Casi di ipertensione nello stato di Amapá tra il 2006 e il 2012

0
14
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

FEIO, Stefanie Cecilia Passinho [1], FECURY, Amanda Alves [2], OLIVEIRA, Euzébio [3], DENDASCK, Carla Viana [4], DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [5]

FEIO, Stefanie Cecilia Passinho. Et. Casi di ipertensione nello Stato di Amapá tra il 2006 e il 2012. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 04, Vol. 04, pp. 105-115. nell’aprile 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/casi-di-ipertensione

L’ipertensione arteriosa è l’insolita elevazione della pressione che il sangue porta sulle pareti dei vasi sanguigni di un individuo. L’aumento della pressione sanguigna si verifica silenziosamente in modo che i sintomi potrebbero non essere avvertiti all’inizio. Il trattamento dell’ipertensione può essere fatto attraverso farmaci farmaceutici o attraverso semplici azioni come cambiare le abitudini quotidiane in abitudini più sane. L’obiettivo di questa ricerca è mostrare il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá tra il 2006 e il 2012. La ricerca è stata condotta nella banca dati DATASUS (http://datasus.saude.gov.br/). Il numero di casi di ipertensione ad Amapá nel periodo 2006-2012 varia notevolmente tra gli anni che si verificano di più nella capitale dello Stato; nelle donne è più alto che negli uomini; nella fascia d’età da 50 a 69 anni è superiore al numero di casi di altre età; e la maggior parte dei casi non ha alcuna influenza di sovrappeso, stile di vita sedentario o fumo.  In Amapá i casi di ipertensione persistono a causa della mancanza di aderenza al trattamento o di un trattamento errato, causato dalla mancanza di informazioni sulla gravità della pressione alterata per la salute. Le donne hanno una maggiore assistenza sanitaria personale e un maggiore mantenimento del trattamento dopo la diagnosi. Le malattie croniche non trasmissibili offrono un rischio più elevato alla popolazione con una fascia d’età più ampia. La causa efficace dei casi di ipertensione in Amapá sembra essere il fattore genetico e lo stress, soppiantando fattori come il sovrappeso e lo stile di vita sedentario. La riduzione della scolarizzazione porta all’insicurezza sul lavoro, all’aumento dello stress e all’alterazione della pressione sanguigna. Il fumo non è il fattore principale perché la sua riduzione nazionale è stata ottenuta con campagne educative dei giovani. Sfortunatamente, i casi di difficoltà nell’accesso alla salute, alla diagnosi e al trattamento dei pazienti ipertesi rimangono reali all’interno dello stato.

Parole chiave: Ipertensione, Amapá, epidemiologia.

INTRODUZIONE

L’ipertensione arteriosa è l’insolita elevazione della pressione che il sangue porta sulle pareti dei vasi sanguigni di un individuo. Lo standard considerato normale è di 120/80 mmHg. Valori superiori o molto inferiori a questi sono considerati anormali (Micheli e Bitarello, 2008).

Può essere causato da fattori ereditari, quando il gene della malattia viene passato da genitore a figlio, o da fattori di rischio come fumo, sovrappeso, stile di vita sedentario, sesso, fascia d’età e alcolismo (Zaitune et al., 2006).

L’aumento della pressione sanguigna si verifica silenziosamente in modo che i sintomi potrebbero non essere avvertiti all’inizio. In molti casi in cui l’ipertensione è già in stadi più avanzati, i sintomi possono eventualmente essere percepiti (Monteiro et al., 2005).

Esistono due tipi di ipertensione: primaria (essenziale) e secondaria (non essenziale). Nel tipo primario, l’elevazione della pressione ha cause sconosciute. Questo è il tipo più comune tra i pazienti. Il tipo secondario di ipertensione di solito ha una causa identificabile. È causato da fattori temporanei come la gravidanza, l’uso continuato di farmaci o da fattori cronici come le malattie renali che causano l’aumento della pressione del paziente. Questo tipo corrisponde alla minoranza di casi (Fonseca et al., 2009).

Il trattamento dell’ipertensione può essere fatto attraverso farmaci farmaceutici o attraverso semplici azioni come cambiare le abitudini quotidiane in abitudini più sane. Il trattamento con farmaci è indicato quando i casi possono già colpire l’individuo in modi dannosi o quando l’aumento della pressione è causato da altre malattie più gravi. Nei casi in cui l’ipertensione non è ancora grave o per la prevenzione si raccomanda l’uso di farmaci naturali, la pratica di esercizi fisici e la cura dei fattori di rischio considerati (Zaitune et al., 2006).

I dati dell’indagine sanitaria nazionale IBGE condotta nel 2013 hanno mostrato che 1/5 della popolazione brasiliana, 31,3 milioni di persone, era ipertensiva. Nello stesso anno, i dati hanno mostrato che l’ipertensione nella regione meridionale del paese ha colpito il 22,9% della popolazione. Nel sud-est c’erano il 23,3% dei casi; nel Midwest 21,1%; a nord-est 19,4%; e al nord 14,5%. Lo stato di Amapá, nel 2013, aveva il 13,3% della popolazione con ipertensione (Andrade et al., 2015).

OBIETTIVI

Analizzare la percentuale di casi di ipertensione nello stato di Amapá tra il 2006 e il 2012.

METODO

La ricerca è stata condotta nella banca dati DATASUS (http://datasus.saude.gov.br/). I dati nazionali sono stati raccolti secondo i seguenti passaggi: A) È stato effettuato l’accesso al link datasus.gov.br, cliccato sulla scheda “accesso alle informazioni”, è stato cliccato il “Sistema informativo (Tabnet)”, cliccato su “Epidemiologico e Morbilità”. Nella pagina aperta c’era “Ipertensione e diabete”. Nell’altra pagina si seleziona l’opzione “Hiperdia” e nella casella “copertura geografica” abbiamo scelto lo stato di Amapá. Per ogni stato sono stati seguiti i passaggi: nella riga è stato selezionato “Anno” nella colonna “non attivo”. e nel contenuto, “Ipertensione”; “Sesso”; “Etaria Track”; “Sovrappeso”; “Stile di vita sedentario”; “Fumare”; e “Regione Metropolitana”. Per tutte le opzioni del campo riga precedente, il campo “non attivo” è stato utilizzato nella colonna, nel contenuto leggermente “Ipertensione” e nel campo sono stati raccolti i dati “periodi disponibili” tra il 2006 e il 2012. I dati sono stati compilati all’interno dell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office. La ricerca bibliografica è stata condotta in articoli scientifici, utilizzando computer del laboratorio informatico dell’Istituto Federale di Educazione, Scienza e Tecnologia di Amapá, Macapá Campus, situato a: Rodovia BR 210 KM 3, s/n – Bairro Brasil Novo. CEP: 68.909-398, Macapá, Amapá, Brasil.

RISULTATI

La figura 1 mostra la percentuale di casi di ipertensione ad Amapá dal 2006 al 2012. I dati mostrano che il numero di casi oscilla molto e il suo picco è stato nel 2009, dove il numero di casi è aumentato del 15% rispetto all’anno precedente.

Figura 1 Percentuale di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012.

La figura 2 mostra la percentuale di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per genere. I dati mostrano che il numero di casi nelle donne, nel cômpito generale è del 61%, e degli uomini del 39%.

Figura 2 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per genere.

La figura 3 mostra il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per fascia d’età. I dati mostrano che il numero di casi in persone di età compresa tra 50 e 69 anni è superiore al numero di casi in altre età.

Figura 3 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá nel periodo 2006-2012 per fascia d’età.

La figura 4 mostra il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per sovrappeso. I dati mostrano che i casi di ipertensione causati dal sovrappeso sono circa il 50% inferiori rispetto ai casi di ipertensione non causati dal sovrappeso.

Figura 4 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per sovrappeso.

La figura 5 mostra il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per stile di vita sedentario. I dati mostrano che i casi di ipertensione causati dallo stile di vita sedentario corrispondono a circa il 50% dei casi di ipertensione non causati da uno stile di vita sedentario.

Figura 5 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per stile di vita sedentario.

La figura 6 mostra il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 fumando. I dati mostrano che il numero di casi di ipertensione causati dal fumo è molto inferiore al numero di casi di ipertensione non causati dal fumo.

Figura 6 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá nel periodo 2006-2012 dal fumo.

La figura 7 mostra il numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per regione metropolitana. I dati mostrano che il numero di casi nella capitale è maggiore del numero di casi negli interni e non.

Figura 7 Numero di casi di ipertensione nello stato di Amapá dal 2006 al 2012 per regione metropolitana.

DISCUSSIONE

La figura 1 mostra l’oscillazione dei casi di ipertensione in Amapá. Il numero fluttuante di casi di ipertensione può verificarsi perché le persone non aderiscono correttamente al trattamento o non conoscono il pericolo reale di una malattia cronica uguale all’ipertensione. Molti abbandonano il trattamento perché già pensano di essere guaribili e poi tornano al sistema perché sono malati oppure ignorano i sintomi e finiscono per non entrare nei registri (Contiero et al., 2009). Il calo maggiore nel 2012 è dovuto alla campagna “Saúde Não Tem Preço”, lanciata nel 2011 dal governo brasiliano per distribuire gratuitamente medicinali per ipertensione, diabete e asma (Brasile, 2015).

I dati di Amapá sono allo stesso modo della letteratura. Il numero di casi di ipertensione è più elevato nelle donne (figura 2), probabilmente a causa dei loro maggiori problemi di salute. Generalmente sono più sensibili ai sintomi e in genere cercano di più le unità sanitarie e mantengono il trattamento. Una delle barriere al controllo dell’ipertensione in Brasile è la discontinuità e il trattamento non terapeutico da parte dei pazienti (Santos, 2011; Nogueira et al., 2010).

Ad Amapá, il numero di casi nelle persone di età compresa tra 50 e 69 anni è superiore al numero di casi in altre età (figura 3). Il numero di casi di ipertensione nelle persone di età compresa tra 50 e 69 anni è probabilmente più elevato a causa dell’aumento della vita stimata e della popolazione degli anziani in Brasile. L’aumento dell’età aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche non trasmissibili (Mendes et al., 2014).

I dati mostrano che i casi di ipertensione causata dal sovrappeso (figura 4) e dall’ipertensione causata dallo stile di vita sedentario (figura 5) sono inferiori ai casi di ipertensione non causati da questi due fattori. In Amapá, l’ipertensione ha come causa principale la genetica, quando un individuo eredita da uno dei genitori una combinazione di geni con una predisposizione all’elevazione della bp e allo stress. Poiché il livello di istruzione è basso nello Stato, le persone finiscono per non essere così qualificate e senza un lavoro fisso finiscono per essere ammesse in lavori formali in cui il carico orario è elevato e c’è la possibilità di licenziamento in qualsiasi momento. Ansia e malcontento generati da questi motivi possono causare un aumento dello stress in questi individui causando ipertensione (Chagas e Almeida, 2016; Fermino et al., 2009).

I dati indicano un minor numero di casi di ipertensione legati al fumo in Amapá (figura 6). Il fumo è un fattore di rischio che corrisponde al 18% dei casi di ipertensione in Amapá. Questo fattore è relativamente basso rispetto agli altri, perché il governo brasiliano, dagli anni ’90, promuove campagne per ridurre il consumo di sigarette. Il riflesso di questa campagna può essere la diminuzione dei casi di ipertensione legata al fumo (Duncan et al., 2012).

Il numero di casi nella capitale è maggiore del numero di casi nelle sabbie interne dello Stato (figura 7). Il maggior numero di casi di ipertensione si trova nella capitale dello stato a causa probabilmente della facilità di accesso alle unità sanitarie. L’accesso alle difficoltà rende impossibile trattare non solo i pazienti ipertesi, ma anche i pazienti con altre malattie (Brasil et al., 2015).

CONCLUSIONE

In Amapá i casi di ipertensione persistono a causa della mancanza di aderenza al trattamento o di un trattamento errato, causato dalla mancanza di informazioni sulla gravità della pressione alterata per la salute. Le donne hanno una maggiore assistenza sanitaria personale e un maggiore mantenimento del trattamento dopo la diagnosi. Le malattie croniche non trasmissibili offrono un rischio più elevato alla popolazione con una fascia d’età più ampia. La causa efficace dei casi di ipertensione in Amapá sembra essere il fattore genetico e lo stress, soppiantando fattori come il sovrappeso e lo stile di vita sedentario. La riduzione della scolarizzazione porta all’insicurezza sul lavoro, all’aumento dello stress e all’alterazione della pressione sanguigna. Il fumo non è il fattore principale perché la sua riduzione nazionale è stata ottenuta con campagne educative dei giovani. Sfortunatamente, i casi di difficoltà nell’accesso alla salute, alla diagnosi e al trattamento dei pazienti ipertesi rimangono reali all’interno dello stato.

RIFERIMENTI

ANDRADE, S.S.A.; STOPA, S.R.; BRITO, A.S.; CHUERI, P.S.; SZWARCWALD, C.L.; MALTA, D.C. Prevalência de hipertensão arterial autorreferida na população brasileira: análise da Pesquisa Nacional de Saúde, 2013. Epidemiol. Serv. Saúde, Brasília, v. 24, n.2, 297-304, 2015.

BRASIL. Hipertensão atinge mais de 30 milhões de pessoas no País. Disponível em: <http://www.brasil.gov.br/saude/2015/04/hipertensao-atinge-mais-de-30-milhoes-de-pessoas-no-pais> Acesso em: 21 de Setembro de 2017.

CONTIERO, A. P.; POZATI, M. P. S.; CHALLOUTS, R. I.; CARREIRA, L.; MARCON, S. S. Idoso com hipertensão arterial: dificuldades de acompanhamento na Estratégia Saúde da Família. Rev Gaúcha Enferm., V. 30,N. 1, 62-70, 2009.

CHAGAS, J. A. S.; ALMEIDA, A. N. F. Caracterização epidemiológica de pacientes hipertensos usuários de uma unidade básica de saúde da região Norte. Estação Científica (UNIFAP) Macapá, v. 6, n. 2, p. 105-116, maio/ago. 2016.

DUNCAN, B.B.; CHOR, D.; AQUINO, E. M. L.; BENSENOR, I. M; MILL, J. G.; SCHMIDT, M. I.; LOTUFO, P. A.; VIGO, A.; BARRETO, S. M. Doenças crônicas não Transmissíveis no Brasil: Prioridade para enfrentamento e investigação. Rev. Saúde Pública, v. 46, 126-34 2012.

FERMINO, R. C.; SEABRA, A.; GARGANTA, R.; MAIA, J. A. R. Fatores genéticos e variabilidade na pressão arterial. Uma breve revisão da literatura. Rev Bras Cineantropom Desempenho Hum, v.11, n.3, 341-349, 2009.

FONSECA, F.C.A.; COELHO, R.Z.; NICOLATO, R.; MALLOY-DINZ, L.F.; FILHO, H.C.S. A influência de fatores emocionais sobre a hipertensão arterial. J Bras Psiquiatr., v. 58, n.2, 128-134, 2009.

MENDES, G. S.; MORAES, C. F.; GOMES, L. Prevalência de hipertensão arterial sistêmica em idosos no Brasil entre 2006 e 2010. Rev. Bras Med. Fam. Comunidade, v. 9, n. 32, 273-278, 2014.

MICHELI, T.; BITARELLO, D.A. O enfermeiro, na atenção básica, ao lidar com hipertensão como fator de risco para insuficiência renal crônica. Revista de Iniciação Científica da FFC, v. 8, n.3, 329-337, 2008.

MONTEIRO, P.C.; SANTOS, F.S.; FORNAZARI, P.A.; CESARINO, C.B. Características biossociais, hábitos de vida e controle da pressão arterial dos pacientes em um programa de hipertensão. Arq. Ciênc. Saúde, v.12, n.2, 73-9, 2005

NOGUEIRA D.; FAERSTEIN E.; COELI C. M.; CHOR D.; LOPES C. S.; WERNECK G. L. Reconhecimento, tratamento e controle da hipertensão arterial: Estudo Pró-Saúde, Brasil. Rev. Panam Salud Publica, v. 27, n. 2,103-9, 2010.

SANTOS, Z. M. S. A. Hipertensão arterial – Um problema de saúde pública. Rev. Bras Promoç Saúde, v. 24, n. 4, 285-286, 2011.

ZAITUNE, M.P.A.; BARROS, M.B.A.; CÉZAR, C.L.G.; GARANDINA, L.; GOLDBAUM, M. Hipertensão arterial em idosos: prevalência, fatores associados e práticas de controle no Município de Campinas, São Paulo, Brasil. Cad. Saúde Pública, Rio de Janeiro, v.22, n.2, 285-294, 2006.

[1] Tecnico minerario dell’Istituto di educazione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP).

[2] Biomedicale, Dottorato di Ricerca in Malattie Topiche, Professore e ricercatore del Corso di Medicina del Campus Macapá, Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[3] Biologo, Dottore di Ricerca in Malattie Topiche, Professore e ricercatore del Corso di Educazione Fisica, Università Federale di Pará (UFPA).

[4] Teologo, Dottore di Ricerca in Psicoanalisi, ricercatore presso il Centro di Ricerca e Studi Avanzati – CEPA.

[5] Biologo, Dottore di Ricerca in Teoria e Comportamento, Professore e ricercatore del Corso di Laurea in Chimica dell’Istituto di Educazione Di Base, Tecnica e Tecnologica di Amapá (IFAP).

Inviato: Aprile, 2020.

Approvato: aprile 2020.

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here