REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Gestione della scuola: l’importanza della gestione democratica e partecipativa nelle scuole pubbliche brasiliane

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

NASCIMENTO, Francimária Santana de Sousa [1]

NASCIMENTO, Francimária Santana de Sousa. Gestione della scuola: l’importanza della gestione democratica e partecipativa nelle scuole pubbliche brasiliane. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 09, Vol.07, pagg. 75-83. Settembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/scuole-pubbliche

ASTRATTO

Portare la comunità scolastica a partecipare al processo di gestione nelle scuole pubbliche brasiliane è stato un desiderio e anche una delle grandi sfide della gestione scolastica oggi, perché è solo attraverso la partecipazione attiva di tutte le persone che fanno parte del processo educativo. che si può dire che di fatto esiste una gestione scolastica democratica e partecipativa. Questo articolo ha come obiettivo principale quello di mostrare in modo dialogico e analitico cos’è la gestione, come avviene e qual è l’importanza di avere una gestione democratica e partecipativa nella scuola pubblica brasiliana e come può collaborare alla costruzione di un’istruzione di qualità e che contribuirà alla trasformazione sociale della comunità nel suo insieme, facendo conoscere e conoscere a tutti il ​​suo vero ruolo e la sua importanza all’interno di questo processo. Si discuterà del ruolo del dirigente scolastico e dell’importanza della pianificazione nel processo di gestione democratica partecipativa. Per questo è stata condotta una ricerca bibliografica in cui si è cercato il contributo di autori come Dourado (2001); Libâneo (2018); Lück (2011) e la legge sulle linee guida e le basi dell’istruzione nazionale (LDB) n. 9394/96.

Parole chiave: gestione democratica e partecipativa, comunità scolastica, manager, pianificazione.

INTRODUZIONE

Nel corso della storia della scuola, si può dire che la comunità è stata alienata e si vuole avere interesse ad avere una partecipazione effettiva alla gestione scolastica e educativa. Questa era vista come una responsabilità solo dei dirigenti scolastici in cui dovevano preoccuparsi della cultura organizzativa, fissare obiettivi e cercare risultati, diventando il centro del processo educativo della scuola, rendendo la gestione democratica e partecipativa non avvenuta, cioè non è successo esistono nel contesto scolastico, tutte le decisioni sono state prese dal manager che è stato precedentemente chiamato il preside. Tuttavia, con la Costituzione federale del 1988 e con la legge 9.394 / 96, che stabilisce il principio della gestione democratica nelle scuole pubbliche del paese, la gestione democratica e partecipativa inizia ad avere un grande focus e anche una grande discussione su come farlo tutti gli attori sociali che fanno parte della comunità scolastica partecipano alla gestione scolastica, anche se è passato molto tempo in cui si discute e si cerca di attuare una gestione democratica e partecipativa nelle scuole, c’è ancora una certa difficoltà nella partecipazione di tutti coloro coinvolti in quel processo.

Affinché la gestione democratica e partecipativa sia implementata nelle scuole pubbliche brasiliane, tutte le persone coinvolte, sia la comunità scolastica che la comunità locale e la società in generale, devono conoscere e comprendere l’importanza della gestione democratica partecipativa mentre accade. E che cos’è il tuo ruolo e l’importanza della tua partecipazione a questo processo.

Con l’obiettivo di dialogare e analizzare come accade e si sviluppa e quale sia l’importanza di avere una gestione democratica e partecipativa all’interno della scuola pubblica brasiliana, è stato sviluppato questo lavoro, basato su una ricerca bibliografica in cui la stessa ricerca attraverso un contributo teorico di autori come Dourado (2001), Libâneo (2008) Lück (2011) e la legge nº 9394/96 della Legge delle Direttive e delle Basi dell’Istruzione Nazionale (LDB), per concettualizzare cos’è la gestione democratica? Qual è l’importanza della gestione partecipativa? Qual è l’importanza del manager e della pianificazione nella gestione della scuola? Inizieremo la discussione, concettualizzando la gestione e la sua importanza nel processo di costruzione di una gestione democratica e partecipativa nelle scuole pubbliche brasiliane.

1. CHE COS’È LA GESTIONE DEMOCRATICA? E QUAL È L’IMPORTANZA DELLA GESTIONE PARTECIPATIVA NELLE SCUOLE PUBBLICHE?

È necessario concettualizzare la gestione, intesa come un’attività attraverso la quale si mobilitano mezzi e procedure per il raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione, coinvolgendo sostanzialmente aspetti gestionali e tecnico-amministrativi, cioè la gestione presuppone il coinvolgimento delle persone nel caso scolastico. nei processi educativi volti a soddisfare una domanda sociale.

La gestione è un processo di mobilitazione della competenza e dell’energia delle persone organizzate collettivamente in modo che, attraverso la loro partecipazione attiva e competente, promuovano il raggiungimento, nel modo più completo possibile, degli obiettivi della loro unità di lavoro, in questo caso gli obiettivi educativi. La comprensione del concetto di gestione, quindi, basato sulla massimizzazione dei processi sociali come forza e impulso per la promozione del cambiamento, presuppone già, in sé, l’idea di partecipazione, cioè del lavoro associato e cooperativo delle persone nell’analisi delle situazioni, nel processo decisionale sulla loro trasmissione e nell’azione su di esse, insieme, sulla base di obiettivi organizzativi compresi e abbracciati da tutti. (LÜCK, 2011, p. 21).

Con questo, si capisce che la gestione è un processo molto importante, perché mobilita tutti coloro che sono o che fanno parte di un contesto, sia esso sociale o educativo, e affinché quella mobilitazione avvenga questa gestione deve essere inserita in una prospettiva democratica in il che è stato uno degli elementi più presenti nei dibattiti dei professionisti dell’educazione, perché è solo con la partecipazione di tutti coloro che sono coinvolti nel processo educativo, che contribuiscono attivamente e collaborano e sono coinvolti nel processo decisionale, che riguardano la scuola e l’istruzione è che l’istruzione nel suo insieme può essere migliorata rendendo possibile costruire un’istruzione e un’istruzione di qualità nelle scuole pubbliche del nostro paese, ma perché ciò avvenga, deve esserci partecipazione di tutti, sia del gruppo dirigente che della comunità. comunità nei processi decisionali educativi della scuola, e questo sarà possibile solo attraverso una gestione scolastica democratica e partecipativa che garantisca la partecipazione di tutti gli attori sociali coinvolti nel processo educativo.

Questa partecipazione attualmente avviene nelle scuole pubbliche, attraverso i consigli scolastici, i consigli di classe, le associazioni dei genitori e degli insegnanti, l’unione degli studenti e ci sono anche i consigli dell’educazione nazionale, statale e municipale in cui sono caratterizzati nel LDB.

Questi organismi costituiscono uno spazio in cui vi è una partecipazione collettiva e collettiva ai processi di standardizzazione del processo educativo e deliberano su decisioni che possono avere un impatto positivo o negativo sui sistemi educativi di istruzione, uno spazio in cui ognuno in modo diverso si è organizzato. e il collegio può partecipare, dare pareri, deliberare, elaborare proposte e decidere cosa deve essere fatto legalmente per avere un’istruzione e un insegnamento di qualità.

Le linee guida e le basi della legge sull’istruzione nazionale brasiliana (LDB, legge 9.394 / 96, già stabiliscono e determinano la gestione democratica e la partecipazione di tutti coloro che sono coinvolti nel processo educativo negli articoli 3 e 14:

Art. 3 L’istruzione sarà insegnata sulla base dei seguenti principi: (…) VII – gestione democratica dell’istruzione pubblica, nella forma della presente legge e della legislazione dei sistemi educativi; (…). Art. 14 °. I sistemi educativi definiranno le norme per la gestione democratica dell’istruzione pubblica nell’istruzione di base, secondo le loro peculiarità e secondo i seguenti principi: I – partecipazione dei professionisti dell’educazione all’elaborazione del progetto pedagogico della scuola; II – partecipazione della scuola e delle comunità locali ai consigli scolastici e simili. (CARNEIRO, 2012, p. 49, 171)

Ciò significa che maggiore è la partecipazione e il coinvolgimento dei professionisti dell’educazione e dell’intera comunità scolastica nel processo decisionale, migliore sarà per l’istruzione e maggiore sarà la sua produttività e, di conseguenza, contribuirà alla costruzione di una più giusta società., dignitosa ed egualitaria per tutti.

In questo modo, possiamo dire che la partecipazione fornisce cambiamenti significativi nella vita delle persone, nella misura in cui si interessano e si sentono responsabili di tutto ciò che rappresenta l’interesse comune. Partecipare attivamente al processo di scelta e alle decisioni scolastiche rende le persone coinvolte più responsabili e impara a sviluppare la nozione di collettività e promuovere cambiamenti che consentiranno il miglioramento non solo del processo educativo delle scuole, ma della comunità in generale.

La gestione scolastica, da una prospettiva democratica, ha le sue caratteristiche e requisiti. Per realizzarlo, dobbiamo osservare procedure che promuovano il coinvolgimento, l’impegno e la partecipazione delle persone. Per questo è necessario promuovere attività e svolgere funzioni che favoriscano la presenza e il rafforzamento delle attività delle persone all’interno delle scuole. Tuttavia, la modalità di gestione democratica implica l’esercizio del potere, compresi i processi di pianificazione, processo decisionale e valutazione dei risultati raggiunti, ecc. Si tratta, quindi, di rafforzare le procedure per la partecipazione della scuola e delle comunità locali alla governance della scuola. , decentralizzando i processi decisionali e condividendo le responsabilità. (DOURADO, 2011, p. 15)

In una gestione democratica è inteso che perché avvenga è necessaria la partecipazione collettiva di tutti coloro che sono coinvolti nel processo educativo, è anche necessario che abbia formato e impegnato i manager con il processo di insegnamento e apprendimento, che ha la capacità di pianificare e delegare funzioni e compiti, che conosce e comprende la pianificazione in modo da poter far partecipare attivamente e con tutti i soggetti coinvolti e questo aiuta anche a favorire lo sviluppo di una cultura in cui l’intera comunità riconosce e comprende l’importanza del patrimonio educativo delle istituzioni ovvero la scuola.

In questo contesto, si può affermare che la gestione partecipativa democratica a scuola richiede la partecipazione della comunità alle azioni sviluppate a scuola. Sappiamo che non è sempre un compito facile, spetta al manager e al management team pensare e sviluppare strategie per motivare le persone a mettersi in gioco e partecipare alla vita della scuola. Qualcosa che molti non hanno, quindi è È necessario che ci sia una buona pianificazione da parte del team di gestione in modo che possa così garantire la presenza e la partecipazione di tutti coloro che sono coinvolti in questo processo. E si tratta della pianificazione che verrà affrontata nel prossimo argomento, della sua importanza per garantire la partecipazione di tutti gli attori sociali che fanno parte del processo di gestione scolastica democratica e partecipativa nelle scuole pubbliche del nostro Paese.

2. PIANIFICAZIONE NEL PROCESSO DI GESTIONE DEMOCRATICA PARTECIPATIVA

La pianificazione fa parte delle attività di gestione di tutte le unità scolastiche. Possiamo affermare che è una parte intrinseca dell’attività pedagogica, ma è necessaria la partecipazione reale di tutti gli attori sociali e perché ciò avvenga, il manager ha un ruolo fondamentale affinché questa partecipazione avvenga effettivamente.

Per avere una buona partecipazione dell’intera comunità scolastica all’interno di una gestione democratica, è necessario che il management team sappia programmare bene le proprie azioni, considerato che l’atto progettuale deve essere un’attività costante nel contesto educativo e che un manager per costruire un’amministrazione democratica deve avere una pianificazione collettiva e partecipativa perché una scuola democratica presuppone una forma di gestione che sia anche democratica, dove dovrà preoccuparsi della partecipazione di tutti i membri della comunità scolastica (studenti, genitori, insegnanti , coordinatori, manager …) un manager democratico dovrebbe incoraggiare l’integrazione all’interno della scuola in modo che ci sia unità tra dipendenti e studenti. Deve anche stabilire un legame di armonia, partecipazione e partnership con la comunità locale, deve avere la capacità e la competenza per guidare il team e la comunità scolastica di cui gestisce e anche incoraggiare le persone ad avere anche la capacità di guidare.

La leadership è la capacità di influenzare, motivare, integrare e organizzare persone e gruppi per lavorare verso il raggiungimento degli obiettivi. In una gestione partecipativa non è sufficiente che ci siano alcune persone nel team che gestiscono solo il raggiungimento di traguardi, obiettivi, risorse e mezzi già previsti. È necessario che il team sia in grado di condividere intenzioni e valori, pratiche, in modo che gli interessi del gruppo siano incanalati verso questi obiettivi e che più persone possano prendere l’iniziativa e sviluppare queste qualità (LIBÂNEO, 2008, p. 89 )

È noto che non è un compito facile sviluppare questo tipo di leadership, ma è possibile coinvolgere i membri della comunità scolastica nel contesto di riferimento di una scuola. Finché esiste un piano di sensibilizzazione, utilizzando non solo la comunicazione formale come è avvenuto in alcune unità didattiche, ma anche attraverso dialoghi informali, mostrando alle persone coinvolte in questo processo l’importanza della loro partecipazione. Poiché si ritiene che la consapevolezza dei genitori e la loro partecipazione e interazione con le questioni relative all’educazione dei propri figli sia di grande valore per la crescita intellettuale di un bambino, possiamo dire che il dialogo è uno dei modi più corretti per formare un cittadino democratico e riflessivo verso sopravvivere in questo mondo ineguale pieno di pregiudizi e individualismo.

Affinché la pianificazione democratica abbia luogo nelle scuole, le decisioni devono essere prese di comune accordo tra i diversi membri della comunità scolastica, avendo sempre cura di rispettare l’eterogeneità e l’individualità di ciascuno. La scuola attuale si trova di fronte a una realtà diversificata con nuove sfide educative, quindi devono essere stabilite condizioni più appropriate per soddisfare la diversità culturale ed economica di ciascuna comunità locale.

Per trasformare questa società tradizionale basata sull’esclusione, dove il più delle volte solo i manager (politici), o un piccolo strato della società principalmente (classe media) hanno il potere di parlare, è necessario lavorare sulla democrazia nel suo insieme, guidandola l’intera comunità e partendo dalla scuola attraverso la partecipazione e l’interazione di tutti, a partire dai bambini fino al più alto grado di partecipazione.

Nelle scuole pubbliche, per ottenere un’istruzione di qualità, il manager, insieme agli altri dipendenti e alla comunità scolastica, deve comprendere e rispettare la diversità culturale che esiste in Brasile. Ma perché ciò avvenga, l’intera struttura educativa deve essere rinnovata, abbandonando la forma autoritaria dell’insegnamento tradizionale, dove il direttore era colui che dettava le regole, non solo per gli studenti ma per l’intera U. E.

Gli incontri scolastici mirano a prendere decisioni su questioni pedagogiche, amministrative, finanziarie e culturali. Un incontro ben pianificato e organizzato è un passo fondamentale nello sviluppo democratico di una scuola. Un’istituzione democratica si costruisce con un vincolo di fiducia tra i membri, poiché i progetti da sviluppare devono avere la partecipazione di tutti, essendo fondamentali per la realizzazione del lavoro. Nell’istituzione scolastica, l’integrazione è l’obiettivo principale per lo sviluppo dello studente.

Per adottare misure democratiche in una scuola, il Consiglio di Classe deve essere costituito non solo dagli insegnanti, ma anche dagli studenti, dove insegnanti, studente (capogruppo), dirigente e coordinatori si riuniscono ogni due mesi per risolvere problemi che coinvolgono il uso degli studenti. Il Consiglio di classe e le corporazioni studentesche sono uno dei numerosi meccanismi che consentono la gestione partecipativa democratica nell’istituzione scolastica e il dirigente dovrebbe agire solo come mediatore, rispettando le opinioni individuali, raggiungendo un consenso con la maggioranza, purché tale maggioranza sia secondo le norme educative, solo attraverso il collettivismo si raggiungeranno i risultati necessari per lo sviluppo e l’approvazione dei progetti educativi di cui la scuola ha bisogno per fornire e offrire un’istruzione di qualità. È attraverso gli incontri scolastici che si rendono possibili le articolazioni più diverse fatte dalla comunità scolastica e si prendono informazioni, decisioni e progetti attraverso il confronto dei responsabili del miglioramento dell’educazione, che sono genitori, insegnanti, dirigenti, insomma l’intero comunità scolastica che insieme hanno preso decisioni più appropriate per una buona pianificazione e apprendimento nel rendimento scolastico degli studenti.

Per essere un dirigente scolastico di successo, uno dei punti più rilevanti è essere un manager qualificato con corsi adatti alla posizione e all’esperienza, essere carismatico, aperto al dialogo, disciplinato e disciplinato, rispettato, partecipativo e sempre pronto a prendere iniziative appropriate al momento giusto al momento giusto senza privilegiare A o B. Il manager educativo non deve essere manipolato da manifestazioni politiche locali. La partecipazione del potere pubblico è essenziale per la costruzione di una gestione veramente democratica. Ma quello che si sa è che i politici interferiscono ancora nelle decisioni educative principalmente nelle scuole pubbliche all’interno del Brasile. La scuola pubblica dipende da un’autonomia per sviluppare al meglio i suoi progetti pedagogici e per lasciare da parte i disordini politici in modo che i nostri studenti e la comunità locale possano sentirsi dei veri cittadini liberi e trasparenti senza il minimo timore di essere critici e di poter esprimere i propri sentimenti. opinioni.

CONSIDERAZIONI FINALI

Costruire una gestione democratica e partecipativa nelle scuole pubbliche brasiliane è il desiderio di tutti coloro che fanno parte dell’istruzione e si sforzano che tutti partecipino e abbiano accesso a un’istruzione e un insegnamento di qualità, questo non è un compito facile, ma è possibile finché ci sono politiche pubbliche che incoraggino la partecipazione di tutti coloro che sono coinvolti nel processo educativo e considerando tutto ciò che è stato discusso e analizzato in un’ottica di gestione democratica e partecipativa, ci rendiamo conto che sviluppare questo tipo di gestione è un desiderio per tutti i professionisti dell’educazione e soprattutto per l’educazione • team di gestione scolastica perché facilita il processo decisionale e aiuta la comunità a comprendere il proprio vero ruolo non solo all’interno del contesto educativo, ma nella società nel suo insieme.

E per attuare e rendere il principio costituzionale della gestione democratica dell’istruzione pubblica nelle scuole pubbliche brasiliane una realtà in ogni scuola, è anche necessario che ci siano manager in grado di applicare le regole legali in situazioni più diverse. Per fare ciò, devono avere una conoscenza più completa della Legge delle Direttive e delle Basi per l’Istruzione Nazionale (LDB), dei Piani Nazionale, Statale e Comunale, avere un background accademico nella gestione della scuola, che sappia dirigere e abbia capacità didattiche e autonomia pedagogica per gestire la didattica e l’istruzione scolastica al fine di garantire a tutti gli studenti un’istruzione e un insegnamento di qualità e contribuire così alla formazione di cittadini critici e riflessivi capaci di agire e far parte della società in cui sono inseriti. Comprendiamo che questo fa parte di un processo e che sta accadendo a poco a poco e che abbiamo tutto per poter sviluppare questa gestione così sognata e idealizzata da tutti, che è la gestione scolastica democratica e partecipativa.

RIFERIMENTI

CARNEIRO, Moaci Alves. LDB fácil: leitura crítico-compreensiva, artigo a artigo; 20. Edição; Petrópolis RJ: Vozes, 2012. 581 p.

DOURADO, Progestão Módulo II: Como promover, articular e envolver a ação das pessoas no processo de gestão escolar. Brasília: CONSED, 2001 126 p.

LIBÂNEO, José Carlos. Organização e gestão da escola: teoria e prática. 5. ed. rev. ampl. Goiânia: Livros MF, 2008.

LÜCK, Heloisa.  A gestão participativa na escola. Petrópolis, RJ: 9 ed. Vozes, 2011 125 p.

[1] Studente del Master in Scienze dell’Educazione presso la Zoe University, Post-laurea in School Management presso l’Università Federale di Tocantins (UFT), laureato in Pedagogia presso l’Università statale di Tocantins (UNITINS), laureato in Normal Superior presso l’Università statale di Tocantins (UNITINS ).

Inserito: Settembre 2020.

Approvato: Settembre 2020.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 79013
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?