Il paradigma del pastorato femminile nella chiesa evangelica oggi

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/teologia-it/pastorato-femminile
4.9/5 - (72 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SÁ, Danielle Mendonça de [1], GHEDINI, Robson Maurício [2]

SÁ, Danielle Mendonça de. GHEDINI, Robson Maurício. Il paradigma del pastorato femminile nella chiesa evangelica oggi. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 12, Vol. 07, pp. 159-173. Dicembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/teologia-it/pastorato-femminile, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/teologia-it/pastorato-femminile

RIEPILOGO

Attualmente ci sono Chiese che scelgono di limitare il contributo delle donne nell’esercizio del loro ministero in alcuni settori ecclesiastici, o addirittura di metterle a tacere. Pertanto, questa ricerca è guidata dalla seguente domanda: in che modo l’analisi del ruolo della donna nel contesto biblico aiuta ad accettare la legittimità del pastorato femminile nella Chiesa evangelica oggi? Pertanto, l’obiettivo di questo studio è quello di fornire un nuovo orizzonte nella comprensione del tema della comando ecclesiastica femminile, per contribuire alla soluzione di questo problema e alla rottura dei paradigmi, alla luce della Sacra Bibbia, descrivendo le principali difficoltà incontrate dalle donne nell’esercizio ministeriale, mentre cerca di comprendere il pensiero che scaturisce da aspetti del contesto sociale, politico, storico, economico e religioso del tempo in cui sono stati scritti i testi biblici. Per fare ciò, la ricerca bibliografica e l’approccio qualitativo in modo descrittivo sono stati utilizzati come presupposto metodologico, poiché era necessario presentare elementi e fatti estratti dalla storia su questi aspetti, poiché, la combinazione di tutti, ha reso possibile tradurre il modo in cui gli uomini e le donne di allora si comportavano, pensavano e sentivano. Si comprende anche che questo pensiero ha permeato la tradizione della Chiesa nel corso dei secoli, tuttavia si sottolinea che la tradizione culturale del tempo non ha gli stessi elementi socioculturali di oggi. In questo senso si raccolgono informazioni sulle difficoltà incontrate dalle donne in campo sociale e religioso, sul ruolo femminile nell’ebraismo, sulla loro partecipazione al cristianesimo, dal modo in cui Gesù le ha trattate; alla loro partecipazione alla Chiesa primitiva, oltre a offrire spazio all’analisi di testi biblici che mettono in luce la visione biblica dei ministeri delle donne, racconto della vicenda di Debora, pastore in pratica, pur non recante il titolo, come così come il ministero pastorale è avvicinato come un dono dato da Dio. Si conclude quindi che oggi c’è un appello per donne più impavidi, coraggiose, fedeli a Dio, pie, obbedienti, leali, pastori di anime, come Debora, Maria, Culda tra gli altri. Dopotutto, per gli uomini e le donne c’è un solo Dio, una missione (Sua), una visione e un obiettivo, Gesù.

Parole chiave: Bibbia, chiesa, comando, donne, tradizione.

1. INTRODUZIONE

A proposito della comando femminile nella società di oggi, se la seguente domanda fosse rivolta a persone di generi diversi: “Accetteresti volentieri di essere guidato da un capitano militare se fosse il tuo ufficiale subordinato? Accetteresti di essere il co-pilota di un aereo consapevole di essere pilotato da una donna? Accetteresti di sottometterti alle linee guida di un manager aziendale?” forse la risposta di molti, sia uomini che donne, sarebbe: “Sì, purché sia pienamente qualificata per il ruolo”. Tuttavia, nell’ambiente ecclesiastico, l’ordinazione delle donne a posizioni di comando è stata oggetto di molte discussioni negli ultimi tempi.

La tradizione ecclesiastica spesso proibisce alle donne di pretitude o di insegnare. La base teologica di questa teoria si basa su istruzioni, come le paoline, che si verificano in un contesto in cui le donne non erano generalmente istruite, in una società attaccata a valori e costumi derivanti dalla tradizione ebraica, e anche gentile, dove c’era bisogno che l’apostolo salvasse e mantenesse l’ordine nella Chiesa, in modo da non scandalizzare i fratelli appena convertiti al cristianesimo. La tradizione ebraica proibiva alle donne di insegnare nella sinagoga. La tradizione greca impediva loro, quasi interamente, di avere vita sociale, perché erano lontani da luoghi ed eventi pubblici, anche religiosi.

Nel corso dei secoli, la figura femminile ha sofferto di repressione intellettuale, seppur silenziosa, e talvolta di umiliazioni, che ha innescato la lotta femminile per il suo spazio in un mondo dominato, da intere generazioni, dalla figura maschile. Fattori come la disuguaglianza salariale, gli ostacoli invisibili nelle promozioni, la mancanza di rispetto e l’abuso dell’autorità maschile, sono ancora oggi la realtà di molte donne. Di fronte a questa difficoltà di comprensione, questa ricerca si giustifica riunendo concetti biblici e fondamenti che affrontano il tema della comando ecclesiastica femminile, dopotutto, Dio non dipende dai giudizi umani per compiere la sua opera redentrice. Nella storia della Chiesa, Gesù si affida agli uomini e alle donne come collaboratori della sua Missione data alla Chiesa (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 3.9).

Con il crescente numero di denominazioni cristiane che accettano la legittimità del pastorato femminile e la moltiplicazione delle chiese fondate dalle donne, molti scontri hanno avuto luogo tra diversi gruppi nell’ambiente evangelico. Di coloro che difendono e credono che le donne possano occupare posizioni di guida pastorale ecclesiastica, e di coloro che difendono e credono che solo gli uomini abbiano l’autorizzazione divina ad occupare tali posizioni. C’è un contrappunto da considerare che è di fondamentale importanza, sapere cosa dice la Bibbia su questo argomento. Pertanto, abbiamo cercato di raccogliere informazioni dalla letteratura biblica e giudaico-cristiana sull’argomento, al fine di chiarire la seguente domanda: in che modo l’analisi del ruolo delle donne nel contesto biblico aiuta ad accettare la legittimità del pastorato femminile nella chiesa evangelica oggi?

La Bibbia è la Parola infallibile e infallibile di Dio (BÍBLIA, 2011, 2 Timóteo 3.16). Considerando che gli uomini ispirati da Dio vivevano in un contesto sociale, politico, storico, economico e religioso, al fine di estrarre le verità bibliche in essi contenute, è essenziale conoscere la cultura e la proposta originale dei testi biblici prima di eseguire la loro corretta interpretazione e, quando si tratta di cultura ebraica, è necessario essere ancora più cauti a causa delle loro particolarità letterarie e poetiche, infatti, se nella contestualizzazione dei testi si conservassero elementi strettamente legati alla cultura del popolo ebraico, situazioni come le donne che usano il velo come prerequisito nel culto di Dio, come scritto dall’apostolo Paolo nella Bíblia Sagrada (2011) in 1 Corinzi 11:1-16, sarebbero attualmente vissute.

Pertanto, questa ricerca mira a contribuire a chiarire ciò che la Bibbia insegna sul ruolo della donna nella Chiesa di Cristo e su come Egli la rende partecipe della sua Missione, con elementi e fatti estratti dalla storia, al fine di fornire un nuovo orizzonte nella comprensione del tema della comando ecclesiastica femminile. Inoltre, mira anche a contribuire alla soluzione di questo problema alla luce della visione biblica sull’argomento e, per questo, la ricerca bibliografica e l’approccio qualitativo in modo descrittivo sono stati utilizzati come presupposto metodologico. Nella raccolta di informazioni per la raccolta di dati e fatti, oltre alla Sacra Bibbia, questo studio ha avuto i seguenti autori: Curtis Allen, Branca Moreira Alves, Jacqueline Pitanguy, Simone Beauvoir, Russell Champlin, Arthur Cundall, Kathy Keller, Sandra Kochmann, Lucado, John MacArthur, Eugene Merril, Flávio Josefo, Charles Pfeiffer; Everett Harrison, Fani Averbuh Tesseler, Nicholas Thomas Wright, tra gli altri.

Questo articolo si applica alle donne che, come l’autrice, hanno sofferto la mancanza di accoglienza e pregiudizio da parte di dirigenti che non riconoscono l’autorità divina nell’esercizio della pastorale femminile, e anche a tutte quelle collaboratrici e amanti della Missione di Dio e della Sua Santa Parola. Nella sua struttura, inizialmente, viene affrontato il tema denominato “una voce repressa nella società”, un resoconto delle principali difficoltà incontrate dalle donne nell’accesso all’istruzione e di come viene vista dalla società in ambito sociale e religioso. Nel terzo tema si raccolgono informazioni sulla “la funzione delle donne nell’ebraismo”, considerando principalmente il pensiero del rabbino Sandra Kochmann sull’argomento.

Il quarto tema affronta la “partecipazione femminile al cristianesimo”, suddivisa in: “Gesù ha rotto i paradigmi umani”, che presenta informazioni sul modo in cui Gesù trattò le autorità religiose del suo tempo, che invalidare la Legge di Dio a scapito delle tradizioni umane; “Gesù apprezzava le donne”, basandosi su questo tema, spiega il modo in cui Gesù si comportava con le donne di quel tempo, valorizzando e includendo, senza senso, anche andando contro le tradizioni rabbiniche, come quella che gli proibiva di rivolgersi a loro pubblicamente; “Donne che non possono parlare in chiesa”, che analizza e offre un’adeguata interpretazione di testi biblici controversi, come 1 Timoteo 2,11.12 e 1 Corinzi 14,34,35, per una corretta comprensione del messaggio proposto; e l’ultimo sottoargomento, che raccoglie alcuni dati relativi alla “la partecipazione delle donne alla chiesa primitiva”, nel contesto biblico.

Nel quinto argomento è riportata la storia di “Debora, una pastorella in pratica”, che, pur non portando il titolo, aveva tutti gli attributi che lo conferiscono, principalmente la chiamata di Dio, che le ha permesso di guidare la sua nazione, senza questo adombrando il suo ruolo di buona moglie e madre, un vero esempio da seguire per tutti. Infine, l’ultimo tema di discussione presenta “il ministero pastorale come dono dato da dio” e che, quindi, lo dona a chi vuole e come vuole, senza alcuna distinzione, solo per l’edificazione della sua Chiesa; per finire con le considerazioni finali.

2. UNA VOCE REPRESSA NELLA SOCIETÀ

La comando religiosa per molte generazioni apparteneva alla figura maschile. Per Rabbi Kochmann[3] (2005), nel corso della storia, la preferenza nello studio della Bibbia era dell’uomo, perché le donne non avevano accesso a tante informazioni come fanno oggi. Sulla figura femminile nel 4 ° secolo. AC, nell’antica Grecia, Senofonte dichiara: “[…] vivere sotto stretta sorveglianza, vedere il minor numero possibile di cose, ascoltare il minor numero possibile di cose, porre il minor numero possibile di domande” (ALVES; PITANGUY, 1985, p. 12). Tali affermazioni riflettevano il pensiero del tempo sull’argomento e il modo in cui le donne venivano represse dalla società di dominazione principalmente maschile. In Brasile, solo dalla fine del 19 ° secolo, le donne iniziarono a frequentare le scuole, e anche allora, timidamente, perché, inizialmente, solo le scuole private erano destinate alle donne (TESSELER, 2009).

Sulla strada che è vista nella società, Beauvoir (1970, p. 72) afferma in un testo scritto nel 1970 che “l’uomo è definito come un essere umano e una donna è definita come femmina. Quando si comporta come un essere umano viene accusata di imitare il maschio”. In un testo più recente, contenente la testimonianza di Kathy Keller, moglie di uno dei pastori più importanti di oggi, Tim Keller, che sposò e accompagnò nella comando della West Hopewell Presbyterian Church in Virginia per nove anni, afferma:

Em todos os lugares nos quais tenho ministrado desde então, sinto-me como uma mulher sem país. Em alguns deles, sou vista com suspeição, como uma ‘louca feminista’, porque encorajo mulheres a ensinar e a liderar, e eu mesma faço. Certa vez, no norte da Escócia, durante uma sessão de perguntas e respostas conduzidas pelo Tim após o culto de uma congregação da Free Church of Scotland (Igreja Livre da Escócia), eu entrei na conversa. Como normalmente fazíamos a sessão de perguntas e respostas juntos todo domingo em nossa casa, após o culto da noite, nunca liguei sobre expressar minha opinião. No entanto, todas as cabeças viraram para me olhar com incredulidade estampada em face, masculina e feminina. Foi como se o cachorro de repente tivesse falado (KELLER, 2019, p. 8).

Il problema vissuto da Keller nella sua testimonianza, purtroppo, è ancora la triste realtà di molte donne, sia in ambito sociale che religioso. Secondo Perrot (1992, p. 185), “della storia, spesso, le donne sono escluse”. Secondo i dati del Ministero dell’Economia, il 43,8% delle donne ricopre posizioni dirigenziali in Brasile, cioè rappresenta ancora la minoranza in posizioni di rango superiore e, nonostante ricopra posizioni di comando, la loro retribuzione media è ancora inferiore a quella degli uomini, al 69,8%, per le stesse posizioni di consiglio di amministrazione, comando, supervisione, gestione, coordinamento e gestione (BRASIL, 2019).

3. LA FUNZIONE DELLE DONNE NELL’EBRAISMO

Il ruolo delle donne nell’ebraismo, secondo Kochmann (2005), si è diversificato a seconda del suo contesto socio-storico e ha subito influenze straniere, in particolare quella greca, che le ha impedito, quasi totalmente, di avere una vita sociale, perché le ha impedito luoghi ed eventi pubblici, compresi quelli religiosi. Secondo lei,

Na época bíblica, as mulheres dos Patriarcas eram as Matriarcas, mulheres ouvidas, respeitadas e admiradas. Havia mulheres profetisas e juízas. As mulheres estavam presentes no Monte Sinai no momento em que Deus firmou o Seu Pacto com o povo de Israel. Participavam ativamente das celebrações religiosas e sociais, dos atos políticos. Atuavam no plano econômico. Tinham voz, tanto no campo privado como no público. Com o decorrer do tempo e por força das influências estrangeiras, especialmente a grega, foram excluídas de toda atividade pública e passaram a ficar relegadas ao lar. Essa situação das práticas cotidianas daquela época foi expressa nas leis judaicas então estabelecidas e permanece a mesma até hoje (KOCHMANN, 2005, p. 35-36).

D’accordo, MacArthur (2019) afferma nel suo resoconto della posizione femminile al tempo dei Patriarchi della Bibbia, che

Os relatos bíblicos dos patriarcas sempre dão o destaque devido às suas mulheres. […] Miriã, irmã de Moisés e de Arão, era tanto profetisa quanto compositora – e em Mq 6:4, o próprio Deus a honra, ao lado de seus irmãos, como uma das líderes da nação durante o Êxodo. Débora, também uma profetisa, era juíza em Israel antes da monarquia (Jz 4:4). […] Em Provérbios, a sabedoria é personificada como uma mulher. A Igreja do Novo Testamento é igualmente representada por uma mulher, a noiva de Cristo (MACARTHUR, 2019, p. 16-17).

Tuttavia, la religione pagana tendeva a svalutare le donne. La mitologia greca e romana aveva i suoi dei, come Diana e Afrodite, serviti da prostitute sacre, una pratica che secondo quanto riferito umiliava per le donne (MACARTHUR, 2019). Nel corso del tempo, alcuni elementi sono stati incorporati nella tradizione ebraica e raccolti nel Talmud, una raccolta di libri sacri ebraici. Per Kochmann (2005, p. 37), “nel periodo taludico”, tra il 3 ° e il 6 ° secolo d.C., “un tempo in cui venivano stabilite le regole del quotidiano ebraico, basate sull’interpretazione e l’analisi dei testi biblici da parte dei rabbini (esclusivamente uomini)”, la donna incontra ostacoli per partecipare alla scena pubblica, perché questa concezione “riceve un’influenza diretta dall’antica società greca in cui è stata inserita. In esso, la donna non aveva praticamente alcuna vita sociale, dal momento che era lontana da luoghi pubblici ed eventi, compresi quelli religiosi. Secondo Judith Baskin,

Carol Meyers argumenta que, quando o trabalho agrícola e a gravidez, duas esferas nas quais as mulheres desempenhavam um papel ativo, eram centrais na sociedade bíblica, a vida social e religiosa no Israel antigo era relativamente igualitária. Quando o estado político e a monarquia emergiram, e a vida religiosa foi institucionalizada no culto ao templo e na burocracia sacerdotal (a partir do século X a.C), no entanto, as mulheres foram cada vez mais excluídas da arena pública e perderam o acesso à autoridade comunitária (BASKIN, 2020, s.p.).

Nella cultura ebraica sono stati inseriti alcuni usi e costumi considerati così degradanti e umilianti per le donne, che Sandra Kochmann afferma:

Começar cada dia escutando os homens dizerem ‘Bendito sejas Tu, Eterno, nosso Deus, Rei do Universo que não me fizeste mulher’ não é agradável para mulher alguma que, por sua vez, deve proferir com ‘resignação’ as palavras ‘Bendito sejas Tu, Eterno, nosso Deus, Rei do Universo, que me fizeste segundo Tua vontade’. Essas bênçãos fazem parte da liturgia tradicional judaica dentro do conjunto de ‘agradecimentos a Deus’ conhecido como ‘Bênçãos matinais’ e que são recitadas toda manhã ao despertar. […] Segundo o rabino contemporâneo Joel H. Kahan, essa bênção se originou do dito helênico popular, citado por Platão e Sócrates […]. ‘Ser homem e não mulher’ era central em ambas as culturas, onde a mulher ocupava um lugar secundário, especialmente na vida pública (KOCHMANN, 2005, p. 36-37).

Il suddetto rito fu incorporato nella tradizione ebraica e la figura femminile fu inferiorizzata rispetto a quella maschile, classificata come “essere umano di seconda classe”. Anche nella società ebraica, donne e bambini non sono stati contati nei censimenti e questo rende difficile determinare la loro somma di popolazione. Vaux (2004) afferma che anche il totale più basso di 2 Samuele 24,1-9 (BÍBLIA, 2011) è molto esagerato, perché mancano documenti statistici, cioè, sebbene, nella Bibbia, ci siano alcune indicazioni numeriche, non aiutano molto.

Leggere la Torah in modo pubblico fa parte dell’aspetto della liturgia di culto della sinagoga, da cui le donne sarebbero esenti. Se una donna si alzasse al posto di un uomo per eseguire la lettura della Torah, perché inclusa tra i lettori della cerimonia, in tutti e sette, ciò implicherebbe che nessuno degli uomini presenti sarebbe in grado di adempiere a tale obbligo, una situazione vergognosa, per molti ebrei (KOCHMANN, 2005). Altri interpretano che l’atteggiamento sarebbe considerato disonorevole solo nei casi in cui la lettura è stata fatta interamente da una donna (SHPERBER, 2003).

Kochmann (2005) sostiene che, considerando il fatto che, al momento, le donne ebree sono già autorizzate ad assumere attribuzioni religiose da cui sarebbero state precedentemente esentate, come avviene anche ad altri livelli della società, molte di loro hanno rivendicato il diritto di studiare per formare rabbini e leader della comunità. Per lei, la conoscenza degli antecedenti e delle mutazioni della legge ebraica aiuterebbe a capire quanto sia dinamica e, di conseguenza, permetterebbe una maggiore accettazione di questa nuova realtà.

4. PARTECIPAZIONE FEMMINILE AL CRISTIANESIMO

Tutta la Sacra Scrittura punta a Gesù, perché Egli è il soggetto, il bersaglio e l’adempimento delle Profezie dell’Antico Testamento (BÍBLIA, 2011, Mateus 1.22; 2.6,15,17-18,23; 3.3; 4.14-16). Secondo Keller (2019, p. 10), “Gesù confidò nell’ispirazione dell’Antico Testamento e promise l’ispirazione del Nuovo Testamento”, attraverso lo Spirito Santo (BÍBLIA, 2011, João 14.26). Sulla corretta interpretazione dei testi biblici, Allen (2012) afferma che è necessario interpretarli rispettando il contesto in cui sono inseriti e alla luce di Cristo, il compitore della Bibbia nella sua interezza, assumendo che Egli sia il modello di condotta per ogni cristiano (BÍBLIA, 2011, 1 João 2.6), come Sheldon (2007) direbbe nel suo libro intitolato Em seus passos o que faria Jesus? Pertanto, è necessario analizzare ciò che Egli insegna sul ruolo delle donne nella sua Chiesa e come Egli la rende anche partecipe della sua missione di salvezza e di salvezza dell’umanità. Queste informazioni vengono quindi raccolte in modo conciso.

4.1 GESÙ HA ROTTO I PARADIGMI UMANI

Durante il ministero terreno di Gesù, tra le autorità religiose del tempo, spiccava un gruppo chiamato “farisei”, uomini rispettati dagli ebrei come profondamente consapevoli delle leggi ebraiche (JOSEFO, 2004). Tuttavia, avevano costruito il proprio sistema di interpretazione, che divenne un insieme di tradizioni e regole, spesso poste al di sopra delle Sacre Scritture quando c’era disaccordo tra loro, il che divenne pericoloso perché apprezzavano le tradizioni umane più della Parola di Dio, come Gesù li avvertì in Marco 7:13. Josefo (2004, p. 819) li classifica come “[…] una setta di uomini che vogliono che li giudichiamo più istruiti di altri nella religione, che sono così cari a Dio, che Egli comunica loro e dà loro la conoscenza delle cose a venire”.

Secondo Allen (2012, p. 54), nel suo commento a Matteo 12:1-8, “Gesù parla direttamente all’arroganza dell’interpretazione farisea”. Li accusò di non praticare la Legge di Dio, anche se ne erano a conoscenza (BÍBLIA, 2011, Mateus 23.23-28). Per Merril (1987, p. 412), “Gesù, infatti, affermò che il giudizio imposto ai farisei sarebbe stato maggiore di quello che cadde su Ninive. […] i farisei non si pentirono della predicazione di colui che era più grande di Giona (Lc 11,32)”. Gesù rifiutò l’insieme delle istruzioni imposte dalla tradizione ebraica, che erano contrarie al vero scopo divino, di salvare l’uomo peccatore (BÍBLIA, 2011, Mateus 18.11), tra cui coloro che cercavano di impedirgli di compiere miracoli di sabato, il giorno di riposo degli ebrei, secondo la Legge di Dio (BÍBLIA, 2011, Êxodo 34.21).

Poco dopo aver guarito un uomo che aveva una delle sue mani deformi all’interno della sinagoga locale (BÍBLIA, 2011, Mateus 12.9-10), Gesù risponde ai farisei che lo interrogavano sulla legittimità della sua azione, dicendo: “[…] Quale di voi sarà l’uomo che ha una pecora, se di sabato cade in una fossa, non si sdraierà su di essa e la solleverà? Sì, quanto vale di più un uomo di una pecora? È quindi lecito fare bene il sabato” (BÍBLIA, 2011, Mateus 12.11-12), il che significa che la pratica del bene deve essere quotidiana, indipendentemente dal giorno della settimana. Gesù è il Signore, “anche del sabato” (BÍBLIA, 2011, Mateus 12.8). Ha rotto i paradigmi umani e ha stabilito il Regno di Dio (BÍBLIA, 2011, João 14.6), secondo la sua buona, perfetta e piacevole volontà (BÍBLIA, 2011, Romanos 12.2).

4.2 GESÙ APPREZZAVA LE DONNE

Come accennato in precedenza, durante il ministero terreno di Gesù, la figura femminile fu sottovalutata dalla società del tempo. Tuttavia, il Maestro non fece alcuna distinzione. Sebbene abbia scelto dodici apostoli per se stesso, la collegiata apostolica non era composta solo da loro. Aveva anche molti altri discepoli, tra i quali c’erano anche donne, “una pratica sconosciuta tra i rabbini del suo tempo” (BÍBLIA, 2011, p. 1639), e alcuni di loro lo aiutarono con la donazione delle sue risorse finanziarie (BÍBLIA, 2011, Lucas 8.1-3). Hanno svolto un sostegno e un ruolo fondamentale nel ministero di Gesù. Il Maestro li incoraggiò al discepolato, elevando persino la loro importanza a quella del servizio domestico (BÍBLIA, 2011, Lucas 10.38-42). Nei racconti dei discepoli di Gesù, la Bibbia cita più Su Maria Maddalena, Marta, Maria, madre di Giacomo e Salomè, che su Natanaele o Mattia. Inoltre, Gesù aveva anche molti discepoli anonimi e amati collaboratori (BÍBLIA, 2011, Lucas 10.1) e oggi la Chiesa del Signore Gesù è sparsa in tutto il mondo in innumerevoli discepoli (BÍBLIA, 2011, Mateus 28.18-20; Romanos 12.4-5).

Gesù ha rotto i paradigmi umani riferendosi alla Samaritana nel pozzo di Giacobbe (BÍBLIA, 2011, João 4.9), contrariamente alle critiche della società e persino all’incomprensione dei suoi stessi discepoli (BÍBLIA, 2011, João 4.27) e l’ha anche trasformata in una missionaria del suo popolo (BÍBLIA, 2011, João 4.28-30). Secondo A Bíblia da Mulher: “Culturalmente, ebrei e samaritani non si associavano tra loro. Inoltre, era considerato inappropriato per un rabbino parlare con una donna in pubblico. La considerazione di Cristo per questa donna fu dunque rivoluzionaria”. (BÍBLIA, 2011, p. 1639). Trattava con dignità le donne emarginate dalla società del tempo (BÍBLIA, 2011, Mateus 9.20-22; Lucas 7.37-50; João 4.7-27). Durante il ministero di Gesù, le donne non solo sono state valorizzate, ma anche incaricate, insieme agli uomini, di essere “luce del mondo” (BÍBLIA, 2011, Mateus 5.14-16) e potenziate dallo Spirito Santo per testimoniare la salvezza di Dio fino ai confini della terra (BÍBLIA, 2011, Atos 1.8).

MacArthur (2019, p. 190) afferma che “Cristo ha incoraggiato gli uomini e le donne a prendere su di loro il loro giogo e imparare da Lui. Questa è anche un’altra prova di come le donne sono onorate nelle Scritture”. Furono anche i primi a testimoniare la sua risurrezione e ad avere l’ordine di condividere con gli altri la notizia che Egli è vivo (BÍBLIA, 2011, Marcos 16.7; João 20.15-18). È possibile affermare che la svolta culturale del suo tempo, in Pietro e negli altri discepoli di Gesù, fu preponderante per loro dubitare del racconto delle donne che avevano assistito alla risurrezione di Gesù (BÍBLIA, 2011, Marcos 16.9-11; Lucas 24.9-12), poiché, come accennato in precedenza, secondo l’antica tradizione ebraica, la loro testimonianza pubblica era inaffidabile.

Afferma anche che Maria Maddalena, discepola di Gesù, “emerge come una delle donne più importanti del Nuovo Testamento” (MACARTHUR, 2019, 183). Per quanto riguarda il suo passato, i vangeli la descrivono come una donna che era stata liberata dalla possessione demoniaca (BÍBLIA, 2011, Lucas 8.2; Marcos 16.9). Egli sostiene che “senza rivelare alcun dettaglio degradante del passato di questa donna, registrano la sua schiavitù ai demoni per esaltare il generoso potere di Cristo” (MACARTHUR, 2019, p. 190), cioè, da schiava dei demoni a fedele seguace di Gesù Cristo, “divenne parte della cerchia ristretta di discepoli che viaggiarono con Gesù nei loro lunghi viaggi” (MACARTHUR, 2019, p. 189). Secondo lui, anche lei era una delle donne che aiutavano Gesù e i suoi discepoli con donazioni finanziarie. Secondo Lucado (2018, p. 213): “Dopo che il Signore Gesù guarì Maria, anche lei divenne una devota seguace. Ippolito di Roma, un teologo del 3 ° secolo, lo avrebbe in seguito chiamato “l’Apostolo degli Apostoli”. La sua devozione l’ha persino fatta rimanere a Gerusalemme durante la crocifissione di Gesù (BÍBLIA, 2011, João 19.25).

In Giovanni 20:1-17, l’atteggiamento di Maria attira l’attenzione. Dopo aver visto Gesù risuscitato, la sua reazione fu forse quella di trattenerLo con forza per non lasciarlo andare, al punto che dichiarò nel versetto 17: “Non fermarmi”. Su questa espressione, Champlin (1982, pag.  636) sostiene che “l’originale greco è “aptomai”, […] questa parola può avere il significato di maneggiare o dissuadere, indicando qualcosa di più del semplice tocco di qualche oggetto. […] Maria Maddalena probabilmente si gettò ai piedi del Signore Gesù e si aggrappò a loro”. Di conseguenza MacArthur (2019, p. 196) afferma che “Maria in un modo molto diverso non voleva lasciare Gesù. Ecco perché Gesù gli conferì un onore senza pari, permettendole di essere la prima a vederlo e ascoltarlo dopo la sua risurrezione”, tale era la sua devozione a Lui. Lo riconobbe veramente come il Figlio di Dio.

4.3 DONNE CHE NON POSSONO PARLARE IN CHIESA

In 1 Timoteo 2:11,12 l’apostolo Paolo scrisse: “Una donna impara in silenzio con ogni sottomissione. Non permetto a una donna di insegnare, o di avere autorità sull’uomo. Ma stai zitto”. Tuttavia, è chiaro che, secondo la Bíblia (2011), alle donne non è proibito da Dio parlare in pubblico. Secondo Kathy Keller,

[…] há vários exemplos no Novo Testamento de mulheres sendo elogiadas, e não condenadas, por falarem em público. Mulheres profetizam em 1Coríntios 11:5 (observe que, em 1Coríntios 12:28, o dom de profecia é considerado superior ao dom de ensino); Priscila e Áquila explicam o evangelho a um homem (Apolo) em Atos 18:26 e, em Romanos 16:3, Paulo se refere à Priscila como uma ‘colaboradora’ (synergos), designação também aplicada à Evódia e Síntique em Filipenses 4:3, mulheres que participaram do trabalho de evangelismo ao lado de Paulo. Também há no Antigo Testamento exemplos de mulheres líderes e profetas, como Miriã, Débora e Hulda […] (KELLER, 2019, p. 25-26).

Perciò, per Keller (2019), nel testo sopra menzionato, e anche nel testo di 1 Corinzi 14:34,35, che dice: “Le donne tacciono nelle chiese, perché non sono autorizzate a parlare; ma sono soggetti, come comanda anche la legge. E se vuoi imparare qualcosa, chiedi ai tuoi mariti a casa; perché è indecente che le donne parlino nella chiesa”, Paolo si riferisce all’ordine nell’adorazione, in continuità con ciò a cui si era rivolto dal capitolo 11, insegnando che gli uomini e le donne dovrebbero mantenere il loro ruolo come comandato da Dio, e l’atto d

Perciò, per Keller (2019), nel testo sopra menzionato, e anche nel testo di 1 Corinzi 14:34,35, che dice: “Le donne tacciono nelle chiese, perché non sono autorizzate a parlare; ma sono soggetti, come comanda anche la legge. E se vuoi imparare qualcosa, chiedi ai tuoi mariti a casa; perché è indecente che le donne parlino nella chiesa”, Paolo si riferisce all’ordine nell’adorazione, in continuità con ciò a cui si era rivolto dal capitolo 11, insegnando che gli uomini e le donne dovrebbero mantenere il loro ruolo come comandato da Dio, e l’atto di coprirsi il capo nell’adorarLo in 1 Corinzi 11:1-16, un segno culturale legato alle donne. Afferma che “alla Chiesa primitiva è stato insegnato a guidare il loro culto secondo il modello di culto della sinagoga ebraica” (KELLER, 2019, p. 28), tuttavia, per lei, alle donne non era proibito esercitare pubblicamente i loro doni, perché l’apostolo non avrebbe condannato questa condotta, ma piuttosto regolandola.

Tuttavia, Champlin (1982) afferma che l’apostolo Paolo riconobbe l’assoluto divieto delle donne di partecipare in qualsiasi modo, attivamente e oralmente, ai servizi pubblici, ma nonostante ciò, tali divieti riflettono semplicemente l’atteggiamento del tempo, la pratica di un’antica usanza ebraica impiegata nelle sinagoghe, poiché il Nuovo Testamento non è stato scritto nel vuoto. Pertanto, è naturale che siano stati inclusi alcuni insegnamenti di natura strettamente “locale e culturale”, ma potrebbero non essere obbligatori per tutti i luoghi e tempi.

Casos notáveis de mulheres crentes, que foram mestras, profetisas e elementos de autoridade, são chamados de ‘atos extraordinários de Deus’, por Calvino, o que não perturbaria a ordem normal da Igreja. Mas essa ordem ‘normal’, conforme ensinado neste texto, na realidade só se aplica bem ao antigo judaísmo, e não à igreja moderna, onde os preconceitos contra as mulheres tem desaparecido grandemente, e onde uma atitude mais realista é mantida (CHAMPLIN, 1982, p. 304).

Pertanto, il divieto espresso nel testo biblico non implica che alle donne siano negate posizioni amministrative nella Chiesa evangelica di oggi. Champlin (1982) ritiene che sia nel testo di 1 Timoteo 2 che in 1 Corinzi 14,34,35, sia possibile che l’ordine dato alle donne fosse diretto alla chiesa locale, tenendo conto di situazioni specifiche che coinvolgono donne che hanno disonorato la chiesa e la comando, non essendo quindi normativo per tutte le donne della Chiesa del Signore Gesù. Ritiene inoltre che, nella tradizione ebraica, una donna decente non dovrebbe mai essere vista in pubblico, tranne in alcune festività speciali, il che non è conveniente nella chiesa evangelica di oggi. Pertanto, all’interno di queste condizioni sociali, quanto sarebbe fuori luogo consentire alle donne di partecipare oralmente ai servizi pubblici. Nelle sinagoghe ebraiche questa procedura sarebbe considerata uno scandalo. Tuttavia, tale istruzione è classificata da lui come un segno culturale, così come quella sopra menzionata, riferendosi all’uso del velo delle donne nel culto pubblico, in 1 Corinzi 11.1-16 (BÍBLIA, 2011). Pertanto, tale tradizione non si applica all’attuale Chiesa evangelica.

Sull’istruzione data a una donna che non insegna all’uomo, in base all’ordine della creazione, espressa nel testo di Genesi 3:1-6, Russell Champlin sostiene che

[…] Aquela primeira ocasião em que a mulher resolveu ‘ensinar’ ao homem, ou exercer influência sobre ele, foi horrivelmente fatal. […] Por meio desse exemplo tornar-se-ia óbvio que a mulher não é digna de gozar de igualdade com o homem. Antes, a ordem natural das coisas é que a mulher sempre se ponha sob a autoridade masculina, pois isso evitará maiores desastres. Esse é o raciocínio por detrás desse versículo, o qual concorda perfeitamente com a atitude judaica acerca das mulheres. […] Dessas maneiras é que vários intérpretes têm procurado subestimar o papel de Adão em toda a questão, fazendo Eva parecer muito pior do que realmente ela foi, o que é típico da mentalidade judaica. Os judeus chamavam Eva de ‘mãe de toda a iniquidade e pecado’ (Talmude Hieros. Sabbat. fol 5:2; Sohar em Gênesis, fol. 27:3) […] (CHAMPLIN, 1982, p. 305).

In relazione al testo di 1 Timoteo 2.11,12, la Bibliatodo (2020) considera il fatto che la chiesa di Efeso avrebbe avuto problemi con i falsi insegnanti e, poiché alle donne ebree veniva negato il diritto all’apprendimento in modo simile a ciò che veniva offerto agli uomini, sarebbero impreparate ad affrontare questi problemi, diventando facili bersagli di questi maestri ingannevoli, perché sono incapaci di discernere la verità. E commenta anche che

[…] Assim como Eva tinha sido enganada no jardim do Éden, assim as mulheres na igreja estavam sendo enganadas por falsos professores. E assim como Adão foi o primeiro ser humano criado Por Deus, assim os homens na igreja de Éfeso seriam os primeiros em falar e ensinar, porque tinham mais experiência. […] Outros eruditos, entretanto, sustentam que os róis que Paulo destaca são os intuitos de Deus para sua ordem criada (BIBLIATODO, 2020, s.p.).

Tuttavia, proprio come sia Adamo che Eva trovarono la giustizia di Dio, entrambi sperimentarono anche la loro grazia (BÍBLIA, 2011, Romanos 5.18-19). Per Russell Champlin,

O autor procura justificar suas regras severas e restringidoras acerca das mulheres à base do fato que é a ordem da criação […]. Para o autor sagrado, a inferioridade de Eva, o fato que ela veio à existência depois de Adão, significa que todas as mulheres devem ocupar posição de inferioridade. Mas esse conceito foi abolido em Gl 3.28, pois Cristo é o fim de tudo isso (CHAMPLIN, 1982, p. 305).

D’altra parte, Wright (2020) afferma che, in nessun momento Paolo condanna l’ordinazione delle donne al ministero pastorale. Per lui, l’obiettivo è esattamente l’opposto, che non dovrebbe essere impedito loro di studiare e imparare, poiché ciò non implicherebbe che diventerebbero prepotenti, come le donne sacerdotesse del tempio di Arstanis a Efeso (perché, secondo lui, ci sono indicazioni che Timoteo era in questa città quando ricevette questa lettera, diretta a lui. Egli afferma che nel versetto 12, questo è ciò che Paolo nega usando la frase “nessuno dei due esercita l’autorità dell’uomo”). Così, per l’apostolo, le donne dovrebbero essere incoraggiate a studiare e imparare a prendere posizioni di comando, poiché Adamo peccò deliberatamente consapevolmente, aveva ricevuto l’ordine direttamente da Dio. Tuttavia, Eva è stata ingannata. Pertanto, le donne dovrebbero essere incoraggiate a studiare in modo da non essere confuse.

Egli sostiene che la maternità, per l’apostolo, non era vista come una maledizione, come un segno del disprezzo di Dio, come molti ebrei vedevano all’epoca, ma come un contributo alla creazione di Dio. Secondo lui, l’autore del testo biblico intendeva contribuire all’edificazione della Chiesa di Cristo, affinché, nell’unità, potessero servire Dio.

Nell’interpretazione dei testi sopra analizzati, questa ricerca difende la teoria secondo cui l’apostolo Paolo, pur essendo un sostenitore del ministero femminile, da esporre nel seguente argomento, a causa del modello di culto fornito assomiglia a quello delle sinagoghe ebraiche e del fatto che le chiese locali a cui si rivolgeva nelle sue lettere possiedono, nel suo membro, molti ebrei e anche greci convertiti al cristianesimo, ancora molto radicati, nelle loro tradizioni culturali, doveva essere energico e cauto nelle sue azioni legate al ruolo svolto dalle donne, con l’obiettivo di promuovere l’ordine nel culto e, soprattutto, l’unità della Chiesa, poiché la comando femminile sarebbe stata un argomento che avrebbe scandalizzato i fratelli appena convertiti alla fede cristiana, che giustificherebbero tali divieti, come sostenuto sopra da Champlin (1982). Tuttavia, poiché provengono da un’usanza culturale, non si applicano all’attuale chiesa evangelica.

Tra coloro che si oppongono all’ordinazione pastorale femminile, alcuni dicono che le donne ordinate al pastorato renderanno conto a Dio per lo svolgimento delle loro funzioni ministeriali, che credono sia “non autorizzate da Dio”. Ma non è forse contrario a Dio stesso che rimprovera, umilia e persino soffoca il ministero di una donna da Lui eletta all’esercizio del ministero pastorale, con attributi che la qualificano, che include un carattere immancabilmente fuori luogo davanti a Dio e agli uomini? (BÍBLIA, 2011, 1 Timóteo 2.15). In altre parole, è come se Dio avesse eletto e dato potere alla donna al pastorato e questo, sulla base di elementi della tradizione culturale, come sopra menzionato, ha detto: “Non posso accettare, perché è una situazione che contraddice la tradizione socioeconomica e religiosa del tempo in cui sono stati scritti i testi biblici”.

È come se, ancora una volta, la Chiesa vivesse una situazione simile a quella dell’apostolo Pietro in Atti 10, quando Dio gli disse “Non renderti comune a ciò che Dio ha purificato” (BÍBLIA, 2011, Atos 10.15), riferendosi all’evangelizzazione delle genti, ma presentando, nella visione, animali considerati impuri agli ebrei, secondo la Legge di Dio, in Levitico 11. Anche se in contesti diversi, la comprensione si applica anche al tema, perché l’apostolo, in diverse occasioni, insiste sulla sua convinzione basata sulle tradizioni umane, opponendosi alla volontà di Dio di raggiungere anche il popolo gentile, ma attraverso la Rivelazione di Dio, riconosce che Gesù Cristo è morto per tutti, senza distinzione (BÍBLIA, 2011, Gálatas 3.28), e poi dichiara: “[…] Riconosco, per verità, che a Dio non piacciono le persone”. (BÍBLIA, 2011, Atos 10.34). Allo stesso modo, non si dovrebbe cercare di limitare l’azione di Dio imponendogli elementi specifici delle tradizioni umane.

Come nei tempi biblici, Dio ha scelto donne vestite di Spirito Santo, capaci di condurre e pascere vite per il suo Regno, che, pur andando contro il contesto socioculturale del tempo in cui i testi biblici furono scritti, non ha aspetti simili oggi. Per Dio, l’importante è che i suoi figli lo servano in obbedienza, fede e amore, ascoltando la chiamata ministeriale che ha elargito loro. Proprio come i farisei sopra menzionati, la volontà e l’elezione divina sono messe a dura prova a causa della visione del mondo di coloro che, insistentemente, decidono di applicare alla realtà cristiana elementi specifici della cultura locale. Contrariamente alla tradizione del tempo, Gesù valorizzava le donne, permetteva loro di imparare e di essere costituito cooperatore della Missione di Dio, come facevano gli uomini.

4.4 LA PARTECIPAZIONE DELLE DONNE ALLA CHIESA PRIMITIVA

Le donne hanno avuto una partecipazione attiva nel contesto biblico. L’istituzione della chiesa di Filippi coinvolse donne (come Lidia, in Atos 16.11-15, 40 (BÍBLIA, 2011)) e furono anche coinvolte nella proclamazione del Vangelo a Berea (BÍBLIA, 2011, Atos 17.12), e insieme agli uomini furono incaricate di proclamare la buona notizia della salvezza di Dio (BÍBLIA, 2011, Mateus 28.18-20) per servire Dio e insegnare all’umanità il suo messaggio (BÍBLIA, 2011, Atos 18.24-26; Romanos 16.1-7). La Chiesa primitiva si riunì nelle case (BÍBLIA, 2011, Romanos 16.3-5; 1 Coríntios 16.19; Colossenses 4.15; Filemon 1.2), e le donne cooperarono attivamente con il discepolato. La chiesa che si riuniva nelle case era “meno chiesa”? Tupan Júnior (2017, p. 18), afferma che “la Chiesa non è struttura, non è un tempio, non è un’istituzione, ma sono persone convertite al Signore Gesù”. Per Champlin (1982, p. 160) “la maggior parte delle comunità cristiane dell’era apostolica si riuniva in case, probabilmente per motivi finanziari”.

Come accennato in precedenza, Paolo saluta la Ninfa e la chiesa nella sua casa (BÍBLIA, 2011, Colossenses 4.15). In nessun momento cita, ad esempio, “al sacerdote” o “all’apostolo” che si trova nella casa di Ninfa, ma si riferisce direttamente a lei, in modo che sia possibile che lei stessa fosse la guida della chiesa che si riuniva nella sua casa. Nel suo saluto ai Romani, cita:

Recomendo-lhes nossa irmã Febe, serva da igreja em Cencréia. Peço que a recebam no Senhor, de maneira digna dos santos, […] pois tem sido de grande auxílio para muita gente, inclusive para mim. Saúdem Priscila e Áquila, meus colaboradores em Cristo Jesus.  […] Saúdem também a igreja que se reúne na casa deles. […] Saúdem Maria, que trabalhou arduamente por vocês (BÍBLIA, 2011, Rm 16.1-7).

È possibile notare che in vari momenti l’apostolo rivolge parole complementari all’esercizio del ministero femminile. In altri, come 1 Timoteo 2, analizzati sopra, secondo Champlin (1982), l’apostolo doveva essere duro, per preservare l’ordine nel culto, senza scandalizzare i fratelli ebrei e gentili convertiti al cristianesimo, molti ancora radicati nelle loro tradizioni culturali. Quindi, a che punto le Scritture affermano che le donne non dovrebbero esercitare il ministero pastorale e ricevere l’ordinazione, cioè il “riconoscimento del dono”? Niente affatto. Anche se l’apostolo Paolo, ispirato da Dio, paragona l’amore del marito a sua moglie a quello di Cristo alla sua Chiesa (BÍBLIA, 2011, Efésios 5.25-26) e a fare lo stesso in relazione alla sottomissione: “Voi donne vi sottomettere a vostro marito, come al Signore; poiché il marito è il capo della donna, come Cristo è anche il capo della Chiesa, essendo egli stesso il salvatore del corpo” (BÍBLIA, 2011, Efésios 5.22-23), la guida ecclesiastica da parte di una donna non offusca, né cambia, il suo ruolo di madre e moglie e la sottomissione al marito. Il dominio del marito sulla moglie è biblico (BÍBLIA, 2011, Gênesis 3.16), ma il dominio dell’intera classe maschile sulla classe femminile, cioè di tutti gli uomini in una società a tutte le donne, è un segno culturale, come menzionato sopra.

La Bibbia cita una donna che fu chiamata da Dio a pascere un’intera nazione. Era leader, ma era la moglie di Lappidot, giudicava la causa del popolo, ma era la moglie di Lappidot, era un ministro della Parola, ma era la moglie di Lappidot, era la moglie di Lappidot, ma era la moglie di Lappidot. In nessun momento la Bibbia presenta Lappidot come un leader o con qualche attribuzione che potrebbe possedere. Menziona solo che questa donna chiamata, eletta da Dio stesso come leader, era la moglie di Lappidot. Secondo Cundall (1986, p. 81), “Non si sa nulla di Lappidot, il marito di Debora, tranne la semplice menzione del suo nome, che non fu l’unico ad essere cancellato, poiché Baraque stesso giocò un ruolo secondario nella lotta. Ha ricevuto coraggio e ispirazione per la presenza di questa grande e talentuosa donna”. Debora era il leader governativo, militare e spirituale della sua nazione (BÍBLIA, 2011, Juízes 4.4,5), ma era un riferimento di buona madre e buona moglie allo “sconosciuto” Lappidot.

Quando Dio elegge al ministero, dà anche potere. Quando lo fa, insegna anche, insegna. Fu Lui che insegnò a Debora ad avere tutti questi incarichi di comando e di governo e a continuare ad essere una buona moglie e una buona madre, al punto da essere un riferimento per un’intera nazione (BÍBLIA, 2011, Juízes 5.7). Dio stesso ha posto le parole giuste al momento giusto e nella giusta misura sulle labbra di Debora, e tutto ciò che deve fare è obbedirGli e continuare ad essere il capo di Israele e la moglie del Lappidot (BÍBLIA, 2011, Juízes 4-5).

5. DEBORA, UNA PASTORELLA IN PRATICA

Debora era una leader del popolo di Israele che viveva in un tempo in cui gli uomini trascuravano Dio. Calvin riconobbe la comando e il governo di Debora e attribuì a quelli che chiamò “Atti straordinari fatti da Dio” (CHAMPLIN, 1982, p. 304). I governanti di quel tempo erano giudici (MERRIL, 1987). Questi giudici, sotto l’azione e il governo di Dio stesso, praticavano atti eroici a beneficio della nazione. Dio stabilì dei giudici per governare il suo popolo, perché “sotto la guida di Giosuè c’era la fase iniziale della conquista del paese. La terra era divisa tra le tribù, ma era necessario che gli Israeliti occupassero il territorio loro destinato” (PFEIFFER; HARRISON, 1985, p. 42). I re sono venuti all’esistenza fino ad anni dopo, il primo di loro è Saul (BÍBLIA, 2011, 1 Samuel 8).

Al tempo dei giudici non c’era un Re sul popolo, ma Dio li costituì, in modo che li guidassero, giudicassero la causa di Israele e li guidassero, seguendo la guida di Mosè e Giosuè. Pertanto, Debora, essendo un giudice in Israele, era anche governante di quella nazione, sia civile (giudicava la causa del popolo, Juízes 4.4 (BÍBLIA, 2011)), sia militare (ha dato strategie di guerra, Juízes 4.6-7 (BÍBLIA, 2011)), sia spirituale (ha ricevuto la guida di Dio e ha delegato i suoi ordini al popolo di Israele, Juízes 4.4-7 (BÍBLIA, 2011)). C’era uno scopo divino nel nominare Debora per guidare il suo popolo, una funzione di estrema responsabilità e autorità, mentre soffriva per l’oppressione di Jabim, re di Canaan. “Queste condizioni caotiche esistevano perché Israele aveva adottato nuovi dei e stava quindi sperimentando il giudizio divino. Poi Dio risuscitò Debora, che radunò uomini di tutte le tribù, e ottenne una potente vittoria a Kisom e Zaananim” (MERRIL, 1987, 170).

C’era anche un altro aspetto decisivo e primordiale, era disponibile e, con fede in Dio e coraggio, obbediva alla sua chiamata (BÍBLIA, 2011, Juízes 5.7). Merril (1987, p. 170) afferma che “dopo il trionfo di Debora, la terra si riposò per quarant’anni”. Ispirata da Dio, presentò al Baraque le strategie della guerra e li incoraggiò a combattere: “Baraque e il resto degli Israeliti, stupiti dalla moltitudine di nemici, cercarono di ritirarsi e andarsene […]. Ma Debora li fermò e comandò loro di combattere proprio quel giorno senza paura, perché la vittoria dipendeva da Dio, ed essi dovevano confidare nel suo aiuto” (JOSEFO, 2004, p. 227).

La vigliaccheria iniziale di Baraque nel guidare l’esercito nella difficile situazione della nazione e l’audacia e impavidità di Debora nel guidare un’intera nazione mostrano che Dio agisce nella vita di quel servo o servo che si mette a sua completa disposizione, indipendentemente dal suo genere (in seguito, Debora avrebbe cantato questo canto profetico: “Allora […] il Signore mi dominò sui valorosi” (BÍBLIA, 2011, Juízes 5.13), riferendosi al valoroso della guerra, nella famigerata partecipazione come leader, insieme a Baraque). Cundall (1986, p. 23) afferma che condividevano il comando della nazione: “[…] Debora, con Baraque, come supporto (Jz 4:5), […]”. Tuttavia, in Ebrei 11:35 (BÍBLIA, 2011), non è menzionata, solo Baraque, la figura maschile, nonostante la comprovata comando esercitata con autorità civile e spirituale concessa da Dio, onore, prominenza e coraggio. La possibile spiegazione si basa sulla cultura predominante del tempo, che ha squalificato la donna dall’esercizio di tali posizioni, come menzionato sopra.

Inoltre, è del tutto comprensibile che, sebbene Debora avesse tutte le attribuzioni di una “pastorella”, il testo non la presenta esplicitamente come tale, ma piuttosto come giudice e profetizza, quindi, l’idea di “pastorella” legata alla condotta delle persone, è stata menzionata solo, in seguito, nei Libri di Ezechiele e Geremia (BÍBLIA, 2011, Ezequiel 34; Jeremias 3.15-17). In precedenza, era associato esclusivamente a Dio (BÍBLIA, 2011, Gênesis 49.24; Salmo 23.1). Così, la possibilità dello scrittore del Libro dei Giudici viene scartata, riferendosi ad essa come tale, sebbene presenti tutte le caratteristiche di una pastorella ordinata da Dio. Il più vicino a questa parola nell’Antico Testamento, considerando le sue attribuzioni, era il termine “sacerdote”.

Secondo Cundall (1986, p. 18), “il sommo sacerdote, in virtù della sua posizione nel santuario centrale, poteva essere considerato un giudice poiché il santuario era il luogo tradizionale per il diritto di risolvere le controversie, ed era anche il luogo cercato per ottenere la benedizione di Dio prima di una campagna militare”. Tuttavia, questa occupazione era in discredito all’epoca a causa dell’impreparazione e della mancanza di serietà dei sacerdoti di quel tempo (BÍBLIA, 2011, Juízes 17-18). Ma in mezzo al peccato e all’idolatria, Debora rimase fedele a Dio e alla Torah. Una donna saggia e perlassa da Dio, molti si affollavano intorno a lei per consigliarti e chiederle aiuto. Poi giudicò sotto una palma, all’aperto, cioè dove tutti potevano sentirla e osservarla, e li avvertì di pentirsi dei peccati (BÍBLIA, 2011, Juízes 4.5).

Secondo Cundall (1986), Lo stesso Baraque riconobbe il governo e la comando di spicco in Debora. Così, sebbene fosse qualificata come “giudice” e “profetica”, il suo atteggiamento era di vera “pastorella” del gregge di Dio, e questo è evidente nel modo in cui trasmise il divino Messaggio di salvezza al popolo di Israele, nel carattere profetico del suo ministero, nel discernimento spirituale, nella sensibilità alla voce di Dio, nella sua postura di comando e integrità che erano così nobili e ispiratrici, al punto da essere considerata “madre di tutto Israele” (BÍBLIA, 2011, Juízes 4,5), con una condotta indubbiamente esemplare.

6. IL MINISTERO PASTORALE COME DONO DATO DA DIO

L’apostolo Pietro, in 1 Pietro 4:10-11, ispirato da Dio, scrisse alla Chiesa di Cristo la guida che ognuno amministri il dono ricevuto, come buoni pensatori della multiforme Grazia di Dio. Egli menziona i seguenti doni spirituali: i “doni della parola (“se qualcuno parla”)”, che includono “apostolato, profezia, discernimento degli spiriti, insegnamento, evangelizzazione ed esortazione” e “doni di servizio (“se si amministra”)”, che consistono in “comando, fede, amministrazione, aiuto e celibato” (BÍBLIA, 2011, p. 1979-1980). Nel testo biblico fornito sopra, egli istruisce che ogni cristiano dovrebbe applicare i suoi doni spirituali al servizio degli altri, all’edificazione della chiesa e per glorificare Dio. Nella sua dichiarazione, non c’è distinzione di genere, maschio e femmina, razza e classe sociale, poiché riconosce che Dio non ha senso nel distribuire i suoi doni spirituali. MacArthur (2019, p. 15) afferma che “dal primo capitolo della Bibbia, ci è stato insegnato che le donne, come l’uomo, portano il sigillo dell’immagine stessa di Dio (Gen 1:27; 5,1-2)”, cioè Dio vuole relazionarsi ugualmente con tutti.

In 1 Corinzi 12:7, l’apostolo Paolo dice che “la manifestazione dello Spirito è data per ciò che è utile”. Ciò significa che è Dio che sceglie, designa e qualifica un cristiano all’esercizio ministeriale all’interno del Corpo di Cristo, senza alcuna distinzione, per l’edificazione della Chiesa di Cristo, la crescita, la maturità e l’unità, perché una chiesa matura non è guidata da ogni “vento” di dottrina (BIBLE, 2011, Efesini 4:12-13). Sul termine “pastore”, dal greco “poimén“, secondo A Bíblia da Mulher,

Davi é apresentado como um pastor cuidando do rebanho de seu pai. No mundo antigo o termo “pastor” costumava ser usado como metáfora para governante. Tanto no Antigo Testamento quanto no Novo Testamento, o povo de Deus é descrito, por analogia, como um rebanho, enquanto os representantes de Deus são chamados de pastores (2Sm 5.2; 7.7-8; Sl 23.1; 78.71-72; Ez 34.1-31; Jo 10.1-18). […] A imagem de pastor/rebanho é associada repetidamente a Davi e a Jesus (Sl 23, 1Sm 17.15, 20, 28, 34, 40; 2Sm 5.2; 7.8; Ez 34.23) (BÍBLIA, 2011, p. 488).

Sebbene il testo biblico menzioni la responsabilità dei pastori terreni nel prendersi cura delle “pecore” (BÍBLIA, 2011, Hebreus 13.17), è importante sottolineare che essi non sono, e non saranno mai, di lui, ma di Gesù, come Egli stesso ha dichiarato a Pietro, chiamandolo a pascere le sue “pecore” (BÍBLIA, 2011, João 21.16-17), quindi il governo, la supremazia e l’autorità appartengono solo a Dio. Li designa come collaboratori della sua Missione (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 3.9, Mateus 16.18), dopo tutto, Cristo è il capo della Chiesa (BÍBLIA, 2011, Efésios 4.15) e usa coloro che vogliono, come uomo o donna (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 12.6-14).

Come accennato in precedenza, seguire il chiaro concetto del termine “ordinare”, “riconoscere il dono”, negare questo riconoscimento del dono conferito a qualcuno da Dio stesso, significherebbe resistere alla volontà di Dio (BÍBLIA, 2011, Atos 11.17-18). Poiché il ministero pastorale è anche inteso come un dono dato dallo Spirito Santo alla Chiesa di Cristo, è possibile mostrare che Dio, attraverso lo Spirito Santo, può concedere sia agli uomini che alle donne per ciò che gli è utile (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 12.7). Anche in 1 Pietro 4:11, “la parola ‘realizza’ deriva dal verbo greco energeo, che significa lavorare, lavorare, produrre, realizzare” (CHAMPLIN, 1982, p. 193), cioè Dio è sovrano e onnisciente e non significa persone, ma attrae tutti, salva tutti coloro che credono in Lui, con la sua grazia e il suo amore (BÍBLIA, 2011, João 3.16-18), e dà potere a coloro che vuole, per produrre ciò che gli piace.

L’apostolo Paolo dice, descrivendo i cristiani come collaboratori di Cristo: “Che cosa possediamo che non abbiamo ricevuto da Dio? “Per chi ti fa uscire? E che hai che non l’hai ricevuto, e se l’hai ricevuto, perché ti vanti, come se non l’avessi ricevuto?” (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 4.7), perché c’erano alcuni che si vantavano come se fossero detentori della Gloria, che è di Dio. A questo proposito, Champlin (1982, p. 157) afferma che, ancora oggi, “alcuni si comportano come se ciò che è stato prodotto da loro”. Dopo aver vissuto un’intensa esperienza con Dio, Giobbe disse: “So che puoi fare tutto e che nessuno dei tuoi piani può essere fermato” (BÍBLIA, 2011, Jó 42.2). Pertanto, se tutto appartiene a Dio ed è a lode della sua Gloria, Egli stesso distribuisce i suoi doni a beneficio della sua opera salvifica. Secondo A Bíblia da Mulher, “i doni spirituali […] sono divinamente concessi, non per esaltare l’individuo che li ha, ma per aumentare i loro sforzi nel ministero. I doni sono riversati su donne e uomini, ma senza l’obbligo che tutti i doni siano in un sesso o nell’altro” (BÍBLIA, 2011, p. 1802), che riafferma che Dio non fa distinzione nel distribuire i suoi doni.

Lima e Mello (2016) mostrano nella loro ricerca che ci sono casi in cui c’è il riconoscimento del dono di Dio concesso alle donne, ma negandole il titolo, che è, per lo meno, incoerente. C’è chi preferisce riferirsi a loro come “missionari”, o anche “medici”, ma non “pastori”, sebbene abbiano tutte le qualifiche per l’esercizio del ministero pastorale, compresa, soprattutto, la chiamata di Dio. D’altra parte, ci sono anche molti uomini che portano il titolo senza mai essere dati al pastorato, molti di loro, purtroppo, servono come presa in giro del Vangelo. In un’intervista alla rivista Seara (che è succeduta a “A Seara”), Nascimento (1998, p. 17), afferma: “[…] sebbene ci sia stato un grande progresso nella Chiesa per quanto riguarda il lavoro delle donne, il pregiudizio esiste ancora, specialmente nella sfera gerarchica. La donna, anche un leader, non ha l’importanza che ha un sacerdote”. In ogni caso, è importante sottolineare che ogni cristiano è un servo di Cristo e un “dei misteri di Dio” (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 4.1), quindi Gloria, autorità e dominio sono, e sempre saranno, esclusivamente di Dio.

7. CONSIDERAZIONI FINALI

Secondo gli elementi e i fatti evidenziati nella ricerca, è possibile concludere che, principalmente a causa dell’influenza della cultura e delle tradizioni ebraiche e di altri popoli, dal momento in cui furono scritti i testi biblici, la preponderanza della comando nella Bibbia era maschile. Tuttavia, alle donne vestite dallo Spirito Santo, consacrate e scelte da Dio, non è mai stato impedito di svolgere funzioni ministeriali e di comando, né nell’esercizio dei doni spirituali da lui elargiti. È possibile vedere che il dominio del marito sulla moglie è biblico (BÍBLIA, 2011, Gênesis 3.16), ma quello di tutta la classe maschile sulla classe femminile, cioè di tutti gli uomini in una società a tutte le donne, è un segno culturale. Così, sulla questione fondamentale in relazione alla comando ecclesiastica da parte delle donne, questo articolo mostra che l’analisi del ruolo delle donne nel contesto biblico, infatti, aiuta nell’accettazione della legittimità del pastorato femminile nella chiesa evangelica di oggi, poiché sarebbe inappropriato dovere queste numerose prove bibliche, in nome delle tradizioni ecclesiastiche, negare alle donne la dovuta e biblica libertà di espressione nell’esercizio dei loro doveri ministeriali conferiti da Dio stesso.

Tuttavia, oggi, sono ancora molte le persone che, con le loro idee preformate, non riescono a concepire o assimilare ciò che sembra loro contrario, e con questo, per quanto riguarda le donne, cercano di mettere a tacere le loro voci, trattenendo a ricoprire posizioni di comando ecclesiastica, anche se, con zelo, autorità, audacia, fede e amore, concessi da Dio. Molte donne timorate di Dio, virtuose, pie, obbedienti, serve dell’Altissimo, piene di Spirito Santo, impegnate nello studio delle Sacre Scritture, nella preghiera e nella pastorizia delle anime e che, anch’esse, hanno la convinzione che la loro chiamata ministeriale sia da parte di Dio, sono state respinte, e persino umiliate, nel loro esercizio ministeriale, poiché molti si oppongono alla presenza femminile sul pulpito delle chiese nel ruolo di predicatori del Vangelo o di pastori del gregge di Cristo, perché considerano non biblica e inammissibile l’idea di sottomettersi all’autorità di una guida femminile, anche con l’assenza di un’autorità biblica per l’istituzione di queste regole, come menzionato nella ricerca.

Tuttavia, è importante essere consapevoli che i discepoli di Cristo sono solo collaboratori della Missione di Dio (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 3.9) e che è Lui che detiene tutta l’autorità (BÍBLIA, 2011, Efésios 4.15), per usare coloro che vogliono, come lui vuole, secondo la sua volontà (BÍBLIA, 2011, 1 Coríntios 12.11), per l’edificazione della sua Chiesa. La ricerca mostra che Dio ha potenziato e approvato la comando di Debora sul suo popolo, non per dare una “lezione” agli uomini che hanno resistito e trascurato la sua chiamata in quel momento, ma piuttosto per dimostrare, ancora una volta, che Egli è sovrano e che distribuisce i suoi doni spirituali a coloro che vogliono, sia uomo che donna (BÍBLIA, 2011, Efésios 4.12-15; 1 Coríntios 12.6-14). Pertanto, invece di aggrapparsi a elementi del contesto socioculturale in cui la Chiesa viveva al tempo in cui sono stati scritti i testi biblici, ogni cristiano può crescere e rafforzarsi in Dio come parte integrante della Chiesa dell’Altissimo.

Così, oggi, sono chiamati oggi più uomini di fede, guerrieri, coraggiosi, pii, pastori d’anime e obbedienti a Dio, come Paolo, Pietro e tanti altri. Per pastori più impavidi, coraggiosi, fedeli a Dio, devoti, obbedienti, leali, come Debora, Maria, Culda e tanti altri fino ad oggi. Affinché lo scopo di Dio nel suscitare collaboratori per la sua missione presso la Chiesa (BÍBLIA, 2011, Efésios 4.11-12) possa essere adempiuto e la sua Chiesa costruita, vivificata e rafforzata per la sua Gloria, dopo tutto, è stato per questo scopo che l’umanità è stata creata da Lui, maschio e femmina, entrambi per lo stesso scopo, o Lode della Sua gloria (BÍBLIA, 2011, Efésios 1.11-12). Affinché insieme i cristiani formino un solo corpo in Cristo e siano individualmente membra l’uno dell’altro (BÍBLIA, 2011, Romanos 12.5), in altre parole, è Cristo per tutti e tutti da Cristo, dopo tutto c’è un solo Dio, una missione (la sua), una visione e un unico obiettivo, Gesù. A lui tutto onore e gloria, per secoli, Amen!

RIFERIMENTI

ALLEN, Curtis. Como interpretar a Bíblia: princípios práticos para entender e aplicar a palavra de Deus. Tradução: Carlos Lopes. São Paulo: Vida Nova, 2012.

ALVES, Branca Moreira; PITANGUY, Jacqueline. O que é feminismo. São Paulo: Brasiliense, 1985. (Coleção Primeiros Passos).

BASKIN, Judith. Women in the Bible: changes in society affected attitudes toward women. Disponível em: https://www.myjewishlearning.com/article/women-in-the-bible/. Acesso em: 13 mar. 2020.

BEAUVOIR, Simone. O segundo sexo. 2. ed. São Paulo: Difusão Europeia do Livro, 1970.

BÍBLIA. A Bíblia da Mulher. Leitura, devocional, estudo. 2. ed. Barueri, SP: Sociedade Bíblica do Brasil, 2011. 2176 p. Almeida Revista e Corrigida (ARC). (Português).

BIBLIATODO. Diário viver – comentário da Bíblia. Disponível em: https://www.bibliatodo.com/pt/comentarios-da-biblia/?v=PJFA&co=diario-viver&l=1+timoteo&cap=2. Acesso em: 13 mar. 2020.

BRASIL. Ministério da Economia. Secretaria de Políticas Públicas e Emprego. Mulheres ocupam 43,8% dos cargos de chefia no país. 08 mar. 2019. Disponível em: https://www.gov.br/economia/pt-br/assuntos/noticias/2019/03/mulheres-ocupam-43-8-dos-cargos-de-chefia-no-pais. Acesso em: 12 fev. 2020.

CHAMPLIN, Russell N. Comentário Bíblico do Novo Testamento: versículo por versículo. 3. ed. São Paulo: Milenium, 1982.

CUNDALL, Arthur E. Juízes. In: CUNDALL, Arthur E.; MORRIS, Leon. Juízes e Rute introdução e comentário. Tradução: Oswaldo Ramos. São Paulo, SP: Vida Nova, 1986.

JOSEFO, Flávio. História dos Hebreus: de Abraão à queda de Jerusalém. Tradução: Vicente Pedroso. 8. ed. Rio de Janeiro: Casa Publicadoras das Assembleias de Deus, 2004. (Obra Completa).

KELLER, Kathy. Jesus, justiça e papéis de gênero: mulheres no ministério. Tradução: João Guilherme Anjos. 1. ed. Rio de Janeiro: Thomas Nelson Brasil, 2019.

KOCHMANN, Sandra. O Lugar da Mulher no Judaísmo. Revista de Estudos da Religião, São Paulo, PUC-SP, n. 2, p. 35-45, 2005. Disponível em: https://www.pucsp.br/rever/rv2_2005/p_kochmann.pdf. Acesso em: 09 fev. 2020.

LIMA, Daniel Barros; MELLO, Adriana Girão da Silva. A mulher e os desafios na conquista do pastorado: Um estudo de caso em uma igreja evangélica Assembleia de Deus na cidade de Manaus. Coisas do Gênero, Revista de estudos feministas em gênero e religião. v. 2, n. 1. p. 119-134, Jan./Jul. 2016. Disponível em: http://www.est.com.br/periodicos/index.php/genero/article/view/2753. Acesso em: 10 fev. 2020.

LUCADO, Max. Dez mulheres da Bíblia: uma a uma elas mudaram o mundo. Tradução: Frank de Oliveira. 1. ed. Rio de Janeiro: Thomas Nelson Brasil, 2018.

MACARTHUR, John. Doze Mulheres Extraordinariamente Comuns: como Deus moldou as mulheres da Bíblia e o que Ele quer fazer com você. Tradução: Maurício Bezerra Santos Silva. 1. ed. Rio de Janeiro: Thomas Nelson Brasil, 2019.

MERRIL, Eugene H. História de Israel no Antigo Testamento: o reino de sacerdotes que Deus colocou entre as nações. Tradução: Romell S. Carneiro. 3. ed. Rio de Janeiro: Casa Publicadoras das Assembleias de Deus, 1987.

NASCIMENTO, Cléia. Revista Seara, Rio de Janeiro, ano 41, n.16, mar. 1998.

PERROT, Michelle. Os excluídos da história: operários, mulheres e prisioneiros. 2. ed. Rio de Janeiro: Paz e Terra, 1992.

PFEIFFER, Charles F.; HARRISON, Everett F. Comentário Bíblico Moody: Josué a Cantares. v. 2. São Paulo, SP: Imprensa Batista Regular, 1985.

SHELDON, Charles M. Em seus passos o que faria Jesus? Tradução: Robinson Malkomes. São Paulo: Mundo Cristão, 2007.

SHPERBER, Daniel. Shlosha minhaguim mathimim, umekomam shel nashim beBeit Hakneset. In: SHILO, Margalit (org.). Lihiot Isha Iehudia. Jerusalém: Ed. Urim, 2003. v. 2. p. 25-33.

TESSELER, Fani Averbuh. Vozes de mulheres: educação, universidade e trabalho nos anos 40 e 50 do Século XX. 2009. Tese. (Doutorado em Educação) – Universidade Federal do Rio Grande do Sul. Porto Alegre, 2009. Disponível em: http://www.lume.ufrgs.br/bitstream/handle/10183/18381/000729544.pdf?sequence=1. Acesso em: 20 mar. 2020.

TUPAN JÚNIOR, Galaor Linhares. Modelos de plantação de igrejas. Maringá, PR: Unicesumar, 2017.

VAUX, Roland de. Instituições de Israel no Antigo Testamento. São Paulo: Vida Nova, 2004.

WRIGHT, Nicholas Thomas. Paulo para todos: cartas pastorais. 1, 2 Timóteo e Tito. Tradução: Hilton Figueredo. Rio de Janeiro: Thomas Nelson Brasil, 2020.

APPENDICE – RIFERIMENTO NOTA A PIÈ DI PAGINA

3. “Rabbi Sandra Kochmann, si è laureata al Seminario Rabbinico Latinoamericano ‘Marshall T. Meyer’ del Movimento Conservatore in Argentina, e in Organizzazione e Direzione delle Istituzioni Senza Scopo di Lucro, dall’Università Hebrea-Argentina Bar-Ilán. Ha partecipato al programma ‘Melton’ per la formazione degli insegnanti della diaspora ebraica presso l’Università Ebraica di Gerusalemme; dal settembre 2003 è rabbina dell’Associazione religiosa israeliana di Rio de Janeiro (ARI), essendo la prima donna a svolgere questo compito in Brasile” (KOCHMANN, 2005, p. 35).

[1] Ha una laurea magistrale in Teologia in corso nella linea di ricerca Rilettura di testi e contesti biblici di FABAPAR, una laurea specialistica in Studi analitici del Pentateuco di FABAPAR, una laurea specialistica in Teologia e Interpretazione biblica di FABAPAR, una laurea in Informatica Scienze dell’UNESA e una laurea in Teologia dell’UNICESUMAR, in via di completamento. ORCID: https://orcid.org/0000-0003-0150-6313.

[2] Consulente. ORCID: https://orcid.org/0000-0002-6862-8799

Inviato: Novembre 2021.

Approvato: Dicembre 2021.

4.9/5 - (72 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 104789
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?