Cambiamenti sistemici associati con l'esclusione cardiopolmonare (CPB)

0
726
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

RODRIGUES, Camila Cristine Torres dos Reis [1], ARAÚJO, Graziela [2]

RODRIGUES, Camila Cristine Torres dos Reis; ARAÚJO, Graziela. Cambiamenti sistemici associati con l'esclusione cardiopolmonare (CPB). Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. Vol 05, 02, pp. 36-54, maggio 2018. ISSN:2448-0959

Riepilogo

Introduzione: l'esclusione cardiopolmonare (CPB) reso possibile nuove cure nella malattia di cuore, ma non ci sono complicazioni che possono essere attivate durante o dopo la chirurgia. Obiettivo: Riguardano i principali disturbi sistemici associati con l'esclusione cardiopolmonare; identificare i principali disturbi ematologici; definire i cambiamenti immunologici e correlando le implicazioni renale e polmonare. Materiali e metodi: questa è una recensione della letteratura scientifica utilizzando i database di SciELO, lillà e PUBMED coprendo pubblicazioni nazionali ed internazionali nel periodo del 1993 al 2014. Risultati e discussione: nonostante tutta la modernità il corpo riconosce ECC come latta del sistema, generando una risposta immunitaria che può evolvere rapidamente a una sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS) e anche una risposta ematologica attraverso la coagulazione del sangue, è essenziale per prevenire la trombosi anticoagulate paziente durante l'intervento chirurgico con CPB, il tempo che il paziente durante il periodo postoperatorio, è suscettibile all'emorragia da diversi fattori. Problemi del rene e del polmone sono osservati comunemente dopo CPB causa una moltitudine di fattori, alcuni casi evolvono rapidamente a insufficienza renale acuta (IRA), mentre la disfunzione polmonare rimane la principale causa di morbilità postoperatorio. Considerazioni finali: il CEC dovrebbe essere usato quando è l'unica forma di risorsa operativa per i pazienti di cuore, perché ci sono gravi complicazioni connesse con questa tecnica per aumentare i tassi di morbilità e mortalità. Tuttavia, c'è una complessa interrelazione dell'intervento chirurgico, l'anestesia e il CEC che lo rende difficile assegnare tutte le complicazioni per l'uso esclusivo della CEC.

Parole chiave: Circolazione extracorporea, cuore-polmone, complicazioni sistemiche.

Introduzione

Intervento chirurgico al cuore con bypass cardiopolmonare poiché il ventesimo secolo era uno dei più grandi successi nell'area della salute, perché ha portato una rivoluzione nella medicina, significativamente riducendo il numero di morti e portando la possibilità per nuove cure nella malattia di cuore 16.

Nel 1953, John h. Gibbon eseguita il primo ambulatorio di cuore successo usando la tecnica dell'esclusione cardiopolmonare (CPB). Questa procedura è destinata a prendere la funzione temporanea di cuore e polmoni quando il paziente viene sottoposto a un intervento chirurgico. Così, un insieme di macchine, dispositivi e circuiti mantenere la circolazione del sangue attivo, mentre questi organi sono esclusi dal circulação43.

Secondo Lima23 (1997), non tutti i pazienti sottoposti a cardiochirurgia con circolazione extracorporea tecnica, perché anche se è un metodo che ha notevolmente migliorato i risultati, è noto che alcuni inconvenienti ancora esistano, ad esempio: reazione infiammatorie, emodiluizione, corsa, morbosità, oltre a un aumento dei costi. Pertanto, quando possibile, utilizzare altre tecniche senza l'ausilio della CEC per meno aggressione al paziente.

Con l'emergere della CEC, nuovi studi sono apparsi collegati a una fisiologia diversa. Tuttavia, queste abilità hanno beneficiato non solo la chirurgia cardiovascolare, ma anche tutte le specialità, come ottenere concetti per la cura dei pazienti durante la chirurgia e incluso il periodo successivo post-operatório17.

Purtroppo, una delle principali caratteristiche dei pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca con CPB è la facilità dell'organo sistemi sono influenzati dai cambiamenti nella funzione del sistema cardiovascolare. Una varietà di complicazioni possa verificarsi dopo chirurgia a cuore, in frequenza si trovano: sanguinamento, disfunzione respiratoria, basso debito cardiaco, disfunzione renale e infecções43 i cambiamenti neurologici.

Così, lo scopo di questo studio era di mettere in relazione i principali disturbi sistemici associati all'uso dell'esclusione cardiopolmonare; identificare i principali disturbi ematologici; definire i cambiamenti immunologici e correlando le implicazioni renale e polmonare del paziente a bypass cardiopolmonare.

Materiali e metodi

Si tratta di una revisione della letteratura con indagine bibliografica utilizzando banche dati scientifiche di SciELO, lillà e PUBMED. Gli elementi trovati sono stati letti e selezionati, pubblicazioni nazionali ed internazionali di copertura nel periodo del 1993 al 2014.

Le parole chiave utilizzate nella ricerca sono stati: circolazione extracorporea, cuore/polmone, cambiamenti sistemici. 

QUADRO TEORICO

Esclusione cardiopolmonare (Cpb)

Durante CPB, funzioni di pompaggio del cuore vengono eseguite da una pompa meccanica e le funzioni dei polmoni sono sostituite da un dispositivo in grado di eseguire lo scambio di gas con il sangue20.

In questo contesto, per la comprensione delle complicazioni sistematiche relazionate a questa procedura è necessario il basic comprensione sul circuito del sangue durante il bypass cardiopolmonare.

Così, in CEC, sangue deossigenato è deviata dal cuore e polmoni per ottenere all'atrio di destra del paziente, attraverso tubi collocati nella vena Cava superiore ed inferiore. Da un filo conduttore, il sangue venoso è preso per l'ossigenatore, serbatoio membrana semi-permeabile per separazione di ossigeno del sangue e la realizzazione di scambi gasosas8.

L'ossigenatore, il sangue viene pompato ad un punto nel sistema sanguigno del paziente, solitamente ascendente dell'aorta, dove si viaggia attraverso il sangue e viene distribuito a tutti gli organi, dando ossigeno ai tessuti per svolgere processi di vita e raccogliere i biossido di carbonio nel loro prodotto. Dopo che circola attraverso il sistema capillare dei tessuti, il sangue torna al sistema del superiore e inferiore arches vene, dove sarà continuamente esteso per il CEC entro la fine del cirurgia14.

Per l'esecuzione di interventi di cardiochirurgia con CPB alcune procedure sono state adottate in tutta storia al meglio, come l'ipotermia, l'uso di soluzioni cardioplégicas ed emodiluizione.

L'ipotermia è stata associata con la circolazione extracorporea con l'obiettivo di ridurre il fabbisogno metabolico dei pazienti e, di conseguenza, il consumo di ossigeno, che offre ulteriore protezione per il corpo, specialmente gli organi vitali, prevenzione delle lesioni da anóxia7. Attualmente lavora presso central ipotermia è indotta da raffreddamento del sangue con acqua ghiacciata nello scambiatore di calore dell'ossigenatore, quindi attraverso il sangue freddo si verifica raffreddamento circolazione negli organi. L'inversione dell'ipotermia, vale a dire riscaldare il paziente ottiene circolazione dell'acqua calda nello scambiatore di calor43.

Soluzioni di Cardioplégicas, ricchi di potassio, sono utilizzati per prevenire le lesioni del miocardio, che conduce alla fermata quasi istantaneo del cuore, senza consumo di energia. Alia, per la protezione del miocardio l'uso giudizioso delle soluzioni cardioplégicas e ipotermia, così che, dopo l'intervento chirurgico, si verificano intorno il normale stato di omeostasi metabólica7.

Prima dell'inizio della CEC, per riempire il serbatoio dell'ossigenatore e gli altri componenti del circuito, processo noto come desareação, uso telefoni cellulari, non soluzioni cristalloidi soluti o colloidi (chiamato perfusato o prime) così si verifica una diluizione del sangue. Gli studi hanno indicato che questo migliora ossigenazione hemodilution ottenuti durante l'aspersione, riducendo la quantità totale di sangue necessaria per ogni paziente, durante e dopo l'operazione, conservando un maggior numero di piastrine, nonché a ridurre la perdita di sangue Post-operatórias3.

Figura 1: Schema dell'apparecchiatura di circolazione extracorporea (adattato Fonseca19 et al. 2008).
Figura 1: Schema dell'apparecchiatura di circolazione extracorporea (adattato Fonseca19 et al. 2008).

Le complicazioni sistematiche Post CEC

Circolazione extracorporea dovuto la molteplicità delle componenti meccaniche e delle interazioni con il sangue produce diversi cambiamenti nel corpo umano che generano grandi deviazioni dalla fisiologia, sia poco dopo aspersione o precoce post-op 31, 50.

Nonostante tutta la modernità delle attrezzature in uso, più il tempo di CEC, maggiore è la probabilità di complicazioni. Inoltre, condizioni intrinseche come età, peso, uso di farmaci, malattie, tra gli altri, possono compromettere lo stato di salute della fine del paziente. È noto, ad esempio, che i pazienti anziani e bambini sotto l'età di tre mesi hanno prognosi peggiore, poiché sono a maggior rischio di ipotermia, perché i bambini sono più inclini a dispersione di calore e anziani anestetizzato il limite per vasocostrizione è il più basso livello di temperatura in adulti più jovens24.

Cleveland13 et al (2001) non registrano un tasso di mortalità del 2,9% in chirurgia con CPB e 2,3% nessun CEC, inoltre, i pazienti operati senza CEC ha presentato il 10,6% di complicanze, rispetto al 14% di operati con CEC.

Una varietà di complicazioni possa verificarsi dopo la chirurgia del cuore e dei grossi vasi, alcuni legati all'anestesia, gestione degli altri relative alla chirurgia ed altre relative al bypass cardiopolmonare. Spesso, è difficile assegnare una complicazione particolare per una procedura specifica, a seconda l'interrelazione delle procedure in sala operatoria. Sottolinea, pertanto, che le complicazioni più spesso trovate sono le complicanze immunologiche, ematologiche, polmonari e renais16.

Disordini ematologici

Disturbi emorragici legati alla CEC invariabilmente affrontano i cambiamenti di coagulazione del sangue, una volta che il sangue circola attraverso i tubi e gli apparecchi che sono superfici non endoteliali. E, anche se sono utilizzati materiali compatibili, eppure sono superfici strane, in grado di stimolare simultaneamente, in misura maggiore o minore, sistemi di coagulazione e imunológico36.

Di conseguenza, si verifica uno squilibrio di hemostasis del sangue durante CPB è il più comune è l'occorrenza di eventi trombotici, mentre dopo il CEC generalmente sono segnalati sanguinamento fotogrammi.

Così, durante CPB, verranno attivate vie intrinseche ed estrinseche della cascata di coagulazione, il primo attraverso il fattore XII contatto con la superficie artificiale e la seconda dal rilascio del fattore tissutale (TF), entrambi che si conclude con la formazione di un coagulo.

Inoltre, quando il sangue viene aspirato dal campo chirurgico e restituito al Dammi un circuito di by-pass, una serie di altri elementi, quali: frammenti di coaguli e/o grasso, della tromboplastina del tessuto e materiali di scarto, aumentando il rischio per trombose29.

Il CEC induce ancora cambiando la fibrinolisi con diminuzione nella formazione della plasmina, che favorisce l'emergere di trombos36. In questo modo, l'associazione di questi fattori indica l'importanza di eparinizzazione paziente proprio all'inizio della perfusione per prevenire la coagulazione del sangue impedendo il.36 eventi trombóticos9.

L'eparina più sottile del sangue è il più ampiamente usato per questo scopo, perché ha pochi effetti collaterali, senza inconvenienti e non esiste un antidoto specifico, protamina, che viene utilizzato alla fine della perfusione per neutralizzare l'effetto dell'anticoagulante dell'eparina, perché il sanguinamento post-chirurgico può verificarsi perché l'effetto osmosi di eparina. Vale menzionare che semplice neutralizzazione dell'eparina stock da dosi appropriate di somministrazione di protamina ristabilisce l'attività emostatica solo parziale, non essendo in grado di recuperare immediatamente la funzione emostatica di pazienti sottoposti a CEC45.

D'altra parte, ci sono diverse cause per sanguinamento post CEC, come: emodiluizione, consumo di coagulazione fattori, cambiamento quantitativo e qualitativo delle piastrine, l'ipotermia, la risposta immunitaria sulla formazione dei complessi eparina-protamina e hemostasia chirurgico inadeguato. Alcuni pazienti devono, pertanto, re-intervento perché l'emorragia nel periodo postoperatorio precoce e spesso non può essere identificato la causa del sanguinamento in Chirurgia 1, 28.

Il paziente durante e dopo CPB può sviluppare trombocitopenia dovuto parecchi fattori, come: deposizione di piastrine sulle superfici interne dei tubi, ossigenatori e filtri; risultato dell'azione dell'eparina utilizzati per anticoagulazione; aggregare la riduzione di capacità dovuta al contatto con le superfici di no endoteliale circuiti ed elettrodomestici; hyponatremia di dilutional effetto sulle piastrine a causa di emodiluizione; Oltre il rapimento delle numerose piastrine dalla milza e fígado27.

Secondo Ascione2 et al. (2001), in studi prospettici con gruppi casuali di basso rischio preoperatorio è stato trovato sanguinamento Framework 1,6 volte superiore nel gruppo con l'esclusione cardiopolmonare rispetto senza esclusione cardiopolmonare. Esso è stato indicato che meno del 20% dei pazienti senza CEC necessaria la trasfusione di sangue, rispetto a oltre la metà del gruppo con CEC.

Altri studi hanno dimostrato che il bypass coronarico (CABG) senza esclusione cardiopolmonare ha vantaggi in relazione alla RM con bypass cardiopolmonare, rispetto al meno sanguinamento postoperatorio e meno bisogno di trasfusione di concentrati dei globuli rossi, riducendo al minimo la morbosa hospitalares1 fattori e costi.2. Così attualmente, gli ambulatori di MRI sono stato fatto senza CPB.

È noto che circa il 10-20% dei pazienti che subiscono la funzionalità CEC eccessiva sanguinamento poco tempo dopo chirurgia, circa 5-10% richiedono nelle prime ore subito dopo sostituzione Chirurgia sanguínea6.

Secondo Souza43 et al. (2006) la complessa interazione di diversi fattori (emodiluizione, ipotermia, trauma, l'interazione della piastrina di aspersione con endoteliale nessuna delle superfici, deposizione di fibrinogeno nei tubi, riducendo il numero e l'attività delle piastrine circolanti e rilascio di un numero di sostanze di attivazione piastrinica) favore l'insorgenza di disturbi di emostasi e coagulazione.

Oltre alle modifiche proprie accennate, emorragica CPB promuove anche emolisi degli eritrociti dovuta principalmente la deviazione dalla normale circolazione mediante uso di cannule che formano e anche dalle turbolenze centri di calibrazione errata delle pompe a rulli Sistema. Tuttavia, per le squadre chirurgiche che utilizzano il sistema di aspirazione cardiotomia o cardiotômica, responsabile per aspirare il sangue travasato in campo operativo, questa pratica è la principale causa di emolisi, perché quando l'aria viene aspirata con sangue attraverso il danno di aspirapolvere si verificano per il vermelhas11 di cellule.51.

Emolisi acuta culmina in cornici hemoglobinemia ed emoglobinuria, che possono influenzare la velocità di filtrazione glomerulare per ostruzione dei glomeruli, generando un errore di renal34 glomerulari.

Cambiamenti immunologici

Quando il cuore rimane senza sangue durante CPB, IE fermato istantaneamente, connesso con l'interazione con materiali estranei al corpo si verifica come conseguenza l'attivazione della risposta immunitaria con possibili ripercussioni per le complicazioni futuras9.

Il sangue a contatto con le superfici artificiali del circuito di perfusione attiva il sistema del complemento, così come la risposta infiammatoria. Con il complemento sistema attivato sono rilasciato il anafilatoxinas C3a e C5a che stimolano la produzione di citochine e parecchi mediatori del processo infiammatorio. Inoltre, i globuli bianchi sono anche attivati da potere chemiotattico di queste anafilatoxinas, con conseguente vasocontrição e aumento della permeabilità vascolare, che conduce all'accumulazione di acqua in interstício29, 38, 49.

Questo processo è la coagulazione del sangue anche attivato e maggiore adesione dei neutrofili alle cellule endoteliali, che è un prerequisito essenziale per tutti i processi che portano a lesioni tecidual10.

Così, i neutrofili sono attivati e rilasciano sostanze che contribuiscono alla formazione di reazione infiammatoria generalizzata. Durante l'aspersione, neutrofili tendono ad accumularsi nei polmoni, dove i loro prodotti tossici producono aumento della permeabilità vascolare e l'edema interstiziale. Inoltre, altri leucociti attivati rilascio radicali liberi di ossigeno che, in determinate circostanze, può produrre l'occlusione microvascular30.

Questa cascata di reazioni infiammatorie sono sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS) e può essere manifestata in grado maggiore o minore, essendo più evidente deleteri e in anziani e neonatos17.

Il SIRS anche chiamato la sindrome pós-perfusão, caratteristiche cliniche molto simili a shock settico. La SIRS pós-CEC è caratterizzata clinicamente da danno della funzione polmonare, renale, cuore, cervello, presenza di febbre, tachicardia, ipotensione arteriosa, leucocitosi, emorragie, suscettibilità alle infezioni, variazioni nel permeabilità vascolare che conduce all'accumulazione di liquido interstiziale, vasoconstricção e hemólise35.

La frequenza delle manifestazioni cliniche della SRIS dopo CPB varia tra il 22% e il 27,5%, anche se essa è stata valutata da diversi métodos15. In un 1993 studio è stato riferito l'incidenza del 27,5% di SRIS nei bambini in cui il criterio diagnostico utilizzato è stato adattato dalla definizione di SRIS in pazienti clínicos41.

Negli ambulatori di RM è stato osservato il SIRS nel corpo della risposta protettiva circa l'11%, con un alto tasso di mortalità del 41% 25.

Altri dati rilevanti, è che la CEC è seguita da sindrome da distress respiratorio (ARDS) con frequenza dello 0,4% nella popolazione adulta, e c'è un alto tasso di mortalità associada15, 28.

Secondo Torrati47 et al. (2012) il CEC produce una risposta infiammatoria sistemica in vista dei cambiamenti nella permeabilità vascolare e diminuzione della pressione oncotica, con rilascio di sostanze che influenzano la coagulazione e la risposta immunitaria, che conduce alle complicazioni nella periodo postoperatorio immediato.

In alcuni pazienti, la risposta ha esacerbato la difesa sistema dell'organismo si verifica a causa del rilascio di sostanze vasodilatatori come la bradichinina, e la vostra azione paralizza il sistema vascolare arteriolare, che complica l'output di perfusão29. Perché il tuo motore di vasoativo si verifica aumento della permeabilità vascolare e vasodilatazione arteriolare, favorendo lo stravaso di fluido per l'interstizio, e bradichinina rimarrà alta durante la CEC perché il vostro sito di polmone metabolismo è escluso dal processo38.

Alcuni pazienti possono sviluppare resistenza alle reazioni dell'eparina o di ipersensibilità causata da complesso eparina-protamina, aggravando le risposte protettive del sistema imunológico22.

Uno studio comparativo di MRI con e senza CPB identificato una risposta infiammatoria da aumento delle concentrazioni di proteina C – reattiva (CRP) e fibrinogeno 12:00 am dopo la procedura. La RM con prova biochimica CEC di primo pró-trombótico non dichiarare dopo la chirurgia, tuttavia, nessuna prova di un aumento del numero di eventi trombotici. Questo stato può essere una conseguenza della pró-trombótico Dammi un circuito di by-pass, risposta compensativa per sanguinamento o ambos32.

Vale la pena ricordare che la risposta infiammatoria innescata dal CEC è significativamente più bassa quando il tempo di infusione è inferiore a 70 minutos52.

Cambiamenti renali

Insufficienza renale nel periodo post CEC è un evento grave che è imparentato con l'alto tasso di mortalità e morbilità. Nonostante tutto l'evoluzione della tecnologia nel bypass cardiopolmonare, insufficienza renale continua mostrando alta incidenza, è lo sviluppo di questa complicazione e multifatorial44 complesso.

Nei primi momenti del quadro comune della CEC di ipotensione a causa di una moltitudine di fattori quali: la riduzione della perfusione flusso hemodilution con riducendo la viscosità del sangue e l'aumento della bradichinina vasodilatatore. Dopo questo periodo, il corpo comincia una risposta compensativa che spesso sfocia nell'ipertensione. Così, la vasocostrizione prodotta da ipotermia, l'elevazione della resistenza vascolare sistemica e l'assenza di pulsatilità circolazione contribuire a questo hipertensiva43 di risposta.

Tuttavia, in conseguenza di vasocostrizione renale, si verifica una riduzione del flusso sanguigno renale, che predispongono i reni di ischemia e lesioni. In questo modo, l'energia disponibile ai meccanismi dell'attività normale del rene è ridotto, rendendo reabsortivas e renais48 funzioni secretive.

Inoltre, il hemodilution con soluzioni cristalloidi, quando in eccesso, predispone il paziente alla formazione di edema, a causa di riduzione della pressione osmotica di plasma-coloido, diminuendo il riassorbimento nei vasi capillari peritubulares, risultante in un acquoso e diuresi ricco di elettroliti e può culmina in uno squilibrio di hidroeletrolítico39.

L'emolisi causata in CEC produce vasocostrizione dal rilascio dei prodotti di vasoativos all'interno delle cellule e perché è una grande molecola, emoglobina viene filtrato con difficoltà e può cristallizzare nei tubuli renali, causando ostruzione e necrosi tubular34, 37.

Alcuni altri fattori sono anche responsabili per la produzione di disfunzione renale, malattia renale, compreso l'uso di farmaci nefrotossici, agenti di ischemia renale, grave vasocostrizione, ipotermia estrema ed emodiluizione profunda44.

Nei pazienti anziani il rischio di sviluppare insufficienza renale acuta disturbi più spesso, perché questo gruppo di pazienti viene più spesso con altre malattie quali: diabete, riserva renale malattia vascolare periferico, marginale e febbre polimialgia. Così, per misura precauzionale è importante aggiungere mannitolo al perfusato, con l'obiettivo di protezione contro il danno ischemico del tessuto renal47.

Tuttavia, esistono numerose evidenze che gli effetti deleteri dell'esclusione cardiopolmonare sui reni, compresa la produzione di insufficienza renale acuta, sono legati alla durata dell'infusione. Ciò è stata dimostrata nello studio di Taniguchi44 et al., (2007) che ha identificato l'influenza negativa del tempo della CEC sulla funzione renale di aumento della creatinina, la variazione della creatinina del siero e una maggiore incidenza di dialisi in pazienti con tempo CEC superiore a 90 minuti.

L'insufficienza renale in cardiochirurgia ha un'incidenza che varia dal 3,5% al 31,0%, con maggiore tasso di mortalità di 0,4% al 4,4% all'1,3% al 22,3%; e la necessità di terapia dialitica è presente in 0,3% al 15,0% dei casi, e in questi, il tasso di mortalità raggiunge 25.0% 88,9% 26.

L'ambulatorio cardiaco con l'ausilio della CEC dispongono di alcune implicazioni tipici e alcuni più grandi e più prevalente rispetto ad altri. Tra questi è incluso insufficienza renale con il processo di evoluzione verso l'insufficienza renale acuta (IRA) che si verifica in media 7% al 30%. Si ritiene che fattori genetici quali aterosclerosi, diabete e anche l'ipertensione possono contribuire a disfunzione renale presto dopo operatório46.

Cambiamenti polmonari

Negli ultimi anni, dovuto l'avanzamento e la raffinatezza delle tecniche di infusione e apparecchiature, c'era una riduzione delle complicazioni polmonari. Tuttavia, ancora costituiscono la principale causa di morbilità postoperatoria con tale rapida evoluzione che resiste a tutte le misure terapêuticas39.

Il paziente ha subito un intervento al cuore con CPB presentano solitamente un certo grado di disfunzione polmonare con diminuzione della capacità funzionale residua dei polmoni. Si verifica nei polmoni, un aumento della perdita di acqua interstiziale causato dalle cellule infiammatorie, alveolare-riempito, leader a inattivazione del surfattante e il crollo di alcune regioni e la capacità polmonare ridotta. Inoltre, l'esposizione a ipotermia durante CPB colpisce anche funzione polmonare negativamente, causa di pregiudizio per il pulmonar12 dell'endotelio.

Un altro fattore che contribuisce al post di disfunzione polmonare CEC sono le dosi di anestetici e sedativi che comunemente deprimono la ventilazione, riducendo la capacità residua di lavorare intorno 20% 5,40.

Così, la patofisiologia di disfunzione polmonare è multifattoriale, con la combinazione degli effetti generati da anestesia, incisione chirurgica, tempo di ischemia, il trauma chirurgico sul bypass cardiopolmonare e l'attivazione del sistema immunitario. Questi fattori presentano una grande importanza sulla comparsa di complicazioni respiratorie nel periodo postoperatorio di cardiochirurgia 4,21.33.

Complicazioni polmonari multiple derivano nel periodo postoperatorio della cardiochirurgia, tra i quali spicca l'atelectasia si aggirano tra i 60% incidenza 90% dei casi, essendo un numero 6 volte maggiore la chirurgia di cuore senza CEC18, 33.

L'atelectasia polmonare è delle principali cause di ipossia che si verifica dopo l'intervento chirurgico con CPB, causando una riduzione in cambio di gas e principali problemi polmonari come: compressione del parenchima polmonare, assorbimento di aria alveolare e impegno surfactante5.42 funzione.

Tra tutti gli organi colpiti dal post chirurgia CEC, il polmone tende ad essere più impegnati. Anche se parecchi fattori associati con l'aumento dell'acqua interstiziale in corso, la più importante è la deposizione del neutrofilo sulla microcircolazione polmonare, il sito principale del sequestro dei neutrofili attivato. Queste cellule rilasciano enzimi lisosomiali e radicali liberi di ossigeno, causando la lesione endoteliale direttamente e, modificando la permeabilità vascolare, con conseguente accumulo di acqua nella pulmonar38 interstiziale.

Gli studi mostrano la CEC come una delle cause principali per la ferita polmonare a causa della resistenza delle vie respiratorie aumentata e aumento possibile disfunzione diaframmatica e tutti i cardiochirurgia solleva polmone danni, tuttavia la CEC è maior21.

Tuttavia, lo studio di Montes34 et al. relazioni (2004) che non c'era differenza significativa nella funzione polmonare, 72 ore dopo l'intervento chirurgico, i pazienti operati con e senza CPB, entrambi i quali aveva una riduzione.

Molti studi dimostrano che periodi di guardia in sala operatoria sono maggiore in pazienti che hanno usato il CEC 22,28.43, 53… Alcuni autori sostengono addirittura che i pazienti che usano il CEC creano maggiore dipendenza da ventilazione meccanica in post-cirúrgico1 calibro 38. Tuttavia, questa materia è ancora discutibile, perché non ci sono dati che non mostrano nessuna differenza significativa quando si confrontano gruppi con e senza CPB. Allo stesso modo, alcuni dati indicano che non esiste alcuna differenza nel tempo medio al extubation tra pazienti operati con e senza CPB 11.29.

Considerazioni finali

Anche con il grande sviluppo della CEC sulla sua storia di più di 50 anni in Brasile, ci sono ancora molte implicazioni osservati l'uso di questa tecnica, che pur essendo l'unica forma di risorsa operativa per cuore molte procedure possono avere un impatto su complicazioni severe, questi è responsabile per l'estensione della durata del soggiorno con costi dell'ospedale maggiore, così come importanti cause di morbilità e mortalità.

In grandi interventi chirurgici come c'è una complessa interrelazione della procedura chirurgica cardiaca stessa, l'anestesia e il CEC (soprattutto in relazione ai tempi della chirurgia), nonché fattori correlati al paziente e quindi discutibile eziologia di cambiamenti sistemici.

Riferimenti

1. ATIK, Fernando Antibas; SAMPATH, Leonardo Augusto; Fábio B. Jatene, JÚNIOR, José Otávio C. Auler; OLIVEIRA, Sérgio Almeida. La rivascolarizzazione del miocardio senza esclusione cardiopolmonare riduce al minimo la necessità di trasfusione e di sanguinamento postoperatoria. ARQ. Reggiseni. Cardiol. Vol. 83 n ° 4 Sao Paulo ott 2004.

2. ASCIONE R, WILLIAMS S, LLOYD CT, SUNDARAMOORTHI T, PITSIS AA, ANGELINI G d. ridotto prostoperative sangue e trasfusioni requisito dopo operazioni coronariche cuore battente: uno studio prospettico randomizzato. J Thorac Cardiovasc Surg 2001; 121:689-96.

3. ADAMS, James Davis. Immediatamente dopo ambulatorio cardiaco. Brasília, 2013.

4. ARP AMBROZIN, DI GIACOMO CATANEO AJM. Aspetti della funzione polmonare dopo dell'arteria coronaria di esclusione innesto relativi al rischio preoperatorio. Rev Bras Cir Cardiovasc. 2005; 20 (4): 408-15.

5. AULER JUNIOR, José Otávio Costa; Serate di gala, Filomena Regina Barbosa Gomes; HAJJAR, Ludhmila Abraham; FRANCA, Zelda. Ventilazione meccanica intraoperatoria. São Paulo, 2007.

6. BARROSO, Roberto Cardoso; MENDONDÇA, de Jose Teles; CARVALHO, Marcos Ramos; Costa Rika Kakuda; SANTOS, José Akil. Valutazione di protamina su eparina neutralizzazione dopo l'esclusione cardiopolmonare. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 17 n ° 1 San Paolo 2002 gen/Mar…

7. BIAZZOTTO, Camilla B.; BRUDNIEWSKI, Márcio; SCHMIDT, Andrew P.; Junior, José Otávio Auler costa. Ipotermia periodo peri-operatorio. Rev Bras Anestesiol 2006; 56: 1: 89-106.

8. BISCEGLI, J. F; ANDRADE, R. J. P;  PAULISTA, P. P. DARLINGTON, S. A; SOUZA, C. L. (B); RUOTA, J.; TOFFANO, R. M.; PICCINI, b. valutazione clinica di un ossigenatore membrana basso volume ("PRIMING") di riempimento. São Paulo, 1999.

9. BRASILE L; GOMES W J; SOLOMON R; FRANCIS J H P; BIANCO J N R, BUFFOLO e corticosteroidi uso come inibitore della risposta infiammatoria sistemica indotta dall'esclusione cardiopolmonare. Cardiovasc di Rev Bras Cir 1999; 14 (3): 254-68.

10. BORIWIEC JW, HAGMAN TH, PEKNA M, VENGE P, THELIN s. Circulating citochine ed enzimi del granulocyte-derivato durante la cardiochirurgia complessi: uno studio clinico con particolare riferimento ai circuiti di bypass cardiopolmonare rivestimento eparina-di. SCAND J Thorac Cardiovasc Surg 1995; 29 (4): 167-74.)

11. CASTRO, Reginaldo pompili; Crati, Alexander Ulisse; MACHADO, Maurizio di Nassau;  MUTILLO, Harold Gonzalez; RINCON Omar Yesid Prieto; Policarpo, Sebastião Rodrigues; FOX, Renata Geron; Braille, Domingo Marcolino. Modifica tecnica di ultrafiltrazione nel trattamento chirurgico convenzionale dei difetti congeniti del cuore. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 21 n. 1 São José do Rio Preto 2006 gen/Mar.

12. SC DI CLARK Lesione di polmone dopo bypass cardiopolmonare. Perfusione. 2006; 21 (4): 225-8.

13. CLEVELAND JC, SHROYER LW, CHEN AY, PETERSON E GROVER, FL. Arteria coronaria della fuori-pompa bypass d'innesto diminuzioni aggiustati per il rischio mortalità e morbilità. Ann Thorac Surg 2001; 72:1282-9

14. COLAFRANCESCHI, Alexander siciliana; Monteiro, Andrey José de Oliveira; CANALE, Leonardo Secchin; CAMPOS, Luiz Antonio de Almeida; MONTERA, Marcelo Westerlund; SILVA, da Paulo Roberto Dutra; FERNANDES, Marcelo Ramalho; PINTO, Alexander de Araújo; Molle, Stelmar Moura; Moschea, Evandro Tinoco. Assistenza circolatoria con ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO) in adulti: un concetto in bancarotta o dimenticato? ARQ. Reggiseni. Cardiol. Vol. 91 n ° 1 São Paulo luglio 2008.

15. COSTA SOARES, Dug Leonardo; RIBAS, Denise; PRIMAVERA, Regine; SILVA, da Jean Marcelo Ferreira; MIYAGUE, Nelson Itiro. Profilo clinico della risposta infiammatoria sistemica dopo interventi di cardiochirurgia pediatrica con l'esclusione cardiopolmonare. ARQ Reggiseni Cardiol 2010; 94 (1): 127-133.

16. DIENSTMANN, Caroline; CAREGNATO, Rita Catalina Aquino. Circolazione extracorporea in cardiochirurgia: un campo di lavoro per l'infermiera. Rev. SOBECC, São Paulo. Gennaio/marzo. 2013; 18 (1): 35-43.

17. DOMENICA, M Braille. Esclusione cardiopolmonare. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 25 n. 4 Sao Jose do Rio Preto 2010 ott/dic…

18. LC FIGUEIREDO, AGUILAR S, RCS ABDALA, AMMIRATI A, GH CAV. CPAP per 10 cmH2O durante il bypass cardiopolmonare migliora lo scambio di gas post-operatorio. Rev Bras Cir Cardiovasc. 2008; 23 (2): 209-15.

19. FONSECA, J.W. G; BISCEGLI, J. F; RUOTA, J.; POLANSKY, M. R; AKIKUBO, r. progettazione e sviluppo di un termometro per la circolazione. II Mostra SES, São Paulo 2008.

20. GARCIA, Walter J.; SABA, John C.; BUFFOLO, Enio. 50 anni di esclusione cardiopolmonare in Brasile: Hugo j. Felipozzi, il pioniere dell'esclusione cardiopolmonare in Brasile. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 20 n. 4 Sao Jose do Rio Preto ott/dic 2005…

21. GUIZILINI S, GARCIA WJ, FARESIN SM, BOLZAN DW, ALVES FA, CATANI R, et al. Valutazione della funzione polmonare nei pazienti sottoposti a rivascolarizzazione miocardica con e senza circolazione extracorporea. Rev Bras Cir Cardiovasc. 2005; 20 (3): 310-6.

22. JOÃO Paulo Ramos, David; JAIN, farebbe Fernando. Immediata assistenza nel periodo postoperatorio della chirurgia cardiaca. Rio de Janeiro (RJ) 2003.

23. LIMA, Leonardo Edwards. Chirurgia cardiaca meno invasiva. Un fenomeno di moda o un metodo del futuro? Commento editoriale. Ospedale La pietà-Parigi, Francia, 1997.

24. FIGLIO del lupo, José Glaucus; Porcellino, Maria Claudia de Azevedo; RAGAZZO-lupo, Heraldo Guedis; Smith, John Paul Holland; MAGALHÃES, George Aguilar; LEO SON, Carmelo Sen Ram; FEITOSA, José Francisco Acacius; Oliveira Martins; LAVOR, Arnobio; SOARES FILHO, Odair; Borges, Elita; ABREU, de José Sebastião; DIOGENES, Tereza Cristina Pinheiro; BARRETO, José Erirtônio Feat; PAES Junior, José Nogueira. Lasciato la chirurgia di rivascolarizzazione coronarica senza CEC e nessuna manipolazione dell'aorta in pazienti oltre 75 anni. Rev Bras Cir Cardiovasc 2002; 17 (3): 208-214.

25. Luciano Brandão Machado; NEGRI, cinghialone Marcia; BONAFÉ, Wanderley Wesley; SANTOS, Luciana Moraes; MALBOUISSON, Luis Marcelo Sá; CARMONA, Maria José Carvalho. Valutazione dei livelli di citochine e polmonare di funzione dei pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca con l'esclusione cardiopolmonare. Rev Bras Anestesiol 2011 articolo scientifico; 61: 3: 275-285.

26. DOLLARI DI GJ, MA MARRONE, WY CHAN, HORTON D, TREW P, WHITWORTH JA. Indebolimento renale acuto dopo cardiochirurgia: incidenza, esiti e fattori di rischio. Aust N Z JMed 1995; 25:284-9.

27. SAMPATH, Leonardo Augusto; ATIK, Fernando Antibas; Moreira, Luiz Felipe; HUEB, Alexander Ciappina; JATENE, Fabio Biscegli; AULER JUNIOR, José Otávio; OLIVEIRA, Sérgio Almeida. Fattori di rischio di sanguinamento postoperatorio dopo ambulatorio cardiaco in pazienti adulti. Rev Bras Cir Cardiovasc 2004; 19 (3): 280-286.

28. MILOT J, PERRON J, Y LACASSE, LETOURNEAU L, CARTIER PC, Morrone f. incidenza e predittori di ARDS dopo ambulatorio cardiaco. 2001; 119 (3): 884-8.

29. Mota, André Lupp; Rodrigues, Alfredo José; ÉRVORA, Paulo Roberto Barbosa. Esclusione cardiopolmonare in adulti nel XXI secolo. Scienza, arte o empirismo? Rev Bras Cir Cardiovasc 2008; 23 (1): 78-92.

30. MOURA, Laura Vieira; POMERANTZEFF, Pablo M.; GARCIA, Walter Joseph. Sindrome da risposta infiammatoria sistemica in circolazione extracorporea: ruolo delle interleuchine. Rev Bras Cir Cardiovasc 2001; 16 (4): 376-87.

31. NOGUEIRA, Celia R. S. R.; HUEB, Whady; Michou TAKIUTI, E.; GIRARDI, Nadia B. M.; NAKANO, Teryo; FERNANDES, Fábio; Felipe da s., PAULITSCH, Aécio GOIS t. f.; LEE, Neuza H. M.; STOLF, r. Noedir. Qualità di vita dopo rivascolarizzazione miocardica chirurgica con e senza circolazione extracorporea. Articolo originale. São Paulo, SP-Brasile, 2008.

32. PAULITSCH, Felipe da Silva. Cambiamenti emostatici e cliniche di chirurgia di rivascolarizzazione miocardica con e senza esclusione cardiopolmonare: uno studio prospettivo randomizzato. São Paulo, 2009.

33. PADOVANI, Cauê; CAVENAGHI, Odette Mauad. Reclutamento alveolare in pazienti nel periodo postoperatorio immediato della cardiochirurgia. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 26 No. 1 São José do Rio Preto gennaio/marzo 2011.

34. PONTI, José Carlos Vieira Dorsa; SILVA, Guilherme Viotto Rao; BENFATTI, Ricardo Paoli; MACHADO, Natalia Pereira; PONTELLI, Renato; PONTI, giardino delle Rose Jagan Cury. Fattori di rischio nello sviluppo di insufficienza renale acuta dopo l'intervento di rivascolarizzazione miocardica con CPB. Rev Bras Cir Cardiovasc 2007; 22 (4): 484-490.

35. SALLES, M.J.; SPROVIERI, S.R.; BEDRIKOW, R; PEREIRA, BC; CARDENUTO, S. L; AZEVEDO, P.R.; SILVA, T. M; GOLIN, v. risposta infiammatoria sistemica sindrome/sepsi,75 revisione e studio della terminologia e della fisiopatologia. São Paulo, 1999.

36. SANTOS, Ari-Thaddeus del Giglio; SPLETTSTOSSER, João Carlos; WARPECHOWSHI, Paul; GAIDZINSKI, Mariana Mariz Pinto. Gli antifibrinolitici e cardiaco chirurgia con l'esclusione cardiopolmonare. Rev. Bras. ANESTESIOL. Vol. 57 n. 5 Campinas 2007 sett/ott…

37. SANTOS, Fernando Oliveira; SILVEIRA, Marco Antonio; MAIA, Roberto Barreto; MONTEIRO, Marcelo Dantas Chao; MARTINELLI, Reinaldo. Insufficienza renale acuta dopo chirurgia dell'innesto di bypass coronarico con bypass cardiopolmonare-incidenza, fattori di rischio e mortalità. Salvador, BA. 2003.

38. SAVARIS, Laurel. Imunoinflamatória risposta a Bypass cardiopolmonare: Stato attuale. Rev. Bras. ANESTESIOL 1998; 48,2: articolo di rassegna di 126-136.

39. SOARES, Gustavo Mattos Teixeira; FERNANDEZ, Diego Costa de Souza; GONÇALVES, Mariana Paula Cunha; ALVES, Thales George das; DAVID, Phlegon Lee; HENRIQUES, Karina Mabel Castro; RIANI, Larissa Rodrigues. Prevalenza delle principali complicanze postoperatorie in cardiochirurgia. Rev Reggiseni Cardiol. 2011; 24 (3): 139-146.

40. Elvis, Dante felice; IASBECH, José Alberto; OLIVEIRA, Sérgio Almeida. Periodo postoperatorio in cardiochirurgia adulto. São Paulo, 1998.

41. SEGHAYE MC, DUCHATEAU J, RG GRABITZ, FAYMONVILLE ML, MESSMER BJ, BURO-RATHSMANN K, et al. Completare l'attivazione durante l'esclusione cardiopolmonare in infanti ed in bambini: rapporto al multiplo postoperatorio guasto sistema dell'organo. Thorac Cardiovasc Surg. 1993; 106 (6): 978-87

42. SILVA, Naila Luisa Saiki; PIOTTO, Raquel Ferrari; Basile, Marcelo Adriano Ingraci; Crati, Alexander Ulisse; Braille, soluzione salina ipertonica Domingo m. inalazione come adiuvante di fisioterapia elettro per reversione di atelectasia in cardiochirurgia pediatrica postoperatoria. Rev Bras Cir Cardiovasc v. 21 n. 4 Sao Jose Rio Preto/dez… 2006.

43. Souza, Maria Helena; ELIAS, Decio. Fondamenti dell'esclusione cardiopolmonare. Seconda edizione, Rio de Janeiro, Brasile, 2006.

44. TANIGUCHI, Fábio Papa; SHARMA, Ademar Rosa de; Martins, Antonio Sérgio. Tempo di esclusione cardiopolmonare come fattore di rischio per indebolimento renale acuto. Braz J Cardiovasc Surg 2007; 22 (2): 201-205.

45. TANAKA KA, THOURANI VH, WILLIAMS WH, duca PG, LEVY JH, GUYTON RA, eparina di PUSKAS JD-anticoagulante in pazienti sottoposti a CEC e CEC rivascolarizzazione chirurgia, 2007.

46. TEIXEIRA SOARES, Gustavo Mattos; FERNANDEZ, Diego Costa de Souza; GONÇALVES, Mariana Paula Cunha; ALVES, Thales George das; DAVID, Phlegon Lee; HENRIQUES, Karina Mabel Castro; RIANI, Larissa Rodrigues. Prevalenza delle principali complicanze postoperatorie in cardiochirurgia. Rio de Janeiro, 2011.

47. TORRATI, Fernanda Gaspar; DANTAS, Rosana Ap. Spadoti. Esclusione cardiopolmonare e complicazioni nel periodo postoperatorio immediato della cardiochirurgia. Paul ACTA. infermieri. Vol. 25 n ° 3 Sao Paulo, 2012.

48. UTLEY, J.R. EFFETTI RENALI DELL'ESCLUSIONE CARDIOPOLMONARE –. IN GRAVLEE, G.P.; DAVIS, R.F.; UTLEY, J.R. Bypass cardiopolmonare. Principi e pratica Williams & Wilkins, Baltimore, 1993.

49. Uva, Joaquim Miguel Sennfelt de Sousa. Studio prospettico randomizzato di chirurgia coronarica con e senza circolazione extracorporea. PORTO, 2009.

50. VEGNI, Ronaldo; BRAGA, Gustavo Ferreira de Fabricio; FREITAS, Marcia; DRUMOND, Luis Eduardo; PENNA, William; Y K, José; NOBLE, Gustavo Freitas; KALICHSZTEIN, Marcelo; JAPIASSÚ, Andre Miguel. Complicazioni dopo coronarica di bypass coronarico nei pazienti anziani. Rio de Janeiro (RJ), Brasile, 2008.

11 ° JUNIOR di VIEIRA, Francisco Ubaldo; VIEIRA, Reinaldo Wilson; COSTA, Eduardo Tavares; ANTUNES, Nilson; PETRUCCI JUNIOR, Orlando; Pedro OLIVEIRA, Paulo Martins; SON SEN, Rua da Mota; VILARINHO, Thanan de Sousa; Severino, Elaine Soraya Basile. Riflusso di visualizzazione nel sangue più pulito e cardiotomia serbatoio utilizzato nel bypass cardiopolmonare. Rev Bras Cir Cardiovasc Vol. 24 n. 4 Sao Jose do Rio Preto 2009 ott/dic…

52. CW WHITTEN, HILL GE, IVY R, PE GREILICH, LIPTON JM. La durata dell'esclusione cardiopolmonare o cross-clamp aortica, in assenza di sangue e/o gestione del prodotto di anima, influenza la risposta di IL-6 di cardiochirurgia? Anesth Analg. 1998; 86 (1): 28-33

[1] Corso di Scienze della vita dell'allievo

[2] Master Teacher del corso di biomedicina

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here