La scuola e il suo ruolo nella costruzione del protagonismo giovanile

0
6
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

RECENSIONE ARTICOLO

SÁ, Robison Gomes de [1]

SÁ, Robson Gomes de. La scuola e il suo ruolo nella costruzione del protagonismo giovanile. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 08, Vol. 03, pp. 74-83. nell’agosto 2019. ISSN: 2448-0959. Lien d’accès: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/protagonismo-giovanile

In questo lavoro intendiamo riflettere sull’importanza della scuola nello sviluppo del Protagonismo, cercando di stabilire connessioni tra le caratteristiche del protagonista con la realizzazione dei suoi Progetti di Vita. Qui, sarà anche indicata la creazione di spazi per l’esperienza del protagonismo nella giornata scolastica, con l’obiettivo di comprendere i giovani come fonte di iniziativa, libertà e impegno, in una scuola che cerca di formare cittadini autonomi, competenti e solidali.

Parole chiave: protagonismo, scuola, spazi di protagonismo.

1. INTRODUZIONE

L’educazione, di fronte alle enormi sfide del nostro secolo, ha cercato di adattarsi e di offrire una formazione che non solo raggiunga la dimensione cognitiva dello studente, ma anche le dimensioni del suo corpo, del suo spirito, delle sue emozioni. Così, l’educazione comincia a perdere la sua unidimensionalità, diventando interdimensionale.

Tuttavia, questa trasformazione è ancora in passaggi lenti. Tuttavia, anche lentamente, non si può negare il fatto che la trasformazione sta avvenendo e, in modo positivo, ha dato ai giovani una formazione per la vita, costruendo gradualmente una serie di competenze necessarie per affrontare le sfide del XXI secolo.

In questo modo, la scuola inizia a scartare azioni casuali, dando la priorità alle azioni intenzionali ed efficaci.

Indubbiamente, il processo è complesso e piuttosto costoso, ma i risultati sono esponenzialmente positivi.

Perché tutta questa trasformazione avvenga, è necessario porre il giovane al centro degli eventi, essendo parte della soluzione dei problemi, e non il problema stesso. È importante coinvolgerlo nel processo di valutazione e di processo decisionale, inducendolo a sviluppare un senso di responsabilità sulla propria vita, assumendo la prima linea delle azioni che compiono, essendo, infine, protagonisti.

Affinché il ruolo guida possa prosperare, la scuola deve creare spazi adatti al suo sviluppo. Questi spazi sono veri e propri “laboratori” di protagonismo, in cui gli studenti, di fronte a situazioni di vita reale, possono fare le loro valutazioni e fare posizioni, modificando così la realtà in cui vivono.

Tra i quattro principi educativi che costituiscono il modello pedagogico della Scuola di Scelta – Protagonismo, Quattro Pilastri dell’Educazione, Pedagogia della Presenza e Educazione Interdimensionale – approfondiremo solo il primo, spazzando gli altri e lasciando la discussione di ciascuno di essi per articoli diversi e futuri.

2. CHE COSA È PROTAGONISM?

Quando consultiamo il “Dicio”, dizionario online della lingua portoghese, troviamo che il protagonismo è la “qualità della persona che si distingue in qualsiasi situazione, evento, svolgendo il ruolo più importante tra gli altr[…]i”.

Antonio Carlos Gomes da Costa (apud ICE, 2016, p. 21), afferma che “il protagonismo giovanile è la partecipazione degli adolescenti che agiscono come parte della soluzione e, non, del problema, nel far fronte a situazioni reali, a scuola, nella comunità e nella vita sociale più ampia“.

Quindi, essere protagonisti è essere sotto i riflettori, prendere decisioni, essere parte della soluzione dei problemi.

3. PROGETTO DI RUOLO E VITA

Come la centralità del modello pedagogico della Scuola di Scelta, che comprende la scuola superiore a tempo pieno in diversi stati brasiliani, è il Youth and his Life Project. Il sogno, visto in precedenza solo come qualcosa di irraggiungibile, ha guadagnato corpo, obiettivi, strategie e azioni, amplificando le possibilità della sua realizzazione.

Per questo, il giovane è portato a una profonda riflessione sulle sue potenzialità, sui suoi limiti, sui suoi talenti, sulle sue capacità e su chi è. Dopo tutto, non è possibile iniziare un viaggio senza conoscersi e pianificare il percorso.

Sono i più svariati progetti di vita elencati dagli studenti. Alcuni, professioni; altri no. Tuttavia, ciò che realmente li interconnette è la necessità di impegno, di prendere decisioni e delle conseguenze che queste decisioni devono necessariamente portare.

In questa prospettiva, lo sviluppo del protagonismo è necessario per il successo nella realizzazione di progetti vitali, poiché mette il giovane ad affrontare problemi reali, coinvolgendoli nella ricerca di soluzioni e, in un certo senso, degustando il mondo a cui stanno per partire alla ricerca dei propri sogni.

4. LA SCHOOL E I SPAZI DI PROTAGONISM

Uno spazio privilegiato per l’apprendimento, la scuola è anche un ambiente favorevole alla socializzazione e all’inserimento dei giovani nei dibattiti su temi di portata generale. Nella modalità a tempo pieno, le possibilità di spostare argomenti che generano discussioni e provocano possibili soluzioni, da parte dei diversi gruppi di studenti, è ancora maggiore.

Tuttavia, prima di procedere ad alcuni suggerimenti di spazi di protagonismo, è necessario ricordare che ogni azione educativa deve essere intenzionale e, quindi, pianificata, eseguita, valutata e, se necessario, modificata. Naturalmente, se una buona opportunità nasce dal caso, dovremmo prenderla, anche se non è stata pianificata in modo adeguato. D’altra parte, dopo aver saltato la fase di pianificazione, possiamo procedere con le altre fasi del ciclo PDCA (PLAN (piano) – DO (execute)- CHECK (valutare) – ADJUST (adjust)).

4.1 ACCOGLIENZA

Ogni giorno di scuola inizia con un benvenuto e ogni accoglienza può essere uno spazio per lo sviluppo del protagonismo.

Nel breve tempo che è possibile per l’accoglienza dell’inizio della giornata, si può avviare un’enorme discussione su temi come: disuguaglianza sociale, diritti di bambini e adolescenti, bilancio pubblico, prevenzione e lotta contro le malattie virali, accessibilità, pregiudizio, bullismo, professioni, ambiente, ecc.

Qui, attraverso i Club del Protagonismo, inizialmente con il sostegno di un insegnante o di un dirigente scolastico, si può creare un’agenda accogliente, che porta i giovani all’esercizio della pianificazione, allo studio dei temi più svariati, all’esecuzione dell’accoglienza, agli adeguamenti necessari alla pianificazione e all’indagine delle proposte di soluzioni o miglioramenti ai problemi presentati.

Ovviamente, il tempo per approfondire i temi, che possono acquisire nuove discussioni nei cicli di dibattiti in sala, nei seminari tematici, nei gruppi di studio, nella ricerca nelle classi di studio orientate, a casa, ecc.

La cosa più importante qui è quello di offrire allo studente la possibilità di essere attivo, di lui che partecipa dalla concezione dell’idea alla sua esecuzione. Qui, possiamo vedere chiaramente i Quattro Pilastri dell’Educazione essere spostati e il protagonismo esercitato.

All’inizio, l’assistenza dell’insegnante è molto importante. Dopo tutto, gli studenti stanno vivendo il nuovo. Tuttavia, nel corso del tempo, le idee dei temi, la preparazione dell’agenda, la discussione sugli obiettivi e la metodologia da adottare, tutto questo e molto altro ancora, saranno germinati, annafizzati, curati e raccolti dagli studenti stessi.

Ci rendiamo conto, quindi, di quanto l’accoglienza sia uno spazio importante per l’esperienza del protagonismo.

4.2 GUIDA DI STUDIO (O.E.)

L’essenza dello Studio Guidato (o Guida allo Studio) non è esattamente nelle classi, ma in tutta la pianificazione che le precede. Questa metodologia è stata creata per favorire l’auto-insegnamento e gli strumenti che ne derivano: pianificazione, ricerca, organizzazione, impegno, disciplina, ecc.

L’orientamento allo studio manca anche di un ordine del giorno, che è il flusso di una corrente di procedure prima di esso. Ad esempio, l’insegnante dovrebbe eseguire il monitoraggio del proprio curriculum, indicando i contenuti previsti, i dati, i dati appresi e non appresi. Nel caso dei contenuti non appresi, una buona strategia è portarli allo Studio Orientato. I coordinamenti di area possono raccogliere i contenuti non appresi e indirizzarli al coordinamento pedagogico, che li raccoglie tutti e li inoltra agli insegnanti e ai tutor dell’OEE. I tutor, in possesso del materiale, incontrano i loro tutor e costruiscono insieme l’ordine del giorno di ciascuno, poiché non tutti i contenuti contenuti nell’elenco generale sono una questione di dubbio per tutti.

Dove entra il ruolo di primo piano qui? Dal monitoraggio. Per sapere ciò che lo studente ha imparato, è necessario avere un dialogo onesto con loro, perché un test non sempre ci dà una diagnosi della situazione reale di ciascuno. Questo dialogo richiede la consapevolezza della responsabilità che avranno sul loro apprendimento e di quanto sarà importante per loro avere una formazione accademica di eccellenza, per la vita e con le competenze che possono utilizzare per risolvere le sfide del nostro secolo.

Solo in questo caso, il protagonismo è già evidente. Quando porta al tutoraggio, ancora una volta, sboccia, perché lo studente sarà responsabile per la costruzione del suo programma. L’ordine del giorno indicherà i punti di attenzione, che richiederanno una maggiore attenzione da parte loro. In futuro, questo programma sarà fatto autonomamente da loro, essendo presentato solo al tutor, e non co costruito da lui.

Nella classe O.E., lo studente deve seguire la sua pianificazione, essere onesto con se stesso, mantenere l’impegno ed essere sempre consapevole delle implicazioni dell’abbandono nel suo Progetto di Vita. Deve essere sempre consapevole dell’importanza delle sue azioni per il successo della sua vita personale, sociale e produttiva. È un ruolo da protagonista.

4.3 PRATICHE SPERIMENTALI E CLASSI DI PROGETTI DI VITA

Le classi sperimentali delle scienze sono un grande spazio per l’esercizio del Protagonismo. Soprattutto quando l’insegnante non sviluppa tutte le procedure teoriche e pratiche, dando conclusioni e fondazioni, senza nemmeno lasciare spazio all’esternalizzazione della curiosità dei giovani.

In primo luogo, è molto importante stimolare la curiosità degli studenti introducendo la classe con problemi motivanti. L’insegnante, nel ruolo di protagonista, deve essere un buon ascoltatore, un organizzatore, un facilitatore, un co-creatore con gli studenti. Ci vuole anche un cambiamento di atteggiamento dell’insegnante. Va ricordato che la partecipazione degli studenti è l’intenzione di questo processo di costruzione. In un primo momento, la cooperazione dell’insegnante è molto importante, ma non va dimenticato che l’autonomia dello studente è la fine.

Pertanto, l’insegnante, organizzatore della classe, guida gli studenti, che sollevano domande, li discutono, manipolano i materiali e generano conclusioni che saranno successivamente correlate con la teoria scientifica stessa.

Lo stesso vale per le lezioni di Progetto vita. Se l’insegnante spiega solo il tema e trae tutte le conclusioni, si perde uno spazio ricco per la costruzione del protagonismo. Dopo tutto, le lezioni di P.V. sono costruiti per gli studenti. Non che l’insegnante non cambi quando passa attraverso di loro, perché questo cambiamento è immediato, ma la centralità della classe è lo studente. Così, quando viene proposto il problema, si dovrebbe tenere un orecchio attento alle domande degli studenti, alle correlazioni degli esempi dati dall’insegnante con le loro esperienze. L’insegnante deve osservare il visibile e l’invisibile, perché, nella stragrande maggioranza delle volte, i sentimenti non sono esternalizzati con le parole, ma i segni del corpo denunciano le emozioni che stanno per esplodere.

Possiamo dire, quindi, che una delle grandi virtù dell’insegnante che cerca l’autentico protagonismo dello studente è vedere la centralità di questo, poiché è per la realizzazione della sua P.V. che l’intera scuola funziona. Questo non vuol dire che l’insegnante ha perso la sua importanza nel processo di educazione. Al contrario. Ora, con uno sguardo più attento e uno spirito di solidarietà, l’insegnante organizza i processi educativi, osserva l’intenzionalità delle azioni, cocrea con i suoi studenti, provoca domande, guide, è più presente che mai nella loro vita.

4.4 LEZIONI E MOMENTI DI VALUTAZIONE

Dice Moretto (2010, copertina) che “Il test dovrebbe essere un momento privilegiato di studio, non una resa dei conti”. Sì, il test dovrebbe essere un momento di apprendimento, riflessione, interrogatorio, faccia seria e cercando di contribuire alle loro soluzioni. Non sto solo parlando della soluzione addebitata nello strumento di valutazione, ma, se il test è ben elaborato, dovrebbe lasciare allo studente la sensazione di voler approfondire il tema e, entro i suoi limiti e possibilità, pensare a modi per contribuire al dibattito dei temi.

Naturalmente, questo argomento non include solo lo strumento di valutazione “prova”, ma tutti gli strumenti che mirano a realizzare il culmine di un intero processo di insegnamento e apprendimento. Così, nei seminari, nei dibattiti di gruppo, nelle ruote delle conversazioni, nell’autovalutazione, nelle classi pratiche, nelle lezioni sul campo e in tutti i momenti in cui si sperimenta l’apprendimento, bisogna provocare e osservare la fioritura del ruolo di primo piano.

Se espandiamo ulteriormente questo pensiero, possiamo trasformare tutte le classi in veri spazi di protagonismo. Ora, non dovremmo nemmeno separare “classi” e “valutazioni”, dal momento che tutti i momenti richiedono un qualche tipo di valutazione, e dovrebbe essere sfruttata al meglio. Siamo in uno stato costante di valutazione: valutazione della pratica stessa, valutazione cognitiva dello studente, valutazione socioeotionale, valutazione di un semplice discorso, valutazione del sistema educativo, ecc. Non smettiamo di valutare. Questo è un bene, perché gli aggiustamenti iniziano subito dopo un’attenta valutazione.

Pertanto, trasformare le classi in spazi di protagonismo migliora notevolmente la trasformazione dello studente in un essere di iniziative, libertà e impegno.

4.5 PROGETTI SCOLASTICI

Ogni scuola svolge diversi progetti scolastici durante l’anno scolastico. Ci sono scuole che funzionano solo con i progetti. Qui ci sono ottimi spazi di protagonismo.

Prima del culmine dei progetti, c’è un intero coinvolgimento degli studenti nella loro costruzione: si organizzano in gruppi, orari elaborati, palco, provare, ballare, progettare, guidare, sono guidati, coesistono, decidono, ricercano, eseguono, valutano i risultati lungo il percorso. Nel culmine, ognuno osserva estasiato il risultato di sforzi individuali e collettivi, percepisce l’importanza del processo decisionale e di rimanere attivi sul loro apprendimento, intravedere il futuro che, nei loro sogni, ha già acquisito corpo.

Un progetto scolastico non affronta mai un solo tema. Diversi altri argomenti sono sollevati e discussi dai giovani durante tutto il loro sviluppo. Molti problemi sorgeranno e dovranno essere risolti. Molti conflitti si verificheranno e dovranno essere pacificati. Tutto questo contribuisce, e molto, per lo studente a capire se stesso come l’autore e attore principale della propria storia.

4.6 CLUB LEADER

I Club del Protagonismo, come suggerisce la loro denominazione, sono uno spazio di autonomia per gli studenti, il processo decisionale, le iniziative, la convivenza e, di conseguenza, le mediazioni dei conflitti.

Nei club, i giovani organizzano le loro attività, sviluppano piani d’azione, fissano obiettivi, svolgono i loro compiti, promuovono eventi, campagna, ecc.

Oltre a un momento di incontro per una chiacchierata senza pretese, i club svitano azioni intenzionali, ragionato e con pregiudizi pedagogici.

5. PROTAGONISM TUTTO

Fino ad ora, sono stati suggeriti diversi momenti scolastici che sono stati favorevoli alle esperienze del protagonismo. La scuola, a questo punto, viene vista come, infatti, una vera e propria macchina per la costruzione di questi spazi. Tuttavia, questa non è l’unica cosa che favorisce il protagonismo. Riflettiamo un po’ di più sull’argomento.

Gli studenti che partecipano a:

5.1 MOVIMENTI STUDENTE/SOCIALI

Una volta impegnato in cause di interesse collettivo, egli, anche se non risolve il problema macro da solo, è posto come parte di questa soluzione. Il suo coinvolgimento lo pone come un essere attivo nell’istruzione, cercando di discutere sulla salute dell’ambiente, le finanze pubbliche, la popolazione, le cause della fame, sui problemi dell’istruzione stessa, tra gli altri argomenti pertinenti.

Le dimostrazioni studentesche sono una forte prova dell’importanza dei giovani nella ricerca di miglioramenti collettivi e garantiti dalle leggi. Ciò si verifica quando, nelle strade o nei social network, si manifestano contro le negligenze dei governi legate all’istruzione, sia nella realizzazione diretta dell’insegnante, sia nella mancanza di strutture fisiche adeguate, nelle scarse condizioni finanziarie per l’auto-sostegno della scuola o anche nell’evidente mancanza di risorse pedagogiche per il potenziamento dell’insegnamento e la facilitazione dell’apprendimento, così come quando si manifestano a favore del bene comune sui vari problemi sollevati.

5.2 GRUPPI SOCIALI

Quando cercano, attraverso la forza collettiva, di rafforzarsi e rafforzare l’altro. La sua partecipazione a squadre sportive, club di lettura, gruppi di solidarietà, gruppi religiosi, scientifici, tra gli altri, faccia a faccia o virtuale, lo porta all’integrazione con il mondo di tutto il mondo, a cui dovrebbe contribuire con il suo interesse e le sue azioni. In tutti loro, lo studente costruisce, si evolve e diventa capitano della propria nave.

5.3 VOLONTARIATO

Partecipare al volontariato è evolutivo. Oltre a svolgere l’attività, che, più spesso, è l’obbligo dello Stato, il giovane allevia il dolore dell’altro, addebitando alle autorità una soluzione definitiva al problema.

5.4 LE RISCUOTE E I DEBATES

Non è raro che i comuni e gli Stati offrano conferenze sui temi più svariati con partecipazione attiva dei giovani. In essi, gli studenti possono approfondire vari argomenti – ambiente, salute, diritto, ecc. – ampliare la loro formazione e condurre dibattiti reali su questi argomenti.

5.5 PUBBLICO AUDIZIONI E OPERAZIONI ORDINARIE/EXTRAORDINARY

Apprendendo le finanze pubbliche, la responsabilità, l’approvazione e la revisione di leggi, diritti e garanzie, i giovani possono posizionarsi di fronte afatti di interesse collettivo, approfondendo le loro conoscenze con una ricerca di qualità e contribuendo ai dibattiti che si svolgono in questi importanti momenti del processo decisionale.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Beh, sarebbe molto pretenzioso da parte mia voler nominare in un articolo, o centinaia di loro, tutte le possibilità di esercitare il protagonismo. L’intenzione del lavoro, infatti, è quella di indicare il Nord.

La scuola, anche se non l’unico veicolo che porta al ruolo di primo piano, può e deve sfruttare il suo potenziale in questo settore. A tal punto, gli educatori -insegnanti, dirigenti, coordinatori, personale di supporto – devono essere consapevoli delle opportunità per migliorarli. Inoltre, le azioni devono essere intenzionali. Per questo, l’interazione tra i vari attori dell’istruzione deve essere permanente, fornendo lo scambio di idee, intervallando le proposte, radicando il ruolo guida in tutti i minuti dell’attività scolastica. Così, con un lavoro intenso e propositivo, la scuola può portare lo studente a sviluppare un interesse per i processi educativi, dal momento che la sua costruzione ne farà parte, passando a prendere iniziative, diventando libero di scegliere e camminare fianco a fianco con impegno. Queste tre caratteristiche insieme – iniziativa, libertà e impegno – consolideranno la formazione di uno studente competente, autonomo e solidale.

RIFERIMENTI

Instituto de Corresponsabilidade pela Educação. Modelo Pedagógico: Princípios Educativos, Ed. 2. Pernambuco: ICE, 2016, 60 p.

Nova Escola. Escola é espaço de aprendizagem e protagonismo. Disponível em http://abre.ai/8lb. Aceso em 21 de julho de 2019.

MORETTO, Vasco Pedro. Prova: Um momento privilegiado de estudo, não um acerto de contas, Ed. 9. Rio de Janeiro: Lamparina, 2016, 186 p.

MORIN, Edgar. Os Sete Saberes Necessários à Educação do Futuro, Ed. 2. São Paulo: Cortez Editora, 2011, 102 p.

MACHADO, Ana Maria [et. al.] . 5 Atitudes Pela Educação: Orientações para Coordenadores Pedagógicos. São Paulo: Moderna, 2014, 118 p.

SILVA, Zeneide. Todo Educador Deve Saber. Recife: Prazer de Ler, 2017, 112 p.

[1] Specialista in Educazione Matematica per Pedagoghi. Laurea completa in Matematica.

Inviato: Luglio, 2019.

Approvato: agosto 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here