Caratteristiche dei determinanti sociali nella salute: conducenti di camion su un’autostrada in Brasile

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

REGAZZI, Isabel Cristina Ribeiro [1], LOPES, Gabriele da Silva[2], PADILHA, Giúlia Kamille de Medeiros[3], KNUPP, Virginia Maria de Azevedo Oliveira[4], GEVÚ, Kamille Santos Siqueira [5]

REGAZZI, Isabel Cristina Ribeiro. Caratteristiche dei determinanti sociali nella salute: conducenti di camion su un’autostrada in Brasile. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 11, Vol. 07, pp. 45-56. novembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/caratteristiche-dei-determinanti

RIEPILOGO

Il presente studio era diretto a rispondere alla seguente domanda guida: Quali sono le caratteristiche di alcuni dei determinanti sociali della salute dei camionisti di un’autostrada federale in Brasile? Pertanto, è stata effettuata un’indagine sulle caratteristiche di alcuni dei determinanti sociali dello stato di salute dei camionisti di un’autostrada nello stato di Rio de Janeiro (RJ), in Brasile. Si tratta di uno studio quantitativo, esplorativo e trasversale. I dati sono stati raccolti attraverso un modulo contenente domande chiuse sulla salute fisica e mentale dei camionisti e analizzati con tecniche statistiche descrittive. Uno stand è stato allestito vicino alla stazione di polizia federale sull’autostrada BR 101 nel tratto di Casimiro de Abreu – RJ, dove i camionisti sono stati avvicinati per eseguire la valutazione dello stato di salute e completare le ricerche. Ventotto camionisti hanno partecipato allo studio, in cui il totale era maschile, e l’89,3% ha riferito di non avere diabete mellito e l’86,5% non ha presentato ipertensione arteriosa sistemica. È stato osservato che il 78,6% dei camionisti ha una residenza fissa nello stato di Rio de Janeiro, il 71,4% ha riferito di non avere un’assicurazione sanitaria, il 50% aveva una categoria di licenza “D” e il 35,7% aveva un carico di lavoro di 8 ore al giorno. Per quanto riguarda il tipo di prodotto trasportato, il 92,8% di questi professionisti ha dichiarato di non trasportare materiali pericolosi. È degno di nota che la professione di camionista sia una carriera che aumenta la vulnerabilità dei lavoratori a malattie e problemi di salute, poiché le caratteristiche specifiche di questo esercizio lavorativo e il loro ambiente di lavoro forniscono al lavoratore di adottare cattive abitudini alimentari e di riposo, oltre a favorire lo stile di vita sedentario, lo stress e la ridotta domanda di un servizio sanitario primario.

Parole chiave: Salute dei lavoratori, guida del veicolo, vulnerabilità sanitaria.

1. INTRODUZIONE

I camionisti sono professionisti salariati e autonomi che forniscono servizi a società appartenenti al settore logistico e dei trasportini. Tra le loro varie funzioni, i camionisti strillano, rimuovono e consegnano le merci. In questa professione, secondo uno studio condotto dalla Confederazione Nazionale dei Trasporti, nelle capitali delle regioni metropolitane brasiliane, prevalgono gli individui maschi che lavorano nel trasporto merci, il 99,8% del totale (CNT, 2016).

Questi professionisti lavorano alla guida di camion e, nella maggior parte dei casi, eseguono lunghi percorsi per consegnare gli ordini ai clienti al fine di rispettare il periodo stabilito dall’azienda. Pertanto, l’ampia giornata lavorativa, aggiunta all’uso di farmaci “stimolanti”, come le sostanze psicoattive al fine di raggiungere i tempi di consegna, può generare problemi di salute per tale classe operaia (ALESSI; ALVES, 2015).

Diversi studi indicano che, a causa dell’esaustiva routine lavorativa, molti camionisti sviluppano problemi di salute associati a abitudini di vita malsane, vale a dire: stile di vita sedentario, disturbi del sonno, alterazioni gastrointestinali come reflusso gastroesofageo, problemi ergonomici e, in particolare, uso di alcol, costituendo l’elemento principale che causa incidenti stradali tra i camionisti (MASSON; MONTEIRO, 2010). Al fine di attestare la vulnerabilità ai problemi di salute derivanti da questo tipo di carriera professionale, tra le vittime professionali causate da incidenti automobilistici negli Stati Uniti, il 46% dei decessi è stato rappresentato da camionisti (CHEN, 2015).

Il presente studio era diretto a rispondere alla seguente domanda guida: Quali sono le caratteristiche di alcuni dei determinanti sociali della salute dei camionisti di un’autostrada federale in Brasile?

La necessità di questo studio è giustificata dai dati trovati nella letteratura scientifica che mostrano il rischio per la salute innescato dalla professione di camionista. L’esercizio di questa professione richiede poche ore di sonno e lunghi periodi lontano da casa, che si aggiungono allo stress e all’ansia causati dal traffico e dalle cattive abitudini alimentari. Pertanto, questi fatti aumentano la vulnerabilità di questi lavoratori a vari problemi di salute, evidenziando infezioni sessualmente trasmissibili (IST), predisposizione a malattie croniche, incidenti stradali e malattie emotive, come la depressione (HINO et al 2017).

Pertanto, l’obiettivo era quello di verificare le caratteristiche di alcuni dei determinanti sociali della salute dei camionisti di un’autostrada nello stato di Rio de Janeiro (RJ), in Brasile.

2. METODOLOGIA

Il presente studio ha un approccio quantitativo ed esplorativo ed è stato trasversale. Ha valutato i camionisti che transitano sull’autostrada BR-101, nel comune di Casimiro de Abreu, situato nello stato di Rio de Janeiro, in Brasile. La raccolta dei dati è avvenuta durante un’azione di promozione della salute per i camionisti, tenutasi il 14 luglio 2018. Questa azione è stata promossa dall’Università Federale Fluminense (UFF) del Rio das Ostras Campus, in collaborazione con la città di Casimiro de Abreu, e ha avuto il sostegno della Polizia Stradale Federale (PRF). Accanto alla stazione di polizia federale è stato allestito uno stand, in cui sono state offerte la valutazione della pressione sanguigna, il taglio di capelli e la guida difensiva.

La raccolta dei dati si è basata su interviste condotte attraverso un modulo contenente domande chiuse sulla salute socioeconomica, demografica e fisica e mentale dei camionisti. Lo strumento è stato precedentemente elaborato sulla base di domande esistenti nella forma fornita dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE) e domande specifiche per questa popolazione, in cui è stato pre-testato. Sotto la guida degli insegnanti che organizzano l’azione, gli studenti universitari infermieristici hanno applicato i questionari il giorno dell’azione. Per ogni camionista partecipante è stato applicato il modulo di consenso gratuito e informato (TCLE). I criteri di inclusione erano i camionisti (autonomi e flotta) che transitavano sulla BR 101 nel tratto di Casimiro de Abreu. Il campione di ricerca è stato caratterizzato come convenienza, e sono stati reclutati camionisti che hanno ridotto la velocità del veicolo per vedere la Polizia Federale, fermandosi sul lato dell’autostrada e che all’epoca mostravano interesse a partecipare all’azione. Il campionamento di convenienza è adeguato se utilizzato principalmente nella ricerca esplorativa, con l’obiettivo di ottenere una risposta in modo rapido ed economico e di generare idee (OLIVEIRA, 2001).

I dati raccolti sono stati inseriti in un foglio di calcolo e analizzati mediante misure di tendenza e proporzione centrali. I dati sono stati elaborati nel Programma R, che è gratuito e disponibile per il download. I risultati sono stati rappresentati in grafici e tabelle.

Il presente studio fa parte del progetto presentato e approvato al Comitato Etico e di Ricerca (CEP) dell’Ospedale Universitario Antônio Pedro (HUAP). Essere il ricercatore impegnato a seguire tutti i principi e le norme prestabiliti dalla Risoluzione n. 466/2012 del Consiglio Nazionale della Sanità (CNS), che regola la ricerca che coinvolge gli esseri umani (BRASIL, 2012). Approvato dal Comitato Etico della Ricerca (CEP HUAP/UFF), CAAE: 73671617.5.0000.5243 Numero di parere: 2.384.79.

3. RISULTATI

Il campione della ricerca era di 28 camionisti. Le principali caratteristiche sociodemografiche dei partecipanti erano maschili (100%) e l’età media di 46 anni, con l’età più bassa osservata a 23 anni e l’età di 64 anni (figura 1). Il reddito mensile medio trovato era di R$ 2.000,00, con il valore minimo del reddito osservato di R$ 1.000,00 e il massimo di R$ 10.000,00. Il luogo di residenza con la più alta predominanza è stato lo stato di Rio de Janeiro, dove il 78,6% dei camionisti ha alloggi fissi (Tabella 1). Si è constatato che il regime di lavoro più diffuso era il carico di lavoro giornaliero di 8 ore, che rappresentava il 35,7% degli autotrasportatori partecipanti, e che il 50% dei camionisti è qualificato come categoria “D” (tabella 2 e figura 2).

Figura 1 – Boxplot della distribuzione dell’età dei camionisti in BR 101 – Casimiro de Abreu, 2018.

Fonte: archivio personale

Tabella 1 – Distribuzione delle variabili relative al luogo di residenza dei camionisti, 2018.

Luogo di residenza Percentuale (N= 28)
Espírito Santo 3,6 %
Minas Gerais 3,6 %
Pernambuco 3,6 %
Rio de Janeiro 78,6 %
São Paulo 10,7 %

Fonte: archivio personale

Tabella 2 – Distribuzione delle variabili relative al carico di lavoro e alla categoria di qualificazione dei camionisti, 2018.

Categorie di qualifiche         Percentuale (N=28)
B 7,1 %
C 19,9%
D 50,0 %
E 25,0 %
Carico                              Percentuale (N=28)
Da 5 a 6 ore 14,3 %
Ore 7 14,3 %
Ore 8 35,7 %
Da 8,1 a 10 ore 17,9 %
Da 11 a 12 ore 14,3 %
Alle 15:00.m. 3,6 %

Fonte: archivio personale

Figura 2 – Boxplot della distribuzione del carico di lavoro giornaliero dei camionisti in BR 101 – Casimiro de Abreu, 2018.

Fonte: archivio personale

Per quanto riguarda gli incidenti stradali che si verificano durante il viaggio di lavoro, la maggior parte dei camionisti che hanno partecipato allo studio ha riferito di non aver subito incidenti sulle autostrade. Per quanto riguarda il trasporto di prodotti pericolosi, quasi il 100% dei camionisti non ha eseguito questo tipo di trasporto (tabella 4).

Tabella 3- Distribuzione delle variabili relative all’incidente e al tipo di materiale trasportato dai camionisti, 2018.

Incidenti stradali Percentuale (N= 28)
32,1 %
No 67,9 %
Trasporto di materiali pericolosi (N=28)
7,1 %
No 92,8 %

Fonte: archivio personale

Per quanto riguarda la salute dei camionisti partecipanti, è stata studiata la questione della copertura per piano sanitario, delle malattie croniche e dell’uso di sostanze lecite. Nel contesto della copertura assicurativa sanitaria, la più alta percentuale di camionisti non aveva un’assicurazione sanitaria, rappresentando il 71,4% dei partecipanti. Nelle variabili delle malattie croniche, l’89,3% dei partecipanti ha riferito di non avere il diabete e l’85,7% ha riferito di non essere ipertensivo. Per quanto riguarda l’uso di sostanze lecite, l’89,3% dei partecipanti ha dichiarato di non praticare il fumo (tabella 4).

Tabella 4 – Distribuzione delle variabili relative alla salute dei camionisti, 2018.

Ha un’assicurazione sanitaria Percentuale (N= 28)
28,6 %
No 78,4 %
Diabete  (N= 28)
7,1%
No 89,3 %
Non ha fatto rapporto 3,6%
Ipertensione (N=28)
10,7 %
No 86,5 %
Non ha fatto rapporto 3,6%
Fumatori (N= 28)
10,7 %
No 89,3 %

Fonte: archivio personale

4. DISCUSSIONE

Il profilo dei camionisti intervistati non sembra differire da altri studi nazionali, con la stragrande maggioranza dei camionisti con un reddito mensile leggermente superiore a 1 salario minimo (R$ 998,00  fino alla pubblicazione del presente studio) e con un carico di lavoro di 8 ore di lavoro. Vale la pena ricordare che nella maggior parte dei casi, gli autisti dei trasporti formano il loro reddito mensile con una combinazione di stipendio e commissione, il che caratterizza il motivo per cui molti lavoratori scelgono di guidare camion. Tuttavia, questo modello economico influisce direttamente sulle loro condizioni di lavoro, motivo per cui molti camionisti riportano in studi trovati in letteratura l’usura subita da lunghi orari di lavoro (CNT, 2016; TRILICO, 2015; DELFINO, 2015).

Tuttavia, i camionisti che lavorano con un carico di lavoro giornaliero superiore a quello stabilito dalla legge, nel presente studio, rappresentavano il 17,9% dei partecipanti, il che è stata un’osservazione interessante, in quanto suggerisce l’adozione della logica della “redditività” da parte dei lavoratori. In altre parole, più velocemente si arriva ai punti di consegna e si spedire la merce assegnata al proprietario, maggiore è la fatturazione al lavoro, in quanto si farà un numero maggiore di consegne. Tuttavia, questo atteggiamento può richiedere un aumento del carico di lavoro settimanale attraverso tempi di riposo più brevi e il più breve verificarsi di interruzioni su lunghe distanze percorse, generando un rischio più elevato di sonnolenza e fornendo il consumo di stimolanti, legali o illegali (THOMPSON; STEVENSON, 2014).

In questo contesto, secondo la ricerca condotta da Hino et al (2017), la maggior parte dei camionisti che partecipano al loro studio hanno riferito di aver cercato il sistema sanitario, in cure urgenti e di emergenza, in situazioni di dolore intenso e acuto. Questo scenario rafforza il modello di salute biomedica, focalizzato sulla guarigione, che si aggiunge al fatto che possibilmente lavorare sulla logica della redditività può generare diversi danni alla salute dei camionisti.

Citando anche i risultati di Hino et al (2017), riguardanti l’assistenza sanitaria, i loro risultati sono in accordo con i dati osservati in questo articolo, perché una parte dei camionisti valutati ha riferito di non avere un’assicurazione sanitaria, il che rende ancora più difficile l’accesso ai metodi di prevenzione. D’altra parte, un’analisi comparativa dei dati dell’attuale studio con i risultati presentati da Ramos et al (2018), osservando la salute da un altro approccio, ci consente di analizzare che, in entrambi gli studi, è stata osservata una percentuale ridotta di camionisti a cui è stata diagnosticata ipertensione arteriosa sistemica e diabete mellito. Anche Ramos et al (2018) ha rilevato nei camionisti partecipanti al loro studio una percentuale di diagnosi del 17,84% per l’ipertensione arteriosa sistemica e del 9,73% per il diabete mellito, ottenendo valori più elevati di pazienti ipertensivi e un valore approssimativo dei diabetici rispetto ai risultati trovati nel presente studio.

La ricerca condotta da Angeles et al (2014) sulla mancanza di cure primarie e sulla salute dei camionisti rivela che, sebbene una piccola percentuale di camionisti che partecipano allo studio ha evidenziato una certa storia di malattie, come diabete mellito, malattie cardiache e polmonari, è stata rilevata un’alta prevalenza di fattori di rischio per le malattie croniche e cardiovascolari. Tra i fattori di rischio che sono stati trovati l’assunzione giornaliera di sale al di sopra della media raccomandata e una dieta povera di nutrienti, ha ricevuto maggiori evidenziazioni. Pertanto, anche se i camionisti che partecipano allo studio attuale non presentano una prevalenza significativamente elevata della storia delle malattie croniche, questo fatto non dovrebbe escludere un rischio elevato per le condizioni future. Pertanto, è essenziale che i camionisti ricevano un follow-up sanitario, in particolare dal sistema sanitario unificato, dato che nel nostro studio il 71,4 per cento dei camionisti non aveva un’assicurazione sanitaria.

Un altro punto da sottolineare è che il fatto che i camionisti studiati non abbiano malattie croniche, come il diabete mellito e l’ipertensione arteriosa sistemica, può essere correlato alla mancanza di follow-up medico, che ostacola una possibile diagnosi. Diversi camionisti non cercano il sistema sanitario per le consultazioni e questa situazione è associata alla routine esaustiva del lavoro insieme alle norme sociali relative alla mascolinità. Questo atteggiamento è confermato da una ricerca condotta in un centro sanitario all’interno di San Paolo, in cui la cura degli uomini era legata al trattamento di malattie croniche, come diabete mellito, ipertensione arteriosa sistemica e malattie delle vie respiratorie. Tuttavia, i metodi di prevenzione delle malattie, sia primari che secondari, sono stati adottati da meno della metà degli uomini trattati, rivelando che l’approccio all’assistenza sanitaria per il pubblico maschile è più focalizzato sulla cura delle malattie che sull’uso di metodi di prevenzione delle malattie (BERTOLONI; SIMNETTI, 2014).

Per quanto riguarda gli incidenti stradali e il loro rapporto con il carico di lavoro, è stato osservato che più della metà dei camionisti che compongono lo studio ha riferito di non aver subito alcun tipo di incidente stradale durante l’orario di lavoro. Questo risultato può essere collegato al fatto che quasi la metà dei camionisti partecipanti lavora 8 ore al giorno, non superando il limite richiesto dalla legge. Secondo Fragosso et al (2019), tra i fattori che predispongono il verificarsi di incidenti sul lavoro con camionisti che percorrono lunghe distanze, vengono evidenziati gli alti orari di lavoro e la mancanza di riposo vissuti da questi professionisti.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

La professione di camionista è una carriera che aumenta la vulnerabilità dei lavoratori a malattie e altre lesioni, poiché le caratteristiche specifiche di questo esercizio lavorativo e del loro ambiente di lavoro forniscono al lavoratore di adottare cattive abitudini alimentari e di riposo, oltre a favorire lo stile di vita sedentario, lo stress e la ridotta domanda di un servizio sanitario primario. In parte, le prove presentate nel presente studio confermano le informazioni trovate in letteratura nella misura in cui sono stati osservati il carico di lavoro giornaliero e il verificarsi di incidenti stradali durante l’imbarcazione, due situazioni estremamente rilevanti per tracciare il profilo della vulnerabilità lavorativa dei camionisti. In teoria, ciò che si ha è che più basso è il carico di lavoro giornaliero, minore è il rischio di insorgenza di incidenti e viceversa.

Un altro punto rilevante sollevato nel presente studio è stata la scarsa individuazione delle diagnosi di malattie croniche. Tuttavia, questa constatazione non si traduce in uno stile di vita sano dei camionisti intervistati, che si suppone sia coperto da una piccola domanda di servizi sanitari per la diagnosi e da una prognosi di problemi di salute generati da uno stile di vita malsano promosso da questa professione. Pertanto, si suggerisce di condurre ulteriori studi che coinvolgano questi lavoratori per presentare nuove azioni volte a promuovere la salute e il benessere dei camionisti, al fine di ridurre le vulnerabilità sociali innescate dalla professione con il supporto in prove scientifiche.

6. RIFERIMENTI

ALESSI, Angélica; ALVES, Márcia. Keller. Hábitos de vida e condições de saúde dos caminhoneiros do Brasil: uma revisão da literatura. Revista Ciência e Saúde, v. 8. n. 3, p. 129-136, 2015. Disponível em: <https://www.researchgate.net/publication/292076975_Habitos_de_vida_e_condicoes_de_saude_dos_caminhoneiros_do_Brasil_uma_revisao_da_literatura>. Acesso em: 27/07/2020.

ANGELES, Ricardo et al. Primary health care needs for a priority population: a survey of professional truck drivers. Work, v. 49, p. 175–181, 2014. Disponível em: <https://www.researchgate.net/publication/242332741_Primary_health_care_needs_for_a_priority_population_A_survey_of_professional_truck_drivers>. Acesso em: 27/07/2020.

BETOLLINI, Daniele Natália Pacharone; SIMONETTI, Janete Pessuto. O gênero masculino e os cuidados de saúde: a experiência de homens de um centro de saúde. Revista Anna Nery, v. 18, n. 4, p. 722-727, 2014. Disponível em: <https://www.scielo.br/pdf/ean/v18n4/1414-8145-ean-18-04-0722.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

CNT. Confederação Nacional de Transporte. Pesquisa CNT de perfil dos caminhoneiros 2016. Brasília: CNT, 2016. 98 p. Disponível em: <http://cms.cnt.org.br/Imagens%20CNT/PDFs%20CNT/Pesquisa%20de%20Perfil%20dos%20Caminhoneiros/Pesquisa_CNT_de_Perfil_dos_Caminhoneiros_2016_Completo.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

CHEN, Guang. X. et al. Vital signs: seat belt use among long-haul truck drivers – united states, 2010. Morbidity and Mortality Weekly Report, v. 64, n. 8, p. 217-221, 2015. Disponível em: <https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4584718/pdf/217-221.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

COSER, Janaina et al. Triagem dos perfis lipídico de glicídico em caminhoneiros que trafegam no centro unificado de fronteira, entre Brasil e Argentina. Revista Brasileira de Analises Clinicas, v. 41, n. 3, p. 223-228, 2009.

DELFINO Livia Guimarães; MORAES, Thiago Drumond. Percepções sobre adoecimento para caminhoneiros afastados pelo sistema de previdência social. Revista Estudos Interdisciplinares em Psicologia, Londrina, v. 6, n. 2, p. 113-143, 2015. Disponível em: <http://www.uel.br/revistas/uel/index.php/eip/article/view/23932/17866>. Acesso em: 27/07/2020.

FRAGOSO JUNIOR, Ademar; GARCIA, Eduardo Garcia. Transporte rodoviário de carga: acidentes de trabalho fatais e fiscalização trabalhistas. Revista Brasileira de Saúde Ocupacional, v. 44, n. 3, p. 1-12, 2019. Disponível em: <https://www.scielo.br/pdf/rbso/v44/2317-6369-rbso-44-e3.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

HINO, Paula et al. Análise dos cuidados à saúde dos caminhoneiros. Revista de Enfermagem UFPE online, Recife, v. 11, n. 11, p. 4741-4748, novembro, 2017. Disponível em<https://periodicos.ufpe.br/revistas/revistaenfermagem/article/view/231217/25231>. Acesso em: 27/07/2020.

MASSON, Valéria Aparecida; MONTEIRO, Maria Inês. Estilo de vida, aspectos de saúde e trabalho de motoristas de caminhão. Revista Brasileira de Enfermagem, Brasília, v. 63, n. 4, p. 533-540, 2010. Disponível em: <https://www.scielo.br/pdf/reben/v63n4/06.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

RAMOS, Bruna Helena et al. Condições de vida, trabalho e saúde de motoristas de transporte de cargas. Revista de Enfermagem UFPE online, Recife, v. 12, n. 1, p. 150-159, 2018. Disponível em: <https://periodicos.ufpe.br/revistas/revistaenfermagem/article/view/22922/25967>. Acesso em: 27/07/2020.

OLIVEIRA, Tânia Modesto Veludo de. Amostragem não probabilística: adequação de situações para uso e limitações de amostras por conveniência, julgamento e quotas. Revista de Administração Online, v. 2, n. 3, p. 1-13, 2001. Disponível em: <https://pesquisa-eaesp.fgv.br/sites/gvpesquisa.fgv.br/files/arquivos/veludo_-_amostragem_nao_probabilistica_adequacao_de_situacoes_para_uso_e_limitacoes_de_amostras_por_conveniencia.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

THOMPSON, Jason; STEVENSON, Mark. Associations between heavy-vehicle driver compensation Methods, fatigue-related driving behavior, and sleepiness. Traffic Injury Prevention, v. 15, p. 10-14, 2014. Disponível em: <https://www.researchgate.net/publication/266797765_Associations_Between_Heavy-Vehicle_Driver_Compensation_Methods_Fatigue-Related_Driving_Behavior_and_Sleepiness>. Acesso em: 27/07/2020.

TRILICO, Matheus Luis Castelan. et al. Discursos masculinos sobre a prevenção e promoção da saúde do homem. Revista Trabalho e Educação em Saúde, Rio de Janeiro, v. 13, n. 2, p. 381-395, 2015. Disponível em: <https://www.scielo.br/pdf/tes/v13n2/1981-7746-tes-sip00015.pdf>. Acesso em: 27/07/2020.

[1] Dottorato di ricerca in scienze della salute, Professore Associato Fluminense Università Federale (UFF).

[2] Studente infermieristico.

[3] Laureato in Infermieristica.

[4] Dottorato in Scienze della Salute – UNIRIO

[5] Dottore in sanità pubblica.

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: novembre 2020.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 72791
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?