Início Salute I rapporti tra antropologia e psicoanalisi: Freud e Wundt inattesa collaborazione

I rapporti tra antropologia e psicoanalisi: Freud e Wundt inattesa collaborazione

RC: 3314 -
I rapporti tra antropologia e psicoanalisi: Freud e Wundt inattesa collaborazione
Classificar o Artigo!
996
0
ARTIGO EM PDF

SANTOS, Alan Ferreira dos [1]

SANTOS, Alan Ferreira dos – I rapporti tra antropologia e psicoanalisi: Freud e Wundt inattesa collaborazione. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 6, pp. 5-14, agosto 2016. ISSN: 0959-2448

RIEPILOGO.

I rapporti tra antropologia e psicoanalisi, è stato discusso qualche tempo nel mondo accademico, principalmente a causa della varietà epistemologica in entrambe le discipline. Questo articolo è una ricerca bibliografica di natura qualitativa. Aveva lo scopo di capire come Freud reelaborou i concetti della psicologia sperimentale Wundtiana, considerando che tale sviluppo ha fornito la base di un'antropologia psicoanalitica, da questo punto di vista che ci focalizzeremo sulle discipline disparate come possibile per qualcosa di unico, come tali rapporti. Si è concluso che tale rapporto è stato reso possibile dal fatto che sia scienza (psicoanalisi) e (psicologia sperimentale) studiare un oggetto simile, e che pur essendo distinte, queste ipotesi non ha impedito le indagini sul fenomeno stesso, ma ha permesso al contrario, la teoria di raffinatezza e la produzione di strumenti di indagine.

Parole chiave: Etnopsicanálise. Antropologia. Psicoanalisi.

INTRODUZIONE

I rapporti tra antropologia e psicoanalisi, del XIX secolo con il suo creatore Sigmund Freud (1856-1839) che, poiché le sue lettere a Fliess (1887-1902), viene descritta una procedura che, secondo antropologico, Laplantine (1994) conduce in testi come Totem e tabù (1913), il futuro di un'illusione (1927), malessere nella civiltà (1929) e Mosè e il monoteismo (1938). Lo scambio tra aree è il punto di partenza, secondo l'autore quando il fondatore della psicoanalisi capisce il nevrotico e le primitive che la vita sociale dei nostri antenati è dominato dal rispetto per il totem e la vita psichica del nevrotico, per paura di rompere il tabù, c'è una stretta relazione tra il "primitivo" , il nevrotico e i bambini e, dalla rifrazione, tra il campo antropologico e il campo psicoanalitico (LAPLANTINE, 1998).

Con questo, assimilare gli aspetti di popoli Staples per quanto riguarda la legge e la società civile, rendersi conto che la stessa impostazione che governa la vita primitiva, la vita civile, soprattutto per quanto riguarda il nevrotico e i bambini. Uccidere il totem (il padre) e sposare donne appartenenti al concentrato totem tutti ambivalenza affettiva della società arcaiche e processi psichici dei bambini. E, soprattutto, quelli sono i due crimini di Edipo! Così, i nevrotici rapporto-primitive-bambini possono lavorare (LAPLANTINE, 1998).

In questo senso, Freud produce una sottile corrispondenza e al stesso tempo penetranti allargamentodell ' psicoanalisi, limitando non solo il campo di psicopatológico, ma l'analisi verso il nucleo della costituzione umana, che è esattamente ciò che è l'essere umano nelle sue correlazioni nelle società primitive, come in civile, ciò che è comune tra di loro , che favorisce la patologia e quale suo ruolo nelle relazioni sociali. Per la scrittura di Totem e tabù, Freud Esplora un considerevole materiale preso in prestito dalla storia delle religioni, delle cerimonie magiche, arcaiche, ma inizialmente e soprattutto, di quello che, al momento, si distingue come il più affascinante campo dell'antropologia: il totemismo. Ma Freud non si limita a raccogliere e raggruppare documenti. Il requisito è una fondazione, che avrebbe unito la psicologia del bambino, i processi psicopatologici e la vita sociale del "primitivo". Freud capisce che l'obiettivo della psicoanalisi è l'universalità della spiegazione proposta.

Con che inaugura un nuovo metodo di ricerca, dove nel materiale utile al clinico spiegazione dei contenuti culturali, come spiegazione per i miti, la magia, la religione e l'arte. In questo senso la metodologia freudiana include nella propria cantina il contributo dell'antropologia. È una metodologia che può essere qualificata una metodologia di partite e che, nel campo delle scienze umanistiche, è veramente un pioniere. La connessione depreendida in Totem e tabù tra tabù e la nevrosi ossessiva servirà come un rivelatore e modello epistemologico per la creazione di tutta una serie di altre relazioni: la nevrosi e la magia, isteria e opera d'arte, la paranoia e la filosofia. In altre parole, ciò che Freud comprende attraverso i sintomi e dei discorsi più soggettivi e individuali dei propri clienti porta ciò che scopre, da altri percorsi, nella storia, mitologia, letteratura, religione, nei riti, usanze e credenze. In sintesi, ci sono le corrispondenze tra i processi che operano nella psiche, che può essere grippata dalla procedura clinica e culturali materiali raccolti da etnologo (LAPLANTINE, 1998).

FREUD E WUNDT

Dobbiamo capire il design di Freud nella creazione del suo lavoro, per capire l'ulteriore sviluppo, che si tradurrebbe in relazioni con altre scienze, soprattutto antropologia e sociologia, ricordando che lo stesso mai fatto distinzioni di linee di pensiero, tenendo sempre a ciò che era un fatto concreto, rivisitazione e una rimodernizzazione al fine di produrre nuova conoscenza. Enriquez (2005) descrive come Freud aveva un interesse in psicologia e scienze sociali:

[…] Egli ha sottolineato l'originalità dell'approccio psicoanalitico (l'esplorazione dei processi inconsci e individui ai fini del trattamento delle nevrosi) e i contributi che questa nuova prospettiva scientifica (e di rinnovare la propria concezione della scienza) potrebbe offrire alle scienze sociali; con l'inconscio gioca un ruolo quasi sempre fondamentale e, in ogni caso, importante in tutta la condotta umana. Più tardi, nei suoi testi detti antropologici o sociologici, "Totem e tabù (1913/1996)[1912-13]" Mosè e il monoteismo "(1939/1996), [1934-38]egli si sforzerà di distinguere le origini e le trasformazioni del legame sociale. (ENRIQUEZ, 2005, p. 154).

Nel libro la psicologia delle masse e analisi io "dice Freud (1921):

Qualcos'altro è invariabilmente coinvolti nella vita mentale dell'individuo, come un modello, un oggetto, un aiutante, un avversario, così che, fin dall'inizio, la psicologia individuale, pertanto ampliato, ma le parole del tutto giustificato, è, allo stesso tempo, psicologia sociale. (FREUD, 1921/1996, pag. 81).

In questa direzione, e ci sembra che, per capire l'essere umano, è una cosa impossibile se uno non capisce il gruppo. Che cosa è indicata anche dallo psicologo Siegmund Foulkes Heinz (1898-1976) che dirà che il soggetto è "il collegamento di una catena lunga" (1978, p. 156).

Abbiamo visto finora, che c'è che un'inclusione di freudiano pensato prospettiva, se c'è un bisogno di lasciare il soggetto per comprenderla in modo dinamico, si presenta come un corollario la decentralizzazione di un disegno naturalistico, citando Foucault:

[…] L'importanza storica di Freud tratta, senza dubbio, l'impurità stessa dei loro concetti: era all'interno del sistema freudiano che ha prodotto questa inversione della psicologia; E ' stato nel corso della causale analisi freudiana è diventato genesi dei significati, che evoluzione dà il suo posto nella storia, e che il richiamo alla natura è sostituito dall'obbligo di esaminare il milieu cultura. (FOUCAULT, 1999, p. 129-30).

In questo modo la psicoanalisi, foglie un campo naturale di ciò che Freud aveva creato il "progetto per una psicologia scientifica", questo è quello che voleva fare "un[…]a psicologia che è una scienza naturale della struttura" (FREUD, 1996/1895, p. 395). Dirigendosi verso un nuovo modo di pensare la psiche e la realtà sociale, pratico fornisce le proprietà per altre scienze, tra cui antropologia, Schaden dice:

Prima di psicoanalisi, non c'era nessun lavoro sistematico sulla situazione sociale e fenomeni psichici di immaturi nella società primitive. Con l'avvento di questa teoria e la costituzione concomitante di una comprensione soddisfacente della relatività culturale sulla base del configuracionismo, avviare gli antropologi, soprattutto in · Stati Uniti, osservando i processi di educazione della prima infanzia in varie società tribali. Questa innovazione è venuto contro una necessità sempre sentita dall'antropologia americana: il per attivare e disattivare lo stato di collaborazione a qualsiasi compito pratico. È comprensibile, pertanto, che, una volta trovato, per la psicoanalisi, la connessione tra individuale e socio-psico-cioè un lato, esperienze bambini standard e, da altro, un tipo corrispondente di personalità-, non tardasse ad emergere, come Erasmus, ricordano la trasposizione di una psicologia terapeutica al piano di terapia sociale. Era la prima volta che se ha offerto l'opportunità, antropologo lasciare la Torre d'Avorio e di presentarti con scopi di applicazione. Sono evidenti scopi, ad esempio, sui contributi di Margaret Mead, degno di nota propugnadora di antropologia applicata negli Stati Uniti. Tale è il Consiglio pratico si è sviluppata che · Linton arriva a proclamare nel 1940 che la psicologia e antropologia hanno di scopo comune cm controllo cosciente e la direzione dell'esistenza umana. " (SCHADEN, 1956, p. 147).

Diversi contributi al fine di costituire una teoria su Freud, Monique Augras (1995) dimostra che l'autore ha prodotto più di preso in prestito da altri antropologi, facendo qualcosa sui generis nella zona. Valore questo esattamente nella forma qualcosa di nuovo, che consenta lo scambio delle diverse aree. Oggi vediamo pregiudizi nel campo della conoscenza, con varie discipline sempre più, in completa uguaglianza. Chi avrebbe mai pensato in questo giorno ed età, una relazione tra psicoanalisi e psicologia sperimentale. Beh, ciò in cui crediamo è che Freud si aggirava per tutti i campi della conoscenza e per stabilire il suo rapporto all'antropologia abituati a questo, cioè, la psicologia sperimentale di Wundt (1832-1920), affermazioni come questa "psicoanalisi sono una parte della psicologia" (FREUD, 1996[1927], p. 286) e che Wundt avrebbe primo ponte che collega la psicologia sperimentale alla psicoanalisi "(FREUD 19[1914]96, p. 39) sono di vario tipo quando Freud fa inizio della psicoanalisi e le loro relazioni, dice fino a quando la loro scienza sarebbe la "lega" tra psichiatria e i rami delle scienze mentali (FREUD, 19[1926]96, p. 307), secondo Augris:

Freud ha pubblicato la serie di quattro prove, che poi ha riunito sotto quel titolo, nella rivista Imago, stimolato-dice-dal lavoro della "scuola di Zurigo" (leggi Jung) e dall'opera di Wundt. (AUGRIS, 1995, pag. 4).

Il padre della psicoanalisi rende alcuni aggiustamenti dei concetti sperimentali alla psicoanalisi, con l'obiettivo di ottenere una maggiore precisione, ma percepisce una dicotomia nel suo tempo cercando di lei supera:

Wundt vuole spiegare la psicologia sociale di psicologia individuale (non Analitica) e Jung vuole fare altrimenti utilizzando materiale derivato da psicologia sociale ai problemi della psicologia individuale. Freud intende offrire antropologi un modo per superare i dissensi, attraverso un'ipotesi psicoanalitica che consente di unificare le informazioni contraddittorie e anche aprire nuovi percorsi per comprendere l'uomo. (Ibidem, pag. 5).

Idee di antipodi è diventato un problema per essere risolto e non negato, tuttavia, nel presente, diventa un caos di produrre conoscenza, senza la quale le varie imiscua si avvicina la propria produzione. Ogni minuto una nuova "scienza", o uno sguardo "antropologico". È molto comune al giorno d'oggi tale polarizzazione, "sapere", che potrebbe essere elaborato da varie aree con coerenza epistemologica, prendendo in prestito da molti campi, oggi è impensabile. Abbiamo ogni individuo con una nuova metodologia di ricerca o la scoperta di scienza, ma questo non è limitato alla psicologia o antropologia, è tutte le aree (all'interno di discipline umanistiche).

Il processo di conoscenza, verso una scienza rigorosa, sembrare obsoleto secondo il discorso attuale, che dice: la scienza è "on", la realtà è la "percezione del soggetto" e il "fenomeno si è verificato", così le grandi strutture del pensiero sono perse. La scienza psicoanalitica solo potrebbe depositarsi nella metà del XX secolo, esattamente dalle scoperte dei determinanti psicologiche, la patologia chiamata isteria, è trovato oggi meno rispetto a prima, ma il suo funzionamento psichico è lo stesso, la logica della libido, il cathexis psichica, objetal istanze e altri meccanismi psicologici sono in vigore, perché sono la vita biologica e mentale costituenti degli esseri umani.

Quello che produce il loro modo e Wundt che chiamato psicologia sperimentale, ora chiamata neuroscienze comportamentali, è interessante come Freud intercala concezioni, non solo tuo, ma anche dai loro allievi, come Carl g. Jung (1875-1961), Ferenczi (1873-1933), Melanie Klein (1882-1960) e altri "Freud incorpora gran numero di riferimenti prelevati da giovani generazioni di psicoanalisti suoi discepoli, come Ferenczi, Alexander , Reik, m. Klein "(AUGRIS, 1995, pag. 1).

Prendiamo, ad esempio il modo in cui reelaborou di Freud il concetto di proiezione:

[…] il concetto di proiezione, che per Wundt era necessariamente legato a sentimenti negativi di paura e pericolo e che Freud si estende per affermare la sua ambivalenza. La caratteristica del tabù è precisamente per designare un oggetto come essendo, allo stesso tempo, temuto e desiderabile. A partire da Wundt, Freud si oppone a certe concezioni del maestro di Lipsia, per subito dopo, nella sintesi vigorosa, recuperare il concetto di proiezione, che istituisce l'analogia tra il processo sociale e meccanismi di difesa individuale. Introducendo il desiderio come formatore del tabù, Freud, tuttavia, dare un'altra dimensione alla proiezione wundtiana, con l'incorporazione della motivazione sessuale. (Ibidem, pag. 6).

Freud si sviluppa un concetto ha, da uno esistente, il contrasto è forte, psicologo sperimentale di Wundt e Freud un'uguale "soggettivista" si chiama la corrente critica, pur essendo entrambi di campi diversi, questo non era il modo per nuove scoperte. È importante notare che ciò che era comune fra entrambi era l'oggetto della ricerca, vale a dire "processi mentali".

Tuttavia, che non ha anche detto da Augris (1995) si è saputo oggi che al momento non c'era un enorme reacionarismo entro l'antropologia e la psicoanalisi, a causa di illazioni, ma che più tardi è stata accettata sostanzialmente per la maggior parte degli intellettuali "è curiosa notare quanti sforzi sono state fatte da entrambi antropologi e psicoanalisti, per, allo stesso tempo, considera Totem e tabù mera favola e tuttavia salvare tutti i tuoi proposizioni "(AUGRIS, pag. 4).

Abbiamo ancora difficoltà con modelli universali, proprio come ha detto prima, sui diversi approcci, ancora rende difficile avere un dialogo con gli altri sapendo, perché "si verifica, tuttavia, che gli antropologi più contemporanei dubita dell'esistenza di modelli generici e senza tempo" (AUGRIS, pag. 4).

Una situazione di stallo non impedisce nuovi concetti e nuove formulazioni sono realizzati e che principalmente esplorazione e ricerca empirica è aggiornato, ma senza perdere l'essenza, che è la generalizzazione trovato in oggetti naturali.

CONSIDERAZIONI FINALI.

Quando si considera il rapporto tra antropologia e psicoanalisi, che sono un compito facile, anche per conto di vari autori in campo oggi, è importante capire che questa relazione era così completa, il proprio lavoro di Freud ha numerosi riferimenti, perché la conoscenza è così, dalle sonde precedenti, affermativa successiva , che è importante sia per dare priorità a coloro che hanno già fatto le scoperte e anche per evitare la produzione inutile di qualcosa che già esiste.

Cosa succede se lo scopo di dimostrare è come Freud ha interagito con un altro campo della psicologia, che è sperimentale, dove i concetti di "stimolo" sono stati cam[…]biati in "" formazione reattiva "perché abbia coscienza opporsi in realtà entrambe le catene" (AUGRIS, 1995, pag. 4).

Inoltre, ci rendiamo conto che il concetto di proiezione è stato riscritto ottenendo un nuovo senso e incorporando nuove scoperte riguardanti la costituzione dell'essere umano. Un rapporto di simbiosi "e feconda, deve essere salvato anche per capire cosa sta succedendo nel campo dell'antropologia, che cambia il modello di riunione di" analisi del fenomeno "come un mezzo per scoprire altro, per"uno sguardo al fenomeno", in questo senso non estrae il contenuto del materiale raccolto, ma solo" guardare "per lui, vale a dire, descrive l'oggetto. Ciò che complica ancora di più, perché si confonde "Descrizione" con la "teoria", presso la "crisi dei paradigmi esplicativi". Questo è evidente, in modo che secondo Husserl (1859-1938):

[…] Ho pensato che questo schema che distingue la scienza descrittiva ed esplicativa scienza-teorico-bisogno di Brentano e Dilthey in materia di psicologia-do non trova efficace applicazione. Sì, a partire dalla critica del "pregiudicare" naturalista e fisico che è stato la base di tutta la psicologia del suo tempo, Husserl ha sottolineato il concetto di esperienza, che coprono gli aspetti animisti e somatici vissuto umano. E, quanto alla natura di interpretazione, considerato che la distinzione tra discipline descrittive ed esplicative li rende dicotomie, non prendendo in considerazione la ôntico Foundation che li unisce. (Husserl 1976[1954], p. 250-1 apud RAFFAELLI, 2002, pag. 4).

Un altro esplicito pensiero sul tema, è in Claude Lévi-Strauss (1908-2009:

[…] per guardare, è necessario essere all'esterno. Può essere – ed è un'opzione – si preferisce (ma è possibile?) fuse nella comunità con la quale condividiamo l'esistenza, per identificare con lei. C'è la conoscenza. Quindi solo la conoscenza è nato di distanza tra soggetto e oggetto. È uno degli aspetti. In secondo luogo, si adopererà per unirsi a loro. Non ci sarebbe nessuna conoscenza possibile se non distinguíssemos entrambe le volte; ma l'originalità della ricerca etnografica è quella navetta incessante. (STRAUSS, 2005, p. 218).

Pertanto, anche se c'è dissenso nel campo della conoscenza, che in un certo senso è importante, pari dimostrato precedentemente (concetti di Freud ricostruzione di altri autori e producendo nuovi) a altra estremità, diventando infruttuoso, dal fatto che, quando abbiamo non stabilito fatti generali come scienza (e questi sono costituenti di una teoria), aprire spazi per speculazione disinformati generale ed Etnografico daria in Etnologia e infine in antropologia. Quando non ha ottenuto, nel funzionamento del singolare alla universal cioè un caso d'uso e generalizamos e non l'altro senso intorno, che sarebbe adatti, come fatto Freud:

Sentiamo spesso che la scienza dovrebbe essere strutturato in concetti di base chiaro e ben definiti. Infatti, nessuna scienza, né anche la più esatta, comincia con tali definizioni. Il vero inizio dell'attività scientifica è prima la descrizione dei fenomeni, passando poi al tuo gruppo, la loro classificazione e la loro correlazione. (FREUD, 1915/1996, pag. 137).

Il processo è progressivo, che vanno dal più piccolo al più grande, in questo caso che avremmo dovuto avere un numero di ricerca unico che costituirebbe un materiale etnografico, trovare le somiglianze (essenziale), potremmo sviluppare una conclusione e quindi una teoria, avendo la capacità di essere così diffusa, come è stato dimostrato in anticipo loro validità scientifica per mezzo di oggetti naturali, che contiene informazioni di carattere generale su di te :

Solo dopo un'indagine più approfondita del campo di osservazione, siamo in grado di formulare la sua base concetti scientifici con sempre maggiore precisione, modificandoli a diventare utili e coerenti all'interno di una vasta area. Così, in realtà, forse questo è il momento di limitarli nelle impostazioni. L'avanzamento della conoscenza, tuttavia, non tollera alcuna rigidità, anche quando si tratta di definizioni. (FREUD, 1915/1996, pag. 137).

Freud vuole scoprire cosa si nasconde dietro l'apparente, perché questo anche mostrare, nascondere "psicoanalisi non vuole qualcos'altro da scoprire correlazioni, che cosa è un brevetto di ciò che è nascosto" (FREUD, 1913/1996, p. 138).

Al massimo, potremmo dire che la legittimità del campo antropologico viene perso quando la proliferazione della conoscenza senza una metodologia di ricerca rigorosa, e che il salvataggio dei partenariati vecchi come Freud e Wundt come modello metodologico è fondamentale, non copiarli, perché l'oggetto di entrambi ricerca cambiato per andare da 100 anni fa, ma il suo modo di fare scienza , privilegiando la condizione di ricerca non di "uno sguardo" o "oggetto" rappresentazione ma piuttosto la validità della scoperta scientifica in termini generali, forse questa è una possibilità di soluzione del nostro problema.

RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO.

AUGRIS, Monique. Le fonti esplicite del lavoro antropologico di Freud. Brasiliani archivi di psicologia, v. 34, n. 2, p. 3-15, 1995.

ENRIQUEZ, Eugène. Psicoanalisi e scienze sociali. Agora (Rio de Janeiro), v. 8, n. 2, p. 153-174, 2005.

FREUD, S. progetto per una psicologia scientifica. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1895/1996).

FREUD, Totem e tabù. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1913/1996).

FREUD, S. La storia del movimento psicoanalitico. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1914/1996).

FREUD, S. L'unità e le loro destinazioni. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1915/1996).

FREUD, s. psicologia dei gruppi e analisi dell'io. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1921/1996).

FREUD, S. psicoanalisi. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1926/1996).

FREUD, s. PostScript, la domanda di analisi di laici. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1927/1996).

FOUCAULT, m. problematizzazione del soggetto: psicologia, psichiatria e psicoanalisi. (V. Rossi, Trad.). Rio de Janeiro: Università Forensics, (1999).

FOULKES, Siegmund Heinz. Analisi dei gruppi terapeutici. Karnac Books, 1978.

LAPLANTINE, François. Imparare etnopsiquiatria. Editora brasiliense, 1998.

Lévi-STRAUSS, Claude; ERIBON, Didier. Da vicino e lontano. La nuova frontiera, 1990.

RAFFAELLI, Rafael. Collegamenti tra psicoanalisi e fenomenologia. Quaderni di ricerche interdisciplinari nelle scienze umane, v. 3, n. 28, p. 2-14, 2002.

SCHADEN, Egon. Antropologia di fronte psicoanalisi. Giornale di antropologia, v. 4, n. 2, p. 143-150, 1956.

[1] Alan Ferreira dos Santos – laurea in psicologia presso l'Università di São Paulo. E-mail: [email protected]

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here