Ostetrica violenza: recensione integrativa sulle pratiche abusive nelle strutture sanitarie

0
341
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

FARIAS, Naiara [1]

FARIAS, Naiara. Ostetrica violenza: recensione integrativa sulle pratiche abusive nelle istituzioni di salute. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 06, vol. 03, pp. 136-157, giugno 2018. ISSN:2448-0959

Ogni donna ha il diritto di un prenatale con qualità di indirizzare la salute della madre e soprattutto il bambino, avendo come principale necessità una scorta di vostra preferenza, che sarà al vostro fianco per tutta la durata del periodo di reclusione, oltre a tutte le donne dovrebbero r trattati con dignità dove la loro integrità fisica e psicologica dovevano essere garantite. La violenza istituzionale è diventata una sanità pubblica problema negli ultimi anni, come si verifica nel ciclo tutto gravid-puerperal durante la presenza di queste donne incinte in istituzioni sanitarie. Seguendo questo senso il presente lavoro sarà condotta un'analisi dei punti principali che portano queste donne soffrono questo tipo di violenza commessi da professionisti del settore, si tratta di uno studio esplorativo con un approccio qualitativo di affrontare il problema presentato nel corso del lavoro.

Parole chiave: Obstetric violenza, violenza istituzionale, parto naturale, pedofilia, moglie, umanizzazione.

1. Introduzione

Questo articolo discuterà con proprietà sopra i problemi che guidare determinati atti di crudeltà alle donne, che dal momento in cui si scopre incinte donne che preparano per il tanto atteso ora è l'arrivo del vostro bambino, ma in tutto questo processo di che queste donne si trovano ad affrontare molte domande, tribolazioni, paura, gioia e le emozioni. Tante volte questo sogno diventa ora una situazione di sofferenza, imbarazzo, dolore e persino la tortura.

 Il lavoro è giustificato dal tema affrontato come preoccupante la questione e di fondamentale importanza sulla consapevolezza individuale e collettiva degli operatori sanitari, soprattutto per coloro che subiscono violenza ostetrica, che la questione è diventata una pratica abbastanza comune nelle istituzioni di salute. Donne colpite da atti di paura ostetrica violenza per maltrattamento nel tuo momento di debolezza, di non essere a conoscenza del processo fisiologico del parto, questioni culturali, basso reddito, l'analfabetismo tra innumerevoli fattori che influenzano anche in questa comprensione. Molto è stato parlato di violenza contro le donne, la violenza domestica, sessuale, verbale, tra gli altri che è applicabile alla pena giudiziaria, ancora più così la questione violenza ostetrica è diventata un tema ancora incerto per queste vittime.

Il tema si rivolge come soggetto principale l'abuso di che queste donne soffrono per essere in un momento così delicato come la gravidanza, anche se il termine violenza è discussa nella società brasiliana obstetric vostra esperienza all'interno delle istituzioni Ospedale e molto comune, ma poco è segnalato dalle vittime, lasciando un'esperienza traumatica, difficile da gestire nel corso della vita.  

Resta inteso che c'è un problema nei dintorni della violenza che si sono verificati nelle istituzioni di salute. Su quanto sopra, questo studio si basa, la seguente domanda: che cosa circa analisi di pratiche abusive di ostetrica violenza all'interno delle istituzioni sanitarie? Nel corso del lavoro si eseguirà una ricerca di quali atti sono ricorrenti durante la consegna di queste donne, e come ci si sente passare attraverso questa situazione, utilizzando come strumento principale di informazioni non solo per quelle vittime, nonché a tutti società.

L'obiettivo generale proposto una presentazione per quanto riguarda le pratiche abusive di ostetrica violenza all'interno delle istituzioni di salute commit da professionisti del settore, attraverso una revisione bibliografica di estremamente accademico. Mentre gli obiettivi specifici hanno la precedenza; analizzare i fattori che sono associati con violenza ostetrica, eseguito da professionisti della salute presenti un comportamento abusivo valutare come l'umanizzazione può influenzare il processo del parto.

Per molti anni queste pratiche relative al pre-parto, post-partum e parto vengono portate avanti in queste donne, oggi una grande discussione che ruota intorno a queste situazioni per trovare la necessità di queste procedure vengono eseguite quasi ordinariamente da professionisti nel campo. Questi professionisti devono essere consapevoli che queste pratiche che abusano il corpo di queste donne feriscono l'integrità personale, la libertà, l'onore e la dignità di quelle madri. Nel corso del progetto l'obiettivo è quello di discutere come l'esistenza o meno di violenza e comprendere queste donne su di esso, per l'eliminazione di questa pratica.

Secondo l'approccio al problema, questa ricerca è uno studio esplorativo con un approccio qualitativo tenuto da revisioni bibliografiche attraverso fonti secondarie al fine di indirizzare la conoscenza del tema dato, erano ricercato articoli nel database-scientifica Online biblioteca elettronica (Scielo), biblioteca virtuale per la salute (VHL), rivista elettronica di informazione comunicazione e innovazione in sanità (RECIIS). Gli elementi immessi come criteri di inclusione erano tutti gli articoli originali relativi al tema proposto tra il periodo del 2005 al 2017, criteri di esclusione è stata generata qualsiasi articolo che non trattata direttamente il soggetto.

2. Fattori legati alla violenza ostetrica

La cura ha offerta alla donna durante il parto ha subito molte modifiche nel tempo, conseguente la medicalizzazione del parto e l'istituzionalizzazione dei progressi tecnologici e lo sviluppo della medicina. In passato, parto è stata assistita da donne in ambiente domestico, dalle ostetriche, che erano incinte o fiducia di riconosciuta esperienza nella città, che aveva alcuni chiedendo circa i meccanismi fisiologici di consegna.

Tuttavia, nel ventesimo secolo nei 40, ha intensificato il ricovero in ospedale, che ha permesso la medicalizzazione e parto, controllo periodo di gravidanza e nascita come un processo naturale e privata, famiglia ha iniziato a essere sperimentato nella sfera pubblica, in istituzioni sanitarie con la presenza di diversi protagonisti questa volta. (MC; et al 2016)

Tuttavia a causa di quei fatti citati sopra la donna è diventato oggetto di studio da allora l'istituzionalizzazione del parto via queste donne non solo dalla comodità della vostra ci, ma anche lasciato li più suscettibili a subire una sorta di aggressione, che conduce ad un piccolo tema conosciuto, ma chi viene vinto spazio nel corso degli anni.

Violenza contro le donne nelle istituzioni di salute, si riferisce a qualsiasi atto relativo al psicologico, sofferenza fisica e morale, presto e può essere caratterizzato come qualsiasi atto crudele commesso dai professionisti della salute mediante interventi senza necessità, accelerando i processi biologici di un parto normale (ADHIKARI; AGGIO, 2014).

Questo termine corrisponde per l'abuso di nascita, violenza istituzionale, crudeltà nel parto, assistenza desumanizada tra gli altri, che vengono utilizzati per descrivere le varie forme di violenza che si sono verificati in assistenza puerperale. (DINIZ; et al., 2015).

Tuttavia nel secondo decennio del XXI secolo, la violenza ostetrica vince visibilità attraverso relazioni, documentari, tutto questo attraverso testimonianze di donne che sono vittime di quell'epoca, diventando un problema di salute pubblica con interventi congiunti confermato dalla organizzazione mondiale della sanità (OMS), dal titolo "prevenzione ed eliminazione di abusi, mancanza di rispetto e maltrattamenti durante il parto nelle istituzioni di salute". (DINIZ; et al., 2015, pag. 1).

Analizza che nonostante sia considerato che un nuovo tema ha un impatto molto importante nel cambiare le pratiche di cura nel ciclo gravid puerperale.

Tuttavia, il periodo del 1980 in Brasile questo soggetto è stato avvicinato da femministe del tempo che usato le esperienze delle vittime risultati espliciti come era esperte nascite che si verificano nelle istituzioni di salute, lo specchio di Venere era il pioniere perché era uno studio descrittivo di queste esperienze. (DINIZ; et al., 2015)

(…). Non è solo nel rapporto sessuale che la violenza appare traiettoria esistenziale marcatura femminile. Anche nel rapporto medico paziente, una volta che l'ignoranza della vostra fisiologia viene generato per spiegare i sentimenti di impotenza e di delusione con la moglie guardando il tuo corpo di essere manipolati quando si riferisce alla medicina nei momenti più significativi il tuo vita: controllo delle nascite, parto, aborto. (DINIZ; et al., 2015, pag. 2)

Violenza istituzionale è incorporato nel lavoro di tutti i giorni di ospedale, definito sotto due aspetti uno di omissione e Commissione. La prima riguarda per trascurare il servizio clienti per quanto riguarda le donne che cercano il sistema sanitario unificato (SUS) non più ha soddisfatto le loro esigenze di quel momento, e la Commissione è procedure inutili o persino indesiderabili , tra cui insulti e minacce. (Santi; Smith, 2010)

Tra le varie situazioni di violenza legate alle donne durante il parto è caratterizzato dalla negligenza dei professionisti che fanno, utilizzando tecnologie come le procedure inutili su gravid e puerperal ciclo e non c'è nessun il consenso della vittima ferendo così i loro diritti.

Indagini condotte in diversi stati in Brasile ha mostrato estrema autorità di professionisti sotto il corpo della moglie durante il parto, essendo uno dei reclami più frequenti tra coloro che hanno partorito di recente. (ADHIKARI; et al 2016)

Un fattore che fa ancora riferimento come massima importanza, sono i pazienti che vivono in situazioni socio-economiche svantaggiate, queste sono le vittime principali di ossitocina, immobilizzazione a letto, litotômica posizione durante il parto e il famoso episiotomia, soprattutto se sono neri in situazione di svantaggio economico e anche esteri Northeastern.

Non possiamo negare che i progressi della tecnologia stanno portando assistenza ostetrica di qualità, tuttavia gran parte ha osservato che lo sfruttamento arriva portando con sé la medicalizzazione, rendendo così il lavoro come un problema, dove diventa intervento medico essenziale per avere un parto sano.  (CASTRO; CAPLIS, 2005).

L'umanizzazione del parto è legata alla riduzione delle sezioni Cesarean su migliorando il servizio clienti, così che possa essere salvato una nascita del modo più naturale possibile.

Ma questo obiettivo può essere raggiunto solo dopo il desmedicalização di assistenza e, naturalmente, con i cambiamenti della postura di questi professionisti affrontano le esigenze delle donne che hanno bisogno di un servizio decente. (CASTRO; CAPLIS.2005)

L'istituzione deve anche capire che non sta facendo l'anestesia di manodopera in tutti i pazienti che umanizza; e non diminuendo il numero di cesárias con l'aumento del forcipe; molto meno solo predicando l'allattamento al seno è che unico; e sì ristrutturazione educativo i professionisti; su base scientifica. (CASTRO; et al., 2005. p. 966)

Infermieristica è collegato direttamente con l'umanizzazione, contribuirebbe a ciò che hanno autonomia, ma la nascita di centro è più complicato perché ci sono molti ostacoli che impediscono l'umanizzazione è implementato con queste donne, fra loro sono il propri medici per escludere una terapia più naturale, mettendo soprattutto una scienza basata su procedure meccaniche e chimiche.

Gli interventisti sono di una presunta sicurezza, in modo che molti medici, se lo ritengono possessori di conoscenze scientifiche a volte ritengono inutili per fornire le informazioni di donna in gravidanza, come pure per ricevere il consenso Lo stesso.

2.1 il pellegrinaggio delle donne incinte nel ciclo gravid puerperale

Un fattore notevole come violenza istituzionale o ostetrica è domanda di donne per un ospedale che abbracciano al momento della nascita del vostro bambino, questo fatto importante è collegato alla precarietà delle cure sanitarie.

In Brasile il 27 dicembre 2007, 11.634 legge garantisce il diritto delle donne incinte a conoscenza e che collega al reparto maternità dove riceverai l'assistenza necessaria per avere il tuo bambino, tuttavia, la precarietà dell'assistenza a queste donne insieme disuguaglianza relative a posti letto ostetrico non è disponibile, che è evidenziato la mancanza di investimenti nella sanità pubblica nel paese. (RAO et al., 2015)

Il viaggio che queste donne esperienza dal momento in cui si vede senza il bisogno di sentirsi protetti, possono contribuire al futuri problemi legati a loro e anche a suoi concetti, portando il grave rischio della vita, per non ottengono la cura in modo tempestivo, causando mortalità materna infantile tariffe stato aumenta ogni anno.

Qui ci sono alcune dichiarazioni riguardanti:

Proprio quando stavo iniziando i dolori, dolori e crescente è andato in ospedale e mi ha trattato e poi sono andato a un altro, in un'altra città e ho partecipato e sono venuto a questa maternità.

Mi è stato detto di cercare un'altra maternità e non ha avuto luogo per il ricovero (…) è stata una mancanza di rispetto per me, avrei dovuto incontrare e avere un posto e cercare un altro ospedale (…) è stato un caos (…). E non voglio mai passare attraverso quella situazione, che non riuscivo a spot per mancanza di letto. (RAO; et al., 2015. p. 616)

È stato osservato secondo le suddette relazioni, che alcuni fattori erano strumentali in occorrenza di non incontrare queste donne, primo luogo segnalato questo riferendosi alle condizioni strutturali delle unità di salute che non sono disposti a ricevere queste le donne e il secondo si riferisce alla distanza un'unità con letti disponibili per cure specialistiche, minando così la nascita di questi bambini.

La mancanza di rispetto, rifiuto delle cure è incorporata nella vita quotidiana di alcuni professionisti, contribuendo ad una realtà nell'assistenza ostetrica, come mancanza di rispetto, abuso che possa essere osservato in queste donne incinte durante il processo di ricerca di partecipazione.

L'altezza di assurdità era il dottore parlando scortese con me, dandomi una sgridata per questa situazione, e credo che alla fine sono uscito come colpevole, ma poi ho avuto fuori di lì e sono andato con un amico in un altro ospedale, perché non ci sarebbe alcuna attenzione da parte di chiunque. Un disprezzo. (PS36) E ho iniziato a lamentarsi e l'infermiere ha cominciato a reprimere me e insultarmi, dicendo che dovevo fare questo prima, e come dovrei farlo? Un maleducato, irrispettoso verso di me e a nome della mia debolezza, mi sentivo in colpa al momento, più poi ho pensato che erano sbagliate, non me. (PS39) (RAO; et al., 2015. s. 618)

Questi professionisti devono passare attraverso un riflesso del suo atteggiamento, perché l'host di quelle donne non impostare una condotta inaccettabile il codice etico di ciascun professionista.

Dopo tutto, il viaggio queste donne alla ricerca di letti nelle istituzioni di salute in Brasile è diventato un ostacolo caratteristico di scarsa cura durante il periodo prenatale a queste donne in gravidanza, poiché, come la legge n. 11.634, 27 dicembre 2007, ha è dritto dalla donna hanno come principale informazioni quali maternità riceveranno assistenza nel processo di parturitivo, evitando pertanto il pellegrinaggio in preparto e post-partum, evitando complicazioni per entrambi.

3. Condotta che reprime le donne durante il parto

Professionisti della salute in particolare medici e infermieri come tutta la squadra sono responsabili di una dignitosa assistenza ai loro pazienti, che spesso descrivere se stessi in situazioni dove le donne vengono utilizzate come oggetti di studio per medici assistenti per eseguire l'episiotomia con il mondo accademico scopi senza il consenso della vittima, così il vostro corpo. (DINIZ, SALGADO et al., 2015)

Secondo Diniz, salato et al. Studi dimostrano che le donne selezionate per questi tipi di procedure con miglioramento nella tecnica della episiotomia, forcipe e cesárias, dipende molto dal tuo livello sociale, notando che la donna più grande è vulnerabile più umiliante è il trattamento offerto a lei. Ciò che rende qualcosa di spiacevole vedere queste donne hanno la loro dignità mancato di rispetto per il semplice fatto di essere impotente a quel punto o semplicemente vittime della tua ignoranza.

Quindi le donne cui gravidanze senza complicazioni finiscono per essere trascurato da essere sottoposto a intervento inutile e dannoso, causando più danno che benefici la salute della madre e il bambino, esigente una serie di sezioni Cesarean, dotato di una nascita patologica che deve essere trattata e cambiato in un nuovo modello di assistenza. (SANTOS, LEO et al., 2017).

Per quanto riguarda le procedure eseguite sulle donne in puerperio si rende conto che nella maggior parte del tuo male i diritti delle donne, quali la determinazione della posizione, manovre di Kristeller, episiotomia, marito, ocitócicos amministrazione come l'acceleratore Lavoro, interventi con scopo didattico, manovra di Valsalva, vincolo di posizione parto, restrizione dell'alimentazione e idratazione, tutto il potere decisionale questi assegna ai professionisti sanitari, oltre a costituire una forma di violenza fisica madre e bambino.

Durante l'anno 2002, più di 38.000 neonati e 2000 donne sono morti nel paese di complicazioni del ciclo gravid-puerperal e a seguito di aborti. In questo senso, ci sono oltre 500.000 morti materne nel mondo, più di 50 milioni di donne soffrono di malattie o le conseguenze legate alla gravidanza e almeno 1,2 milioni di neonati muoiono per complicazioni durante la gravidanza e puerperio ciclo. L'egemonia della conoscenza della scienza medica, la donna dovrebbe basandosi sui risultati recenti, acquisiti da studi effettuati in zona, supportata da prove scientifiche, essere messa in discussione, affinché ci sia una riformulazione al fine di affrontare la processo fisiologico del parto. (MC; 2007, pag. 453).

Interventi inutili che sono responsabili per il maggior numero di infezioni, che si tradurrà in ulteriori complicazioni che richiedono l'intervento medico. (MC; et al., 2007)

Seguire il grafico che mostra la violenza subita dalle donne (%)

Grafico 1 – violenza subiti. Fonte: (MC; et al. 2007)
Grafico 1 – violenza subiti. Fonte: (MC; et al. 2007)

Prendendo in considerazione la prova citata, non può essere consentito di utilizzare la saggezza medica righello noti fattori di rischio, che sarebbe la preoccupazione per la sicurezza del vostro concetto e che ha recentemente dato vita, come un modo di giustificare la medicalizzazione del naturale processo di di nascita, ignorare qualsiasi possibilità incoerente.

3.1 distinzione violenza ostetrica

Ostetrica violenza non è una cosa facile da essere riconosciuto prima di che la maggior parte delle donne non sanno nemmeno che esiste, in secondo luogo perché la maggior parte dei tubi sono in molti modi, con caratteristiche diverse e molte volte questi le donne vengono a pensare e a considerare gli atteggiamenti di ordinaria e straordinaria di questi professionisti da aspettarselo da loro. Questi atti che interessano il corpo di queste donne, provocando dolore e lesioni anche fisiche (da lieve a intenso grado), senza fondamento scientifico, violenze fisiche caratteristiche. Il comportamento verbale e comportamento che si sviluppano in questi sentimenti di donne di debolezza e di impotenza, sono psicologici.

Quando la condotta di questi professionisti sono condotte a violare la privacy o l'integrità fisica, di toccare le parti intime, istituirà la natura sessuale di questa violenza. Tuttavia, come l'organizzazione dell'istituzione è così difficile o persino andare così lontano da impedire l'accesso di recente madri ai loro diritti legalmente garantiti, sarà la creazione violenza istituzionale.

Di seguito è riportato un report basato sui fatti:

"L'episiotomia è il più comunemente effettuata operazione ostetrica in Occidente. È uno dei modi più drammatici e intensi in cui il territorio del corpo femminile è adatto, l'unica operazione eseguita sul corpo di una donna in buona salute senza il tuo consenso. Rappresenta il potere di Ostetricia: i bambini non possono uscire senza le donne a essere tagliato. Lei evita che le donne esperienza parto come evento sessuale ed è una forma di mutilazione genitale rituale "(DINIZ; 2001. p 42)

In un sondaggio dal titolo "Nato in Brasile: indagine nazionale sul parto e nascita" in cui esso è stato trovato che le donne che sono servite a SUS (sistema unificato di salute) sono più indifese e vulnerais aumentando la probabilità di subire violenza, ostetrica ma non possiamo dire che coloro che sono serviti da rete privata sono liberi siano vittime di violenza. (FAUSTINO; et al 2016).

Quello che succede è che negli ospedali privati, che queste donne incinte non anche ottenere di andare in travaglio, hanno loro ambulatori pianificati seguendo direttamente in sala operatoria, dove sono sottoposti a inutile sezione cesarean elettiva. Alcuni miti in gravidanza stimola queste donne a prendere una decisione sulla questione della scelta del parto, molti di loro già venuto con la decisione, altri sono influenzati dallo staff professionale che li accompagnano durante il periodo prenatale, rendendo le linee guida decisive per scelta, come una falsa indicazione del taglio cesareo, la mancanza di dilatazione, bacino stretto, asciutta consegna, consegna molto tempo, non ha alcuna espansione tra le altre informazioni passati questi incinta le donne.

È stato pubblicato nel 2016 dati National Health Agency (NSA) sulle nascite che si verificano in Brasile, in modo che possiamo concludere che 569.118 sono state eseguite nelle consegne di rete accreditati, tutti i genitori, e 481.571 erano cesarean sezioni corrispondenti 84,6% dei nascite che si sono verificati attraverso medici di alleanze, erano c-sezioni, cioè confrontando l'anno precedente 2014 c'era un calo dell'1% nel tasso di cesárias fatto di piani sanitari. (FAUSTINO; et al 2016)

Vale la pena ricordare che un dibattito sulla società al fine di chiarire qualsiasi donne consapevoli di dubbio, circa le procedure di abusive, che sono solitamente appuntiti a come naturale o normale sulla comprensione di queste donne, che nella maggior parte volte non possiedono la nozione di essere vittime di violenza ostetrico, perché il contesto istituzionale o circostanze che coinvolgono gravidanza lasciano la donna vulnerabile al ricevimento di queste procedure

3.1.1 meccanismo di protezione la vittima della violenza ostetrica

Tutte le madri recenti hanno il diritto di ricevere le informazioni necessarie per la vostra salute e il bambino troppo, circa le procedure di cui sopra e svolte, in linguaggio chiaro e preciso modo rispettoso e comprensibile dove lo stesso può capire cosa sta succedendo nella tua situazione attuale.

Il team multidisciplinare ha il dovere di spiegare lo scopo di ogni intervento o trattamento, così come i rischi o le possibili complicazioni per la madre o il vostro bambino possono avere durante il vostro soggiorno in ospedale, come pure le alternative disponibili per aiutarla. Sì, si baserà su informazioni passate a lei, che queste donne avrà il diritto di rifiutare i trattamenti o procedure nel vostro corpo.

Secondo una ricerca condotta nel 2010 1 tra quattro donne soffrono violenza durante il parto, tra loro ci sono pazienti in situazione di svantaggio economico che sono serviti da ospedali pubblici, Northeastern, con HIV, prostitute, utenti di droga, donne single, ragazze adolescenti, ragazze nere, tra altri stranieri. Tale violenza e mancanza di rispetto sono stati dimostrati attraverso test chiamato "Violenza Obstetric test" cui erano risposto da più di 2000 donne nel 2012. (SILVA et al., 2014).

Basato su informazioni tratte dal Ministero della salute lancia l'umanizzazione nel programma prenatale al fine di garantire i diritti delle donne in gravidanza e puerperio ciclo. Secondo il che le donne devono avere loro nascite senza nessun tipo di induzione, l'evento dovrebbe verificarsi spontaneamente senza alcun intervento meccanico o chimico, dando piena libertà alla donna di muoversi liberamente, di esprimere il loro emozioni senza qualsiasi repressione o irrispettoso. (ADHIKARI; et al 2016).

Inoltre, tutti questi diritti sono garantiti dai diritti dell'uomo:

Pratica la mancanza di rispetto e abusi durante la pré‐natal e parto sono violazioni dei diritti umani fondamentali delle donne. Tutti questi diritti sono basati su strumenti di diritti dell'uomo internazionalmente affermati, tra cui la dichiarazione universale dei diritti umani; Dichiarazione universale sulla bioetica e diritti umani; Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali; Patto internazionale sui diritti civili e politici; Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne; Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne; Rapporto dell'High Commissioner delle Nazioni Unite per i diritti umani per quanto riguarda la prevenzione di mortalità e di morbosità materna e diritti umani; Dichiarazione e piattaforma d'azione della quarta conferenza mondiale sulle donne, Pechino, 1994. (SILVA et al., 2014. p. 721).

Così la donna è sostenuta in ogni modo, esso è fino a lei per cercare i loro diritti quando si sentono lesi in qualche modo. Assiste nei reparti di maternità sono definiti dalle donne come supporto buono o cattivo e azioni correlate, la presenza o l'assenza di professionisti nella maggior parte del tempo e anche la comunicazione che spesso limitata in poche parole, diventando uno del i fattori più significativi per entrambi i pazienti e per le loro famiglie. (AB; OLIVEIRA, 2011)

Secondo la legge del 8.080 1990 costituisce il sistema di salute singolo che porta il principio di universalità e di conformità, evidenziando un importante allegato di 11.108/2005 legge, garantendo il diritto delle donne alla data desiderata, durante il travaglio, parto e dopo il parto. (SHAH; et al., 2016)

In questo senso, è stato modificato per ordinanza n. 2.418/2005 del Ministero della salute:

Art. 1 regolare ai sensi dell'art. 1 della legge n. 11.108, del 7 aprile 2005, la presenza di un accompagnatore per donne in travaglio, nascita e immediato post-partum negli ospedali pubblici e convenzionati con il Sistema Único de Saúde – SUS. (SHAH; CORAGGIOSO, 2016, p 03)

Quindi non è fino a ospedali, eseguire un'interpretazione della legge, ma, basta eseguirlo. Poiché la norma è esplicita nel senso che la donna ha il diritto di data del lavoro in Francia, cioè, la data può e deve guardare qualsiasi tipo di lavoro, perché la legge non fa alcun tipo di specifica, ma il problema continua, non supervisione e punizione anche per coloro che insistono su ho rotto.

4. L'importanza di umanizzare alla nascita

L'umanizzazione del parto trasporta principalmente professionale prestazioni per fisiologia umana, cioè non è intervenuta senza il normale processo di partoriente, riconoscendo come membri e aspetti culturali del parto e la nascita, promuovere la salute, sostegno emotivo per madre e bambino, facilitando i collegamenti tra loro.

Il termine umanizzare, viene utilizzato, nell'assistenza di parto per molti anni e loro concetti di trasmissione in autorità mediche di ostetricia in ambito internazionale, al fine di recuperare la famiglia di nascita e l'evento naturale e unire i benefici di prove scientifiche moderne. (DINIZ.2005)

Il who (World Health Organization) ha deciso di proporre nelle sue linee guida che lo scopo dell'assistenza è quello di raggiungere l'obiettivo principale di una madre e un bambino più sano con il minor intervento che interferiscono nella sicurezza di entrambi, riducendo così la tasso di mortalità neonatale.

Sull'assistenza umanizzato, evitare le procedure inutili e vengano eseguiti interventi la cui efficacia e sicurezza sono stati dimostrati da studi scientifici ben condotti, seguendo i principi di ciò che solitamente chiamiamo" Evidence based medicine ". Obsoleti pratiche come il digiuno, la tricotomia (raschiando) ed enteroclysis (clistere) non devono essere adottate. È necessario attivare e incoraggiare la donna a prendere la posizione che si desidera durante il travaglio. La presenza della scorta deve essere stimolato, 8 che le donne si sentono più sicuri e più confortevole se accompagnati da qualcuno della vostra famiglia o il vostro gruppo di amici. La presenza di un accompagnatore provoca meno dolore per la madre e riduce gli interventi inutili. Stimolare le posizioni non supina per travaglio e parto dovrebbe essere evitato nella posizione di lithotomy posizione convenzionale (popolarmente nota come "pollo arrosto"). Metodi non-farmacologici sono utilizzati per alleviare il dolore e l'analgesia viene eseguita nei casi selezionati, se richiesta la madre. Evitare l'episiotomia sistematica, vale a dire il taglio nel perineo che teoricamente creduto per facilitare la partenza del bambino, ma al giorno d'oggi, se si sa che non è necessario per la routine e può essere dannoso. Immediatamente dopo la nascita il bambino deve essere collocato tra le braccia di sua madre, riscaldato e secchi in grembo, stimolando voi stessi l'allattamento al seno nella prima mezz'ora di vita. Ma in ogni momento dovrebbe prendere in considerazione le caratteristiche e le aspettative di quella madre. (CHANDLER, 2016, p 07)

È essenziale per segnalare che l'umanizzazione dell'assistenza parto, riconoscendo gli aspetti sociali e culturali del parto e nascita, offrendo emozionale di sostegno alle donne e tutta la tua famiglia. Altri aspetti relativi alla libertà delle donne durante l'intero processo del parto, con la preparazione di un piano del parto che è rispettato dagli operatori sanitari per assisterlo; per avere una scorta di vostra scelta; per essere informato su tutte le procedure è sottoposte; e loro rispetto dei diritti di cittadinanza.

Il parto umanizzato ha una vasta gamma di interpretazione in modo che può essere inteso come ciò che è compiuto con meno interventi medici e farmacologici possibili, rispettando il tempo di ogni donna incinta, sempre che si verificano in un luogo fisico e psicologico rispettoso e caldo mantenendo la vostra privacy, essendo informato di tutte le procedure che possono essere eseguite nel vostro corpo. (AGNELLO, 2011)

Quindi, brevemente, all'interno di questa ideologia mira a:

Mostrare i rischi per la salute delle madri e neonati ostetrici pratiche impropriamente interventista, la nascita come evento esistenziale e socio-critici con ripercussioni profonde e ampie personale di soccorso, rivalutare la nascita, umanizzare le posture e la condotta a fronte di travaglio e il parto e incoraggiare le donne ad aumentare la vostro autonomia e il potere decisionale sui loro corpi e loro consegne e combinare conoscenze tecniche e scientifiche sistematizzato e dimostrato le pratiche di assistenza umanizzata Travaglio e il parto. (Agnello, 2011, pag. 21)

Ancora continuando a ciò che è stato citato sopra, l'umanizzazione del parto in tempi moderni, formule che tutte le iniziative hanno criticato il fatto che il Brasile sia il detentore del record del mondo di sezioni Cesarean, è diventato il "modo normale di nascita" o "tipica" consegna nazionale indicando i risultati di questa situazione sia per donne sia per i bambini. (AGNELLO, 2011)

Umanizzare parto è quello di dare diritti alle scelte delle donne, fornendo un servizio mirato alle loro esigenze, dove questa stessa donna venire avere più autonomia sulle loro scelte, che saranno al vostro fianco al momento della consegna, in cui istituzione l'ospedale è il parto e anche quello che è il professionista che sarà presente alla nascita, qualcosa che non accade con le donne incontrati in reti pubbliche, in questo tipo di consegna la presenza di un accompagnatore e la donna incinta ha come linee guida rispetto a posizioni, o per scegliere la posizione più idonea per il periodo espulsiva, facilitando così la nascita di un feto.

4.1 l'importanza del sostegno emotivo alla nascita-doulas

Così come il compagno ha importanza fondamentale nel momento del parto per le donne dove ha una maggiore soddisfazione nel tempo di partorire, attualmente può ottenere l'aiuto di professionisti specializzati, anche chiamato doulas, armonizzano queste donne un sostegno affettivo ed emotivo e integra la rete di sostegno sociale, questi professionisti sono addestrati con le procedure di assistenza e monitoraggio, offrendo sostegno emotivo e fisico e affettivo supporto prima, durante e dopo il parto. (SILVA, 2011).

Secondo Silva (2011); Possiamo dire che competere doulas le seguenti funzioni:

Prima della consegna:

  • Chiarire e informare circa la formazione e lo sviluppo del bambino e il corpo incinto (emendamenti)-il riflesso di queste modifiche relativamente il compagno e l'adattamento nella vita quotidiana;
  • Elimina una sorta di dolore che può portare il nuovo atteggiamento;
  • Risveglio in incinta maggiore consapevolezza del corpo attraverso tecniche di linguaggio del corpo;
  • Eseguire sessioni di massaggi e relax, riflessione, alla ricerca di un momento unico, silenzioso e piacevole con il vostro bambino; 75
  • Insegnare tecniche di respirazione per controllare il dolore, esercizi di stretching e rafforzamento per la parte bassa della schiena, gambe, muscoli della regione pelvica, preparare il corpo per il parto;
  • Affrontando argomenti come: che cosa è dolore, contrazioni, posizioni, dichiarazioni e altre donne incinte circa le loro esperienze e sentimenti sperimentato;
  • Guida nelle decisioni della coppia sulle scelte in relazione al tempo, tipo e posizione di nascita, mostrando i suoi vantaggi e svantaggi, permettendo la coppia una consapevole scelta e responsabile;
  • Spiegare in termini medici, le procedure ospedaliere e possibili interventi.

Durante il parto:

  • Assistere la madre circa le posizioni più comode per il travaglio e il parto, aiutare con misure e tecniche di respirazione per alleviare il dolore, quali docce calde, massaggio tra le contrazioni, tra altre procedure che assistere e facilitare la nascita di un bambino;
  • Protezione la donna che ha i vostri desideri, la tua privacy e i vostri diritti;
  • Seguire la madre fin dall'inizio del lavoro, diminuire la tensione causata da ospedali e dalla presenza di molti sconosciuto al momento della consegna;
  • Nel soggiorno immediato post-parto con la madre, al fine di guidare la prima alimentazione.

Post-partum (puerperio):

  • Offrire supporto in relazione al periodo di allattamento e cura del bambino, bagno, cambiare i pannolini, nutrizione della madre a causa dell'allattamento al seno;
  • Esercizi post-partum, per il recupero del pavimento pelvico; 76
  • Promuovere la tecnica di massaggio in infanti – "Shantala" –, e insegnare i suoi genitori (al fine di aumentare l'intimità dei genitori con il bambino). (SILVA, 2011, p. 74)

Ancora diciamo che doulas viene per assistere le donne che hanno il desiderio per un normale e parto naturale senza intervento medico, sempre alla ricerca di è accanto a donne in gravidanza, per facilitare il lavoro, attraverso tecniche, fornendo un momento di tranquillità e solo per la madre, vivendo il tempo di consegna così sensibile, sempre riducendo la tensione e il nervosismo della donna incinta, dando la possibilità al compagno con un momento così speciale e unico. Questa vicinanza di doulas porta la sicurezza di queste donne, soprattutto psicologiche, perché la fiducia costituisce un legame dove la madre sentirsi a proprio agio che esprimono le loro emozioni.

4.1.1 le linee guida che contribuiscono per l'umanizzazione del parto naturale

La precarietà della madre e del bambino cura della salute del paese, il programma della umanizzazione del sistema sanitario unificato, per il prenatale e della nascita, può essere un'importante pietra miliare, nonostante le difficoltà incontrate nell'implementazione.

Nel tardo XX secolo, aumenta in tutto il mondo un movimento che offre un servizio che si basa sull'evidenza delle esperienze per le donne, la difesa e l'efficienza delle procedure in tutte le specialità mediche. In caso di gravidanza e parto cura, questa preoccupazione è ancor più essenziale in quanto, a differenza di altre specialità, queste pratiche potranno interferire su donne e bambini apparentemente sani e un processo di consegna apparentemente normale. (DINIZ, 2001)

L'organizzazione mondiale della sanità (chi, 1997) ha sviluppato una classificazione delle pratiche comuni nello svolgimento del parto normale, guida per che cosa deve e cosa non dovrebbe essere fatto nel processo di parto. Questa classificazione è stata basata su prove scientifiche ha conclusa attraverso ricerche fatte nel mondo. Vediamo: (SILVA.2011)

I) condotta che sono chiaramente utili e dovrebbero essere incoraggiati:
1. consegna al piano deve determinare dove e da chi la consegna avverrà e deve essere elaborata durante la gravidanza dalla moglie e marito/partner.
2. i fattori di rischio di gravidanza dovrebbero essere valutati lungo la stessa e deve essere rivalutati fino al momento della consegna.
3. il benessere fisico ed emotivo delle donne durante il travaglio e il parto deve essere monitorato.
4. il liquido dovrebbe essere fornito verbalmente alla donna durante il travaglio e il parto.
5. tutte le informazioni devono essere fornite sulle possibili scelte di manodopera locale e devono rispettare la decisione finale adottata dalla donna.
6. ostetrica sostegno alla periferia della località di consegna scelto (…)

B) conduce chiaramente dannosi o inefficaci e devono essere eliminati:
1. Dispongono di routine il clistere/colica.
2. Routine di dispongono la tricotomia (raschiatura dei peli pubici).
3. Infusione endovenosa sistematica in travaglio.
4. Inserimento cannula endovenoso profilattica routine.
5. Uso di routine della posizione supina (sdraiato) durante il travaglio.
6. Esame rettale.
7. Uso di pelvimetria raggi x (misurazione del diametro del bacino/pelvi).
8. Amministrazione di pitocin in qualsiasi momento prima della consegna, affinché il vostro scopo può essere controllato.
9. Uso di routine della posizione litotomica con o senza staffe durante il travaglio e il parto.
10. Sforzi eccessivi di espulsione durante la consegna (…)

C) condotti utilizzati con prove sufficienti a sostenere la raccomandazione chiaro e devono essere usati con cautela fino al completamento di ulteriori studi:
1. metodo non farmacologica del dolore durante il travaglio, come l'uso di erbe, immersione in acqua e la stimolazione nervosa.
2. routine dispongono amniotomy rottura esso (chirurgica rottura delle membrane fetali = "borsa d'acque") durante l'inizio del lavoro.
3. pressione sulla parte inferiore dell'utero durante il travaglio e il parto.
4. protezione relative manovre del perineo e il polo cefalico al momento della consegna.
5. attiva manipolazione del feto al momento della nascita.
6. Uso di ossitocina, trazione controllata del cavo o combinazione di entrambi svuotamento uterino (…)

D) tubi spesso utilizzati in modo inappropriato:
1. Limitazione di cibo e liquidi durante il travaglio.
2. Gestione del dolore per agenti sistemici.
3. Controllo tramite epidurale anestesia del dolore.
4. Monitoraggio elettronico del feto. (…) (SILVA.2011, p77 sedili)

Il suddetto programma introduce condizioni di autonomia e il riconoscimento dei diritti umani, sulla base degli orientamenti dell'organizzazione mondiale della sanità (OMS). Di conseguenza, le trasformazioni sono resistori, pratiche assistenza sostenuta mantiene e vengono eliminati, l'idea che contraddice l'etica che dovrebbe sostenerla.

Così è stato osservato che alcune di queste pratiche che sono state adottate nel modello di attenzione, come nel caso di data di scelta di una donna, già nel gruppo B sono più comuni nei reparti di maternità come per esempio la raschiatura, lavatrice e digiuno e nel gruppo D, l'alto tasso di Cesarean ed episiotomia. Presto siamo in grado di dirlo, prevenire le morti considerati prevenibili e salute materna è uno degli importi di principale interesse nazionale in relazione alla garanzia dei diritti delle donne nel campo della salute.

Considerazioni finali

Attraverso questa recensione integrativa ha concluso che la violenza è ancora prevalente in unità sanitarie ostetrico in tutto il paese oltre il periodo parturitivo, svalutando la donna come il personaggio principale nel ciclo gravid puerperale. In questo modo, la ricerca porta come estremamente importante ridurre al minimo le pratiche che nuocere alla salute della donna e il bambino trasportato da operatori sanitari attraverso orientamenti strategici per l'attuazione delle politiche pubbliche e programmi assistenza integrale legata alla nazionale.

Assistenza alla donna nel periodo gravid in Brasile è ancora puerperal focalizzata sul modello medico, che ha collaborato per la continuazione e l'aumento del numero di procedure invasive e interventista durante il periodo di lavoro, spesso inutilmente e senza la partecipazione delle donne e della vostra famiglia, risultante in un'assistenza negativo in elevati tassi di morbilità e mortalità materna e perinatale, che ancora si verifica nei reparti di maternità.

Noi affermiamo che la violenza ostetrica è caratterizzata da casi di negligenza medica, violenza fisica, verbale e sessuale, così come le procedure mediche considerate inutili o dannose, senza la consenso della madre, con l'obiettivo di provocare il parto chirurgico inutile.

Essere necessario è un cambiamento di paradigma, al fine di garantire le cure necessarie per un servizio degno di queste donne. Questo cambiamento, tuttavia, nonostante gli sforzi di chi, il Ministero della salute e delle organizzazioni internazionali, non è ancora avvenuto nelle istituzioni più brasiliane che fare assistenza a donne in gravidanza in travaglio, non appena vengono scelti esigenze dei professionisti, piuttosto che i bisogni dei pazienti.

Riferimenti

ANDRADE, Cera de Oliveira Nascimento; SILVA, Jessica Qiu Pereira; DINIZ, Cinthia Malik Boy; PASSEGGIATE, Costa Maria de Fatima. Fattori associati con violenza sull'assistenza ostetrica al parto vaginale in un reparto di maternità di elevata complessità in Recife, Pernambuco. p. 9 salute Virtual Library, Londra; 2016. Disponibile a: http://www.scielo.br/pdf/rbsmi/v16n1/1519-3829-rbsmi-16-01-0029.pdf. Accesso a: 6 febbraio 2017

ANDRADE, P Briena; AGGIO, Cristiane de Melo. Ostetrica violenza: il dolore. 7 p. Atti del III Simposio su sesso e politica pubblica, Londra; 2014. Disponibile a: http://www.uel.br/eventos/gpp/pages/arquivos/GT3_Briena%20Padilha%20Andrade.pdf. Accesso a: 06 Feb. 2017.

Aguiar, Cristina; OLIVEIRA, Luca Ana Flávia Pires. Violenza istituzionale nei reparti di maternità pubbliche dal punto di vista degli utenti. 13 p. salute e formazione comunicazione, São Paulo; 2011. Disponibile a: http://www.scielosp.org/pdf/icse/v15n36/aop4010.pdf. Accesso su 06 Feb. 2017.

CASTRO, Jamile; CLAPIS, Maria José. Parto umanizzato sulla percezione delle ostetriche infermiere coinvolte con l'assistenza di parto. 8 p. Gazzetta-am in infermieristica, Fortezza; 2005. Disponibile a: http://www.scielo.br/pdf/rlae/v13n6/v13n6a07.pdf. Letta il 29 di agosto. 2017

Cordero, Lívia Maria de Araújo. Parto in Brasile: presupposto per un'assistenza umanizzato per gestanti e del nascituro. File di p. 12-CRM-PR, Paraná; 2015. Disponibile a: http://www.crmpr.org.br/publicacoes/cientificas/index.php/arquivos/article/view/761/745. 28 accesso al Set del 2017.

Carneiro, Rosamaria Giatti. Scene del lavoro e politiche del corpo: un'etnografia delle pratiche di parto umanizzato femminile. 2011. 341 f. Tesi di laurea (dottorato in scienze sociali)-State University a Campinas, São Paulo, 2011. Disponibile a: http://repositorio.unicamp.br/bitstream/REPOSIP/280585/1/Carneiro_RosamariaGiatti_D.pdf. 28 accesso al Set del 2017.

Simone Grilo DINIZ; SALGADO, Heloisa de Oliveira; ANDREZZO, Alan renderebbe Ab; CARVALHO, Paulo G Cardin; CARVALHO, Priscilla Chan Albuquerque; AARON, Claudia Azevedo; NIY, Denise Yoshie. Ostetrica violenza come un problema di salute pubblica in Brasile. il giornale brasiliano p. 8 della crescita e dello sviluppo umano, São Paulo, 2015, n. 01, 08. Disponibile a: http://pepsic.bvsalud.org/pdf/rbcdh/v25n3/pt_19.pdf. Accesso su 06 Feb. 2017.

DINIZ, Carmen Simone. Tra la tecnica e i diritti umani: possibilità e limiti di una umanizzazione dell'assistenza parto: uno studio qualitativo. 2001. 264 f. Tesi di laurea (dottorato in medicina) – Faculdade de Medicina, Universidade Federal de São Paulo, São Paulo, 2001. Disponibile: http://ses.sp.bvs.br/lis/resource/16950#.Wb2VplXR_IU. 16 accesso impostare. 2017.

DINIZ, Carmen Simone Grillo. Umanizzazione della fornitura di assistenza in Brasile: i molti significati di un movimento. 7. p. Cienc. Sanità pubblica, Rio de Janeiro, 2005, n. 01.07. Disponibile a: http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1413-81232005000300019 letta il 28 di settembre 2017.

FAUSTINO, Hélia Ribeiro; GIUGIU, Roderlei Nabig. Ostetrica violenza. 13 p. Latina sto allattando magazine, Brasília; 2016, n. obbligatoriamente 01.13. Disponibile a: http://periodicos.ufc.br/index.php/rene/article/view/1121/1079. 16 accesso impostare. 2017.

MOURA, Fernanda Maria de Jesus s. Patil; CRISOSTOMO, Rebekah Delgado; NERY, Agnes Sa. La cura di umanizzazione e professione d'infermiera al parto naturale. 4. p. giornale brasiliano di professione d'infermiera REBEN, Teresina, anno 2007, n 01.04. Disponibile a: http://www.scielo.br/pdf/reben/v60n4/a18.pdf. 09 impostare l'accesso. 2017

Rodrigues, Diego Pereira; Alves, Valdecir Lauren; PENNA, Lucia Helena Garcia; PARKER, Audrey Vidal; Bianco, Maria Bertilla Lutterbach Riker; SILVA, Luana asturiano; Il pellegrinaggio nel periodo riproduttivo: una violenza in campo ostetrico. p. 7 Biblioteca virtuale salute, Rio de Janeiro, l'anno 2015, no 01, 07. Disponibile a: http://www.scielo.br/pdf/ean/v19n4/1414-8145-ean-19-04-0614.pdf. 29 accesso di agost. 2017

SILVIA, Michelle Gee; Michelle Marcellino di carriera; RAO, Livia Shélida Pinheiro; TORO, Rosario Carcaman; SHIMO, Antoinette Keiko Kakuda. Ostetrica violenza in considerazione infermiere ostetriche. Giornale dell'anno per rete, São Paulo, a nord-est di professione d'infermiera 2014, n. 820, 828. Disponibile a: http://periodicos.ufc.br/index.php/rene/article/view/1121/1079. Accesso su 06 Feb. 2017.

SANTOS, Andressa Heringer Lohan; LEO, Marina Caldas; PEREIRA Adriana legno de Figueiredo; OLIVEIRA, Tamara Cristina da Matta; PROGIANTI, Jane Marcia. Pratiche di cura di consegna normale: formazione in residenza. p. 9 salute Virtual Library, Londra; 2017. Disponibile a: http://www.revista.ufpe.br/revistaenfermagem/index.php/revista/article/view/9963/pdf_2080. Accesso a: 06 Feb. 2017.

SANTOS, Ana Maria Ribeiro; Smith, Julia de Cássia Nunes; NOGUEIRA; Luciana Ferreira; AGUILAR; Moschea; Gerardo Valdez; LEALE; Dos di Clara Francisca Santos. Violenza istituzionale; Esperienze nella vita quotidiana del personale infermieristico. Giornale brasiliano p. 7 di professione d'infermiera REBEN, Teresina; 2010. Disponibile in; http://www.scielo.br/pdf/Reben/v64n1/v64n1a13.pdf. Accesso a; 29 di agosto. 2017.

SHARMA, Agnnes Caroline Adams; CORAGGIOSO, Marcio Bruno Barra. Ostetrica violenza: una sfida per la psicologia. 11p. Humanea e questioni controverse del mondo contemporaneo, Betlemme; 2016. Disponibile a: http://www.humanae.esuda.com.br/index.php/humanae/article/view/521. Accesso a: 17 set di 2017

SILVA, Ana Carolina de Sousa. Esperienze della maternità: aspettative e soddisfazione delle madri durante il parto. 2010. 188f. Tesi di laurea (Master of Arts in psicologia)-facoltà di psicologia e Scienze dell'educazione, Università di Coimbra, in Portogallo, 2011. Disponibile a: https://estudogeral.sib.uc.pt/handle/10316/18015?mode=full. Accesso a: 29 creata al 2017.

TAMIL, Neuma Roger Zamariano; PARKER, Sara Ramirez. Esperienze di ospedale-parto delle donne dalla periferia del Cuibá-MT. Rivista brasiliana e infermieristica, Mato Grosso, anno 2006, n. 740, 744.  Disponibile a: http://www.scielo.br/pdf/reben/v59n6/a04.pdf. Accesso a: 06 Feb. 2017.

[1] Assistenza infermieristica-facoltà di Scienze e tecnologia di Anhanguera Brasilia

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here