REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Rinite Gestazionale

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post

CONTEÚDO

LOSS, Thais Baratela [1]

FERIA, Mariana Bastos [2]

ESPÓSITO, Mário Pinheiro [3]

LOSS, Thais Baratela; FERIA, Mariana Bastos; ESPÓSITO, Mário Pinheiro. rinite gestazionale. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione speciale della Salute. Anno 02, Vol. 04. pp 114-122, novembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

I cambiamenti nella fisiologia della mucosa nasale sono relativamente comuni in gravidanza. rinite gestazionale è una condizione relativamente comune e raramente discusso nella letteratura nazionale che ha guadagnato importanza negli ultimi anni ed è una rinite definita come "la congestione nasale della durata di sei settimane o più durante la gravidanza, in assenza di via di infezione delle vie aeree superiori e fenomeni allergici, con totale scomparsa dei sintomi fino alla seconda settimana dopo il parto ". L'orientamento terapeutico di base inizia con il controllo ambientale e di altre forme di intervento terapeutico sono in fase di studio al fine di essere sicuri ed efficaci opzioni di affrontare i sintomi.

Parole chiave: rinite, Gravidanza, Ostruzione nasale, cause, Indicare la via.

1. INTRODUZIONE

Cambiamenti nella fisiologia della mucosa nasale sono relativamente comune in gravidanza; preesistente rinite allergica e l'asma, può migliorare, peggiorare o rimanere invariati durante la gravidanza (1,4).

La gravidanza può cambiare variamente la storia naturale delle manifestazioni allergiche, attraverso i cambiamenti: ormonale, vascolare e immunologico (2.5).

rinite gestazionale è una condizione relativamente comune e poco discusso nella letteratura nazionale che ha guadagnato importanza negli ultimi anni, soprattutto dalla scoperta della sua associazione con il russare e l'apnea ostruttiva del sonno (OSA) in gravidanza e, indirettamente, con preeclampsia (3).

Le prime opere che riguardano il sintomo di ostruzione nasale con ormoni femminili sono emerse alla fine del XIX1 secolo, tuttavia, fu solo nel 1943 che Mohun ha presentato una serie di casi di soggetto che sarebbe stato il precursore della rinite gestazionale, definendolo "rinite vasomotoria gravidanza "- sintomi nasali compaiono dal terzo al settimo mese di gravidanza e di solito si normalizzano entro dieci giorni dalla consegna (1).

Estrogeni e l'ormone della crescita placentare sono coinvolti nell'origine dei sintomi, la gravità essendo direttamente correlata alla concentrazione di questi ormoni nel sangue. In questa fase si osserva una diminuzione della permeabilità del naso con la mucosa nasale iperemica, edematosa e congestionata. Oltre a ostruzione nasale, da vasodilatazione promosso da cambiamenti ormonali e volume del sangue evidenziato in questo periodo, spesso si verificano anche episodi di epistassi (sangue dal naso) (1,3,4,5,7).

Alcuni studi stima in relazione alle complicanze più comuni che le donne in gravidanza con rinite hanno circa sei volte più probabilità di andare a sviluppare quadri di rinosinusite e 1/3 di essi possono avere attacchi di asma associati (6,7).

L'orientamento terapeutico di base inizia con il controllo ambientale (3,5, 0,6), molte altre forme di intervento terapeutico sono oggetto di indagine al fine di essere sicuri ed efficaci opzioni di affrontare i sintomi.

2. RINITE GESTAZIONALE

L'insorgenza di sintomi nasali in donne in gravidanza con sintomi di rinite precedenti è un rinite impostato su "congestione nasale durata di sei settimane o più durante la gravidanza in assenza di infezione delle vie aeree superiori e fenomeni allergici, con completa scomparsa dei sintomi e la seconda settimana dopo il parto. " Si stima che fino al 70 al 90% delle donne a sviluppare rinite, soprattutto durante il terzo trimestre (7).

rinite gestazionale è caratterizzato dal fatto che un frame della durata di ostruzione nasale – il setto remota, tumore, cause allergiche e infettive – che inizia in qualsiasi fase della gravidanza, scomparve in circa due settimane dopo la nascita (6). Esso è accompagnato da intenso prurito nasale, rinorrea acquosa, a volte abbondanti e possono coesistere bene, prurito oculare, e faringea cuffia (1).

rinite vasomotoria presente in gravidanza può causare grave congestione nasale e compromettere la qualità della madre della vita, che si verificano in oltre il 20% delle gravidanze. Le presentazioni più comuni sono: rinite allergica, rinite

vasomotoria, rinite droga e rinosinusite batterica. Un terzo delle donne con rinite peggiorare con la gravidanza. Rinite diminuisce notevolmente la qualità della vita delle donne in gravidanza, è un fattore di rischio per l'asma associato, ed è anche una condizione predisponente per la nascita di sinusite; trattamento della rinite deve quindi essere ottimizzato durante la gravidanza (5).

2.1Sinais e sintomi

esame fisico mostra, in generale, turbinati nasali gonfie, umido, mucosa nasale pallido, gonfio con la presenza di secrezione ialina. È un disturbo aspecifico senza causa evidente processi allergici o infettivi, ma piuttosto da una modifica del sistema nervoso autonomo con un'azione preponderante di fibre parasimpatiche nei vasi sanguigni della mucosa nasale (1).

La diagnosi clinica può essere sospettata solo peggioramento dei sintomi di ostruzione nasale (non presente in precedenza) in pazienti in gravidanza e che non è secondaria ad altre condizioni – la diagnosi differenziale comprende sinusite, rinite allergica stessa, rinite medicamentosa, infezione acuta o subacuta vie aeree superiori e gravidanza granuloma (3).

2.2 componenti ormonali

Gli effetti di azione ormonica sulla funzione morfologia e nasale sono stati oggetto di numerosi studi nazionali ed internazionali (1,4,5,7).

Durante la gestazione l'influenza ormonale sulla epitelio respiratorio nasale diventa ancora più pronunciato, con possibile deterioramento dei sintomi della rinite allergica pre-esistente (7).

Durante la gravidanza, ci sono diversi disturbi ormonali e del sangue che possono influenzare la congestione nasale. Progesterone rilassa muscolo liscio dei vasi sanguigni nasale portando il volume e aumenta l'acido hialurômico componente estrogeni e inibisce acetilcolinesterasi causando dominanza parasimpatico sottomucosa nasale SNA, provocando gonfiore della mucosa nasale (5).

Estrogeni e la crescita placentare ormone sono coinvolti nella origine dei sintomi; diminuzione osservata permeabilità delle cavità nasali e, mediante prove specifiche (rinomanometria anterior rinomanometria clearance mucociliare), significativamente ridotta pervietà nasale, correlando curve elevazione ormone con sintomi ostruttivi nasali fastidiosi. Il componente ormone può influire vasodilatazione: la mucosa dei turbinati nasali presenta iperemica, edematosa e congestionata. Gli effetti di azione ormonica sulla funzione morfologia e nasale è stato oggetto di numerosi studi nazionali ed internazionali (6).

Si presume che l'ormone trophoblastic placentare per stimolare l'ipertrofia della mucosa nasale durante la gravidanza. Inoltre, gli estrogeni possono contribuire a questo effetto aumentando il recettore dell'istamina sulle cellule epiteliali e microcircolo. Progesterone, inoltre, può giocare un ruolo nella ottimizzazione del naso vasodilatazione locale aumentando il volume di sangue circolante che si verifica fisiologicamente in gravidanza (3).

2.3 Trattamento Linee guida e

Il trattamento della rinite in gravidanza è il controllo ambientale rigorosa, evitando l'esposizione ad agenti specifici come acari della polvere, muffe, pollini, e scarafaggi animali domestici e altri antigeni; e nasal5,6 mucose irritanti. Abuso di decongestionanti nasali topici deve essere sempre scoraggiato, in quanto può essere complicato dalla comparsa di rinite di droga; Idealmente, il farmaco non è utilizzata nel primo trimestre, quando il rischio di anomalie fetali è superiore (5).

Sebbene ci dovrebbe essere un dialogo con il paziente ostetrico, corretto uso di corticosteroidi, intranasale particolarmente attuale, scarso assorbimento sembra essere un metodo sicuro di trattamento. Può anche essere utilizzato antistaminici, cromoglicato di sodio e decongestionanti sistemici, quali pseudoefedrina per brevi periodi a causa di possibili effetti sulla placentária5 vascolare.

In letteratura, Caparroz et al. (2016) (3) in relazione al trattamento, si sottolinea che la maggior parte degli studi mostrano un consenso sull'importanza di misure di istruzione come prima scelta e un adiuvante per la gestione della rinite gestazionale, soprattutto perché i sintomi risolvono spontaneamente dopo la consegna. Con la guida all'inizio della gravidanza, i pazienti tendono a ricorrere meno agli argomenti decongestionanti e avranno probabilità minore di sviluppare farmaci rinite associata.

Il meccanismo di azione di corticosteroidi, spesso indicato come trattamento (9) è associato con effetti anti-infiammatori sulla mucosa nasale controllando la sintesi proteica. Esso agisce inibendo l'infiltrazione locale dei mastociti, eosinofili, linfociti e la produzione e il rilascio di citochine, riducono la permeabilità vascolare, secrezione di muco delle ghiandole e la produzione di prostaglandine e leucotrieni (10).

I principali corticosteroidi topici sono beclometasone, tirancinolona, ​​budesonide, mometasone, ciclesonide e fluticasone; il vantaggio di applicazione topica è meno probabile che si verifichi effetto sistemico, tuttavia, le conseguenze possono essere controllati a seconda della formulazione e della dose del farmaco (9).

corticosteroidi intranasali da coprire quando non in grado di controllare la rinite con antistaminici e / o decongestionanti; si consiglia di beclometasone e budesonide, nella maggior esperienza clinica precedente. Recentemente, fluticasone dimostrato di essere sicuro ed efficace nel trattamento della rinite vasomotoria gestazionale (4).

L'intranasale corticosteroide topico come beclometasone può essere usato in dosi usuali senza effetti negativi significativi (1).

Geller, nel 2003, si consideri il fatto che l'ideale non è per uso di droghe nel primo trimestre, quando il rischio di anomalie fetali è più alto – circa l'1% e il 5% di queste anomalie sono causate da farmaci. Le categorie di rischio previste dalla FDA per il trattamento della rinite durante la gravidanza sono elencati nelle tabelle seguenti (4):

A differenza di terapia farmacologica, immunoterapia mira a cambiare il sistema immunitario; le vie di somministrazione sublinguale, sottocutanea e intranasale (10).

L'immunoterapia, se già iniziato, può essere mantenuta, tuttavia, si raccomanda che non deve essere iniziata durante la gravidanza. Tuttavia, il mantenimento di questo dovrebbe essere fatto con cautela, poiché non v'è beneficio per la madre e, in assenza di reazioni sistemiche (1).

Questo approccio non aumenta il rischio di complicanze perinatali, anche se le reazioni anafilattiche post-immunoterapia sono potenzialmente pericolosi per la madre-feto. Le dosi di immunoterapia manutenzione possono essere mantenute o ridotti in gravidanza. L'aumento progressivo delle dosi e concentrazioni quando realmente necessario dovrebbe essere cauto (4).

3. DISCUSSIONE

La diagnosi di rinite durante la gravidanza è di grande importanza, evitare di aggravare l'rinite non trattata, attacchi di asma e infezioni secondarie OPCOM dei seni e delle vie respiratorie superiori.

Il ruolo degli ormoni in queste condizioni è stato suggerito da molti studi, ma la conoscenza della patogenesi della gravidanza rinite è ancora scarsa.

La gestione della rinite durante la gravidanza richiede un intervento minimo con la massima sollievo sintomatico possibile. Considerando l'impatto sulla qualità della donna incinta della vita, sia lo specialista ORL e l'ostetrico dovrebbero essere attenti per la diagnosi precoce e la gestione di questa entità, considerando il profilo di sicurezza e il livello di prove delle misure e dei farmaci attualmente disponibili.

RIFERIMENTI

1 – Roithmann R;. RODRIGUES M.S.; CANELLA P.L.A. "Rinite in gravidanza." Disponibile in: http://www.moreirajr.com.br/revistas.asp?fase=r003&id_materia=875. Accessed: maggio 2017.

2 – Mabru R.L. "Rinite di gravidanza". Sud Med. 1986; 79: 965-71.

3 – – Caparroz F.A;. GREGORY L.L.; BONGIOVANNI G.; IZZU S.C..; M. Kosugi "Rinite durante la gravidanza -. Revisione della letteratura" Braz. j. Otorhinolaryngol. Il 2016. Gennaio / febbraio; 82 (1).

4 – GELLER M. "Comportamento allergologico in gravidanza." Rev. reggiseni. Alle. imunopatol. 2003; 26 (3): 79-88.

5 – CONSENSUS nella rinite – Disponibile in: http://www.aborlccf.org.br/consensos/Consenso_sobre_Rinite-SP-2014-08.pdf. Accessed: maggio 2017.

6 – REIS J.S. "Rinite gestazionale. Diagnosi e trattamento. Un'esperienza importante da segnalare. " Rev AMF. 2010. Lug / Ago; 8 (43): 10-3.

7 – Balbani A.P.S; Mello JR J. F.; MARONE S.A.M.; Butugan "influenza ormonale sulla fisiopatologia della rinite.     Disponibile in: http://www.asbai.org.br/revistas/Vol234/inf.htm. Accessed: maggio 2017.

8 – MION O. "Rinite -. Come diagnosticare e trattare" Brazilian Journal of Medicine. 2013. Aprile / Maggio; 70 (5): 154-63.

9 – Abrahao M; Deboni M; GREGGIO B. "Rinite – come diagnosticare e trattare." Disponibile in: http://www.moreirajr.com.br/materia=5586. Accessed: maggio 2017.

10 – E. Ellegard "rinite gravidanza." Immunol Allergy Clin N Am. 2006; 26: 119- 35.

[1] Medical da Integrated College di Aparicio Carvalho e R2 ORL ORL Ospedale a Cuiabá.

[2] Medical Faculty Atene Paracatu / MG e R3 ORL ORL Ospedale a Cuiaba.

[3] . Coordinatore del Medical Residence in Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico ORL Ospedale di Cuiabá / MT.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 12421
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?