REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Dalla religione all’intelligenza artificiale: lotte e conquiste del popolo ebraico nella storia dell’umanità

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

NEVES, Milton Carlos [1], RODRIGUES, Ana Paula [2]

NEVES, Milton Carlos. RODRIGUES, Ana Paula. Dalla religione all’intelligenza artificiale: lotte e conquiste del popolo ebraico nella storia dell’umanità. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, Ed. 08, Vol. 02, pp. 131-142. Agosto 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/teologia-it/popolo-ebraico

RIEPILOGO

Questo articolo mira a dimostrare che gli ebrei, un gruppo di persone generalmente identificate dalla loro religione, relativamente piccolo, rispetto alla popolazione mondiale, esercitavano ed esercitano ancora un’influenza al di sopra del comune in quasi tutti i settori importanti della vita umana, sia nei remoti periodi biblici, sia oggi, attirando così la furia di vari gruppi sociali, nelle più diverse parti del mondo. Utilizzando una ricerca bibliografica diversificata, questo lavoro racconterà eventi vittoriosi al popolo ebraico, ma che sono sempre stati preceduti da momenti catastrofici, sia nell’antichità che nei periodi odierni. L’inserimento del periodo antico nella ricerca, pur essendo basato sui racconti dell’ebreo Flávio Josefo e non sulla Bibbia, rivelerà grandi battaglie ebraiche, in cui con pochissimo questo popolo sfuggì a un grande genocidio. Dopo il Medioevo, con gli ebrei già sparsi per il mondo, la persecuzione si è ridotta, culminando nell’anno 1945 con la morte di sei milioni di loro. Le affermazioni considerate storiche non ricevono un sostegno consensuale, anche se valutate come vere da alcuni, parziali da altri e persino assurde dall’opinione internazionale, come alcuni in disaccordo della stessa comunità ebraica. Nonostante le sofferenze vissute, molti intellettuali ebrei sono stati e sono rispettati da ingegnose scoperte nei campi della scienza, della filosofia, della religione, dell’economia, della politica, della tecnologia, dell’intelligenza artificiale e di altre aree del sapere umano, influenzando lo sviluppo delle nazioni attraverso le quali sono passati e ancora periscono.

Parole chiave: Ebrei, Religione, Storia, Pensatori, Tecnologia.

1. INTRODUZIONE

Gli scrittori, gli storici e i critici più famosi e rinomati del mondo hanno detto qualcosa di almeno interessante sugli ebrei, tra cui Fiódor Dostoiévski, William Shakespeare, Tácito e altri, ma non sempre facendo uso dell’impegno per ciò che è vero o libero da sentimenti razzisti.

Cosa avete in comune, personaggi famosi di oggi come Sergey Brin, fondatore di Google, Uri Levine di Waze, Mark Zuckerberg di Facebook, Travis Kalanick di Uber? O anche figure della storia come David Ricardo padre del capitalismo moderno, Karl Marx del comunismo, Ferdinand Lassalle del socialismo, Émile Durkheim della sociologia, Sigmund Freud della psicoanalisi, Albert Einstein della teoria della relatività, Isaac Asimov della fantascienza, Franz Boas dell’antropologia moderna e Robert Oppenheimer del progetto Manhattan? La risposta è che sono tutti discendenti ebrei.

La traiettoria storica di questo popolo, tuttavia, non è circondata solo da successi, lodi sincere e pace. Le parole allo scrittore più pungente e lungimirante mancherebbero di parole per esprimere la sofferenza e la straordinaria potenza di superare questo popolo, che si rivela essere uno dei più tenaci della storia dell’umanità.

Con informazioni ottenute da una ricerca bibliografica, il presente lavoro dimostrerà che dopo terribili e sanguinose battaglie, gli ebrei hanno sempre goduto di un certo periodo di tranquillità, preparandosi sempre a nuovi attacchi da parte di popoli diversi, a causa dell’invidia, seguiti da calunnie e diffamazioni, praticate da esponenti dell’élite mondiale, facendo uso di letteratura di grande circolazione per questo.

La giustificazione di questo lavoro si basa sull’ispirazione motivazionale in cui si costituiscono i lasciti di trionfo di questo popolo di fronte ai principali periodi di tensione sofferti, secondo la storia dell’umanità. Secondo ricerche cronologiche, dalla schiavitù sotto l’Impero egiziano, alla minaccia di estinzione in Persia, alla diaspora promossa dall’imperatore romano Tito, alle persecuzioni nel periodo medievale al tentato genocidio praticato dal cancelliere tedesco Adolf Hitler, gli ebrei seguono attraverso i secoli mostrando straordinari esempi di fede, coraggio e superamento.

2. SVILUPPO

C’è stato un tempo in cui un mondo futuro era immaginato dominato dalla spietata dittatura del capitalismo postulata da David Ricardo. Qualche decennio dopo, un teorico, Karl Marx con il suo Manifesto comunista, suggerì la liberazione della schiavitù causata dai detentori del capitale attraverso la dittatura del proletariato. Infine, e nel periodo di oggi, non c’è dubbio che un regime dittatoriale sarà guidato dall’intelligenza artificiale, un campo scientifico ampiamente esplorato da Isaac Asimov e Norbert Wiener. Sia David Ricardo che Karl Marx e Asimov e Norbert Wiener sono ebrei.

Una curiosità sorgerà al lettore, che in modo particolare analizza l’opera presente: in effetti c’è questa preponderanza o supremazia ebraica, e se sì, quale sarebbe la giustificazione del successo di questo popolo? Il presente lavoro non intende rispondere alla prima domanda, poiché non è possibile dimostrare ufficialmente la preponderanza o la supremazia ebraica, sebbene esistano diverse teorie della cospirazione, con informazioni manipolate. Sono un popolo di grande influenza globale ed è stato all’interno della comunità ebraica che sono emerse le due più grandi religioni di ascesa rinomata e schietta, che sono l’Islam e il Cristianesimo. Gesù di Nazaret, l’uomo più conosciuto della storia, e anche il fondatore del cristianesimo è indiscutibilmente ebreo. Gli elementi culturali dell’ebraismo presenti nella religione cristiana sono così notevoli che Kreeft e Tacelli sostengono:

L’unica altra religione che i cristiani accettano come pienamente biblica è l’ebraismo biblico, per la semplice ragione che non è un’altra religione, ma il fondamento del cristianesimo. Cristo disse: Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto per abolire, ma per conformarmi (Mt 5,17). I cristiani credono in tutto ciò in cui credono gli ebrei. Ma gli ebrei criticano i cristiani per aver creduto in molte cose, proprio come i protestanti criticano i cattolici per aver creduto in troppe cose. (KREEFT, 2008; TACELLI, 2008 p. 531)

Il fatto è che gli ebrei sono indiscutibilmente un popolo influente, di successo e di alto potere di superamento sin dalla loro istituzione storica come civiltà, e nel corso della loro storia, a seconda delle soluzioni richieste dalle esigenze dei diversi tempi, hanno impiegato ogni sforzo necessario per superare grandi sfide.

Le più grandi sfide degli ebrei hanno sempre portato con sé nuove opportunità, che sono state sfruttate in modo positivo dopo grandi impatti. In quest’opera spiccano quattro momenti travagliati, ma che hanno portato a progressi spettacolari e indispensabili per lo sviluppo culturale, intellettuale, sociale e infine tecnologico: l’oppressione dell’impero egiziano, la persecuzione nell’impero persiano, la diaspora promossa dall’Impero Romano, il famigerato Olocausto del XIX secolo.

2.1 LA BATTAGLIA DEL FARAONE CONTRO ISRAELE

La prima grande persecuzione contro gli ebrei, allo scopo di promuovere il genocidio, fu promossa dagli egiziani, secondo le due principali fonti storiche disponibili, e che godono di una credibilità rinomata, che sono la Sacra Bibbia e gli scritti di Flávio Josefo, uno storico ebreo vissuto nel primo secolo. Inizialmente in Egitto, gli ebrei godevano di una certa pace e prosperità in un ghetto chiamato Goshen, a causa delle considerazioni che gli egiziani avevano per Giuseppe, un ebreo che raggiunse la benevolenza e il rispetto prima del faraone Apopi I del lignaggio Hicsus. Dopo la morte di Giuseppe, il faraone Amenófis, figlio di Ramses II, impose una dura servitù agli ebrei che venivano trattati come schiavi. Sull’interpretazione soprannaturale della schiavitù e della liberazione degli ebrei nel suo sfortunato rapporto con faraone, descrive lo scrittore ebreo convertito al cristianesimo Myer Pearlman:

Gli eventi registrati nell’Esodo coprono un periodo di 216 anni, dal 1706 al 1490 a.C. circa. Inizia con un popolo schiavo che abita la presenza dell’idolatria egiziana e termina con un popolo redento che abita la presenza di Dio (PEARLMAN, 1985, p. 23).

Mosè nasce in questo contesto, provvidenzialmente educato a tutta l’arte, la cultura e l’intelligenza egiziane, ma si ribella ai trattamenti dati al suo popolo, gli Ebrei. Mosè chiede al Faraone di lasciare libero il suo popolo, al quale il sovrano si oppone ferocemente. Dopo diversi rapporti, suppliche e sforzi, la maggior parte dell’Egitto autorizza la partenza del popolo, al fine di distruggerlo ai margini del Mar Rosso. Ciò che il Faraone non si aspettava era un’apertura in mare, che liberasse il passaggio per il popolo di Israele da asciugare. Vedendo l’ingresso del popolo di Israele in mare, il sovrano egiziano si affrettò con il suo esercito nel tentativo di raggiungere i suoi sudditi fuggitivi, per distruggerli finalmente dando l’esempio agli altri sulle conseguenze della ribellione contro il Faraone. Il popolo di Israele ne uscì indenne e più fiducioso nella sua religiosità, guidato dal leader spirituale e militare. La popolazione vittoriosa si stava ora muovendo verso la terra promessa, e le loro convinzioni religiose si consolidarono soprattutto dopo aver ricevuto il famoso Decalogo mosaico, un codice di condotta legale riassunto in dieci comandamenti. Questo scritto è stato scritto culturalmente e serve ancora come parametro morale per gli ebrei religiosi. In un mondo in costante cambiamento, uno dei tonici del pentateuco è il principio di conservazione. Il Dio d’Israele non cambia, quindi i loro costumi non possono essere volubili. Il codice ebraico, linguistico e di scrittura usato dagli ebrei fu inizialmente influenzato da altre lingue e culture antiche come il fenicio e il canaanéia. Il suo grande differenziale è che anche se sono passati molti secoli, l’essenza linguistica e di scrittura rimane intatta. Sembra essere un vero miracolo, e questo è uno dei segreti della forza costante, conservatrice, resiliente e duratura di questo popolo praticamente immutabile, con rare eccezioni. Sulla fedeltà della lingua ebraica, esporre Stephen M. Miller e Robert V. Huber:

La possibile ragione di questa insolita costanza nella lingua ebraica è che, dopo qualche tempo, ha cessato di essere una lingua vivente in senso stretto. Dal V secolo in poi.Gli Israeliti cominciarono a parlare l’aramaico, la lingua dei loro conquistatori persiani. Nel corso del tempo, l’ebraico venne usato solo per il culto e nella Sacra Scrittura. Per questo motivo, la lingua è diventata meno soggetta a cambiamenti rispetto a una lingua che viene utilizzata per le conversazioni e le negoziazioni quotidiane. (MILLER, 2006; HUBER, 2006 p. 17)

In questo momento, la cultura ebraica ha fatto un grande progresso, e prova di ciò, è l’eredità indiscutibile sia per la cultura religiosa orientale che occidentale.

2.2 LA RICERCA DI HAMAN L’AGAGITA IN PERSIA

Circa mille anni dopo le grandi minacce egiziane, e nel recupero del traumatico derivante dall’esilio imposto da Nabucodonosor, gli ebrei dimorarono in Persia. In questo momento il disperato appello di Haman l’Agagita, discendente dei leggendari oppositori degli ebrei e uno dei nobili del palazzo del sovrano re Assuere, si distingue per lo sterminio del popolo ebraico in tutto l’impero. La sua preoccupazione e la sua rivolta furono sostenute nell’orgoglio di Mardocheo e degli altri ebrei che non si inchinarono davanti alla sua nobiltà. Consultando sua moglie e i suoi correligionari, Haman giunge alla conclusione che il modo migliore per affrontare il problema è uccidere gli ebrei nella sua totalità, un vero genocidio. Per iniziare il suo lavoro, Haman preparò una forza di venticinque metri per Mardocheo, il primo di tutti gli altri ebrei. Ma la sua stessa forza lo uccise, perché in ogni circostanza come se fossero venti favorevoli giovarono agli ebrei. Sulla vittoria dei Giudei e la sconfitta di Haman scrive Flávio Josefo:

Mardocheo scrisse a tutti i sudditi ebrei del re Artaserse di solennizzare quei due giorni e di ordinare ai loro discendenti di fare lo stesso in modo che la memoria di quel fatto potesse essere preservata, poiché era giusto che, avendo l’odio mortale di Aman, avesse indotto il grande a pericolo di essere sterminati, ringraziarono sempre Dio non solo per averli salvati dall’ira del nemico, ma per aver fornito loro un mezzo di vendetta su di loro. Gli ebrei chiamarono quello stesso giorno Purim, cioè giorno di conservazione perché erano stati miracolosamente preservati. Il prestigio di Mardocheo crebbe sempre e il re lo elevò a un tale grado di autorità che governava l’intero regno sotto il sovrano e aveva anche tutto il potere davanti alla regina, così che la felicità degli ebrei andava ben oltre ciò che potevano. (JOSEFO, 1990, p. 530).

Ancora una volta dopo una battaglia dolorosa e sensazionale, gli ebrei furono vittoriosi, specialmente con l’impiccagione di coloro che intendevano impiccarli. Di conseguenza, entrano nell’élite amministrativa della regione persiana, come se fosse una determinazione storica, occupando i più alti posti politici, intellettuali e finanziari nel regno dell’imperatore Assuero, che non era ebreo.

2.3 LA DIASPORA EBRAICA

Dopo la dominazione del mondo romano e la resistenza del popolo ebraico alle imposizioni dell’imperatore Tito, centinaia di ebrei furono uccisi e infine sparsi in tutto il mondo, nell’evento storicamente chiamato diaspora ebraica. Il coraggio di queste persone è ancora in questo momento emblematico e indiscutibile. Intorno all’anno 70 D.C e dopo l’incidente di Masada, gli ebrei furono dispersi in tutto il mondo, principalmente dai paesi circostanti attualmente noti come Portogallo, Spagna e altre parti della cosiddetta Europa di oggi. Quello che sembrava essere un fattore negativo alla fine divenne la causa dell’espansione dell’influenza di un popolo apparentemente diviso ma coeso e strategico come sostiene il teologo Russel Norman Champlin:

La diaspora, o dispersione degli ebrei, per quanto spiacevole fosse per loro, era una forza che universalizzava l’ebraismo. La distruzione del Tempio di Gerusalemme causò il decentramento. La scuola del rabbino Johanan ben Zakkai è stata importante nello sviluppo di un sistema legale. Il Talmud, tra le altre cose, pose fine all’universalizzazione dell’ebraismo. (CHAMPLIN, 2018, p. 909).

Nell’Europa antica e medievale, gli ebrei divennero grandi commercianti nelle rive delle città, comprese le bancarelle coperte da tende, emersero i primi banchieri di successo che erano ebrei. Hanno sostenuto le grandi navigazioni, così come i grandi eventi rivoluzionari della storia mondiale. La sua importanza, come sempre, continuò a causare invidia ai Gentili o goyn come si pronuncia in ebraico. In questa lista di nemici si trovano diversi nomi come ad esempio Martin Lutero, considerato dai tedeschi come il padre della cultura tedesca. È notevole una grande insoddisfazione per la prosperità degli ebrei da parte sua, comprese le sue stesse espressioni si sono rivelate antisemite, e questo nel XVI secolo. La veridicità e le motivazioni dell’Olocausto ebraico, che non è iniziato in Adolf Hitler, né in Lutero, né in Europa, è un fenomeno molto più antico. Nonostante le persecuzioni, i pogrom e le grandi vittime ebraiche in queste grandi guerre, nei più diversi campi della scienza, gli ebrei non soccombettero agli ostacoli imposti dalla storia dell’umanità.

2.4 L’OLOCAUSTO NAZISTA: INNESCO E RISULTATI

Ampiamente considerato come il più grande di tutti i tentativi di genocidio contro gli ebrei, l’olocausto di Adolf Hitler ha provocato in tutto il mondo la morte di sei milioni di loro. Lungi dall’essere il precursore dell’antisemitismo, il cancelliere tedesco che era negativamente famoso per essere stato incolpato per le morti fu certamente ispirato da nomi europei come Frederico II di Prussia, l’imperatrice Maria Tereza d’Austria, il filosofo Voltaire e il compositore Richard Wagner tra molti altri. Gli ebrei avevano già predetto attacchi promossi dall’invidia, nelle esortazioni dei loro rabbini, come racconta dopo l’Olocausto lo scrittore religioso fondatore della sinagoga americana Young Israel Irving Bunim:

Quando le cose vanno male tra le nazioni, quando un paese subisce una sconfitta o una depressione economica, i poteri forti possono cercare un capro espiatorio. E l’ebreo ha una lunga tradizione di interpretare questo ruolo alla perfezione. Debole e indifeso, l’ebreo sembra “diverso e misterioso”, ed essendo generalmente in grado di suscitare invidia, è stato il bersaglio più “a portata di mano” delle ostilità e delle frustrazioni del gruppo maggioritario. (BUNIN, 1998, p. 222).

Hitler ha persino riprodotto il suo pensiero in un libro, che in seguito è stato visto come il contorno del più grande piano genocida conosciuto. È innegabile, tuttavia, in un’opera del genere, la confessione di un sentimento di invidia, comune ad Haman, al Faraone e a tutti i nemici dichiarati del popolo ebraico. Le idee del cancelliere esplicite nel libro rieciolsero nei tedeschi uno stato d’animo così rivestito di orgoglio, malvagità e arroganza che il libro fu chiamato la Bibbia nazista. Hitler, con il sostegno dei suoi patrioti sottomessi e di altri paesi alleati, iniziò una guerra di proporzioni mondiali. Approfittando della guerra, uccise migliaia di ebrei. La contabilità che la storia contemporanea utilizza denuncia 6 milioni di vite umane mietite in nome del totalitarismo, dell’arroganza e dell’invidia contro le persone più sofferenti che sono state segnalate nella storia dell’umanità. Dopo la seconda guerra mondiale, la Germania sconfitta fu devastata da crisi e retrocessioni, e nel 1948, tre anni dopo la fine della guerra, con arie di rivincita, emerge in Medio Oriente un nuovo stato con status di paese: Israele, la più grande potenza militare, economica e intellettuale della regione. Nella storia generale dell’umanità ci sono alcune costanti, e per quanto riguarda gli ebrei, ce ne sono sempre due: il successo e l’invidia. Il successo da parte degli ebrei e l’invidia da parte dei loro avversari, questi militari o ideologi delle più diverse religioni, paesi e razze. Ci sono molte teorie che spiegano il fenomeno dell’Olocausto ebraico, l’ascesa e la sconfitta di Hitler. L’ebraismo ha la sua spiegazione religiosa e anche il cristianesimo, principalmente a causa del terrore associato al fatto. Paragonare Hitler al diavolo, o anche affermare categoricamente di essere il dittatore un fedele servitore del più grande avversario del cristianesimo, un prototipo dell’anticristo stesso, valuta così lo scrittore cristiano e auto-confessato sionista Dave Hunt:

Hitler promise: “Dammi cinque anni e non riconoscerai la Germania”. Prima è arrivato il rapido emergere di un’incredibile potenza militare, l’inflazione dilagante era in ritardo. L’organizzazione, la disciplina e l’espansione hanno posto fine alla disoccupazione. Ma apparentemente ignaro che stava portando l’ira e il giudizio del Dio di Israele sulla sua nazione, Hitler ordinò l’uccisione di 6 milioni di ebrei. Questo è stato certamente il motivo principale per cui, invece di “salvare la Germania”, l’ha distrutta, e con essa gran parte dell’Europa. (HUNT, 1999, p. 37).

La Germania di Hitler fu umiliata, ripetendo ciò che accadde al Faraone d’Egitto, allo sfortunato Haman in Persia e al fallito Impero Romano. Che cosa hanno in comune questi grandi nomi della Bibbia e della storia del mondo? Sembra una coincidenza, ma tutti erano nemici di Israele, sfidando la sua religiosità, i suoi costumi e la sua capacità di vincere. Mentre il destino di tutti era lo stesso, il popolo ebraico si sviluppò e influenzò ancora notevolmente il mondo moderno con i suoi innegabili contributi. Grandi nomi che rimarranno eternamente nella storia meritano di essere evidenziati, anche se tali nomi e campi d’azione menzionati in quest’opera sono molto lontani dal vero scopo ebraico. Gli ebrei si sono distinti in filosofia attraverso Baruch Spinoza, Johann Strauss in musica, Isaac Asimov, Anne Frank, Saul Alinsky sono stati esponenti della letteratura contemporanea, Karl Marx, La Salle, Max Horkheimer, Theodor Adorno, Von Mises e Durkheim hanno reinventato la politica, Norbert Wiener è il padre della robotica, Robert Oppenheimer, Albert Einstein è andato così lontano che è indiscutibile la proiezione e la reputazione che hanno raggiunto nella comunità scientifica internazionale.

In un contesto più moderno, dove l’intelligenza artificiale profetizzata da Isaac Asimov e postulata da Norbert Wiener guadagna uno spazio implacabile, spiccano gli ebrei Mark Zuckerberg proprietario di Facebook e Whatsapp, applicazioni di social media, Sergey Brin e Larry Page fondatori e creatori del più grande motore di ricerca del mondo, Google. È impossibile rimanere fuori dalla lista, Uri Levine, fondatore dell’app di navigazione satellitare Waze, Travis Kalanick, nominato padre della più grande app di mobilità urbana, Uber. Degni di nota sono anche i propulsori del successo hollywoodiano Louis Burt Mayer, Marcus Loew, Carl Laemmle, i fratelli Warner Bros. La resilienza ebraica di fronte a tutte le sue sfide, dall’antichità ai giorni nostri, dissipa ogni dubbio che lo spirito combattivo, pertinace, guerriero e devoto presente nella comunità ebraica abbia molto da insegnare al mondo attraverso la storia.

3. CONSIDERAZIONI FINALI

Come il contenuto della ricerca ha già esposto, gli ebrei hanno sofferto e combattuto contro la morte, la persecuzione, la discriminazione e il pregiudizio come nessun altro popolo nella storia dell’umanità, ma rimangono ragionevolmente coesi e preparati per le sfide future. L’antisemitismo, come il pregiudizio razziale contro i neri, regna ancora in modo velato nei circoli più intellettualizzati dell’alta società mondiale, in Oriente e in Occidente. In una valutazione storica, non si può dedurre quando, da dove o come sorgeranno nuovi attacchi contro gli ebrei, nel tentativo di realizzare l’antico scopo del genocidio contro questo popolo. Ci sono voci di guerra e insoddisfazione da parte della comunità araba, che non accetta la creazione dello stato di Israele, tanto meno il paese come nazione. Facendo da contrappunto, molte voci escono in difesa del diritto all’esistenza e alla libertà nazionale degli ebrei, come alcuni politici, filosofi e scrittori cristiani.

La storia stessa, interpretata dalla prospettiva ciclica, rivela che sarà difficile per gli ebrei evitare un futuro confronto. Ciò che può essere predetto, tuttavia, non solo dalla forza militare e strategica espressiva di Israele, ma anche a causa del coraggio e dello spirito combattivo individuale dell’anima ebraica, non sarà facile sconfiggere questo popolo con aspetti culturali così rafforzati e coesi dai loro usi e costumi religiosi.

RIFERIMENTI

BUNIM, I. A ética do Sinai. São Paulo: Editora Sêfer, 2015.

CHAMPLIN, R. N. Novo dicionário bíblico Champlin: ampliado e atualizado. São Paulo: Hagnos, 2018.

HUNT, D. Hitler, o quase Anticristo: a sinistra conexão entre ocultismo, nazismo e a Nova Era. Porto alegre: Obra missionária Chamada da Meia-noite, 1999.

JOSEFO, F. História dos Hebreus. Rio de Janeiro: Casa Publicadora das Assembleias de Deus, 1990.

KREEFT, P.; TACELLI, K. T. Manual de defesa da fé. Rio de Janeiro: Editora Central Gospel, 2008.

MILLER M. M.; HUBER R. V. A Bíblia e sua história. Barueri: Sociedade Bíblica do Brasil, 2006.

PEARLMAN, M. Através da Bíblia. Belo Horizonte: Editora Vida, 1985.

[1] Laureato in Teologia presso FACETEN – Facoltà di Scienze, Educazione e Teologia del Nord del Brasile, Postgraduate in Filosofia della Religione presso FAVENI – Università Venda Nova do Imigrante.

[2] Consulente di orientamento.

Inviato: Giugno 2021.

Approvato: Agosto 2021.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 96485
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?