L’uso delle TIC come risorsa pedagogica innovativa nel corso di assistenza sanitaria orale

0
11
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

CREMONESE, Miriam Regina de Araujo [1], COSTA, Maria Salete da [2]

CREMONESE, Miriam Regina de Araújo. COSTA, Maria Salete da. L’uso delle TIC come risorsa pedagogica innovativa nel corso di assistenza sanitaria orale. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 10, Vol. 12, pp. 56-79. nell’ottobre 2019. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/assistente-sanitario-orale

Il presente lavoro mira a proporre un piano didattico per la disciplina dei materiali dentali del corso Oral Health Assistant, utilizzando tecnologie dell’informazione e della comunicazione, al fine di rendere le classi più attraenti e stimolanti per gli studenti e rafforzare il rapporto insegnante/studente, indagando sui metodi didattici tradizionali, a volte faticosi e noiosi. Lo studio presenta una ricerca esplorativa di carattere qualitativo, basata su una revisione bibliografica, con metodo induttivo e dialettico. Discutiamo dell’importanza della tecnologia digitale per l’istruzione degli studenti e proponiamo diversi modi di applicare le risorse tecnologiche in classe. Il risultato del lavoro è una nuova proposta pedagogica per la disciplina citata, con strategie innovative di insegnamento e valutazione, intensificando l’apprendimento, rendendo l’ambiente scolastico più interessante, aumentando la fiducia e il rispetto reciproco tra studenti e insegnanti, nonché perfezionando le competenze e le competenze richieste agli studenti nell’attuale mercato del lavoro.

Parole chiave: piano didattico, assistente sanitario orale, materiali dentali, tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

1. INTRODUZIONE

Lo studio si occupa dell’uso delle TIC nella formazione degli assistenti sanitari orali, come risorsa innovativa e stimolante per l’apprendimento, mettendo in relazione la vita quotidiana e la realtà situazionale degli studenti con l’esperienza in classe. Questo tema, studiato nel corso post-laurea di Insegnamento in Educazione Tecnica, tra il 2017 e il 2018 in un istituto educativo privato, facilita lo sviluppo del contenuto della disciplina dei materiali dentali del corso Ausiliari di salute orale, che richiede attenzione e memorizzazione dello studente.

Parleremo dell’importanza di utilizzare le TIC come risorsa pedagogica innovativa nella formazione tecnica, in particolare nel corso Oral Health Assistant, e in particolare nella disciplina dei materiali dentali. L’argomento da affrontare è come e con quali risorse tecnologiche possiamo diffondere l’uso delle TIC nella disciplina dei materiali dentali, con l’obiettivo di sviluppare la disciplina in modo attraente e competente.

A tal fine, proponiamo di discutere l’importanza della tecnologia digitale per l’istruzione degli studenti; suggerire modi diversificati di applicare le risorse tecnologiche in classe e sviluppare un piano didattico che definisca strategie che forniscano lezioni più dinamiche e piacevoli per gli studenti, garantendo un apprendimento più performante e rafforzando il rapporto tra insegnanti e studenti.

Lo studio presenta una ricerca esplorativa di carattere qualitativo, basata su una revisione bibliografica, con metodo induttivo e dialettico. La delimitazione del tema si è concentrata sull’uso delle TIC nell’istruzione tecnica, che culminerà nell’elaborazione di un piano di insegnamento per la disciplina menzionata. Il cosiddetto studio è giustificato dalla necessità di estrapolare i metodi di insegnamento tradizionali, a volte faticosi e noiosi. L’uso delle tecnologie digitali è già ampiamente utilizzato dagli studenti a causa della fascia di età. Lo sviluppo di strategie in questo senso intensificherà l’apprendimento, rendendo l’ambiente scolastico più interessante, aumentando la fiducia e il rispetto reciproco tra studenti e insegnanti, raffinando le competenze e le competenze richieste agli studenti nell’attuale mercato del lavoro.

La scuola rappresenta nella società moderna lo spazio di formazione non solo delle giovani generazioni, ma di tutte le persone. In un tempo caratterizzato da rapidi cambiamenti, le persone cercano nell’istruzione scolastica la garanzia di una formazione che permetta loro di padroneggiare la conoscenza e una migliore qualità della vita. (KENSKY, 2007, p.19)

Pertanto, presentiamo un’introduzione che delimita il nostro tema, specificando gli obiettivi, giustificando lo studio e sollevando alcune ipotesi. Poi presenteremo il follow-up del lavoro in due capitoli, il primo fa una revisione bibliografica sull’uso delle TIC nella vita dell’essere umano e la sua riflessione nell’istruzione, mentre il secondo capitolo propone un piano di lavoro didattico utilizzando le TIC come strategia innovativa nello sviluppo di una disciplina che viene invariabilmente effettuata in modo tradizionale.

Così, introdurremo nella scuola queste risorse tecnologiche che sono già comunemente utilizzate negli spazi familiari e sociali e apprezzate dagli studenti;

“… fornire un nuovo modo di trattare non solo con la tecnologia nel rapporto quotidiano della scuola e degli insegnanti, ma anche per cambiare il modo in cui gli studenti e gli insegnanti trattano (e producono) le conoscenze.” (SALDANHA, 2009, 138)

2. SVILUPPO

2.1 TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE

2.1.1 IL RUOLO DELLA TECNOLOGIA NELLA SOCIETÀ UMANA

Secondo Kensky (2007), dalla creazione dell’umanità c’è stata la padronanza della tecnologia, che gli uomini usavano come strumento di potere sui loro simili, come garanzia di sopravvivenza.

Con l’evoluzione dei tempi, le nuove tecnologie che sono emerse non solo garantito la difesa, ma anche il dominio su altri popoli. E l’emergere di una nuova tecnologia ha portato ad altri, per altri scopi, e così via. La società cominciò ad adattarsi a loro, e questi, per far parte della vita quotidiana, interferendo nel comportamento umano e definendo culture di gruppi sociali in ogni tempo della storia.

Oggi, la nostra vita è segnata dalle nuove tecnologie di comunicazione digitale e dalla microelettronica. Il suo uso modifica e determina lo stile di vita sociale e professionale delle persone. Ogni modo in cui usiamo questa tecnologia, la chiamiamo tecnica. Sono caratterizzati dall’essere in continua evoluzione. Il suo campo d’azione è virtuale e il suo focus è l’informazione. Ciò ha permesso l’emergere di nuove professioni, specifiche di questa realtà.

2.1.2 NUOVE TECNOLOGIE E COMUNICAZIONE UMANA

Per Kensky (2007), questa nuova cultura finisce per escludere gli individui che non la dominano. Si tratta di strumenti che consentono l’espansione della memoria e della comunicazione, in particolare nell’istruzione formale. Il linguaggio digitale ha modificato la narrazione, precedentemente lineare e monotona. Ora, offre un linguaggio discontinuo, intervallando nuovi contenuti, spazi, tempi e persone, sotto forma di ipertesto e ipermedia. La facilità di navigazione semplifica e rende il fenomeno più interessante per l’utente. Questo ha completamente cambiato la nostra realtà. C’è stata una confluenza di media, che vengono utilizzati per numerosi scopi e in tempo reale, dei luoghi più svariati.

L’uso dei media digitali permea il sociale, l’intrattenimento, il commercio, la scuola, la scienza, la religione e sono condivisi in gruppi. Internet è il punto di giunzione e trasmissione degli obiettivi più svariati.

Emergono nuovi termini per definire questa cultura: il cyberspazio, dove tutto accade ed è condiviso da tutti, e la cybercultura, frutto di questa esperienza.

Con questo nuovo supporto dell’informazione e della comunicazione emergono generi di conoscenze insolite, criteri di valutazione senza precedenti per guidare la conoscenza, nuovi attori nella produzione e nel trattamento della conoscenza. Qualsiasi politica dell’istruzione dovrà tenerne conto. (LÉVY, 1999, p. 169).

In questo nuovo modello di società, viene modificato anche il rapporto delle persone con la conoscenza e il potere, che sarà disponibile a chiunque, in qualsiasi momento e ovunque. C’è bisogno di un costante aggiornamento e acquisizione di altre competenze, come l’apprendimento di un’altra lingua, in particolare l’inglese. La possibilità di interattività televisiva è un’altra caratteristica.

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione non sono semplici risorse tecnologiche, hanno le proprie caratteristiche, basate su una nuova cultura, la cultura digitale. E questo si riflette sul comportamento sociale.

Così, una nuova lingua sta emergendo, consentendo la comunicazione tra i popoli che parlano lingue diverse. Sarebbe una lingua che unisce la lingua digitale, l’inglese volgare e la lingua iconica delle emoticon.

2.1.3 TECNOLOGIA NELL’ISTRUZIONE

Kensky (2007) afferma che questi cambiamenti nella cultura sociale raggiungono la scuola e nel modo di fare educazione, dal momento che i gruppi riuniscono l’esperienza quotidiana. È necessario conoscerla meglio e trasformarla in un’alleata delle nostre possibilità, e non solo padroneggiare la sua tecnica.

Sappiamo che la maggior parte delle tecnologie sono usate come aiuto all’apprendimento. Partecipano a molte azioni nella scuola, specialmente quelle burocratiche, ma non sono ancora state esplorate in tutte le loro possibilità pedagogiche. Tra questi, possiamo citare la flessibilità degli orari, i metodi didattici, la flessibilità nello spazio fisico, l’interattività disciplinare, l’uso dell’ipermedia, l’uso di software e programmi, le metodologie attive, tra gli altri, che richiedono un costante aggiornamento delle conoscenze e delle competenze, che possono essere acquisite con lo studente stesso e fornendo la formazione di professionisti e cittadini autonomi, critici e creativi.

Milioni di persone connesse, sfruttando le informazioni disponibili in rete, saranno in grado di costruire insieme molti progetti collaborativi, che serviranno le parti interessate. Questo tipo di lavoro tende a crescere e consentire l’accesso a milioni di altri, che saranno anche in grado di godere o collaborare con esso. Questo rompe con le gerarchie e modifica il modo in cui la conoscenza è costruita. Si tratta di un nuovo requisito per la scuola formale, il riadattamento del quadro educativo e globale.

L’atteggiamento dei giovani che fanno parte di questa generazione digitale non è passivo. Per loro, l’importante è partecipare ed eseguire diverse azioni allo stesso tempo, fare il massimo in un minimo di tempo, imparare e costruire da solo, cioè lo studente è il protagonista della loro conoscenza.

Nonostante i progressi e i vantaggi delle nuove tecnologie, ci sono difficoltà che ci attendono, individuali e collettivi, come problemi tecnici, economici, interesse degli studenti, preparazione degli insegnanti, non adattamento della tecnologia ai contenuti, assenza di formazione continua, assenza di abitudine e motivazione degli insegnanti a causa di problemi professionali, realtà diverse tra le scuole, ecc.

2.1.4 IL NUOVO MODELLO SCOLASTICO

Secondo Kensky (2007), la scuola preparava tradizionalmente individui per la vita sociale, il lavoro e le scoperte scientifiche. In una società che dà la priorità alle informazioni, le persone devono avere una preparazione di base per impararle e tenersi aggiornati per usarle. In questa società di incessanti trasformazioni, la scuola deve essere un formatore di cittadini capaci di un costante adattamento nella convivenza sociale e professionale, di fronte alle sfide imposte nella loro realtà, sviluppando competenze, atteggiamenti e valori necessari a tal riguardo.

Il nuovo modello scolastico dovrebbe utilizzare le nuove tecnologie per integrare la scuola e la comunità, unendo il formale e l’informale, iniziando ascoltando i loro studenti e adattando nuovi approcci pedagogici che i media digitali consentono. Non ci saranno limiti fisici, poiché l’ambiente virtuale consente la coesistenza in qualsiasi momento o spazio.

La giovane generazione, nativa digitale, viene a scuola con competenze specifiche sviluppate attraverso i giochi che condividono su Internet. Queste competenze saranno importanti nel comportamento professionale, come il ragionamento, lo spirito di squadra, lo sviluppo della strategia, l’ambizione collettiva, la definizione del ruolo, la relazione, il rispetto per il partner, la comunicazione, le regole di un buon comportamento in rete, la fluidità digitale, le abilità di scrittura e disegno con mani e affilatura sensoriale.

Gli ambienti virtuali si stanno espandendo dai computer ai telefoni cellulari, facilitando la portabilità e l’uso di questo tipo di supporti, che oggi converge diverse funzioni in un unico dispositivo. La sfida consiste nell’utilizzare in modo pedagogico nel processo di insegnamento-apprendimento.

In questo nuovo profilo, lo studente deve acquisire autonomia, interagire socialmente in nuove comunità, preparandosi all’esercizio della cittadinanza e dello spirito critico, per essere soggetto della propria storia, ricreando un nuovo significato per l’educazione con studenti motivati e ispirati per imparare. Si tratta di una nuova formazione incentrata sull’apprendimento collaborativo e cooperativo, che unisce diverse menti separate da diversi fattori e facilita coloro che presentano difficoltà all’insegnamento faccia a faccia per vari motivi.

L’uso creativo delle tecnologie può aiutare gli insegnanti a trasformare l’isolamento, l’indifferenza e l’alienazione con cui gli studenti frequentano di solito le aule, nell’interesse e nella collaborazione, attraverso i quali imparano a imparare, rispettare, accettare, essere persone migliori e cittadini partecipi. Insegnanti e studenti formano “gruppi di lavoro” e diventano partner nello stesso processo di costruzione e approfondimento delle conoscenze: sfruttare l’interesse naturale dei giovani studenti nelle tecnologie e utilizzarli per trasformare l’aula in uno spazio di apprendimento attivo e di riflessione collettiva; consentire agli studenti non solo di far fronte alle nuove esigenze del mondo del lavoro, ma soprattutto per la produzione e la manipolazione delle informazioni e per il posizionamento critico di fronte a questa nuova realtà. (KENSKY, 2007, p.103)

Per il successo di questo lavoro richiederà un’attenta pianificazione. La transizione può avvenire con l’uso di materiale online integrato da lezioni faccia a faccia con meno studenti, l’uso di vari media digitali, forum di discussione, monitoraggio online, laboratori virtuali, progetti collaborativi e altri processi pedagogici. Ciò consente un’interazione dinamica e attraente nel cyberspazio per gli studenti e gli insegnanti coinvolti.

Questa possibilità di apprendimento virtuale consente l’interazione sincrona e asincrona permanente dei suoi utenti, socializza e stimola la cooperazione, favorisce un rapido accesso alle informazioni e alla comunicazione, la facilità di navigazione in Internet, l’accesso in giorni e orari diversificati e, anche così, può sentire che stanno lavorando insieme.

L’educazione ha un altro grande alleato, blog, una sorta di diario, che si occupa di vari argomenti e che deve essere costantemente aggiornato. Sono semplici da usare e consentire un lavoro collettivo, trasformandolo in lavoro pedagogico scolastico. In questo modo possiamo anche trattare programmi e applicazioni che possono essere utilizzati nelle reti per contribuire alla costruzione dell’apprendimento collaborativo.

2.1.5 LE DIFFICOLTÀ INCONTRATE

Kensky (2007) ribadisce che, come ogni cambiamento, ci sono alcuni inconvenienti, come l’accesso alle attrezzature fuori dalla scuola, l’invalidità economica per l’acquisizione di computer, l’uso di software facilmente obsoleti, il programma di ricostruzione dei frammenti, il carico di lavoro, la scarsa formazione degli insegnanti per l’uso pedagogico delle TIC, la manutenzione tecnica e la qualità di Internet.

Le trasformazioni avverranno gradualmente e saranno enormi, ma non escluderanno il ruolo principale della scuola in relazione all’istruzione. Necessario sarà la riformulazione dei programmi pedagogici, la flessibilità delle strutture didattiche, l’interdisciplinarità dei contenuti, il rapporto della scuola con la comunità, la flessibilità degli orari, il cambiamento dei programmi, l’amministrazione gerarchica e ciclica, l’autonomia della scuola nella realizzazione dei propri progetti educativi con le istituzioni nazionali e internazionali, il cambiamento nel rapporto insegnante/studente all’interno e all’esterno della scuola, gli istituti scolastici con l’apprendimento permanente, la riorganizzazione delle politiche educative e la valutazione, l’uso della creatività, un’adeguata remunerazione professionale, il tempo per l’auto-formazione e l’istruzione, continuità.

La scuola di apprendimento è molto diversa dalla scuola di insegnamento. La scuola di apprendimento ha bisogno di nuovi spazi, di altri tipi di temporalità, di un’altra organizzazione di gruppi di studenti e insegnanti, di altre proposte pedagogiche, essenzialmente nuove e che si adattino ai diversi modi e stili di apprendimento di tutti i partecipanti: insegnanti e studenti. (KENSKY, 2007, p. 109).

La cosa più importante è che le persone siano riunite che si preoccupano di imparare insieme, questo darà le basi per un nuovo modello di istruzione attraverso il loro impegno, in modo serio e responsabile.

Ci sono insegnanti che resistono al cambiamento; questi creeranno un abisso tra loro e i loro studenti, poiché lo stile di vita degli studenti interferisce direttamente nella scuola, dal momento che vivono con la tecnologia nella vita di tutti i giorni, in modo naturale. E così, guadagna spazio in altri territori, sociali e professionali. Ci deve essere un aggiornamento e un follow-up di questo nuovo modo di vivere nella società in generale.

Per garantire il progresso di questo processo, abbiamo bisogno di team tecnici ben addestrati per lo sviluppo e la manutenzione delle attrezzature e per il supporto e la formazione del team pedagogico e amministrativo. Un nuovo modo di vedere e pensare all’educazione.

Occorre attuare una formulazione importante dei programmi di studio. Le discipline e le attività vengono create. Sono possibili progetti interdisciplinari e interistituzionali. Si formano team misti: insegnanti, tecnici e studenti integrati in progetti e attività. Periodi scolastici differenziati e l’offerta di apprendimento a distanza indirizzare le scuole al funzionamento permanente durante tutto l’anno. […]Un tempo più lungo per la pianificazione delle attività. Istituzione di vari scambi e conduzione di corsi permanenti per il miglioramento e l’aggiornamento di tutto il personale e il personale. (KENSKY, 2007, p.126).

2.2 IL PARERE DEGLI ALTRI AUTORI

Leggendo altri autori, abbiamo osservato l’accordo di idee al fine di cercare una soluzione per i cambiamenti che già si verificano nell’istruzione e per quelli che devono ancora venire, permeando altre questioni esistenti.

Pretto (2013), parla della nostra attuale crisi dell’istruzione e della necessità di avvicinare questa nuova realtà virtuale del nuovo millennio al sistema educativo, nonostante la velocità dell’emergere di questi cambiamenti. Non possiamo negare o ignorare questo contesto, ma piuttosto sviluppare nuove politiche educative che consentano la formazione di un nuovo essere umano. Questa è un’altra sfida da risolvere in Brasile, l'”analfabetismo” digitale, ancor prima di risolvere l’analfabetismo e l’alfabetizzazione della popolazione svantaggiata, influenzata con la voce dall’economia internazionale e dalla velocità dello sviluppo scientifico e tecnologico.

L’autore commenta che c’è ancora un grande pregiudizio degli educatori nei confronti di questi media e una grande difficoltà nella comprensione di questi giovani, che costitusce un fenomeno mondiale e nella formazione di questi professionisti.

Per il passaggio dal modello della vecchia scuola a una nuova scuola, con un futuro, è necessario osservare attentamente alcuni aspetti dell’attuale struttura educativa. Uno di questi aspetti, certamente, è quello di promuovere una revisione urgente della formazione degli insegnanti e del ruolo delle università pubbliche in questo settore. (PRETTO, 2013, p.140).

Silva; Silva (2014), ha scoperto che i media portatili fanno sempre più parte della vita quotidiana degli studenti, in modo diffuso, causando cambiamenti anche nella vita quotidiana della scuola. Ciò porta alla discussione la convinzione di utilizzare questi media solo come attraente, possibilità di inclusione digitale e innovazione curricolare. Gli autori affermano che questi argomenti riducono la questione al semplice uso dei dispositivi, senza una democratizzazione del loro utilizzo e senza la possibilità di spazi sociali connessi. L’apprendimento non deve essere limitato a uno spazio fisico, ma essere democratizzato per l’accesso da parte di tutti, per l’interazione tra utenti che lo fanno sotto occhio critico, rafforzato dalla ristrutturazione pedagogica e curriculare, focalizzata sull’autonomia dello studente. Ma chiariscono la necessità di preparare il team, l’istituzione, l’insegnante, consentendo la loro paternità e la loro responsabilizzazione nel processo di insegnamento-apprendimento.

Per Saldanha (2009), la decisione del momento e la forma dell’uso dei media portatili spetta all’insegnante e agli studenti e alle diverse attività applicate pedagogicamente. Ma la cosa più importante è la flessibilità del curriculum, in modo che queste innovazioni aumentino veramente la qualità dell’insegnamento.

L’autore identifica nel suo studio che, oltre alla preparazione degli insegnanti per l’appropriazione della tecnologia, il suo corretto utilizzo e il cambio di curriculum, è stato necessario un miglioramento della struttura fisica della scuola per l’uso delle TIC in classe, come l’aumento dei punti di accesso delle reti wireless, l’installazione di proiettori multimediali in aula, la lavagna interattiva , disponibilità di chiavette USB, mobili adatti e ridimensionamento della rete elettrica che supporta la struttura. Questo dipenderà dalla realtà di ogni scuola. Il lavoro ha avuto anche il supporto di tecnici informatici e pedagoghi.

I pedagoghi coinvolti nello studio hanno evidenziato questioni da sviluppare e valutare in studenti e insegnanti, come l’autonomia, la padronanza della tecnologia, la motivazione per l’apprendimento in qualsiasi momento e luogo, la capacità di lavorare in team, la formazione continua degli insegnanti, l’assistenza dei monitor in classe, la valutazione continua dello studente e dell’insegnante, l’autogestione della conoscenza dello studente, permeato dalla collaborazione tra tutti. Tuttavia, c’è ancora molta ricerca da fare per consolidare il cambiamento del paradigma tradizionale nell’istruzione.

“Ha cambiato la struttura economica, cambiato la vita quotidiana della nostra vita, e la scuola ha bisogno di tenere il passo con questi cambiamenti e lavorare con gli strumenti culturali e le lingue che fanno parte della vita degli studenti della nuova generazione.” (SALDANHA, 2009, p. 90).

Secondo le conclusioni di Setton (2010, p. 107):

Le discussioni sulle interfacce tra istruzione e media sono ancora in fase di consolidamento. Anche se un gruppo di studiosi si è concentrato su questo tema, c’è una mancanza di ricerca teorica ed empirica con la vitalità accademica nazionale.

Secondo Oliveira (2016) il governo brasiliano ha già sviluppato politiche pubbliche per consentire l’introduzione di tecnologie digitali nel paese e cercare di ridurre al minimo le impasse in questo settore. Tuttavia, il suo uso come risorsa pedagogica è ancora modesto in termini di istruzione.

Secondo il nuovo ruolo dell’insegnante mediatore, ecco una revisione della pratica pedagogica dell’insegnante, che gli consente di svolgere i suoi doveri, stabilendo partnership con altre realtà, esercitando la sua autonomia con la scuola e la comunità, integrando queste pratiche nel curriculum scolastico, legato alla realtà sociale di ogni regione o comunità e soprattutto al profilo dei suoi studenti.

“Il tempo è fondamentale per gli insegnanti per imparare a usare le tecnologie, riflettere sulle possibilità degli usi pedagogici e condividere le loro impressioni con i loro coetanei.” (OLIVEIRA, 2016, pa. 47).

Infine, tutto questo faciliterà l’azione dell’insegnante che è veramente interessato a cambiare il paradigma educativo tradizionale in Brasile e nel mondo. Ci deve essere interesse e creatività.

3. PIANO DI LAVORO DIDATTICO

3.1 DESCRIZIONE DEL PIANO DI LAVORO DIDATTICO

INSTITUTIONISTITUTO: Istituzione educativa privata.

CORSO: Assistente per la Salute Orale (ASB), regolato da mec, legge 11.889 del 24 dicembre 2008, che si occupa dell’esercizio delle professioni di Tecnico della Salute Orale e Assistente Sanitario Orale.

COURSE WORKLOAD: 400 h, essendo 168 classi teoriche, 50 classi pratiche, 82 ore di attività extra e 100 h tirocinio supervisionato.

DISCIPLINE: Materiali dentali

DISCIPLINE WORKLOAD: 24 ore, distribuite in 3 ore classi settimanali di gare, per 8 settimane.

SEMESTRE: TERZO SEMESTRE

TEACHER IN CARICA: Miriam Regina de Araujo Cremonese

MENU: Piano di lavoro didattico legato allo sviluppo della disciplina dei materiali dentali, con strategie e valutazione innovative, introducendo tecnologie dell’informazione e della comunicazione nel processo di insegnamento-apprendimento.

OBJECTIVES: Riconoscere e manipolare adeguatamente i materiali dentali nelle loro diverse specialità, utilizzando le tecnologie dell’informazione e della comunicazione come risorsa pedagogica innovativa, rendendo le classi più attraenti per il gruppo studentesco e rafforzando il rapporto insegnante/studente.

“La pianificazione è un processo che richiede organizzazione, sistematizzazione, previsione, decisione e altri aspetti nell’intento di garantire l’efficienza e l’efficacia di un’azion[…]e”, (LEAL, 1999).

La pianificazione dell’insegnamento richiede una riflessione sulla condotta e sulle scelte dell’insegnante ed è correlata agli obiettivi, ai contenuti, alle strategie e alla valutazione del processo di insegnamento-apprendimento, richiedendo all’insegnante di praticare in modo riflessivo prima, durante e dopo questo processo, che dovrebbe essere continuo e dinamico. La riflessione culmina in una pianificazione e questa pianificazione si traduce in un piano, che concretizza le azioni pianificate. Nel caso di questo lavoro, verrà proposto un piano di lavoro didattico.

Poiché tutta la pianificazione è intenzionale e riporta i vari passaggi elencati per il successo, è necessario tenere a mente il profilo dello studente, della scuola e della comunità in cui sono inseriti.

A causa di questa realtà, presentiamo una proposta di innovazione per le classi della disciplina già menzionate, al fine di renderle più interessanti e facilitarne l’apprendimento, prestando attenzione a obiettivi coerenti con le esigenze trovate, i contenuti e le competenze necessarie, le strategie innovative nelle metodologie attive e la valutazione in corso, che comprende i tre tipi, diagnostici, formativi e sommativi.

Da una valutazione diagnostica, solleveremo le esigenze da superare. In possesso del progetto didattico ufficiale, l’insegnante creerà il suo piano di lavoro didattico, contemplando il raggiungimento degli obiettivi e superando le difficoltà.

Secondo il tavolo di lavoro didattico trascritto di seguito, abbiamo osservato che è stato elaborato per la disciplina dei materiali dentali, del corso Oral Health Assistant e presenta gli obiettivi che devono essere raggiunti, relativi a conoscenze specifiche, sviluppo delle competenze manuali, memorizzazione, posizionamento, intraprendenza, creatività, responsabilità, iniziativa, autonomia, lavoro di squadra, maggiore interesse e partecipazione in classe, miglioramento del rapporto tra insegnante e studenti e esercizio di cittadinanza. Gli obiettivi sono concepiti in modo che il verificarsi dell’apprendimento sia visibile ed esimebile e che definiscano ciò che è previsto per essere raggiunto. Così, l’insegnante dovrebbe sapere come stabilirà le sue strategie di insegnamento per il successo degli obiettivi delineati e come farà la valutazione di avere questa certificazione.

I contenuti sono estremamente rilevanti nella formazione teorica e pratica della professione degli studenti, ma il loro studio e la loro applicabilità possono diventare più accessibili e interessanti, a seconda del modo in cui sono sviluppati, con l’introduzione di altri valori legati al carattere, all’etica, alla socializzazione, ecc.

A tal fine, abbiamo scelto strategie innovative e creative, utilizzando tecnologie dell’informazione e della comunicazione e fornendo l’acquisizione delle suddette competenze. In questo modo speriamo di migliorare l’intero processo di apprendimento dell’insegnamento relativo alla disciplina. L’uso di metodologie attive nell’educazione favorisce la pratica pedagogica, il carattere riflessivo dell’insegnante e l’apprendimento significativo, sapendo che possiamo prendere percorsi diversi nel processo pedagogico e nel rispetto dei diversi stili di apprendimento degli studenti. Le risorse utilizzate terranno conto della realtà dell’istituzione e saranno coerenti con i contenuti e le strategie proposte. Faremo spazio ai suggerimenti degli studenti durante questo periodo.

La valutazione dello studio inizierà con una valutazione diagnostica, sollevando la situazione iniziale in relazione al profilo degli studenti, alle conoscenze precedenti e alla realtà della scuola. Nel corso del lavoro, ci baseremo sulla valutazione formativa, che permette all’insegnante di monitorare lo sviluppo dell’apprendimento, correggendo i fallimenti, le difficoltà e persino cambiando l’orientamento del lavoro, rispettando la tabella delle rubriche che propone criteri di valutazione svolti nei livelli di prestazione. Infine, ogni modulo presenterà una valutazione sommativa, e in precedenza il contenuto sarà ripreso, nuove domande del tipo che verranno utilizzate nella valutazione sommativa e rimediato i dubbi che ancora esistono. Dopo il test, la correzione sarà fatta in classe, con gli studenti che discutono giusto e sbagliato come mezzo per fissare il contenuto.

Le TIC collegano anche lo studente/scuola con la società, consentendo la diffusione e l’aggiornamento dei risultati e la condivisione delle conoscenze.

3.2 QUADRO DEL PIANO DI LAVORO PER L’INSEGNAMENTO

3.2.1 VOCE DI VALUTAZIONE DEL QUADRO DI VALUTAZIONE

Ogni unità sviluppata utilizzerà questa tabella di intestazione, con i criteri e i livelli spiegati. Ogni studente sarà valutato in base alle loro prestazioni e riceverà un feedback alla fine di ogni unità, poiché ciò che varia in questa disciplina sono solo materiali dentali che dovrebbero essere studiati in ogni specialità.

Descrizione Insoddisfacente PARZIALE MENTE Soddisfacente
1- Puntualità Non ha partecipato Frequentato in ritardo Frequentato in tempo
2- Partecipazione Non ha partecipato a nessuna attività Ha partecipato ad alcune attività Ha partecipato a tutte le attività
3- Interesse per le attività Egli non ha mostrato alcun interesse A volte è interessato a Interessato a tutte le attività
4- Organizzazione del materiale Nessuna organizzazione Organizza alcuni materiali Tutto il materiale organizzato
5- Partecipazione alle attività Non partecipa ad alcuna attività Partecipa ad alcune attività Partecipare a tutte le attività
6- Creatività nella produzione del materiale Nessuna creatività È creativo a volte Molto creativo
7- Interazione con le tecnologie Non sai usare Utilizzare con difficoltà Uso con destrezza
8- Collaborazione con il team Non collabora Collabora a volte Collabora sempre
9- Corretta identificazione dei materiali dentali studiati e loro uso in odontoiatria Non identifica Identifica parzialmente Identifica completamente
10- Discussione dell’argomento con i colleghi Non partecipa Partecipa poco Un sacco di partecipazione
11- Corretta manipolazione del materiale dentale quando richiesto Non gestisce correttamente Maniglie con difficoltà Maniglie con destrezza
12- Uso di indumenti e PPE necessari per la movimentazione di materiali dentali Non utilizza Utilizza parzialmente Utilizza

4. CONSIDERAZIONI FINALI

Al termine del lavoro, mettiamo in evidenza la necessità di innovare le strategie educative utilizzate nell’educazione tecnica, in particolare nel corso formativo degli Ausiliari della Salute Orale, della disciplina dei Materiali Odontoiatrici, estrapolando i metodi didattici tradizionali e intensificando il processo di insegnamento-apprendimento con l’uso di metodologie attive, in questo caso, tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Esploriamo il tema studiato da autori rinomati e verifichiamo che questa sia una competenza che sarà sviluppata dall’insegnante e dagli studenti che saranno preparati alle esigenze dell’attuale mercato del lavoro e all’interazione sociale in generale.

L’attuale profilo del nostro studente permette lo sviluppo delle strategie proposte e il raggiungimento degli obiettivi, grazie alla loro fascia di età e all’ampio uso che fanno naturalmente delle tecnologie, anche in classe. L’inclusione delle TIC nel curriculum renderà le classi attive, attraenti e interessanti.

RIFERIMENTI

ADMINISTRAÇÃO REGIONAL DO SENAC NO ESTADO DE SÃO PAULO. Guia Trabalho de Conclusão de Curso. São Paulo: Editora Senac, 2017.

COSTA, Maria Salete da; ENDO, Whaner. Trabalho de Conclusão de Curso Docência no Ensino Técnico. Editora Senac, 2017.

KENSKY, Vani Moreira. Educação e tecnologias: o novo ritmo da informação. Campinas: Papirus, 2007.

LEAL, Regina Barros. Planejamento de ensino: peculiaridades significativas. Revista Iberoamericana de Educación, Fortaleza, V. 37, n. 3, p.1-7, dez.

LÉVY, Pierre. Da interconexão caótica à inteligência coletiva. In:_ Cibercultura. 2 ed. São Paulo: Editora 34, 1999. p. 167- 169.

OLIVEIRA, Cristiane Tavares Casimiro de Oliveira. O docente para o século XXI. In:_ Novas Tecnologias Aplicadas à Educação. São Paulo: Editora Senac, 2016.

PRETTO, Nelson de Lucca. A educação num mundo de comunicação. In:__ uma escola com/sem futuro: educação e multimídia.8. ed. Campinas: 2005.

REDE DE BIBLIOTECAS DO SENAC DE SÃO PAULO (organizadora). Guia de normalização de monografias, dissertações e teses. São Paulo: Editora Senac, 2014. Papirus, 2013. p. 119- 144.

SALDANHA, Rubem Paulo Torri. Indicadores de um currículo flexível no uso de computadores portáteis. 2009. Dissertação de Mestrado- Programa de Pós-Graduação em Educação: Currículo, Pontifícia Universidade Católica de São Paulo- PUC, São Paulo, 2009.

SETTON, Maria da Graça. Considerações finais. In:_ Mídia e educação: São Paulo: Contexto, 2010.

SILVA, Jayson Magno da; SILVA, Maria da Graça Moreira da. A escola e o currículo em tempos de mobilidade e conexão: o uso de computadores portáteis na educação. 3º Congresso Brasileiro de Informática na Educação (CIEB 2014), Workshops (WCBIE 2014), 2014.

[1] Laureato in Lettere, Dentista, Laureato in Educazione Tecnica.

[2] Laurea magistrale in Educazione, Laurea in Filosofia.

Inviato: Maggio, 2019.

Approvato: ottobre 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here