REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Sostenibilità: La percezione di questo concetto in una scuola comunale nel sud di Espírito Santo

RC: 56970
100
5/5 - (4 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO DI REVISIONE

PACHECO, Fábia Fagundes [1], BARRETO, Jhonata da Silva [2], SILVA, Roseli Barreto da [3], HERMOGENIO, Vanessa Cordeiro [4], RAGGI, Désirée Gonçalves [5], GUISSO, Luana Frigulha [6]

PACHECO, Fabia Fagundes (2004). Et al. Sostenibilità: la percezione di questo concetto in una scuola municipale nel sud dell’Espírito Santo. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 05, Ed. 05, Vol. 07, pp. 05-25. maggio 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/percezione-di-concetto

RIEPILOGO

La sostenibilità è un tema vasto e importante. Implica pensare a nuove proposte di produzione e anche a nuovi modi di consumare. Queste proposte comprendono diversi settori come quello tecnico, politico e sociale, e quindi prevedono lo sviluppo di una regione. Lo scopo di questo articolo è descrivere come un progetto interdisciplinare abbia contribuito a migliorare il livello di comprensione della sostenibilità nelle classi del secondo follow-up dell’educazione giovanile e adulta (EJA) in una scuola municipale nel sud dello stato di Espírito Santo. Le pratiche pedagogiche svolte hanno affrontato le relazioni tra la riduzione del consumo indiscriminato, il consumismo compulsivo, gli impatti dell’inquinamento e i fattori che migliorano il riscaldamento globale, la riduzione della produzione di rifiuti e il corretto smaltimento dei rifiuti nello spazio scolastico, dimostrando possibili modi di riciclaggio. Nella raccolta dei dati, è stato utilizzato un questionario per verificare il livello di conoscenza degli studenti sull’argomento. La realizzazione di questo progetto ha generato cambiamenti nel modo in cui gli individui nella regione vivono e le azioni svolte hanno permesso una riflessione sulle azioni verso l’ambiente. Il gruppo coinvolto ha iniziato a replicare le conoscenze acquisite con la famiglia e gli amici.

Parole chiave: Sostenibilità, consumismo, riciclaggio, Educazione Ambientale.

INTRODUZIONE

Sebbene le discussioni sulla sostenibilità possano essere individuate in varie dichiarazioni e contesti storici, le espressioni più recenti risalgono agli anni ’70. Secondo Lima (2003), durante questo periodo, la difesa della sostenibilità è stata vista, in quanto era un’agenda ampiamente difesa dai movimenti sociali. La difesa dell’ecologia è esplosa, in questo periodo, in tutto il mondo – soprattutto nelle conferenze internazionali promosse dalle Nazioni Unite (ONU) per discutere le questioni ambientali e di sviluppo. Così, gli autori pionieri di vari campi riflessi su tali questioni. A partire dagli anni ’50, la società e i rappresentanti politici sono maggiormente preoccupanti per i problemi ambientali.

Tra questi accordi diplomatici, lo “sviluppo sostenibile” si è presentato come uno dei principali modelli di sviluppo che devono essere difesi dai rappresentanti politici. Poi, abbiamo cercato di avvicinarci a questo oggetto con lo scopo di guidare il pubblico di destinazione di questa riflessione. A tal fine, lo studio prevede dalla genesi dell’idea di sostenibilità, recuperando, per questo, il concetto di sviluppo sostenibile, e discuterà anche il tema inteso come un obiettivo da raggiungere in una prospettiva globale. Successivamente, è stato analizzato l’aggettivo “sostenibile”, al fine di visualizzare lo stretto rapporto tra crescita economica e sostenibilità, nonché il tentativo di adattare gli obiettivi sostenibili agli standard di sviluppo della società (SANTOS, 2011).

Per capire come siano emerse le discussioni che hanno favorito la formulazione dell’idea di “sviluppo sostenibile” così come viene utilizzata oggi, l’umanità ha dovuto rivedere il processo di trasformazione causato dall’uomo alla natura. L’uomo cominciò a superare i propri limiti, imparò a creare strumenti che moltiplicavano le capacità che considerava limitate, e allo stesso tempo capì che la resistenza all’ambiente ostile poteva essere sostituita collettivamente, da gruppi.

Secondo Dias (2006), questi gruppi, quando hanno lo stesso obiettivo, sono in grado di moltiplicare le capacità individuali. In questo senso, Santos (2011) sottolinea l’importanza del lavoro, visto come un’attività che richiede un elevato consumo di energia corporea e cognitiva, come uno scopo per combinare e collegare i bisogni umani e la natura. Pertanto, l’autore aggiunge che è da questo movimento che le società sono nate e mantenute. Sono le esigenze di base che innescano il desiderio di fornire valori di utilizzo. Per Marx (1988) la rivoluzione tra l’uomo e la natura si traduce in un processo visto come lavoro, in cui l’essere umano esercita azioni che interferiscono e controllano il rapporto tra l’uomo e la natura. Questo rapporto è costante e necessario, deve rispettare un pregiudizio ecologico e sostenibile, quindi il comportamento umano è decisivo affinché la natura sia una risorsa indispensabile. L’umanità dipende dalla natura, senza di essa la vita deve impassi e altera tutta la biodiversità del mondo.

Così, l’autore Marx (1988) dimostra chiaramente nell’opera “O Capitale” come si sviluppa questo rapporto tra l’uomo e la natura. Per l’autore, l’uomo, quando agisce sulla natura esterna a lui, modifica anche questa natura. In questo senso, Santos (2011) allude al fatto che la postura umana è determinante in modo che i cambiamenti dannosi non generino conseguenze irreversibili per l’ambiente, e questo è iniziato dal momento in cui l’uomo ha cessato di essere nomade e ha cominciato ad avere alloggi fissi. Sottolinea inoltre che l’uomo non ha più il potere di cambiare solo piccole parti dell’ambiente, potenziando le interferenze che accelerano i processi di degrado, e ha avuto successo a causa di un maggiore consumo, quindi non è più il consumo alla sussistenza di un piccolo gruppo umano. Ma con l’evoluzione della civiltà la produzione alimentare è diventata maggiore, e sono state adottate nuove pratiche industrializzate.

Questo fenomeno ha portato alla crescita della popolazione, e così i gruppi hanno finito per trasformare i villaggi in città, con una crescente occupazione di questi popoli nei paesaggi naturali. Così, Santos (2011) sottolinea che nel corso degli anni queste interferenze ambientali sono solo aumentate, perché le prime città sono state formate, e con questo, il crescente bisogno di produzione su larga scala è sorto, ha sollevato i primi lavori artigianali, e di conseguenza il commercio è stato innescato. A poco a poco, la produzione non era più orientata a soddisfare le esigenze delle famiglie e cominciò a servire coloro che avevano capitale per acquisire ciò che veniva prodotto. Con l’avvento della rivoluzione industriale ci sono stati i cambiamenti più diversi, soprattutto sotto forma di produzione. In questo modo cessò di essere artigianale e divenne produzione.

Secondo Dias (2006) la rivoluzione industriale è stata una pietra miliare per la crescita economica. Questo avvento è iniziato nel XVIII secolo, in Inghilterra, e da questa pietra miliare sono state stabilite numerose possibilità, rafforzando così l’economia e generato ricchezza, prosperità e qualità della vita, rendendo il mondo più moderno e sviluppato.

Tuttavia, la rivoluzione industriale ha anche diffuso i cambiamenti nell’ambiente nel suo complesso, perché secondo Santos (2011) la produzione industriale richiede un maggiore consumo di risorse energetiche e ambientali per generare sviluppo economico e produzione in modo efficiente. Già nel ventesimo secolo è emerso un nuovo modello di produzione e i prodotti hanno subito sempre più differenziazione per soddisfare le esigenze di un mercato consumer sempre più ampio e più esigente. In esso, vi è una diminuzione della vita utile delle merci a causa dell’emergere di nuove tecnologie, e quindi questi prodotti diventano obsoleti rapidamente, il che aumenta il consumo e, di conseguenza, la produzione di rifiuti che non ricevono il trattamento adeguato per essere riassorbiti per natura (SANTOS, 2011).

Lo scenario esposto nel XXI secolo, secondo Santos (2011), ha le seguenti caratteristiche: progresso economico significativo; marcata disuguaglianza sociale; crescita demografica eccessiva; distruzione del patrimonio ecologico mondiale; incoraggiare l’inconquersi del consumo; diminuzione della mortalità infantile; aumento dell’aspettativa di vita; progressi tecnologici; politiche ambientali per la conservazione del pianeta. L’autore sottolinea anche che il compito chiave della società è venuto per essere delineato nell’aspetto dello sviluppo sostenibile, cioè richiede azioni consapevoli per quanto riguarda i cambiamenti nelle attività economiche, sociali, politiche, culturali e ambientali nella società, al fine di raggiungere dimensioni sostenibili con atteggiamenti sostenibili, corretti ed equi.

1. L’ESERCIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ NEL CONTESTO DELL’EJA

Proporre l’interconnessione tra lo sviluppo sostenibile e l’insegnamento dell’educazione giovanile e adulta (EJA) è un’esperienza che va oltre il concetto e l’azione. Da questo rapporto, la ricerca sostiene che è un nuovo modo di imparare e ricostruire l’ambiente in cui viviamo, sottolineando, in questo processo, che la cura del pianeta dovrebbe essere un atto universale. Difendiamo l’idea che quanto più alto sarà il livello di istruzione di un popolo, le possibilità di attuare pratiche sostenibili aumenteranno. Pertanto, l’impegno della società è essenziale nella lotta al degrado ambientale (TRISTÃO, 2004). È stato osservato che maggiore è il livello di istruzione di una collettività, maggiori sono le possibilità di adottare comportamenti di conservazione della natura. La sostenibilità presuppone innovazioni basate su nuove conoscenze. L’innovazione richiede che l’essere umano sia riciclato, riutilizzando, riutilizzando, ripensando e riducendo (5 Rs).

È necessario costruire oggi e il futuro con azioni sostenibili. Per questo, è essenziale rivedere le pratiche imprenditoriali da parte dell’individuo, della persona giuridica, degli enti pubblici e di altri. In Brasile c’è il programma EJA, normalizzato dalla risoluzione nº 1 della CNE/CEB, che stabilisce le linee guida curricolari per l’educazione dei giovani e degli adulti che cercano di incontrare la parte della popolazione che non ha avuto la possibilità di completare gli studi. In considerazione di ciò, l’insegnamento dovrebbe usare pratiche interdisciplinari, cercando di integrare diverse aree della conoscenza, lavorare il contesto sociale. Così, con l’accento sull’insegnamento multidisciplinare, spetta all’insegnante consolidare le conoscenze esistenti con quelle nuove, con l’obiettivo di emancipare e sensibilizzare questo studente. L’EJA è una modalità di istruzione di base che include fasi di istruzione: Elementare o Scuola superiore.

Essi sono diretti a coloro che non sono riusciti a completare i loro studi in un altro momento. Pertanto, il processo di insegnamento e apprendimento nell’EJA è essenziale, perché gli interessi delle materie che lo utilizzano non sono gli stessi di un bambino. Le esperienze di vita e le particolarità di ogni individuo devono essere rispettate, poiché coinvolgono il modo in cui ogni persona si occupa dei fatti della vita quotidiana, condizionati dalle caratteristiche del proprio ambiente sociale. In questo senso, lo sviluppo e l’approccio della questione della sostenibilità sono stati esempi, in pratica, e l’esecuzione del progetto ha permesso a tutti di essere coinvolti in qualche modo. Attualmente, la preoccupazione per l’ambiente è una preoccupazione internazionale. Ha guadagnato trazione con la conferenza di Stoccolma, tenutasi nel 1972.

La conservazione della natura è motivo di preoccupazione che risveglia la società e le autorità pubbliche ad adottare, o almeno cercare di fare, una nuova posizione sull’ambiente. Secondo Jacobi (2003) la sostenibilità è anche legata al contesto educativo, perché c’è uno scambio tra l’istruzione e l’ambiente. Pertanto, la promozione dell’educazione ambientale (EA) è un fattore essenziale per un cittadino consapevole dell’importanza dei suoi atteggiamenti nei confronti dell’ambiente in cui vive. Affinché lo sviluppo sostenibile sia una realtà nelle imprese e nelle industrie, è necessario effettuare investimenti finanziari e umani, non solo con atteggiamenti conservazionisti, come il rimboschimento, la decontaminazione dei fiumi, l'”energia verde” e misure normative come la supervisione e le punizioni, ma con strategie educative, come mezzo per promuovere la formazione di “esseri pensanti” per atteggiamenti sostenibili.

In questo contesto, è necessario formare soggetti che comprendano i problemi ambientali che compongono la loro realtà regionale, locale e globale, poiché hanno più possibilità di contribuire alla costruzione di un mondo (sia sociale che culturale, oltre che naturale) più favorevole alla vita. Tuttavia, bisogna capire che: “[…] la sostenibilità interferisce con le strutture di potere” (ALMEIDA, 2007, p. 139). Questo fattore finisce per ostacolare la promozione e l’esecuzione di progetti sostenibili nelle aree sociali più diverse. Gli elevati investimenti necessari incorrono in obiettivi e avidità di maggiori profitti. Silva (2018, p. 76) descrive che la sostenibilità è fondamentale nelle diverse aree della conoscenza, cioè tutte le azioni compiute da individui o persone giuridiche sono sostenibili. per lui

La sostenibilità di qualsiasi azione politica, piano, programma o progetto – avrà successo solo se terrà conto di tutte le sue dimensioni, vale a dire: sociale, ambientale, economico, culturale, tra gli altri considerati in ogni caso. La grande sfida è quella di generare azioni integrate in progetti che affrontino direttamente tutte queste dimensioni, in modo che non siano solo come discorso e senza controllo dei risultati.

Secondo Silva (2018), la sostenibilità esiste quando l’organizzazione/azienda mantiene una linea socialmente giusta, corretta dal punto di vista ambientale ed economicamente sostenibile ed è essenziale che questi tre aspetti siano interconnessi. Oltre alla consapevolezza sociale e al comune desiderio di un ambiente sostenibile. Silva (2018, p. 91) raccomanda che “è necessario cambiare ciò che ha sagomato l’insostenibilità”. La costituzione di una società sostenibile pone le seguenti sfide: combattere lo spreco di esperienza e promuovere la dignità umana (RODRIGUES; TRISTÃO, 2011). È evidente, quindi, che l’uomo è responsabile della promozione di azioni sostenibili.

Per Tristão (2004, p. 25), EA promuove le discussioni sulla sostenibilità e “emerge come possibilità di riincanto, apre possibilità di nuove conoscenze, l’introduzione di nuove metafore a causa della sua condizione di dialogo e convergenza di varie aree di conoscenza”. Per l’autore, atteggiamenti sostenibili promuovono e sostengono lo sviluppo di procedure locali, contestuali e globali, allo stesso tempo, che trasformano l’ambiente, ma minimizzano le disuguaglianze tra culture ricreando nuove tecniche per superare le difficoltà in relazione alla povertà (TRISTÃO, 2010). Così, l’autore sottolinea il carattere etico inerente alle azioni umane incentrate sulla sostenibilità.

2. METODOLOGIA

In questo articolo viene elaborato il modo in cui gli studenti dell’EJA di una scuola municipale nel sud di Espírito Santo potessero assimilare, in modo più efficiente, il tema qui proposto (sostenibilità). La proposta mirava anche a far sì che questi studenti migliorassero le loro conoscenze sulle azioni sostenibili, il che suscita consapevolezza sull’importanza di azioni e progetti sostenibili. Il progetto ha preso forma da una serie di attività pedagogiche. Inizialmente, è stato applicato un questionario che ci ha permesso di verificare ciò che i 46 studenti della quinta e dell’ottava fase sapevano del tema. Dovrebbero spiegare l’argomento studiato e le loro opinioni sono state sufficienti per capire come hanno correlato la sostenibilità nelle loro azioni.

Il progetto consisteva in diverse attività pedagogiche, lezioni, studi diretti e mostre, in cui i momenti condividevano le produzioni e l’apprendimento. Le attività pedagogiche hanno riguardato la produzione di poster (Figura 1) sul tema; ricerca sui social network; azioni volte al riutilizzo dell’olio di soia già utilizzato per altri scopi (come la produzione di saponette) e, in questa fase, è stato utilizzato il laboratorio di scienze della scuola; ci sono state lezioni e la distribuzione di folder esplicativo ed esplicativo (Figure 6 e 7) e la distribuzione della ricetta della saponetta (Figura 7) a studenti e dipendenti, al fine di renderli consapevoli delle possibilità di preservare l’ambiente, oltre a incoraggiare il riutilizzo di materiali che verrebbero scartati in natura.

Inoltre, questi atteggiamenti aiutano anche nel reddito familiare, come nel caso di mestieri realizzati con vecchi pneumatici, che si trasformano in vasi per piante, sgabelli e qualsiasi altra creatività possa comportarsi. Oltre a queste attività pratiche, si sono tenuti anche un corso espositivo, uno studio diretto e mostre, che culminano in momenti di condivisione e apprendimento. Tali azioni pedagogiche sono descritte di seguito.

  • Attività 1 – Classe reflection sul tema: Che mondo abbiamo? Che mondo vogliamo? Queste due domande erano fondamentali in modo che alcune preoccupazioni potessero essere suscitate e il processo di consapevolezza di questi studenti potesse iniziare. Hanno espresso fatti preoccupanti come: la deforestazione; inquinamento dei fiumi, dell’aria e, soprattutto, della mancanza di consapevolezza sostenibile. Dalle spiegazioni gli studenti hanno iniziato a ripensare i propri atti e come potevano collaborare per avere un mondo sostenibile. Successivamente, sono state sottolineate azioni sostenibili. Questo è stato un momento per condividere lo sguardo particolare sul pianeta e le azioni dell’essere umano. Sulla base di questa discussione hanno prodotto manifesti;
  • Attività 2 – Applicazione di un questionario con sette domande sulla consapevolezza sostenibile che ha permesso agli studenti di sperimentare un’auto-riflessione sulla sostenibilità e se era presente nelle loro azioni quotidiane. Attraverso questo strumento, è stato possibile cogliere le percezioni degli studenti in relazione a ciò che sanno sulla sostenibilità e questo processo ha portato alla riaffermazione di quanto sia essenziale il tema per la formazione di cittadini consapevoli;
  • Attività 3 – La produzione di manifesti ha avuto luogo in gruppi e gli studenti sono stati in grado di ritrarre la loro visione sul tema della sostenibilità. Come costruire pratiche sostenibili? Qual è il tuo ruolo di soggetto sostenibile? Come godersi il pianeta consapevolmente? Queste domande hanno guidato la produzione di poster, in cui gli studenti hanno creato messaggi sulle nozioni che hanno sviluppato dagli studi elaborati nella prima attività. Hanno creato modi per diffondere buone pratiche sostenibili.

Figura 1 – Sostenibilità dal punto di vista dello studente

Fonte: Preparato dall’autore (2020)
  • Attività 4 – Gli studenti hanno guardato video sulla sostenibilità del tema. Poi si è aperto spazio per la riflessione e la consapevolezza. Per suscitare la considerazione sono state sollevate le seguenti domande: Qual è la mia responsabilità? Cosa posso fare per propagare pratiche sostenibili nell’ambiente in cui vivo? Come fare la differenza in una comunità? Le piccole pratiche sostenibili sono grandi?

Va sottolineato che questo è stato un momento rilevante, perché gli studenti hanno avuto l’opportunità di fare un parallelo tra un pianeta sostenibile e un pianeta degradato dalle azioni umane.

  • Attività 5 – Produzione testuale sulla sostenibilità. Dopo aver elaborato i propri testi, gli studenti leggono i testi di altri studenti, in modo che tutte le opere prodotte fossero condivise. In quel momento sono stati in grado di esercitare e condividere idee e argomenti. Scrivere sull’argomento era una strategia pedagogica, e da essa, mirava ad andare oltre le azioni concrete della vita e favorire processi cognitivi più complessi, perché la creazione di un manuale richiede competenze cognitive più elaborate che arricchiscono il pensiero critico e contribuiscono all’acquisizione di nuove conoscenze. Così sono stati in grado di replicare ciò che hanno imparato in classe;
  • Attività 6 – Classe sul riutilizzo dei pneumatici. In questa attività, è stata proposta la produzione di pezzi fatti a mano utilizzando pneumatici. Dopo la produzione dei lavori, divennero parte della sala d’ingresso del college. La scuola ha cambiato il suo paesaggio, attraverso pezzi decorativi, elaborati attraverso il riciclaggio. L’obiettivo era che queste raccomandazioni fossero introdotte nella vita dell’intera comunità scolastica, compresi i parenti degli studenti in modo che potessero riflettere su come vivere in modo sostenibile, e quindi contribuire al pianeta.
  • Attività 7 – Discussione sullo smaltimento errato dell’olio da cucina. In questa attività sono state sottolineate le seguenti domande: Quali conseguenze generano? Cosa si può fare per ridurre al minimo gli impatti sull’ambiente? Come riutilizzare l’olio?

Figura 2 – Serbatoio per olio da cucina usato

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Poi è stata proposta la produzione di sapone da bar, la cui materia prima è l’olio da cucina già utilizzato, sarà presto riutilizzata. Per questo, un tamburo è stato messo a disposizione dal Dipartimento dell’Ambiente per gli studenti per depositare le bottiglie di animali domestici con olio da cucina, che è stato portato da casa. Questa azione era difficile da realizzare, considerando che gli studenti non potevano esibirsi senza il supporto di un insegnante, poiché si trattava di un’attività con soda caustica. Tuttavia, è stata un’attività piacevole, come tutti gli studenti coinvolti hanno partecipato, contribuendo alla donazione di olio da cucina usato.

Figura 3 – Ricetta per sapone da bar

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Infine, tutto il sapone prodotto è stato distribuito tra studenti e familiari. Con questo, oltre ad agire in modo sostenibile e consapevole, gli studenti sono stati incoraggiati a riflettere sullo smaltimento errato dei residui di contaminanti dall’ambiente che influenzano l’ecosistema di terreni, fiumi e mari, raggiungendo le acque sotterranee, la flora e la fauna presenti in questo percorso. Questa pratica causerà conseguenze che influenzano direttamente la salute umana e lo squilibrio di microrganismi, piante e animali, poiché l’olio da cucina è formato da componenti insolubili e quando sottoposto a smaltimento nella rete fognaria influisce negativamente, causando la diminuzione dell’ossigeno che costituisce la molecola H2O. Con questo, colpisce l’ecosistema a livello globale. Questo problema è stato discusso con gli studenti.

Figura 4 – Distribuzione di sapone a base di olio da cucina

Fonte: Preparato dall’autore (2020)
  • Attività 8 – Lezione sulla sostenibilità. In questa attività è stata svolta anche la consegna di cartelle informative preparate insieme agli studenti sulla sostenibilità e anche l’esposizione delle attività sviluppate.

Questo momento mirava a moltiplicare le conoscenze costruite ed era rilevante per diffondere nella comunità le elaborazioni degli studenti e dimostrare il lavoro collettivo, tra insegnanti e studenti sui modi più appropriati per promuovere azioni e progetti sostenibili nel contesto della scuola.

Figura 5 – Cartella sulla sostenibilità (anteriore)

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Figura 6 – Cartella sulla sostenibilità (posteriore)

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Perché ci sia un’istruzione veramente sostenibile, è necessario che gli interessati propongano di vedere il mondo da un’altra prospettiva e attraverso la parola, come afferma Paulo Freire (2001). Leggere il mondo per conoscerlo meglio, interpretarlo meglio, renderlo più vicino all’essere umano è ciò che rende possibile agire meglio in questo. Leggere il mondo per conoscerne i problemi, ma anche le sue potenzialità che possono portare a cambiamenti in meglio è un modo per valorizzarlo e sfruttarlo.

3. RISULTATI

Dai dati presentati, derivanti dall’articolazione di un progetto di sensibilizzazione sull’importanza della sostenibilità nel contesto dell’EJA, si può evidenziare che le motivazioni per la sua applicazione si sono verificate a causa della necessità di far riflettere gli studenti coinvolti sulle azioni e i progetti sostenibili proposti quotidianamente, mirando a migliorare il loro livello di consapevolezza sull’importanza della sostenibilità , in modo che potessero cambiare il proprio comportamento, sia da pratiche individuali che collettive, attraverso la conoscenza studiata. Era estremamente importante realizzare il potenziale di ogni partecipante, quando il gruppo ha iniziato a decidere dove investire e addebitare più azioni in relazione alla conservazione dell’ambiente. Le riflessioni iniziali sul tema hanno anche innescato chiarimenti su questo concetto.

Alla domanda sull’espressione “sviluppo sostenibile” e su quale sia il significato di questo termine designato, il 15% degli studenti ha sottolineato l’alternativa “L’interruzione delle pratiche economiche per garantire la conservazione degli elementi naturali” e l’85% degli studenti ha optato per l’alternativa “Il mantenimento dello sviluppo economico al fine di garantire la conservazione della natura e delle risorse naturali per le generazioni future”. Si nota che gli studenti hanno mostrato preoccupazione per l’ambiente. È stato detto che hanno sottolineato la conservazione della natura non solo perché è quella giusta, ma in virtù delle generazioni future. Si osserva anche che essi hanno cercato di difendere gli interessi del momento presente, tuttavia, mirando a pratiche che si rifletteranno in futuro. In questo senso, Silva (2018, p. 17) spiega che

Qualunque cosa tu faccia e decida dovrebbe sempre garantire che le tue decisioni abbiano un impatto significativo sia sulla responsabilità sociale che sulla sostenibilità delle decisioni di impatto della comunità.

Questa percentuale di 85% denota che questi studenti conoscono in modo significativo le idee che desepar dal concetto di sviluppo sostenibile. La questione considera la necessità di acquisire consapevolezza e il modello non sostenuto di consumo delle società attuali ha suscitato una grande preoccupazione per l’esaurimento delle risorse naturali, producendo i seguenti risultati: l’8,5% degli studenti ha sostenuto che la società pratica un consumo alienante; mentre il 17,5% ritiene che il consumo sia un’obsolescenza pianificata e il 74% degli studenti ha dichiarato che è solo attraverso la consapevolezza ecologica che si raggiungerà un modello sostenibile di sopravvivenza.

Questa percentuale (71%) dimostrazioni indica che la maggior parte degli studenti ritiene importante che tutti noi cambiamo le nostre pratiche per una vita sostenibile. Secondo Rodrigues e Tristão (2011) è necessario combattere i rifiuti. Pertanto, ripensare il modello di consumo non sostenibile è fondamentale, al fine di promuovere trasformazioni soggettive che avranno ripercussioni, a lungo termine, sui cambiamenti nei modelli culturali. Di fronte a questo problema, cioè a causa della devastazione ambientale che è nata e fondata con il processo di sviluppo industriale, la maggior parte degli intervistati ha sottolineato che avrebbero avviato un processo di cambiamento attraverso azioni quotidiane, come la difesa collettiva. Ciò avvenne quando cominciarono a desiderare cambiamenti nelle abitudini comuni, per il benessere di tutti.

Così, si percepisce che questo atteggiamento è nato a causa della conoscenza dello sviluppo sostenibile dalle attività pedagogiche proposte. È interessante notare che, sebbene si tratti di un cambiamento lento, perché il processo educativo è lento e deve essere continuo, è essenziale. L’uso dell’espressione “sviluppo sostenibile” per il 35% degli studenti che collaborano al progetto dovrebbe essere usato per riferirsi alla necessità di sostenere l’ambiente nel processo di sviluppo, in modo che le risorse naturali non finiscano e che altri problemi ambientali possano essere mitigati. Tuttavia, il 65% ha affermato che è interessante che vi sia una riconciliazione tra sviluppo e ambiente. Si percepisce che gli studenti sostengono che la consapevolezza ambientale è essenziale in questo processo di ricerca di un ambiente sostenibile.

Tabella 1 – Scopo del termine sviluppo sostenibile

Scopo in %
Sostenere l’ambiente a scapito dello sviluppo 35%
Proporre la riconciliazione dello sviluppo con l’ambiente 65%

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

La sostenibilità mira a sostenere lo sviluppo socioeconomico in modo più ecologico, cioè in linea con le esigenze dell’ambiente stesso. Pertanto, la sfida principale è non compromettere la capacità di questo mezzo di soddisfare le esigenze delle generazioni future. Da questo approccio è stato chiesto quali possibili atteggiamenti individuali avrebbero adottato per promuovere lo sviluppo sostenibile. Tra i partecipanti, l’87% eviterebbe consumi inutili. Già 2% comprerebbe ciò che è alla moda e scartare comunque ciò che non viene più utilizzato; mentre l’83% adotterebbe l’atteggiamento di evitare lo spreco di acqua.

Una percentuale del 63% ha anche sottolineato che l’aderenza ai materiali biodegradabili, d’altra parte, un altro 33% ha indicato che adotterebbe solo prodotti usa e getta, perché capiscono che questa è una valida alternativa all’interno del loro contesto di vita. D’altra parte, la possibilità di utilizzare l’illuminazione naturale o le lampade a basso consumo è stata selezionata dal 61% delle persone coinvolte. Per coloro che hanno indicato questa opzione, è essenziale sostituire le lampade. La ricerca ha anche sottolineato che l’11% dei collaboratori con lo studio ha sottolineato che è necessario preoccuparsi dell’ambiente nella vita quotidiana.

Tabella 2 – Azioni per lo sviluppo sostenibile

Contrassegnare con una X possibili attitudini individuali per promuovere lo sviluppo sostenibile
Opzioni di risposta Quantitativa Percentuale
Evitare consumismo inutili; 40 87%
Comprare ciò che è alla moda e scartare comunque ciò che non viene più utilizzato; 01 2%
 Diminuire i rifiuti idrici; 38 83%
Acquistare prodotti biodegradabili; 29 63%
Evitare prodotti usa e getta; 15 33%
Uso di illuminazione naturale o lampade a basso consumo; 28 61%
Non preoccuparti della consapevolezza ambientale nel tuo ciclo sociale. 05 11%

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Agli studenti è stato chiesto quali modalità di utilizzo e le attività umane doganali interferiscono nel ciclo dell’acqua. Per questo problema, il 13% ha risposto che l’attività umana interferisce “nella quantità totale, alterando così la qualità”. Tuttavia, per l’80% degli studenti cambia solo “la qualità dell’acqua che è disponibile per il consumo delle popolazioni”. Tra i partecipanti, tre non si sono posizionati prima della questione, corrispondente al 7% del gruppo. Tenuto conto di questo problema, è stato espresso che la forma di consumo di acqua influisce sul ciclo dell’acqua. Così, sottolineano che quando c’è un uso incontrollato, l’ambiente è compromesso, perché si vive in una situazione squilibrata. Pertanto, essere consapevoli delle proprie azioni è l’inizio ad adottare cambiamenti nell’abitudine e nell’atteggiamento.

Tabella 3 – Attività umane e interferenze nel ciclo dell’acqua

Interferisce con il ciclo dell’acqua (%)
La quantità totale 13%
La quantità di acqua disponibile per il consumo di popolazioni 80%
Non si posizionavano 7%

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Gli studenti sono stati esortati a esprimere il loro parere sul termine “riciclaggio” e se il seguente collocamento è falso o vero: “L’idea del riciclaggio dovrebbe essere incoraggiata perché è un modo importante per preservare l’ambiente”. In considerazione di questa concezione, gli studenti opinati a favore del riciclaggio. Si parte dalla nozione che con il riciclaggio l’ambiente è meno compromessa, perché riduce l’inquinamento causato dalle discariche (riducendo la quantità di rifiuti) e risparmia risorse naturali, come alberi (usati per fare carta), petrolio (materia grezza per la plastica) e minerale (da cui si possono ottenere metalli).

Così, 04% degli studenti ha risposto falso, perché, per loro, il riciclaggio non favorisce la conservazione ambientale ed è opportuno non inquinare. L’85% considera vera l’affermazione e che il riciclaggio è essenziale per vivere in modo più sostenibile e per conservare le risorse per le generazioni future. In questa domanda, cinque (5) studenti non hanno ottenuto alcuna opzione, corrispondente all’11% dei partecipanti. Secondo questi studenti non rispondenti, la questione è irrealizzabile, nel loro contesto, perché hanno difficoltà, nella loro routine, a praticare il riciclaggio.

Tabella 4 – L’importanza del riciclo

Il riciclaggio dovrebbe essere incoraggiato (%)
Falso 04%
Vero 85%
Non hanno espresso le loro opinioni 11%

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Dopo aver messo in discussione e deducitori di studenti sul riciclaggio, un altro problema è stato chiarito: se di solito riutilizzano un qualche tipo di materiale che va sprecato. Ogni studente ha segnato l’opzione che egli considerava pertinente alla realtà stessa; considerando le azioni quotidiane stesse, il cui risultato è riassunto nel grafico 5.

Tabella 5 – Riutilizzo dei prodotti riciclabili

Di solito riutilizzi un qualche tipo di materiale che va sprecato? Seleziona l’opzione che fa per te.
Opzioni di risposta Quantitativa Percentuale
R) No, perché non so come riutilizzare i materiali. 6 13%
B) No, perché la spazzatura deve essere gettata nella spazzatura. 4 9%
C) Sì, trasformo le scatole di scarpe in confezioni regalo o le uso per conservare altri oggetti; 10 22%
D) Sì, uso bottiglie per animali per conservare l’olio che non uso più, o altri materiali; 14 30%
E) Sì, uso le borse che andavano nella spazzatura per fare acquisti; 12 26%

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Per quanto riguarda il grafico che è in mostra, in cui gli studenti hanno dimostrato quali materiali riutilizzano per non andare ai rifiuti, l’opzione A (che corrispondeva al 13% del totale) è molto preoccupante, dal momento che questa percentuale rivela una notevole quantità. Non saper riutilizzare la spazzatura è una situazione preoccupante. Così, è stata percepita l’importanza di continuare azioni volte a sensibilizzare al minimo questo risultato preoccupante. Gli studenti hanno riutilizzato diverse materie. La figura seguente è un’arte con pneumatici che hanno prodotto.

Figura 7 – Arte da pneumatici

Fonte: Preparato dall’autore (2020)

Oltre a ciò che si può affermare con questo testo, ci si aspetta che qualcosa di meglio raggiunga, ad esempio, come: cambiamenti nei valori, azioni coscienti e richieste della società per l’incorporazione di azioni sostenibili. Pertanto, si prevede di cercare, quindi, una cultura con una rete di significati che porterà a pratiche sostenibili efficaci nella routine di questi studenti. Attraverso il questionario applicato agli studenti, sono state raccolte informazioni sulle conoscenze che gli studenti della EJA portavano e sul grado di loro interesse sulla sostenibilità, e quindi è stato notevole che stiano lavorando per cambiare le loro abitudini. Al termine dei lavori si è tenuta una mostra con la dimostrazione dell’uso di materiali riciclabili e conferenze per allertare tutti. Così, è stato possibile rendere il loro interesse per il tema diventare più grande.

CONSIDERAZIONI FINALI

L’importanza di avere un’ampia comprensione della sostenibilità è stata evidenziata, considerando il principio che essa coinvolge, sia i suoi aspetti mentali, fisici, spirituali e sociali. Possono servire come punto di partenza, soprattutto per quanto riguarda gli effetti e le conseguenze nei diversi ambienti: familiari, sociali e organizzativi. Il tema è stato articolato nel contesto della scuola, a causa dell’intima relazione tra ambiente e apprendimento. Gli studenti hanno capito che possono tradurre il tema in azioni, così come applicarlo da azioni sostenibili in tutti i contesti sociali. I dati raccolti ci hanno permesso di comprendere il tema attraverso una prospettiva scientifica invece che una mera ideologia, dal momento che la posizione degli studenti era in linea con il tema della sostenibilità.

La sostenibilità ambientale è associata all’uso di risorse rinnovabili e la comunicazione e l’interazione con altri favoriscono l’innesco di pratiche più ecologiche. Pertanto, la scuola deve fornire questo collegamento tra gli studenti dell’EJA e la sostenibilità più frequentemente, in modo che le abitudini sostenibili siano incorporate nella vita e facciano parte della cultura degli studenti. Pertanto, la scuola dovrebbe creare meccanismi per consentire loro di rivedere le loro pratiche, e quindi ripensare le diverse dimensioni dello sviluppo sostenibile in modo che sorgono nuove motivazioni per la cura delle risorse naturali. Fornire all’altro il diritto di prendersi cura, prendersi cura e proteggere il pianeta richiede atteggiamento e coscienza. Pertanto, i problemi ambientali causati dagli esseri umani possono essere ridotti e la società avrà la possibilità di assumere nuove posizioni, in linea con la responsabilità sostenibile.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, F. Le sfide della sostenibilità una pausa urgente. 15 ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2007.

Brasile. Costituzione (1988). Costituzione della Repubblica Federativa del Brasile. Organizzazione di Alexandre de Moraes. 16 ed. San Paolo: Atlas, 2014.

Brasile. Ministero della pubblica istruzione. Parametri del Curriculum Nazionale: Scuola Elementare. Brasilia: MEC/SEF, 2000.

DIAS, R. Gestione ambientale: responsabilità sociale e sostenibilità. 3 rd ed. San Paolo: Nova Cultura, v.1, t.1, 2006.

FREIRE, P. Pedagogia dell’autonomia: conoscenza necessaria per la pratica educativa. 20ed ed. San Paolo: Editora Paz e Terra S/A, 2001.

JACOBI, P. Educazione ambientale, cittadinanza e sostenibilità. Quaderni di ricerca, n. 118, 189-206, 2003.

LEONARDI, M.L.A. (2009). l’educazione ambientale come strumenti per superare l’insostenibilità della società odierna. IN: LEONARDI, M. L. A. Ambiente, sviluppo sostenibile e politiche pubbliche. San Paolo: Cortez: Recife: Fondazione Joo Nabuco, 1997.

LIMA, G. da. C. Il discorso della sostenibilità e delle sue implicazioni per l’istruzione. Ambiente & Società, v. 6, n. 2, p. 99-119, 2003.

MARX, K. Capitale: critico nei confronti dell’economia politica. Traduzione di Regis Barbosa. San Paolo: Atlas, 1988.

MUNHO, T. Sviluppo Sostenibile e Educazione Ambientale. In: Educazione ambientale, 2004.

RODRIGUES, F. F. R.; TRISTAN, M. Scuola Sostenibile e Educazione Ambientale: la conoscenza di una comunità nella formazione della cultura della sostenibilità. 2011. Disponibile in: https://mail.google.com/mail/u/0/?tab=wm&ogbl#inbox?projector=1. Accesso effettuato il: 12 f.a. 2020.

SANTOS, M. C. dos. Sviluppo sostenibile: interpretazioni critica-scientifiche. 2011. 61 f. Specializzazione (Analisi Ambientale ed Educazione in Scienze della Terra) – Università Statale di Londrina, Londrina, 2011.

SILVA, H.L. da. Responsabilità ed etica. 2a ed. Curitiba: Fael, 2008.

TRISTAN, M. Educazione ambientale nella formazione degli insegnanti: reti di conoscenze. San Paolo: Annablume, 2004. 236p.

TRISTAN, M. Educazione ambientale e contesti formativi: un’interpretazione dei movimenti nella transizione paradigmatica. Taccuini di ricerca nell’istruzione, v. 14, p. 122-148, 2008.

TRISTAN, M. Educazione ambientale e paradigma di sostenibilità in tempi di globalizzazione. In: WAR, A.F.; FIGUEIREDO, M. L. (Org.). Sostenibilità nel dialogo. Itajai-SC: Univali Publishing House, 2010, v. 1, p. 157-172.

DELL’UNESCO. Decennio di istruzione per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, 2005-2014: documento finale del programma di attuazione internazionale. Brasilia: UNESCO, 2005. 120p.

[1] Laurea magistrale in Scienze, Tecnologia e Educazione, presso il Cricaré S’o Mateus College.

[1][2] Laurea magistrale in Scienze, Tecnologia e Educazione, presso il Cricaré S’o Mateus College.

[3] Specializzazione nella gestione didattica integrata. Specializzazione in Educazione Ambientale. Laurea in Pedagogia. Laurea in Scienze – Qualifica di Biologia.

[4] Specializzazione nell’educazione speciale inclusiva. Specializzazione in Matematica Insegnamento Metodologia. Specializzazione nella gestione dell’istruzione integrata: Amministrazione, Orientamento, Orientamento e Ispezione. Specializzazione in Supervisione e Coordinamento Pedagogico. Laurea in Pedagogia. Laurea in matematica.

[5] Dottorato in Educazione Ambientale – Professore del Master’s Program di Vale do Cricaré College.

[6] Master in Tecnologia Ambientale – Professore del Master’s Program di Vale do Cricaré College.

Inviato: Aprile, 2020.

Approvato: maggio 2020.

5/5 - (4 votes)
Fábia Fagundes Pacheco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita