Logistica nelle catene di produzione agroalimentari

0
421
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

RECENSIONE ARTICOLO

SOUZA, André Luiz Alvarenga De [1]

SOUZA, André Luiz Alvarenga De. Logistica nelle catene di produzione agroalimentari. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 08, Vol. 06, pp. 33-54. nell’agosto 2019. ISSN: 2448-0959

Il presente lavoro si sviluppa nell’ambito dell’agroalimentare brasiliano, concentrandosi in particolare sulla logistica delle catene produttive. Attraverso una revisione bibliografica attraverso fonti secondarie (libri, periodici, articoli, articoli, documenti scientifici e siti web). Il trattamento dello stesso viene utilizzato nella metodologia qualitativa con qualche analisi quantitativa. Sotto la motivazione del problema, sono i principali problemi incontrati dall’agroalimentare nella logistica brasiliana le sue sfide e le sue prospettive sono alleate ad un articolo di revisione.

Parole chiave: logistica, agroalimentare, filiere produttive.

1. INTRODUZIONE

I cambiamenti sociali, economici e di mercato degli ultimi anni in tutto il mondo hanno reso l’agroalimentare globalizzato stabilito con un carattere insolito da anni fa. Il Brasile, di fronte a tutta questa globalizzazione, deve continuare a produrre cibo per il popolo brasiliano e per altre nazioni del pianeta.

Ciò che preoccupa è che il mondo avrà sempre più cibo e il Brasile ha un grande potenziale per soddisfare questa domanda, perché ha grandi risorse naturali che il paese ha in abbondanza, ma a causa del sistema di trasporto modale che viene utilizzato tende a perdere g Rande parte dei loro carichi, lasciando il cibo sempre più costoso.

Il Brasile è stabilito oggi nell’attuale contesto mondiale, come un fienile di ricchezza in termini di agroalimentare. Secondo Rodrigues (2006), il paese ha il 22% dei terreni agricoli del mondo, oltre all’alta tecnologia utilizzata nel settore, dati che rendono l’agribusiness brasiliano un settore moderno, efficiente e competitivo nello scenario internazionale.

“Agribusiness è la più grande azienda globale e brasiliana del mondo, rappresenta la generazione di U 6,5 trilioni di dollari all’anno e, in Brasile, circa 350 miliardi di dollari, pari al 26% del PIL (29%, secondo la Confederazione Nazionale dell’Agricoltura CNA)”. (STEFANELO, 2002, p.10)

La maggior parte del business è al di fuori dei facchini, coprendo le forniture, la lavorazione delle materie prime e la distribuzione dei prodotti. Inutile (STEFANELO, 2002), questi punti sottolineano l’importanza dell’agroalimentare in Brasile, oltre alla sua grande competitività e all’uso dell’alta tecnologia, propellente per lo sviluppo, il reddito e l’occupazione.

Agribusiness è ancora responsabile di gran parte delle risorse umane utilizzate in tutta la catena, dal momento che abbiamo da parte del personale che gestisce i semi, piantare, raccogliere, memorizzare, beneficiare, trasporto fino a raggiungere il consumatore finale. Tuttavia, nelle regioni non così sviluppate, i settori dell’agricoltura, dell’agroindustrializzazione e delle aree corrispondenti saranno importanti per la crescita del reddito e dell’occupabilità (RENAI, 2007, CARLOS LOUREN-O Y BARBOSA DE LIMA).

Il Brasile è un punto culminante internazionale in termini di produzione agroalimentare, ma l’infrastruttura logistica è uno dei suoi maggiori ostacoli allo sviluppo dell’agroalimentare in Brasile che è direttamente collegato alla rete stradale.

CNT National Confederation of Transport (2014), il Brasile è il secondo più grande esportatore di soia e mais nel mondo. Nel 2014 sono stati esportati 46 milioni di tonnellate di soia e 19,5 milioni di tonnellate di mais.

In considerazione di questo scenario vi sono ancora alcuni problemi legati al flusso dell’intera coltura, solo le condizioni del marciapiede delle autostrade portano ad un aumento del 30,5% del costo di esercizio. Se il

Spese aggiuntive a causa di questo collo di bottiglia, ci sarebbe un’economia annuale di R .3.8 miliardi di dollari (CNT National Confederation of Transport,2014).

Agribusiness in Brasile rappresenta per l’economia grandi progressi per il paese, ponendolo nella ricerca di una struttura per diventare efficiente e competitivo di fronte alle opportunità e alle minacce che sorgono nel settore.

L’obiettivo di questo studio è analizzare la logistica nelle catene produttive agroalimentari attraverso la ricerca bibliografica, dimostrando attraverso dati e fonti ufficiali quanto sia importante l’agroalimentare e il sistema di trasporto stradale in Brasile.

2. RISCITARIA

2.1 LOGISTICA: IL CONCETTO

Il concetto di logistica è rafforzato da (Carvalho, 2002, p. 31)

“La logistica è la parte della gestione della supply chain che rende la pianificazione, le implementazioni e il collegamento al flusso efficiente ed economico e allo stoccaggio di materie prime, prodotti semilavorati e prodotti finiti, viene dedotta dalla sua origine Punto di consumo, con lo scopo di soddisfare le esigenze dei clienti . “

Storicamente, la logistica è emersa dall’esperienza militare nella fornitura di armamenti, munizioni, medicine e cibo, mentre si sposta dalla sua base ad altre posizioni della linea di battaglia.

La logistica è generata dal flusso di forniture e informazioni che si svolgono durante l’intero periodo di trasformazione della materia prima, così come il percorso inverso che può fare.

In secondo luogo (BALLOU, 2006), la logistica aziendale può essere definita come la gestione integrata dei settori della finanza, del marketing e della produzione all’interno dell’azienda nel corso del processo logistico.

Un altro punto importante da sottolineare è la Supply Chain Management focalizzata su una strategia di gestione che valorizzi le aziende per essere più dinamiche e quindi promuovere la competitività del mercato, grazie all’utilizzo di tecnologie integrate la catena di Forniture.

Gestione della catena di approvvigionamento (Supply Chain Management) di Supply Chain, ha rappresentato una nuova e promettente frontiera per le aziende interessate ad ottenere vantaggi competitivi in modo efficace.

Date le nuove prospettive del XXI SECOLO e la crescente domanda di prodotti, supply Chain Management diventa essenziale per tutte le aziende indipendentemente dalle dimensioni o dal ramo di attività.

Al giorno d’oggi, la logistica è evidenziata, perché in vista dell’attuale congiunzione brasiliana, i business manager hanno percepito la grande importanza di questo importante argomento. La sua importanza per l’agroalimentare è evidente ed è stata sentita nel tempo durante ogni raccolto raccolto.

2.2 AGRIBUSINESS: CONCETTO

Il termine agroalimentare è direttamente associato al concetto di agroalimentare che nasce nel 1957, con John Davis e Ray Goldberg, ricercatori nordamericani.

Il concetto di Agribusiness è “la somma delle operazioni di produzione e distribuzione delle forniture agricole, delle operazioni di produzione nelle unità agricole, dello stoccaggio, della lavorazione e della distribuzione di prodotti agricoli e articoli da essi prodotti”. (CRUVINE; MARTIN NETO, 1999)

Al termine usato da John Davis e Ray Goldberg si comprende anche che l’agroalimentare è la somma totale di tutte le operazioni effettuate all’interno e all’esterno dell’azienda agricola e che comportano la produzione di forniture agricole e successivamente la trasformazione e la distribuzione dei prodotti.

In Brasile, il concetto è emerso negli anni 1980 con la nomenclatura “complesso agroindustriale” che più tardi nel corso degli anni si evolve in agroalimentare.

Tra le diverse espressioni già trovate sull’agroalimentare, ciò che conta è il concetto che aggrega che è un’azienda o un’azienda agroalimentare basata sulla famiglia che coinvolge l’intera catena di produzione. All’interno del contesto ci sono anche spiegazioni relative alle situazioni poste da John Davis e Ray Goldberg che sono “il Prima della Portatitolar, l’interno del cancello e il dopo il cancello della proprietà”.

La spiegazione di questi articoli è legata all’acquisizione di semi, piantine, fertilizzanti, agrochimici, trattori e attrezzi che significa (prima del cancello) l’altro aspetto è rappresentato dalla produzione stessa di caffè, soia, mais, riso, Fagioli, bestiame, agroturismo, tra gli altri, questo è il (dentro il cancello) e il beneficio, il trasporto, lo stoccaggio, la lavorazione o l’industrializzazione, la commercializzazione è il (dopo il cancello). Tutto questo ha bisogno di sistemi di trasporto per essere locomoting, che genera anche un grande impatto in tutta la catena a causa degli elevati costi legati al trasporto di ingressi e prodotti in Brasile.

All’interno degli aspetti dell’agroalimentare vale la pena risonerare le catene produttive perché sono considerate come l’insieme di tutti coloro che sono coinvolti nei processi che coinvolgono un particolare prodotto dalla sua concezione per raggiungere il consumatore. Ognuna delle operazioni ne compose una chiamata “Elo”, che forma una lunga catena riferendosi al pensiero del concatenamento.

Questo obiettivo è descrivere le operazioni di produzione responsabili della trasformazione della materia prima in prodotti finiti o semilavorati. Secondo questa logica, una catena di produzione è presentata come una successione lineare di operazioni tecniche di produzione. (BATALHA, 2001)

Se pensiamo che tutto ciò che viene prodotto, deve essere trasportato, venduto e acquistato dai consumatori, possiamo pensare al commercio all’ingrosso, perché ha la funzione di distribuire cibo ai centri urbani, così come al dettaglio.

Tale distribuzione passa attraverso piattaforme centrali che hanno avuto il ruolo di concentrare fisicamente il prodotto e consentire ai rivenditori di fornire se stessi. (ZYLBERSZTAJN, 2005)

I mercati non funzionano senza costi, o a costo zero e partendo da questa premessa, sappiamo che nulla è gratuito naturalmente e gli agricoltori hanno bisogno di organizzare in qualche modo lo smaltimento delle loro unità di produzione al fine di ottimizzare il tempo e il denaro.

Tenuto conto di questa posizione che i mercati hanno costi in relazione al loro funzionamento, la possibilità di ampliare i precetti neoclassici della minimizzazione dei costi, che considera solo i costi misurabili dei fattori di produzione, incorpora anche la Costi di transazione. (ZYLBERSZTAJN, 2005)

3. LOGISTICA IN AGRIBUSINESS CATENE PRODUTTIVe

L’agroalimentare è una delle più grandi aziende dell’economia brasiliana, se non la più grande, dal momento che a livello globale rientra in una nicchia dell’economia mondiale. Nell’anno 2014 ha spostato più di 1,1 trilioni di reais, essendo il 23% del PIL (BLOG OF THE PLATEAU OF THE PRESIDENCY OF THE REPUBLIC, 2014).

Il Brasile è considerato uno dei paesi con il più alto potenziale agricolo a livello mondiale, per espandere le esportazioni di prodotti legati all’agroalimentare, in primo tempi, quelli legati al cibo e all’energia, come l’alcol e il biodiesel, ma deve affrontare Grandi difficoltà interne dovute al sistema modale inserito nella politica dei trasporti (Portale agroalimentare del sito, 2004).

Per quanto riguarda i trasporti, il mercato del trasporto merci su strada in Brasile, e in particolare i carichi agricoli, non subisce alcun tipo di controllo da parte del governo, ciò significa che i prezzi si formano sulla base della libera negoziazione tra offerta e domanda di servizio m navetta inv. (CAIXETA-FILHO, 1998),

Il Brasile è ancora ampiamente utilizzato nel modello di trasporto su strada per drenare la produzione, che genera costi in tutta la catena produttiva.

Essa afferma che la coltura della soia è senza dubbio la più destabilizzante del mercato del trasporto merci, vale a dire con l’uso intensivo dei servizi di trasporto, poiché i veicoli disponibili diventano scarsi e i valori delle merci aumentano in modo significativo. (CAIXETA-FILHO, 2001)

Tuttavia, non possiamo applicare il concetto di agroalimentare solo alle grandi imprese, ma a tutti i legami di questa corrente che è responsabile di portare i prodotti agroalimentari nelle mani di coloro che lo consumano.

Il governo federale ha annunciato nel 2015, investimenti di R 198,4 miliardi di dollari nei prossimi anni, ha anche sottolineato la nuova fase del Logistics Investment Program (PIL), e che privatizzerà aeroporti, autostrade, ferrovie e porti (sito web della Presidenza della Repubblica, 2015) .

Il grande impatto di queste misure deriva dal soddisfare le precarie politiche agricole, dalla scarsa resa delle unità produttive senza parlare della mancanza di un adeguato sostegno strutturale e del grande calo della redditività di un’impresa che grava la bilancia commerciale brasiliana influisce direttamente sul PIL.

È noto, quindi, che quando esiste un’infrastruttura di trasporto di qualità l’efficienza del sistema agroindustriale è più elevata, essendo preponderante nel costo dello spostamento dei prodotti. La logistica dei trasporti nell’agroalimentare

Ha grande importanza perché ha un grande impatto sulla determinazione dei prezzi pagati al produttore.

Un altro aspetto dello strangolamento affrontato dal settore è la mancanza di altri modelli di flusso modale di produzione a scapito della strada.

Nel caso dei prodotti agricoli (massa solida), la concentrazione modale è molto inadeguata, la strada è responsabile dell’80% dei carichi, della ferrovia, dell’8-10%, e i corsi d’acqua rimangono con il resto. (CAIXETA-FILHO, 2001)

La figura mostra l’inadeguatezza per i casi di movimento dei carichi di soia in Brasile. (COSTA, 2002)

Figura 1: matrice di trasporto per il complesso di soia in Brasile:

La coltura di soia, che si verifica tra i mesi di marzo e aprile, è quella che destabilizza maggiormente il mercato del trasporto merci in Brasile. Un altro fatto importante da sottolineare, questo fatto negativo, è la lentezza tra la proprietà della produzione agricola e l’industria, portando ad una maggiore necessità di manutenzione del camion, di solito questi percorsi sono vicinal e sterrato, sommando Tutti questi sono fattori che elevano anche i costi di trasporto. (SOARES 1997).

Figura 2: Logistica della distribuzione dei cereali derivati in Brasile

Fonte: Drafting CNT 2014

L’equilibrio agroalimentare detenuto dalla CONFEDERATION OF AGRICULTURE e DAL LIVESTOCK OF BRAZIL (CNA, 2013 e 2014), negli ultimi anni, l’agroalimentare si è distinto come fattore preponderante per la crescita economica del paese.

Le prestazioni potrebbero essere migliori, se non i costi e gli sprechi generati dalla mancanza di infrastrutture e logistica in Brasile. Secondo i dati (INTELOG, 2013), per coprire le spese logistiche vengono spesi tra l’8,5% e il 9,0% di tutto ciò che viene prodotto dal settore.

La cattiva infrastruttura è anche uno dei principali fattori responsabili, ad esempio, dei rifiuti, come mostrato nella Figura 2, con i semi di soia. Si stima che la perdita di grano, da coltura a porto, dia una differenza tra il 6,0% e il 13,0%.

Figura 3: Costo logistico

4. ASPECTS METHODOLOGICAL

Gli aspetti metodologici mirano a descrivere le procedure utilizzate per raggiungere gli obiettivi proposti sul lavoro. È stato iniziato descrivendo i metodi utilizzati nell’operativizzazione della ricerca teorica, quindi presentando le tecniche di ricerca, l’universo di ricerca e le procedure di raccolta dei dati.

Tra le varie forme del ricercatore che promuove la conoscenza ci sono diversi tipi di ricerca che implicano direttamente in diverse procedure in termini di formulazione di domande di ricerca, metodi e analisi.

Secondo (FLEMING 2008, p. 69, MATTAR 1996), “Ci sono diverse possibili classificazioni dei tipi di ricerca, perché il tipo di ricerca è un concetto complesso che non può essere descritto in modo unico.”

Questa ricerca può essere classificata come un saggio teorico scritto da una revisione bibliografica, la sistematizzazione e l’analisi delle informazioni già pubblicate per quanto riguarda l’argomento “LOGISTICS OF AGRIBUSINESS”.

La natura della ricerca, caratterizzata come fondamentale, mira a generare nuove conoscenze, utili per il progresso della scienza, senza applicazione pratica prevista, coinvolge verità e interessi universali. (GERHARDT e SILVEIRA, 2009)

Il suo aspetto nell’affrontare il problema, è inquadrato come qualitativo per l’analisi del tema e la selezione degli articoli e come quantitativo per le altre analisi.

Martins e Teophilo (2007) affermano che la valutazione qualitativa è caratterizzata dalla descrizione, dalla comprensione e dall’interpretazione di fatti e fenomeni. La ricerca qualitativa descrive la complessità di un dato problema, analizza l’interazione delle variabili, comprende e classifica i processi dinamici presentati.

L’approccio quantitativo, ampiamente utilizzato nell’ambito dei ricercatori, (CRESWELL 2007, p. 24), definisce la ricerca quantitativa come una “osservazione attenta e misurazione della realtà oggettiva”.

Possiamo considerare l’obiettivo di questo studio come esplorativo, in quanto mira ad aumentare la conoscenza in relazione al tema, fornendo una maggiore familiarità con il problema al fine di renderlo esplicito. (SILVA e MENEZES, 2005)

Per lo sviluppo di questa ricerca sono stati utilizzati anche dati secondari, i dati utilizzati provengono dal Ministero dell’Agricoltura, bestiame e fornitura e Confederazione Nazionale dei Trasporti (CNT).

Secondo Malhotra (2001), l’uso dei dati secondari è giustificato in virtù della sua ampia portata e della facilità di accesso.

Gli articoli che sono serviti come base per questa ricerca sono stati selezionati nel database “Scholar” di Google. Per identificare gli articoli che fanno riferimento al tema, sono state utilizzate le parole chiave “AGRIBUSINESS LOGISTICS”. In un primo momento, è stato utilizzato il nome del tema dell’articolo “LOGISTICS IN THE AGRIBUSINESS PRODUCTIVE CHAINS”, ma la ricerca non ha trovato nulla di pertinenza che potesse comporre qualche campione.

In un primo momento, non sono state stabilite restrizioni in questione per il periodo di ricerca, in questo modo, 46 (46) Articoli che trattano il tema della ricerca e delimitati con le parole chiave sono stati trovati nella banca dati citata, tuttavia, dopo un Una profonda analisi di questi articoli, alcuni sono stati scartati perché non erano perfettamente allineati con il tema di questa ricerca.

Dopo questo primo filtro, si è deciso che l’analisi sarebbe stata correlata alle pubblicazioni degli anni 2014-2015, quindi una finestra temporale di 1 anno, perché gli articoli pubblicati in questi anni riflettono le ricerche più attuali relative al tema e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano gli scenari e dimostrano Attori coinvolti aggiornati.

Nella presentazione dei dati di ricerca discuteremo i risultati dell’analisi di un campione dei dati ottenuti dalla base di Google Scholar relativi al tema di questo studio.

Tuttavia, successivamente, sono stati analizzati i suddetti articoli e sono stati stabiliti i seguenti criteri: quantità di articoli all’anno; Numero di autori per articolo; Mezzi di diffusione della ricerca; Il tema della ricerca e il contributo dell’articolo.

5. DISCUSSIONE DELLA QUANTITÀ DI ARTICOLI E ANALISI DEI DATI DI RICERCA

Dopo che il filtro temporale e il Cartesio applicato alla ricerca, la quantità di articoli trovati nel database per il tema “AGRIBUSINESS LOGISTICS”, ha prodotto 18 (diciotto) articoli, 13 articoli pubblicati nel 2014 e 5 nel 2015. La suddetta distribuzione può essere vista nella tabella seguente.

Tabella 1: Quantità di articoli

Fonte: Autore personale

5.1 NUMERO DI AUTORI PER ARTICOLO E MEZZI DI PUBBLICAZIONE DELLA RICERCA

Valutando e quantificando il numero di autori per articolo studiato, cioè gli articoli pubblicati, sembra che una parte sostanziale degli studi sia conglomerata da 1 e 3 autori, che insieme corrispondono al 76,46% del totale degli articoli. È chiaro che le opere con 1 autore sono più prove che rappresentano il 52,94% degli articoli pubblicati.

Gli articoli scritti da 2 autori corrispondono a una dimensione del campione del numero 3 che equivale al 17,64% dell’analisi del campione, i 4 autori sono ancora meno significativi, corrispondono a una dimensione del campione che rappresenta il 5,88% dell’intero insieme di dati campione .

Tabella 2: Numero di autori per articolo

Fonte: Autore personale

Considerando l’analisi eseguita dei dati, si conclude che, la maggior parte degli articoli pubblicizzati all’interno della ricerca, deriva dalla collaborazione tra ricercatori, e che questa collaborazione è limitata tra 1 e un massimo di 3 autori, essendo osservato Nella tabella per l’analisi della quantità di autori per articolo.

Se osserviamo nella tabella qui sotto possiamo verificare che la Revista AGROANALYSIS-FGV, presenti il più grande fattore di impatto, perché appare con 7 pubblicazioni nel sistema studiate da questo studio, essendo 4 pubblicazioni nel 2014 e 3 pubblicazioni nel 2015, fino a luglio. Riferendosi alle altre pubblicazioni, le stesse sono pubblicazioni uniche che non possiedono troppe quantificazioni di ricerca.

Tabella 3: Quantità di articoli e riviste

Fonte: Autore personale

Nell’ambito del tema della limitazione della ricerca sono stati trovati 17 articoli con vari approcci relativi alla logistica dell’agroalimentare e della logistica nelle catene produttive agroalimentari. La classificazione dello studio è riportata nella tabella seguente.

Tabella 4: Classificazione degli studi

Fonte: Autore personale

È stato osservato che la metodologia utilizzata negli articoli durante l’attuazione di questo studio era che nel 29,41% degli articoli pubblicizzato la metodologia era il caso di studio.

Un’altra metodologia che è stata anche degna di nota è stato il modello concettuale e Quali-quanti entrambi con 17.64%.

All’interno della finestra temporale di delimitazione della ricerca per questo studio, si nota che nel 2014 la metodologia più utilizzata è stata la revisione bibliografica corrispondente al 23,53% degli articoli.

Nel 2015 fino a luglio è stato osservato che nessun articolo aveva presentato l’aspetto metodologico della revisione bibliografica. La distribuzione di cui sopra è elencata nella tabella 4.

Fonte: Autore.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

L’obiettivo di questo studio era quello di esplorare e quantificare la produzione scientifica in relazione alle principali proprietà della ricerca legate alla logistica nella catena di produzione agroalimentare. Questo studio contribuisce alla percezione e alla mappatura dei principali temi affrontati all’interno dell’area e delle principali metodologie impiegate.

Possiamo affermare che la ricerca ha raggiunto il suo obiettivo, poiché è stato possibile identificare, quantificare e qualificare gli articoli riferendosi all’argomento e determinare le tendenze della ricerca nel settore della logistica nella filiera di produzione agroalimentare.

Alla luce delle analisi effettuate in questo studio è stato osservato che gli autori che hanno pubblicato articoli sull’argomento analizzati, sono limitati, in pochi partenariati, si osserva che la maggior parte delle ricerche pubblicate sono composte da due a tre autori.

In riferimento ai temi trattati nell’ambito della logistica nella filiera di produzione agroalimentare, si rileva che gli articoli valutati durante la performance di questo studio si concentrano su temi quali la logistica e la distribuzione della filiera produttiva, i costi logistici, la creazione di Nuovi terminali intermodali e sviluppo agroalimentare.

Infine, l’argomento trattato in questo articolo è di interesse per i segmenti delle aziende pubbliche e private nel settore agroalimentare e logistico, essendo uno strumento importante per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’attuale scenario che è la logistica dell’agroalimentare brasiliano e le sue principali esigenze pulsanti ed di emergenza.

RIFERIMENTI

ABRALOG. <http://www.abralog.org.br/website/home/>. Acesso em: 13 jul.2015.

ALVARENGA, Antônio C. NOVAES. Antonio G. N. Logística Aplicada: suprimento e distribuição física. 3ª edição. São Paulo. Ed.Edgar Blucher ltda. 2000.

ANDRADE, M.M. Como Preparar Trabalhos para Cursos de Pós-Graduação: noções práticas. 5. ed. São Paulo: Editora Atlas 2002.

BALLOU, Ronald H. Gerenciamento da Cadeia de Suprimentos/Logística Empresarial. 5a. ed. Porto Alegre: Bookman, 2006. ,p.26

BALLOU, Ronald H. Logística Empresarial: transportes, administração de materiais e distribuição física. 1ª ed. São Paulo: Atlas, 1993.

BATALHA, M. O . Gestão Agrocinustrial. São Paulo: Atlas, 2001

BATALHA, Mário O.(coord.). Gestão Agroindustrial: GEPAI: Grupo de Estudos e Pesquisas Agroindustriais. Vol. 1. 2. ed. São Paulo: Atlas, 2001.

BAYLISS, B.Transport policy and planning: anintegrated analytical approach.Washington: The World Bank, 1996.

BEILOCK, R. et al.Road conditions, border crossing and freight rates in Europe and Western Asia. Transportation Quarterly, v. 50, n. 1, p. 79-90, Winter 1996.

BLOG DO PLANALTO. <http://blog.planalto.gov.br/assunto/ministerio-da-agricultura/ >. Acesso em: 13 jul.2015.

CAIXETA-FILHO, João V. MARTINS, Ricardo S (Org). Gestão logística do transporte de cargas. São Paulo. Ed. Atlas. 2001.

CANAL DO PRODUTOR. ttp://www.canaldoprodutor.com.br/http://www.eumed.net/cursecon/ecolat/br/>. Acesso em: 13 jul.2015.

CARLOS Lourenço y Barbosa de Lima: “Evolução do agronegócio brasileiro, desafios e perspectivas” en Observatorio de la Economía Latinoamericana, Número 118, 2009. Texto completo en <http://www.eumed.net/cursecon/ecolat/br/>. Acesso em: 13 jul.2015.

CARVALHO, José Meixa Crespo de – Logística. 3ª ed. Lisboa: Edições Silabo, 2002. ISBN 9789726182795

CARVALHO, José Crespo de – Logística, Supply Chain & Network Management. Lisboa. Ad litteram, 2003.

CHRISTOPHER, Martin. Logistics and Supply Chain Management. 4. ed. São Paulo. Cengage Learning. 2012.

CHOPRA, Sunil, Gestão da cadeia de suprimentos, estratégias, planejamento e operações / Sunil Chopra, Peter Meindl; tradução Daniel Vieira; Revisãp técnica Marilson Alves Gonçalves. 4 ed. São Paulo: Pearson Prentice Hall, 2011.

COASE, R. H. The nature of the Firm. Econômica, v. 04, n.16, p. 386-405, nov./1937.

COLLIS, J.; HUSSEY, R. Pesquisa em Administração: Um guia prático para alunos de graduação e pós graduação. 2. ed. São Paulo: Artmed, 2005.

CONFEDERAÇÃO DA AGRICULTURA E PECUÁRIA DO BRASIL CNA. Disponível em: < http://www.cna.org.br/site/agencia/>. Acesso em: 13 jul.2015.

CONFEDERAÇÃO DA AGRICULTURA E PECUÁRIA DO BRASIL CNA. Disponível em: < http://www.cna.org.br/site/pesquisa/>. Acesso em: 15 jul.2015.

______. Conceitos gerais, evolução e apresentação do sistema agroindustrial. In:

ZYLBERSZTAJN, Decio; NEVES, Marcos F. (Org.). Economia e gestão dos negócios

agroalimentares. 1. ed. São Paulo: Pioneira Thomson, 2005. p. 01-21.

CRESWELL, J. W. Projeto de Pesquisa. Porto Alegre: Artmed, 2010.

CRUVINE, Paulo E.; MARTIN NETO, Ladislau. Subsídios para o Desenvolvimento do Agronegócio Brasileiro: o Programa Automação Agropecuária, Visão e Estratégias. Embrapa: Comunicado Técnico, n. 32, p. 1 – 4, set. 1999.

CONTI, Maria Laura. Esame e confronto di differenti soluzioni al problema del transporto merci in âmbito urbano. Università di Parma: Ottobre, 2004.

DAVIS, J.H.; GOLDBERG, R.A. The genesis and evolution of agribusiness. In: DAVIS, J.H.;GOLDBERG, R.A. A concept of Agribusiness. Harvard University. Pp.4-7

DAVIS, J.H.; GOLDBERG, R.A. The genesis and evolution of agribusiness. In: DAVIS, J.H.; GOLDBERG, R.A. A concept of Agribusiness. Harvard University. Pp.7-23

DIAS, João Carlos Quaresma – Logística global e macrologística. Lisboa: Edições Silabo, 2005. ISBN 9789726183693

______. Economia das organizações. In: ZYLBERSZTAJN, Decio; NEVES, Marcos F. (Org.). Economia e gestão dos negócios agroalimentares. 1. ed. São Paulo: Pioneira Thomson, 2005. p. 23-38.

FERREIRA, Aurélio Buarque De Holanda. Novo Dicionário Aurélio da Língua Portuguesa. 2ª ed. Rio de Janeiro: Nova Fronteira, 1986.

FLEURY, Paulo F. WANKE, Peter. FIGUEIREDO, Kleber F. (Org). Logística Empresarial: a perspectiva brasileira. São Paulo. Ed. Atlas. 2000.

FLEMING, M. C. N. C. O papel da esperança na compra de crédito pessoa em consumidores de baixa renda, Dissertação (Mestrado em Administração). Faculdades Ibmec, Rio de Janeiro, 2008.

GOLDBERG,R.A. Agribusiness Coordination: A Systems approach to the wheat, soybean and florida orange economies. Harvard University, 1968.

HANDFIELD, Robert B. STRAUBE, Frank PFOHL, Hans WIELAND, Andreas. Trends and Strategies in Logistics and Supply Chain Management: Embracing Global Logistics Complexity to Drive Market Advantage. BVL. 2013 KUNRATH, Rodrigo Diedrich – Logística Empresarial.

MALHOTRA, N. Pesquisa de marketing: uma orientação aplicada. 3ª edição. Porto Alegre: Bookman, 2001.

MARTINS, G. A.; THEÓPHILO, C. R. Metodologia da investigação científica para ciências sociais aplicadas. São Paulo: Atlas, 2007.

Métodos de pesquisa / [organizado por] Tatiana Engel Gerhardt e Denise Tolfo Silveira ; coordenado pela Universidade Aberta do Brasil – UAB/UFRGS e pelo Curso de Graduação Tecnológica – Planejamento e Gestão para o Desenvolvimento Rural da SEAD/UFRGS. – Porto Alegre: Editora da UFRGS, 2009. Disponível em: <http://www.ufrgs.br/cursopgdr/downloadsSerie/derad005.pdf >. Acesso em julho de 2015.

NOVAES, G. A. Logística e gerenciamento da cadeia de distribuição. Rio de Janeiro. Ed. Campus. 2000.

OLIVEIRA, F. Além da transição, aquém da imaginação. Novos Estudos CEBRAP, São Paulo, n.12, p.2-15, jun. 1985.

POZO, Hamilton, Administração de Recursos Materiais e Patrimoniais: uma abordagem logística / Hamilton Pozo. – 6.ed. São Paulo : Atlas 2010. p. 133.

PORTAL NTC. Disponível em: <http://www.portalntc.org.br/>. Acesso em julho de 2015.

Principais determinantes de preço do frete rodoviário para o transporte de soja em grãos em diferentes Estados brasileiros: uma análise econométrica. 2001. 83 f. Dissertação (Mestrado em Economia Aplicada) – Universidade de São Paulo – USP, São Paulo.

REDETEC. <http://redeetec.mec.gov.br/images/stories/pdf/eixo_rec_naturais/aquicultura/181012_emp_agro_iv.pdf>. Acesso em julho de 2015.

RENAI. A Rede Nacional de Informações sobre o Investimento. O Setor deAgronegócio no Brasil: Histórico e Evolução do Agronegócio Brasileiro.Disponível em: http://investimentos.desenvolvimento.gov.br/intern>. Acesso em: 29 jan.2009.

RODRIGUES, Roberto. O céu é o limite para o agronegócio brasileiro. Conjuntura Econômica, Rio de Janeiro, V.60, n.11, p.1415, Nov.2006.

STEFANELO, Eugênio L. Agronegócio brasileiro: propostas e tendências. Revista FAE Business. n 3, set. 2002. p.10

TÁNCZOS, K.; BOKOR, Z. Elaborating a city-logistic conception for the case of Budapest. Transportation and Telecommunication in the 3rd Millenium, 10th Anniversary of the Foundation of the Faculty Transportation Sciences.

TRIVIÑOS, A.N.S. Introdução à pesquisa em ciências sociais – A pesquisa qualitativa em educação. São Paulo: Atlas, 2008.

VERGARA, S. C. Métodos de Pesquisa em Administração. 2. ed. São Paulo: Atlas, 2006.

ZYLBERSZTAJN, D.; NEVES, M. F.; et al. Economia e Gestão dos Negócios Agroalimentares. São Paulo: Pioneira, 2000. p.1-21.

[1] Dottorato in Formazione, master in Business Administration, laurea post-laurea in formazione a distanza, post-laurea in gestione delle persone, laurea in amministrazione, lavoro sociale, tecnologia nella gestione delle risorse umane, pedagogia.

Inviato: Aprile, 2019.

Approvato: agosto 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here