uno stile di vita. Quando L.S. mostra come spendi i tuoi soldi, influenza i tuoi spettatori a consumare allo stesso modo e integra gli stessi tipi di pasti nelle tue abitudini alimentari.

L.S., come altri influencer osservati – potenzialmente incluso l’influencer G.P. –, va contro il pensiero Bauman (2008b) quando promuove e incoraggia uno stile di vita consumistico. La sua strategia di posizionamento segue una linea di esistenza attraverso il consumo.

Bauman (2008b) ritiene che i soggetti sociali che non sono attaccati a questa logica di consumo sono socialmente esclusi, perché non sono percepiti come individui in grado di mantenere una società di consumo e, quindi, non sono considerati validi per i governi e le industrie. L’autore indica anche che attraverso terapie obbligatorie e persino punizioni, il mercato richiede che gli esclusi siano rimessi nella logica del consumo per continuare ad alimentare questa attrezzatura. Pertanto, l’incentivo al consumo attraverso la pubblicità può avvenire in modo sottile, utilizzando l’immagine e il potere comunicativo degli influencer per trasmettere il messaggio e vendere il prodotto o il servizio che non è sempre direttamente collegato al contenuto prodotto da loro. Un altro mezzo per utilizzare le immagini e il potere di influenzare i seguaci dei produttori di contenuti digitali sono la pubblicità diretta.

Uno strumento che “P.Q.” utilizza’ frequentemente per raggiungere il suo pubblico di 1 milione di follower è la Storie presente su Instagram. Il primo post nelle storie del 20/09/2020 era una pubblicità per un ristorante chiamato “XXX”. Ha registrato un breve video di cinque secondi con i prodotti di questo locale e ha taggato l’Instagram del marchio. Il video, seppur breve, provoca una sensazione di desiderio nel pubblico che lo guarda (e questo è stato riportato nei tanti commenti), che fa guadagnare più follower e clienti al ristorante. (Note di squadra, 2020)

Quando la pubblicità non è per terze parti, l’obiettivo di incoraggiare il consumo si rivolge agli influencer stessi e ai loro prodotti e servizi:

(…) Sul lato destro c’è un’altra pianta più piccola e una specie di sgabello, alcune copie visibili del libro scritto da “M.”, intitolato “XXX”. Al centro c’è la “M.”, seduta, appoggiata a una specie di panca o tavolo bianco. (…) In tutto il video, “M.” auto-riferirsi frequentemente, indicando e citando altri quattro video, mostrando dove è possibile accedervi, in modo da “attirare” il pubblico che sta guardando il video utilizzato in questo reportage verso altri video sullo stesso canale. (Note di squadra, 2020)

Un altro punto molto importante portato da Bauman (2008b, p. 117) e che si inserisce nei paragrafi precedenti, è in quelle che chiama guerre di riconoscimento. Lì, il terreno della legittimazione si configura dove il principio della realtà e il principio del piacere oscillerebbe, e il soggetto dovrebbe decidere se sarebbe pronto a sacrificare il proprio benessere a scapito dell’adempimento delle responsabilità morali verso gli altri. Tuttavia, Abreu (2013) rafforza che ci sarebbe una costante fuga da questo processo, perché la comprensione edonistica sarebbe molto più evidenziata dalla percezione del sé che merito a cui fanno riferimento Douglas e Isherwood (2009).

Bauman (2008b) percepisce come qualcosa che disturba questo rapporto di fiducia con persone sconosciute nella rete virtuale. Tuttavia, il consumatore/utente si sente sicuro anche dai dispositivi di sicurezza e dalla possibilità di taglio immediato della comunicazione se lo si desidera. Ma questo fa anche parte di questo nuovo universo di cultura consumistica, dal momento che la persona può di nuovo scartare rapidamente ciò che non gli piace, e di nuovo, ha la possibilità di creare e mantenere varie illusioni.

In questo modo, l’autore prevede che tutta questa condotta alienante e impaziente diventi permanente. Questo bisogno di accettazione sociale virtuale sarebbe lungi dal diminuire o finire, perché, secondo Francis Jauréguiberry (apud BAUMAN, 2008b), gli utenti di Internet possono sperimentare suss nuovi e differenziati e protetti da delusioni e punizioni dietro la virtualità. Pertanto, la maggior parte degli utenti rappresenta personalità irreali, con vite irreali, che servono da incentivo per gli altri a seguire questo progetto di esistenza utopica. Inoltre, la sofferenza nelle perdite faccia a faccia diventa nulla o notevolmente diminuita, e di nuovo le relazioni umane ritornano a una struttura di oggetti usa e getta nell’universo virtuale. Nessun rischio.

Osservando e analizzando tutto il materiale raccolto dal gruppo di ricerca di questo articolo, è stato possibile concordare con Bauman (2008b) che la socializzazione virtuale per quanto riguarda le interazioni tra influencer e i loro follower, è orientata dal marketing, e quindi tutto sarebbe parte di una logistica progettata per il controllo sociale e con obiettivo di mercato.

L’autore abbellisce ancora con il pensiero finale che la vita non dà rimedi ai dilemmi e l’essere umano non nasce con le risposte, perché ognuno vive in mezzo alle incertezze e nessuno è libero da questa situazione, così come, tutti corrono il rischio di fallire e di essere delusi ad un certo punto. Bauman (2009) aggiunge che quando si cerca una vita più dignitosa, soddisfacente e più felice, è inevitabile fuggire attraverso l’incertezza e gli errori, affidandosi solo a una guida, una stella che può portare a questo livello. Tuttavia, non bisogna dimenticare che si tratta di una scelta personale di ciascuno, la decisione di lasciarsi guidare. Pertanto, ciò che il team ha raggiunto per porre fine a questa intersezione di osservazioni con gli studi di Bauman, è che il fenomeno dei social network e di Internet non ha ritorno e fa parte di un movimento sociale e futuristico.

Gli influencer hanno uno strumento straordinario che potrebbe essere utilizzato positivamente come mezzo di educazione, attivismo e ispirazione per nuovi pensieri sociali. Tuttavia, la manipolazione del mercato per il controllo della società che cerca una felicità assemblata, unita a una serie di fattori, tra cui la paura dell’esclusione, e proprio da parte di ogni soggetto forse non sapendo chi è, porta l’utente/follower a rimanere faticosamente in questo illusorio processo di scelte che non sono sue, e spesso futili, travisato e persino pericoloso. Ma sì, la decisione è del tutto individuale, in quanto ognuno può fare la sua scelta finale.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

In generale, come studenti di psicologia, questo articolo ha favorito la nostra prospettiva sull’elaborazione delle sofferenze e dei comportamenti dei soggetti nella ricerca di se stessi e dell’altro specificamente nell’universo virtuale, ma che si materializzano negli spazi sociali fisici e quotidiani.

La domanda guida iniziale: cosa fa sì che i soggetti siano suscettibili ai cambiamenti nei loro comportamenti attraverso il comando di qualcuno sconosciuto? È stato risposto da quando il team ha capito come funziona il mercato degli influencer digitali e come queste persone portano i loro follower a rimanere interconnessi e ad accettare i comandi di qualcuno sconosciuto.

Gli influencer digitali hanno effettivamente un impatto sul comportamento degli individui che li seguono e possono alterare i processi di consumo di questo pubblico di destinazione. Anche le nostre ipotesi sono state confermate, e questi influencer sono infatti spesso consigliati da aziende interessate ad investire, proiettando un aumento maggiore a fronte del gran numero di follower, e che possono visualizzare e consumare tali prodotti e stili di vita. Maggiore è la proiezione dell’influencer e con più aziende che offrono supporto, più diventano consigliati dai professionisti del marketing , essendo ulteriormente assistiti nella creazione e nel mantenimento di contenuti che dettano i concetti di ciò che è felicità.

Inoltre, gli influencer danno effettivamente origine a un’intensa esposizione personale, diventando il principale prodotto di consumo, generando così il desiderio in chi li segue di fare lo stesso: essere i prossimi obiettivi di successo. Presto, ci sono molti altri comportamenti esacerbati di narcisismo da parte della popolazione sconosciuta, ma che anelano alla stessa alta esposizione e riconoscimento pubblico. Pertanto, quando un individuo del pubblico di destinazione si identifica con un determinato influencer e persino desidera essere ciò che è o avere ciò che presenta come successo, questo soggetto accetterà e consumerà ciò che gli viene offerto.

Molti influencer digitali, i loro follower e persino gli hater sarebbero simbiosi con tre punti principali di promozione della psiche di ogni individuo e progettati per i gruppi: narcisismo, paura dell’esclusione e dell’invisibilità e ricerca della felicità. D’altra parte, è stato possibile rilevare che altri influencer cercano di utilizzare questo strumento che può essere straordinario, producendo informazioni di aggiunta sociale in modo utile e positivo. Pertanto, c’è la comprensione che ogni individuo agisce e reagisce secondo la sua comprensione della vita, basandosi su ciò che viene identificato e persino sulle stesse scelte che quasi tutti sono in grado di fare.

Il team ritiene che l’esecuzione di tutti i processi di raccolta e analisi dei dati di questo studio abbia rivelato alcune relazioni attuali di quante persone comuni si espongono su Internet e fanno uso dei social network, poiché rispecchiano e immaginano questo luogo di visibilità degli influencer. L’esperienza ha mostrato anche il valore della contemplazione dei legami tra le persone, anche in ambito virtuale. Analizzando diversi influencer con contenuti diversi, il gruppo si è reso conto che nonostante il desiderio di avere una presunta verità e un certo contenuto da consumare, ogni individuo ha i suoi conflitti, desideri e proiezioni, e che sono personali di ciascuno e difficili da intervenire nei social network.

Con questo il team ha capito che il professionista della psicologia deve non solo essere attento e sapere veramente come ascoltare, ma capire e capire ciò che non viene detto. Allo stesso modo, deve essere disposto ad ampliare considerevolmente le sue conoscenze, al fine di aggiungere una visione più coerente e sviluppata del contesto storico degli individui. Pertanto, le sfide contemporanee devono essere costantemente ripensate e rivalutate, portando a continue domande sui cambiamenti sociocomportamentali che si verificano sempre più rapidamente, alla velocità di premere un pulsante.

RIFERIMENTI

ABREU, Liliane Alcântara. Relação afeto, memória e cor: implicações da memória afetiva e seu impacto no consumo de cor na decoração. Rio de Janeiro, 2013. Artigo. 23 f. Trabalho de Conclusão de Curso (Especialização em Pesquisa de Comportamento e Consumo) – Faculdade SENAI-CETIQT, Rio de Janeiro, 2013.

BAUM, William M. Compreender o behaviorismo: comportamento, cultura e evolução. Tradução Maria Teresa Araújo Silva [et al.]. 3. ed. Porto Alegre: ARTMED, 2019.

BAUMAN, Zygmunt. A arte da vida. Tradução Carlos Alberto Medeiros. Versão digital. Rio de Janeiro: Zahar, 2009.

____. Medo Líquido. Tradução Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2008a.

____. Vida para consumo: a transformação das pessoas em mercadoria. Tradução Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2008b.

BOURDIEU, Pierre. A distinção: crítica social do julgamento. Tradução Daniela Kern; Guilherme J. F. Teixeira. São Paulo: Edusp; Porto Alegre, RS: Zouk, 2007.

BYUNG-CHUL, Han. No enxame: perspectivas do digital. Tradução Lucas Machado. Petrópolis, RJ: Vozes, 2018.

CHAUI, Marilena. Convite à filosofia. 14. ed. 4. reimpr. São Paulo: Ática, 2012.

____. Cultura e democracia: o discurso competente e outras falas. 13. ed. São Paulo: Cortez, 2011.

____. O que é ideologia. São Paulo: Brasiliense, 2017.

COIMBRA, Cecilia Maria Bouças; NASCIMENTO, Maria Livia do. O Efeito Foucault: Desnaturalizando Verdades, Superando Dicotomias. Psic.: Teor. e Pesq. vol.17 no.3 Brasília Sept. 2001. Disponível em: <http://dx.doi.org/10.1590/S0102-37722001000300006>. Acesso em: 25 ago. 2020.

DOUGLAS, Mary; ISHERWOOD, Baron. O mundo dos bens. Tradução Plínio Dentzien. 1. ed. 2. reimpr. Rio de Janeiro: Editora UFRJ, 2009.

FOUCAULT, Michel. Microfísica do poder. Tradução Roberto Machado. (Org.). Rio de Janeiro: Graal, 2001.

____. História da loucura na idade clássica. Tradução José Teixeira Coelho Netto. São Paulo: Perspectiva, 2019.

FREUD, Sigmund. Edição Standart Brasileira das Obras Psicológicas Completas de Sigmund Freud. Rio de Janeiro: Imago, 1972.

____. Obras completas, volume 16: o eu e o id, “autobiografia” e outros textos (1923-1925). Tradução de Paulo César de Souza. São Paulo: Companhia das Letras, 2011.

HALL, Robert Vance. Manipulação do comportamento: modificação de comportamento (princípios básicos). Tradução Waldir Bettoi. São Paulo: EPU, Editora da Universidade de São Paulo, 1975.

MOREIRA, Márcio Borges; MEDEIROS, Carlos Augusto de. Princípios básicos de análise do comportamento. Porto Alegre: Artmed, 2007.

SAFATLE, Vladimir Pinheiro. Lacan. São Paulo: Publifolha, 2007.

SKINNER, Burrhus Frederic. Ciência e Comportamento Humano. São Paulo: Martins Fontes, 2000.

ZIMERMAN, David E. Manual de técnica psicanalítica: uma re-visão. Porto Alegre: Artmed, 2004.

[1] Specialista in Neuroscienze Pedagogiche presso AVM Educacional/UCAM/RJ; Specialista in Arteterapia in Educazione e Salute presso AVM Educacional/UCAM/RJ; Specialista in Ricerca sul comportamento e sui consumi presso Faculdade SENAI CETIQT RJ; specialista in arti visive dell’UNESA/RJ; Laurea in Design presso Faculdade SENAI CETIQT RJ. Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[2] Laurea in Comunicazione Sociale presso Faculdade Casper Libero/SP. Laurea in Psicologia presso UNIP/SP.

[3] Laurea in Psicologia presso l’UNIP/SP.

[4] Laurea in Psicologia presso l’UNIP/SP.

[5] Laurea in Psicologia presso l’UNIP/SP.

[6] Laurea in Psicologia presso l’UNIP/SP.

Inviato: Luglio 2021.

Approvato: Gennaio 2022.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 106801
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?