Didattica a distanza come accesso all’istruzione superiore: l’esperienza del polo UAB, nel nord-est del Pará

0
49
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

CRUZ, Geanice Raimunda Baia [1], SILVA, Gimar Pereira Da [2]

CRUZ, Geanice Raimunda Baia. SILVA, Gimar Pereira Da. Didattica a distanza come accesso all’istruzione superiore: l’esperienza del polo UAB, nel nord-est del Pará. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 08, Vol. 01, pp. 106-120. nell’agosto 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/accesso-allistruzione

Questo studio ha studiato il processo di impianto e implementazione del Polo di supporto in loco dell’Università aperta del Brasile (UAB), a Cametá, regione nord-orientale del Pará. Si tratta di un’esperienza con l’istruzione superiore nella modalità di Istruzione a Distanza (IaD), cercando di identificare gli aspetti legati alla natura infrastrutturale e pedagogica finalizzati all’offerta e allo sviluppo dei corsi, nonché le difficoltà, le implicazioni, le preoccupazioni e i progressi sentiti / vissuti da studenti che si sono laureati alla Licenza in Matematica, offerta presso un Hub UAB. Questa indagine ha preso come punto di partenza un’indagine bibliografica al fine di ottenere importanti dati e informazioni sull’Istruzione a Distanza e la sua evoluzione nel mondo e in Brasile. Riportato a documenti ufficiali sull’istituzionalizzazione del Polo UAB, avendo come principale nord la Legge n. 245/2013 – PMC/Cametá-PA. La ricerca si è basata sul focus critico-dialettico in quanto permette di analizzare l’interazione tra individuo, oggetto e focus della ricerca. Come approccio, abbiamo optato per il tipo qualitativo, caso di studio. Secondo i laureati del Corso di Matematica, classe/2009, il diploma dell’IaD è stata l’opportunità trovata per accedere all’istruzione superiore pubblica a distanza. Per quanto riguarda l’attuazione del Polo UAB, nella città di Cametá, si può notare la sua importanza per l’offerta di istruzione superiore nella nostra regione, tuttavia, va notato che diverse sono state le difficoltà incontrate nel suo percorso iniziale e molte sono stati sanati e altri ancora persistono.

Parole chiave: Istruzione a distanza, Università aperta del Brasile, polo di supporto faccia a faccia.

1. INTRODUZIONE

Questa ricerca è stata condotta con l’obiettivo di consentire una riflessione sui fattori determinanti della portata della Educazione a distanza e di consentire una migliore apprensione della sua proiezione, l’espansione e la sua funzionalità amministrativa, organizzativa e pedagogica per sostenere l’insegnamento-apprendimento nell’istruzione superiore pubblica dalla modalità a distanza, cercando di identificare le difficoltà, le implicazioni, le preoccupazioni, le sfide e i progressi evidenziati dai laureati del Corso di Laurea in Matematica del Polo UaB/Cametá , nel periodo tra il 2009 e il 2016, regione nord-orientale di Pará. Per raggiungere gli obiettivi proposti, abbiamo scelto di sviluppare la ricerca con un approccio qualitativo e, quindi, presentare un caso di studio sulla prima classe di laureati, da un Polo UAB, situato nel comune di Cametá, vale a dire, i laureati del Corso di Laurea in Matematica a distanza dall’UFPA.

Pertanto, alcune riflessioni sono rilevanti in questo campo educativo, perché, secondo Kuenzer (2006, p. 880), garantire l’accesso non è sufficiente:

[…] con la forza delle politiche pubbliche “professate” nella direzione della democratizzazione, aumenta l’inclusione in tutte le parti della catena, ma i processi educativi sono precari, che si trascolano, in mera opportunità di certificazione e non di qualificazione, che non garantiscono né inclusione né permanenza.

Sulla base degli approcci esposti dall’autore, la seguente domanda viene adottata come problema per questo studio: Come si è svolto il processo di istituzionalizzazione e implementazione del Centro di supporto di polo – UAB, nel contesto educativo delle scuole pubbliche di istruzione superiore, attraverso la modalità in EaD, nella città di Cametá/Pa?

La ricerca è ancorata nei parametri del materialismo storico-dialettico, poiché questo tipo di approccio, secondo Kosik (2002, p. 39), ci permette di capire che il rapporto dialettico “è il metodo di sviluppo e spiegazione dei fenomeni culturali a partire dall’attività pratica oggettiva dell’uomo storico”. Vale a dire, bisogna cercare l’essenza dei fenomeni, cosa c’è dietro i fatti (FRIGOTTO, 1991). Pertanto, c’è bisogno di un aspetto dettagliato del ricercatore in modo che l’oggetto non appaia superficialmente, al fine di esprimere chiaramente ciò che è implicito all’interno, poiché per Kosik (2002, p. 27) “le cose non mostrano direttamente all’uomo come sono e come l’uomo non ha il potere di vedere le cose direttamente nella loro essenza”.

In considerazione di questo, per analizzare l’oggetto di questo studio, abbiamo usato le seguenti categorie: mediazione, contraddizione e totalità (CURY, 1985), per comprendere l’universo complesso, dialettico ed espansivo in cui Educazione a distanza si sviluppa nella nostra società, perché, come Marx (1982, p. 105) presunto, “[…] così come il movimento dialettico delle categorie semplici in cui il gruppo è nato, il movimento dialettico dei gruppi è nato la serie è nata la serie è nata , e il movimento dialettico della serie nasce l’intero sistema”. Il percorso metodologico consisteva in una ricerca bibliografica, documentaria e sul campo. La ricerca bibliografica ha incluso la lettura e l’analisi degli autori sottolineati come riferimento del tema in esame, come: Marx (1982), Frigotto (1991), Belloni (2015) e Mill and Pimentel (2013), così come testi e articoli pertinenti al tema.

Per svolgere la ricerca documentaria, sono stati utilizzati i seguenti documenti ufficiali: Termine di impegno Cametá-PA, n. 29.373, del 28/03/2008; Rapporti di valutazione del polo – Supervisione SEED/MEC/UFPA 2009/2010/2012; Rapporti sulle domande di visita di monitoraggio Cigip/DED/CAPES/2010; Progetto pedagogico del Corso di Matematica – Educazione a distanza/UFPA/2009; Legge municipale di creazione del Polo UAB /Cametá n. 245 del 20/09/2013 e piano di gestione del Polo UAB/Cametá /2013. Sottolineiamo come materie della ricerca: studenti diplomati al Corso di Laurea in Matematica della 1a classe di laurea – 2009, professori/tutor che hanno lavorato insegnando le materie nel Corso di Matematica/Educazione a distanza/UFPA, Coordinatore Generale dell’educazione a distanza AEDi/UFPA e Coordinatore Generale dell’Istituto di Scienze Esatte e Matematica/Educazione a distanza/UFPA.

La ricerca sul campo è stata sviluppata attraverso interviste semi-strutturate, contenenti domande aperte su vari aspetti del Polo UAB e sulle condizioni esistenti sia per le infrastrutture che pedagogiche per lo sviluppo delle attività accademiche. Per il trattamento dei dati, è stata utilizzata la concezione di Bardin (2011) – analisi del contenuto, perché permette l’apprensione del fenomeno e l’oggetto di studio attraverso altri punti di vista e interpretazioni. La proposta è rilevante perché presenta i dati necessari per la riflessione di Educazione a distanza come un processo risultante dalla democratizzazione e dall’universalizzazione dell’istruzione, in questo processo, la sua espansione in tutto il territorio brasiliano. Si ipotizza che, in modo dialettico, IL sia benefico, e allo stesso tempo implichi alcune sfide e problemi, soprattutto per quanto riguarda l’accesso e la permanenza degli studenti in regioni lontane come la nostra, nello Stato di Paro.

2. L’ESPERIENZA DI EDUCAZIONE A DISTANZA IN POLO/UAB/PAR

L’istruzione a distanza è nata e si è sviluppata in risposta a un importante accumulo di bisogni educativi. L’alfabetizzazione ha bisogno di “[…] inserimento sempre più precoce nel mondo del lavoro, della popolazione isolata dai centri urbani o impossibilitata ad accedere, per vari motivi, alle forme convenzionali di istruzione” (LITWIN, 2001, p. 40). Pertanto, è urgente aderire a un nuovo stampo IaD, poiché fornire o consentire altre alternative di accesso alla conoscenza sistematizzata non è sufficiente, ma, e soprattutto, deve basarsi su principi come decentramento, democratizzazione, universalizzazione e accessibilità e che sono le linee guida principali delle proposte e dei programmi per rispondere ai bisogni formativi ed emancipatori dello studente lavoratore. Secondo Oliveira e Araújo (2005, p. 18),

Sembra che la grande sfida dell’attuale momento storico, per quanto riguarda il diritto all’educazione, sia quella di renderlo oltre la garanzia e l’effetto attraverso misure di universalizzazione dell’accesso e della permanenza, un’esperienza arricchente dal punto di vista umano, politico e sociale, e che consociate, infatti, un progetto di emancipazione e di inserimento sociale.

Dato questo panorama, in questo mondo globalizzato in cui è richiesto un lavoro qualificato, è necessario lottare per il diritto a un’istruzione di qualità, sia per il pregiudizio del faccia a faccia come quello dell’apprendimento a distanza, resistendo ai “pacchetti pronti”, non sottosodette, quindi, a modelli didattici standardizzati, che sono più alienati di quanto educano.  Da allora, si è crescente l’espansione dell’offerta di corsi a distanza, principalmente attraverso la sfera privata, dall’apertura di corsi con possibilità di incontrare un maggior numero di studenti, con pochi requisiti infrastrutturali specifici per la realizzazione dei corsi, la riduzione dei contratti degli insegnanti e l’uso dei tutor, e anche con la possibilità di essere contemplati con l’aiuto del governo federale dalla disponibilità di fondi pubblici federali.

D’altra parte, a causa della necessità di una maggiore formazione intellettuale e investigativa nel contesto dell’istruzione superiore pubblica, sono richiesti parametri di qualità in modo che la modalità di distanza possa essere utilizzata in modo efficace ed efficace, soprattutto per quanto riguarda gli elementi pedagogici, le risorse umane e le infrastrutture. Questi sono aspetti fondamentali per l’attuazione della proposta didattica auspicata dall’Educazione a distanza. Pertanto, vale la pena ricordare che:

È necessario far avanzare la discussione sull’argomento e passare ad un altro livello: le esperienze di Educazione a distanza porteranno benefici solo se rispettano i criteri scritti di accessibilità e qualità. L’offerta di apprendimento a distanza non può limitarsi a esperienze palliative, a istituzioni private di prestigio incerto o a gruppi più o meno marginali nelle grandi università, ma deve essere attuata in modo integrato all’insegnamento faccia a faccia (BELLONI, 2015, p. 7).

Belloni (2015) allude alla ricerca della qualità richiede lo spostamento dell’idea di “modalità” al “metodo”, che implica pensare al modo in cui l’insegnamento è stato offerto, e anche nei modi di promuovere l’insegnamento e l’apprendimento dall’uso della tecnologia, perché i dispositivi elettronici sono i più grandi alleati di Educazione a distanza. Immaginando come l’offerta di istruzione superiore a distanza si svolge in Brasile, è possibile ottenere che ha avuto inizio intorno al 1996, un periodo in cui l’Educazione a distanza è stato legittimato dalla legge di linee guida e basi di istruzione nazionale, legge n. 9394/96, anche se regolata solo il 20 dicembre 2005, dal decreto n. 5.622 (BRASIL, 2005).

Inoltre, nel 2006, attraverso il Decreto n. 5.800/06, è stato istituito il Sistema universitario aperto del Brasile (UAB). Questa istituzionalizzazione ha permesso, tra le altre cose, la significativa espansione di Educazione a distanza, con l’obiettivo di democratizzare e universalizzare l’istruzione superiore, oltre a soddisfare interessi e bisogni specifici inerenti alla formazione degli insegnanti di istruzione, ed è anche la possibilità di ampliare le opportunità di ammissione, e anche di permanenza di molte materie nello spazio accademico. In questo senso, vale la pena notare ciò che il decreto, nel suo articolo 1, determina:

Viene istituito il Sistema universitario aperto del Brasile – UAB, finalizzato allo sviluppo delle modalità dell’educazione a distanza, con lo scopo di ampliare e internalizzare l’offerta di corsi e programmi di istruzione superiore nel paese (BRASIL, 2006).

E si presenta come obiettivi del sistema UAB:

I – offrire, come priorità, corsi di formazione universitaria e iniziale e continua per gli insegnanti di istruzione di base;

II – offrire corsi di istruzione superiore per la formazione di dirigenti, dirigenti e lavoratori nell’istruzione di base degli Stati, del Distretto federale e dei comuni;

III – offrire corsi di istruzione superiore in diversi settori della conoscenza;

IV – ampliare l’accesso all’istruzione superiore pubblica;

V – ridurre le disuguaglianze nell’offerta di istruzione superiore tra le diverse regioni del paese;

VI – istituire un ampio sistema nazionale di istruzione superiore a distanza; E

VII – promuovere lo sviluppo istituzionale per le modalità dell’educazione a distanza, nonché la ricerca in metodologie innovative di istruzione superiore supportate da tecnologie dell’informazione e della comunicazione. (BRASIL, 2006).

Dopo la sua istituzionalizzazione, ci sono varie opzioni per l’accesso alla formazione sulla linea di Educazione a distanza e i suoi scopi sono sostanziali per l’accesso e l’espansione dell’istruzione superiore per quanto riguarda la fornitura di corsi di laurea e di laurea, al fine di servire insegnanti, dirigenti e altri operatori dell’istruzione di base. Così, inizialmente, la creazione della Open University of Brazil deriva da una strategia governativa che, regolata dal Decreto n. 5.800 dell’8 giugno 2006, istituisce il Sistema universitario aperto del Brasile (UAB), che ha permesso l’espansione di Educazione a distanza, in nome  dell’universalizzazione e della democratizzazione dell’istruzione superiore. Questo decreto stabilisce il riconoscimento nel sistema educativo ufficiale dei corsi offerti, e accreditato anche dal MEC. Tuttavia, anche se l’UAB è uno scenario promettente, si dovrebbe considerare che:

La proposta brasiliana per una Università Aperta costruita da e nelle università convenzionali sembra essere un modo molto appropriato per espandere l’offerta e democratizzare l’accesso garantendo la qualità accademica. Tali scenari ottimistici dipendono, tuttavia, da politiche pubbliche energiche, realistiche e generose che non si basano sul principio sbagliato e illusorio che l’Educazione a distanza consente di risparmiare risorse finanziarie (MILL; PIMENTEL, 2013, p. 255).

Dato questo scenario, l’UAB è ora utilizzato dagli istituti di istruzione superiore come un modo per offrire, espandere e democratizzare l’istruzione superiore pubblica. Tuttavia, va notato che è essenziale mantenere un’organizzazione pedagogica (con garanzia di tutti gli ambienti favorevoli per favorire il processo di insegnamento e apprendimento) e un’organizzazione finanziaria (garanzia di un quadro di risorse umane e materiali necessarie per il suo funzionamento) , affinché la qualità del processo di ammissione e permanenza dello studente nello spazio accademico sia l’obiettivo principale della proposta di formazione a distanza. Tutto questo contesto è servito come parametro per evidenziare che il percorso di adesione all’EaD da parte dell’Università Federale del Pará-UFPA, attraverso i pali di sostegno alla didattica, è stato un percorso arduo e pieno di ostacoli.

Solo dalla firma di accordi, l’aderenza ai programmi e l’istituzione di scambi con il governo federale attraverso CAPES è l’Educazione a distanza svelato presso l’Università Federale di Pará – UFPA: sia dall’espansione dell’uso delle reti radio, televisione, l’uso della tecnologia dell’informazione, così come a causa di sforzi collettivi e individuali, governativi e istituzionali. L’idea è audace, e anche innovativa, come descritto nei rapporti del consulente per l’istruzione a distanza in quel momento. Per lui: “Non è stata una cosa facile, perché quando siamo andati in giro e ne abbiamo parlato, la gente ti guardava come se fossi un marziano; Voglio dire, oggi, è qualcosa che c’è, tutti sanno, ma al momento le cose erano molto difficili, e visto stranamente all’interno dell’UFPA stesso” (VELOSO, 2018).

Il parere del CES 670/98 del 1o ottobre 1998, approvato dal Consiglio Nazionale dell’Istruzione, allude al fatto che il Corso di Matematica era autorizzato ad operare presso l’UFPA, a Belém. Tuttavia, altri elementi interferiscono con l’espansione e l’efficacia di EaD. Tuttavia, il documento sottolinea che i dazi devono essere condivisi tra i diversi settori: il finanziamento è responsabilità di SEED/MEC; i corsi da attuare sono di competenza degli Esi e i Centri di supporto faccia a faccia sono gestiti dai manutentori dei comuni o degli Stati. Va sottolineato che il processo di attuazione di Educazione a distanza nel contesto dell’UFPA è stato lento, principalmente a causa della mancanza di risorse finanziarie necessarie per l’adeguatezza fisica dello spazio necessario per svolgere attività.

Tali sfide si materializzano nel discorso di Leite (2010, p. 25), perché alludeva che “[…] la terra non era pronta, sarebbe stato necessario arare la terra e quindi lanciare i primi semi di apprendimento a distanza nell’UFPA”. Cioè, era certo che la passeggiata sarebbe stata lunga e molto ancora da fare, tuttavia, c’era la necessità di continuare il progetto e una delle prime azioni è stata l’articolazione con i coordinatori dei corsi dell’UFPA e con i comuni dei comuni per operativizzare la proposta, a partire dall’organizzazione o disposizione di uno spazio fisico per l’offerta di corsi in Educazione a distanza.

Da allora in poi, è configurata la necessità per il Polo di sostenere l’apprendimento a distanza. In questo contesto, mettiamo in evidenza il Polo di Supporto Faccia a Faccia – UAB/Camet , come uno spazio leader nell’offerta di Educazione a distanza nel comune di Camet, cercando, da esso, di analizzare come si è verificato il processo di attuazione e attuazione, così come la riflessione dell’insegnamento nell’educazione dei giovani studenti nella regione nord-orientale di Pará. Andrade (2010) articola una discussione molto interessante e favorevole sull’importanza del Polo di Supporto Faccia a Faccia, cercando di capire che:

I Polo di supporto faccia a faccia sono proposti come edifici che hanno stanze, computer, accesso a Internet, laboratori, in modo che questo studente si avvicini a un contesto universitario. Tuttavia, il soggetto che cerca Educazione a distanza porta con sé dubbi, difficoltà ad accedere e continuare a studiare. In questo senso, può diventare un ponte che faciliterà il corso di questo studente, o, al contrario, metterà più difficoltà a questo processo (MILL; PIMENTEL, 2013 apud ANDrade, 2010, p. 124).

Cioè, il polo è uno spazio di supporto per la modalità in Educazione a distanza e deve essere dotato di una struttura sufficiente per soddisfare le esigenze degli studenti. Successivamente, facciamo una piccola sosta per collocare il lettore sulla conoscenza della città in cui si trova il polo, essendo un modo per chiarire perché la scelta del nostro comune per l’attuazione del Polo UAB / Cametá / PA. Camet è una città dello stato di Pará, Brasile. Si trova ad una latitudine 02o14’40” a sud e ad una longitudine 49o29’45” ovest, essendo ad un’altitudine di 10 metri. La sua popolazione stimata nel 2017 (IBGE) era di 134.100 abitanti. Secondo i dati di IBGE/CAMETÁ/PARÁ, recentemente pubblicati sul portale, la popolazione stimata per il 2019 era di 137.890 persone. Ha una superficie di 3 081.367. La città di Cametá si trova nel nord-est di Paro e quindi integra la regione dei Tocantins.

Nell’aspetto educativo, secondo i dati del 2018, Cametá presenta 208 scuole elementari, con 28.556 studenti iscritti; 13 scuole superiori, con 6.096 iscrizioni; ci sono anche 1.511 insegnanti che lavorano nelle scuole elementari e insegnanti 2018 nelle scuole superiori. Nel contesto cametaense, l’istruzione superiore pubblica è offerta da istituzioni pubbliche, evidenziate: Università Federale di Pará (UFPA), Università Statale di Pará (UEPA), Istituto Federale di Pará (IFPA) e L’Università Aperta del Brasile (UAB), che giustifica l’importanza del Polo UAB /Cametá, dal momento che gli istituti che offrono istruzione superiore nella nostra regione sono insufficienti per soddisfare la domanda di studenti che vogliono entrare in un corso di istruzione superiore.

L’UAB in Polo di supporto di persona fa parte del comune di Cametá, nel nord-est dello stato del Pará, in grado di promuovere la professionalizzazione attraverso corsi di apprendimento a distanza. Questi devono essere di qualità e gratuiti, rispondendo così alla domanda del mercato comunale e regionale. La metodologia e lo spazio devono adattarsi al contesto degli studenti. Inoltre, il polo UAB/Cametá si è costituito come spazio di riferimento per gli studi a distanza per altre materie provenienti da altre città limitrofe e anche dalla capitale. Il Polo di supporto UAB/Cametá si trova in Avenida Gentil Bittencourt, 1582, nel distretto centrale, con CEP 68400-000, nel comune di Cametá, stato del Pará.

La sua attività didattica è iniziata il 22 agosto 2009, con l’inaugurazione del suddetto polo, alla presenza di illustri enti locali e capitali. Il primo corso offerto è stato il Corso di Laurea Magistrale in Matematica, dell’Università Federale del Pará/UFPA, che prevedeva solo 50 posti. Il suo organigramma è così organizzato: ha un coordinatore polo ufficialmente legato al CAPES, tutor che sviluppano le loro attività secondo le normative UFPA.

In senso amministrativo, si può vedere che il Polo è collegato al Comune di Cametá (PMC), seguendo le linee guida emanate dal manutentore del polo, in questo caso il sindaco in carica. Nell’aspetto giuridico, segue le norme contenute nel piano di gestione del polo e nella legge della sua creazione, che lo istituzionalizza. La sua posizione è facilmente accessibile ed è installata in una zona centrale della città, accanto alla costruzione del Comune di Camet.

Figura 1 – Immagine del Polo di supporto in loco UAB/Cametá-PA

Fonte: Immagine registrata dall’ autore (2013)

Va notato qui che a causa della posizione del Polo, la sua struttura deve rispettare le esigenze della regione e del luogo, così come le caratteristiche dei corsi da offrire. Gli aspetti e le esigenze delle diverse aree di conoscenza relative ai corsi devono essere attentamente analizzati. Pertanto, quando si offrono i corsi, è necessario guardare al contesto della società con maggiore attenzione, favorendo, quindi, i corsi che possono contribuire allo sviluppo sociale, economico e culturale della regione associata al Polo. CAPES, da parte sua, comprende che:

Il Polo UAB è una struttura accademica di sostegno pedagogico, tecnologico e amministrativo per le attività di insegnamento e apprendimento di corsi e programmi di educazione a distanza – Educazione a distanza, sotto la responsabilità degli istituti di istruzione superiore – IES. Il polo UAB è preferibilmente situato in comuni di medie dimensioni, che hanno un totale di abitanti tra 20 e 50.000, e che non hanno strutture accademiche pubbliche di istruzione superiore. (CAPES/Polo UAB, 2018).

È quindi necessario che le unità propongano determinate attività faccia a faccia, poiché il requisito è previsto dalla legge. Valutazioni, difese del lavoro finale dei corsi, lezioni pratiche che richiedono l’uso di laboratori, l’adempimento di stage obbligatori sono essenzialmente attività faccia a faccia. Tutor e consulenti dovrebbero fare uso di videoconferenze per assistere gli studenti. Le questioni relative all’Infrastruttura del Polo richiedono che gli spazi siano adeguati in modo che gli studenti possano svolgere le attività richieste. Questi spazi devono anche essere adatti a persone con esigenze speciali:

Spazi generali del Polo UABT

a) Spazio per il coordinamento del Polo UAB (obbligatorio);

b) Spazio per la segreteria del Polo UAB (obbligatorio);

c) Sala riunioni (opzionale);

d) Bagni (almeno una femmina e un maschio) con accessibilità, secondo i requisiti delle leggi 10.908, del 19 dicembre 2000 e 11.982, del 2009;

Spazi di supporto del Polo UAB (obbligatorio).

a) laboratorio informatico con impianti elettrici adeguati (rete stabilizzata);

b) Biblioteca fisica, con spazio per gli studi;

Spazi accademici

a) Sala multiuso – per l’insegnamento, tutoraggio, prova(s), video / webconferencing(s) ecc.;

b) Laboratorio pedagogico (quando si adatta) (CAPES/Polo UAB, 2018).

Pertanto, tutte le dipendenze del polo costituiscono come spazi necessari per garantire condizioni adeguate per lo studio. La mancanza di questi spazi provoca difficoltà pedagogiche e, di conseguenza, può compromettere la qualità delle attività offerte. Così, il polo è considerato come un punto di supporto fondamentale per gli studenti di sviluppare attività di laboratorio, in modo che abbiano accesso alla collezione biblioteca, in modo che abbiano contatto con i tutor e in modo che possano eseguire valutazioni. Secondo Mill and Pimentel (2013, p. 196), “[…] è il modo in cui il corso viene implementato, la rete di supporto per gli studenti, tra cui il polo di supporto Faccia a Faccia, che garantisce la qualità dell’insegnamento da parte dell’Educazione a distanza”.

In tal senso, dal processo di istituzionalizzazione del Polo UAB/Cametá e attraverso la sottoscrizione del Termine di Impegno n. 29.373/2008 tra le parti coinvolte, si è proceduto, in tal modo, all’attuazione nel comune in questione. Il processo ha avuto la sua opportunità con il permesso di CAPES per quanto riguarda il trasferimento in altri spazi fisici. Il Termine in oggetto, firmato nel 2008, è stato concordato tra il Consiglio di Unità e il Coordinatore del Polo. Lo spazio un tempo apparteneva alla Scuola Elementare Municipale di Gean, ma concesse lo spazio per la costituzione del Polo. Il suddetto Termine di Impegno, oltre a definire i parametri per il mantenimento del Polo di Assistenza di Persona, presenta anche altre raccomandazioni in merito alle attribuzioni di ciascuna sfera di governo:

La garanzia che il Comune abbia un budget di assegnazione per la ristrutturazione, la costruzione dell’edificio (quando necessario), l’acquisizione di attrezzature […];

Fornire alle risorse umane le azioni necessarie per il corretto funzionamento delle infrastrutture fisiche, tecnologiche e delle risorse umane indispensabili per la fornitura di corsi del Sistema Universitario Aperto del Brasile – UAB, secondo i Riferimenti di Qualità per l’istruzione superiore a distanza del Ministero dell’Istruzione. (BRASILE, MEC/Cametá-PA Termine di impegno, n. 29.373/2008).

Così, al fine di garantire l’affetto della proposta accademica delle attività del polo, gli impegni devono essere assunti dagli enti federativi, sia da decreti, accordi di cooperazione tecnica, creazione di leggi per la loro legittimazione, o attraverso le risorse finanziarie necessarie per il loro mantenimento. Pertanto, in vista dell’attuazione del progetto di formazione da parte dell’UAB dai polo di supporto faccia a faccia per l’implementazione dell’insegnamento in distance, si deve considerare che il successo di un corso a distanza dipende dalle condizioni che il polo di supporto Faccia a Faccia presenta. Queste caratteristiche essenziali devono essere attentamente considerate.

Si tratta di accessibilità e sostenibilità, in cui spiccano i seguenti punti: risorse fisiche adeguate per soddisfare le esigenze dei corsi offerti dall’IES; risorse umane, con professionisti formati per gestire il polo e sviluppare i corsi; la disponibilità di risorse e attrezzature tecnologiche necessarie per il funzionamento dei laboratori e degli ambienti didattici; collegamenti che consentono un’efficiente connettività con le piattaforme didattiche e una raccolta dinamica e completate con fonti bibliografiche per la consultazione e la lettura disponibili legate ai corsi offerti in polo. Per quanto riguarda la sostenibilità del polo, deve fornire le proprie risorse finanziarie. Pertanto, questi punti costituiscono una configurazione di base di un modello appropriato e favorevole per promuovere l’insegnamento di qualità nei corsi di apprendimento a distanza.

CONSIDERAZIONI FINALI

Dai dati ottenuti e analizzati in questa ricerca sull’esperienza di Educazione a distanza in a UAB polo, a Pará, abbiamo cercato di rispondere alla seguente domanda: Come si sono verificati l’istituzionalizzazione e il processo di attuazione del polo di Supporto faccia a faccia-UAB, nel contesto educativo della scuola pubblica di istruzione superiore dalla modalità in EaD, nel comune di Cametá/PA? Sembra chiaro che, sebbene Educazione a distanza sia inizialmente visto come una possibilità di democratizzazione dell’istruzione brasiliana, porta con sé anche numerose sfide, preoccupazioni e problemi, soprattutto per la nostra realtà a Pará. I risultati delle discussioni presentate nella ricerca ci hanno permesso di comprendere la funzionalità e l’efficacia del polo UAB Camet, perché non è sufficiente avere accesso alla conoscenza scolastica, c’è anche la necessità di avere efficacemente una proposta di formazione che si riferisca alla forma esistenziale del giovane studente e che abbia rispetto per la loro condizione umana, sociale e locale.

Come divulgazione dei risultati trovati, mettiamo in evidenza alcuni punti rilevanti: In primo luogo, il comune ha aderito al programma di educazione a distanza da parte del sistema UAB, in collaborazione con il MEC, come un’altra possibilità di fornire una formazione iniziale e continua per gli insegnanti in esercizio di formazione regolare nella città di Camet, a causa della mancanza in alcune aree pedagogiche. In secondo luogo, il Polo Cametá era, al momento della sua inaugurazione/attuazione, e anche dopo i primi due anni di attività, con molte difficoltà e sfide, sia a livello strutturale che pedagogico, secondo i rapporti di valutazione del Polos di monitoraggio di CIGIP/DED/CAPES – SEED/MEC/UFPA Supervision negli anni 2009/2010/2012.

La sua adeguatezza dopo le esigenze di queste istituzioni ha deprezzato una nuova gestione che, in quel periodo (2013-2016), quando si è verificata la sua istituzionalizzazione, presentava un’altra concezione in relazione agli scopi del Polo UAB/Cametá. Durante questo periodo, il Polo ha fatto progressi significativi, dal momento che ha messo a disposizione tutte le risorse necessarie per sviluppare le attività accademiche dalla modalità a distanza, come gli investimenti focalizzati sulla struttura fisica del polo, come la costruzione di più aule, l’attuazione dello spazio fisico della biblioteca e, in relazione all’aspetto pedagogico, si basava sulla disponibilità di internet compatibile per l’accesso alla piattaforma di studio e, nell’aspetto giuridico e finanziario, vale la pena sottolineare che c’è stata la creazione del Consiglio Accademico del Polo e l’approvazione della Legge di Creazione del Polo, legge PMC, n. 28/2013, per gestire i possibili fondi dal governo federale.

Questo perché il progetto educativo allora in atto si basava sui modelli di un’università pubblica, gratuita e di qualità per tutti – l’UFPA. In terzo luogo, sottolineiamo che soddisfare tutte le specifiche richieste dalla Licenza in Matematica (corso scelto per soddisfare un’esigenza nel comune), è ancora una sfida costante per il Polo de Cametá, poiché questo corso è stato ancora offerto nel 2011 e nel 2013 è anche il caso di un ambiente favorevole al processo di insegnamento e apprendimento, volto a soddisfare le esigenze di formazione nella nostra regione amazzonica/Pará nord-orientale.

La classe del Corso di Matematica, considerato il pioniere perché gli studenti hanno sperimentato una prima esperienza con Educazione a distanza, presentano una storia di lotta e persistenza quotidiana, segnata da difficoltà di adattamento, preoccupazioni circa la ricerca di alternative per garantire la qualità del corso e le sfide per quanto riguarda la sua specificità, così come le carenze nell’uso del laboratorio e della biblioteca in Polo. Tuttavia, questa classe è stata vittoriosa, perché nonostante le avversità incontrate, la perseveranza dimostrata negli studi in Educazione a distanza era una caratteristica latente nella classe. Si tratta anche di sentimenti su quale ritorno avranno dopo diversi anni di studio e se avranno un posto nel mercato del lavoro dalla formazione in matematica.

Infine, concludiamo questo studio sottolineando che il Polo di insegnamento in classe di UAB/Cametá, sulla base delle analisi presentate dai laureati del corso di Matematica/UFPA, classe/2009 e la legge che l’ha creata (legge n. 28/2013), non solo è stata costituita come spazio fisico, costruzione in mattoni, ma è una rappresentazione legale e reale della formazione ad un livello superiore, essendo anche un modo per cambiare la traiettoria della vita, ma, allo stesso tempo, deve essere garantito un ambiente favorevole per l’apprendimento, con struttura e condizioni adatte allo sviluppo della qualità dei corsi offerti dal Polo.

RIFERIMENTI

ANDRADE, L. S. O acesso à educação e os polos de apoio presencial: sujeitos em transformação. In: MILL, D.; PIMENTEL, N. Educação a Distância: desafios contemporâneos. São Carlos, SP: EdUFSCar, 2010.

BARDIN, L. Análise de Conteúdo. Lisboa: Edições 70; São Paulo: Persona, 2009 (2011).

BELLONI, M. L. Educação a distância. Campinas, SP: Autores Associados, 2012.

______. Educação a distância. Campinas, SP: Autores Associados, 2015.

BRASIL. Ministério da Educação. Decreto n.º 5.800, de 8 de junho de 2006. Dispõe sobre o Sistema Universidade Aberta do Brasil – UAB. Diário Oficial da União, Brasília, DF, 9 jun. 2006. Disponível em: http://www.planalto.gov.br/ccivil-03/-Ato2004-2006/Decreto/ D5800.htm. Acesso em: 31 jan. 2017.

_______. IBGE. Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílios (PNAD). Brasília, DF, 2017. Disponível em: https://www.ibge.gov.br/estatisticas-novoportal/sociais/educacao/9171-pesquisa-nacional-por-amostra-de-domicilios-continua-mensal.html? Acesso em: 18 abr. 2018.

______. Fundação CAPES. Universidade Aberta do Brasil. Polos UAB. Brasília, DF, 2018. Disponível em: http://www.capes.gov.br/uab. Acesso em: 31 jan. 2017.

________. Ministério da Educação, Secretaria de Educação a Distância, Departamento de Regulação e Supervisão em Educação a Distância. Coordenação Geral de Supervisão. Termo de Compromisso Cametá-PA, N.º 29.373/2008. Brasília, DF, 2008.

_______. Ministério da Educação, Secretaria de Educação a Distância, Departamento de Regulamentação e Supervisão em Educação a Distância. Relatório Global de Vistoria da DRESEaD/SEED/MEC. Brasília, DF, 2010.

CAMETÁ. Câmara de Vereadores. Decreto Municipal de n.º 97/2013, de 29 de julho de 2013. Lei Municipal de Criação do Polo de Apoio Presencial da Universidade Aberta do Brasil UAB/Cametá, n.º 245/09/2013. Cametá, PA: PMC, 2013.

______. Plano de Gestão do Polo UAB/Cametá. Cametá, PA: SEMED/PMC, 2013.

CURY, C. R. J. Educação e contradição: elementos metodológicos para uma teoria crítica do fenômeno educativo. São Paulo: Cortez: Autores Associados, 1985.

FRIGOTTO, G. O enfoque da dialética materialista histórica na pesquisa educacional. In: FAZENDA, I. (Org.). Metodologia da pesquisa educacional. 7ª ed. São Paulo: Cortez, 2001.

KUENZER, A. Z. A educação profissional nos anos 2000: a dimensão subordinada das políticas de inclusão. Educação & Sociedade, Campinas, v. 27, n. 96, p. 877-910, out. 2006.

LEITE, M. et al. (Org.). Educação sem Fronteiras na Amazônia: trajetória e perspectiva da educação a distância da UFPA. Belém: UFPA, 2010.

LITWIN, E (Org.). Educação a Distância: Temas para Debate de uma Nova Agenda Educativa. Porto Alegre: Artmed, 2001.

MARX, K. Para a crítica da economia política. São Paulo: Abril Cultural, 1982.

MILL, D.; PIMENTEL, N. M. (Org.). Educação a Distância: Desafios Contemporâneos. São Carlos: EdUFSCar, 2013.

OLIVEIRA, R. P. de; ARAÚJO, G. C. Qualidade do ensino: uma nova dimensão da luta pelo direito à educação. Revista Brasileira de Educação, n. 28, p. 5-22, jan./abr. 2005.

[1] Master in Educazione di Base / PPGEDUC- UFPA / PA. Specializzazione nell’Educazione Ambientale – UFPA / PA; Gestione nell’educazione a distanza – UFF/RJ e coordinamento pedagogico (FAEL). Laurea completa in Pedagogia -UFPA/PA.

[2] Dottorato in formazione presso l’Università Federale di Rio Grande do Norte (2005); Laurea magistrale in Educazione presso l’Università Federale di Rio Grande do Norte (2002); Specializzazione in Storia dell’Amazzonia presso l’Università Federale di Pará (1993) e laurea in Pedagogia presso l’Università Federale di Pará (1992).

Inviato: Giugno 2020.

Approvato: Agosto 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here