REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Sindrome da burnout negli operatori sanitari in uno scenario pandemico Covid-19: analisi di un ospedale universitario

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (2 votes)

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SALVIATO, Lais Spinelli [1],  VASCONCELOS FILHO, Paulo de Oliveira Vasconcelos [2]

SALVIATO, Lais Spinelli. VASCONCELOS FILHO, Paulo de Oliveira. Sindrome da burnout negli operatori sanitari in uno scenario pandemico Covid-19: analisi di un ospedale universitario. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 08, Vol. 06, pp. 27-44. Agosto 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/ospedale-universitario

RIEPILOGO

Introduzione: La sindrome da burnout (SB) si verifica quando c’è esaurimento fisico ed emotivo del lavoratore. La ricerca ha dimostrato che le caratteristiche del lavoro sono associate allo sviluppo di questa malattia. La pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19) è stata responsabile della creazione di nuove sfide per gli operatori sanitari legate all’emergere di una nuova malattia, come: carichi di lavoro prolungati e sensazione di insicurezza per una possibile infezione da virus. Domanda guida: Qual è la prevalenza di SB tra gli operatori sanitari che lavorano in prima linea nella lotta contro COVID-19? Obiettivo: Lo scopo di questa ricerca era quello di analizzare le ripercussioni della pandemia COVID-19 sullo sviluppo della SB tra gli operatori sanitari che lavorano per combattere la malattia. Metodologia: L’indagine è stata condotta interamente attraverso mezzi digitali. La ricerca ha utilizzato il Inventario del burnout di Maslach per dimostrare la presenza della sindrome tra i partecipanti e ha correlato le informazioni ottenute con i dati di un questionario sociodemografico per analizzare il suo impatto sullo sviluppo della SB. Risultati: In tutto, 73 persone hanno partecipato allo studio, composto principalmente da infermieri, tecnici infermieristici e medici, di cui l’83,5% erano donne. Lo studio ha mostrato un’alta prevalenza di depersonalizzazione tra i partecipanti (media del 65,51%, più alta nei medici con il 73,3%) e una moderata prevalenza di esaurimento emotivo (media del 48,27%; più alta nei tecnici infermieristici, con il 56,52%). D’altra parte, il basso rendimento personale è stato evidenziato nel 32,75% dei partecipanti, il che ha contribuito alla prevalenza di SB tra gli operatori sanitari nell’ospedale studiato al 14%. Conclusione: Fattori come: la sensazione di realizzazione personale agendo nella pandemia, le strategie di gestione volte a ridurre il sovraccarico di professionisti e le caratteristiche del funzionamento dell’istituzione analizzata possono giustificare la bassa prevalenza della sindrome in questo scenario.

Parole chiave: sindrome da burnout, COVID-19, operatori sanitari.

1. INTRODUZIONE

La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) è stata segnalata per la prima volta a fine dicembre 2019 in Cina e presto ha raggiunto scala mondiale (LIU et al., 2020). Il coronavirus è un betacoronavirus ed è stato chiamato SARS-Cov-2 (LIU et al., 2020). La caratteristica principale della malattia è la polmonite virale con un alto tasso di infezione. Circa il 15% dei pazienti presenta una grave condizione della malattia, che richiede il ricovero in ospedale (OMS, 2021).  La pandemia ha costretto il rimodellamento dei servizi sanitari, con unità specifiche per il trattamento del COVID-19. La ricerca sulla salute mentale dei professionisti della salute che trattano COVID-19 indica che quelli in prima linea sperimentano un grande carico psicologico e presentano esiti di salute mentale molto sfavorevoli, come depressione, ansia e insonnia (LAI et al., 2020; SASANGOHAR et al., 2020).

La sindrome di burnout (SB) è stata identificata nei primi anni 1970 (MASLACH e JACKSON, 1981). Maslach e Jackson, attraverso il Inventario del burnout di Maslach (MBI), hanno condotto un’indagine sulle tre dimensioni che compongono la sindrome: l’esaurimento emotivo, la spersonalizzazione (allontanamento dalla propria personalità e dai propri atteggiamenti) e il ridotto senso di realizzazione personale (MASLACH e JACKSON, 1984; MASLACH et al., 2001). MBI è lo strumento standard per misurare la SB nella ricerca. Le persone che sperimentano le tre dimensioni sono inclini a sviluppare SB, anche se il fattore centrale della sindrome è l’esaurimento emotivo (MASLACH et al., 2001; TAMAYO et al., 2002). I lavori ad alto stress possono portare più facilmente a SB rispetto a quelli con meno stress (CODO, 2003). Gli operatori sanitari sono spesso inclini a SB (EMBRIACO et al., 2007). La sindrome è caratterizzata dall’esaurimento fisico ed emotivo del professionista e si verifica quando l’individuo non ha più strategie per affrontare situazioni e conflitti sul lavoro (CODO, 2003). Pertanto, la SB si verifica quando c’è un’incapacità di affrontare lo stress emotivo sul lavoro o quando viene fatto un uso eccessivo di energia mentale e fisica, che porta a sentimenti di fallimento e esaurimento (MASLACH et al., 2001). Diversi studi indicano che le caratteristiche dell’ambiente di lavoro e del lavoratore sono associate allo sviluppo di SB (TRINDADE et al., 2010; EMBRIACO et al., 2007; EBLING et al., 2012). I sintomi clinici della SB non sono specifici e includono stanchezza, mal di testa, problemi alimentari, insonnia, irritabilità, instabilità emotiva e rigidità nelle relazioni con gli altri. Grandi variazioni nella prevalenza della SB negli operatori sanitari sono state riportate sia negli infermieri che nei medici (EMBRIACO et al., 2007; GREENGLASS et al., 2001; ROTENSTEIN et al., 2018). Il clima sul posto di lavoro e il carico di lavoro sono stati determinanti di SB (CODO, 2003).

Uno studio condotto con operatori sanitari in terapia intensiva durante la pandemia ha dimostrato che, in quasi 9.500 fornitori, lo stress medio auto-riferito, che è stato misurato da uno specifico strumento di studio, ha mostrato un aumento del punteggio valutato da 3 a 8 dopo COVID-19 (SCCM, 2020). Sono stati segnalati come motivi di stress: mancanza di dispositivi di protezione individuale, paura di contrarre la malattia e paura di diffondere l’infezione ai membri della famiglia (SHANAFELT et al., 2020). Oltre a queste preoccupazioni, i conflitti si verificano anche quando c’è una richiesta di cura per i pazienti in una condizione più grave senza avere le conoscenze o la formazione adeguate per farlo (CHUNG et al., 2020). Questi fattori di stress legati al lavoro sono stati associati ad ansia e depressione e riflettono i rischi fisici ed emotivi reali affrontati dai professionisti in prima linea (EBLING et al., 2012).

A causa della velocità di diffusione della pandemia di COVID-19, alcuni operatori sanitari sono stati esposti alla contaminazione e molti alla fine hanno sviluppato la forma grave della malattia. Questo fatto porta anche a una sensazione di insicurezza che può aver aumentato la tensione e lo stress lavorativo dei professionisti direttamente coinvolti nella cura. Lo scopo di questo studio era identificare la prevalenza della SB negli operatori sanitari di un ospedale universitario che lavorano nella lotta contro COVID-19 e come la pandemia ha influito sulla prevalenza della sindrome tra i professionisti che lavorano in prima linea.

2. METODOLOGIA

Il progetto è stato esaminato e approvato dal Comitato Etico della Ricerca (CEP) dell’Università Federale di São Carlos (UFSCar) con il numero CAAE 4.053.302.

Questo è uno studio descrittivo con un design trasversale e un approccio quantitativo effettuato con professionisti della salute che lavorano presso l’Ospedale universitario dell’Università Federale di São Carlos, dove, durante la pandemia, è stata fatta un’adeguatezza per la cura dei pazienti con COVID-19.

Oltre al Inventario del burnout di Maslach adatto per l’assistenza sanitaria / caregiver o servizi umani / sociali (MBI-HSS), è stato elaborato un questionario per la raccolta di dati sociodemografici. Sia il questionario che l’MBI-HSS e il Modulo di consenso informato (TCLE) sono stati trasformati in un modulo online e resi disponibili nell’e-mail di un totale di 293 professionisti e dieci studenti. Pertanto, la raccolta dei dati è stata eseguita attraverso un modulo auto-compilato a cui è stato possibile accedere solo con il consenso del TCLE. La prima parte ha raccolto dati demografici. Il campione finale era composto da 71 professionisti e 2 studenti. I dati sono stati raccolti tra giugno e settembre 2020. I capi e i partecipanti dell’istituzione sono stati informati della natura volontaria, anonima e riservata dello studio ed è stato garantito che i dati raccolti non sarebbero stati utilizzati a fini di valutazione individuale o istituzionale.

L’MBI-HSS è un riferimento universale per la valutazione del SB istituzionale ed è stato tradotto in portoghese, adattato e convalidato da Lautert (1997), Tamayo (1997) e altri. L’MBI valuta le tre dimensioni del SB. Si tratta di una scala Likert a sette punti con 22 domande: nove domande di esaurimento emotivo (EE), cinque per la depersonalizzazione (DE) e otto per risultati personali ridotti (RP), quest’ultimo con punteggio inverso. Il questionario MBI può indicare se una persona tende ad avere SB o se ha già SB. Per il SB manifestato, devono essere presenti le tre dimensioni, cioè gli individui che manifestano SB hanno classificazioni elevate per EE ed ed e bassa classificazione per PR. Le dimensioni dovrebbero essere valutate separatamente, perché il contributo di ciascuna dimensione della sindrome è sconosciuto. Quando tutte le dimensioni sono negative, il rischio di SB è ridotto. Il rischio aumenta man mano che i domini diventano positivi (MASLACH et al., 2001).

Per l’analisi dei dati è stato utilizzato il Pacchetto statistico delle scienze sociali (SPSS), versione 25 (IBM SPSS STATISTICS, 2017). Oltre alle tecniche di analisi esplorativa di base come la media, la deviazione standard e la frequenza, le differenze nelle proporzioni sono state testate dal test di Pearson (chi-quadrato). Per studiare i fattori relativi ai tre aspetti di MBI-HSS (EE, DE e RP), i calcoli sono stati effettuati separatamente per ciascuna categoria. Gli odds ratio (OR) sono stati calcolati con rispettivi intervalli di confidenza del 95% (CI – 95%). Il test di Wald è stato applicato per ottenere stime dell’associazione di variabili sociodemografiche con dimensioni SB. Il livello di significatività (α) è stato fissato al 5%, essendo considerato valori significativi di p <0,05 e intervalo de confiança.

3. RISULTATI

Un totale di 71 questionari sono stati compilati da professionisti ospedalieri e 2 da stagisti medici. Tra i professionisti, 69 lavoravano nella cura del paziente, e questa era la composizione: 25 infermieri, 23 tecnici infermieristici, 15 medici, 6 fisioterapisti e 2 manager. I dati demografici raccolti nei questionari sono presentati nella Tabella 1 e possono essere così riassunti: il 90,4% lavorava direttamente nell’area specifica per i pazienti infetti da COVID-19; la percentuale più alta di intervistati aveva un’età compresa tra i 35 e i 44 anni (53,4%); la più alta prevalenza è stata di donne, con l’83,5% delle risposte. C’era anche una predominanza di bianchi (65,7%); solo il 19,18% del totale viveva da solo; la maggior parte ha avuto almeno un figlio (64,3%); lo stato civile più segnalato è stato l’unione stabile/coniugale (50,6%); Il 61,6% erano residenti in città e non avevano bisogno di recarsi al lavoro. Tutti i partecipanti avevano completato almeno l’istruzione tecnica e, tra i laureati, la maggior parte aveva almeno una laurea (28,7%). Lavorare in più di una sede è stato un fattore segnalato dal 72,6% e, per quanto riguarda il numero di ore lavorate a settimana, la risposta dalle 21h alle 40h ha mostrato una percentuale del 65,75% (Tabella 1).

Tabella 1: Risposte al questionario sociodemografico – São Carlos, Brasile, 2020.

Fonte: autori.

La distribuzione delle dimensioni e le rispettive percentuali sono descritte nella Tabella 2. Una caratteristica comune tra i tecnici infermieristici (TE), gli infermieri (I) e i medici (M) era l’elevato rendimento professionale nelle tre professioni (69%, 76% e 60%, rispettivamente), e anche la depersonalizzazione era elevata (65%, 48% e 73%, rispettivamente). Nel caso dei fisioterapisti (F), le tre dimensioni sono apparse nella metà degli intervistati. Per due manager (MA) e due studenti (IM) partecipanti, la depersonalizzazione era la dimensione presente.

Tabella 2: Dimensioni SB e loro percentuali – São Carlos, Brasile, 2020.

Fonte: autori.

L’associazione tra le dimensioni di SB è presentata nella Tabella 3. Secondo i criteri MBI-HSS, in cinque tecnici infermieristici, tre infermieri, un medico e un fisioterapista, le tre dimensioni positive sono state trovate nelle risposte, che rappresentano la presenza di SB.

Tabella 3 – Distribuzione delle tre dimensioni dell’MBI-HSS e delle rispettive percentuali per ciascuna categoria professionale – São Carlos, Brasile, 2020.

Fonte: autori.

La Tabella 4 mostra la correlazione tra variabili sociodemografiche e dimensioni MBI-HSS per ciascuna categoria professionale. Nel caso dei tecnici infermieristici, è stata osservata un’associazione positiva tra unione coniugale/stabile e realizzazione professionale (OR = 2,25; CI 95% [0,2; 17,7] ; p = 0,04). Per gli infermieri, c’era un’associazione positiva tra avere un figlio e depersonalizzazione (OR = 2,48; CI 95% [1,11; 5,57] ; p = 0,01). Per quanto riguarda i medici, ogni dimensione aveva un’associazione positiva: il fatto di avere più di un lavoro influiva sull’esaurimento emotivo (OR = 0,5; CI 95% [0,04; ,7,7] ; p = 0,02); il fatto di essere sposati ha contribuito ad una maggiore spersonalizzazione (OR = 2,5; CI 95% [0,19; 32,1] ; p = 0,01). E, nelle femmine, c’era un risultato professionale più alto (OR = 2,5; CI 95% [0,19; 32,1] ; p = 0,01). La convalida statistica di fisioterapisti, manager e studenti non è stata significativa.

Tabella 4 – Correlazione tra variabili sociodemografiche e dimensioni MBI-HSS per ciascuna categoria professionale. – São Carlos, Brasil, 2020.

Fonte: autori.

4. DISCUSSIONE

Secondo i criteri adottati per l’analisi delle tre dimensioni dell’MBI-HSS e considerando solo i professionisti che lavorano nella lotta contro COVID-19 delle categorie statisticamente rilevanti per lo studio (infermieri, tecnici infermieristici e medici), le risposte ottenute in questa indagine hanno mostrato una moderata prevalenza di esaurimento emotivo (media del 48,27%, essendo la più alta nei tecnici infermieristici, con il 56,52%) e un’alta prevalenza di depersonalizzazione (media del 65,51%, essendo la più alta nei medici, con il 73,3%). Tuttavia, poiché i risultati per bassi risultati personali si attestavano, in media, al 32,75%, la prevalenza di SB tra gli operatori sanitari nell’ospedale studiato era di circa il 14%. La letteratura mondiale presenta livelli più elevati di SB nelle unità sanitarie (33,8%) anche senza la presenza di COVID-19 (CAÑADES et al., 2015; SUÑER-SOLER et al., 2014). Gli studi cinesi iniziali sulla salute mentale degli operatori sanitari in prima linea che affrontano COVID-19 hanno dimostrato che la prevalenza aumenta con l’aumentare della domanda dei pazienti per i servizi sanitari (LAI et al., 2020; CHEN et al., 2020). Poi, con l’avanzare della pandemia, studi in altri paesi hanno anche indicato una maggiore frequenza di segni di esaurimento e SB nei professionisti in prima linea (SASAGOHAR et al., 2020; MATSUO et al., 2020; BARELLO et al., 2020; KOH, 2020; HORTA et al., 2021; FREITAS et al., 2021).

In questo studio, c’erano alcune limitazioni. Il potere statistico dell’analisi è stato limitato dalla ridotta dimensione del campione. Il campione, tuttavia, corrisponde al 25% degli operatori sanitari dell’ospedale. La stragrande maggioranza degli intervistati ha svolto il lavoro nell’area riservata alla cura dei pazienti con COVID-19. Poiché non esiste uno studio precedente nell’istituto sulla prevalenza della SB, non è possibile effettuare un’analisi comparativa della prevalenza prima di COVID-19. Pertanto, il campione è rappresentativo solo della presenza di SB nei professionisti durante il periodo della pandemia. Un’altra limitazione è il carattere locale, che è stato uno dei focus dello studio, ma che non può essere generalizzato ad altre regioni del paese.

Sebbene lo studio si estendesse ad altri professionisti, come fisioterapisti, manager e persino studenti di medicina, c’erano pochi partecipanti, quindi i risultati per queste categorie non erano statisticamente significativi. In relazione a tecnici infermieristici, infermieri e medici, c’è la possibilità che il risultato sia influenzato dall’ambiente di esposizione alla pandemia, il che può comportare una sopravvalutazione dei sentimenti.Poiché lo studio è stato condotto attraverso un questionario, l’iniziativa di rispondere ad esso potrebbe essere stata influenzata dall’affinità che i partecipanti hanno con la professione. Tuttavia, i risultati ottenuti mostrano una parità con altri studi brasiliani (HORTA et al., 2021; FREITAS et al., 2021).

Nei risultati di ciascuna categoria professionale, è stato verificato che la presenza di SB nei tecnici era del 21,7%. Leggermente più piccolo di quello trovato da Freitas et al. nel 2020 (FREITAS et al., 2021): in uno studio con tecnici infermieristici di terapia intensiva che stanno lavorando in prima linea nella pandemia di COVID-19, la prevalenza di SB è stata del 25,5%. I fattori sociodemografici, occupazionali e comportamentali hanno dimostrato di essere predittori della sindrome. Secondo i risultati di questo studio, non è stato possibile effettuare questo tipo di associazione, sebbene i livelli di depersonalizzazione fossero elevati. Inoltre, i tecnici infermieristici sono stati i collaboratori che hanno presentato la più alta percentuale di esaurimento emotivo (EE) e basse prestazioni professionali (PP). La routine quotidiana coinvolta nel lavoro dei tecnici infermieristici è estenuante, porta alla fatica e può essere responsabile dell’alto tasso di depersonalizzazione (VASCONCELOS, 2016).

In Brasile, gli studi SB sugli infermieri sono più frequenti rispetto ad altre categorie di professionisti della salute. Per gli infermieri, gli studi sulla SB mostrano una prevalenza di circa il 25-50% (MATSUO et al., 2020; AZEVEDO et al., 2019). Sebbene i risultati mostravano tassi moderati di esaurimento emotivo e depersonalizzazione, la prevalenza di SB tra gli infermieri era del 12% nell’ospedale analizzato. Un dato che è stato osservato e non è presente in letteratura è stata l’associazione positiva tra depersonalizzazione e professionisti con bambini. Qui può essere considerato un fattore di sovraccarico.

In relazione ai medici, l’incidenza di SBè stata del 6%, che è bassa rispetto alla letteratura (CHEN et al., 2020; WU et al., 2020). Tuttavia, sono stati verificati un’elevata depersonalizzazione e un alto rendimento professionale. Il fatto che il professionista avesse più di un lavoro ha avuto un impatto sull’esaurimento emotivo (OR = 0,5; CI 95% [0,04; ,7,7] ; p = 0,02). Tassi più elevati di esaurimento emotivo si trovano con un carico di lavoro più elevato. Il fatto che il professionista fosse sposato ha contribuito ad una maggiore spersonalizzazione (OR = 2,5; CI 95% [0,19; 32,1] ; p = 0,01). Gli studi di SB con i medici sono molto eterogenei e diverse cause sono fonti di deviazione, come il numero di posti di lavoro, la specialità e il carico di lavoro. Tassi più elevati di esaurimento emotivo si trovano ad avere un carico di lavoro più elevato (FREITAS et al., 2021). La depersonalizzazione può essere collegata a un legame inferiore tra il professionista e l’istituzione, poiché il profilo dei medici dell’istituzione è che non lavorano quotidianamente nello stesso posto.

In relazione alla cura specifica dei pazienti con COVID-19, esiste un recente studio di Dinibutun (DINIBUTUN, 2020) in cui i medici hanno presentato una bassa prevalenza di SB. Il risultato ha suggerito che i medici attivamente coinvolti nella gestione di COVID-19 avevano un forte senso di realizzazione personale e soddisfazione per il lavoro, poiché percepivano i risultati immediati delle cure per le persone infette e, di conseguenza, soffrivano meno di SB. Inoltre, il recente studio di Yıldırım e Solmaz ha dimostrato l’importanza del ruolo della resilienza nel mediare lo sviluppo di SB correlato a COVID-19 e la resilienza agisce in contrasto con lo stress nello sviluppo della sindrome nel contesto della pandemia (SOLMAZ et al., 2020)

Un altro aspetto che potrebbe impattare sull’esito dello studio è il fatto che l’ospedale analizzato riceve pazienti la cui provenienza proviene necessariamente da un altro servizio sanitario della città (“porta chiusa”), non essendo soggetto alla domanda spontanea della popolazione. Pertanto, l’ospedale è meno soggetto a improvvise fluttuazioni della domanda di cure e sovraffollamento, che possono comportare meno oneri per i professionisti a causa del lavoro.

SB è un processo che deriva dall’interazione tra l’ambiente di lavoro e le caratteristiche personali. La definizione più utilizzata è stata proposta da Maslach e Jackson nel 1981 (MASLACH et al., 2001). L’esaurimento emotivo è considerato un fattore centrale nella SB. È caratterizzato dall’emotività e dal senso di mancanza di energia, mostrando un’associazione inversa con l’esecuzione del lavoro. L’EE è spesso correlata a richieste eccessive e conflitti personali, prevalentemente in persone con un grado più elevato (TAMAYO et al., 2002). La depersonalizzazione si riferisce alla perdita di motivazione, ansia, irritabilità e ridotto idealismo. L’area sanitaria è considerata un’attività che richiede stabilità emotiva e capacità di esprimere emozioni (EMBRIACO et al., 2007). Il basso rendimento professionale è legato a una sensazione di incompetenza e inadeguatezza, autovalutazione negativa e calo della produttività. Un altro fattore che può influenzare la sensazione di riduzione del rendimento professionale è la mancanza di riconoscimento sul lavoro (MASLACH et al., 2001; ALMEIDA et al., 2009). SB è un processo che deriva dall’interazione tra l’ambiente di lavoro e la realizzazione personale. I risultati di questo studio possono essere spiegati dal profilo dell’istituzione indagata. Le attività di assistenza sanitaria possono generare elevate richieste emotive nel professionista. Il sovraccarico di lavoro in tecnici, infermieri e medici aumenta il turnover dei professionisti, il che influisce sulla qualità delle cure (SILVA et al., 2008). Sebbene lo scopo di aiutare gli altri sia riconosciuto come un obiettivo nobile, il rapporto tra un professionista e i pazienti e la sottile distinzione tra coinvolgimento professionale e personale sono permeati dall’ambiguità (ALMEIDA et al., 2009).

La pandemia di COVID-19 ha posto sfide ai servizi sanitari e ha forzato i cambiamenti nelle routine e nelle prestazioni dei professionisti. Sono stati necessari gli adattamenti delle routine e degli spazi fisici, oltre ad aver dovuto offrire anche supporto emotivo alle squadre. MBI-HSS non ha potere diagnostico per SB, che dovrebbe essere diagnosticato da uno psichiatra esperto (VASCONCELOS, 2016). Tuttavia, lo strumento, oltre ad essere un complemento alla diagnosi clinica, mostra l’impatto che l’ambiente ha sull’esaurimento emotivo. Pertanto, diventa un importante metodo di valutazione per i servizi durante il periodo di pandemia.

5. CONCLUSIONE

La ricerca mirava a valutare la prevalenza della SB presentata dagli operatori sanitari nel periodo pandemico COVID-19 e se alcuni fattori sociodemografici potessero contribuire allo sviluppo della sindrome. Nelle tre categorie professionali in cui è stato possibile effettuare l’indagine, sono stati trovati otto lavoratori con le tre dimensioni della SB (prevalenza del 14% nel campione). Sebbene l’esaurimento emotivo e la depersonalizzazione fossero alti, c’era anche un alto rendimento personale, indipendentemente dalla categoria. È possibile che l’affinità dei professionisti con il servizio, così come la sensazione di realizzazione personale per le prestazioni nella pandemia, abbia contribuito al risultato. È anche possibile che le strategie di gestione possano ridurre i livelli di esaurimento emotivo e depersonalizzazione, come la mitigazione di carichi di lavoro prolungati e condizioni di riposo adeguate (CHUNG et al., 2020; CHEN et al., 2020). Inoltre, le caratteristiche specifiche del funzionamento dell’istituzione possono svolgere un ruolo significativo nello sviluppo della laurea tra i professionisti di questo studio.

RIFERIMENTI

AZEVEDO, Kely Cristina Carneiro de et al. National scientific production on Burnout Syndrome in ICU nurses and physicians: a bibliometric study. Revista da Associação Médica Brasileira, v. 65, n. 5, p. 722-729, 2019.

BARELLO, Serena; PALAMENGHI, Lorenzo; GRAFFIGNA, Guendalina. Burnout and somatic symptoms among frontline healthcare professionals at the peak of the Italian COVID-19 pandemic. Psychiatry research, v. 290, p. 113129, 2020.

BRIDGERMAN, Patrick; BRIDGERMAN, Mary; BARONE, Joseph. Burnout syndrome

among healthcare professionals.  Am J Health-Syst Pharm.; 75:147-52. 2018.

CAÑADAS-DE LA FUENTE, Guillermo A. et al. Risk factors and prevalence of burnout syndrome in the nursing profession. International journal of nursing studies, v. 52, n. 1, p. 240-249, 2015.

CHEN, Qiongni et al. Mental health care for medical staff in China during the COVID-19 outbreak. The Lancet Psychiatry, v. 7, n. 4, p. e15-e16, 2020.

CHUNG, Joseph PY et al. Staff mental health self-assessment during the COVID-19 outbreak. East Asian Archives of Psychiatry, v. 30, n. 1, p. 34, 2020.

CODO, Wanderley.  Um Diagnóstico do Trabalho – Em Busca de Prazer. Por uma Psicologia do Trabalho: Ensaios Recolhidos. São Paulo: Casa do Psicólogo, p. 75-97. 2006.

DA SILVA, Jorge Luiz Lima et al. Psychosocial factors and prevalence of burnout syndrome among nursing workers in intensive care units. Revista Brasileira de terapia intensiva, v. 27, n. 2, p. 125, 2015.

DE ALMEIDA, Karine Moreira; CARLOTTO, Mary Sandra; DE SOUZA, Lúcia Azambuja. Síndrome de Burnout em funcionários de uma fundação de proteção e assistência social. Revista Psicologia: Organizações e Trabalho, v. 9, n. 2, p. 86-96, 2009.

DE OLIVEIRA VASCONCELOS FILHO, Paulo. Burnout Syndrome Among Health Workers At A Brazilian Public Hospital Run By A Social Health Organization. World Journal of Research and Review (WJRR), v. 3, p. 32-37. 2016.

DINIBUTUN, Sait Revda. Factors associated with burnout among physicians: An evaluation during a period of COVID-19 pandemic. Journal of Healthcare Leadership, v. 12, p. 85, 2020.

EBLING, Márcia; CARLOTTO, Mary Sandra. Burnout syndrome and associated factors among health professionals of a public hospital. Trends in psychiatry and psychotherapy, v. 34, n. 2, p. 93-100, 2012.

EMBRIACO, Nathalie; PAPAZIAN, Laurent; KENTISH-BARNES, Nancy; POCHARD, Elie. Burnout syndrome among critical care healthcare workers. Curr Opin Crit Care 13:482–488. 2007.

FREITAS, Ronilson Ferreira et al. Preditores da síndrome de Burnout em técnicos de enfermagem de unidade de terapia intensiva durante a pandemia da COVID-19. Jornal Brasileiro de Psiquiatria, v. 70, n. 1, p. 12-20, 2021

GREENGLASS, Esther R.; BURKE, Ronald J.; FIKSENBAUM, Lisa. Workload and burnout in nurses. Journal of community & applied social psychology, v. 11, n. 3, p. 211-215, 2001.

HORTA, Rogério Lessa et al. O estresse e a saúde mental de profissionais da linha de frente da COVID-19 em hospital geral. Jornal Brasileiro de Psiquiatria, v. 70, n. 1, p. 30-38, 2021.

LAI, Jianbo et al. Factors associated with mental health outcomes among health care workers exposed to coronavirus disease 2019. JAMA network open, v. 3, n. 3, p. e203976-e203976, 2020.

LAUTERT, L. Professional fatigue: empirical study with hospital nurses. Revista gaucha de enfermagem, v. 18, n. 2, p. 133-144, 1997.

LIU, Zhonghua. The epidemiological characteristics of an outbreak of 2019 novel coronavirus diseases (COVID-19) in China. Epidemiology Working Group for NCIP Epidemic Response, Chinese Center for Disease Control and Prevention; 41(2):145-51. 2020.

MASLACH, Christina; JACKSON, Susan. Burnout in organizational settings. Applied Soc Psychol Ann; 5:133–153. 1984.

MASLACH, Christina; JACKSON, Susan. The measurement of experienced Burnout. J Occup Behav; 2: 99-1. 1981.

MASLACH, Christina; SCHAUFELI, Wilmar; LEITER, Michael.  Job burnout. Ann Rev Psychol; 52(1): 397–422. 2001.

MATSUO, Takahiro et al. Prevalence of health care worker burnout during the coronavirus disease 2019 (COVID-19) pandemic in Japan. JAMA network open, v. 3, n. 8, p. e2017271-e2017271, 2020.

ROTENSTEIN, Lisa S. et al. Prevalence of burnout among physicians: a systematic review. Jama, v. 320, n. 11, p. 1131-1150, 2018.

SASANGOHAR, Farzan et al. Provider burnout and fatigue during the COVID-19 pandemic: lessons learned from a high-volume intensive care unit. Anesthesia and analgesia, 2020.

SHANAFELT, Tait; RIPP, Jonathan; TROCKEL, Mickey. Understanding and addressing sources of anxiety among health care professionals during the COVID-19 pandemic. Jama, v. 323, n. 21, p. 2133-2134, 2020.

SOCIETY OF CRITICAL CARE MEDICINE et al. Clinicians report high stress in COVID-19 response. 2020.

SUÑER-SOLER, Rosa et al. The consequences of burnout syndrome among healthcare professionals in Spain and Spanish speaking Latin American countries. Burnout research, v. 1, n. 2, p. 82-89, 2014.

SOLMAZ, Fatma; YILDIRIM, Murat. COVID-19 burnout, COVID-19 stress and resilience: Initial psychometric properties of COVID-19 Burnout Scale. Death Studies, p. 1-9, 2020.

TAMAYO, Maurício. Relationship between burnout syndrome and the organizational values in nursing staff of two public hospitals. [Master degree]. Brasilia: Brasilia University; 1997.

TAMAYO, Maurício; TROCCOLI, Bartholomeu. Exaustão emocional: relações com a percepção de suporte organizacional e com as estratégias de coping no trabalho. Estudos de Psicologia, 7(1), 37-46. 2002.

TRINDADE, Letícia de Lima et al. Estresse e síndrome de burnout entre trabalhadores da equipe de Saúde da Família. Acta Paulista de Enfermagem, v. 23, n. 5, p. 684-689, 2010.

WORLD HEALTH ORGANIZATION. Coronavirus disease 2019 pandemic. Disponível em:  https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019 Acesso em: abril 2020.

WU, Yuan et al. A comparison of burnout frequency among oncology physicians and nurses working on the frontline and usual wards during the COVID-19 epidemic in Wuhan, China. Journal of pain and symptom management, v. 60, n. 1, p. e60-e65, 2020.

[1] Un laureato di istruzione superiore.

[2] Post-medico.

Inviato: Maggio 2021.

Approvato: Agosto 2021.

5/5 - (2 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 97763
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?