La formazione e il lavoro degli ingegneri civili in Brasile: periodo 2015-2020

0
41
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SOUZA, Neide Liamar Rabelo de [1], SOUZA, Célia Magalhães de [2], CAMPOS, Maria Aparecida Santos e [3]

SOUZA, Neide Liamar Rabelo de. SOUZA, Célia Magalhães de. CAMPOS, Maria Aparecida Santos e. La formazione e il lavoro degli ingegneri civili in Brasile: periodo 2015-2020. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 04, Vol. 03, pp. 45-70. Aprile. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/ingegneri-civili

Nel 21 ° secolo, numerosi eventi hanno avuto un impatto sulla società brasiliana, tra il 2003 e il 2014, il paese ha sperimentato un’espansione economica e benessere sociale, con politiche pubbliche a lungo termine, programmi di reddito minimo, istruzione universale e alloggi popolari. Tuttavia, nel 2014 ha implementato l’operazione Lava Jato, che negli anni successivi ha reso impossibile continuare le aziende nel settore dell’ingegneria; l’instabilità politica ed economica, impoverindo la qualità dei posti di lavoro e dei redditi delle famiglie. La società deve affrontare una grave recessione economica e dal secondo mese del 2020 affronta la battuta d’arresto derivante dalla pandemia causata dal Covid-19. Il presente studio si basa su forme qualitative e descrittive di rassegna bibliografica e documentaria. L’obiettivo è quello di analizzare la formazione e l’occupabilità degli ingegneri civili in Brasile, professione indispensabile e prioritaria per la collettività. I principali risultati sono stati: l’impatto negativo sul segmento delle costruzioni e sull’intera catena produttiva riducendo la spesa pubblica per le infrastrutture e le grandi opere; la recessione economica che colpisce il settore produttivo nella sua interezza; retribuzione precaria, soprattutto a partire dal 2017, con un impatto maggiore nel 2020, con la pandemia di Covid-19.

Parole chiave: Formazione ingegnere, ingegnere civile, lavoro, recessione economica, Covid-19.

1. INTRODUZIONE

Il fondamento della concezione della Teoria del Capitale Umano (TCH) concepita da Schultz (1967, p. 13), nel 1961, propone la qualifica del lavoro attraverso l’Istruzione, come uno dei mezzi più importanti per aumentare la produttività e, di conseguenza, per il profitto. Istruendo l’essere umano, aggiunge valore a se stesso per esercitare il suo ufficio con fondamento teorico e pratico, con prestazioni qualificate. Come la neotecnica descrive Silva (2018, p. 10) “le politiche educative sottolineano il criterio di qualità basato sull’uso intensivo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), come strategia per adattare l’istruzione scolastica alla società dell’informazione”. Con lo scopo di addestramento degli studenti dinamici, in possesso di varie abilità e abilità per essere multifunzionali.

Il professionista può avere una prestazione autonoma, ma il 21 ° secolo richiede l’indispensabilità del lavoro di squadra. Come è requisito che siano imprenditori, sia nel senso di cercare una formazione costante, sia nel senso di avere una propria attività; nell’Era della Conoscenza non c’è lavoro per tutti. Soprattutto in Brasile, dal 2015, la società ha affrontato una grave recessione economica e, a causa del modello di politica economica neoliberale scelto dai leader centrali, è noto per portare ad alti tassi di disoccupazione e sottoccupazione, esternalizzazione, lavoro informale, tra le altre forme di precarietà, che nel complesso è stata battezzata come urberizzazione.

Il segmento delle costruzioni deriva dal momento in cui l’uomo ha cessato di essere nomade (rivoluzione neolitica) e si è reso conto che poteva piantare il cibo e raccoglierlo in futuro, con questo, ha iniziato a legarsi a un luogo fisso, ha bisogno di un riparo permanente per resistere alle oscillazioni delle stagioni. Secondo gli archeologi, Eridu in Sumeria può essere considerata la prima città, circa 4.000 a.C., ma 500 anni dopo, un modello di urbanizzazione appare a Uruk, in Mesopotamia. Vale la pena discernere che, in ogni momento storico, l’umanità ha goduto al massimo della tecnologia disponibile e ha cercato benessere per se stessa e anche per la comunità in cui è inserita (Tavares Junior, 2012, p. 12).

Questo articolo si propone di valutare il contesto di formazione e condizioni di lavoro degli ingegneri civili dopo l’operazione Lava Jato, iniziata nel 2014, modificando significativamente le politiche pubbliche, con ripercussioni sulla condotta della Presidenza della Repubblica, modello economico e soppressioni dei diritti sociali quali: nell’ambito del diritto del lavoro, della previdenza sociale e del congelamento degli investimenti pubblici per vent’anni. Nel 2020, con una grave recessione dei fattori di produzione, la società è stata colpita dalla pandemia dal Covid-19, a partire da marzo e rimane in corso.

2. ISTRUZIONE PER LA FORMAZIONE DEGLI INGEGNERI

L’attività di ingegneria in Brasile iniziò con il governo di Tomé de Souza (1549-1553), perché con lui arrivarono i primi funzionari amministrativi e la Congregazione dei Gesuiti. Questi furono i precursori della scienza e della ricerca nel paese, come gli studi di matematica e cartografia, la Carta reale del 1699 formalizzò l’insegnamento dell’ingegneria militare a Colonia. I record di progressi significativi nell’ingegneria e nella tecnologia si hanno nell’Antica Repubblica (1889-1930), con la costruzione di ferrovie, l’attività principale fino agli anni 1920. Poi, negli anni ’30 -’40 con l’uso del cemento armato che ha portato alla l’emergere dell’industria delle costruzioni civili (FERREIRA et al., 2017, p. 35).

Il Brasile visualizza la modernizzazione dopo la fine della seconda guerra mondiale, l’attività industriale ha guadagnato notorietà, con questo fornendo la diversificazione delle specificità dell’ingegneria, che è diventata una professione urbana. L’associazione tra Scienza e Tecnologia (C&T), crescita e sviluppo economico divenne evidente nel Governo Juscelino Kubitschek (1956-1961) che furono delineati nei Piani di Sviluppo Economico (PND) u2012 per Juscelino e Jango rappresentavano la continuazione politica dell’ex presidente Getúlio Vargas, interrotto solo dal colpo di stato civile-militare, il 31/3/1964. Indicare un nuovo modo di governare, ma gli orientamenti per il settore industriale con incorporazione tecnologica, gli investimenti dei bilanci pubblici per l’espansione delle infrastrutture, in particolare nei trasporti e nell’energia, non dovrebbero adattarsi alle battute d’arresto. Con la partecipazione di capitali esteri attraverso l’installazione di società multinazionali, che hanno lavorato nel segmento della produzione di beni di consumo durevoli, intermediari e capitali (FERREIRA et al., 2017, p. 35-36).

Con il governo dei consigli militari c’è stata una rottura delle politiche pubbliche, riorientando le priorità. Negli anni ’80 e almeno fino al 1995 non vi sono stati investimenti strutturali nel paese a causa dell’inflazione incontrollata, dell’indebitamento pubblico interno ed esterno e dell’instabilità politica. Alla fine del XX secolo, lo Stato iniziò a strutturare il sistema universitario per formare professionisti con istruzione superiore al fine di soddisfare le esigenze del lavoro specializzato nel settore produttivo. Nel 1996, la legge sulle linee guida e le basi dell’istruzione (LDB) del n. 9.394 è stata aggiornata, in conformità con la Costituzione del 1988, con l’incorporazione delle caratteristiche del modello americano per i corsi universitari. Alcuni esempi per la modernizzazione dei programmi di studio per i corsi universitari:

a) collegamento diretto tra le esigenze dell’istruzione e del mercato del lavoro;

b) stimolare le interazioni università-impresa;

e) ciclo di base con nucleo comune composto da interdisciplinarietà, specialmente nei primi quattro semestri;

d) corsi tecnologici e,

e) sistema di credito e iscrizione per discipline.

Durante il regime di eccezione c’è stata la disorganizzazione del personale docente e l’abbandono delle strutture, con persecuzioni ideologiche nei confronti degli educatori e mancanza di risorse per la politica educativa. Nella seconda metà degli anni ’90, la ricomposizione universitaria è iniziata con: a) l’incorporazione del sistema dipartimentale; b) creazione della carriera didattica aperta e del regime di dedizione esclusiva; e) espansione dell’istruzione superiore aumentando il numero di posti vacanti nelle università pubbliche e massificazione degli istituti privati, compresi i corsi di ampliamento universitario e, d) depoliticizzazione tecnica e amministrativa dell’istruzione superiore. Pertanto, la conoscenza è sempre più specializzata con un orientamento diversificato (FERREIRA et al., 2017, p. 36).

La teoria sociologica ha introdotto negli anni ’50 il concetto di generazione[4] che si riferisce a un gruppo di persone che condividono, nel corso della vita, tradizioni, cultura, esperienze di vita storica e sociale. Sperimentano uno stadio di vita simile, predisposto a una modalità comune di pensiero e comportamento. Il censimento demografico condotto nel 2010 dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), ha mostrato l’esistenza di oltre 18 milioni di giovani (dai 18 ai 24 anni) nel paese, che rappresentano il 10,22% della popolazione totale, questa porzione che diventa un target di riferimento delle strategie aziendali marketing, media, industria dei consumatori e del tempo libero (2012), perché ogni fascia di età tende a richiedere un aggregato di beni e servizi , e dopo il consolidamento e la stabilità professionale la propensione all’acquisto è più elevata (BRANCO; MELLO, 2020, p. 6).

Il periodo inteso per una generazione non è a tenuta stagna i parametri sociologici ed economici ha vent’anni, si può essere maggiori o minori, ciò che differenzia è il cambio di paradigma nella routine della maggior parte delle persone, come la Generazione Z potrebbe essere nata dal 1995, sinonimo di nativi digitali, con destrezza viscerale con computer, internet e smartphone. Sono i giovani che arrivano all’università, dal 2015, con caratteristiche, motivazioni, competenze, preoccupazioni e stili di apprendimento diversi dalle generazioni precedenti. Anche se è nato in un periodo di espansione e crescita economica, secondo i registri del prodotto interno lordo (PIL), con progressi successivi tra il 2003 e il 2013. I nuovi arrivati dalle università, non si illudono sulle loro prospettive di lavoro e dovrebbero restituire le loro competenze all’imprenditorialità, all’indipendenza, alla visione dell’inserimento in un’economia di basi globali.

In campo educativo, il nuovo secolo porta una generazione di studenti digitali e multitasking incapaci di stare a lungo ad ascoltare un insegnante, poiché considera inconcepibile la possibilità di memorizzare le informazioni. Parallelamente alla rivoluzione tecnologica c’è la politica economica neoliberale, con l’apprezzamento dell’economia improduttiva investimenti finanziari che non creano nuove tecnologie o generano nuovi posti di lavoro, e il modello di produzione toyotista del 2012 l’offerta di prodotti non sarà mai superiore alla domanda, il che si traduce nella diminuzione dei prodotti in magazzino, stabilità nel prezzo di un calo buono e improbabile dei profitti degli investitori u2012 , diffondono disoccupazione e lavoro precario in tutto il mondo. Tuttavia, la crescita economica presuppone l’aumento della capacità produttiva e può essere innescata da: a) progresso tecnico; b) aumento del volume del capitale e della forza lavoro e, e) scoperta di nuove risorse naturali. Come si prevede che aumenterà la qualità della vita della popolazione a lungo termine (BRANCO; MELLO, 2020, p. 3-4).

Secondo il Consiglio Federale di Ingegneria e Agronomia (CONFEA) Engineering è composto da diverse specificità, solo per citarne alcune: civile, ambientale, informatica, controllo e automazione, elettrico, meccanico, olio, produzione, chimica, telecomunicazioni, software, cibo, energia, silvicoltura, aeronautica, bioenergetica, biomedicale, produzione, sistemi, materiali, servizi igienico-sanitari tra gli altri. Settori di conoscenza di fondamentale importanza per la società, in quanto indispensabili per lo sviluppo economico. Dal punto di vista della Confederazione Nazionale dell’Industria (CNI) non si dovrebbe mantenere l’attuale scenario dell’educazione ingegneristica in Brasile, con programmi di studio volti a addestramento di un ingegnere per competere in un mercato globale. Ignorare le esigenze locali e la crisi della disoccupazione che dovrebbe essere discussa nell’accademia, con proposte per superarla o attenuarla (ARANHA; SANTOS, 2016, p. 2).

Le raccomandazioni formulate dal CNI, non recenti, almeno dieci anni fa, chiede la riformulazione del contenuto programmatico dei corsi di ingegneria in Brasile, chiede l’innovazione dei curricula universitari che partono dall’amministrazione centrale del ministero dell’Istruzione (MEC), segnalando un passo falso tra i piani di lavoro dei dipartimenti di ingegneria delle università brasiliane e le competenze dei professionisti richieste dal settore produttivo. Bisogna onorare la formazione di persone con menti creative, innovative e in grado di affrontare le nuove sfide delle organizzazioni. Come contributo, indicano la possibilità di sperimentare l’apprendimento basato sui problemi (ABP) cercando di coinvolgere gli scapoli nello sviluppo di capacità imprenditoriali, studi autodiretti, capacità di ascoltare, discutere e risolvere problemi (ARANHA; SANTOS, 2016, p. 3).

D’altra parte, l’Istituto nazionale di studi e ricerche educative Anísio Teixeira (INEP), l’organismo responsabile della conduzione dell’esame nazionale di rendimento degli studenti (ENADE), nel questionario socioeconomico engenharia Grupo I del 2012, anno 2011, ha voluto conoscere dai tirocinanti il collegamento del contenuto programmatico con il rendimento professionale, con l’indicazione di quattro risposte alternative: a) contribuisce ampiamente, il 50,5% degli intervistati; b) contribuisce parzialmente, il 41,2%; e) contribuisce molto poco, il 7,4% e d) non contribuisce, lo 0,9%. Il punto di vista degli studenti è di adeguatezza, con la metà degli intervistati che indica che le materie curricolari sono in sintonia con le conoscenze indispensabili per l’esercizio dell’ingegneria e oltre il 40% parzialmente valutate.

L’apprendimento attivo comporta una serie di azioni partecipative che si verificano dalla costruzione di significati da parte dello studente, come incentivo al lavoro di gruppo, presentazioni orali in aula e, lo sviluppo di progetti in relazione alle prestazioni nel mercato del lavoro, che favorisce la costituzione integrale della laurea triennale. In Brasile, i gruppi di ricerca in Scienza, Tecnologia e Società (CTS) lavorano prevalentemente nell’educazione scientifica. Gli ingegneri svolgono un ruolo chiave nei processi generando idee e soluzioni che si trasformano in nuove tecnologie. Avere una partecipazione attiva al miglioramento continuo dei prodotti e alla gestione delle metodologie, con l’obiettivo di attività di Ricerca, Sviluppo e Innovazione (PD&I) ‒ (ARANHA; SANTOS, 2016, p. 7)

La diffusione delle esigenze del segmento industriale, rappresentato dalle di gestione del CNI, dalla formazione degli ingegneri dipenderà, in via preliminare, dalla formazione del personale docente e dalla valutazione delle opportune prospettive pedagogiche e, in considerazione del contesto trovato, da fare le loro scelte didattiche. Avere la chiarezza delle sfide che si materializzano nelle aule quotidiane delle università brasiliane, assicurandosi che gli sforzi attuali promuovano le conoscenze, le abilità, gli atteggiamenti e i valori che dovrebbero essere pienamente validi in più di dieci anni, quando gli ingegneri lavorino nel mercato del lavoro e contribuiscano allo sviluppo economico del paese. Nella parte in cui si ritiene che la formazione generale non sia in grado di soddisfare le richieste dei contraenti, si dovrebbe considerare che un’attività specifica può essere obsoleta in un breve periodo di tempo (FERREIRA et al., 2017, p. 41).

Nadja Cabete (2020, p. 13) sottolinea che i programmi pedagogici dei corsi di ingegneria non possono più essere qualcosa di concreto e tradizionale, anche se i conoscitori che non dovrebbero cambiare costantemente, perché c’è un flusso di studenti in base al numero di posti vacanti offerti ogni sei mesi, con un minimo di dieci semestri per il completamento della laurea triennale. Può causare disturbi agli studenti in caso di adattamento delle griglie disciplinari e il corso è essenziale. Come si nota, la preoccupazione di conciliare il contenuto dei programmi di studio con le esigenze del mercato del lavoro è evidente. Questo concettualizziamo come:

Aziende e istituzioni che richiedono o assorbono il lavoro di questi professionisti, o anche come datori di lavoro, perché è dall’immaginario sociale che il professionista laureato in ingegneria è pronto ad entrare in questo rapporto di acquisto e vendita come rivenditore in grado di offrire le proprie potenzialità per svolgere il lavoro a possibili acquirenti di questa merce, questi, a loro volta, avrebbero le loro esigenze soddisfatte dallo sforzo del lavoro di questo professionista.

Le metodologie attive prendono lo studente da una posizione inapetente rendendolo responsabile della costruzione della conoscenza e il docente funge da mentore indicando il metodo preferito che mira all’apprendimento più efficiente. L’educatore dell’istruzione superiore non dovrebbe concentrarsi sull’adempimento del programma o con le forme di valutazione, a causa del carattere libero della pratica pedagogica, con efficaci attività extracurricolari, al fine di preparare al meglio la formazione alla vita professionale, sempre più instabile. Il tutor è di fronte a una classe di scapoli più indipendenti e autonomi (generazione Z), con lo smartphone tra le mani e l’interrogatorio nella mente. Tuttavia, dopo aver lasciato l’università, dovranno affrontare il mondo del lavoro con alti tassi di disoccupazione, esternalizzazione, occupazioni informali, attività autonome e imprenditorialità (BRANCO; MELLO, 2020, p. 9-10).

Il processo storico richiede una formazione umanistica in modo che i futuri ingegneri brasiliani abbiano una sensibilità critica, come sottolinea Ferreira et al., (2017, p. 38) “in relazione alle questioni sociali e ambientali incorporate nelle tecnologie, avvicinandole a un quadro più realistico della natura sociale del C&T e del ruolo politico degli esperti nelle società contemporanee”. La ricerca CTS  è interdisciplinare, componendo un dominio correlato tra diverse aree della conoscenza, con particolare attenzione alla storia, alla matematica, alla filosofia e alla sociologia. Vale anche la pena di dire che la costruzione di un’agenda nazionale di sviluppo che inevitabilmente sarà attraverso il rilancio dell’ingegneria per agire in aree strategiche come: costruzioni pesanti, idroelettriche, petrolifere, stradali e abitative, che dovrebbero ampliare l’offerta di corsi di specializzazione, mantenendo la laurea triennale con formazione di base.

L’istruzione universitaria dovrebbe fornire prestazioni proattive e trasversali, in grado di consentire alla persona di agire con autonomia, leadership, cooperazione, creatività e resilienza. Nella fase di prestazione professionale dovrebbe contare sulla possibilità di lavorare nei fine settimana e nelle vacanze; oltre ad affrontare problemi reali e insoliti. Poiché la persona deve essere predisposta ad agire in gruppo e sviluppare la socialità, mantenendo l’autosufficienza per l’invenzione e la decisione. I contesti politici, economici, pedagogici e culturali mostrano una convergenza nel senso che l’apprendimento è formato da solide basi teoriche alleate alla pratica del lavoro quotidiano, attraverso stage. Perché la società è inserita in un ambiente tecnico-scientifico-informativo, dove i professori universitari, ad esempio, non hanno tempo curriculare per riallineare le conoscenze di base o l’inclusione digitale dello studente. Deve assimilare il contenuto programmatico nella serie appropriata, indispensabile per seguire il successivo curriculum scolastico ed essere pronto ad entrare nel mercato del lavoro, quando è conveniente (BRANCO; MELLO, 2020, p. 12-13 e 15).

La strutturazione del curriculum ingegneristico in Brasile è avvenuta attraverso la risoluzione del Consiglio federale dell’istruzione (CFE) n. 48, del 28/4/1976, che ha fissato i contenuti minimi, compresi i menu delle discipline, la durata del corso e le qualifiche degli studenti universitari. Come indicato dalla struttura di base delle discipline di formazione generale, e da un’altra diversificata, che comprendeva temi di rivestimento professionale e argomenti specifici. Le attuali linee guida sono nel Parere CNE/CES n. 1, del 23/1/2019, con ristrutturazione dei curricula, l’inserimento di una serie di attività associate al contenuto dei corsi, indicando l’organizzazione per competenze e la cultura dell’era tecnologica. Preferendo non fissare i temi delle discipline, ma enuncia aree che dovrebbero incontrare una solida formazione con concatenamento delle materie per il miglior utilizzo degli scapoli durante la laurea.

Di fronte alla realtà che gli studenti universitari sono nati nell’Era della Conoscenza e qualificati con la TICS, che richiede la formazione di professori universitari per cogliere il potenziale educativo combinando conoscenza e piattaforme digitali per sfruttare il tempo che si trovano all’università per una solida strutturazione finalizzata alla professionalizzazione. Tuttavia, la generazione Z è consapevole che è essenziale aggiornare l’apprendimento, attraverso corsi di specializzazione, o anche studi costanti sull’area in cui lavorano. La tradizione del secolo scorso, quando le competenze avevano dieci o più anni, oggi non hanno corrispondenza, le conoscenze teoriche dovranno seguire la pratica durante la vita lavorativa degli ingegneri (CABETE, 2020, p. 5-6).

Le caratteristiche strumentali e performative che portano alla formazione di capacità e competenze sempre più convogliate verso il mercato del lavoro degli ingegneri. È osservato nelle National Curriculum Guidelines (DCN) dei corsi di ingegneria, con innovazioni nella comprensione del ruolo degli ingegneri nei settori dell’edilizia civile, nel settore industriale, come nell’imprenditorialità. Le autorità statali e l’amministrazione degli istituti di istruzione superiore (IIS) uniscono gli sforzi per fornire agli studenti una formazione generalista, umanistica, creativa e riflessiva, con:

a) nucleo comune della formazione di base con il 30% del carico di lavoro minimo;

b) nucleo professionale generale con un carico di lavoro minimo del 15%;

c) gli altri contenuti specifici, 55% da scegliere e dividere in base all’interesse di ogni IIS per la formazione specifica.

Le nuove linee guida sui programmi di studio per i corsi di ingegneria – attualmente in discussione in tutte le università, i centri di istruzione superiore e gli enti di classe che rappresentano diverse nicchie dell’economia – propongono che i programmi soddisfino i seguenti requisiti:

a) migliorare e garantire la qualità dell’istruzione ingegneristica come fattore fondamentale;

b) consentire una maggiore flessibilità curricolare in modo che gli istituti di istruzione possano, oltre alla formazione di qualità, innovare anche nei loro modelli di formazione e,

c) ridurre il tasso di abbandono scolastico e aumentare la fidelizzazione degli studenti nei corsi di ingegneria. (CANDIDO et al., 2019, p. 127).

La comprensione più recente è che gli studenti partecipano attivamente al processo di apprendimento, attraverso l’interazione insegnante / studente in attività pratiche di laboratorio o sul campo. Cosa può facilitare le pratiche e la dinamizzazione del processo di insegnamento-apprendimento, garantendo risultati migliori. Con ciò l’insegnante non è più il centro dell’irradiazione della conoscenza e diventa il mediatore pedagogico in classe; L’educatore ha il compito di motivare e facilitare l’apprendimento degli argomenti, dimostrando l’importanza del tema, insieme a convincere gli studenti della rilevanza e dell’utilità delle materie trattate in aula o in altri spazi destinati a esperienze pratiche che devono essere parte dell’infrastruttura. di IIS (CANDIDO et al., 2019, p. 129).

Il governo federale è attento alle esigenze dell’efficacia dell’istruzione di terzo grado attraverso insegnanti specializzati nell’insegnamento. Pertanto, ha incoraggiato la ricerca in aree strategiche che hanno già presentato risultati, notando che gli educatori universitari avevano una laurea fino all’ultimo diploma previsto dalla LDB (legge 9.394/1996), ma nell’attività professionale e non, nello specifico, nell’insegnamento. Alla luce di tale verifica, è stata sanzionata la legge 12.863/2013, che rende obbligatorio, per la carriera dell’insegnamento superiore delle istituzioni pubbliche federali, il titolo di medico con una propria formazione per l’insegnamento.

Soprattutto, per le aree dell’ingegneria è già stata strutturata la specificità ingegnere-docente, come carriera, perdendo la vocazione di complemento di reddito o di attività secondaria del professionista. Rendendo evidente che c’è il ramo all’interno dell’area, con la formazione accademica per l’attività finale dell’insegnamento. Un educatore deve avere una solida conoscenza e padronanza di un contenuto specifico, combinato con conoscenze pedagogiche per sviluppare un contenuto. Le prestazioni didattiche sono essenziali affinché le informazioni siano comprensibili per gli studenti e attirino l’attenzione sull’importanza del tema affrontato. C’è una grande sfida per il sistema educativo, che è quello di evitare di abbandonare il corso da parte degli studenti, secondo i dati dell’INEP, nel 2018, ha raggiunto il 38% degli studenti universitari che hanno abbandonato la scuola prima della laurea, con una perdita stimata di circa R $ 17 miliardi / anno (CANDIDO et al., 2019, p. 131).

Secondo la registrazione del MEC ci sono più di 800 hei in funzione nel paese, debitamente autorizzati a insegnare la laurea triennale in ingegneria. I dati del Censimento dell’Istruzione Superiore 2018 confermano il flusso regolare di studenti nelle aree ingegneristiche, con 1.170.660 studenti iscritti, con una crescita del 13,85% rispetto all’anno precedente. Con 163.310 laureati nello stesso anno, con un incremento del 12,92%. Nello specifico sugli ingegneri civili, 52.730 bachelor hanno tenuto ENADE-2017, che è un prerequisito per ottenere il diploma. Si stima che 60.000 ingegneri civili completino la laurea ogni anno (MEC/INEP, 2019).

3. IL SEGMENTO ECONOMICO DELL’EDILIZIA CIVILE

Tra il 2004 e il 2013 c’è stato un periodo di prosperità per il segmento delle costruzioni, secondo la Camera brasiliana dell’industria edile (CBIC), nel periodo sono state create 141.415 imprese edili nel paese, per un totale di 223.773. Nel 2014 è stata creata una task force della Procura federale (MPF) a Curitiba-PR, con la partecipazione della polizia federale (PF) e del Tribunale federale (JF) collegata all’allora giudice federale Sérgio Moro, chiamato Lava Jato. Al fine di indagare su presunte irregolarità che coinvolgono persone legate all’amministrazione di Petróleo Brasileiro S.A. (Petrobras) u2012 società quotata in borsa (società), avendo come azionista di maggioranza l’Unione u2012, che ha causato un brusco calo del segmento del settore delle costruzioni pesanti, raggiungendo le più grandi società di costruzioni nazionali (CBIC, 2020).

Le pratiche di cartello, il pagamento di tangenti, il finanziamento elettorale con ritorno attraverso benefici con risorse pubbliche e le misure illegali perpetrate da questi imprenditori sono noti ai brasiliani, nella migliore delle ipotesi, dagli anni ’50. È un insieme di azioni provenienti dalla cosiddetta Repubblica di Curitiba, ma il protagonismo si è moltiplicato per diversi stati e uffici del JF e dell’MPF, con elementi di arbitrarietà e pratiche statali di eccezione, l’evidenza indica che si trattava di un progetto politico di un gruppo circoscritto di funzionari pubblici in posizioni non elettive (Pinto et. al., 2019, p. 122-123).

Le indicazioni sono che Lava Jato serviva gli interessi di un’élite politica nazionale e di compagnie straniere, specialmente per l’esplorazione del petrolio che è stata studiata da Petrobras nello strato pre-sale della costa brasiliana. Nel giugno/2019 sono stati pubblicati numerosi dialoghi intercambiabili tra i membri dell’operazione di messaggistica di gruppo nell’applicazione web Telegram, anche se tutti gli esecutori dei diritti non hanno negato alcuna parola di ciò che è stato pubblicato fino ad oggi:

Lava Jato ha avuto un forte sostegno da parte di agenzie governative straniere, in particolare il progetto “Bridges”, promosso dall’ambasciata degli Stati Uniti, che includeva corsi sui crimini finanziari e sul riciclaggio di denaro, con lezioni tenute da esperti del Dipartimento di Giustizia e degli Stati Uniti. Il giudice Sérgio Moro fu uno di quelli che presero questo corso, che aveva attività presso il consolato di Rio de Janeiro. Lo stesso giudice ha un corso molto controverso durante tutta l’operazione. Altamente premiata dalle organizzazioni Globo e dalla Camera di Commercio Brasile-Stati Uniti, la causa contro l’ex presidente Lula, che include una serie di visite, viaggi e conferenze all’estero, soprattutto negli Stati Uniti. L’attuazione di questa agenda interferisce con le politiche interne dei paesi e serve ad aprire i mercati del capitale transnazionale, abbattendo le barriere che uniscono il capitale locale all’apparato statale nei paesi periferici (Campos, 2019, p. 137).

Petrobras ha sempre dato la priorità agli investimenti nella ricerca in acque profonde, nell’esplorazione e nell’esplorazione del petrolio. Nel 2006 sono stati scoperti i campi dello strato pre-sale della costa oceanica brasiliana, con significativi depositi di petrolio, e possono elevare il paese al rango di avere una delle dieci più grandi riserve del mondo. Gli esperti del settore affermano che questa è stata la più grande rivelazione nel segmento petrolifero globale negli ultimi cinquant’anni. Pedro Campos (2019, p. 142) sottolinea che

con la tecnologia sviluppata da Petrobras, i pozzi iniziarono ad essere esplorati. Alla fine del 2018, il costo dell’esplorazione pre-sale è stato di circa US $ 7,00 al barile, alla fine dello stesso anno, il pre-sale rappresentava il 58% di tutta la produzione nazionale di petrolio.

Il fatturato lordo delle cinquanta maggiori società nazionali di costruzioni nel 2013 è stato di oltre 70 miliardi di R $ e circa R $ 37 miliardi sono stati spesi direttamente dal governo e avevano più di 3 milioni di dipendenti. Nel 2015, le stesse società hanno avuto un fatturato lordo di circa R $ 40 miliardi, con R $ 14 miliardi provenienti dal caso dei rifiuti. Il numero di lavoratori si è ridotto a poco più di 2 milioni, secondo i dati della Camera brasiliana dell’industria edile (CBIC). Tuttavia, non sono state solo le aziende indagate ad essere colpite, ma l’intera catena di produzione edilizia ha rallentato; indirettamente fino a quando gli investimenti privati non sono stati indeboliti da problemi di immagine di mercato. La presidente Dilma Rousseff ha inaugurato il suo secondo mandato l’1/1/2015, tuttavia, in pratica non ha regolato questo compito, con l’insediamento di una crisi politica, il Congresso Nazionale ha reso impossibile qualsiasi misura di aggiustamento economico, causando paralisi del ramo esecutivo, culminata nella rimozione del presidente il 17/04/2016 (Ferreira, 2016, p. 49-50).

Le imprese edili indagate da Lava Jato avevano risalto nello scenario imprenditoriale nazionale, l’attività principale dei gruppi: Odebrecht era petrolchimico; Andrade Gutierrez, telecomunicazioni; Camargo Corrêa è stato uno dei più grandi conglomerati brasiliani, con azioni nei settori del cemento, del tessile e delle calzature. Ricordando di essere appaltatori con assorbimento del lavoro dei più svariati livelli di istruzione e specializzazione u2012 da meno qualificati e senza istruzione scolastica a professionisti con la più alta formazione u2012, le misure attuate dall’operazione hanno causato danni inimmaginabili all’occupabilità (Pinca; Rozzetto, 2018, p. 55).

Società di costruzioni come Odebrecht, Andrade Gutierrez, Camargo Corrêa, Queiroz Galvão e OAS hanno effettuato vendite di attività dei loro gruppi e hanno iniziato ad affrontare seri problemi con i creditori; seguito le domande di ristrutturazione del debito e fallimento. Ad esempio, Andrade Gutierrez ha già ricoperto la posizione della seconda più grande impresa di costruzioni del paese, ma nel 2016 non ha più avuto un bilancio positivo e ha contato perdite per R $ 169 milioni. Odebrecht divenne associata alla Petrobras, fu la società di costruzioni che ebbe il suo primo contratto con la compagnia statale nell’anno della sua fondazione, nel 1953, quando le attività della compagnia petrolifera si concentrarono nel nord-est del Brasile. L’operazione Lava Jato ha distrutto le imprese edili che lavoravano nei grandi lavori, come risulta negativamente nella filiera produttiva del segmento delle costruzioni che ha più di 97 attività coinvolte nella fornitura di forniture e servizi (Jorge, 2018, p. 28).

Inevitabilmente, generando un’elevata disoccupazione con i licenziamenti effettuati; per illustrare la disoccupazione totale nel 2014, era di 6,8 milioni di persone, salendo a 11,8 milioni nel 2016, secondo una pubblicazione dell’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), responsabile del Ricerca nazionale per Campione di Domicilio (PNAD). Passaggio del predominio dell’economia brasiliana al regime di accumulazione delle esportazioni primarie; le cause dirette di questa crisi sono legate agli effetti dell’operazione Lava Jato, all’instabilità politica e al passaggio dal modello economico a quello neoliberista, come deciso dal presidente Michel Temer e dal squadra (Campos, 2019, p. 128).

Le società di consulenza Tendência e GO Associados hanno stimato che l’operazione Lava Jato ha contribuito tra il 2,0 e il 2,5% all’anno nell’autunno del 3,8% e del 3,6% del PIL nel 2015 e nel 2016, rispettivamente. Poiché non si tratta più di ventilazioni, ma di risultati di collaborazione tra il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e la task force della Repubblica di Curitiba, come evidenziato da Pinto et al. (2019, p. 129)

Lava Jato fa luce sul legame tra interessi esterni e interni. Le prime informazioni sarebbero arrivate dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti trasmesso dall’NSA, che spiava Petrobras per essere interessato all’esplorazione in acque profonde dello strato pre-sale.

Lava Jato ha generato il declino dei gruppi di costruzione brasiliani e l’apertura all’ingresso di aziende internazionali.

Nel 2017, la società di costruzioni China Communications Construction Company (CCCC), nominata membro del terzo gruppo di ingegneria al mondo, ha acquistato la Rio Concremat. L’amministrazione del presidente Bolsonaro segnala privatizzazioni nei settori bancario, elettrico, igienico-sanitario e altri segmenti; noto per essere di interesse da parte di gruppi stranieri, con enfasi sui cinesi. Con tutti i danni causati alle comodità nazionali, il settore più colpito è stato quello del petrolio e del gas; obiettivo primordiale di avidità da parte di compagnie straniere – compagnie petrolifere americane, europee e asiatiche – a scapito degli appaltatori brasiliani (Campos, 2019, p. 141).

Di fronte all’improvviso cambiamento nella catena di produzione delle costruzioni, ha coperto i progetti personali degli ingegneri civili e le prospettive dei futuri professionisti che erano ancora all’università. Con la crescita del settore in modo continuo e imponente dal 2003, non vi era alcuna prova che potesse avere discontinuità e, tanto meno, un forte declino. Tuttavia, è diventata una realtà per i brasiliani, con precarietà e svalutazione del lavoro in generale, in particolare, gli ofattori di lavoro nel segmento economico dell’edilizia.

4. LA PROFESSIONE DI INGEGNERE CIVILE, IN BRASILE, DOPO L’OPERAZIONE LAVA JATO

L’ingegnere professionista è una persona con un profilo di versatilità e ben informata sulle scienze esatte, come la matematica e la fisica, con multi-abilità, il che lo rende versatile per perseguire varie occupazioni retribuite. La persona che ha scelto l’ingegneria civile come professione, inizia la formazione nella laurea triennale che può essere considerata lunga, con un minimo di cinque anni solo all’università. Il che indica che quando si completa il corso lo studente è già in età adulta, è naturale essere legati alle possibilità di trovare lavoro il prima possibile. Nel caso in cui l’occupabilità non sia favorevole, come sottolinea Neiva (1996, pag. 205-206): proseguire gli studi o entrare professionalmente, il tipo di occupazione e l’area professionale specifica in cui si desidera lavorare. Quale può essere un’alternativa gradita ai corsi di miglioramento, poiché il profilo desiderato è con una solida conoscenza generale e almeno una specificità con dominio robusto.

Di fronte alle sfide che i professionisti dell’ingegneria civile stanno affrontando dopo l’operazione Lava Jato e, nel 2020, con l’avvento della pandemia di coronavirus, l’incertezza colpisce l’umanità. La psicologa Katia Neiva ha ricercato l’effetto della disoccupazione e le difficoltà che le persone incontrano, in particolare i neolaureati nell’aspettativa e nell’ansia di entrare nel mercato del lavoro. Influisce sul benessere psicologico degli individui, causando reazioni avverse e sintomi, perché la persona ha bisogno di parlare con altre persone sconosciute, partecipare a interviste e processi di selezione. Il candidato può avere sintomi depressivi, uno stato d’animo che influisce negativamente sul potenziale di coloro che sono alla ricerca di un lavoro, come descrive Neiva (1996, p. 204): “i disoccupati tendono ad avere una minore autostima, sviluppano sintomi depressivi e apatia; essere meno soddisfatti della vita e con bassa motivazione professionale; con una ridotta capacità di prendere decisioni e attribuire la disoccupazione principalmente a cause esterne.

Quando il settore produttivo non riesce ad assorbire gran parte del lavoro disponibile, la discriminazione è più evidente, tra cui Frio e Cechin (2019, p. 65) classificano in tre tipi generali: a) discriminazione del dipendente (u2012) preferisce lavorare solo con persone che non discrimina; b) discriminazione del datore di lavoro u2012 vedono lo stipendio (costo) al di sopra del valore monetario da pagare e, e) discriminazione del cliente u2012 quando vedono persone che disprezzano, aggiungere al costo del prodotto l’avversione. Ciò può causare maggiori svantaggi a un gruppo di persone, indipendentemente dalla loro formazione tecnica.

La disoccupazione è grande per ogni candidato al lavoro, ma la sfida è ancora maggiore per i neolaureati, che si aggiungono alla realtà di: crisi politica, economica e sanitaria, con discriminazioni e critiche rivolte ai giovani inesperti nella carriera dell’ingegneria civile e, con precedenti per le donne. Dal 2015, in Brasile, la domanda è di ingegneri maschi, di età compresa tra i 35 e i 59 anni, a mente che il segmento economico dell’edilizia preferisce professionisti che hanno esperienza nell’attività. Vale la pena notare che, nel 2011, per la prima volta, il numero di biglietti nella laurea in ingegneria ha superato i postulanti per la laurea triennale in scienze giuridiche. Il Registro generale dei lavoratori dipendenti e dei disoccupati (CAEGED), del Segretariato speciale per la sicurezza sociale e il lavoro (SEPT), collegato al Ministero dell’Economia (ME), mostra che dal 2014 la differenza tra ingegneri ammessi e licenziati è stata inversione, con un aumento dei licenziamenti (Lorenset et. al., 2020, p. 2-3).

Il mercato del lavoro, in generale, addebita l’esperienza dei professionisti, questo atteggiamento interrompe il flusso naturale del processo di formazione al lavoro, poiché i neolaureati dovrebbero essere assunti dai datori di lavoro, come assistenti di un professionista veterano, in modo che possano acquisire la pratica molto apprezzata. Si ritiene utile per tutti coloro che condividono le loro conoscenze, uno studente post-universitario può contribuire con nuovi metodi, che l’esperto potrebbe non conoscere ancora. Gli ingegneri brasiliani che lavorano nel settore privato sono composti principalmente da uomini bianchi che occupano più dell’80% dei posti di lavoro. Allo stesso modo, i sedici bianchi hanno più del 75% delle offerte di lavoro (FRIO; CECHIN, 2019, p. 62).

I dati mostrano che l’ambiente ingegneristico è sfavorevole alle donne e ai non bianchi. Nel segmento delle organizzazioni per l’edilizia, l’elettricità e l’agricoltura, la loro partecipazione è compresa tra il 13% e il 15%. Data questa realtà, il lavoro dell’ingegnere può essere soggetto a triplice pregiudizio, per il bene del genere, del colore della pelle e della cultura dell’inesperienza. La società, a metà della seconda decade di questo secolo, apprezza l’uomo come leader della famiglia e capo sul posto di lavoro. Le donne, ancora, non hanno raggiunto la meritata credibilità nelle attività legate al lavoro retribuito, anche se è innegabile che siano approfondite nell’analisi e nell’esecuzione dei progetti, eccellenti nella definizione dei progettisti, capacità di assimilare con eccellenza le aspirazioni del cliente, tra le altre potenzialità femminili (Oliveira et al., 2020, p. 23-24).

I settori con la più bassa disuguaglianza di genere riguardano le specificità dell’ingegneria ambientale e chimica, gli unici in cui le donne hanno più del 25% dei posti vacanti occupati. In media, le femmine sono remunerate per il loro lavoro con uno svantaggio del 25% rispetto a quello degli uomini bianchi nella stessa funzione; non bianchi meno 18% rispetto a quelli. Lo stipendio medio dell’ingegnere bianco è di 34,81 R$ all’ora/lavoro, mentre la donna nella stessa posizione è di 28,16 R$ per h/t (11,6% a favore degli uomini e 12,2% attribuito alla discriminazione). Nella fascia più bassa delle tasse, ottengono R $ 11,36 h / t e uomini bianchi R $ 14,73 h / t (FRIO; CECHIN, 2019, p. 63).

La legge 4.950-A, del 22/4/1966, indica il livello salariale degli ingegneri civili che entrano in occupazioni tipiche, deve corrispondere a 6 salari minimi per una giornata lavorativa di 6 ore al giorno e da 8,5 a 8 ore/giorno, per la formazione universitaria. Tuttavia, coloro che sono impegnati in occupazioni di medio livello tendono a ottenere una retribuzione oraria molto più bassa. Le professioni regolamentate attualmente regolamentate 57 sono più strutturate e, come stabilito dall’articolo 7, punto V della Costituzione/1988, dovrebbe esserci “un livello salariale proporzionale alla portata e alla complessità del lavoro”, che garantisca il valore di base, indipendentemente dalla contingenza strutturale dell’economia.

L’espansione economica o il restringimento sono i fattori che più influiscono sull’occupabilità e sui livelli di reddito delle famiglie. Compilando informazioni da vari indicatori statali, si verifica che i rapporti di lavoro dei professionisti nell’anno successivo alla laurea, dichiarati nell’Elenco annuale delle informazioni sociali (RAIS), in ENADE u2012 organizzati in cicli tematici triennali e, nella Classificazione brasiliana delle professioni (CBO). Neolaureati in ingegneria, solo il 31% ottiene un’assegnazione immediata. Recenti studi nel campo delle neuroscienze assicurano che non vi sia alcuna relazione diretta tra il voto raggiunto dallo studente durante il corso frequentato e l’occupabilità, come la retribuzione del suo lavoro subito dopo aver lasciato l’università, perché ci sono altre forme di apprendimento e formazione che non vengono catturate dalle prestazioni nei test (Maciente et al., 2015, p. 10).

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Dalle informazioni a cui si accede per il presente studio, si può vedere che l’occupabilità degli ingegneri civili è stata altamente mietitrice dal 2014. Interrompendo bruscamente un periodo di crescita di circa tredici anni, dovuto direttamente al ruolo dell’operazione Lava Jato. Sulla scia della globalizzazione economica, i grandi appaltatori brasiliani erano in competizione sul mercato transnazionale, portando la tecnologia sviluppata internamente in altri paesi, in particolare in America Latina, Africa e Medio Oriente. Con ottime prospettive per la crescita del mercato del lavoro per i professionisti che lavorano nella filiera produttiva delle costruzioni.

L’instabilità politica ha ripercussioni in tutti i settori dell’economia, soprattutto quando fanno scelte demagogicamente disastrose, come le cosiddette riforme del lavoro del 2017, il tetto di spesa PEC 2016 (popolarmente la PEC della morte) e la sicurezza sociale nel 2019, che ha irrimediabilmente danneggiato la classe operaia. Il marketing propagato dai media e dalle società aziendali non ha affatto confermato un beneficio, ma gli indici mostrano che non è stato creato alcun lavoro e le proiezioni attuariali indicano che una parte trascurabile dei brasiliani sarà in grado di andare in pensione per tempo o età contributiva.

Le ripercussioni di Lava Jato entro la fine del 2018, con l’entrata in vigore della cosiddetta riforma del lavoro (legge 13.467/2017) non hanno contribuito alla generazione di posti di lavoro e, ovviamente, non vi è alcuna possibilità per i lavoratori di negoziare le basi dei contratti direttamente con il datore di lavoro a parità di condizioni. Ciò che accadde fu il valore precario della forza lavoro, che la società chiamò urberizzazione:

Tra queste pratiche c’è la formalizzazione della prevalenza della negoziazione sulla legislazione. Queste nuove aziende hanno assunto un ruolo guida nel processo contemporaneo di sostituzione dei fornitori di servizi tradizionali collegando attraverso applicazioni digitali, consumatori e servizi la speranza di risolvere i problemi sociali da illusioni fugaci basate sul discorso dell’imprenditorialità di forte appeal individualista. Tra i suoi mantra e banalità, uno dei più ricorrenti è la possibilità aperta da questi nuovi mercati di essere l’imprenditore di se stesso. Questa narrazione ideologica mimetizza il rapporto tra dipendente e datore di lavoro, come nel caso degli autisti Uber e di altre app di trasporto.

Questa economia basata sulla condivisione, che si tratta di viaggi, immobili, consegne, tra gli altri servizi specifici, promette una maggiore integrazione sociale tra le persone, che romperebbe il grande monopolio delle aziende già consolidate sul mercato (Iora, 2019, p. 35).

L’urberizzazione sintetizza la fragilità dei rapporti di lavoro, non solo in Brasile, ma in tutto il mondo, dove alcune aziende sono in scia e transnazionalizzate. D’altro canto, i singoli imprenditori lavorano fino a 16 ore al giorno e non possono nemmeno sostenere le loro famiglie, contribuire alla sicurezza sociale e avere accesso a linee di credito per la proprietà della casa. Iora (2019, p. 41) ha sottolineato che

non ci sono rapporti di lavoro tra i lavoratori e la società Uber, la società è esistita perché i suoi pagamenti vanno direttamente nei Paesi Bassi. Il Brasile è il secondo mercato più grande di Uber; il primo è con gli Stati Uniti, con attività a partire dal 2012. Uber ha avuto ricavi per 959 milioni di dollari nel 2018.

La nomina dell’azienda è solo indicativa, in quanto è il modello di datore di lavoro di successo negli ultimi cinque anni.

L’azienda non considera i suoi autisti come dipendenti, ma piuttosto come: dipendenti, partner, autoimprenditori di se stessa. Secondo i dati IBGE, tramite PNAD continuo, a dicembre/2019, il paese aveva 1.125.092 autisti di applicazioni, con la mancanza di lavori formali che le persone registrano, con intenzioni temporanee, per guidare come autista, fino a quando la crisi non passa o trovare un’altra occupazione. La raccolta dei dati ha mostrato che le app di consegna e trasporto sono il più grande “datore di lavoro” in Brasile. La precarietà del lavoro si basa sull’outsourcing, compresa la fine dell’area delle aziende, che è stata legalizzata nell’ambito della riforma del lavoro 2017 (IBGE, 2019).

L’ultima pubblicazione di RAIS è stata con i dati del 2018. Lo scenario indica che ci sono circa 400.000 ingegneri che non possono lavorare nell’area in cui si sono formati, ma non hanno dettagliato le specificità e dove sono concentrati. Secondo PNAD/IBGE, posizione dicembre/2019, indicano 94.552 milioni di brasiliani occupati, di cui 38,806 milioni che lavorano in informalità, pari al 41,4% delle persone che compongono la popolazione economicamente attiva (PEA), senza alcuna assicurazione sociale. Poiché c’è un numero espressivo di persone che hanno rinunciato a cercare lavoro u2012 ricerca di sgomento u2012, per un totale di 5,7 milioni di lavoratori. A complemento delle informazioni, secondo SETP/ME, sul portale dell’assicurazione contro la disoccupazione, si afferma che 536.844 persone hanno presentato domanda per questo diritto, con pagamento a febbraio/2020 (ME/SETP, 2020).

Le informazioni si riferiscono volutamente alla fine del 2019 e, al massimo, fino a febbraio 2020, perché l’11/3/2020, che ha riferito che la pandemia di coronavirus era in corso, che ha iniziato a cambiare la routine del mondo, con l’indicazione della quarantena (lockdown) come misura principale per contenere la diffusione del virus. Si tratta di un caso fortuito che non può essere previsto o evitato, il primo caso di infetti nel Paese, è stato registrato dal Ministero della Salute il 26/2/2020. Data la realtà della pandemia, la pianificazione delle politiche pubbliche non può essere effettuata, al massimo, concentrandosi su programmi di emergenza, soddisfacindo le raccomandazioni di isolamento sociale (OPAS BRASIL, 2020).

Per quanto riguarda la formazione degli ingegneri e, in particolare, la specificità civile, è tuttora in corso, con i posti vacanti disponibili e il numero di laureati della laurea triennale che rientrano nella regolarità antecedente al 2015. Come indicato dall’INEP, l’immediata preoccupazione del sistema educativo è con il ritiro, da parte degli studenti, durante la laurea. I dati sono completi e indicano che i corsi esatti hanno un numero maggiore di studenti che abbandonano, ma senza evidenziare quelli di ingegneria civile. Le istituzioni stanno affrontando la fuga degli studenti con il rafforzamento nella professionalizzazione didattica degli educatori, attraverso un prerequisito per entrare nella carriera di insegnamento delle istituzioni federali, che può essere seguito da tutti gli IIS del paese. Poiché rivedono costantemente il programma di ciascun corso per adattarsi alla realtà del mercato del lavoro e all’attrattiva per i candidati con la disponibilità della tecnologia più avanzata nei college (MEC / INEP, 2019).

6. CONCLUSIONE

Il Brasile è classificato come appartenente al blocco della nazione periferica alta concentrazione di reddito, sviluppo umano limitato, bassa qualità nell’istruzione e nella sanità, infrastrutture in corso, avendo come caratteristica dipendono dalle politiche pubbliche per il finanziamento di programmi e progetti che possono fornire l’espansione dell’economia e fattori di produzione. Analizzando la contingenza della professione di ingegnere civile nel periodo tra il 2015 e il 2020, conferma la dipendenza delle risorse provenienti dai bilanci pubblici per aumentare l’occupazione e il reddito di gran parte della popolazione.

Nel caso del segmento delle costruzioni, l’impatto negativo maggiore è stato l’esecuzione della disastrosa operazione Lava Jato che persegue grandi appaltatori operanti nel segmento dell’ingegneria pesante, con contratti multimilionari con società pubbliche, come Petrobras e le grandi opere infrastrutturali progettate dalle tre sfere di Stato: l’Unione, gli Stati membri, il Distretto federale e i comuni. Si è notato l’impreparazione di alcuni membri dell’MPF che hanno indagato e giudiziario i casi e, i magistrati che hanno deciso di penalizzare le società (CNPJ) e non gli amministratori che non rispettavano la legge.

L’obiettivo di questo studio si concentra sull’analisi della formazione e dell’occupabilità degli ingegneri civili in Brasile, si può vedere che, indubbiamente, con le instabilità presenti nella potenza centrale del paese, danneggia direttamente il segmento economico della costruzione civile. Dal 2015, con un alto tasso di disoccupazione in tutte le professioni, il caso degli ingegneri è stato più efficace a causa dell’elevato costo della formazione, con l’aspettativa di una retribuzione più elevata, cosa che non avviene, perché sono stati colpiti da diversi fattori che convergevano nella disoccupazione: deindustrializzazione del paese, bassi investimenti pubblici nelle infrastrutture, riforma del lavoro che dà priorità all’accordo tra lavoratore e addetto ai servizi , pandemia causata dal Covid-19 tra gli altri fattori strutturali. Come parte, il valore della forza lavoro degli ingegneri civili è troppo basso o obsoleto.

La mancanza di investimenti nelle università pubbliche, imposta a partire dal 2016, non ha ancora avuto un impatto sul funzionamento delle istituzioni, che dovrebbe avvenire a breve a causa del cambiamento della sicurezza sociale, con un gran numero di pensionamenti di insegnanti e dipendenti pubblici nel sistema educativo; tenendo presente che i posti vacanti devono essere coperti da nuovi assunti, con maggiori spese. Poiché i IES privati ​​possono essere colpiti dalla disoccupazione generale e le famiglie non sono in grado di continuare a pagare le tasse scolastiche degli studenti e anche dal mancato rinnovo dei programmi di finanziamento delle borse di studio attraverso risorse pubbliche. Nel 2020 sono stati sospesi i due semestri per chi studia nelle università pubbliche e il rinvio dei processi di selezione come gli esami di ammissione e l’Esame di Scuola Superiore Nazionale (ENEM).

Come è innegabile lo stato di emergenza che è caduto nel 2020, a causa della crisi sanitaria causata dal Covid-19. Qualsiasi prospettiva di una possibile normalità dovrà necessariamente passare attraverso la vaccinazione per gran parte della popolazione. Il prossimo passo deve passare attraverso una solida pianificazione governativa, con linee di credito per le aziende per riprendere gli investimenti nel processo di produzione che è il generatore di posti di lavoro. La realtà sociale ed economica non comporta azioni amatoriali e molto meno incoerenti; le misure dovrebbero essere strutturali e a lungo termine.

RIFERIMENTO

ARANHA, Elzo Alves; SANTOS, Paulo Henrique. A formação do engenheiro no Brasil: provocações da indústria e proposições da academia. COBENGE 2016 ‒ XLIV Congresso Brasileiro de Educação em Engenharia, realizado entre 27 e 30 de set. 2016, em Natal-RN. Anais… organização da Universidade Federal do Rio Grande do Norte (UFRN) e Associação Brasileira de Educação em Engenharia (ABENGE).

BRANCO, Benerina Porfirio; MELLO, Adilson da Silva. Metodologia ativa na formação de engenheiros e as relações com ciência e tecnologia e a sociedade. Reserch, Society and Development, v. 9, n. 4, p. 1-16, e120942929, 20 mar. 2020 (CC BY 4.0). ISSN 2525-3409. DOI: http://dx.doi.org/10.33448/rsd-v9i4.2929

BRASIL. Constituição da República Federativa do Brasil (1988), 5 de outubro. Disponível em: http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/constituicao/constituicao.htm. Acesso em 22 out. 2020.

_______. Lei 4.950-A, de 22 de abril de 1966, dispõe sôbre a remuneração de profissionais diplomados em Engenharia, Química, Arquitetura, Agronomia e Veterinária. Disponível em: http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/leis/l4950a.htm. Acesso em: 1º jul. 2020.

______. Lei 9.394, de 20 de dezembro de 1996. Lei de Diretrizes e Bases da Educação. Brasília, DF. Disponível em: http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/leis/L9394.htm. Acesso em: 20 ago. 2020.

______. Lei 12.863, de 24 de setembro de 2013. Altera a Lei nº 12.772, de 28 de dezembro de 2012, que dispõe sobre a estruturação do Plano de Carreiras e Cargos de Magistério Federal; altera as Leis nºs 11.526, de 4 de outubro de 2007, 8.958, de 20 de dezembro de 1994, 11.892, de 29 de dezembro de 2008, 12.513, de 26 de outubro de 2011, 9.532, de 10 de dezembro de 1997, 91, de 28 de agosto de 1935, e 12.101, de 27 de novembro de 2009; revoga dispositivo da Lei nº 12.550, de 15 de dezembro de 2011; e dá outras providências. Disponível em: http://www. planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2011-2014/2013/Lei/L12863.htm. Acesso em: 12 dez. 2020.

______. Lei 13.467, de 13 de julho 2017, altera a Consolidação das Leis do Trabalho (CLT), aprovada pelo Decreto-Lei nº 5.452, de 1º de maio de 1943, e as Leis n º 6.019, de 3 de janeiro de 1974, 8.036, de 11 de maio de 1990, e 8.212, de 24 de julho de 1991, a fim de adequar a legislação às novas relações de trabalho. Disponível em: http://www. planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2015-2018/2017/lei/l13467.htm. Acesso em: 17 jun. 2020.

CABETE, Nadja Polyana Felizola. Finalidades da formação do engenheiro: sentidos que perpassam o significante mercado. UFPel ‒ Universidade Federal de Pelotas, p. 1-18, em 2020. Disponível em: https://wp.ufpel.edu.br/legadolaclau/files/2019/07/ARTIGO-Cabete.pdf. Acesso em: 12 dez. 2020

Campos, Pedro Henrique. Os efeitos da crise econômica e da operação lava jato sobre a indústria da construção pesada no Brasil: falências, desnacionalização e desestruturação. Mediações ‒ Revista de Ciências Sociais, Londrina-PR, v. 24, n. 1, jan. / abr. 2019, p. 127-153.

CANDIDO, Jorge; BARRETO, Gilmar; CAMARGO, José Tarcísio Franco; VERASZTO, Estéfano Vizconde. O porquê da necessidade de se investir em um programa de formação docente nos cursos das engenharias no Brasil. Revista de Ensino de Engenharia, v. 38, n. 3, p. 126-136, 2019 – DOI: 10.37702/REE2236-0158.

CBIC – Câmara Brasileira da Indústria da Construção Civil. Cadeia produtiva debate retomada da construção civil pós-covid. Agência CBIB, publicação em 14 maio 2020. Disponível em: https://cbic.org.br/cadeia-produtiva-debate-retomada-da-construcao-civil-pos-covid/. Acesso em: 9 jan. 2020.

CONFEA ‒ Conselho Federal de Engenharia e Agronomia. História ‒ 2019. Disponível em: http://www.confea.org.br/sistema-profissional/historia. Acesso em: 20 jul. 2020.

FERREIRA, Marta Lucia Azevedo; SOUZA, Cristina Gomes de; SPRITZER, Ilda Maria de Paiva Almeida; CHRISPINO, Álvaro. Contribuições da abordagem CTS para a formação em engenharia no Brasil. Revista Espacios ‒ Educación, Arraiján, Panamá, v. 38, n. 20, a. 2017, p. 33-45.

Ferreira, Raema Kelly Taiany. Análise dos impactos da operação lava jato no setor da construção civil. Trabalho de Conclusão de Curso (TCC), para obtenção do título de bacharel em Engenharia Civil, do Curso Superior de Engenharia Civil, do Departamento Acadêmico de Construção Civil (DACOC), da Universidade Tecnológica Federal do Paraná (UTFPR), Campos Mourão. Orientador: Prof. Dr. Genilson Valotto Patuzzo, 85 f., 2016.

FRIO, Gustavo Saraiva; CECHIN, Luis Antonio Winck. Discriminação salarial no mercado de trabalho dos engenheiros do Brasil. RBEE ‒ Revista Brasileira de Economia de Empresas, da Universidade Católica de Brasília (UCB), 19(1), p. 61-78, 2019.

Iora, Italo Matheus Leporassi. Capitalismo, tecnologia e “urberização”: um estudo sociológico da precarização do trabalho no Brasil a partir da reforma da legislação trabalhista de 2017. Trabalho de Conclusão de Curso, apresentado ao curso de Licenciatura em Ciências Sociais, da Universidade Federal de Santa Maria (UFSM, RS). Orientador Profº Drº. Ricardo Mayer. 2019, 86 f.

Jorge, Martina Fuchshuber de Araújo. O efeito da operação lava jato nas empresas investigadas: o caso da Andrade Gutierrez. Trabalho de Conclusão de Curso (TCC) apresentado ao Centro de Ciências Sociais (CCS), Departamento de Administração, Graduação em Administração de Empresas da Pontifícia Universidade Católica do Rio de Janeiro. Orientadora: Profa. Liana Ribeiro dos Santos, nov. 2018, 54 f.

Lorenset, Rossaly Beatriz Cioquetta; Boschetti, Alex Sandro; Bazzi, Carla Maria; Kuszta, Marcelo Augusto de Souza Pinto. Escassez de engenheiros no Brasil, fato ou mito? Anuário Pesquisa e Extensão UNOESC ‒ Universidade do Oeste de Santa Catarina, Produção Textual na Engenharia Civil ‒ Área das Ciências Exatas e Tecnológicas, Inserção na Comunidade, v. 5, p. 1-8, 2020, Xanrerê-SC.

Maciente, Agnaldo Nogueira; Nascimento, Paulo A. Meyer M.; Servo, Luciana Mendes Santos; Vieira, Roberta da Silva; Silva, Carolina Andrade. A inserção de recém-graduados em engenharias, medicina e licenciaturas no mercado de trabalho formal. Radar: tecnologia, produção e comércio exterior, publicação do Instituto de Pesquisa Econômica Aplicada (IPEA), Diretoria de Estudos e Políticas Setoriais de Inovação, Regulação e Infraestrutura, Brasília-DF., n. 38, abr. 2015, p. 7-22.

Ministério da Economia (ME). Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (IBGE). Censo Demográfico 2010. Disponível em: https://censo2010.ibge.gov.br/. Acesso em: 29 ago. 2020.

_____. _____. Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílios – PNAD Contínua 2016. Disponível em: https://www.ibge.gov.br/estatisticas/sociais/populacao/9171-pesquisa-nacional-por-amostra-de-domicilios-continua-mensal.html?=&t=o-que-ep. Acesso em: 17 jul. 2020.

______. _____. PNAD Contínua 2019. Disponível em: https://www.ibge.gov.br/ estatisticas/sociais/populacao/9171-pesquisa-nacional-por-amostra-de-domicilios-continua-mensal.html?=&t=o-que-ep. Acesso em: 29 ago. 2020.

______. Secretaria Especial da Previdência e do Trabalho. Seguro-desemprego: séries históricas dos seguro-desemprego ‒ 2000 a 2020. Em 2020. Disponível em: http://pdet.mte.gov.br/component/content/article?id=1778. Acesso em: 16 ago. 2020.

Ministério da Educação (MEC). Conselho Federal de Educação (CFE). Resolução CFE 48/1976, de 28 de abril de 1976. Fixa os mínimos de conteúdo e de duração do curso de graduação em Engenharia e define suas áreas de habilitações. Disponível em: https://edisciplinas.usp.br/pluginfile.php/5659156/mod_resource/content/1/b.avaliacao.pdf. Acesso em: 12 dez. 2020.

______. Conselho Nacional de Educação (CNE) e Câmara de Educação Superior (CES). Parecer CNE/CES 01/2019, de 23 de janeiro de 2019. CFE n. Diretrizes curriculares nacionais do curso de graduação em engenharia. Parecer homologado em despacho do Ministro da Educação, publicado no D.O.U. de 23/4/2019, Seção 1, pág. 109. Disponível em: http://portal.mec.gov.br/docman/marco-2019-pdf/109871-pces001-19-1/file. Acesso em: 12 dez. 2020.

______. Instituto Nacional de Estudos e Pesquisas Educacionais Anísio Teixeira (INEP). Sistema Nacional de Avaliação da Educação Superior (SINAES), Diretoria de Avaliação da Educação Superior (DAES). ENADE 2011: Relatório síntese de engenharia – Grupo I. Divulgado em 6 de dezembro de 2012, 258 f.

______. _____. _____. _____. ENADE 2017: Relatório síntese de área – engenharia civil. Publicado em 9 out. 2018, 395 f.

______. ______. Censo de Educação Superior ‒ 2018. Publicação em 19 set. 2019. Disponível em: http://download.inep.gov.br/educacao_superior/censo_superior/ documentos/2019/censo_da_educacao_superior_2018-notas_estatisticas.pdf. Acesso em: 12 dez. 2020.

Neiva, Katia Maria Costa. Fim dos estudos universitários: efeitos das dificuldades do mercado de trabalho na representação do futuro profissional e no estabelecimento de projetos pós-universitários dos estudantes. Revista Psicologia USP ‒ Universidade de São Paulo, v. 7, n. 1/2, p. 203-224, 1996.

Oliveira, Mônica de Fátima de; Gonçalves, Maria Célia da Silva; Dias, Cecília Maria; Zaganelli, Margareth Vetis. O trabalho das mulheres em áreas relacionadas à tecnologia e engenharia: estudo de caso sobre a inclusão feminina na construção civil. Revista Multidisciplinar ‒ Humanidades & Tecnologia em Revista ‒ Faculdade do Noroeste de Minas (FINOM), Paracatu, MG, Ano XIV, v. 22, jan. /jun. 2020, p. 10-26.

OPAS Brasil ‒ Organização Pan-Americana de Saúde. A OMS afirma que COVID-19 é agora caracterizada como pandemia. Em, 19 mar. 2020. Disponível em: https://www.who.int/dg/speeches/detail/who-director-general-s-opening-remarks-at-the-media-briefing-on-covid-19—11-march-2020. Acesso em: 11 mar. 2020.

Pinca, Daniel Figaro; Rozzetto, Diane Simon. Interrupções em projetos de engenharia consultiva em cenário de desestruturação organizacional. Revista Ipecege, v. 4 (2), p. 54-61, 2018, Piracicaba, SP.

Pinto, Eduardo Costa; Pinto, José Paulo Guedes; Saludjian, Alexis; Nogueira, Isabela; Blanco, Paulo; Schonerwald, Carlos; Baruco, Grasiela. A guerra de todos contra todos e a lava jato: a crise brasileira e a vitória do capitão Jair Bolsonaro. Revistasep ‒ Revista da Sociedade Brasileira de Economia Política, Niterói-RJ, v. 54, set. / dez. 2019, p. 107-147.

REIS, Patrícia Nunes Costa; LUCAS, Juliana da Silva; MATTOS, Keli; MELO, Fernanda Augusta de Oliveira; SILVA, Elisa Mabel. O alcance da harmonia entre as gerações baby boomers, X e Y na busca da competitividade empresarial no século XXI. X SEGeT – Simpósio de Excelência em Gestão e Tecnologia – 2013. Gestão e Tecnologia para a Competitividade, 23 a 25 de outubro, Resende-RJ, p. 1-11.

SILVA, Andréa Villela Mafra da. Neotecnicismo: a retomada do tecnicismo em novas bases. Revista de Ensino, Educação e Ciências Humanas, da Universidade Norte do Paraná (Unopar) ‒ Londrina-PR, v. 19, n.1, p. 10-16, 2018.

SCHULTZ, Theodore W. O valor econômico da educação. Trad. P.S. Werneck. Rio de Janeiro: Zahar Editores, 1967, 101 p.

Tavares Junior, Cristian Jean. A responsabilidade civil do engenheiro civil. Trabalho de Conclusão de Curso de Direito, da Faculdade de Ciências Jurídicas, Universidade Tuiuti do Paraná, Curitiba-PR, 2012. Orientador: Professor-Doutor Clayton Reis. 56 f.

APPENDICE – RIFERIMENTO ALLA NOTA A PIÈ DI PAGINA

4. Generation rappresenta un gruppo di persone nate in un dato periodo e che possono condividere esperienze comuni nel processo storico e sociale, come: a) Generazione veterana/tradizionale (tra le due grandi guerre), un gruppo che conserva tradizione e cautela; nell’ambiente di lavoro ha stimolato team formali e rispettosi delle regole, seguendo l’intero processo dall’assunzione alle revisioni delle prestazioni; b) Generazione Baby Boomers (dopo la seconda guerra mondiale e gli anni ’50), esplosione di bambini, sperimentato un mondo di prosperità economica e grandi progressi tecnologici, la giornata lavorativa è stata eccessiva; e) Generazione X (anni ’60 e ’70), generazione Coca-Cola, ha vissuto eventi notevoli per l’economia e la società, come la globalizzazione, ha optato per un rapporto di equilibrio tra vita personale e lavoro, valorizzando la flessibilità e la soddisfazione nell’ambiente di lavoro, il lancio della TV via cavo, l’uso dei computer come strumento di lavoro e la socializzazione di Internet; d) La generazione Y (anni ’80 e ’90) ha visto nei movimenti studenteschi e negli hippy un modo per manifestare le loro insaziazioni, poiché i professionisti apprezzano il lavoro e cercano l’ascensione professionale, essendo indipendenti e sicuri di sé; e) Generazione Z (dal 2000) generazione di Orkut, Twiter, Facebook, tra gli altri social network, pienamente integrata con le tecnologie, valorizzazione della comunicazione virtuale; fanno diverse cose contemporaneamente, sono collegati al mondo digitale 24 ore al giorno e iniziano ad entrare nel mercato del lavoro (REIS et al., p. 4-6).

[1] Dottorato di ricerca in Scienze dell’Educazione, con linea di ricerca in Economia dell’Educazione. Laurea magistrale in Giurisprudenza, con una linea di ricerca in Diritto Economico Internazionale. Indicatori scientifici e tecnologici di CNPq (1989); Risorse Umane (2017); Gestione Culturale: cultura, sviluppo e mercato (2018); Antropologia (2018) e Diritto Immobiliare (2019). Signor Presidente, signor Presidente, signor Presidente scienze economiche (1986); Signor Presidente, signor Presidente, signor Presidente Scienze giuridiche (2004); La commissione per la in Musica (2016); Signor Presidente, signor Presidente, signor Presidente In Scienze dell’Amministrazione (2017); La commissione per la sociologia (2017); La commissione per la storia (2018); Signor Presidente, signor Presidente, signor Presidente Scienze Contabili (2019) e, bel. Scienze Politiche (2020).

[2] Dottorato di ricerca in Educazione, con linea di ricerca Educazione Fisica. Laurea magistrale in Linguistica Applicata e Studi linguistici. La commissione per la e bel. in Educazione Fisica da parte dell’Organizzazione Santamarense per l’educazione e la cultura (1982) e; La commissione per la pedagogia della Facoltà di Filosofia, Scienze e Lettere Nove de Julho (1984).

[3] Dottorato di ricerca in Educazione Fisica. Master in Scienze dell’Educazione. Pianificazione e metodologia della ricerca scientifica; Metodologia dell’istruzione superiore; Educazione fisica scolastica e psicologia dell’educazione. La commissione per la e bel. nell’educazione fisica; La commissione per la pedagogia e; La commissione per la in Magistero e Lettere spagnole.

Inviato: febbraio 2021.

Approvato: aprile 2021.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here