REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Aspettative, percezioni e motivazioni degli studenti di una scuola superiore pubblica all’interno di São Paulo

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/motivato-da-uno-studente
5/5 - (1 vote)

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

DENDASCK, Carla Viana [1], FACCO, Lucas [2], FECURY, Amanda Alves [3], OLIVEIRA, Euzébio de [4], DIAS, Cláudio Alberto Gellis de Mattos [5]

DENDASCK, Carla Viana. Et al. Aspettative, percezioni e motivazioni degli studenti di una scuola superiore pubblica all’interno di São Paulo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 05, Vol. 13, pp. 32-43. maggio 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/motivato-da-uno-studente, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/motivato-da-uno-studente ‎

ASTRATTO

La teoria degli obiettivi del raggiungimento cerca di comprendere l’insieme di fattori, come: pensieri, credenze, motivazioni, scopi ed emozioni che portano lo sviluppo delle prestazioni dell’individuo (in questo caso, gli studenti) ad agire, e di conseguenza tradurre in risultati le loro azioni. L’obiettivo di questa ricerca era quello di indagare le aspettative, le percezioni e le motivazioni degli studenti di un liceo pubblico all’interno di San Paolo. Lo studio qualitativo è stato condotto in un liceo pubblico, situato in una città all’interno dello stato di São Paulo, nel primo semestre del 2019. La separazione dei genitori può talvolta essere un fattore problematico per la vita degli studenti. Gli studenti i cui genitori hanno alfabetizzazione e un’istruzione formale più lunga tendono a rimanere alfabetizzati ed evolversi nella sfera educativa. Gli studenti delle scuole superiori cercano di completare i loro studi e passare all’istruzione superiore al fine di raggiungere gli obiettivi di vita personale. Gran parte degli studenti non comprende l’effettiva funzione di frequentare la scuola.

Parole chiave: limitare le credenze, disuguaglianza socioeconomica, Teoria degli obiettivi di realizzazione.

INTRODUZIONE

La parola credere è caratterizzata come un verbo transitivo diretto che significa credere come vero, anche se qualcosa si rivela contrario. Una credenza negativa può causare una costruzione cognitiva, comprensione e, di conseguenza, comportamenti in grado di influire sugli obiettivi di raggiungimento di un individuo o di un gruppo (SOUZA, 2010).

La teoria degli obiettivi del raggiungimento (1970) che si discosta dalla teoria della motivazione alla realizzazione, proposto da McClelland (1953) e Atkinson (1957), cerca di comprendere l’insieme di fattori, come: pensieri, credenze, motivazioni, scopi ed emozioni che portano lo sviluppo delle prestazioni dell’individuo (in questo caso, gli studenti) ad agire, e di conseguenza a tradurre in risultati le loro azioni , o, compiti, sia nei loro aspetti emotivi, cognitivi che saranno tradotti nei loro risultati e / o prestazioni (ZENORINI et al., 2011).

Secondo Santos et al, (2011) e Zenorini et al, (2013), le credenze influenzano direttamente l’obiettivo del raggiungimento e, di conseguenza, agiscono sulla motivazione degli individui a svolgere le loro funzioni e / o a orientarsi verso un migliore apprendimento e sviluppare l’autodeterminazione (OLIVEIRA e CATÃO, 2017).

L’obiettivo della motivazione e dell’autodeterminazione deriva dalla convinzione che l’individuo sia in grado di realizzare tutto ciò che gli viene imposto fornendogli una capacità di prestazione positiva, perché l’individuo ritiene che le sue prestazioni dipendano dal suo sforzo, impedendo o ostacolando, che gli aspetti esterni possano fornire loro un qualche tipo di ostacolo (BUENO et al., 2007).

Sebbene l’obiettivo della teoria dei risultati sia ampiamente utilizzato nel contesto dell’insegnamento dell’apprendimento (CARDOSO e BZUNECK, 2004; BUENO et al., 2007; OLIVEIRA e CATÃO, 2017), si ritiene che le loro definizioni influenzino direttamente il posizionamento, i risultati e i percorsi che gli individui cammineranno dopo aver lasciato il contesto scolastico, sia professionalmente che personalmente.

Gli studenti delle scuole superiori possono essere caratterizzati come adolescenti e/o giovani in fase di trasformazione fisica, intellettuale e psicologica. È anche in questa fase che finiscono per prendere decisioni che tendono a delimitare gran parte della loro vita (PEREIRA et al., 2020). Gli aspetti sociali e i fattori culturali che permeano l’ambiente intorno all’individuo saranno anche in gran parte responsabili di fornire loro sussidi per i percorsi da lui scelti, e anche per i percorsi che seguirà effettivamente (SILVA, 2019).

OBIETTIVO

Indaga all’interno dei concetti di teoria e realizzazione degli obiettivi le aspettative, le percezioni e le motivazioni degli studenti di un liceo pubblico all’interno di São Paulo.

METODO

Lo studio qualitativo è stato condotto in un liceo pubblico, situato in una città all’interno dello stato di São Paulo, nel primo semestre del 2019. Il questionario fa parte di un programma di lezioni sul comportamento, le prospettive e il progetto di vita condotto dal ricercatore che si concentra sugli studenti a basso reddito. Questo programma è finanziato dal Centro de Pesquisa e Estudos Avançados- CEPA, e agisce attraverso lezioni che vengono offerte gratuitamente nelle scuole pubbliche.

È stato applicato un questionario con 5 domande volte a comprendere il profilo socioeconomico degli studenti e le domande aperte, basato sulla teoria degli obiettivi e sul questionario di realizzazione utilizzato da Bueno et. al, (2007) e Zenorini et.  al, (2011), con adattamento del vocabolario e della lingua secondo il profilo degli studenti. Tutti gli studenti e/o i genitori hanno firmato il termine di libero consenso e chiarimento in merito all’utilizzo dei dati, e la riservatezza dell’identità degli studenti.

RISULTATI

La figura 1 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica. La maggioranza (68,75%) vive con entrambi i genitori. Coloro che vivono solo con la madre sono il 25%; solo con il padre 3,13%; e con altre persone il 3,13%.

Figura 1 Mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica.

La percentuale di istruzione dei genitori di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore di una scuola pubblica figura nella figura 2. La maggior parte dei genitori ha un’istruzione elementare o superiore (90,63%) mentre la minoranza ha un’istruzione superiore (9,37%).

La figura 2 mostra la percentuale di istruzione dei genitori di genitori di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica.

Le professioni predominanti delle persone che vivono con studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica sono visibili nella figura 3. Le tre professioni più frequenti sono ausiliarie, macellaie e pittori (18,75% ciascuna), seguite rispettivamente da %); pittore e per conducente (9,37% ciascuno); operatore di macchine (6,25%); e da custode, agricoltore, pensionato, cameriera e lavoratore autonomo (3,12% ciascuno).

Figura 3 Mostra le professioni predominanti delle persone che vivono con studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore una scuola pubblica.

La figura 4 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica, con la pretesa di studi dopo il liceo. La maggior parte intende frequentare l’istruzione superiore (65,63%) mentre la minoranza ammette di non voler proseguire gli studi in un corso di istruzione superiore (25,00%). Pochi non hanno risposto a questa domanda (9,38%).

La figura 4 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica, sostenendo di studiare dopo il liceo.

La percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica che intendono frequentare l’istruzione superiore, per la risorsa finanziaria utilizzata a tal fine, è illustrata nella figura 5. La maggior parte intende fare affidamento sulle risorse del proprio lavoro o avere il sostegno di programmi governativi (47,62% ciascuno). La minoranza intende contare sull’aiuto della famiglia (4,76%).

La figura 5 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica che intendono frequentare l’istruzione superiore, con la risorsa finanziaria utilizzata a tal fine.

La figura 6 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica e la percezione del loro rendimento accademico. La maggioranza ha detto di non averci mai pensato (87,50%), mentre la minoranza ha detto di riconoscere la sua performance come buona o eccellente (12,50%).

La figura 6 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica e la percezione del loro rendimento accademico.

La percentuale di studenti dai 15 ai 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica e la loro percezione se il loro rendimento accademico sia sufficiente per raggiungere i loro obiettivi è mostrata nella figura 7. La maggior parte degli studenti dice di non averci mai pensato (62,50%). La minoranza si dice già preoccupata per questo problema (37,50%).

La figura 7 mostra la percentuale di studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di scuola superiore in una scuola pubblica e la loro percezione se il loro rendimento accademico sia sufficiente per raggiungere i loro obiettivi.

DISCUSSIONE

Una delle questioni che vengono discusse come un fattore importante nel rendimento scolastico dei giovani è la questione della separazione dai genitori e l’impatto che ciò può avere sulla vita dello studente. Questo processo può innescare una riduzione delle prestazioni dello stesso, poiché a volte la percezione e l’interesse dello studente nelle classi è significativamente ridotto (MOREIRA, 2010). Un altro fattore da prendere in considerazione in questa situazione è il modo in cui i genitori sono divorziati. In caso di separazione conflittuale, la studentessa potrebbe essere ulteriormente danneggiata dal dover affrontare i suoi risultati (SOUZA, 2014). In considerazione di ciò, anche la percezione del docente è importante, perché se percepisce il cambiamento comportamentale dello studente associato a emozioni negative (come la tristezza), potrebbe essere in grado di intervenire precocemente nella situazione e avvisare i responsabili al riguardo, oltre a fornire il supporto dello studente (SANTOS e ROIM, 2014).

Uno dei fattori che influenzano l’educazione degli studenti del giovane è il livello formale di istruzione dei genitori. Secondo l’indagine nazionale per campione sulle famiglie del 2014 – PNAD – nell’asse della mobilità socio-professionale, è stato riscontrato che (tra le persone di età pari o superiore a 16 anni, che vivevano con il padre quando avevano 15 anni) maggiore è il tasso di genitori alfabetizzati, minore è il numero di figli analfabeti (IBGE, 2016). Pertanto, si nota l’importanza dei genitori nel processo di apprendimento degli studenti, poiché esercitano influenza su di esso (ALMEIDA, 2014).

Al fine di favorire il completamento degli studi di base e l’ingresso dello studente nell’istruzione superiore, assistendo di conseguenza il loro inserimento nell’ambiente adulto, i genitori esercitano la funzione di incitare il riflesso dei propri figli sulla scelta delle loro future professioni, oltre a investire nei loro processi educativi secondo le loro possibilità e nel miglior modo possibile. Se c’è consapevolezza che lo studente deve fare le sue scelte in modo indipendente sul suo futuro corso di laurea dopo il completamento del liceo, oltre alla professione che desidera seguire, nonché alla presenza di dialoghi costanti e comprensione reciproca, il processo educativo del giovane studente tende ad avere un migliore successo (ALMEIDA e MELO-SILVA, 2011). La scelta della professione degli studenti è solitamente legata all’asse professionale della famiglia, e talvolta le volontà e le aspettative dei genitori e dei tutori di solito esercitano un’influenza positiva sulle scelte. Tuttavia, dovrebbe esserci una comprensione della necessità dello studente di manifestare autonomamente le proprie volontà, senza coercizione negativa sulle proprie scelte (SOARES-LUCHIARI, 1996; OLIVEIRA, 2012).

Al fine di soddisfare le loro esigenze educative e socioeconomiche, gli studenti cercano nell’idea di realizzazione personale la volontà di frequentare l’istruzione superiore dopo il liceo. Per svolgere questo compito, è necessario che lo studente abbia motivazione e impegno (ANDRADE, 2012). La motivazione dello studente può essere intrinsecamente o estrinseca. Il primo nasce dalla volontà intrinseca dell’individuo di realizzare un sogno o un obiettivo. Il secondo è legato agli ambienti frequentati dall’individuo e all’influenza delle persone che sono con lui, di solito la sua famiglia (specialmente i genitori), i suoi amici e altri. Allo stesso modo, tuttavia, può esserci anche demotivazione, che è determinata anche dalle stesse due sfaccettature (intrinseche ed estrinsece), e in una situazione di ampia demotivazione, lo studente tende a non avanzare nel perseguimento dei propri obiettivi, rimanendo stagnante (SOUZA e REINERT, 2009; CARVALHO, 2018).

In Brasile, è possibile notare una fatidica dualità del sistema educativo: da un lato abbiamo studenti di scuole private, di solito con condizioni più favorevoli per l’insegnamento – con migliori infrastrutture, risorse finanziarie e insegnanti qualificati – e, dall’altro, studenti delle scuole pubbliche, che di solito hanno infrastrutture più precarie e mancanza di altre caratteristiche importanti. Questi fattori culminano nella disparità dell’insegnamento e, a livello competitivo, gli studenti delle scuole private sono generalmente meglio preparati. Un altro fattore da prendere in considerazione è l’ingresso degli studenti in condizioni socioeconomiche più fragili all’inizio del mercato del lavoro. Questo inserimento nell’ambiente di lavoro prima del completamento dell’istruzione di base, dovendo affrontare entrambe le responsabilità (educative ed economiche), anche se aiuta nell’inserimento sociale e nella maturazione psichica, può influenzare negativamente il rendimento studentesco del giovane studente, che può portare all’abbandono dell’impulso per entrare nel prossimo livello di istruzione, l’istruzione superiore, e questa decisione può avere un impatto sul futuro successo economico di questo giovane , poiché in seguito potrebbe avere difficoltà ad evolversi a livello di lavoro (DUTRA-THOMÉ et al., 2016; OLIVEIRA, 2018).

Affinché lo studente presenti buone prestazioni educative, sono necessari diversi fattori, come la motivazione intrinseca ed estrinseca, così come altri, come le risorse scolastiche (SOUZA e REINERT, 2009; DUTRA-THOMÉ et al., 2016). Tuttavia, questi problemi non sono sempre presenti e, pertanto, possono influire negativamente sul rendimento dello studente. Un esempio di fattore che può generare questa situazione negativa è la demotivazione degli insegnanti, dovuta alla struttura educativa stagnante e fallimentare, alla mancanza di istruzione e formazione continua, oltre alla retribuzione insoddisfacente che ricevono. Inoltre, lo stesso istituto di istruzione (in considerazione dell’eccessivo apprezzamento degli studenti con risultati migliori e a scapito di altri, causando esclusione all’interno dell’ambiente didattico stesso) può essere un fattore demotivante per lo studente (BEZERRA, 2014).

Sebbene frequentino le lezioni e cerchino di raggiungere i voti, molti studenti delle scuole superiori, specialmente nelle scuole pubbliche, non capiscono il vero motivo per passare attraverso questo processo di formazione. Il fatto che non capiscano queste ragioni porta alla possibilità con lo studio quotidiano, portando così a un basso apprendimento dei contenuti proposti. A volte, i principali fattori che portano diversi studenti di questo tipo di insegnamento a frequentare le lezioni sono gli amici fatti nell’ambiente scolastico e l’intenzione di esibirsi professionalmente anni dopo (MELO e LEONARDO, 2019).

CONCLUSIONI

La scuola si trova in una regione in cui ha macelli e maglieria, il che giustifica l’elevato tasso di nomina dei lavoratori in questi settori, che ritiene non sia normale in altre regioni.

La separazione dei genitori può talvolta essere un fattore problematico per la vita studentesca del giovane studente, poiché finisce per perdere concentrazione e interesse per il contenuto proposto durante le lezioni.

Gli studenti i cui genitori hanno alfabetizzazione e un’istruzione formale più lunga tendono a rimanere alfabetizzati ed evolversi nella sfera educativa. Pertanto, è possibile notare che l’influenza familiare è spesso un fattore importante per il livello di istruzione degli studenti.

La scelta accademica e professionale dello studente tende a convergere verso la storia del lavoro della famiglia e lo studente può rispecchiare le influenze familiari per la scelta del proprio percorso formativo. Tuttavia, sebbene dovrebbe consigliare e fornire tutto il supporto possibile al giovane per raggiungere i suoi obiettivi e sogni, la famiglia non dovrebbe esercitare pressioni affinché lo studente segua un certo percorso, in quanto ciò può generare conflitti tra lo studente e la famiglia, oltre a danneggiare eventualmente la futura soddisfazione dell’individuo con la sua vita professionale.

Gli studenti delle scuole superiori cercano di completare gli studi e passare all’istruzione superiore al fine di raggiungere gli obiettivi di vita personale, siano essi sociali, economici, professionali o di qualsiasi altro tipo. Tuttavia, la demotivazione, intrinseca o estrinseca, può portare lo studente alla stagnazione, compromettendo il raggiungimento di tali obiettivi.

La mancanza di infrastrutture scolastiche, come la scarsa qualificazione degli insegnanti, e la mancanza di risorse educative, soprattutto nell’istruzione pubblica, possono essere fattori demotivanti per lo studente dell’istruzione primaria, aumentando le possibilità di abbandonare l’istruzione.

Gran parte degli studenti non comprende la reale funzione di frequentare la scuola, anche se sono convinti che sia necessario raggiungere gli obiettivi che si sono prefissati. A causa di questa stessa comprensione dell’obiettivo didattico, spesso non si impegnano come dovrebbero nello studio quotidiano, un fattore che innesca possibili deficit educativi negli studenti.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, E. B. A relação entre pais e escola: a influência da família no desempenho escolar do aluno. 2014. 48p. (Graduação). Faculdade de Pedagogia, Universidade Estadual de Campinas, Campinas SP.

ALMEIDA, F. H.; MELO-SILVA, L. L. Influência dos pais no processo de escolha profissional dos filhos: uma revisão de literatura. Psico-USF, v. 16, n. 1, p. 75-85,  2011.

ANDRADE, J. Educação superior: uma abordagem de motivação e necessidade.  2012.  Disponível em: < https://administradores.com.br/artigos/educacao-superior-uma-abordagem-de-motivacao-e-necessidade >. Acesso em: 23 maio 2020.

BEZERRA, M. C. L. Dificuldades de aprendizagem e os fatores que influenciam o fracasso escolar. 2014. 53p. (Especialização). Universidade Estadual da Paraíba, Itaporanga PB.

BUENO, J. M. H.  et al. Investigação das propriedades psicométricas de uma escala de metas de realização. Estud. psicol., v. 24, n. 1, p. 79-87,  2007.

CARDOSO, L. R.; BZUNECK, J. A. Motivação no ensino superior: metas de realização e estratégias de aprendizagem. Psicol. Esc. Educ., v. 8, n. 2, p. 145-155,  2004.

CARVALHO, F. A. N. Impacto da relação entre família e escola no desempenho acadêmico do aluno. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento, v. 12, n. 8, p. 111-139,  2018.

DUTRA-THOMÉ, L.; PEREIRA, A. S.; KOLLER, S. H. O desafio de conciliar trabalho e escola: características sociodemográficas de jovens trabalhadores e não-trabalhadores. Psicologia: Teoria e Pesquisa, v. 32, n. 1, p. 101-109,  2016.

IBGE. Mobilidade sócio-ocupacional: Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílios.  Rio de Janeiro RJ: IBGE, 2016.

MELO, L. C. B.; LEONARDO, N. S. T. Sentido do ensino médio para estudantes de escolas públicas estaduais. Psicologia escolar e Educacional, v. 23, p. 1-9,  2019.

MOREIRA, F. P. A. A influência da separação dos pais no desempenho escolar de alunos das séries/anos iniciais na visão do professor. 2010. 55p. (Graduação). Universidade do Extremo Sul Catarinense, Criciúma SC.

OLIVEIRA, C. T. Participação no desenvolvimento de carreira dos filhos: visão dos genitores. Santa Maria RS,  2012.  Disponível em: < http://www.unicap.br/jubra/wp-content/uploads/2012/10/TRABALHO-34.pdf >. Acesso em: 23 maio 2020.

OLIVEIRA, D. M.; CATÃO, V. Teoria das metas de realização em sala de aula e as possíveis  influências nos padrões motivacionais para a aprendizagem da química em duas turmas do ensino médio. Góndola Enseñ Aprend Cienc, , v. 12, n. 2, p. 50-68,  2017.

OLIVEIRA, R. O ensino médio e a precocidade do trabalho juvenil. Educar em Revista, v. 34, n. 67, p. 177-197,  2018.

PEREIRA, S. G.  et al. Desinteresse dos estudantes do 3° ano do Ensino Médio pela profissão de professor na Cidade de Patos de Minas – MG. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento, v. 2, n. 3, p. 121-137,  2020.

SANTOS, D. D. M.; ROIM, T. P. B. A interferência da separação familiar na aprendizagem infantil. Revista Científica de Ciências Aplicadas da FAIP, v. 1, n. 2, p. 1-9,  2014.

SILVA, M. A. D. C. Influência da cultura na educação. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento, v. 11, n. 10,  2019.

SOARES-LUCHIARI, D. H. Os desejos familiares e a escolha profissional dos filhos. Revista de Ciências Humanas, v. 14, n. 20, p. 81-92,  1996.

SOUZA, L. F. N. I. D. Estratégias de aprendizagem e fatores motivacionais relacionados. Educ. rev., n. 36, p. 95-107,  2010.

SOUZA, S. A.; REINERT, J. N. Motivação para entrada e permanência nos cursos de graduação em administração da Universidade Federal de Mato Grosso do Sul. XXXIII Encontro da ANPAD – EnANPAD. São Paulo SP: EnANPAD 2009.

SOUZA, S. D. C. Divórcio dos pais e dificuldades na aprendizagem dos filhos: a importância da família no processo de ensino-aprendizagem.  2014.  Disponível em: < http://editorarealize.com.br/revistas/cintedi/trabalhos/Modalidade_1datahora_14_11_2014_11_26_41_idinscrito_2758_8115825674dc52b43ba4c6cd32a24452.pdf >. Acesso em: 23 maio 2020.

ZENORINI, R. D. P. C.; SANTOS, A. A. A. D.; MONTEIRO, R. D. M. Motivação para aprender: relação com o desempenho de estudantes. Paidéia, v. 21, n. 49,  2011.

[1] Teologo, PhD in Psicoanalisi Clinica. Ha lavorato per 15 anni con la Metodologia Scientifica (Metodo di Ricerca) nell’Orientamento alla Produzione Scientifica di studenti di Master e PhD. Specialista in Ricerche di Mercato e Ricerche focalizzate sull’area Salute.

[2] Studente del Corso di Medicina dell’Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[3] Biomedicale, Dottorato di Ricerca in Malattie Topiche, Professore e ricercatore del Corso di Medicina del Campus Macapá, Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[4] Biologo, Dottore di Ricerca in Malattie Topiche, Professore e ricercatore del Corso di Educazione Fisica, Università Federale di Pará (UFPA).

[5] Biologo, Dottore di Ricerca in Teoria e Comportamento, Professore e ricercatore del Corso di laurea in Educazione professionale e tecnologica (PROFEPT), Istituto di Educazione Di Base, Tecnica e Tecnologica di Amapá (IFAP).

Inviato: Maggio, 2020.

Approvato: Maggio, 2020.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 80874
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?